Sei sulla pagina 1di 2

Phnomen Beschreibung

Beispiele

la vocale -- si pronuncia come una -e- apperta, come nella parola bello

spt, Dnemark, Kse,

la vocale -- ha un suono che non esiste nella lingua italiana, se non in qualche dialetto: simile alla -eu- in
francese

schn, Kln, Brtchen,

la vocale -- ha un suono che non esiste nella lingua italiana, se non in qualche dialetto: si pronuncia come la - mde, Mnchen, Tbingen, bung,
u- in francese
Kche,

-ich
j

-ich- in fine di parola ha un suono simile alla -c- fiorentina aspirata

ich, dich, sdlich, sprachlich,

-j- una consonante e quindi non ha dittongo con la vocale seguente. In parole di origine tedesca si pronuncia
ja, jetzt, jeder, Jammer,
come la -i- italiana

-s

-s- in fine della parola ha un suono sordo (le corde vocali non vibrano) come nelle parole italiane rosso o
tosse.

Markus, das,

s-

-s- all'inizio della parola, seguito da vocale, ha un suono sonoro (cio le corde vocali vibrano) come nella
parola italiana cosa.

Sommer, so, sicher, sind, sie, seid,

-d

-d- in fine di parola ha un suono simile alla -t- italiana

Hund, und,

-z- si pronuncia [ts] e ha sempre un suono sordo, come nella parola italiana vizio.

zur Zeit, zwei, Zigaretten, zusammen,

ng

il suono -ng- diverso dall'italiano: la "g" si sente appena, viene quasi inghiottita

Wohnung, Zeitung, Tbingen,

-er

nella sillaba finale -er la "e" non e mai accentuato e tende ad aspirarsi verso il suono "a" faccendo in modo che
Zimmer, sicher, aber, hier,
scompare la "r" finale.

-en

il "e" delle desinenze ( -en / -el / -er* ) si sente appena (e spesso neanche) e non mai accentuato.

sagen, machen, Frauen, Tomaten,

-ig

-ig- in fine di parola si pronuncia come -ich.

wenig, vierzig, dreiundzwanzig,

-g

-g- in fine di parola (ad esclusione del suono -ig finale) ha un suono simile alla "k"

Ausflug, sag, Tag,

sp-

-sp- all'inizio di parola si pronuncia come se fosse scritta "schp"

Speyer, spielen, spt,

st-

-st- all'inizio di parola si pronuncia come se fosse scritta "scht"

Stadt, Stuttgard, Stein, Station, Stadion,

-st

-st- al centro a alla fine di sillaba si pronuncia normale, cio "st"

beste, Herbst,

ch

il suono -ch- non esiste in italiano: si aspira facendo passare l'aria nella gola legermente chiusa

machen, Fach, Bach, nach, Sache, ich,


nicht, Mnchen, Mdchen,

sch

-sch- si pronuncia come "sc" in scena

Schule, schreiben, Schuh

tsch

-tsch- si pronuncia come "c" in ciao

deutsch, Tschechei,

dsch

-dsch- si pronuncia come il "g" palatale in italiano, ad es. in giungla.

Dschungel,

la lettera --, detta "scharfes Es" (S "tagliente") o "Eszet" sta per un "s" sordo forte preceduto da un ditongo o
una vocale lunga. Lo medesimo suono consonantico viene scritto invece con doppio "ss", se il vocale che
precede corto.

heien, Strae, Gru,

la doppia -ss- segnala, come tutti i consonanti doppi, che la vocale da cui preceduto corto.

Kuss, Kssen, Fluss, muss,

-
-ss-

Praktische_Ausspracheregeln.doc

Georg Hehmann

h-

Il segno diacritico -h- non ha una propria pronuncia: se, nella sillaba, seguito da una vocale, questa viene
aspirata.

Haus, Hotel, hier, halten, Stadthalle,


Rathaus,

-h

Il segno diacritico -h- non ha una propria pronuncia: se, nella sillaba, preceduta da una vocale, questa viene
prolungata.

