Sei sulla pagina 1di 66

Introduzione

Verso la fine del Quattrocento si assiste ad una grande svolta allinterno della tradizione
medievale degli studi delle cosiddette artes sermocinales. La logica scolastica, che ha al suo centro
la discussione sulle propriet dei termini e sugli enunciati paradossali, quindi strettamente legata ad
un tipo di speculazione di natura formale,1 viene ad essere affiancata da un tipo di studi che rivaluta
la retorica antica ed fortemente interessato ad incentivare lanalisi dei modi di acquisizione e di
organizzazione del sapere scientifico (ossia a quella che definiremo in termini moderni
epistemologia).
Preliminarmente deve essere chiarito che la logica terministica non viene considerata di
colpo inattendibile o superata da nuove soluzioni alle problematiche consolidate, ma pi
semplicemente cambiano gli stessi interessi: i problemi che erano centrali per la scolastica perdono
di interesse, mentre nuovi problemi emergenti tendono ad oscurare quelli precedenti.
Laristotelismo non viene del tutto soppiantato, come ingenuamente ci si aspetterebbe, in
favore di un nuovo modo d'intendere la scienza, ma piuttosto l'attenzione si sposta (quindi sempre
allinterno di una tradizione consolidata), dai libri di Aristotele che trattano delle categorie, dei
predicabili e dei sillogismi cio Categorie, De interpretazione, Analitici primi, a quelli che si
occupano dell'organizzazione logica del discorso e del metodo scientifico, ossia i Topici e gli
Analitici secondi.2 La questione del metodo e dei modi di organizzazione della conoscenza diviene
uno dei problemi filosofici pi discussi, tanto pi che la tradizione aristotelica propone una
classificazione del sapere scientifico in compartimenti tesi a dividere le scienze teoretiche da quelle
pratiche sulla base di considerazioni riguardanti l'oggetto e lo scopo delle diverse discipline.
I due risultati pi importanti di questo spostamento d'interesse sono le opere di Pierre de la
Rame e dei suoi seguaci da un lato, e quelle di Jacopo Zabarella e di altri aristotelici padovani
dall'altro. Da questi filoni si sviluppano due idee di metodo scientifico: quella dei ramisti, che
intendono il metodo come insieme di precetti per l'esposizione di ogni discorso che voglia dirsi
scientifico, e quella del cosiddetto aristotelismo padovano, che intende il metodo come strumento
per l'investigazione dei fenomeni fisici.
Nonostante la critica allaristotelismo giochi un ruolo importante nel superamento della
scolastica e nella nascita della scienza moderna, esistono numerosi elementi che invece delineano
una certa continuit fra una certa parte della scolastica medievale e la nascita della scienza
sperimentale moderna.
1
2

Secondo laccezione medievale del termine.


Questo spiega anche l'interesse dei magistri medievali per gli scritti di Cicerone.

