Sei sulla pagina 1di 161

CORSO DI ORTICOLTURA

a cura del prof. Paolo CROCI

LORTO
COME SCEGLIERE LAREA DA COLTIVARE
COME DEVE ESSERE IL TERRENO
GLI ATTREZZI PER LORTO

COME ASSEGNARE GLI SPAZI ALLE COLTURE


LE LAVORAZIONI
LE SEMINE E I TRAPIANTI
LE CONCIMAZIONI
LIRRIGAZIONE

LA PROTEZIONE DELLE COLTURE


LA COLTIVAZIONE DEI SINGOLI ORTAGGI
a cura del prof. Paolo CROCI

LORTO
LE PRIME REGOLE

1) Sbagliare scelta e posizionamento degli ortaggi


La prima cosa da considerare qundo si mette in piedi un orto la posizione del terreno
rispetto ai punti cardinali e di conseguenza lesposizione del suolo alla luce solare.
Questa analisi fondamentale perch se presa in considerazione quando si pianifica
lorto eviter lerrore piuttosto comune di scegliere ortaggi non adatti alla situazione
e/o il posizionamento sbagliato degli ortaggi stessi. Se per esempio il proprio terreno
riceve solo poche ore di luce diretta al giorno un errore coltivarci pomodori e
melanzane che necessitano di molto sole ma preferibile coltivare prevalentemente
ortaggi a foglia larga come cavoli e lattughe. Anche la presenza di ostacoli naturali
(siepi, alberi ecc) e artificiali (abitazioni, prefabbricati ecc) da calcolare nel
posizionamento delle colture.
2) Mancata valutazione del tipo di terreno
Non sottovalutate mai questo aspetto: il terreno fondamentale per una buona riuscita
delle coltivazioni e se questo povero di sostanze organiche e microbiologiche
difficilmente al momento della raccolta si otterranno risultati soddisfacenti.
Importantissimo conoscere anche la granulometria e il tipo di terreno con cui si ha a
che fare. Il processo di arricchimento e riequilibrio di un suolo poi non si ottiene in poco
tempo ma necessita di alcune stagioni di lavori, aggiunte e concimazioni.

a cura del prof. Paolo CROCI

LORTO
LE PRIME REGOLE

3) Coltivare troppi ortaggi


Questo errore dovuto spesso allentusiasmo che prende inevitabilmente tutti coloro che si
cimentano per la prima volta con la coltivazione dellorto. Tranquilli, ci siamo cascati tutti
ed normale, presi dalla frenesia si vorrebbe seminare e piantare di tutto ma un
comportamento da evitare o quantomeno da frenare. Allinizio dellesperienza di orticoltore
invece importante mantenere una certa dose di umilt e partire da poche e facili colture
con le quali fare le prime esperienze per poi introdurre gradualmente altri ortaggi.
Altro errore molto comune seminare un ortaggio tutto in una volta, meglio preferire la
semina a scalare che permette di prolungare la raccolta nel tempo.
4) Sottostimare la disponibilit di acqua
Per coltivare con successo un orto serve una buona riserva di acqua soprattutto nel periodo
pi critico dellestate dove di solito la disponibilit idrica scarseggia. Prima di intraprendere
lesperienza di orticoltore fondamentale stimare la reale riserva di acqua in relazione al
tipo di ortaggi che si vuole coltivare e al loro fabbisogno idrico.

a cura del prof. Paolo CROCI

LORTO
LA SCELTA DELLAREA

Per quanto riguarda lesposizione,lorto deve essere sempre in pieno sole(le aiole vanno disposte con
orientamento nord-sud), quindi non rivolto a nord, e sufficientemente lontano da costruzioni e alberi
che possono determinare ombra; in questo modo si evita che le piante crescano deboli (filate) e
perci pi soggette allattacco di malattie.
Pure i tunnel devono essere sempre collocati in pieno sole. importante scegliere posizioni
completamente soleggiate anche per evitare un elevato accumulo di nitrati, specialmente negli
ortaggi di cui si consumano le foglie (spinaci,cicorie, lattughe, ecc.).

Circondare lorto, anche in parte, con una siepe di limitata altezza (metri 1-1,5) pu essere utile
specialmente in zone ventose come frangivento. Inoltre la siepe crea un ambiente naturale in grado
di accogliere animali (insetti, uccelli, ecc.) che possono nutrirsi dei parassiti dellorto. La siepe va
collocata a debita distanza dalle aiole (regolatevi in base allaltezza raggiunta dalla siepe) per evitare
che le colture vengano ombreggiate e che le sue radici entrino in competizione con quelle degli
ortaggi. necessario tenere per presente che nelle siepi possono, di frequente, trovare riparo
lumache e limacce che sono in grado di arrecare danni a diversi ortaggi.

a cura del prof. Paolo CROCI

LORTO
LA SCELTA DELLAREA

OVEST

SUD

a cura del prof. Paolo CROCI

NORD

EST

LORTO
LA PROGETTAZIONE
Una volta individuata larea si passa ad un
progetto per la realizzazione delle aiuole.

70 80

30 40

cm

cm

Queste devono avere una dimensione tale da


poter lavorare agevolmente a mano e devono
essere in misura della quantit di ortaggi da
coltivare.
Inoltre dovranno essere previsti sentieri
camminatoi , un ricovero per gli attrezzi ed una
eventuale zona per il compostaggio.

a cura del prof. Paolo CROCI

LORTO
LE ZONE DELLORTO

E necessario decidere in anticipo se


oltre le normali colture orticole si vuole
coltivare piante aromatiche (basilico,
salvia, rosmarino, timo, maggiorana)
oppure dei fiori, per riservare ad
ognuno di questi gruppi uno spazio
apposito

AROMATI
CHE

ORTO

FIORI

a cura del prof. Paolo CROCI

NON MESCOLARE AGLI ORTAGGI PIANTE AROMATICHE E FIORI.

OGNUNO HA ESIGENZE DIVERSE E PERMANENZE DIVERSE NEL TERRENO

a cura del prof. Paolo CROCI

LORTO
IL TERRENO

COMPOSIZIONE DEL TERRENO AGRARIO


Il primo strato del terreno agrario quello superficiale, che si
presenta scuro e dello spessore di 20-30 centimetri, ricco di
sostanza organica e frequentato da microorganismi di piccoli
animali ed interessato da processi fermentativi. Questo strato si
definisce strato attivo: in questo spazio che le radici esplorano il
terreno alla ricerca delle sostanze minerali indispensabili alla vita
delle piante.
Il secondo strato del terreno agrario lo strato inerte. Si trova
appena al di sotto dello strato attivo ed facilmente distinguibile
per il colore pi chiaro, povero di sostanza organica ed interessato
solo da qualche radice. Si per s questo strato sterile e pu essere
messo a coltura con una lavorazione profonda che lo riporti in
superficie onde esporlo ai fenomeni di ossidazione, alle
concimazioni, alle lavorazioni, all opera della microfauna, finch si
caricher di fertilit assumento il caratteristico colore scuro tipico
dello strato attivo.
L ultimo strato del terreno agrario il sottosuolo, quello pi
profondo, che non interessa direttamente le nostre colture in quanto
non viene mai toccato n con lavorazioni ordinarie, n con quelle
straordinarie.
a cura del prof. Paolo CROCI

10

LORTO
IL TERRENO

Le sostanze principali che si trovano nel terreno sono:


ARGILLA: d al terreno una buona compattezza e conserva
l'umidit necessaria allo sviluppo delle piante;
CALCARE: utile perch contribuisce alla decomposizione delle
sostanze organiche;
SABBIA: rende il terreno permeabile, perch l'acqua lo attraversa
rapidamente filtrando nel sottosuolo evitando cos dannosi
ristagni;
SOSTANZE ORGANICHE: animali e vegetali in decomposizione
costituiscono l'humus;
SALI MINERALI: in particolare composti di azoto, fosforo e
potassio;
ARIA E ACQUA.

a cura del prof. Paolo CROCI

11

LORTO
IL TERRENO

Un terreno fertile deve essere composto da una


proporzionata miscela delle sostanze prima elencate.
Ogni specie di pianta predilige un certo tipo di terreno
(argilloso, sabbioso, calcareo) ma pu adattarsi
anche a terreni di diversa natura quando interviene
l'opera dell'uomo a correggere la composizione
chimica per mezzo di fertilizzanti, con appropriate
rotazioni nelle coltivazioni, con opere di bonifica e di
irrigazione.

a cura del prof. Paolo CROCI

12

LORTO
IL TERRENO

DUE CARATTERISTICHE FONDAMENTALI DA CONOSCERE

TESSITURA

STRUTTURA

TESSITURA
E la composizione di un terreno in
percentuale di:
Scheletro
Sabbia

Limo
Argilla

STRUTTURA
E la disposizione delle particelle nel terrreno

Sciolta
Compatta
spugnosa
a cura del prof. Paolo CROCI

13

LORTO
IL TERRENO

STRUTTURA
COMPATTA
STRUTTURA
SCIOLTA
(terreni
sabbiosi)

(terreni limosi
e argillosi)

STRUTTURA
SPUGNOSA
(terreni fertili)
a cura del prof. Paolo CROCI

14

LORTO
IL TERRENO

costituenti minerali
sassi
ghiaia
sabbia grossolana
sabbia fine
limo(fango)
argilla

diametro delle particelle


>2cm
da 2cm. a 2mm.
da 2mm.a 0,2mm
da 0,2mm a 0,02mm
da 0,02mm a 0,002mm
< 0,002mm

a cura del prof. Paolo CROCI

15

LORTO
IL TERRENO

Come determinare la tessitura del terreno


Stabilire la tessitura del proprio terreno molto importante per far vivere bene le nostre piante. Niente pi
difficile della coltivazione di una specie in un contesto non consono ai suoi bisogni.
Il metodo pi semplice per questa classificazione, la prova in pieno campo ed un piccolo test, possibile a
tutti e privo di costi.
Potete procedere cos:
Prelevate un piccolo campione di terreno (stando sempre sotto il primo strato di 3-5cm.) e bagnatelo fino a
raggiungere il limite di liquidit. Lavoratelo con le dita per ottenere una pasta omogenea e cercando di
modellarlo a cilindretto.
Durante questa operazione dovete cercare di percepire le tre sensazioni di base: adesivit, saponosit, il
grattare o smerigliare.
Lavorate il campione con la mano fino a farlo asciugare e cercate, mentre lo fate, soprattutto di cogliere la
sensazione prevalente (fra quelle elencate qui sotto) in modo da poter attribuire il campione ad un gruppo
tessiturale.
a cura del prof. Paolo CROCI

16

LORTO
IL TERRENO

LE SENSAZIONI PERCEPITE
- La sensazione del graffiare vi dir che nel vostro terreno, contenuta sabbia grossa, mentre lo
smeriglio, di sabbia fine.

- La sensazione della saponosit, che nell'asciugarsi assomiglier al talco, riveler la presenza di limo.
In questo caso, il cilindretto di terra che si sar formato, non aderir alle dita e si staccher facilmente.
- La sensazione di adesivit e di appiccicoso, riveler la presenza di argilla e noterete che si stacca con
difficolt dalle dita.

a cura del prof. Paolo CROCI

17

E CONSIGLIABILE ESEGUIRE UNANALISI DEL TERRENO PER CONOSCERE REALMENTE IL


TIPO DI TERRENO CHE ANDREMO A COLTIVARE

a cura del prof. Paolo CROCI

18

LORTO
COME ASSEGNARE GLI SPAZI ALLE COLTURE

Prima di procedere alla semina e al trapianto necessario attuare una vera e propria
strategia di coltivazione per assegnare ad ogni coltura lo spazio corretto non solo nellanno
in corso, ma in un ciclo pi o meno lungo (3 5 anni).
Questa strategia deve tener conto di alcune cose:

FABBISOGNO
NUTRITIVO DELLA
COLTURA
PROFONDITA
APPARATO RADICALE

ESIGENZE DI LUCE
DELLA COLTURA

a cura del prof. Paolo CROCI

PERMANENZA NEL
TERRENO DELLA
COLTURA
19

LORTO
COME ASSEGNARE GLI SPAZI ALLE COLTURE

PROFONDITA
APPARATO RADICALE

A seconda della profondit dellapparato radicale si svolgeranno lavorazioni pi o meno


profonde e quindi avremo maggiore o minore spessore di terreno reso fertile

Meno di 60 cm

Da 60 a 120 cm

Oltre 120 cm

cavolfiore, cavolo
broccolo, cavolo
cappuccio, cavolo
verza, cipolla,
fragola,lattuga, patata,
ravanello, spinacio

bietola da costa,
fagiolo,
carota,cetriolo,
melanzana,
pisello,peperone,
zucchino

Asparago, carciofo,
peperone, zucca,
melone, pomodoro

a cura del prof. Paolo CROCI

20

LORTO
COME ASSEGNARE GLI SPAZI ALLE COLTURE

FABBISOGNO
NUTRITIVO DELLA
COLTURA

Il fabbisogno nutritivo delle colture riguarda soprattutto il


consumo di azoto e divide le piante in 3 grandi categorie:

PIANTE
SFRUTTATRICI

PIANTE
MIGLIORATRICI
LASCIANO AZOTO NEL TERRENO

SFRUTTANO E
IMPOVERISCONO IL TERRENO

PIANTE DA
RINNOVO
MIGLIORANO IL TERRENO

a cura del prof. Paolo CROCI

21

LORTO
COME ASSEGNARE GLI SPAZI ALLE COLTURE

PREPARATRICI

MIGLIORATRICI

SFRUTTATRICI

POMODORO,
PEPERONE,
CARCIOFO

PATATA
LEGUMINOSE

INSALATE, SPINACI

a cura del prof. Paolo CROCI

22

LORTO
COME ASSEGNARE GLI SPAZI ALLE COLTURE

ESIGENZE DI LUCE
DELLA COLTURA

Le Brevidiurne necessitano di un corto giorno per attivare certi processi; per esempio la fragola
ha bisogno di giornate corte per una miglior fioritura.
Le Longidiurne sono caratterizzate da un fotoperiodo minimo al di sotto del quale alcuni processi sono
ritardati o inibiti; il caso dello spinacio che fiorisce solo con giornate superiori a 145 ore di luce al giorno.
Le neutrodiurne sono le piante che non risentono della lunghezza del giorno; il caso dellasparago del
cetriolo del fagiolo del melone del peperone del pomodoro del pisello del sedano e della carota.

a cura del prof. Paolo CROCI

23

LORTO

COME ASSEGNARE GLI SPAZI ALLE COLTURE

BREVIDIURNE

BREVIDIURNE

BREVODIURNE

NEUTRODIURNE

NEUTRODIURNE

BREVIDIURNE

NEUTRODIURNE NEUTRODIURNE

LONGIDIURNE

LONGIDIURNE

NEUTRODIURNE

NEUTRODIURNE

LONGIDIURNE

LONGIDIURNE

LONGIDIURNE

LONGIDIURNE

LONGIDIURNE

24
a cura del prof. Paolo CROCI

EST
SUD

NEUTRODIURNE NEUTRODIURNE

LONGIDIURNE

ECCO UN
ESEMPIO IN BASE
ALLA
DISPONIBILITA DI
SOLE

NORD
OVEST

LORTO
COME ASSEGNARE GLI SPAZI ALLE COLTURE

PERMANENZA NEL
TERRENO DELLA
COLTURA

COLTURE POLIENNALI

COLTURE ANNUALI

Asparago

(QUASI TUTTE)

Biete da costa

Pomodoro, lattuga, peperoni,


carote, sedano, ecc.

a cura del prof. Paolo CROCI

25

LORTO
COME ASSEGNARE GLI SPAZI ALLE COLTURE

DOPO QUESTE PREMESSE POTREMO FINALMENTE ATTUARE LA NOSTRA STRATEGIA DI


COLTIVAZIONE ASSEGNANDO ANNO DOPO ANO LO SPAZIO CORRETTO ALLE NOSTRE
COLTURE.

