Sei sulla pagina 1di 26

www.diegobruciafreddo.

com

Any question don't hesitate to contact me! Enjoy reading!

-Facolt dingegneria-Corso di Laurea Specialistica in ingegneria Civile- Progettazione Strutturale- A.A.2007/08

Universit Mediterranea
A.A.2007/08

FISICA III

Materia:
Fisica III
Docente:
Prof. Saveria Santangelo
Studente:
Diego Bruciafreddo

ESERCITAZIONE 5
Oscillazioni permanenti
In un circuito RLC serie: risonanza

Ascolto

Livello europeo (*)

Inglese
Francese

Lettura

Interazione orale

Produzione orale

B2 Livello intermedio C1 Livello Avanzato B2 Livello intermedio B2 Livello intermedio C1 Livello avanzato
A2

Livello
Elementare

B1 Livello Intermedio A2

Livello
Elementare

A2

Livello
elementare

A2 Livello elementare

(*) Quadro comune europeo di riferimento per le lingue

Capacit e competenze sociali - Sono particolarmente predisposto a lavorare in team cercando sempre di comprendere e di risolvere i
problemi al meglio al fine di ottenere i risultati previsti.
- Sono dotato di un forte senso di volont e di capacit di problem solving anche nelle situazioni pi
dinamiche.
-Sono dotato di un ottimo spirito di adattamento anche nelle situazioni pi complesse e sono pienamente
disponibile a trasferte in tutto il mondo.
-Buona capacit di comunicazione e motivazione ottenuta grazie a unampia esperienza di impartizione
di lezioni private a un buon numero di studenti universitari ( ad oggi circa 60 )

Capacit e competenze
organizzative
Capacit e competenze tecniche
Capacit e competenze
informatiche

Altre capacit e competenze


Patente

Gestione di progetti e gruppi di lavoro

Ingegnere strutturista con capacit progettazione di strutture non tradizionali e complesse.


Si elencano le principali competenze specialistiche in aggiunta alle competenze base di utilizzo del
computer:
Ottima conoscenza Excel+VBA
Ottima Conoscenza programma per Modellazione FEM STRAUS7
Ottima Conoscenza Programma per Modellazione Fem MIDAS GEN
Ottima Conoscenza Programma Per Modellazione FEM SAP200
Capacit di utilizzo e apprendimento in tempi rapidi di tutti i programmi di modellazione FEM
Ottima conoscenza dei linguaggi di programmazione VBA, C++
Ottima conoscenza del programma di Calcolo MATLAB
Ottima conoscenza del pacchetto OFFICE
Ottima conoscenza di AUTOCAD
Runner amatoriale con partecipazione a eventi , nuoto;
A, B

Ulteriori informazioni Referenze e Curriculum Vitae dettagliato su richiesta


Autorizzo il trattamento dei miei dati personali ai sensi del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196
"Codice in materia di protezione dei dati personali". (facoltativo, v. istruzioni)

Firma

Pagina 3/3 - Curriculum vitae di


Cognome/i Nome/i

Per maggiori informazioni su Europass: http://europass.cedefop.europa.eu


Unione europea, 2002-2010 24082010

Esercitazione 1:

Circuito RC

Dati:
R = 20 k (errore 5%)

C = 1F (errore 10 %)

Errore totale 5% +10% = 15%

= RC = 20 s 3.00 s

Dati sperimentali letti durante la fase di scarica


Vc [V]
19
18
15
13
12
10
9
8
7
5
4
3
1

Vc [V]
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1

t [s]
0
2
4
8
10
14
16
18
20
26
32
40
50

t [s]
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2

Differenze tra i dati teorici e quelli sperimentali (tutti i dati sono espressi in volt)
Vc teorico
19.00
17.19
15.56
12.74
11.52
9.44
8.54
7.72
6.99
5.18
3.84
2.57
1.56

Vc sperimentale
19
18
15
13
12
10
9
8
7
5
4
3
1

Vc assoluto
0.00
0.81
0.56
0.26
0.48
0.56
0.46
0.28
0.01
0.18
0.16
0.43
0.56

Fase di scarica del condensatore


Vc (V)
20
Dati sperimentali

18
16

Curva teorica

14
12
10
8
6
4
2
0
0

10

20

30

40

50

t (s)

60

Diagramma semilogaritmico per il calcolo della sperimentale


ln (Vc )
Dati sperimentali

3.5

Lineare (Dati
sperimentali)

