Sei sulla pagina 1di 3

Tu sei mio Fratello nel 10 anno della sua fondazione, il Grande Oriente Italiano

Federale G.O.I.F. 2005 A.D. -riprende i lavori Rituali.

Nel decimo anno della sua fondazione, riprendono i lavori RITUALI di quello che, nelle
intenzioni del suo ispiratore, il Fratello Roberto AMATO, dovrebbe diventare il Parlamento
Italiano della Massoneria, con lo scopo di riunire le variegate realt del mondo Massonico
Italiano e rilanciarne la presenza sulla scena internazionale. Dalla Casa Massonica di
Battipaglia- Salerno, riparte un cammino unico ed originale nel panorama Italiano, uno
spunto aggregativo di molte realt. Proprio come in un Parlamento, infatti, viene sottolineata
l'unit nella diversit. L'obiettivo contare sempre di pi nel mondo, dopo quasi trent'anni
di declino della presenza e del pensiero Massonico Italiano. Hanno immediatamente aderito
sette logge, ma decine di altre sono per la regolarizzazione. In queste ore, dopo il lutto per
la morte del Venerabile Barone Licio Gelli, pare un coraggioso tentativo quello effettuato dal
GOIF per riunire le quasi 250 realt, piccole o grandi, del mondo Massonico Italiano.

Questo il manifesto:

Negli anni che vanno dal 2007 al 2015, il GOIF 2005 a. D., ha proseguito il suo impegno in Italia
di FEDERAZIONE DI GRAN LOGGE e all Estero quella di RAFFORZARE LA
PRESENZA/RAPPRESENTANZA DELLA MASSONERIA ITALIANA NEL MONDO.
Il variegato e composito panorama delle realt massoniche italiane nella particolare contingenza
storica, appare frammentato e lontano dallauspicata unitariet di intenti sempre agognata ma
mai completamente perseguita o raggiunta. La situazione, anzi, si maggiormente complicata
anche e soprattutto in seguito al fatto che la Gran Loggia Unita d Inghilterra, dal lontano 1993,
ha ritirato il suo riconoscimento di regolarit al GOI ( Grande Oriente dItalia- Palazzo
Giustiniani).
I tanti fermenti culturali espressi dalle singole Obbedienze QUASI PIU DI 250 gruppi -non
sembrano sufficientemente corroborati da progettualit in grado di incidere profondamente
nella diffusione di una pubblica opinione favorevole o consapevole delle sue attivit volte in
favore della crescita morale e spirituale delle persone e della collettivit.
E quanto mai opportuno e necessario, allora, anche per ridare vigore ad una credibilit
internazionale, unire gli sforzi e riprendere il cammino indicato a suo tempo dal Grande Oriente

Federale Italiano fondato nel 2005 ( GOIF) da una mente illuminata e lungimirante quale il
Fratello Roberto AMATO.
Il GOIF nato proprio allo scopo di dare un unico luogo di espressione alle molteplici voci
rappresentanti le diverse declinazioni del pensiero massonico italiano , in pratica, dar vita ad
un vero e proprio PARLAMENTO MASSONICO ITALIANO.
La ripresa dei Lavori del GOIF, in questo particolare momento storico, offre la possibilit alle
diverse ed importanti Obbedienze di un confronto sereno sul percorso comune da percorrere per
lo sviluppo di ideali massonici da perseguire per lo sviluppo della collettivit attraverso la
crescita individuale nei valori morali ed etici. Inoltre, nel suo seno, pur conservando identit e
tradizioni, sar finalmente possibile dar vita a concrete sinergie di pensiero ed azione, per
camminare uniti e spediti sui sentieri del futuro, rinunciando a sterili protagonismi in nome di
un efficace lavoro di squadra.

TU SEI MIO FRATELLO, non uno slogan ma un nuovo modo di essere massone,
sicuramente pi consono alle frenetiche dinamiche socio- globali.

La frammentazione, lisolamento, il dialogo interrotto tra Fratelli hanno sinora prodotto inutili
risultati, a fronte di tante energie profuse. Il GOIF , e rappresenta la palestra dei confronti, il
terreno di coltura di un dialogo costruttivo e di un rinvigorimento sicuramente salutare per
limportanza culturale della Massoneria italiana tradizionale e multi ritualistica. LItalia
massonica ha bisogno di una rappresentanza folta, seria e credibile, finalmente coesa, perch
tutti i Fratelli sono chiamati a rafforzare la posizione italiana a tutti i tavoli
internazionali/circuiti internazionali, senza preclusioni alle vecchie rappresentanze.
In gioco c lisolamento culturale del pensiero massonico italiano, cristallizzato
nellimmobilismo mentre invece dove aprirsi al mondo e cooperare con tutti gli Uomini di Buona
Volont per fondare solidi edifici in questo primo scorcio del Terzo Millennio.

Esempio evidente il conflitto nato nel lontano 1993 nel circuito Inglese/U.S.A, tra il Grande
Oriente dItalia e la Gran Loggia Regolare dItalia e dal mese di Maggio 2015 nel CLIPSAS, tra
la Gran Loggia dItalia e CAMEA, che nulla ha di INIZIATICO ma solo di interessi
PROFANI.

Non solo si genera confusione, in gioco c lisolamento culturale del pensiero massonico
italiano.
Principalmente si rischia di perdere loperato dei nostri avi e la loro memoria storica,
cristallizzato nellimmobilismo mentre invece ci si deve aprire al mondo e cooperare con tutti gli
Uomini di Buona Volont per fondare solidi edifici in questo primo scorcio del Terzo Millennio.
Riprendere il concetto dellunitariet nella specificit attraverso la rilanciata azione del GOIF
assume anche i contorni di un appello al dialogo sereno tra Fratelli, come fatto dal Gran Maestro
Gustavo Raffi che, come ultimo atto della Sua Gran Maestranza, volle regolarizzare una antica,
storica Obbedienza, LA GRAN LOGGIA DITALIA DELLA MASSONERIA UNIVERSALE
dell ex Gran Maestro Pasquale Cerofolini, co- fondatore del Grande Oriente Federale Italiano
nel 2005 e secondo Gran Maestro del GOIF.

Il Gran Segretario.