Sei sulla pagina 1di 9

Economia

Cronaca

Padula nominato
nuovo direttore
di Confesercenti

Sesso di gruppo
con quindicenne
Assolti tre solarinesi

A pagina cinque

Quotidiano della Provincia di Siracusa

pagina quattro

Sicilia

mail: libertasicilia@gmail.com
Fondatore Giuseppe Bianca nel 1987
sabato 24 ottobre 2015 Anno XXVIIi N. 239 Direzione, Amministrazione e Redazione: via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 FAX 0931 60.006 Pubblicit: Poligrafica S.r.l. via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 Fax 0931 60.006 1,00
www.libertasicilia.it

Cronaca. La Procura di Siracusa ha delegato i carabinieri tutela cultura

71 villette ad Epipoli
Inchiesta giudiziaria
Pende un ricorso della societ Am Group al Cga
L

politica

Luned
riunione
al Pd

In queste ore e in questi

giorni continuo a leggere


ed ascoltare dichiarazioni
incaute e sopra le righe in
merito alle vicende giudiziarie che hanno coinvolto
alcuni rappresentanti delle
istituzioni della Citt di
Siracusa.
Dichiarazioni
provenienti anche da esponenti del Partito Democratico e spesso irriguardose
nei confronti dei compagni di Partito. Sottolineo
che il PD non ha mai sottovalutato ci che sta accadendo, ritenendo che le
ipotesi di reato emerse in
questi giorni.

e guardie giurate che


prestano servizio di vigilanza allingresso del palazzo di Giustizia.

l mondo del lavoro siracusano vive una condizione di profonda sofferenza.


Il tasso di disoccupazione.

A pagina sette

A pagina due

A pagina due

tribunale

Licenziate
le guardie
giurate
L

cronaca

I sindacati
insistono
sul lavoro
I

Acqua e asili nido

Il sindaco
Garozzo
contrattacca

osservatorio

a Procura della Repubblica di Siracusa ha aperto uninchiesta relativa al


progetto che prevede la realizzazione di settantuno
villette e due centri commerciali- direzionali e turistico-ricettivi nella zona
dellEpipoli. Il procuratore capo Francesco Paolo
Giordano ha delegato i
carabinieri della sezione
tutela patrimonio culturale
del capoluogo ad esaminare la documentazione.

iracusa diventata la citt


dei ponti perduti. E tuttavia
da salvare. Ponte dei Calafatari, viadotto Targia, ponte
di Cassibile.

Con riferimento alle dichiarazioni dell'on. Zappulla e della

A pagina tre

A pagina dodici

A pagina cinque

Ripristinare
luscita
veloce
di Salvatore Maiorca

consigliera comunale Simona Princiotta, il sindaco Giancarlo


Garozzo cos replica. "Respingo ogni allusione sugli appalti
per la gestione del servizio idrico e degli asili nido.

Sequestrati 18 milioni
al 52enne Ciro Fisicaro
L

a Direzione Investigativa Antimafia


di Catania sta eseguendo dalle prime
ore dellalba, un sequestro di beni a Ciro
Fisicaro, 52 anni.
A pagina sette

Cronaca di Siracusa 2
politica

Lavoro
e legalit
Il sindacato
insiste

24 ottobre 2015, sabato

Sicilia 24 ottobre 2015, sabato

Il mondo del lavoro siracusano vive

una condizione di profonda sofferenza. Il tasso di disoccupazione supera


abbondantemente il 25%, pi alto
della media siciliana ed il doppio di
quello nazionale. I senza lavoro sfiorano la soglia dei 100 mila; il 65%
degli occupati nel terziario con
retribuzioni insufficienti al manteni-

mento delle famiglie. Il lavoro nero,


precario e sottopagato, in costante
crescita cos come il disagio sociale e
si registra la totale assenza di misure di inclusione sociale e di contrasto
alle vecchie e nuove povert. Sono
120 mila i cittadini della nostra comunit che vivono con una pensione
media di 600 euro. tornato a sali-

re il tasso di emigrazione giovanile;


nuovi professionisti costretti a non
tornare, arricchendo, con la loro freschezza culturale e di impresa, altre
realt. La condizione in cui versano
le infrastrutture viarie interne al territorio e la rete stradale di collegamento con i territori limitrofi assolutamente insufficiente.

l fascicolo, aperto
dalla Procura della Repubblica di Siracusa,
che ha ipotizzato il
reato di associazione
internazionale finalizzata al favoreggiamento dellimmigrazione
clandestina, sar trasferito alla Dda di Catania. La conferma si
avuta ieri mattina dal
procuratore capo Francesco Paolo Giordano,
che ha illustrato i dettagli della complessa
operazione di contrasto dellimmigrazione,
nella quale sono stati
coinvolti complessivamente ventuno cittadini
egiziani, appartenenti a
due motopesca sui quali avevano fatto viaggiare 478 migranti. Per
gli inquirenti, infatti,
sussistono i presupposti per potere contestare a tutti gli indagati il
reato associativo. Loperazione che abbiamo
portato a termine frutto di un efficace schieramento a contrasto dei
flussi migratori ha
detto il procuratore
Giordano La sinergia
tra magistratura e forze
dellordine ha funzionato consentendoci di
scardinare unassociazione criminale che
lucrava sulle disgrazie
dei migranti.
Il movimento dei pescherecci egiziani era

stato da noi monitorato


da diversi giorni, ha
spiegato il contrammiraglio Paolo Pezzutti,
comandante delloperazione Mare Sicuro,
presente allincontro
con la stampa insieme
con il contrammiraglio
Nunzio Martello direttore marittimo della
Sicilia orientale e il comandante di Marisicilia, Nicola De Felice.
Loperazione rientrava
in un normale interven-

to per salvare i migranti


alla deriva nelle acque
a poche decine di miglia al largo delle coste
elleniche. I trafficanti,
partiti da Valtim, una
localit lungo le coste
egiziane nei pressi di
Alessandria, durante la
traversata avevano trasferito i migranti tra i
quali iracheni, egiziani,
siriani e varie nazionalit dellAfrica subsahariana da unimbarcazione a unaltra

Sopra, la conferenza stampa di ieri in Procura.

di stazza pi piccola,
a circa 200 miglia dalle coste della Sicilia.
Una motovedetta della
guardia di finanza e un
pattugliatore della marina militare maltese si
sono avvicinati allimbarcazione, insospettiti
dalla manovra ha insospettito i militari che
hanno ipotizzato che
altri presunti trafficanti
fossero tornati per riportare indietro la nave
principale in modo

da poterla cos utilizzare per effettuare altri


viaggi della speranza.
Sono cos intervenuti
gli equipaggi di nave
Fasan e La Penne, sui
quali opera un gruppo di incursionisti del
battaglione san Marco,
i quali hanno eseguito
labbordaggio. Nel primo pescherccio sono
state fermate undici
persone, sul secondo ne
sono state fermate altre
sei. I pescatori egiziani

Lettera di licenziamento
per le guardie giurate
in servizio al tribunale

zio di vigilanza allingresso del palazzo


di Giustizia di Siracusa hanno ricevuto
la lettera di licenziamento. Dopo quindici mesi durante i quali si sono visti
corrispondere soltanto tre stipendi
(due dei quali anticipati dal Comune di
Siracusa), i dodici dipendenti della Cia
si ritroveranno senza lavoro a partire
dal primo novembre prossimo.
I vigilantes hanno deciso di passare alle
vie di fatto.
Dopo avere inscenato una manifestazione di protesta la scorsa settimana
davanti al tribunale di viale Santa Panagia, hanno deciso di adottare altre
forme di protesta iniziando lo sciopero

sociazioni ambientaliste che proseguono: La Regione Siciliana avrebbe


potuto impugnare la legge 166/2014, la conversione del decreto Sblocca
Italia, cos come hanno fatto altre regioni come lAbruzzo, la Campania,
la Lombardia, le Marche, la Puglia e il Veneto. Ma non lo ha fatto!
Sembrano lontani i tempi in cui quattro mega inceneritori targati Cuffaro
furono contrastati dai cittadini siciliani, con tanto di esposto alla Procura
della Repubblica. Un grande muro contro un progetto scellerato, soluzione fortemente antieconomica che per alcuni, invece, avrebbe costituito la
soluzione al problema dei rifiuti in Sicilia. La giustizia diede ragione alla
societ civile e a quei cittadini che si opposero con motivazioni fondate.

Settantuno villette a Epipoli


Indagini della Procura

da luned inizia lo sciopero della fame

Le guardie giurate che prestano servi-

a volont del Governatore Rosario Crocetta di introdurre nel Piano


Rifiuti della Regione Siciliana sei nuovi inceneritori di rifiuti. Lesatto
contrario di quanto sosteneva lo stesso Crocetta in campagna elettorale
e di quanto aveva pi volte sostenuto in seguito. Ma gli inceneritori sono
unimposizione di Palazzo Chigi con lo Sblocca Italia, a cui il governatore
si adegua con grave danno alla Sicilia e ai siciliani. Lo sostengono le as-

Cronaca di Siracusa

cronaca. delega delle indagini ai carabinieri tutela culturale

ventuno egiziani in arresto

Trafficanti
di migranti
Linchiesta
alla Dda

La Regione prevede un inceneritore


tra Siracusa e Ragusa

Sicilia 3

della fame a partire da luned prossimo.


La lettera di licenziamento dei lavoratori il triste epilogo di una vicenda
iniziata con il cambio di appalto, aggiudicato proprio alla Cia e alla richiesta
successiva della societ di un cambio di
denominazione.
Richiesta che la Prefettura di Siracusa
ha bloccato, per attivare una verifica legata proprio alla cessione del ramo dazienda a unaltra societ.
Intanto, si pone il problema di come garantire il servizio di vigilanza al palazzo
di Giustizia dal primo novembre in poi.
Tante le ipotesi, una delle quali lo stanziamento di forze dellordine.
R.L.

erano dotati di telefonini e di satellitare.