3
2.5
2
1.5
1
0.5

y = -0.056x + 3.046

0
-0.5
0

10

20

30

40

50

60

t [s]

La sperimentale data dallinverso del coefficiente angolare () della retta che meglio interpola nel senso
dei minimi quadrati i dati sperimentali riportati su un diagramma semilogaritmico semilogaritmico.
1
1
17.86
| | 0.056
tale valore buono perch:

Esercitazione 2:
Circuito RLC in fase di scarica
Dati:
R = 330 (errore 5%)

C = 1F (errore 10 %)

L=47 mH (errore del 10 %)

V=8 Volt
Dati sperimentali letti durante la fase di scarica con la resistenza R inserita

Vc (Volt)
8.00
-6.80
6.00
-5.20
4.40
-3.60
3.20
-2.80
2.40
-2.00
1.60
-1.60
1.20
-1.20

Vc
(Volt)
0.40
0.40
0.40
0.40
0.40
0.40
0.40
0.40
0.40
0.40
0.40
0.40
0.40
0.40

t [s]
0.00
20.00
45.00
65.00
85.00
110.00
130.00
150.00
175.00
195.00
220.00
240.00
260.00
275.00

t [s]
5.00
5.00
5.00
5.00
5.00
5.00
5.00
5.00
5.00
5.00
5.00
5.00
5.00
5.00

Dati sperimentali letti durante la fase di scarica senza la resistenza R:


Vc (Volt)
8.00
-8.00
6.00
-6.00
3.20
-3.20
2.40
-2.40
1.60
-1.60

ln Vc
2.079441542
2.079441542
1.791759469
1.791759469
1.16315081
1.16315081
0.875468737
0.875468737
0.470003629
0.470003629

t [s]
0
20
40
65
125
150
170
190
210
235

Misure RLC
10.00

Misure RLC

Differenza di potenziale ai capi del condensatore

8.00

6.00

4.00

2.00

0.00
0.00

50.00

100.00

150.00

200.00

250.00

300.00

-2.00

-4.00

-6.00

-8.00

tempo

Figura 1. 1 Rappresentazione dei dati ricavati dalle misurazione

Riportando i dati su scala semilogaritmica stante il legame tra i picchi della tensione ai capi del
condensatore e il tempo, espresso dalla relazione:
ln

ln

si ricavato il valore della costante del circuito, dalla retta che meglio interpola i dati nel senso dei minimi
quadrati in un grafico semilogaritmico:

Grafico semilogaritmico

Logaritimo naturale dei valori massimi ai


capi del condensatore

2.50

Grafico semilogaritmico

2.00
1.50

1.00
0.50
y = -0.007x + 2.082

0.00
0.00

50.00

100.00

150.00
tempo

200.00

250.00

300.00

Figura 1. 2 grafico semilogaritmico

da questo grafico si ricava che il valore della costante di tempo sperimentale :


1
0.007

142.85

essa differisce di molto dal valore teorico perch la resistenza R utilizzata a dimensioni paragonabili alla
resistenza interna della basetta. Che possiamo stimare dal grafico in figura 1.3 che riporta il decadimento
logaritmico dei picchi in assenza di resistenza R esterna.

Grafico semilogaritmico

Logaritimo naturale dei valori massimi ai capi


del condensatore

2.5

Grafico semilogaritmico

1.5
y = -0.0037x + 2.0922

0.5

0
0.00

50.00

100.00

150.00
tempo

200.00

250.00

300.00

Figura 1. 3 decadimento logaritmico dei picchi di tensione ai capi del condensatore con la sola resistenza del circuito

da questo secondo grafico possiamo ricavare il valore della Rint tramite la relazione inversa che mi da la
costante di tempo.

