Sei sulla pagina 1di 32

UNIVERSITA DELLA CALABRIA

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE


CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA
CORSO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI

FONDAZIONI
Prof. G. SPADEA

A.A. 2013/2014
I Semestre

Tecnica delle Costruzioni - UNICAL - Dipartimento di Ingegneria Civile - Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura AA 2013-14

FONDAZIONI
Sottostruttura avente lo scopo di trasferire al terreno i carichi
agenti sulla struttura in elevazione
Pertanto la conoscenza delle propriet dei terreni assume un ruolo di fondamentale importanza
nellambito della progettazione e costruzione di unopera civile.
Tali propriet sono ricavate attraverso apposite indagini, svolte tramite prove di laboratorio e/o
prove in sito aventi caratteristiche di complementarit. Lo scopo quello di ottenere una rigorosa
descrizione del comportamento meccanico dei terreni e delle rocce.
Tali parametri comprendono in generale la natura, la stratigrafia, i caratteri strutturali, le
propriet fisiche, chimiche, meccaniche, idrauliche, incluso il regime delle pressioni interstiziali e
la storia tensionale dei terreni e delle rocce.
Il grado di approfondimento delle indagini nel volume significativo del sottosuolo dipende dalla
fase di progettazione (preliminare, definitiva o esecutiva), dalle complessit geologiche e
geotecniche, e dallimportanza dellopera.

Tecnica delle Costruzioni - UNICAL - Dipartimento di Ingegneria Civile - Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura AA 2013-14

FONDAZIONI
Il terreno pu essere visto come un mezzo trifase costituito da
granuli, acqua ed aria

La resistenza a rottura dei terreni e la loro deformabilit dipendono solamente


dallo stato di tensione effettiva. La tensione effettiva data dalla differenza tra
la tensione totale e la pressione neutra (dell'acqua nei pori).

' u

Karl Terzaghi, 1923

Tecnica delle Costruzioni - UNICAL - Dipartimento di Ingegneria Civile - Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura AA 2013-14

FONDAZIONI
Mezzi di indagine:
Raccolta di notizie
Scavi (pozzi, gallerie, trincee) e perforazioni di sondaggio

Osservazione diretta del sottosuolo


Prelievo di campioni (indisturbati)
Ricostruzione del profilo stratigrafico
Rilievo e misura delle acque

Prove penetrometriche

Valutazione della resistenza alla penetrazione di particolari punte nel terreno


statiche (CPT), eseguite a spinta con sistema idraulico
dinamiche (SPT), eseguite a percussione per mezzo di massa battente

Misure delle pressioni neutre (piezometri)

Determinazione della distribuzione dellacqua contenuta nei vuoti


Prove geofisiche (prospezioni sismiche, elettriche, elettromagnetiche, radiometriche)
rappresentano alcuni metodi fisici utilizzati nel campo dell'esplorazione geologica.
Prospezioni sismiche, consistono essenzialmente nel generare onde elastiche in un punto ed
un istante noti e nel misurare il tempo impiegato dalle onde per raggiungere strumenti di
misura (geofoni) posti a distanza crescente dalla sorgente.

Monitoraggio
Tecnica delle Costruzioni - UNICAL - Dipartimento di Ingegneria Civile - Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura AA 2013-14

FONDAZIONI
Scopo delle indagini:
Determinazione delle caratteristiche del terreno

Coesione (c)
Angolo di attrito ()
Contenuto dacqua (W)
Peso specifico ()
Peso specifico secco (Ps) relativo ai soli grani
Porosit (n)
Granulometria
Stato di addensamento

Vengono determinati sperimentalmente.


Gli altri parametri si ricavano mediante
formule di correlazione.

