Sei sulla pagina 1di 4

Preparazione del Candidato allIniziazione

La Massoneria, e non solo, ha dato rilievo al tema della preparazione del Candidato prima della
Iniziazione. Mi riferisco alla preparazione esteriore, prima dellingresso nel Tempio, e non a quella
interiore, a quella spirituale che non mia intenzione trattare nella presente Tavola. Preparazione
che riguarda labbandono dei metalli nonch tutte quelle modalit concernenti la persona fisica del
Bussante: BENDA SUGLI OCCHI, CORDA AL COLLO, BRACCIO DESTRO E GINOCCHIO DESTRO NUDO,
PIEDE SINISTRO SCALZO, CUORE SCOPERTO.
Questa forma convenzionale di preparazione viene da sempre raccomandata, come dicevo
precedentemente, dalle Obbedienze massoniche senza eccezioni di sorta.
Penso che tutti noi al momento della nostra Iniziazione ci siamo posti la domanda sul perch di
tale procedura e ne abbiamo immaginato i significati. Ritengo anche che, proprio perch il Bussante
come recita il Rituale non sa nulla, la risposta non fosse andata al di l di una interpretazione
allegorica di tali modalit.
Di esse ne viene fornita, generalmente, una spiegazione storica; si narra che trova origine nel
passato e che ne era una regola presso gli Ebrei che, riferendosi al Talmud, affermavano che
.nessuno doveva entrare nel Tempio con il suo bastone, n doveva avere calzature ai piedi, n
doveva vestire dei suoi abiti esteriori, n, infine, doveva portare denaro nella borsa che aveva
seco.
I F.lli ed in particolare i Maestri sanno, per, che la preparazione allingresso del Tempio
finalizzata ad un passaggio di grado differisce a seconda del grado stesso e che quella di cui stiamo
parlando particolare; non si tratta quindi di una regola generale di entrata nel Tempio o di una
entrata funzionale ad un aumento di salario, per usare la terminologia massonica, ma di una
modalit tipica per chi ci entra per la prima volta, la modalit quindi della Iniziazione. Si deve
perci pensare che per essa ci si debba riferire a delle modalit e quindi a delle conoscenze
particolari che renderanno unica e irripetibile lesperienza di colui che si appresta a chiedere la
luce: il Bussante appunto.
Conoscenze che i nostri antichi F.lli ricercatori (ed dobbligo riferirsi ancora una volta
allEgitto) tradussero in modalit operative che furono fedelmente conservate nei secoli dalle
organizzazioni iniziatiche e tramandate fino a noi. Conoscenze che riguardano alcuni gesti,
movimenti e parole, messi in atto durante lIniziazione e che vanno ben al di l di una semplice
interpretazione allegorica e morale ma che si rifanno a quelle dottrine segrete frutto di millenarie
esperienze operative, e sottolineo la parola esperienze, di coloro che ci hanno preceduto sulla strada
della vera ricerca.
Un bagaglio di sapere esoterico che non riguarda solo la fisiologia occulta delluomo, verso cui
sono dirette alcune forze o energie durante la cerimonia di Iniziazione ma che concernono anche
la geografia sacra e quindi quelle zone della Loggia che pi di altre vengono chiamate in causa
durante il rito, mi riferisco in particolare a quella parte del Pavimento a scacchi squadrato dai F.lli al
momento del loro ingresso nel Tempio, ai Seggi dei Sorveglianti, allAra, al Quadro di Loggia.
Conoscenze che riguardano anche gli strumenti impiegati durante lIniziazione, a cominciare
dalla Spada Fiammeggiante del M.V. per terminare col Compasso e gli elementi usati per la
purificazione del Candidato. Un commento particolare andrebbe fatto per alcune delle parole e dei
gesti suggeritici dal Rituale ma questi cos come gli aspetti operativi cui ho sopra accennato un
discorso per . Maestri.

Tavola 15/2008 - GM

Pagina 1

14/11/2008

Il lavoro di questa sera riguarda la ricerca del significato allegorico e morale concernente la
preparazione del Recipendiario e se inoltre, dietro di essa, possiamo intravedere sviluppi esoterici
che giustifichino il mantenimento di questa forma tradizionale fino ai nostri giorni.