47
3
1
6
0.0037

348

Noto questo valore di resistenza posso meglio interpretare i dati misurati con la resistenza inserita.
Sar:
2

47
330

3
348

139

lincertezza su questo valore del 25% quindi:


25% 139

34.75

la forbice tra il valore teorico e quello sperimentale :


|

EVOLUZIONE TEMPORALE DELLA TENSIONE AI CAPI DEL


CONDENSATORE

10.00

Differenza di potenziale ai capi del condensatore Vc [Volt]

8.00
6.00
4.00
2.00
0.00
0

50

100

150

200

250

300

-2.00
-4.00
Andamento teorico con Radd
-6.00
Decadimento esponenziale
-8.00

-10.00

Misure sprimentali
tempo t [s]

Figura 1. 4: Grafico comparativo e riassuntivo dei risultati della prova

Andamento teorico senza


Radd

Esercitazione 3:

Studio dei filtri RC e CR

Dati:
R = 20 K (errore 10%)

C = 1F (errore 10 %)

R=20K

C=1nF

Figura 1. 1: schema del circuito in analisi

PARTE 2-3-4
La frequenza di taglio teorica del circuito :

1
2

1
2 20 3 1

si alimentato il circuito con unampiezza Vo=8 Volt.

7.9

PARTE 5-6 (filtro RC)

In tabella la serie di misurazioni sperimentali ottenute esplorando la risposta del circuito a


frequenze nellintorno di 10 volte la tensione di taglio.
n
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
30
31

v0 [KHz]
90
85
80
75
70
65
60
55
50
45
40
35
30
25
20
15
10
8
7.5
7
6.5
6
5.5
5
4.5
4
3.5
3
2.5
2

To [s]
11.11
11.76
12.50
13.33
14.29
15.38
16.67
18.18
20.00
22.22
25.00
28.57
33.33
40.00
50.00
66.67
100.00
125.00
133.33
142.86
153.85
166.67
181.82
200.00
222.22
250.00
285.71
333.33
400.00
500.00

T [s]
2.8
2.8
3.2
3.4
3.4
3.4
4
4.4
4.8
5.6
6
6.8
7.8
9.2
9.6
12
14
17
16
19
16
18
20
19
20
22
20
22
26
33

Err T
0.5
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
2
5
5
5
5
5
5
5
5
5
10
10
10
10
10
10

V in
8
8
8
8
8
8
8
8
8
8
8
8
8
8
8
8
8
8
8
8
8
8
8
8
8
8
8
8
8
8

Vc [Volt]
1.04
1.04
1.12
1.12
1.28
1.12
1.36
1.44
1.6
1.76
1.92
2.08
2.4
2.88
3.36
4
5.28
5.92
6.08
6.24
6.48
6.64
6.8
6.96
7.12
7.28
7.44
7.6
7.76
7.92

err V
0.4
0.4
0.4
0.4
0.4
0.4
0.4
0.4
0.4
0.4
0.4
0.4
0.4
0.4
0.4
0.4
0.4
0.4
0.4
0.4
0.4
0.4
0.4
0.4
0.4
0.4
0.4
0.4
0.4
0.4

a partire da queste misurazioni si ricavato, sfasamento in gradi rapporto d amplificazione e


relativi errori.

=360 *( t /To)
-90.72
-85.68
-92.16
-91.80
-85.68
-79.56
-86.40
-87.12
-86.40
-90.72
-86.40
-85.68
-84.24
-82.80
-69.12
-64.80
-50.40
-48.96
-43.20
-47.88
-37.44
-38.88
-39.60
-34.20
-32.40
-31.68
-25.20
-23.76
-23.40
-23.76

dati calcolati
e ass []
A= Vc/Vin
-22.86
0.13
-20.39
0.13
-23.59
0.14
-23.41
0.14
-20.39
0.16
-17.58
0.14
-20.74
0.17
-21.08
0.18
-20.74
0.2
-22.86
0.22
-20.74
0.24
-20.39
0.26
-19.71
0.3
-19.04
0.36
-13.27
0.42
-11.66
0.5
-7.06
0.66
-6.66
0.74
-5.18
0.76
-6.37
0.78
-3.89
0.81
-4.20
0.83
-4.36
0.85
-3.25
0.87
-2.92
0.89
-2.79
0.91
-1.76
0.93
-1.57
0.95
-1.52
0.97
-1.57
0.99

err A
0.057
0.057
0.057
0.057
0.058
0.06
0.059
0.059
0.060
0.061
0.062
0.063
0.065
0.068
0.071
0.075
0.083
0.087
0.088
0.089
0.091
0.092
0.093
0.094
0.095
0.096
0.097
0.098
0.099
0.100

A partire da questi risultati si sono tracciati i seguenti due diagrammi sperimentali, che in linea di
massima seguono landamento teorico atteso descritto da queste due equazioni:
1
1
e

atan

Fattore di attenuazione

misura sperimentale
del fattore di
attenuazione

1.2
1

Rapporto A

0.8
0.6
0.4
0.2
0
0

10

20

30
40
50
60
70
frequenza del segnale in ingresso [KHz]