Le operazioni sono state coordinate dal pm
Antonio Nicastro. I
militari della Marina
sono stati bravi a intuire
che la nave madre stava
ritornando ha spiega
il magistrato Il fatto
che abbiano rischiato
a tornare indietro per
impossessarsi dellimbarcazione segno che
i mezzi nautici a disposizione di queste organizzazioni criminali sta
scarseggiando. Tutti
gli indagati sono stati
sbarcati ad Augusta.
Tra di essi quattro egiziani sono delle vecchie
conoscenze delle forze
dellordine italiane, per
essere stati sorpresi e
arrestati in precedenti
sbarchi, mentre alcuni
di essi vivevano anche
a Siracusa.
Nel frattempo che era
in corso lattivit in
mare di avvicinamento
ai due pescherecci ha
spiegato Carlo Parini, a
capo del Gicic, abbiamo identificato diversi migranti sbarcati
ad Augusta, che ci hanno confermato lipotesi
che fossero stati utilizzati due natanti per
il loro trasporto e che
fossero partiti dal porto egiziano, dove erano
stati concentrati.
R.L.

La Procura della Repubblica di Siracusa ha


aperto uninchiesta relativa al progetto che prevede la realizzazione di
settantuno villette e due
centri commerciali- direzionali e turistico-ricettivi nella zona dellEpipoli. Il procuratore
capo Francesco Paolo
Giordano ha delegato i
carabinieri della sezione
tutela patrimonio culturale del capoluogo ad
esaminare la documentazione riguardante liter
amministrativo del progetto.
Al vaglio dei pubblici
ministeri, per laccertamento delleventuale
rilevanza penale dei fatti, anche gli atti relativi
a un ricorso presentato
dalla societ costruttrice presso il Consiglio di
Giustizia Amministrativa, avverso la sentenza
del Tar di Catania, del
2 ottobre 2013, con la
quale erano gi stati rigettati per infondatezza
i ricorsi di Am Group,
proprietaria
dellarea,
contro lAssessorato ai
Beni culturali ed ambientali e allidentit
siciliana, per lannullamento del provvedimento della Soprintendenza
di Siracusa (n.15118
del 20 settembre 2011),
che negava il nullaosta
per la realizzazione delle villette, e del decreto
dellAssessore regionale
ai Beni culturali (n.98
del 1 febbraio 2012) che
disponeva
ladozione
del piano paesaggistico
per il territorio della provincia di Siracusa. Per
lacquisizione di tali atti,
la Procura di Siracusa ha
delegato il nucleo tutela
patrimonio culturale di

Sopra, la planimetria del progetto delle villette ad Epipoli.

Palermo.
Il terreno in questione fa parte del progetto
edilizio
dellaltipiano
dellEpipoli, unarea di
notevole interesse storico sottoposta a vinco-

lo archeologico e paesaggistico, chiarisce il


procuratore Giordano. Il
settembre scorso il consulente tecnico nominato dal Cga, Vincenzo
Naso, ha rassegnato la

propria relazione tecnica dalle cui conclusioni


si evince che il progetto
presentato dalla societ Am Group sarebbe
compatibile con le prescrizioni urbanistiche e

i vincoli imposti alle aree


in questione, quantificando possibili danni, valutati secondo diversi criteri
e profili, fino a un massimo di oltre 282 milioni di
euro. La societ ricorrente
ha ovviamente condiviso
le conclusioni del consulente tecnico, opponendosi, per, alle osservazioni
dei consulenti tecnici di
Legambiente, intervenuta
nel giudizio, relative allinammissibilit e insussistenza dei presupposti
della domanda risarcitoria, che non sarebbe stata
avanzata in primo grado
ma solamente innanzi al
Cga. Nelle difese degli
ambientalisti, peraltro, si
sostiene che losteggiato
progetto edificatorio sia
in contrasto con il vincolo
archeologico e con quanto
prescrive il piano paesaggistico della provincia di
Siracusa.

Riguarda anche lautostrada Siracusa-Rosolini

Assistenza al traffico e interventi urgenti


Servizi aggiudicati allimpresa Augusto
La

commissione di gara a conclusione


delliter procedurale fissata dalla normativa
degli appalti, ha aggiudicato alla impresa
Augusto s.n.c. di Montepulciano (Siena) il
Servizio di sorveglianza per interventi urgenti ed assistenza al traffico da svolgersi
nelle autostrade Messina-Palermo, MessinaCatania e Siracusa-Rosolini per un periodo
massimo di mesi dodici.
Delle 4 imprese partecipanti, 2 sono state escluse ai sensi ex art. 88 comma 1 del
D.Lgs. 163/2006.
LImpresa Augusto s.n.c. ha offerto un ribasso del 55,2200 % sullimporto a base dasta
di 4.902.473,40 (sono esclusi dal ribasso 2.829.988,84 per manodopera ed
18.707,10 per oneri di sicurezza).
Seconda classificata lImpresa Isgr Costruzioni di Mer che ha offerto un ribasso del

53,8643%. La gara ad evidenza pubblica


stata avviata con la procedura aperta ai
sensi dellart. 55 del D.Lgs. 163/2006 per
servizi ed aggiudicata con il criterio del
prezzo pi basso (art 82 c. 3 del D. Lgs.
163/2006).
Importo
contrattuale
definitivo:

3.768.377,49 oltre IVA. Scheda tecnica sul


sito istituzionale del CAS alla pagina Esiti
di gara.
Dichiarazioni del Presidente Dott. Rosario
Faraci. Un altro importante servizio riproposto per la sicurezza degli utenti. Nel rispetto
dei tempi consentiti dalla normativa degli
appalti, si sta compiutamente procedendo
alla modernizzazione della rete autostradale e dei servizi recuperando, cos, il gap del
passato. Anche questa spesa sostenuta con
fondi del CAS.

Cronaca di Siracusa 4

Sicilia 24 ottobre 2015, sabato

24 ottobre 2015, sabato

CRONACA. Erano stati condannati in primo grado a 4 anni ciascuno

Sesso di gruppo con quindicenne


Assoluzione per tre solarinesi
E

durato nove anni lincubo


nel quale sono vissuti tre floridiani, che erano stati accusati
da una ragazza di averle procurato un danno psicologico dalla
violenza sessuale di gruppo che
le avrebbero provocato quando
ancora era minorenne. La Corte
dappello di Catania, infatti, ha
emesso ieri mattina sentenza di
assoluzione nei confronti di Salvatore Spada, Sebastiano Randone ed Enrico Tarantello oggi tutti
ventottenni, perch il fatto non
costituisce reato. I giudici del
secondo grado hanno accolto appieno le richieste dei legali della
difesa, rappresentata rispettivamente dagli avvocati Domenico
Mignosa, Pasquale Racioppo ed
Eugenio Risuglia mentre la procura generale aveva insistito per
la conferma della condanna degli
imputati a 4 anni di reclusione
ciascuno, come inflitto in primo
grado.
La vicenda della quale dovevano
rispondere si consumata il 30
gennaio 2006 quando i tre imputati avevano diciannove anni.
Quella mattina si stavano recando come sempre a scuola e a
bordo del pullman hanno fatto la
conoscenza di una quindicenne.
Dopo i primi approcci, i tre studenti e la ragazzina si sarebbero
appartati nelle campagne vicine
al centro abitato di Floridia. Qui
a turno i tre studenti avrebbero

In foto, il palazzo di Giustizia di Catania.


abusato sessualmente della minore, come denunciato il giorno
dopo dalla vittima. Il primo febbraio di quellanno, i tre sono stati
anche arrestati. Inutili le loro proteste, inutile reclamare la propria
innocenza, vani i tentativi di fare
comprendere che in realt nessuno si sarebbe approfittato della
ragazzina, che sarebbe stata consensiente e che li accusava ingiustamente. Gli inquirenti sentono
e risentono la vittima degli abusi
e si convincono che il suo racconto fosse vero e che i tre andavano processati per avere abusato
tuttinsieme di quella quindicenne, rimasta alquanto scossa dalla

cruda esperienza. Laccusa regge


fino alla conclusione del processo
di primo grado, al quale la minore si costituita parte civile. E arriva la condanna per il terzetto di
amici, ai quali sono stati inflitti 4
anni ciascuno di reclusione. Una
sentenza ingiusta, reputano i tre,
che ricorrono in appello ritenendo che la ragazzina stesse mentendo e rammaricandosi di avere
consumato quello che ritenevano
fosse stata unavventura amorosa
e nulla pi, con il consenso della
quindicenne. Nel frattempo i tre
amici sono cresciuti, qualcuno ha
anche costruito una famiglia, ma
tutte tre sono stati marchiati da

quellinfamia che il processo di


secondo grado oggi ha cancellato definitivamente.
A loro vantaggio sarebbero andate alcune incongruenze nel
racconto della presunta vittima
degli abusi, che nel frattempo si
trasferita fuori Sicilia, al punto
che i giudici dellappello hanno
deciso di ribaltare il verdetto di
colpevolezza. La sentenza della
corte dappello cancella uninfamia che pendeva sul mio assistito e sugli altri due imputati
commenta lavvocato Mignosa
I tre hanno sempre sostenuto il
vero e i giudici gliene hanno dato
atto.

a proposito del caos sul futuro

Lavoratori ex Provincia
Una protesta marted

e segreterie nazionali della Funzione Pubblica Cgil, Cisl e Uil


hanno indetto, per marted 27 ottobre, una giornata di mobilitazione dei lavoratori delle Province, con assemblee che si terranno nelle sedi istituzionali di ogni singolo Ente. La vertenza nazionale
in uno stato particolarmente avanzato riferisce la nota sindacale
soprattutto a causa del diverso iter legislativo che ha portato ad
una riduzione delle dotazioni organiche ed alla conseguente emanazione del decreto di mobilit per i lavoratori in esubero. Vi ,
poi, laltro aspetto, quello legato alle risorse finanziarie, fortemente
ridimensionate dal prelievo forzoso operato in un triennio dalla
Legge di Stabilit, che rende particolarmente critico il processo di
riordino degli Enti territoriali. In Sicilia, nonostante la retorica mediatica di tre anni fa scrivono FP Cgil, Cisl FP e Uil FPL con
cui il Presidente della Regione si era candidato ad essere apripista,
la situazione si fatta ancora pi delicata e rischia di trasformarsi in un vero pasticcio. Con limpugnativa da parte del Consiglio
dei ministri della Legge 15/15, con la quale il Governo Crocetta
aveva definito il processo di riforma, liter per la costituzione dei

