Sei sulla pagina 1di 4

Sura XLI

Fussilat
("Esposti chiaramente")
Pre-Eg. 61 Di 54 versetti.
Il nome della sura deriva dal versetto 3.
In nome di Allah, il Compassionevole, il Misericordioso.
1. H', Mm
2. Rivelazione da parte del Compassionevole, del Misericordioso.
3. Un Libro i cui versetti sono stati esposti chiaramente; un Corano arabo, per uomini che
conoscono,
4. annunzio e monito; ma la maggior parte di loro si sottrae, senza ascoltare.
5. Dicono: I nostri cuori sono avviluppati [in qualcosa che li isola] da ci cui ci inviti, e c' un peso
nelle nostre orecchie. C' un velo tra noi e te. Fai pure [quello che vuoi] e noi [faremo] quello che
vogliamo!.
6. Di': Io non sono che un uomo come voi: mi solo stato rivelato che il vostro Dio un Dio
unico. Rivolgetevi a Lui e implorate il Suo perdono. Guai agli associatori,
7. che non pagano la decima e non credono nell'Altra vita.
8. In verit coloro che credono e compiono il bene avranno una ricompensa che non sar mai
diminuita.
9. Di': Vorreste forse rinnegare Colui Che in due giorni ha creato la terra [e vorreste] attribuirGli
consimili? Egli il Signore dei mondi.
10. Ha infisso [sulla terra] le montagne, l' ha benedetta e in quattro giorni di uguale durata ha
distribuito gli alimenti; [questa la risposta] a coloro che interrogano.
11. Poi si rivolse al cielo che era fumo e disse a quello e alla terra: Venite entrambi, per amore o
per forza. Risposero: Veniamo obbedienti!.
12. Stabil in due giorni i sette cieli e ad ogni cielo assegn la sua funzione. E abbellimmo il cielo
pi vicino di luminarie e di una protezione. Questo il decreto dell'Eccelso, del Sapiente!
13. Se si allontanano, di' loro: Vi d l'avvertimento di una folgore, uguale alla folgore [che colp]
gli d e i Thamd.
14. Quando da ogni parte giunsero loro i messaggeri dicendo: Non adorate altri che Allah,
risposero: Se il nostro Signore avesse voluto [che credessimo], avrebbe certamente fatto scendere
gli angeli. Dunque non crediamo a ci con cui siete stati inviati.

15. Gli d furono ingiustamente superbi sulla terra e dissero: Chi pi forte di noi?. Ma come,
non avevano visto che Allah, Che li aveva creati, era pi forte di loro? Negarono i Nostri Segni.
16. Inviammo contro di loro un vento impetuoso e glaciale, in giorni nefasti, affinch gustassero
ignominioso castigo gi in questa vita. Ma il castigo dell'Altra vita pi avvilente e non saranno
soccorsi.
17. Guidammo i Thamd, ma preferirono l'accecamento, alla guida. La folgore del castigo umiliante
li colp per quel che si erano meritati.
18. Salvammo [solo] coloro che credevano ed erano timorati [di Allah].
19. Il Giorno in cui i nemici di Allah saranno riuniti [e condotti] verso il Fuoco, saranno divisi [in
gruppi].
20. Quando vi giungeranno, il loro udito, i loro occhi e le loro pelli renderanno testimonianza contro
di loro, per quello che avranno fatto.
21. E diranno alle loro pelli: Perch avete testimoniato contro di noi?. Risponderanno: stato
Allah a farci parlare, [Egli ] Colui Che fa parlare tutte le cose. Egli Colui Che ci ha creati la
prima volta e a Lui sarete ricondotti.
22. Non eravate celati a tal punto che non potessero testimoniare contro di voi il vostro udito, i
vostri occhi e le vostre pelli. Pensavate invece che Allah non conoscesse quello che facevate.
23. Questa vostra supposizione a proposito del vostro Signore vi ha condotti alla rovina e ora siete
fra i perduti.
24. Se insistono, il Fuoco sar il loro asilo; quand'anche accampino scuse, non saranno scusati.
25. Demmo loro compagni che abbellirono [agli occhi loro] il loro futuro e il loro passato. Si
realizz su di loro la sentenza che gi era stata pronunziata contro altre comunit di dmoni e di
uomini che li precedettero. Invero furono tra i perdenti.
26. I miscredenti dicono: Non ascoltate questo Corano, discorrete futilmente: forse avrete il
sopravvento!.
27. Certamente faremo gustare un duro castigo ai miscredenti, e li compenseremo in base alle loro
peggiori azioni.
28. Cos il compenso dei nemici di Allah sar il Fuoco, in cui rimarranno in perpetuo: [punizione]
per aver smentito i Nostri segni.
29. Diranno i miscredenti: Signore, mostraci coloro tra i dmoni e gli uomini che ci traviavano,
ch possiamo calpestarli, ch siano tra i pi abbietti.
30. Gli angeli scendono su coloro che dicono: Il nostro Signore Allah, e che perseverano [sulla
retta via]. [Dicono loro:] Non abbiate paura e non affliggetevi; gioite per il Giardino che vi stato
promesso.

