Sei sulla pagina 1di 15

1

Racconti in breve;
Ogni problema del mondo deriva da mancanza di amore, e dai conseguenti
pensieri errati. Pensieri che conducono voi umani ad organizzarvi con una
economia che rende impossibile il mondo che in vero veramente vorreste avere.

ULTIMO G8 E POI?
MA CHI IL PI CATTIVO
DUE CHIACCHERE TRA SCONOSICUTI IN ATTESA
DI UN BUS IN RITARDO ...
2015 - Tempi duri, economia dura, mondo duro ... tutti dei duri .... tutti infelici,
e poi? ... presto saranno .... Botte da orbi!!!....
ma che bella festa!
. ponte crollato ... e . la grande cascata dove non vi mai ritorno e oblio per
sempre? No, non detto e poi ci sono sempre due vie su ogni percorso ci sono
sempre due vie e nessuno conosce quale sia la migliore provare per credere
questo il segreto?
No non so rispondere, ma capisco che, magari e solo a volte vi potrebbero
essere alternative, magari una via migliore, ancora non vista .si e magari un po'
migliore del darsi sempre e solo una martellata su di un dito per sapere che fa
male?
Difficile '
Si difficile rispondere, certo se non fosse cos difficile non vi sarebbe
nemmeno bisogno di farsi la domanda !
Soluzioni?
Ecco, magari come dicono ormai in molti, adesso a giorni ci faremo su, una bella
guerra cos tutto si sistema e poi diventiamo meno numerosi e poi magari a
breve si ricomincia peggio di prima?
Destino?, ma allora questo il mistero delle civilt scomparse, nascoste in un
lontano passato,

2
e allora, ci saremmo soltanto ed ogni volta distrutti da soli?
Ma se anche fosse era poi veramente cos necessario, e veramente non ci
bastavano ambiente e natura a farlo da soli senza alcun bisogno di dar loro
anche il nostro aiuto?

Fermi alla fermata del Bus in lunga e noiosa attesa:


Ma, dico a Lei che mi sembra una specie di professore, ma siamo veramente
ancora cos sicuri che sia proprio questo che sta per accadere e che saremo
proprio noi umani a scegliere ed a poterci permettere di far accadere quello
che stiamo preparando con tanto entusiasmo mal riposto e per di pi proprio ....
contro noi stessi?
Mi scusi ma concordo pienamente con Lei e mi dico: ..... ma chi ci crediamo di
essere noi umani per credere di essere cos "POTENTI" da pensare che saremo
proprio noi a far accadere quello che ormai tutti percepiamo che starebbe
attendendoci ormai da vicino?
Guerra o non guerra che forse anche il meno, anche se nessuno sa bene dire
cosa, tutti per ormai sentiamo che ...... sta accadendo .... qualcosa che cambier
tutto . e che questo sar molto presto e che in ogni caso non sar una
passeggiata per nessuno.
Concorda anche Lei?
Si si, ma stavo guardando l'orario a me mancano ancora 12 minuti e Lei se non
sono indiscreto cosa attende... ha io attender molto pi di Lei il mio passa tra
38 minuti.
E luigi, ebbene allora abbiamo un po' di tempo e possiamo continuare .
ECCO ALMENO SU QUANTO APPENA DETTO SIAMO TUTTI D'ACCORDO
ed allora almeno abbiamo ORMAI TUTTI CONDIVISA LA ATTESA di un
prossimo GRANDE CAMBIAMENTO ma la domanda allora .