80

90

100

Figura 1. 2: fattore di attenuazione andamento sperimentale e teorico

0.00

ANGOLO DI SFSAMENTO IN GRADI

10

20

30

40

50

60

70

80

90

100

-20.00
-40.00
-60.00

sfasamento in gradi ricavato


sperimentalmente
andamento teorico dello
sfasamento

-80.00
-100.00
-120.00
-140.00
Frequenza del segnale in ingresso [KHz]
Figura 1. 3: andamento dello sfasamento in funzione del tempo

Si pu notare come quando il circuito viene alimentato con la frequenza di taglio il rapporto di
amplificazione vale 2.

PARTE 5-6 FILTRO CR

In tabella la serie di misurazioni sperimentali ottenute esplorando la risposta del circuito a


frequenze nellintorno di 10 volte la tensione di taglio.
n
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15

v0 [KHz]
80
70
60
50
40
30
20
8
7
6
5
4
3
2
1

To [s]
12.47
14.28
16.54
19.66
24.98
33.36
55
123.5
141.8
127
197
255
316
491
975

T [s]
0.5
0.64
0.48
0.7
1.2
2.2
3.6
11.4
24
28
38
48
62
108
210

Err T
0.5
0.2
0.2
0.5
1
1
2
5
5
5
10
10
10
20
50

V in
8
8
8
8
8
8
8
8
8
8
8
8
8
8
8

Vc [Volt]
7.92
7.84
7.84
7.82
7.68
7.6
7.12
5.52
5.12
4.64
4.16
3.6
2.88
2
1.04

err V
0.4
0.4
0.4
0.4
0.4
0.4
0.4
0.4
0.4
0.4
0.4
0.4
0.4
0.4
0.4

a partire da queste misurazioni si ricavato, sfasamento in gradi rapporto d amplificazione e


relativi errori.
=360 *( t /To)
14.43
16.13
10.45
12.82
17.29
23.74
23.56
33.23
60.93
79.37
69.44
67.76
70.63
79.19
77.54

e ass []
0.58
0.72
0.30
0.46
0.83
1.57
1.54
3.07
10.31
17.50
13.39
12.76
13.86
17.42
16.70

A= Vc/Vin
0.99
0.98
0.98
0.9775
0.96
0.95
0.89
0.69
0.64
0.58
0.52
0.45
0.36
0.25
0.13

err A
0.100
0.099
0.099
0.099
0.098
0.098
0.095
0.085
0.082
0.079
0.076
0.073
0.068
0.063
0.057

A partire da questi risultati si sono tracciati i seguenti due diagrammi sperimentali, che in linea di
massima seguono landamento teorico atteso descritto da queste due equazioni:

1
1
e

atan

Fattore di attenuazione
misura sperimentale
del fattore di
attenuazione

1.2

Rapporto A

0.8

0.6

0.4

0.2

0
0

10

20

30

40

50

60

70

frequenza del segnale in ingresso [KHz]

Figura 1. 4: fattore di attenuazione del filtro CR andamento sperimentale e teorico

80

90

90.00

ANGOLO DI SFSAMENTO IN GRADI

80.00
70.00

sfasamento in gradi ricavato


sperimentalmente

60.00

andamento teorico dello


sfasamento

50.00
40.00
30.00
20.00
10.00
0.00
0

10

20

30

40

50

60

70

80

90

Frequenza del segnale in ingresso [KHz]

Figura 1. 5: andamento dello sfasamento in funzione della frequenza dellonda in ingresso

In ultimo un grafico comparativo in cui si puo notare come attorno al valore della frequenza di
taglio i valori di tensione ai capi della resistenza coincidono con i valore di tensione ai capi della
capacit.
A
1
0.8
y = 0.707
0.6
ai capi di C

0.4
0.2
0
1

10

100

ln (v0)

Figura 1. 6: alimentando il circuito alla frequenza di taglio le tensioni ai capi del condensatore e del resistore sono uguali.

