Sei sulla pagina 1di 128

9 770553 109000

5 1 5 3 6>

Austria, Belgio, Francia, Spagna, Portogallo 5,70 Euro; Germania 7,00 Euro; U.K. 4,40 GBP; Svizzera 6,30 CHF; Svezia 55,50 Sek; Svizzera C.T. 6,00 CHF; U.S.A. (via aerea New York) 9,50 USD, Canada 10,00 Cad - P.I. SpA - Sped. in A.P. - D.L. 353/03 art.1, comma 1, DCB Verona

9 settembre 2015 | Anno LIII - N. 36 (2572) | Giornale 3,00 euro


www.panorama.it

RAPPORTO ADULTERIO 2015

IO TRADISCO.
E TU?

boom di uomini e donne in fuga dal partner. Ecco perch succede.

volvocars.it
Volvo V60 Cross Country. Valori massimi nel ciclo combinato: consumo 8,5 L/100Km. Emissioni CO2 198 G/Km.

NUOVA VOLVO V60 CROSS COUNTRY


SCOPRILA SABATO 19 E DOMENICA 20
Get a life. Outdoors. La nuova Volvo V60 Cross Country, con una maggiore altezza da terra
e ruote pi grandi, lauto perfetta per la tua vita off-road. Perch il mondo ha troppe strade
per dover prendere solo quelle pi semplici.
THE NEW VOLVO V60 CROSS COUNTRY
MADE BY SWEDEN

ENGINEERED FOR MEN


WHO LIVE THE DREAMS THAT
OTHERS CHASE .

Pilots Watch Double Chronograph Edition Le Petit Prince. Ref. IW3718: solo quando un
sogno si trasforma in realt che si riesce a comprenderne tutta la grandezza. Deve essere stata proprio questa
considerazione ad ispirare Antoine de Saint-Exupery per il suo racconto Il Piccolo Principe. Un successo mondiale che da oltre 70 anni affascina ed fonte dispirazione per intere generazioni di persone orologiai di IWC
inclusi. Ne una dimostrazione questo affascinante modello di alta orologeria: il Pilots Watch Double Chronograph Edition Le Petit Prince. A catturare immediatamente lattenzione il suo quadrante blu notte, il cui datario
a tripla data verticale a ore 3 ricorda il classico design di un cockpit aeronautico. Unaltra particolare caratteri stica, a dimostrazione del continuo spirito inventivo di IWC, il vetro zaffiro antiriflesso su entrambi i lati. Saldamente ancorato alla poderosa cassa in acciaio, infatti perfettamente in grado di affrontare anche le eventuali improvvise decompressioni della cabina di pilotaggio. In ogni suo dettaglio questo capolavoro di arte orologiera
testimonia la magica storia del Piccolo Principe, trasformando il suo sogno in realt. Nellincisione sul fondello
della cassa lo ritroviamo infatti immortalato al ritorno sul suo amato pianeta.

I WC . E N G I N E E R E D FO R M E N .

B O U T I Q U E I WC S C H A F F H AU S E N : R O M A | PA R I G I | LO N D R A | M O S C A | N E W YO R K | P E C H I N O | D U B A I | H O N G KO N G | G I N E V R A | ZU R I G O
I WC .CO M

Per maggiori informazioni chiamare il numero +39 02 360 11868 o scrivere allindirizzo iwc.italia@iwc.com

Aggiornamenti
e notizie in tempo
reale su: www.
panorama.it

Panorama
cinguetta
anche
su Twitter:@
panorama_it

Appuntamento a Trento

Segui le news
di Panorama
su Facebook:
facebook.com/
panorama.it

Editoriale

80

SCENARI
ITALIA
Wesolowski: per il Papa i guai
non sono finiti
Amministrative, grillini ai blocchi
di partenza
Il Meeting ha lapplauso facile

11
12
14

In copertina: foto di Pando Hall/Getty Images

ECONOMIA
Ansia e depressione: gli effetti sulla salute
della legge Fornero
17
Fermiamo i vampiri della musica
18
C crisi, investite!
20
MONDO
Tra Israele e Iran guerra (per ora)
di parole
Anche gli sceicchi piangono
Il nuovo giacimento di gas? Manna
dal cielo per lEgitto
FRONTIERE
Non complichiamoci la nascita
Prova di forza per liPhone 6S

23
24
26

29
30

CULTURA
Questo Balla da sballo
32
Torna la scrittrice da un miliardo di lettori 34
6

Panorama | 9 settembre 2015

Non amo il potere, non mi


piace la politica. Per...
Lo hanno definito il Michele Santoro
del centrodestra e in televisione piace moltissimo.
Ma nella primavera del 2016 che cosa far?
Si candider a sindaco di Milano per Forza Italia?
Non si candider? Dopo unestate di voci
e indiscrezioni, Paolo Del Debbio (foto) pronuncia
un no definitivo: Un no che sempre no rester.
E spiega perch: Non mi piace fare politica dice
e ci vuole un gusto per il potere che io non ho.
Invece mi piace molto il mio mestiere in tv e non
lo lascio. Poi, per, aggiunge: Soltanto
i paracarri non cambiano idea. E io non
sono un paracarro.
Per commentare #paolo del debbio

56

9 settembre 2015

DA MERCOLED
Leggi Panorama in versione
digitale a solo 1,99 euro un giorno
prima delluscita in edicola
e arricchito da tanti contenuti
multimediali. Scarica lapplicazione
per iPhone e iPad dallApp Store
o la versione Android da Google Play
e scegli labbonamento che preferisci.

STORIE
Tradimento, perch non possiamo
farne a meno
Il naufragio dellOccidente pauroso
La danza dei numeri sul Jobs act
Del Bebbio: Io sindaco? Mai. Per ora
Il ticket Cav-Salvini parte dal 33 per cento
Gabrielli, il prefettissimo
Contro Veronica solo indizi, errori
e gogna
Hillary, candidato da ab(battere)
Fellini stato la mia fortuna sventurata
Panorama dItalia: ricomincia il viaggio...
... Il bello di Trento
Leleganza senza tempo di Villa Margon

38
48
52
56
60
63
66
68
72
78
80
90

Abbonati alla versione


digitale di Panorama:
1 mese 4,99 (risparmio 42%)
3 mesi 11,99 (risparmio 54%)
1 anno 49,99 (risparmio 52%)

Hillary
nel
mirino
la supercandidata
democratica
alle presidenziali
americane del 2016.
Ma Hillary Clinton
al centro di un tiro
al bersaglio fatto
di accuse, veleni, sospetti.
E a volerla azzoppare, nella sua corsa
verso la vittoria, non sono tanto i rivali
repubblicani, ma i suoi stessi
compagni di partito.
Per commentare #hillary clinton

68

LItalia che pensa al futuro


Dopo la pausa estiva Panorama dItalia arriva
a Trento, sesta tappa di un tour lungo un Paese
che non si arrende
alla crisi. Dal 9 al 12
settembre incontri,
dibattiti e show
per una kermesse
dedicata allItalia
che scommette
sul futuro.
Per commentare
#panorama dItalia

80

LINK
Taylor superstar
97
I 10 comandamenti del rientro
98
Io ballo da solo, ma con tutta la famiglia 104
La vera architettura in natura
108
La mia vita rosa (come i capelli)
110
Street food, ma snob
113
Svedese anti-incidenti
116
Periscopio
119
Incipit
126

EDITORIALE
di Giorgio Mul

NON DATE ALTRA FUFFA AGLI IMMIGRATI

a oltre un anno, con regolarit, Panorama dedica copertine e approfondimenti al gigantesco problema dellimmigrazione. Non ci voleva
un indovino (nel nostro piccolo siamo solo testimoni del tempo)
per prevedere la catastrofe umanitaria che abbiamo sotto gli occhi.
Lultimo editoriale dedicato al tema di tre mesi fa. Denunciavamo linazione del governo, lincredibile e inaudita sciatteria nellaffrontare la questione. Ora che lestate sta finendo siamo sempre al
punto di prima, con una situazione ogni giorno pi esplosiva.
Lelemosina politica di Angela Merkel (LItalia va aiutata)
la perfetta fotografia e insieme la plastica rappresentazione dellimmobilismo che attanaglia Palazzo Chigi e che noi denunciammo
gi a giugno e oggi ribadiamo con forza. S, lItalia va aiutata e pure
presto perch non stata capace di imporre una road map n in
Europa n alle Nazioni Unite per affrontare il problema.
Nelle ultime due settimane ho contato lannuncio da parte di
ministri di almeno 20 piani risolutivi su ogni materia: pensioni,
sanit, tasse, lavoro, scioperi, contratti, riforme, spending review,
scuola, Irap agricola... In questo deserto di concretezza limmigrazione non ha avuto neppure la dignit di guadagnarsi un piano,
la cui notifica a mezzo stampa non costa nulla perch al pari di tutti
gli altri piani fuffa allo stato puro, utile solo ad alimentare e far
girare incessantemente la macchina della propaganda renziana.
Leroico comportamento di chi soccorre in mare e accoglie in
terra avrebbe invece dovuto chiamare lesecutivo, gi molti mesi fa,
ad astenersi dalle chiacchiere e a porre con fermezza la comunit
internazionale di fronte alla nostra incapacit nellaccogliere tutti.
Non ci sarebbe stato niente di malvagio, in questo. Avrebbe significato uniformarsi al principio di realt, che chiama un governo al
dovere della solidariet ma anche ad avere il coraggio di assumere
decisioni per non dover gestire unemergenza allinfinito. Al punto
in cui siamo c da attendersi (e ancora una volta non bisogna
essere indovini) che lesasperazione dei cittadini sar foriera di
nuove tensioni.
Perch non da xenofobi urlare la propria rabbia dopo che un
immigrato salvato e accolto in un centro viene accusato di aver
ucciso barbaramente due anziani in casa per rubare; e non da
sciacalli indignarsi: perch mantenere ogni giorno un immigrato
costa almeno 50 euro con il corollario di corruttele e ruberie che ci
raccontano le inchieste giudiziarie; non da populisti contestare
lidea che prima vengono i diritti degli immigrati e dopo quelli
di chi paga le tasse. Tutto questo non xenofobia, sciacallaggio o
populismo: paura. Ed figlia di quella dolosa inazione che resta
tutta in capo a un governo imbelle, cio incapace di difendere i
n
propri confini e la propria gente.
RIPRODUZIONE RISERVATA

LA TUA OPINIONE
UN FATTO

Caro direttore,
il presidente del Consiglio
Matteo Renzi
al meeting di Comunione
e liberazione ha detto
testualmente: Prima
salviamo le vite, poi
penseremo a come dare
un futuro a queste
persone. Parole
sacrosante, ma mi
domando quale credibilit
possa avere questultimo
annuncio e che tipo di
pensieri possa suscitare
nelle menti di centinaia
di migliaia di giovani
fuggiti dallItalia e, ancora
pi, in quelle dei milioni
disperatamente senza
futuro rimasti nel nostro
Paese.
Giancarlo Ferretti,
San Benedetto del Tronto
9 settembre 2015 | Panorama

MAIN PARTNER

IN COLLABORAZIONE CON

G&R Associati

ExpoinCitt uniniziativa organizzata dal Comune di Milano e dalla Camera di Commercio di Milano
distinta da Expo Milano 2015 / Esposizione Universale

Scenari

ITALIA_ ECONOMIA_MONDO_FRONTIERE _CULTURA

IMPUTATO Lex arcivescovo Jozef Wesolowski.

Wesolowski:
continua
la caccia
ai pedofili
La morte dellex nunzio accusato
di abusi chiude il processo in
Vaticano, ma non ferma le vittime.
Che chiedono un risarcimento.

Olycom

oveva essere il processo simbolo


della lotta alla pedofilia condotta
da Papa Francesco. Si chiuso per
morte del reo. Lex arcivescovo
polacco Jozef Wesolowski, rinviato giudizio per pedofilia e possesso di materiale pedopornografico,
stato trovato morto per arresto cardiocircolatorio nella sua stanza in Vaticano,
il 28 agosto scorso, senza mai essere stato
interrogato dalle autorit della Santa Sede
e senza mai essere comparso davanti al tribunale della Citt del Vaticano. La perizia
eseguita sui computer dellex nunzio nella
Repubblica Domenicana rester per sempre chiusa nellarchivio della gendarmeria
vaticana e del promotore di giustizia, Gian
Piero Milano. Sono stati trovati migliaia di

file pedopornografici raccolti per anni in


maniera compulsiva dallex arcivescovo,
persino nel periodo dallagosto 2013 al
22 settembre 2014 (giorno del suo arresto), quando era gi stato richiamato a
Roma, dopo lo scoppio dello scandalo.
Ma ci sono anche mail e comunicazioni
che potrebbero svelare la rete di pedofili
in cui Wesolowski era inserito, cos come
le protezioni e gli appoggi di cui godeva
lalto prelato.
Amico personale di Giovanni Paolo
II e del suo segretario, il cardinale Stanislaw Dziwisz, Wesolowski non solo aveva
accesso allappartamento papale ai tempi
di Wojtyla, ma ha fatto anche una brillante e rapida carriera. Qualcuno potrebbe
aver cercato di proteggerlo anche dopo lo

scoppio dello scandalo. Le quattro vittime


accertate del nunzio e le loro famiglie per
non si fermano. Vogliono giustizia e si
preparano a chiedere comunque un risarcimento al Vaticano, sostenute da pubblico
ministero del Distretto nazionale di Santo
Domingo, Yeni Berenice Reynoso. Si tratta
di adolescenti abusati sessualmente per
oltre tre anni dallarcivescovo sullisola caraibica. Uno di essi ha dichiarato di essere
stato costretto a rapporti sessuali in cambio
di medicine per curarsi. Secondo Berenice
Reynoso i danni causati ai quattro adolescenti vanno comunque risarciti. Ora si
vedr se qualche associazione si far carico
di assistere le vittime nellazione legale
contro la Santa Sede. (Ignazio Ingrao)
RIPRODUZIONE RISERVATA

9 settembre 2015 | Panorama

11

SCENARI_ITALIA

Piccoli grillini provano a fare


In vista delle amministrative, parte una selezione dei candidati che stavolta sar pi severa. Ecco su chi punta il M5s.

tavolta Beppe Grillo non si ritrover a fare il


mea culpa. E a dover ammettere, come dopo
le politiche 2013, non eravamo pronti, abbiamo imbarcato chiunque. Alle amministrative della prossima primavera i Cinque stelle
contano di arrivarci preparatissimi. Tra il 15
e il 30 settembre partiranno le assemblee per
i programmi locali, seguite dalla selezione dei candidati e dalla votazione online da parte degli iscritti.
Con un obiettivo ambizioso: correre per vincere, non
solo per partecipare. Per esempio a Cesenatico, dove
Alberto Papperini, 28 anni, unico eletto M5s nel 2011,
dato addirittura per vincente dai sondaggi interni
del Pd. Ammette: Arrivare solo al ballottaggio, dopo
cinque anni di opposizione in una citt delusa sia dal
centrosinistra sia dal centrodestra, per noi sarebbe
un fallimento.

Non si vota soltanto a Cesenatico. Ma anche a


Milano, Torino, Napoli, Bologna, Cagliari. E Ravenna,
Rimini, Varese, Novara, Caserta, Salerno In 1.237
Comuni si andr alle urne in un clima da scommessa:
gli ultimi sondaggi di Euromedia Research (vedere a
pag. 60) e dellIstituto Piepoli danno i Cinque stelle
al 25-26 e il Pd intorno al 30. Che sia possibile un sorpasso? Il voto alle politiche , appunto, pi politico
e qui il partito di Grillo intercetta il voto di protesta.
Ma alle amministrative conta soprattutto essere bravi
amministratori di condominio spiega il vicepresidente
dellIstituto Piepoli, Alessandro Amadori.
Altro che imbarcare chiunque (Grillo), o affidarsi, come in passato, a gente volonterosa ma
completamente digiuna di amministrazione pubblica (Max Bugani, consigliere a Bologna). Stavolta
il Movimento a una svolta: deve dimostrare di
essere in grado di amministrare il condominio, e
anche bene. Saranno programmi e candidati a decidere, secondo Amadori, il trionfo o la catastrofe.
Ovviamente in casa M5s puntano al trionfo.
A Torino lobiettivo arrivare al ballottaggio con
Piero Fassino annuncia Chiara Appendino, 31 anni,
attuale vicepresidente della commissione Bilancio
e probabile candidata sindaco. Al ballottaggio poi
pu succedere di tutto, come a Venaria. Al primo
turno il candidato del movimento aveva il 17 per
cento ma al ballottaggio ha stravinto. Idem negli
altri quattro comuni siciliani dove M5s ha passato il

Beppe Grillo
e Gianroberto
Casaleggio sono
gi in cerca
di candidati
per le elezioni
locali del 2016.

Mattia
Calise
Milano

12

Chiara
Appendino
Torino

Max
Bugani
Bologna

il grande salto
primo turno, vincendo poi, ride la Appendino, anche
grazie alla logica del terzo incomodo: Tra centrodestra e centrosinistra spesso gli sconfitti del primo
turno hanno preferito votare noi per far perdere il
loro nemico storico.
Tra i due litiganti, M5s gode. Ma basta? Ormai
ci siamo fatti le ossa dal punto di vista amministrativo. Conosciamo la macchina e tutti gli aspetti tecnici
del governo cittadino. Siamo usciti dalla fase della
sola denuncia, facciamo proposte concrete, siamo
competenti, affidabili e pronti a governare, assicura
il capogruppo in Campidoglio, Daniele Frongia. A
Roma, con Ignazio Marino in bilico, il suo gruppo
era pronto ad andare al voto in primavera. Poi hanno
cominciato a girare i sondaggi che davano la vittoria
ai Cinque stelle: Nel Pd si scatenato il panico e di
votare nel 2016 non si parla pi.
Ma chi sarebbe stato candidato alla successione
di Marino? Il popolo grillino reclamava a gran voce
Alessandro Di Battista, stella romana del Movimento. Ma deputato e la regola stabilita da Beppe
Grillo e Gianroberto Casaleggio marmorea: non ci
si dimette da un incarico per correre altrove. Quindi
no a Dibba a Roma e no a Roberto Fico o a Luigi
Di Maio a Napoli. Sotto il Vesuvio lincertezza sul
candidato ancora grande. Aspettiamo il dibattito
coi militanti spiega il deputato Salvatore Micillo.
Trovare buoni candidati locali non facile. E se
a Bologna lottimismo grande (i sondaggi del Pd

Alberto
Papperini
Cesenatico

Alessandro
Di Battista
Roma

danno Virginio Merola riconfermato, per anche


Max Bugani va forte: Avrei tanti voti quanto lintero schieramento di centrodestra), a Milano tutto
ancora in alto mare. LExpo ha rilanciato la citt,
ora c bisogno di un sindaco di progetto e non di
protesta riflette Amadori. Spazio per i Cinque stelle
(a Palazzo Marino c un solo consigliere, il giovane
Mattia Calise) pare non essercene molto. A meno
che alla fine non spunti la carta che spariglia tutto:
quel Tonino Di Pietro che, fuori dallItalia dei valori,
si praticamente offerto a Grillo come candidato di
sfondamento sotto la Madonnina.
(Laura Maragnani)

1.237
I Comuni italiani
dove si andr
al voto nel maggio
2016. Ma non
da escludere
che se ne possano
aggiungere altri,
a partire da Roma.

RIPRODUZIONE RISERVATA

Roberto
Fico
Napoli

Luigi
Di Maio
Napoli

0 mese 2015 | Panorama

13

SCENARI_ITALIA

Matteo Renzi
26/08/2015
5

Il Meeting ha lapplauso facile


Feeling tra Renzi e i ciellini. Ma in realt a Rimini tutti i potenti di turno sono sempre stati accolti in trionfo.

novazione non si nega a nessuno. la parola


dordine del popolo del Meeting, ciellini e non,
che da 35 anni a Rimini accolgono a braccia
aperte il premier di turno. Lultimo stato Matteo Renzi. Dopo averli snobbati lanno scorso,
questa estate il premier ha riservato al Meeting la
sua prima uscita dopo le vacanze, proprio come
piaceva a Giulio Andreotti che era di casa. Tra Matteo
e i ciellini stato (manco a dirlo) amore a prima vista,
anche perch uno dei loro leader, Giorgio Vittadini, ha

evitato con cura di porre al premier domande scomode, come quella sulle unioni civili. Perch mettere in
imbarazzo un nuovo e prezioso amico? Daltronde, al
netto dellideologia, Cl un grande catalizzatore di interessi economici e dunque la regola non scritta quella
di coccolare e applaudire sempre chi abita a palazzo
Chigi. Cos, in questi anni il popolo del Meeting stato
bipartisan: ovazioni per tutti da Prodi a Berlusconi fino
a Monti. Senza dimenticare Letta, amico di sempre, che
per, guarda caso, questanno non cera.
n

00
25/08/20

SILVIO
BERLUSCONI

6
06
26/08/200

ROMANO
PRODI

25/08/2002

MARIO
MONTI

20/08/2012
2

3
19/08/2013

14

Panorama | 9 settembre 2015

ENRICO
LETTA

ECONOMIA

SCENARI_

Elaborazione grafica di Stefano Carrara

Nel fotomontaggio
Elsa Fornero, ex ministro
del Lavoro del governo
Monti: nel 2011 innalz
let pensionabile.

Ansia e depressione:
gli effetti della Fornero
Uno studio dellUniversit di Chieti-Pescara rivela limpatto
della riforma delle pensioni sui lavoratori esodati.

a legge Fornero fa male alla salute. A distanza di quattro anni dalla riforma delle pensioni,
varata nel 2011 dallex ministro del Lavoro
Elsa Fornero, una ricerca realizzata presso
lUniversit DAnnunzio di Chieti-Pescara ha
messo sotto la lente gli effetti della legge sui
lavoratori che ne hanno subito le conseguenze
pi negative: i cosiddetti esodati, decine di migliaia
di persone che avevano raggiunto un accordo con

le aziende per un pensionamento anticipato e poi


rimaste senza assegno in seguito alla riforma. In
particolare sono stati presi in esame i contraccolpi
della legge: forme psicopatologiche, sintomatologie
depressive, sintomatologie ansiose e in generale i
livelli di qualit della vita dei lavoratori. Il campione, 100 persone, per met composto da donne e
per met da uomini ed rappresentativo di diverse
regioni: Campania, Lazio, Emilia Romagna, Lombardia e Veneto. Et media: 58 anni.
I risultati dello studio sperimentale, pur se limitati, sono sconcertanti. Un ex operaio non riesce ad
alzarsi dal letto e racconta: La mattina mi sento pi
debole e sfiduciato. Una neocasalinga cos ricorda
lentrata in vigore delle nuove norme: Sudavo freddo, le gambe mi tremavano, avevo paura fosse un
infarto. La prima volta che mi capitato sono andata
al pronto soccorso. Mi hanno fatto tutti gli accertamenti e suggerito di rivolgermi a uno psichiatra.
I disturbi riscontrati vanno dallansia alla
depressione: Gli esodati soffrono di insonnia, faticabilit, sbalzi di umore e attacchi di panico. E le
donne manifestano un quadro clinico pi severo,
hanno punteggi pi elevati in tutte le scale di valutazione afferma Lorenzo Aragione, autore dello
studio, che ha attraversato lItalia per incontrare
50 ex lavoratori pi altri 50 lavoratori, questi ultimi
utilizzati come gruppo di controllo. Lo studio
durato oltre un anno, da settembre 2013 ad aprile
2014, e alla fine ha portato a riempire 72 pagine di
diagnosi, dati e analisi.
La ricerca va considerata come indicatore di
un fenomeno che andrebbe approfondito facendo
ulteriori studi e cercando di vedere anche i fattori che
possono essere di sostegno, osserva Mario Fulcheri,
direttore del dipartimento di Scienze psicologiche
della salute e del territorio dellUniversit di ChietiPescara, che ha seguito lindagine. (Maria Pirro)
RIPRODUZIONE RISERVATA

9 settembre 2015 | Panorama

17

SCENARI_ECONOMIA

Fermiamo i vampiri
della musica
Su web e digitale si continua a ignorare il diritto dautore. Ma in questo modo spiega
il presidente della Siae Filippo Sugar si uccide la creativit dei nuovi cantanti.

18

Panorama | 9 settembre 2015

o con un buyer italiano che ha la mia


stessa storia, che si innamorato per la
prima volta con una canzone di Lucio
Battisti. Molte delle grandi piattaforme
di distribuzione della musica hanno in
Italia soltanto uffici periferici. Capita
spesso, anche a noi di Sugar, di non
avere un interlocutore consapevole della nostra storia e della nostra cultura.
In che cosa si concretizza la posizione
di oggettivo svantaggio dei contenuti
italiani?
Il pi eclatante la negoziazione di un
accordo con Youtube per la presenza
di un nostro artista su quella piattaforma. Se non si raggiunge unintesa, la
musica di quellautore risulta comunque disponibile su Youtube. Questo
il problema: chiunque pu caricare un
video di quel cantante, un video che poi
inizia a generare ricavi pubblicitari per
Youtube. Viviamo il paradosso di una
creativit che genera un grande valore
che per non ritorna nemmeno in minima parte ai creatori dellopera. Diverso
il caso di Spotify, per esempio. Se non
firmo un contratto, la mia musica non
compare in streaming su quella piattaforma. Punto.
Lei combatte questa battaglia dalla
parte della Siae, ma anche sul versante di chi i contenuti e le opere dellingegno li sostiene, li finanzia e li
produce.
Lobiettivo di Sugar da sempre lo
stesso: scoprire talenti e portarli al
successo. Come Giovanni Caccamo, il
ragazzo che lo scorso febbraio ha vinto
Sanremo nella sezione Nuove proposte.
In questo momento, per, occorre il coraggio di innovare. La nuova frontiera

22%

Lincremento del
mercato musicale
in Italia nei primi
sei mesi del 2015
(65,5 milioni
di euro rispetto
ai 53,6 del primo
semestre 2014).

4%

Laumento dei
ricavi della musica
in streaming nel
2014. Per il 2015
si prevede
unulteriore
crescita.

TOP 10 ITALIANA
Nei primi sei mesi
del 2015 i dieci
album pi venduti
sono stati tutti
italiani. In vetta
alla classifica
Jovanotti (sopra),
seguito da Marco
Mengoni
e dai The Kolors.

Shutterstock - Corbis

a sfida decisiva del nostro tempo


difendere la creativit italiana
e inserirla in quel grande campo
aperto che il mercato globale

del digitale. Se non ci riusciremo,


saremo spazzati via, non ci saranno le risorse per produrre nuovi
contenuti e diventer quasi impossibile
avere una nostra produzione culturale.
A quel punto verremo colonizzati da
prodotti anglo-americani. Questa battaglia riguarda tutti: gli autori di musica,
gli editori dei giornali, ma anche chi
produce cinema o tv.
Difendere il diritto dautore made in Italy
nella complessa e poco regolamentata
era del digitale: questa la madre di tutte le battaglie per il presidente della Siae
(la societ che tutela i diritti dautore di
autori ed editori), Filippo Sugar, 43 anni,
figlio di Caterina Caselli e Piero Sugar,
nonch presidente e ceo di Sugar Music,
letichetta discografica fondata nel 1932
da suo nonno, Ladislao.
Il consumo di musica nel mondo non
mai stato cos alto come nellultimo
decennio. Eppure questo dato non si
traduce in introiti per lindustria
discografica di Paesi come Italia,
Francia o Germania. Perch?
La verit che tutti coloro che producono cultura in Paesi non anglofoni e
che hanno grandi tradizioni culturali
si trovano a gareggiare nel mondo del
digitale in una posizione di oggettivo
svantaggio. Operiamo in un contesto
fatto di grandi piattaforme non europee,
di player che sono quasi monopolisti
(Google, Amazon, Facebook) e che non
hanno una sensibilit culturale locale.
C differenza tra trattare con iTunes

Filippo Sugar, 43 anni,


presidente della Siae
e di Sugar Music.

diventare partner di realt-laboratorio,


agili e con una forte identit locale.
Abbiamo appena firmato un accordo
con un artista sardo, Salmo, che ha fondato unaccademia di musicisti, autori,
videomaker e grafici. Un ponte tra noi,
etichetta discografica tradizionale, e le
nuove creativit. In questottica rientra
il contratto editoriale con Mannarino,
cantautore romano, con un repertorio
quasi dialettale che secondo noi potrebbe avere successo a livello internazionale. Ci piace osare, fare quello che
nessuno si sarebbe mai sognato di fare.
La pi grande soddisfazione della sua
carriera da discografico?
Si chiama Andrea Bocelli, un talento
italiano che da ventanni compete nelle
classifiche internazionali con i pi grandi nomi della musica contemporanea. Il
suo concerto davanti a 70 mila persone
a Central Park il nostro fiore allocchiello. Abbiamo fatto tutto noi senza
appaltare nulla e, mi creda, non era per
nulla scontato che una piccola societ
artigianale italiana riuscisse a produrre
un evento di quella portata. Ci siamo
guadagnati rispetto e ammirazione in
tutto il mondo.
Che ruolo ha avuto e ha sua madre,
Caterina Caselli, rispetto ai successi
di Sugar?
Mia madre un motore instancabile:
vive per questo lavoro. La contraddistingue una tenacia incredibile. Se crede in un progetto, disposta a nuotare
controcorrente con una determinazione
pi unica che rara. Daltra parte, senza
questa tenacia, non si possono avere
due carriere di successo, prima come
cantante e poi, dallaltra parte della
scrivania, come manager.
(Gianni Poglio)
RIPRODUZIONE RISERVATA

9 settembre 2015 | Panorama

19

SCENARI_ECONOMIA

Che bello,
c la crisi:
ora di investire
Il rallentamento della Cina non preoccupa
Ennio Doris: il banchiere anzi convinto
che avr conseguenze positive per i mercati.

20

Panorama | 9 settembre 2015

Paolo Tre/A3/Contrasto

ltro che crisi, una manna per il mondo


produttivo: sempre lui, Ennio Doris. Il
pi grande banchiere privato dItalia, fonda
tore di Mediolanum, ma anche il protagonista
di una seguitissima rubrica radiofonica su Rtl
che si chiama Lottimista. Leconomia cinese
ha rallentato un po, dal 7 per cento cresce al
6,5, forse al 6. Questo significa calo dei prezzi delle
materie prime e del petrolio, e calo dei tassi. Unottima opportunit! Ma io dico sempre ai risparmiatori: fate in modo che fasi come questa non passino
invano!. E il bello che sul lungo termine Doris ha
sempre avuto ragione: lo dimostrano i conti delle
gestioni della sua Banca Mediolanum.
Per se la Cina si ferma, il mondo trema...
Il ribasso del greggio e dei tassi sono gli anticorpi
delleconomia per guarire dalla crisi. Se la crisi
continua, gli anticorpi si rafforzano. E poi intervengono i governi e le banche centrali: la Cina ha preso
provvedimenti per abbassare il costo del denaro,
immettere liquidit e stimolare i consumi interni,
tutto giusto. Gli Usa crescono bene, hanno la piena
occupazione, la Fed voleva alzare i tassi per evitare
un surriscaldamento delleconomia ma credo che
aspetter fino a gennaio perch linflazione bassa.
Ma quanto pu durare questa stasi dei prezzi?
Secondo me il basso costo dellenergia destinato a
durare: per la politica dei Paesi arabi e perch gli Stati
Uniti hanno quintuplicato la produzione interna con
lo shale oil e lo shale gas. E non dimentichiamo
lenergia solare: lanno prossimo 36 Stati Usa su 50
produrranno energia dal solare a costi pi bassi che
bruciando il petrolio. E nel solare non c cartello che
tenga: una tecnologia democratica, il sole di tutti.
Perch i mercati non sono ottimisti come lei?
Difficile dire se questi cali siano un fenomeno estivo
o no, quel che certo che leconomia produce i suoi
anticorpi contro le crisi. Le prospettive di lungo

Ennio Doris, 75 anni, fondatore del Gruppo Mediolanum.

7%

Il tasso di crescita
del Pil cinese:
potrebbe
scendere al 6,5
o al 6 per cento.

36

Il prossimo
anno dice Doris
36 Stati Usa
su 50 produrranno
energia solare
a costi pi bassi
del petrolio.

termine sono molto, molto buone. E quando i


mercati scendono il momento delle opportunit.
Naturalmente con la massima diversificazione.
Cio?
Se si confronta lindice delle Borse mondiali di
Morgan Stanley con il grafico del Pil dal dopoguerra
ad oggi, vede che le Borse crescono col Pil, che sale
sempre, ma il grafico si attorciglia attorno alla linea
del Pil andando al di sotto o al di sopra come un
serpente su un ramo... Per la tendenza sempre
verso lalto. Chi ne tiene conto e investe su tutte le
Borse, guadagna.
Ma lItalia non cresce.
Cresce meno di altri, ma il mondo sta trascinando
anche noi. Certo, il nostro sistema deve confrontarsi
con gli altri. Quindi conta la pressione fiscale, perch
gli investimenti vanno dove ci sono meno tasse e
meno burocrazia. E in questo senso, si sa, abbiamo
ancora un bel po di strada da fare. (Sergio Luciano)
RIPRODUZIONE RISERVATA

SHOWROOM: MILANO ROMA BOLOGNA PARMA GENOVA TORINO BRESCIA FIRENZE PALERMO CATANIA
COSENZA VIENNA NIZZA MADRID BARCELLONA BILBAO BRUXELLES MONACO DI BAVIERA ABIDJAN ISTANBUL
BEIRUT TEL AVIV VARSAVIA TAIPEI BANGKOK NEW YORK CITT DEL MESSICO BELO HORIZONTE SAN PAOLO

THE SPIRIT OF PROJECT


CABINA ARMADIO COVER DESIGN G.BAVUSO
VISIT WWW.RIMADESIO.IT

MONDO

SCENARI_

60.000

GLI ADDETTI IRANIANI NELLINDUSTRIA BELLICA, SECONDO


ISRAELE: LAVOREREBBERO ANCHE ALLA CYBERGUERRA.

Benjamin
Netanyahu,
primo
ministro
israeliano.

Hassan
Rouhani,
presidente
iraniano.

Tra Israele e Iran guerra (per ora) di parole


Gerusalemme lancia nuovi allarmi, inascoltati, su Teheran potenza nucleare. Ma lopzione militare resta aperta.

Elaborazione grafica di Stefano Carrara

Iran che lavora alla bomba atomica e, dopo


laccordo di Vienna del 14 luglio, potr farlo
senza alcun vero controllo. LIran che prepara
missili balistici intercontinentali. LIran che sostiene gruppi terroristici in 32 Paesi e s appena
infiltrato perfino in Libia, accanto ai miliziani
dellIsis. LIran che ha unindustria bellica con
60 mila dipendenti, in grado di lavorare alla cyberguerra, a nuovi satelliti, a sottomarini nucleari. LIran
che progetta di dominare il mondo
S: lIran la grande paura del governo dIsraele.
Anche nel suo tour italiano di fine agosto, il primo
ministro Benjamin Netanyahu ha cercato di ottenere
da Matteo Renzi solidariet soprattutto sul capitolo
Teheran, dove il premier italiano (schierato con gli Stati
Uniti) non pu n vuole ascoltarlo pi di tanto. Inutilmente Netanyahu ha ricordato a Renzi che fare affari
con lIran nutrire la tigre che manger lOccidente.
Nel gennaio 2013, quando Israele sembrava pronto
a lanciare lultimo di tre attacchi preventivi contro le
installazioni atomiche dellIran (tutti annullati allulti-

mo momento), fu lex premier Ehud Olmert a rivelare


che lestablishment militare di Gerusalemme aveva
investito 3 miliardi di dollari per preparare lo strike.
Due anni e nove mesi dopo, mentre lisolamento israeliano sul dossier Iran evidente, non
improbabile che quella cifra subisca un incremento.
Il capo di stato maggiore israeliano, Gadi Eizenkot,
ha incaricato il suo vice Yair Golan di predisporre un
nuovo piano dattacco. Lo scorso giugno un centinaio
di piloti si sono addestrati in voli a lungo raggio. E
Israele avrebbe chiesto alla Lockheed-Martin, produttrice degli F-35, di aumentarne lautonomia, allo
scopo di coprire 1.500-1.600 chilometri: la distanza
fra Gerusalemme e Teheran.
Sullaltra sponda, del resto, il primo ministro iraniano Hassan Rouhani continua nei suoi duri attacchi a
Israele, che accusa di terrorismo ideologico. E intanto
Teheran, secondo la stampa inglese, si appena dotata
di nuovi accuratissimi missili con un raggio di 500
chilometri. La tigre si allunga... (Maurizio Tortorella)
RIPRODUZIONE RISERVATA

9 settembre 2015 | Panorama

23

SCENARI_MONDO

Anche gli sceicchi


piangono
Con il prezzo del petrolio basso, i Paesi del Golfo faticano a far
quadrare i conti. Cos dovranno tagliare le spese e introdurre lIva.

52

DOLLARI AL
BARILE: PREZZO
EUROPEO BRENT
DEL PETROLIO
LO SCORSO
1 SETTEMBRE.
NEL GIUGNO
2014 ERA
DI 115 DOLLARI
AL BARILE.

47,8

DOLLARI AL
BARILE: PREZZO
DEL WTI
AMERICANO
DEL PETROLIO,
SEMPRE
L1 SETTEMBRE
SCORSO.

