Sei sulla pagina 1di 40

Regime fiscale delle operazioni

di fusione
Stefano Ruzzier - KStudio Associato
Bergamo, 25 ottobre 2010

Indice

Definizione di Fusione
Tipologie di fusioni

Profili fiscali delle fusioni


Esempi operativi

22

Riferimenti normativi
Art. 172, Dpr n. 917/86 (IRES)
Art. 5, Dlgs n. 446/97 (IRAP)
Art. 2, comma 2, let. F), Dpr n. 633/72 (IVA)
Art. 4, comma 1, let. b), Tariffa, Dpr n. 131/86 (imposta di registro)
Art. 10, comma 2, Dlgs n. 347/90 (imposta catastale)

Art. 4, Tariffa, Dlgs n. 347/90 (imposta ipotecaria)


Art. 15, comma 1, Dlgs n. 472/97 (sanzioni)

33

Tipologie di fusioni
In base alla natura delle societ che partecipano alla
fusione:

1.

fusione omogenea: le societ coinvolte appartengono


tutte al medesimo tipo societario

2.

fusione eterogenea: le societ coinvolte appartengono


a tipi societari diversi

Possibilit di partecipare ad una fusione anche per le societ


in liquidazione (purch non abbiano ancora iniziato la
distribuzione dellattivo) e per quelle sottoposte a procedure
concorsuali.

44

Tipologie di fusioni

In base alle modalit di unificazione delle societ che partecipano alla


fusione:

1.

fusione in senso proprio: costituzione di una nuova


societ

2.

fusione per incorporazione: incorporazione in una


societ preesistente di unaltra societ

55

Tipologie di fusioni

Fusione per unione

Fusione per incorporazione

66

Tipologie di fusioni

Fusione per incorporazione diretta

100%

fusione

fusione

Fusione per incorporazione inversa

100%

77

Tipologie di fusioni

Obiettivi della fusione:

Mera riorganizzazione
evitare duplicazioni

di costi, ottimizzare la catena societaria, trarre


vantaggio dalle opzioni fiscali

Acquisizione
in luogo dellacquisto

del pacchetto azionario (vantaggio del carta


contro carta, svantaggio nella determinazione vincolata dei valori)

88

Profili fiscali della fusione


Regola generale (art. 172 TUIR)
La fusione neutrale ai fini delle imposte sui redditi

cio

non costituisce realizzo n distribuzione delle


plusvalenze e minusvalenze latenti dei beni delle societ
incorporate o fuse

prevede la continuit dei valori fiscalmente riconosciuti

99

Profili fiscali della fusione

Eccezioni: es. incorporazione in una societ semplice implica


decommercializzazione (ergo, emersione materia imponibile)
La fusione non costituisce realizzo delle plusvalenze e minusvalenze delle
partecipazioni nelle societ incorporate o fuse sostituite con partecipazioni
nella societ incorporante o nuova (art. 172, comma 3)
Il problema delleventuale conguaglio monetario (v. art. 47, comma 7)

10
10

Profili fiscali della fusione


Avanzi e disavanzi
La fusione pu tuttavia generare avanzi o disavanzi
contabili:

Avanzo / disavanzo da annullamento: a seguito


dellannullamento della partecipazione detenuta nella
incorporata;
Avanzo / disavanzo da concambio: a seguito
dellaumento di capitale deliberato dalla incorporante
per assegnare le azoni ai nuovi soci.

11
11

Profili fiscali della fusione

Avanzo / disavanzo da annullamento: differenza (positiva


o negativa) tra Patrimonio netto (capitale + riserve) della
incorporata e valore della partecipazione iscritta nel
bilancio della incorporante;
Avanzo / disavanzo da concambio: differenza (positiva o
negativa) tra il Patrimonio netto della incorporata e
laumento di capitale deliberato dalla incorporante
necessario a distribuire le azioni di questultima ai nuovi
soci.

SEGUONO SCHEMI

12
12

Profili fiscali della fusione


Disavanzo da annullamento
Ipotesi:

A controlla B al 100%
A incorpora B

A
Partecipazion
e in B 100

Attivit 250

PN 50

PN 70
Deb. 180

Deb. 50
A post fusione

Attivit 250

PN 50

Disavanzo 30

Debiti
230
13
13

Profili fiscali della fusione


Avanzo da annullamento
Ipotesi:

A controlla B al 100%
A incorpora B
A

Partecipazion
e in B 100

Attivit 300

PN 50

PN 120
Deb. 180

Deb. 50
A post fusione

Attivit 300

PN 50
Debiti 230

Avanzo 20
14
14

Profili fiscali della fusione


Differenze da concambio

X incorpora Y
Le azioni di Y vengono annullate

Quante azioni di X spettano ai soci di Y?