31. Noi siamo vostri alleati in questa vita e nell'altra, e in quella avrete ci che l anime vostre
desidereranno e quel che chiederanno.
32. Questa l'ospitalit del Perdonatore, del Misericordioso.
33. Chi mai proferisce parola migliore di colui che invita ad Allah, e compie il bene e dice: S, io
sono uno dei Musulmani?
34. Non sono certo uguali la cattiva [azione] e quella buona. Respingi quella con qualcosa che sia
migliore: colui dal quale ti divideva l'inimicizia, diventer un amico affettuoso.
35. Ma ricevono questa [facolt] solo coloro che pazientemente perseverano; ci accade solo a chi
gi possiede un dono immenso.
36. E se mai Satana ti tentasse, rifugiati in Allah. In verit Egli tutto ascolta e conosce.
37. La notte e il giorno, il sole e la luna sono fra i Suoi segni: non prosternatevi davanti al sole o
davanti alla luna, ma prosternatevi davanti ad Allah che li ha creati, se Lui che adorate.
38. Se si mostrano protervi, [sappiano che] quelli che sono presso il Tuo Signore Lo glorificano
notte e giorno, senza mai stancarsi.
39. Fa parte dei Suoi segni la terra che vedi come affranta. Poi, quando facciamo scendere l'acqua,
palpita e rigonfia. In verit Colui Che le rid la vita Colui Che ridar la vita ai morti. In verit Egli
l'Onnipotente.
40. Non ci sono ignoti coloro che travisano i Nostri segni! Colui che sar precipitato nel Fuoco,
avr forse sorte migliore di chi giunger con sicurezza al Giorno della Resurrezione? Fate pure quel
che volete, Egli ben osserva quello che fate.
41. In verit essi non credono al Monito che giunse loro, eppure questo davvero un Libro
venerato,
42. non lo tange la falsit in niuna delle sue parti. una rivelazione da parte di un Saggio, Degno di
lode.
43. Non ti sar detto altro che quel che fu detto ai messaggeri che ti precedettero. In verit il tuo
Signore il Padrone del perdono, il Padrone del castigo doloroso.
44. Se ne avessimo fatto un Corano in una lingua straniera, avrebbero detto: Perch non sono stati
espressi chiaramente i suoi versetti? Un [messaggio in un] idioma straniero ad un [Messaggero]
arabo?. Di': Esso guida e panacea per coloro che credono. Coloro che invece non credono,
sono colpiti da sordit e accecamento, [ed come se fossero] chiamati da un luogo remoto.
45. Gi demmo a Mos il Libro su cui polemizzarono. Se non fosse per una precedente Parola del
tuo Signore, sarebbe gi stato deciso tra di loro; sono invece immersi nel dubbio [a proposito del
Corano].
46. Chi fa il bene lo fa a suo vantaggio, e chi fa il male lo fa a suo danno. Il tuo Signore non
ingiusto con i Suoi servi.

47. [Appartiene] a Lui la scienza dell'Ora e non c' frutto che esca dal suo involucro o femmina
gestante o partoriente di cui non abbia conoscenza. Nel Giorno in cui li convocher [dir]: Dove
sono coloro che Mi associavate?; risponderanno: Ti informiamo che tra noi non c' nessuno che
lo testimoni.
48. E coloro che invocavano si saranno allontanati da loro ed essi si renderanno conto di non aver
nessuna via di scampo.
49. L'uomo non si stanca mai di invocare il bene. Quando poi lo coglie la sventura, si dispera,
affranto.
50. Se gli facciamo gustare una misericordia da parte nostra dopo che lo ha toccato l'avversit,
certamente dice: Questo mi era dovuto; non credo che sorger l'Ora e se mai fossi ricondotto al
mio Signore, avr presso di Lui la migliore delle ricompense. Allora informeremo i miscredenti di
quello che avranno commesso e faremo gustare loro un penoso tormento.
51. Quando colmiamo di favore l'uomo, egli si sottrae e si allontana. Quando invece lo colpisce una
sventura, allora invoca a lungo.
52. Di': Non vedete? Se [questo Corano] viene da Allah e voi lo rinnegate, chi sar pi traviato di
chi si allontana nello scisma?
53. Mostreremo loro i Nostri segni nell'universo e nelle loro stesse persone, finch non sia loro
chiaro che questa la Verit. Non ti basta che il tuo Signore sia testimone di ogni cosa?
54. Non forse vero che dubitano dell'incontro con il loro Signore, mentre in verit Egli abbraccia
ogni cosa [nella Sua Scienza]?