24

usterity una parola sconosciuta in Arabia


Saudita. Nel regno del petrolio limportante
esagerare. Il re Salman, salito al trono dopo la
morte di Abdullah, ha festeggiato linvestitura
distribuendo alla popolazione assegni e benefit
per 32 miliardi di dollari. I dipendenti pubblici, che costituiscono oltre la met degli oltre
5,5 milioni di lavoratori, si sono visti raddoppiare lo
stipendio. E lo scorso aprile ciascuno dei 100 piloti
schierati nel bombardamento dello Yemen ha ricevuto
in dono una Bentley.
Tutto ci normalmente reso possibile dal prezzo
del petrolio. Ma da un anno a questa parte le quotazioni del greggio sono colate a picco, passando dagli
oltre 100 dollari al barile agli attuali 50 dollari. Colpa
delleccesso di offerta, voluto proprio da Riad e dai
suoi stretti alleati nellOpec per colpire quei Paesi
dove la produzione ha costi pi elevati (gli Stati Uniti,
ma anche la Russia).
Un boomerang per i Paesi del Golfo, che generano il 90 per cento delle entrate dai proventi del
greggio e necessitano a loro volta di prezzi pi alti, in
questo caso per raggiungere il pareggio di bilancio.
Ossia per far quadrare i conti. Come se non bastasse
la scoperta del maxi giacimento di gas effettuata
dallEni in Egitto (vedi pagina 26) rischia di erodere
in futuro le quote di mercato degli sceicchi.
Secondo il Fondo monetario internazionale, nel
solo 2015 i Paesi della regione subiranno perdite
sulle esportazioni per complessivi 377 miliardi. LArabia Saudita sta dilapidando le sue enormi riserve
valutarie (oltre 700 miliardi) al ritmo vertiginoso
di 10 miliardi al mese. Il maggiore produttore Opec
registrer questanno un deficit che sfiora il 20 per
cento, il primo dal 2009. Ed emetter titoli di Stato,
cio si indebiter, per almeno 27 miliardi.
Anche a questi prezzi i Paesi del Golfo guadagnano, ma non possono sostenere i loro programmi
di spesa spiega Leonardo Maugeri, economista ad

Panorama | 9 settembre 2015

19,5 %

IL DEFICIT
STIMATO IN
ARABIA SAUDITA
NEL 2015,
IL PRIMO
DAL 2009

+24%

LAUMENTO
DELLA BENZINA
NEGLI EMIRATI
DOPO IL TAGLIO
DEI SUSSIDI

Harvard e consulente di alcuni Paesi dellarea. In


Arabia Saudita aggiunge lesperto il dibattito segreto allinterno dellestablishment su quanto a
lungo possa essere sostenuto questo sforzo senza
tagliare drasticamente le spese. Probabilmente per
un anno ancora.
Secondo Davide Tabarelli, presidente di Nomisma Energia, la politica di elargizioni continuer:
gli sceicchi spendono per cementare il consenso in
Paesi dove i diritti sono estremamente limitati. Qualcuno per ha iniziato a tirare la cinghia. Lo scorso
31 luglio gli Emirati Arabi sono stati il primo Paese
del Golfo a liberalizzare il prezzo dei carburanti.
Il giorno seguente, senza lo sconto del governo, il
prezzo della benzina schizzato del 24 per cento a
circa 50 centesimi al litro. Ogni giorno il governo di
Abu Dhabi deve oliare un apparato statale che rap-

377

MILIARDI DI DOLLARI
LE PERDITE STIMATE PER IL 2015
SULLE ESPORTAZIONI DI
PETROLIO DAL MEDIO ORIENTE

287 60,1

Keystone-France/Gamma-Rapho

MILIARDI DI DOLLARI IN FUMO


SOLO NEI PAESI GCC (ARABIA
SAUDITA, BAHRAIN, EMIRATI
ARABI UNITI, KUWAIT, OMAN,
QATAR), PARI AL 21% DEL PIL

presenta l88 pet cento della forza lavoro. Il welfare


totale: lo Stato copre anche le spese per il matrimonio. Ora per bilanciare le spese potrebbe essere
introdotta lIva, fino a oggi inesistente. A scopo di
diversificazione sono stati annunciati investimenti
su fonti di energia rinnovabile. Il loro contributo
per sar irrilevante, gli Emirati consumano il triplo
di noi avverte Tabarelli.
I sussidi sui carburanti erano stati tagliati anche
in Kuwait, salvo poi essere reintrodotti dopo poche
settimane. Il governo ha presentato una legge di bilancio che poggia su un prezzo del barile a 45 dollari,
rivelando cos i timori per una debolezza prolungata
delle quotazioni. I conti del Kuwait saranno questanno in deficit per la prima volta dal 2000. I produttori
tradizionali si trovano di fronte al classico male olandese, avendo fatto troppo affidamento sugli introiti

MILIARDI
DI DOLLARI
SOTTRATTI
QUESTANNO IN
ARABIA SAUDITA
ALLE RISERVE
VALUTARIE, IL
SALVADANAIO
DEL PAESE

provenienti da un solo settore riassume lanalista


Maurizio Mazziero, fondatore di Mazziero Research.
E poi c lIran, leterno rivale dellArabia Saudita.
I soldi sono finiti e Teheran non ne ha messi da parte
per investire nei giacimenti. Limminente fine delle
sanzioni per spalanca le porte delle esportazioni. Gli
attuali prezzi bassi incorporano gi questo scenario.
Ma ce n un altro. Difficilmente lIran vorr ridurre
la propria quota di produzione Opec afferma Mazziero e prima o poi verr ai ferri corti con lArabia
Saudita. una discussione in sede Opec tuttaltro che
scontata e non escluso che possano sorgere gravi
tensioni diplomatiche fra i due Paesi. E allora s che
le quotazioni tornerebbero a correre. Mai dire mai,
quando c di mezzo il prezzo del petrolio.
(Alessandro Bonini)
RIPRODUZIONE RISERVATA

9 settembre 2015 | Panorama

25

SCENARI_MONDO

CHE COSA SUCCESSO

Sorpresa: il Messico
apre agli ogm

A differenza di Brasile e Argentina, dove gran parte della soia e dei


cereali sono geneticamente modificati, finora il Messico era considerato un bastione inespugnabile
per Monsanto, Syngenta e Pioneer,
le multinazionali che dominano il
mercato delle sementi ogm. Inutili
le pressioni su legislatori e politici
delle tre sorelle ogm, impossibilitate a seminare granturco transgenico nel paese della tortilla, il cui
ingrediente base il mais usato da

azteca e maya, lo stesso da millenni. Ma il 19 agosto un giudice di


Citt del Messico, Francisco Pealoza Heras, ha sospeso ogni divieto.
Ora si aprono praterie sconfinate al
business del mais Frankenstein,
a detta di Monsanto molto pi
produttivo. Sul piede di guerra
associazioni di piccoli produttori
e ambientalisti (foto), che invece
difendono la tortilla tradizionale,
al 100 per cento bio, e hanno gi
presentato ricorso.

Il supergiacimento
di gas? Manna
dal cielo per il Cairo

Questa scoperta fornir allEgitto


un terzo delle sue riserve naturali di gas. Il ministro per gli Affari petroliferi Hamdy Abdel Aziz
commenta cos la scoperta da parte
dellEni di un giacimento nelle acque egiziane del Mar Mediterraneo
nel prospetto esplorativo Zohr. Il
pozzo Zohr 1X situato a 1.450 metri di profondit dacqua, nel blocco
Shorouk, in unarea di totale permesso della compagnia petrolifera
italiana, dopo un accordo siglato nel
gennaio 2014 con il ministero del

Petrolio egiziano e con la Egyptian


natural gas holding company. Il
giacimento supergiant Zohr presenta un potenziale di risorse fino a
850 miliardi di metri cubi di gas (5,5
miliardi di barili di olio equivalente)
in posto e unestensione di circa 100
chilometri quadrati ha affermato
lEni , che ha scoperto il giacimento. Cifre che, secondo Abel Aziz,
potrebbero permettere, assieme a
nuove probabili scoperte, il raggiungimento dellautosufficienza entro
i prossimi cinque anni.

In Germania
fotografare il cibo
verboten

Fotografare il cibo al ristorante?


In Germania verboten, vietato,
secondo Lhr: prestigioso studio
legale tedesco specializzato nella
protezione del copyright che cita a
sua volta una sentenza della Corte suprema federale del novembre
2013. Non importante che il
piatto sia stato brevettato, si pu
considerare opera dingegno anche
una ricetta, se originale. Lo chef
creatore di un prodotto e come tale
va tutelato. Niente pi critiche via
Twitter con lhashatg #foodporn,

quindi, e addio condivisione sui


sociali network: a meno che non ci
sia lautorizzazione dallo ristorante
o che siano ricette note al grande
pubblico. La sanzione va da 100 a
migliaia di euro. Il primo a essere stato accusato dinfrazione del
copyright gastronomico stato un
pensionato, ospite di una casa di
cura. La denuncia dellistituto
rientrata per la pressione dellopinione pubblica locale, forte di una
pagina Facebook intitolata: Noi
fotografiamo il nostro cibo.

26

Panorama | 0 mese 2015

a cura di Paolo Manzo, Laura Cappon, Andrea DAddio

Le decisioni basate sulla scienza lasciano da parte


i miti, ma consentono agli agricoltori di essere pi
competitivi, efficienti e sostenibili. Un euforico
Manuel Bravo, presidente di Monsanto Messico, si
confida a Barbara Andreson, giornalista di Milenio,
giornale pi letto del Messico. Con lui esultano tutti
gli operatori delle biotecnologie mondiali annota
il settimanale Proceso, per i quali gli ogm sono una
panacea per la produttivit dellagricoltura messicana, in difficolt a causa di siccit e malattie. A
protestare invece gli chef del Collettivo messicano
di cucina sottolinea Le Monde per i quali il mais
transgenico attenta alla diversit e allesistenza di
granturchi prodotti localmente da millenni.

Un regalo dal cielo: il giornale di Stato Al Ahram


non cela lentusiasmo per la scoperta del maxigiacimento. Il quotidiano governativo riporta le parole
di Mohammed El-Ansary, ex dirigente di Shell International, che sottolinea come il nuovo giacimento di
gas rappresenti una salvezza per il Paese, riportando
alcuni dati forniti dalla Us Energy information administration (Eia). Lexport di gas egiziano calato di
circa il 30 per cento dal 2010 al 2013, a causa dellincremento della domanda interna. Il quotidiano di
informazione indipendente Mada Masr sostiene
invece che la scoperta mette a rischio il futuro degli
accordi firmati dallEgitto con Cipro e Israele, per far
fronte alla domanda interna egiziana.

A lanciare lallarme stata la Welt: Non importante che la divulgazione dello scatto avvenga per
scopi commerciali o puramente dintrattenimento,
linfrazione avviene nel momento stesso in cui si
condivide la foto allesterno. Christian Soeder, del
magazine The European, sostiene invece che di base
le foto ai piatti aumentano la popolarit dei ristoranti
pi di quanto possano nuocere. Sulla stessa falsariga
si pone Eater, uno tra i pi grandi portali al mondo
che si occupano di cibo: Si tratta di un autogoal. I
social network fanno marketing gratuito. Se si ha un
buon prodotto, non ci si perde niente a condividerlo. Tutti gli chef sono stati ispirati da ricette viste o
assaggiate in passato, inutile essere ipocriti.

CHE COSA SUCCEDER

IL PARERE DI
VICTOR SUAREZ

direttore della
Associazione
messicana
aziende
distribuzione
prodotti
agricoli.

IL PARERE DI
FRANCESCO
STRAZZARI

professore
di Relazioni
internazionali
al Collegio
SantAnna
di Pisa.

IL PARERE DI
FRANCESCO
RIGHI

chef
del ristorante
Bosco
di Berlino.

Non vero che con le sementi


transgeniche il Messico aumenter la sua produzione, bloccando
limport dei 10 milioni di tonnellate di mais necessari per soddisfare la domanda interna. I semi ogm
sono poi in media pi cari del 30
per cento rispetto a quelli tradizionali e dovrebbero essere importati, al pari dei fertilizzanti e
dei pesticidi a cui si abbinano. Per
aumentare la produzione basterebbe duplicare laccesso a credito e assistenza tecnica per chi
coltiva granoturco, seminando il
25 per cento delle terre oziose.
Altro che aprire a tecnologie rischiose, care e controproducenti.

La prima incognita della scoperta


riguarda le royalty, cio leffettivo
guadagno del governo egiziano.
Mancano dati certi su tempi e costi
di estrazione e di commercializzazione ma, vista lentit del giacimento, molto probabile che sar
pi conveniente vendere il gas
anzich usarlo per il fabbisogno
interno. Sul piano politico, la scoperta di grossi giacimenti non
mai positiva per democrazia e diritti umani. Grazie ai nuovi giacimenti il Cairo, che soffre di problemi di autoritarismo, pu anche
permettersi di ignorare il bisogno
di consenso e legittimit popolare.

un provvedimento assurdo. Prima ancora degli accostamenti, dei


colori e della composizione, ci
che conta il sapore. Ogni piatto
ha fino a 15 componenti, oltre a
tecniche di preparazione e lavorazione diverse, che non possono
essere carpite da una semplice
foto. Non possibile pensare di
assegnare una penale per violazione di copyright di un piatto per
uno scatto. Se cos fosse, fare il
cuoco sarebbe semplice: basterebbe copiare. Lhashtag #foodporn fa rabbrividire, ma gli chef
e chi si occupa di ristorazione dovrebbero concentrarsi sulla diffusione della cultura del buon cibo.
9 settembre
0 mese 2015 | Panorama

27

Getty, Shutterstock

CHE COSA HANNO SCRITTO

ICONMAGAZINE.IT

DAL 10 SE T TEMBRE IN EDICOL A A 3.50

PA S S I O N I A M I S U R A D' U O M O
CLAUDIO MARCHISIO: UNA VITA NEL PALLONE. FLOYD MAYWEATHER: SONO IL NUMERO UNO.
E VI SPIEGO PERCH. DIETRO LE QUINTE ITALIANE DI THE BOSS BRUCE SPRINGSTEEN.
MIO PADRE JOHNNY SECONDO ME, FIRMATO JOHN CARTER CASH. IL SENSO DI JOSH BROLIN
PER IL CINEMA. COLLEZIONISMO: IL RE DEI BOTERO. MILLE MIGLIA: NOI C'ERAVAMO.

SCENARI_
36
6,3
3

PE
PER
P
ERCEN
CE
ENTUA
ALE
L
D PAR
DI
AR
RTI C
CES
CE
SARE
SARE
A I
IN
N ITA
TA
T
ALIA
A
( n
(pu
nte
ed
de
el 60%
%
in
n Cam
Campan
a ia))

FRONTIERE

35
3
5%

DEII PA
ARTI
CESARE
CE
AREII AVVI
V ENE
NE
NEG
EGLI
LII OSP
PEDA
DA
ALI
PUB
UBBLI
BLI
B
LICI,

6 %
60

N I CE
NEI
CENTR
NTR
TRI
PRIVATI
AC
A
ACC
CCR
RED
DIT
DITA
TATI

37
7,6
6%

Shutterstock

D LE
DE
DEL
L DON
D NN
DO
NE
FA
A ALM
ME
EN
ENO
NO 7
ECO
EC
ECO
C GRA
R FI
RA
F
FIE
DUR
DU
URANT
AN E LA

Non complichiamoci la vita fin dalla nascita


Disinformazione, disservizi, paure infondate e troppi parti cesarei dietro un evento assolutamente naturale.

are alla luce un figlio dovrebbe essere, in


fondo, un evento naturale, visto che lo si fa
da milioni di anni. Eppure diventa, e succede
soprattutto in Italia, affare complesso e ansiogeno, in cui si arrivano a fare nove ecografie
(una al mese) e si finisce per partorire con il
cesareo anche quando non ce n bisogno:
abbiamo, non a caso, il primato europeo di parti
cesarei (il 36 per cento circa del totale).
Davvero non pu essere altrimenti? Se lo chiede
il saggio della giornalista Rossana Campisi Partorirai con dolore: affrontare gravidanza e maternit
evitando le trappole del sistema italiano (Bur), e la
risposta s. Certo che si pu fare in altro modo.
Cambiando abitudini, mentalit, luoghi comuni,
paure infondate. Grazie ai farmaci e alle tecniche
salvavita, in sala parto non si muore pi, ma medicalizzare la gravidanza e la nascita ha portato a un
boom eccessivo di parti cesarei riflette Campisi.
Dietro allabuso dei cesarei ci sono vari fattori: la
medicina difensiva e il timore di contenziosi legali,
lansia della futura mamma, la sua paura del dolore.

Ma che il parto con il taglio sia privo di rischi falso:


rispetto a chi partorisce in modo naturale, la donna
che sceglie lintervento chirurgico ha un rischio triplo
di complicazioni e decesso (a dirlo il Ministero della
salute); dopo il cesareo si torna a casa non prima di
due-tre giorni (anzich dopo poche ore) e il dolore
post-parto molto pi intenso.
Insomma, il cesareo non un intervento magico.
Ma se una donna teme il dolore del parto spontaneo,
una buona soluzione lepidurale. Che per meno
praticata di quanto potrebbe continua Campisi,
citando come questa anestesia locale sia gratuita
e garantita 24 ore su 24 solo nel 16 per cento delle
strutture italiane. Nel resto dei casi, si pu averla in
certe fasce orarie, e non la notte (se non pagando).
Un medico di Napoli mi ha fatto una previsione
inquietante conclude Campisi. Secondo lui, la
manualit necessaria per un travaglio fisiologico si
sta perdendo e fra 50 anni tutte le donne partoriranno
con il cesareo, perch nessun giovane medico sapr
pi che cosa fare in sala parto.
(D.M)
RIPRODUZIONE RISERVATA

Partorirai
con dolore
il saggio di
Rossana Campisi
su maternit
e gravidanza
(Bur, 233 pagine,
14 euro).

9 settembre 2015 | Panorama

29

SCENARI_SOCIAL

Prova di forza per iPhone 6S


2OO

175

15O

Numero di pezzi venduti per anno fiscale

Tra le novit dei due prossimi smartphone di Apple, in arrivo a fine mese, il Force touch (e molto altro).

tto anni fa, con il primo iPhone, Steve


Jobs dimostr pregi e agi del contatto
diretto tra polpastrelli e display, affossando per sempre i tasti fisici sul
telefonino. Tim Cook, suo successore
alla guida di Apple, pronto a inaugurare la prossima era dellinterazione
con lo smartphone: il Force touch. Potrebbe
variare il nome, non leffetto, simile al tasto
destro del mouse: premendo con forza sullo
schermo, si accede a un elenco di funzioni
aggiuntive. Per esempio, sfiorando il titolo di
una canzone, il brano parte come di consueto;
toccando il vetro pi a lungo, si apre un menu
che consente di aggiungerlo o cancellarlo da
una playlist. Sar questa la novit principale

delliPhone 6S e del suo fratello maggiore 6S


Plus, che verranno presentati mercoled 9
settembre e dovrebbero arrivare nei negozi
qualche settimana pi tardi.
Lattesa alle stelle e da tempo sul web
partita la corsa per sbarazzarsi dei vecchi modelli: solo sul portale di annunci Kijiji, le offerte
di vendita delliPhone 6 sono aumentate del 32
per cento rispetto a tre mesi fa. Daltronde, lo
testimonia la galoppata dei numeri del grafico qui
sotto, il melafonino sempre pi presente nelle
nostre tasche. Ecco com cambiato e cresciuto,
anche nel prezzo, dalle origini a oggi. E come
gli altri produttori tentano di respingere la sua
travolgente avanzata.
(Marco Morello)
RIPRODUZIONE RISERVATA

iPhone 3G

125

iPhone
1OO

75

5O

Steve Jobs lo svela il 9


gennaio, dal 29 giugno
disponibile on line e in 164
negozi della Apple negli
Stati Uniti. Due le versioni:
con 4 giga (499 dollari)
e 8 giga (599 dollari).
Il display ha 3,5 pollici,
la fotocamera 2 megapixel.

DIMENSIONI
115 X 61 X 11.6 mm

Il primo modello
non mai arrivato
ufficialmente in Italia
(in Francia, Inghilterra
e Germania s),
il secondo debutta
da noi l11 luglio, a
partire da 499 euro.
Lo schermo ha gli
stessi pollici del
precedente, ma le
dimensioni aumentano
appena. Di serie c la
connettivit 3G: sul
web corre pi veloce.

iPhone 4

iPhone 3GS

Inizia la tradizione che


sar onorata negli anni
dispari: design
identico a 12 mesi
prima, prestazioni
superiori. Dal
processore alla
fotocamera, il cui
sensore sale da 2 a 3
megapixel. Cresce il
prezzo base: 599 euro.
Ma ha 16 giga
di spazio, non pi 8.

Non cambiano le
dimensioni dello
schermo, per il resto
a dieta: si asciuga di 4
millimetri in larghezza e
di 3 in spessore. Pi
snello e vezzoso: oltre
che nero, bianco.
Da 659 euro in su.
DIMENSIONI
115.2 X 58.6X 9.3 mm

iPhone 4S

boom: vende 4
milioni di pezzi in tre
giorni dal lancio. La
fotocamera arriva a
8 megapixel, 3 pi di
prima; lo spazio per
foto, musica, app
e video raggiunge
i 64 giga, ma
per averli occorre
sborsare 899 euro.
La sorpresa
lassistente
vocale Siri.

72,29
MILIONI
DI PEZZI

DIMENSIONI
115.5 X 62.1 X 12.3 mm

1,39
MILIONI
DI PEZZI

2O,73

39,99
MILIONI
DI DOLLARI

MILIONI DI PEZZI

25

2OO7

11,63
MILIONI
DI PEZZI

2OO8

2OO9

2O1O

2O11

iPhone 6 iPhone 6S

Rivoluzione nel look


e addio al Jobspensiero, nemico degli
schermi grandi. Il
modello standard ha
4,7 pollici; quello Plus
5,5. un trionfo: 10
milioni di pezzi vanno
via in 3 giorni. Prezzo
base fermo a 729 euro,
ma la versione da 128
giga del Plus rompe
il tab dei mille euro
(1.059 euro).

DIMENSIONI
138.1 X 67 X6.9 mm

125,5
MILIONI
DI PEZZI

DIMENSIONI
123.8 X 58.6 X 7.6 mm

iPhone 5

G
Guadagna
quasi 9
millimetri di altezza
m
perr ospitare il display
da 4 pollici, contro
d
i 3,5 di tutte le
generazioni
n
passate.
Eppure 18 per
cento pi sottile
d
del 4S e pesa il 20
per
pe cento in meno.
Il prezzo base
729 euro.

iPhone 5S

Doppia sorpresa, con


nuove cromie a fare
da filo conduttore.
Il successore
delliPhone 5, oltre
a un sensore che
permette di sbloccarlo
con limpronta digitale,
sfoggia un inedito
colore oro. Si parte da
729 euro, che scendono
a 629 per liPhone 5C:
un modello in azzurro,
verde, rosa, giallo e
bianco con materiali
meno pregiati, pensato
per solleticare un
pubblico pi ampio.

Se la forma rester
identica, anche per il 6S
Plus, atteso qualche
aggiustamento per
i materiali: si parla di
alluminio pi resistente.
Come da tradizione, il
processore guadagner
velocit, alla pari della
navigazione sul web,
ma il salto di qualit
riguarder il sensore
della fotocamera:
da 8 megapixel salir
a 12. Anche la batteria
dovrebbe durare un po
di pi. Se il design non
subir modifiche,
si parla di unopzione
in pi nella gamma
dei colori: ad argento,
grigio siderale e oro,
si affiancher il rosa.

169,22
MILIONI
DI PEZZI

I RIVALI

Larmata dei concorrenti della mela risponde da


Berlino dove, fino al 9 settembre (lo stesso giorno
dellevento Apple) in programma lIfa: la grande
fiera internazionale annuale dedicata
allelettronica di consumo. Tra i pi credibili
antagonisti delliPhone 6S c il terzetto
di Xperia Z5 di Sony Mobile: versioni da 5,2 pollici
o compatta da 4,6 pollici con unevoluta
fotocamera con un sensore da ben 23 megapixel;
variante premium da 5,5 pollici, con in pi un
luminoso e nitidissimo schermo 4K, quello delle tv
di ultima generazione. A scontrarsi con liPhone
6S Plus ecco il nuovo Galaxy S6 Edge+
di Samsung (foto sopra): schermo curvo da 5,7
pollici, potenza e velocit racchiuse in un design
raffinato. Prezzo: 839 euro. Al segmento
dei phablet, incrocio tra smartphone e tavoletta,
appartiene anche lultimo arrivato nella famiglia
Mate di Huawei, che tra i punti di forza ha una
grande batteria dalla durata generosa. Mentre
una valida alternativa low cost il Liquid Z630 di
Acer, con schermo sempre di taglia XL: 5,5 pollici.
Arriva questo mese a 229 euro. (M.M. da Berlino)

150,26
MILIONI
DI PEZZI

2O12

2O13

2O14

9 settembre 2015 | Panorama

31

SCENARI_

CULTURA
1

1. Lo studio rosso
di casa Balla,
a Roma.

2. Il trittico
Maggio,
proveniente
dal palazzo
della Consulta.
3. Estate, olio
su tela del 1918.
4. Dubbio,
un capolavoro
del 1907-08,
alla Galleria
darte moderna
di Roma.

Questo Balla da sballo


Lintero percorso artistico del futurista in una mostra alla Fondazione Magnani Rocca, vicino a Parma, dal 12 settembre.

na pillola di Giacomo Balla andrebbe prescritta a tutti gli italiani, come fosse un antidepressivo, in questa penisola fiaccata dalla
crisi, ingrigita dallincertezza, con gli occhi
bassi a tirare sera e nessuna idea di futuro.
Il pi eretico, geniale, carismatico dei futuristi aveva postulato lobbligo dellallegria
giusto 100 anni fa. Con Fortunato Depero, firmava nel
1915 quel manifesto di Ricostruzione futurista delluniverso che invitava a ricreare il mondo, ad agire con
limmaginazione in ogni ambito del creato. Glielo
aveva insegnato Filippo Tommaso Marinetti: Larte
prima di noi fu ricordo, rievocazione angosciosa di
un oggetto perduto (felicit, amore, paesaggio). Col
Futurismo diventa invece azione, ottimismo, gioia,
proiezione in avanti.
32

Panorama | 9 settembre 2015

Il Paradiso perduto, insomma, il latte versato,


ma larte pu inventare un Eden migliore. Eccolo,
allora: vecchio di un secolo, ma nuovo come fosse
doggi, questo giardino delle meraviglie va in mostra
alla Fondazione Magnani Rocca di Mamiano di Traversetolo (Parma), dal 12 settembre all8 dicembre.
Giacomo Balla. Astrattista futurista, a cura di
Elena Gigli e Stefano Roffi (catalogo Silvana editoriale), la rassegna che ricostruisce (con oltre 80
pezzi) lintero percorso artistico di Balla. Oggetti,
arredi, vestiti, dipinti restituiscono la vitalit di una
stagione veramente aurea dellarte italiana. Ci sono
capolavori mai esposti prima, come la Fontana proveniente dalla Banca dItalia; o ancora Linee forze
di paesaggio + Sera del 1917-18. Ci sono i capisaldi
della sua produzione, sempre informati di poesia,

5. Giacomo Balla
davanti a una sua
opera e con indosso
labito futurista
da lui creato.

6. Ritratto
della madre,
olio su lamiera
del 1925.

come il trittico Maggio, in arrivo dal palazzo della


Consulta; o anche il Dubbio, capolavoro assoluto
che ritrae una magnetica Elisa, la moglie che insieme
con le figlie (Elica e Luce) sar presenza precipua
nella vicenda umana dellartista cos come in quella
creativa. Le opere arrivano dalle collezioni private
pi importanti e dai pi grandi musei italiani (gli
Uffizi, la galleria di arte moderna di Roma, il museo
del Novecento di Milano, la galleria darte moderna
di Torino, il Mart di Rovereto), e sono tutte uscite da
Casa Balla: quellappartamento romano che esiste
ancora in via Oslavia 39b e dove il grande sperimentalista cre e abit fino alla morte.
Prima della scomparsa delle due figlie (vestali
e custodi dellopera e della memoria paterna, morte
allinizio degli anni 90) Casa Balla, che era sempre
aperta a studiosi e collezionisti, era un caleidoscopio
sorprendente di quadri, oggetti e suppellettili dipinte.
Entrarvi era come abitare la pittura. Ogni centimetro quadrato era decorato, dipinto, reinventato. In
quellambiente, la fantasia generatrice dellartista

aveva cancellato qualunque tratto della vita borghese,


creando un mondo inedito. Ora per tutto in abbandono. Con loccasione di questa importante rassegna,
non sarebbe male, dunque, se lattenzione delle istituzioni si posasse nuovamente su quella casa-studio
(di cui molte fotografie saranno in mostra).
Altrove lavrebbero forse trasformata in un museo, magari come accaduto per lo studio di Francis
Bacon a Londra (pur decontestualizzato e ricostruito)
oppure per la casa di Rembrandt ad Amsterdam (che
attira folle di visitatori). Qui da noi, invece, terra di
paradossi, tutto sta appassendo dentro impolverati
scatoloni e buste di plastica come nota Elena Gigli,
nonostante Casa Balla sia giustamente vincolata
dalla Soprintendenza gi dal 2004. Basterebbe poco
per restituire un senso a quella casa. Aprendola al
pubblico potremmo recuperare un pezzo importante
del nostro patrimonio artistico. Ridando vita al sogno
di una Ricostruzione futurista delluniverso.
(Antonio Carnevale)
RIPRODUZIONE RISERVATA

9 settembre 2015 | Panorama

33

SCENARI_CULTURA

Torna la scrittrice da un miliardo di lettori


Esce l8 settembre il terzo volume di After, nuovo capitolo della fortunatissima saga della 26enne Anna Todd.

Le copertine
dei tre volumi
di After, la saga
di Anna Todd:
il terzo capitolo,
intitolato
Come mondi
lontani, sar
nelle librerie
italiane
dall8 settembre
per Sperling
& Kupfer.

34

Panorama | 9 settembre 2015

Alla fine tutto va bene, ma solo dopo che


Tessa avr scelto tra se stessa e lamore.
A scrivere un capitolo, Anna ci mette
un paio dore (spinta dalla voglia di sapere
come andr a finire, dice paradossalmente,
perch un piano in mente non ce lha) e, se
perde lispirazione, ritrovarla semplice:
Per entrare nella mente di Hardin sostiene mi leggo un paio di pagine di Orgoglio
e pregiudizio o di Cime tempestose.
Usando questi meccanismi, Anna
Todd ha scritto anche un prequel, Before,
in uscita negli Stati Uniti l8 dicembre: lo
vedremo forse in Italia ad aprile 2016. Il
romanzo esplora la vita di Hardin prima
dellincontro con Tessa e dopo le vicende
di After, rivelando Pov (acronimo di
point of view, un altro punto di vista
della stessa storia, come in Grey della
James) inediti dei personaggi. E gi si
aprono le porte degli spin off: pare che la
Todd sia allopera sulla storia di Landon,
uno dei personaggi secondari di Afterispirato a un altro dei membri degli One
direction, forse Liam. (Stefania Vitulli)
RIPRODUZIONE RISERVATA


Anna Todd,
texana, 26 anni:
ha iniziato
a scrivere racconti
sulle community
online,
come Wattpad,
totalizzando
un miliardo
di lettori.

JD Witkowski

nna Todd e la sua saga After sono


il fenomeno editoriale mondiale
del momento. Oltre un miliardo
di lettori conquistati grazie alle
visualizzazioni online su community di scrittura come Wattpad; e
oltre 2,3 milioni di copie vendute
nei 28 Paesi in cui finora stata tradotta.
LItalia, dove Todd pubblicata da
Sperling & Kupfer, non fa eccezione: 350
mila copie per i primi due volumi, entramm
bi sempre nei primi dieci posti della classifica; cinque milioni di commenti sui social
fic
network e sulle community, 11 milioni
ne
di like su Facebook. E i piani editoriali
la
lasciano supporre che con la pentalogia
di After (negli Usa i volumi sono quattro,
ma da noi il terzo stato diviso in due)
m
ci faremo i regali di Natale: l8 settembre
esce After 3. Come mondi lontani (416
es
pagine, 17,90 euro), il 6 ottobre After 4.
p
pa
Anime perdute, e il 10 novembre il quinto
A
e ultimo Amore infinito.
Intanto la Paramount si aggiudicata
i diritti per il film. Mica male, per una
26enne texana che ha mollato luniversit
(la rendeva infelice), si sposata a 18
anni con un soldato in partenza per una
missione, e per ammazzare i pomeriggi
di solitudine si iscritta a Wattpad (dove
la trovate sotto la sigla @Imaginator1D),
la pi grande community globale di lettori
online. Chi siscrive prima o poi scrive.
Cos Anna ha cominciato a digitare la storia di Tessa, una ragazza acqua e sapone,
e il suo fidanzato Hardin, sexy e dannato
(ispirato a Harry Styles della boy-band degli One direction) con la formula sex for
young adults, ispirata dichiaratamente
a E. L. James, lautrice della saga delle
50 sfumature.
Il terzo volume prevede una svolta:
Tessa deve partire, sicura dellamore di
Hardin, ma non della sua voglia di cambiare per lei, e lui la solita mina vagante.

IN EDICOLA LA PROSSIMA SETTIMANA

superanteprima

MAD MAX
FURY ROAD

36

Panorama | 9 settembre 2015

Da gioved 10 settembre
il dvd e il blu-ray con Panorama
e in streaming su Panorama.it

Lultimo film della strepitosa saga di Mad Max, ex poliziotto


in lotta contro un futuro dispotico e violento.

lla fine degli anni Settanta, con carismatico britannico Tom Hardy.
un budget ridotto allosso, Ge- Accanto a lui c una nuova eroina
orge Miller mise insieme un interpretata da Charlize Theron, merombante luna park di moto e ravigliosa anche coi capelli rasati.
automobili coi motori truccati;
In una realt dove la civilt umana
scelse un attore sconosciuto che ormai collassata Max (Hardy), uosi chiamava Mel Gibson; us le strade mo ossessionato dalla perdita della
desertiche dei dintorni di Melbourne famiglia, catturato dai Figli della
per catturare lenergia grezza di cata- Guerra, unarmata di esaltati combatstrofiche scene dazione. E diede vita tenti guidati dallautoritario Immora Interceptor (Mad Max), il primo film tan Joe (Hugh Keays-Byrne). Tra quedi una trilogia diventata leggenda.
sti c Nux (Nicholas Hoult),
A distanza di 36 anni il regista re- guerriero debilitato che usa Max a
gala un nuovo entusiasmante tassel- mo di sacca di sangue per una tralo della saga. Tra inseguimenti e duel- sfusione. Quando limperatrice Fuli in universo post-apocalittico, dove riosa (Theron) si ribella fuggendo per
le gang si sfidano per benzina e acqua la Terra Desolata su un blindato da
in un mondo perduto nella follia, il combattimento insieme alle cinque
Guerriero della strada
mogli di Immortan, Max
A sinistra, i due
si ritrova coinvolto nellaritorna. Ed ecco Mad Max:
protagonisti
Guerra di Strada, appeso
Fury Road, prossima ante- di Mad
Max Fury Road
in azione:
a testa in gi al tettuccio
prima in dvd in uscita con
Tom Hardy
di un bolide, mentre tonPanorama il 10 settembre.
(Max Rockatansky)
Lex poliziotto che
nellate di metallo passano
e Charlize Theron
viaggia in un futuro dispo- (Imperatrice Furiosa). a pochi centimetri dal suo
Sotto, Hugh Keaystico e violento ha oggi un
viso. A bordo di veicoli
Byrne nei panni
di
Immortan
Joe.
volto diverso, quello del
infernali lesercito della
Cittadella si scatena sulle dune per
accerchiare Furiosa. Intanto Doof
Warrior raduna gli squadroni della
morte urlando al microfono rock and
roll hardcore diffuso a tutto volume.
Pochi i dialoghi, mentre corse sfrenate, fiamme, spari e distruzione si
rincorrono a ritmo demoniaco. Miller
ci ha consegnato un altro cult.
n


LA TRILOGIA
DI MAD MAX
Mad Max Fury Road uscir
con Panorama gioved
10 settembre: il dvd a 16,90
euro (rivista inclusa);
il blu-ray a 19,90 euro
(rivista esclusa). Quel
giorno in contemporanea
uscir il cofanetto con
i primi tre film della saga, a
19,90 euro (rivista esclusa):
i tre film sono: Interceptor;
Interceptor Il guerriero
della strada; Mad Max
Oltre la sfera del tuono.

RIPRODUZIONE RISERVATA

9 settembre 2015 | Panorama

37

TRA
DI
MEN
TO

COPERTINA

Perch
non possiamo
farne
a meno

38

Panorama | 9 settembre 2015

di Raffaele Panizza

Artem Furman

Linfedelt, anche quella


dichiarata, in aumento.
E la tentazione di fuggire
dal partner sempre
in agguato. Ecco come si pu
spiegare lirresistibile voglia
(per uomini e donne) di avere
un amante. E che cosa,
secondo studiosi, psicanalisti
e sacerdoti, succeder
in un futuro non molto lontano.

XXXXXXXXXXXXX

0 mese 2015 | Panorama

39

C
COPERTINA

onfessare uninfedelt nel Duomo di Milano, alle sette e mezza


di un luned mattina, costa una
penitenza intelligente e tuttaltro
che facile da assolvere: quindici
minuti di silenzio. Niente filotto dAvemaria. Niente prediche
prolungate, salvo un discutibile
quando si tradisce si tradiscono
anche i figli e un classico quante volte, figliolo?. Dopo i primi
secondi di domande specifiche,
sorprendentemente, largomento
non si tocca pi. Salvo il consiglio
spassionato, che arriva prima del congedo, di rivolgersi al nuovissimo Ufficio separati che inaugura l8
settembre presso larcivescovado di Milano, perch
prima ci si separa nel cuore, e solo poi si tradisce. Ci
vada con la sua sposa.
Curioso constatare come il tradimento desti meno
scandalo in una cattedrale di quanto non faccia nella
laica societ occidentale. bastato infatti che un
gruppo di hacker un po guardoni e un po paladini
dei consumatori craccasse il sito dincontri extraconiugali AshleyMadison.com pubblicando nomi
e indirizzi mail di parte dei sui 37 milioni discritti,
per far emergere quanto contraddittorio, moralista,
voyeur, sanguigno e da lettera scarlatta sia lapproccio pubblico verso il tema dellinfedelt. Ogni

40

Panorama | 9 settembre 2015

quotidiano di provincia, sia in Italia che allestero,


s subito ingegnato a calcolare quanti adescatori comparissero tra i propri cittadini, traendone
conclusioni antropologiche su come sia doppia, e
in buona sostanza finta, la vita di ciascuno. Secondo la polizia di Toronto, tre suicidi avvenuti nelle
scorse settimane (il tasso di suicidio tra gli uomini
canadesi di tre volte superiore a quello femminile) sarebbero avvenuti proprio a causa del senso di
vergogna seguito allo smascheramento. Stelle di
reality show conservatori, paladini in America della
monogamia e della famiglia cristiana, hanno dovuto
fare pubblica ammenda per la loro insopportabile
ipocrisia. Senza contare le rivelazioni di Ed Stetze
nel blog The exchange pubblicato dal sito ChristianityToday.com: Circa 400 tra pastori, leader religiosi
e diaconi si dimetteranno nelle prossime settimane
perch iscritti a Madison. Contemporaneamente,
uomini di ogni et, anche in Italia, si sono fiondati
presso le redazioni locali per chiedere che la lista
dei nomi fosse cestinata: Se pubblicate il mio sono
rovinato. Un sentimento di messa alla gogna simile
(continua a pag. 43)

LE MISURE DELLE CORNA

Un ufficio internazionale di statistica del tradimento


non esiste. Ci sono per studi sociologici e psicologici,
articoli giuridici e sondaggi (pi o meno affidabili)
realizzati tra i propri iscritti da siti di incontri come
VictoriaMilan e Gledeen, che regolarmente misurano
la temperatura del desiderio e relativi tassi dinfedelt.
Eccone alcuni in queste pagine.

