Sei sulla pagina 1di 2

Uscire dall'autismo: un approccio biologico e

medico
GIULIA E FRANCO VERZELLA

MAGGIOLI EDITORE;2008

Pagine 537; Euro 39

Il degrado ambientale ed i comportamenti antibiologici della nostra Società ammalano la


Famiglia, con il loro carico di molecole tossiche.

Per gli adulti: il lungo elenco di malattie cronico-degenerative. Per i bambini: autismo e disturbi
dell’apprendimento.

Nel Gennaio 2007 il Center for Disease Control del Governo Statunitense ha pubblicato le
statistiche di uno studio condotto Stato per Stato, dal quale risulta che l’Autismo colpisce
1 bambino ogni 150, mentre nel 1980 l’incidenza era di 1 caso su 2.000.

E’ una epidemia, che riconosce le seguenti cause principali: inquinamento ambientale, tossicità
alimentare, uso improprio di vaccini, antibiotici, psicofarmaci, mancanza di prevenzione e di
diagnosi precoce.

I sintomi compaiono tipicamente tra il primo ed il terzo anno : scomparsa del contatto oculare,
indifferenza nei confronti dei familiari e dell’ambiente, isolamento, iperattività, stereotipie,
scomparsa della parola, arresto dello sviluppo cognitivo ed una serie numerosa di disturbi da
deficienza immunitaria, che interessano l’intestino, le vie respiratorie e l’orecchio.

Per oltre sessant’anni si è ritenuto che la sindrome autistica fosse una psicosi su base genetica, di
competenza esclusivamente neuro-psichiatrica.

Nel 1995 Autism Research Institute, San Diego, formula e promuove un approccio
multidisciplinare dedicato a valutare la individualità biologica e funzionale del singolo bambino,
con particolare riguardo alla nutrizione, funzione intestinale, processi metabolici, stress
ossidativo e attività immuno-endocrina: il Progetto Defeat Autism Now !

La collaborazione appassionata tra questo gruppo di medici ed alcune migliaia di famiglie ha


consentito di cancellare la diagnosi di incurabilità del bambino autistico, attraverso la messa a
punto di nuovi criteri preventivi e di diagnosi precoce, la formulazione di programmi nutrizionali
personalizzati, il rilevamento di patologie gastro-intestinali e neuro- immuno-endocrine.

Il trattamento di queste patologie organiche, di competenza pediatrica, migliora le condizioni di


salute e la performance cognitivo-comportamentale nella grande maggioranza di questi bambini e
consente di recuperarne un numero crescente ad una normale attività di formazione e scolastica.

E’ un’autentica rivoluzione culturale, che integra nella pratica clinica le conoscenze


della “ mente biologica” con quelle della “individualità molecolare”,per affrontare la complessità
di una sindrome multifattoriale e multisistemica e recuperare l’armonia dello sviluppo organico e
mentale.

Scopo di questo volume è offrire un documento aggiornato, che possa parlare alla Famiglia al
Pediatra, allo Psicologo, all’Insegnante, fornendo le ragioni, le evidenze, la ragionevolezza
dell’approccio multidisciplinare, centrato sulla individualità del singolo bambino.
Questa nuova apertura è stata recepita dal Ministero della Salute, con la pubblicazione della
relazione conclusiva del Tavolo Nazionale sull’Autismo(Febbraio 2008) e dalla American
Academy of Pediatrics, che ha varato lo scorso Aprile un progetto di ricerca in collaborazione
con Autism Research Institute.

Il libro puo’ essere ordinato on line direttamente sul sito dell’Associazione DAN!
Europe(www.autismdaneurope.com), dove è disponibile un abstract, ed è in promozione senza
costi di spedizione.

I proventi derivanti dalla vendita del libro saranno integralmente devoluti dagli Autori
all'Associazione DAN! Europe, costituita nel 2005 con lo scopo di promuovere l’informazione, la
ricerca e l’assistenza medica nel settore dell’autismo, dei disturbi dello sviluppo e
dell’apprendimento.

Iscrivendovi al sito di DAN! Europe avrete l’accesso integrale e completamente gratuito ai


contenuti, e sarete aggiornati tempestivamente su tutte le iniziative dell’Associazione.

Dedichiamo il libro alle Famiglie, che continuano ad essere il motore principale di questo
cambiamento, ai Pediatri, Psicologi ed Insegnanti che solo recentemente si sono affacciati a
questo nuova evidenza, con la speranza che i temi trattati nel libro e la documentazione fornita
possano favorire il loro interesse, la collaborazione multidisciplinare ed il loro impegno, con
particolare riguardo alla prevenzione ed alla diagnosi precoce.

Franco e Giulia Verzella