Sei sulla pagina 1di 12

HOME

BATAILLIANA

CALL FOR PAPERS

NOTE LEGALI/PRIVACY POLICY

CHI SIAMO

COLLABORA CON NOI

MANIFESTO

PUBBLICAZIONI IN VOLUME

FILOSOFIA E NUOVI SENTIERI


Mi rappresento il vasto recinto delle scienze come una grande estensione di terreno disseminato di luoghi
oscuri e illuminati. Lo scopo delle nostre fatiche deve essere quello di estendere i confini dei luoghi illuminati,
oppure di moltiplicare sul terreno i centri di luce. Lun compito proprio del genio che crea, laltro della
perspicacia che perfeziona Denis Diderot

Per un nuovo Empedocle. Leggendo il testo Liguori di


Federica Montevecchi
4 novembre 2015 di filosofiaenuovisentieri2012 | Lascia un commento

> di Matteo Veronesi*

open in browser PRO version

Are you a developer? Try out the HTML to PDF API

pdfcrowd.com

Davvero nuovo, questo Empedocle (Liguori, Napoli 2010); nuovo di una novit che sovrasta
limmediato, e che dunque rende non vane, bench tardive, queste poche pagine. Una versione, quella
di Federica Montevecchi, sorretta da una coerente interpretazione preliminare, da uno scavo esegetico
ed ermeneutico, nonch da una riflessione speculativa autonoma condotta sui testi e a partire da essi;
traduzione, quindi, intesa come atto intrinsecamente filosofico, come operazione ermeneutica nel
senso pi vasto e pi ricco, non come mero, per quanto nobile, artigianato letterario, e neppure alla
open in browser PRO version

Are you a developer? Try out the HTML to PDF API

pdfcrowd.com

stregua di esercizio retorico, quale la versione rischia di divenire, specie nella tradizione italiana, cos
prodiga di siffatti esercizi.
Viene in mente e mi si perdoner larditezza dellaccostamento cinematografico la Morte di
Empedocle di Straub e Huillet, ispirata dai versi di Hlderlin da cui del resto questa traduzione non ,

nel suo spirito profondo, lontana ( Cosa sarebbe recitano i versi riportati in esergo questa morta cetra
se io non le donassi le note / e la lingua e lanima? Che cosa sono / gli di e il loro spirito, se non parlo / di
loro?: e proprio la prossimit, il rispecchiamento, la coincidenza quasi, di essere e linguaggio, di

struttura del reale e struttura della parola, ispirano lindole della traduzione, attenta a riprodurre le
sfumature sottili, ma insieme lesattezza definitoria, e il valore direi ontologico, delle stesse figure di
stile, della stessa disposizione delle parole, delle espressioni, degli artifici nella tessitura, per certi
versi ancora omerica, ma pi sottile, intrisa di parallelismi, di proporzioni, di rapporti analogici,
dellesametro empedocleo).
Sembra che lottica, lo sguardo con cui linterprete si accosta ad Empedocle non siano lontanissimi da
quelli dei due irregolari ed atipici cineasti: un occhio allapparenza freddo, impersonale, disanimato,
reificato, immobile come la natura in cui le figure, statuarie personae loquentes , sono immerse, eppure
proprio per questo evocativo, capace di far risuonare mirabilmente la voce della natura cos come la
parola articolata, argomentante, e insieme immaginosa, compartecipe dunque sia di mythos che di
logos , del discorso filosofico.

Un po come nel Sanguineti traduttore di Euripide e di Lucrezio (ma si potrebbe pensare, per questo
sforzo di rispecchiamento, a tratti quasi di calco, bench tuttaltro che pedissequo, ma illuminante,
veritativo, per cos dire inverante, anche ad un modello diversissimo, quello dellAlbini traduttore di
Virgilio), la fedelt, la letteralit, in qualche caso, della traduzione, che anzich rincorrere una
sublimazione o un ornamento lirico-musicali ricalca, perlopi, fedelmente la struttura retorica, la
open in browser PRO version

Are you a developer? Try out the HTML to PDF API

pdfcrowd.com

disposizione colica, il ritmo, per cos dire, dei pensieri e delle immagini, portano nella lingua italiana, e
dunque nello spirito del lettore, quel salutare straniamento, quella feconda sovversione dellordinario,
quella trasvalutazione dei valori, che compito moderno della filosofia.
(E, forse, si potrebbe ripetere per Parmenide, come per Platone o, nel mondo latino, Lucrezio, che ad
Empedocle guard come a un maestro di poetare filosofico, ci che si appena osservato in merito
alla corrispondenza fra parola e realt, fra verbo ed essere, fra la struttura del discorso, la testura dei
versi e delle pagine, e le nervature profonde del reale, sia esso ontologico oppure ontico, fenomenico
con tutto ci che questo implicherebbe sul versante della teoria della traduzione).
Del resto, non diceva forse Benjamin che lideale, forse impossibile, del traduttore quello della
versione interlineare del testo sacro, poich insegnava gi un Padre della Chiesa ipse verborum ordo
mysterium , lo stesso ordine delle parole, la stessa tessitura intima, lo stesso intreccio profondo, del

discorso sono, in fondo, un mistero?


