Sei sulla pagina 1di 10

S C U O L A S E C O N D A R I A

D I
S E C O N D O
G R A D O

Grazia Bellano Westphal


Patricia Ghezzi

R
A
E
M
H
L
C
A
P PO dlve
r
N
e
i
t
E on m
M

Schede che guidano lo studente


a riflettere sulle proprie attitudini
e sul metodo di studio.

MON MTIER DLVE (A)

lchis
ailler
Je rf re de trav

ni
a ma
sur m

Comment a marche dans ma tte?


Il cervello umano dotato di due emisferi, ognuno dei quali ha delle funzioni specifiche. Facendo questo test, scoprir qual il mio
emisfero dominante e, di conseguenza, quali sono le mie forze e le mie debolezze.

1
2
3
4
5
6
7
8

Quando qualcuno mi presenta una persona, mi ricordo


pi facilmente...
a. il viso.
b. il nome.

Quando devo spiegare qualcosa di complesso, mi


esprimo utilizzando...
a. degli esempi e delle analogie.
b. dettagli precisi, dati, cifre.

G. Bellano Westphal, P. Ghezzi, Mon mtier dlve Pearson Italia S.p.A.


Riservato agli studenti delle classi che adottano: G. Bellano Westphal, P. Ghezzi, Palmars en poche, Lang Edizioni

Quando ripenso a un film che mi piaciuto, mi vengono


in mente...
a. i personaggi, i paesaggi, le atmosfere.
b. le frasi pronunciate, i dettagli.

RISULTATO DEL TEST

Quando ascolto la nuova canzone del mio cantante


preferito...
a. mi lascio trascinare dalla musica e dalle sensazioni che
suscita in me.
b. cerco di comprendere il testo della canzone.

Se ho una maggioranza di a significa che


utilizzo di preferenza lemisfero destro.
Questa parte del cervello controlla la percezione spaziale e il pensiero creativo.
Ci significa che tendo a considerare le cose nel loro insieme piuttosto che
analizzare i dettagli. Ho buone capacit di sintesi e riesco a cogliere e a
comunicare emozioni. Ricorro spesso a delle rappresentazioni visive
(illustrazioni, schemi, tracce...). Per utilizzare pienamente le mie capacit
devo allenare le mie facolt logiche e sforzarmi di essere realista.

Ho appena saputo che ho vinto un terno al Lotto...


a. urlo di gioia e corro a raccontarlo ai miei familiari e ai
miei amici.
b. resto in silenzio e rifletto su questa nuova situazione.

Se ho una maggioranza di b significa che


utilizzo di preferenza lemisfero sinistro.

In matematica, sono pi a mio agio...


a. in geometria.
b. in algebra.

Questa parte del cervello analitica e funziona in maniera sequenziale e


razionale. Controlla inoltre il linguaggio. Ci significa che ho una certa facilit a
effettuare analisi e ad apprendere i dettagli e che ho una certa preferenza per
i discorsi logici. Per utilizzare pienamente le mie capacit, devo allenare
le mie facolt emozionali e la mia immaginazione.

Per imparare come si scrive una parola di una lingua


straniera...
a. fotografo mentalmente la trascrizione della parola.
b. scandisco la parola, lettera per lettera, e la pronuncio
a voce alta o bassa.

Se il numero delle risposte a pi o meno


equivalente a quello delle risposte b
significa che utilizzo i due emisferi quasi
nella stessa misura.
Questo equilibrio pu rivelarsi molto vantaggioso, perch posso fare appello
a facolt di ragionamento analitico oppure allimmaginazione e alla fantasia,
a seconda del momento. Se da una parte sto attento/a ai dettagli e so essere
preciso/a, so anche utilizzare schemi, figure, tracce... Pur riuscendo a
cavarmela in diverse situazioni, posso avere difficolt a scegliere lemisfero
da cui lasciarmi dominare. Per utilizzare pienamente le mie capacit, devo
cercare di allenare linsieme delle facolt di cui dispongo naturalmente.