POTREMO ALTERNARE LE COLTURE ED ANCHE FAR CRESCERE DUE COLTURE NELLO


STESSO SPAZIO.
QUESTE PRATICHE PRENDONO IL NOME DI:

ROTAZIONE

CONSOCIAZIONE

a cura del prof. Paolo CROCI

26

LORTO
COME ASSEGNARE GLI SPAZI ALLE COLTURE

CONSOCIAZIONE
Con il termine consociazione si intende la coltivazione contemporanea di
diversi ortaggi sullo stesso appezzamento. Tale tecnica consente di valorizzare
le complesse interazioni esistenti tra le piante. Grazie alle particolari
caratteristiche degli essudati radicali, delle resine e degli olii essenziali prodotti,
alcune piante sono in grado di stimolare, o in qualche caso di reprimere, lo
sviluppo delle specie vegetali che crescono nelle loro immediate vicinanze, di
allontanare insetti dannosi o attrarre quelli utili.
Nonostante questi aspetti positivi si visto che tale pratica a lungo andare porta
impoverimento al terreno
a cura del prof. Paolo CROCI

27

LORTO
COME ASSEGNARE GLI SPAZI ALLE COLTURE

CONSOCIAZIONE
ALCUNE REGOLE DA OSSERVARE
non consociare piante che occupano e sfruttano lo stesso livello di terreno (per esempio patata e cipolla) ma cercare
di consociare piante a diverso accrescimento radicale
non adoperare piante che appartengono alla stessa famiglia
mettere insieme piante che hanno differente ciclo colturale. Per questo motivo, oltre che per il loro sviluppo
contenuto, lattuga, ravanello, spinacio sono largamente impiegati nelle consociazioni
calcolare i tempi di coltivazione in modo che le colture consociate si possano accrescere completamente prima che
una prenda il sopravvento sullaltra. Ad esempio, coltivando lattuga e pomodoro o lattuga episello, fare in modo di
raccogliere la lattuga prima che venga soffocata dalla coltura consociata
quando possibile, dare precedenza alle leguminose dato che hanno la possibilit di fissare lazoto atmosferico di
cui potrebbero beneficiare le piante vicine.
nella consociazione bisogna tener conto della classificazione degli ortaggi in base al consumo .In base a ci la
consociazione va fatta tra colture ad elevato e medio consumo oppure medio e debole, mai tra colture a basso ed
elevato consumo di azoto
a cura del prof. Paolo CROCI

28

LORTO
COME ASSEGNARE GLI SPAZI ALLE COLTURE

CONSOCIAZIONE
Alcune piante emettono sostanze che hanno unazione repulsiva nei confronti di insetti dannosi per altre specie (Tabella).
Un esempio di questo fenomeno dato dalla consociazione tra carota e cipolla.
La mosca della carota, la cui larva divora le radici, viene respinta dallodore delle cipolle e non depone pi le sue uova su l colletto
della carota. Allo stesso modo, la mosca della cipolla, le cui larve entrano nella polpa di questo ortaggio e la trasformano rapidamente
in una massa marcia e maleodorante, evita le aiuole in cui crescono le carote.
Un fenomeno analogo avviene nella consociazione tra porro e carota
Pianta ad azione repellente

Pianta protetta

Parassita

rosmarino, timo

cavolo

cavolaia

pomodoro

fagiolo

mosca

fagioli nani,

patata

dorifora

pomodoro

asparago

mosca

spinacio, lattuga

bietola

altica

porro, cipolla, aglio

carota

mosca

pomodoro

cavolo

mosca

sedano, carota

cipolla

mosca

porro, cipolla, aglio

sedano

mosca

porro, cavolfiore

sedano

septoriosi

a cura del prof. Paolo CROCI

29

LORTO
COME ASSEGNARE GLI SPAZI ALLE COLTURE

CONSOCIAZIONE
Esempi di consociazioni orticole positive:

cipolla e carota, cipolla e pomodoro, cavolo e cetriolo, sedano e


pomodoro, patata e pisello, patata e fava, pomodoro e cavolo ecc.

Esempi di consociazioni negative:


patata e girasole, fagiolo e pisello, pomodoro e barbabietola, fagiolo e
finocchio, patata e cipolla, cipolla e fagiolo ecc.

a cura del prof. Paolo CROCI

30

LA CONSOCIAZIONE DEGLI ORTAGGI E COMUNQUE UNA PRATICA CHE IN UN LUNGO


PERIODO PUO PORTARE AD UNA STANCHEZZA DEL TERRENO ED A UN CALO DI
PRODUZIONE

a cura del prof. Paolo CROCI

31

LORTO
COME ASSEGNARE GLI SPAZI ALLE COLTURE

ROTAZIONE
Uno dei principi di base da seguire in orticoltura quello di non far
succedere mai le colture a se stesse. In particolare, gli obiettivi che ci si
propone con le rotazioni sono i seguenti:
- conservazione e aumento del livello di fertilit del terreno
- controllo preventivo delle malattie e dei fitofagi
- limitazione dello sviluppo di erbe infestanti

Progettare la rotazione significa stabilire la sequenza con la quale le


colture si devono susseguire in un appezzamento e il tempo che deve
intercorrere tra due ritorni della stessa specie in uno stesso terreno.
a cura del prof. Paolo CROCI

32

LORTO
COME ASSEGNARE GLI SPAZI ALLE COLTURE

ROTAZIONE
LA ROTAZIONE SI BASA SU ALCUNE REGOLE

ALTERNARE
1.

piante a radici profonde (pomodoro) con piante a radici superficiali (lattuga)

2. colture la cui parte edule rappresentata da radici o tuberi (patata, carota) con altre di cui si
utilizzano i frutti o la parte aerea (peperone, cavolo broccolo, lattuga)

3.

piante a chioma ampia (melanzana) con piante a portamento limitato (lattuga, cipolla, aglio)

4. piante che richiedono lavori di preparazione e cure colturali pi accurate e pi intense (pomodoro,
carciofo) con altre meno esigenti sotto questo aspetto (zucchino, cereali)
5.

piante azoto fissatrici (leguminose) con piante particolarmente utilizzatrici di azoto (patata)

6.
piante che rispetto ad un certo patogeno o fitofago sono pi sensibili, con altre che invece sono
meno sensibili
a cura del prof. Paolo CROCI

33

LORTO
COME ASSEGNARE GLI SPAZI ALLE COLTURE
Coltura

ROTAZIONE
Per ogni coltura
possibile stabilire il posto
che occupa nella
rotazione, cio indicare le
specie dalle quali pi
consigliabile che venga
preceduta.

Precessioni
favorevoli

sfavorevoli

asparago

cereali, fragola

asparago, carota, patata,

bietola

cipolla, fagiolino

spinacio

carciofo

bietola, patata, pomodoro,

carciofo

carota

aglio, cipolla, patata, porro,

asparago, bietola, prezzemolo,


sedano,

cavolo

lattuga, cipolla, pisello, carota

cavolo,

cipolla

cetriolo, leguminose, patata, pomodoro

cavolo, bietola, mais dolce

fagiolino

cavolo broccolo, cavolo cappuccio,

bietola da coste ,cucurbitacee

indivia

ravanello

lattuga

porro, spinacio

melanzana

lattuga
melone, pomodoro

patata

cavolfiore, zucchino, fagiolino, pisello,

melanzana, patata, peperone,


pomodoro

pomodoro

bietola, cavolfiore, cipolla, fagiolino, spinacio

asparago,pomodoro,

radicchio

pisello, porro

lattuga

spinacio

cavolo cappuccio

spinacio

a cura delzucca
prof. Paolo CROCI
zucchino

cavolo, pisello, fagiolino, porro, patata, lattuga

zucchino, pomodoro
34
melone, cetriolo, pomodoro

LORTO
COME ASSEGNARE GLI SPAZI ALLE COLTURE
Come si vede nellimmagine a lato gli
ortaggi, durante il ciclo quadriennale,
vengono coltivati in successione in tutte e
quattro le aree ottenendo cos il duplice
risultato di assicurare sempre i vari
prodotti durante tutto il ciclo di rotazione
e al contempo di sfruttare al meglio le
risorse del terreno senza impoverirlo e
anzi,
spesso,
pure
rigenerarlo.
Nellesempio riportato infatti inserito, al
posto dellanno di riposo (detto maggese),
il sovescio, tramite la coltura di una
Leguminosa (in questo caso il trifoglio),
capace, grazie ai batteri simbionti presenti
nelle sue
radici, di fissare
lazoto
atmosferico riuscendo cos ad arricchire e
migliorare la fertilit del terreno. Non a
caso al sovescio viene fatto seguire una
solanacea come il pomodoro, piuttosto
esigente (di azoto in primis) per quanto
riguarda il fabbisogno di elementi nutritivi.

a cura del prof. Paolo CROCI

35

LORTO
COME ASSEGNARE GLI SPAZI ALLE COLTURE

ROTAZIONE
ESEMPIO DI ROTAZIONE TRIENNALE

1 ANNO

2 ANNO

POMODORO

CIPOLLA

LATTUGA

CIPOLLA

CAROTA

ZUCCHINO

CAROTA

ZUCCHINO

PISELLO

LATTUGA

POMODORO

PREZZEMOLO

CAVOLO

SPINACIO

PREZZEMOLO

PISELLO

CAVOLO

SPINACIO

3 ANNO
CAROTA

POMODORO

CIPOLLA

ZUCCHINO

LATTUGA

CAVOLO

SPINACIO

PISELLO
a curaPREZZEMOLO
del prof. Paolo CROCI

36

NON RISERVARE ZONE DELLORTO IN MODO PERENNE AD ALCUNE COLTURE, MA


CAMBIARE OGNI ANNO LAIOLA DI COLTIVAZIONE

a cura del prof. Paolo CROCI

37

LORTO
LE LAVORAZIONI

Le lavorazioni del terreno sono


interventi praticati dall'uomo con
l'ausilio di utensili o macchine allo
scopo di creare un ambiente fisico
ospitale per le piante agrarie
Le lavorazioni quindi servono per creare un
buon equilibrio tra PIANTA e:

Aria
Acqua

Terreno
a cura del prof. Paolo CROCI

38

LORTO
LE LAVORAZIONI

POSSIAMO RIASSUMERE GLI SCOPI DELLE LAVORAZIONI IN:


1.

Aumento della sofficit. Una maggiore sofficit riduce la tenacit e la


compattezza del terreno, creando le condizioni ideali per favorire
l'espansione delle radici e l'esecuzione di altre operazioni colturali.

2.

Aumento della permeabilit. Una maggiore permeabilit del terreno


favorisce l'infiltrazione dell'acqua, evitando che ristagni .

3.

Preparazione del letto di semina. Lo sminuzzamento delle zolle crea un


ambiente adatto ad ospitare il seme in modo che le particelle terrose vi
aderiscano meglio favorendone la germinazione.
a cura del prof. Paolo CROCI

39

LORTO
LE LAVORAZIONI

I LAVORI DELLORTO

LAVORI DI
PREPARAZIONE DEL
TERRENO

LAVORI DOPO LA
SEMINA O IL
TRAPIANTO

a cura del prof. Paolo CROCI

40

LORTO
LE LAVORAZIONI

LAVORI DI
PREPARAZIONE DEL
TERRENO

Sono i lavori che vengono eseguiti per preparare il terreno ad


ospitare le piante o il seme creando un ambiente favorevole alla
loro crescita.

a cura del prof. Paolo CROCI

41

LORTO
LE LAVORAZIONI
LAVORI DI
PREPARAZIONE
DEL TERRENO

PULIZIA DEL TERRENO

VANGATURA

FRESATURA

RASTRELLATURA

a cura del prof. Paolo CROCI

42

LORTO
LE LAVORAZIONI
LAVORI DI
PREPARAZIONE
DEL TERRENO

Pulizia del terreno


La prima operazione necessaria prima dellabbandono dellorto, la rimozione di tutti i detriti vegetali
ancora presenti nelle aiuole, apparati radicali compresi, da togliere con laiuto di una vanga. I materiali
possono avere tre diverse destinazioni:
si bruciano dopo averli lasciati seccare sul terreno (sempre con le dovute cautele) e, meglio, se su una lamiera
tenuta sollevata dal terreno, dopo che questo stato ben inzuppato dacqua
si immettono nella compostiera, ma solo se sani e non attaccati da parassitosi e marciumi, le malerbe possono
essere inserite solo se giovani e non salite a seme, perch esistono semi capaci di mantenere la loro capacit
germinativa anche dopo un valido processo fermentativo
se si tratta di frutti marci, o parti di piante malate si interrano in una buca dopo averli coperti con terra, uno
strato di calce, e ancora terra
a cura del prof. Paolo CROCI

43

I RESIDUI DELLA VEGETAZIONE, FOGLIE ED ALTRO NON VANNO DIRETTAMENTE


INTERRATI PERCHE NON RAPPRESENTANO NUTRIMENTO PER LA PIANTA SE NON
VENGONO PRIMA TRASFORMATI

a cura del prof. Paolo CROCI

44

LORTO
LE LAVORAZIONI
LAVORI DI
PREPARAZIONE
DEL TERRENO
Vangatura
Dopo aver pulito il terreno dai residui dalla vegetazione precedente si passa al dissodamento del terreno tramite la vangatura.
Lo scopo di questa operazione rimuovere il terreno per ridargli la sofficit che stata persa durante lanno di coltivazione.
Se osserviamo infatti un terreno appena vangato noteremo che rimane pi alto di quello non lavorato. Questo perch abbiamo
ridato al terreno una struttura spugnosa ricca di spazi vuoti dove potr circolare acqua e aria.
La vangatura andr eseguita ad una profondit variabile da 20 a 40 cm a seconda della coltura che dovr essere ospitata.