Determinazione delle caratteristiche di deformabilit (Prova edometrica)

Modulo edometrico Eed

Mohr-Coulomb

Tecnica delle Costruzioni - UNICAL - Dipartimento di Ingegneria Civile - Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura AA 2013-14

FONDAZIONI
Perch sono necessarie le fondazioni?
Af
Ap

Af
Area di ripartizione sul terreno
Ap
Sezione pilastro
t= 1-4 kg/cm2 tensione di lavoro del terreno
c= 40-50 kg/cm2 tensione di lavoro del pilastro

Af f Ap p

Af Ap p / f

A seconda delle caratteristiche del terreno abbiamo diversi tipi di fondazioni.


Piano di campagna

D 1,5 m in modo che il piano fondale non sia


influenzato da fattori esterni
D DMAX = 4 m per motivi economici (scavo, etc.)
Se il terreno di buona qualit si trova a profondit
maggiori di 4 m, realizziamo fondazioni profonde

Tecnica delle Costruzioni - UNICAL - Dipartimento di Ingegneria Civile - Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura AA 2013-14

FONDAZIONI
Normali
Plinti

Isolate

Zoppi

Superficiali (dirette)
Travi continue
Continue

Graticcio di travi
Piastre o zattere

Fondazioni

Pali battuti
profonde (indirette)

palificate
Pali trivellati

Tecnica delle Costruzioni - UNICAL - Dipartimento di Ingegneria Civile - Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura AA 2013-14

FONDAZIONI
PLINTI
f = 15-20 cm (passaggio impianti)
s = 5-10 cm (appoggio casseforme)
c = 20-30 cm
d = a, d = 0,5a
B = b+2s+2a
H = c+d

Determinato B dal calcolo


geotecnico, troviamo a
Sottoplinto o magrone, non si
considera ai fini del calcolo

Se d molto minore di a, il plinto si dice a piastra (modello trave)


Se d circa uguale ad a, il plinto si dice massiccio (modello tirante-puntone)
Tecnica delle Costruzioni - UNICAL - Dipartimento di Ingegneria Civile - Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura AA 2013-14

FONDAZIONI
PLINTO A PIASTRA

Calcoliamo la mensola pi sollecitata!

In zona sismica non sono ammesse fondazioni isolate a meno che non siano
collegate tra di loro (NTC2008).
Per tale motivo sono da preferire le fondazioni continue (graticcio di travi).
Tecnica delle Costruzioni - UNICAL - Dipartimento di Ingegneria Civile - Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura AA 2013-14

FONDAZIONI
TELAIO SPAZIALE

Graticcio di travi di fondazione


Nodo i: Pi Mxi Myi

Nodo i

Sistema iperstatico

Metodo degli spostamenti vi xi yi

K d q

Rigidezze flessionali, torsionali e traslazionali


Anzich risolvere tutto lo schema iperstatico, ci possiamo ricondurre allo studio della
singola trave.
EI e GJ sono uguali
Supponendo che le travi hanno tutte la stessa geometria
per tutte le travi
In ogni caso, qualunque siano le dimensioni, EI >> GJ
Supponendo di trascurare la rigidezza torsionale, lintero momento lo affidiamo alla
trave soggetta a flessione
Tecnica delle Costruzioni - UNICAL - Dipartimento di Ingegneria Civile - Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura AA 2013-14

FONDAZIONI
TRAVE CONTINUA
Consideriamo una generica trave di fondazione
A
A

La sezione trasversale della


trave di fondazione
solitamente a T rovescia
essendo la trave caricata dal
basso verso lalto.

f = 15-20 cm
s = 5-10 cm
H = d+c
c = 20-30 cm
H = 1/5(L)
L = max (L1, L2)

Progetto: B, H, As
Tecnica delle Costruzioni - UNICAL - Dipartimento di Ingegneria Civile - Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura AA 2013-14

FONDAZIONI
MODELLO STRUTTURALE
Trave elastica su suolo elastico (alla Winkler)
Trave rigida su suolo elastico (alla Winkler)
MODELLO DI TERRENO ALLA WINKLER (1867)