Alcuni studiosi hanno avanzato interessanti ipotesi al riguardo, come ad esempio quella di
considerare la dottrina nominalista (secondo cui le entit astratte, cio gli universali, non esistono di
per s, ma si riducono ai nomi che designano classi di individui, che sono considerati gli unici
esistenti) alla base dell'attenzione per i fenomeni singolari propria dell'atteggiamento scientifico
moderno. Ed ancora la posizione di alcuni studiosi che fanno derivare la possibile applicazione
della matematica alla fisica, agli studi logici della quantificazione (ascensus e descensus nella
terminologia medievale) e alle discussioni sugli aspetti quantitativi delle forme, prodotte dalla tarda
scolastica.
Daltronde alcuni elementi ben presenti nelle correnti aristoteliche del Cinquecento, come la
tendenza a cercare di spiegare ogni fenomeno fisico con le sole leggi naturali, lattenzione
allaspetto metodologico della scienza, un marcato atteggiamento critico nei confronti di alcuni
dogmi della Chiesa (che sfociava in una sorta di anticlericalismo ante litteram), sono elementi che
indicano una certa continuit con lemergere della scienza moderna. Un esempio, tra tutti,
rappresentato dal determinismo e dal rifiuto dei miracoli espresso negli scritti di Pomponazzi.
Ma soprattutto nelle discussioni sul metodo che si pu trovare il maggior contributo della
tradizione aristotelica alla nascita della scienza moderna e al conseguente tramonto della scolastica.
Il centro universitario in cui si assiste allo sviluppo di questo dibattito Padova ed il punto di
partenza da cui trae origine e si sviluppa la discussione sul metodo costituito dallinterpretazione
degli scritti di Aristotele, Galeno e Averro.
Nel commento agli Analitici Secondi di Aristotele, Agostino Nifo distingue tra una
dimostrazione che parte dalla conoscenza della causa ed arriva a determinarne gli effetti (propter
quid) ed una dimostrazione che parte dalla conoscenza delleffetto e cerca di giungere alla
conoscenza della causa (propter quia). Allinterno di questo doppio procedimento, un ruolo
fondamentale secondo il Nifo dato dalla definitio, intesa come quel procedimento che consente di
specificare loggetto dellindagine in quanto ne determina la natura: in questo modo la precisione
della demonstratio propter quid dipende dallaffidabilit delle premesse che vengono poste dalla
definizione:
Ubi patet definitionem, quam est a forma, esse ut demonstrationis principium.3

Il Nifo mette in rilievo il fatto che la fusione del metodo compositivo con quello risolutivo
propria della fisica, dove bisogna prima trovare le cause, per poi far vedere come dalle cause

AUGUSTINI NIPHI, Commentaria in libris Posteriorum Aristotelis, Venetiis, HeredesOctaviani Scoti, 1526, c.28r.

discendano gli effetti, e che la ricerca delle cause e dei principi primi non , come voleva la
tradizione medievale, opera di un'intuizione dell'intelletto, ma la formulazione di un'ipotesi.
Tuttavia la certezza del sapere si fonda sulla demonstratio propter quid perch in natura nulla
avviene senza una causa e quindi il metodo che parte dalle cause pi attendibile, ed in questo
metodo la definitio riveste un ruolo centrale in quanto ne il punto di partenza:

Dixit causalem definitionem, quam propter quid vocant, a demonstratione non differre nisi
positione, nunc illud declarat, et sumit pro demonstratione.4
Marco Antonio Zimara invece il primo a distinguere tra lordine, che riguarda la
collocazione del discorso scientifico, ed il metodo, che riguarda le procedure di scoperta dei principi
primi e delle dimostrazioni. Per Zimara e per tutta la scuola padovana il metodo diventa non
strumento dell'eloquenza, come per i filosofi di tradizione ramista, ma un insieme di procedure
d'investigazione della natura. In particolare la discussione si sposta sul metodo di dimostrazione
propter quia, che viene da alcuni studiosi identificato (per la prima volta da Bernardino Tomitano)
con l'induzione.
Tuttavia la questione del metodo strettamente legata alla figura di Jacopo Zabarella, al
quale va ascritto il merito di aver portato al massimo grado questa discussione che influenzer
direttamente la nascita del metodo scientifico moderno. Le due opere principali in cui Zabarella
espone la sua teoria sono il De natura logicae e il De methodis. Per Zabarella la logica uno
strumento che serve a distinguere, in tutti i campi, ci che vero da ci che falso. La logica
quindi lo strumento della scienza, che altro non che il metodo logico messo in pratica: per
Zabarella logica e metodo scientifico sono la stessa cosa. Il metodo quello strumento che serve a
produrre nuova conoscenza e non un modo di esposizione; il metodo uno strumento umano e non
deve riflettere l'ordine naturale delle cose (dal generale al particolare), ma deve adattarsi ai processi
di conoscenza umani che spesso vanno dal particolare al generale. Di fondamentale importanza, a
tal riguardo, la distinzione che egli opera tra methodus e ordo, dove il secondo termine, a
differenza del primo, riguarda la disposizione ovvero lordine con cui si organizzano le conoscenze
disponibili.5
Zabarella distingue inoltre tra metodo dimostrativo e metodo risolutivo. Il metodo
dimostrativo il modo di acquisire conoscenza per mezzo di sillogismi o inferenze deduttive. Il
metodo risolutivo consiste nell'acquisire conoscenze argomentando da ci che logicamente ultimo
4
5

Ibid. c.62v.
J. ZABARELLA, De methodis libri quatuor, lib. III, 1597, XVIII, col.