Si dovranno vangare piccole fette di terra avendo cura di rivoltarle bene Le pareti dello scavo devono essere verticali: per
ottenere questo, la vanga va conficcata ad angolo retto nel terreno e poi fatta ruotare in maniera di portarsi in posizione
parallela. Quando si completata tutto il lato del terreno, si procede con un altro scavo e si getta la terra in quello precedente,
integrandola eventualmente con una spanditura di letame o terriccio.
Il terreno dovr essere non troppo secco per evitare la fatica e lo sbriciolamento delle zolle e nemmeno troppo bagnato

a cura del prof. Paolo CROCI

45

LORTO
LE LAVORAZIONI
LAVORI DI
PREPARAZIONE
DEL TERRENO

Fresatura
La fresatura viene eseguita con unapposita macchina chiamata fresa o
motocoltivatore ed ha come scopo quello di sminuzzare le zolle di terra
lasciate dalla precedente vangatura.
In alcuni casi se il terreno particolarmente sciolto pu sostituire la
vangatura ma comunque sconsigliabile per i seguenti motivi:
Eccessivo sminuzzamento della terra e conferimento di una struttura
compatta al terreno.
Scarsa profondit di lavorazione (max 20 cm)
Propagazione di erbe infestanti.
a cura del prof. Paolo CROCI

46

LA PROFONDITA DI VANGATURA NON DEVE ESSERE TROPPO ECCESSIVA: SI RISCHIA


DI PORTARE IN SUPERFICIE LO STRATO INERTE.
LA FRESATURA NON PUO SOSTITUIRE LA VANGATURA

a cura del prof. Paolo CROCI

47

LORTO
LE LAVORAZIONI
LAVORI DI
PREPARAZIONE
DEL TERRENO

Rastrellatura
E il lavoro che segue la vangatura ed eventualmente la
fresatura.
Lo scopo di questo lavoro quello di rompere le zolle di
terra se non stato fatto con la fresatura. A questo scopo si
usa un rastrello con denti lunghi o una forca rampinata.
Una volta rotte le zolle si passer ad una seconda
rastrellatura con un rastrello pi piccolo per spianare la
terra e ridare la forma alle aiole,

a cura del prof. Paolo CROCI

48

LORTO
LE LAVORAZIONI
LAVORI DI
PREPARAZIONE
DEL TERRENO

QUANDO SI ESEGUONO

PULIZIA DEL
TERRENO

VANGATURA

FRESATURA

RASTRELLATURA

Viene eseguita a fine


estate e comunque dopo
aver raccolto tutta la
produzione

E bene eseguirla in
autunno anche se la
coltura che dovr essere
ospitata verr seminata
a primavera. In questo
modo il terreno rimarr
esposto tutto inverno
allazione del gelo e del
disgelo che favoriranno
una buona struttura

Viene eseguita subito


dopo la vangatura per le
colture che vengono
seminate in autunno ma
per tutte le altre
consigliabile eseguirla a
primavera per lasciare il
terreno esposto durante
linverno.

Si esegue appena prima


della semina o del
trapianto per avere un
terreno soffice e le aiole
ben conformate.

a cura del prof. Paolo CROCI

49

LORTO
LE LAVORAZIONI

LAVORI DOPO LA
SEMINA O IL
TRAPIANTO

Sono i lavori che vengono eseguiti periodicamente o


eccezionalmente dopo aver seminato o trapiantato le colture.
Alcuni di essi sono specifici solo per alcune colture.

a cura del prof. Paolo CROCI

50

LORTO
LE LAVORAZIONI
LAVORI DOPO LA
SEMINA O IL
TRAPIANTO

RASTRELLATURA

RINCALZATURA

RULLATURA

SARCHIATURA

ZAPPETTATURA

MESSA A DIMORA TUTORI

LEGATURA ORTAGGI
a cura del prof. Paolo CROCI

51

LORTO
LE LAVORAZIONI
LAVORI DOPO LA
SEMINA O IL
TRAPIANTO

RASTRELLATURA
Viene eseguita dopo la semina per interrare i semi distribuiti, per
evitare che vengano rubati dagli uccelli e si secchino allaria.

E un operazione da eseguire immediatamente dopo la semina con


movimenti delicati e su piccole porzioni di superficie per evitare di
spostare i semi ed avere una nascita delle piantine disomogenea.
Si esegue con un rastrello possibilmente con denti in plastica

a cura del prof. Paolo CROCI

52

LORTO
LE LAVORAZIONI
LAVORI DOPO LA
SEMINA O IL
TRAPIANTO

RULLATURA
Viene eseguita dopo la semina per far aderire la terra al seme e
favorirne la germinazione (emissione delle radici).
Si pu utilizzare un rullo pieno oppure un rullo da riempire con
acqua per poterne meglio calibrare il peso.
In mancanza di un rullo e su piccole superfici si pu ottenere lo
stesso effetto battendo con forza il terreno con il badile.

a cura del prof. Paolo CROCI

53

LORTO
LE LAVORAZIONI
LAVORI DOPO LA
SEMINA O IL
TRAPIANTO

ZAPPETTATURA
Si esegue sulle colture seminate a file dopo che queste sono uscite
dal terreno. Gli scopi di questa operazione sono:

Togliere le eventuali erbe infestanti


Rompere la crosta di terreno superficiale per arieggiare meglio il
terreno
Interrompere i vasi capillari del terreno che portano in superficie
lacqua che poi se ne va per evaporazione.

a cura del prof. Paolo CROCI

54

LORTO
LE LAVORAZIONI
LAVORI DOPO LA
SEMINA O IL
TRAPIANTO

RINCALZATURA
E un operazione che viene eseguita solamente su
alcuni ortaggi coltivati a file.
Consiste nelladdossare alla fila di ortaggi una
quantit di terra con la zappa a punta allo scopo di:
Proteggere una zona delicata della pianta e facile
preda di parassiti chiamata colletto
Creare solchi per utilizzare per lirrigazione
Provocare leziolatura (imbianchimento) di alcuni
ortaggi come sedano, radicchio, finocchio.
Viene eseguita anche sui pomodori e sulle patate.
a cura del prof. Paolo CROCI

55

LORTO
LE LAVORAZIONI
LAVORI DOPO LA
SEMINA O IL
TRAPIANTO

SARCHIATURA
Viene eseguita in estate su colture seminate a file;
pu essere eseguita con un sarchiatore o pi
semplicemente con un robusto rastrello.
Gli scopi sono:
Distruggere meccanicamente le erbe infestanti.
Favorire la circolazione dell'aria nel terreno.
Agevolare nei climi freddi la penetrazione nel
terreno del calore solare.
Ridurre l'evaporazione dell'acqua, interrompendo la
capillarit del terreno, per trattenere l'umidit
a cura del prof. Paolo CROCI

56

LORTO
LE LAVORAZIONI
LAVORI DOPO LA
SEMINA O IL
TRAPIANTO

MESSA A DIMORA TUTORI


I tutori sono paletti in materiale plastico o bamb che hanno il compito di sostenere la coltura.
Un tutore solido deve essere interrato per almeno 25 centimetri, ma la profondit deve essere ancora
maggiore (non meno di 30 centimetri), se il carico che dovr sopportare sar elevato e se laltezza
fuori terra supera il metro e cinquanta.
Per infiggere i tutori cos profondamente a volte non basta la sola spinta, ma necessario ricorrere ad
un martello di gomma e ad un asse di legno spessa circa 3 centimetri. Lasse andr appoggiata sulla
cima del tutore e il martello dovr battere su questa. Cos facendo si dannegger meno la canna di
bamb e se ne prolunga luso nel tempo.
Piante che richiedono tutore
Necessitano di sostegno tutte le piante che per natura tendono ad arrampicarsi come i fagioli, le variet
di fagiolino rampicanti, ma si avvantaggiano di sostegni anche alcuni piselli.
I pomodori, pur non essendo piante rampicanti, devono essere tutorati. In particolare le variet che se
non sono cimate, continuano a svilupparsi in altezza.
Altre piante che richiedono tutori sono melanzana, peperone e cetriolo.
La zucca pu essere fatta arrampicare su sostegni, meglio su strutture fisse come reti, ringhiere,
pergolati.
a cura del prof. Paolo CROCI
La coltura degli zucchini con tutore migliora il prodotto, ma richiede pi fatica.

57

NON COLLOCARE I TUTORI DOPO AVER TRAPIANTATO LE PIANTE. QUESTA


OPERAZIONE POTREBBE DANNEGGIARE LE RADICI

a cura del prof. Paolo CROCI

58

LORTO
LE LAVORAZIONI
LAVORI DOPO LA
SEMINA O IL
TRAPIANTO

LEGATURA ORTAGGI
Alcuni ortaggi dopo essere stati tutorati
necessitano di una legatura. A questo
scopo si possono usare leggacci in
plastica o in vimini facendo attenzione a
non stringere troppo per permettere
lingrossamento del fusto.
In alcuni casi come per i piselli
necessaria anche una rete di sostegno.

a cura del prof. Paolo CROCI

59

LORTO
LA SEMINA E IL TRAPIANTO

LA SEMINA PUO ESSERE EFFETTUATA


A SPAGLIO
Insalate, prezzemolo, radicchio, carote, cicoria

La semente viene distribuita


spargendola sulla superficie. Per
ottenere una pi omogenea
distribuzione consigliabile
mescolarla con un po di sabbia fine
ed effettuare due passaggi.

A FILE
Biete, sedano,cipolle, aglio, carote, fagioli, piselli

Vengono preparati dei piccoli solchi


con una zappetta a punta e la semente
viene adagiata in essi. Vengono poi
ricoperti ed il terreno leggermente
compresso.

Segue una leggera innaffiatura.


Dopo averla distribuita si rastrella e
si comprime il terreno facendo
seguire una leggera innaffiatura
a cura del prof. Paolo CROCI

60

LORTO
LA SEMINA E IL TRAPIANTO

Il trapianto viene eseguito per mettere a


dimora piantine che vengono acquistate o
fatte nascere in semenzaio.
Si effettuano dei buchi nel terreno alla
distanza desiderata con un bastone o meglio
con un trapiantatoio e si interrano le
piantine munite di una piccola zolla di terra
che protegge la radice.

Seguir una leggera innaffiatura avendo


cura di non bagnare le foglie

a cura del prof. Paolo CROCI

61

NON TRAPIANTIAMO GLI ORTAGGI IN UN PERIODO ANCORA FREDDO AFFANNANDOCI A


PROTEGGRLI CON TELI, BOTTIGLIE DI PLASTICA ED ALTRE STRANE INVENZIONI. NON
OTTERREMO ORTAGGI ANTICIPATI MA SOLO ORTAGGI STRESSATI.
RICORDIAMOCI IL NOSTRO PROVERBIO: ZUCCHE E MELONI ALLA LORO STAGIONE.

a cura del prof. Paolo CROCI

62

LORTO
LA SEMINA E IL TRAPIANTO
Densit colturale
La densit ottimale di coltivazione non un parametro costante ma pu al contrario essere
influenzato da un elevato numero di fattori, tra i quali la capacit di competizione di ogni singola
specie, le condizioni climatiche e le disponibilit idriche e nutritive.
Nel corso degli anni si giunti a stabilire, per ogni coltura, i limiti entro cui pu oscillare la densit
colturale e come essa possa essere influenzata da altri aspetti importanti come l'irrigazione e la
concimazione. Gli effetti delle densit colturali vengono studiati in rapporto alla produzione totale per
pianta e per metro quadrato: il rapporto che si stabilisce tra densit colturale e produzione per unit di
superficie inversamente proporzionale, infatti all'aumentare della densit la produzione unitaria per
pianta decresce pi o meno velocemente a seconda della competitivit delle specie che si trovano
vicine.
Vi sono alcune colture che non risentono di una alta densit colturale come ad esempio le insalate da
taglio o gli ortaggi da condimento (basilico, prezzemolo, sedano).
Un ultimo rapporto da considerare, anche se di difficile valutazione per l'hobbista (esistono comunque
kit per l'analisi del terreno), quello tra densit colturale e disponibilit idriche e minerali del terreno,
fattori questi, che possono influenzare in maniera sensibile la produttivit delle piante.

a cura del prof. Paolo CROCI

63

UNA ECCESSIVA DENSITA DI INVESTIMENTO NON PORTA A MAGGIOR PRODOTTO MA


SOLO A PRODOTTO CON QUALITA SCADENTE QUINDI RISPETTARE LE DISTANZE
CONSIGLIATE
QUANTITA E QUALITA NON VANNO DACCORDO

a cura del prof. Paolo CROCI

64

LORTO
LA CONCIMAZIONE

Le piante traggono nutrimento da due fonti:

1.

aria, dalla quale assorbono il gas anidride carbonica (CO2) che con la clorofilla e lenergia del
viene trasformata in zucchero.

2.

suolo, da cui si ricavano i sali minerali nutrienti per mezzo delle radici. Tra queste sostanze ci
sono gli elementi: azoto (N), fosforo (P), potassio (K), calcio (Ca) e magnesio (Mg).
I terreni, pur ricchi di minerali e materiale organico, dopo diversi cicli di coltivazione, restano
impoveriti delle sostanze che le piante hanno loro sottratto.
Di qui lesigenza di rimettere nel terreno queste sostanze, per non far perdere loro la fertilit,
attraverso la concimazione.
Oltre a soddisfare le esigenze fisiologiche delle piante, con una corretta concimazione si ha
anche una maggiore resa produttiva, e quindi un vantaggio economico.
Gli elementi principali che le piante devono trovare nel terreno sono lazoto (N), il fosforo (P)
e il potassio (K), che sono gli elementi chimici fondamentali per il loro sviluppo.
Occorrono anche piccolissime quantit di altri elementi, come calcio (Ca), ferro (Fe),
magnesio (Mg), ecc. normalmente presenti nei terreni o nei concimi stessi.
Per poter determinare i quantitativi di sostanze nutritive gi presenti nel terreno, bisogna
ricorrere ad un analisi
a cura del prof. Paolo CROCI

65

LORTO
LA CONCIMAZIONE

Gli elementi nutritivi di un terreno si distinguono in:


1) MACROELEMENTI PRINCIPALI:
Azoto, Fosforo, Potassio
2) MACROELEMENTI SECONDARI:
Calcio, Ferro, Magnesio, Zolfo
3) MICROELEMENTI:
Boro, Manganese, Molibdeno, Rame, Zinco

a cura del prof. Paolo CROCI

66

LORTO
LA CONCIMAZIONE

AZOTO
L'azoto l'elemento quantitativamente pi importante per le piante;
infatti influisce sullo sviluppo totale, da alle foglie un bel colore verde
intenso, prepara la fioritura ed irrobustisce la pianta.
Fra i concimi azotati ricordiamo il nitrato di sodio ad azione molto rapida
che da risultati dopo solo sette giorni dalla distribuzione. Il nitrato di
calcio oltre all'azoto contiene il calcio e serve a correggere terreni acidi.
L'urea un concime sintetico introdotto nell'agricoltura da non molto
tempo: contiene il 46% di azoto ed uno dei concimi pi attivi. Viene
diluito in proporzione di 1:1000 con acqua; per la sua forte efficacia, se
viene sparso in polvere deve essere mescolato a sabbia per avere una
distribuzione pi uniforme e meno concentrata.
a cura del prof. Paolo CROCI

67

LORTO
LA CONCIMAZIONE

FOSFORO

II fosforo l'elemento che aiuta la pianta nella fioritura e durante la


maturazione del frutto. I concimi fosfatici pi importanti sono i perfosfati
minerali ed i perfosfati d'ossa, molto adatti a terreni calcarei.

a cura del prof. Paolo CROCI

68

LORTO
LA CONCIMAZIONE

POTASSIO

Il potassio fra le altre sue propriet possiede quella di accentuare il


colore ai fiori ed il sapore ai frutti; fra i concimi potassici ricordiamo il
solfato di potassio ed il nitrato potassico che contiene anche azoto ed
particolarmente indicato per il giardinaggio.

a cura del prof. Paolo CROCI

69

LORTO
LA CONCIMAZIONE

Per quanto riguarda la quantit di elementi nutritivi da


distribuire necessario considerare diversi aspetti quali:
Le reali asportazioni della pianta

Le perdite
Le restituzioni

Non quindi sufficiente affidarsi a semplici indicazioni di


fabbisogno ma vanno considerati gli aspetti sopraesposti con
lausilio di analisi del terreno e diagnostica fogliare.

a cura del prof. Paolo CROCI

70

LORTO
LA CONCIMAZIONE

La concimazione una tra le tecniche fondamentali perch


restituisce al terreno gli elementi nutritivi che sono stati
asportati dalle colture, inoltre migliora la struttura.
Possiamo classificare la concimazione in base:

Al tipo di concime che utilizziamo


Allepoca in cui distribuiamo il concime

a cura del prof. Paolo CROCI

71

LORTO
LA CONCIMAZIONE

POSSIAMO DIVIDERE I CONCIMI IN DUE GRANDI CATEGORIE

CONCIMI ORGANICI

ANIMALI

VEGETALI

Letame

Cenere

Pollina

Compost

CONCIMI MINERALI

PRODOTTI ARTIFICIALMENTE E
CONTENENTI AZOTO, FOSFORO,
POTASSIO E ALTRI MICROELEMENTI

Cuoio
Stallatico

a cura del prof. Paolo CROCI

72

LORTO
LA CONCIMAZIONE

CONCIMI
ORGANICI
Il concime organico pi conosciuto il letame, costituito dalle deiezioni solide e liquide di
animali bovini ed equini, mescolati alla paglia della lettiera.
Il letame non subito adatto per luso, ma deve "maturare" per circa 6 mesi in concimaia.
In media, si pu calcolare che un bovino del peso di 6-7 quintali produce, in un anno,
110/120 quintali di letame maturo.
Il letame equino poco acquoso, difficile da rinvenire.
Quello bovino presenta qualit pi che sufficienti per garantire una buona fertilizzazione
organica.
Una perfetta stagionatura si denota dal colore scuro e dalluniformit della massa, ma deve
presentarsi omogenea e untuosa al tatto.
Il letame rappresenta tuttora la base fondamentale della concimazione.
a cura del prof. Paolo CROCI

73

LORTO
LA CONCIMAZIONE

CONCIMI
ORGANICI
Oltre ad apportare nel terreno la sostanza organica, il letame contiene pure discrete quantit di elementi
fertilizzanti (azoto, fosforo e potassio). Nel caso ci trovassimo nella necessit di acquistare del letame si
dovranno usare le seguenti avvertenze:
Farselo consegnare poco prima dell' utilizzo o, al massimo, un giorno avanti. Esso infatti non deve
rimanere esposto all' aria per troppo tempo, in quanto si potrebbero avere delle perdite di azoto sotto
forma di ammoniaca che si libera nell' aria.
La massa letamica dovr essere distribuita sulla superficie del terreno in maniera regolare e subito
interrata con un accurato lavoro di vangatura. Tale operazione deve essere effettuata qualche mese
prima di seminare gli ortaggi, in modo che il fertilizzante possa subire i necessari processi di
decomposizione e integrazione al terreno.
Una buona concimazione letamica deve aggirarsi mediamente attorno ai 3-4 q di letame ogni 100 mq di
superficie orticola

a cura del prof. Paolo CROCI

74

LORTO
LA CONCIMAZIONE

CONCIMI
ORGANICI

IL COMPOST

Il compostaggio ci permette di utilizzare i rifiuti, che diventano materie prime,


per produrre una discreta quantit di ottimo terriccio umifero; in questo modo il
tempo impiegato per le "pulizie" del nostro orto potr ricompensarci, anche
offrendoci del buon concime.
Infatti, l'opportuno stoccaggio e trattamento di rami, foglie, erba, avanzi di cibo,
bucce di frutta e verdura, permette a batteri, microrganismi e piccoli insetti di
cibarsene, di svilupparsi e di decomporre le sostanze organiche presenti nei
nostri rifiuti; dopo alcuni mesi il materiale organico cos trattato diventer una
massa di microrganismi e di sostanze nutritive, chiamato compost, simile
all'humus che possiamo trovare nel sottobosco: un terreno soffice, ben aerato e
ricco di minerali, ottimo per le nostre colture
a cura del prof. Paolo CROCI

75

LORTO
LA CONCIMAZIONE

CONCIMI
ORGANICI

IL COMPOST

I tipi di composter
Prima di tutto necessario scegliere il tipo di composter pi adatto ai nostri scopi;
quindi il caso di valutare la quantit di rifiuti che di solito il nostro orto produce.
Il cumulo: se il nostro orto grande avremo la possibilit di costituire un cumulo
per il compostaggio, oppure una piccola zona, possibilmente rettangolare,
delimitata da una rete a maglie fini o da un graticcio. E' consigliabile coprire il
cumulo di compost con teli di tessuto non tessuto, o di iuta, per evitare l'incidenza
diretta dei raggi del sole, e anche per limitare l'apporto di acqua dovuto alle
piogge.
a cura del prof. Paolo CROCI

76

LORTO
LA CONCIMAZIONE

CONCIMI
ORGANICI

IL COMPOST

Materiali che si possono inserire in un composter


- Rami e foglie, opportunamente triturati.
- Erba, possibilmente secca, per evitare che compatti troppo il materiale nel composter.
- Gusci d'uova, possibilmente tritati, in modo che vengano decomposti pi facilmente.
- Avanzi di cibo cotto; bene aggiungerne in quantit esigua, per evitare che attirino topolini o
mosche.
- Avanzi di frutta e verdura, bucce, scarti.
- Fiori secchi.
- Erbacce estirpate dal giardino; per evitare che i semi rimangano vivi nel compost bene inserirli
al centro della massa da compostare, in modo che raggiungano le temperature maggiori.
- Fondi ti caff e t.
- Cenere di legna, in piccola quantit.

a cura del prof. Paolo CROCI

77

LORTO
LA CONCIMAZIONE

CONCIMI
ORGANICI

IL COMPOST

Materiale da non mettere nel composter


- Qualsiasi tipo di materiale plastico.
- Cenere di carbone.
- Contenitori in tetrapak.
- Carta stampata, anche se a volte alcuni fogli di giornale possono
essere utili.
- Vetro.
- Ceramica.
- Alluminio e metalli in genere.
- Ossa; il tempo necessario a decomporle troppo alto.
- Tessuti sintetici o comunque tinti.
a cura del prof. Paolo CROCI

78

LORTO
LA CONCIMAZIONE

CONCIMI
ORGANICI

IL COMPOST

Composter: si tratta di una campana, spesso in plastica, dotata di un'apertura superiore, per
l'inserimento del materiale da compostare, e di un'apertura laterale, per prelevare il compost
maturo o per controllare l'andamento del compostaggio.
Bidoni: se il materiale che desideriamo compostare poco, potremo utilizzare dei bidoni, o
delle cassette, opportunamente perforati, per permettere una migliore aerazione, e dotati di
coperchio. In ogni caso bene che i contenitori per il compostaggio siano privi di fondo,
oppure con il fondo costituito da una grata, e che vengano posti a contatto con il terreno: in
questo modo dal terreno del nostro giardino migreranno nel compost lombrichi e altri insetti
che ne accelerano la decomposizione. Inoltre dovrebbero essere dotati di coperchio, in
modo che la pioggia non ne alteri il contenuto. Per accelerare la decomposizione anche
meglio triturare il materiale.

a cura del prof. Paolo CROCI

79

LORTO
LA CONCIMAZIONE

REGOLE PER UN CUMULOPERFETTO .

CONCIMI
ORGANICI

1.Controllare le dimensioni
In caso di
abbondanza di
materiale meglio
allungare il cumulo
piuttosto che farlo
troppo alto
Un cumulo troppo basso non
capace
di trattenere il calore prodotto
dalla trasformazione microbica.
Un cumulo troppo alto rischia
di compattare il materiale,
bloccando
la circolazione dellossigeno.

IL COMPOST
2.Creare la miscela giusta,
mescolando scarti umidi
con scarti meno umidi.(50 70% umidit)

3.Far circolare lossigeno,


max 1,3/1,5 mt

min. 50/60 cm

IL COMPOST E
PRONTO DOPO 8 9
MESI
a cura del prof. Paolo CROCI

rivoltando periodicamente
il cumulo.(ogni 15 20 giorni)

4.Controllare la temperatura,
utilizzando un semplice
termometro industriale (28 - 55)

80

IL COMPOST NON E RAPPRESENTATO DA RESIDUI IN FASE DI TRASFORMAZIONE


MA DA SOSTANZA COMPLETAMENTE MINERALIZZATA QUINDI NON USIAMO SCARTI
SE NON TRASFORMATI COMPLETAMENTE
IL COMPOSTER NON E IL BIDONE DELLA SPAZZATURA!

a cura del prof. Paolo CROCI

81

LORTO
LA CONCIMAZIONE

LA CENERE
Con la combustione, il legno perde completamente l'acqua e l'azoto dando origine ad una miscela
concentrata di sali minerali, soprattutto calcio, potassio e fosforo.
La cenere risulta essere particolarmente ricca anche di magnesio, silicio e di una vasta gamma di
altri preziosi microelementi, il suo impiego come fertilizzante risulta quindi molto efficace oltre che
economico.
A beneficiarne sono gran parte degli ortaggi ed in particolare sedano, patate e tutte le radici
(carota, ravanello, rapa...).

Attenzione per: l'elevata concentrazione di minerali rapidamente solubili la rende molto


alcalinizzante, quindi deve essere impiegata con moderazione (non pi di 1 kg per ogni 100 mq di
terreno) soprattutto nei terreni alcalini, quali sono la maggior parte dei terreni italiani.
Per sfruttare al meglio le propriet fertilizzanti della cenere, si pu aggiungerla al compost o al
sovescio (concime verde) prima dell'interramento, oppure utilizzarla al momento della semina o
del trapianti di fiori e ortaggi.

a cura del prof. Paolo CROCI

82

LORTO
LA CONCIMAZIONE

CONCIMI
MINERALI
I concimi minerali vengono definiti concimi di sintesi cio ottenuti artificialmente.
Il vantaggio di questi concimi rappresentato dal fatto che possiamo sceglier noi la quantit di azoto, fosforo e
potassio che possiamo dare alle nostre piante.
Sicuramente rappresentano una forma di inquinamento se usati in modo eccessivo

Esistono in commercio diversi tipi di concimi minerali e vengono


classificati in base a quanti elementi contengono

a cura del prof. Paolo CROCI

83

LORTO
LA CONCIMAZIONE

TITOLO
Per titolo di un fertilizzante si intende la percentuale in peso dell'elemento o degli
elementi fertilizzanti contenuti nel prodotto, dichiarati dal produttore, dal
venditore o da chi, comunque, commercializza la merce, riferita al "tal quale", cio
al peso del prodotto cos come viene commercializzato, Pertanto dire che un
concime ha un titolo in azoto di 16 indica che per ogni 100 Kg di prodotto vi sono
16 Kg di azoto.
Si ricorda che l'espressione "unit fertilizzante" indica i Kg di azoto, anidride
fosforica, ossido di potassio, ecc.

a cura del prof. Paolo CROCI

84

LORTO
LA CONCIMAZIONE

CONCIMI
MINERALI
SEMPLICI

COMPLESSI

CONTENGONO UN SOLO
ELEMENTO:

CONTENGONO 2 O 3 ELEMENTI

AZOTATI

BINARI

FOSFATICI

TERNARI

POTASSICI

a cura del prof. Paolo CROCI

85

LORTO
LA CONCIMAZIONE

TITOLO DEI PRINCIPALI CONCIMI

AZOTATI

FOSFATICI

POTASSICI

CONCIME

TITOLO

CONCIME

TITOLO

CONCIME

TITOLO

UREA

46

PERFOSFATO
SEMPLICE

16 - 22

CLORURO DI
POTASSIO

50 52

NITRATO DI
CALCIO

15 16

PERFOSFATO
DOPPIO

25 - 36

SOLFATO DI
POTASSIO

50 - 52

NITRATO
AMMONICO

26 - 27

PERFOSFATO
TRIPLO

44 - 48

SALINO
POTASSICO

38 - 40

a cura del prof. Paolo CROCI

86

LORTO
LA CONCIMAZIONE

QUANDO CONCIMARE?
Esistono due momenti per la concimazione:
1.

AL MOMENTO DELLA PREPARAZIONE DEL TERRENO (VANGATURA


AUTUNNALE). Si somministra solitamente del letame maturo interrandolo con
cura nelle fosse scavate durante ogni fila di vangatura, ricoprendolo con la
vangatura successiva. La quantit deve essere di circa 3 quintali ogni 100
metri quadri.

2.

DOPO LA SEMINA O IL TRAPIANTO (PRIMAVERA) si somministrano concimi


minerali a seconda dellesigenza specifica di ogni coltura

Consumo di azoto

elevato

medio

basso

cavolfiore, cipolla invernale, bietola, melanzana, patata,


peperone, pomodoro, porro, sedano, sedano rapa, zucca,

aglio, cicoria, carota, cipolla estiva, finocchio, lattuga,


melone, zucchina, rapa, ravanello, spinacio

fagiolo,
fagiolino, fava,
erbe
aromatiche

a cura del prof. Paolo CROCI

87

IL LETAME VA SEMPRE INTERRATO. NON SERVE A NIENTE SPARGERLO SULLA


SUPERFICIE PENSANDO CHE PENETRA NEL TERRENO. QUESTO NON AVVIENE E
SOPRATTUTTO DEVE ESSERE MINERALIZZATO DAI BATTERI PRESENTI NEL TERRENO.
NELLA CONCIMAZIONE MINERALE DEVE ESSERCI UN EQUILIBRIO TRA I DIVERSI
ELEMENTI QUINDI ATTENERSI ALLE DOSI CONSIGLIATE.
NON E VERO CHE SE POCO FA BENE TANTO E MEGLIO

a cura del prof. Paolo CROCI

88

LORTO
LIRRIGAZIONE

Azione dellacqua sulle colture.