Con

riferimento alle
dichiarazioni
dell'onorevole Zappulla e della
consigliera comunale Simona Princiotta, il sindaco Giancarlo Garozzo
cos replica.
"Respingo ogni allusione
sugli appalti per la gestione del servizio idrico e degli asili nido. Io mi attengo alle dichiarazioni del
procuratore capo, Francesco Paolo Giordano. Se la
consigliera Princiotta a
conoscenza di altre notizie, le invito a diffonderle.
Cos come dovrebbe dare
notizia delle informazioni di garanzia che le sono
state notificate.
Valuter assieme a miei
legali se presentare querela per le sue allusioni
su presunte spartizioni
di appalti, ma ribadisco
quanto gi detto in passato: sulla gestione del servizio idrico, la Giunta, in
una situazione di estrema
emergenza, ha dato un indirizzo politico che i tecnici hanno trasformato in
atti amministrativi, con il
risultato che la citt non
ha mai subito interruzioni
nell'erogazione dell'acqua
e che sono stati garantiti
i posti di lavoro; il servi-

Sicilia 5

Cronaca di Siracusa

Il primo cittadino respinge illazioni

Acqua e asili nido


Il sindaco Garozzo
passa al contrattacco

In foto, il sindaco Giancarlo Garozzo.

zio degli asili nido stato


assegnato da una commissione composta da tre
membri: uno del Comune
e due dell'Urega regiona-

le. Non altrettanto trasparenti sono le delibere


che la consigliera Princiotta approv quando era
assessore nella giunta di

Forza Italia: la 189 del 27


maggio 2009 con la quale
il Comune partecipava al
finanziamento del Telesoccorso, da noi cancella-

to; la 497 del 22 dicembre


2008 sui 33 mila euro di
contributi a societ sportive comprese quelle che
oggi lei attacca; la 41 del
2 febbraio 2009 con la
quale veniva prorogato
l'affidamento della gestione degli asili nido, proroghe da noi eliminate con
un nuovo appalto, e che
oggi lei denuncia. E come
mai, nel periodo del suo
assessorato con rubrica
al Contenzioso, il numero
delle liti e delle transazioni cresciuto un maniera
esponenziale anche a favore di persone vicine al
mondo politico?
Mi chiedo se, quando
parla di sottovalutazione
del problema, l'onorevole
Zappulla sia consapevole
che il centrodestra a cui
fa riferimento aveva come
protagonista in Giunta la
consigliera da lui difesa
e se a conoscenza degli
atti che approvava.
E sul capogruppo Pd,
Francesco
Pappalardo, voglio rassicurare
Zappulla: manterr l'incarico fino alla fine del mandato e, quindi, sono lieto
di apprendere che non
parteciper alla riunione
di luned.

politica lha convocata il segretario provinciale lo giudice

Luned la riunione del pd sui fatti politici

n queste ore e in questi giorni continuo a leggere ed ascoltare dichiarazioni incaute e sopra le righe in merito alle vicende giudiziarie
che hanno coinvolto alcuni rappresentanti delle istituzioni della Citt
di Siracusa. Dichiarazioni provenienti anche da esponenti del Partito Democratico e spesso irriguardose nei confronti dei compagni
di Partito. Sottolineo che il PD non ha mai sottovalutato ci che sta
accadendo, ritenendo che le ipotesi di reato emerse in questi giorni
siano di assoluta gravit. In pi, ritengo che non ci sia stata alcuna
sottovalutazione della situazione neanche da parte dellAmministrazione Comunale, che si dichiarata pronta a collaborare con lautorit giudiziaria nei termini che gli organi competenti riterranno pi
opportuni. Il rispetto che un partito come il nostro deve osservare
nei confronti dellazione della magistratura implica, soprattutto, non
arrogarsi il diritto di emettere alcun tipo di sentenza. A noi toc-

ca piuttosto agire politicamente determinando discontinuit di natura esclusivamente politica per garantire che nessuna condotta illecita
possa riguardare rappresentanti delle istituzioni che noi contribuiamo
a governare. Al Pd compete il ripristino di quei luoghi della discussione e della condivisione interna che per troppo tempo sono rimasti
sospesi. Daltra parte, dalla lettura delle vicende di questi ultimi giorni
si comprendono chiaramente i danni politici prodotti dallassenza di
dialogo tra il Partito Democratico e lAmministrazione Comunale di
Siracusa negli anni scorsi. Alla luce di queste considerazioni, luned
sera ho convocato, daccordo con il segretario cittadino, tutti i deputati
del PD, il Sindaco, gli Assessori e i Consiglieri Comunali del nostro
Partito, per una verifica che conduca ad atti concreti di discontinuit e
rilancio politico.
Alessio Lo Giudice

prende il posto del compianto salvatore failla

Padula direttore Confesercenti


Liberi Consorzi e delle Citt Metropolitane ha subto un clamoroso
dietro-front. Il nuovo ddl (n. 1070) procede, infatti, molto a rilento
e, come denunciano i sindacati, ancora oggi, se si eccettua il primo
esame svolto in I Commissione Affari Istituzionali dellArs, non
stato ancora calendarizzato per i lavori dAula che, tra laltro, riprenderanno proprio il 27 p.v.. Insomma, la Sicilia sta correndo il
rischio concreto di perdere ulteriormente terreno rispetto al resto del
Paese e di ritrovarsi, nel 2016, nellimpossibilit di gestire il nuovo
corso degli Enti, a causa del taglio dei finanziamenti che mette in
discussione gli stipendi dei lavoratori ed i servizi al territorio.

Riunione

della presidenza provinciale


della Confesercenti col seguente ordine
del giorno: comunicazioni del presidente; nomina nuovo direttore Confesercenti
Provinciale. Prima di dare lavvio ai lavori previsti, il presidente ha voluto ricordare il dott. Salvatore Failla uomo di grande
levatura morale che ha seguito lo sviluppo e laffermarsi della Confesercenti provinciale sin dalla nascita.
Il presidente per quanto previsto al secondo punto dellordine del giorno, pro-

pone, alla sostituzione del dott. Failla, il


rag. Carmelo Padula e come vice direttore
rag. Lucia Auditore, la proposta viene accolta favorevolmente allunanimit. Inoltre comunica linserimento dei sigg. dott.
Giuseppe Maniscalco e geom. Christian
DAnna quali componenti la presidenza
provinciale Confesercenti. Il presidente comunica prima della conclusione dei lavori che entro fine mese verr inaugurata la
nuova sede zonale del patronato Itaco della
Confesercenti.

cronaca di siracusa 6

Sicilia 24 ottobre 2015, sabato

24 ottobre 2015, sabato

Friendship day
allinsegna
del siamo attivi
I

presidente Einaudi Milioni di individui lavorano, producono e risparmiano nonostante tutto


quello che noi possiamo
inventare per molestarli,
incepparli, scoraggiarli.
E la vocazione naturale
che li spinge, non sol-

tanto la sete di denaro.


Il gusto, lorgoglio di
vedere la propria azienda prosperare, acquistare
credito, ispirare fiducia
a clientele sempre pi
vaste, ampliare gli impianti, abbellire le sedi
costituiscono una molla

Maestro artigiano: Paolo Sparti (alla memoria)


Imprese storiche: Emanuele Sipala di Canicattini Bagni, Sebastiano Campo di Pachino,
Oramec di Santoro di Siracusa, Caracciolo &
Amato di Lentini;
Pensionati emeriti: Attilio Cicala di Siracusa,
Sebastiano Giliberto di Pachino, Salvatore Barreca di Siracusa, Raffaela Gianni di Siracusa;
Casartigiani dargento: Gisella Carrubba
di Solarino, Marcello DellAlbani di Avola,
Maria Melilli di Pachino, Aurora Quartarone
di Siracusa, Dina Runa di Sortino, Emanuele
Sbriglio di Siracusa.

di progresso altrettanto
potente che il guadagno.
Noi ha precisato Marchese abbiamo avuto
sempre una spinta enorme dal pensiero di Luigi Einaudi, e la frase
completa prima citata
riportato negli attestati che rilasceremo alle
imprese premiate come
casartigiani dargento,
e non solo ma anche le
quattro imprese storiche
e i quattro pensionati
emeriti sono rappresentanti di aziende che continuano la loro vita passando da padre in figlio.
Un premio particolare,
quello del Maestro artigiano, sar dedicato a
Paolo Sparti, di Priolo,
recentemente scomparso
con la moglie Laura che
continua una attivit che

stata fucina per diecine


di acconciatori usciti dalla loro scuola.
Nel corso dellincontro sono stati illustrati
i rapporti di amicizia
di Casartigiani Siracusa
con Rinascita e la nuova iniziativa nazionale
SAN.ARTI. nata su intesa fra le organizzazioni
dellartigianato e la triplice sindacale in aiuto
dei lavoratori del comparto e dei titolari quasi a
sostituire le indimenticabili casse mutue artigiane
e coprire i servizi negati
da chi ci governi.
Per tutti, infine, appuntamento allOpen Land,
domenica pomeriggio 25
ottobre e assistere anche
alla esibizione degli stilisti di Farmaca International.

con i relativi Consigli comunali dell'ex provincia di Siracusa

Ventuno fasce tricolore per il porto di Augusta

Ventuno

fasce tricolore per il porto di


Augusta": si intitola cos la grande manifestazione unitaria, che si tiene sabato prossimo,
alle 10, in piazza Duomo ad Augusta. Un importante appuntamento organizzato durante
la riunione in seduta straordinaria del Consiglio comunale di Priolo. In quell'occasione,
infatti, si decise di rilanciare la forte presenza di tutte le comunit locali del Siracusano,
per ribadire l'importanza, come volano di
sviluppo, del porto commerciale megarese.
Cos, oggi, sono partiti gli inviti, in sinergia
Priolo-Augusta, per partecipare alla manifestazione. Sono chiamati alle armi proprio
tutti. Oltre ai 21 sindaci dei Comuni, ed ai

relativi Consigli comunali dell'ex provincia di Siracusa (dai quali prende il nome la
manifestazione), sono stati invitati alla mobilitazione i deputati regionali e nazionali
dell'Hinterland, i vertici di Confindustria e
delle altre organizzazioni datorialli. Saranno, ovviamente, presenti in massa anche i
sindacati, sia i confederali che le sigle autonome, con le organizzazioni di categoria dei
portuali.
"Sabato vivremo una fondamentale giornata di mobilitazione - afferma il sindaco di
Priolo, Antonello Rizza - con la seduta straordinaria del consiglio comunale di Priolo
abbiamo voluto lanciare un allarme che,