Mi pi facile redigere...
a. una storia immaginaria.
b. un resoconto, una ricetta di cucina, delle istruzioni.

MON MTIER DLVE (B)

oint
.
s le p
Je fai es progrs
m
r
su

O jen suis?
COMPRHENSION DE LORAL

1
2
3
4
5
6
7
8
9

In classe, quanto capisco di un esercizio di ascolto?


a. Tutto.
b. Pi della met.
c. Meno della met.
Se ho avuto loccasione di sentir parlare francese fuori dal contesto scolastico, quanto ho capito?
a. Pi della met.
b. Quasi la met.
c. Nulla o quasi nulla.
La mia capacit di capire un dialogo orale migliorata nel corso delle tapes 1, 2, 3, 4, 5 e 6?
a. S, molto.
b. S, un po.
c. No.

G. Bellano Westphal, P. Ghezzi, Mon mtier dlve Pearson Italia S.p.A.


Riservato agli studenti delle classi che adottano: G. Bellano Westphal, P. Ghezzi, Palmars en poche, Lang Edizioni

Applico le strategie che sono indicate a pagina 67?


a. S, regolarmente.
b. Di tanto in tanto.
c. No, mai.
Che cosa trovo pi difficile comprendere in un ascolto?
a. Largomento principale.
b. Il ruolo dei personaggi.
c. I dettagli.
d. Altro: ..........................................................................................................
Quando non capisco il senso di unespressione riesco a indovinarlo?
a. S, spesso.
b. Qualche volta.
c. Mai.
Come valuto globalmente il lavoro che ho svolto in queste tre tapes?
a. Buono.
b. Sufficiente.
c. Insufficiente.

Nel corso di queste tapes, i voti che ho conseguito nella comprensione orale riflettono il mio impegno e la mia applicazione?
a. S.
b. In parte.
c. No.
Che cosa devo fare per migliorare la mia capacit di comprendere un ascolto? (Sono possibili pi risposte)
a. Lavorare pi regolarmente, a casa, con il CD audio.
b. Partecipare di pi in classe.
c. Fare pi esercizi di fonetica e di pronuncia.
d. Fare pi esercizi per rinforzare e arricchire il mio vocabolario.
e. Sfruttare le opportunit di ascolto in francese (televisione, film in versione originale, canzoni ecc.).
f. Applicare con regolarit le strategie che mi sono consigliate.
g. Altro: ....................................................................................................................................................................................................................

MON MTIER DLVE (C)

e
anir
ma m
r
u
s
.
lchis
ailler
Je rf de trav

Quelle est ma force de travail?


MON DEGR DE TNACIT
Riesco a seguire il piano di lavoro e di ripasso che mi sono
fissato/a.
a. quasi sempre + +
c. raramente
b. spesso +
d. mai

1
2
3
1
2
3

G. Bellano Westphal, P. Ghezzi, Mon mtier dlve Pearson Italia S.p.A.


Riservato agli studenti delle classi che adottano: G. Bellano Westphal, P. Ghezzi, Palmars en poche, Lang Edizioni

Mantengo le scelte fatte in partenza anche se incontro


difficolt.
a. quasi sempre + +
c. raramente
b. spesso +
d. mai
Anche se non vedo subito i risultati del mio lavoro, riesco
a mantenere vivo e costante il mio impegno.
a. quasi sempre + +
c. raramente
b. spesso +
d. mai

RISULTATO DEL TEST

MA CAPACIT DE CONCENTRATION

Sommando i + e i il risultato
positivo
negativo.

Una o due letture mi permettono di capire lenunciato


di un problema.
a. quasi sempre + +
c. raramente
b. spesso +
d. mai

La tnacit la capacit di persistere in un progetto.


Se il mio risultato positivo, significa che sono piuttosto tenace. Posso
quindi lanciarmi con fiducia in attivit complesse, sapendo che posso
portarle a termine.
Se il mio risultato negativo, significa che sono poco costante. Per
migliorare, devo capire che cosa mi impedisce di applicarmi con continuit
nel mio lavoro (ho difficolt nelle mie relazioni con gli altri? ho scarsa fiducia
in me stesso/a?).