36 4
25

Secondo
un sondaggio
tra le utenti
fedifraghe di
Victoriamilan.it
il 36 per cento
delle donne
over 45 sogna
un amante
di dieci anni
pi giovane.

OGNUNO LO FA A MODO SUO

Dal responsabile alla scatenata, dal potenziale pornoattore alla cougar: tipologie a confronto.

LUI LEI

IL TRADITORE MITOLOGICO
quello, tra i 40 e i 55 anni, con un lavoro creativo
e decisamente di performance che sente di aver perso
la spinta. Quindi, pi che unamante, cerca una musa.
Si innamora subito, ma si stanca in fretta. Livello
di pericolosit per il rapporto ufficiale: basso.
IL TRADITORE RESPONSABILE
Trasversale a ogni et e ceto sociale,
il traditore-tradito, colui che ritiene di
aver lanciato decine di campanelli
dallarme sulla crisi di coppia, ma di non
esser mai stato ascoltato. Vive la
scappatella, che far emergere, come
lultima spiaggia per avviare un
confronto. Pericolosit: medio-alta.
IL TRADITORE JOGGING
Quarantanni, il traditore superficiale, in
crisi da giovinezza perduta, che cerca nella
relazione extraconiugale nuove scosse
endorfiniche e sensazioni fisiche perdute.
Non si accontenter di una volta per:
questo sicuro. Pericolosit: alta.
IL TRADITORE MISOGENO
Si sposato in maniera pigra, perch in fondo
lo fanno tutti e la vita quella. In realt non s
mai innamorato, ritiene che il maschio sia
un cacciatore naturale e tradisce serialmente
sicuro che non ricever mai pan per focaccia
perch le donne, in fondo, amano soffrire.
Farebbe il pornoattore, se potesse.
Livello di pericolosit: massimo.
IL TRADITORE DA ATOLLO
il pi equilibrato di tutti: felicemente
accasato, rispettoso della libert della
partner e geloso della propria, non ha
mai detto io mai, ma di fatto non c
cascato. Se si trova alle Maldive per
lavoro per, e una meravigliosa
donna daffari di Shanghai
gli offre un drink, e il sole
tramonta, e dire di no
quasi da moralisti,
allora chiss. Livello
di pericolosit:
nullo.

LA TRADITRICE BIBLICA
Assumendo, dati alla mano, che ci sia una minore spinta
naturale della donna a tradire, esiste tuttavia la figura
tremenda della fedifraga occhio per occhio, quella che
si vendica di corna presunte o subite, pianifica, colpisce,
non si pente. Livello di pericolosit per la coppia: altissimo.
LA TRADITRICE COUGAR
Ormai il vaso di pandora si aperto, ai ragazzi
piacciono le donne anta (le cougar, appunto),
e pure viceversa. Alcune hanno denaro da
spendere e una buona posizione, e fanno
divertire parecchio i loro toyboy. Non
lasciano il marito, dicono, perch gli
alimenti si troverebbero a pagarli loro.
Pericolosit per la coppia: medio bassa.
LA TRADITRICE BEAUTY FARM
Si muove nellombra, totalmente sotto
controllo, anche in l negli anni, e non
confessa il suo lato nascosto nemmeno alle
amiche. Si concede un ingresso nel centro
benessere di una relazione parallela due, tre
volte lanno, come rabbocco dautostima.
A casa tutti felici. Pericolosit: minimo.
LA TRADITRICE DI POTERE
quella stimolata dalle relazioni di potere in
ufficio, che rivolge le sue attenzioni verso gli
estremi del prestigio lavorativo: o linarrivabile
superiore, con rischi connessi, oppure
laltrettanto inarrivabile stagista. Ci ricasca
sempre. Pericolo per la coppia: alto.
LA TRADITRICE SCATENATA
quella che fa con lamante tutte le
cose che non osa neppure chiedere,
o accettare, dal compagno ufficiale:
posizioni a letto, concessioni
alternative, luoghi ameni. Quando
torna a casa, al posto di
abbeverare il rapporto,
abbevera le piante.
Pericolosit per il
matrimonio: massime.

9 settembre
em
emb
mbr 2015 | Panorama
mb

41

UN BENE PER LA COPPIA. NO, LA UCCIDE


Uno scrittore, un con
conduttore televisivo e una sociologa dicono la loro.

S S, MA... NO

Emanuele Trevi
Emanu

E
Emanuele
l Trevi
T i scrittore
itt
ammogliato con
scrittrice. Nel 2009 convola a nozze con
Chiara Gamberale davanti al sindaco di
Trevignano (Treviso) che per loccasione
compone una poesia: Siate felici per
quanto potete. Si trovano in vacanza in
Grecia quando li disturbiamo per ottenere
da lui lapologia del tradimento.
Il caso Ashley Madison ha scatenato il
Grande Fratello delle corna.
Questi hacker li condannerei a morte pur
essendo contrario alla pena capitale.
Dobbiamo liberarci di gente simile come
dellIsis.
Addirittura.
Il tradimento un fatto privatissimo. Ci sei
tu e laltro, punto.
Che cos la monogamia?
una convenzione idiota, una
prevaricazione che poteva avere un senso
nella civilt contadina o nellet della
pietra, non oggigiorno. La monogamia
contro natura.
Lei legatissimo a sua moglie.
La propria stella polare sempre e
soltanto una persona. Con Chiara facciamo
un gioco: con chi passeresti lultima sera
dellumanit? Non abbiamo mai dubbi
sulla risposta. Quindi il tradimento fa bene
alla coppia. Nelle societ libertine
fioriscono le arti, le scienze, la qualit della
vita migliora. La monogamia un ideale
oppressivo che produce societ di
quartordine, canzonette di Sanremo e
femminicidio. Il pi grande insegnamento
diffuso sugli aerei: prima di mettere la
maschera dossigeno a vostro figlio
mettetela a voi. Devi stare bene per far
stare bene.
(A.C.)

42

Panorama | 9 settembre 2015

Fresco di paternit, divorziato, libertino,


Gene Gnocchi sul caso Ashley Madison si
fa serio e dice la sua: Devo ammettere
che questa prurigine intorno a un tema
cos antico, e comune a tutti, mi ha
turbato.
Lei ha mai promesso fedelt eterna?
Mai. I miei due capisaldi esistenziali sono
Ennio Flaiano, che sosteneva giustamente
che ogni donna ti prospetta una vita
diversa, e Jean Dubuffet, secondo cui ogni
pensiero tributario dellistante. La vita
non pu essere ingabbiata. Il tradimento
nelle cose.
Durante il primo matrimonio ha molto
praticato?
S. Io e mia moglie nascondevamo
levidenza: lei fingeva di non sapere, e io
facevo finta di credere che lei non sapesse.
La sua infeldelt ha fatto durare di pi o
di meno il suo matrimonio?
Di pi.
Come ha spiegato la sua visione alla
nuova compagna?
Con lei ho fatto un figlio a 58 anni, ho
cambiato vita, e forse let mi viene un po
in soccorso. Se ricapitasse, e non ne sento
la necessit, sarebbe una cosa da mezza
giornata e non di pi.
p
Ha intenzione di risposarsi?
siderando lidea.
Sto considerando

Gene Gnocchi
nocchi

Chiara Saraceno

Classe 1941, sociologa della famiglia e


autrice per Feltrinelli di Coppie e famiglie,
sposata col politologo Gian Enrico
Rusconi: Se scoprissi mio marito su
Ashley Madison? Lo lascerei.
Per gelosia?
Per tristezza. Lidea che un uomo non
abbia il coraggio di affacciarsi allavventura
e vada a cercarsi storie di sesso in un
ambiente protetto come quello di un sito
internet per fedifraghi, deprimente.
Il suo primo ricordo legato al concetto di
fedelt?
La posta del cuore delle riviste femminili
degli anni Sessanta, con le opinioniste che
consigliavano alle donne di perdonare,
sempre.
Erano sagge?
Per quel contesto culturale. Ma anche
oggi, per una donna, ricominciare non
facile: le statistiche confermano che gli
uomini si risposano pi facilmente. Per noi,
il mercato matrimoniale e delle avventure,
restano temporalmente brevi.
Negli anni Settanta si teorizzava la
coppia aperta.
S. Ma non funziona. Dopo uno po, uno dei
due comincia a interrogarsi sulle proprie
mancanze, sul perch non basti allaltro, e
tutto crolla. Se si ha interesse profondo
luno per laltra, se si vuol stare assieme, la
fedelt aiuta.

COPERTINA

(segue da pag. 40)

a quello che esplode in occasione degli scandali per


corruzione, e che colpisce indistintamente uomini
e donne nonostante i dati sottratti dimostrino una
preponderanza di uomini schiacciante (20 milioni i
profili attivi contro i 10 mila femminili. Gli altri iscritti, emerso, sono falsi o dormienti). di queste ore
la notizia, per esempio, di due donne di Biella che da
mesi pagavano gli ex amanti (una aveva gi versato
3 mila euro) per comprarne il loro silenzio, vittime
di questa moderna forma di estorsione.
Le forze in campo, perci, appaiono intricate,
divoratrici luna dellaltra, paradossali e contraddittorie. Il tradimento vissuto come un piacere,
ma anche con uno strano senso dassedio: ragazze
molto giovani che non disdegnano uomini maturi,
cinquantenni a cui piacciono i ventenni, single che
prediligono le milf (cio le signore non pi giovanissime) e milf a cui piacciono i teenager E ancora: secondo uno studio condotto da David Schmitt e David
Buss per la Bradley University di Peoria, in Illinois,
oltre il 60 per cento dei single avrebbe ammesso di
fare regolarmente mate poaching, condotta rivolta
a spezzare una relazione matrimoniale e spingere
lagognato a intrecciarne una nuova, ovviamente con
s. Si gioca tutti contro tutti, insomma: tradiamo, ci
pentiamo, ci ricaschiamo, ci vergogniamo, vogliamo
essere perdonati, non perdoniamo.
In una societ fondata sulla comunicazione, la

70
25

Il 70 per cento
dei traditori
convinto
di non essere
stato tradito.

53
25

Il 53 per cento
delle single
e il 60 per cento
degli uomini
single ammette
di aver fatto
la corte a un uomo
o a una donna
sposati.

reputazione tutto: ecco perch le reazioni sono cos


smodate teorizza Mario Perniola, filosofo di fama
internazionale, autore del libro Il sex appeal dellinorganico (Einaudi) e uomo dalla lunga e sfumata
vita sentimentale grazie a tre matrimoni, altrettanti
divorzi, e una dorata condizione attuale da single:
Tutto ci che puzza di tradimento e vilt, nuoce . E
nonostante leco degli anni Settanta e certe direttrici
sociologiche di ritorno (leconomista francese Jaques
Attali predice: A che titolo si dovrebbero avere due
case e due cellulari e non pi relazioni? In futuro, la
monogamia sar considerata unimpostura) lepoca
della coppia aperta e dellesperienza poliamorosa
condivisa nellintimo delle persone appare lontana. In amore, lassoluzione di stampo cattolico
non trova quartiere, e la capacit di perdonare un
superpotere che molti si convincono di avere salvo
poi accorgersi di non riuscire a esercitarla avverte
Alessandro Lombardo, direttore scientifico del Centro
terapia di coppia di Torino, struttura tra le tante che
in questi anni hanno registrato unimpennata di
richieste daiuto da parte di coppie (almeno sette su
dieci) che prendono consapevolezza dei propri problemi solo dopo lesplosione di uninfedelt. Colpa
che spesso viene tenuta nascosta anche agli amici
pi intimi, riferiscono i terapisti, e che richiede una
convalescenza di almeno un anno per essere cancellatata. Anche perch, nella battaglia socio-emotiva
9 settembre 2015 | Panorama

43

COPERTINA

delle corna, a intrecciarsi al dolore del tradito e del


traditore c anche quello dei terzi, laltro e laltra,
non immuni da contraccolpi.
Ho appena troncato una relazione di un anno
con un uomo sposato racconta Laura, scenografa romana di 35 anni: Ogni volta che leggevo un articolo
sul tradimento mi sentivo in colpa ammette e pur
non essendo una bigotta ho cominciato a tormentarmi con pensieri strani: Laura, mi ripetevo, tu andrai
allinferno. Anche a livello giuridico il tradimento
elemento da purgatorio, fosse anche perpetrato in
risposta al pi tremendo dei coniugi: Se lavvocato
riesce a stabilire che linfedelt causa esclusiva
della rottura, chi ha tradito dovr pagare danni sia
biologici che morali, e avr ripercussioni anche sulla
successione spiega la matrimonialista romana Maria
Luisa Missiaggia, che in era tecnologica descrive le
nuove cause di divorzio con scappatella come fossero
maxiprocessi per terrorismo: richieste di tabulati
telefonici, computer violati da investigatori-hacker,
software spia installati sui telefonini. Una furia proporzionale al doloroso e intimo accorgersi, in controtendenza moderna, che la spinta alla fedelt una
sabbia mobile, o una piscina dacqua calda dipende,
in cui ci troviamo tutti immersi fino alla cintura.
Anche nelle societ dove la poligamia ammessa,
solo il 5-10 per cento degli uomini sceglie di avere pi
di una moglie fa notare lantropologa statunitense
Helen E.Fisher, autrice del best seller Why Him?

LA SINDROME

Dal cambio compulsivo del pin


allirritabilit: i classici sintomi
di una malattia ben diagnosticabile.

TRADIZIONALI

Resta in ufficio fino a tardi e sinforma ripetutamente sui


vostri impegni o spostamenti.

Comincia a vestirsi meglio, ma non secondo le vostre


indicazioni.

Si aggira per casa svogliato/a e irritabile, non si fa pi


raggiungere in ufficio per una serata assieme ma propone
incomprensibili incontri a met strada o direttamente sul
posto.

Tiene nel cassetto una quantit sospetta di soldi in


contanti: il denaro elettronico, come il rossetto, lascia tracce.

Smette di farvi complimenti e diventa rudemente


critico/a su come vestite e apparite.

Sulla soglia di casa non vabbraccia, ma si fionda in bagno

60
25

44

Panorama | 9 settembre 2015

a cancellare odori o in lavanderia ad abbandonare i vestiti.

TECNOLOGICI
Tra gli iscritti
ai siti dinfedelt
sei su dieci
ammettono
di spiare
il cellulare
e le mail
dei propri
partner.

Si precipita sulla busta dellestratto conto della carta


di credito e pretende di aprirlo per primo/a.

Imposta WhatsApp in modo che non possiate vedere


gli orari in cui si connette e cambia spesso stato, forma
di comunicazione segreta con lamante.

Inserisce, oppure cambia, il pin daccesso al telefonino.


Scorre spesso lindice da destra verso sinistra sullo
schermo del cellulare, gesto tipico di chi cancella dati.

Si iscrive a diversi car sharing per evitare che la sua


automobile privata possa essere notata davanti a hotel
o a luoghi inusuali.

SCOPRI COME SU DEPOSITONAZIONALE.IT Ogni giorno in Italia si producono riuti radioattivi:


negli ospedali, nelle industrie, nei laboratori di ricerca e nei vecchi impianti nucleari dismessi
oggi in via di smantellamento. un problema che riguarda tutti e che deve essere risolto oggi per
garantire la salute dei cittadini, la sicurezza dei lavoratori e la salvaguardia dellambiente. Il Deposito
Nazionale la soluzione che pu trasformare il problema in unoccasione di sviluppo. Unoccasione
che vogliamo cogliere nel modo pi trasparente possibile, confrontandoci pubblicamente con i cittadini,
le istituzioni e tutti i soggetti interessati. Perch insieme che costruiamo un futuro pi sicuro.

COPERTINA
Che cosa c dietro
al bisogno
di tradire il partner?
Di la tua sulla pagina
Facebook
di Panorama.

SENTIRSI NUOVI, CHE MALE C?


di Annalisa Chirico

Un paio di corna? E che sar


mai. capitato a tutti, almeno
una volta nella vita, di indossare
i panni del traditore e del
tradito. Per dirla in altri termini,
siamo tutti traditori cornuti.
Limportante rimanere fedeli a
se stessi. Nellantica Roma
limperatore Augusto confin a
Ventotene ladorata figlia Giulia
accusata di adulterio; se ne
dolse, ma non aveva scelta.
Oggi, nei confronti del
peccatuccio pi antico del
mondo ci attenderemmo una
tolleranza ben maggiore in
ossequio, anzitutto, al dovere di
rispettare la privacy altrui per
veder rispettata la propria.
Invece un rigurgito di
moralismo hacker innesca la
criminalizzazione delladulterio.
E dire che un numero
sterminato di coppie felici e
contente convive con quello
che un segreto e tale deve
rimanere. Guai a confessarlo
allaltro: ladulterio riguarda
esclusivamente chi lo
commette. Perci la rinuncia
alla pretesa di afferrare la
presunta verit dellaltro un
elisir di lunga durata in ogni
relazione sentimentale. Lasciate
stare, non sfruculiate, astenetevi
dallindagare ogni anfratto
dellesistenza altrui: non ne

46

Panorama | 9 settembre 2015

guadagnerete alcunch. Il
tradimento - che poi tale non
se serve a restare fedeli a se
stessi - non riguarda il partner
ma soltanto voi. Lanelito di
leggerezza, la voglia di fibrillare
come accade soltanto nella
primavera di un rapporto sono
bisogni legittimi del vostro io, il
solo a cui avete lobbligo di
restare fedele. un discorso
egoistico? Certo che lo , ma
nessuna storia damore
sopravvive senza una sana dose
di egoismo reciproco. La
frustrazione di un io
inappagato, monco, soffocato
nelle sue naturali aspirazioni
destinata a seppellire
qualunque rapporto a due. Un
amore rispettoso della privacy
altrui, senza nevrosi di
possesso, mette al riparo da
sfoghi violenti e delitti
cosiddetti passionali.
Accresce gli scambi tra le
persone rendendo le societ pi
prospere e vitali. Talvolta rende
meno doloroso un eventuale
distacco. In ogni caso ci
consente di abbracciare la vita
sentendoci a proprio agio nel
nostro io senza sensi di colpa se
un incontro inatteso riesce a
solleticarci come non accadeva
da tempo. Sentirsi nuovi per
qualcuno, in fondo che male c.

37
25

Sono 37 milioni
gli iscritti al sito Ashley
Mason. Le donne,
a differenza di quanto
emerso in un primo
momento anche
a causa di profili falsi,
sarebbero soltanto
poche migliaia.

milioni

sollevato polemiche per la campagna daffissioni a


target femminile che ha tappezzato Parigi: Contrariamente agli antidepressivi, farsi un amante non
pesa sulla sanit pubblica recitava uno slogan. E le
metropoli europee sono sempre pi punteggiate di
comode alcove offerte da tutti i grandi alberghi: con
70 euro si pu incontrare lamante in un cinque stelle
lusso, con uso della Spa e pochi limiti orari: dalle 10
alle 18, la stanza a completa disposizione (i gestori
di Dayuse.com dichiarano unimpennata da 400 a
1.500 alberghi convenzionati in tre anni). Caterina
Varzi, allieva dello psicanalista dellamore Aldo
Carotenuto e musa di Tinto Brass, ritiene che con
tre piccoli appunti mentali il mare potrebbe essere
meno agitato: Uno: traditore e tradito, sono sempre
complici. Due: la fedelt da rispettare quella verso
se stessi. Tre: il matrimonio che lega una coppia non
quello istituzionale, ma il matrimonio interno. Ed
forse il tentativo di tenere in piedi questo equilibrio
che spinge molte donne sposate tra le braccia dello
scrittore e gigol Roy Dolce, autore di Amore in contanti insieme allo psicologo Alessandro Pedrazzi:
La voglia di tradire una fiammella sempre accesa,
che spesso si tiene a bada, ma qualche volta no. E
quando la relazione diventa stagnante, entro in gioco io. Perch pagare? Per non tradire davvero. Me
lhanno confidato in tante: vengono a letto con me,
n
per rispetto verso il marito.



RIPRODUZIONE RISERVATA

(3) Gettyimages, (1) Corbis, (1) Marka, (1) Shutterstock

Why her?: La monogamia, la condizione normale


dellhomo sapiens. Archetipo che duella contro una
propensione a tradire, o ad ammettere di averlo fatto,
cresciuta regolarmente: se gli studi di inizio Novecento in ambito occidentale parlavano di un 28 per cento
di uomini e 24 di donne che si dichiaravano adulteri
almeno una volta nel corso della vita matrimoniale
(negli anni Cinquanta il Rapporto Kinsey parlava del
33 e del 26 per cento), con gli ultimi studi si tocca il 74
per cento per lui e il 54 per lei. Unaltalena di vorrei e
non posso agitata da decine di spinte: La vita breve,
concediti unavventura il motto di AshleyMadison.
In Francia, un sito gemello come Gledeen.com ha

FUORI CONTROLLO

Dan Kitwood /Getty Images

In fuga dal Pakistan, e dopo


aver attraversato il Mar Egeo
su una piccola imbarcazione,
un gruppo di migranti
arriva su una spiaggia
dellisola di Kos, in Grecia.

48

Panorama | 22 luglio 2015

IL NAUFRAGIO

Lunico modo per fermare


lesodo passare allattacco,
bloccando il conflitto in Siria
e dichiarando una vera guerra
al Califfato. Invece costruiamo
muri risibili e ci perdiamo
in sterili (e ipocriti) dibattiti.

DELLOCCIDENTE PAUROSO

22 luglio 2015 | Panorama

49

FUORI CONTROLLO

di Giuliano Ferrara

A chi erige muri valicabilissimi e a chi vuole spianata la strada


allinvasione dei disperati del mondo, con un fondo di ipocrisia
insopportabile negli uni e negli altri, si dovrebbe rispondere con
il pi classico metodo della politica: invece di stare in difesa, difesa impossibile soprattutto se di piccolo cabotaggio normativo,
bisogna passare allattacco, occorre bloccare la guerra siriana,
abbattere il Califfato, mettere la Libia sotto un protettorato provvisorio, e per fare tutto questo si ha bisogno di volont politica,
risorse, identit occidentale, iniziativa diplomatica e militare
i scoppia il mondo intorno, Occidente ed Europa ne
insieme. Il che molto diverso da un vertice azzeccagarbugli
perdono completamente il controllo, dalla Siria partono sul diritto dasilo, da una lite su Schengen o sugli Erasmus e
in quattro milioni, la Libia un hub della disperazione limmigrazione europea a Londra, dalla missione del buon Bermoltiplicato dalle guerre tribali e il tracciato di fuga il nardino Leon nella Tripolitania e nella Cirenaica. Lesodo nato
canale di Sicilia, non parliamo poi della Somalia e del dallanarchia e dalla decisione di non fare opposizione agli anarchi
Corno dAfrica, i Balcani e la Grecia diventano passaggi del Medio Oriente pu essere fermato solo da misure di questa
di senzascarpe e camere a gas dove si ammassano stipati nei portata, se si sia ancora in tempo. Ci stava sfuggendo di mano
camion i morti ammazzati della paura, intanto dopo le perse- anche lEgitto, 90 milioni di persone in un Paese cruciale in cui
la primavera araba cosiddetta si era tinta del
cuzioni anticristiane perdiamo pezzo a pezzo
nero dei Fratelli musulmani, ora si dovrebbe
Palmira, una specie di Foro romano sulla via
stringere un patto di stabilizzazione con Abdel
della seta, e si convoca un vertice dei ministri
dellInterno e della Giustizia dellUnione, ci
Fattah Al Sisi, che ci ha salvati con metodi duri
si dilunga su quote, misure parziali, spesso
dal fondo dei peggiori incubi, invece di fare il
inefficaci, quasi mai commisurate al carattere
solletico agli Ayatollah iraniani e ristabilire un
Cercasi Lady Pesc
disperatamente. A fine
ponte commerciale con lo stato rivoluzionario
profondo, radicale della crisi africana, mediagosto il New York Times ha
e terrorista messo in piedi da Ruhollah Khomeiterranea, europea.
inserito Federica Mogherini
ni. Speriamo che il giacimento di gas trovato
Un esodo di questa portata, che pone alla
in una short list di sei
candidate per la poltrona
sola Germania il problema di 80 mila nuodallEni al largo di Alessandria, una bonanza
di Ban-Ki-Moon allOnu nel
vi arrivi nellanno in corso e travolge il resto
energetica che pu portare secondo Maurizio
2016. Ma mentre le autorit
dEuropa dividendola tra il partito delle buone
Molinari a un polo mediterraneo dellenergia,
europee (e mondiali) sono
alla ricerca di una strategia
intenzioni umanitarie, con le sue ipocrisie, e
sia il viatico di una ripresa della politica in
comune per affrontare gli
Medio Oriente.
quello della paura, con le sue velleit e i suoi
arrivi dei profughi da Africa
banali cinismi, non viene dalla partenogenesi,
e Medio Oriente, dellalto
commissario europeo per
non si produce da solo.
chiaro che lEuropa si sente militargli affari esteri e la politica
mente
impotente, salvo che per guerricciole
della sicurezza non si hanno
pi facile dire che fare, daccordo, ma
farsesche o elettorali come quella di Nicholas
notizie. Tracce della sua
esistenza diplomatica sono
non ci vuole un colossale cervello strategico per
Sarkozy e David Cameron a Tripoli, e che gli
confermate
capire che allorigine della recrudescenza
Stati Uniti sono sotto la remora retorica opda una
e dellavvitamento ci sono essenzialmente
primente del lascito di Barack Obama Nobel
dichiarazione
di luned 31
errori dellOccidente: tra questi una guerra
per la pace, ma la sferza dellesodo e delle sue
agosto per
mancata, quella in Siria e poi contro lo
conseguenze, mai cos chiare come nellestate
commentare
Stato Islamico con truppe sul terreno e
del 2015, dovrebbe indurre a un pensiero stragli scontri di
Kiev. Gli eventi
iniziativa dellaviazione massiccia in sotegico e a decisioni di riscatto dellignavia che
di oggi sono
stegno delleroismo solitario dei curdi, e
ci ha portato a questo punto. Invece si continua
preoccupanti.
una guerra folle, quella che dopo sette mesi
a discutere di cavilli e norme sulle forme del
Il processo
di pace non dovrebbe
di bombardamenti e il linciaggio di Muammar
diritto dasilo e di valori come la protezione
essere compromesso dalla
dellidentit o il confronto con laltro nella poGheddafi ha impantanato la Libia nel macello
violenza Mogherini dixit.
litica di accoglienza: ma che centrano i valori
attuale, con lOnu che fissa continui deadline
Come darle torto?
Ma potrebbe non bastare
per una soluzione fondata, figuriamoci, sulla caquando ci si deve rapportare ai fatti, e a fatti
per una donna invisibile
pacit di autodeterminazione e di pacificazione
n
che parlano da soli?
al Palazzo di vetro.
nazionale del valoroso popolo libico.
RIPRODUZIONE RISERVATA

PUNTO

50

Panorama | 9 settembre 2015

XXXXXXXXXXXXX

GLI HOTSPOT? SONO SOLTANTO UN PALLIATIVO


I 5 centri di identificazione dei migranti non saranno pronti
prima del 2016. E anche allora non risolveranno quasi niente.
Un punto interrogativo chiamato hotspot.
Dovevano entrare in funzione questa estate
ma i cinque centri di identificazione
dei migranti voluti dallUnione europea
a Pozzallo, Trapani, Lampedusa, Taranto
e Augusta, per ora esistono solo sulla carta,
checch ne dica il Governo. Tra bandi
di gara e avvio dei cantieri, nella migliore
delle ipotesi saranno operativi nel 2016.
Per la vigilanza dei siti, che non offriranno
come oggi libert di movimento o di fuga
agli ospiti, serviranno 800 o forse 1.000
uomini delle forze dellordine. Tutte risorse
sottratte alla lotta al crimine e al terrorismo
con aggravi di costi per milioni di euro
per missioni, straordinari e logistica.
Nei fatti, gli hotspot sono per un
palliativo perch non risolvono il problema
pi grave: il sovraffollamento dei richiedenti
asilo. Non avendo una lista di Paesi sicuri
dove rimpatriare immediatamente i migranti
senza requisiti, lo Stato deve verificare
ogni singola istanza con un allungamento
snervante dei tempi di valutazione (in media

18 mesi) e con lobbligo di mantenimento


dei migranti a spese dei contribuenti.
Peraltro, cos come sono stati concepiti
dal punto di vista giuridico, gli hotspot
non possono nemmeno entrare in funzione.
Colpa del conflitto tra la norma in vigore
che impone il limite insuperabile delle 24 ore
per il fermo di identificazione e i tempi
necessari per registrare i circa 500 ospiti
di ciascun centro, calcolati dagli esperti
del Viminale in almeno tre o quattro giorni.
Servirebbe una modifica della legislazione.
E questo senza considerare che, grazie
al pi efficace pattugliamento in atto
del Mediterraneo orientale, si dovrebbero
ridurre sensibilmente gli arrivi di soggetti
ricollocabili in ambito Ue (come eritrei
e siriani). Si rischia perci di aver avviato
una gigantesca macchina burocratica
per schedare migliaia di presunti profughi
a cui le commissioni territoriali bocceranno
le istanze di protezione. Tutta gente
che poi dovrebbe essere messa su un aereo
e riportata a casa.
(Simone Di Meo)
9 settembre 2015 | Panorama

51

Bernadett Szabo / Reuters

Muri dEuropa

Alcuni profughi siriani


cercano di oltrepassare
il filo spinato che segna
il confine tra Ungheria
e Serbia, nei pressi
di Roszke.
Anche in Bulgaria
stata costruita
una barriera simile,
lunga 80 chilometri.
E un progetto analogo
stato annunciato
dallEstonia,
sul confine russo. A questi
va aggiunto il muro
immateriale allentrata
francese dellEurotunnel
di Calais, per evitare
ingressi nel Regno Unito.

LAVORO
57,4%
56,6%

57,5%

57,4%

58,4%
57,5%

55,5%

La danza
dei numeri
sul Jobs act

ONE
CUPAZI
C
O
I
D
TASSO

2000

Dopo limbarazzante balletto di cifre


sui nuovi occupati, Renzi farebbe bene
ad aspettare per vedere se la riforma sar
un successo. Intanto certo che coster
comunque troppo. Per risultati modesti.

2001

2002

9,1%

ome era prevedibile, Matteo Renzi


si sta giocando una buona fetta di
credibilit sul lavoro. Assieme alle
tasse questo il tema che pi interessa agli italiani. La grande crisi ha
bruciato milioni di posti di lavoro,
lasciandosi alle spalle non solo le
certezze di un tempo (il posto fisso, in primis), ma anche un esercito di disoccupati
di non facile ricollocazione in un mercato
del lavoro in continua evoluzione e che
richiede oggi nuovi mestieri e competenze.
Dopo i tanti annunci gli italiani si
aspettano ora i fatti e risposte concrete.
52

Panorama | 9 settembre 2015

2004

2005

2006

IONE
CCUPAZ
O
S
I
D
I
TASSO D
10,1%

di Michele Tiraboschi *

2003

Riforma Biagi

Comprensibile lattenzione sugli effetti


del Jobs act, la legge che porta con s
la promessa di una nuova stagione del
lavoro: una vera e propria rivoluzione
copernicana che, nelle parole del premier,
ha finalmente tolto ogni alibi alle imprese
per tornare ad assumere.
Eppure non facile capire se il Jobs
act stia davvero funzionando. E in effetti, mentre lIstat certifica la persistente
stagnazione del mercato del lavoro, il
ministro Giuliano Poletti ha parlato di un
vero e proprio boom dei contratti di lavoro
stabili che, ovviamente, viene imputato a

8,5%
8,5%

8,1%
7,8%
6,9%

merito della riforma del lavoro. Di mezzo


lInps, che confermerebbe comunque il
successo dellazione del governo di contrasto ai contratti temporanei al punto da
istituire un osservatorio sul precariato
per monitorare gli effetti di una riforma
che pure, con la liberalizzazione dei licenziamenti, vuole decretare la fine del
posto fisso e cio lidea novecentesca del
lavoro stabile.
Una vera e propria danza dei numeri,
insomma, che invece di assegnare al monitoraggio il compito di fotografare in modo
neutrale la realt del mercato del lavoro

58,7%

Collegato lavoro

58,7%
57,5%

56,9%

56,9%

UN COSTO
DI QUASI
20 MILIARDI

56,7%
55,6%

56,3%
55,5%

Ecco quanto potrebbe


costare allo Stato
lesonero contributivo
per le assunzioni
a tempo indeterminato
dal 2015 al 2019.

Protocollo
del 23 luglio 2007
e riforma Prodi-Damiano

Riforma Fornero

5,69 miliardi

Decreto
Poletti

Jobs
act

Costo per il 2015*

1,88 miliardi
2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

2015

Copertura prevista per il 2015

3,80 miliardi
Costo non coperto per il 2015

Pacchetto Letta

15,09 miliardi
Copertura prevista fino al 2019

Riforma del lavoro


pubblico e privato
12,4%

7,9%
6,2%

8,5%

10,9%
8,5%

6,8%

finisce per alimentare, nella assenza di dati


certi, la grancassa della propaganda e con
essa quella contrapposizione tra fazioni
che ha bloccato per anni il processo di
modernizzazione del nostro Paese.
Se vero, come ha detto lo stesso
Renzi al Meeting di Rimini, che lItalia
rimasta ferma 20 anni, impantanata nella
permanente rissa tra berlusconismo e antiberlusconismo, quello che ora andrebbe evitato un nuovo ventennio di liti,
questa volta tra renziani e antirenziani,
dove le bugie prevalgono sui fatti. Impresa
invero difficile in un Paese come il nostro,

18,89 miliardi

12,6%

12%

Testo unico
sullapprendistato

TANTE LEGGI
POCHI OCCUPATI
Il grafico qui sopra mette
a confronto landamento
della disoccupazione
e del tasso di occupazione
(aggiornati a marted
1 settembre con i dati
di luglio) con le riforme che,
dal 2000 in poi, hanno
interessato il mercato
del lavoro in Italia.