Il Commissario Lutri ha convocato per marted prossimo lassemblea dei sindaci

Al via il dimensionamento
del piano scolastico
nel territorio
Il

commissario straordinario del


Libero consorzio comunale, ing. Antonino Lutri, ha convocato per marted prossimo alle ore 10,30, nella
sala dei Comuni di via Roma, las- In foto, il Commissario Lutri

adesso, in moltissimi stanno recependo. La


difesa della Port-Authority non riguarda
solo il Comuni industriali, ma l'intero Sud
Est della Sicilia. Il ministro Del Rio non pu
consentire che avvenga questo gravissimo
scippo a favore di Messina o Catania".
Il porto commerciale di Augusta, secondo
stime della stessa Port-Authority, l'Ente
pubblico dell'ex provincia di Siracusa che
gira il maggior volume d'affari e che offre le
maggiori opportunit di crescita alle imprese del suo territorio d'influenza. Spostarne la
gestione a Catania o Messina farebbe fare un
pesante passo indietro, sul piano dello sviluppo, all'intera area Siracusa-Ragusa.
semblea dei sindaci per discutere il
dimensionamento della rete scolastica.
La legge regionale prevede che i
piani di dimensionamento delle istituzioni scolastiche siano definiti nel
corso di conferenze provinciali.
La conferenza dei sindaci (in sette
saranno eletti nel corso della riunione convocata dalling. Lutri per
marted prossimo) esprimer un
Piano di dimensionamento provinciale che il Csa, entro il prossimo
gioved, dovr trasmettere alla Regione siciliana.

Cronaca di Siracusa

Il caso
Le indagini hanno
riguardato
Ciro Fisicaro, lentinese, che
avrebbe
avuto a disposizione
beni per 18
milioni

Casartigiani Siracusa promuove la Giornata dellAmicizia

n un momento di grave crisi per il comparto


dellartigianato, quando
sono i pi a non potere
essere in regola con gli
obblighi fiscali e previdenziali, quando la Crias
anzich essere la cassa
regionale delle imprese
artigiane siciliane diventata un ostacolo per le
innovazioni e per incentivare le nuove imprese,
celebrare la Giornata
dellAmicizia potrebbe
sembrare un controsenso.
Ieri mattina nel corso di
un incontro con i giornalisti, presso la sede
sociale di Casartigiani
Siracusa, il presidente
Marchese (in foto), ha
evidenziato con forza e
chiarezza come, seguendo gli insegnamenti del
grande e indimenticabile

Sicilia 7

Sequestrati i beni
a boss del clan Nardo

a Direzione Investigativa Antimafia


di Catania sta eseguendo dalle prime
ore dellalba, un sequestro di beni nei
confronti di Ciro
Fisicaro, 52 anni,
elemento di vertice
dellorganizzazione
mafiosa
Nardo,
egemone nella provincia di Siracusa e
collegato al clan mafioso Santapaola di
Catania.
Fisicaro stato condannato allergastolo
per numerosi omicidi e associazione
di stampo mafioso.
Il provvedimento
stato emesso dal Tribunale di Siracusa
Sezione Misure di
Prevenzione, su proposta avanzata dal
Direttore della Dia,
Nunzio Antonio Ferla.
Il Tribunale ha disposto il sequestro
dei beni per un valore complessivo di
circa 18 milioni di
euro, consistenti in 3
societ operanti nel
settore immobiliare,
dei trasporti e della
grande distribuzione,
nonch in 10 immobili (tra appartamenti, magazzini e locali
adibiti ad uffici e garage), in diversi beni
mobili registrati, in
conti correnti e in altri rapporti finanziari
da quantificare.

Fiscaro,
detenuto
dalla fine degli anni
90, stato tratto in
arresto, unitamente
al capoclan Sebastiano Nardo. Lodierno
provvedimento scaturisce dagli esiti di
una complessa attivit investigativa, svolta dal personale della
Dia, che ha consentito di ricostruire il
profilo criminale del
Fisicaro, nonch di
evidenziare la notevole sproporzione tra
i redditi dichiarati, il
suo tenore di vita e
gli investimenti compiuti dello stesso.
Secondo quanto riferito dagli investigatori, Fisicaro, pur
detenuto, assumeva
in via diretta ed immediata tutte le scelte imprenditoriali pi
significative per la
vita delle sue societ,
intestate fittiziamente
a Giuseppe Mauceri,
detto u babbleccu,
arrestato nel 2013
nellambito delloperazione Hermes.
Di seguito lelenco
dei beni sequestrati:
100% delle quote societarie della Mauceri TrasportiI s.r.l.,
con sede legale in
Catania, c.da Torre
Allegra, compreso il
patrimonio aziendale;
quote societarie
pari al 50% della societ Immobiliare

Gagliola s.r.l. con


sede legale in Gravina di Catania (CT),
via San Paolo nr.
96/A; quote societarie pari al 50% della
societ Rama s.r.l.
con sede legale in
Gravina di Catania
(CT), via San Paolo
nr. 96/A, subaffittuaria della EUROSPIN SICILIA
s.p.a. per la gestione
e conduzione di un
supermercato sito in
Scordia (CT);
Un capannone sito
in Scordia (CT),
contrada Gagliola,
che ospita il locale

supermercato Eurospin;
Dieci immobili (tra
appartamenti, magazzini e locali adibiti ad uffici e garage);
Numerosi beni
mobili registrati (50
mezzi pesanti, tra
trattori e rimorchi,
un camper e 6 autovetture), conti correnti e altri rapporti
finanziari.
Gli
investigatori
della polizia hanno
puntato i riflettori su
Antonino Centamore ritenendo avesse
delle responsabilit
relativamente
alla

lon. enzo vinciullo

Solo lAsp 8
out da censure
N

ellesaminare il D.A. 46/2015 del


14/01/2015 Riqualificazione e rifunzionalizzazione della rete ospedaliera-territoriale
della Regione Siciliana, il Direttore Generale della Programmazione Sanitaria del Ministero della Salute ha espresso numerose osservazioni sul piano e sulla rete ospedaliera in
Sicilia, chiedendo di adeguarlo alla normativa
vigente ivi ricomprendendo il regolamento di
cui al DM n.70/2015 e ai successivi provvedimenti attuativi. Lo comunica lOn. Vincenzo
Vinciullo, Presidente f.f. della Commissione
Bilancio e Programmazione allARS
Piace osservare, ha concluso lOn. Vinciullo,
che nessun rilievo viene fatto allASP di
Siracusa, a dimostrazione del lavoro svolto e
della seriet del personale medico e non medico della Nostra Azienda.

morte della madre.


Centamore cos finito sottinchiesta e
ora sta affrontando
il processo dinanzi
alla Corte dAssise
di Siracusa.
La nuova udienza del
relativo processo
stata fissata per il 25
novembre prossimo.
In quella circostanza
saranno sottoposti ad
esame e a controesame altri testi citati dal
rappresentante della
pubblica accusa.
Risulta rilevante notare che solo in sporadici casi su tutto il
territorio nazionale
gli autori di tale manomissione sono stati colti in flagranza,
atteso che tali sistemi elettronici manomessi ed alterati,
peraltro sempre pi
sofisticati, possibile individuarli solo
grazie allesperienza
ed allelevata professionalit degli operatori della Polizia
Stradale i quali, oltre
a dover costantemente aggiornarsi sulle
nuove
normative,
devono riuscire ad
individuare le nuove
tecniche poste in essere dalle aziende di
autotrasporto al fine
di eludere le gravi
sanzioni previste dal
Codice della Strada,
delle normative europee e del Codice
Penale.

Formazione
professionale
In Gazzetta
le regole
accreditamento
A

pprendiamo con
moderato ottimismo,
l'annuncio della pubblicazione in gazzetta del regolamento
dell'accreditamento,
previsto il 30/10/2015
e la pubblicazione
degli Avvisi 1 2- e
6, previsto per il 6-112015. la nostra azione
di proposta, di controllo e di vigilanza
continuer senza soste, troppi gli interrogativi ancora rimasti
insoluti. In audizione,
in II commissione Bilancio, abbiamo preteso dal Dott. Silvia
(Direttore Generale
) e da tutti i deputati
componenti la stessa,
oltre all'immediato
sblocco delle pubblicazione dei bandi, altri due quesiti, che riteniamo fondamentali
per la continuit lavorativa degli operatori del comparto (Interventi- Sportelli):
Superamento
delle
criticit dell'Avviso 1
(Interventi) Garanzia dei livelli occupazionali, garantendo
agli Enti, la possibilit di progettare un
monte ore coerente
con gli ULA (Unit
Lavorative Annue)
presenti in organico ULA contrattualizzati
con la L. 24/76; Piena
dotazione finanziaria
per l'Avviso 6 (Sportelli), a garanzia dei
livelli occupazionali
(1700 Operatori); Immediata attivazione
della Mobilit, unico
ammortizzatore sociale previsto dalla l.
24/76, dal C.C.N.L. di
settore e dalla circolare 10/94 - (attraverso
il finanziamento del
fondo di garanzia)
,finalizzato alla copertura della vacatio
tra la fine dell'ultima
attivit e l'inizio della nuova in entrambe
le filiere. Rimaniamo
assolutamente vigili,
convinti della bont
delle nostre rivendicazioni.

