Sei sulla pagina 1di 8

CAPITOLO 1

Esercizi sui numeri reali

1 - Esercizi svolti
1 Facendo uso della definizione, verificare che, per linsieme


3n 2
X = x IR / x =
, n IN ,
2n + 1
risulta inf X = 13 , sup X = 32 .
Linsieme X `e inferiormente limitato: 13 ne `e un minorante giacche la
disuguaglianza
3n 2
1

2n + 1
3
`e, ovviamente, verificata da ogni n IN. Proviamo ora che
tra i maggioranti, cio`e che
1
IR+ x X / x
< +
3

1
3

`e il minimo

ossia che, fissato ad arbitrio un numero IR+ , esiste un n


IN per il quale
la disuguaglianza
3n 2
1
< +
2n + 1
3
risulta verificata. Ed infatti, poiche
3n 2
1
< + (7 6)n < 7 + ,
2n + 1
3
si ha che:
- se 76 la disuguaglianza `e verificata per ogni n IN;
- se 0 < < 76 la disuguaglianza `e verificata almeno da n = 1.
Verifichiamo, ora, che linsieme X `e superiormente limitato:
maggiorante giacche la disuguaglianza
1

3
2

ne `e un

3n 2
3
,
2n + 1
2
equivalente a 4 3 , `e vera per ogni n IN.
Proviamo che 23 `e il pi`
u piccolo dei maggioranti di X e quindi che ne `e
lestremo superiore. Allo scopo occorre verificare che
3
 IR+ x
X /x
>
2
ossia che, fissato ad arbitrio un numero IR+ , esiste n IN per il quale
la disuguaglianza
3n 2
3
>
2n + 1
2
risulta verificata. Poiche tale disequazione `e equivalente a
7
n>
,

indicato con n
un qualunque intero maggiore di 7
, il numero
3
n2
x =
2
n+1
`e un elemento di X che verifica la propriet`
a richiesta e ci`
o basta per concludere che sup X = 32 .

2 Provare che linsieme




n2 2
X = x IR / x =
, n IN
1 2n

non `e inferiormente limitato.

Si tratta di provare che IR+ x X / x < cio`e che


 IR+ n IN /

n2 2
< .
1 2n

Infatti, poich`e
n2 2
< n2 2 > (1 2n) n2 2n 2 + > 0
1 2n
e questultima disuguaglianza `e verificata per
p
n > + 2 + 2 ,
laffermazione risulta provata.

3 Determinare lestremo superiore dellinsieme


2

X=

x IR / x =


n2
, n IN .
2n + 3

Cerchiamo di individuare linsieme K dei maggioranti di X. A tale


scopo ricordiamo che un numero L `e maggiorante di X se per ogni n N
risulta
n2
L
2n + 3
Poiche
n2
L n(1 2L) 3L + 2 ,
2n + 3
e la disequazione a cui si `e pervenuti `e sempre verificata allorquando L 12 ,
segue che tutti i numeri reali L 21 sono maggioranti di X .
Daltra parte, se L < 12 , la disuguaglianza precedente non `e verificata da
ogni n IN, ma solo dagli n tali che
3L + 2
n
.
1 2L
o
Se ne deduce che sono maggioranti di X tutti e soli i numeri L 21 . Perci`
L = 12 `e il minore tra i maggioranti di X , e quindi esso `e lestremo superiore
di X .

4 Provare che linsieme


X=


x IR / x =


2n
,
n

I
N
n2 + 1

`e limitato e determinare inf X e sup X .


Per ogni n IN risulta
0<

2n
1,
n2 + 1

e quindi si deduce, non solo che X `e limitato, ma anche che 0 ne `e un


minorante e 1 un maggiorante.
Determiniamo ora linsieme dei minoranti. La disuguaglianza
2n
h 2
h n2 2n + h 0
n +1
`e verificata da ogni n IN se e solo se h 0 . Si pu`
o allora concludere che
linsieme dei minoranti `e H = (, 0] e quindi che il massimo dei minoranti
`e 0. Pertanto inf X = 0 .
3

Per quanto riguarda linsieme K dei maggioranti, ricordato che 1 `e un maggiorante ed osservato che 1 X , si trae che nonpossono esservi dei maggioranti minori di 1, ossia che 1 `e il minimo dei maggioranti e quindi che
sup X = max X = 1 .