LABBANDONO DEI METALLI


Una notevole valenza sempre stata data a questa fase preliminare della preparazione del
Candidato. Come ben sappiamo prima che lIniziando entri nel Tempio deve consegnare i metalli
che indossa ed consuetudine, in genere, prelevare i denari (che in origine erano sempre di metallo)
e spesso lorologio.
Una prima spiegazione, per questa sottrazione, la possiamo far risalire gi dalla fine dellet
della pietra. Secondo alcuni autori in quel lontano passato venivano considerati impuri i metalli e
coloro che li lavoravano (vedasi la figura magico - simbolica del fabbro). Lo stesso sentimento ha
guidato molti popoli ad usare coltelli di pietra per i sacrifici alle Divinit. Il Bussante non deve
portare su di se dei metalli: deve essere quindi puro.
Una seconda interpretazione pu suggerire che il Candidato sta per entrare in una Confraternita
dove non contano n i beni materiali,n i titoli. Qualunque altro riferimento, anche di tipo temporale
( orologio) relativo al mondo profano che lascia, perde di significato in un mondo che si apre al
Tempo sacro ed ad altri valori.
Egli deve essere perci povero o meglio libero.
In altri termini non deve dipendere da beni e possessi esterni n da condizioni e
condizionamenti psicologici personali in quanto a niente potranno servirgli nella strada di
perfezionamento interiore che sta per intraprendere.
Egli si mette con questo gesto al servizio del G.A.D.U. al quale, ovviamente, i metalli non
interessano e al servizio dellUmanit a cui simbolicamente dona, prima di entrare nel Tempio, i
suoi beni. Aspetto, questultimo, ripreso spesso dalla mistica medievale Cristiana.
Questi concetti di purezza, povert e libert, come qualit preliminari allingresso del Tempio,
non soddisfano per quella parte esoterica della Iniziazione che non fa riferimento solo a qualit
morali.
Ricordo che fra i requisiti tecnici per essere ammessi allIniziazione non si parla solo di
qualit morali ma anche di caratteristiche fisiche.
Labbandono dei metalli deve assumere quindi un significato pi ampio, pi profondo pi
legato alla fisicit e a quelle energie sottili di cui ho prima parlato e che opportunamente sollecitate
stimoleranno le correnti eteriche presenti nei canali sottili della spina dorsale. Mi limito a questa
indicazione ben sapendo che questa una tavola per Apprendisti ; apprendisti s ma di una Loggia
che fa dellesoterismo la sua ragione dessere.
Ai nostri apprendisti quindi il compito di approfondire la fisiologia occulta delluomo; i maestri
saranno comunque loro accanto.
I metalli vanno tolti, quindi, non solo per soddisfare una condizione allegorica e morale ma
perch possono impedire o comunque ostacolare il fluido scorrere delle correnti eteriche. Ci
riguarda, in questa accezione, non tanto i denari simbolici ma quelli reali come ad esempio
anelli, monete,catenine od occhiali metallici.
Mi piace segnalare,a titolo di riflessione, la discussione prodotta da una decisione di una
Obbedienza anglosassone che ha considerato nulle le iniziazioni avvenute con lanello al dito del
bussante.

Tavola 15/2008 - GM

Pagina 2

14/11/2008

LA BENDA SUGLI OCCHI


Si bendano gli occhi del Candidato per una ragione abbastanza evidente.
Egli non deve vedere la Loggia n alcuna delle sue decorazioni o disposizioni prima che abbia
prestato il giuramento.
N deve altres vedere alcun membro della Loggia prima dello stesso.
Il rituale prevede infatti la possibilit che egli possa ritirarsi prima di compiere questatto cos
vincolante e lopportunit per la Loggia, di una ultima votazione prima dellammissione del
Candidato in Loggia.
In senso allegorico la benda rappresenta anche la cecit mentale del Recipiendario: luomo
della strada crede di vedere e sapere ma ora che sta per entrare in un contesto animato da valori e
riferimenti diversi deve rendersi conto che questa visione illusoria.
I saggi dellantichit dicevano che: Quando fa giorno per gli uomini ordinari, fa notte per il
saggio, ma quando per gli uomini ordinari fa notte, allora fa giorno per il saggio. Ci che in questo
mondo sembra agli uomini luce e conoscenza non altro che ignoranza e oscurit e laddove per
essi tutto tenebre, il saggio vede.
Naturalmente questo pensiero va interpretato, ma non vi dubbio che il Candidato con
lIniziazione dovrebbe passare da una pura conoscenza della natura e degli esseri che la circondano
ad una comprensione della e degli stessi con tutta la pienezza del significato che dobbiamo
attribuire a questa parola.
In senso mistico la benda sugli occhi simbolizza anche lo stato di totale incoscienza in cui si
dovrebbe trovare un iniziando dopo lattraversamento della Porta del Tempio, nellaccezione di
Porta della Morte, iniziatica ovviamente.

