Sei sulla pagina 1di 5

Il Natale una festa cristiana che celebra la nascita di Ges ("Nativit"): cade il 25

dicembre per la maggior parte delle Chiese cristiane occidentali e greco-ortodosse;


per la Chiese ortodosse orientali cade il 6 gennaio, e il 7 gennaio per le Chiese
ortodosse slave, che seguono il calendario giuliano.

Il Natale nella tradizione cristiana


Nella tradizione cristiana, il Natale celebra la nascita di Ges a Betlemme da Maria.
Il racconto ci pervenuto attraverso i vangeli secondo Luca e Matteo, che narrano
l'annuncio dell'angelo Gabriele, la deposizione nella mangiatoia, l'adorazione dei
pastori, la visita dei magi. Alcuni aspetti devozionali (la grotta, il bue e l'asino, i
nomi dei Magi) risalgono invece a tradizioni successive e a racconti presenti in
vangeli apocrifi.

Il significato cristiano della festa risiede nella celebrazione della presenza di Dio.
Con la nascita di Ges, Dio per i cristiani non pi infatti un Dio distante, che si pu
solo intuire da lontano, ma un Dio che si rivela ed entra nel mondo per rimanervi
fino alla fine dei tempi.[2]

Per quanto riguarda la liturgia, nella Chiesa latina il giorno di Natale caratterizzato
da quattro messe:
la vespertina della vigilia
ad noctem (cio la messa della notte)
in aurora
in die (nel giorno).

Come tutte le solennit, il Natale ha una durata maggiore rispetto agli altri giorni
del calendario liturgico e inizia infatti con i vespri della vigilia: il tempo liturgico del
Natale si conta a partire dai primi vespri del 24 dicembre, per terminare con la
domenica del Battesimo di Ges, mentre il periodo precedente al Natale comprende
le domeniche di Avvento.

Tradizioni natalizie
Il Natale una festa accompagnata da diverse tradizioni, sociali e religiose, spesso
variabili da paese a paese.

Tra i costumi, le pratiche e i simboli familiari del Natale sono presenti il presepe,
l'albero natalizio, la figura di Babbo Natale, il calendario dell'Avvento, lo scambio di
auguri e di doni.

Il presepe, derivato da rappresentazioni medievali che la tradizione fa risalire a san


Francesco d'Assisi, una ricostruzione figurativa della nativit di Ges ed una
tradizione particolarmente radicata in Italia.

L'albero di Natale, altro simbolo del Natale, un abete (o altra conifera


sempreverde) addobbato con piccoli oggetti colorati (soprattutto palle di diversi
colori), luci, festoni, dolciumi, piccoli regali impacchettati e altro. Le origini vengono
in genere fatte risalire al mondo tedesco nel XVI secolo, sulla base di preesistenti
tradizioni cristiane e pagane. Verso il secolo XI si diffuse nell'Europa del Nord l'uso di
allestire rappresentazioni (sacre rappresentazioni o misteri) che riproponevano
episodi tratti dalla Bibbia. Nel periodo d'Avvento, una rappresentazione molto
richiesta era legata al brano della Genesi sulla creazione. Per simboleggiare l'albero
della conoscenza del bene e del male del giardino dell'Eden si ricorreva, data la
regione (Nord Europa) e la stagione, ad un abete sul quale si appendevano dei
frutti.

Da quell'antica tradizione si giunse via via all'albero di Natale dei giorni nostri, di cui
si ha una prima documentazione certa risalente al 1512 in Alsazia.

Babbo Natale, presente in molte culture, un anziano dalla barba bianca che
distribuisce i doni ai bambini, di solito la sera della vigilia di Natale. Deriva dalla
figura storica di san Nicola di Bari, ma nella sua forma moderna si diffuso a partire
dal XIX secolo negli Stati Uniti: un ruolo importante nella definizione della sua figura
ebbe la poesia A Visit from Saint Nicholas, pubblicata nel 1823 e attribuita allo
scrittore neyorkese Clement Clarke Moore, nella quale Babbo Natale venne proposto
ai lettori con le fattezze che oggi conosciamo.