SOCIET 8

Sicilia 24 OTTOBRE 2015, SABATO

di Raffaella Mauceri
Aveva solo 15 anni,
Giordana, quando rimase incinta di una
bimba. Era ancora un
bimba pure lei, ma la
accolse con la gioia e
l'amore di una donna
fatta.
Aveva solo 20 anni,
quando stata uccisa
con 42 coltellate dal
suo ex. Come avr
fatto quel bastardo
a darle 42 coltellate in un corpo cos
piccolo.E gi. Si
vede che per morire,
Giordana era grande
abbastanza.
Poi per, come tutti
i vigliacchi immondi
come lui, cercava di
fuggire e salvarsi la
pellaccia. Ma stato
fermato e arrestato:
"L'ho uccisa perch
si rifiutava di tornare con me" ha detto
alle forze dell'ordine.
E tanto basta. Difatti
era da tempo che la
perseguitava. E lei,
Giordana Di Stefano,
lo aveva denunciato.
Peccato che morta
lo stesso, come accade a quasi tutte le

24 ottobre 2015, saato

Giordana
la sua fiducia
nella giustizia l'ha pagata con la
vita e come
lei centinaia
e centinaia di donne
italiane. Uno
sterminio. Un
olocausto al
femminile

Femminicidio: ennesimo olocausto di donne


E le istituzioni stanno a guardare
donne che invece di
chiedere aiuto ad altre donne (quelle di

un centro antiviolen- potenziali assassini,


za qualificato) vanno obbedendo a quegli
a denunciare i loro stupidi spot governativi che non sanno
fare niente di meglio
che esortarle a denunciare, dopodich le
lasciano in balia del
persecutore.
Bene che vada, infatti, le forze dell'ordine
al tizio gli fanno un
ammonimento (Senti bello, non lo fare
pi. Lasciala in pace,
ok?).
Oppure gli infliggono
un mostruoso ordine di allontanamento
(Senti bello, adesso
hai rotto abbastanza.
D'ora in poi stai lontano dalla zona ok?).
Che orribile crudelt!
Difatti il poverino, lo
trasgredisce immantinente, la va ad ammazzare e si toglie il
pensiero. Chi ha tempo non aspetti tempo,
dice il proverbio.
Ma dunque qualcuno
di questi vili marrani
in carcere ci finisce s
o no? Che diamine,
ma certo che s. Qualcuno ci finisce. Magari per una capatina,
tanto per mettere a tacere la famiglia della
morta ammazzata
e la gente che inveisce
contro questi mostri
che non si fermano

nemmeno davanti ad
una ragazza in tenera et, piccola, dolce,
inerme. N davanti
ad un pancione dove
portano una creatura,
n davanti ad una
ineffabile
ingenua
che crede che mai e
poi mai lui le far del
male.
Pistorius ha fatto un

veva scambiata per


un ladro che era entrato in casa sua. A
quelli che sparano ai
ladri veri per li processano per omicidio
volontario. E non
ci sono santi. Mica
come Pistorius che ha
ammazzato semplicemente una donna, e
che sar mai!
E ve lo ricordate l'assassino di Francesca
Ferraguto? quello che
prima le ha fracassato il cranio contro un
termosifone fino a
farle schizzare fuori
il cervello, e poi l'ha
fatta in nove pezzi.
Gli hanno dato appena appena 16 anni
che qualora mai se ne
far dieci, sar un record, altroch.
Gli esempi di punizioni lievi o di
quasi-impunit sono
talmente tanti che
qualcuno dovrebbe
scriverci un libro e
poi diffonderlo in tutti i luoghi di governo,
in tutti i tribunali, in
tutti gli ospedali, in
tutto il parlamento e
dovunque e gridare
al megafono: "Vergognatevi tutti! E prima
di esortare le donne a
denunciare, legiferate
per l'ergastolo!.
Giordana la sua fiducia nella giustizia
l'ha pagata con la vita
e come lei centinaia
e centinaia di donne

italiane. Uno sterminio. Un olocausto al


femminile. Uno fra i
tanti di una storia millenaria che gli olocausti di donne li ha
sempre nascosti sotto
il tappeto . come la
spazzatura.

societ

il sindaco rizza sta lavorando per la soluzione che purtroppo ancora lontana

Il problema atavico
dellallagamento delle
palazzine popolari a Priolo
Sul

problema dellallagamento delle palazzine


popolari di Priolo, (che
ancora si deve risolvere, ma per il quale si sta
interloquendo
costantemente con lIacp per
definirne la soluzione)
fa alcune precisazioni il
sindaco, Antonello Rizza,
con un intervento, che vi
proponiamo di seguito, in
cui ricostruisce la storia
dei lavori svolti e l'attivit portata avanti dalla sua
amministrazione per metterle in sicurezza. Adesso,
con questa ulteriore presa
di posizione, Rizza, intende porre al riparo lopinione pubblica dai bluff
delle opposizioni, che
vorrebbero attribuirsi il
merito di interventi fatti,
invece, dallamministrazione comunale.

Si tratta di un lungo iter,


che il sindaco documenta con gli allegati che vi
proponiamo in questa
stessa mail, la quale si
conclude con la lettera
inviata dallIacp al Sindaco Rizza (anchessa in
allegato), in cui si spiega
come si sta procedendo
per programmare leliminazione dellallagamento
delle palazzine popolari.

Solo per dovere di verit, rendo pubblica la risposta che mi stata data
la settimana scorsa dal
direttore dellistituto autonomo case popolari, interpellato da me, e non da
altri consiglieri che vedo,
in questi giorni, cercare
di prendersi i meriti di
tale sollecitazione. Premesso che sono abituato
a lavorare in silenzio per

risolvere le annose questioni che ho ereditato,


nella fattispecie, parliamo
di un problema che si trascina da 30 anni. bene
ricordare che, quando mi
sono insediato, nel lontano 2008, la cabina elettrica era situata nei garage
che si allagavano e che
rischiavano di folgorare
qualche inquilino. Riuscimmo, dopo un anno, a
spostare la cabina allontanando il pericolo, cos
come ora stiamo lavorando per chiedere allo Iacp
di risolvere il problema
strutturale delle palazzine.
Mi piace sottolineare,
che gli stessi consiglieri
che si fanno fotografare
insieme, mostrando non
si capisce quale entusiasmo per avere, a loro dire,

sollecitato
lintervento
dell'Iacp, invece, non
hanno fatto assolutamente
nulla per risolvere il problema. Che proprio loro
siano stati dei protagonisti
in questa vicenda, infatti,
dalla risposta dellIstituto
non sembrerebbe, dato
che il direttore, come
facile vedere alla missiva
che alleghiamo, si rivolge
esclusivamente al sindaco
di Priolo.
Questi consiglieri, che
tentano di fare improbabili, immeritate passerelle, peraltro, sono gli stessi
che facevano parte della
maggioranza dell'ex sindaco Toppi, il quale, per
10 anni, ha lasciato nel
degrado pi assoluto quel
quartiere. Ho diffuso questo mio intervento solo
per dovere di verit!.

nellesercizio di unattivit economica allo scopo di promuovere beni o servizi

Avviato a Melilli il servizio pubbliche affissioni

Lamministrazione

comunale di Melilli invita i cittadini interessati a realizzare


pubblicit attraverso laffissione di Manifesti, che lUfficio Ragioneria ha predisposto un apposito foglio di calcolo utile
per la definizione dellimporto da pagare.
Il documento reperibile sul Sito Web
dellEnte.
LICP, Imposta Comunale sulla Pubblicit, si applica al soggetto che provvede
alla diffusione di Messaggi Pubblicitari
attraverso forme di comunicazione, visive
o acustiche, in luoghi pubblici o aperti al
pubblico o, comunque, percepibile da tali
luoghi. Sono considerati rilevanti i mes-

saggi diffusi nellesercizio di unattivit


economica allo scopo di promuovere beni
o servizi o finalizzati a migliorare limmagine del soggetto pubblicizzato. Sono tenuti al pagamento in solido coloro i quali
dispongono del mezzo attraverso il quale
viene diffuso il messaggio pubblicitario e,
altres, coloro i quali producono o vendono la merce oggetto della pubblicit.
Al fine di agevolare gli interessati circa la
preventiva conoscenza del costo a cui vanno incontro in relazione al numero dei manifesti da affiggere, alla loro dimensione e
alla durata della pubblicit, lUfficio riferisce che basta andare alla pagina imposta

voluto da brillanti ed intraprendenti soci fondator

solo anno di carcere


e pure "morbido" (andava perfino ad allenarsi) ed gi passato
ai domiciliari. Chiss
perch.
Ha sempre sostenuto
di avere sparato alla
fidanzata perch l'a-

Sicilia 9

Si presenta a Catania
il movimento
Sicilia in volo

Si svolger stamane alle ore 10,30 la conferenza stampa del Movimento Sicilia in
Volo presso la prestigiosa sede di Villa
Manganelli di Catania sita in Corso Italia,
45.
Sicilia in Volo un libero Movimento

sulla pubblicit e scaricare il foglio di


calcolo.
Ulteriori informazioni possono essere acquisite rivolgendosi al personale della Ragioneria Generale dellEnte.
Politico-Culturale fortemente voluto da
brillanti ed intraprendenti soci fondatori
che intendono prestare le loro competenze professionali alla politica col fine di attuare un programma che si ispiri ai valori
cristiani della tradizione nazionale, liberale e popolare.
Si propone, inoltre, di garantire il rilancio e la valorizzazione di tutte le risorse
del popolo Siciliano per promuoverne a
tal fine le aspirazioni di crescita sociale,
economica e culturale.
La conferenza stampa sar coordinata
dal Presidente del Movimento, la dott.ssa
Rosaria Leonardi e dal Segretario, lavv.
Sergio Spina. Arricchiranno il parterre
della stessa gli undici soci fondatori.

SPECIALE 10

Sicilia 24 OTTOBRE 2015, SABATO

24 OTTOBRE 2015, SABATO

positivo il bilancio degli appuntamenti che hanno visto protagonista la Sicilia a Milano

Milano, accoglienza positiva per


gli appuntamenti Made in Sicily

Quattro gli eventi che si sono susseguiti fra la sede di Expo e il prestigioso Palazzo delle Stelline
di corso Magenta, caratterizzati dal felice connubio fra cultura e tradizione gastronomica
positivo il bilancio degli appuntamenti che,
nei giorni scorsi,
hanno visto protagonista la Sicilia
e in particolare
la citt di Catania
a Milano.
Quattro gli eventi
che si sono susseguiti fra la sede di
Expo e il prestigioso Palazzo delle Stelline di corso
Magenta, caratterizzati dal felice
connubio fra cultura e tradizione
gastronomica.Ad
aprire le danze
stata la chef Lucia Mazzullo, che
luned 19 ottobre
nello Spazio Convivio 2 (di fronte
piazzetta Sicilia)
dellEsposizione universale ha
presentato il suo
libro Ciuzz the
book. Quattro
stagioni di cucina siciliana. Un
viaggio fra ricette
del passato e del
presente, condito
da una ricca degustazione a base
di sapori rigorosamente made in
Sicily: paninetti
con farina di Timilia ripieni di
pollo marinato al
limone, ravanelli
e cipolle. E ancora, marmellata di
mandarini di Ciaculli e un delicatissimo gelo al
limone dell'Etna.
La nostra terra
ricca di prodotti superbi come
gli agrumi, che
rendono eccezionali anche i piatti
pi semplici, ha

commentato la
Mazzullo, docente della Citt del
Gusto scuola del
Gambero Ros-

so di Catania, e
componente della
prestigiosa Accademia del Sapore
Lagostina.