(gli effetti) a ci che primo (le cause). Mentre il metodo dimostrativo rende solamente esplicito
ci che gi contenuto nella nostra conoscenza, il metodo risolutivo pu portarci a nuove scoperte.
Il metodo risolutivo in generale pu essere di due tipi: il primo quello che propriamente viene
identificato come resolutio, cio quel ragionamento che parte dagli effetti, o dai segni, per arrivare
alle cause; il secondo propriamente linduzione, cio quel ragionamento che parte dai singolari ed
arriva a identificare gli universali. II primo tipo di metodo risolutivo , secondo Zabarella, molto pi
potente del secondo: l'induzione pu solo ampliare la nostra conoscenza ad altri casi analoghi
rispetto a quelli di partenza, mentre il ragionamento da segni pu condurci alla conoscenza di quelle
cose che sono al di l di ogni possibile percezione. I due metodi (dimostrativo e risolutivo) devono
essere usati congiuntamente: con il metodo risolutivo arriviamo alle cause e dalle cause dobbiamo
essere in grado di dedurre gli effetti, se vogliamo che le cause siano esplicative degli stessi. Fermo
restando che il metodo risolutivo deve essere al servizio della dimostrazione; a tal riguardo
esemplificativa laffermazione dello Zabarella secondo cui Methodus resolutiva est serva
demonstrativae.6 Il metodo risolutivo ha come obiettivo linventio, non la scientia; tuttavia si pu
raggiungere la perfetta conoscenza solo se, dopo essere tornato dai fatti alle proprie cause, si
deducono i fatti dalle cause deduttivamente.
Lobbiettivo di queste discussioni sul metodo evidentemente quello di formularne uno
capace di svelare il vero rapporto causa-effetto realizzando lintento proprio di ogni scienza, lo scire
per causam. Su questi aspetti, tuttavia, si dovr ritornare pi avanti allorch si affronter
criticamente la questione della rilevanza di queste teorie nellopera di Galileo, qui baster
sottolineare che erano queste, a grandi linee, le posizioni degli autori pi influenti nella discussione
sul metodo allinterno dellaristotelismo padovano proprio nel periodo in cui Galileo entrava in
contatto direttamente con questo ambiente.
Prima di addentrarci nellanalisi e nella successiva valutazione del regressus demonstrativus,
contenuto nel MS 27, utile soffermarsi sul rapporto tra le opere logiche e metodologiche del
Corpus Aristotelicum ed il nuovo modo di intendere la scienza, e successivamente sulla valutazione
generale della logica aristotelica da parte di Galileo.
Alcuni fattori hanno contribuito in maniera essenziale a far si che nel Rinascimento ci sia
stata una continuazione degli studi sulle opere di Aristotele. Anzitutto innegabile che in nessun
altro periodo della storia della filosofia, ci sono stati in circolazione cos tanti commenti alle opere
di Aristotele come nel Rinascimento e questo pur sembrando a prima vista un fatto sorprendente

J. ZABARELLA, De methodis libri quatuor, lib. III, 1597, XVIII, col. 266.

stato dimostrato da alcuni autorevoli studi:

It is an astonishing fact that the number of Latin Aristotle commentaries composed in this
brief span exceeds that of the entire millennium from Boethius to Pomponazzi.7
In secondo luogo, laristotelismo in questo periodo utilizzato ancora come pietra di
paragone della filosofia moderna perch rimane comunque la filosofia insegnata nelle universit.8
Infine, sia pur indebolito rispetto alla fase centrale della scolastica, sopravvive il principio
del ricorso allauctoritas e qui i riferimenti allOrganon aristotelico rappresentano ancora un punto
fermo ed uno strumento per qualsiasi filosofo naturale.
Per Galileo la logica uno strumento molto utile perch permette di confutare le tesi altrui e
consente di esprimere la realt in modo razionale. La logica per rimane pur sempre un mezzo per
esporre in maniera efficace i dati acquisiti in via sperimentale. Lo studio dei fenomeni fisici si deve
basare sull'esperienza, sulla corrispondenza tra ci che vero logicamente e ci che lo secondo
l'osservazione. Il rapporto tra logica e realt stato a lungo discusso dai filosofi, in quanto i sensi
possono essere fallaci e ingannevoli, ma al tempo di Galileo la filosofia dominante, la scolastica, gi
riteneva l'esperienza fondamentale per la speculazione filosofica, al punto da considerare i sensi
umani perfetti. La novit rappresentata dalla rivoluzione scientifica e in primis da Galileo consiste
quindi non tanto nella rivalutazione dell'esperienza sensibile, quanto nel cosiddetto metodo
scientifico, cio nel modo in cui si interroga il mondo sensibile. Il filosofo quindi si sottopone ad un
rapporto con la realt di tipo razionale e non pi inconsapevole ed immediato. In questo modo di
intendere un fenomeno fisico, il moto della terra, ad esempio, pu risultare vero anche se non
percepibile.
Il metodo scientifico si sviluppa in vari passaggi: il primo di essi consiste nell'osservazione
della natura, e nella scelta delle informazioni rilevabili e trasformabili in dati. L'osservazione inoltre
pu essere supportata da strumenti meccanici come il cannocchiale, ad esempio; di qui l'ennesimo
motivo di diatriba con gli Aristotelici che, ritenendo i sensi umani perfetti, credono che qualunque
strumento tecnico creato ad hoc dalluomo, modificando la percezione, tende ad alterare la realt.
Galileo invece difende in modo perentorio la possibilit di utilizzare strumenti che possano
ampliare i sensi umani asserendo che gli stessi sono costruiti per mezzo della ragione (considerata
7

C.H. LOHR, "Renaissance Latin Aristotele Commentari: Autori AB ", in Studi del Rinascimento , XXI, p. 228.
A tal riguardo Cfr. P. R. BLUM, Studies on Early Modern Aristotelianism, in particolare il cap. 10, Ubi natura facit
circulos in essendo, nos facimus in cognoscendo. The Demonstrative Regressus and the Beginning of Modern Science
in Catholic Scholastics, pp. 183-198.
8

un dono divino), e di conseguenza non possono distorcere la realt, ma anzi, aumentare la


precisione dell'occhio. Questo aspetto importante per comprendere poi gli altri passaggi del
metodo scientifico, che consistono nell'ipotesi di una legge, con l'intervento della matematica, e la
sua verifica per mezzo dell'esperimento. In particolare l'esperimento, basandosi sulla riproduzione
della realt in laboratorio, mostra come l'uomo possa agire sulla realt e avvalersi di modelli senza
che essi costituiscano una distorsione della stessa.
La nuova filosofia di Galileo comporta inoltre il graduale distacco dal principio
dellauctoritas, che presupponeva un rapporto di sottomissione di qualunque attivit di ricerca
rispetto alla verit rivelata. Proprio su questo punto si innesta quel rapporto critico-dialettico che
Galileo instaura con le Sacre Scritture, come si evince dalle sue relazioni epistolari: per lo
scienziato infatti non bisogna intendere la Bibbia nel suo significato letterale, bens essa va
interpretata; e inoltre possibile mettere in discussione i vari commentatori della Bibbia, in quanto
essi non incarnano la verit, bens una sua interpretazione. E' cos che la scienza deve procedere:
secondo un processo critico, per cui ogni interpretazione pu essere smentita o corroborata alla luce
di nuove ricerche. La natura per Galileo un immenso libro scritto in lingua matematica e perch
possa essere indagata sono necessari i mezzi e i procedimenti critici della logica e delle scienze,
senza i quali un aggirarsi vanamente per un oscuro labirinto, parafrasando le sue parole.

