Sei sulla pagina 1di 36

Forze gravitazionale

I campi
Si parla di un campo, quando ad ogni punto dello spazio si pu associare una
grandezza. Se questa grandezza e un vettore, il campo si chiama vettoriale.
Si pu illustrare un campo vettoriale con le linee di campo: le linee di campo
vanno nella direzione dei vettori, e la distanza fra le linee indica la grandezza di
questi vettori, esempio:
Campo di velocit di un fiume: ad ogni punto nel fiume, lacqua ha una certa
velocit.
Dove la sezione del flusso si abbassa, per esempio per la met, le densit delle
linee di flusso raddoppia per ragioni di geometria.

=> Il fatto che una massa (per esempio la terra) ne attiri unaltra (per esempio
una mela) pu anche essere descritto in termini di un campo vettoriale.

Per cominciare la discussione in modo pi semplice possibile,


assumiamo che questa seconda massa sia molto piccola, cos che
non faccia un contributo rilevante al campo creato dalla massa
primaria.
Nel nostro esempio: la mela viene attirata dalla terra, ma senza
modificare il campo della forza di gravit.

Il campo di forza intorno


alla massa potrebbe
essere cos:

Vogliamo per anche assumere, che rotare la massa non cambia il


campo:
Adesso, rotando in
la densit delle linee
non cambia

Caso bi-dimensionale:

Lo spazio abbia solamente due direzioni,


x e y:

Non sappiamo dire un numero assoluto


per le linee di campo, ma sicuramente

per ogni circonferenza di 2r troveremo


lo stesso numero di linee di campo
che vuol dire che la densit della linee di
campo si abbassa con r
come

1
r

Nel caso tri-dimensionale:


Il numero di linee di campo la stessa
per ogni sfera di raggio r.
=> densit delle
2
Superficie della sfera: 4 r
linee di campo
diventa
=>La forza (che proporzionale alla densit delle linee)
diventa

1
r2
1
r2

1
r2

Altra assunzione ancora:


I campi di due masse si sovrappongono, senza disturbarsi a
vicenda =>
La forza creata da due masse il doppio della forza creata da
una massa

Esempio: Con un insieme di masse Mi, che sono una sempre la


met
1
M i = 2M i+ 1
Dellaltra, come
Si pu creare una qualsiasi massa, cos come si pu creare un
qualsiasi numero con i numeri digitali

E perci vero: se la doppia massa crea la doppia forza, in


generale deve essere vero, che la forza proporzionale alla
massa

F M

Il campo gravitazionale esploriamo con una piccola massa di


prova, m.
Dal precedente lucido e chiaro, che anche per esse deve
essere vero, che la forza che sente, e proporzionale alla sua
massa, m.
In somma: la forza che crea una massa
M su una massa m deve essere
proporzionale a

1
r2

F M

F m
M m
F = G 2
r

E ovviamente deve essere: forza= -controforza

Se vogliamo considerare anche il


carattere vettoriale del campo, usiamo
semplicemente la direzione del vettore r

Mm r
F=G 2
mod(r )
r

Mantenendo la nostra assunzione, che i campi di due sorgenti si


sovrappongono senza disturbarsi vero anche:
1) La massa di prova pu anche essere grande, senza che F cambi.
Scriviamo invece di M e m pi in generale m1 e m2.

2) Le linee del campo saranno una sovrapposizione dei due campi che
m1 e m2 avrebbero separatamente (e che sono separatamente
simmetrici in ), e in conseguenza il campo risultante totale non potr
avere pi simmetria rotatoria

m1 m2
F = G
r2

11

G=6 .710

3
m2
11 m
N 2 =6 .710
kg
kgs 2

(I.Newton)
Ad oggi, G non pu essere ottenuto da
considerazioni generali, ma deve
essere misurato

L'esperimento di Cavendish: pesatura della Terra

1,74 10-7 N
Precisione: 1%
mterra =5,971024 kg

G = 6.7 10

11

Tre particelle con m1=6.0 kg, m2=m3=4.0


kg, a=2.0cm

m2

Qual la forza di gravit netta F1


esercitata su m1 dalle altre masse?
G m1 m2
6
F12 =
=
4
.
0

10
N
2
a

G m1 m3
6
F13 =
=
1
.
0

10
N
2
( 2a )

F1 = F122 + F132 = 4.1 10 6 N

m2
m3
11
N 2 = 6.7 10
kg
kg s 2

a
m3

2a

m1

m terram
F=G
r2

m = massa di prova

In prossimit della superficie terrestre, questa forza diventa uguale


alla forza peso, che abbiamo gi discusso nel precedente

F=G

mterram
r

2
T

g=G

=mg

mterra
r 2T

m terra
g=G 2
r

Pianeta

Raggio
(Km)

Massa (kg) g (m/s2)

Mercurio

2433

3,2.1023

3,60

Venere

6080

4,9.1024

8,84

Marte

3386

6,4.1023

3,72

Giove

71370

1,9.1027

24,87

Saturno

60369

5,7.1026

10,43

Urano

24045

8,7.1025

10,04

Nettuno

22716

1,0.1026

12,92

Plutone

5700

1,1.1024

2,26

Quanto vale l'accelerazione di un corpo in caduta libera alla quota di 200 km


sopra la superficie terrestre ?