Suolo elastico costituito da un terreno incoerente (il terreno non trasferisce sforzi di taglio)
Terreno schematizzato come un letto di molle di rigidezza K (costante di sottofondo), che
realizzano un vincolo di tipo bilatero (in realt il terreno non reagisce a trazione)
Molle indipendenti, continue e lineari
Deformazione a taglio della trave trascurabile
Rigidezza flessionale EI costante lungo la trave
Pressioni del terreno considerate uniformi lungo la larghezza della trave B

r K w B

F L-3

r
La reazione del terreno risulta essere proporzionale alla rigidezza del terreno K, allabbassamento
del terreno w ed alla larghezza della trave B
Tecnica delle Costruzioni - UNICAL - Dipartimento di Ingegneria Civile - Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura AA 2013-14

FONDAZIONI
TRAVE ELASTICA SU SUOLO ELASTICO

Isoliamo un tratto di trave che


presenta soluzioni di continuit

w
Lequazione della linea elastica alle derivate quarte per la struttura in esame risulta:

EIwIV ( x) p( x) r( x) 0

EI, KB costanti

EIw ( x ) KBw( x ) p( x )

p(x), w(x) funzioni continue


e derivabili fino al quarto ordine

IV

Soluzione = funzione integrale = integrale generale (omogenea associata) + integrale particolare

Le incognite del problema sono le reazioni del terreno!


Tecnica delle Costruzioni - UNICAL - Dipartimento di Ingegneria Civile - Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura AA 2013-14

FONDAZIONI
TRAVE ELASTICA SU SUOLO ELASTICO

EIwIV ( x ) KBw( x ) 0

Soluzione omogenea associata

Poniamo: 4

KB
4EI

4 4

w IV ( x )

KB
w( x )
EI

KB
EI

w IV ( x ) 4 4 w( x )

Sostituendo:

Lequazione caratteristica dellomogenea associata :

x 4 4 4 0 (Soluzioni complesse)

Soluzioni in forma
2 j
2 j

sin
trigonometrica: xk n cos

n
n

4 4 4 2

j=1,2,3,4
n=4
=
k=j+1

Modulo del numero complesso

Tecnica delle Costruzioni - UNICAL - Dipartimento di Ingegneria Civile - Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura AA 2013-14

FONDAZIONI
TRAVE ELASTICA SU SUOLO ELASTICO
Soluzione dellequazione caratteristica dellomogenea associata
Piano complesso
3

R
5


x1 2 cos i sin
4
4

j=0

3
3

x2 2 cos i sin
4
4

j=1

5
5

x3 2 cos i sin
4
4

j=2

7
7

x4 2 cos i sin
4
4

j=3

Essendo sempre angoli aventi seno e coseno pari a

2
possiamo scrivere:
2

x j 1 i
Tecnica delle Costruzioni - UNICAL - Dipartimento di Ingegneria Civile - Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura AA 2013-14

FONDAZIONI
TRAVE ELASTICA SU SUOLO ELASTICO
Soluzione dellequazione caratteristica dellomogenea associata
Lintegrale generale una combinazione lineare delle radici dellequazione caratteristica.
3

Cj costanti di integrazione
aj radici dellequazione caratteristica
y variabile indipendente

w cj e

jy

j 0

Ovvero, introducendo le funzioni iperboliche, si ha:


jy

ey sin(y )

per

jy

ey cos(y )

per

e
e

In definitiva, lintegrale generale dellomogenea associata :

w c1ey sin y c2ey cosy c3e y sin y c4e y cosy

c1, c2, c3, c4, costanti di integrazione

Per trovare i valori delle costanti di integrazione necessario imporre le condizioni al contorno
che, in generale, devono essere pari allordine dellequazione differenziale.
Tecnica delle Costruzioni - UNICAL - Dipartimento di Ingegneria Civile - Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura AA 2013-14

FONDAZIONI
TRAVE ELASTICA SU SUOLO ELASTICO
Soluzione dellequazione caratteristica dellomogenea associata
w, wI=

di tipo cinematico

(rotazione o spostamento noti in un punto)

