Sei sulla pagina 1di 7

SIMBOLI SPECIALI

Norme riguardanti l'uso degli indici ripetuti

Per brevita di scrittura e per e ettuare piu concisamente i calcoli, e opportuno utilizzare una serie di
convenzioni. Gli enti matematici che considereremo avranno per pedici delle lettere che chiameremo indici.
Campodivariabilitadegliindici
Conveniamo di far assumere i valori 1; 2 e 3 (1; 2; : : : ; n 1 e n nel caso generale) a tutti gli indici che
compariranno nelle nostre espressioni.
ai sta per:
a1 ; a2 ; a3 ;
a4j sta per:
a41 ; a42 ; a43 ;
a2hk sta per:

a3i = bi sta per:

a211 ; a212 ; a213 ; a221 ; a222 ; a223 ; a231 ; a232 ; a233


a31 = b1 ; a32 = b2 ; a33 = b3 :

(falso monomio) Una espressione monomiale in cui appaiono almeno due indici dello stesso mome si
chiama falso monomio, intendendo con cio il fatto che si tratta di un polinomio i cui termini si ottengono
sostituendo agli indici ripetuti i valori che essi assumono.
ai bi e un falso monomio, perche compaiono in esso due indici ripetuti, quindi, se n = 3, si legge:

ai bi =

3
X

i=1

ai bi = a1 b1 + a2 b2 + a3 b3

La convenzione con la quale i termini con indici ripetuti si intendono sommati e nota anche come convenzione di Einstein.
Analogamente a4k bik e ci2h bih signi cano:

a4k bik = a41 bi1 + a42 bi2 + a43 bi3


che sta per:

a41 b11 + a42 b12 + a43 b13 ;


a41 b21 + a42 b22 + a43 b23 ;
a41 b31 + a42 b32 + a43 b33 :
ci2h bih =c12h b1h + c22h b2h + c32h b3h =
=c121 b11 + c122 b12 + c123 b13 +
+c221 b21 + c222 b22 + c223 b23 +
+c321 b31 + c322 b32 + c323 b33

Il nome dell'indice ripetuto non fa variare il valore del falso monomio; per esempio la (1:1) si puo scrivere:

ai bi = aj bj = ak bk = a1 b1 + a2 b2 + a3 b3
Analogamente la (1:2) e la (1:3) si possono scrivere

a4k bik = a4j bij = a4l bil = a4h bih


ci2h bih = ci2l bil = ck2h bkh = cm2n bmn = c 2n b n :
Un indice che non e ripetuto si chiama libero; nella (1:2) i e un indice libero, mentre k e un indice ripetuto.
Nella (1:1) e (1:3) non vi sono indici liberi. L'indice 2 della (1:3) non e un indice variabile. Mentre gli indici
ripetuti sono i e ih rispettivamente.
1

Quindi un falso monomio che ha l indici liberi rappresenta 3l quantita; per esempio la (1:2) rappresenta
tre quantita, mentre se non ha indici liberi rappresenta uno scalare, per esempio (1:1) e (1:3).
In generale: Un falso monomio che ha l indici liberi ed r indici ripetuti, rappresenta 3l quantita
costituite da polinomi di 3r termini. Da quanto detto risulta che l'eguaglianza fra due falsi monomi sussiste
se vi sono in entrambi i membri lo stesso numero e lo stesso tipo di indici liberi.

Simbolo di Kronecker e simbolo di Levi{Civita

Particolarmente utili risultano i simboli di Kronecker e di Levi-Civita.


(simbolo di Kronecker) E indicato con ij , e viene de nito nel modo seguente:


i=j :
ij = 10 se
se i =
6 j

Se i1 ; i2 e i3 sono i versori di una terna trirettangola levogira si veri ca subito che: ij = ii  ij .
Per il simbolo di Kronecker vale la seguente proprieta: un falso monomio che contiene come fattori ij
con l'indice, per esempio i, saturato e uguale ad un falso monomio non contenente piu il simbolo di Kronecker
ma con l'indice j al posto dell'indice i nell'altro fattore. Tale proprieta permette di sempli care i calcoli con
i falsi monomi.

Vi ji = Vj
Difatti:
sta per

Vi ji = V1 j1 + V2 j2 + V3 j3


V1 11 + V2 12 + V3 13 =V1
V1 21 + V2 22 + V3 23 =V2
V1 31 + V2 32 + V3 33 =V3 :

Analogamente:

Wrlst rq sp = Wqlpt ; T2kj ki = T2ij :


L'indicatore o simbolo di Levi-Civita rsl , viene de nito come:
rsl =

se gli indici rsl


coincidono con
123 o 231 o 312 (rsl
e una
permutazione pari di 123),
se gli indici rsl
coincidono con 1 213
o 132
o 321 (rsl
e una
permutazione dispari di 123).

113 = 212 = 313 = 0


123 = 231 = 312 = 1
213 = 132 = 321 = 1 :
Per il simbolo di Levi{Civita, analogamente che per il simbolo Kronecker, si ha:

jk = i ^ ij  ik
2

come si veri ca determinando le espressioni esplicite di jk .