3
ma anche dopo questa fine ormai attesa ci sar ancora una volta un nuovo
inizio? cio avremo ancora un futuro?
Bella domanda, si, s, proprio un bel rebus, non Le pare?
S, certo,.. anzi se mi permette, veramente direi, un bel Poker senza gli assi e
con il buio e la posta pi alta di tutte, il futuro!!!
e si^ e se sbagli, cio qui ci siamo tutti in gioco e quindi devo dire se ci
sbagliamo e perdiamo il piatto . poi non possiamo pi giocare un'altra partita e
questo mi pare che sia adesso il nostro grandissimo dilemma,
il tale cerca di rispondere, ma il Bus in arrivo e non va perso, chi sa se e
quando ne passer un secondo ... mi scusi il suo nome, sa se ci rincontriamo Lei
come si chiama? Io le ho detto, mi chiamo Luigi e Lei?
Io mi chiamo Pietro, ma vada altrimenti perde il bus,
continueremo alla prossima .. tanto io e mi pare anche Lei prendiamo il Bus
sempre verso quest'ora io a Lei qui l'ho gi vista tante volte,
- si certo anche io Lei.
Si a quest'ora, subito dopo il caff',
- s, sempre verso quest'ora, ha gi, per non dicevamo che non si sa se avremo
ancora un futuro?
Ebbene, cos dicevamo.... e . va bene se ci vedremo ci vedremo e altrimenti un
saluto all'ignoto che ci attende
- si, certo e allora, mi scusi, ma non era proprio Lei che poco fa mi diceva di un
ponte crollato e poi .. di una cascata da cui nessuno ritorna mai a raccontare
ecc......
ma!, presto, vada, vada che ..che si sta muovendo lo perde se continua .. vuole
perdere il suo bus?
Veramente il Bus, era sul punto di partire, ma poi era scattato il rosso e
qualche momento si era reso ancora disponibile, le porte erano rimaste aperte ..
si salutano, ve ne il tempo e l'altro, rivolto a Luigi, si lei ha ragione ho visto e
detto questo nel nostro futuro, ma spero di aver sbagliato, comunque si se
potremo ne riparleremo se Dio vorr.

Luigi sul bus, viaggio lungo ci star li almeno mezz'ora, cerca il buco per

4
timbrare cerca con la coda dell'occhio un posto a sedere e intanto ...
si sente improvvisamente da solo, cos, senza pi nessun interlocutore e con
tutti quei pensieri difficili senza risposte e senza nessuno per confrontare le
idee.
Mentre il bus sballonzola e Lui, cerca di timbrare il suo biglietto tra un
sobbalzo e l'altro si sente quasi sollevare la mente nel vuoto, quasi qualcuno lo
stesse sollevando in alto sempre pi in alto pi su!
Ma la realt non gentile con chi si distrae dal mondo reale e quello che gli sta
dietro lo sospinge a far presto, anche lui deve timbrare, ma non questo una
sensazione diversa ..sai la canzone..Del Grande Modugno, nel blu dipinto di blu...
forse anche lui adesso sta entrando in un sogno si un sogno della sua mente.
intanto li accanto un tale si alza e lui, timbrato il biglietto mentre quasi sta
cadendo si trova invece seduto . Fine della agitazione adesso nel suo mondo
solo con la sua visione, ecco era questo che lo agitava, una visione premeva alla
sua mente ma non si poteva sviluppare sino a che non vi fosse stato un momento
di calma per fluttuare liberamente nei propri pensieri e nelle proprie
percezioni.
Si seduto automaticamente senza nemmeno vedere se vi fosse qualcuno in
attesa prima di lui. Luigi adesso li ma non li e si trova altrove.

Continua con:
Da una fermata del bus al viaggio in bus ad un sogno?

DA UNA FERMATA DEL BUS

5
AL VIAGGIO IN BUS AD UN SOGNO?

ULTIMO G8 E POI?
MA CHI IL PI CATTIVO ..........?

A Luigi era rimasto in gola ancora un lungo discorso e non poteva esporlo con il
primo venuto cosi si domanda:
Le varie crisi che non si risolvono, che sta accadendo? siamo gi ad un nuovo
Inizio? o siamo ancora a poco prima del grande finale?
Ma in ogni caso anche se dovessimo superare una prossima fine .... ogni fine
pur sempre anche un inizio
ormai Luigi tutto questo sa di saperlo ... per capire e sapere, adesso non serve
pi, nemmeno leggere il giornale perch il presente con il suo bel futuro da
suicidio lo respiri ovunque intorno e non serve pi nemmeno che ci sia qualcuno
che te lo spieghi si vede che ormai deve essere iniziato il vero finale .........
Ora cos assorto nei suoi pensieri che non si rende conto di vivere forse gi
un pezzetto di futuro, e forse solo un sogno, ma solo forse.

Nella grande citt, fervono ormai i preparativi


Il G8 sta per iniziare,
I controlli sono severissimi li non entri nemmeno se hai le unghie tropo lunghe.
E naturalmente, con i tempi attuali sicurezza prima di tutto.
Luigi ha appena parlato con un amico giornalista, cui aveva spiegato come
secondo Lui servisse un progetto per finire le varie crisi e come di progetti
capaci di fare il miracolo di darci una reale soluzione, ne esistesse uno soltanto
uguale per ogni diversa fazione e che quindi idee diverse o meno, non si capiva il
conflitto, nemmeno quello ideologico, visto che, qualunque opinione si avesse,
comunque poi a ben vedere, di soluzione ne avevamo comunque una sola ed
era la stessa ed era uguale per tutti.

