Sei sulla pagina 1di 5

STAMPA LIBERA » La rivoluzione non è necessaria, forse. Marco Saba » Stampa http://www.stampalibera.com/?

p=10486&print=1

- STAMPA LIBERA - http://www.stampalibera.com -

La rivoluzione non è necessaria, forse. Marco Saba


Pubblicato da Nicoletta Forcheri Il 22 marzo 2010 @ 12:02 in Banche, Finanza & Mercati, Geopolitica, NWO, Signoraggio
| Nessun commento

(In esclusiva per stampalibera.com)

[1]

1 di 5 24/03/2010 01:13
STAMPA LIBERA » La rivoluzione non è necessaria, forse. Marco Saba » Stampa http://www.stampalibera.com/?p=10486&print=1

Opera di Dormice

Uso questo titolo provocatorio per introdurre un argomento abbastanza scomodo: che mezzi usa l’élite per
automantenersi e impedire un vero progresso dell’umanità in occidente?

La risposta potrebbe far inorridire la mente per la sua semplicità: crea denaro per allocarselo, arricchirsi e comprare
o zittire qualunque voce che tenta la denuncia della grande frode uscita dalla seconda guerra mondiale. La chiave
dell’enorme potere derivante dall’attività di creazione dello strumento di pagamento, la moneta, serve anche per
capire la geopolitica, una materia che tanti commentatori televisivi cercano di complicare a oltranza per nascondere
che il re è nudo. Possiamo dire che il Grande Gioco si riassume nella questione e nella gestione privata
dell’emissione dei mezzi di pagamento. Chiunque capisce al volo che i falsari – quelli che falsificano la moneta
ufficiale attualmente in uso – si arricchiscono quando riescono a spenderla.

La stessa cosa vale anche per il sistema bancario con la differenza che la creazione di denaro da parte delle banche
danneggia molto di più la società e lo stato – e quindi l’ordine pubblico economico – perché di norma la moneta
bancaria è emessa a usura. Ovvero, dietro alla creazione di un debito da ripagare con interessi. L’assurdità di questa
pratica consiste principalmente nel fatto che le banche creano solo il capitale – come moneta – ma non creano il
denaro necessario a pagare gli interessi pretesi indietro. Paradossalmente, il sistema sarebbe solvibile solo se
esistesse una quantità di moneta sufficiente – e non creata a debito – per coprire la parte di interessi richiesti. In
pratica, se i falsari stampassero abbastanza valuta falsa (non creata a debito) per coprire gli interessi. Altrimenti, si
ha una scarsità artificiale del mezzo monetario che fa sì che tutti come pazzi – una volta indebitatisi – passino la vita
a correre per cercare quella quota parte di interessi per i quali non esiste “fisicamente” moneta in circolazione
sufficiente.

Questo può sembrare divertente come ulteriore prova – se ce ne fosse bisogno – della stupidità umana e della
demenza collettiva dove ci hanno portato quelli che avevano la responsabilità di formarci e informarci (scuola e
media). Ma anche quanti, scoperta questa vera e propria mega-truffa, non hanno mosso un dito: polizie e
magistrature. Dico che la truffa è ormai scoperta perché solo all’interno del nostro Centro Studi Monetari, in 5 anni,
abbiamo pubblicato una decina di libri che spiegano l’arcano, libri che hanno avuto diffusione nazionale con decine di
migliaia di copie vendute (1). E per chi non ha nemmeno più i soldi per comprare un libro, ne abbiamo messo uno
gratis su internet (2). E per chi non avesse nemmeno gli occhi per leggere, lo abbiamo pure messo in formato
audiolibro (3).

L’enorme vantaggio economico derivante dall’esercizio dell’oligopolio della creazione monetaria non è giusto che
rimanga appannaggio di una élite privata di cocainomani che vanno a trans. Questo vantaggio – che io definisco
“rendita monetaria effettiva”, per distinguerlo dalla semplice “rendita monetaria” così come intesa da quei falsari
della Banca d’Italia (4), spetta naturalmente allo stato.

Cosa succede quando una percentuale significativa della popolazione – quella meno demente – capisce quello che

2 di 5 24/03/2010 01:13
STAMPA LIBERA » La rivoluzione non è necessaria, forse. Marco Saba » Stampa http://www.stampalibera.com/?p=10486&print=1

stiamo scrivendo? Di norma, accade una rivoluzione e il sistema bancario viene nazionalizzato (a meno che non si
facciano tutti comprare in massa dalle banche). Casi tipici in questo senso sono stati la rivoluzione cinese e quella
iraniana. Noi abbiamo avuto il fascismo che emetteva “biglietti di stato a corso legale” invece di farsi usurare dai
banchieri come fa oggi il governo prendendo a prestito quello che è il frutto di una prerogativa della sovranità
(monetaria): la moneta.

