Sei sulla pagina 1di 3

SCHEDA DI LETTURA SUL TESTO LA REPUBLICA DI PLATONE

Analisi e commentario verso i paragoni della Riga, della Caverna e


del Sole.
Il sole (VI, 508a 509b)
Platone spiega la relacione tra due situazione: Sole/vista/le cose
visibile e Idea del Bene/intelligenza/sfera visibile:
Allo stesso modo concepisci cos anche il comportamento dell
anima: quando si fisssa su ci che illuminato dalla verit a dall
essere, allora lo pensa e lo conosce e si manifesta nella pienezza del
pensiero; quando invece si volge a ci che comporta oscurit l
ambito di ci che nasce e perisce , allora opina e sindebolisce,
mutando su e gi le sue opinioni, e sembra ormai non aver pi
pensiero (v. 508d)
La riga divisa (VI, 509d 511e)
La Riga divisa per classificare i contenuti della regione intelligibile
per mezzo di una raccostamento col mondo visibile. La parte BC per i
visibile e la parte CA per gli inteligibile:
1) Gli immagini (BD): in primo luogo, le ombre, poi i riflessi nell
acqua e sulla superficie dei corpi compatti, levigati e lucidi, e
tutte le cose di tal genere, se mi capisci (v. 509e-5101)
2) Ci di cui la prima immagine (DC): cio gli animali intorno a
noi

tutte

le

fabbricati(v.510a)

piante

lintero

genere

degli

oggetti

3) Gli Inteligibili intermedi (CE): Nella prima sezione, servendosi


quali immagini delle cose che nellaltro segmento erano
oggetto di imitazione, costretta a condurre la sua ricerca a
partire da ipotesi, e procede non verso un principio(come sar
la parte EA), ma verso una conclusione (v. 510b)
4) Gli idee (EA): nella seconda sezione quella che culmina in un
principio non ipotetico- essa condurre la ricerca muovendo dall
ipotesi e senza far uso di quei simulacri di cui si valeva nella
sezione precedente, compie linterno suo percorso fondandosi
metodicamente sulle sole idee e attraverso le idee (v. 510b)
Di fronte a questi cuattro parti della riga dobbiamo usare cuattro
operzioni del spiritu:
BD: la congettura (o immaginazione); DC: la credenza; CE: il pensiero;
e EA: la intelligenza.
La caverna (VII, 514a - 520a)
Platone, al inizio del settimo libro, parlanoi verso alcuni uomini in una
dimora sotterrane a forma di caverna, con unentrata spalancta alla
luce e larga quanto lintera caverna (v.514a). Il paragone della
Caverna un cammino di iluminazione e liberazione delle aparenze
(le ombre nella caverna) per trovare la verit (la luce del mondo delle
idee) con la aiuta della intelligenza. Cio che esiste la possibilit per il
uomo di ottenere la verit per mezzo della educazone e di un sforzo
(ascendere per questa caverna) personale.

Lettura dei Filosof Antichi


D. Juan Carlos Galvis
I Ciclo Terzo anno 1 semestre