Esercitazione 5:

circuito RLC (serie)

Dati:
R = 470

C = 1F

L=1 mH

Assegnati R, L, C, possibile calcolo i valori teorici di frequenza di risonanza, fattore di merito e


larghezza di banda.
159.155

frequenza di taglio

=2.12

fattore di merito

o=20=1000 KHz
1

2
2

4
4

1
1

791.56
1263.285

dalle quali ottengo:


0.792
1.263
471.73

ampiezza di banda

A partire dalle misurazioni effettuate stimo la bont delle stesse confrontandole con i risultati
teorici.
Si settata lampiezza dellonda sinusoidale pari a 20 Volt, ed alimentato il circuito con vari valori
di frequenza per comprendere la risposta del sistema ai vari segnali.

[KHz]
19.94
29.66
42.00
53.25
67.48
78.00
95.00
105.40
114.00
124.00
127.00
135.00
141.00
148.00
155.00
159.00
169.00
181.00
190.00
196.00
245.00
359.00
568.00
697.00
827.00
958.80
1074.00
1154.00
1235.00
1330.00

T [s]
52.80
33.72
23.86
18.75
14.77
12.88
10.48
9.48
8.76
8.31
7.90
7.42
7.10
6.75
6.44
6.27
5.92
5.55
5.26
5.09
4.80
2.79
1.76
1.43
1.20
1.04
0.93
0.87
0.81
0.72

t [s]
14.20
7.60
5.20
3.60
3.20
2.60
1.80
1.60
1.20
1.00
0.90
0.70
0.60
0.40
0.30
0.08
0.16
0.40
0.48
0.52
0.68
0.64
0.42
0.46
0.39
0.31
0.29
0.26
0.23
0.21

(t)
[s]
1.00
2.00
1.00
1.00
1.00
1.00
1.00
1.00
1.00
1.00
0.50
0.50
0.50
0.50
0.50
0.20
0.20
0.20
0.20
0.20
0.20
0.10
0.10
0.10
0.05
0.05
0.05
0.05
0.05
0.05

Vr [Volt]
2.00
2.60
3.40
4.20
5.40
6.40
8.40
9.60
11.20
12.20
13.40
14.60
15.60
16.80
17.20
17.60
17.60
16.80
16.00
15.20
10.60
6.20
3.60
2.80
2.40
2.00
1.80
1.60
1.40
1.40

Vr
[Volt]
1.00
1.00
1.00
1.00
1.00
1.00
1.00
1.00
1.00
1.00
1.00
1.00
1.00
1.00
1.00
1.00
1.00
1.00
1.00
1.00
1.00
1.00
1.00
1.00
1.00
1.00
1.00
1.00
1.00
1.00

a partire da questi risultati si sono ricavati il valore di sfasamento e fattore di amplificazione.


riportati nella tabella seguente:

fhi
96.82
81.14
78.46
69.12
78.00
72.67
61.83
60.76
49.32
43.32
41.01
33.96
30.42
21.33
16.77
4.59
-9.73
-25.95
-32.85
-36.78
-51.00
-82.58
-85.91
-115.80
-117.00
-107.31
-112.26
-107.59
-102.22
-105.00

err fhi
26.04
18.29
17.10
13.27
16.90
14.67
10.62
10.25
6.76
5.21
4.67
3.20
2.57
1.26
0.78
0.06
-0.26
-1.87
-3.00
-3.76
-7.23
-18.94
-20.50
-37.25
-38.03
-31.99
-35.01
-32.15
-29.03
-30.63

A
0.10
0.12
0.16
0.20
0.26
0.31
0.41
0.46
0.54
0.59
0.66
0.74
0.79
0.87
0.89
0.92
0.91
0.87
0.82
0.76
0.51
0.30
0.17
0.13
0.11
0.10
0.09
0.08
0.07
0.07

err A
0.05
0.05
0.05
0.06
0.06
0.06
0.07
0.07
0.07
0.08
0.08
0.09
0.09
0.10
0.10
0.10
0.10
0.10
0.09
0.09
0.07
0.06
0.06
0.05
0.05
0.05
0.05
0.05
0.05
0.05

ed stato riportato in un grafico landamento di A=Vr/Vin e di in funzione di .