Condizioni al contorno
EIwII=-M, EIwIII=-T di tipo statico
(momento flettente o taglio noti in un punto)

Soluzione particolare dellequazione EIwIV ( x) KBw( x) p( x)


Supponendo che p(x) sia un carico uniformemente distribuito (costante), un integrale
particolare che soddisfa lequazione differenziale :

w(x)=p/(KB)

se p(x)=costante lo spostamento verticale


della trave w anchesso costante

w c1ey sin y c2ey cosy c3e y sin y c4e y cosy p /( KB)


Tecnica delle Costruzioni - UNICAL - Dipartimento di Ingegneria Civile - Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura AA 2013-14

FONDAZIONI
TRAVE ELASTICA SU SUOLO ELASTICO
In definitiva la soluzione completa :

w c1ey sin y c2ey cosy c3e y sin y c4e y cosy p /( KB)

Derivando, si ottengono le equazioni necessarie per limposizione delle condizioni al contorno


w I ey (c1 c2 ) sin y (c1 c2 ) cos y e y (c3 c4 ) sin y (c3 c4 ) cos y

w II 2 2ey c2 sin y c1 cosy 2 2e y c4 sin y c3 cosy


w III 2 3ey (c1 c2 ) sin y (c1 c2 ) cosy 2 3e y (c3 c4 ) sin y (c3 c4 ) cosy

Tecnica delle Costruzioni - UNICAL - Dipartimento di Ingegneria Civile - Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura AA 2013-14

FONDAZIONI
TRAVE ELASTICA SU SUOLO ELASTICO
Consideriamo una trave ad una campata e imponiamo le condizioni al contorno

P0, M0, P1, M1, sono le azioni dei pilastri


sulla trave di fondazione (reazioni dincastro
perfetto cambiate di segno)
Le incognite sono 4:
C1 , C 2 , C 3 , C 4
Abbiamo bisogno di 4 equazioni risolventi

EIw II ( y 0) M 0

EIwII ( y L) ( M 1 ) M 1

EIwIII ( y 0) ( T0 ) T0
Nodo iniziale

EIwIII ( y L) T1
Convenzione dei segni

Nodo finale

Le quattro condizioni al contorno sono tutte di tipo statico


Tecnica delle Costruzioni - UNICAL - Dipartimento di Ingegneria Civile - Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura AA 2013-14

FONDAZIONI
TRAVE ELASTICA SU SUOLO ELASTICO
Consideriamo una trave a due campate e imponiamo le condizioni al contorno
Le incognite sono 8:
C1 1 , C 1 2 , C 1 3 , C 1 4
C2 1 , C 2 2 , C 2 3 , C2 4
Abbiamo bisogno di 8 equazioni
risolventi
Lo spostamento e la rotazione a destra e a sinistra uguale

E1 I1w1II ( y1 0) M 0

w1 ( y1 L1 ) w2 ( y2 0)

E1 I1w1III ( y1 0) P0

w1I ( y1 L1 ) w2I ( y2 0)

Nodo 0 (tipo statico)

Nodo 1 (tipo cinematico)

w
wI
M destro M sin istro M 1

E2 I 2 w2II ( y2 L2 ) M 2

E1 I1w1II ( y1 L1 ) E2 I 2 w2II ( y2 0) M 1

E2 I 2 w2III ( y2 L2 ) P2

E1 I1w1III ( y1 L1 ) E2 I 2 w2III ( y2 0) P1

Nodo 2 (tipo statico)

Nodo 1 (tipo statico)


Tdestro Tsin istro P1

Tecnica delle Costruzioni - UNICAL - Dipartimento di Ingegneria Civile - Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura AA 2013-14

FONDAZIONI
TRAVE ELASTICA SU SUOLO ELASTICO

2 condizioni statiche
2 condizioni cinematiche

Generalizzando il problema

Condizioni
statiche

Se le campate sono n

4n incognite

4n equazioni

Condizioni
statiche

4(n-1)+2+2=4n
La trave elastica su suolo elastico alla winkler ha sempre soluzione poich il numero
di incognite uguale al numero delle equazioni