m terram
F=G
r2

F GmTerra
a= =
2
m
r
con g=G

a=

Gm Terra
r

gr T
r

=g

mTerra
r 2T

rT
r

con r T =6,3710 m e r =r T + 200 km:


m
6370 km
2
s
m
a=9,81
=9,22 2
6570 km
s

GmTerra =gr 2T

Accelerazione centripeta

Moto circolare

(moto circolare uniforme)

r
v
r
r

r
v

r
v

r
v

r
r

con

v = r

v
a=
t

v = v sin( ) = v

2
a=
= (r )
= r
t
t
15

Accelerazione centripeta

Moto circolare

(moto circolare uniforme)

r
v
r
v

r
v

r
r

r
v

r
r

con

v = r

v
a=
t

v = v sin( ) = v

2
a=
= (r )
= r
t
t
16

Moto orbitale
mv
F=ma=
r

Per moto circolare:

GMm
F=
2
r
2

GM
v =
r

mv GMm
=
r
r2
Periodo orbitale :

2r
v=
T

(l'intervallo di tempo
impiegato per percorrere
un'intera orbita)

4r GM
=
2
r
T

42r 3
T =
GM
2

3. legge di
Keppler
17

Orbita geostationaria
2

T =

24

Si vuole che il periodo T sia 24 h = 8,64 10 s

r=

GM TT
2

) (

2 1 /3

11

6,6710

4 r
GM

2 1 /3

Nm /kg 5,9710 kg(8,6410 s)


42

r =4,22107 m

18

Lancio con velocit verticale


g

r
a = gy

java

=0

ymax
v0 y

vy

v0

vy = 0

traiettoria parabolica
v0 x

v0 x
vy

v0 x

v0 x

v0 x

vy

gittata

Moto dei proietti

v y =v y0 gt

v x =v x0

y = y 0 + v y0t1/2gt

x=x 0 + v x0t
y

vo

x=v 0cos
t
x
t=
v 0cos

y =v 0sin
t 1/2gt

x
x
y =v 0sin (
)1 /2g(
)
v 0cos
v ocos
g
2
La traiettoria del
y =xtan
x
2
2
proietto e' una
2v ocos
parabola

Per discutere il moto dei projetti


abbiamo trascurato la curvatura della terra
e la diminuizione dell'accelerazione di gravita' all'aumentare della quota.
In verita' anche le orbite dei projetti sono elissi.
Le orbite circolare rappresentano il caso particolare in cui I due focchi dell'elisse
coincidono.

1. legge di Keppler : le orbite dei pianeti sono allissi di cui il Sole occupa uno
dei fuochi
2. legge di Keppler: il raggio cettore congiungente il sole con il pianeta descrive
aree uguali in tempi uguali
3 legge di Keppler: il quadrato del periodo orbitale e' direttamente proporzionale
al cubo del semiasse maggiore dell'orbita planetaria.

Un satellite ruota intorno della terra percorrendo un'orbita circolare.


Si trovi il suo periodo (a) se il satellite e' immediatamente al di sopra della
superficie della terra e (b) se il satellite e' alla quota di 300 km.
2

4 r
T =
GM

3. legge di Keppler con M= m(terra)

m terram
F=G
r2

Conviene
2

4r
T =
2
gr T
(a) r =r T

F GmTerra
a= =
2
m
r

con g=G

m Terra
r 2T

GmTerra =gr 2T

4 r T
2
T =
g

6
rT
6,3710 m
3
T =2
=5,0610
s=84,4 min
=2
2
g
9,81 m/ s

(b)

r =r T + 300 km=6670 km

T =90,4 min

Giove ha diversi satelliti. Si consideri il satellite Io: esso orbita intorno a Giove in
42h 28m 16s, ad una distanza da Giove di 430000 km. Calcolare la massa di
Giove

M G M Io
2
F
=
G
=
M

R
Dalle leggi di Newton abbiamo:
Io
2
R
2
2
=
=
= 4,1 10 5 rad / s
T 152896
E della distanza da Giove si ha:

1 2 3
M G = R = 2 10 27 kg
G

Velocit di fuga

Lavoro per portare una massa, m, da R al infinito:

F (r ) dr
R

mterra m
con F = G
r2

1
1
dr
=
G

terra
2
r
r
R
R

F (r ) dr = G mterra m
R

mterra m
=G
R
Velocit di fuga:

1
2

m v2 = G

v=

mterra m
R

2G M
= 11.2 km
s
R

Un projetto viene lanciato lungo la verticale ascendente della superficie


terrestre, alla velocita' iniziale v1=8 km/s.
Si trovi la quota massima che raggiunge, trascurando la resistenza dell'aria.
2