La risposta fornita dal rapporto di concambio e
dipende dal rapporto tra i valori delle azioni
15
15

Profili fiscali della fusione


Rapporto di concambio
X

Attivit 200

Passivo 100

CS 100

Attivit 400

Passivo 300

CS 100

Valore di X: 200 (ipotesi)


Valore di una azione di X: 200/100= 2
Valore di Y: 300 (ipotesi)
Valore di una azione di Y: 300/100=3
Rapporto di cambio: 3/2 cio ogni due azioni di Y devono
essere assegnate ai soci di questultima 3 azioni di X

16
16

Profili fiscali della fusione


Rapporto di concambio
X post fusione

non

Attivit 600

Passivo 400

quadra!

CS 250

(100 + 150)

X post fusione
Attivit 600

per farlo

Passivo 400

Disavanzo da concambio

CS 250

50

(100 + 150)

quadrare

17
17

Profili fiscali della fusione


Trattamento fiscale / contabile dellavanzo

Lavanzo da concambio e da annullamento non concorre


a formare il reddito della societ incorporante o nuova

Ha natura di sovrapprezzo e viene iscritto in apposita


voce (riserva di capitale) del Patrimonio netto della
incorporante (art. 2504-bis co. 4 c.c.)
La riserva pu essere utilizzata per: aumento di capitale,
copertura perdite, distribuzione ai soci

18
18

Operazioni di fusione

Neutralit ai fini delle imposte dirette (IRES ed IRAP)

Irrilevanza

ai fini delle imposte indirette (IVA, imposta di registro, imposte


ipotecarie e catastali)

19
19

Neutralit ai fini delle imposte dirette

1. Non tassabilit delle plusvalenze latenti sui beni trasferiti dalla societ
incorporata o fusa

20
20

Neutralit ai fini delle imposte dirette

2. Irrilevanza dellavanzo e del disavanzo da fusione (tanto da concambio che da


annullamento) e dei maggiori valori iscritti per effetto delleventuale
imputazione del disavanzo in capo alla societ risultante dalla fusione o
allincorporante

21
21

Neutralit ai fini delle imposte dirette

3. Subentro della societ risultante dalla fusione od incorporante nei valori


fiscalmente riconosciuti presso la societ fusa od incorporata

22
22

Neutralit ai fini delle imposte dirette

4. Subentro della societ risultante dalla fusione od incorporante negli obblighi


e diritti (tanto patrimoniali che procedimentali) della societ fusa o incorporata
dalla data in cui ha effetto la fusione

23
23

Neutralit ai fini delle imposte dirette

5. Subentro della societ risultante dalla fusione od incorporante negli


obblighi di versamento, inclusi quelli relativi agli acconti dimposta e alle
ritenute operate su redditi altrui in capo alla societ fusa o incorporata dalla
data di efficacia giuridica della fusione

24
24

Neutralit ai fini delle imposte dirette

6. Obbligo di ricostituzione delle riserve in sospensione dimposta nel bilancio


della societ risultante dalla fusione od incorporante che erano presenti nel
patrimonio netto della incorporata o fusa

25
25

Neutralit ai fini delle imposte dirette


Riserve in sospensione dimposta:

tassabili in ogni cosa: da ricostituire obbligatoriamente


tassabili solo in caso di distribuzione: da ricostituire solamente in presenza
di (i) avanzo da fusione e (ii) aumento di capitale per un ammontare superiore
al capitale complessivo delle societ partecipanti alla fusione, al netto delle
quote di capitale di ciascuna di esse gi possedute dalla stessa o dalle altre

imputate in precedenza a capitale societ alla incorporata o fusa

26
26

Neutralit ai fini delle imposte dirette

Modalit di ricostituzione delle riserve in sospensione dimposta:

Avanzo da fusione
Altre riserve

Capitale sociale

27
27

Neutralit ai fini delle imposte dirette

7. Trasferimento del regime fiscale delle riserve della societ fusa od


incorporata allaumento di capitale e allavanzo da annullamento o da
concambio presso la societ risultante dalla fusione o incorporante (criterio
proporzionale)

Si considerano non concorrenti alla formazione dellavanzo da annullamento il


capitale e le riserve di capitale fino a concorrenza del valore della
partecipazione annullata

28
28

Neutralit ai fini delle imposte dirette

8. Irrilevanza per il socio del concambio delle partecipazioni originarie nella


societ incorporata, salvo in caso di conguaglio in denaro

29
29

IRAP

La finanziaria 2008 ha modificato il metodo di determinazione della base


imponibile IRAP. In base a tale modifica questultima determinata partendo
direttamente dalle voci di conto economico, rilevanti ai fini dellIRAP, senza
operare le variazioni in aumento e in diminuzione previste ai fini IRES (in
conseguenza dellabrogazione dellarticolo 11-bis D.Lgs. 446/1997).