Costo totale fino al 2019*


* stime Adapt

spaccato a met tra guelfi e ghibellini, ma


non certo per quanto riguarda i dati del
mercato del lavoro.
Fermare la guerra dei numeri sarebbe
infatti relativamente facile a condizione di
accettare due punti ampiamente condivisi tra gli esperti del mercato del lavoro. Il
primo che riforme epocali, come il Jobs
act ambisce a essere, richiedono anni per
produrre risultati duraturi e consentirne una
valutazione non condizionata da logiche di
parte. Se Renzi un vero statista e non un
politico tra i tanti a caccia di una manciata
di voti, lasci che il tempo sia galantuomo in9 settembre 2015 | Panorama

53

LAVORO

Vuoi lo scontro sul Senato? Caro Renzi, ti trovi isolato


di Keyser Sze
Nella battaglia decisiva sul Senato quelli che davvero si giocano
il tutto per tutto sono i vari Bersani e DAlema, cio lintera
minoranza del Pd. Se in questa occasione gli oppositori di
Matteo Renzi arretrassero dal principio di un Senato eletto
direttamente dai cittadini, perderebbero ogni credibilit nel
partito e fuori. Siamo ad un bivio avverte Massimo DAlema:
Se Renzi si impone non far prigionieri, se riusciamo a far
passare la nostra linea sulle riforme ci diamo una prospettiva.
Appunto, in questo scontro gli eredi del Pci si giocano il proprio
futuro politico. Ma pi in generale la matrice socialista del
Pd, quella pi legata alla sinistra tradizionale, che chiamata a
scongiurare il rischio di unestinzione. Ecco perch difficile un
ripensamento come quelli sul Jobs act o sulla scuola, argomenti
su cui la minoranza aveva minacciato rotture un giorno s e un
altro pure, prima di arrendersi. Questa volta diverso osserva
Pier Luigi Bersani che non si pu certo considerare un
barricadero, sono in ballo dei principi costituzionali e qui non
vale la disciplina di partito, ma solo la propria coscienza.
Insomma, almeno sulla carta (il dubbio in questi casi
dobbligo), Renzi pu salvarsi solo mutando posizione. E non ci
Chi Keyser Sze: lo pseudonimo tratto dal film-cult I soliti
sospetti, dove quel personaggio
interpretato da Kevin Spacey
(foto), e nasconde un importante
rappresentante delle istituzioni,
che su Panorama racconta
la politica dal di dentro.

vece di reiterare mese dopo mese vuoti spot


elettorali capaci di incidere sulla realt del
mercato del lavoro e sulla propensione delle
imprese ad assumere quanto un tweet di
140 caratteri. Le elezioni saranno nel 2018,
ha giurato, e allora si sieda pazientemente
sulla riva del fiume e aspetti di vedere passare il cadavere dei suoi nemici: 3 anni sono
pi che sufficienti per dire se la sua riforma
un successo e per evitare, come accaduto
negli ultimi 5 anni, di dover scrivere una
nuova legge ogni anno perch delusi dai
dati dei primi mesi di applicazione.
Il secondo punto, pi pratico, quello
di riconoscere che lunico sistema di rilevazione dei dati del mercato del lavoro
attendibile, e come tale riconosciuto anche
a livello internazionale, quello dellIstat.
Del tutto inutile lOsservatorio Inps sul
lavoro precario e bene dovrebbe saperlo il
54

Panorama | 9 settembre 2015

venga a parlare di listini o affini: o lelezione diretta, o non


cambia niente dice Vannino Chiti. Tant che c gi chi
calcola le possibili conseguenze di una clamorosa rottura. Se
si va allo scontro predice Massimo Mucchetti penso che
leventualit pi remota sarebbe quella delle elezioni
anticipate. molto pi probabile che si arrivi ad un altro
governo. In fondo Renzi ha conquistato i gruppi del pd
garantendo la conclusione naturale della legislatura. Se cambia
idea qualcuno potrebbe farlo al suo posto. E in questa logica
gli oppositori di Renzi contano sul loro nume tutelare che non
pi il Nap (da quelle parti non ha pi fans), ma Sergio
Mattarella. Gi, al Quirinale lidea di un duello allOk Corral sul
Senato non va proprio a genio. E lass , soprattutto,
lintransigenza di Renzi che non piace. Il premier ora
dovrebbe pensare pi alleconomia, visto che per riformare la
Costituzione c tempo osserva un consigliere dellinquilino
del Quirinale. Lurgenza di oggi conquistare nella Ue una
maggiore flessibilit per il nostro bilancio. E su questo punto,
diciamoci la verit, ad Angela Merkel non importa nulla se il
Senato eletto direttamente o meno. Per cui pi passano i
giorni e pi Renzi si accorge che tutte le possibili alleanze per
supportare la sua linea dura gli sono sbarrate: dal Quirinale al
Cav. E pi ne consapevole, e pi cresce la sua voglia di
compromesso con la minoranza. E, seguendo gli insegnamenti
della scuola Dc da cui proviene, dopo le minacce comincia a
propinare lusinghe. Sta promettendo in giro sibila DAlema
posti di governo e incarichi di segreteria. Invano. Con tutto il
rispetto, un posto di potere, grande o piccolo che sia, fa gola a
tutti, ma una poltrona davvero poca roba per chi si sta
giocando la sopravvivenza.

suo presidente Tito Boeri, paladino di una


modernizzazione del lavoro basata sulle
tutele nel mercato (politiche attive e ricollocazione) e non pi nel posto di lavoro. Inaffidabili, e largamente parziali, sono invece
i dati del ministero del Lavoro basati sulla
comunicazione di assunzione-cessazione
da parte dei datori di lavoro del settore privato (escluso il lavoro domestico).
Lo dimostra il fatto che il ministro Giuliano Poletti, dopo aver annunciato un saldo attivo di ben 630 mila contratti a tempo
indeterminato negli ultimi sette mesi, abbia
dovuto fare una clamorosa marcia indietro,
incalzato da una brava dottoranda di ricerca
che scrive per Il Manifesto, ammettendo che
in realt le nuove assunzioni erano meno
della met di quelle comunicate.
Fatte queste premesse, la risposta che

gli italiani si attendono presto data e la si


trova nei numeri dellIstat: il mercato del
lavoro praticamente fermo, cresce cio di
poco il numero di occupati. Troppo presto
per parlare del Jobs act, abbiamo detto,
ma non per certificare un flop dellesonero
contributivo per le assunzioni a tempo indeterminato. Una misura chiave a sostegno
della fase di avvio del Jobs act, in vigore da
otto mesi e oramai in fase di esaurimento,
che non ha contribuito a creare un solo
posto di lavoro in pi pur a fronte di un
costo reale che si avviciner ai 20 miliardi e
di cui in parte manca ancora la copertura. n
*giuslavorista, direttore del Centro studi Marco Biagi allUniversit di Modena e
Reggio Emilia, e coordinatore del comitato
scientifico del Centro studi Adapt.
(Twitter: @Michele_Adapt)
RIPRODUZIONE RISERVATA

*Prezzo rivista esclusa

**Per informazioni e costi: streaming.panorama.it

UMORISMO, MUSICA E SENTIMENTI IN UNA BRILLANTE COMMEDIA

I Blier sono una famiglia i cui componenti sono sordomuti tranne la primogenita Paula
che li aiuta come interprete e lavora nella fattoria. Ma un insegnante scopre che ha il dono
di una voce sublime e la prepara a una prova per accedere a una famosa scuola di canto
a Parigi. Divertente e surreale, questo film di successo fa riflettere sulla diversit come
segno distintivo e non come svantaggio.
DVD e 14
14,90
90*

LA PROSSIMA SETTIMANA IN EDICOLA IN DVD - IN STREAMING E DOWNLOAD SU STREAMING.PANORAMA.IT **


Su mondadoriperte.it trovi tutte le informazioni sulle iniziative in edicola e per l'acquisto degli arretrati. Il sito tutto nuovo!

DILEMMI

Paolo Del Debbio,


nato a Lucca
57 anni fa: su Rete 4
il conduttore
di Quinta colonna
e Dalla vostra parte.

56

Panorama | 0 mese 2015

Lo hanno definito il Santoro


del centrodestra. In tv
va alla grande e piace
moltissimo. Ma nel 2016
correr a sindaco di Milano
per i moderati? Dopo una
lunga estate di indiscrezioni,
il conduttore pronuncia
un no ma aggiunge:
Soltanto i paracarri
non cambiano idea. E io
non sono un paracarro....

Mi candido?

Boh,
ma non chiamatemi

Del Dubbio
di Andrea Marcenaro - fotografie di Franco Origlia per Panorama

i candider a sindaco di
Milano. Non si candider
a sindaco di Milano. Per il
centrodestra stiamo dicendo. Ma insomma, ancora
non si sa. Non ha bisogno
di presentazioni, Paolo Del
Debbio. Chi ne avrebbe,
stando sempre in televisione? Secondo voi. Quinta colonna. Dalla
vostra parte. Buone letture alle spalle,
unantica passione per la politica, 13 anni
in tiv fatti di successi crescenti, laffare
montato cos. E questo tutto. Quasi.
Su di lui, giudizi controversi: Del
Debbio un populista. O no, nemmeno,
soltanto un furbastro. Come vi permettete?
un idealista. Idealista un ciuffolo: un
uomo di cultura che promuove lincultura.
Sciocchezze: un uomo di cultura che promuove la politica. Lantipolitica, vorrete
dire. Scemenze: riformista e realista. un
ambizioso, Del Debbio. Tradotto, starebbe
a dire: nel Paese dove perfino lultimo degli
imbecilli ambisce a qualche cosa, un Del
Debbio che ambisse rappresenterebbe il
peggio. A dire il vero, un po ambizioso lo
sembrerebbe. Ma che vuol dire? Qualcuno
ricorda forse un industriale lanciato ventre
a terra per diventare operaio?
Alle corte: di Del Debbio si parla molto. Davanti alle quinte. Dietro alle quinte.
Nacque intellettuale e raffinato. Non si
scrive per caso un libro intitolato: Elogio
9 settembre 2015 | Panorama

57

DILEMMI

dello Stato a pendolo. Stato e mercato


nel XXI secolo. Ma diventato, strada
facendo, il Michele Santoro del centrodestra. Maxima iniuria. sempre lui.
Non pi lui. Sembra questo. Sembra
quello. Del Debbio ha venduto Del Debbio. Oppure no: quello di ieri coerente
con il Del Debbio di oggi. Non sar che
non mai esistito quello di ieri? No,
no: cambiato eccome, Del Debbio. Ha
tradito il Del Debbio che era in lui. O
non risulter, proprio per questo, lautentico Del Debbio? Uffa. Nellintervista
comunque, ci siamo dati del tu.
Del Debbio, chi sei?
Del Debbio.
Paolo?
Paolo.
Cinquantasettenne?
S.
Maschio?
Maschio.
E padre di due figlie.
Giusto.
E candidato sindaco di Milano
per il centrodestra.
No.
S.
No.
Come, no?
No.
Allora che senso ha questintervista?
Dimmelo tu.
Sei il candidato nellombra che deve
uscire al sole.
Solo che io non esco.
Il solito politicante.
Non far il candidato sindaco. Punto.
Punto e basta?
E basta.
O punto e a capo?
Faccio il mio mestiere, mi piace e non lo
cambio.
Mai visto un candidato che non abbia
detto cos.
Che vuoi che ti dica, sar il primo.
E il pranzo versiliano dagosto al
Twiga di Forte dei Marmi?
C stato, lho detto e lho ridetto.
Con Matteo Salvini, Daniela Santan58

Panorama | 9 settembre 2015

ch e Alessandro Sallusti.
Tutti e tre.
E avete parlato del clima.
No. Della candidatura a sindaco di
Milano per il centrodestra, tra laltro.
Te lhanno offerta.
E ne sono stato lusingato.
Poi avete concordato che al momento
avresti detto no, per dire poi s in
un momento pi opportuno.
Balle. Ho ringraziato con un no che
sempre no rester.
Facciamo cos, signor Del Debbio: non
ti candidi, va bene. Ora ci dici tu
stesso quali insulti possiamo rivolgerti domani se ti rimangi la parola.
Benissimo: nessuno.
Questa poi.
Ripeto, nessuno. O vuoi togliermi

Da assessore, in giunta
con Gabriele Albertini,
ho scoperto che non
ho il gusto del potere

il diritto di cambiare idea?


Ci mancherebbe.
Volevo pure vedere. Dato che in linea
di principio soltanto i paracarri non
cambiano idea. E io non mi sento un
paracarro, neanche se ti confermo per
lultima volta che candidato non sar.
Non mi piace fare politica. Ci vuole un
gusto per il potere che io non ho.
Dal 1997 al 2001 fosti assessore
nella giunta di Gabriele Albertini.
Pare che allora ce lavessi.
Giusto. Ho sperimentato in prima
persona che non ne avevo abbastanza.
La televisione non potere?
Certo che s. Di tipo diverso. Ma quello
mi piace.
Dare la voce al popolo.
Esatto, al popolo che dico io.
Non gli daresti tutta questa voce,
forse, se a governare ci fosse il
centrodestra, visto che in ogni
stagione politica per il popolo piove
e il governo ladro.
Errore blu. Sono partito nel 2012
sul caso Franco Fiorito-Batman.
Non ci fu mai periodo ricco di voce
al popolo di quello con Mani pulite.

BIO
GRA
FIA

Paolo Del Debbio:


ha appena scritto
il saggio Populista
e me ne vanto.

Bella tragedia, no?


Convengo.
Non ci fu mai periodo pi ricco
di voce al popolo di quello in cui
si ficc il Paese tra le lenzuola di
Berlusconi. Altra bella tragedia, vero?
Verissimo. E con ci?
Come: con ci?
Esistono le posizioni ideologiche. Poi
esistono le posizioni critiche. Ideologico chi assume una postura da tiro
al cinghiale: l per spararti, il suo
compito quello. Non il mio.
Il tuo qual ?
Difendere il diritto di cittadinanza,
e quindi di parola, per coloro cui viene
negato. Faccio unapologia del diritto
che richiama pi Henry James di Stalin.
Non minvischiare col latinorum.
Ma quale latinorum. Io non sparo, apro
i microfoni. Penso che i poveri e le
piccole e piccolissime imprese non
abbiano voce. E glie la do. Penso che
i poveri e le piccole imprese siano
il cuore del Paese. E dico il cuore.
Allora lo metto in piazza. Faccio male?
Dovrebbero tacere?
Un momento. Lintellettuale orienta,

PAOLO DEL DEBBIO nato a Lucca 57 anni fa. Si laureato in filosofia alla Pontificia
universit della Santa Croce, a Roma. Ha lavorato in Fininvest. Insegna etica ed economia
allo Iulm di Milano. Nel 1994 stato tra i promotori di Forza Italia, e dal 1997 al 2001
stato assessore alla Sicurezza nella prima giunta milanese del sindaco Gabriele Albertini.
Sulle reti Mediaset ha condotto varie trasmissioni: dal 2002 al 2010 Secondo voi; dal
2010 al 2013 Mattino Cinque; dal 2012 il talk show Quinta colonna, cui nel marzo 2015,
causa il grande successo di audience, si aggiunto Dalla vostra parte. Ha scritto numerosi saggi: lultimo, uscito in edicola con Il Giornale il 12 agosto (250 pagine, 4,50 euro),
si intitola provocatoriamente Populista e me ne vanto.

mica fa il tecnico del suono. E tu


orienti.
Certo. Ma a decidere il metodo.
Che significa?
Che applico uno schema opposto
a quello dei, chiamiamoli cos, comunisti. Quelli partono dalla situazione
internazionale e arrivano alla cellula di
quartiere seguendo una strada prefissata, per una conclusione gi stabilita.
Io parto dalla piazzetta del quartiere
e discuto apertamente ci che ne esce.
Esce anche roba brutta? Meglio.
Sar. Da alcuni titoli: Grand Hotel
Immigrati, Immigrazione senza
controllo, salute a rischio?, La storia
di Gianmichele, aggredito da una
banda dellest, parrebbe che le tesi
precostituite estranee non ti siano.
Sembreresti piuttosto salvinista.
Che palle. Nello stesso anno mi hanno
dato del berlusconiano, del grillino e
del renziano. Decidetevi. Quanto a me,
dico una cosa, anzi due. Primo: la
gestione dei flussi migratori di totale
irragionevolezza, capitato perfino che
siano stati destinati 140 immigrati a un
paesino di 100 abitanti. Secondo: fare
conto che si disponga da domani di un
coordinamento europeo per ottenere
il quale ci vorranno dieci anni, da
avventuristi assoluti. Si lamentano di
Matteo Salvini? Facciano. Sai quante ne
vedranno...
Ti piace sentirti dare del Michele
Santoro di destra?
Gran professionista. Non mi dispiace.
Il sindaco di Milano, Giuliano
Pisapia?
Mi piacevano le sue battaglie garantiste
e mi dispiace dir male di una persona
per bene. Ma non ricordo una sola

scelta strategica su Milano degna di


nota. Letizia Moratti fece almeno
lExpo. Lui, niente.
Matrimoni gay: vanno fatti?
Sarebbe ora di concedere i diritti a sta
gente. Ma che aspettiamo? Lunico
problema ladozione dei bambini.
Alcuni studi dicono una cosa, altri
unaltra. Io preferisco pap e mamma.
Per il resto, forza, dai.
Riforma la Rai.
Legata alla politica, irriformabile. Si
pu sperimentare sui contenuti, questo
s. Ma hai mai visto il padrone
di un grande ristorante mangiare al cral
aziendale?
Mentana, Gruber, Lerner. Ti affogherebbero. Vogliamo insultarli?
Non rispondo. Ma mi stanno sulle palle
i maestrini, questo lo posso dire. Quelli
che insegnano agli altri. Tipo una Juve
che suggerisse alla Fiorentina come
giocare. Ridicolo. Io faccio una cosa.
lunica che si pu fare? No. E falla tu,
quella che pensi pi importante. Senza
alzarmi il ditino.
Come si fanno pi bambini?
Rendendo conveniente farli. Come per
le imprese. Per il lavoro.
Hai paura dinvecchiare?
No, delle malattie.
Le tue figlie ti guardano in tiv?
A volte.
Che cosa dicono?
Dipende.
Che risposta del piffero.
Anche la domanda se la cavava.
Ti candiderai a sindaco?
No.
E fallo, dai.
n
Ma fallo tu.
RIPRODUZIONE RISERVATA

9 settembre 2015 | Panorama

59

SFIDE POLITICHE
La copertina dellultimo numero di Panorama,
con lintervista a Matteo Salvini.

IL TICKET CAV-SALVINI
PARTE DAL 33 PER CENTO

ppena ipotizzato, con lintervista


del leader leghista sullultimo Panorama, il ticket elettorale Silvio
Berlusconi-Matteo Salvini ha gi
un voto su tre: per lesattezza il
32,7 per cento degli elettori. Lo
rivela il sondaggio condotto da
Euromedia Research in esclusiva per Panorama. Se si dovesse votare direttamente
il presidente del Consiglio, la distanza tra
il centrosinistra e il centrodestra sarebbe
di soli 5,5 punti percentuali, mentre il
Movimento 5 stelle otterrebbe il terzo
posto con il 29,1 per cento. Resta alta la
quota degli italiani tentati di non votare:
il 30,9 per cento.
Dal sondaggio su voto per partito esce
un dato sorprendente: secondo Euromedia Research il centrodestra (Lega, Forza
Italia e Fratelli dItalia) otterrebbe oggi
il 31,5 per cento dei voti, battendo il Pd.
Il partito di Renzi, che alle europee del
maggio 2014 aveva raggiunto il 40,8 per
cento, infatti in netta discesa: al 30,6.
La sinistra, da Coalizione sociale ai potenziali scissionisti del Pd, raccoglierebbe
il 4,5 mentre Sel resta inchiodata al 3,1.
Intanto il Nuovo centrodestra di Angelino Alfano, con il 2,5 per cento del
sondaggio, pare in dissoluzione: anche se
finisse per sciogliersi nel Partito democratico, nellipotesi (da dimostrare) che i suoi
voti confluissero tutti in quella direzione,
consentirebbero al Pd di arrivare al 33,1.
Lasciando cos giochi del tutto aperti per
la rincorsa del centrodestra.
n
RIPRODUZIONE RISERVATA

60

Panorama | 9 settembre 2015

Se oggi ci fossero le elezioni, lei per quale partito voterebbe?

PARTITO
DEMOCRATICO

MOVIMENTO
5 STELLE

25,1%

30,6%
ALTRI

2,7%
ALTRI DI SINISTRA

4,5%

LEGA NORD

16,5%

AREA POPOLARE
NCD+UCD

2,5%

SINISTRA, ECOLOGIA
LIBERT

FORZA ITALIA

3,1%

FRATELLI DITALIA

3,1%

11,9%

QUESTO SONDAGGIO stato condotto in esclusiva per Panorama da Euromedia


Research il 28 agosto 2015 su un campione di 800 intervistati, a stratificazione
proporzionale multipla, rappresentativo dellintero elettorato italiano. Il metodo
impiegato quello di interviste telefoniche anonime, raccolte ed elaborate con
metodologia Cati e Cawi. Nelle risposte alla domanda n 2, i dati a sinistra di ogni
istogramma indicano quanta parte degli elettori dei singoli partiti (o degli indecisi)
sceglie quel candidato premier. Altre informazioni sul sito: www.euromediaresearch.it

IL REALISMO DEI MODERATI


DEVE TROVARE LINTESA
SU EUROPA E IMMIGRAZIONE

Un sondaggio Euromedia
per Panorama rivela
che, appena ipotizzato,
il tandem tra il leader
leghista e Silvio Berlusconi
insidia il premier. E che,
a sorpresa, il blocco
di centrodestra (Forza Italia,
Lega Nord e Fratelli dItalia)
supera il Pd di Matteo Renzi.

di Claudio Martelli

Alla luce di quanto sta


accadendo nel nostro Paese,
se lei potesse votare per
il presidente del Consiglio
tra i seguenti personaggi,
a chi darebbe oggi la sua
preferenza?

Matteo
Renzi

PD
92,6%
NCD+UCD
54,2%
SEL + ALTRI
20,3%
LEGA NORD
5,6%

38,2%

INDECISI
5,3%

Silvio
Berlusconi

FORZA ITALIA
94,9%
LEGA NORD
73,1%
FDI
69,3%
INDECISI
9,0%

32,7%

Matteo
Salvini

M5S
85,6%
SEL + ALTRI
20,3%
LEGA NORD
4,6%
INDECISI
5,5%

29,1%
30,9%
AREA NON VOTO

e non cambier idea con


il cambio di stagione,
con lintervista a
Panorama, Matteo Salvini ha
compiuto il primo passo
necessario verso la ricostruzione del centro destra italiano.
Riconoscere lindispensabilit
di Silvio Berlusconi e la pari
dignit nella futura alleanza
era e rimane, infatti, premessa
di unalternativa potenzialmente vittoriosa. Il realismo
ha portato Salvini a correggere
la solitaria autosufficienza
praticata dalla Lega nellultimo
anno, lanno dellinfatuazione
lepenista. Anche Berlusconi
stato realista: la simpatia personale e il sostegno politico
a Matteo Renzi, allinizio
giustificati e poi mal ripagati,
avevano provocato reazioni
a catena e lacerazioni nel
corpo stesso del berlusconismo. Per attrazione verso
il Renzi rampante e pigliatutto
nel caso di Angelino Alfano
e Denis Verdini, e per repulsione del renzismo nel caso di
Raffaele Fitto. Eppure, se il
primo passo verso la ricomposizione stato compiuto, il pi
resta da fare e non baster
guardare al passato inseguendo il ritorno del sempre uguale.
vero che Lega e Forza Italia
continuano a collaborare in
gran parte del Nord Italia,
ma lamalgama necessario
per dare vita a un centrodestra
di governo diventato pi
difficile. Con Renzi e un Partito
democratico installati al centro
lItalia politica cambiata. E
sono cambiati anche i suoi due
principali antagonisti. La

leadership di Salvini ha impresso alla Lega una brusca


torsione. Nata guardando
allEuropa tedesca, con un
Umberto Bossi duramente
anti-romano, anti-nazionale e
anti-italiano, la Lega oggi
diventata anti-europea,
populista e nazionalista,
risucchiando nella sua orbita
quel che resta della destra
postfascista e mietendo nel
nord anche voti di Forza Italia
orfana del suo leader.
Se vero, come ha detto
Salvini a Panorama, che su
gran parte di un programma
economico comune lintesa c
gi, altrettanto vero che sui
due temi pi importanti e pi
caldi (Europa e immigrazione)
lintesa sar dura. A meno,
sintende, di una capitolazione
totale di Forza Italia che per
comporterebbe, con lo
snaturamento dei tratti
popolari e liberali del suo Dna,
lindebolimento elettorale
e limpossibilit di sfidare
Renzi per riconquistare
i moderati e il centro della
scena politica. Discutere di
Europa e immigrazione oggi
significa discutere di e con
Angela Merkel. Si possono
contestare lausterit e il rigore
contabile di parametri stupidi
(copyright di Romano Prodi),
lincertezza e i ritardi nellaffrontare la crisi greca, ucraina
e dellimmigrazione, ma
difficilmente qualcuno, in
Europa, potrebbe indicare,
oggi, un leader pi autorevole
e pi aperto della Merkel
alle ragioni degli altri Stati e
a quelle umanitarie. Provate a
immaginarli un David Camerun o un Nicholas Sarkozy che
organizzano in casa loro lasilo
per centinaia di migliaia di
profughi e sospendono, a loro
svantaggio, liniquo trattato di
Dublino che scarica il peso e il
dramma dellaccoglienza sui
paesi pi esposti come lItalia
e la Grecia.

9 settembre 2015 | Panorama

61

ARRIVA UN NUOVO FUMETTO CULT:

* Prezzo rivista esclusa. Opera composta da 20 uscite, ogni uscita 4,90 prezzo rivista esclusa. L'editore si riserva la facolt di variare il numero delle uscite periodiche complessive,
nonch di modificare l'ordine, la sequenza e/o i prodotti allegati alle singole uscite, comunicando con adeguato anticipo i cambiamenti che saranno apportati al piano dell'opera.
STURMTRUPPEN (C) Bonvi / Eredi Bonvicini - NICK CARTER (C) Bonvi / Eredi Bonvicini / Guido De Maria

ALL'ATTAKKEN!

Non perdere SUPERFUMETTI, la raccolta delle avventure


dei personaggi pi amati e delle strisce pi divertenti dei fumetti
cult italiani e internazionali! Nick Carter, Lupo Alberto,
Sturmtruppen, Iron man, Amazing Spider-Man, Thor
e tanti altri. Splendidi volumi monografici
dal formato super, da leggere e collezionare.

solo

3 VOLUME:

e 4,90
in pi*

Dall'8 settembre in edicola, libreria e fumetteria.

Ancora
in edicola
i primi due
volumi

In collaborazione con

www.mondadoricomics.it

GRANDI ASCESE

Franco Gabrielli,
nato a Viareggio
(Lucca) 55 anni fa,
con il sindaco
di Roma, Ignazio
Marino: da quattro
mesi Gabrielli
il prefetto
della Capitale.

Il prefettissimo
Matteo Renzi gli ha appena dato i superpoteri per
controllare il Comune di Roma, gestire il Giubileo
e far da balia amministrativa al sindaco Ignazio
Marino. Ma Franco Gabrielli, lo sbirro amato da
Romano Prodi, Enrico Letta e dalla sinistra dc, ha
navigato benissimo anche con il centrodestra:
dalle questure al Sisde, alla Protezione civile... E
adesso studia da capo della Polizia.
9 settembre 2015 | Panorama

63

GRANDI ASCESE
di Marco Ventura

n duro, uno sbirro. Uno


che usa le maniere forti
e reagisce ai colpi, ma ha
pure labilit del mancato
politico. Nato allombra
di unintera generazione
di giovani rampanti della
sinistra dc, poi diventato
poliziotto a tutto tondo,
servitore dello Stato capace di dialogare col potere
(che per definizione camaleontico). Uno
che sa prendere in mano le situazioni e
da burocrate in grisaglia sa trasformarsi
alloccorrenza in questurino dalla battuta
forte, mezzo toscanaccio mezzo abituato
a trattare con la marmaglia e i cronisti di
giudiziaria. Uno che non teme limpopolarit, ma per questo parla alla gente. Un
opportunista che sa cogliere al balzo le
occasioni per esaltare le proprie virt e non
ci sta a dividere i demeriti con altri e allora
dice pane al pane, vino al vino. Insomma,
Franco Gabrielli. Il superprefetto che Matteo
Renzi ha promosso sul campo tutor di
Ignazio Marino sindaco sub di Roma, il 31
agosto ha presentato il suo biglietto da visita
proclamando che, figurarsi, lui con Marino
ha gi parlato tra unimmersione e laltra,
e poi ha sfidato i fotografi usando un gergo
da commissario Montalbano: Ancora foto?
Questa faccia da c sempre la stessa.
Gabrielli uno che ha fatto strada
eseguendo gli ordini. Trovamene un
altro era la frase che Guido Bertolaso,
capo carismatico della Protezione civile e
sponsor del suo vice ai tempi del terremoto
dellAquila, sparava in faccia a chiunque
muovesse obiezioni su quel nome. Si racconta che, quando Bertolaso tra le macerie
aveva scoperto che il vecchio prefetto era
andato in pensione, chiese al governo di
nominarne uno seduta stante. Roberto
Maroni, ministro dellInterno, gli porse
una rosa con quattro petali, tra i quali
SuperGuido. Ovviamente Bertolaso scelse
Gabrielli. Cos mr. Trovamene-un-altro
and a occupare la posizione ideale per
64

Panorama | 9 settembre 2015

2003

Allantiterrorismo

Alla Digos di Roma, Gabrielli


ha condotto le indagini
sulle Nuove Brigate rosse.
Qui con il pm Pietro Saviotti
(al centro con la barba)
e con Franco Gratteri,
a capo dellUcigos, che
annunciano larresto
della terrorista Nadia Lioce.

salire alla testa della Protezione civile. Si


dice che Berlusconi non fosse daccordo,
infatti non lo nomin fino allultimo. Ma
alla fine approv (e non se n pentito).
Chi Gabrielli? Toscano di Viareggio
(Lucca), classe 1960, tre figli, laurea in
legge, ai ventanni tenta la politica nel movimento giovanile dc di Massa Carrara, al
fianco del segretario dei giovani, Renzo
Lusetti. Il suo giro? Da Enrico Letta a Dario
Franceschini. Chiude la parentesi con il
concorso in polizia. Ma i rapporti restano.
Quando Letta junior approda da premier
a Palazzo Chigi, riunisce i collaboratori e
mette subito in chiaro: Gabrielli uomo mio
e diventer capo della Polizia. Peccato che,

senza che Letta lo sapesse, un nuovo capo


in pectore cera gi: Alessandro Pansa, lex
prefetto di Napoli molto stimato dallallora
capo dello Stato, Giorgio Napolitano.
Giochi aperti, per, per il futuro. Gabrielli non ha mai nascosto di studiare da
capo della Polizia. Capo degli sbirri. E da
sbirro ha centrato i successi importanti. Le
ossa se l fatte alla Squadra mobile di Genova e alla questura dImperia, poi a Firenze
nella Digos ai tempi dellattentato mafioso
dei Georgofili. Nel 2003, a 43 anni, il colpo
grosso: larresto, da capo della Digos di Roma, della brigatista Nadia Lioce. Sgominate
le Nuove Br, trovati gli assassini di Massimo
DAntona, Marco Biagi ed Emanuele Petri, il

LE TRE VITE PRECEDENTI

Le tappe fondamentali nella carriera di Franco Gabrielli.

2006

Ai servizi segreti

Gabrielli viene nominato dal


governo Prodi capo del Sisde
(poi Aisi): qui con Giuseppe
Cucchi del Dis (con i baffi)
e Bruno Branciforte dellAise.

2010

Alla Protezione civile

Dopo essere stato per sei mesi


il vice di Guido Bertolaso,
dal novembre 2010 allaprile
2015 Gabrielli ha guidato
la Protezione civile.

poliziotto ucciso sul treno, lo Sbirro emerge


come un investigatore coi fiocchi e strappa
sul campo i galloni di questore. I meriti non
sono solo suoi, ma dimostra per la prima
volta unaltra abilit: mettere il cappello.
Lo far da capo della Protezione civile, col
raddrizzamento e il recupero in porto della
Costa Concordia. I tecnici fanno il lavoro,
lui ha il tempismo (e il coraggio) di metterci
la faccia: alla fine lui che, trionfante, aspetta il relitto sul molo di Genova.
allora che Matteo Renzi lo adocchia
come uno in grado di far fare bella figura al
governo. Anche se Gabrielli ha una tara
agli occhi di Matteo, quasi insuperabile:
uomo di Enrico Letta, il nemico. Era stato

Letta nel 2006, sottosegretario alla presidenza del Consiglio con Prodi premier,
a volerlo alla testa del Sisde, i servizi di
sicurezza interni. Anche in quel caso, come dopo Bertolaso alla Protezione civile,
Gabrielli succedeva a una star: il generale
Mario Mori. Quando a Prodi poi subentr
nuovamente Berlusconi, lo Sbirro amato
dalla sinistra dc e dal Professore non poteva
esser considerato fidato negli ambienti del
Cavaliere. E Letta senior provvide, con la
fermezza sorridente e mai distruttiva che
la sua dote di natura, a destituirlo. Gabrielli, da duro, soffr in silenzio.
Pi volte ha sfoderato una fermezza
inaspettata. Si ricordano tanti episodi, dalle

Alcune sue frasi rendono lidea. A


chi lo accusava desser servo di due padroni rispose: se cos o sono un coglione o sono un corrotto. E per come sono
fatto io, dovendo scegliere, preferisco di
gran lunga la prima. O ancora, su quelli
di Casale San Nicola: Se si lascia che sia la
gente a decidere, finita. Tra le polemiche
memorabili, quella con Gianni Alemanno
sindaco quando la neve mise in ginocchio
Roma. In quel caso si difese accusando:
Ci hanno tolto i mezzi, la Protezione civile
diventata inutile. Ma lepisodio meno
ricordato, che meglio svela il suo cervello
da Sbirro, quello delle carriole. Ricordate
il popolo degli aquilani spazientiti che nel
marzo 2010 violarono la zona rossa con
carriole sgangherate per raccogliere detriti
e calcinacci? Lui, da prefetto, li denunci,
semplicemente. E rischiarono la galera.
Oggi, a chi lo chiama Superprefetto,
ricorda che i supereroi non esistono: Non
ci sono Mandrake o Superpippo, solo un
prefetto cui vengono chiesti gli straordinari;
ma io non far il notaio. Abilissimo anche
nello schivare buche e schizzi di fango.
Come per i funerali hollywoodiani dei Casamonica, o nella vicenda di Mafia Capitale
per la fiducia che aveva accordato a Luca
Odevaine, il gestore di centri profughi poi
arrestato per corruzione.
Mister Trovamene-un-altro appartiene
alla schiatta dei servitori dello Stato che,
quando il ruolo li costringe a sporcarsi le
mani, sanno come uscirne. A 55 anni, davanti a lui molta strada ancora da macinare. Il Giubileo. E il bivio dietro langolo: la
politica o lo Stato. Sindaco di Roma dopo
Marino o capo della Polizia? Tradir mai,
n
Gabrielli, la sua anima da sbirro?
RIPRODUZIONE RISERVATA

9 settembre 2015 | Panorama

65

Eidon (2) AGF, La Presse

maniere forti usate col comitato di cittadini di Casale San Nicola, a Roma, che non
volevano immigrati nel cortile di casa, alla
promessa di dire qualche no alle manifestazioni a Roma (Meglio i sit in), passando
per i sassolini che si tolto dopo che la
Concordia rientrata nel porto di Genova.

CASI APERTI

Contro Veronica
solo indizi,
errori e gogna
Lora e il luogo della morte del piccolo Lorys Stival. I video
delle telecamere. Le fascette da elettricista come corpo
del reato. Cos Francesco Villardita, avvocato della madre
accusata di avere ucciso il figlio, cerca di smontare laccusa.
di Anna Germoni

66

Panorama | 9 settembre 2015

teste, senza avvocato. I penalisti


associati hanno protestato per il diritto
di difesa violato. Lei che ne dice?
La vicenda m parsa anomala, da subito.
Poche ore dopo linterrogatorio, Veronica
stata arrestata con un corposo decreto
di fermo. Com possibile, se per la
Procura fino a quel momento era solo
una testimone? giusto che i penalisti
insorgano: anzi, la loro protesta mi pare
quasi limitata, rispetto alleclatante
violazione del diritto di difesa. Ma non
ho fatto esposti: ritengo di avere molti
buoni elementi per una difesa efficace

Ansa (2)

al 9 dicembre 2014 in prigione


perch accusata dalla Procura di
Ragusa del crimine dei crimini:
avere ucciso suo figlio Lorys
Stival, morto il 29 novembre a
soli 8 anni, e poi essersi disfatta
del corpo. Veronica Panarello, la
mamma di Santa Croce Camerina, per
i mass media colpevole. Il suo lungo
interrogatorio stato dato in pasto ai
talk-show come se la tv fosse laula del
processo. Perfino la sua vita privata
stata vivisezionata, portando a nudo disagi presunti o reali. Questa gogna un
dramma nel dramma denuncia Francesco Villardita, il suo avvocato.
Anche lei per ha scelto di partecipare
ai talk-show: perch?
Veronica la nuova Medea: intrappolata in un circo mediatico che non lascia
scampo. Se il pubblico ha sete e gli si offre
sabbia, alla fine berr sabbia: ma solo
perch non conosce la differenza tra
sabbia e acqua. Io ho scelto di dare una
voce a Veronica, per offrirere acqua.
Prima di essere arrestata, Veronica
stata ascoltata per ore dai pm come

Francesco Villardita, legale di Veronica.

nelle sedi opportune, nel processo.


Davide Stival stato informato dai pm
che sua moglie era indagata per
omicidio proprio mentre Veronica
veniva interrogata. Perch la Procura
ha agito in questo modo?
Non saprei. Ritengo che facendo incontrare marito e moglie durante linterrogatorio si tentato di ottenere una sorta di
confessione da parte della mia assistita.
Confessione che non poteva mai esserci
in quanto non corrispondente al vero.
Se i pm avevano elementi per ritenere
che fosse stata Veronica a uccidere il
figlio, perch non stato chiamato
anche lei nellinterrogatorio?
Probabilmente lintento era quello di
spingere Veronica al crollo emotivo,
affinch confessasse. Ma non poteva
confessare ci che non ha commesso.
Tg e talk-show hanno diffuso audio e
video dellinterrogatorio di Veronica.
Lei ne era a conoscenza?
Non ne sapevo nulla.
Ha mai visto quel video?
No. Tra laltro non verbalizzato da
nessuna parte che quello pseudo-interrogatorio fosse registrato.
Pensa che quelle immagini possano
influenzare i futuri giudici popolari?
Sono certo che il loro convincimento si
former sulle prove, nel dibattimento.
Il contesto familiare e le sofferenze
psicologiche di Veronica potrebbero in
parte giustificare le accuse di omicidio?
No. Veronica riconosciuta da tutti i suoi
familiari e dai compaesani come madre
esemplare, amorevole, attenta.
Lei stato molto duro nei confronti del
medico legale che ha eseguito lautopsia. Lo ha accusato di inattendibilit
scientifica. Perch?
La sua relazione lacunosa e carente di
validi fondamenti scientifici. Lerrore
commesso sin dai primi momenti dopo il
ritrovamento del corpo si propaga come
unombra su tutte le operazioni successive, compromettendo le conclusioni.
Che cosa successo da quando stato

NOVE MESI
DOPO
LARRESTO
29 novembre 2014
A Santa Croce
Camerina
(Ragusa), Veronica
Panarello lancia
lallarme: suo figlio
Lorys, otto anni,
scomparso.
La donna sostiene
di averlo portato
a scuola, ma le
maestre dicono
che non ci mai
arrivato. Nel tardo
pomeriggio
il bimbo viene
ritrovato cadavere
a tre km dal paese.

rinvenuto il corpo di Lorys Stival?


Alle ore 16,50 del 29 novembre, dopo
il ritrovamento del corpo, gli inquirenti
hanno chiamato il 118 e poi il medico
legale. Sono stati gli operatori del 118 a
calarsi per primi nel canalone, e la scena
criminis stata irreversibilmente
inquinata: il medico legale si calato nel
canalone solo intorno alle 21,30.
Il bambino, quando stato gettato
nel canalone, era ancora vivo?
Secondo quanto si legge nella consulenza
medico-legale del Pm era in liminae
vitae. Stava morendo.
Questo cambia il luogo del delitto?
S.
Ma possibile datare con certezza lora
della morte di Lorys?
La scienza offre parametri per risalire
allora della morte di un soggetto: per
esempio la presenza di ipostasi (cio

Veronica
Panarello, sorretta
dal marito Davide
Stival e da sua
madre, esce
dalla Procura
di Ragusa
il 6 dicembre,
tre giorni dopo
la donna stata
arrestata con
laccusa di avere
ucciso il figlio.