Marted 20 ottobre, sempre nello


Spazio Convivio
2 di Expo, lo scrittore Paolo Sidoti

ha presentato il
suo thriller Pietra
lavica, ambientato a Catania fra
i misteri irrisolti
legati alla citt,
ai suoi personaggi pi famosi e
alla sua patrona
SantAgata. Lincontro ha suscitato viva curiosit
fra gli intervenuti,
in particolare i pi
giovani, che si
sono appassionati
ai segreti della
fisica quantistica
evocati nel libro.
Alle ore 19 dello
stesso giorno, sul
palco del Cluster
Bio-Mediterraneo di Expo, si
tornati ai temi
dellalta cucina,
grazie allo chef
partenopeo Pietro
Parisi che si esibito in un frizzante showcooking a
base di agrumi,

frutti che accomunano la Sicilia


e la Campania.
Davanti agli occhi
dei visitatori ha
preso forma una
succulenta pasta
a base di grano
Timilia, condita
con acciughe di
Sciacca e limone
dell'Etna, esempio perfetto di
sinergia fra sapori
diversi. Durante
lincontro, sono
intervenuti sul
palco: Federica
Argentati, presidente del Distretto
Agrumi di Sicilia;
Vera Leotta, della
segretaria organizzativa Distretto Agrumi; Carla
La Placa, titolare
dellagriturismo
San Giovannello di Villarosa
(Enna) e Giovanni
Tumbiolo, presidente del Distretto
produttivo della
pesca (questi ultimi hanno fornito
rispettivamente
la pasta e il pesce utilizzati nello showcooking).
Parisi ha espresso
la sua solidariet
al pastificio beneventano Rummo,
gravemente danneggiato dallalluvione di met
ottobre, invitando
tutti a partecipare alla campagna
social #SaveRummo. Lo chef, inoltre, ha illustrato al
pubblico di Expo
i segreti del suo
libro Un cuoco
contadino, i volti della sua terra, volume di
racconti e memorie incentrato
sullimportanza
di utilizzare i prodotti a chilometro
zero. Non bisogna mai dimenticare le proprie
radici - ha sottolineato - per questo
ho fatto la scelta
ben precisa di rimanere nella mia
terra, mettendo
in pratica tutti gli
insegnamenti che

Sicilia 11

speciale

Ad aprire le danze
stata la chef Lucia
Mazzullo, che luned
19 ottobre nello Spazio
Convivio 2 (di fronte piazzetta Sicilia)
dellEsposizione universale ha presentato
il suo libro Ciuzz the
book. Quattro stagioni
di cucina siciliana
mi ha trasmesso
la mia famiglia,
e in particolare
mia nonna Nannina, grandissima
cuoca. Gli incontri con Lucia
Mazzullo, Paolo
Sidoti e Pietro Parisi erano inseriti
nella settimana
di Expo Milano
dedicata al Distretto Agrumi di
Sicilia, diretto da
Federica Argentati. A coordinare e presentare i
tre appuntamenti
sono le state le
giornaliste Antonella Guglielmino
e Giuliana Avila
Di Stefano.
Mercoled 21 ottobre, lo scrittore
Paolo Sidoti ha
presentato il suo
libro anche al Palazzo delle Stelline di Milano,
con relatore Salvatore Carrubba,
editorialista del
Sole 24 Ore, vicepresidente della
Fondazione Iulm
e presidente del
Piccolo teatro di
Milano. Durante
lincontro - moderato da Giuliana
Avila Di Stefano - Carrubba ha
parlato a lungo
di Catania, sua
citt dorigine,
ricca di storia e
intelligenze, ma
sempre pi depau-

perata dalla fuga


di cervelli che
ne impoverisce il
tessuto sociale ed
economico.
Milano mi ha accolto con un forte
abbraccio dopo 25
anni di assenza,
ha commentato
Sidoti, che ha ringraziato il pubblico per linteresse
dimostrato verso
la sua opera. La

presentazione di
Pietra lavica
si conclusa in
dolcezza con la
degustazione di

caratteristici lapilli realizzati


in pasta martorana da Alessandro
Marchese, for-

nitore delle migliori pasticcerie


siciliane.
Per le foto di
Expo, si ringra-

ziano il Distretto
produttivo agrumi di Sicilia e
laddetta stampa
Carmela Grasso.

attualit 12

Sicilia 24 ottobre 2015, sabato

24 ottobre 2015, sabato

LOSSERVATORIO

Siracusa diventata la citt dei ponti perduti: Calafatari, Targia, Cassibile

Ripristinare luscita veloce


da Ortigia per la terraferma

la demolizione. Il
quesito che si pone
la Procura : doveva essere demolito
questo ponte o bastava consolidarlo
e restaurarlo? Sar
la Procura a dare
la risposta ufficiale
al quesito. Intanto
per di questo ponte
non si pu fare a
meno.
Basta vedere quel
che succede ogni
giorno, ad ogni ora,
sul ponte Umbertino: inquinamento,
traffico, caos. Non
pensabile scaricare
tutto il traffico in
uscita da Ortigia
sul ponte Umbertino. Non soltanto
singolfa questo
antico ponte, simbolo storico della
congiunzione tra
lIsola e la terrafer-

ma. Ma singolfano
anche il piazzale
delle Poste e le vie
che lo collegano a
Riva Nazario Sauro
(zona Talete) che
devono essere attraversati dagli automezzi per raggiungere lUmbertino.
Non soltanto si dice
addio ad una ordinata circolazione
veicolare e ad una
relativa tranquillit
della zona. E non
dimentichiamo che
qui siamo a ridosso del mercato di
Ortigia. Ma si mette a rischio anche
la sicurezza della
gente di Ortigia:
in caso di calamit
e di conseguente
abbandono dellIsola gli ortigiani
dovrebbero infatti
percorrere un lungo
e tortuoso itinerario
per raggiungere il
ponte Umbertino.
Inoltre, anche nella

sindaci e politici vari


(autori del disastro
occupazionale) e sollecitare a loro una soluzione del problema.
Anche perch questo
problema nasce proprio
da loro: dai sindaci, che
hanno voluto la gestione del servizio idrico
nelle proprie mani e
fanno e disfano quel
che vogliono, come e
quando vogliono, senza
controllo alcuno; dai
politici i quali, con due
leggi regionali, una pi
stupida e inconcludente
e perniciosa dellaltra,
hanno messo il giocattolo nelle mani di
questi sindaci e ora non
sanno come uscire dal
garbuglio che hanno
provocato.
Per di pi la nuova legge regionale sullacqua
cosiddetta pubblica
stata impugnata dal
Governo nazionale per
illegittimit costituzionale.
Intanto vari sindaci, a
cominciare da quello

di Siracusa, hanno affidato ad altri privati


la gestione del servizio
idrico. Ma dov finita
la cosiddetta acqua
pubblica? Sorge allora
spontanea una constatazione, che sempre
quella che, anni or sono,
faceva Trilussa: Tutto
si riduce, a parer mio,
levati che mi ci metto
io.
E i politici? Sempre
come diceva Trilussa:
mille lire al mese e
viaggi gratuiti. Erano
i tempi in cui si cantava
se potessi avere mille
lire al mese . Oggi
i politici intascano migliaia, milioni di euro.
Per fare cosa? Danno.
Nientaltro che danno.
Naturalmente parliamo
sempre di questi politici. Non della politica
in generale, della quale
non si pu certo fare a
meno per la vita associata. Ma questa politica sul nostro territorio
non c pi.
s. m.

Il ponte dei Calafatari vitale per la sicurezza e la mobilit


di Salvatore Maiorca

iracusa diventata la citt dei ponti


perduti. E tuttavia
da salvare. Ponte
dei Calafatari, viadotto Targia, ponte
di Cassibile possono anche essere
stati tre ponti brutti
e malfatti. E vabb.
Quello dei Calafatari stato addirittura
demolito. In quattro e quattrotto. E
tuttavia una cosa
certa: di tutti e tre
questi ponti non si
pu fare a meno. Il
ponte dei Calafatari
per Ortigia come
sono per Siracusa
quello di Targia e
quello di Cassibile:
tutti e tre sono strutture indispensabili
per la sicurezza e

per la mobilit.
Il ponte dei Calafatari sha da rifare.
E al pi presto. E

questa lunica cosa


che conta adesso.
La Procura della
Repubblica sta in-

dagando sulla opportunit o meno


di demolirlo e sulla frettolosit del-

Vanno pure salvati il viadotto Targia e il ponte


sul fiume Cassibile. Sono strutture essenziali. E
non soltanto per circolazione di persone e merci

servizi gestione idrica, un pasticciaccio brutto e inestricabile

Per il disastro occupazionale provocato dal


garbuglio della gestione del servizio idrico
i lavoratori rimasti
senza lavoro chiedono
un incontro al prefetto
Armando Gradone.
Gli ex lavoratori SAI
8 ricordano che, in
seguito al fallimento
della societ che gestiva
il servizio idrico in dieci
Comuni della provincia
di Siracusa, i lavoratori
hanno subto il licenziamento. Ricordano
anche di aver apprezzato il grande impegno
del prefetto per trovare, di concerto con le
istituzioni politiche e
sindacali, la soluzione
alla grave emergenza
occupazionale venutasi
a creare.
Ricordano pure che
laffidamento del servizio idrico ad altri
soggetti ha consentito
la ricollocazione di una
buona parte dei lavo-

Acqua, i lavoratori disoccupati


chiedono un incontro al prefetto

Restano ancora una ventina di ex dipendenti Sai 8 disoccupati

La sede dell gestore del servizio idrico

ratori; ma, precisano,


secondo criteri ignoti
agli scriventi.
Sottolineano peraltro
che a tuttoggi circa
venti lavoratori sono

rimasti fuori dal ciclo


produttivo e che una
parte significativa di
questi versa, insieme
alle proprie famiglie, in
una situazione di forte

disagio economico e
disperazione, perch
priva di ogni forma di
sostegno economico.
Per questi motivi i lavoratori rimasti senza lavoro chiedono al prefetto di continuare a voler
incidere positivamente
su questa drammatica
vicenda, volendo accordare con cortese sollecitudine un incontro ad
una delegazione di tre
lavoratori per fornirLe
elementi utili per una
pronta ricollocazione
degli stessi.
Fin qui la lettera dei
lavoratori al prefetto.
Il quale peraltro non
ha poteri dintervento
diretto nella vicenda.
Pu tuttavia convocare

Non pensabile scaricare tutto il traffico in uscita


da Ortigia sul ponte Umbertino. Erano gi previste
per il ponte Calafatari, a met anni Ottanta (sindaco Fatuzzo e soprintendente Voza), la demolizione e
la ricostruzione in tratto pi vicino al ponte Umbertino con un pi agevole collegamento alla viabilit
ordinaria quotidianit, si frappongono
ostacoli alla circolazione veloce dei
mezzi di soccorso e
di quelli delle forze
dellordine, oltre
che alla circolazione di persone merci.