6
Mentre pensava a tutto questo ecco che lui non pi lui, ora ha una bella divisa
da sergente maggiore, una guardia e sta dentro la grande sala della riunione,
occhi bene aperti ed attenzione massima.
Tutto questo ora lo coinvolge, si sente nel ruolo, e pensa a controllare. Conta, al
tavolo ci sono esattamente 24 persone, 8 dirigenti, 8 assistenti ed 8 agenti
speciali della sicurezza personale, Lui conta, guarda che nessuno entri e
nessuno esca e sono 24 non vi che dire sono 24, anzi non pi 24 ora sono 25.!!!
Gli scappa un cavolo !, MA ADESSO . sono 25, vedi anche tu? Ma come
possibile., non entrato mica nessuno!!! le entrate sono sicure li non si passa e
allora da dove sbuca costui e senza assistente e senza sicurezza, ma chi ... ?
Il collega lo guarda attonito suda copiosamente e non sa nemmeno dire una sola
parola, certo che strano ma ad un tratto il tizio che, con fare molto compito
ed elegante, si alza e si capisce che far un annuncio e che non vi al momento
da temere nulla da lui, non ora.
Si muove che di Lui, si potrebbe dire che pare abbia un modo, un atteggiamento
che gli conferisce autorevolezza, appare, molto sicuro di se, uno di quelli che si
possono permettere ogni cosa senza che siano mai cose fuori posto e senza che
mai nessuno osi o trovi qualcosa da osservare sul loro conto, si di quelli che
sanno essere sempre al posto giusto al momento giusto, e che sanno come fare
per non apparire mai fuori delle righe.
Ormai si alzato non ha strani rigonfiamenti sotto la bella giacca, nessun modo
che possa tradire quanto sta per accadere e nessuno modo che ognuno dei
presenti possa, minimamente immaginare, il dopo.
Ora in piedi ha un leggero sorriso compiaciuto sul suo viso e esordisce, con un
paternalistico Ragazzi, .... un epiteto, che per certuni dei tipi assonnati ed
attempati li presenti deve suonare piacevole motivo in grado di riavvicinarli al
tempo in cui anche loro dopo aver gattonato, ormai cresciuti si credevano
padroni del mondo e rubavano la marmellata, e poi da grandi ovviamente hanno
smesso si
Si, dice il tale che doveva avere la capacit di leggere facilmente nel pensiero,
di tutti i presenti, in quanto continua e dice:

7
S, in molti di voi vi stato un tempo in cui rubavate la marmellata, ma dopo
siete cresciuti ed avete smesso di farlo e siate passati in vero a cose sempre
pi sostanziose, ma bravi e non sono qui per rimproverarvi, nonostante ne avrei
il pieno diritto, sapete mi sono stancato di farvi da balia, adesso ora che
proviate a vedere che accade se vi toccasse veramente di camminare per un
pochino senza il mio assiduo affettuoso seguirvi e consigliarvi. Un capo di stato
dei pi autorevoli a quel punto si sente quasi offeso e si alza per intervenire e
fermare l'intruso , ma qualcosa di non resistibile lo ferma in una impacciata
posizione.... n seduto n in piedi e di li non si muove oltre n parla o forse n
pu parlare.
Lo sconosciuto gli rivolge gentilmente la parola e gli dice ma cos, come per dire
che troppo scomodo restare i quella strana posizione e gli dice, ma si
accomodi e vedr che tra pochissimo avremo finito a capirete tutto... se
capirete. La frase alle orecchie delle guardie a questo punto, crea allarme, ma
anche loro non possono muoversi ed anche a Loro l'uomo o quel soggetto che
tale appare, estrae dalla giacca un mitragliatore con treppiede da trincea, ora
scansa le carte dal tavolo e lo poggia senza alcuna mossa minacciosa sul tavolo.
E chiede ai presenti, ma di cose cos che avete paura?
Vi agitate per cos poco? Comunque ora lo tolgo, lo mettiamo qui dietro su
questa scrivania, cos non vedendolo pi qui davanti ai vostri occhi starete pi
sereni.