I rumori e le conversazioni intorno a me mi distraggono dal


mio lavoro.
a. quasi sempre + +
c. raramente
b. spesso +
d. mai

La concentration la capacit di mantenere viva lattenzione.


Se il mio risultato positivo, significa che sono piuttosto concentrato/a.
Posso quindi organizzare con facilit il mio lavoro e persino guadagnare
tempo per potermi dedicare ad altre attivit.
Se il mio risultato negativo, significa che mi lascio distrarre facilmente.
Devo trovare che cosa mi impedisce di concentrarmi (la mancanza di
motivazione, lansia, la stanchezza...) e prendere qualche semplice abitudine:
cominciare a lavorare entro i trenta secondi che seguono il momento
in cui mi siedo alla scrivania;
preparare solo il materiale necessario allo svolgimento del compito;
avere un posto preciso, ordinato e ben illuminato dove lavorare;
evitare distrazioni visive;
tenere basso il volume se ho labitudine di lavorare ascoltando musica.

Quando ho svolto un compito scritto, riesco a trovare tutti


gli errori di ortografia e di grammatica che ho fatto
rileggendolo attentamente.
a. quasi sempre + +
c. raramente
b. spesso +
d. mai

MON NERGIE
Quando ho un compito da fare, mi metto subito al lavoro
con la precisa intenzione di svolgerlo bene e subito.
a. quasi sempre + +
c. raramente
b. spesso +
d. mai

1
2
3

Lnergie la forza, lefficacia che si ha nella vita in generale e che viene


impiegata anche negli studi.
Se il mio risultato positivo, significa che ho una buona energia. Devo
quindi utilizzarla al meglio perch mi permette, per esempio, di recuperare
sensibilmente voti non soddisfacenti o di fare un importante lavoro di ripasso
prima di un interrogazione o di un esame.
Se il mio risultato negativo, significa che ho tendenza a essere svogliato/a.
Devo quindi chiedermi se sono in grado di impiegare pi energia in altri campi
(sport, relazioni con gli amici, musica...) che negli studi. Forse arrivato il
momento di risparmiare un po di forze per investirle sul fronte della scuola!

Sono generalmente pronto/a a fare uno sforzo


supplementare se mi sembra giustificato (per esempio
una ricerca facoltativa).
a. quasi sempre + +
c. raramente
b. spesso +
d. mai
Sono pi a mio agio quando ho qualcosa da fare piuttosto
che nulla.
a. quasi sempre + +
c. raramente
b. spesso +
d. mai
4

MON MTIER DLVE (D)

oint
.
s le p
Je fai es progrs
m
r
su

O jen suis?
PRODUCTION ORALE - INTERACTION

1
2
3
4
5
6
7
8
9

In classe, i compagni e linsegnante capiscono quello che dico quando mi esprimo in francese?
a. S, quasi sempre.
b. Talvolta.
c. No, mai.
Se ho avuto modo di incontrare persone di madrelingua francese, sono riuscito/a a esprimermi
adeguatamente, anche se in modo semplice e breve?
a. S, completamente.
b. S, ma con un po di disagio. c. No.
La mia capacit di esprimermi oralmente in francese migliorata nel corso
delle tapes di questo Parcours?
a. S, molto.
b. S, un po.
c. No.

G. Bellano Westphal, P. Ghezzi, Mon mtier dlve Pearson Italia S.p.A.


Riservato agli studenti delle classi che adottano: G. Bellano Westphal, P. Ghezzi, Palmars en poche, Lang Edizioni

Applico le strategie che sono indicate alle pp. 133 e 145?


a. S, regolarmente.
b. Di tanto in tanto.

c. No, mai.

