Sei sulla pagina 1di 6

ReportacuradelCISSCooperazioneInternazionaleSudSud

NinthEUAntiTraffickingDay
TimeforConcreteAction:
ImplementingtheLegalandPolicyFrameworkonTraffickinginHumanBeings
20October2015,Brussels
RadissonBluRoyalHotel,RueduFosseauxLoups,471000Brussels

Il CISSCooperazione Internazionale Sud Sud, in quanto organizzazione membro della Piattaforma della
SocietcivilecontrolaTrattadellUnioneEuropea,hapresoparteallaconferenzapubblicapromossadalla
Commissione Europea a Brussels in occasione della Giornata Europea contro la Tratta di Esseri Umani,
indettaperil18Ottobre.
Levento ha raccolto la partecipazione di numerosi rappresentanti della societ civile cos come dei
rappresentatidigovernoincaricatidicoordinaregliinterventiperilcontrastodellatrattaedilsupportoalle
vittime in ciascuno degli Stati Membri; liniziativa stata organizzata a qualche giorno di distanza dalla
giornata del 18 ottobre per consentire a ciascun rappresentate di prendere parte alle diverse iniziative
promossealivellonazionaleoterritoriale.
Levento stato sostenuto e fortemente voluto da Myria Vassiliadou, che da anni con determinazione
ricoprelincaricodiCoordinatriceAntitrattadellUnioneEuropeaallinternodellaCommissioneEuropea.
La giornata stata sostenuta non soltanto per ricordare gli impegni presi a livello europeo nel contrasto
della tratta da ciascuno dei paesi aderenti allUnione, ma anche per sollecitare i rappresentati politici
europei ad intraprendere con maggiore coraggio unazione comune contro la tratta. Oltre ai Referenti
Nazionali Anti tratta dei diversi paesi1, erano presenti rappresentati di diversi gruppi parlamentari del
ParlamentoEuropeo(PE)oltreareferentiistituzionaliqualiilPresidetediEurojustoilDirettoredellaDG
perlaSicurezza.
Lagiornataconsistitainduetavolerotondefocalizzatesualcunitemichiavedelpromogrammadiazione
intrapresodallaCommissionenellalottacontrolatratta.
IlprimoargomentodibattutosoprannominatoFollowingthemoneystatoilmonitoraggiodeiflussidi
denarochealimentanoesonofruttostessodellatratta,qualestrumentoefficaceperperseguiregliautori
delreato.
UnsecondotemaoggettodiapprofondimentostatoilruolodellariduzionedellaDomandaDemands
reductionintuttelediverseformedisfruttamentocheoperanonellatratta.
I lavori sono stati introdotti da M. Vassiliadou che ha sottolineato limportante ruolo svolto dal PE nella
costruzione della Direttiva 36/2011 in quanto colegislatore ed anche in quanto ideatore della giornata
europeadel18ottobreapprovatadalPEnel2007.M.Vassiliadouesplicitaleragionialloriginedellascelta
delle due tematiche sopra citate. La mancanza di un ruolo proattivo dei diversi governi e delle autorit
competentinelperseguiregliautoridelreatodellatrattaedinparticolareadoperandosiattraversoindagini
di tipo finanziario di fatto impedisce di aggredire uno dei due principali fattori che alimenta la tratta: la
trattadaunlatodifattifruttodellaricercadiprofittoeconomicodapartedicolorochecommettonoil
reato;dallaltrolato,latrattasialimentaperlesistenzadiunadomandadibenieserviziprodottioerogati
dallevittimeditrattachedeveessereilpipossibileridotta.
TaliaspettisonostatiripresidalMinistrodellaGiustiziadelLussemburgo,governoattualmenteincarica
per la presidenza del Consiglio Europeo; il Ministro Flix Braz esprime apprezzamento per il lavoro fatto
dalla Commissione Europea e soprattutto per avere messo al centro del suo operato la facilitazione e
creazione di partenariati, il sostegno ad unazione multidisciplinare necessaria per affrontare una
problematica complessa che deve coinvolgere una vasta tipologia di attori; certamente riconosce le
1IlreferentedelGovernoItalianononerapresenteinquestagiornata.