CIRCUITO RLC SERIE

Rapporto di amplificazione A=Vr/Vin

1.20

Andamento del rapporto di


amplificazione
andamento atteso

1.00

0.80

0.60

0.40

0.20

0.00
0.00

200.00

400.00

600.00

800.00

1000.00

1200.00

1400.00

frequenza del segnale in ingresso [KHz]


Figura 1. 1: rapporto tra ampiezza in ingresso ed ampiezza ai capi della resistenza al variare della frequenza

CIRCUITO RLC SERIE

150.00

sfasamento
100.00
sfasamento atteso
sfasamento in gradi

50.00
0.00
0.00

200.00

400.00

600.00

800.00

1000.00

-50.00

-100.00
-150.00
-200.00
frequenza del segnale in ingresso [KHz]
Figura 1. 2: sfasamento in funzione della frequenza del segnale in ingresso

1200.00

1400.00

Da questi dati si nota come si commettono errori significativi nelle zone lontane dalla frequenza di
risonanza del circuito.
Per stimare sperimentalmente fattore di merito e larghezza di banda facciamo la considerazione che dai
dati sperimentali abbiamo ricavato una frequenza di risonanza pari a:
o=162 KHz

riporto il diagramma in figura 1.1 adimensionalizzando le ascisse rispetto a o, su di esso traccio la retta
avente per intercetta A=1/2 . Leggo i corrispondenti valori di /o e calcolo ampiezza di banda e le due
frequenza di taglio e di conseguenza il fattore di merito.

Titolo del grafico

1.00

frequenza
adimensionalizzata

0.90

Fattore di amplificazione A=Vr/vin

0.80
0.70
0.60
0.50
0.40
0.30
0.20
0.10
0.00
0

0.5

1.5

2
/o

2.5

3.5

Figura 1. 3: grafico fattore di amplificazione e frequenza adimensionalizzata rispetto a quella di risonanza ricavata
sperimentalmente

100.00
80.00
60.00

Sfasamento in gradi

40.00
20.00
frequenza
adimensionalizzata-sfasamento

0.00
-20.00

sfasamento attorno alle


frequenze di taglio

-40.00
-60.00
-80.00
-100.00

/o

Figura 1. 4: grafico che riporta landamento dello sfasamento in funzione del rapporto di frequenza adimensionalizzato

Dai due grafici si evince che il rapporto in frequenza, che pu essere ricavato sia dallo sfasamento che dal
diagramma del rapporto di amplificazione e pari a:
-1/o=0.75
- 2/o=1.30
essendo

divido ambo i membri per o


1.30

0.75

0.55

allora lampiezza di banda :

0.55

0.55

561.56

ed il fattore di merito Q :
1
0.55

confrontando questi valori con quelli teorici calcolati allinizio ottengo:

1.82

teorico

sperimentale

errore
assoluto

0 [kHz]

159.55

162.5

2.95

B [kHz]

471.3

561.5

90.2

2.12

1.82

0.30

questa discrepanza di risultati oltre che agli inevitabili errori di misurazione pu essere dovuta a fatto che
abbiamo lavorato con una resistenza con un ordine di grandezza paragonabile a quella del circuito.
Possiamo stimare la resistenza del circuito in questo modo:

noto Q dalle misurazioni sperimentali, abbiamo:

1
1
1.82 1

3
9

549.45

da cui Rcirc=120 ohm.

CIRCUITO RLC SERIE

Rapporto di amplificazione A=Vr/Vin

1.20

Andamento del rapporto di


amplificazione

1.00

andamento atteso senza


Rcirc
0.80
andamento atteso con Rcirc
0.60

0.40

0.20

0.00
0.00

200.00

400.00
600.00
800.00
1000.00
frequenza del segnale in ingresso [KHz]

1200.00

1400.00

Figura 1. 5: dal grafico comparativo si vede come la curva ottenuta tenendo conto della Rcirc interpoli meglio i dati

Esercitazione 6:

DIODI

Si (piccoli segnali)

1.5

15

10

0.5

-0.5 0

500

1000

-5 0

-1

-10

-1.5

-15

Rosso (piccoli segnali)

V
4

200

400

600

800

1000

Rosso (grandi segnali)

V
15
10

0
-2

Si (grandi segnali)

200

400

600

800

-5 0

Verde (piccoli segnali)

800

1000

15

5
0

0
200

400

600

800

-10

-3

-15

Giallo (piccoli segnali)

15

10

5
t
200

400

600

800

1000

500

1000

Giallo (grandi segnali)

-5 0

1000

-2

-1 0

600

Verde (grandi segnali)

V
10

400

-15

-1 0

200

-10

-4

1000

0
-5 0

-2

-10

-3

-15

t
200

400

600

800

1000