Il rappresentante Italiano al sentir proferire quella parola ha una brutta


sensazione che non passa inosservata perch, subito dopo
quel nuovo

8
intervenuto che non ha ancora detto per conto di quale Paese si presentato a
quella riunione e come ha fatto ad entrare, cos senza invito e senza permesso,
dice:
si s, serenamente, in quel senso cio non agitatevi in quanto, Io Sono .....non
dice per alcun nome e poi continua dicendo: e voi non potete certo eguagliare
me in NESSUN CASO! No! Certo che no! non potreste nemmeno pensarlo.
Continua e aggiunge e se ancora non avete inteso ora mi spiego meglio, s,
SONO,
IO SONO
e
ho solo scelto una forma immagine che ho assunto per darvi qualche dritta come
dite voi per un ultimo avviso se volete mettervi a vento anche se ormai vi sar
molto difficile poterlo fare in sicurezza.
Prima per vi devo introdurre la domanda per la quale sono venuto qui da voi s
sono qui esattamente solo per questo mi serve una risposta ma potete anche
non dare risposta.
Un rumore attira la attenzione di tutti i presenti, alcuni si voltano e quel che
vedono e che non dovrebbe spaventare nessuno invece li spaventa eccome.
La dove era la mitragliatrice pesante ora vi era una gabbietta con dentro un
criceto che correva, correva nella sua ruota e la mitragliatrice non c'era pi.
Si, forse dovevo avvisarvi prima, scusatemi non ci ho pensato, ma si tratta solo
di giochi di prestigio, sapete con queste cosucce mi ci sono sempre divertito,
non fateci caso, ho pensato che vi dava fastidio quel brutto oggetto e ve lo ho
sostituito, non facile, ma ci sono riuscito.
Egli molto seriamente poi aggiunge:
Ogni problema del mondo deriva da mancanza di amore, e dai conseguenti
pensieri errati. Pensieri che conducono voi umani ad organizzarvi con una
economia che rende impossibile il mondo che in vero veramente vorreste avere.
Ecco credo quasi inutile che con voi continui con questo genere di cose voi
questo genere di pensieri non mi sembrate gran che preparati ad intenderli si

9
mi pare che proprio non le capite, o almeno questo appare, comunque avete
sentito e quindi se volete potete ricordarvene anche in seguito.
Ora che abbiate capito oppure no, comunque concludiamo che altrimenti si fa
tardi, le catastrofi una volta predisposte poi difficile fermarle.
ed ora: la mia domanda,
voi tutti da quanto fate e dite non avete eguali se vi impegnate in cattiveria
riuscite a meraviglia ed eguagliarvi, da parte di altri umani, diventa difficile.
Ma io vi dico, ci avete mai pensato cosa potrebbe accadervi se a voler fare il
cattivo fossi io?
Ecco a me piacciono anche le competizioni ed ora mi metter un po' a giocare
con voi, vedrete che ora in molti cambierete idea su moltissime cose.
Il soggetto non risponde a domande ulteriori e semplicemente scompare, non
prima di aver per proferito una misteriosa frase, avete certo televisori e
telefonini e schermi, allora guardateli e sia lui che la sua sedia non erano pi li
e non erano usciti dalla porta.
Tutti corrono istintivamente nella attigua sale del controllo la vi era una grande
platea con tante sedie ed un maxischermo da osservare e certo che ora da
osservare ve ne era motivo.
Inizia una specie di telegiornale .. prima si vede l'aeroporto locale sotto una
tempesta con vento fortissimo e gli aerei che vengono spostati con violenza, dal
forte vento, contro la aerostazione.
Poco dopo la volta di un treno uscito dai binari in stazione e con il suo
locomotore nuovissimo rovesciato sulle rotaie.
Il terremoto, una scossa di magnitudo 8, le rotaie divelte fortuna che il treno
era appena partito ora era riverso di tre quarti, il locomotore poggiava contro
un pilone della pensilina . i vagoni in parte si erano coricati su un lato altri erano
rimati miracolosamente diritti ma fuori dai binari, un vero disastro n pochi
minuti, la gente stordita scendeva dal treno cadeva, si rialzava non sapeva dove
andare i binari no erano valicabili i sottopassaggi crollati, al momento per chi