4 dicembre
Viene diffusa
la notizia
che Lorys sia stato
strangolato
con fascette
da elettricista.
Gli inquirenti
accertano anche
che il 29 novembre
il bambino
tornato a casa
alle 8.32: alle 8,49
sarebbe rientrata
anche la madre,
per poi uscire
alle 9,25. Lo
dimostrerebbero
alcune telecamere.
9 dicembre
Veronica viene
interrogata per sei
ore come teste.
A fine serata
viene arrestata:
accusata di avere
ucciso il figlio.
La donna per
si proclama
innocente.

lividi, ndr). Se queste sono scarse, lora


della morte pi recente rispetto al
momento dellosservazione del corpo;
se sono marcate, lora della morte pi
lontana. Il medico legale al momento
del ritrovamento del corpo di Lorys ha
rilevato scarse ipostasi, ma inspiegabilmente e in totale contraddizione ha
ritenuto dindividuare lora della morte
tra le 8,30 e le 10, pertanto circa 12 ore
prima. Ricordiamo che gi dopo 6-8 ore le
ipostasi sono complete e quindi dopo 12
ore non possono essere scarse.
Per laccusa le fascette stringi-cavo
usate per immobilizzare e soffocare
Lorys sono il corpo del reato. Il bimbo
avr provato a divincolarsi. Ci sono
segni sul suo corpo?
No, nessun segno particolare. Non si
notano sul collo del piccolo Lorys n
stampi della zigrinatura delle fascette n
dellaggancio della fascetta stessa.
Le telecamere di Santa Croce offrono
finora lunica certezza su tempi e
spostamenti di Veronica la mattina del
29 novembre. Contesta anche questo?
Spesso diamo per certo quel che potrebbe
non corrispondere alla verit. Consideriamo solo un dato: la mancata sincronizzazione delle telecamere. Pochi secondi
potrebbero cambiare del tutto la posizione di Veronica. Per questo noi vogliamo
vedere i video delle telecamere in
maniera integrale e potremmo farlo solo a
incidente probatorio compiuto. Ci che ci
stato offerto finora una ricostruzione
di pochi minuti per telecamera, a volte
addirittura solo frame estrapolati con il
fermo-immagine. Certe immagini non
sono neanche visibili in maniera chiara.
Veronica in tv gi stata processata e
condannata. difficile la difesa in
questo contesto mediatico?
Il caso appassiona il pubblico, non credo
che la mia opposizione possa frenare
il battage. La scelta tra lasciare che
Veronica non abbia una voce, o difendern
la anche in tv. Io ho scelto di farlo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

9 settembre 2015 | Panorama

67

TIRO AL BERSAGLIO

HILLARY,
IL CANDIDATO
DA (AB)BATTERE
Da mesi Hillary Clinton
al centro di accuse, veleni,
critiche, sospetti. E a volerla
azzoppare nella corsa
alle presidenziali sono
gli stessi democratici.
di Mattia Ferraresi - da New York

Hillary Clinton,
68 anni,
in un momento
della campagna
elettorale in vista
delle presidenziali
americane,
che si terranno l8
novembre 2016:
i candidati
democratici
sono cinque,
17 i repubblicani.

68

on sempre mostrare i muscoli


un segno di forza. A volte soltanto un modo per esorcizzare le
insicurezze, cercando disperatamente di allontanare un nemico
che potrebbe rivelarsi mortale.
presto per dire quale sia il ragionamento strategico che gira in testa a Hillary Clinton, sta di fatto che la candidata
democratica alle presidenziali americane
dell8 novembre 2016 ha preso a mostrare
i muscoli, e gi che cera ha sfoderato gli
artigli, per non farsi mancare nulla. Ma
forse, appunto, non si tratta esattamente
di una dimostrazione di forza. Lentou-

Panorama | 9 settembre 2015

0 mese 2015 | Panorama

69

Gary Hershorn /Corbis, Doug Mills/The New York Times

rage della sua campagna elettorale da


giorni fa girare negli ambienti del partito
democratico stime e conteggi che solitamente compaiono soltanto pochi mesi
prima delle convention di partito. Sono
le previsioni di quanti superdelegati la
Clinton ha gi in tasca, e i suoi vanno
dicendo che il 60 per cento di quelli necessari per aggiudicarsi la nomination ha
gi promesso, pubblicamente o a porte
chiuse, di sostenerla. In allegato i consiglieri fanno girare report che descrivono
limpareggiabile forza della macchina
elettorale: numeri di volontari, uffici che
macinano consenso, strateghi, connessioni con lestablishment degli stati cruciali.
Il messaggio chiaro: nessuno pu
reggere il confronto con la candidata inevitabile, quella che nelle ultime settimane
si trasformata da avversario da battere
a nemico da abbattere.
Eppure diverse ombre minacciano
la sua campagna elettorale, e vengono
non dallesterno, ma dal cuore della sua
stessa campagna. Quello delle email ufficiali da segretario di Stato archiviate in
un server privato doveva essere un temporale passeggero, il solito ritornello per
gli urlatori professionisti della destra. Si
trasformato invece in uno scandalo cronico, con lFbi che indaga sui contenuti
dei messaggi e su eventuali tentativi degli
uomini di Hillary di cancellare contenuti
imbarazzanti o pericolosi prima di consegnare il tutto al dipartimento di Stato.
Di certo fra le informazioni transitate
sul suo account email privato ce nerano
anche di secretate, questione spinosa per
un segretario di Stato gi finito sotto il
fuoco delle polemiche per la gestione
della crisi di Bengasi, in Libia, dove nel
2012 un commando di terroristi affiliati ad
al Qaida ha ucciso lambasciatore Chris
Stevens e altri quattro americani. Il film di
Michael Bay 13 Hours: the secret soldiers
of Benghazi, in uscita a gennaio, giusto
a un paio di settimane dalle primarie in
70

Panorama | 9 settembre 2015

Jon Davidson-Office of president Clinton

TIRO AL BERSAGLIO

PUNTI DEBOLI
DELLA EX
FIRST LADY

1 - Hillary avrebbe fatto pressioni, quando


suo marito Bill era presidente, per far
passare le dure leggi che hanno innalzato
il tasso di carcerazione, soprattutto
a spese degli afroamericani.
2 - Huma Abedin, lassistente di Hillary,
ha ricevuto pagamenti potenzialmente
irregolari quando la Clinton era segretario
di Stato.
3 - Hillary ha inviato email con contenuti
ufficiali da un account personale. Gli
avvocati di Hillary hanno consegnato
lintero contenuto dei server alle autorit?
4 - Unaccusa ricorrente nei suoi confronti
di essere rimasta con il marito, dopo il
caso Lewinsky, per ragioni di puro potere.
5 - Inizia a sentirsi la Clinton fatigue:
il sentimento diffuso di stanchezza
nellelettorato per lennesima
riproposizione del cognome Clinton.
6 - Il socialista Bernie Sanders al 30 per
cento dei consensi in Iowa, lo Stato da
cui inizia la corsa delle primarie. Hillary
al 37 per cento: la prima volta che il suo
consenso finisce sotto la soglia del 50.

Iowa, potrebbe riaprire nellimmaginario


popolare una vicenda che Hillary Clinton
ha cercato disperatamente di chiudere.
Negli ultimi giorni gli stessi consiglieri
che diffondono prove per dimostrare la
solidit della candidata hanno cambiato
tono quando parlano dello scandalo delle
email. Dopo mesi passati a minimizzare
e a puntare il dito sugli avversari calunniatori, ora parlano di una ferita autoinflitta, ammettendo gli errori di gestione
commessi nella vicenda per tentare di
abbassare i toni.
Quelle email offrono infiniti spunti
per indagini sul modus operandi della
candidata democratica e per porre domande cui non potr sottrarsi per sempre.
Uno degli aspetti finiti sotto i riflettori
il rapporto di Hillary con Huma Abedin,
quarantenne assistente e cosiddetta figlia
adottiva della candidata, lamministratrice del suo cerchio magico, con accesso
totale alla sua vita (anche alla camera
da letto dellalbergo) per discutere delle
questioni pi urgenti a tarda notte. Huma,
come altri stretti collaboratori, aveva un
account email affiliato allo stesso domi-

MARYANNE, IL LATO
SERIO DI TRUMP
La sorella di Donald
un giudice federale.
Che non apre bocca.

Hillary e Bill Clinton


con la nipotina
Charlotte, la figlia
di Chelsea nata
il 26 settembre
2014. Quella
della famiglia
sempre una buona
carta da giocare
nelle campagne
elettorali
americane.

nio che Hillary usava per comunicazioni


personali, e attraverso alcuni scambi si
evince il suo rapporto di lavoro ambiguo e
multiforme con il clan dei Clinton. stata
dipendente del governo durante gli anni
in cui lei era segretario di Stato, ma allo
stesso tempo era pagata personalmente
da Hillary, dalla Fondazione Clinton e dalla societ di consulenze Teneo, fondata da
Doug Band, ex consigliere di Bill Clinton
e figura cruciale nella complessa architettura politico-filantropica di famiglia.
Il potenziale conflitto di interessi
di Huma era gi finito alcuni anni fa
allattenzione della commissione giudiziaria del Senato, e il suo capo, il senatore repubblicano Chuck Grassley, di
recente ha insinuato che Huma abbia
cercato, su richiesta di Band, di usare il
suo rapporto con Hillary per convincere
Barack Obama a dare un posto allinterno dellamministrazione a uno dei clienti
della societ di consulenze che le pagava
laute prebende. Se la questione sembra
complicata e cavillosa, soltanto perch
a essere complicata e cavillosa la galassia parapolitica che i Clinton hanno

Huma finita sotto sotto esame in


quanto incarna il confine incerto fra affari privati e vita pubblica: qui si gioca la
grande accusa mossa alla trib dei Clinton
e che ora, allinizio della campagna elettorale, ha bisogno di prove per poter essere
circostanziata. In quei server custoditi
nella casa di famiglia potrebbero esserci
le pezze dappoggio che i critici cercano.
osservando le crepe nellimmagine
statuaria della candidata predestinata
(pu fallire una volta ma non due) che
gli avversari alle primarie democratiche,
quelli annunciati e quelli che ancora devono pronunciarsi, si sono ringalluzziti.
Non solo. Il modo pi efficace per
guadagnare credibilit puntare tutto su
un messaggio e unimmagine alternativi a quelli di Hillary. Il socialista Bernie
Sanders attira folle giovani ed entusiaste
ai suoi comizi, la sua campagna di fundraising lontana anni luce da quella dei
Clinton, ma enormemente superiore
alle aspettative. I sondaggi dellIowa dicono che distaccato di soli sette punti
percentuali dalla frontrunner.
A bordo campo scruta la partita da
tempo anche il vicepresidente Joe Biden,
che attraverso i suoi consiglieri sta valutando se esiste uno spazio elettorale fra
i due. Lincontro riservato di Biden con
Elizabeth Warren, eroina della sinistra antagonista, ha scatenato turbolenza nella
squadra di Hillary, aggravata dalla notizia
del pranzo in cui Obama stesso avrebbe
benedetto leventuale corsa del vicepresidente. Affettando disinteresse, lei dice
che Biden deve avere la possibilit di
considerare liberamente e tranquillamente le sue opzioni, ma intanto prepara le
barricate, sapendo di essere diventata il
n
nemico da abbattere.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Strano a dirsi, ma c nella famiglia


Trump qualcuno che non cerca
attenzioni pubbliche, anzi rifugge
fotografi e non risponde alle
richieste di intervista. Il suo nome
Maryanne, la sorella maggiore
(78 anni) di Donald Trump, il
candidato presidenziale pi
rumoroso dAmerica, ed un
giudice della Corte dappello.
il lato presentabile della famiglia.
stata Ronald Reagan nel 1983
a nominarla nella Corte del New
Jersey, mentre Bill Clinton lha
promossa al rango di giudice
federale. Non parla con
i giornalisti, Maryanne, ma le sue
posizioni non sono meno
politicamente scorrette di quelle
del fratello, almeno su alcuni punti.
Ora che Trump accusato di
sessismo, dagli archivi stato
ripescato un vecchio discorso
della sorella in cui criticava il fatto
che qualsiasi commento verso
le donne venisse considerato
assalto di natura sessuale.
Daltra parte Maryanne una
convinta pro-abortista (Donald
lo stato, ora non pi) e il fratello
ha detto che sarebbe un ottimo
giudice della Corte suprema,
suggerendo lidea che, in teoria,
Donald sarebbe pronto a nominare
un giudice favorevole allaborto.

AFP

costruito negli anni, nella zona grigia fra


politica, lobbying e spicciola gestione di
interessi personali che lhumus in cui
sono fiorite le fortune di famiglia.

Maryanne Trump Barry, 78 anni,


con il fratello Donald, 69.
9 settembre 2015 | Panorama

71

SOPRAVVISSUTI

FELLINI STATO
LA MIA FORTUNA
SVENTURATA

Oggi vive quasi da eremita e scrive libri per esorcizzare


la depressione. Bruno Zanin nel 1973 fu scelto dal Maestro
come Titta, protagonista di Amarcord, grazie a una strana
premonizione del veggente torinese Rol. Poi ha recitato
in una ventina di film, in teatro, in tv. Ma alla fine scappato.
Perch non ce la faceva pi. E forse per colpa di un prete.

marcord, s. Mi
ricordo che di Federico Fellini ne
ho conosciuti al
meno due, ma ce
ne saranno stati
tre, quattro, o forse
centomila come scrive Pirandello, perch quelluomo sapeva farsi adolescente
e adulto, serio e buffone, abbassandosi o
innalzandosi a seconda di chi si trovava
davanti. Mi ricordo un Fellini generoso
e paterno, che mi chiamava Brunaccio
o Brunin e che per tutta la durata delle
riprese mi tratt come un figlio discolo, e
un Fellini affetto da egolatria, dedito solo a
se stesso e al suo lavoro, a tratti disumano.
Mi ricordo che tutti i giorni pretendeva di
avere sul set Mara Ciukleva, stella decaduta dellAccademia darte drammatica
bulgara, ormai ultraottantenne ridotta
in miseria, presente in quasi tutti i suoi
film, e la maltrattava con urla belluine
se non scattava ai suoi ordini, per poi il
giorno seguente mostrarsi tenerissimo,
come se fosse sua madre. Mi ricordo che
il primo Fellini minvitava a pranzo nella
sua villa di Fregene, salvo eclissarsi dopo
luscita del film, con mio immenso dolore.
Mi ricordo che lo chiamavo al telefono e
72

Panorama | 9 settembre 2015

di Stefano Lorenzetto

lui, per non farsi riconoscere, imitava la


vocina della cameriera: Il Maestro non
in casa.
Ricorda tutto, ma non vorrebbe
ricordare niente, Bruno Zanin, protagonista di Amarcord, il Titta Biondi che
Fellini prese dalla strada. Quellincontro ha cambiato il Dna delle mie cellule
cerebrali. Fu una sventurata fortuna.
Per questo s sempre rifiutato di partecipare a qualsiasi evento celebrativo,
funerali compresi. Quando Fellini mor,
mi trovavo in Bosnia per conto di unagenzia umanitaria. Da l inviavo corrispondenze di guerra alla Radio Vaticana.
Fu un collaboratore del direttore padre
Federico Lombardi, oggi portavoce di
Papa Francesco, a darmi la notizia.
Zanin resta lunico interprete principale che potrebbe presenziare alla Mostra del cinema di Venezia, dove il capo-

lavoro viene riproposto il 5 settembre in


versione restaurata, nel 40 anniversario
del premio Oscar. Gli altri se ne sono
andati. Morta Pupella Maggio, la madre
di Titta. Morto Armando Brancia, il padre. Morto Nandino Orfei, lo zio Patacca.
Morto Ciccio Ingrassia, lo zio matto.
Morta Magali Nol, la Gradisca. Morta
Maria Antonietta Beluzzi, la tabaccaia.
Morto Tonino Guerra, che collabor alla
sceneggiatura. Morto Luigi Benzi, lamico delladolescenza che ispir a Fellini la
figura di Titta. Morti Nino Rota, autore
delle musiche, e il costumista Danilo
Donati, entrambi premiati con lOscar.
Sono morti tutti.
Lungo i sentieri che dallAlpe Soi
conducono al Passo Baranca, il protagonista di Amarcord conserva intatto il sorriso largo del Titta: Speriamo che qui,
nascosto tra le montagne, la signora in
nero si dimentichi di me. Ci ha provato
gi varie volte, ma sono un osso duro.
Cresciuto con sette fratelli in una
povera famiglia contadina della campagna veneta vicino al Brenta, dopo aver
cambiato mestieri, case, citt e girato
il mondo, ha trovato il suo centro di
gravit permanente in una baita ai piedi
del monte Rosa, dove sono venuto a

Bruno Zanin, 64 anni: lattore abita in una baita


di Vanzone, un piccolo centro della Valle Anzasca,
nella provincia di Verbanio Cusio Ossola.

0 mese 2015 | Panorama

73

SOPRAVVISSUTI

cercarlo. Ha due figli, gi adulti, e unex


moglie. Abitano tutte tre in Francia.
Lei era una fotografa. Si present per un
servizio al Thtre de la Ville di Parigi,
mentre recitavo. Matrimonio nel 1978,
separazione dopo otto anni. Oggi vivo
da solo.
Perch Fellini scelse proprio lei
per Amarcord?
Per una serie di fatalit. Pare che di
ragazzi per fare Titta ne avesse selezionati gi due, ma non lo convincevano.
Siccome credeva ai maghi, a pochi giorni
dallinizio delle riprese si rivolse
disperato al suo amico Gustavo Adolfo
Rol, il sensitivo torinese. Il quale gli
disse: Smetti di cercare. Ti trover lui.
E cos avvenne.
Crede alle premonizioni?

Alle coincidenze. E agli incontri predestinati, s.


In che modo lei trov Fellini? E perch
lui decise di scritturarla?
Da tempo fuori casa, gi ospite di varie
carceri minorili, dopo un periodo
balordo passato a Roma a correre la
cavallina mi ero trasferito sullisola di
Lipari per salvarmi da una sorta di maga
Circe conosciuta durante una seduta
spiritica, che mi aveva reso la vita un
inferno. Avevo 21 anni. Vendevo
braccialetti, collanine e orecchini
realizzati da me. Mi capit di fare un
prestito a una romana priva dei soldi
per tornare a casa con la famiglia. Mesi
dopo, uno dei suoi figli mi port
al casting per un film western a Cinecitt. Al Teatro 5 notai una trentina di
ragazzetti in fila. Attendevano un
provino per Amarcord. Lassistente
Maurizio Mein chiam pi volte un
nome, lo ricorder sempre: Tiberi

Bruno Zanin con Federico Fellini durante le riprese


di Amarcord, nel 1973: per la prima volta attore,
il giovane aveva 21 anni. Il film, restaurato, viene
ripresentato in prima mondiale sabato 5 settembre
a Venezia in occasione della Mostra del cinema.

74

Panorama | 9 settembre 2015

FELLINI EBBE UNA REAZIONE DA


Daniele. Nessuno si fece avanti. Mi
presentai al suo posto e mi ritrovai con
altri sei in una stanza. Stavo arretrato
per non farmi scoprire. Fellini discuteva
a voce alta con un tizio strambo, la
barba da frate: era il gesuita svizzero
Grald Morin, suo segretario privato. Il
Maestro era nero come un temporale, ce
laveva con il costumista Donati. Finch
non gli cadde locchio su di me: E
quello l chi ? Perch non viene
avanti? grid. Stavo per scappare, ma
fui trattenuto dalla sua voce, divenuta
allimprovviso dolcissima: Tu, capellone, avvicinati, ti voglio vedere meglio.
Cominci a farmi delle domande strane,
come se gi mi conoscesse, mi chiese
persino di che segno fossi. Quando sent
che arrivavo dalle Isole Eolie, che ero
dellAriete e che non mi avevano
convocato, bens mi ero intrufolato per
la curiosit di conoscerlo, ebbe una
reazione da matto: lui, lui,
arrivato! Grald, chiamami subito Rol
al telefono!. Una settimana dopo, tolto
lorecchino, tagliati i capelli e vestito da
Titta, cominciammo le riprese. Era il 23
gennaio 1973.
Le Eolie e lAriete che centravano?
Me lo spieg anni dopo Tullio Kezich,
biografo del regista. Fellini fu invitato
con Giulietta Masina a Lipari da Roberto
Rossellini e Ingrid Bergman, che
avevano appena finito di girare Stromboli. E l, mentre alloggiava proprio
nellalbergo in cui ero stato ospite prima
di trovarmi una casa, Fellini fece un
sogno premonitore che gli cambi la
vita. Lui credeva alle visioni oniriche,
lo guidavano nelle scelte artistiche.
Nel Libro dei sogni, pubblicato postumo
contro la sua volont, ce n uno in cui
sono presente anchio, legato a un
episodio imbarazzante.
Quale episodio?
Non posso dirlo, vada a vederselo
da solo. (Sono andato a vedermelo:
riguarda un problema intestinale
del regista, in effetti irriferibile).

MATTO: LUI, LUI, ARRIVATO. UNA SETTIMANA DOPO COMINCIAMMO LE RIPRESE


Quanto durarono le riprese?
Fino al 29 luglio. Dieci persone a
occuparsi di me: il parrucchiere che mi
decolorava i capelli per farmi biondo,
il sarto, lautista personale.
Lei resta nellimmaginario collettivo
per la mano infilata sotto la gonna
bianca della Gradisca nel buio di un
cinema.
Magali Nol era amabile. A volte si
portava appresso sul set il secondo
marito e i figlioletti adottivi di origine
vietnamita.
E anche per il sollevamento da terra
della tabaccaia pettoruta.
Inchiodato per sempre a quella scena,
lo so. Maria Antonietta Beluzzi era un
talento naturale. Lhanno usata malissimo tutti, anche Adriano Celentano, che la
sfrutt in Di che segno sei? per le sue
forme giunoniche. Era unumile camiciaia di Bologna che adorava Fellini. Lui, con
la scusa di mostrarmi come andava girata
lazione, tuffava la faccia in mezzo alle
sue tettone e a me lasciava il compito di
caricarmela sulle spalle anche dieci volte.
Ha guadagnato molto con Amarcord?
Ebbi un contratto da attore esordiente,
160 mila lire per 5 giorni a settimana.
Con la rivalutazione Istat, lequivalente di 250 euro al giorno. Moltiplicati
per i sette mesi scarsi di lavorazione,
fanno meno di 34 mila euro lordi. Una
miseria.
Una miseria non direi, se consideriamo
che fino a pochi giorni prima vendevo
collanine sulla spiaggia. Quando i
giornali scrissero che ero il protagonista,
e non un semplice ragazzo della scolaresca di Amarcord, protestai, minacciai di
lasciare il set. Ma non avevo nessuno alle
spalle, neppure un agente: solo una
diffida del questore a risiedere in Roma.
Infatti mi alloggiarono in una villa di
Frascati per evitare che venissi arrestato,
finch il prefetto non revoc lordinanza,
per ragioni artistiche. Il produttore
Franco Cristaldi mi promise un premio
alla fine delle riprese. Mai visto.

E dopo Amarcord?
Ogni tanto, quando Fellini girava un
nuovo film, mi convocava a pranzo al
Teatro 5: Ho saputo, patacca, che hai
lavorato con Luca Ronconi e con Giorgio
Strehler. Bravo, te lavevo detto che sei
nato attore. Per ti trovo dimagrito. Hai
soldi, caro, hai una casa?. Quasi sempre
ero senza una lira e in arretrato con
laffitto. Lui diventava serio e chiamava la
produzione: C Zanin che deve recitare
una parte, preparategli il contratto, mi
serve per sette pose, un ruolo che non
compare nella sceneggiatura. Poi mi
dava un pizzicotto sul braccio, come un
monello complice: Ma che muscoli che
hai, disgraziato, continui sempre a farti
seghe? Ora ho da lavorare, sparisci, fila in
sartoria per le misure. Fu cos che mi

ritrovai secondo cameriere, che mai entra


in campo, nello spot pubblicitario dei
rigatoni Barilla, e paziente completamente bendato del mago brasiliano di
chirurgia plastica in Ginger e Fred, e
gentiluomo veneziano mascherato in una
scena di massa del Casanova. Era il suo
modo per aiutarmi a spese della produzione e magari sentirsi meno in colpa per
avermi scaraventato in quel bellambientino. Quando chiedevo a Federico perch
non mi affidasse un ruolo vero, sospirava:
Caro Brunin, non posso darti una parte
importante, tutti ti ricordano come il
Titta. E poi, cosa ti faccio fare? Dimmelo
tu, tesoro. E sorrideva sornione e
bugiardo.
Era bugiardo?
Mentiva su tutto con puerile sfacciatag-

Ancora Zanin sul set


di Amarcord con Maria
Antonietta Beluzzi,
la giunonica tabaccaia:
i protagonisti del film
sono tutti morti, tranne lui.

9 settembre 2015 | Panorama

75

SOPRAVVISSUTI

gine. Diceva che era stato come me in


collegio dai salesiani, ma non era vero:
fu il fratello Riccardo a studiare dai preti.
Sosteneva daver provato lLsd. Quanto
al transatlantico Rex, non solc mai
il mare di Rimini. Il regista nel 1977 si
trovava a Parigi e promise di venirmi
a vedere a teatro con la moglie Giulietta
Masina. Recitavo in francese Jacques
ovvero la sottomissione di Eugne
Ionesco. Gli feci tenere due posti in
prima fila. Figurarsi leccitazione dei
colleghi. La direzione convoc stampa
e tv. Ma lui non si present. Il giorno
seguente trovai in camerino un biglietto
in cui si scusava tantissimo: si era
scordato di un invito a cena con Giulietta
dallambasciatore italiano. Peccato che
il diplomatico la sera prima fosse

Zanin con Armando Brancia,


che in Amarcord ha la parte
di suo padre, e con Giuseppe
Ianigro (con il cappello nero),
che nel film il nonno di Titta.

anchegli con la consorte al Thtre de


la Ville proprio per incontrarvi Fellini.
Da ridere. Pi bugiardo di lui,
se escludiamo il sottoscritto,
non ho conosciuto mai nessuno.
Piccinerie dei grandi.
Lo stesso bidone me lo tir a Roma anni
dopo, mancando allappuntamento che
mi aveva dato in un lussuoso ristorante
di via Cavour. Solo che qui ad attenderlo
cera anche uno dei miei figli, tredicenne, armato di Kodak per immortalare
levento. Da allora smisi di telefonargli
e di volergli bene.
Ha mai avuto la sensazione che Fellini
fosse omosessuale, come si vocifera?
Lo apprendo da lei.
Il sito The Celebry Post ha persino
svolto un sondaggio sullargomento.
Che cosa vuole che mimportasse di quel
che faceva il genio Fellini con il suo
pisello? Io a quel tempo avevo gi un bel
daffare con il mio, che mi dava pure

ATTORE NON HA IL SENSO DELLA REALT. TI SBRONZI,

L
76

Panorama | 9 settembre 2015

qualche pensiero. Che tristezza per


scoprire che nel 2015 c gente ancora
interessata a quello che fa il prossimo
della propria sessualit. Non sarebbe
pi interessante sapere che cosa ha
nel cuore e nel cervello, anzich nelle
mutande?
Perch, dopo una ventina di film,
il teatro e linterpretazione di Giulio
nel Marco Polo televisivo di Giuliano
Montaldo, ha abbandonato la carriera
di attore?
Ho sperimentato la refrattariet a vivere
con gli altri colleghi, linsufficienza della
mia cultura, il senso dinadeguatezza,
la mancanza di una vera vocazione. Tutti
limiti con i quali ho dovuto fare i conti
quando mi sono accorto che venivo
doppiato persino nei film in italiano.
E allora, come dice Voltaire nel Candido,
meglio avere una casetta e coltivare
il proprio orticello. quello che ho fatto
dopo aver vissuto lorrore della guerra
in Bosnia.
Sicuro che questa scelta sia definitiva?
S, non ce la facevo pi a stare sul set
con 70 persone quasi tutte bisognose
dello psichiatra. Ero stanco di assorbire
le loro nevrosi. Lattore non ha il senso
n della realt n di niente. Ti sbronzi,
fumi le canne, tiri cocaina, fai sempre le
ore piccole senza regola, rischi dimpazzire. Io sono nato contadino, mi sentivo
un impostore nellesercitare un mestiere
che non mi apparteneva. La vigilia di
Natale del 1989 recitavo Il ventaglio di
Carlo Goldoni al teatro Alfieri di Torino,
sotto la direzione di un argentino che del
commediografo veneziano non conosceva un tubo. Non sapevo dove passare il
Natale, non avevo programmato nulla.
Mi ero dimenticato dei regali per i figli,
di scrivere due righe di auguri agli amici,
la stessa cosa con mia madre. Andai al
bar a bere una birra, stavo per pagare:
mi accorsi daver scordato nel camerino
il borsello con soldi, documenti, chiavi
di casa. Tornai indietro: teatro chiuso,
custode partito per le feste. Passai la

BRUNO ZANIN nato a Vigonovo (Venezia) il 9 aprile 1951,


da contadini poveri e analfabeti. Grazie a un tema in classe,
allet di 9 anni viene reclutato dai salesiani e finisce in un
collegio piemontese. Durante
una gita in montagna, un prete
abusa di lui. Da quel momento la sua esistenza segnata.
Raccolto per strada da Edward
Melcarth, il pittore e scultore
prediletto dal magnate Malcom
Forbes, posa per lui come modello. Reclutato per caso da
Federico Fellini a Cinecitt, nel
1973 diventa il protagonista di
Amarcord. Ha girato una ventina di film, fra cui LAgnese va
a morire e Il caso Moro; ha recitato a teatro e in televisione.
stato impegnato in missioni
umanitarie durante la guerra
in Bosnia. Oggi fa lo scrittore.
Vive a Vanzone (Verbano Cusio
Ossola), in Valle Anzasca.

FUMI LE CANNE, TIRI COCAINA... RISCHI DIMPAZZIRE

speciale numerata.
Ha scritto solo quello?
Per una casa editrice di Bergamo sto per
pubblicare Puttana guerra!, un romanzo-verit sullesperienza che ho vissuto
dal 1992 al 1995 in Bosnia.
A distanza di mezzo secolo, labuso
subto in collegio la fa ancora soffrire?
Quellesperienza ha avvelenato la mia
esistenza, provocando una ferita che
ancora sanguina. Ma continuare a
portare rancore a un individuo diventato
ormai uno scheletro significherebbe
tenerlo sempre vivo nella testa e la storia
non finirebbe mai. difficile perdonare,
ma ancora pi difficile perdonare s
stessi. Per colpa di quel trauma mi sono
sempre sentito sbagliato, ho compiuto
una montagna di errori, ho fatto soffrire
molte persone. successo, non posso
rimediare ormai. I miei figli mi hanno
dato un consiglio: Pap, mettici una
pietra sopra, non pensarci pi, noi ti
amiamo cos come sei. Fai pace con te
stesso. ci che mi disse anche fratel
Carlo Carretto, reduce dal deserto del
Sahara, quando andai a trovarlo con un
pellegrinaggio a piedi da Rimini alleremo di Spello: Sei destinato a portare
questa croce, rassgnati Bruno! Sii
quello che sei. Che il tuo peccato non
diventi pi grande dellamore che provi
nel cuore per le creature verso le quali
ti senti attratto. Dio ti ha voluto cos per
qualche suo disegno misterioso. Lui ti
ama per come sei. Perdona quel sacerdote. Se ancora vive, sicuramente infelice
molto pi di te. Io piangevo.
Lo ha perdonato?
Alla mia et, visto che sono rimasto
lunico interprete vivente di Amarcord,
devo stare allerta e prepararmi agli addii
con dignit, perdonando e chiedendo
perdono, altrimenti morir rabbioso e
avr sprecato la vita. Ora la saluto, devo
andare ad abbeverare lorto. Con questo
caldo i fagioli hanno bisogno di acqua.
n
(stefano.lorenzetto@mondadori.it)
RIPRODUZIONE RISERVATA

9 settembre 2015 | Panorama

77

Credit: Stefano Lorenzetto (2), Mondadori portpholio (2)

notte di Natale in camper, al gelo, in un


parcheggio di periferia. Lindomani
mangiai alla mensa della Caritas. Ma che
razza di vita stavo facendo? Decisi di
smettere.
Di che cosa vive adesso?
Per vedere come campa una persona,
basta aprire il suo frigorifero. Il mio
vuoto, perch consumo quotidianamente
ci che coltivo nellorto. Ma poi mai
chiedere a un artista ritiratosi a vita
privata dove trova i soldi per tirare la
carretta. Ognuno ha il proprio trucco.
Si pu sapere qual il suo?
Riesco a sopravvivere vendendo un mio
libro con il passaparola. Uso la formula
lo paghi ci che vuoi e solo se t
piaciuto. un romanzo autobiografico,
in cui racconto la mia infanzia non
splendida, non invidiabile, non
esemplare. stato lamico
Raffaele La Capria a suggerirmi
BIO
la scrittura come terapia contro
GRA
la depressione, la brutta bestia
FIA
che ti spegne la luce, ti toglie la
voglia di vivere, ti lascia nel
mondo senza fartici stare. Ho
poi un piccolo monolocale a Tivoli che
do in affitto. Faccio lavori di manutenzione nelle ville di alcuni amici. Diciamo
che vivo una dignitosa povert, condizione che mi offre ci che non avevo prima,
quando facevo lattore e guadagnavo in
un giorno ci che ora racimolo a malapena in tre mesi, ossia unassoluta libert.
Sono padrone del mio tempo, un
privilegio che a pochi concesso.
Come sintitola il libro?
Nessuno dovr saperlo. rivolto a tutti
coloro che hanno subto violenze e abusi
sessuali da bambini, com accaduto a
me in collegio a opera di un prete,
quando avevo 13 anni. Lho dedicato
anche a Papa Francesco, che ha impugnato il bastone per sanare questa piaga
schifosa allinterno della Chiesa. La
Grafica Veneta di Fabio Franceschi me
lo ha appena ristampato come regalo
per il mio 64 compleanno, in edizione

Vittorio Sgarbi

Maurizio de Giovanni

Marco Palvetti

RICOMINCIA IL
Enrico Rossi

Alfonso Signorini

Salvatore Esposito

Dopo la pausa estiva, Panorama dItalia riprende il suo viaggio sul territorio, alla
riscoperta di quelle citt che costituiscono la spina dorsale del nostro Paese, dove
in silenzio e lontano dalle luci dei riflettori si lavora, si studia, si fa cultura, si innova
e si valorizza al meglio leredit del nostro straordinario passato. Partita da Napoli
in marzo, prima dellestate la seconda edizione del nostro tour ha toccato Vicenza,
Pisa, Varese e Matera. Ovunque con una straordinaria risposta di pubblico, accorso
sempre numeroso agli incontri con politici, imprenditori, star dello spettacolo, scrittori.
In queste pagine, alcuni degli ospiti delle prime cinque tappe. Ora, il 9 settembre, si
ricomincia da Trento. Poi ci incontreremo a Spoleto, Modena, Bari e Palermo. A presto!

Geronimo Stilton

Chiara

Giovanni Allevi

Giorgio Panariello

Rocco Siffredi

Roberto Maroni

Nek

Graziano Delrio

Gigi DAlessio

Malika Ayane

78

Panorama | 9 settembre 2015

Alessandro Borghese

Edoardo Bennato

Gianluca Isaia

VIAGGIO...

Gianni Lettieri

Gianluca Mech

Luca Argentero

Saturnino

Matteo Salvini

Mario Giordano

Luca Zaia

Katia Ricciarelli

Paolo Crepet

Geppi Cucciari

J-Ax

Nicola Gratteri

I Braccialetti rossi

Pino Aprile

Raffaele Nigro

Mimmo Gangemi

A Trento
dal 9 al 12
settembre
la sesta tappa
di Panorama
dItalia
9 settembre 2015 | Panorama

79

Trento, sesta
tappa del tour
di Panorama
dItalia, e la valle
dellAdige dalla
loggia del Castello
del Buonconsiglio.

80

Panorama | 9 settembre 2015

...IL BELLO
DI TRENTO
Prodotto interno lordo ed esportazioni
in aumento, molto pi che nel resto dItalia.
E meno disoccupazione. Grazie ad aziende molto
innovative. Che fanno la differenza.
di Mikol Belluzzi e Gianluca Ferraris
foto di Alberto Bevilacqua per Panorama

9 settembre 2015 | Panorama

81

PANORAMA DITALIA

Il trio al vertice
della Trilogis
di Rovereto:
da sinistra,
Massimo Barozzi,
Gianni Rangoni
e Nicola Giuliani.

Un export di prodotti manifatturieri


e agroalimentari in aumento del 7,3
per cento, contro il +3,2 dellultimo
dato medio nazionale. Ma anche
un turismo che incide sul Pil
provinciale per circa l11 per cento, grazie
a grandi attrattive culturali e paesaggistiche,
dalle Dolomiti ai laghi. I dati lo dimostrano:
il Trentino una terra dove gli opposti si
conciliano. Dove da sempre coop bianche
e rosse coesistono in una grande rete. Dove
la politica nazionale non deprime la voglia
di autonomia della classe dirigente locale.
E il nuovo della digitalizzazione e dei poli
tecnologici sintreccia armoniosamente con
la tradizione delle colture biologiche e di un
territorio rispettato.
A me piace sottolineare che, per noi, la
parola autonomia strettamente legata
a unaltra: responsabilit dice Ugo Rossi,
presidente della Provincia autonoma e della
Regione Trentino Alto-Adige. Autonomia
qui ha sempre implicato responsabilit,
sin da quando il nostro popolo rivendicava
lautogoverno rispetto allimpero
austroungarico, cui era annesso. Lo Stato
italiano ha riconosciuto la rivendicazione che
abbiamo riempito con impegno, solidariet,
attenzione a garantire servizi efficienti e di
qualit, coesione sociale, ambiente sano,
costante preoccupazione per chi verr
dopo, per i giovani. Letti in traslucido, i
dati economici disegnano un quadro roseo,
rispetto alla media nazionale. Il Pil del
Trentino viagger questanno a +0,8 per
cento, un decimale di punto meglio dellItalia:
sembra poco, ma di questi tempi non lo .
Lindustria manifatturiera che esporta vive
una fase molto positiva, con alcuni settori
trainanti: macchinari, chimica, bevande,
tessile, automezzi. Loccupazione non brilla
in assoluto ma nel confronto con il Paese
s: al 64,6 per cento contro una media
del 55,5. La disoccupazione a un tasso
dell8,1, ancora gestibile, e quella giovanile,
pi alta (27,1) comunque 15 punti meglio
della media italiana. Resta forte la vocazione
imprenditoriale del territorio, che conta 51.106
imprese, solo 207 meno che nel 2013. E sono
tante quelle eccellenti e innovative. Alcune
le incontreremo in citt, altre le raccontiamo
in queste pagine: tutte meritano di essere
considerate case-history.
(Sergio Luciano)
82

Panorama | 9 settembre 2015

GEOLOCALIZZAZIONE
Con la tecnologia di Trilogis lAfrica
vince la sua guerra con le cavallette.