Lirrigazione produce sulle colture effetti collaterali dannosi alla salute delle piante quali la
saturazione del terreno causa del marciume radicale, lasportazione di prodotti anticrittogamici o
insetticidi e lo shock termico

a cura del prof. Paolo CROCI

89

LORTO
LIRRIGAZIONE

IRRIGARE L'ORTO: COME E QUANTO


Non possibile fare una buona orticoltura senza acqua di irrigazione.
Le colture orticole sono generalmente ad apparato radicale superficiale e
negli strati superiori, l'acqua scarseggia, sia a causa della percolazione,
sia per effetto dell'evaporazione. Inoltre i prodotti orticoli sono ricchi di
acqua e sono di migliore qualit proprio se acquosi e teneri e se crescono
in fretta, vale a dire con le radici nell'umido. In condizioni di penuria
idrica l'ortaggio prodotto risulta duro e asciutto: il fagiolino tende al
filamentoso o al farinoso, il sedano al fibroso, la lattuga all'amaro. Con
ci non si vuol sostenere che nelle terre dove ci sia soltanto un certo
tenore di umidit naturale non si possano coltivare con soddisfazione
certi ortaggi. Ma sono eccezioni.Dato allora per scontato che dell'acqua
d irrigazione non se ne pu fare a meno, ecco alcuni consigli su come
meglio usarla.
a cura del prof. Paolo CROCI

90

LORTO
LIRRIGAZIONE
Tempi. Bagnate verso sera o al mattino presto, quando insomma la terra
non calda, in modo da evitare contrasti marcati di temperatura .
Bagnando verso sera, le colture rimangono fresche per tutta la notte (la
qual cosa nei mesi estivi importante) e non si hanno inconvenienti di
sorta. Nei mesi in cui i freddi notturni si fanno sentire, invece preferibile
bagnare al mattino. Tenete comunque presente la temperatura della
vostra acqua: con le acque fredde conviene addirittura bagnare di notte,
con quelle calde possibile irrigare anche di giorno.
Unacqua da considerarsi fredda quando inferiore ai 2/3 della
temperatura ambientale

Bagnate a intervalli ravvicinati nei terreni tendenti al sabbioso, pi


distanziati in quelli tendenti all'argilloso (al lmite ogni 7 giorni). Infatti,
nella sabbia l'acqua percola facilmente e finisce negli strati pi profondi
cosicch le radici delle colture rimangono ben presto al secco, le argille
viceversa trattengono di pi l'acqua in superficie.
a cura del prof. Paolo CROCI

91

LORTO
LIRRIGAZIONE
Modalit. Come distribuire l'acqua nell'orto
familiare? Normalmente a pioggia con apposite
apparecchiature semplici e tradizionali.
Semplicemente con un tubo di gomma alla cui
estremit si colloca un polverizzatore (o il dito
dell'operatore) e, per semenzai e piccole superfici in
genere, con l'elementare, intramontabile
innaffiatoio. Abbastanza frequente inoltre la
distribuzione per infiltrazione laterale. Si tratta di
riempire d'acqua i solchi sui cui Iati sono le piante
ortive. Va da s che i solchi devono essere in piano,
sicch se la vostra superficie in pendio i solchi
vanno fatti per traverso oppure a gradini. E' diffusa
negli orti anche la sub-irrigazione o irrigazione
sotterranea: l'acqua viene distribuita mediante la
cosiddetta manichetta, un tubo d plastica
bucherellato.
a cura del prof. Paolo CROCI

92

POCO TUTTI I GIORNI NON E UNA BUONA SOLUZIONE. E MEGLIO USARE NOTEVOLI
QUANTITA DI ACQUA AD INTERVALLI DI TEMPO REGOLARI DIVERSI DA COLTURA A
COLTURA

a cura del prof. Paolo CROCI

93

LORTO
LA PROTEZIONE DELLE COLTURE

Per anticipare al massimo i tempi di raccolta, si pu allestire una protezione temporanea


delle nuove semine. Si tratta di costruire con poca spesa (utilizzando anche materiale di
recupero) tunnel di protezione provvisori, in grado di evitare danni da improvvisi ritorni di
freddo o dallazione dilavante dellacqua battente.
Impieghiamo vecchi ferri, canne di bamb, filo per legature e fogli di plastica trasparenti,
anche di piccole dimensioni. Una soluzione quella dei tunnel ad archi realizzati con
traversine che uniscono un archetto di metallo al successivo: non lasciano punte,
sgrondano bene lacqua e utilizzano al meglio il materiale di copertura riciclato.

a cura del prof. Paolo CROCI

94

LORTO
LA PROTEZIONE DELLE COLTURE

I vantaggi non sono pochi: raccolti precoci e maggior


numero di piantine cresciute integri. Infatti, i fattori che
pi ostacolano le giovani colture in fase di pre e post
emergenza sono le basse temperature e gli agenti
atmosferici estremi. Il ritorno del freddo comporta un
arresto dello sviluppo o un rallentamento. Bastano
pochi gradi di differenza per riuscire ad ottenere
risultati visibilmente migliori. Le precipitazioni di forte
e prolungata intensit rappresentano un danno sicuro sia
per i semi delle colture con poca copertura di terreno,
che per le piantine non ancora ben radicate e per i
tessuti teneri e delicati.

a cura del prof. Paolo CROCI

95

LORTO
LA PROTEZIONE DELLE COLTURE

Areazione
Il segreto nella riuscita dei tunnel sta nella corretta aerazione e nella
possibilit di intervenire sulle aperture in tempi minimi. Queste devono
essere posizionate in testa e sui fianchi, ma non a livello del terreno. In
presenza di un vento dominante, le aperture vanno collocate sul lato
opposto.
Aprire i tunnel nelle ore pi calde per favorire il ricambio daria, quando
le temperature allinterno del tunnel possono raggiungere e superare
anche i 30C e lo sbalzo termico fra notte e giorno sarebbe eccessivo.
Progressivamente occorre prolungare di giorno in giorno il tempo di
apertura fino a quando si eliminer la copertura. Richiudere subito dopo
il tramonto quando la temperatura non ancora scesa, ma levaporazione
e levapotraspirazione sono gi ridotte, cos da evitare un eccessivo
accumulo dumidit e il gocciolamento.

a cura del prof. Paolo CROCI

96

LORTO
GLI ORTAGGI
Gli ortaggi sono suddivisi in famiglie, allinterno delle quali le esigenze colturali sono simili. Per contro, piante della stessa famiglia non devono
essere coltivate sulla stessa parcella per due anni di fila: sfruttano il terreno nello stesso modo rendendolo troppo povero per un ortaggio parente; inoltre,
i parassiti che colpiscono il primo colpirebbero anche quello coltivato dopo perche ha le medesime caratteristiche.
Le Solanacee sono pomodoro, peperone, melanzana, patata. Patate e pomodori sono rustici, mentre peperoni e melanzane esigono un clima mite. Il
terreno ideale non troppo ricco di humus, che diminuisce il sapore dei frutti.
Le Cucurbitacee sono zucchino, zucca, anguria, melone, cetriolo. Facili e resistenti alle malattie, hanno per bisogno di molto spazio, molta acqua
e terreno fertile. Lacqua fondamentale quando i frutti incominciano a ingrossarsi.
Le Leguminose sono fagioli, fagiolini, fave e piselli. Offrono buone rese grazie al ciclo vegetativo breve: 100-115 giorni dalla semina alla raccolta per
le varieta nane, 120-150 per le rampicanti.
Le Liliacee sono porri, cipolle, aglio, scalogno e asparagi. Facili e adattabili, molte variet di porro e cipolla resistono al freddo, mentre laglio
preferisce il clima mite e asciutto.

Le Composite sono lattughe, radicchi, carciofo: e la famiglia pi ricca di tipologie, molto diverse per esigenze colturali, dal difficile radicchio di
Treviso alle facilissime lattughine da taglio. Tutte necessitano di terreno fertile e sciolto.
Le Brassicacee o Crucifere sono i cavoli, dalla verza, al cappuccio, dal cavolfiore al cavolino di Bruxelles. Prediligono un clima temperato-fresco e
richiedono buone concimazioni.
Le Ombrellifere sono carota, sedano, finocchio. La carota un ortaggio facile se il terreno sciolto e se le irrigazioni sono regolari. Sedano e
finocchio sono migliori se vengono rincalzati e imbianchiti.

a cura del prof. Paolo CROCI

97

FACCIAMO UN PICCOLO SFORZO ED IMPARIAMO A CONOSCERE LE FAMIGLIE DI


APPARTENENZA DEI NOSTRI ORTAGGI: SARA PIU FACILE COLTIVARLI

a cura del prof. Paolo CROCI

98

LORTO
GLI ORTAGGI
Specie

Asparago
Basilico
Bietola
Carota
Cavolo
Cetriolo
Cipolla
Cicoria
Fagiolo
Lattuga
Finocchio
Melanzana
Melone
Peperone
Pomodoro
Pisello
Prezzemolo
Ravanello
Sedano
Spinacio
Zucchini

Minima
10
15
6
6
6
15
5
6
15
5
7
15
15
15
10
4
6
6
6
4
15

Massima
35
35
35
35
41
35
35
24
35
41
35
35
35
35
24
24
41

Ottimale
24
Livelli di temperatura del terreno per una corretta
20/25
germinazione delle pi comuni specie orticole
29
26
26
35
26
20/30
29
20
25
29
35
29
29
15/20
26
29
21
15/20
a cura del prof. Paolo CROCI
99
35

LORTO
POMODORO

CLIMA E TERRENO
Il pomodoro una pianta con elevate esigenze termiche, assai
sensibile al gelo, che quindi nei climi temperato-caldi trova la sua
stagione di crescita nel periodo estivo; altrimenti va coltivato sotto
serra. La temperatura minima per la germinazione di 12 C, per la
fioritura di 21 C; le temperature pi favorevoli allingrossamento
dei frutti e alla loro maturazione sono 24-26 C di giorno e 14-16
C di notte; temperature superiori a 30 C, o che restano su valori
elevati sia di giorno che di notte, provocano difetti di allegazione o
difetti di colorazione e di consistenza dei frutti
Per quanto riguarda il terreno, il pomodoro si adatta a una vasta
gamma di tipi, purch ben drenati e di buona struttura.
Lunica pianta che non deve precedere il pomodoro la patata.

a cura del prof. Paolo CROCI

100

LORTO
POMODORO

LAVORAZIONI DEL TERRENO


La preparazione del terreno per accogliere la
coltura del pomodoro deve essere molto curata,
soprattutto nel caso che limpianto.
La successione delle operazioni in genere
prevede una vangatura profonda (30 - 40 cm)
nellautunno precedente e lavori complementari
di affinamento durante linverno. In certi casi
limpianto della coltura di pomodoro non si fa in
piano, ma su terreno sistemato a porche ossia
sagomato in strette strisce sopraelevate separate
luna dallaltra dai solchi che servono per
praticare lirrigazione per infiltrazione laterale.
In questi casi il terreno va predisposto
modellandolo opportunamente prima della
semina o del trapianto.
a cura del prof. Paolo CROCI

101

LORTO
POMODORO

CONCIMAZIONE
Al pomodoro deve essere assicurata unadeguata fornitura degli elementi nutritivi necessari con concimi
minerali e soprattutto con letame o qualche altro concime organico interrato durante la vangatura (3-4
kg/metro quadrato)
Prima dellimpianto si possono impiegare 50-60 g/metro quadrato di perfosfato minerale-19 e
40-50 g/metro quadrato di solfato di potassio-50 distribuiti met al momento della vangatura e
met con le lavorazioni che precedono il trapianto.
Subito prima del trapianto, solo nel caso in cui non sia stato impiegato letame o compost,
oppure in presenza di terreni molto poveri, possibile spargere 10-15 g/metro quadrato di
nitrato ammonico-26. Nella coltura in atto (in copertura) si possono distribuire concimi in due
volte, alla distanza di 10-15 giorni, quando i frutti iniziano a ingrossarsi, nella dose di 8 grammi
di nitrato ammonico-26 per metro quadrato;

a cura del prof. Paolo CROCI

102

LORTO
POMODORO

IRRIGAZIONE
Il pomodoro una tipica coltura irrigua e una corretta gestione
delle irrigazioni pu migliorare i risultati produttivi e qualitativi.
Irrigazioni eccessive, oltre allo spreco dellacqua, comportano
dilavamento del terreno, ritardi nella maturazione, eccessivo
sviluppo vegetativo delle piante e probabili attacchi fungini
mentre apporti limitati producono uno sviluppo stentato,
insufficciente pezzatura dei frutti e possibile comparsa di
marciumi apicali.
inoltre importante preferire turni irrigui ravvicinati per ridurre i
rischi di ristagno idrico e di dilavamenti. E bene irrigare con il
sistema a infiltrazione laterale per ridurre gli stress idrici

a cura del prof. Paolo CROCI

103

LORTO
POMODORO

SEMINA E TRAPIANTO
La semina in semenzaio fatta a fine inverno (febbraio-marzo) per le coltivazioni in
campo di piena stagione.
Da 1 m quadrato di semenzaio possono essere ricavate 500-600 piantine idonee al
trapianto per avere le quali vanno seminati 2-3 grammi di seme per metro quadrato.
Le piante di pomodoro a sviluppo indeterminato hanno bisogno di tutori, perch hanno un
portamento sarmentoso, creano cio lunghi tralci che non sono in grado di sorreggersi da
soli . E necessario pertanto piantare delle canne dellaltezza di 2-2,5 metri allinterno del
solco, alla distanza di 40 60 cm luna dallaltra, e ad una profondit di almeno a 30-40
cm: quando i pomodori saranno cresciuti e pieni di frutti dovranno reggere un peso
elevato.
Se si ha lo spazio, per rendere il filare pi robusto, si possono piantare dei pali in legno
alle estremit delle file e tendere tre fili di ferro distanti 50 cm uno dallaltro.
Il trapianto si effettua quando non ci sono pi rischi di gelate tardive, che nel Nord Italia
coincide grosso modo con la seconda met di aprile. Le singole piantine devono essere
collocate lungo il solco ad una distanza di 40- 60 cm una dallaltra in prossimit del
tutore.
a cura del prof. Paolo CROCI

104

LORTO
POMODORO

LAVORI COLTURALI SUCCESSIVI


Scacchiatura
I pomodori tendono a produrre molti germogli laterali che si originano dalle gemme presenti
allascella delle foglie. I germogli ascellari vanno eliminati quando raggiungono circa 4 o 5 cm,
usando se possibile una forbice per non strappare i tessuti, facilitare la cicatrizzazione delle
ferite ed evitare che si infettino le piante con dei parassiti.
Questa operazione si rende necessaria per assicurare la circolazione dellaria e ed una perfetta
insolazione dei frutti in modo da garantirne una maturazione uniforme e completa.
La scacchiatura va continuata per tutto il ciclo vegetativo del pomodoro. Verso la fine
dellestate bene cimare la pianta per permettere una maturazione migliore degli ultimi frutti.
Rincalzature
Se ne effettuano due o tre. Il pomodoro ha una grande energia vegetativa ed in grado di
emettere radici anche sopra il colletto. Coprendo la parte basale del fusto col terreno che si
trova tra una fila e laltra, si consente lo sviluppo di tali radici, permettendo una radicazione pi
completa e sviluppata.
Il solco che si crea nel centro pu essere sempre utilizzato per lirrigazione a scorrimento.
a cura del prof. Paolo CROCI

105

LORTO
POMODORO

PREVENZIONE MALATTIE
Consigli di prevenzione
Non bagnare mai le foglie e la parte aerea delle piante quando si irriga.
Contenere le concimazioni azotate e non distribuire sostanza organica non matura durante la vegetazione delle
piante.
Effettuare trattamenti preventivi in primavera con prodotti a base di rame o con altri prodotti naturali (decotto
di equiseto, infuso di aglio e cipolla, propoli ) con cadenza quindicinale o subito dopo ogni pioggia; tisane di
ortica, achillea e fiori di tarassaco, nebulizzate sulle foglie, hanno effetti positivi sul raccolto e ne favoriscono
la crescita e la forza.

a cura del prof. Paolo CROCI

106

LORTO
MELANZANA

CLIMA E TERRENO
La melanzana una coltura primaverile-estiva, molto esigente in fatto
di luce e calore. Danni irreversibili si hanno con temperature prossime
allo zero e prolungate nel tempo.
La coltura molto sensibile alle variazioni di temperatura e di
luminosit. Le condizioni ottimali di vegetazione si realizzano con
temperature tra 16 e 25C. Al di sotto di 10-12 C arresta lattivit
vegetativa mentre temperature superiori ai 28-30 C rallentano la
crescita e lo sviluppo e determinano cascola fiorale, deformazioni e
ingiallimenti fogliari. Predilige un terreno soffice e fresco, di medio
impasto o sabbioso, di buona fertilit ed un regime idrico regolare.
Sono da evitare i terreni compatti ed asfittici e situazioni di eccesso
idrico che ne compromettono la capacit produttiva e le caratteristiche
organolettiche dei frutti.
a cura del prof. Paolo CROCI

107

LORTO
MELANZANA

LAVORAZIONI DEL TERRENO


Si esegue una vangatura autunnale profonda
30 cm.Deve essere molto accurata, specie nei
terreni pesanti, per garantire una struttura
ottimale e lo sgrondo delle acque in eccesso.
Nel caso di terreni argillosi pu essere utile la
formazione di aiuole rialzate, rispetto al piano
di campagna.