Ma il fascismo (5) è stato presto gettato nella pattumiera della storia assieme anche ai diritti che vennero conquistati
per i lavoratori e che – in gran parte – un sindacato stracorrotto è riuscito a far cancellare progressivamente negli
ultimi trent’anni. Dico stracorrotto proprio perché mai i sindacati – nemmeno quelli meno gialli – hanno osato
prendere posizione ufficialmente e levare una voce per denunciare lo scandalo bestiale (ma offendo le bestie) del
signoraggio privato sull’emissione monetaria. Questa assurdità è costata le vite di quanti – “falliti” – hanno scelto la
strada del suicidio.

Per questo il compianto professor Giacinto Auriti aveva denunciato Carlo Azeglio Ciampi, allora governatore della
Banca d’Italia, per istigazione al suicidio. Perché se nell’aggregato non esiste moneta sufficiente per pagare gli
interessi, quando finisce la musica qualcuno rimane per forza senza la sedia dove sedersi. Cioè quando le banche
impongono di “rientrare”. Possiamo approssimativamente dire che se manca un 20% di moneta per rendere
solvibile il sistema, falliranno circa il 20% delle imprese e persone attualmente esposte col sistema bancario. Solo
questo da l’idea della sovversione dell’ordine economico operata silenziosamente dal sistema bancario.

Ma nel paese dello “io speriamo che me la cavo”, i soggetti meno ingenui hanno ognuno la loro banchetta, ad
esempio Berlusconi (Banca Mediolanum) ed il Vaticano (con lo IOR, l’Istituto per le Opere di Religione, verrebbe da
ridere se non ci fosse da piangere…). Ma il Vaticano almeno, seppure in modo molto vago nelle sue encicliche, cerca
di denunciare il sistema e di avvertire i fedeli. Naturalmente, senza entrare troppo nei particolari, non venisse in
mente al Casini di turno di chiedersi perché molti banchieri fan parte dell’Opus Dei…

Ma 57 milioni di italiani non possono diventare tutti banchieri per difendersi dal racket del signoraggio. 57 milioni di
italiani, arrivati a essere appunto “italiani” a seguito di innumerevoli guerre inutili, visto dove siamo arrivati, hanno
il diritto di aspettarsi che lo stato – con tutte le sue polizie più o meno segrete – faccia qualcosa per farli uscire da
questo racket che costa centinaia di miliardi di euro all’anno, nonché letteralmente la vita usurata a morte dei suoi
cittadini.

Allora torniamo al titolo, perché dico che la rivoluzione forse non è necessaria? Perché ci sono paesi dove gli statisti
(Putin in Russia, Chavez in Venezuela e forse Gheddafi in Libia) fanno qualcosa per limitare il potere della piovra coi
tentacoli a forma di Bancomat.

Se per esempio Tremonti avesse letto qualcuno dei libri citati sopra – e non si facesse troppo inebriare dalle riunioni
dell’Aspen Institute – potrebbe provare a seguire una via “morbida” al cambiamento. Potrebbe almeno – come
fanno in Nord Dakota (6)- creare una Banca davvero d’Italia con cui offrire ai cittadini quanto loro negato dal

3 di 5 24/03/2010 01:13
STAMPA LIBERA » La rivoluzione non è necessaria, forse. Marco Saba » Stampa http://www.stampalibera.com/?p=10486&print=1

sistema usuraio. Una banca di stato che usasse il criterio attuale di riserva frazionaria (2%) avrebbe bisogno di
raccogliere solo un cinquantesimo della massa monetaria richiesta dalle spese dello stato. Proprio perché potrebbe
usare a suo favore la leva del moltiplicatore monetario. Infatti, le banche prestano fino a 50 volte la cifra raccolta
che pongono “a riserva”, dimostrando di essere tutte in bancarotta tecnica (perché, a differenza dello stato, possono
finire in bancarotta).