Che cosa trovo pi difficile quando mi esprimo o interagisco oralmente in francese?


a. Trovare le parole e le espressioni adeguate.
b. Applicare correttamente le regole grammaticali.
c. La pronuncia e lintonazione.
Che cosa faccio quando non riesco a esprimermi perch non trovo le parole adatte? (Sono possibili pi risposte)
a. Cerco un sinonimo o una parola che ha un significato simile.
b. Mimo, faccio dei gesti.
c. Pronuncio la parola equivalente nella mia lingua con laccento francese.
d. Uso delle parole passe-partout, come chose o truc.
e. Chiedo aiuto al mio interlocutore ponendo domande come Comment a se dit?, Comment a sappelle?
f. Rinuncio a esprimermi.

Come valuto globalmente il lavoro che ho svolto in queste due tapes?


a. Buono.
b. Sufficiente.

c. Insufficiente.

Nel corso di queste tapes, i voti che ho conseguito nella produzione / interazione orale riflettono il mio impegno e la mia applicazione?
a. S.
b. In parte.
c. No.
Che cosa devo fare per migliorare la mia capacit di esprimermi oralmente? (Sono possibili pi risposte)
a. Vincere la mia timidezza e avere meno paura di fare errori.
b. Analizzare meglio le consegne prima di recitare il dialogo.
c. Fare pi esercizi di fonetica e pronuncia.
d. Imparare a utilizzare formule che permettono di gestire la comunicazione, come Tu sais, Eh bien, Nest-ce pas?
e. Fare pi esercizi per rinforzare e arricchire il mio vocabolario.
f. Sfruttare di pi le opportunit di parlare francese, in classe e fuori dalla scuola.
g. Applicare con regolarit le strategie che mi sono consigliate.
5

MON MTIER DLVE (E)

lchis
ailler
Je rf re de trav

ni
a ma
sur m

Je sais bien grer mon temps?


Il cervello umano dotato di due emisferi, ognuno dei quali ha delle funzioni specifiche. Facendo questo test, scoprir qual
il mio emisfero dominante e, di conseguenza, quali sono le mie forze e le mie debolezze.

1
2
3
4
5
6
7
8

Ho una lista di cose da fare, classificate in base


alla loro importanza. Mi occupo inizialmente
delle cose pi urgenti.
a. sempre + +
c. raramente
b. spesso +
d. mai
La mia scrivania organizzata in modo che io possa
trovare facilmente il materiale e i documenti di cui
posso aver bisogno.
a. sempre + +
c. raramente
b. spesso +
d. mai

9
10

Individuo con anticipo i periodi meno carichi di impegni


di studio e li utilizzo per recuperare o anticipare una
parte del lavoro, con lo scopo di alleggerire i periodi
pi intensi.
a. sempre + +
c. raramente
b. spesso +
d. mai
Ogni giorno, mi riservo un momento preciso
per consultare la posta elettronica e la segreteria
del mio cellulare. Non interrompo lo studio per farlo.
a. sempre + +
c. raramente
b. spesso +
d. mai

G. Bellano Westphal, P. Ghezzi, Mon mtier dlve Pearson Italia S.p.A.


Riservato agli studenti delle classi che adottano: G. Bellano Westphal, P. Ghezzi, Palmars en poche, Lang Edizioni

Conosco le fasce orarie in cui rendo di pi


intellettualmente e, quando posso, mi organizzo
per studiare in quei momenti.
a. sempre + +
c. raramente
b. spesso +
d. mai
Quando inizio a svolgere un compito ho unidea
abbastanza precisa del tempo che mi occorrer
per portarlo a termine.
a. sempre + +
c. raramente
b. spesso +
d. mai

SOLUZIONE DEL TEST

Conosco il mio tempo di concentrazione, cio quanti


minuti riesco a rimanere concentrato/a quando svolgo
unattivit intellettuale impegnativa.
a. sempre + +
c. raramente
b. spesso +
d. mai

Sommando i + e i il risultato
positivo
negativo.
Se il mio risultato positivo, significa che riesco a gestire
sufficientemente bene il mio tempo. una capacit molto utile nella vita in
generale e negli studi in particolare. Non mi resta che affinarla e potenziarla,
organizzando il mio lavoro in base a obiettivi precisi e approfondendo
la conoscenza di me stesso/a, cio dei miei ritmi, dei miei punti forti
e delle mie debolezze.