molteplicisfideaperte:daunlatoancoralacrescitadelnumerodivittimedellatratta,edinparticolaretrai
minoriesoprattuttoibambini;dallaltrolaconsapevolezzachenellacrisiattualecheinvestelEuropanel
campo dellaccoglienza dei rifugiati, molte vittime di tratta (trafficking) sono anche le vittime delle rotte
delle migrazioni irregolari (smuggling) e spesso rimangono non identificate e diventano ancora pi
vulnerabilierischianoperfinolesplulsione.
Il Ministro ricorda anche limportanza di mettere in correlazione la Direttiva anti tratta 36/2011 con
unaltraDirettivaEuropeapirecente:42/2014sullaconfiscaedilsequestrodeibeniedialtriproventidi
attivit illecite. Il Ministro della Giustizia del Lussemburgo ricorda come sia importante attenzionare le
vittimeconcludendoilsuointerventolanciandounmessaggioThosepeopleneedus,letusdoing.
Ilmessaggioufficialeperlagiornatade18ottobrestatocuratodaDimitrisAvramopoulos,Commissario
Europeoperlemigrazioni,gliaffariinternielacittadinanza.
Nelsuodiscorso,ilCommissarioaffermachelatrattadiesseriumanirappresentauncrimineincontrasto
conivalorifondamentalidellUnioneEuropeachestadimostrandoungrandeimpegnonelcontrastodel
fenomeno a livello politico e normativo. Il sistema politico e normativo europeo in effetti ampio ed
integratoelastrategiaeuropeainmateriapiuttostoambiziosa.Nelsistemanormativoeuropeolevittime
devonoesseretrattateinmodoequo,lespecificitdigenereedidirittideiminorisonotenutiinmassima
considerazione,coscomecentralelatuteladeidirittiumani.Ladignitumanaviolataognivoltache
siamo di fronte alla tratta. La tratta una vera e propria violazione dei diritti umani e la nuova agenda
europea sulla sicurezza e la migrazione integra le componenti di contrasto della tratta. La tratta un
crimineorganizzatosupportatodallacontinuadomandachecresce.InunmomentoincuilaUEaffrontala
crisi dei rifugiati innegabile che la tratta colpisce anche i rifugiati e soprattutto i minori. E importante
perseguireitrafficantiseguendoiflussifinanziariperridurrelapossibilitchecontinuinoadesercitarelo
sfruttamentoafrontedibassissimirischi.Eimportantesottolinearelachiarezzadeldispositivonormativo
europeo:gliStatiMembridevonocontrastarelatratta,prevenirelatrattaeridurreladomanda.
LaCommissionerecentementehasostenutolarealizzazionedidiversistudiperaccrescerelaconoscenza
delfenomenocheinaccettabileevaaffrontatonelmodopiefficacepossibile.Purtroppoinnegabile
sostenerechefinquiglisforzirealizzatinonhannoconsentitodicontrastarelatratta,chenonaccennaa
ridursi.
La Commissione svolge unimportante compito nel monitoraggio della Direttiva, la cui scadenza per a
trasposizioneerail1apriledel2013.EtempodivalutarecomegliStatiMembrisisonocomportatirispetto
alladirettivaequalelastrategiapost2015perilfuturo.
OggituttiipaesihannoineffettidatoinformazioniinmeritoallavvenutatrasposizionedellaDirettiva,fatta
eccezioneperlaGermaniadoveviunproblemanonsostanzialemapiuttostoprocedurale.
Uninterventochehaaffrontatoinmodocriticoiltemadellaprevenzionedellatrattaedellariduzionedella
domandastatooffertodallaprofessoressaSylviaWalby,espertadigenereconcattedraUnesco.