10
era li in stazione che fosse in arrivo od in partenza, sano o ferito risultava
comunque impossibile trovare una via da percorre o dove potersi dirigere, s
un momento da incubo, poi un altoparlante riecheggia era stranamente ancora
funzionante e annunciava con una voce che a tratti si interrompeva e diceva
siete tutti pregati di non allontanarvi dalla stazione, ci sono forti scosse di
terremoto in citt pericoloso muoversi.
Luigi a quel punto capisce, il pericolo, la citt era dove era lui in quel momento e
allora solo in quel momento si rende conto che il grattacielo dove si trova lui sta
oscillando paurosamente, inoltre di improvviso si sente come trattenuto
vorrebbe andare ma non pu muoversi qualcosa lo sta scuotendo con violenza, si
sente preso come da una morsa che lo stringe alle spalle da una forza potente
che lo scuote, cos gli pare pensa . il terremoto ma poi pensa ad un collega che
stia cercando di trascinarlo via dal pericolo allora cerca di voltarsi e guardare
chi sia a tirarlo e scuoterlo per le spalle e si rende conto solo allora di avere gli
occhi chiusi e allora li apre o almeno ci prova e dopo un paio di fallimenti
finalmente riesce e aprendoli inizia anche a sentire, la potente voce baritonale
profonda che con un tono quasi spaventato ma autorevole ed in fondo anche
gentile lo sta chiamando ma non per nome, sente un Signore, signore su per
favore apra gli occhi si svegli deve scendere siamo al capolineaaa . e ora
andiamo al deposito, ma ce lo ha un posto per dormire? non vorr restare sul
bus al deposito tutta la notte, li fa piuttosto freddo e non si mangia, su, su,su,
si riprenda e apra gli occhi per favore.
Solo a quel punto Luigi si rende conto no era mai stato veramente al G8 era
stato solo un sogno, ma pareva cos reale. Comunque si alza, lautista del Bus la
voce baritonale che lo stava chiamando pare ora pi sollevato e gli dica, ma
stava dormendo della grossa e con chi parlava nel sonno, si fatto una
chiacchierata niente male, per un momento ho fino pensato che stesse male,
faceva certe facce? Bene ancora un istante poi lautista con tono pi disteso
gli chiede, ma Lei doveva scendere qui al capolinea o scendeva gi in paese, qui
intorno non ci son case, e Luigi di rimando si certo dovevo scendere due
fermate prima di questa, Bene allora le posso dare una mano, qui sul bus no vi
pi nessuno e per andare al deposito devo ripassare dal centro, se mi dice dove
vuole scendere ed sul percorso la faccio scendere dove vuole, questo posso
farlo, Luigi dice grazie e comincia a rendersi conto di essere in forte ritardo, a
casa lo aspettano e saranno in pensiero. Per, perlomeno grazie al passaggi il
ritardo per fortuna sar un po inferiore.

11
A casa dopo cena apre il televisore e vede il telegiornale, della notte, il disastro
alla stazione era realmente avvenuto, era stato grave per i danni, ma a parte
alcuni feriti non vi erano stati danni maggiori, ma la scena a Luigi pareva di
averla gi vista, ma allora era stato solo un sogno?

Ecco non mi dilungo. Il giorno dopo Luigi no ha potuto fare a meno di raccontare
agli amici del bar sotto casa quel momento strano che aveva vissuto la cosa
era andata avanti a lungo, ma Luigi non ha saputo dire se fosse stato un sogno,
una visione del futuro o chi sa cosa ma il fatto che il terremoto proprio in quella
zona doltremare dove lui aveva sognato di essere, ci fosse stato restava un
fatto, un fatto molto strano ed inquietante.
A maggiori tentativi di approfondimento Luigi risponde dicendo di non ricordare
altro, oltre quanto gi detto.
Di tutto questo gli per' rimasta la sensazione di qualcosa che sta per
accadere e che non sente proprio come una cosa cos buona.
Ma seguendo le istruzioni impartite dal personaggio del sogno dovrebbe
bastarci adesso di seguire le trasmissioni TV e se dovesse accadere ancora
qualcosa, ebbene allora lo vedremo e sapremo, ma del messaggi la cosa
importante era che avremmo dovuto tutti ritornare a ben agire con i nostri
simili e verso tutti e anche verso tutto, ambiente incluso .
Ed era questo che lasciava Luigi con la bocca amara, Gli uomini che governano il
mondo si sarebbero convertiti, lo avrebbero fatto questo o avrebbero
continuato a fate un po i monelli?
Ecco, la inevitabile domanda che restava aperta: se il messaggio del sogno,
riconfermato in un certo senso dal fatto che il terremoto era stato comunque
vero anche se non catastrofico, cosa sarebbe potuto accadere ancora, se i
grandi uomini del pianeta non avessero inteso questi fatti come un avvertimento
per tutti certamente ma anche e pi di tutto proprio per loro?