In generale, ogni insegnante precisa allinizio dellanno


scolastico quali sono le sue esigenze e le sue scadenze
in materia di compiti in classe, interrogazioni
Ho chiaro linsieme dei calendari delle varie discipline.
a. sempre + +
c. raramente
b. spesso +
d. mai

Se il mio risultato negativo, significa che non gestisco bene il mio tempo.
Per imparare a organizzarmi meglio, posso seguire queste semplici regole:
definire gli obiettivi e stabilire le priorit;
sapere esattamente che cosa chiedono e si aspettano gli insegnanti da me;
pianificare le attivit, frammentando un lavoro lungo e difficile in piccoli cicli;
riflettere sulla maniera in cui funziono, per scoprire quali sono le fasce
orarie pi favorevoli allo studio per me e quanto tempo riesco a stare
concentrato/a su un problema difficile;
evitare di fare due cose alla volta, perch c il rischio di fare errori
e di non portare a termine nessuna delle due attivit;
evitare di rimandare il lavoro allultimo momento: non vero che si lavora
meglio quando si sotto pressione.

Se devo presentare una relazione fra un mese, pianifico


il mio lavoro su pi settimane e rispetto i ritmi
che mi sono dato/a.
a. sempre + +
c. raramente
b. spesso +
d. mai
Svolgo le attivit del tempo libero in determinate fasce
orarie, che riesco a rispettare.
a. sempre + +
c. raramente
b. spesso +
d. mai
6

MON MTIER DLVE (F)

oint
s le p
s
Je fai es progr
m
r
su

O jen suis?
Lecture Comprhension des crits

1
2
3
4

6
7

Come valuto globalmente il lavoro che ho svolto


in queste due tapes?
a. Buono.
b. Sufficiente.
c. Insufficiente.

In classe, quanto capisco di un testo scritto


in francese?
a. Tutto.
b. Pi della met.
c. Meno della met.
Quando leggo un breve articolo di giornale, delle
istruzioni o una lettera in francese, fuori dal contesto
scolastico, quanto capisco di quel che scritto?
a. Pi della met.
b. Quasi la met.
c. Quasi nulla.

Nel corso di queste tapes, i voti che ho conseguito


nella comprensione scritta riflettono il mio impegno
e la mia applicazione?
a. S.
b. In parte.
c. No.

G. Bellano Westphal, P. Ghezzi, Mon mtier dlve Pearson Italia S.p.A.


Riservato agli studenti delle classi che adottano: G. Bellano Westphal, P. Ghezzi, Palmars en poche, Lang Edizioni

La mia capacit di capire un testo scritto in francese


migliorata nel corso delle tapes di questo percorso?
a. S, molto.
b. S, un po.
c. No.

Che cosa devo fare per migliorare la mia capacit


di comprendere un testo scritto?
(Sono possibili pi risposte)
a. Porre pi attenzione ai diversi elementi che
compongono il documento: titoli, fotografie, didascalie...
b. Analizzare meglio le consegne.
c. Applicare con regolarit le strategie che mi vengono
consigliate.
d. Non scoraggiarmi davanti a parole sconosciute,
ma tentare di scoprirne il significato.
e. Cercare di sfruttare tutte le occasioni di leggere
in francese che mi si presentano.
f. Adottare un atteggiamento pi attivo nei riguardi
del testo, mettendo a frutto quel che so gi.
g. Altro: ................................................................................

Che cosa trovo pi difficile quando leggo un testo


in francese?
a. Identificare il tipo di documento.
b. Comprendere il senso globale.
c. Comprendere le idee principali.
d. Comprendere i dettagli.
e. Altro: .......................................................................

Quando non capisco il senso di unespressione


o di una parola, riesco a indovinarlo?
a. S, spesso.
b. Qualche volta.
c. Mai.