LaprevenzioneineffettiunaparteimportantesiadellaDirettiva36/2011chedellaStrategia(20122016)
dellUE contro la tratta. Lapproccio alla prevenzione dipende per da come approcciamo la tratta,
considerando se riguarda soltanto gli individui le vittime ed i trafficanti o un sistema pi ampio
strutturatonellasociet.Dunquechetipodiinterventodiprevenzionesirendenecessario,unapproccio
socioistituzionaleounapprocciodimerarepressionedelleazioniindividuali.
Unaprimadomandachecidovremmoporreselaprevenzioneunafaseedunatipologiadiazionedi
contrastodellatrattadeltuttoseparatadalmomentofondamentaledipresaincaricoeprotezionedella
vittima.Ineffettidovremmoconsiderarelaresilienzadellevittimequalefattorecrucialeperqualsiasiforma
direpressionedeitrafficanti.
Inunaprospettivapiampia,nonsapremmonulladellatrattasenonfosseperlevittimecheciraccontano
le loro storie. Per questo fondamentale che la vittima possa reintegrarsi in una societ trasformata, in
gradodiaccoglierelevittime.
Maancheilmomentodellarepressioneforsenondovrebbeessereintesoinmododeltuttoseparatodalla
prevenzione.Dovremmocapirechistaeffettivamentegodendodellimpunit.Ilsingolotrafficante?Anche
colorochedallatrattatraggonobeneficio?StiamoveramenteperseguendoquantoprevistodallArt.3della
direttiva? Gli Stati membri adottano le misure necessarie affinch siano punibili listigazione, il

favoreggiamentoeilconcorsooiltentativonellacommissionedeireatiditratta.Dovremmoonestamente
chiederci se c qualche governo europeo che sta veramente facendo tutto questo. Si tratta di una sfida
moltogrande.
Dovremmodunquereprimeretutticolorochedellatrattastannotraendobeneficio.Machisono?
LaPrevenzioneinfinecollegataancheconlaDomanda.Lariduzionedelladomandaovviamenteparte
della prevenzione della tratta. Cosa per la domanda, cosa significa. E giusto considerare parte della
domanda soltanto il consumatore finale? O dobbiamo includere anche gli intermediari? Chi coinvolto
nella costruzione della domanda, quali sono soprattutto le istituzioni, i network e tutti gli attori coinvolti
nelladomanda.Daquestedefinizionidipendonoanchelestrategiechescegliamodidarci.
La proposta della prof.ssa pu essere sintetizzata, come lei stessa suggerisce, dal superamento della
convenzionechevededefinireilmercato(inquestocasoilmercatochealimentalatratta)lamerasomma
deisingoliindividuichecomeconsumatoriformanoinsiemeladomanda.Vaproblematizzatoilruolodelle
terzeparti,ilruolodelleistituzioni,ilruolodegliintermediari.Lepolitichecontemporaneediprevenzione
dovrebberoanchessesuperarequestavisioneedadottareunavisionesistemicadelfenomenoperessere
veramente innovative. Bisogna prevenire la polarizzazione del conflitto tra Venditori e Consumatori che
certamente prevale quando si parla di riduzione della domanda nel campo dello sfruttamento sessuale.
Nuoveformediregolamentazioneinquestocampoispirateataliprincipiinnovativisirendononecessarie.
A tal proposito la professoressa offre come esempio la descrizione complessa del mercato della
prostituzione elaborata da una collega in Germania (Shire, Apitzsch and Tunte in Walby 20151020).
Considerazionisimilipossonoesserefattenelmercatodellavoro.Propriosulabasediquestiragionamento
opportunonosemplificarelepropostetantodicriminalizzazionequantodidecriminalizzazionedallato
delladomandaodellofferta.Laprevenzionefruttodiunlavoroampiocheriguardaunnumeroampiodi
attori.SeadesempiopossiamodirecheinSvezialaregolamentazionedellaprostituzionesembraavereun
impattosullariduzionedelleragazzeinstradainquestopaese,bisognaconsiderarechequestapoliticasi
inserisceinuncontestospiccatamentecaratterizzatodaunaculturadellaparitdigenere.Laprevenzione
riguarda diverse istituzioni e la cooperazione di queste istituzioni ed il relativo coordinamento sono
fondamentali.