12
Allora vi sarebbero potuti essere altri disastri e terremoti se gli uomini non si
fossero subito convertiti ad agire bene o almeno meglio ?
Questo s che era un dubbio di cui ci si sarebbe dovuti preoccupare da oggi in
poi?
Ecco che cos pensando allora restava per davvero la sfida?
La sfida del Signore, con la sua grande domanda; ..
Ma ragazzi ma ci avete mai pensato se fossi io a mettermi a voler come
voi, fare il cattivo, cosa potrebbe succedervi?
Un terremoto come quello che aveva fatto solo danni materiali era stato certo
un problema, ma non ancora una catastrofe biblica, ma dai fatti e dal contesto
era difficile credere che le cose si sarebbero limitata a cos poco se non vi
fosse stata presto un minimo almeno di conversione e nuovamente un vero e
serio spirito di fratellanza di tutti verso tutti da oggi in poi.
Solo una domanda, ma come si fa a gettare lavoro e immagine al vento con tanta
leggerezza come avviane di continuo nel mondo in un crescendo socio-politico e
anche pericolosamente militare ?
Come si fa a continuare a competere per il solo strumento del,solo
insignificante profitto e non farlo ancora e per sempre per il benessere quando
se competessimo per la cooperazione non avremmo pi alcun problema che si
potesse considerare irrisolvibile. ?
Prendo di seguito ad esempio alcune manifestazioni umane che come specie ci
mostrano, piuttosto e pericolosamente imprevidenti e pericolosi per noi stessi
prima ancora che per tutti gli altri. Il problema allora non sono solo la
corruzione e la disonest, ma lo sono altre cose quali lego cieco e la cupidigia
senza freni e tanti altri errori di base che poi generano poi tutti quei fenomeni
che tanto sono criticati, e che per si ripetono egualmente nonostante le forti
critiche contro di essi perch non ne vengono mai rimosse le cause culturali che
sono dentro di noi e che non siamo stati sino ad oggi in grado di cambiare.
Cos siamo noi che distruggiamo noi stessi ed il nostro futuro e noi che con i
mezzi di oggi potremmo far stare bene tutti e in pace e serenit, ma
continuiamo a lottare per il predominio quando dovremo invece lottare per il
progresso la serenit ed il benessere e la sicurezza di tutti e quindi avere cos

13
un mondo umano che coopera e che vive felice.
Possibile a farsi ma non con le idee che gli uomini hanno oggi in mente ed ecco
allora come forse uno scrollone ogni tanto dal padre celeste o dalla natura che
dir si voglia, pu diventare il mezzo, certo spiacevole, ma a volte necessario, per
farci aprire gli occhi e per farci capire che stiamo sbagliando tutto.
Da parte del cielo o lasciarci liberi di farci del male adesso per farci cambiare
strada o mostrarci la grandezza delle forze della natura per capire che noi non
possiamo difenderci dal potere di queste forze, non da soli e non con i nostri
soli mezzi e che solo cooperando possiamo sopravvivere tutti insieme o non
cooperando non potr sopravvivere nessuno, questo i messaggio che dobbiamo
capire e capire in fretta altrimenti di qui non ne usiamo non ne usciamo vivi
come civilt e allora se cos avvenisse, sar gi molto se avremo il permesso di
ricominciare dallepoca della pietra.
Il problema di tutto allora come ha detto quel personaggio venuto in quel G8 del
sogno il seguente:
Ogni problema del mondo deriva da mancanza di amore, e dai conseguenti
pensieri errati. Pensieri che conducono voi umani ad organizzarvi con una
economia che rende impossibile il mondo che in vero veramente vorreste avere.
Il mondo nasce pensato per far vivere in serenit e sicurezza ogni singola
famiglia. Luomo non avr quindi mai pace sino che non sceglier lo scopo di
benessere e sicurezza per ciascuno, lasciando a potere e denaro solo i ruoli
di servizio e valutazione dei valori prodotti con il vivere umano.
Sino a che gli uomini non si saranno di nuovo dati questo scopo la sola cosa
che otterranno sar quella di autodistruggersi di continuo o di non
raggiungere mai in tempo le conoscenze necessarie a poter superare i problemi
ambientali che ciclicamente sconvolgono lambiente e che non permettono mai la
sopravvivenza di tutte le specie viventi ma solo la permettono a quelle che in
modo previdente si siano organizzate per poter superare quello che accade a
ripetizione nel cosmo.
Quindi, prima che giocando alla competizione senza rete non si finisca per farci
da soli, cos tanto male da non poterci risollevare mai pi, allora forse meglio