Sohn, fahre, nehmen, gehen, sehen, ihr,

ch-

Il -ch- all'inzio di parola compare solo in termini di origini straniera e mantiene di solito la pronuncia della lingua Charakter, Chaos, Chronik, - China,
di provenienza, cio "k" o un suono che varia fra "ch", "sch", "tsch".
Chile, - Chaussee, Chance,

-v- si pronuncia, in caso di parole di origine tedesche di solito "f" come nelle parole italiane fame o fai.

Vater, viel, voll,

-v- si pronuncia in parole di origine straniera come nella lingua originaria, in parole di origine latina di solito "w". Vase, Universitt

ph

in parole di origine straniera (per lo pi greco antica) -ph- si pronuncia "f" come nella parola italiana fisica.

Physik, Philosophie,

-w- come in Walter; ha sempre il suono del "v" italiano, come in volere, verde, ecc.

Wasser, warten, wollen,

la consonante -c- compare praticamente solo in parole straniere, e mantenendo per lo pi la pronuncia
originaria si legge "k" davanti ai vocali "a", "o", "u" o davanti ad un'altra consonante (come "l" o "r").

Caf, Camping, Collage, Club, Creme,

la consonante -c- compare praticamente solo in parole straniere, e mantenendo per lo pi la pronuncia
originaria si legge come una "z" nella parola italiana zero se seguito da "e", "i" o "".

Csar, Cellophane, City,

la consonante -c- in alcune parole di origine straniere (per lo pi italiane) si pronunciano, se sono seguite da
"e" o "i", come il "c" nella parola italiana ciao .

Cello, Cembalist,

chs

il suono -chs- molto simile alla "x" di Taxi che viene pronunciato di solito allo stesso modo in italiano.

sechs, wachsen,

ck

il "c" in -ck- non ha un proprio suono; fondendosi con la "k" per cos dire a doppio "k" indica solo che la vocale
precedente corto. Alla fine della riga il gruppo consonantico non viene pi spezzata.

Bcker (B-cker), Rock, Rostock,

in parole di origine tedesca -g- si pronuncia sempre gutturale come in gamma.

gro, gut, gerne, gieen, geben

ie

un "e" dopo un "i" nella stessa sillaba non ha di solito un suono proprio, serve come il segno diacritico "h" per
prolungare la "i".

sie, lieben, Kiel,

ei

il dittongo -ei- si pronuncia come in italiano "ai"; talvolta - come in cognomi, nomi geografici, ecc. - pu esser
scritto anche "ai", "ay" o "ey".

Ei, Meier (oder Meyer, Maier, Mayer),


bleiben, - Bayern,

au

il dittongo -au- si pronuncia come nella parola italiana causa.

Haus, Maus, saufen,

eu

il dittongo -eu- si pronuncia come in italiano "oi", ad es. nella parola noia; pu essere scritto anche -u-.

neu, Feuer,

per motivi di derivazione grammaticale si usa anche il dittongo -u- che viene pronunciato allo stesso modo
del dittongo -eu- cio come nella parola italiana noia.

Huser (<-- Haus), Frulein (<-- Frau),

il -x- compare per lo pi in parole straniere e ha grosso modo lo stesso suono come -chs-; le parole sechs (=
six, =sei) e Sex ad es. si differenziano solo nella pronuncia della consonante iniziale (S-sonoro vs. S-sordo).

Sex, Taxi, maxi,

-y- ha un suono analogo a "": la vocale della prima sillaba di sympathisch si pronuncia pressapoco come
quella di mssen.

sympathisch, Psychologie, Physik,


Mythos,

-k- ha sempre il suono della consonante iniziale della parola italiana casa.

Konrad, kaufen, Kuss, Fotokamera,

-q- sempre seguito da un "u" e si pronuncia come "kw".

quasi, Quadrat,

Praktische_Ausspracheregeln.doc

Georg Hehmann