In questa traduzione, si ha la sensazione che addirittura la tramatura ritmica e fonosimbolica insita nel
discorso empedocleo, e forse impregnata di valori quasi arcani, che sfuggono al lettore moderno, sia,
forse consapevolmente (ma osservava il Fnagy che la traduzione poetica, anche fra lingue lontane, se
ispirata e partecipe, finisce sorprendentemente per realizzare siffatte rispondenze, se non proprio
equivalenze), ripresa, per via anologica od omologica, nella versione italiana.
Basti pensare alla resa, esemplare, del frammento 31 B 26 Diels-Kranz (22 Gallavotti):
A turno dominano nel ciclo ricorrente,
e svaniscono gli uni negli altri e crescono nellordine dellavvicendamento.
Perch essi sono quelli che, gli uni attraverso gli altri correndo,
diventano uomini e razze di altri animali selvaggi
ora per Philia convenuti in un unico cosmo,
open in browser PRO version

Are you a developer? Try out the HTML to PDF API

pdfcrowd.com

ora poi portati via ciascuno separatamente dallinimicizia di Neikos,


finch, facendo essi crescere sotterraneamente il tutto, si formi luno.
E come luno dai molti ha imparato a prodursi
e a loro volta dalla separazione delluno i molti provengono,
cos sono in divenire e non immutabile la loro eternit;
ma in quanto questi mutando di continuo mai finiscono,
perci in eterno sono immobili nel ciclo.

Dove, nei primi versi, il ritmo ciclico, ipnotico delle cadenze esametriche (che qui riporto segnando gli
ictus convenzionali della lettura metrica, lasciando al lettore il compito di individuare le ricorrenze di
determinati fonemi: perplomenio kyklio uxetai n merei ises ) rispecchiato dallandamento
della versificazione, mentre, nel settimo verso, la fatica, lo sforzo del cosmo che anela alla propria
unit, e in questa contrazione appesantisce e quasi contorce la struttura del verso, inceppandone il
fluire ( n symphnta to pn), analogamente resa in italiano (facendo essi crescere
sotterraneamente il tutto).
E, allo stesso modo, la levit e la rapidit, come soffio o fantasma, di un volo fugace, effimero e vano
(anche qui segno gli ictus metrici): kymori kapnio dikn arthntes apptan destinati a rapido
passaggio, come fumo sollevandosi si dissolvono.
Questo svanire forse il destino della parola poetica, oltre che delle umane sorti.
E proprio unontologia poetica che, come quella empedoclea, cerchi di dare ordine e forma e senso al
perenne, ciclico e perci immobile, confliggere di Amore e Odio tenta di contrastare questa entropia
irredimibile.
La traduzione, come parte integrante del lavorio filosofico ed esegetico, componente e strumento di
questa aspirazione, di questa quasi disperata volont e investitura di senso.
open in browser PRO version

Are you a developer? Try out the HTML to PDF API

pdfcrowd.com

F.Montevecchi (a cura di), Empedocle dAgrigento. Testo greco a fronte, ed. Liguori, 2010.
* Matteo Veronesi, nato a Bologna nel 1975, dottore di ricerca in Italianistica. Ha allattivo, oltre a
vari saggi, contributi e curatele, le monografie Il critico come artista dallestetismo agli ermetici
(Azeta Fastpress) e Pirandello (Liguori). Ha tradotto Persio, Seneca, Jammes, il DAnnunzio francese.
Informazioni su questi ad

Condividi:
open in browser PRO version

Are you a developer? Try out the HTML to PDF API

pdfcrowd.com

Facebook 2

Twitter 8

E-mail

Stampa

Google

Artic oli c ollegati

Federico Sollazzo:
Totalitarismo, democrazia, etica
pubblica
In "Recensioni"

La rivoluzione di Croce a
cent'anni dal Contributo e nella
crisi della filosofia europea
In "Filosofia e nuovi sentieri 12"

Leggerezza. Un nuovo saggio


Mursia di Laura Campanello
In "Recensioni"

Categorie: Recensioni | Tag: Diels-Kranz, Empedocle, Euripide, Fnagy, Federica Montevecchi, Hlderlin, Huillet, Lucrezio,
Platone, Sanguineti, Straub, Virgilio, Walter Benjamin | Permalink.

Rispondi
Scrivi qui il tuo commento...

Previous Post

open in browser PRO version

Next Post

Are you a developer? Try out the HTML to PDF API

pdfcrowd.com

I NTERNATI ONAL STANDARD SERI AL NUMBER


L'ISSN di "Filosofia e nuovi sentieri" : 2282-5711.
Si prega di citare la rivista come: "Filosofia e nuovi sentieri/ISSN 2282-5711".