Lefficacia della strategia di prevenzione dipende dalla teoria delle cause della tratta che scegliamo di
adottare. Ed necessario ed urgente comprendere le molteplici interconnessioni tra il vasto numero di
istituzionisocialiesistentielevittimeeitrafficanticheintaliistituzionisocialisonoincardinati.
LaTavolaRotondaFollowingtheMoneystatamoderatadaLuigiSoreca,DirettoredelDirettoratoper
laSicurezzaDGMigrazioni,AffariinternieSicurezza.
HannopresoparteallaTavolaRotondaMichleConinsxPresidentediEurojust,AnnaMariaCorazzaBildt,
Membro PE Gruppo European People's Party, CoChair dellIntergroup on Children's Rights del PE,
SandorGaastra,DirettoregeneraledellaPoliziadeiPaesiBassi,MariyaGabriel,MembroPE,Gruppo
EuropeanPeople'sParty,TeresaJimnezBecerrilBarrio,MembroPEGruppoEuropeanPeople'sParty,
Enrique Lpez Villanueva, Esperto dintelligence, crimine organizzato dei servizi Spagnoli, membro
dellEUNREMNetwork,MichaelRauschenbach,CapodisettorediEuropol.
SecondoSorecaseguireildenaronellalottacontrolatrattaunasceltastrategicadatocheiguadagniche
derivanodallatrattasonoingenti;leultimestimedellILOdisponibilicherisalgonoal2005indicanochenel
mondo pi di 25 miliardi di Euro derivano dalla tratta nelle sue diverse forme di sfruttamento; inoltre la
trattauncriminechesipresentainmodosempreinterconnessoconaltreformedicrimineorganizzato,e
traquesteiltrafficodimigrantiirregolari(smuggling),maancheilriciclaggiodidenaro,lacontraffazione.
Per questo a livello europeo stato deciso che la tratta deve essere affrontata secondo unapproccio
Transcrime.Edunquefondamentalecercaredicomprendereleconnessioniesistentitralediverseforme
diattivitcriminali.LanuovaAgendaperlaSicurezzadellaCommissioneEuropeaaffrontatalipuntievede
lattiva collaborazione di Eurojust ed Europol in queste tipologie di intervento; importante lavorare in
partenariato perch i gruppi criminali che operano nella tratta sono molto organizzati e dotati di grande
flessibilit.

Inoltre molti dei proventi delle attivit legate alla tratta poi sono investiti in attivit economiche lecite.
Proprio per questo la strategia europea contro la tratta per il periodo 20122016 vede come prioritario
lassedelleinvestigazionifinanziarie.
IlrappresentantedelgovernoOlandese,prossimoallapresidenzadelConsiglioEuropeo,consideraquesto
aspettoassecrucialedilavoroericonoscecomealivellonazionaleisingolistatimembrinohannointegrato
leinvestigazionifinanziarieinmodosistematicoeregolarenelleattivitdirepressionedellatratta.
Un membro del Parlamento Europeo sottolinea che durante il suo mandato ha svolto una missione a
LampedusamonitorandoloperazioneMareSicuroedialogandoconisoggettiistituzionaliitalianisi
resa conto come vi sia unampia conoscenza di chi sono i trafficanti e di quali soggetti perseguire ma
lefficacia dellazione delle forze dellordine e della magistratura ridotta dallincapacit di perseguire i
trafficanti al di fuori dei confini europei; nel corso di tale monitoraggio si resa conto del livello di
frustrazionechecolpisceloperatodelleautorititaliane.Lamancanzadiproveunaspettocrucialeedsi
legaallivellodisofisticataorganizzazionechecaratterizzaigruppicriminalicheoperanonellatrattaenello
smuggling.LaParlamentarecondividelimportanzadirafforzarelacooperazione,allinternoedallesterno
dellUnioneEuropea.