P
Credi anche tu
che ci sia unItalia
capace di battere
ogni crisi?
Di la tua sulla
pagina Facebook
di Panorama.

er dare unidea del potenziale espresso dalla Trilogis di Rovereto basta lelenco dei suoi partner:
Nasa, Nokia, Fao, Oracle. Tutti entusiasti dei
software di geolocalizzazione complessa messi a
punto dai tre soci Gianni Rangoni, Nicola Giuliani
e Massimo Barozzi a partire dal 2006 e costantemente
aggiornati, migliorati fino alla pignoleria, modellati
con cura sartoriale sulle esigenze dei committenti.
Tecnologie come il 3D, il wi-fi e i droni hanno trasformato il geotagging in un prodotto che pu semplificare la vita di quasi ogni business spiega Gianni
Rangoni. Qualche esempio tra gli ultimi messi in campo
da Trilogis, che ha raggiunto un fattturato 2014 vicino
al milione e punta a quadruplicarlo in tre anni? C iLocate, che riesce a mappare spazi di strutture come
ospedali e case di cura, permettendo allinfermiere di
trovare la carrozzella o la flebo pi vicina, o al paziente
di alzarsi e andare in bagno guidato dalle luci che si
accendono automaticamente. C il programma donato
alle Nazioni Unite che, incrociando i dati su calore e
vegetazione in arrivo dai satelliti con le serie storiche
dei movimenti delle locuste, ha consentito di abbattere
del 60 per cento le devastazioni in Africa e Asia. Altre
applicazioni riguardano la domotica, la diagnostica a
distanza, i percorsi allinterno dei musei, la mobilit, la
sicurezza alle frontiere: le possibilit di business sono
n
pi di quante la fantasia non consenta.

PASTA DI QUALIT
Gli spaghetti Felicetti, fatti
con unacqua che sgorga
a 2 mila metri, piacciono
agli chef stellati. E al mondo.

uando qualcuno mi chiede se acqua di sorgente quella che uso per


la mia pasta, gli rispondo che viene

dellacquedotto di Predazzo, una


fonte a 2 mila metri sul massiccio
del Latemar. la verit, non ho bisogno
di raccontare favole. Riccardo Felicetti,
quarta generazione alla guida del Pastificio
Felicetti e presidente dei pastai mondiali,
trasparente come lacqua che usa per
impastare ed entusiasta del suo lavoro
come fosse il primo giorno. Nel suo ufficio grandi foto mostrano i piatti che chef
stellati hanno realizzato con questa pasta,
che deve la sua bont non solo allacqua
di montagna ma anche ai grani superselezionati e biologici, macinati e trasformati
nello stesso giorno, perch anche un breve stoccaggio li potrebbe rovinare. E per
ognuno un aneddoto. Vede quelli? Sono
gli Spaghetti Pizza Margherita, il piatto

795

le nuove imprese
registrate
a Trento
nei primi tre mesi
di questanno.
simbolo dIdentit golose realizzato dallo
chef Davide Scabin sinfervora Felicetti.
Con lui lavoro da sei anni, mentre per
entrare nel ristorante di Andrea Berton ho
dovuto prima batterlo sugli sci.
Ma la pasta Felicetti non piace solo ai
cuochi stellati: lazienda nel 2014 ha fatturato 35 milioni, e lexport ha toccato il 70
per cento. Nel biologico siamo tra i leader
sia con i nostri brand, come il Monograno
Felicetti, sia con la produzione che realizziamo per marchi come Alce nero ed Ecor,
e per partner stranieri in Nord Europa, Sud
Africa, America e Australia.
n

Riccardo Felicetti, presidente del Pastificio Felicetti di Predazzo e dei pastai mondiali.

Michele Gubert, uno dei fondatori


della start-up energetica Solid Power.

ENERGIA
Celle combustibili geniali
che trasformano lanidride
carbonica in elettricit:
cos cresce la Solid Power.

i chiamano celle a combustibile


a ossidi solidi e spiegarne genesi e
funzionamento sarebbe complicato,
visto che anche chi le ha progettate
ha impiegato anni per renderle funzionali e redditizie. Basti sapere che sono
generatori di calore ed elettricit capaci di
funzionare con ogni combustibile, idrogeno compreso, con una dispersione media
del 10 per cento contro il 50-60 per cento
delle caldaie tradizionali, e senza attivare
processi di combustione n movimenti
meccanici, il che le rende pulitissime,
convenienti e a prova di black-out.
Il mercato vasto ma a produrle sono
solo sette aziende nel mondo: una, la
Solid Power, allinterno dellincubatore
Bic di Mezzolombardo, che ha cofinanziato lavventura. Abbiamo iniziato nel
2007, prima della crisi. Ma labbiamo
attraversata continuando ad assumere e
investire raccontano Alberto Ravagni
e Michele Gubert, due dei fondatori. Il
risultato una realt da 85 dipendenti
e quasi 5 milioni di fatturato (all85 per
cento allestero). I nostri sistemi sono
in grado di intercettare la domanda dei
prossimi anni continuano i manager e
sono reversibili. Cio possono funzionare
al contrario, riconvertendo anidride carbonica e acqua in combustibili sintetici
e stoccando cos energia in modo molto
efficiente. Cos efficiente che Microsoft
ha inserito Solid Power tra le 100 aziende
pi innovative con cui lavorare.
n
9 settembre 2015 | Panorama

83

Michele
Odorizzi,
presidente
del Consorzio
Melinda.

NON SOLO MELE


Il consorzio Melinda
ora punta sulle ciliegie
per conquistare
nuovi mercati esteri.

coltivatori hanno appezzamenti piccoli


e piccolissimi. Gli acquirenti, invece,
sono i colossi italiani e stranieri della
grande distribuzione. In mezzo c
il consorzio Melinda, 16 cooperative
che raggruppano 4.200 famiglie di frutticoltori i quali coltivano circa 6.500 ettari
di meleti tra Val di Non e Val di Sole. In
questarea del Trentino e in Alto Adige si
concentra il 70 per cento della produzione italiana del frutto e un 15 per cento
arriva sul mercato. Tutto questo grazie al
consorzio creato nel 1989, che oggi vale
280 milioni di euro di ricavi, di cui un
quarto esportato in 50 Paesi, soprattutto
Germania, ma anche Algeria ed Egitto.
Da un anno abbiamo introdotto tra i
nostri prodotti anche ciliegie e frutti rossi
per ampliare la gamma, e siamo sempre a
caccia dalleanze per rafforzarci, ma non
facile per via del grande individualismo
che regna nel nostro settore dice Michele Odorizzi, presidente di Melinda.
Adesso si aspetta il nuovo raccolto di
mele. Nel 2014 stato davvero singolare
perch ha segnato il record produttivo
di Stati Uniti, Cina, Europa e della Val di
Non, un evento unico che ha portato al
crollo dei prezzi e a consumi in crescita.
Questanno, invece, la produzione sar
eccellente ma non cos elevata, e la qualit rester ottima. Speriamo bene.
Lo scorso anno sono state raccolte
360 mila tonnellate di mele, al 70 per
cento Golden, le pi amate dagli italiani,
mentre sta avendo un grande successo
Evelina, lultima nata in casa Melinda:
un frutto dal colore rosso-aranciato e dal
gusto particolare. Appena la mettiamo
sul mercato va a ruba conferma Odorizzi:
per questo abbiamo aumentato la sua
produzione da 2 a 15 mila tonnellate. n
84

Panorama | 9 settembre 2015

PANORAMA DITALIA
Edgardo
Cremascoli,
dal 2006
presidente
di Novagenit.

CENTO LIBRI
PER LA TUA SCUOLA:
ECCO COME
PARTECIPARE
AL CONCORSO

BIOTECH PER MEDICINA E CHIRURGIA


Un gel che blocca le infezioni nelle protesi ortopediche:
cos la Novagenit far risparmiare 800 milioni allEuropa.

on 120 mila nuove protesi impiantate ogni anno, una popolazione che
invecchia e un servizio sanitario alla
costante ricerca di soluzioni durature,
il mercato italiano lideale per chi si
occupa di biotech applicato alla medicina
e alla chirurgia. Lo sa bene Edgardo Cremascoli, cresciuto osservando lazienda
di famiglia che produceva apparecchi diagnostici e dal 2006 presidente di Novagenit,
societ incubata dalla finanziaria regionale

+0,5%
il Pil in provincia
di Trento nel 2014,
contro il -0,4%
del resto dItalia.

Trentino Sviluppo che progetta e vende


dispositivi innovativi destinati soprattutto
allortopedia. Lo scorso anno abbiamo
raggiunto un fatturato di circa 2 milioni
con 12 dipendenti racconta Cremascoli
ma siamo solo allinizio: la domanda
destinata a esplodere in cinque o sei anni,
soprattutto per quanto riguarda lultimo
prodotto a cui stiamo lavorando.
Si tratta di un gel a base di acido ialuronico per la prevenzione dellinsorgenza
di adesioni e di infezioni postoperatorie
in varie tipologie di interventi chirurgici:
in giugno ha ottenuto un finanziamento
da parte del programma europeo Horizon
2020. Oggi il 63 per cento delle operazioni affetto da qualche contaminazione
batterica continua Cremascoli. Il nostro
gel, con laggiunta di antibiotici, forma
una barriera protettiva sulla superficie
di protesi e impianti e previene il rischio
di infezioni. A livello europeo una soluzione del genere potrebbe generare 800
milioni di euro di risparmi sanitari: anche
per questo lUe ha deciso di cofinanziarne
brevettabilit e certificazione.
n

Sei uno studente di scuola


superiore, meglio ancora
se un maturando? Vuoi
arricchire la biblioteca
della tua scuola?
Panorama, insieme
con la Mondadori, mette
a disposizione 100 libri
in un grande concorso
riservato alle scuole medie
superiori delle dieci citt
dove si svolge Panorama
dItalia: basta scrivere
un testo che risponda a
questa domanda: Perch
Panorama dovrebbe
lasciare in eredit 100 libri
alla tua scuola. Il testo,
di 30 righe massime (e uno
solo per classe, scelto
dai professori), deve essere
inviato allindirizzo email
panoramaperlescuole@
mondadori.it.
La redazione di Panorama
sceglier le risposte pi
significative e originali.
Per gli studenti di Trento,
che la sesta tappa del
tour, gli scritti dovranno
pervenire entro venerd
4 settembre, alle ore 16.
Per la tappa successiva,
Spoleto (dove saremo dal
30 settembre al 3 ottobre),
le risposte dovranno
arrivare entro la stessa
ora del 25 settembre.
9 settembre 2015 | Panorama

85

PANORAMA DITALIA

FIBRE DI NYLON
Pi di un decimo delle moquette vendute
in tutto il mondo made in Aquafil.

l disastro del Vajont ha lasciato almeno uneredit positiva.


Era il 1963, e dopo la tragedia Carlo Bonazzi e Silvana Radici,
marito e moglie di Verona, decisero di approfittare degli incentivi concessi dallo Stato per trasformare in impresa quella
che allora era ancora una semplice attivit artigianale: sei anni
dopo finirono ad Arco, in provincia di Trento, dove i contributi
a fondo perduto erano maggiori e pi semplici da ricevere.
Nasceva cos Aquafil, oggi tra i leader mondiali nella produzione di fibre di nylon destinate ai tessuti per moquette, interni
auto e abbigliamento. A guidarla Giulio Bonazzi, che da
pochi mesi anche a capo di Confindustria Trento. Posizione
dalla quale gode di una vista ottimale sulleconomia locale:
Abbiamo retto bene alla crisi puntando soprattutto su export e
fascia altissima di mercato racconta e la fortuna di questarea
di poter contare su molte imprese eccellenti che negli anni
scorsi hanno fatto la stessa scelta, continuando a investire e
innovare. Non dico sia stato facile, ma lambiente meno soffocante dal punto di vista burocratico e pi adatto a connettere
lavoro, ricerca e universit, stato daiuto. Certo non siamo in
Germania, dove ho un concorrente che produce alla met del
mio costo energetico orario, ma questo anche uno stimolo a
non sedersi mai.
Finora ha funzionato: Acquafil controlla il 13 per cento del
mercato mondiale e il 50 per cento di quello europeo, con 15
consociate estere e 2.800 dipendenti. Il tutto senza debiti e
senza farci infatuare dalla Borsa, visto che il controllo ancora
totalmente in mano alla mia famiglia conclude Bonazzi.
n

IL LICEO MIGLIORE DI TRENTO


Con un indice di 91,21 il liceo scientifico migliore
di Trento: in base ai calcoli della Fondazione
Giovanni Agnelli, e con 159 diplomati lanno, il liceo
Galileo Galilei (foto) batte alla grande tutti gli altri
istituti medi superiori della citt. Il voto medio
di maturit, nellultimo anno, stato 79,7.
I maturati scelgono di iscriversi allUniversit al 92
per cento, quelli che scelgono una facolt nellateneo
di Trento sono circa 58 su cento. Una squadra
del Galilei, lo scorso luglio, ha vinto la medaglia
di bronzo ai Mondiali di robotica organizzati nella
citt di Hefei, in Cina. stata la sola scuola italiana
a partecipare alla competizione.

86

Panorama | 9 settembre 2015

Giulio Bonazzi,
titolare
di Aquafil
e presidente
di Confindustria
a Trento.

HI-TECH PER DISABILI


Lidea alla base di Needius:
un quaderno digitale
che fa comunicare
i malati di autismo.

a loro idea di realizzare il comunicatore Blu(e) per migliorare la qualit di


vita dei bimbi autistici ha colpito anche
Samsung. Per questo il gigante coreano
dellhi-tech ha messo a disposizione di
Needius, la start-up fondata nel 2014 dai
giovani neuroscienziati Nicola Filippi, Jacopo Romani e Raffaele Ettrapini, il suo
tablet Galaxy su cui sono stati digitalizzati
i simboli di Comunicazione aumentata alternativa (Caa), gli unici segni che consentono ai malati di autismo di comunicare
col mondo esterno. Grazie a Needius non
solo questo quaderno di carta diventato

digitale, ma le parole associate al simbolo


grafico ora sono registrate da persone reali,
offrendo a questi bambini speciali la possibilit di avere una voce naturale e non
sintetizzata con cui dialogare. Il dispositivo digitale, prescrivibile dallo specialista e
quindi rimborsabile dalla mutua, pu aiutare anche persone affette da sindrome di
Down, da afasia e da tutte quelle sindromi
dove luso della parola compromesso.
Il sistema ha due vantaggi: consente
alla famiglia di verificare i progressi in
unarea riservata e di creare una cartella
medica online consultabile dallo specialista dicono i tre, che hanno frequentato
il master dellOdf lab dellUniversit di
Trento con cui continuano a collaborare.
Il problema dellautismo in Italia colpisce un nuovo nato su 88. La met di chi
ha la sindrome svilupper poi problemi di
linguaggio: un bacino di 600 mila famiglie
che ora possono acquistare il comunicatore via internet (Tabletautismo.it).
Lobiettivo ora una distribuzione pi
capillare e trovare un partner che possa
n
finanziare la crescita della start-up.

8,1%
il tasso di
disoccupazione
della provincia
di Trento (12%
il dato nazionale).

Da sinistra: Nicola Filippi, Jacopo Giovanni Romani e Raffaele Ettrapini, i tre trentenni che hanno fondato la start-up Needius.
9 settembre 2015 | Panorama

87

UNA CARD PER ACCEDERE


GRATUITAMENTE AI CORSI

SOLUZIONI INNOVATIVE
Hypertec Solution va da Rovereto a Marte
e ha in cantiere la moto elettrica da corsa.

Appuntamento a Trento con Panorama dItalia e


Panorama Academy. Con unopportunit in pi per
chi ci far visita: come gi accaduto durante le tappe
primaverili, e come avverr in tutte le citt visitate
dal nostro settimanale nei prossimi mesi, anche nel
capoluogo trentino, presso la casa di Panorama
dItalia in piazza Dante, sar possibile ritirare una card
per accedere gratuitamente a 27 corsi delluniversit
telematica Pegaso, nostro partner nelliniziativa. Si
tratta di tre insegnamenti estratti dal primo anno
per ciascuna delle nove lauree tradizionali erogati
dalluniversit, tra i leader italiani nella formazione
a distanza con oltre 26 mila studenti. Unulteriore
possibilit di conoscere da vicino la didattica con la
quale verranno erogati anche i corsi in collaborazione
con Panorama, che registrano un vero boom di
adesioni. Per ciascuna delle cinque discipline (turismo,
enogastronomia, arte, business e moda) sono previste
lezioni a distanza, fruibili on line e dotate di sistemi di
verifiche e tutoraggio a distanza. Il tutto in due possibili
modalit: lalta formazione e i corsi post laurea. Nel
primo caso lo studente conseguir un attestato di
frequenza e accumuler 12 crediti universitari, spendibili
in qualsiasi ateneo. Il secondo percorso, pi strutturato,
quello dei Master di primo livello, che richiedono
la laurea e prevedono un esame finale fisico in
una delle sedi dellUniversit telematica Pegaso non
prima di sette mesi dalliscrizione. In questo caso
limpegno richiesto di 1.500 ore complessive che
permetteranno il conseguimento di 60 crediti, anchessi
riutilizzabili nelle universit italiane. Per informazioni
e iscrizioni potete visitare i siti
panoramacademy.it e
pegasopanoramaditalia.it.

ercasi ingegneri disperatamente. Per la trentina Hypertec


Solution, 65 ingegneri che calcolano e progettano chiavi
in mano soluzioni innovative per il settore automobilistico, del packaging, del petrolio e delle macchine utensili
questo lunico ostacolo alla crescita. Nata nel 2011 dalla
fusione di cinque societ di progettazione, la Hypertec ha fame
di laureati che siano in grado di fare calcoli complessi e dingegnerizzare prodotti. Ma dato che siamo piccoli, pur offrendo
stage e formazione, spesso le universit ci snobbano dicono
quasi allunisono Daniele DallOlio ed Edoardo Borghini,
due dei fondatori dellazienda di Rovereto, che questanno
arriver a un giro daffari di 4 milioni di euro.
In realt, i numeri non rendono giustizia a questo piccolo
gioiello che lavora su progetti (spesso top-secret) come il sistema di rilevamento del robot che nel 2020 sar impegnato
in una missione su Marte o la schermatura dalle radiazioni
cosmiche delle tute spaziali in collaborazione con lEnte
spaziale europeo e lAgenzia spaziale russa. Gli ingegneri di
Hypertec vanno forte anche nel mondo delle supercar, del
motor sport e delle due ruote. Abbiamo appena ingegnerizzato il cambio di Energica, lunica moto da corsa elettrica al
mondo sottolinea DallOlio. un progetto italiano che non
ha niente da invidiare a Tesla, ma una start-up di quattro
persone e avrebbe bisogno di un finanziatore.
I progetti in cantiere sono tantissimi: da quello di un elicottero a reazione ai nuovi sistemi per chiudere pozzi petroliferi
fuori controllo fino a innovative turbine per leolico. Sempre
n
che si trovino nuovi ingegneri

NEL MONDO DI PEGASO


IN QUATTRO MOSSE

Visita il sito

Accedi allarea riservata e immetti


le credenziali di accesso che trovi sulla card.

Personalizza il tuo profilo inserendo tutti


i dati: nome, cognome, mail e codice fiscale.

Accedi alla piattaforma dove potrai scaricare


le videolezioni dei 27 corsi.

www.pegasopanoramaditalia.it

Edoardo Borghini, socio e cofondatore di Hypertec Solution.

88

Panorama | 9 settembre 2015

PANORAMA DITALIA
Enrico Zanoni,
direttore
generale
di Cavit, Cantina
viticoltori
del Trentino.

MACCHINE PER DEPURAZIONE


Date un tappo di plastica alla Ecosistemi
e ci produrr acqua pulita (a basso costo).

ulle sue capacit di riciclo ormai siamo tutti ferrati, ma


fino a poco tempo fa nessuno sospettava che loggetto in
plastica pi diffuso al mondo, il tappo delle bottiglie, potesse trasformarsi anche in uno strumento per la depurazione
delle acque. Lidea venuta nel 2013 a Dario Savini, un
biologo delluniversit di Pavia che insieme a tre soci ha fondato
la Ecosistemi, prima guidandone lo spin-off accademico e poi
insediandosi nel Progetto manifattura di Rovereto, il primo hub
italiano di start-up dedicato alla green economy.
Lidea di partenza era semplice dice Savini. Le tradizionali macchine da depurazione utilizzano pellicole prestamVINO & SPUMANTE
pate: qui vivono e crescono i batteri che puliscono i liquidi da
Lunione fa la forza: cos il consorzio Cavit
carbonio e azoto. Noi ipotizzavamo che i tappi, per forma e
esporta tre quarti delle sue bottiglie.
materiali, fossero abitazioni pi adatte ai batteri, oltre che molto meno costose. E abbiamo avuto ragione.
a tecnologia non solo in cantina, ma
Detto, fatto: limpianto brevettato, il Rcbr
(Rotating cell biofilm reactor), necessita di
arriva anche in vigna. Tra i gruppi vinicoli pi attivi su questo fronte c
manutenzioni ridotte e riduce i costi del 90
Cavit, il grande consorzio di cooperative
per cento. Alla prima installazione, un anno
trentine, che riunisce 11 cantine sociali
fa in un birrificio di Novara, ne sono seguite
e 4.500 viticoltori che coltivano 5.500 etaltre tre, compresa una a Borgo Valsugana. E
tari e rappresentano il 60 per cento della
ora ha suscitato linteresse di alcune grandi
le esportazioni
produzione della provincia. Dal 2010 ha
aziende tedesche. Senza contare limpatto
in valore
lanciato il progetto Pica, Piattaforma intesociale e ambientale: zero emissioni e tappi
grata cartografica agriviticola, che permette
che allungano il ciclo di vita, permettendo
della provincia
al vignaiolo di sapere quali sono i vitigni
alle onlus che li raccolgono di reinvestire il
di Trento nel 2014.
pi adatti per il suo terreno e allenologo di
ricavato in progetti a favore della natura. n
ricevere importanti informazioni sullo stato
RIPRODUZIONE RISERVATA
di maturazione delle uve e sullorganizzazione della vendemmia. Il nostro gruppo ha grandi dimensioni,
ma come se fosse unazienda artigianale. Questo strumento
ci aiuta a gestire i tanti appezzamenti dei nostri associati, dove
luva va raccolta in un brevissimo lasso di tempo sottolinea
Enrico Zanoni, direttore generale di Cavit, terzo produttore
italiano, che ha chiuso il 2014 con 160 milioni di euro di ricavi,
di cui il 75 per cento esportato fra America e Germania.
Oltre ai vini fermi pi tradizionali, stanno andando
particolarmente bene le bollicine, molto apprezzate anche
da un pubblico giovane. Stiamo crescendo a doppia cifra sia
con il nostro spumante Trentodoc Altemasi, sia con quello a
metodo charmat come il Muller Thurgau continua Zanoni.
Sono prodotti che oggi piacciono molto soprattutto ai giovani
americani: abbiamo realizzato anche nuovi vini di tendenza,
Dario Savini, biologo e fondatore della Ecosistemi a Rovereto.
proprio per andare incontro ai loro gusti.
n

+0,7%

9 settembre 2015 | Panorama

89

Leleganza
senza tempo
di Villa Margon
Echi dellarchitettura palladiana ed eleganti
affreschi di un misterioso pittore nel complesso
cinquecentesco che sorge tra i boschi
e i filari di vite sulle colline intorno a Trento.

di Vittorio Sgarbi

alladio non aveva ancora cominciato, o forse era con il suo aristocratico protettore, il poeta Gian
Giorgio Trissino, a Trissino, per
apprendere i principi di quella
vita in villa cui egli avrebbe dato
una nuova dimensione e una letteraria solennit. E gi a Trento, in localit
Margon (oggi Ravina, piccola frazione a
sud della citt), ai piedi del monte Bondone, iniziava la costruzione di una delle
pi belle ville del Cinquecento italiano.
Siamo nel 1540. I modelli sono alcune
architetture del Quattrocento nella campagna veronese e vicentina, e nei palazzi
di Lorenzo da Bologna a Vicenza.
Pi meno nello stesso tempo Alvise
Cornaro e Giovanni Maria Falconetto edificano a Luvigliano, frazione di Torreglia,

90

Panorama | 9 settembre 2015

sui colli Euganei, la Villa dei Vescovi.


Su questi modelli si muove lanonimo
architetto di Villa Margon. probabile che
la funzione di luogo di villeggiatura, entro
un parco, prevalga su quella di azienda
agricola, con un modello che avrebbe
codificato il Palladio. E che quindi Villa
Margon sia in origine la sede di rappresentanza e di vacanza di una famiglia
veneta trasferita a Trento: i Basso, dopo i
quali passa ai Fugger, ai Lodron, ai Lupi,
ai Salvadori.
Lesterno semplice, quasi conventuale,
ha un portico sormontato da un loggiato
con il ritmo di due aperture in corrispondenza di ogni arcata al piano inferiore. Vi
sono affreschi nella loggia, e sopratutto
allinterno, con storie della vita di Carlo
V, e rappresentazioni del Vecchio e del

Nuovo Testamento e del ciclo dei mesi.


Nel salone centrale, in dodici riquadri,
si vedono le imprese militari di Carlo V:
La battaglia di Pavia, La cattura di Francesco I (1515), La vittoria sui protestanti
(1547). Difficile indicare lautore, attivo fra
il 1556 e il 1566. A sinistra, la stanza con
gli episodi dellAntico Testamento e la sala
con gli episodi del Nuovo Testamento. A
destra, la sala da pranzo con la rappresentazione dei mesi nella fedele illustrazione
dellambiente naturale.
Nella sala del biliardo, una serie di vedute di Villa Margon; alle pareti quadri del
500 e del 600, fra i quali si riconosce, fin
qui non identificato, un ritratto di Francesco Appolodoro di Porcia, notevole pittore
non ancora compiutamente studiato.
Limportanza delledificio coincide

LEZIONE DI BELLEZZA
Mercoled 9 settembre
Vittorio Sgarbi far scoprire
la bellezza di Villa Margon
a Ravina. Per partecipare
necessario iscriversi
allevento sul sito
www.panoramaditalia.it.
A causa della limitata
capienza della location,
solo i primi 100 iscritti
avranno accesso alla sala
della lezione. Gli altri
potranno seguire la diretta
dellevento su un maxi
schermo nel parco della villa.

con il rilievo della citt di Trento durante


il Concilio, quando la villa ospit cardinali e vescovi da tutta Europa, tra il 1545,
appena ledificio fu costruito, e il 1563.
La particolarit di Villa Margon nella
sua unicit territoriale, in una regione in
cui la tipologia prevalente non quella
della villa ma quella dei castelli. A questa
unicit corrisponde la magnificenza della
solitudine entro un parco integro nella
variet della vegetazione. Ci che sarebbe notevole ma prevedibile nel Veneto,
straordinario e imprevedibile nel Trentino.
Oggi limpegno della conservazione
della memoria e della storia tocca alla
famiglia Lunelli che ha reso pi stretto il
rapporto tra la ragione dellarchitettura e
n
lebbrezza del vino.

Smith Mark Edward / AGF - Archivio Fotografico Cantine Ferrari

Lesterno
e alcuni
affreschi
di Villa Margon,
un complesso
cinquecentesco
sulle colline
che sovrastano
Ravina,
piccolo centro
a sud di Trento.

RIPRODUZIONE RISERVATA

9 settembre 2015 | Panorama

91

Ore 16 Evento di apertura


di Panorama dItalia, in piazza
Dante: Trento tocca a te.
Ore 17 Liceo Scientifico Leonardo
Da Vinci. Talk show di apertura
con il ministro dellIstruzione,
delluniversit e della ricerca,
Stefania Giannini. Modera
lincontro Giorgio Mul (direttore
di Panorama).
Ore 19 Villa Margon Viaggio
nel Rinascimento trentino:
lezione di Vittorio Sgarbi.
A causa della limitata capienza
della location, le prime 100
persone che si iscriveranno
allevento sul sito panoramaditalia.it
avranno diritto ad accedere alla
sala dove Vittorio Sgarbi terr la
lezione. I restanti iscritti potranno
seguire la diretta dellevento su un
maxi schermo nel parco della villa.

UN NUOVO LIBRO PER


GERONIMO STILTON

STEFANIA GIANNINI
9 SETTEMBRE
VITTORIO SGARBI
9 SETTEMBRE

D
Dopo
il clamoroso
successo del primo
su
volume, marted 8
v
ssettembre arriva in
llibreria il nuovo libro
di Geronimo Stilton
d
G
Grande ritorno
n
nel Regno della
F
Fantasia 2 (Piemme
editore, 720 pagine,
34,50 euro).

PAOLA TURCI
10 SETTEMBRE

GIOVED 10 SETTEMBRE

MERCOLED 9 SETTEMBRE

Convegni, mostre,
interviste e talk show.
Ecco il calendario
degli appuntamenti
in programma dal 9 al 12
settembre a Trento, sesta
tappa di Panorama
dItalia: lo straordinario
viaggio lungo la Penisola
alla scoperta delle
eccellenze del Paese.
Tra informazione,
spettacolo, gastronomia
e divertimento.
Eventuali variazioni saranno
comunicate sul sito
www.panoramaditalia.it

Ore 9,30 Universit degli studi


di Trento, dipartimento di Sociologia
e ricerca sociale, Aula Kessler.
Dibattito: Trento e le valli della
crescita: il ponte tra la Val di Non
e la Silicon Valley. Moderano
lincontro Giorgio Mul e Pierangelo
Giovanetti (direttore de LAdige)
Ospiti: Paolo Collini (rettore
dellUniversit degli studi di Trento);
Claudio De Persio (direttore
operativo Cobat); Maria Cristina
Farioli (director of marketing,
communications & citizenship
di Ibm Italia); Giorgio Fracalossi
(presidente Federazione trentina
della cooperazione); Alessandro
Olivi (assessore Sviluppo, economia,
lavoro Provincia autonoma di Trento);
Ilaria Vescovi (vicepresidente
di Confindustria Trentino).
Ore 11,30 Universit degli studi
di Trento, Dipartimento di Sociologia
e ricerca sociale, Aula Kessler.
Dibattito: Fare start-up in Trentino
si pu. Modera lincontro Barbara
Carfagna (giornalista del Tg1).
Ospiti: Mauro Casotto (direttore
di Trentino Sviluppo); Fernando
Napolitano (via Skype da New York,
presidente e ceo di IB&II); Giuseppe
Ravasi (manager of cloud ecosystem
development di Ibm Italia); Luciano
Tommasi (responsabile New
ventures initiatives di Enel).
Case history: Alberto Bonazza
(Muteki); Enrico Gallus (Kirana);
Lorenzo Modena (OpenMove);
Luca Nardelli (Horus Tecnology).
Ore 16,30 Casa di Panorama
dItalia. Geronimo Stilton incontra
i suoi piccoli amici lettori.
Ore 19 Societ Filarmonica di Trento.
La situazione delle banche: scenari
e opportunit: Sergio Luciano
intervista Giovanni Pirovano
(vicepresidente di Banca Mediolanum
e componente del comitato
di presidenza dellAbi).
Ore 19,30 Teatro San Marco.
Incontro con la musica: Gianni Poglio
(giornalista di Panorama) intervista
Paola Turci. In chiusura live acustico.

TANIA CAGNOTTO
11 SETTEMBRE

GERONIMO STILTON
10 SETTEMBRE

92

Panorama | 9 settembre 2015


015

SVEVA CASATI MODIGNANI


11 SETTEMBRE

VENERD 11 SETTEMBRE

Ore 10 Universit degli studi


di Trento, dipartimento di Sociologia
e ricerca sociale, Aula Kessler.
Convegno: Un incontro
di eccellenze. Ospiti: Alessandro
Andreatta (sindaco di Trento);
Roberto De Laurentis (presidente
dellAssociazione artigiani Provincia
autonoma Trento); Massimiliano
Francone (responsabile vendite
unit soluzioni grandi clienti di Enel
Energia); Matteo Lunelli (presidente
delle Cantine Ferrari); Alessandro
Marzadro (Marzadro distillerie);
Thomas Miorin (direttore
di Habitech); Ignazio Rigotti
(amministratore Punto Cobat
e Autodemolizioni Rigotti); Salvatore
Trainotti (Aquila Basket Trento).
Ore 13 Ferrari Incontri. Show cooking
dello chef stellato Alfio Ghezzi.
A seguire food experience. Durante
levento, degustazione di cocktail
Tisanoreica.
Ore 18 Societ Filarmonica di Trento.
Incontro dautore: Antonio
Carnevale (giornalista di Panorama)
intervista Sveva Casati Modignani
che presenta il suo ultimo libro La
vigna di Angelica (Sperling & Kupfer).
Ore 19,30 Societ Filarmonica
di Trento. Talk show: Giorgio Mul
e Alfonso Signorini (direttore di Chi)
intervistano Tania Cagnotto.
Ore 21 Societ Filarmonica di Trento.
Incontro al cinema: La comicit
donna?: Piera Detassis (direttore
di Ciak) intervista Chiara Francini.

SABATO 12 SETTEMBRE
Ore 17 Supercinema Vittoria.
Talk show di chiusura: Giorgio
Mul intervista Fedez.
A seguire degustazione offerta
da Grana Padano.

COME VIVERE
UNESPERIENZA
STRAORDINARIA

Per partecipare
agli eventi,
devi registrarti
sul sito
panoramaditalia.it.
Disponibilit fino
a esaurimento posti.

Solo per te il grande


concorso Vinci
una crociera
nel Mediterraneo
per due persone,
a bordo di una delle
navi di MSC Crociere.
Il regolamento sul sito
Panorama.it. Montepremi
totale: 11.380 euro.

Seguici anche su:


#panoramaditalia
facebook.com
panoramaditalia
@PanoramadItalia

CHIARA FRANCINI
11 SETTEMBRE

Tutti i visitatori
della Casa di
Panorama dItalia
(piazza Dante),
verranno omaggiati
con un buono sconto
di 2 euro
per lacquisto di una
copia di Panorama
in edicola.

ALFONSO SIGNORINI
11 SETTEMBRE

FEDEZ
12 SETTEMBRE

Non sei di Trento,


N
ma vorresti
m
TRENTO
p
partecipare
FOR YOU
a
anche tu a uno
degli eventi nella
d
c
i
citt
trentina?
For You
Fo
You
u e Panorama
Pan
Box For
ti offrono lo speciale cofanetto
Panorama dItalia: comprende
una notte in hotel per due
persone e lingresso riservato
a uno degli eventi in programma.
Il box acquistabile sul sito:
www.boxforyou.it.

9 settembre 2015 | Panorama

93

2015 Warner Bros. Entertainment Inc. All rights reserved.

UN NUOVO POTENTE FILM

PA
PANORAMA
ANO
+
DV
VD E 16,90
DVD

BLU-RAYTM
E 19,90*

Il regista George Miller ideatore del genere post-apocalittico e


della leggendaria serie di Mad Max, ritorna nel mondo
del Guerriero della Strada. Ossessionato dal suo turbolento
passato, Mad Max (Tom Hardy) vaga solitario,
fin quando si unisce ad un gruppo, guidato dallimperatrice
Furiosa (Charlize Theron) in fuga attraverso la Terra Desolata.
Il gruppo sfuggito alla tirannide di Immortan Joe che,
furibondo per il tesoro che gli stato portato via,
ha sguinzagliato tutti i suoi uomini sulle tracce dei ribelli.

IN EDICOLA TROVI ANCHE

* Prezzo rivista esclusa

MAD MAX COLLECTION


M
Tre film capolavoro
T
della saga
d
g action.

NE
COFANETTO DA COLLEZIO
*

3 FILM e 19,90

S m
Su
mondadoriperte.it
ondadoriperte
onda
on
d ado
da
d oririripe
do
p rte
pe
rtte it trovi tutte le informazioni ssulle iniziative in edicola e per l'acquisto degli arretrati. Il sito tutto nuovo!

**Per informazioni e costi: streaming.panorama.it

DA UN REGISTA VISIONARIO

WARNER BROS. PICTURES PRESENTS


IN ASSOCIATION WITH VILLAGE ROADSHOW PICTURES A KENNEDY MILLER MITCHELL PRODUCTION A GEORGE MILLER FILM MAD MAX: FURY ROAD
TOM HARDY CHARLIZE THERON NICHOLAS HOULT HUGH KEAYS-BYRNE ROSIE HUNTINGTON-WHITELEY RILEY KEOUGH ZO KRAVITZ ABBEY LEE COURTNEY EATON
DIRECTOR OF
EDITED
PRODUCTION
MUSIC
COSTUME
BY MARGARET SIXEL DESIGNER COLIN GIBSON PHOTOGRAPHY JOHN SEALE, ASC, ACS BY JUNKIE XL DESIGNER JENNY BEAVAN
EXECUTIVE
PRODUCERS IAIN SMITH GRAHAM BURKE BRUCE BERMAN
WRITTEN
PRODUCED
DIRECTED
BY GEORGE MILLER BRENDAN MCCARTHY NICO LATHOURIS
BY DOUG MITCHELL GEORGE MILLER PJ VOETEN
BY GEORGE MILLER

LA PROSSIMA SETTIMANA IN EDICOLA IN DVD E BLU-RAY - IN STREAMING E DOWNLOAD SU STREAMING.PANORAMA.IT **


www.facebook.com/superanteprimeinedicola

PANORAMA

Link

STILI, CULTURA, SOCIET

Christopher Polk/Getty Images for TAS

LA TIGRE DEL POP

Taylor Superstar
Non c una celebrit della musica che oggi possa competere con Taylor Swift (25 anni).
Lo dicono i numeri: un miliardo di clic per il video di Blank space, 11 milioni di copie
dellultimo album 1989, sette Grammy award e quattro statuette agli Mtv Video music
award del 30 agosto per il clip di Bad blood. A chiudere il cerchio, il riconoscimento di Time
che lha inserita a pieno titolo nella lista delle cento persone pi influenti del mondo.
9 settembre 2015 | Panorama

97

LINK_TENDENZE

10
SUGGERIMENTI
PER RIPARTIRE

Che cosa indossare, leggere e guardare.


