Sei sulla pagina 1di 8

UTENSILERIA

01

Realizzare

una saldatura a gas

I diversi tipi di saldatura


La brasatura

Saldatura di due pezzi di metallo


per fusione grazie ad un metallo
di apporto.
Questo vale a dire che il metallo di
apporto si fonde al contatto dei
pezzi gi scaldati e penetra tra loro
per unirli.

metallo
dapporto

metallo
di base

Esistono 2 tipi di brasatura:

La brasatura tenera:
Brasatura allo stagno (temperatura di fusione < 450c) utilizzata
per unire delle parti sottoposte a
leggere pressioni meccaniche
(esempio: canalizzazioni dacqua
fredda).
Questo processo permette di saldare tutti i tipi di metallo.

acqua
fredda

La brasatura forte:
Brasatura allargento, al rame o
allalluminio (temperatura > 450c)
utilizzata per saldare parti
sottoposte a delle forti
sollecitazioni meccaniche
(esempio: tubi per acqua calda,
gas ). Questo processo non
permette di saldare lo stagno, lo
zinco e il piombo.

La saldobrasatura
Assemblaggio bordo a bordo di
due pezzi di metallo usando
lottone come metallo di apporto
(temperatura di fusione 900c).
Questo processo usato per degli
assemblaggi sottoposti ad elevate
pressioni meccaniche cos come le
marmitte di unautomobile.

acqua calda

La saldatura o saldatura autogena


Assemblaggio di due pezzi di
metallo di stessa natura per
fusione di questi due pezzi. Si
portano i metalli alla temperatura
di fusione per permettere la loro
unione. E possibile usare un
metallo di apporto della stessa
natura delle parti da saldare.
Questo processo usato per degli
assemblaggi sottoposti a delle
forti pressioni meccaniche e
necessita una temperatura di
riscaldamento di 1500c (es: sedia,
bici, cancello, installazione
sanitaria).

Gli attrezzi
Attrezzi comuni

CANNELLO

BACCHETTA
DI SALDATURA

CARTA ABRASIVA

ACCENDINO
MORSA

Protezioni

GUANTI DI PROTEZIONE

OCCHIALI DI PROTEZIONE
TRASPARENTI

BUTANO

PASTA
DECAPANTE

BUTANO

Per la brasatura tenera e forte

LAMPADA
PER SALDARE

PINZA
A MORSA

LAMPADA
PER SALDARE

CARTUCCIA
DI GAS

CARTUCCIA
DI GAS

LANCE
FIAMMA MATITA

STAGNO
MANOMETRO

LANCE
BECCO PIATTO

Per la saldobrasatura e la saldatura autogena

CANNELLO

MANOMETRO

BOMBOLE
DI SALDATURA

TUBO

Realizzare una brasatura


tenera

1. Pulite i pezzi internamente e


esternamente con della carta
abrasiva in modo tale da non
lasciare nessuna traccia.

2. Ricoprite, con un pennello, i


pezzi da saldare con la pasta
decapante.
3. Incastrate i pezzi o posizionateli luno sullaltro a forma di
T. I pezzi andranno bloccati
grazie ad una morsa o una pinza a morsa.

4. Se lavorate su una canalizzazione situata a ridosso di un


muro: proteggete il muro con
un parafiamma rigido o flessibile. Se lavorate con una morsa,
proteggete il tubo e la morsa
stessa, con una protezione sulle
ganasce della morsa.
5. Accendete il cannello o la lampada a saldare con un accendino e regolate la fiamma.

protezione

6. Scaldate i pezzi da saldare


finch:
il rame diventi rosso scuro
il ferro e lacciaio diventino
rosso chiaro.

7. Per la brasatura tenera:


allontanate la fiamma e
applicate il filo di stagno sulla
giuntura dei pezzi e spingete
fino allapparizione di un
anello intorno alla giuntura.

Per la brasatura forte:


avvicinate la bacchetta e
applicatela alla giuntura.
Bisogna continuare di scaldare
i pezzi ma non esporre la
bacchetta alla fiamma.

8. L a s c i a t e r a ff r e d d a r e l a
saldatura e asciugate con uno
straccio.

Consigli
E il calore dei pezzi che permette la fusione
dei metalli dapporto e non la fiamma. E per
questo che se il metallo dapporto non si fonde
al contatto con gli altri pezzi, importante
allontanarlo e continuare a scaldare i pezzi.
Verificate che non rimanga nessuna traccia
dacqua nel tubo prima di effettuare la saldatura
altrimenti non regger.
Lo stagno pu avere unanima decapante in
quel caso potete evitare di mettere la pasta
decapante.
Per le canalizzazioni dacqua, utilizzate dello
stagno senza piombo detto ecologico.

Realizzare una
saldobrasatura

1. Pulite i pezzi internamente e


esternamente con della carta
abrasiva in modo tale da non
lasciare nessuna traccia.

Consigli
Per quanto riguarda le superfici inferiori ai 4
mm di spessore, si consiglia di unire i pezzi da
saldare lasciandoli ad una distanza uguale alla
met del loro spessore.
Per i pezzi di cui lo spessore
cianfreno
compreso tra 4 e 10 mm,
consigliato sagomare le
parti da saldare con
uninclinazione dangolo di 90.

2. Rivestite i pezzi da saldare di


pasta decapante.

3. Saldate con dei punti i pezzi onde


evitare che si divaricano sotto
lazione del calore.
Questo consiste nel unire i pezzi
da saldare con dei piccoli punti
di saldatura prima di cominciare
la saldobrasatura.

4. Saldate inclinando a 45c la


bacchetta e il cannello.
Depositate un cordone regolare.

2
7
8
1
4

45

45

Realizzare una saldatura


con fiamma ossidrica

Preparate i pezzi da assemblare allo stesso modo che


per la brasatura (tappe 1 a 5).
6. Aprite le due bombole di gas del
kit di saldatura e accendete il
cannello con un accendino.
Otterrete una fiamma gialla che
sembra staccarsi dal cannello (A).
Diminuite progressivamente la
quantit di acetilene fino a
quando la fiamma si riattacca
al cannello (B).

A
B
C

Aumentate il debito di ossigeno per ottenere una


fiamma di colore bianco (C).
7. Saldate avvicinando ed inclinando il cannello
a 45. La fiamma deve sfiorare le parti da saldare.
Immergete frequentemente la bacchetta di metallo integrativo
nella pasta decapante.
8. Spegnete il kit di saldatura.

45

45

Consigli
Nel caso in cui le bacchette fossero rivestite, non
avete bisogno della pasta decapante.