5 Assegnato linsieme


4n 3
, n N} ,
X = x IR / x = (1)n
1 2n
a) verificare che sup X = 2,
b) calcolare inf X.
Distinguendo il caso di n pari (ossia del tipo n = 2m, con m IN) dal
caso di n dispari (ossia del tipo n = 2m 1 con m IN), si ricava che X
`e lunione di due sottoinsiemi disgiunti di IR, che indicheremo, rispettivamente, con X1 e X2 , definiti
da:


8m 3
X1 = x IR / x =
, m IN ,
1 4m


8m 7
X2 = x IR / x =
, m IN .
4m 3
Osservato che gli elementi di X1 sono tutti negativi mentre quelli di X2
sono tutti positivi, possiamo intanto concludere che, per provare a), basta
verificare che `e sup X2 = 2, mentre, per rispondere al quesito b), basta
calcolare inf X1 . Proviamo, allora che `e sup X2 = 2 cio`e che
8m 7
2 m IN ,
4m 3
e che

IR+ m IN / 2

8m 7
.
4m 3

Infatti la prima disequazione `e banalmente vera poiche


8m 7
2 7 6
4m 3
mentre la seconda porta a
3 + 1
8m 7
2
m>
.
4m 3
4

Proviamo adesso b); allo scopo determiniamo i minoranti di X1 ossia i


numeri h IR tali che
8m 3
h
m IN .
1 4m

Avendosi

8m 3
(8 + 4h) m h + 3 ,
1 4m

segue che, se h = 2, la disequazione `e sempre verificata (e quindi h = 2


`e un minorante di X1 ), mentre, se h > 2 essa non `e verificata da tutti
i numeri naturali. Si conclude allora che linsieme dei minoranti di X1 `e
costituito dallintervallo (, 2] e quindi che risulta inf X1 = 2.
Ricapitolando i risultati trovati, si ha che inf X = 2, sup X = 2.
6 Studiare linsieme


|z|
X = x IR / x =
, z Z {1} .
z+1
Osservato che |z| = n IN {0}
(
n
z=
0
n

e che risulta
se z > 0
se z = 0 ,
se z < 0

si pu`
o scrivere X = X1 X2 {0} , essendo




n
n
, n IN , X2= x IR / x =
, n IN{1} .
X1= x IR / x =
1+n
1n
Poiche X1 `e formato solo da numeri positivi e X2 da numeri negativi, per determinare lestremo inferiore e lestremo superiore di X baster`
a
trovare sup X1 e inf X2 , rispettivamente. Ora risulta: sup X1 = 1, min X2 =
2 . Il fatto che 2 `e il minimo di X2 discende dallosservare che 2 X e
che la disequazione
n
2
1n
`e verificata da ogni n IN {1} ; per provare invece che 1 `e lestremo superiore di X1 basta provare le due affermazioni seguenti:
n
i)
1
n IN ,
1+n
n
ii )
IR+ n IN /
> 1 .
1+n
La i) `e banalmente verificata; la ii), che `e equivalente a
1
n+1> ,

`e verificata non appena si assumono per n valori maggiori di 1


.
In conclusione risulta inf X = min X = 2 , sup X = 1 .

2 - Esercizi proposti
5

1 Dire se i seguenti insiemi sono inferiormente e/o superiormente limitati:




n1
, n IN ,
a) X = x IR / x =
n+1



b) X = x IR / x = 2 log n log n2 + 1 , n IN ,


n2
c) X = x IR / x =
cos n , n IN ,
2n + 1

d) X = x IR / x = n + 1 n , n IN .
2 Mediante la definizione, verificare che i seguenti insiemi hanno lestremo
inferiore ` e lestremo superiore L indicati a lato:


2n + 1
a) X = x IR / x =
, n IN
, ` = 21 , L = 35 ;
4n + 1


n1
x IR / x = (1)n
, n IN , ` = 1 , L = 1 ;
n

b)

X=

c)



X = x IR / x = log(n2 + n) , n IN , ` = log 2 , L = + ;

d)

n
o
2
X = x IR / x = enn , n IN , ` = 0 , = 1 .