Ecco come ricominciare a settembre,
guardando al futuro prossimo.

a rentre, come la chiamano i francesi,


ovvero il rientro dalle vacanze, sempre
complesso e porter qualche stress, ma in
fondo si pu rivelare divertente. Perch, come un improprio capodanno, consente di
cambiare pelle e di concepire buoni propositi,
regalandoci cos loccasione per programmare
molti nuovi inizi.
Bellezza, fitness, cultura, entertainment, cucina,
fashion: la parola dordine rinnovarsi. Per piacersi di pi e affrontare lautunno con un pieno di
energie creative. Per tenerle fede, ecco il meglio dei
suggerimenti globali: un concentrato di strade nuove
(anche effimere) da percorrere, con lobiettivo di
lasciarsi alle spalle le vecchie abitudini, sperimentare
le ultime tendenze, programmare la to do list del
tempo libero. Un decalogo da memorizzare e postare
sulle agende degli amici: dieci ottimi consigli, pratici
e meno, cui affidarsi con entusiasmo per il benessere
del corpo e della mente.
n
98

Panorama | 9 settembre 2015

Gerhard Hagen/Poolima/laif

di Stefania Vitulli

IL PIACERE
(E LA MODA)
DI ANDARE
IN ALTO

Il vero relax culturale


in quota, fuori dal circuito
delle capitali europee. Con la
cabinovia o a piedi, si arriva
a 2.275 metri di altezza
al Messner mountain
museum (dedicato
allalpinismo e alle grandi
pareti), e si gode di un
panorama unico. Progettato
dallarchistar Zaha Hadid,
la sesta tappa del MMM Tour:
strutture museali in luoghi
mozzafiato, volute
da Reinhold Messner
in Sudtirolo. Inaugurato
in luglio, fino a domenica
11 ottobre. (messnermountain-museum.it)
9 settembre 2015 | Panorama

99

LINK_TENDENZE

LA SNEAKER
S FATTA
SERIOSA

Invece delle
sneaker colorate
da eterni giovincelli,
se proprio non si
pu rinunciare
alla scarpa da
ginnastica il must
della rentre la
riedizione delle
storiche All Star,
viste ai piedi
di John Travolta in
Grease, di Sylvester
Stallone in Rocky
e di Elvis Presley.
Lossessione
per una scarpa
intramontabile
ha portato
la Converse
a dotarla di tutti
i comfort tecnici
senza perdere
liconic power.

100

FARINA
DEL PROPRIO
SACCO

La tendenza dice che, esplorate


le potenzialit del lievito madre, chi si fa
il pane da s deve passare a quelle delle
farine. Rigorosamente integrali: pi
ricche di fibre, vitamine e minerali
rispetto alle raffinate e con un minor
indice glicemico. La certezza di macinare
direttamente tutto il chicco, per, viene
solo dal fai-da-te: obbligatorio dunque
un macina cereali a pietra. Ce ne sono
di elettriche (mezzo chilo di farina
in 1 minuto) o di manuali (mezzo chilo
in 20 minuti). Macinano frumento, farro,
segale, kamut, orzo, riso, mais, miglio,
grano saraceno. Sono belle da vedere
in cucina, costano intorno ai 400 euro,
durano anche 20 anni.

Panorama | 9 settembre 2015

4
SOCIAL NETWORK S
MA SOLO CULTURALI

I soliti social con


i soliti commenti
sembrano
invecchiati di secoli.
Genius.com invece
tutto da provare.
Si tratta di una
piattaforma gi
definita il pi
grande magazzino
di conoscenza della
storia umana in cui
gli ultimi venture
capitalist hanno
investito 40 milioni
di dollari: era partita
dal rap, ma ora
raccoglie testi
di musica, poesia,

letteratura, legge,
cronaca, da T. S.
Eliot ai Byrds.
la prima guida
interattiva alla
cultura. Si tratta
di unenciclopedia
collaborativa
democratica
e meritocratica, in
cui chi si iscrive pu
commentare i testi
caricati e chi
produce pi
commenti e pi
rilevanti e profondi,
cresce in prestigio e
in livello di potere.
Per chi ha
la passione
del design, invece,
da provare subito
atmine.com, social
dedicato alla casa:
tra camere
e camerette, cucine,
bagni e accessori
darredo postati
da tutto il mondo.

LA LETTURA
(TRENDY)
OBBLIGATORIA

Purity la lettura
pi anticipata,
chiacchierata,
commentata gi
prima della sua
uscita, negli Usa,
l1 settembre. Da noi
in traduzione per
Einaudi e arriver
probabilmente nel
2016, ma intanto,
per chi pu,
dobbligo gustarsela
in originale.
Lultimo romanzo
di Jonathan
Franzen, forse il pi
grande romanziere
americano vivente,
costato allautore
cinque anni
di lavoro. La storia
quella di Pip, una
squatter portata per
il sesso e coinvolta
in un fantomatico
progetto della gola
profonda Andreas
Wolf. Ce n per
tutti: vecchia
Europa,
femminismo,
giornalismo
e colleghi scrittori.

7
IL GELO CHE FA BENE

shutterstock

Abbassiamo la temperatura e, invece


di bagno turco e hammam, votiamoci
alle propriet terapeutiche del freddo.
I professionisti dello sport lo sanno da
tempo, ma ora che la crioterapia non
sia pi un segreto. Meno di 3 minuti in una
criocamera a 160 gradi sotto zero (ben
coperti) prevengono e curano infortuni,
facilitano il recupero muscolare,
migliorano la circolazione, oltre
a bruciare circa 800 calorie, attenuare
la cellulite e ridurre le infiammazioni.
Ci sono anche la criosauna (pare che
Ronaldo e Usain Bolt labbiano in casa),
i crio-ultrasuoni, limmersione in acqua e
ghiaccio. A New York, kryolifehealthcom,
in Europa, thermesmarinsmontecarlo.

LO YOGA SOSPESO IN ARIA


Basta con pilates, ginnastica e danza. Basta con
lashtanga yoga, che ci ha strinato i muscoli. Meglio
un mix dei primi tre e tutto il relax dello yoga, ma in
assenza di gravit. Si lavora in moduli da 45 minuti
con il sollevamento totale del corpo da terra, grazie
alla sospensione creata da unamaca in tessuto:
si parte da 15 centimetri con uno o due piedi poggiati
e poi si sale, lentamente, fino a raggiungere linversione
totale, con il massimo del beneficio. La colonna
vertebrale ringrazia, la ritenzione idrica perde colpi
perch il massaggio linfatico costante, la
muscolatura lavora proprio come nel pilates, specie
braccia, addominali, glutei. Limpareggiabile premio
finale, il rilassamento: stavolta, per, la luce delle
candele accompagna il dondolio lieve dellamaca.
Irresistibile. (antigravityfitness.com)
9 settembre 2015 | Panorama

101

N GIACCA, N CAMICIA
RINNOVI
A BUON
PREZZO

empo anche
di rinnovi.
Ecco una
selezione con
qualche consiglio
o
pratico per
risparmiare sulle
e
vecchie abitudini.
ni.
Per chi abbonato
ato
a Cartafreccia
di Trenitalia: dal
marted al gioved
d
taglio del 50 per
cento se si viaggia
a
dalle dalle 11
alle 14. Per chi
vola tanto e last
minute, vantaggioso comprare
il carnet da dieci
biglietti RomaMilano a 2.690
euro o da 20
a 4.980 euro.
Musica gratis
per tre mesi con
Apple music,
senza limitazioni,
per il lancio
della piattaforma.
Per gli under 30, la
Scala rinnova
lofferta a 280
euro per tre opere,
mentre per under
25 e over 65
il Piccolo Teatro
di Milano offre
un abbonamento
a 200 euro.
Rinnovare lo
skipass conviene
a Bormio per
chi compra lo
stagionale entro
il 2 novembre.

102

Se al primo vento fresco viene voglia di


mettersi una felpa, trend dellanno scorso,
oggi meglio indossare la shacket,
ovvero shirt-jacket. Si tratta di una sorta
di camicia meno pesante di una giacca
e pi corposa di una t-shirt: un blazer
alternativo che mette insieme i Dna di un
button-down e di una giacca di sartoria.
Lhanno fatta Prada, Louis Vuitton, Dunhill;
si pu portare aperta su una t-shirt classica
o abbottonata in stile orientale; ci sono
modelli in morbidi cotoni, con tasconi
militari o tessuti sportivi,, purch foderati.
foderati

Panorama | 9 settembre 2015

9
PI BELLI
SECONDO
NATURA

I prodotti beauty
mass market,
anche se di fascia
alta come Shiseido
e Elizabeth Arden,
lasciano il posto
ai marchi di ricerca
high tech
e organici come
Aesop, Eisenberg
e Antipodes.
Al bando la sintesi
chimica, largo
alle certificazioni,
consigli su uno
stile di vita sano
da abbinare alluso
di ingredienti 100
per cento naturali
e sostenibili.
Per una nuova
cultura della
bellezza che
non penalizza
mai limmagine
sofisticata
e leccellenza
assoluta delle
prestazioni.
E il prezzo elevato
giustificato
dai processi
produttivi
politicamente
corretti.

10

ALLA MOSTRA CON IMPEGNO


Invece delle noiose
retrospettive,
adatte a far esibire
soltanto chi
ce le consiglia,
mettiamo impegno
anche nelle mostre.
La pi attesa
quella di Ai Weiwei
alla Royal
academy of arts
di Londra,
dal 19 settembre
al 13 dicembre. Il
pi influente artista
cinese di oggi,
che ha lottato per
avere un visto
di sei mesi e curare
cos levento,

presenta una serie


di lavori, molti dei
quali site-specific,
in marmo, vetro,
acciaio e t, su
temi come
la libert creativa,
la censura. Una
sfida ai nostri
tempi, cui hanno
contribuito anche
donatori anonimi,
raccogliendo oltre
100 mila sterline
per portare
alla mostra
due imponenti
alberi-scultura.
Info: royalacademy.
org.uk

Pawel Kopczynski / Reuters

LINK_TENDENZE

Mondadori Comics ripropone, in una comoda edizione dal formato classico, la serie delle leggendarie
avventure di Ken Parker, eroe umano e poetico creato da Giancarlo Berardi e Ivo Milazzo.
Nel decimo volume Ken Parker e tre compagni di sventura si trovano ad affrontare i ghiacci dell'Alaska
dopo il naufragio della nave su cui viaggiavano. Senza cibo, a trenta gradi sotto zero: come sopravvivere?

NUOVO
FORMATO

solo
e 3,50*
OGNI ALBO

Berardi&Milazzo

EDIZIONE COMODA DA SFOGLIARE


FORMATO CLASSICO
OGNI SETTIMANA UNA STORIA COMPLETA
In collaborazione con

DAL 10 SETTEMBRE IL 10 VOLUME IN EDICOLA, LIBRERIA E FUMETTERIA.


www.mondadoricomics.it

* Prezzo rivista esclusa. Opera composta da 30 uscite, ogni uscita 3,50 prezzo rivista esclusa. L'editore si riserva la facolt di variare il numero delle uscite periodiche complessive,
nonch di modificare l'ordine, la sequenza e/o i prodotti allegati alle singole uscite, comunicando con adeguato anticipo i cambiamenti che saranno apportati al piano dell'opera.

Lungo FuciLe cavaLca ancora con noi

Seguici anche su

LINK_GENERAZIONE DI TALENTI

Io non ballo
da solo,
ma con tutta
la famiglia

Alessandro Frola, 14 anni: stato scelto tra 1.200 aspiranti al ruolo di protagonista del musical Billy Elliot.

104

Panorama | 9 settembre 2015

A un anno il Billy Elliot italiano usava


la sbarra del forno, in cucina, per mettersi
sulle punte. Merito anche della genetica:
la mamma, il pap e la sorella danzano.
Il fratello maggiore solista al National ballet
canadese, mentre un altro fratello si
ribellato, prendendo a calci la tradizione...

9 settembre 2015 | Panorama

105

LINK_GENERAZIONE DI TALENTI

di Antonella Piperno
foto di Roberto Caccuri

na cagnolina di nome Kitri, come il personaggio femminile


del Don Chisciotte, che scodinzola nellatrio della scuola
Professione danza Parma, tra le ragazzine in tut e i ragazzi
in calzamaglia nera. Bisogna cominciare da qui per capire
perch tra gli oltre mille ballerini adolescenti in lizza per
il suo Billy Elliot italico, il regista Massimo Romeo Piparo
abbia pescato nel mazzo proprio Alessandro Frola: il
quattordicenne con lapparecchio ai denti e un curriculum
da piccola toile che con la sua commovente interpretazione
appena riconosciutagli dal premio Flaiano, sta conquistando
pubblico, critica e tv, dove si fa a gara per averlo ospite.
La scuola di danza dove Alessandro ha mosso i primi passi
lhanno creata nel 1993 i suoi genitori, i quarantenni Lucia Giuffrida e Francesco Frola, ballerini classici di fama anche loro, lei
oggi direttrice della sezione danza della scuola, lui di quella dedicata al musical. E la meticcia si chiama cos perch da cucciola
incrociava le zampe come una ballerina. Linformazione arriva
dalleterea Zarah Frola, 16 anni, sorella di Alessandro, ballerina
classica super premiata anche lei, appena rientrata da una trasferta
a Cuba. E fornisce lulteriore prova di una monomania famigliare
che si incardinata su una conclamata predisposizione genetica.
In casa Frola si impara quasi prima a danzare che a parlare. Come
successo proprio ad Alessandro che, racconta il padre, a un anno
usava la maniglia del forno come sbarra. E quando piangeva si
calmava solo davanti al video dellUccello di fuoco di Igor Stravinskij. cresciuto insomma a latte e danza in una famiglia che,
tolte le angherie inflitte dal signor Jackson ai figli, una versione
tersicorea dei celebri Jackson five. Potenzialmente Frola six
se Lorenzo, 20 anni, non avesse mollato presto la danza per darsi
al calcio. Adesso per sta lavorando come cameriere a Riccione
e progetta di volare a Los Angeles alla scuola di recitazione Lee
Strasberg per diventare attore.
Il quadretto familiare che, incrociando le agende di tourne e
impegni estivi dei vari componenti (Alessandro a luglio partito
per uno stage al Royal Ballet di Londra, lo stesso dove approda il
Billy della finzione), Panorama riuscito a riunire a Parma, per
quanto riguarda la prole cos composto, in ordine crescente: il
piccolo di casa, orecchino, occhi celesti come tutta la famiglia e
un sorriso che si accentua quando piroetta: Quando ballo sono
felice chiarisce lui che, Billy a parte, ha gi danzato allAmerican
Ballet di New York e ora sogna di essere il principe del Lago dei
cigni; Zarah, che punta a una compagnia di danza di San Francisco e, come il piccolo, studia al liceo psicopedagogico: Siamo
stati rimandati in due materie, qualche prof non comprende le
nostre assenze dovute alle tourne; poi ci sono Lorenzo e il pri106

Panorama | 9 settembre 2015

mogenito Gabriele, 23 anni, appena diventato primo solista del


National ballet canadese, che il modello di Alessandro insieme
al cubano Carlos Acosta. Con i suoi piedi in fuga ( stato appena
premiato come miglior interprete maschile allestero) e nove anni
di vantaggio su Alessandro, lui lastro di casa. Fino ai 15 anni
aveva un piede nella danza e laltro nel calcio, poi ha scelto e a
16 se n andato da solo prima allHamburg ballet, poi in Messico
e da cinque anni in Canada.
Sono felice che i miei figli abbiano successo nel mio settore, ma da madre un po soffro ammette Lucia perch quella
del ballerino una vita dura e perch vuol dire perderli un po.
Gabriele questanno lho visto solo quando siamo volati tutti in
Canada per il suo Nijinsky. Non c dubbio per che la strada dei
figli labbiano tracciata lei e Francesco. Lei romana, lui di Saint
Vincent, si sono conosciuti al Teatro Nuovo di Torino e si sono

BILLY, STORIA DI UN
PUGILE MANCATO

Da ottobre in tourne, tra Milano e Parma


Ciao Billy. lsms con cui Massimo Romeo Piparo, regista,
adattore e produttore della prima versione italiana di Billy
Elliot, il musical ispirato allomonimo film di Stephen Daldry,
ha informato Alessandro che sarebbe stato lui il protagonista
dello spettacolo che ha debuttato al teatro Sistina di Roma
il 5 maggio scorso. Il musical ambientato nellInghilterra
dellepoca di Margaret Thatcher racconta, con la colonna
sonora di Elton John, la storia di un adolescente orfano
di madre, con padre e fratello minatori inorriditi allidea
che voglia diventare un ballerino e non un pugile.
Lo spettacolo aprir anche la nuova stagione del Sistina
(dal primo al 18 ottobre) prima di andare in tourne: da Milano
(dove rester un mese, dal 10 dicembre) a Genova, Torino,
Firenze e Bologna. Il 14 e il 15 novembre Billy baller
nella sua Parma, al teatro Regio.

sposati nel 93. Qualche anno fa si sono separati, ma il lavoro


in coppia alla scuola e i figli sono un bel collante. un po figlia
darte pure Lucia: la madre era maestra di danza, suo padre direttore delle luci al Sistina, dove ha debuttato Billy, mentre Carlo
Lombardo, il padre delloperetta italiana, era un suo prozio. Si
messa sulle punte a quattro anni e nessuno in famiglia lha
ostacolata a differenza di Francesco che, da maschio, ha subito
la stessa ostilit riservata dal pap minatore al Billy del musical,
quando lo scopre ballerino e non
pugile come desiderava. Il mio mi
I Frola nella loro scuola
voleva orefice come lui, o calciatodi danza a Parma.
re: mio nonno era presidente della
Da sinistra: Lorenzo,
20 anni; Gabriele, 23;
Pro Vercelli. Per farglielo digerire c
Lucia, 44; Alessandro,
voluto un salto generazionale. Ora
14; Zarah, 16;
un fan sfegatato di Alessandro.
e Francesco, 45.
Insieme hanno avuto successo,
lei prima ballerina, nonch interprete, tra laltro di Giselle, lui anche
ex direttore artistico del balletto di
Parma. Hanno calcato la scena fino a sette anni fa, portandosi
dietro i figli: A ventanni mica avevamo i soldi per le baby sitter. Ci pensavano le sarte. E i bambini dormivano nei camerini
racconta Francesco.
Ai figli hanno impartito uneducazione daltri tempi, nella
danza e nella vita: richiesta di permesso per alzarsi da tavola,
alle 22 a dormire, prima volta in discoteca a 16 anni e severit
durante le lezioni, tanto che Gabriele da bambino fu sospeso per
un anno perch disturbava. Poi per mi chiamava maestro
racconta Francesco. Veramente lo pretendevi tu ride lui. Al piccolo di casa invece mai una punizione scherza Zarah. Il pap
ha raccomandato per i piedi per terra: Gli ho spiegato che
non gli capiteranno sempre ruoli come Billy. Lui rimasto zitto.
Ma il giorno dopo, a una conferenza stampa ha detto giusto due
paroline e poi, anzich tornare a danzare, ha inforcato la bici
dicendo vado dai miei amici.
Saranno pure stelle della danza, ma sono ragazzi normali:
Gabriele si sveglia di notte in Canada per guardare in tv la sua
Juve e Billy dopo lintervista scappa in piscina. E in vacanza, a
Riccione, la loro spiaggia storica, ballo e allenamenti non sono mai
contemplati chiarisce Lucia. Con qualche eccezione: l, il padre,
una volta si avvicin a un capannello di gente a riva, pensando
che qualcuno stesse annegando. Invece erano tutti intorno ad
Alessandro che aveva improvvisato un balletto. Aveva tre anni. n
RIPRODUZIONE RISERVATA

9 settembre 2015 | Panorama

107

LINK_VADEMECUM

La vera
architettura
in natura

IL VIAGGIO DELLINFANZIA
Villaggi galleggianti con case fatte di canne tra le paludi
del sud dellIraq, nella zona di Al-Hawizeh nota come lEden.

I ricordi dellinfanzia in Iraq,


la passione per i canali di Venezia
e per il Bosforo, il profumo di casa.
Luoghi e ispirazioni raccontati
dallarchistar Zaha Hadid.

RISTORANTE
CON VISTA
Larchitetto Hadid
ama cenare
al ristorante
dellHotel Monaco
& Gran Canal
di Venezia.

di Valentina Pepe

rachena di nascita, ma naturalizzata britannica,


Zaha Hadid stata la prima donna a ricevere lambito Premio Pritzker per larchitettura, nel 2004.
Progettista bulimica, con 950 cantieri allattivo in
ben 44 Paesi, Zaha riuscita a portare il suo studio
al 45 posto nellelenco dei pi importanti studi di
architettura del mondo, mentre lei stessa salita sul
podio delle 100 personalit pi influenti del globo.
Uninfluenza di pensiero e di estetica che si imposta
attraverso le linee sinuose, gli angoli smussati, le geometrie affusolate, le forme tattili delle sue imponenti
e spesso poetiche architetture. Personalit eclettica e
internazionale, sempre in giro per i cinque continenti,
una grande osservatrice di cose e di uomini.
Il suo rifugio?
Sono sempre in viaggio per lavoro, il mio rifugio il mio
letto dove posso esclusivamente rilassarmi e spegnere
tutto per un po. Non devo essere per forza nel mio
appartamento di Londra. Per me la casa, il rifugio, un
posto dove sentirsi a proprio agio e stare con gli amici.
Il sapore che la fa sentire a casa?
Le candele di Dyptique.
Il viaggio che ha cambiato qualcosa in lei?
Da bambina ho fatto un viaggio con la mia famiglia su
una piccola barca per visitare alcuni villaggi allinterno
delle paludi del sud dellIraq e il paesaggio era davvero
meraviglioso. Cera questo incredibile flusso tra la sabbia
e lacqua e la fauna selvatica che si estendeva per
incorporare gli edifici e le persone. Credo che mi sia
108

Panorama | 9 settembre 2015

PROFUMO
DI CASA
Le candele
del brand francese
Dyptique sono
le preferite
di Zaha Hadid.

Nata a Baghdad nel 1950, ZAHA HADID ha studiato


matematica allAmerican university di Beirut prima
di trasferirsi a Londra, nel 1972, per studiare allArchitectural association. Grazie a Rem Koolhaas incontra
Peter Rice, lingegnere che lha incoraggiata quando
le sue opere parevano difficili da realizzare. Nel 1979
fonda il suo studio e nel 2012 stata nominata Dame
commander dellOrdine dellImpero britannico.

BIO
GRA
FIA

Antonello Nusca

IN FASE DI REALIZZAZIONE
Il progetto dellarchitetto Hadid per lo stadio
di Tokyo, in vista delle Olimpiadi del 2020.

LACQUA PER
CONTEMPLARE
La piscina
dellHotel
Kempinski
di Istanbul,
che si affaccia
sul Bosforo:
una finestra
tra Oriente
e Occidente.

rimasto dentro ed quello che sto cercando di


ricreare: catturare quel tipo di soluzione di continuit
e di flusso in un contesto urbano per la citt contemporanea con i suoi abitanti.
Cosa fa prima di andare a letto?
Guardo rapidamente le e-mail e i messaggi.
Leleganza in un oggetto?
La natura. Spesso guardiamo e ci ispiriamo proprio
alla natura quando creiamo architetture, alla sua
coerenza e alla sua bellezza. Le persone mi chiedono
perch non ci sono linee rette e perch non esistono
angoli di 90 gradi nel mio lavoro. Semplice! Perch la
vita non ha la forma di una griglia. Se si pensa a un
paesaggio naturale, non uniforme e regolare,
eppure le persone trovano giovamento dal contatto
con questi luoghi, perch naturale ed estremamente rilassante. Credo che si possa fare lo stesso in
architettura.
Un sogno ricorrente?
Sogno edifici dal design innovativo e penso a come
costruirli.
Quali accessori ama indossare?
I cappotti sono una delle mie stravaganze e quelli
creati da Prada sono davvero favolosi.

Il materiale del futuro?


La stampa 3D apre un mondo totalmente nuovo, un
universo di possibilit per larchitettura. Offre una
maggiore precisione, molto pi economica e
sostenibile, con meno materiali di scarto.
Per trovare lispirazione?
Trovo la mia ispirazione nella vita, nei paesaggi, nelle
persone e nei loro modelli di comportamento.
Che ristorante ci consiglia in Italia?
Il ristorante dellHotel Monaco & Grand Canal a
Venezia. un paesaggio davvero unico quello che si
gode seduti su quella terrazza.
E altrove?
A Londra consiglio The Wolseley, uno spazio
accogliente, ispirato alla grande tradizione dei caff
europei, con un servizio eccellente. Adoro anche
Yauatcha e Hakkasan. Il cibo delizioso!
La camera dalbergo che, durante i suoi viaggi,
riuscita a sorprenderla?
Non proprio una camera dalbergo, ma la piscina
del Kempinski di Istanbul per me magica.
proprio sul Bosforo, nel centro della citt, amo
stare seduta sul bordo della piscina e guardare le
barche che passano. A Istanbul si percepisce quella
miscela unica tra Oriente e Occidente: lintera citt
come un fantastico collage di culture. Le citt, lungo i
grandi fiumi e corsi dacqua, mi ricordano la
n
Baghdad della mia giovinezza.
RIPRODUZIONE RISERVATA

9 settembre 2015 | Panorama

109

LINK_HOLLYWOOD

LA MIA VITA ROSA


(COME I CAPELLI)
Ex spogliarellista, adesso autrice e sceneggiatrice,
Diablo Cody rivendica per le donne di Hollywood
potere, libert sessuale, fama. Cos, dopo avere
conquistato Meryl Streep, pensa a un film su Barbie.
di Marco Giovannini - da Los Angeles

eryl Streep ha accettato con


tale entusiasmo di interpretare
il ruolo della rockettara Ricki
Randazzo nel film Dove eravamo rimasti, che si sottoposta
a un lungo allenamento per imparare a
suonare la chitarra elettrica, partendo da
zero. Questa, per Diablo Cody, autrice
del soggetto e della sceneggiatura, stata la conferma di quello che gi sospettava: non era solo fortunata, ma proprio
miracolata. Altra legna per il fuoco della
leggenda di questa donna che nei 37 anni della sua colorita vita (s tinta di rosa
perfino i capelli) ha studiato dalle suore;
ha preso la laurea in comunicazione; ha
creato il blog Pussy Ranch; ha fatto outing (prima di Channing Tatum) sulla
sua carriera da spogliarellista pubblicando il best seller Candy girl, memorie di
una ragazzaccia perbene; ha venduto la
sua prima sceneggiatura (Juno) che non
solo stata realizzata, ma anche premiata con lOscar; fra i collaboratori
di Steven Spielberg e di Oprah Winfrey.
Signora Cody, ha ancora qualche
desiderio da realizzare?
Probabilmente cambiare nome: Diablo
110

Panorama | 9 settembre 2015

Cody appartiene cos specificatamente


a un periodo della mia vita che non mi
ci riconosco pi. Ma quando mi guardo
allo specchio mi chiedo: la gente
andrebbe a vedere un film di Brook
Busey, che la mia vera identit? Ho
paura di essere diventata un marchio.
(abbiamo dimenticato di dire che oggi
Diablo-Brook felicemente sposata, ha
gi due figli e un terzo in avanzata fase
di produzione, ndr).
Lei aveva gi incontrato unattrice
da Oscar: Charlize Theron in Young
adult. cos differente Meryl Streep?
Charlize una dea, ma ha solo quattro
anni pi di me. La ammiravo, ma non ne
ero intimidita. Meryl invece... the iron
lady, Margaret Thatcher, che diventa
Ricki Randazzo! Lei autrice del
personaggio almeno quanto me: ha
contribuito per il trucco, la pettinatura,
i vestiti, arrivando a rubare gli stivaletti
alla figlia Mamie (che a 32 anni, per
la prima volta da adulta, recita con la
mamma, ndr). Che enorme generosit.
Qual la domanda pi inaspettata sul
film che le hanno fatto?
Mi hanno chiesto se una storia che pu

interessare anche gli uomini, o se il


solito film da femminucce, il proverbiale
chick flick, per pollastrelle. Ma siamo
matti! Dove eravamo rimasti parla di
famiglia, rapporti interpersonali, sogni
ed egoismo, bisogno di stabilit contro
voglia di avventura.
A un certo punto c questa battuta:
Mick Jagger ha avuto sette figli da
quattro madri
la solita, odiosa doppia morale. Se

VISTO PER VOI


di Claudio Trionfera

Ricki Randazzo fosse stato un uomo,


il suo compartamento sarebbe stato
non solo perdonato, ma considerato
naturale.
I suoi film sono spesso autobiografici:
ha vissuto esperienze simili?
Il personaggio della rockettara ispirato
a mia suocera, Terry Cieri, che ancora
oggi si esibisce nei locali della costa del
New Jersey con la banda Silk and steel.
Quanto a me, invece, nel 2012 girai un

film come regista a Las Vegas, Paradise,


e quando tornavo a casa la sera avevo la
netta sensazione che mio figlio Marcello
fosse furioso e non volesse vedermi,
anche se aveva solo 18 mesi. Per questo
mi sono ritirata: fare il regista totalizzante, non puoi pensare ad altro. Allora
nata unaltra delle frasi del film: Non
importa se i tuoi figli ti amano, non
loro compito amare te. tuo compito
amare loro. Me la ripeto di continuo.
Come stato vincere lOscar al primo
colpo?
Una benedizione e una maledizione,
la stessa definizione usata dai supereroi
per i loro superpoteri. Conosco gente
che vuole un Oscar cos tanto che
sarebbe pronta a rubarmelo: mi sento
come Bilbo Baggins con lanello.
Il prossimo film?
Sto scrivendo un biopic di Barbie.
La bambola? Le sue eroine sono
sempre cos imperfette
Si dimentica che Barbie e stata inventata
per dar modo alle bambine di creare,
attraverso lei, le loro storie da film.
Non mai stata una figura statica. E mi
ha cercato la Mattel: credo si aspettino
qualcosa di diverso, fuori dalla norma.
Come si combatte il maschilismo
di Hollywood?
Per le sceneggiatrici va un po meglio,
vedo voci potenti come Shonda
Rhimes, Lena Dunham, Amy Schumer,
alle quali viene dato lascolto e il potere
che meritano. Ma il problema restano le
registe. Io e tre mie amiche filmaker,
Dana Fox, Liz Meriwether e Lorene
Scafaria, abbiamo fondato un club nel
quale ci si aiuta a vicenda per realizzare
film. Labbiamo chiamato Fempire, in
modo che non ci fossero dubbi sulle
n
nostre mire imperialistiche.
RIPRODUZIONE RISERVATA

GIOIE & DOLORI:


NON SOLO
ROCK N ROLL
Ricki Rendazzo sorride
e sogna come solo
le rockstar sanno sognare.

La sala piena anche quando


mezza vuota, una vera concert
hall al posto del musicbar dove
si esibisce con la sua band The
Flash, raspando tra i successi del
passato per ricavarne un repertorio di cover. Rock n roll e non
solo. Anche un groviglio di problemi per Ricki che, oramai non pi
ragazzina, ha lasciato figli
e marito per votarsi alla musica
con molto talento, poca fortuna,
zero dollari e un chitarrista della
band col quale intreccia accordi
anche sentimentali. Cos, felice ma
inguaiata, tenta il riscatto volando
a Indianapolis per soccorrere
la figlia abbandonata dal marito.
Le ruote girano. A volte anche al
contrario. E forse lhappy ending
e la pace con la coscienza sono
dietro langolo. Sentimenti in
primo piano e grande soundtrack
(pezzi da Tom Petty, U2, Bruce
Springsteen, Lady Gaga, Rolling
Stones e via cos) esibita dal vivo:
la struttura del film felicemente
disegnata da Jonathan Demme
(Diablo Cody lha sceneggiata)
privilegia gli attori. Davanti a tutti
Meryl Streep (foto sotto) con
una voce da vera rockettara
e una recitazione sublime.
E sorprende sua figlia, nel film
e nella vita: Mamie Gummer.

Mondadori portfolio

Vera Anderson/WireImage/Gettyimages

PREMIO OSCAR
Diablo Cody, 37 anni,
sceneggiatrice del film
Doveravamo rimasti.

DOVE ERAVAMO RIMASTI


Regia
Jonathan Demme
Uscita in Italia
10 settembre
9 settembre 2015 | Panorama

111

By Max Bunker

*Prezzo rivista esclusa. Opera composta da 13 volumi. Ogni volume e 14,99. La natura dell'opera si presta ad essere
oggetto di nuove serie che, se realizzate dall'Editore, saranno comunicate nel rispetto del D. LGS 146/2007.

EDIZIONE ESPLOSIVA!

Ancora pi grandi, ancora pi imperdibili: 13 nuovi volumi


da collezione per completare la tua raccolta. Tutte le storie
dal n 76 al n 150, in ordine cronologico, per seguire
le avventure di Alan Ford, lo squattrinato agente segreto
creato da Max Bunker, il genio esplosivo del fumetto italiano.

In collaborazione con

DAL 1 SETTEMBRE

solo 14,99*

Oltre 600 pagine per 5 esilaranti avventure

In edicola, libreria e fumetteria.


fum
metteria.
metteria
www.mondadoricomics.it

Seguici anche su

LINK_SFIZI DI LIVELLO

Francesca Moscheni

Uno dei sei chioschi allaperto inaugurati dalla milanese Langosteria fish bar.

STREET FOOD, MA SNOB


ll panino col salmone.
Ostriche, astice
e granite serviti in box
allaperto. Camioncini
in giro per le citt
con drink e champagne.
febbre per il cibo
di strada: sofisticato,
per nulla economico
e spesso firmato
da cuochi stellati.
di Fiammetta Fadda

el mondo iperbolico che circonda


oggi la cucina devono averci pensato molto. Dato che di star ci sono
gi gli chef, come regalare prestigio
ai cuochi di strada, quelli specializzati in street food, la moda gastronomica
del momento? Definirli artigiani sembrato troppo modesto, artisti suonato
meglio, ha centrato lobiettivo.
Difatti la serata di mangiari di strada
preparata da 25 artisti nella cornice
della Residenza Cantalupa a Brusaporto
(Bergamo) dal tre stelle DaVittorio ha
registrato il tutto esaurito. Cerano il
Club delle orecchiette, Marco il trippaio
di Firenze, Venditti Porchetta Luchese, la
friggitoria Masardona, per citarne alcuni
credibilmente di strada. Ma cerano anche
lAntica Corte Pallavicina, lantica Hosta-

ria Tre Ville di Parma, lo stesso DaVittorio,


felici di indossare labito della kermesse
popolare per una notte.
Per altri pu essere invece un passo
deciso verso una cucina che costituisce
il pendant gastronomico dei jeans e della T-shirt nera di Steve Jobs: divertita,
snob, di certo non risparmiosa. Cos si
spiega il Fish Bar della Langosteria 10 a
Milano che, mentre da un lato aggiunge
al locale originario fumoir e cocktail bar,
dallaltro inaugura nel cuore del Design
district milanese sei chioschi allaperto tra
cui passeggiare per assaggi di focaccia di
Recco, granite siciliane, ostriche, astici,
pesce crudo, completati da calici di Veuve
Clicquot.
E non il solo: nel Mercato metropolitano, spazio recuperato allo street
9 settembre 2015 | Panorama

113

food in unarea dismessa della stazione


zione
milanese di Porta Genova, la maggior
ggior
parte dei banchetti fissi o su ruote gestita da ristoranti che l hanno aperto
o una
loro filiale pi o meno temporanea: e c
cano
da chiedersi perch in tanti preferiscano
mettersi in fila anzich sedersi a mangiare
iare
le stesse cose allo stesso prezzo.
Anzi, diciamocelo, a un prezzo che
niente ha a che fare con quello di uno
street food autentico. Al Mercato del
Duomo a Milano, tre piani dedicati al
cibo buono pulito e giusto, il cartoccio
di patatine fritte costa 3,50 euro, quello
o
di polpette 4,50.
Ad Arzignano (Vicenza) Damini, pri-ma macelleria stellata nella storia dellaa
Michelin, ha creato Bab, il panino ke-bab allitaliana con pancia di manzo, un
n
taglio di scarto, appetitoso anche see
non risparmioso: 12 euro al banco. Ma,,
precisa il cuoco, il panino corrisponde a
un pasto completo, con finocchio, cipollaa
rossa di Tropea, cavolo cappuccio, maio-nese, salsa senape, pomodori datterini.
Per non parlare delle specialit locali
rivisitate dai cuochi importanti: non si
discute il prezzo quando si mangia la
Porchetta con porchetta, il panino pre-

Matteo Castagna

LINK_SFIZI DI LIVELLO
VELLO

Bab, il sandwich
creato dalla
stellata Macelleria
Damini.

Il panino
con la porchetta
reinventato
da Mauro Uliassi.

s
sentato
dallo chef marchigiano Mauro
Uliassi al congresso di alta cucina di San
U
S
Sebastian, e ratificato da applausi durante
iil favoloso matrimonio indiano celebrato
llanno scorso a Fasano, vicino a Brindisi.
O quando si inseguono su Facebook
gli spostamenti del van Frigo per bere
g
lAperol con gelato di ananas o il Campari
con fragole, creati da Cristina Bowerman,
del sofisticato ristorante romano Glass,
che ha cos completato lofferta dellApe-

E ALLESTERO SI MANGIA CAMMINANDO

ellepoca pre-internet la
cucina di strada nel mondo
era qualcosa che il viaggiatore avventuroso sperimentava
a suo rischio e pericolo. Se era
fortunato era ricompensato con
specialit meno costose e pi
saporite di qualsiasi piatto
servito in un ristorante
tradizionale. Questi sono dieci
indirizzi che ci sono piaciuti.
NEW YORK
LUKES
Un lobster roll, panino col
lastice, eccezionale e abbordabile. Perch poi non fare un
salto a Syracuse, nello stato di

114

Panorama | 9 settembre 2015

New York alla NYState Fair


dove cucinano street food
venti grandi cuochi? Il 6
settembre, 2 dollari a piatto.
(lukeslobster.com).

e verdure grigliate pi un
ingrediente segreto.
(mustafas.de).