MENIU ITALIAN DE MANCARE


I menu' possono essere svariati, con ricette tramandate e/o tipiche della regione di
provenienza, a rivisitazioni o nuove "tendenze", influenzati da ingredienti tipici di
altre parti del mondo.
Nel mio caso specifico, avendo un padre abruzzese ed una madre ischitana, vivendo
ormai da 40 anni a Roma, i menu' delle feste sono un po' un misto di queste tre
regioni.
Il cenone del 24 dicembre e' all'insegna del pesce. L'antipasto, fondamentale nei
pranzi importanti italiani, puo' essere composto da tartine con pate' vari (tipo olive,
carciofi, melanzane etc.), insalata di mare, carciofini ed altri vegetali sott'olio (nel
migliore dei casi di produzione propria), pane tostato con burro ed acciughe, e chi
piu' ne ha ne metta.
Il primo piatto puo' essere un risotto alla pescatora o un piatto di spaghetti alle
vongole, a cui si aggiunge una zuppa di ceci di derivazione abruzzese.
Passando al secondo il frittomisto, l'orata e la spigola al forno con patate ed
insalata, la fanno da padroni. Non mancano i fritti di verdure (carciofi, cavolfiori,
zucchine) che invece sono tipici della tradizione romana.
Nel pranzo del 25 dicembre, quindi del giorno di Natale, e' consentito mangiare la
carne. Il primo e' sostituito da una lasagna o dai cannelloni o ancora da un timballo
di pasta, mentre il secondo vede l'arrivo di un bel piatto di arrosto misto o roast
beef.
In entrambi i casi, per finire, formaggi vari quindi frutta, frutta secca e dolci in
quantita', il tutto bagnato da buon vino, rosso o bianco, e fiumi di spumante, caffe'
ed ammazzacaffe'.
Se il menu' puo' variare da regione a regione, cio' che sicuramente e' possibile
trovare su tutte le tavole italiane sono il panettone, il pandoro ed il torrone.
Il panettone ed il pandoro sono i dolci natalizi per eccellenza. Il panettone, di
provenienza lombarda, e' caratterizzato al suo interno da uvetta e frutta candita.
Coloro i quali non amano questi ingredienti si affidano al pandoro, di provenienza
veronese, dalla pasta soffice ed il colore dorato servito con una spolverata di
zucchero a velo.
Il torrone, il piu' tipico dei dolci natalizi, e' disponibile al miele o al cioccolato con
mandorle e pistacchi all'interno, si puo' trovare anche in versione mini, monodose,
chiamato "Condorello", dall'omonima casa produttrice.

Concludendo, diffidate delle imitazioni ed attenzione!!! non tutto quello che viene
propinato sui vari network dedicati al cibo e' made in italy come dicono, ma soltanto
un surrogato della vera tradizione italiana.
Buone Feste a tutti.

Canzoni natalizie tradizionali:


Tu scendi dalle stelle
Astro del ciel (Stille Nacht)
Bianco Natal (White Christmas)
Bianco Natale (White Christmas)
Albero di Natale (O Tannenbaum)

Canzoni natalizie moderne:


Caro Bambino Ges Andrea Bocelli
A Natale puoi Alicia
Bianco Natale Irene Grandi
Buon Natale Renato Zero
Bianco Natale Mina
Buon Natale a tutto il mondo Irene Grandi

Poezie :3

A
chi
ama
dormire
ma si sveglia
sempre di buon
umore, a chi saluta
ancora con un bacio, a
chi lavora molto e si diverte di
pi, a chi va in fretta in auto ma
non suona ai semafori, a chi arriva
in ritardo ma non cerca scuse, a chi spegne
la televisione per fare due chiacchere, a chi
felice il doppio quando fa la met , a chi si alza presto

per aiutare un amico, a chi ha lentusiasmo di un bambino


e pensieri da uomo, a chi vede nero solo quando buio
A chi non aspetta Natale
per essere
migliore
BUON NATALE!

Poesie sul Natale:


Tutte le poesie
La Befana Giovanni Pascoli
Il Mago di Natale Gianni Rodari
Natale Salvatore Quasimodo
Sogno di Natale Luigi Pirandello
A Ges Bambino Umberto Saba
Lo zampognaro Gianni Rodari
Buon Natale Alda Merini
E Natale Madre Teresa di Calcutta