3 Assegnati i seguenti insiemi determinarne lestremo inferiore e lestremo


superiore:


n2
n
, n IN ;
a) X = x IR / x = (1)
n+1



n1
b) X = x IR / x =
, n IN ;
n


n
cos n , n IN .
c) X = x IR / x = 2
n +1

6 - Indicazioni sugli esercizi proposti


1 a) Poiche tutti gli elementi di X sono non negativi, X `e inferiormente
limitato. Dallessere poi
n1
2
=1
1 n IN ,
n+1
n+1
si deduce che X `e anche superiormente limitato.
6

b) Per le propriet`
a dei logaritmi si ha


n2
1
2
x = 2 log n log(n + 1) = log 2
= log 1 2
n +1
n +1

e poiche

0<

1
1

n2 + 1
2

n IN ,

risulta
n2
1
1
2
=1 2
<1
2
n +1
n +1

n IN ,

e si conclude quindi che, per ogni n IN , `e




1
log 2 log 1 2
< 0.
n +1
Pertanto X `e limitato.
c) Ricordato che cos n = (1)n , si distingua il caso di n pari dal caso
di n dispari e si studino separatamente i due insiemi X1 e X2 cos` ottenuti.
Si ricava che X non `e ne superiormente ne inferiormente limitato.
d) Razionalizzando si ha
1
x=

n+1+ n
e quindi X `e limitato dal momento che, per ogni n IN, `e
1
1
0<
1.
n
n+1+ n
2 a) Per provare che ` =
seguenti disuguaglianze:

1
2

`e lestremo inferiore di X basta risolvere le

1
2n + 1

...... ,
2
4n + 1
Che

2n + 1
1
< + n > . . .. . . .
4n + 1
2

3
5

`e il massimo di X si pu`
o provare osservando che
3
3
2n + 1
n 1,
= x1 X ,
4n + 1
5
5
pertanto lelemento x X di cui parla la definizione `e . . . . . . .
b) Si distingua il caso di n pari dal caso di n dispari e si studino separatamente i due insiemi X1 e X2 cos` ottenuti. Osservato che il primo
`e formato solo da numeri positivi e il secondo da numeri negativi e da 0,
`e lecito verificare che inf X = 1 prendendo in esame soltanto X2 , e che
sup X = 1 prendendo in esame solamente X1 .
7

c) Per provare che lestremo superiore `e +, cio`e che linsieme X `e


illimitato superiormente, basta provare che

IR+ n IN / log n2 + n >
cio`e che nessun numero positivo `e maggiorante di X .
E infatti . . . . . . .
d) Che 1 `e il massimo di X si prova osservando che
2

enn 1 n n2 0 n 1, 1 = x1 X .
Che 0 `e lestremo inferiore si pu`
o provare verificando che linsieme H dei
minoranti `e . . . . . . .
3 a) Una volta distinto il caso n pari dal caso n dispari, si determinino
linsieme H dei minoranti e linsieme K dei maggioranti. Si trover`
a che
entrambi sono vuoti, pertanto inf X = , sup X = + .
b) Poiche gli elementi di X sono tutti non negativi e x1 = 0, segue
intanto che min X = 0; la ricerca dei maggioranti di X conduce alla disequazione di secondo grado n2 h2 n+1 0 che `e sempre verificata qualora il
relativo discriminante risulti negativo o nullo, ossia se 1 4h2 0 . Dunque
sono maggioranti di X i numeri h 21 mentre non lo sono i numeri h < 21 (in
tal caso, infatti, la disequazione non `e verificata per n = . . . ). Si conclude,
allora, che sup X = min K = 12 e, poiche 21 X , . . . . . . .
c) Osservato che cos n = (1)n , si distingua il caso n pari dal caso n
dispari e si studino separatamente gli insiemi X1 e X2 cos` ottenuti. Alla
conclusione si perviene, allora, osservando che linsieme X assegnato `e legato
4
a X1 e X2 dal fatto che . . . . . . . Si trova min X = 25 , max X = 17
.