a cura del prof. Paolo CROCI

108

LORTO
MELANZANA

CONCIMAZIONE
Deve essere abbondante, specie quella organica a base di
letame maturo o compost (da 2 a 5 kg/mq), da distribuire
durante la preparazione del terreno. Nei terreni sabbiosi o
sciolti, specie se la sostanza organica scarsa, risultano
indispensabili delle concimazioni di copertura a base di azoto.
Volendo ricorrere alla concimazione chimica, si consiglia di
distribuire, ogni 10 mq, 50-80g di P2O5 e 80-150g di K2O alla
lavorazione del terreno, e 80-100 g di N in copertura.

a cura del prof. Paolo CROCI

109

LORTO
MELANZANA

IRRIGAZIONE
Devono essere frequenti e omogenee,
evitando di bagnare le foglie, in modo
da mantenere il terreno sempre umido.
Molto efficace allo scopo lirrigazione
a goccia, specie se abbinata alla
pacciamatura, che contribuisce anche
al controllo delle malerbe sulla fila.

a cura del prof. Paolo CROCI

110

LORTO
MELANZANA

SEMINA E TRAPIANTO

Semina
Viene fatta in semenzaio, a partire dal mese di febbraio, usando 1,5g di
seme per ogni m2 di semenzaio, da cui si pu ottenere un numero di
piantine sufficienti per la piantagione di 100 m2 di terreno. da tenere
presente che il seme di due anni ha una facolt germinativa superiore a
quello di 1 anno. Si pu seminare anche in alveoli o in vasetti singoli.
Lambiente deve essere riscaldato e luminoso: a 28C la nascita della
piantina avviene in 8-10 giorni
Trapianto
Va effettuato quando la temperatura si stabilizzata e non ci sono pi
rischi di gelate. Si consiglia un sesto di impianto che preveda una
distanza sulla fila variabile tra i 35 e i 50 cm e di 70-90 cm tra le file, in
modo da avere circa 2-4 piante/mq.

a cura del prof. Paolo CROCI

111

LORTO
MELANZANA

LAVORI COLTURALI SUCCESSIVI


Tutori
Sono consigliabili nelle zone ventose, per assicurare un buon ancoraggio al
terreno. Si pu utilizzare una canna di bamb per ogni pianta, o meglio dei
pali con dei fili di ferro o delle reti tesi su ogni fila.
Sarchiatura
Detta anche sfemminellatura, la sarchiatura importante e consiste
nell'eliminazione di getti ascellari posti nel tratto di fusto al di sotto della
prima biforcazione. Questi, infatti, sono sterili e producono frutti di pezzatura
ridotta, di qualit scadente che, spezzandosi, possono provocare ferite sul
fusto. Il momento pi indicato per questa operazione l'inizio della
fioritura.
Buona norma anche quella di eliminare le foglie basali ingiallite che
possono favorire, essendo pi a contatto del terreno, l'insorgere di malattie .
Cimatura
Utile anche la cimatura, che si effettua a fine ciclo asportando le gemme
apicali.
a cura del prof. Paolo CROCI

112

LORTO
MELANZANA

PREVENZIONE MALATTIE
Consigli di prevenzione
Utilizzare sesti di impianto allargati per permettere una maggior
circolazione dellaria ed una migliore diffusione della luce.

Evitare di bagnare le foglie durante le annaffiature.


Limitare le concimazioni azotate.
Staccare i frutti con le forbici, in modo da non provocare lacerazioni ai
tessuti.
Utilizzare rotazioni ampie tra le colture.
Utilizzare solo sostanza organica ben decomposta.

a cura del prof. Paolo CROCI

113

LORTO
CIPOLLA

CLIMA E TERRENO

La cipolla abbastanza resistente al freddo, tanto che la germinazione, pur avvenendo in condizioni ottimali
intorno ai 20-25C, pu iniziare gi a valori di 0-1C.
La formazione dello scapo fiorale stimolata dallesposizione alle basse temperature (vernalizzazione), mentre la
formazione del bulbo dipende dal fotoperiodo (alternanza giorno-notte): le variet brevidiurne, precoci,
richiedono 10-12 ore di luce al giorno, le neutrodiurne, medio-precoci, 12-14 ore, mentre quelle longidiurne,
tardive, ne richiedono da 14 a 16.
La cipolla predilige terreni di medio impasto, tendenzialmente sciolti, ma si adatta anche a quelli argillosi purch
freschi, profondi, ricchi di sostanza organica, con buona disponibilit di acqua, ma senza ristagni.

a cura del prof. Paolo CROCI

114

LORTO
CIPOLLA

LAVORAZIONI DEL TERRENO

Prima della semina sufficiente una lavorazione superficiale


con la zappa se la semina viene fatta in primavera. Per la semina
autunnale bene vangare con una profondit di 15 20 cm.
Avvicendamento e consociazione
La cipolla non deve essere reimpiantata prima di 4-5 anni, per
evitare attacchi di nematodi e di malattie fungine. Non deve
seguire il porro, laglio, la patata e il cavolo. Pu essere
consociata a carota, insalata e pomodori.

a cura del prof. Paolo CROCI

115

LORTO
CIPOLLA

CONCIMAZIONE
Sono da evitare concimazioni organiche date in prossimit della coltivazione, se fatte con sostanza
organica non compostata perfettamente e le concimazioni azotate abbondanti, mentre si avvantaggia
delle concimazioni organiche effettuate per le coltivazioni precedenti. In carenza di sostanza organica
possibile fornire una concimazione minerale, distribuendo, prima della lavorazione principale del
terreno, 75-100 g di perfosfato (titolo 20-21%), e 20-40 g di solfato potassico; in copertura si pu poi
distribuire 30-50 g di nitrato ammonico. Lazoto va somministrato nelle prime fasi di crescita della
pianta, in quanto uneccessiva disponibilit tardiva pu compromettere la conservabilit del prodotto.

a cura del prof. Paolo CROCI

116

LORTO
CIPOLLA

IRRIGAZIONE
Lirrigazione non necessaria per le cipolle che verranno raccolte in
primavera, mentre sar sufficiente una leggera irrigazione 2 volte la
settimana per le variet a raccolta autunnale

LAVORI COLTURALI SUCCESSIVI


Sarchiature
Sono necessarie per mantenere il terreno libero dalle infestanti e per interrare i concimi di
copertura, ma vanno effettuate con attenzione perch le radici delle cipolle sono molto
superficiali.

a cura del prof. Paolo CROCI

117

LORTO
CIPOLLA

SEMINA E TRAPIANTO
L'epoca di semina va da settembre a dicembre, per le cipolle

da consumo fresco a raccolta primaverile, e da gennaio ad


aprile per quelle a raccolta estivo-autunnale. Anzich
effettuare la semina diretta possibile ricorrere al trapianto
di piantine ottenute in contenitori alveolari, accorciando
cos il ciclo di circa 3 settimane.
Le cipolle primaverili-estive per il consumo fresco si
seminano a file distanti 20-25 cm, distanziando i semi sulla
fila a10-15.
Le cipolle autunnali si seminano a file distanti 30- 40 cm e
sulla fila di 15-20. I semi vanno interrati al massimo 1 cm;
per facilitare la germinazione, che impiega normalmente 1015 giorni, alveolari, il trapianto va effettuato quando le
piantine hanno 4-5 foglie, interrando il bulbetto 1-2 cm
sopra linserzione delle radici.
a cura del prof. Paolo CROCI

118

LORTO
CIPOLLA

PREVENZIONE MALATTIE

Consigli di prevenzione
seminare bulbi sani, integri, di variet locali

aspettare almeno 4 anni prima di ricoltivare la cipolla nelle


stesse aiuole o dopo aglio o porro
effettuare concimazioni azotate equilibrate e solo nella fase
iniziale della coltivazione
irrigare solo se necessario ed evitare ristagni idrici e scarso
drenaggio

a cura del prof. Paolo CROCI

119

LORTO
CAVOLO

CLIMA E TERRENO

I cavoli non hanno grosse esigenze termiche, ma temono


il gelo per cui nei climi rigidi la loro coltivazione non si
protrae oltre il mese di dicembre.
Sono molto esigenti nei confronti del terreno che deve
essere ben drenato, ricco di humus, profondo.
I cavoli non dovrebbero ritornare sulla stessa aiuola
prima di tre o quattro anni. Come colture precedenti
ottime sono le leguminose, come fagioli o piselli.

a cura del prof. Paolo CROCI

120

LORTO
CAVOLO

LAVORAZIONI DEL TERRENO


Le loro radici possono scendere fino ad un metro e mezzo, la lavorazione principale
dovr essere di conseguenza accurata e profonda per assicurare una buona struttura,
specie se il terreno argilloso.
Si consiglia quindi una vangatura molto profonda (almeno 40 cm) eseguita in
anticipo rispetto alla semina

IRRIGAZIONE
Ha elevati fabbisogni dacqua quindi andranno eseguite irrigazioni frequenti ed
abbondanti.

a cura del prof. Paolo CROCI

121

LORTO
CAVOLO

CONCIMAZIONE
Estremamente importante la concimazione di
fondo, da fare prima del trapianto, a base di
letame maturo o pollina, compost o concimi
fosfo-potassici minerali . Per quello che riguarda
lazoto, lapporto complessivo non dovrebbe
superare i 18 g/mq. In assenza di concimazione
con letame, lazoto va dato in modo scaglionato
durante larco vegetativo.

a cura del prof. Paolo CROCI

122

LORTO
CAVOLO

SEMINA E TRAPIANTO
La semina viene effettuata a fine maggio, primi di giugno,

in cassetta o direttamente in vasetti. Il trapianto in piena


terra si esegue dopo circa 40 gg nel mese di luglio, quando
le piantine hanno sviluppato almeno 5-6 foglie vere, a una
distanza tra pianta e pianta di 50-70 cm. Le piante hanno
un grande sviluppo e di conseguenza hanno bisogno di
molto spazio, distanze minori le rendono pi soggette a
malattie e possono ritardare la maturazione o produrre i
fiori o le teste pi piccoli. Le piantine vanno collocate in
profondit, in buchette appositamente preparate e a
contatto con ottimo terriccio o compost maturo, facendo
attenzione a non rompere il pane di terra delle radici, per
garantire cos una ripresa vegetativa rapida.

a cura del prof. Paolo CROCI

123

LORTO
CAVOLO

LAVORI COLTURALI SUCCESSIVI


Utili sono le sarchiature abbinate ad una leggera rincalzatura per contenere lo sviluppo delle infestanti e le
perdite di acqua per evaporazione. In alternativa possibile utilizzare la pacciamatura con film plastico o
materiale vegetale.

PREVENZIONE MALATTIE
Consigli di prevenzione
Non utilizzare mai letame o sostanza organica non perfettamente maturi.
Garantire sempre un intervallo di almeno tre quattro anni tra una coltivazione e laltra.
Lavorare il terreno in profondit e garantire un buon drenaggio.
a cura del prof. Paolo CROCI

124

LORTO
CAVOLO

RACCOLTA VARIETALE
Raccolta
Si attua in tempi diversi a seconda delle caratteristiche varietali
e dellepoca di semina e

trapianto.
Cavolfiori: la raccolta avviene prima del gelo,.
Broccoli: si raccoglie il germoglio principale quando linfiorescenza ancora compatta e
prima che i fiori gialli si aprano; in seguito si raccolgono anche i germogli laterali che
hanno raggiunto una lunghezza di 10 cm.
Verza: le teste vanno tagliate quando hanno raggiunto una dimensione sufficiente,
lasciando anche le foglie esterne se non si consuma subito il prodotto. Temperature di
alcuni gradi sotto zero, in questo stadio di sviluppo non le danneggiano.
Cappuccio: si procede come con le verze quando le teste risultano ben compatte.
Cavolo di Bruxelles: si raccoglie in modo scalare partendo dal basso, a mano a mano che
i germogli diventano pronti.

a cura del prof. Paolo CROCI

125

LORTO
ZUCCHINO

CLIMA E TERRENO
E una pianta ad elevate esigenze termiche, ma fra le altre
Cucurbitaceae, la meno esigente. Predilige ambienti
temperati e poco ventosi. I valori di temperatura ottimali
sono di 15-18C la notte e 24-30C il giorno; a 10-13C la
pianta arresta la crescita.

Lo zucchino una coltura che preferisce dei terreni leggeri,


freschi con la sostanza organica ben unificata, senza ristagni,.
E caratterizzato da una crescita rapida, con un notevole
sviluppo fogliare ed un ciclo abbastanza corto (circa 90
giorni). E una delle orticole pi resistenti alla salinit, adatta
cio alla coltivazione in terreni vicini alle coste.
Avvicendamento e consociazione
E sconsigliabile ripetere la coltura sullo stesso terreno prima
di 3-4 anni o di coltivarla dopo pomodoro, fagiolino o altre
specie della famiglia delle cucurbitacee, perch le piante
andrebbero facilmente soggette ad attacchi di parassiti.
a cura del prof. Paolo CROCI

126

LORTO
ZUCCHINO

LAVORAZIONI DEL TERRENO


Nel caso di terreni pesanti le lavorazioni devono essere
molto accurate, fatte per tempo, meglio prima
dellinverno.

CONCIMAZIONE
Le concimazioni devono essere abbondanti. Indispensabile
quella organica a base di letame maturo o compost (da 4 a 6
kg/mq), da distribuire durante la preparazione del terreno.
Volendo ricorrere alla concimazione chimica, si consiglia di
distribuire, ogni 10 mq, 70-90g di P2O5 e 200-250g di K2O
alla lavorazione del terreno, e 100-150 g di N in copertura.
a cura del prof. Paolo CROCI

127

LORTO
ZUCCHINO

SEMINA E TRAPIANTO
La semina viene fatta generalmente in pieno campo, quando i rischi
di gelate sono terminati ed il terreno sufficientemente caldo: in
condizioni ottimali, seminando ad una profondit di circa 2,5-3
cm.La pianta della zucchina ha un portamento molto espanso e
richiede pertanto molto spazio, almeno 1 m2 per ogni pianta, cio
tra le file 100-150 cm e sulla fila 70-100 cm. Nella semina diretta si
seminano 2 o 3 piante per buchetta, che andranno poi diradate
lasciandone una sola, ad emergenza consolidata.
possibile comunque seminare anche in vasetto e trapiantare poi
quando le condizioni termiche sono ottimali: in questo modo si pu
anticipare di almeno 15 giorni la coltivazione.
Per anticipare la semina possibile utilizzare semplici mezzi di
protezione, quali piccoli tunnel o campane.

a cura del prof. Paolo CROCI

128

LORTO
ZUCCHINO

IRRIGAZIONE
Le irrigazioni devono essere frequenti e omogenee,
evitando di bagnare le foglie, in modo da mantenere il
terreno sempre umido.