14
che ci pensiamo a questo ed meglio che ci pensiamo subito iniziando da esempi
concreti che dimostrano quanto il problema sia vero e urgente.
. e se volete degli esempi eccone alcuni in fila alte tecnologie incompatibili
con un sistema economico che mira al solo profitto, perch questo ?
Ecco i perch:
1. Le Api Assassine, Il fatto noto: per creare una sperimentazione e vedere
se incrociando le api di vari contenenti si sarebbe creata la combinazione
fortunata capace di accrescere la produzione del miele si generato un
genere di api assassine che fanno poco miele ma che in compenso
sterminano le api che fanno i miele e aggredisco mammiferi di grande
taglia uccidendoli. E accaduto per metodo competitivo e per fine di lucro;
doveva convenire ed invece ha creato una grande perdita quindi essere
troppo competitivi fa perdere denaro e pericoloso.
2. Cianuro nel Danubio: Una conceria non ha messo in sicurezza le vasche di
lavaggio, una forte pioggia ne ha causato la fuoriuscita e ha inquinato il
Danubio intero causando danni incalcolabili e vastissimi e non interamente
riparabili, Il costo per mettere in sicurezza gli impianti sarebbe stato
inferiore al danno di milioni di volte.
3. E accaduto per metodo competitivo e per fine di lucro; doveva convenire
ed invece ha creato una grande perdita quindi essere troppo competitivi
fa perdere denaro ed pericoloso.

4. Il Concorde. Progettano le paratie esterne del serbatoio del carburante


con un acciaio pi resistente ma decisamente pi sottile. Un aereo meno
pesa e pi vola bene e anche,pi carico pagante trasporta; il fatto un
incidente, un oggetto sulla pista viene lanciato da una ruota con violenza
contro la paratia del serbatoio, La paratia si apre con una sottile
fessura da cui non visto inizia ad uscire il carburante. Questo con il
flusso di aria del volo arriva ai getti e si incendia e ritorna al serbatoio
ed il velivolo esplode.
5. E accaduto per metodo competitivo e per fine di lucro, doveva convenire
ed invece ha creato una grande perdita quindi essere troppo competitivi
fa perdere denaro ed pericoloso.

15
6. Il recente problema di immagine della WW ha fatto male per
prima cosa proprio a chi credeva cos di superare problemi con
scorciatoie. Qui il problema pi grave allora, non la disonest ma la
cupidigia e la assenza di un vero scopo unitario del genere umano e anche
la irresponsabilit verso se stessi al punto di rischiare tutto per qualche
piccolo vantaggio economico immediato che si poteva certo soddisfare in
modo economicamente migliore di quello adottato, Perch farsi tanto
male da soli. E accaduto per metodo competitivo e per fine di lucro
doveva convenire ed invece ha creato una grande perdita quindi essere
troppo competitivi fa perdere denaro ed pericoloso.
In tutti e tre i casi oltre i danni diretti ed i morti, vi in tutti e tre una
forte perdita economica, ne valeva la pena di non pensarci prima a fare le
cose in sicurezza?
La risposta in questi tre casi certamente no non ne valeva la pena di agire
male per riuscire a perdere soldi ma accaduto.
Pensando a tutto questo allora, ricordiamo quando il nuovo arrivato dice>:
. comprenderete bene che adesso, se a fare il cattivo, mi ci metto io che sono
colui che , allora le cose non si metteranno molto bene per voi ..
Ecco io autore di questo racconto mi domando tra me e me, ma forse, non
sarebbe meglio ritornare ad un sistema solidale prima che cose del genere
ci accadano veramente?
Luigi continuer a fare ulteriori sogni quanto ritornando stanco dal lavoro
riprender ad addormentarsi sul suo bus del rientro a casa sua.

Fine messaggio.