KB
4EI

La /4
/4 < La<
La

Trave rigida
Trave di lunghezza finita
Trave di lunghezza infinita

Tecnica delle Costruzioni - UNICAL - Dipartimento di Ingegneria Civile - Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura AA 2013-14

FONDAZIONI
TRAVE ELASTICA SU SUOLO ELASTICO
Trave di lunghezza infinita

w = wI = wII = wIII =0

w c1ey sin y c2ey cosy c3e y sin y c4e y cosy Trave di lunghezza finita
y

e y 0

Affinch w(y

w c3e y sin y c4e y cosy

)=0

ey 0

c1 c2 0

Trave di lunghezza infinita

w I e y (c3 c4 ) sin y (c3 c4 ) cosy


w II 2 2e y c4 sin y c3 cosy

Solo due
condizioni
al contorno

w III 2 3e y (c3 c4 ) sin y (c3 c4 ) cosy


Tecnica delle Costruzioni - UNICAL - Dipartimento di Ingegneria Civile - Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura AA 2013-14

FONDAZIONI
TRAVE ELASTICA SU SUOLO ELASTICO
Trave di lunghezza infinita: carico concentrato applicato allestremit

EIwII ( y 0) 0

c3 0

EIw ( y 0) P

c4

III

w( y )

P
e y cosy
3
2 EI

w( y 0) wMAX

La rigidezza del sistema :

wMAX

P
2 3 EI

P
P
2P

2 3 EI 2 4 EI
KB

KB
R1
2

Tecnica delle Costruzioni - UNICAL - Dipartimento di Ingegneria Civile - Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura AA 2013-14

FONDAZIONI
TRAVE ELASTICA SU SUOLO ELASTICO
Trave di lunghezza infinita: carico concentrato applicato in mezzeria
Condizione di carico emisimmetrica

La rotazione per y=0 nulla

w I ( y 0) 0

c3 c4

EIw ( y 0) P / 2

c4

III

w( y )

P
y
e
(sin y cosy )
3
8 EI

w( y 0) wMAX

La rigidezza del sistema :

R2

wMAX

P
8 3 EI

P
P
P

8 3 EI 8 4 EI 2 KB

2 KB

Tecnica delle Costruzioni - UNICAL - Dipartimento di Ingegneria Civile - Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura AA 2013-14

FONDAZIONI
TRAVE ELASTICA SU SUOLO ELASTICO
Trave di lunghezza infinita: coppia concentrata applicata allestremit

EIw ( y 0) M
II

EIwIII ( y 0) 0

M
2 2 EI
M
c4 2
2 EI
c3

Trave di lunghezza infinita: coppia concentrata applicata in mezzeria

M
4 2 EI

EIwII ( y 0) M / 2

c3

w( y 0) 0

c4 0

Condizione di carico emisimmetrica

Lo spostamento per y=0 nullo


Tecnica delle Costruzioni - UNICAL - Dipartimento di Ingegneria Civile - Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura AA 2013-14

FONDAZIONI
TRAVE ELASTICA SU SUOLO ELASTICO
Come si ripartisce il carico Pi ?
Supponiamo travi elastiche di lunghezza infinita
r
Mi viene assorbito
Nodo esterno
s

R1

dalla trave che


lavora a flessione
Nodo intermedio

Trascuriamo la rigidezza torsionale

Pi Pir Pis
wi wir wis

(EQUILIBRIO)

(CONGRUENZA)

(*)
Rir
Pir Rir wi
Pi
Rir Ris
Ris
Pis Ris wi
Pi
Rir Ris

Pi Rir wi Ris wi

wi wir wis

wi

R2

KB
2

2 KB

Pi
Rir Ris

Nodo a, Ras= Rar= R1, Par= Pas= 0,5 Pa


Nodo i, Ris= Rir= R2, Pir= Pis= 0,5 Pi

KB, EI=cost

Nodo i, Rbs= R1 Rbr =R2, Pir, Pis= (*)