Angeles il primo food truck


gourmet. (lecamionquifume.
com).

LAS VEGAS
SIN CITY WINGS FOOD TRUCK
Le migliori ali di pollo laccate
della citt, servite calde con
salse fatta in casa, patate fritte
e sottaceti. (Sincitywings.com).

SAN FRANCISCO
U SUSHI
La formula shabby di Ozumo,
il team che ha fatto conoscere
in California la cucina giapponese contemporanea, al 525 di
Market street, nel cuore della
zona business. (u-sushi.com).

HANOI
BN THANG B DC
Nel Vecchio Quartiere, al 48
di Cau Go street. Bn thang
una delle migliori zuppe di
vermicelli di riso del Vietnam.

BERLINO
MUSTAFAS VEGGIE KEBAB
Mehringdamm 32 lindirizzo
del pi affollato truck della citt
per il suo kebab di pollo, feta

PARIGI
LE CAMION QUI FUME
I parigini dal 2011 affollano il
camion di Kristin Frederick che
ha portato in Francia da Los

BRUXELLES
FRITERIE CHEZ ANTOINE
La friggitoria che non si pu
mancare per le autentiche
patate della variet bjntie fritte
nel grasso di bue.
(maisonantoine.be)

Duilio Piaggesi

romeo, panini e hot dog, per anche salmone e champagne itineranti per Roma.
Ma non importa. La formula funziona
anche se sempre pi spesso ha un solido
tetto a proteggerla, perch permette di
assaggiare la cucina di professionisti di
punta in versione easy-smart, cio con la
creativit esercitata a prezzi accessibili e
senza orpelli attraverso i tam tam del non
spreco e del chilometro zero.
Se invece si cerca il sapore autentico

delle bombette di Alberobello, d


delle olive
ascolane, di focacce, piade e cassoni, allora
bisogna incrociare una delle tappe organizzate dallAssociazione nazionale streetfood
(streetfood.it), nata quattro anni fa per
ridare unidentit al fuori pasto degli italiani
invaso dagli snack industriali, completando
la filiera dalla strada alla tavola con lantico
sapere degli ambulanti e la qualit delle
materie prime, precisa il suo ideatore Massimiliano Ricciarini. Questanno sono 30 i
Comuni che li hanno richiesti, e la stagione
continua con la tre giorni ad Arezzo il 18,
19 e 20 settembre e fino a met novembre a
Belluno per la Fiera di San Martino.
Umili cartocci, fette di porchetta, panini con la milza, a cui per il Gambero rosso
nella Guida 2016 ha sentito il bisogno di
regalare quarti di nobilt affidando gli abbinamenti a sommelier di grandi ristoranti.
Forse bisogna ridimensionarsi, dando
unocchiata a quello che succede a San
Francisco, e tra poco a Los Angeles, dove
Roy Choi, il cuoco che ha lanciato la moda
dei food truck con il Kogi BBQ e Daniel
Patterson, lo chef del due stelle Coi, hanno
inaugurato Locol, un nuovo concetto di
approdo gastronomico sano e alla portata
di tutti con burger, zuppe e piatti completi

Aperol con gelato di ananas nel van Frigo in giro per Roma.

Lapo Baraldi

Tavoli al Mercato metropolitano di Milano.

Cartocci design
al Mercato
del Duomo
di Milano.

a partire da 99 cent. Da noi invece il cibo


ambulante ha assunto un tono culturalsnob: il Public design festival questanno
ruotava intorno a carrettini e archetipi di
bancarelle rivisti in chiave ludica. Magari
pedalati come per gioco da fanciulle della
miglior borghesia e dai loro amici.
Perci non c da meravigliarsi se la
richiesta di corsi di cucina delle giovani signore snob si spostata dalla preparazione dellomelette flambe agli arrosticini
abruzzesi e ai panzerotti farciti. Ma anche
ai taco messicani, ai som tam tailandesi, a
ceviche e pisco sour che, arrivati in massa
con Expo, hanno innescato la febbre dei
sapori globali. Da imparare, per esempio,
con la full immersion di dieci lezioni proposta dalla Street Food Academy (info@
mediahook.it) a Milano da settembre.
La domanda : sar solo una moda?
No di certo. Al di l dellarcinota crisi della ristorazione tradizionale, dei giovani
cuochi alla ricerca di un approdo abbordabile, di locali un po decotti a caccia
di idee e di contaminazioni di ogni tipo
con la street art e la street music, c
sorride Ricciarini la parola street, che
combacia irresistibilmente con i tweet,
blip, tag, link, selfie, mms, sms che si
rincorrono sulla rete dello Streetfood
global network. Ossia dei mangiari di
n
strada 2.0.
RIPRODUZIONE RISERVATA

9 settembre 2015 | Panorama

115

LINK_AUTO
DUE TRAZIONI La Xc90 offerta a due e quattro ruote motrici. Potenze da 190 cavalli.

OLTREPASSATE
QUEL CASELLO

SVEDESE ANTI-INCIDENTI
Sulla nuova Volvo Xc90 debutta un sistema
rivoluzionario. Per prevenire ogni tipo di problemi.
di Carlo Ziveri

on difficile costruire auto confortevoli. Un po pi complesso farle anche sicure. Lintento di Volvo,
propriet della cinese Geely, ancora
pi ambizioso. Lo spiega a Panorama
Michele Crisci, amministratore delegato
di Volvo Italia: Si chiama Obiettivo 2020
e prevede di produrre entro quella data
vetture che eliminino o limitino al minimo i
danni possibili a chi a bordo o nei dintorni.
Con forti investimenti nella tecnologia della
sicurezza: radar, sensori, software che prevedono il pericolo e frenano o correggono la
traiettoria dellauto per evitare gli incidenti.
La nuova Volvo Xc90, suv imponente,
un passo deciso verso quella meta. Il
pacchetto IntelliSafe della Xc90 ha due
funzioni totalmente nuove che si aggiungono a quelle gi oggi disponibili sulle
vetture svedesi (frenata assistita, mantenimento della carreggiata, cruise control
attivo, avviso di veicolo che sorpassa).
Che sono: il dispositivo di protezione
in caso di uscita di strada e la frenata
automatica agli incroci. Nel primo caso,
quando la Volvo Xc90 capisce che sta
uscendo di strada, in 8,5 secondi pretensiona le cinture di sicurezza, dispo116

Panorama | 9 settembre 2015

ne il sedile per minimizzare limpatto


modificando i cuscini sotto le gambe, fa
collassare la pedaliera e innesta gli airbag.
Nel secondo caso, Volvo ha sviluppato un
sistema radar che agli incroci vede pure
i veicoli che sbucano dietro altre auto e
frena istantaneamente la macchina.
Le forme della Xc90 sono alleggerite
da soluzioni eleganti, come le luci diurne a led a forma di martello di Thor, la
sagoma minacciosa dei fari frontali (che
diventer la firma luminosa delle Volvo di
domani). Ma allinterno che si trovano
le scelte pi innovative: sulla plancia spariscono quasi completamente i comandi,
sostituiti da un grande schermo touch,
come i tablet. Con quello si comanda tutto, dalla climatizzazione alla gestione del
cellulare, fino allimpianto sonoro (firmato
Bower&Wilkins), che ricrea la sonorit di
un teatro da concerto.
Oltre alle motorizzazioni tradizionali,
benzina e diesel, c la versione ibrida plugin (con motore elettrico ricaricabile) che
garantisce unautonomia di 40 chilometri
e zero inquinamento in citt. I prezzi: da
n
52.350 a 82.550 euro (la ibrida).
RIPRODUZIONE RISERVATA

Da casello a casello. Al
massimo una sosta veloce
in area di servizio. Se
non appartenete a questa
categoria di automobilisti
frenetici (e viaggiate
verso Est, Nord-Est)
ecco come spezzare
la monotonia del viaggio.
Autovie Venete (Veneto
e Friuli Venezia Giulia)
ha realizzato le guide
Oltrecasello, che
segnalano i luoghi degni
di una pausa
in un raggio
di una quarantina
di chilometri dalle
uscite autostradali.
Formato pocket,
160 pagine,
le guide sono
distribuite
gratuitamente nei
punti informativi
di Autovie Venete
e negli uffici del
turismo del Friuli Venezia
Giulia. Le guide offrono
informazioni storiche,
enogastronomiche
(ricette di piatti locali)
e consigli per acquisti
di prodotti locali.

LEXUS CERCA
GIOVANI REGISTI
Una bella opportunit
per gli aspiranti registi. Un
concorso, ideato da Lexus
(marchio di lusso Toyota)
e Weinstein Company
(societ di produzione
multimediale) per
selezionare e promuovere
filmaker emergenti.
Si chiama Lexus short film
e invita i giovani talenti
a inviare un copione
(durata massima 20 minuti)
al sito www.lexusshortfilms.
com. Il tema di questa terza
edizione Anticipation.
Le iscrizioni si chiuderanno
il 25 ottobre. I quattro
i finalisti saranno presentati
al Napa Valley film festival il
15 novembre. E poi
potranno iniziare a girare
i loro cortometraggi.

LINK_ANTEPRIME

Un Icon da collezione
dedicato ai grandissimi
Da Claudio Marchisio a Bruce Springsteen,
dietro ogni personaggio c una bella storia.

di Michele Lupi*

IN EDICOLA DAL 10 SETTEMBRE


Claudio Marchisio sulla copertina
di Icon. Sopra al titolo: gli articoli
su Floyd Mayweather Jr. e Bruce
Springsteen, e lintervista a Josh Brolin.

n autunno da leoni, quello inaugurato da Icon, il maschile di Mondadori in edicola da gioved 10 settembre.
Protagonisti alcuni dei pi leggendari
miti dello sport e della musica di tutti
i tempi. Il primo il cover man, Claudio
Marchisio, che a Icon spiega le sue idee sulla Juventus, lamore, il talento, e racconta
il debito contratto con una mamma molto
speciale. Dal prato verde al ring, ecco sua
maest Floyd Mayweather Jr., il pugile
pi odiato e pi pagato al mondo. Che alla
vigilia della sua ultima sfida, rivela la sua
massima di vita: non fidarsi di nessuno

e fare qualsiasi cosa lo allontani dal suo


passato, come acquistare due supercar ogni
15 giorni; s, avete letto bene: 15.
Proviene dal pianeta della musica laltra
coppia di giganti di questo numero: Bruce
Springsteen e Johnny Cash. Ci racconta
il primo, a 40 anni da Born to run, il suo
promoter italiano, Claudio Trotta, alias
Mr. Barley Arts: il solo umano che dal 1999
ha accesso diretto alla vita del rocker, da
quando tocca il suolo italiano a quando
risale in aereo.
affidato alla penna di Johnny Cash
junior, invece, il memoriale del padre, un
musicista tra i pi amati dAmerica. Mentre,
sempre in quota figli darte, Josh Brolin
racconta come non perdersi crescendo tra
le star del cinema. Accanto a questi grandissimi, protagonista su Icon poi come
sempre la moda: tra portfolio fotografici,
notizie e close-up sullo stile che vince. n
*direttore di Icon e di Flair
9 settembre 2015 | Panorama

117

IN EDICOLA CON

LA PROSSIMA SETTIMANA

Cinema

NOVIT

La Famiglia Blier
Umorismo, musica
e sentimenti in una
commedia davvero
brillante
Dal 10 settembre
dvd euro 14,90*

Cofanetto
Mad Max
Collection
Un grande guerriero,
il massimo della
spettacolarit, per
una saga di successo
Dal 10 settembre
3 dvd euro 19,90*

PRIMA VISIONE
Mad Max - Fury Road
Un nuovo capolavoro della saga di George Miller:
Mad Max insieme all'imperatrice Furiosa
inseguito da Immortan Joe. Ritmo stupefacente,
con i grandi Charlize Teron e Tom Hardy
Dal 10 settembre
dvd + Panorama euro 16,90
blu-ray 19,90*

Dracula Untold

The Butler

Successi
Le origini della
creatura immortale,
in un racconto noir
Dal 10 settembre
dvd euro 9,90*

Collection
Un film coinvolgente
e umano sul tema
del razzismo, con
un eccellente
Forest Whitaker
Dal 10 settembre
dvd euro 9,90*

Superfumetti Sturmtruppen
Un'imperdibile collana cult con tutti i personaggi e gli eroi delle storie
pi leggendarie e le strisce pi divertenti del fumetto italiano e internazionale
Dall'8 settembre 3a uscita solo 4,90*

Libri & Giochi

Per Maria - El Cascador


XIII
Una serie cult di fumetti d'azione
che tengono col fiato sospeso,
raccolti in 16 volumi da collezione
Dall'8 settembre
6 v uscita solo 8,00*

* Prezzo rivista esclusa

Lamborghini radioco
radiocomandata
Costruisci e guida
la Lamborghini
Huracn: motore 3cc,
4 ruote motrici,
ici,
70 Km/h
Dall'8 settembre 24
4a uscita fascicolo +
ti solo
l euro 9,99*
nuovii componenti

Il male oscuro
Giuseppe Berto
900 italiano
Un affascinante viaggio letterario, 100 opere,
il meglio della prosa italiana del 900
Dall'11 settembre
50 a uscita euro 7,90*

Xilofono
Strumenti Musicali
Collection
Raffinate riproduzioni
iin miniatura e un fascicolo
ssulla storia dello strumento
Gi in edicola
5 fascicolo + modellino
55
euro 9,99*

La Spider Duetto 1600


76a uscita
Un vero mito dello sport in un modello
in scala 1:8, perfetto in ogni dettaglio
Dall'8 settembre
fascicolo + nuovi componenti
euro 10,45*

Le Terre Bianche
Ken Parker
Torna l'epopea western
con le avventure
di Lungo Fucile, in formato comodo
da sfogliare
Dal 10 settembre 10 libro solo 3,50*

periscopio
PANORAMA

SKIN GIUDICE DI X-FACTOR

La pantera
studia italiano

Gino Sprio / eyevine

on ha bisogno di presentazioni,
basta guardarla per capire chi . Deborah Anne Dyer, in arte Skin, classe
1967, leader degli Skunk Anansie, oltre a
essere una big della scena rock internazionale degli ultimi ventanni, un
vero e proprio oggetto del desiderio. Che
dal 10 settembre sar il nuovo giudice
di X-Factor, su Sky Uno Hd, insieme a
Mika, Fedez ed Elio. Tra i primi a capire
il suo carisma fuori dal palco fu Gianfranco Ferr che, in tempi non sospetti,
la fece sfilare in passerella conquistando
le copertine di tutti i giornali di moda
e non. Qualcosa cui aspirano anche gli
autori del programma, nonostante i suoi
problemi con litaliano. Dietro le quinte,
qualcuno, scherzando, ha paragonato
la sua dizione a quella di Stanlio e Olio:
non proprio in linea con lo stile rock. Ma
la personalit di Skin pare stia compensando le carenze di vocabolario. Dolce
e materna, le perdoni tutto la voce
comune. E cos un punto di debolezza
si trasformato nella sua forza, come
era successo allaltro giudice straniero,
Mika, non a caso quello con cui ha legato
di pi. I gruppi non sono ancora stati
definiti, le prove live del programma
inizieranno il 22 ottobre. Per ora Skin fa
su e gi da Londra, ma si vocifera potrebbe cercare casa a Milano con la moglie
(e manager), sposata lanno scorso in
Trentino. Gli agenti immobiliari sono
avvertiti.
(Annalia Venezia)

RY

NT
WE

NE

9 settembre 2015 | Panorama

119

PERISCOPIO

DAVID BECKHAM
CON HARPER
Per la stampa inglese, David
Beckham supersexy in versione
pap quando si fa vedere con
la figlia Harper, considerata
il suo gioiello pi esclusivo.

Xposure Photo Usa (2), Olycom (4), LaPresse (2), Splash (2)

MA
MAURO
ICARDI
EF
FRANCESCA

BEN AFFLECK
CON VIOLET E SERAPHINA
Nonostante le foto con Violet e Seraphina, Ben
en
Affleck non riesce a far dimenticare lo scandalo
alo
dellestate:
dell
estate: il suo ttradimento con la bionda baby
aby
sitter. Che il suo Dilf
D
se l portato a letto.
La moglie Jennife
Jennifer Garner ha chiesto il divorzio.
zio.

FRANCESCO TOTTI
CON CHANEL
Il sorriso quello
di un ragazzo mai
cresciuto. In realt
il Pupone Francesco
Totti un padre attento,
amato dalle tifose.
I settimanali lo sanno
e lo beccano, guarda caso,
sempre con i figli Christian
o Chanel. Per la gioia
delle femmine.

Da bomba sexy
a pa
pap dolcissimo.
Son
Sono ormai molto
lont
lontani i tempi in cui
si d
diceva che Icardi
face
facesse sesso
con lattuale moglie
Wanda Nara per ben
Wa
15 v
volte al giorno.
Il fuoriclasse
fu
dellInter
del
oggi soprattutto
ogg
innamoratissimo
inna
della sua Francesca:
del
le fo
fotografie
con la piccolina
app
appoggiata
al bicipite
b
tatuato
di p
pap hanno fatto
imp
impazzire le fan.

Quanto
sexy il pap
tenerone
Negli Stati Uniti li chiamano Dilf, letteralmente
nDad Id like to fuck: cio padri con cui ogni donna, anche la pi insospettabile, vorrebbe avere
e
incontri ravvicinati di qualsiasi tipo. Sulle riviste
ti,
spopolano le fotografie di giovani attori, cantanti,
gli.
sportivi e modelli in teneri atteggiamenti con i figli.
e
Le donne li trovano sessualmente irresistibili. E le
celebrit lo sanno: basta infatti uno scatto con ill
pupo in braccio o con la figlioletta per mano che la
copertina assicurata. Mentre le vendite, ovvio,,
simpennano. (S.F.)

TOM BRADY E BENJAMIN


Le appassionate di football americano si
sciolgono osservando le foto di Tom Brady
con suo figlio Benjamin. Quando il pap lo
stringe al petto sembrano Davide e Golia.
Ma lui insensibile alle ammiratrici.
Perch? sposato con Gisele Bndchen...

ROBBIE WILLIAMS
CON CHARLTON VALENTINE

GAB
GABRIEL
AUBRY
CON NAHLA
Per m
molte luomo icona.
Ma p
per sua figlia Nahla il modello
canadese Gabriel Aubry solo
un pap meraviglioso. Non conta
sia alto un metro e 88, fisico
da urlo, biondo e occhi azzurri.
Contava per la mamma, il premio
Oscar Halle Berry, che per lo
ha lasciato per un tipo pi latino.

Prima era il ragazzaccio del pop, oggi


un marito e padre cos affettuoso
da cantare per la moglie durante il travaglio.
Alla notizia di tanta sensibilit, le fan
dellex Take That si sono commosse. La
compagna con le doglie lavrebbe strozzato.

KANYE W
WEST CON NORTH
Qualcuno lo chiama il marito di Kim
Kardashian, perch non vede di buon
Kardashia
occhio il matrimonio
m
tra la star del synthpop e la re
regina del gossip. Kanye West per
sembra felice
fe
cos, soprattutto quando ha
in braccio la piccola North. Presto il bis: Kim
aspetta un maschio che nascer a dicembre.

ORLANDO BLOOM
CON FLYNN
Lex Pirata dei Caraibi Orlando
Bloom, malgrado la sua
separazione dalla top Miranda
Kerr, continua a vedere
assiduamente il figlioletto
Flynn con cui si lascia andare
a giochi e tenerezze. un
pirata, ma anche un signore.

BRAD PITT
CON ZARA E SHILOH
Se prima era soltanto bello, dopo
le tante foto con i sei figli Brad Pitt
il Dilf pi sexy degli Usa.
Tanto intrigante sul grande
schermo, quanto tenero con la sua
trib. Fisico, cervello, cuore:
si pu volere di pi da un uomo?

9 settembre 2015 | Panorama

121

PERISCOPIO

IL SEVEN SEAS DI STEVEN SPIELBERG

tyle
s
a
n
i
l
a
d
a
M
LA DI ANDREY MELNICHENKO

IL PELORUS DI ROMAN ABRAMOVICH

A RAVELLO

Stesso mare
per i superyacht

Olycom (3), Davide Lanzilao, Gettyimages, M. Sestini

ecidivo Edward Norton, anche questanno tornato a Ravello in villeggiatura e


appena ripartito. Tenuta casual e irrinunciabile cappellino, era a cena con la
famiglia nella esclusiva Villa Cimbrone, dove
questanno il matrimonio dellestate stato
quello di Hope Dworaczyk e Robert Smith.
Lei modella e playmate, lui miliardario e
broker. E se a palazzo Episcopio un tempo
villeggiava Jackie Kennedy, questanno
sulla terrazza dellInfinito di Villa Cimbrone
passeggiava Kerry Kennedy Cuomo, nipote
di JFK e figlia di Robert. Come le ugole doro
John Legend, Seal e il recordman dei 400
metri Michael Johnson. Pi sotto, gran traffico di mega yacht: il Pelorus di Roman Abramovich, il Seven Seas di Steven Spielberg che
ha scorrazzato pure Bruce Springsteen, e lA
di Andrey Melnichenko, imprenditore russo
collezionista di Claude Monet.
(C.G.)

122

Panorama | 9 settembre 2015

Aria di montagna
Da quando tornata
single non passa giorno
che su Instagram non lo
ricordi. Tra foto dautore
che la ritraggono come
mamma lha fatta
(qualche beninformato
segnala un ritocchino al
seno) a frasi degne di
Bridget Jones. Peccato che la protagonista
dei messaggi, neanche troppo in codice,
sia poco credibile
visto che si tratta di
Madalina Ghenea,
che ha fatto girare
la testa a molte star
del cinema, da
Gerard Butler a
Michael Fassbender. Intanto lei
concentrata sul set
in Trentino-Alto
Adige dove interpreta Licia Maria
Tabarroni, eccentrica miliardaria
che ha destinato
leredit alla conservazione dello
chalet in cui visse
una notte damore.
E da quelle parti
un viavai di colleghi,
anche italiani, che
vanno a respirare
aria fresca. (A.V.)

Giri di valzer
a Forte dei Marmi

NUOVE CONNESSIONI

lora di Garrix

iciannove anni, quattro milioni di follower


solo su Instagram, il quarto dj pi influente
al mondo e nella lista 30 under 30 stilata da Forbes per il 2015. Martin Garrix un
prodigio musicale che ben incarna la filosofia
#DontCrackUnderPressure di Tag Heuer di cui
diventato nuovo ambasciatore. I giovani sono
la nostra connessione con il futuro. E questo
ragazzo rappresenta quella generazione che
curer in futuro la direzione del mercato del
lusso. Lha presentato cos Jean-Claude Biver,
ceo di Tag Heuer (sopra a sinistra con lartista),
sul rooftop dellhotel Ushuaa di Ibiza, a poche
ore dal live di chiusura di Multiply, lo show
trainante delle serate dance dellisola. (A.T.)

Unestate di rinascita per la


Versilia. Anche a fine agosto.
E se il Twiga la fa sempre da
padrone, non sono mancate
le cene in villa. Alla grigliata di
fine agosto dai principi Dimitri
e Patrizia Lorena dAsburgo,
si esibito, a sorpresa, Nek. Non
si risparmiata limprenditrice
Sandra Vezza, che a tavola aveva
ogni giorno Piero Chiambretti,
Maria Luisa Trussardi e Tania
Missoni. AllEnoteca Marcucci di
Pietrasanta sono passati tutti, da
Jaimie Alexander al modello Jon
Kortajarena fino a Bob Sinclair,
mentre al mercatino di Forte,
a
munita di body guard, si vista
Barbra Streisand di stanza alle
ossip di cu
ui tut
tti
Cinque Terre. Il gossip
cui
tutti
ndita del local
e
parlavano? La vendita
locale
nina, a una
un
na
storico, La Capannina,
(I.R.)
cordata di russi.

4
5

PASCAL, TU VUO FA IL KAZAKO


7

7
6

Olycom (4), Sgp (3), Gettyimages, M. Sestini

Che ci faceva Arisa in


prima fila allo Zog, locale
sui Navigli, a Milano, ad
ascoltare il cantante pi
amato del Kazakistan,
il napoletano Pasquale
Caprimo? Lui, nome
darte Pascal, tra pochi
giorni sar tra i
protagonisti del reality di
RaiDue Pechino Express
e dietro le quinte delle sue
performance in Italia c
il producer Lorenzo
Zambelli Hosmer,
fidanzato della vincitrice
di Sanremo. Nonostante
ci, gli applausi a fine
serata (e le richieste di
autografi da parte di fan
kazake) erano tutti per lui.
(A.V.)

ALCUNI OSPITI DEL FORTE NELLESTATE 2015: 1) ADRIANO GALLIANI 2) FLAVIO BRIATORE
3) JON KORTAJARENA 4) DANIELA SANTANCH 5) BARBRA STREISAND 6) DA SINISTRA:
SANDRA VEZZA, GABRIELLA DOMP E UMBERTA GUSALLI BERETTA 7) BOB SINCLAIR
8) ORNELLA MUTI 9) JAIMIE ALEXANDER

9 settembre 2015 | Panorama

123

LE GRANDI INIZIATIVE DI PANORAMA

Una famiglia particolare


Senza falsi sentimentalismi e la banalit della retorica, il film
di Eric Lartigau analizza le disabilit nei rapporti affettivi.

tudentessa sedicenne di una piccola cittadina,


Paula Blier una ragazza del tutto simile a
molte sue coetanee. Anche la sua famiglia,
composta da madre, padre e fratello minore,
non si discosta dalle tante altre del paese, eccetto che per una fondamentale caratteristica:
tutti i suoi membri, a parte la giovane, sono
sordi. Compito di Paula di fare da tramite linguistico
tra i propri famigliari e il resto del mondo, accompagnandoli e aiutandoli in ogni situazione quotidiana.
In ottimi rapporti con la famiglia, a cui dona e dai cui
riceve aiuto e affetto, Paula ha per loccasione di
cambiare la propria vita grazie a un concorso bandito
da Radio France che le potrebbe offrire, vista la sua
splendida voce, la possibilit di trasferirsi a Parigi
realizzando il proprio sogno. Accetteranno i genitori
della ragazza di separarsi da lei e rinunciare al suo
aiuto e al suo affetto?
La famiglia Blier affronta un tema complesso,
quello della disabilit nelle relazioni familiari, con efficacia e spontaneit senza retorica o sentimentalismo.
Evitando con accuratezza ogni espediente da lacrima
facile, il regista mette in scena la realt quotidiana di
una famiglia come tante altre: con i propri litigi, i propri

momenti felici, le proprie piccole follie e le proprie


manie. Cos, la sordit di tre dei quattro membri trova
naturalmente posto nelle dinamiche del gruppo famigliare, dando la possibilit alla trama di evolversi nella
maniera pi naturale e proficua possibile e segnando
una gran prova di maturit per il cinema francese.

Da sinistra,
Louane Emera,
Franois Damiens,
Karin Viard
e Ilian Bergala:
i quattro interpreti
de La famiglia
Blier.

Il film sar in edicola con Panorama, dal 10 settembre a soli 14,90 euro (rivista esclusa).

Il cinema americano si batte per i diritti civili


Nel 1965 Martin Luther King
guida un piccolo gruppo di
manifestanti per le strade di
Selma, Alabama: la prima di
tante marce per la piena
uguaglianza tra bianchi e
afroamericani. Tra i partecipanti
c anche Amelia Boynton
Robinson, scomparsa pochi
giorni fa. Paladina dei diritti
degli afroamericani, braccio
destro di Luther KingAmelia
Boynton Robinson lott fino
allultimo per le libert civili.
Selma ripercorre la memorabile
marcia del 65. In edicola
questa settimana a soli 15,90
euro (rivista inclusa).

124

Panorama | 9 settembre 2015

Le grandi manifestazioni degli


anni 60 furono il punto di
arrivo di un lungo percorso
iniziato un secolo prima, nel
1865, con labolizione della
schiavit; Panorama ha
selezionato tre capolavori
che ripercorrono gli errori
e i meriti degli Stati Uniti
in tema di libert civili.
12 anni schiavo, film vincitore
dellOscar 2014, racconta la
storia di un musicista di colore,
uomo libero e padre di famiglia,
ingannato e venduto come
schiavo negli Stati del sud.
In edicola dal 3 settembre a
soli 9,90 euro (rivista esclusa).

Il maggiordomo di colore
in servizio alla Casa Bianca
invece il protagonista
di The Butler. Sotto i suoi occhi,
sempre fedeli al presidente,
gli USA vivono guerre e lotte
per luguaglianza. In edicola
dal 10 settembre al prezzo
di 9,90 euro (rivista esclusa).
Infine, diretto da Steven
Spielberg, Lincoln la storia
delluomo e del presidente
che pi di tutti si battuto
per luguaglianza tra bianchi
e neri nel proprio Paese.
In edicola dal 17 settembre a
soli 9,90 euro (rivista esclusa).

si chiude. Purtroppo chi fa politica non capace ragionare in


questi termini perch la sua ottusa visuale fissata sulleffetto
e sulla sua influenza in tempo
reale sugli elettori.
Roberto Bellia
Alle radici dellIsis
Alcuni opinionisti continuano a insistere su un intervento militare in Libia. Sarebbe
un errore madornale e una trappola infernale, con un nemico
difficilmente individuabile e
insidie letali. LIsis come un
grosso albero che ha molte ramificazioni: Nigeria, Tunisia,
Egitto e Libia. Ma se si colpiscono, si tagliano solo i rami.
Le radici dellIsis invece sono
in Siria e in Iraq .
Enrico Venturoli

SCRIVETE A
mandate una lettera:
Panorama (Mondadori)
- 20090 Segrate (MI)

70

Lo sconto computato
p
sul pprezzo di copertina
p
al lordo di offerte ppromozionali edicola. La ppresente offerta, in conformit
con lart.45 e ss. del codice del consumo, formulata da Arnoldo Mondadori Editore. Puoi recedere entro 14 gioorni dalla
ricezione del primo numero. Per maggiori informazioni visita www.abbonamenti.it/cgaame
Eventuali allegati cartacei non sono inclusi nellabbonamento.

Arnoldo Mondadori Editore S.p.a. via


Bianca di Savoia 12 - 20129 Milano. Tutti i
diritti di propriet letteraria
e artistica riservati. Pubblicazione
settimanale registrata al Tribunale
di Milano il 10.6.1965 n. 166
Pubblicit: Mediamond S.p.A. Palazzo Cellini Milano Due 20090 Segrate (MI) telefono
02.21025917 mail info.adv@mediamond.it.
Fotocomposizione: AG Media Srl, via Ludovico
dAragona 11, 20132 Milano - Distribuzione: a
cura della Press Di srl - Servizio arretrati/
collezionisti: a cura della Press Di srl Garanzia
di riservatezza per gli abbonati: lEditore
garantisce la massima riservatezza dei dati
forniti dagli abbonati e la possibilit di
richiederne gratuitamente la rettifica o la
cancellazione ai sensi dellarticolo 7 del d. leg.
196/2003 scrivendo a: Press Di srl - Direzione
Abbonamenti - via Mondadori 1, 20134 Segrate (Mi)

Questo periodico iscritto


alla FIEG - Federazione
Italiana Editori Giornali
Accertamento
Diffusione Stampa - Certificato
n. 7498 del 20.12.2012

DI SCONTO

UN ANNO SOLO 45,00* EURO


INVECE DI 156,00 EURO

DIRETTORE RESPONSABILE
Giorgio Mul

Redazione: telefono: 0275421;


email: panorama@mondadori.it;
fax: 0274871352
Panorama.it: panorama@
mondadori.it.
ABBONAMENTI: possibile
avere informazioni oppure
sottoscrivere un abbonamento
tramite: www.abbonamenti.it;
e-mail: abbonamenti@
mondadori.it; telefono: dallItalia
199.111.999 (per telefoni fissi:
euro 0,12 + IVA al minuto
senza scatto alla risposta.
Per cellulari costi in funzione
delloperatore); dallestero
tel: +39 041.509.90.49.
Il servizio abbonati in funzione
dal luned al venerd dalle 9:00
alle 19:00; fax: 030.77.72.387;
posta: scrivere allindirizzo: Press
Di Servizio Abbonamenti C/O
CMP Brescia 25126 Brescia.
Labbonamento pu avere inizio
in qualsiasi periodo dellanno.
Leventuale cambio di indirizzo
gratuito: informare il Servizio
Abbonati almeno 20 giorni
prima del trasferimento,
allegando letichetta
con la quale arriva la rivista.

Stampatore:
ELCOGRAF SpA
via Mondadori 15, Verona
Centro stampa Amedeo Massari,
via Marco Polo 2, Melzo (Mi)

mandate una mail:


panorama@
mondadori.it

PER TE OLTRE IL

Anno LII - n. 36

ABBONATI!

*PI 4,90 PER CONTRIBUTO SPESE DI SPEDIZIONE PER UN TOTALE DI 49,90 (IVA INCLUSA)

Scafisti impuniti
Gli uomini peggiori del ventunesimo secolo sono senza
ombra di dubbio gli scafisti!
avvilente sentire che il Gip di
Palermo non ha convalidato il
fermo per cinque presunti scafisti accusati di omicidio plurimo.
Questa capziosit della nostra
giustizia rende gli scafisti impuniti e pronti per altri viaggi.
Sarebbe comunque il caso di
cambiare la legge molto presto.
Marco Grasso
Lottusit dei politici
Austria: 70 migranti morti
in un tir, soffocati e abbandonati in strada. Merkel: lEuropa
deve offrire solidariet e trovare
soluzioni. Per tutta la vita ho lavorato in aziende di produzione,
dove i problemi o si risolvono o

INCIPIT
Ogni settimana un autore riscrive lattualit come se fosse linizio di un libro.

La piccola addormentata nel bosco


di Lorenzo Pavolini
IL FATTO Lallarme a Cusciano di Montorio al Vomano (Teramo) scattato

nel pomeriggio di venerd 28 agosto: si erano perse le tracce di una bimba


di due anni. Spaventata, seminuda, ma in buone condizioni di salute, la piccola
stata ritrovata il giorno dopo grazie al fiuto dei cani molecolari delle Guardie
ambientali. Che hanno seguito le tracce lasciate dalla bimba nel bosco
nel quale si era inoltrata per 800 metri prima di perdersi e addormentarsi.

venuto qualcuno e se l portata via. Lho


pensato quando mi sembrato che anche i
cani non ce la facevano pi. Ero riuscito a
tornare di corsa, a notte fonda. Mi muovevo
come in un sogno. Venivo da lontano. Quasi
non riuscivo pi a respirare. Avevo trovato
tutto il paese in piedi, non mancava proprio
nessuno.
Rispondevano loro al posto mio alle domande degli uomini in divisa, perch la conoscono
come me mia figlia e sanno che non serve
chiamarla per nome, tanto non risponde, ma
che una bambina buonissima anche se non
dice una parola, e non piange mai. I cani correvano con la lingua di fuori tra le luci delle
torce, scendevano giu fino agli orti, lungo le reti dei pollai. E ancora gi in fondo al paese che ripidissimo. Il
sindaco mi aveva spiegato che era il loro gioco preferito
ritrovare le persone, e non lavrebbero spaventata mia
figlia, perch erano cani buoni, non come quelli che
stanno con le pecore, diceva che erano cani molecolari.
Gli attrezzi che ronzavano in aria vedevano al buio. E
le persone con la luce sul casco si calavano nelle grotte.
Le moto con quattro grandi ruote si arrampicavano tra
i boschi di faggi e i volontari stavano vicino ai fuoristrada a parlare con le radio. E cera una strana quiete.
Lavrebbero ritrovata, anche se credevo che lavrebbero
ritrovata morta. Me lo dicevano la faccia del barista e
il fabbro, tutto quel paese che mi si stringeva intorno e
poi ripartiva in mille direzioni e tornava pieno di graffi
e indicava sulle mappe e nel cielo, poi a un certo punto
le urla, quel pacco dorato dove in cima cerano i suoi
capelli chiari chiari. E la vocina che finalmente si faceva
sentire. Era lei anche se mi sembrava nuova e leggera,
come rinata e figlia di tutti...
n
RIPRODUZIONE RISERVATA

126

Panorama | 9 settembre 2015

LA U T O R E
LORENZO
PAVOLINI
Nato a Roma
nel 1964,
redattore della
rivista Nuovi
argomenti. Ha
pubblicato i
romanzi Senza
rivoluzione (Giunti
1997, premio
Grinzane Cavour
esordiente), Essere
pronto (Pequod,
2005), Accanto
alla tigre (2010,
finalista al premio
Strega, vincitore
del premio
Mondello
e del Biografilm
books award)
e Tre fratelli magri
(entrambi
con Fandango).
Pubblica racconti
su giornali,
ha partecipato
a progetti teatrali,
autore
e produttore
radiofonico.
Nel 2014 uscito
Si sente in fondo?
Avventure
dellascolto
(Ediesse).

ER
SNUTEPPRIMA
A

* Prezzo rivista escluso

2015 Disney

Un AffAsCinAnt
te MUsiCAl
Con Un CAs
st Di
AttoRi stRAoR
RDinARi!

Dvd

e14,90*

Ai confini del bosco c un villaggio dove tutti


desiderano qualcosa di pi dalla vita...
Cenerentola, Raperonzolo, Cappuccetto Rosso,
il Principe, Jack...e una coppia
che sogna un bambino.
Ma bisogna stare attenti a quel che si desidera,
perch non sempre giusto per noi...
DAl 9 setteMbRe
www.disneydvd.it

Su mondadoriperte.it trovi tutte le informazioni sulle iniziative in edicola e per lacquisto degli arretrati. Il sito tutto nuovo!