LA CORDA SUL COLLO


E questo, a mio parere, uno dei simboli meno compresi.
Il Candidato come sappiamo entra con un cappio al collo, il cui terminale deve appoggiare alla
sinistra del suo petto.
Questo laccio portato dal Bussante dovrebbe ricordagli sia i legacci della ignoranza in cui ha
vissuto prima dellIniziazione sia le costrizioni della vita a cui siamo sottoposti: ossia quelle
limitazioni e responsabilit di cui dobbiamo tenere conto. Impossibile evitare le prime e altrettanto
impossibile lanciarsi nel turbinio della vita senza considerare le seconde.
Ma questo simbolo richiama, soprattutto, le 2 grandi leggi universali del Dharma e del Karma.
Sono esse che limitano il nostro agire di uomini e quasi come un cappio condizionano il nostro
sviluppo.
Lingresso nel Tempio dovr favorire la corretta interpretazione di queste leggi ed il ruolo ed il
destino a cui siamo chiamati nella presente esistenza e conseguentemente scioglierne i nodi.
Mi limito a questo accenno conscio che lo sviluppo di questo discorso richiederebbe una
specifica Tornata di lavoro.
Ricordo comunque che per rendere meglio comprensibile questo simbolo lEsperto Terribile
che conduce il Candidato in questa fase dellIniziazione deve tenere il cappio in mano per meglio
evidenziare che il cammino del profano tuttaltro che libero ma condizionato e diretto dallesterno
da forze a lui superiori.

Tavola 15/2008 - GM

Pagina 3

14/11/2008

PIEDE DESTRO E GINOCCHIO SINISTRO NUDI BRACCIO DESTRO


NUDO CUORE SCOPERTO
Questo modo di presentarsi del Bussante alla porta del Tempio ha trovato sovente
interpretazioni relative alla condizione danimo in cui dovrebbe trovarsi colui che viene a chiedere
la luce. Si parla quindi di modalit atte ad esprimere quel di senso di umilt, povert e devozione,
che dovrebbero caratterizzare il Candidato che si appresta a calpestare un suolo sacro e che vengono
simbolicamente espresse dalle nudit di queste parti del suo corpo. La mancanza di qualsiasi
atteggiamento aggressivo nei confronti della Comunit, di cui sta per diventare parte, sarebbe
inoltre espressa dal braccio nudo (non nasconde armi). Braccio che sar, invece, a disposizione dei
F.lli per ogni aiuto essi necessitassero.
Anche il cuore scoperto: tale gesto vuole allegoricamente esprimere la volont del Bussante a
mettersi a disposizione dei F.lli per ogni causa generosa e per ogni difesa che essi o lIstituzione
abbisognassero. Nel 700 si diceva anche che con questa modalit si volesse impedire lingresso a
qualche donna travestita
Tutti significati degni di attenzione ma che restano nellambito allegorico e non toccano
quellaspetto esoterico che deve contraddistinguere una cerimonia o meglio un Rito iniziatico.
Dobbiamo quindi pensare che queste parti del nostro corpo che, secondo la dottrina segreta,
lIniziazione vuole scoperte abbiano a che vedere con quei luoghi della Loggia con cui vengono a
contatto. Queste zone della Loggia dovrebbero essere state magnetizzate dai F.lli nella fase
preparatoria alliniziazione ed, esotericamente parlando, il contatto col le parti nude del Bussante
dovrebbe contribuire ad un risveglio delle energie eteriche in esso latenti.
A questo risveglio daranno il proprio contributo anche alcuni strumenti: rammentiamoci,a titolo
desempio, che il cuore scoperto del Candidato viene toccato dalla punta della spada del
Copritore Interno e dalla punta di un compasso nonch dai maglietti del M.V. e dei Sorveglianti,
che sulla testa dello stesso il M.V. poser la Spada Fiammeggiante e batter 3 colpi ecc. ecc.
Ricordo che nelle iniziazioni dellantico Egitto questo gesto del M.V. non si limitava alla
sommit della testa ma coinvolgeva anche altre parti del corpo sedi dei centri splenici.
Altrettanto significativo lapporto dato a questo risveglio dagli elementi e dalle sostanze usate
sia durante lIniziazione che nella fase di predisposizione del Tempio che la precede.
Concludendo possiamo dire che la preparazione del Candidato esprime scuramente aspetti
allegorici e morali atti ad una migliore preparazione dello stesso ma che cela anche cognizioni
esoteriche che sar lIniziazione stessa a confermare durante lo svolgimento di tutto il Rituale.
G. Mondina
06 Novembre 2008

Tavola 15/2008 - GM

Pagina 4

14/11/2008