MON MTIER DLVE (G)

lchis
ailler
Je rf re de trav

ni
a ma
sur m

Je sais travailler avec les autres?


IT
MON DEGR DE SOCIABIL

Attribuisco uno, due, tre + oppure uno, due, tre a ognuna di queste affermazioni.
sono
daccordo
+++

1
2
3
4

non sono
daccordo

In generale, partecipo a lavori di gruppo con soddisfazione.


Non mi mai capitato di essere al centro di un conflitto o di esserne responsabile.
Mi gi capitato di essere stato/a scelto/a come responsabile di un gruppo (rappresentante di classe,
capitano di una squadra...).
So instaurare rapporti di fiducia efficaci (i compagni mi prestano volentieri del materiale perch sanno
che lo restituir in buono stato, i miei genitori mi affidano i miei fratelli minori...).

Sommando i + e i il risultato positivo

negativo.

MON OUVERTURE DESPRIT

G. Bellano Westphal, P. Ghezzi, Mon mtier dlve Pearson Italia S.p.A.


Riservato agli studenti delle classi che adottano: G. Bellano Westphal, P. Ghezzi, Palmars en poche, Lang Edizioni

Attribuisco uno, due, tre + oppure uno, due, tre a ognuna di queste affermazioni.
sono
daccordo
+++

1
2
3
4

Ho labitudine di mettere in discussione le opinioni degli insegnanti o dei compagni.


Cerco sempre di sapere pi degli altri, di informarmi pi velocemente degli altri.
Mi piace discutere di tutti gli argomenti, confrontare il mio punto di vista con quello degli altri.
So adattare il mio comportamento alle circostanze.

Sommando i + e i il risultato positivo

negativo.

La sociabilit la capacit di avere relazioni umane pacifiche e cordiali.


Se il mio risultato positivo, sono piuttosto socievole e so condurre rapporti o negoziazioni
con abilit e tatto. So tessere rapporti di amicizia e di collaborazione che possono arricchire
notevolmente le mie conoscenze in tanti settori.
Se il mio risultato negativo, sono piuttosto solitario/a. Devo imparare a fare il primo passo
verso gli altri e, quando mi sembra che il mio comportamento crei situazioni di disagio, devo
parlare chiaramente e tranquillamente con i miei interlocutori di quello che non va.
Ci migliorer la qualit della mia vita e render pi proficuo e piacevole il lavoro in classe.
Louverture desprit quella tendenza della personalit che spinge a informarsi, a voler
apprendere cose nuove senza pregiudizi.
Se il mio risultato positivo, ho una buona dose di curiosit. Negli studi, devo imparare a
usarla in modo efficace, cercando di andare sempre un po pi al di l di quello che esigono
gli insegnanti.
Se il mio risultato negativo, significa che sono un po ripiegato/a su me stesso/a.
Per vincere la mia pigrizia, devo identificare le materie che mi interessano di pi, delimitare
il mio campo di azione e approfondirlo, per esempio facendo una ricerca su un argomento
che mi sta a cuore.

non sono
daccordo

MON MTIER DLVE (H)

oint
s le p
s
Je fai es progr
m
r
su

O jen suis?
criture Production crite

1
2

Nel corso di queste tapes, i voti che ho conseguito


nella produzione scritta riflettono il mio impegno
e la mia applicazione?
a. S.
b. In parte.
c. No.

In classe, i compagni e linsegnante capiscono quello che


scrivo in francese?
a. S, quasi sempre.
b. Talvolta.
c. No, mai.

G. Bellano Westphal, P. Ghezzi, Mon mtier dlve Pearson Italia S.p.A.


Riservato agli studenti delle classi che adottano: G. Bellano Westphal, P. Ghezzi, Palmars en poche, Lang Edizioni

Se ho avuto modo di scrivere lettere, messaggi o testi di


altro genere fuori dal contesto scolastico, sono riuscito/a
a esprimermi adeguatamente, anche se in modo
semplice e breve?
a. S, completamente.
b. S, ma con un po di disagio.
c. No.