30
30

IRAP

Ai sensi del primo comma dellarticolo 5 in parola, gli importi rilevanti ai fini
Irap devono essere assunti cos come risultanti dal conto economico
dellesercizio, senza quindi tenere conto delle regole fiscali previste dal dpr
917/86 ai fini Ires, eccezion fatta per alcune specifiche componenti (come
lammortamento dei marchi e dellavviamento), per cui continuano a valere le
disposizioni previste per tale imposta.

31
31

IRAP

Circolare 57/E del 25 settembre 2008


Ai sensi dellarticolo 1, comma 7, del decreto ministeriale 25 luglio 2008, I
maggiori valori assoggettati a imposta sostitutiva si considerano riconosciuti
ai fini dellimposta sul reddito e dellIrap a partire dal periodo dimposta nel
corso del quale esercitata lopzione.
Dal disposto della richiamata norma, si desume che, in linea generale (ossia in
assenza dellapplicazione dellimposta sostitutiva) i maggiori valori iscritti in
bilancio dalla societ avente causa a seguito delle predette operazioni di
riorganizzazione aziendale, non sono riconosciuti fiscalmente neppure ai fini
del tributo regionale.

32
32

Retrodatazione degli effetti fiscali

Il reddito della societ fusa od incorporata relativo al periodo compreso tra linizio
del periodo dimposta e la data in cui ha effetto la fusione costituisce
autonomo periodo dimposta ed determinato in base alle risultante di
apposito conto economico

Possibilit di retrodatare gli effetti fiscali (ai soli fini delle imposte sui redditi) delle
operazioni di fusione

33
33

La data di effetto della fusione ai fini civilistici

La fusione ha effetto quando stata eseguita l'ultima delle iscrizioni


dellatto di fusione presso il registro delle imprese.
Nella fusione per incorporazione l'effetto pu essere postdatato rispetto
all'ultima iscrizione dell'atto di fusione.
L'atto di fusione pu stabilire la retrodatazione degli effetti solo con
riguardo a:
- la data a decorrere dalla quale le operazioni delle societ partecipanti
alla fusione sono imputate al bilancio della societ incorporante o di
quella che risulta dalla fusione (retrodatazione contabile)
- la data dalla quale le azioni o quote derivanti dall'operazione di fusione
partecipano agli utili (retrodatazione reddituale)

34
34

Retroattivit contabile e fiscale

La retroattivit contabile e quella fiscale sono strettamente collegate,


perch il reddito dimpresa si determina in base al risultato economico che
emerge dal bilancio, desercizio o infrannuale che sia, pertanto, se viene
pattuita la retroattivit contabile automaticamente ci comporter anche la
retroattivit fiscale.

35
35

Profili fiscali delle fusioni


Dichiarazione dei redditi

Regola generale:
Il reddito delle incorporate relativo alla frazione di esercizio compresa
tra linizio del periodo di imposta e la data di efficacia della fusione
determinato secondo le regole applicabili prima della fusione
La relativa dichiarazione dei redditi va presentata entro lultimo giorno
del decimo mese successivo
Retrodatazione:
Il reddito della incorporata viene consolidato in quello della
incorporante nella dichiarazione relativa allintero periodo di imposta

36
36

Profili fiscali delle fusioni


Regola generale

25

01/01

inc.

40

31/12

dich. A: 65

30

dich. B (A): 30

Retrodatazione

01/01

25
area di retrodatazione

30

inc.

40

31/12

dich. A: 95

37
37

Irrilevanza ai fini delle imposte indirette


Le operazioni di fusione sono:

escluse dal campo di applicazione dellimposta sul valore aggiunto

soggette ad imposta di registro in misura fissa pari a 168 euro

soggette ad imposta catastale e ipotecarie in misura fissa pari a 168 euro


ciascuna

38
38

Imposta sul valore aggiunto

Subentro della societ incorporante o risultante dalla fusione nella rettifica


ex art. 19bis2, comma 7, Dpr n. 633/72 (rettifica della detrazione) per i beni
ammortizzabili ricevuti per effetto della fusione. In tale caso vale la data in
cui tali beni sono stati acquistati dalla incorporata

39
39

Responsabilit dellincorporante

La societ incorporante o risultante dalla fusione subentra negli obblighi


delle societ incorporate relativi al pagamento delle sanzioni (Art. 15,
comma 1, dlgs 18 dicembre 1997, n. 472)

40
40