Con questo sistema, cioè creando e usando una banca di stato, senza toccare il sistema bancario attuale, le tasse
potrebbero praticamente sparire, come già succede con i paesi cosiddetti paradisi fiscali che emettono la propria
moneta statale. Ovviamente la neonata Banca del Sud non è che una pallida imitazione del tipo di banca statale che
intendo io. Pare che il governo – in questo senso – sia parecchio timido. Ora si tratta di vedere se – a forza di
palliativi e succedanei – la popolazione rimanga ancora – e per quanto tempo – ipnotizzata nel suo stato di
malessere economico. Perché – nel caso di troppo poco e troppo tardi – si rischia che i milioni di disoccupati scelgano
una alternativa meno ingloriosa del suicidio. E magari decidano di chieder conto all’élite di quanto successo sinora. I
dati sono preoccupanti: ormai, ogni italiano, è stato derubato dell’equivalente di 1,3 milioni di euro. Una cifra più
che sufficiente per assicurare una vita dignitosa a tutti, calcolando anziani e bambini.

Ma in questo tempo di VEDUTA CORTA, come direbbe Padoa-Schioppa, il sistema politico gioca d’azzardo e cerca di
continuare “ad infinitum” il triste e melanconico “gioco delle parti”. Sperando e pregando che i cittadini non si
sveglino sparando. E’ un rischio morale micidiale. Un rischio mortale. Perché non è vero – come diceva Totò – che
ogni limite ha la sua pazienza. Aspettiamo e vedremo.

Marco Saba
Note:

1) Bankentein, Euroschiavi, Euflazione, Il grande mutuo, La moneta copernicana, O la banca o la vita, Moneta
Nostra, etc.

2) Moneta Nostra si può scaricare da:


http://studimonetari.org/monetanostra.pdf [2]

3) Moneta Nostra in formato audiolibro è qui:


http://www.archive.org/details/moneta_nostra_marco_Saba_chemtrail.dyndns.org_oseido [3]

4) La Banca d’Italia, così come le altre banche centrali nazionali europee, pretende di definire la “rendita monetaria”
come il differenziale tra i titoli di stato illegittimamente detenuti all’attivo ed il valore nominale della moneta emessa
come passivo… In pratica, considera solo il signoraggio sugli interessi dei titoli e fa sparire quello sull’intera massa di
moneta creata.

5) Su internet chi si occupa seriamente in Italia del tema dell’esercizio della sovranità monetaria, viene tacciato di

4 di 5 24/03/2010 01:13
STAMPA LIBERA » La rivoluzione non è necessaria, forse. Marco Saba » Stampa http://www.stampalibera.com/?p=10486&print=1

“fascista”. Nel mondo angloamericano hanno più fantasia con i titoli offensivi: “populista” e “antisemita”. Mentre, da
perfetti ignoranti, considerano “fascista” il sistema bancario attuale… Ovviamente non si tratta qui di rimettere in
funzione il sistema usato durante il periodo fascista, ma di capirne il meccanismo per proporre una riforma
monetaria adatta ai tempi attuali.

6) “The Growing Movement for Publicly Owned Banks”, di Ellen Brown, YES! Magazine, 18 marzo 2010
http://www.yesmagazine.org/new-economy/the-growing-movement-for-publicly-owned-banks [4] Pubblicato da Un
po’ di verità su economia e finanza… a 13.14 [5] [6] [7]

Reazioni:

Popularity: 27%

Articolo stampato da STAMPA LIBERA: http://www.stampalibera.com

URL dell'articolo: http://www.stampalibera.com/?p=10486

URL in questo articolo:

[1] Immagine: http://www.stampalibera.com/wp-content/uploads/2010/03/Dormice1.jpg


[2] http://studimonetari.org/monetanostra.pdf: http://studimonetari.org/monetanostra.pdf
[3] http://www.archive.org/details/moneta_nostra_marco_Saba_chemtrail.dyndns.org_oseido:
http://www.archive.org/details/moneta_nostra_marco_Saba_chemtrail.dyndns.org_oseido
[4] http://www.yesmagazine.org/new-economy/the-growing-movement-for-publicly-owned-banks:
http://www.yesmagazine.org/new-economy/the-growing-movement-for-publicly-owned-banks
[5] 13.14: http://leconomistamascherato.blogspot.com/2010/03/la-rivoluzione-non-e-necessaria-
forse.html
[6] : http://www.blogger.com/email-post.g?blogID=724539185867375742&
postID=5280910677710341532
[7] : http://www.blogger.com/post-edit.g?blogID=724539185867375742&
postID=5280910677710341532

Copyright & copy; 2009 STAMPA LIBERA. Tutti i diritti riservati.

5 di 5 24/03/2010 01:13