Che cosa devo fare per migliorare la mia produzione


scritta in francese? (Sono possibili pi risposte ).
a. Fare un lavoro pi accurato prima di passare
alla redazione vera e propria: analizzare meglio
le consegne, raccogliere le idee, elaborare una traccia...
b. Fare pi esercizi per rinforzare e arricchire
il mio vocabolario.
c. Rafforzare la padronanza delle regole grammaticali.
d. Imparare a utilizzare correttamente i connettori.
e. Fare una rilettura pi accurata.
f. Altro: ........................................................................................

3
4

La mia capacit di produrre testi scritti in francese


migliorata nel corso delle tapes di questo Parcours?
a. S, molto.
b. S, un po.
c. No.
Che cosa trovo pi difficile quando redigo un testo
in francese? (Sono possibili pi risposte ).
a. Trovare le parole e le espressioni adeguate.
b. Applicare correttamente le regole grammaticali.
c. Lortografia delle parole.
d. Comprendere e seguire le consegne.
e. Trovare delle idee da sviluppare.
f. Altro: ........................................................................................

Che cosa faccio quando non riesco a esprimermi perch


non trovo le parole adatte? (Sono possibili pi risposte ).
a. Cerco un sinonimo o una parola che ha un significato
simile.
b. Uso delle parole passe-partout, come chose o truc.
c. Consulto il dizionario o chiedo aiuto allinsegnante.
d. Modifico lidea che voglio esprimere in funzione
del vocabolario che conosco.
e. Rinuncio a esprimermi.
f. Altro: ........................................................................................

Come valuto globalmente il lavoro che ho svolto


in queste due tapes?
a. Buono.
b. Sufficiente.
c. Insufficiente.
9

Anna Fresco
direction ditoriale
Maria Teresa Pierini
coordination ditoriale
Andrea Garetto, Cristina Nobili
rdaction
SoftDesign, Turin
mise en page
Maria Paola Orsini, Laura Urbani
iconographie
Marina Ferrarese
contrle de la qualit
Daboost/Fotolia
Eliferen/Fotolia
contrle de la qualit
Pour des raisons didactiques on a appliqu les normes
de la ponctuation italienne.
Les lettres majuscules sont accentues en accord avec
les tendances actuelles de ldition franaise.
Les documents reproduits pourraient contenir des erreurs
prsentes dans les originaux.

Pearson Italia S.p.A.


Les diteurs sont disposition des ayants droit qui nont
pu tre joints, malgr tous leurs efforts, pour les extraits
duvres littraires, les citations, les documents graphiques,
cartographiques et photographiques reproduits dans
le prsent ouvrage ainsi que pour dventuelles omissions
involontaires et/ou erreurs dattribution dans les rfrences.
Les diteurs insreront les corrections ventuelles dans
les prochaines ditions du volume.

Crdits photographiques
Archivio Pearson Paravia Bruno Mondadori, C. Almeras,
AMPAS, Archivio McDonalds, BananaStock,
R. Botterell/Laura Ronchi/Tony Stone, D. Day/Laura Ronchi,
J. Descloitres/NASA/GSFC, P. Didisheim, D.R.,
T. Grillet/Lindipendent Max PPP, H.T./Kaiser, ICP,
Kessler/Sipa Press/Olympia, F. Laera, S. Lartigue/Sud
Ouest, V. Leblic/SDP/Franca Speranza, Lucky Production
S.A. Morris, Mairie dAmanvillers, E. Martino/AFE,
G. Menozzi, E. Merlo, C. Moirenc, G. Palmer/Corbis,
PhotoDisc, C. Platian/Reuters, Reuters/Corbis/Contrasto,
F. Rossi/DOVE, Rubberball/Getty Images, Sport Vision,
Stockbyte/Getty Images, SYGMA, Taxi/Laura Ronchi,
UMP Valenciennois, Zefa/Peter Christopher, X. Zibardo