IlPresidentediEurojustsottolineacomeperaffrontarelatrattanecessariounapprocciointersettorialee
multidisciplinare; per raccogliere le prove e scoraggiare i trafficanti necessario agire insieme e
velocemente.
UnaltroaspettocheemergedapartedelrappresentatediEuropollanecessitdiunmaggioreimpegno
da parte dei diversi Stati Membri nella condivisione delle informazioni riguardo la confisca dei patrimoni
illecitiedirisultatidelleinvestigazioni.Ledifferenzenellelegislazioninazionalisononotevoliemancauna
realesincronizzazionedellediversitnormative.Europolingradodiraccogliereidatichevengonoforniti
dagli stati membri ma non ha alcuna possibilit di accesso diretto ai database nazionali; ci limita
fortementeilsuooperato.LacooperazionetraleintelligencedeidiversiStatiMembrimancasoprattutto
inmateriadiinvestigazionifinanziarie.
Nel dare priorit alle investigazioni finanziarie, emerge chiaramente il limite dellapproccio al momento
prevalente tra le diverse autorit di polizia europee: normalmente le investigazioni iniziano e procedono
sullabasedellesistenzadiindiziconcretienonsibasanoinvecesullanalisideiflussifinanziari.Emergela
necessitdicambiareapproccio.
Tra i diversi interlocutori presenti alla tavola rotonda emerge in modo chiaro la consapevolezza della
differenza esistente tra il fenomeno della tratta ed il fenomeno del traffico (smuggling), pur dovendo
necessariamente riconoscere lintegrazione dei due fenomeni. Il direttore della DG Sicurezza espone
sinteticamenteirisultatidellanalisiprodottadaEuropolinmateriadiflussifinanziarichecaratterizzanola
tratta:ledifficoltdiperseguireiproventidellatrattadipendonoinpartedallascarsacollaborazionetrai
diversipaesiUEetraipaesiUEedipaesiterzi,coscomedallascarsacooperazioneconilsettoreprivato
(ad esempio le banche); inoltre, sarebbe necessario trovare forme alternative per tracciare anche i flussi
finanziari di modesta entit che caratterizzano le reti criminali che operano nella tratta, e che spesso
vengonotrasferitiincontatiopermezzodiWesternUnion.
Un importante lavoro di analisi continuer nei prossimi anni ad essere svolto da EMPACT allinterno di
Europol,responsabiledellanalisididiversetipologiedicriminiinclusilosmuggling,latratta,ilcybercrime,
etc.
Parteintegrantedellavorodiinvestigazioneovviamentedeveesserelaprontaidentificazionedellevittime
dellatratta,daoperareconlacollaborazionedidiversisoggetti,inclusalapoliziadifrontiera,glihotel,le
banche, gli operatori turistici, gli ispettorati del lavoro. Nel campo del web, esiste ancora un gap di
informazioneelevato;nonvisonodeglistrumentiperanalizzarelatrattacheoperaattraversoilweb.La
formazionedeglioperatoridellareagiuridicarimaneunaspettoaltrettantocruciale.Duranteildibattitosi
cita pi volte il caso della Nigeria, e lassenza di una reale cooperazione con questo paese in materia di
contrasto ai gruppi criminali organizzati; Europol attualmente impegnato nel cercare di favorire la
costruzionediunacollaborazioneconleautoritnigeriane.
Il delegato di Europol sottolinea inoltre la tendenza degli stati membri a segnalare casi di tratta per
sfruttamentosessuale(l80%deicasiriportatiriguardalosfruttamentosessuale);mapermaneunacarente
attenzione per lo sfruttamento nel campo lavorativo e in altri campi (ad esempio casi di mendacit di

vittimeditrattaminorenniolimpiegoforzatodiminoriinattivitillecite,comeadesempiolospacciodi
sostanzestupefacenti).