La questione storiografica
Le riflessioni sulla nascita e sulle articolazioni del metodo galileano hanno portato alla
costituzione di una questione storiografica tuttoggi oggetto di discussione: la dipendenza del
metodo galileano dall'aristotelismo padovano nel contesto pi generale del dibattito sulla nascita
della scienza moderna. Possiamo affermare che il dibattito vero e proprio prende le mosse in epoca
moderna, e pi precisamente dalla tesi avanzata nel 1906 da Ernst Cassirer nella sua opera sulla
storia della teoria della conoscenza.9 In quest'opera il Cassirer sostiene che Galileo abbia trovato nel
pensiero logico della Scuola di Padova un imprescindibile punto di partenza.
Egli afferma che Galileo avrebbe mutuato dallo Zabarella non solo la distinzione tra metodo
compositivo e metodo risolutivo, ma soprattutto la fondamentale distinzione fra l'osservazione
comune e l'esperienza scientifica, anche se precisa che si tratta di un concetto che per i due filosofi
ha un significato diverso: per il logico padovano l'esperienza scientifica s'identificherebbe con una
induzione dimostrativa, mentre per il Galilei s'identificherebbe con una induzione matematica. Il
Cassirer, inoltre, aggiunge che:

La funzione della matematica nell'induzione dimostrativa non stata mal compresa da


Zabarella: gli esempi al quali egli si richiama per la sua nuova concezione son presi non dalla
scienza esatta, cui si accenna solo isolatamente, ma dalla metafisica e dalla dottrina aristotelica della
natura. Proprio in questo limite consiste la caratteristica storica del suo contributo, che si pu
definire una trasformazione e una traduzione del concetto aristotelico di esperienza nel concetto
moderno dell'induzione analitica10.

Cassirer precisa, comunque, che le fonti di Galileo sono indiscutibilmente Zabarella e la


matematica e che queste sono ben distinte tra loro.
Tuttavia, nel 1944, lo stesso Cassirer torna su questo punto quando affronta la possibilit di
accostare Galileo al platonismo, e di intendere questo accostamento a livello metodologico, come
adozione del metodo ipotetico (cosi come teorizzato da Platone nel Menone) per la fondazione
dell'analisi

problematica.

Cassirer

in

quest'occasione,

contraddicendo

quanto

scritto

precedentemente, afferma che l'analisi e la sintesi del metodo galileiano hanno la loro radice negli
enunciati di Platone, Eudosso, Euclide, Pappo e non nelle dottrine logiche degli aristotelici
9

Cfr. E.CASSIRER, Das Erkenntnisprobleln in der Philosophie und Wissenschaft der neueren Zeit, voll.4, Stuttgart,
Kohlhammer, 1906-57 (tr. it.a cura di A.PASQUINELLI, Storia della filosofia moderna, Torino, Einaudi, 1952, voI. I,
pp.162-171).
10
Ivi, p. 165.