1/2mv 1=GM Tm

2
1

v =2gr

2
T

1 1
1 1
2
=gr Tm

rT r
rT r

( )

rT
1 1
=2gr T 1
rT r
r

rT
v1
1 =
r 2gr T
2

rT
v1
(8000 m/ s)2
=1
=1
=10,512=0,488
2
6
r
2gr T
29,81 m/s 6,3710 m
rT
=2,05r T
r=
0,488

overo h=r r T =1,05r T

Per forze conservative:

F ( x)d x

Lavoro svolto dalla forza su una particella


che si muove dal punto i al punto f

U = F ( x )d x
i

Variazione di energia potenziale subita


dal sistema

Avevamo trovato per una variazione h in prossimita' della superficie terrestre:

E ( pot ) = F r = m g r = m g h
in generale g = g(h)
Percio' in generale:

r1

dr

r2

r2

r2

GMm
2
U 12= Fd r =
dr =GMm r dr
2
r
r
r
r

U 12=GMm [r

1 r 2
r1

1 1
=GMm
r1 r2

r2

1 1
U 12=GMm
r1 r2

Conviene stabilire lo zero dell'energia potenziale a distanza infinita

GMm
U (r )=
r

I materiali per costruire una base lunare di 11000 kg vengono lanciati dalla
Terra in un'orbita geostazionaria. Ivi vengono montati e poi lanciati verso la
Luna, distante 390.000 km.
Si confronti il lavoro che si deve compiere contro la forza gravitazionale della
Terra nella prima tappa del viaggio con quello che si deve compiere nella
seconda tappa.
(raggio terra = 6,37 106 m, dal esempio precedente: rs = 4,2 107 m)
Lavoro che si deve compiere contro una forza conservativa = differenza di
energia potenziale
Prima tappa:

1 1
1
1
18
2
W =U 12=GM Tm =4,3810 Nm

6
7
r
r
6,3710 m 4,210 m
1
2
11

W =5,810 J

Dall'orbita geostazionaria alla Luna:

1
1
10
W =4,3810 Nm

=9,310
J
7
8
4,210 m 3,910 m
18

Forza di marea

r r a

r + ra
x

(r+ a) (r a)
GMm GMm
F=

=GMm
2
2
2
2
(ra)
(r+ a)
(ra) (r + a)
2

(r a)(r + a)=r 2a2


2

(r + 2ra+ a )(r 2ra + a )


ra
F=GMm
=4GMm 2 2 2
2
2 2
(r a )
(r a )
a
F 4GMm 3
r
Luna, distante 390 103 km. m = 7,3 1022 kg
Sole distante 150 106 km m = 2 1030 kg
raggio terra = 6,37 103 km

Tutti argomenti presentati riguardano solo lo spazio


Segue, che anche per altre propriet e non solo per la massa, questa legge deve
essere valida (a parte la costante),
se i campi si sovrappongono e se la sorgente del campo simmetrica sotto rotazioni.

Perci dalla forza fra cariche elettriche segue una legge della
stessa forma, sono diversi solo le unit e la costante
Con costante
elettrostatica: 2
m
q1 q2
k = 9.0 109 N 2
C
F =k 2
Per ragioni storiche la
r
costante elettrostatica spesso
viene espresso come
Con lunica differenza, che esistono due tipi di
1
k=
carica elettrica positiva e negativa -,

4 0

cos la forza pu essere attrattiva o repulsiva,


mentre la forza di gravit sempre attrattiva

Charles Augustin Coulomb (1785)

0 costante dielettrica del


vuoto
La carica elettrica, q, ha
come unit il Coulomb
(definito fra poco)

Alcune osservazioni
1) spesso, la sorgente del campo non simmetrica verso rotazione, per
esempio la pianeta terra non una sfera perfetta. Perci vale solo in
approssimazione
m m

F = G

r2

2) Anche non sempre vero che campi si sovrappongano senza disturbarsi.


Per esempio per la forza forte questo non vero. Il campo della forza forte
sorgente del campo di forza forte: ogni volume di campo crea un altro
campo, che interagisce con il campo da cui stato creato, creando un altro
campo, che a sua volta .

3) Non sappiamo di sicuro, cosa vuol dire m e r quando

m ,

r 0

Paragone di forze
q1 q2
F =k 2
r

m1 m2
F =G
r2

Dato una certa distanza, r, la forza F dipende da G e m o k e q


m viene misurato in chilogrammi: un chilogrammo circa la massa di una busta di
mele
q viene misurato in Coulomb: 1 Coulom la carica elettrica che fluisce attraverso
una piccola lampadina ogni secondo (1 Coulomb = 1 Ampere per 1 secondo)
=> Sia m sia q vengono espresso in unit quotidiane che corrispondono alla
nostra esperienza nel mondo macroscopico
Il fatto, che le costanti G e k siano molto differenti vuol
veramente dire, che la forza elettrica molto, molto pi
forte della forza di gravit.

G = 6.7 10

11

m2
N 2
kg

2
m
k = 9.0 109 N 2
C

Se dividiamo il campo di forza


per la carica di prova q2

q1 q2
F =k 2
r

Otteniamo un campo che descrive solo leffetto


della carica q1

Lo chiamiamo campo elettrico, E