LaTavolaRotondaPrevenzionedellaTrattaeRiduzionedellaDomandaintutteleformedisfruttamento
moderatadaMyriaVassiliadou;hannopartecipatoallatavolarotondaCatherineBearder,MembroPE
Alliance of Liberals and Democrats for Europe, Sylvie Bianchi, European Project Specialist, Foundation
SAMILIA,Belgium.MalinBjrk,MembroPE,ViceChairoftheConfederalGroupoftheUnitedLeftNordic
GreenLeft,SandraClaassen,DirettoreFairWork,theNetherlands,MartinFrench,DriveroftheEuropean
Multidisciplinary Platform against Criminal Threats (EMPACT) on Trafficking in Human Beings, Senior
ManageratNationalCrimeAgency(NCA),UK,AnnaHedh,MembroPE,GroupoftheProgressiveAlliance
of Socialists and Democrats, Mary Honeyball, Membro PE Group of the Progressive Alliance of Socialists
and Democrats, Kostadinka Kuneva, Membro PE Confederal Group of the European United Left Nordic
Green Left, Elisabeth MoironBraud, SecretaryGeneral of the Interdepartmental Unit for Protecting
WomenagainstViolenceandforCombatingTraffickinginHumanBeings,MinistryofSocialAffairs,Health
andWomen'srights,MemberoftheEUNREMNetwork,AndrewWallis,CEO,Unseen,UK.
Nellaffrontare Il tema della riduzione della domanda, emerge in modo chiaro la difficolt di identificare
esattamenteladomandadichi;parliamodeidatoridilavoro,deireclutatori,degliintermediari?Avoltesi
identifica in modo chiaro la domanda ma altre volte scegliamo di far finta di non vedere. M. Vassiliadou
notaspessounatendenzapresentesoprattuttotraleorganizzazionidellasocietcivilediapprocciarele
diverse forme di sfruttamento in modo ideologico, quasi a far emergere una competizione tra le diverse
formedisfruttamentoesistenti;indubbiochesoprattuttoperlosfruttamentosessualeelosfruttamento
lavorativosiamodifronteafenomenirealieconcreti,checondiversistrumentivannoentrambiaffrontati,
senzatralaltrodimenticarcicheesistonoanchealtreformeditratta.Dobbiamoriconoscerecheesistono
gruppiespostiadunmaggiorerischio:iminorisonosemprepiesposti,iminorinonaccompagnatinello
specificolosonoancoradipi,leminoriprovenientidallaNigeriamaancheiminoricondisabilit;emerge
anchelaumentodeiragazzidisessomaschilesfruttatiincampolavorativoosessuale.
M.Vassiliadouricordaanchecomelimpegnodeigoverninelcampodellariduzionedelladomandanon
opzionale, bens stabilito esplicitamente nella Direttiva 36/2011 (Art. 18). Specialmente in questo
momentochelUnioneEuropeastaaffrontandolacrisideirifugiati,importantecheleforzedellordineed
inparticolarelapoliziadifrontierasiaingradodiidentificarelevittimedellatrattaecheglioperatorisiano
formatiatalfine.
LArt.18dellaDirettivarichiedetolleranzazeroaqualsiasiformadidomandaperfarschelaprevenzione
eilcontrastodellatrattadiesseriumanidiventinopiefficaciscoraggiandoladomanda,gliStatimembri
valutano la possibilit di adottare misure che dispongano che costituisca reato la condotta di chi ricorre
consapevolmenteaiservizi,oggettodellosfruttamentodicuiallarticolo2,prestatidaunapersonache
vittimadiunodeireatidicuialmedesimoarticolo.Dunquedovremmocriminalizzaresoltantocoloroche
sono consapevoli che stanno usufruendo dei beni o servizi prodotti dalle vittime della tratta, ma come
dimostrarelaconsapevolezza?