C di pi. Entro
questanno dovrebbe aprire lalbergo
che si sta allestendo
in quello che era il
palazzo delle Poste.
Sar un albergo
a cinque stelle. Il
proprietario ha gi

Sicilia 13

attualit

chiesto e ottenuto
la concessione per
lutilizzo privato
della porzione di
piazzale che sta fra
ledificio e la fontana. Ne far uno
spazio di ristorazione o un punto bar
allesterno dellalbergo, in riva alla
piccola darsena, dirimpetto ai Calafatari. Sar opportuno convogliare un
cos intenso flusso
veicolare proprio
davanti a questo
spazio riservato ai
turisti? Che fine
La citt dei ponti perduti: da sinistra il ponte dei Calafatari prima della demolizione, il malridotto viadotto Targia e il ponte sul fiume Cassibile

fanno accoglienza,
servizio, ambiente,
sicurezza?
Oltre tutto per il
ponte dei Calafatari, fra il 1984 e
il 1998, sindaco
Marco Fatuzzo, sovrintendente Giuseppe Voza, erano
state gi previste
la demolizione e la
ricostruzione in posizione pi vicina
al ponte Umbertino
con un nuovo e pi
funzionale collegamento alla viabilit
della terraferma.
Scoppiarono pole-

cultura E accaduto a Piazza Armerina. Ma il problema generale

Visitatori di un sito archeologico


zittiti da un vigilante: non si parla

E tempo di separare la gestione dalla tutela dei beni culturali


VisitatoCome ti caccio via
sul sito dovete essere
ri nella
il turista. E accaduto
alla Villa del casale di
Piazza Armerina. Ma
accade ogni giorno in
tutta la Sicilia. I visitatori costretti a visitare il
sito in silenzio. Proprio
cos: in silenzio. Se
in un gruppo uno dei
componenti che ne sa
qualcosa fa partecipi
gli altri delle sue conoscenze, com naturale
e spontaneo che accada,
non pu farlo: deve tacere. Se il gruppo vuol
sapere qualcosa di quel
sito non pu essere uno
del gruppo a parlare:
si deve prendere una
guida locale, e pagarla
ovviamente.
Racconta un siracusano. C stato a Catania

Villa del
casale di
Piazza
Armerina.
Anche
qui problemi per
custodi
e guide

un raduno nazionale
di ex ufficiali. Finito
il raduno, i colleghi
catanesi organizzano
una visita alla Villa del
casale. Si comprano i
biglietti. Si entra. Si
visita la villa. Uno del
gruppo, appassionato
di storia dellarte e
conoscitore del sito,
appassionatamente ne
illustra agli altri le

caratteristiche e la storia. Ma interviene un


vigilante (un vigilante:
oltre ai custodi della
Soprintendenza). E
ordina (s: ordina) a
quel gruppo di uscire.
Proteste. Esibizione
dei biglietti acquistati
allingresso. Il vigilante allenta lassalto:
restate, ma in silenzio;
per qualsiasi notizia

accompagnati da una
guida locale.
I visitatori sono esterrefatti. Tuttavia obbediscono. Non possono
fare altro. Proseguono
in silenzio. Poi, finita
la visita, se ne vanno
indignati. Figurarsi lindignazione e lironia
(facile) dei colleghi del
Nord. Ma questo accade
in Sicilia. E non una
novit.
Tra il 2001 e il 2004,
assessore regionale dei
Beni culturali Fabio
Granata, un imprenditore catanese presenta
alla Regione un suo
progetto altamente innovativo per le visite ai
siti archeologici. Limprenditore organizza

miche. Poi si trov


questa soluzione
concordata che,
fra laltro, avrebbe salvaguardato
la visibilit delle
mura spagnole prospicienti il cantiere
dei Calafatari e il
Rivelino (o Ribellino).
Non se n fatto
nulla per anni. Ora,
improvvisamente la demolizione.
Aggravata dal fatto
che lamministrazione comunale ha
fatto sapere di non
volere ricostruire

questo ponte. Ma
chi ha deciso di
non ricostruire il
ponte dei Calafatari conosce questi
fatti? conosce la
zona e la relativa
situazione? ha fatto
questi ragionamenti? si posti questi
problemi?
Certamente no se
persiste la decisione di non ricostruire il ponte dei
Calafatari. E, se
mantenuta, sarebbe
una decisione perniciosa per Ortigia
e per la Citt.

visite di gruppi, con


propri accompagnatori, ai siti archeologici
minori. Allingresso
di ogni sito installa un
micro terminale (pi
piccolo di un orologio
elettrico murale), sul
quale carica un credito
per biglietti prepagati.
Laccompagnatore di
ogni gruppo munito di
un telecomando. Digita
su questo telecomando
il numero di ingressi. E
il terminale scarica queglingressi riducendo il
credito.
Ottima cosa si pensa:
si elimina la circolazione di contante per i
biglietti, si abbattono
le code alle biglietterie
e aglingressi, sincassa
in anticipo il prezzo dei
biglietti. La Regione
approva. Limprenditore installa i terminali
aglingressi. Ma subito
dopo le prime operazioni si scatena la protesta
dei custodi: le radiazioni
dei terminali, dicono,
gli fanno venire il mal
di testa; bisogna tornare

ai biglietti e alle guide


locali. I sospetti sulle
reali origini di questa
protesta non mancano.
Tuttavia nessuno indaga. La Regione capitola. I terminali vengono
disinstallati.
E allora tornano glinterrogativi di sempre
sulla gestione e la tutela
dei beni culturali. Torna
imperiosa lesigenza di
separare finalmente la
gestione pura e semplice (custodia, pulizia,
punti bar e ristoro, book
point, guardaroba, parcheggi e quantaltro)
da tutela, vigilanza,
ricerca; affidando la
gestione ai privati operatori di settore e le altre
competenze alla mano
pubblica. Ovviamente
con tanto di bandi pubblici, capitolati precisi e
rigorosi, vigilanza e tutela ancor pi rigorose.
Ma in Sicilia, forse
anche in Italia, tutto
questo rimane un sogno. Chiss per quanto
tempo ancora.
s. m.

CULTURA 14

Sicilia 24 OTTOBRE 2015, SABATO

Il Pika Frozen di Kilian Persichini conquista


la giuria della Cocktail Competition 2015

Un mix perfettamente
dosato di Cachaa, Malibu, Midori,
presentato in
un cocktail
frozen da
Kilian Persichini, ha
conquistato
il palato dei
giudici della cocktail
competition
2015. Un
riconoscimento alla
fantasia e
alla tecnica
di questo
giovanissimo
sicuracusano
pronto ad
affrontare
l'impegnativo mondo
del bartending.
A decretare
la vittoria
di Kilian e
del suo Pika
Frozen, un
tavolo di
esperti composto dalla
Presidente
Provinciale
FIPE Enza
Privitera, il
vice presidente di Slow
Food Sicilia
Carmelo
Maiorca, gli
imprenditori
Giangiacomo Farina
e Jos Lo
Menzo e la
Responsabile
del Caff La
Piazza, Maria di Marco,
che ha ospi-

Sul podio anche Giuseppe Tiralongo con il suo cocktail fresco ed


aromatico Rickye Tiki Taka che si classificato al secondo posto
tato l'evento e messo
in palio un
contratto di
collaborazio-

suo cocktail
fresco ed
aromatico
Rickye Tiki
Taka che si

ha proposto
un mix di
rum, liquori
alla vaniglia
e al cacao e

solo un punto il terzo


classificato
Giuseppe
Floresta e il

La seconda
edizione del
corso barman
conferma il
successo dello
scorso anno
e rafforza il
legame con il
territorio

ne per la stagione 2016.


Sul podio
anche Giuseppe Tiralongo con il

classificato
al secondo
posto a pari
merito con
Gabriele
Saraceno che

frangelico
denominato
Smart Cocktail. Un ex
equo che
distanzia di

suo fruttato
Pulp Frozen.
Il corso per
barman,
promosso
da FIPE e

Confcommercio
Siracusa e
guidato dal
Maestro
Pierluigi
Cucchi, ha
consentito
ai ragazzi
di acquisire
velocemente
le nozioni
necessarie
per presentare cocktail di
alta qualit
ma anche
esteticamente innovativi;
per questa
ragione,
quest'anno
sono stati
inseriti i riconoscimenti
speciali per
le migliori
composizioni
decorative e
ad aggiudicarseli ben
quattro dei
quindici partecipanti:
Giulia Garsia, Gianluca
Inturri, Fabio Spada e
Silvio Lentini. La seconda edizione
del corso
barman conferma il successo dello
scorso anno
e rafforza il
legame con
il territorio
che prima
mission delle attivit di
formazione
Confcommercio
Siracusa.

