Sei sulla pagina 1di 3

CONGRESSO PER LANNO DELLA VITA CONSACRATA

Vita Consacrata1:
1. La vita consacrata, profondamente radicata negli esempi e negli insegnamenti di
Cristo Signore, un dono di Dio Padre alla sua Chiesa per mezzo dello Spirito. Con la
professione dei consigli evangelici i tratti caratteristici di Ges vergine, povero ed
obbediente acquistano una tipica e permanente visibilit in mezzo al mondo, e lo
sguardo dei fedeli richiamato verso quel mistero del Regno di Dio che gi opera nella
storia, ma attende la sua piena attuazione nei cieli.
Lungo i secoli non sono mai mancati uomini e donne che, docili alla chiamata del Padre
e alla mozione dello Spirito, hanno scelto questa via di speciale sequela di Cristo, per
dedicarsi a Lui con cuore indiviso (cfr 1 Cor 7, 34). Anch'essi hanno lasciato ogni cosa,
come gli Apostoli, per stare con Lui e mettersi, come Lui, al servizio di Dio e dei fratelli.
In questo modo essi hanno contribuito a manifestare il mistero e la missione della
Chiesa con i molteplici carismi di vita spirituale ed apostolica che loro distribuiva lo
Spirito Santo, e di conseguenza hanno pure concorso a rinnovare la societ.
Consacrazione secolare2
Siamo laiche e laici consacrati, e anche sacerdoti, che vivono una dedizione totale a Dio,
mettendosi a servizio dei fratelli, rimanendo pienamente inseriti nel mondo e nella sua
storia.
Manteniamo un certo riserbo sulla nostra consacrazione per favorire, con la
testimonianza, la possibilit di avvicinarci a tutti con il dialogo e poter entrare in ogni
ambiente. Viviamo da soli, in famiglia o in piccole comunit. Ci che ci anima la forza
del Vangelo e il messaggio delle Beatitudini.
La nostra vocazione ci chiama:
- A vivere guardano al mondo con simpatia, impegnati a costruire con passione la
citt delluomo dal di dentro raggiungendo anche le periferie esistenziali del
mondo di oggi;
- Ad essere e operare dentro tutte le forme della realt condividendo fatiche,
difficolt e responsabilit di ogni donna e di ogni uomo per scoprire insieme i
semi di vangelo gi presenti;
- A portare luce e speranza nella societ, in particolare a coloro che sono alla
ricerca di un senso al loro vivere.
Sono nostro sostegno la Parola di Dio e lEucaristia.

Ordo Virginum
1 Giovanni Paolo II, Esortazione Apostolica post-sinodale Vita Consecrata (25 marzo
1996) n. 1.
2 Una consacrata secolare

LOrdo virginum (

Conferenza magistrale Mons. Carballo


Consacrare:
- Attivo: consacrare.
o Senso generale: dedizione piena.
o Senso teologico: santificare, sacralizzare.
Da parte di Dio: prendere pieno possessione, invadere, riservare a
s, conquistare (Cristo mi ha conquistato Paolo). Dio penetra
nella propria vita con la sua propria santit.
Da parte delluomo: dedicare tutto a lui, quello che sono e quello
che ho. Dt 6: amare a Dio con tutto il cuore Suppone donazione e
consegna. Suppone separazione e rinuncia. Oggi non si usa tanto la
parola come segno, piuttosto parlano di distanziamento. Il segno
fa riferimento a qualcosa di esterno, qualcosa che si vede, che si fa
visibile (va benissimo con la vita religiosa labito). Portare a
termine un distanziamento pi che prendere nota di alcuni
elementi differenziali, guardare una certa distanza di fronte a un
mondo che non vogliamo ne possiamo abbandonare totalmente. Il
mondo amato da Dio. Il distanzamiento pi profondo e pi
radicale, pi profetico, fa riferimento a tutti gli aspetti della nostra
esistenza (vita sessuali, beni, relazione con laltro, etc.). un invito
a cambiare il punto di vista, ma sempre partecipando nella
costruzione della cita terrena, ma senza accettare i criteri dominanti
mondanit.
Non un uscire, dare le spalle, ma di trovare unaltra
collocazione nostra nella societa, la quale volgiamo e nella
quale vogliamo restare.
La rinuncia e la separazione non hanno senso per se stesse, solo in
virt al dono e alla consegna. La consegna e la donazione sarebbero
assolute, la rinuncia relativa. La vita non si definisce per quello
che si lascia, ma per quello che si incontra.
Punta sulla relazione personale con Dio che pian piano porta alla
trasformazione della persona. La consacrazione a Dio si deve
situare in un conteso ben preciso nella vocazione. Si chiarisce alla
luce della vocazione alla quale sono chiamato, cos si evita degli
equivoci.
Ogni rimane alla vocazione alla quale stata chiamata.
Non tanto far opzione laicale o religiosa. Attenzione,
dietro il nostro vocabolario, c un atteggiamento sbagliato: il
protagonista sono io? La vera vocazione non parta da una
opzione propria. Dio che sceglie e consacra.

Oggettivo: diventare alter christus riproducire la vita storica di


Ges. Ges IL consacrato. Lincarnazione la consacrazione
concreta.
Cera un processo dinamico di consacrazione nella vita di Ges. La
consacrazione ha un processo e ha un fine. Processo di Kenosi che
dura tutta la vita, finisce con la morte e la risurrezione. Cristo si
descrive in auto-donazione al Padre e agli altri. Non si realizza una
volta per tutti, un processo dinamico che inizia con lo
svuotamento dellincarnazione e finisce con la risurrezione.
Tutte le consacrazione partano dalla conscrazine battesimale, ci fa
lui e siamo fatti quello che per lui per natura: diventiamo figli.
Tutto ci che gli accada, accade anche a noi: morte e vita.
Ripresentazione sacramentale: visibile, reale e vera. Il
battesimo un atto che genera un processo (non sono
religioso o consacrato dopo di fare la mia professione, un
processo che finisce con la morte).
Passivo: essere consacrato

3 Proposte
1.
A. Continuare la riflessione teologia sulla conscrazione laciale, sulla
consacrazione nelle sue diverse forme cos che sia possibile (non per il milennio
prossimo) mettere in luce le radici comuni che deve avere ogni consacrazione.
B. Mettere in luce la diversit delle consacrazioni. Pericolo dei religioso che
diventano secolari e al rovescio. Il bello della Chiesa la diversit.
C. Mettere in luce la complementariet di queste forme di consacrazione.
2. Continuare la riflessione giuridica per trovare il posto (laici consacrati) nella Chiesa.
3. Tutto questo suppone un chiarimento fondamentale: la vocazione. A quale vocazione
sono stato chiamato nella Chiesa.

Status Questionis P. Ghirlanda