LAVORI COLTURALI SUCCESSIVI


E bene eseguire delle zappettature e
sarchiature per togliere le malerbe e
per arieggiare il terreno
a cura del prof. Paolo CROCI

129

LORTO
ZUCCHINO

PREVENZIONE MALATTIE
Consigli di prevenzione
Evitare di bagnare le foglie durante le annaffiature.
Limitare le concimazioni azotate.
Staccare i frutti con le forbici, in modo da non provocare lacerazioni ai tessuti.
Utilizzare rotazioni ampie tra le colture.
Utilizzare solo sostanza organica ben compostata
E possibile prevedere dei trattamenti per il controllo delle malattie fungine a base di zolfo.

a cura del prof. Paolo CROCI

130

LORTO
INSALATE

Lattuga

Cicoria radicchio

Endivia

Valeriana

a cura del prof. Paolo CROCI

131

LORTO
INSALATE

CLIMA E TERRENO
Lattuga: una specie annuale, completa quindi il suo ciclo produttivo nellarco di un anno solare. Questa
caratteristica la rende particolarmente esposta ai rischi di una fioritura anticipata, specie la pianta sottoposta a
stress dovuti a condizioni climatiche avverse (temperature elevate, mancanza dacqua), e pu ridurre notevolmente
il periodo utile di raccolta e, a volte, la produzione effettiva.
Cicorie: sono invece piante biennali che sviluppano nel primo anno la parte vegetativa e nel secondo lo scapo
fiorale. Non risentono pertanto delle problematiche di prefioritura come le lattughe. Pi resistenti al freddo si
prestano ottimamente alla coltivazione autunno-vernina.
Lendivia ama terreni freschi e ben irrigati come la lattuga, mentre pi rustico e resistente al secco il radicchio;
anche per loro sono particolarmente dannosi i ristagni idrici.
La valeriana ama un clima temperato fresco, non teme il freddo, ma il caldo arido. Predilige terreni
tendenzialmente argillosi, tenaci non troppo umidi n siccitosi.
a cura del prof. Paolo CROCI

132

LORTO
INSALATE

LAVORAZIONI DEL TERRENO


Avvicendamento e consociazione
Le coltivazioni di lattughe e cicorie non devono seguire quella dei cavoli ed opportuno garantire
una rotazione almeno triennale. Si possono consociare con fragole, aglio, cipolle, ravanelli e
pomodori.

Il terreno deve essere vangato ad una profondit di circa 30 cm.

CONCIMAZIONE
Il terreno deve essere ben lavorato e concimato in modo da garantire un buon drenaggio e sostanze
nutritive prontamente assimilabili. Molto importanti le concimazioni organiche effettuate per la
coltivazione principale. Prima della semina o del trapianto sufficiente distribuire del compost
maturo; in mancanza, 10 -15 g/mq dazoto a pari a 40-60 g di nitrato ammonico.
a cura del prof. Paolo CROCI

133

LORTO
INSALATE

SEMINA E TRAPIANTO
Nelle coltivazioni estivo-autunnali, a seconda delle variet, si semina da giugno a settembre. Pu essere
eseguita sia in pieno campo, che in semenzaio. Nella semina diretta in pieno campo, vista la stagione, molto
importante mantenere il terreno costantemente umido: nei radicchi da taglio e nella valeriana, eseguita a
spaglio, mentre negli altri casi a file. La profondit di semina di 1 o 2 cm al massimo, la distanza tra le file
pu variare tra i 30 e i 50 cm, sulla fila di circa 5-10 cm. Quando le piante hanno sviluppato 7-8 foglioline,
necessario procedere al diradamento, lasciandole ad una distanza finale di 20-30 cm. Nel caso di semina in
semenzaio il trapianto andr eseguito quando le piante avranno raggiunto lo stesso sviluppo. I semenzai vanno
realizzati in luoghi ombreggiati e freschi e mantenuti costantemente umidi.

a cura del prof. Paolo CROCI

134

LORTO
INSALATE

IRRIGAZIONE
Devono essere abbondanti e regolari, cercando di non bagnare le foglie, dopo che si formato il
grumo, per evitare la comparsa di marciumi.

LAVORI COLTURALI SUCCESSIVI


Sarchiature
Sono indispensabili per mantenere il terreno sgombro dalle infestanti.
Imbiancamento
alcune variet pu avvenire in modo naturale allinterno del cespo; in altri casi richiede invece un intervento
apposito:
nellendivia le foglie allesterno del cespo, 15-20 giorni prima della raccolta, vengono riunite e legate insieme
in modo da permettere limbiancamento del cuore
nei radicchi invece, per avere un imbiancamento completo, dopo la raccolta, le piante vanno potate e
stratificate in sabbia umida fino alla formazione di un nuovo grumo
a cura del prof. Paolo CROCI

135

LORTO
INSALATE

PREVENZIONE MALATTIE

Consigli di prevenzione
effettuare una rotazione adeguata tra le colture

effettuare concimazioni azotate equilibrate


evitare ristagni idrici e scarso drenaggio

evitare le semine troppo fitte


irrigare regolarmente e in modo localizzato
asportare e distruggere i residui infetti

a cura del prof. Paolo CROCI

136

LORTO
PREZZEMOLO

CLIMA E TERRENO
Si adatta a qualsiasi substrato, ma predilige terreni fertili, di medio impasto, ben drenati. Nei confronti del

clima non ha particolari esigenze e si adatta senza problemi a tutte le zone a clima temperato.

LAVORAZIONI DEL TERRENO


Oltre alle normali lavorazioni di preparazione del terreno, quali la vangatura e/o la zappatura, da predisporre un
accurato letto di semina, se si prevede di eseguire la semina diretta in pieno campo

a cura del prof. Paolo CROCI

137

LORTO
PREZZEMOLO

CONCIMAZIONE
La sostanza organica ben compostata va
somministrata durante le lavorazioni del
terreno, in ragione di 2 4 kg/mq.
Volendo ricorrere alla concimazione
chimica, si consiglia di distribuire, ogni
metro quadrato, 8-12 g di P2O5 e 12-15g
di K2O durante le lavorazioni del terreno
e 10 -15 g di N, in copertura.

a cura del prof. Paolo CROCI

138

LORTO
PREZZEMOLO

SEMINA E TRAPIANTO

forse loperazione pi difficile e delicata. La germinazione


del prezzemolo, infatti,
molto lenta e, in pieno campo, a seconda della temperatura, pu richiedere fino a
20-30 giorni. Pu comunque, con profitto, essere anticipata in cassetta, mantenendo
il seme in germinazione in una zona calda e con unumidit costante. A 20C la
germinazione avviene in 8 10 giorni.
Volendo optare per la semina diretta necessario predisporre un letto di semina
soffice e privo di malerbe, costituito da terriccio molto fine, ma che non crei crosta
superficiale. A tal fine si consiglia di miscelare la parte superficiale del terreno con
torba o con compost molto maturo. Si pu seminare a spaglio o a righe distanti 2030 cm; sulla fila i semi vanno collocati alla distanza di circa 2 - 5 cm.
Per facilitare la semina a spaglio si pu mescolare il seme con sabbia fine; i semi
vanno quindi ricoperti con circa 1 cm di terreno leggero, che va mantenuto
costantemente umido fino alla germinazione. Per facilitare questa operazione senza
provocare ristagni, dilavamento dei semi o crosta superficiale, si pu utilizzare un
telo di iuta o di canapa da appoggiare sui seminati ed innaffiare con regolarit.

a cura del prof. Paolo CROCI

139

LORTO
PREZZEMOLO

IRRIGAZIONE

Lacqua non deve mai mancare e deve essere somministrata


con regolarit, dalla semina alla raccolta,
senza eccedere.

LAVORI COLTURALI SUCCESSIVI


Scerbature e sarchiature sono indispensabili per mantenere il terreno pulito
dalle infestanti, arieggiare e rompere leventuale crosta superficiale. Si
riescono ad attuare con pi facilit nella semina a file.

a cura del prof. Paolo CROCI

140

LORTO
PREZZEMOLO

PREVENZIONE MALATTIE
Se non si eccede nelle concimazioni azotate e si garantisce una buona rotazione tra le colture, il prezzemolo
risulta essere una coltura robusta e di facile coltivazione, non sono pertanto necessari, di norma, interventi di
controllo.

a cura del prof. Paolo CROCI

141

LORTO
PEPERONE

CLIMA E TERRENO
Molto esigente in fatto di luce e temperatura, predilige climi caldi, senza forti sbalzi termici. Al di sotto dei
10C arresta lattivit vegetativa, tollera temperature comprese tra 0 e 4C solo per tempi molto brevi.
Giornate lunghe e luminose sono indispensabili per una buona fioritura e allegagione.
Predilige terreni di medio impasto o sciolti, senza ristagni idrici, con un pH neutro o sub-acido e un elevato
contenuto di sostanza organica. Lacqua non deve mai mancare e deve essere somministrata con regolarit
ed in abbondanza, senza bagnare lapparato fogliare.
Il vento molto dannoso, perch tende a rovesciare le piante, a staccarne i rami e rovinare le foglie. E
molto sensibile alla concentrazione salina dei terreni e delle acque irrigue

a cura del prof. Paolo CROCI

142

LORTO
PEPERONE

LAVORAZIONI DEL TERRENO


Nel caso di terreni pesanti le lavorazioni devono essere molto accurate, fatte per tempo, meglio prima
dellinverno. Si consiglia una vangatura a media profondit.

CONCIMAZIONE
Le concimazioni devono essere abbondanti. Indispensabile quella organica a base di letame maturo o
compost (da 2 a 5 kg/mq), da distribuire durante la preparazione del terreno. Ottima anche la cornunghia.
Nei terreni sabbiosi o sciolti, specie se la sostanza organica scarsa, risultano indispensabili delle
concimazioni di copertura a base di azoto. Volendo ricorrere alla concimazione chimica, si consiglia di
distribuire, ogni 10 mq, 150-200g di P2O5 e 80-150g di K2O alla lavorazione del terreno, e 100-150 g di N
in copertura.

a cura del prof. Paolo CROCI

143

LORTO
PEPERONE

SEMINA E TRAPIANTO
Semina
La semina si fa in semenzaio, a partire dal mese di febbraio, per trapiantare quanto la temperatura si
stabilizzata. Si pu seminare in cassetta, in alveoli, o in vasetti singoli. Lambiente deve essere riscaldato e
luminoso: per la germinazione sono necessari almeno 7-8 giorni ed una temperatura di almeno 17-18C, con
un optimum a circa 25-30C.
Trapianto
Per il trapianto non bisogna avere fretta, perch il peperone ha notevoli esigenze sia termiche che luminose.
Una coltivazione troppo anticipata pu esporre la pianta a stress termici e a gelate tardive. Le piantine devono
avere da 4 a 8 foglie vere. Si consiglia un sesto di impianto che preveda una distanza sulla fila variabile tra i
35 e i 50 cm e di 70-90 cm tra le file, in modo da avere circa 2-4 piante/mq.
Tutori
I tutori sono generalmente consigliabili, in quanto lapparato radicale, non molto sviluppato, non in grado di
ancorare saldamente la pianta al terreno, specie se la produzione abbondante e la zona ventosa.
Si pu utilizzare una canna di bamb per ogni pianta, o meglio dei pali con dei fili di ferro (o delle reti) tesi su
ogni fila.

a cura del prof. Paolo CROCI

144

LORTO
PEPERONE

IRRIGAZIONE
Devono essere frequenti e omogenee, evitando di bagnare le foglie, in modo da mantenere il terreno sempre
umido. Molto efficace allo scopo lirrigazione a goccia, specie se abbinata alla pacciamatura, che contribuisce
anche al controllo delle malerbe sulla fila.

LAVORI COLTURALI SUCCESSIVI


Cimatura
Utile la cimatura, che consiste nellasportare le gemme apicali quando i primi frutti si sono ingrossati.
Importante anche lasportazione dei germogli laterali, come nei pomodori (scacchiatura).

a cura del prof. Paolo CROCI

145

LORTO
PEPERONE

PREVENZIONE MALATTIE
Utilizzare sesti dimpianto allargati per permettere una maggior circolazione dellaria ed una migliore
diffusione della luce.
Evitare di bagnare le foglie durante le annaffiature.
Limitare le concimazioni azotate.
Staccare i frutti con le forbici, in modo da non provocare lacerazioni ai tessuti.
Utilizzare rotazioni ampie tra le colture.
Utilizzare solo sostanza organica ben compostata.
Trattamenti specifici
E possibile prevedere dei trattamenti per il controllo delle malattie fungine a base di rame o con decotto di
equiseto, macerato di aglio e cipolla, propoli ed oli essenziali.

a cura del prof. Paolo CROCI

146

LORTO
LE PIANTE AROMATICHE

E' subito necessario distinguere le piante perenni da quelle annuali o biennali.


Le piante perenni si moltiplicano per talea, anche per seme, ma in questo caso la crescita pi
lenta, specialmente per quelle piante di maggiore sviluppo.
Le piante annuali e biennali, si moltiplicano per seme; le biennali, come il prezzemolo, al secondo
anno, generalmente vanno in seme e muoiono.
La talea un rametto, opportunamente tagliato, che viene interrato e dal quale si svilupper una
nuova pianta. La talea deve essere presa tagliando un rametto immediatamente sotto una
gemma o un nodo. Se il legno duro va presa ad una certa distanza dal nodo. La talea deve
essere privata delle gemme e delle foglie, lasciando solo due tre foglie e gemme apicali. Da
queste gemme si svilupperanno i rami delle nuova pianta. E' utile immergere la talea in una
soluzione a base di ormoni radicanti prima di essere interrata.
La talea va interrata almeno per met della sua lunghezza e la terra deve aderire intimamente
ad essa. La terra deve essere leggera, mescolando torba, sabbia e terriccio adatto, deve essere
tenuta all'ombra sino a completa radicazione, tenendo la terra umida.

a cura del prof. Paolo CROCI

147

LORTO
LE PIANTE AROMATICHE

Piante ed erbe che devono essere seminate

Seminare in terra morbida, coprendo i semi con un leggero strato di terriccio e pressando
leggermente, mantenere il terreno umido.
I semi delle diverse specie hanno tempi di germinazione diversi, alcuni come basilico e rucola
germinano in condizioni opportune di temperatura e umidit in una decina di giorni, il
prezzemolo impiega anche 30 giorni e per questo motivo molti lo coprono con tela di iuta che
viene tenuta costantemente bagnata. Seminare quindi:
Acetosella, achillea, alloro, angelica, aneto, anice, basilico, borragine, cerfoglio, coriandolo,
cumino, dragoncello, erba cipollina, finocchio, maggiorana, origano, peperoncino, prezzemolo.
Alloro, cappero, ginepro, lavanda pur essendo perenni, possono essere seminati.

a cura del prof. Paolo CROCI

148

LORTO
LE PIANTE AROMATICHE
Aneto
si riproduce per seme. Il suo aroma assomiglia all'anice e al cumino.
E' una pianta annua che vuole posizione soleggiata, terreno umido
senza ristagni. Seminare all'inizio della primavera in solchi profondi.
I semi devono essere seminati appena raccolti.
Coltivazione
Seminare in primavera direttamente all'aperto, utilizzando seme
fresco, su terreno fresco e in luogo soleggiato. Diradare se le
piantine sono troppo fitte. Irrigare periodicamente e liberare il
terreno dalle infestanti.
Raccolta e conservazione
Le foglie possono essere raccolte e consumate fresche durante
tutto il periodo vegetativo. Tagliare le piante quando i frutti sono
quasi maturi e farle essiccare all'ombra. Batterle poi delicatamente
per raccogliere i frutti maturi.
Uso in cucina e propriet terapeutiche
Simile al Finocchio selvatico, adatto nelle marinate, nella salsa per i
pesci e nelle insalate. I frutti, molto aromatici, sono ideali per
profumare l'aceto, le conserve, i funghi e le verdure sott'aceto.
Propriet terapeutiche: diuretiche, emmenagoghe, stimolanti,
carminative.