PUBBLI CAZ I ONI I N VOLUME

SEGUI " FI LOSOFI A E NUOVI SENTI ERI " VI A EMAI L


Clicca per ricevere emails di notifica per i nuovi articoli
Unisciti agli altri 420 follower
Inserisci il tuo indirizzo e-mail
Iscriviti
open in browser PRO version

Are you a developer? Try out the HTML to PDF API

pdfcrowd.com

ONLI NE DAL 4 SETTEMBRE 2012


142,983 visite

CORRI SPONDENZ E
> filosofiaenuovisentieri@gmail.com
> Facebook

SCHEGGE
Esordio di Laura Sugamele su @fens2012: "#Femminismo radicale. Critica al concetto di patriarcato". wp.me/p2I2ve-1hp
#gender 4 days ago
Matteo Veronesi recensisce "Empedocle d'Agrigento" di @fedmontevecchi. #presocratici wp.me/p2I2ve-1hh 6 days ago
Recensione di @apeluso76 all'"Elogio della #mitezza" di Norberto #Bobbio. wp.me/p2I2ve-1h4 #morale 2 weeks ago
Quarta e ultima parte del saggio di Giorgio Astone su #Rousseau e la 'legge naturale': wp.me/p2I2ve-1fz 1 month ago
Terza parte dello studio di Giorgio Astone su #Rousseau e la 'legge naturale': wp.me/p2I2ve-1fw 1 month ago
Follow @fens2012

open in browser PRO version

Are you a developer? Try out the HTML to PDF API

pdfcrowd.com

CERCA

VOLUMI
Batailliana (2)

Call for papers (3)

Ex libris (33)

Filosofia e nuovi sentieri 01 (7)

Filosofia e nuovi sentieri 02 (6)

Filosofia e nuovi sentieri 03 (4)

Filosofia e nuovi sentieri 04 (5)

Filosofia e nuovi sentieri 05 (11)

Filosofia e nuovi sentieri 06 (5)

Filosofia e nuovi sentieri 07 (5)

Filosofia e nuovi sentieri 08 (7)

Filosofia e nuovi sentieri 09 (10)


Filosofia e nuovi sentieri 12 (7)

Filosofia e nuovi sentieri 10 (5)


Filosofia e nuovi sentieri 13 (6)

Filosofia e nuovi sentieri 11 (13)


Interviste (3)

Recensioni (76)

ARCHI VI O ARTI COLI


Seleziona mese

ARCHI VI O AUTORI
Daniele Baron
Stefano Santasilia
filosofiaenuovisentieri2012
giorgioastone
open in browser PRO version

Are you a developer? Try out the HTML to PDF API

pdfcrowd.com

Giuseppe Savarino
Luca Ormelli
Paolo Calabr

ARGOMENTI
Adorno Albert Camus

Aristotele autenticit Benedetto Croce Bergson biopolitica Blaise Pascal capitalismo

Cartesio Charles Baudelaire cristianesimo Derrida Diego Fusaro Dio Dostoevskij Emanuele Severino
Emil Cioran epistemologia Eraclito esistenza esistenzialismo estetica fenomenologia filosofia politica Franz
Kafka Flix Guattari Gadamer Georges Bataille gestalt Giacomo Leopardi Giambattista
Giovanni Gentile Goethe Gyrgy

Lukcs Hannah

Arendt Hegel

Vico Gilles Deleuze Giorgio Colli

Heidegger Herbert Marcuse

Husserl Illuminismo Jacques Lacan Jean-Paul Sartre Jung Kant Karl Jaspers Kierkegaard Leibniz
libert linguaggio Luigi Pareyson Marx Max Weber Michel Foucault morale neuroscienze nichilismo

Nietzsche ontologia Parmenide Platone psicoanalisi Remo Bodei Roberto Esposito Rousseau
Schelling Schopenhauer

Sigmund Freud Socrate Spinoza teologia Walter Benjamin Wittgenstein

OSSERVATORI O
Archivio Carlo Sini

Archivio Giorgio Colli

aut aut rivista trimestrale di filosofia

Associazione Spazio Interiore Ambiente

Conosci te stesso e conoscerai te stesso e Dio | Marco Vannini

CRF Centro Internazionale per la Ricerca Filosofica


open in browser PRO version

Are you a developer? Try out the HTML to PDF API

Critica Impura

CriticaMente
pdfcrowd.com

Dialeghestai. Rivista telematica di filosofia


Filosofia.it

filosofiprecari.it

Discipline Filosofiche Rivista

haecceitas web

in quiete Il Sito di Gianfranco Bertagni

FareFilosofia

Il rasoio di Occam MicroMega

La Deleuziana | Una rivista che desidera

la filosofia dell'Uno (filosofia, politica ed economia)


Pensiero Filosofico

Etica & Politica

Prismi Pensieri filosofici

Rivista Internazionale di Filosofia e Psicologia

La via d'uscita dal nichilismo

ReF Recensioni Filosofiche


Samgha

Scenari /

Materiali Foucaultiani

Ritiri Filosofici Noi siamo antichi

sentieri erranti

Sitosophia

Vita pensata

ACCESSO AMMINISTRATORI

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com. | The Yoko Theme.


Alto
Iscriviti

Segui Filosofia e
nuovi sentieri
Ricevi al tuo indirizzo email
tutti i nuovi post del sito.
Unisciti agli altri 420 follower
Inserisci il tuo indirizzo e-mail
open in browser PRO version

Are you a developer? Try out the HTML to PDF API

pdfcrowd.com