Sei sulla pagina 1di 10

Universit`

a degli Studi di Modena e Reggio Emilia


Facolt`a di Ingegneria - sede di Modena
Corso di Turbomacchine e Oleodinamica

prof. Giuseppe Cantore

Esercizi di base sulle turbine idrauliche


Water, water, every where,
And all the boards did shrink;
Water, water, every where,
Nor any drop to drink.
S.T. Coleridge.

Esercizio 1.
Una turbina idraulica smaltisce una portata Q = 1000m3 /h. Sono noti il
salto geodetico utile Hu = 200m, il rendimento totale della turbina t = 0.9,
ed il suo regime di rotazione n = 1450giri/min. Si calcoli la potenza utile
Pu , la coppia allalbero C e la cifra caratteristica della macchina, nc .
Svolgimento.
Innanzitutto, occorre applicare la formula della potenza idraulica della macchina:
Pu = t m
g Hu = t Q g Hu .
Si ricava quindi:
Pu = 0.9 1000

m3
N
kg

1000
9.80665 200m = 490.3kW.
3
m
3600s
kg

Successivamente, `e possibile calcolare la coppia allalbero data la definizione:


Pu = C C =

Pu
490.3kW
1
=
giri
rad

1450 min 2 giro

1
1 min
60 s

= 3229 N m = 329.3kgf m.

Infine, `e possibile applicare la definizione di cifra caratteristica per valutarne


il valore. Si rammenta che la definizione di cifra caratteristica affrontata
durante il corso `e una definizione pratica, che non rappresenta una vera e
propria velocit`a di rotazione. Anche a causa del fatto che la cstante nc ingloba
1

una serie di coefficienti di proporzionalit`a nella sua definizione, il sistema delle


unit`a di misura non risulter`a formalmente coerente con il calcolo. Infine, per
il calcolo secondo la formula seguente, che restituisce una cifra caratteristica
in unit`a di giri/min, `e necessario inserire il valore della potenza idraulica
espresso in CV, e quello del salto in m:
s
s
Pu
1450rpm 490.3kW 1.34CV /kW
n

=
= 49.42rpm.
nc =
Hu
200m
Hu
200m
Esercizio 2.
Una turbina idraulica ha le seguenti caratteristiche di progetto: Hu = 300m;
Q = 1.5m3 /s; n = 500rpm; t = 0.9. Determinare i nuovi valori di portata
e velocit`a di rotazione Q0 , n0 tali che per un salto Hu0 = 450m il rendimento
resti immutato. Determinare, inoltre, Pu , Pu0 , nc .
Svolgimento.
Inizialmente possiamo calcolare la potenza elaborata dalla macchina nella
prima configurazione (variabili indicizzate senza apice):
Pu = t Q g Hu =
m3
N
kg
9.80665 300m = 3.971M W = 5396CV ;
= 0.9 1000 3 1.5
m
s
kg
successivamente, ricaviamo la cifra caratteristica della macchina:
s
s
500rpm 5396CV
n
Pu

=
nc =
= 29.417rpm.
Hu
300m
Hu
300m
Per calcolare il nuovo punto di funzionamento della macchina in corrispondenza di un variato salto utile Hu0 , `e necessario lavorare nellipotesi che la
forma e le dimensioni del distributore Doble non varino in quanto rimane
invariata la configurazione della macchina. E allora possibile inizialmente
calcolare larea del getto impattante contro le cucchiaie, assunto esso di forma
cilindrica:
Q
d2
= .
A=
4
c1
Stimiamo la velocit`a del getto in ingresso assumendo che non vi siano perdite
di carico durante lattraversamento del distributore:
r
p
m
m
c1 = 2 g Hu = 2 9.80665 2 300m = 76.70717 .
s
s
Sulla base di questo valore, ricaviamo allora
A=