=1

j=1
j=2
j=3

=2

j=1
j=2
j=3

=3

j=1
j=2
j=3

k=1
k=2
k=3
k=1
k=2
k=3
k=1
k=2
k=3

)
)
)
)
)
)
)
)
)

111 = 0
112 = 0
113 = 0
121 = 0
122 = 0
123 = 1
131 = 0
132 = 1
133 = 0

k=1
k=2
k=3
k=1
k=2
k=3
k=1
k=2
k=3

)
)
)
)
)
)
)
)
)

211 = 0
212 = 0
213 = 1
221 = 0
222 = 0
223 = 0
231 = 1
232 = 0
233 = 0

k=1
k=2
k=3
k=1
k=2
k=3
k=1
k=2
k=3

)
)
)
)
)
)
)
)
)

311 = 0
312 = 1
313 = 0
321 = 1
322 = 0
323 = 0
331 = 0
332 = 0
333 = 0

Si vede inoltre che scambiando fra loro due indici il segno dell'indicatore cambia.

jk = jk

Le operazioni fra i vettori con l'uso della notazione indiciale

I simboli di Kronecker e Levi{Civita consentono di esprimere in forma assai compatta le operazioni fra
vettori.

Componentidiunvettore
Se

abbiamo

A = A1 i1 + A2 i2 + A3 i3
A = Aa ia
3

ovvero

A = (A  ia )ia

dove

Aa = A  ia

e la componente a esima di A.

Somma
Se

A = Ai ii e B = Bi ii

allora

A + B = (Ai + Bi )ii

ovvero

Prodottodiunoscalareperunvettore
Se

(A + B)i = Ai + Bi :

A = Aa ia

allora

A = ( Aa )ia

ovvero

( A)a = Aa :

Prodottoscalare
Se

A = Aa ia e B = Bb ib

allora
e

A  A = A2 = Ai Ai
B  B = B 2 = Bi Bi :

Prodottovettore





i1 i2 i3

ovvero A^B = A1 A2 A3

B1 B2 B3
e (A^B) = ab Aa Bb :
Prodottomisto

A  B ^ C = (Aa ia )  (Bb ib ^ Cc ic ) =

A1 A2 A3 :
= abc Aa Bb Cc = B1 B2 B3
C1 C2 C3




Dire quali proprieta sono state utilizzate, di volta in volta, per dimostrare le formule di cui sopra.

Relazione fra i simboli di Levi{Civita e di Kronecker


Consideriamo il prodotto misto ia  ib ^ ic = abc essendo

(a1 ; a2 ; a3 ); (b1 ; b2 ; b3 ); (c1 ; c2 ; c3 )


4

le componenti di ia ; ib ; ic rispettivamente avremo:

a1 a2 a3


abc = b1 b2 b3
c1 c2 c3




Inoltre avremo:

a1 a2 a3 p1


abc pqr = b1 b2 b3  q1
c1 c2 c3 r1



a2 a3 p1
a1
= b1 b2 b3  p2

c1 c2 c3 p3
= ap bq cr + ar bq cq + aq br cp

Dimostriamo ora che


Infatti

Dimostriamo che

Dimostriamo che

Dimostriamo che

p2 p3
q2 q3 =
r 2 r 3


q1 r1 ap aq
q2 r2 = bp bq
q3 r3 cp cq
aq bp cr ar bq cp

ar
br =
cr
ap br cq :

ijk i = j k j k :
ijk i =ii j k + i j ki + i ji k +
ii j k i j ki i ji k =
=3j k + k j + j k +
3j k k j j k =
=j k j k :
(A ^ B) ^ C = (A  C)B (B  C)A
A ^ B = abc Ab Bc ia
(A ^ B) ^ C =   bc Ab Bc i C =
= (   bc Ab Bc )C i =
= (b c b c )C Ab Bc i =
= Ab Cb B i Bc Cc Ab ib =
= (A  C)B (B  C)A :
(A ^ B)  (C ^ D) = (A  C)(B  D) (A  D)(B  C)
A ^ B = abc Ab Bc ia
C ^ D =  C D i
(A ^ B)  (C ^ D) = abc Ab Bc  C D =
= (b c b c )Ab Bc C D =
= Ab Cb Bc Dc Ab Db Bc Cc =
= (A  C)(B  D) (A  D)(B  C) :
(A ^ B) ^ (C ^ D) = [A  (B ^ D)]C [A  (B ^ C)]D
A ^ B = abc Ab Bc ia
C ^ D =  C D i
(A ^ B) ^ (C ^ D) =  bc Ab Bc  C D i =
= (  )bc Ab Bc C D i =
= (    )bc Ab Bc C D i =
= (bc D Ab Bc )C i (bc C Ab Bc )D i =
= (bc Ab Bc D )C (bc Ab Bc C )D =
= [A  (B ^ D)]C [A  (B ^ C)]D :
5

1)
2)
3)
4)
5)

Dimostrare le seguenti identita

A ^ (B ^ C) = (A  C)B (A  B)C
A ^ (B ^ C) + B ^ (C ^ A) + C ^ (A ^ B) = 0 (identitadiJacobi)
A ^ [B ^ (C ^ D)] = (A ^ C)(B  D) (A ^ D)(B  C)

abc abd = 2cd


abc abc = 6
Sia V1 = (3; 0; 1); V2 = (2; 2; 0); V3 = (1; 1; 1) una base in R . Dato il vettore W = (5; 2; 4) trovare i
coecienti ; u;  tali che:
W = V1 + uV2 +  V3 :