a cura del prof. Paolo CROCI

149

LORTO
LE PIANTE AROMATICHE

Basilico
Seminare in serra a marzo o aprile e trapiantare in maggio, al nord anche in
giugno. Richiede terreno soffice e umido. Le piantine possono essere messe
in file distanti fra loro almeno 30 cm e distanziare le piantine di 30 cm.
Richiede annaffiature frequenti.
Coltivazione e variet
La semina avviene in marzo-aprile in un luogo protetto in vaso o terrine in
substrato leggero. Quando le piantine sono sviluppate si possono
trapiantare in vasi pi grandi o in terra piena in luoghi soleggiati. Innaffiare
abbondantemente e cimare per favorire laccestimento e la fioritura troppo
precoce.
Raccolta e conservazione
Raccogliere le foglie e gli apici fiorali per tutta lestate e utilizzarli
freschi, essiccati, conservati sottolio o in sacchetti di plastica nel
congelatore, intere o a pezzetti.
Uso in cucina e propriet terapeutiche
Il basilico una delle piante aromatiche pi usate in cucina per dare sapore
ad insalate, sughi, minestre, formaggi, salse, ecc. E il principale ingrediente
del celeberrimo pesto alla genovese.
Il succo delle foglie strofinato sulla pelle allontana le zanzare.
Propriet terapeutiche: stimolanti, antispasmodiche, diuretiche, tonicodigestive, antisettiche, antinfiammatorie.

a cura del prof. Paolo CROCI

150

LORTO
LE PIANTE AROMATICHE
Dragoncello
E' un'erba perenne e la moltiplicazione avviene per suddivisione dei
cespi in marzo, oppure per talea in giugno. E' una pianta rustica e
non necessita di particolari cure. Necessita di buona esposizione e
soffre il gelo. Le parti utilizzate sono le cime fiorite ed i germogli.
Coltivazione
Produce raramente semi fertili e quindi pu essere riprodotta solo
per divisione dei cespi e per talea. Predilige i luoghi soleggiati e i
terreni fertili e sabbiosi. In commercio esistono variet prive
totalmente di profumo. Il dragoncello russo (Artemisia
dracunculoides) pu essere coltivato con successo da semi, in
primavera.
Raccolta e conservazione
Allinizio della primavera staccare foglioline e steli freschi per
realizzare dellaceto di dragoncello. Staccare le foglie da utilizzare
fresche durante tutta la stagione di crescita o fatte essiccare in
luogo fresco e asciutto.
Uso in cucina e propriet terapeutiche
Per il suo profumo delicato tra lanice e il sedano adatto per
insaporire piatti di pesce, frittate, formaggi frechi, salse e ripieni.
Propriet terapeutiche: toniche, stomachico-digestive, aperitive,
carminative. In infuso pu alleviare linsonnia e la costipazione.

a cura del prof. Paolo CROCI

151

LORTO
LE PIANTE AROMATICHE

Erba cipollina
E' molto comune nelle campagne, molto rustica e cresce in ogni
terreno e in ogni clima. Si riproduce per seme da porre a dimora in
autunno o in primavera oppure per suddivisione dei cespi all'inizio
della primavera che sono posti ad una distanza di 30 cm.
Coltivazione
Le piantine si possono ottenere mediante semina su substrato
leggero e ben drenato. I ciuffetti di piantine devono essere poi
trapiantati in vasetti con terriccio pi ricco. Quando sono ben
sviluppate si collocano in terra piena in zone soleggiate. E possibile
anche moltiplicare le piante adulte mediante la divisione dei cespi.
Raccolta e conservazione
Le foglie devono essere recise alla base e danno il meglio se
consumate fresche. Per conservarle, si consiglia di congelarle in
piccoli sacchetti chiusi, dopo averle tagliate ad anelli.
Uso in cucina e propriet terapeutiche

Le foglie, con un sapore e un odore delicati che ricordano la cipolla,


sono indicate per dare sapore ad insalate, piatti di pesce e formaggi
morbidi. Anche i fiori sono commestibili e hanno un delicato sapore di
cipolla; possono essere utilizzati per decorare insalate.
Propriet terapeutiche: stimolanti, digestive, depurative,
antisettiche.

a cura del prof. Paolo CROCI

152

LORTO
LE PIANTE AROMATICHE
Finocchio
E' una pianta perenne molto rustica e molto comune. Vive anche su terreni aridi,
incolti, esposti in pieno sole. Cresce spontaneo in luoghi caldi e asciutti, dal mare fino a
800 m.
Si usano esclusivamente i semi. La coltivazione non richiede particolari cure.

Coltivazione
Viene seminato in terra piena, su terreno fertile e privo di ristagni idrici, usando
semente fresca. In vaso non pu essere coltivato perch necessita di molto spazio. Le
piante adulte possono essere riprodotte anche per divisione dei cespi, in primavera.
Esistono variet particolarmente decorative e ugualmente aromatiche.
Raccolta e conservazione
Asportare le foglie e utilizzarle fresche. Tagliare le ombrelle quando i frutti sono quasi
maturi e farle essiccare all'ombra. Batterle poi delicatamente per raccogliere i frutti
maturi.
Uso in cucina e propriet terapeutiche
In cucina i frutti (detti semi) si abbinano con la porchetta e tutte le carni grasse.
I giovani getti e le foglie fresche sono indicate per aromatizzare insalate, piatti di
pesce, salse e aceti aromatici. Il finocchietto selvatico (raccolto a fine inverno,
utilizzando solo la parte tenera e le foglie filiformi) si usa in Sicilia per la preparazione
della pasta con le sarde.
Propriet terapeutiche: depurative, tonico-aperitive, carminative, antispasmodiche.

a cura del prof. Paolo CROCI

153

LORTO
LE PIANTE AROMATICHE

Lavanda
Coltivazione
La coltivazione pu iniziare dalla semina per le specie botaniche,
mentre necessario riprodurre per talea tutti gli ibridi e le variet
orticole. Facile da coltivare, ha bisogno di sole e terreno ben
drenato. Potare le piante ogni anno, dopo la fioritura, allinizio
dellautunno oppure in primavera, se il clima freddo e umido.
Raccolta e conservazione
Tagliare i fiori in estate, appena si aprono, e utilizzarli freschi o
essiccati. Per essiccarle, distribuire le spighe su un vassoio o
preparare mazzetti da appendere.
Uso in cucina e propriet terapeutiche
In cucina, usare i fiori e le foglie con moderazione. I fiori si
possono utilizzare per profumare lo zucchero nella preparazione di
dolci e biscotti. Le foglie si possono impiegare per profumare
lagnello arrosto.
I fiori essiccati trasmettono un aroma persistente alla biancheria
negli armadi.
Lolio essenziale un profumo molto apprezzato.
La tisana a base di fiori di lavanda cura stati ansiosi, mal di testa,
flatulenza, nausea, capogiri e alitosi.
Propriet terapeutiche: antisettiche, antispasmodiche, sedative,
aromatiche, bechiche.

a cura del prof. Paolo CROCI

154

LORTO
LE PIANTE AROMATICHE

Maggiorana
Coltivazione
Pu essere propagato per semina (da effettuare in primavera) o per
divisione delle piante accestite (in primavera o dopo la fioritura).

Raccolta e conservazione
Raccogliere le foglie e le estremit fiorite allinizio della fioritura. Fare
essiccare in luogo ombroso e ventilato.
Uso in cucina e propriet terapeutiche
Molto impiegata in cucina per aromatizzare carni in umido, funghi,
legumi, salse, insalate di pomodori, ecc. Entra nella composizione di
vermuth e liquori a base di erbe.
Il profumo della maggiorana pi dolce e speziato rispetto a quello
dellorigano, che invece pi fresco e pungente.
Propriet terapeutiche: sedative, antispasmodiche, tonico-stimolanti,
diaforetiche. Per uso esterno, viene impiegato per frizioni
antireumatiche.

a cura del prof. Paolo CROCI

155

LORTO
LE PIANTE AROMATICHE
Melissa
E' una pianta perenne. Si riproduce per suddivisione delle radici in
primavera e in autunno. Le talee emesse sono numerose ed occorre
lasciare 30-40 cm. tra ogni pianta. Non ha particolari esigenze ma
teme il freddo ed i ristagni d'acqua. In natura cresce in luoghi
ombrosi, dal mare alla zona subalpina. La suddivisione del rizoma
deve essere fatta in settembre e ogni pezzo deve contenere almeno
3 gemme. Intervallare le piante di almeno a 30 cm.
Coltivazione
Come tutte le mente, si pu riprodurre facilmente per talea di punta o
mettendo a dimora dei pezzi di stoloni radicati. Pu essere coltivata in
vaso o in terra piena.
Raccolta e conservazione
Le foglie vengono raccolte prima della fioritura; possono essere usate
fresche o essiccate in luogo ombroso e ventilato. Conservare al riparo
della luce e all'asciutto.
Uso in cucina e propriet terapeutiche
Le foglie, dal caratteristico profumo di limone, vengono impiegate per
aromatizzare frittate, insalate, pesce, marmellate, macedonie di
frutta. Molto impiegata per la preparazione di liquori.
Propriet terapeutiche: digestive, antispasmodiche, sedative. Per uso
esterno, serve come lenitivo nelle infiammazioni del cavo orale.

a cura del prof. Paolo CROCI

156

LORTO
LE PIANTE AROMATICHE
Origano
Coltivazione
Pu essere propagato per semina (da effettuare in
primavera) o per divisione delle piante accestite (in
primavera o dopo la fioritura).
Raccolta e conservazione
Raccogliere le foglie e le estremit fiorite allinizio
della fioritura. Fare essiccare in luogo ombroso e
ventilato.

Uso in cucina e propriet terapeutiche


Molto impiegato in cucina per aromatizzare carni,
pesci, funghi, verdure, insalate, ecc. Molto profumato
lorigano meridionale, Origanum heracleoticum L.
(sin. Origanum vulgare ssp. viridulum Nyman) diffuso
al sud Italia e nelle isole, ingrediente fondamentale
della pizza e di molti altri piatti mediterranei.
Propriet terapeutiche: aperitive, digestive,
carminative, tonico-stimolanti.

a cura del prof. Paolo CROCI

157

LORTO
LE PIANTE AROMATICHE
Peperoncino
E' una pianta annua. Si semina in semenzaio o in serra a febbraio
marzo; il terreno deve essere leggero, fertile e sempre mantenuto
umido. I semi sono lenti a germogliare e le giovani piantine bene
trapiantarle in vasetti, successivamente quando hanno ben radicato e la
temperatura notturna non scende oltre i 10 si possono trapiantare a
fissa dimora, con tutto il pane di terra, a met maggio per le regioni del
nord dove il clima pi rigido, se il clima pi mite questi tempi
possono essere anticipati.
Coltivazione
Seminare in semenzaio protetto e trapiantare all'aperto quando le
temperature sono stabilmente sopra i 15C. Abbisogna di terreni sciolti, privi
di ristagni idrici e in posizione soleggiata. Rincalzare e tenere pulito il
terreno da infestanti; legare a dei tutori se necessario. Il peperoncino pu
essere coltivato anche in grandi vasi.
Raccolta e conservazione
Raccogliere i frutti quando sono maturi e farli essiccare in luogo ombroso e
aerato. Possono essere conservati anche surgelati, sott'olio o sott'aceto.
Uso in cucina e propriet terapeutiche

Per il suo potere antifermentativo adatto con tutte le carni specialmente


nei mesi caldi. I frutti, interi, a pezzetti o in polvere, vengono usati per dare
sapore a moltissime pietanze.
Propriet terapeutiche: aperitive, digestive, vitaminizzanti.

a cura del prof. Paolo CROCI

158

LORTO
LE PIANTE AROMATICHE
Rosmarino
Il miglior modo di riprodurlo quello di prelevare una talea giovane e
farla radicare immergendola in acqua, contenuta in una bottiglia di
vetro scuro. Quando la talea ha ben radicato metterla a dimora,
facendo una piccola fossa nel terreno, mescolare la terra con concime
ben maturo e pressare il terreno per farlo aderire alle radici. Nelle
zone a clima rigido porre le pianta a ridosso di un muro in modo da
proteggerla dai venti freddi del nord.
Coltivazione
Seminare allinizio della primavera, in luogo protetto a circa 20C. I
semi germinano dopo 1-2 settimane. Le piantine tendono ad appassire se
il terreno troppo umido. Pi facile la riproduzione per talea (da
prelevare dopo la fioritura) o per propaggine. Le piante devono essere
collocate in zone soleggiate, in terreno acido e ben drenato. Cresce
bene in vaso. Proteggere le piante dai freddi invernali.
Raccolta e conservazione
Raccogliere le foglie e le sommit fiorite tagliando la parte apicale dei
rametti. Utilizzare subito o fare essiccare in luogo ombroso e ventilato.
Uso in cucina e propriet terapeutiche
Il rosmarino viene usato per insaporire carni, pesci, minestre, focacce,
oli e aceti aromatici.
Propriet terapeutiche: stomachiche, stimolanti, aperitive, digestive,
tonico-stimolanti, antisettiche.

a cura del prof. Paolo CROCI

159

LORTO
LE PIANTE AROMATICHE
Salvia
Prelevare una talea che pu essere messa direttamente a dimora. Il terreno deve essere
leggero fresco, leggermente calcareo. Nei climi rigidi, nell'inverno, proteggere la pianta
coprendola con della paglia. Rinnovare la pianta almeno ogni 3 anni.
Coltivazione
Seminare allinizio della primavera, coperto, a 18C; la germinazione avviene dopo 1-2
settimane. Oppure seminare in tarda primavera in campo aperto, quando la temperatura
rimane sopra i 7C. la germinazione richiede 2-3 settimane. Diradare successivamente i
germogli. Generalmente per la riproduzione avviene per talea erbacea fatta radicare in
terriccio sabbioso. Quando sono sufficientemente sviluppate, trapiantare in vasi o terra
piena, in posizione soleggiata, in substrato leggermente calcareo e ben drenato.
Molte le variet coltivate, alcune particolarmente decorative, come la Purpurascens
dalle foglie color rosso-grigio-porpora, e la Interina dalle foglie marginate di giallo.
Raccolta e conservazione
Le foglie possono essere raccolte tutto lanno. E anche possibile essiccarle in luogo
ombroso e ventilato.
Uso in cucina e propriet terapeutiche
Le foglie di salvia vengono molto usate in cucina, per aromatizzare i cibi e facilitarne la
digestione.
Vengono comunemente impiegate per condire pasta e gnocchi al burro, per preparare
sughi, carni arrosto e in umido, pesci, legumi, oli e aceti aromatici. Le foglie possono
essere fritte in pastella.
Propriet terapeutiche: digestive, colagoghe, bechiche, espettoranti, tonico-stimolanti,
antisettiche. Per uso esterno, come antinfiammatorio nelle infiammazioni del cavo orale.

a cura del prof. Paolo CROCI

160

LORTO
LE PIANTE AROMATICHE

Timo
Cresce spontaneo in luoghi aridi e assolati. Si
riproduce per suddivisione dei cespi.
Coltivazione

Seminare su terriccio leggero e sabbioso. Quando


le piantine sono sufficientemente sviluppate,
trapiantarle in vasi o terra piena, in zone
soleggiate e prive di ristagni idrici. Le variet
orticole vengono riprodotte per talea o divisione
dei cespi.
Raccolta e conservazione
Asportare le foglie e i rametti fioriti ed
essiccarli in luogo ombroso e ventilato.
Uso in cucina e propriet terapeutiche
Il timo viene molto usato in cucina per insaporire
e rendere pi digeribili molti cibi, come carni
arrosto, sughi, verdure, funghi, ripieni, oli e aceti
aromatici. Si usa anche per preparare liquori e
vini aromatici.
Propriet terapeutiche: digestive, depurative,
carminative, balsamiche, tonico-stimolanti; per
gargarismi nelle infezioni del cavo orale.

a cura del prof. Paolo CROCI

161

Potrebbero piacerti anche