Q
1.5m3 /s
=
= 1.9554 102 m2 .
c1
76.70717m/s

Dal momento che questarea non varia al variare delle condizioni operative
di funzionamento della macchina, sar`a sufficiente stimare la nuova velocit`a
2

del getto c01 al mutato salto disponibile, e ricalcolare di conseguenza il nuovo


valore di portata elaborata.
r
p
m
m
0
c1 = 2 g Hu0 = 2 9.80665 2 450m = 93.9467 .
s
s
Semplicemente,
Q0 = Ac01 = 1.9554 102 m2 93.9467

m
m3
= 1.83711 .
s
s

Ora che `e noto il nuovo valore di portata, assumendo come da richieste del
testo che non sia variato il rendimento di funzionamento della macchina anche
in questa nuova configurazione, e che di conseguenza si possa assumere
t0 = t = 0.9, si pu`o calcolare il nuovo valore di potenza elaborata dalla
macchina:
Pu0 = t0 Q0 g Hu0 =
kg
m3
N
= 0.9 1000 3 1.837
9.80665 450m = 7.296M W = 9913CV.
m
s
kg
Infine, ricaviamo il nuovo valore di regime di rotazione della macchina, imponendo la medesima cifra caratteristica:
sp
s
0
Hu
450
n0 = nc Hu0
= 29.417 rpm 450
= 612.4rpm.
P
9913
Esercizio 3.
Un modello di turbina idraulica ha le seguenti caratteristiche: D0 = 50cm,
Hu0 = 10m, Q0 = 0.6m3 /s, n0 = 650giri/min, t = 0.87. Determinare
per quali valori di portata e salto utile la turbina di potenza (D = 2.50m),
ruotando a velocit`a angolare n = 500giri/min, ha lo stesso rendimento. Determinare inoltre anche la presumibile tipologia di turbina.
Svolgimento.
Innanzitutto, `e necessario calcolare in che condizioni di potenza erogata
questa turbina si trova a lavorare. Il calcolo `e analogo a quant precedentemente visto per gli altri esercizi:
Pu0 = t0 Q0 g Hu0 =
kg
m3
N
= 0.87 1000 3 0.6
9.80665 10m = 51.190kW = 69.55CV.
m
s
kg
E necessario inoltre calcolare la cifra caratteristica di questa macchina:
s
s
n0
Pu0
650rpm 69.55CV

=
= 304.83rpm.
nc = 0 p
Hu
10m
Hu0
10m
3

La stima della cifra caratteristica ci ricorda come la macchina, caratterizzata


da un nc > 200, sicuramente non potr`a essere una turbina Pelton, ma dovra
invece essere una macchina veloce, a reazione, come una turbina Francis o
Kaplan.
Per passare dalla turbina modello alla turbina reale, di potenza, `e necessario assumere la validit`a della teoria della similitudine idraulica per la
famiglia di macchine. Nel caso di similitudine, si ricorda che il diametro
di rotazione della macchina, essendo uguale al rapporto tra la velocit`a di
trascinamento e la velocit`a di rotazione della girante, risulta similmente proporzionale al rapporto tra la velocit`a del fluido in ingresso alla macchina e
la velocit`a di rotazione stessa:

u
c1
Hu
u

.
D

n
n
n
Sfruttando questa relazione, `e quindi possibile esprimere:
0
2

Hu
0
D
nD
n0
Hu0 .
= H , da cui Hu =
0
0
u
D
n D
n

In questo modo, possiamo calcolare:



2
500rpm 2.5m
Hu =
10m = 147.93m.
650rpm 0.50m
Sfruttando la medesima teoria della similitudine idraulica, si richiama la
proporzionalit`a tra la portata elaborata dalla macchina e le sue grandezze
caratteristiche:
p
p

Q = c1 d2 c1 d2 Hu d2 Hu D2 .
4
Risulta quindi immediato arrivare a calcolare la nuova portata elaborata dalla
macchina reale:
p
H 0 D02
Q0
= u 2;
Q
Hu D

Hu D2
m3
147.93m 6.25m2
Q = Q0 p
= 0.6

= 57.69m3 /s.
0
02
2
s
Hu D
10m 0.25m
Esercizio 4.
Una turbina Pelton sfrutta un salto utile pari a Hu = 1300m. Sono noti il
parametro che caratterizza le perdite nel distributore ad ago Doble = 0.96,
ed il parametro di perdita della cucchiaia = 0.93; infine, il rendimento meccanico e volumetrico della macchina, rispettivamente m = 0.98 ed v = 1.0.
La macchina funziona in condizioni di massimo rendimento. Si richiede di
tracciare i triangoli di velocit`a allingresso ed alluscita della pala, e calcolare il lavoro idraulico Li . Inoltre, conoscendo il regome di rotazione
n = 750giri/min, il rapporto tra il diametro Pelton e del getto D/d = 25, il
numero dei getti i = 3, si chiede di determinare la portata, la potenza utile,
4

