Sei sulla pagina 1di 4

Ricerca sugli stili attributivi per lautoconsapevolezza e lautovalutazione

Insegnante Agata Lacagnina

Dalla nostra esperienza diretta di insegnanti deriva la convinzione che gran parte
degli insuccessi scolastici dei nostri ragazzi siano determinati dalla mancanza di
motivazione, da un metodo di studio spesso non adeguato al corso di studi o da scarsa
fiducia in se stessi.
La ricerca degli stili attributivi degli allievi potrebbe essere un campo nel quale
lavorare per individuare le cause di questo problema.
Gli stili attributivi consistono nei processi attraverso cui le persone identificano le
cause che producono un determinato evento.
Es. va male un compito. Perch?
Lallievo pu identificare la causa di questo evento nella sfortuna, nel caso o nello
scarso impegno. Lanalisi di queste risposte pu essere utile per individuare un
malessere relativo alla demotivazione o alla scarsa fiducia in se stessi.
Lobiettivo renderne gli allievi consapevoli per potere poi adeguatamente
intervenire.

Ricerca sugli stili attributivi per lautoconsapevolezza e lautovalutazione


Insegnante Agata Lacagnina

Relazione tra impegno, comportamento strategico e prestazione efficace

il presupposto fondamentale
affinch il ragazzo impari a
attribuire i risultati scolastici
non allabilit statiche o a
fattori incontrollabili.

Strategie di
apprendimento
acquisite

Impegno
personale

Ostacoli
temporanei
esterni

Abilit, conoscenze, stili cognitivi, atteggiamenti, emozioni, motivazioni e stili di attribuzione


possono ostacolare o sollecitare lapprendimento
ma in ogni caso rendono personale e specifico il processo di elaborazione e costruzione della
conoscenza.
Tra gli aspetti emotivo emozionali: gli stili di attribuzione

processi attraverso i quali le persone identificano le cause degli eventi, delle azioni e dei fatti
che si verificano nel loro ambiente.
Considerare il successo e linsuccesso scolastico come determinati da:
impegno personale e strategia di apprendimento
porta a buone abitudini di studio e a prodigare ogni sforzo per riuscire.
Determina

maggiore senso della realt

fiducia in se stesso

Letture per lapprofondimento


Cornoldi: Metacognizione e apprendimento edizione Il Mulino, 1995
Difficolt di apprendimento. Rivista trimestrale edizione Erickson

motivazione al
successo

Ricerca sugli stili attributivi per lautoconsapevolezza e lautovalutazione


Insegnante Agata Lacagnina

Testo di un compito
La parabola dellaquila
Un giorno un uomo, attraversando la foresta, trov un aquilotto, lo port a casa e lo mise nel pollaio
dove impar presto a beccare il mangime delle galline e a comportarsi come loro. Un giorno un
naturalista, che si trov a passare di l, chiese come mai unaquila, regine degli uccelli, fosse ridotta
a vivere in un pollaio con le galline.
Perch lho nutrita con mangime di gallina e le ho insegnato a essere una gallina, non ha mai
imparato a volare- replic il proprietario- Si comporta come una gallina e dunque non pi
unaquila
Tuttavia insistette il naturalista- possiede ancora il cuore di unaquila e pu certamente imparare a
volare.
Dopo aver parlato a lungo, i due si trovarono daccordo nel voler scoprire se ci era possibile. Il
naturalista prese con delicatezza laquila tra le braccia e le disse Tu appartieni al cielo, non alla
terra. Spiega le tue ali e vola.
Ma laquila si sentiva piuttosto confusa. Non sapeva bene chi era e, vedendo le galline che
beccavano il mangime, salt gi e si un a loro.
Per niente scoraggiato, il naturalista torn il giorno dopo a riprendere laquila, la port sul tetto
della casa e la incit di nuovo dicendo Tu sei unaquila. Apri le tue ali e vola.
Ma laquila aveva paura di questo nuovo se stesso che non conosceva il mondo; ancora una volta
salt gi e and a beccare il mangime.
Il terzo giorno il naturalista si alz di buonora, and a prendere laquila e la port sulla cima di una
montagna. L sollev in alto la regina degli uccelli e cerc dincoraggiarla dicendo: Sei unaquila,
appartieni al cielo e alla terra, apri ora le tue ali e vola.
laquila si guard intorno, guard in gi verso il pollaio, guard in su verso il cielo. Ma non vol
ancora. Allora il naturalista la sollev verso il sole e laquila cominci a tremare e piano piano apr
le ali. Infine con un grido trionfante, spicc il volo verso il cielo.
Pu darsi che laquila ricordi ancora le galline con nostalgia; pu darsi che di tanto in tanto torni a
far visita nel pollaio. Ma per quanto si sa non pi tornata a vivere come una gallina.
Era unaquila sebbene fosse stata nutrita e allevata come una gallina.
Tratto da La parabola dellaquila di James Aggrey

1. Quali impressioni, emozioni hai provato nellascoltare questa storia?


2. In quale personaggio ti identifichi e perch.
3. C stato un momento nella tua vita in cui ti sentivi nel pollaio? Chi ti tarpava le ali? Hai avuto
la fortuna di incontrare un naturalista?
4. Secondo te laquilotto torner pi nel pollaio?

Ricerca sugli stili attributivi per lautoconsapevolezza e lautovalutazione


Insegnante Agata Lacagnina

Questionario di attribuzione
Ognuno di noi portato spontaneamente nelle cose che gli succedono tutti i giorni, a attribuire il risultato
positivo o negativo a cause differenti.
Ti sono presentate delle situazioni scolastiche in cui potresti esserti trovato. Prova a scegliere tra quelle
proposte quelle che secondo te potrebbero aver determinato quel risultato.
Cerchia ogni volta la causa che tu ritieni pi importante.
1.
a)
b)
c)
d)
e)

In un compito in classe hai eseguito tutti gli esercizi correttamente. Questo successo perch:
Sono stato fortunato
Ce lho messa tutta
Era facile
Sono bravo
Sono stato aiutato.

2.
a)
b)
c)
d)
e)

Nei compiti svolti a casa hai fatto molti errori. Come mai?
Non mi sono impegnato
Non sono stato aiutato
Erano difficili
Sono sfortunato
Non sono bravo.

3.
a)
b)
c)
d)
e)

Devi presentare una relazione . Lo fai in modo chiaro e preciso. Tutti seguono con interesse. Perch?
Era facile
Sono bravo
Sono stato aiutato
Per caso
Mi sono impegnato.

4. Ti viene richiesto di risolvere un esercizio alla lavagna ma tu fai scena muta. Come mai?
a. Non sono stato capace
b. Non sono stato aiutato
c. Non mi sono impegnato
d. Era difficile
e. Sono sfortunato.
5.
a.
b.
c.
d.
e.

In una discussione in classe il tuo intervento molto apprezzato. Perch?


Per caso
Ce lho messa tutta
Era un intervento banale
Mi ero preparato bene a casa
Sono stato aiutato

. Questionario per lidentificazione dello stile attributivo. R.De Beni C. Zamperlin


Linsegnante somministra periodicamente questionari di questo tipo facendo in modo che lallievo noti da
solo che la riuscita va attribuita allimpegno personale cio allo sforzo intenzionale di applicare la strategia.