Tecnica delle Costruzioni - UNICAL - Dipartimento di Ingegneria Civile - Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura AA 2013-14

FONDAZIONI
TRAVE RIGIDA SU SUOLO ELASTICO

KB=cost

Essendo la trave rigida w varia


linearmente.
Basta conoscere il valore di due
parametri di spostamento (anche
uno spostamento ed una rotazione)
ed il problema risolto
Le equazioni risolventi sono:

FV

MP

Forze verticali
Momento rispetto
ad un polo

Il diagramma delle reazioni del


terreno (r) analogo a quello degli
spostamenti (w), poich ottenuto
moltiplicando w(y) per KB

Se KB non costante lungo la trave, il diagramma delle reazioni presenter dei salti
Tecnica delle Costruzioni - UNICAL - Dipartimento di Ingegneria Civile - Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura AA 2013-14

FONDAZIONI
VERIFICHE
S.L.E.
S.L.U.
Terreno (S.L.U. GEO)
Trave (S.L.U. STR)

qsd qrd
Sd Rd

NTC2008
Le fondazioni sia per S.L.E sia per S.L.U.
devono essere dimensionate, in ogni
caso, assumendo un comportamento
non dissipativo.

S.L.U. GEOTECNICO
qsd = qrd caso di progetto di B
qsd qrd caso di verifica
e

equilibrio alla rotazione

Bisogna verificare se larea (BL) tutta


compressa e quindi completamente
reagente, poich il suolo alla Winkler
reagisce solo a compressione.
Tecnica delle Costruzioni - UNICAL - Dipartimento di Ingegneria Civile - Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura AA 2013-14

FONDAZIONI
VERIFICHE
S.L.U. GEOTECNICO

Reazioni del terreno

Solidi non resistenti a trazione

max

min
e=0

N
BL

e < L/6

max, min

N
6 N e

BL
B L2

max
e = L/6

max

2N
BL

max
e > L/6

max

2N
3 u B

Tecnica delle Costruzioni - UNICAL - Dipartimento di Ingegneria Civile - Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura AA 2013-14

FONDAZIONI
VERIFICHE
S.L.U. GEOTECNICO

max qsd qrd

qrd viene valutato con una


prova di carico centrato.

Al fine di confrontare grandezze analoghe, si potrebbe fare riferimento ad unarea fittizia.

Area fittizia: BL

qsd

R
L

2 e B
2

Tecnica delle Costruzioni - UNICAL - Dipartimento di Ingegneria Civile - Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura AA 2013-14

FONDAZIONI
VERIFICHE
S.L.U. GEOTECNICO

qrd

qlim

qlim

Carico limite del terreno

R 2,3

t1

qlim

1
c N c t1 D N q t 2 B N
2
FORMULA DI TERZAGHI valida per:
striscia indefinita,
carichi concentrati/verticali,
fondazioni non profonde.

t2, c,

N c , N q , N , sono coefficienti adimensionali

c N c , coesione del terreno


t1 D N q , effetto stabilizzante dovuto al terreno che

t 2 B N / 2,

grava sulle ali della sezione


Contributo dovuto alle forze di attrito

Tecnica delle Costruzioni - UNICAL - Dipartimento di Ingegneria Civile - Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura AA 2013-14

FONDAZIONI
VERIFICHE
S.L.U. STRUTTURALE
sd = Rd caso di progetto di H e As
Sd Rd caso di verifica
Oltre al requisito di resistenza, deve essere soddisfatto anche un requisito di rigidezza

It,i inerzia delli-esima trave di piano che scarica sulla fondazione


If inerzia della trave di fondazione

Iti

If

2,5

n piani

If

I
i 1

t ,i

Tecnica delle Costruzioni - UNICAL - Dipartimento di Ingegneria Civile - Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura AA 2013-14