Figure 1: Sezione rappresentativa del sistema di riferimento adottato


e la coppia allalbero.
Svolgimento.
Innanzitutto, `e possibile calcolare la velocit`a c1 di uscita del getto dal distributore ad ago Doble, applicando la definizione:
r
p
m
m
c1 = 2 g Hu = 0.96 2 1300m 9.80665 2 = 153.2916 .
s
s
Successivamente, applicando la condizione di massimo rendimento si ritrova
la velocit`a di trascinamento della girante pari alla met`a in modulo della
velocit`a del getto allimpatto:
153.2916 m
m
c1
=
= 76.6458 .
u=
2
2
s
s
Per comodit`a, volendo tracciare i triangoli di velocit`a allingresso ed alluscita
della girante, si conviene assumere una terna di riferimento cartesiana avente
asse y corrispondente alla direzione circonferenziale del getto in corrispondenza della pala, asse x sul medesimo piano tangente alla circonferenza Pelton
ma posto in direzione ortogonale, rivolto verso lesterno della cucchiaia, ed
asse z di conseguenza. In questo modo, `e possibile esprimere i vettori di
velocit`a come terne cartesiane riferite ai tre versori del sitema di riferimento
Una rappresentazione semplificata che illustra la dispoconsiderato: (,j,k).
sizione del sistema di riferimento `e mostrata in figura 1. Per il calcolo del
triangolo di velocit`a allingresso della cucchiaia, `e conveniente esprimere gi`a
inizialmente le velocit`a c1 ed u nel sistema di riferimento adottato:

0
0
m
m
c~1 = 153.9216 ; ~u = 76.6458 ;
s
s
0
0
immediatamente, `e allora possibile ricavare il valore della velocit`a relativa
allingresso:

0
0
m
m
76.6458 .
w~1 = c~1 ~u = 153.9216 76.6458
=
s
s
0
0
5

Figure 2: Rappresentazione in scala dei triangoli di velocit`a caratteristici


della pala Pelton di cui allesercizio 4.

Per quanto riguarda invece il triangolo di velocit`a alluscita della macchina, si


ha innanzitutto che la velocit`a di trascinamento u risulta essere invariata. Le
informazioni geometriche della cucchiaia ci dicono che la velocit`a relativa w~2
ha modulo pari alla velocit`a di ingresso, modulato a mezzo di un coefficiente
di perdita : |w~2 | = |w~1 |; in secondo luogo, la sua direzione si discosta
da quella determinata dal versore j di un angolo 20 . Di conseguenza, essa
potr`a essere espressa come:

+ sin 20 |w~1 |
+0.2588 0.93 76.6458m/s
w~2 = cos 20 |w~1 | = 0.9659 0.93 76.6458m/s ;
0
0
si ricava allora

18.4488
m
w~2 = 68.8518 .
s
0

Stante la conoscenza della velocit`a di trascinamento, `e infine possibile ricavare il valore di velocit`a assoluta alluscita della cucchiaia c~2 :

18.4488
18.4488
m
m
76.6458 .
c~2 = w~2 + ~u = 7.7940
=
s
s
0
0
Una rappresentazione in scalal dei triangoli di velocit`a cos` ottenuti `e illustrata in Figura 2.
Per il calcolo del lavoro idraulico, `e necessario conoscere il valore di massimo
rendimento a cui la macchina sta operando. Per questo motivo, `e possibile
ricorrere allespressione che definisce tale rendimento, espresso in funzione
delle velocit`a caratteristiche:


u
u
i = 2
1
(1 + cos 20 ) .
c1
c1
6

Con questa definizione, si ricava immediatamente


i = 0.5 (1 + 0.93 0.9659) = 0.9492.
ora possibile calcolare il valore di lavoro idraulico prodotto dalla macchina,
E
applicando la definizione:
Li = g Hu i = 9.80665