Sicilia 15

24 ottobre 2015, sabato

SPORT SIRACUSA

Tema insistito della settimana: come evitare cali di tensione e vivere felici

Sottil vuole per il derby col Noto


un Siracusa umile e determinato

Gli azzurri inseguono il sesto successo consecutivo consapevoli che i padroni di casa si batteranno per onorare
al meglio il ritorno al Palatucci dopo 18 mesi di assenza

Andrea Sottil incontenibile ai bordi


del campo durante
le partite, non da
meno negli spogliatoi ove la sua
verve oratoria, inframmezzata
da
coloriti punti esclamativi, udibile
anche a distanza. E
quando parla Sottil
non si deve sentire
volare una mosca
perch le sue parole, centellinate con
lantico sistema del
bastone e della carota, siano chiare
per tutti. Ma qual
stato il tema dominante di questa settimana ? Un breve
excursus sulla partita di domenica che
gli ha offerto anche

lo spunto per sottolineare gli errori


che sono costati i
due gol al passivo
e quelli, non meno
gravi,
sottoporta.
E poi ?
Chiuso con una serie di reminiscenze
personali il discorso a sostegno della
sua personalissima
tesi secondo la quale non sempre tutti
i salmi finiscono in
gloria, come, ma
solo per una serie
di circostanze favorevoli, accaduto
domenica scorsa, il
discorso si spostato sul derby di
Noto, accostato con
ardita similitudine
dai tifosi granata ad
una sorta di biblico

confronto fra il piccolo Davide e il


gigante Golia. Un
paragone che non si
pone ha spiegato
il tecnico di Venaria
Reale perch il
Noto non poi cos
piccolo
come si
vorrebbe far credere e il Siracusa non
ancora cos grande da permettersi di
dormire sugli allori
di una superiorit,
vera o presunta che
sia.
Operazione Noto
che parte quindi per il Siracusa,
almeno sul piano
psicologico,
col
piede giusto e col
preciso
obiettivo
di portare a casa la
sesta vittoria conse-

In foto, Andrea Sottil

cutiva in cambio di
un impegno totale
che deve protrarsi
per tutti e novanta
minuti. Un diktat
che non ammette n
se n ma e che
per centrarlo c
bisogno di segnare
almeno un gol in
pi dellavversario,
traguardo che si
raggiunge tirando
in porta da tutte le
posizioni.
Anche
da
centrocampo,
come ci ha ricordato Lucas Longoni.
A conclusione,un
rilievo tecnico. Per
formularlo Sottil ci

gira attorno un bel


po, ma poi va dritto
al sodo : il gioco del
Siracusa va snellito
e sfrondato dagli orpelli delleccessiva
elaborazione. Il fraseggio a centrocampo pu andare bene,
ma deve sfociare
prima possibile nel
lancio a cercare il
compagno smarcato. Il Siracusa questa fase la svolge
gi a meraviglia,
appoggiando per
il gioco, nove volte
su dieci, sulle fasce.
Solo che quando le
fasce sono ben pre-

sidiate lazione finisce nel nulla. E allora osserviamo noi


- bisogner cercare altre soluzioni.
Come ad esempio
le verticalizzazioni
che prevedono per
tocchi vellutati e
millimetrici e presuppongono unintesa collaudata fra
il mittente e il destinatario del passaggio e la presenza
in squadra di fini
dicitori e di franchi
tiratori. E se non ci
fossero ? Bisogner
inventarli.
Armando Galea

Pallamano, al PalaLoBello arrivano i laziali del Fondi Calcio, parte il raduno


dei netini juniores
Mister Vinci: Sono sicuro che diremo la nostra
Riparte dal PalaLoBello lavventura per

i ragazzi di mister Vinci. Dopo la sosta ai


box imposta dal calendario i bianconeri saranno chiamati alla prova del nove contro une delle squadre pi in forma di questo
girone e con cui dividono la seconda piazza a tre lunghezze dalla capolista Fasano:
il Fondi. Arma in pi degli aretusei in questo avvio di campionato sicuramente la
difesa , la migliore di questo girone, con
solo 84 gol subiti contro i 111 della capolista Fasano. Abbiamo lavorato molto in
questi giorni ha dichiarato mister Vinciper prepararci al meglio al match contro il
Fondi. Non questa fase di campionato non
possiamo dare vantaggio a nessuno ad abbiamo unico obbiettivo possibile che la
vittoria. Sono queste le gare che noi aspettiamo anche per alzare il livello tecnico e
tattico della contesa conclude lallenatore Peppe Vinci. Sono convinto che diremo
la nostra anche in occasione della sfida in
programma oggi contro Fondi. Alla fine
dei conti comunque resto sempre convinto
che la Junior Fasano sia la maggiore indiziata alla vittoria finale del girone. Si
tratta di una sfida importante afferma il
tecnico dei laziali Giacinto de Santis per

In foto, Mattia Calvo recuperato per il match

il nostro futuro. Non stiamo sicuramente


attraversando un buon momento, abbiamo
tagliato lo straniero Markovic ed abbiamo
fuori per infortunio Pestillo, nonostante tutto giocheremo oggi a Siracusa per fare la
nostra gara. Sappiamo allo stesso tempo che
andremo a giocare su un campo difficile e
contro un avversario molto tosto.
S.C.

a luned prossimo partir nei


locali della palazzina multiservizi
del Polisportivo G. Palatucci il
raduno della formazione juniores
dellU.S.D. Noto calcio. Tutti i giovani calciatori nati negli anni 1997,
1998 e 1999, interessati a far parte
della formazione granata juniores
sono invitati a presentarsi nella
struttura sportiva alle ore 16.00.
Allincontro con i giovani calciatori parteciperanno il Presidente
dellUsd Noto calcio, Graziano
Zani, e lallenatore della formazione juniores Salvatore Calvo.

Sicilia

SPORT PAGINA 16 24 ottobre 2015, sabato

Contro la
Roma Vis
Nova, per
i ragazzi
di mister
Leone,
si preannuncia
un match
molto
delicato

Pallanuoto, l'Ortigia vola al Foro


Italico in cerca di punti pesanti
Dopo una breve
pausa, e la prima
apparizione stagionale del Settebello in World
League, riprende il campionato
maschile di pallanuoto e soprattutto quello dellOrtigia Siracusa. I
ragazzi di mister
Leone sono attesi
al Foro Italico in
un match dove in

Riparte la corsa verso la salvezza per i ragazzi di mister Leone oggi alle ore 16.00,
dal Foro Italico contro i padroni di casa della Roma Vis Nova PN
palio ci sono punti
pesantissimi
nella
sfida salvezza contro i padroni di casa della
Roma Vis Nova
. Con un intero
campionato ancora da disputare
eccessivo parlare
di ultima spiag-

gia, gli aretusei


si troveranno di
fronte i ragazzi di
Ciocchetti motivati a smuovere
lo zero dalla casella delle vittorie
per iniziare realmente il proprio
campionato. Obbiettivo per Dani-

lovic e compagni
il bottino pieno,
provando ad evitare le disattenzioni
difensive
costate carissimo
nellultimo match
interno con il Savona.
Nelle altre gare
del massimo cam-

Calcio, un derby ed un impegno


ostico per i ragazzi del Real Siracusa
D

a un derby a un altro. Dopo il successo esterno sullHellenika, il Real


Siracusa torna a giocare in casa, ospitando, per la quinta giornata di Allievi Regionali, la Mediterranea. Impegno ostico quello di domani, sabato
24 ottobre, alle 18 al Di Bari, per i
biancorossi che, per, sono in salute e
puntano al quarto successo per restare
ancorati alle posizioni di vertice della
classifica. Non sar della sfida lattaccante Maieli, fermato per un turno dal
giudice sportivo dopo lespulsione rimediata sabato scorso. Il tecnico Gallo dovrebbe pertanto cambiare modulo tattico, schierando i suoi con il
4-3-1-2, con Bonanno schierato tra le
linee e Montagno e Bellaera in avanti.

Ci attende una partita difficile contro


un avversario scorbutico, quale quello
floridiano dice lallenatore aretuseo
ma mi aspetto ulteriori progressi rispetto alle ultime uscite. Lassenza di
Maieli pesante perch lui uno in
grado di fare reparto da solo, ma chi lo
sostituir dar il massimo per non farlo
rimpiangere.
I Giovanissimi Regionali di mister Ballera saranno di scena sul campo della
Metasport. Lobiettivo di interrompere il digiuno esterno e per questa ragione il tecnico si affida alla verve realizzativa di Veneziano. In campo anche i
Giovanissimi Sperimentali, che domenica riceveranno alle 11 al Di Bari il
Catania 1980

pionato,
match
clou sicuramente quello di Sori.
Al Comunale si
affrontano i campioni in carica
della Champions
League, i plurititolati della Pro
Recco, con i vincitori
dellEuro
Cup, il Posillipo,
ancora imbattuto
questanno.
Da seguire ovviamente i tanti
azzurri presenti,
gi protagonisti
marted in Russia.
Promette spettacolo anche Acquachiara-Sport
Management, con
i padroni di casa
che per sono in
un periodo di crisi in questo inizio
di stagione. Prover a sfruttare
errori altrui lAN
Brescia, che sfida
alla Mompiano la
SS Lazio dellex
Giorgi. Derby ligure nellanticipo, tra Sori e Bogliasco, chiudono
il programma Savona-Florentia e
Trieste-Napoli.
Salvatore Cavallaro

Calcio a 5
A2/M, l'Augusta al PalaIonio prova
a muovere
la classifica

Nel girone B del


campionato di calcio a 5 serie A2 .
lAugusta, ancora
ferma a -1 in classifica ma sempre
sconfitto con onore
(ha una differenza
reti di -3 e ha laltro capocannoniere
Diogo, gli altri tre
sono Ortiz e Gonzalez e Bavaresco)
riceve il Futsal
Bisceglie. Per gli
augustani oltre a
bel gioco, servono
anche punti in classifica per risalire
verso le zone alte.
Nelle altre gare del
girone B compito
pi facile sembra
quello del Sammichele, che ospita un
Catania in difficolt, che ha incassato
25 gol nelle prime
3 partite senza fare
neanche un punto.
Serie negativa costata la panchina
a mister Ferrara.
Arduo compito per
la Futsal Isola del
capocannoniere
Marcelinho, che affronta una trasferta
complicata contro
la Domar Takler
Matera. LOlimpus Olgiata 20.12,
sfida il Catanzaro.
La Block Stem Cisternino in ottima
forma, prova a dare
ulteriore continuit
alla striscia positiva in casa di una
Salinis che non ha
ancora fatto punti
e fatica a segnare.
Match di centro
classifica fra Golden Eagle Partenope e Avis Borussia
Policoro. Entrambe
le squadre stanno
avendo un rendimento altalenante
e vogliono dare
unimpronta alla
stagione.