Un altro aspetto che richiama M. Vassiliadou il rischio di umanizzare il discorso sulla tratta ed
abbandonareunapprocciofondatosuidiritti:selavittimanonconsideratacometaledifattosirischiadi
negarle i diritti che le sono riconosciuti e cancellare la responsabilit del trafficante. La difficolt di
identificare in modo chiaro la domanda che genera la tratta nei nostri paesi emerge anche tra i
rappresentantipoliticidelPEchehannopresoparteallatavolarotonda.
Un aspetto rilevante quando si parla di riduzione della domanda e di campagne di sensibilizzazione la
targetizzazione di queste campagne. Nel settore privato sarebbe necessario coinvolgere i vertici delle
organizzazioni. Se ad esempio si incoraggiano le imprese come le multinazionali che certamente sono
coinvoltenellatrattaadintraprendereunazionedicontrasto,questestesseneguadagnerebberointermini
diimmagine.
Interessante il punto di vista offerto da Fairwork, organizzazione olandese impegnata nel sostegno delle
vittimedellatrattanellosfruttamentolavorativo,secondolaqualenecessariosostenereleposizionidei
lavoratori affinch possano reclamare i propri diritti; lo sfruttamento riguarda sia cittadini europei che

cittadini stranieri. La partecipazione delle unioni sindacali certamente fondamentale per affrontare il
fenomeno.
Durante la tavola rotonda sono stati discussi in particolare i risultati dello studio prodotto dalla
Commissione Europea relativamente allefficacia delle iniziative di prevenzione; tra i punti emersi a
conclusione dellindagine si cita la necessit di focalizzare lattenzione nelle iniziative di sensibilizzazione
proposte sul nesso esistente tra il crimine organizzato e le dinamiche della riduzione della domanda; la
necessit di adottare un approccio pi ampio ed integrato; la necessit di realizzare unanalisi del
fabbisogno.
Traglialtripuntiemersinelcorsodeldibattito:
La necessit di lavorare in modo differenziato ma al contempo coerente sulle diverse forme di
domanda;
Lanecessitdicoinvolgereinmodopideterminatoigoverninelladottarepolitichediriduzione
delladomandachesianoingradoveramentedistopparelacatenadellatratta,altrimentiqualsiasi
sforzosarvano.Dunquebisognaincludereinquestolavoroanchegliaspettirelativiallecausenei
paesi di origine della tratta. Si fa riferimento ad esempio al legame indiretto per comunque
esistente tra i TIIP ed altri accordi commerciali che stanno devastando leconomia di molti paesi
africaniechesonoalloriginedipoverteconflitti.
Bisognarafforzarelacooperazioneinternazionale.
Inconclusionedellagiornata,M.Vassiliadousottolinealimprescindibilerelazionetraillavorochesiporta
avantipercontrastareilcrimineorganizzatoeperseguirneiprofitti,e,dallaltrolato,illavorocostantedi
sensibilizzazione, informazione ma anche repressione necessario per ridurre la domanda di beni e servizi
prodottipermezzodellosfruttamentodellevittimedellatratta.
Noncspaziosecondoleiperdibattitiditipoideologiconperlasalvaguardiadiuninteressedisettoreo
individuale. Lunico scopo verso il quale dovrebbero convergere tutti gli sforzi il supporto offerto alle
vittimenellarivendicazionedeipropridiritti.Idirittilegalmentesonoriconosciutimamoltodifficileche
possanolevittimedellatrattaeffettivamentereclamarli.
LaleggerimanepersecondoM.Vassiliadouuntassellofondamentaleperperseguiretutticolorochesono
dietrolevittime.Proteggerelevittimeunobbligofondamentaledituttiigovernimaaquelpunto
gitroppotardi,lavittimastataviolataneisuoidirittifondamentalienonsipupitornareindietro.