2
m
kJ
4m

1300m

0.9492
=
1.21

10
= 12.1 .
2
2
s
s
kg

Per il calcolo delle ultime grandezze, in primis la portata elaborata dalla


macchina, `e necessario ricorrere alle informazioni riguardanti la sua velocit`a
di rotazione. In particolare, nota la velocit`a di trascinamento della macchina
e la velocit`a di rotazione della girante, `e possibile ricavare il valore di diametro
Pelton:
2 76.6458m/s
2u
=
D=
= 1.9518m.
giri 2
rad

60 giro
750 min
min
s

Dal rapporto noto D/d tra diametri caratteristici, si ricava immediatamente


d=

1.9518m
D
=
= 7.8071 102 .
25
25

Successivamente, il calcolo della portata totale deve tener conto necessariamente del suo frazionamento in un numero i di getti:
Q = i

d2
3
m
m3
c1 = 6.09504 103 m2 153.2916 = 2.201 .
4
4
s
s

Una volta nota anche la portata, `e immediato il calcolo della potenza utile
allalbero della girante, che dovr`a tenere conto anche del rendimento meccanico della macchina:
Pu = g Hu Q i m = 2.611 107

kg N m3
m = 26.11M W.
m3 kg s

Infine, il calcolo della coppia restituisce:


C=

Pu
26.11M W
=
= 0.3324M N m.

750 260 rad


s

Esercizio 5.
Una turbina Pelton ha numero di giri caratteristico nc = 42giri/min, ruota
ad una velocit`a di rotazione n = 750rpm, e sfrutta un saltoo utile Hu = 850m
con un rendimento totale della macchina t = 0.91. Si richiede di determinare
la potenza utile, la portata, ed una prima approssimazione del diametro Pelton. Inoltre, si chiede di determinare i valori di queste medesime grandezze,
nonche del salto utile Hu di una turbina geometricamente uguale alla precedente, e funzionante in condizioni di similitudine idraulica, la cui velocit`a di
7

rotazione sia per`o n = 1000rpm.


Svolgimento.
Applicando inizialmente la definizione di cifra caratteristica della macchina,
`e possibile valutare il valore di potenza utile prodotta. Si ricorda che la
formulazione della cifra caratteristica, cos`` come da noi considerata, prevede
limmissione di valori di velocit`a di rotazione in giri/min, di salto utile in
m, e di potenza utile in CV . Quindi, `e immediato ricavare che:
s
P
P
H 2 n2c
n
u
=
;
nc =
Hu
n2
Hu
Hu
di conseguenza,
Pu =

H 5/2 n2c
8502.5 422
=
= 6.60576 104 CV = 48.62M W.
2
2
n
750

Nota ora la potenza utile prodotta dalla macchina, `e possibile ricavare la


portata elaborata:
Q=

m3
Pu
48.62M W
.
=
=
6.409
kg
N
g Hu t
s
1000 m
3 9.80665 kg 850m 0.91

Da questo valore, `e possibile stimare il diametro Pelton della macchina. Per


effettuare questa stima, assumiamo ad esempio che il coefficiente che quantifica le perdite di carico a cavallo del distributore ad ago Doble ammonti a
= 0.96. Allora, `e possibile ricavare la velocit`a in ingresso alla girante in
funzione del valore di salto utile riscontrato:
r
p
m
c1 = 2 g Hu = 0.96 2 9.80665 2 850m = 1.2395 102 m/s.
s
Noto questo valore approssimato, assumendo la sezione del getto circolare,
si pu`o ricavare il valore di diametro del getto (nella ipotesi, ad esempio, che
vi sia un getto unico):
r
4Q p
d=
= 4 6.409m3 /s 123.95m/s = 0.2566m.
c1
Successivamente, `e necessario effettuare una ulteriore ipotesi che riguarda
il rapporto tra diametro del getto e diametro Pelton. In particolare, quale
valore facilmente riscontrabile in macchine reali, si assume che sia D/d = 10.
Quindi,
D = 10 d = 2.566m.
Per quanto riguarda il funzionamento della medesima macchina in condizioni
di similitudine idraulica, occorre ricordare una relazione fondamentale:

u
c1
Hu
D

.
n
n
n
8

Stante questa relazione, e ricordato che la macchina che funziona in condizioni di similitudine idraulica risulta essere geometricamente identica a
quella sin qui analizzata, `e possibile ricavare che:

2
 0 2
1000
n
0
= 850m
= 1511m;
Hu = Hu
n
750
noto il valore di salto utile sotto il quale opera la nuova macchina, `e possibile ricavare la nuova potenza utile elaborata dalla macchina, applicando la
definizione di cifra caratteristica della macchina:
n2 P u
5/2

Hu

n02 Pu0
05/2

Hu

Quindi, si ricava:

2 
2.5
 n 2  H 0 5/2
750
1511
u
0
Pu = P u 0
= 48.62M W
= 115.25M W.
n
Hu
1000
850
Infine, conoscendo il rendimento in virt`
u dellipotesi di similitudine idraulica,
`e possibile ricavare la nuova portata elaborata dalla macchina:
Q0 =

115.25 106 W
m3
Pu0
=
.
=
8.547
kg
m
g Hu0 t
s
1000 m
3 9.80665 s2 1511m 0.91

Esercizio 6.
Una turbina Francis ha le seguenti caratteristiche: n = 250giri/min; diametro di ingresso della girante D1 = 2.85m; diametro medio di uscita della
girante D2 = 2.10m; altezza della sezione dingresso della macchina B =
0.2 D1 ; angolo di orientazione della velocit`a del flusso in ingresso 1 = 20 ; velocit`a periferica della macchina allingresso della girante u1 = c1 cos 1 ; la velocit`a di uscita c2 ha componente periferica nulla ed `e uguale a c2 = c1 sin 1 ;
il rendimento idraulico della macchina vale i = 0.90. Si richiede di calcolare
il lavoro idraulico Li ottenuto, il salto geodetico utile Hu , la portata elaborata dalla macchina e la potenza utile (assumendo come coefficiente medio di
ingombro delle pale = 0.98, rendimento meccanico m = 0.98, rendimento
volumetrico v = 1.0).
Svolgimento.
Dallanalisi dei dati del problema osserviamo come, la condizione 2 = 90
corrisponda ad una condizione di massimo lavoro idraulico:
Li = c1 u1 cos 1 c2 u2 cos 2 = c1 u1 cos 1 ;
sfruttando la definizione di rendimento idraulico, si pu`o allora assumere
che: Li = g Hu i = c1 u1 cos 1 . In questo caso, dal momento che sussiste
lapprossimazione per u1
= c1 cos 1 , si pu`o ricavare il valore di salto geodetico utile nella seguente formulazione:
Hu =

c2 cos 1 2
c1 u1 cos 1
= 1
.
g i
g i
9

dunue necessario ricavare una espressione della velocit`a u1 per poter sucE
cessivamente ricavare Hu . Per fare ci`o, `e conveniente ricorrere alla definizione
di velcoit`a periferica della macchina:
giri 2 min rad
250 min
2.85m
m
D1
60 s giro
=
= 37.3064 ;
u1 =
2
2
s

in questo modo, `e immediato ricavare:


c21 cos 1 2
m
u21
(37.3064m)2
Hu =
= 157.6899 .
=
=
m
g i
g i
9.80665 s2 0.90
s
Successivamente, `e possibile immediatamente calcolare il valore di lavoro
idraulico prodotto dalla macchina:
Li = g Hu i = 9.80665

m
J
157.6899m 0.90 = 1391.8 .
2
s
kg

Per il calcolo della portata elaborata dalla macchina, per comodit`a `e possibile
scegliere la sezione dingresso della girante, per la quale sussiste la relazione
di conservazione della portata:
Q = A c1,m = D1 B c1 sin 1 .
dunque utile calcolare precedentemente il valore della velocit`a dingresso
E
c1 :
37.3064m/s
m
u1
=
=
39.7016
.
c1 =
cos 1
cos 20
s
Infine, la portata varr`a
Q = (2.85m)2 0.2 0.98 39.7016

m3
m
0.3420 = 67.9094 .
s
s

Per quanto riguarda la potenza utile elaborata dalla macchina, un calcolo


simile a quanto visto nel corso dello svolgimento degli esercizi precedenti pu`o
essere applicato:
Pu = g Hu Q i m v =
kg
m
m3
= 1000 3 9.80665 2 157.6899m 67.9094
0.9 0.98 1.0 =
m
s
s
= 92.62M W.

Ultimo aggiornamento:
Marted`, 20.X.2009
Federico Perini
10