padovani,

aggiungendo,

infatti,

che

rappresentando

questi

ultimi

...il

baluardo

dell'aristotelismo...non era certamente qui che Galileo avrebbe potuto ispirarsi per la sua opera
scientifica.11 Dall'aristotelismo padovano, afferma il Cassirer, Galileo deriv solo la terminologia:
rispettivamente il termine risolutivo per analitico e compositivo per sintetico.
Rimane tuttavia indelebile del primo intervento di Cassirer la critica implicita rivolta alla
storiografia scientifica precedente. La storiografia scientifica ottocentesca infatti, aveva spesso
posto l'accento sulla denominazione di sperimentale attribuita al metodo galileano, fondamentale
nella formazione dell'idea della scienza moderna, lasciando intendere che tale scienza si
differenzierebbe da quella della tradizione aristotelico-scolastica per il suo carattere di scienza della
sperimentazione. La contrapposizione con il carattere non sperimentale ed aprioristico della scienza
della tradizione aristotelico-scolastica era per questi studiosi evidente e rappresentava un vero e
proprio solco tra la scienza moderna e quella scolastica. Per il Cassirer, invece, questo aspetto
costituisce un grave errore interpretativo e contribuisce a creare un banale luogo comune.
Circa una ventina di anni dopo J. H. Randall intervenendo nel dibattito, ha fatto sua, seppur
mediante una prospettiva diversa, la tesi della continuit tra il pensiero logico della Scuola di
Padova e la metodologia galileiana teorizzato nel primo intervento di Cassirer. Il Randall evidenzia
in un suo saggio che per Zabarella l'analisi non parte da un'esperienza accidentale, bens da
un'esperienza analizzata con metodo scientifico: il Regressus, cos come inteso dallo Zabarella,
procede dunque dall'analisi rigorosa di pochi esempi scelti ad un principio generale e da questo
ritorna ad un corpo ordinato e sistematico di fatti.12 Questo dimostrerebbe come la novit della
scienza galileana non consista tanto nel metodo dell'osservazione, quanto nella matematizzazione
dell'esperimento e dell'ipotesi esplicativa; matematizzazione che al tempo di Galileo si realizza
anzitutto come geometrizzazione della scienza.
E' proprio questa la tesi sviluppata da A. Koyr in Etudes d 'Historie de la pense
scientifique:

il modo in cui Galileo concepisce un metodo scientifico corretto implica una predominanza
della ragione sulla semplice esperienza, la sostituzione di modelli ideali (matematici) ad una realt
empiricamente conosciuta, il primato della teoria sui fatti...Un metodo in cui la teoria matematica
determina la struttura della stessa ricerca sperimentale, o per riprendere i termini dello stesso
11

E. CASSIRER, Galileo 's Plalonism, in AA. VV., Studies and Essays in the History of Science and Learning offered
in homage to George Sarton on the occasion of his sixtieth birthday, 31 August 1944, ed. by M.F. Ashley Montagu,
New York, Schuman, 1944, pp. 279-297.
12
Cfr. J. H. RANDALL, The development of Scientific Method in the School of Padua, in " Journal of the History of
Ideas" , I (1940), pp. 177-206 (ora in ID., The School of Padua and the Emergence of Modern Science, Padova,
Antenore, 1961, pp. 13-68).

Galileo, un metodo che utilizza il linguaggio matematico (geometrico) per formulare proprie
domande e proprie risposte.13

Tornando al Randall, l'importanza del suo contributo sta anche nel fatto di aver notato per
primo (ripreso poi da Cassirer nel suo secondo intervento) che gli stessi termini usati da Zabarella si
ritrovano tali e quali in Galileo, e ci si pu verificare in tre passi tratti dalle opere di Galileo: il
primo tratto dalle Risposte alle opposizioni di Lodovico delle Colombe,14 l'altro dal Dialogo sopra i
due massimi sistemi del mondo,15 ed il terzo dai Discorsi.16 I brani citati dimostrerebbero che
Galileo avrebbe inteso come analisi matematica l'analisi scientifica richiesta da Zabarella, l'avrebbe
inserita nel complesso di metodo risolutivo e compositivo teorizzato dal maestro padovano e ne
avrebbe dato la descrizione pi precisa, sotto il nome di argomento ex suppositione.
L'intervento di Randall aveva suscitato la vigorosa contestazione di N. W. Gilbert, il quale in
un suo celebre saggio17 ricorda come Galileo, gi prima di andare ad insegnare a Padova, fosse stato
influenzato dal metodo di Archimede e della matematica greca, come appare nel De motu, in cui
egli scrive esplicitamente methodum mathematici mei me docuere.18 Considerando la lettera a
Pierre de Carcaville19 e lo stesso passo del Dialogo gi citato da Randall, risulta evidente secondo
Gilbert, che il metodo galileano derivato interamente dalla matematica: nella lettera, infatti,
Galileo dichiara di prescindere completamente dall'esperienza, e nel passo del Dialogo fa
intervenire il metodo risolutivo solo dopo essere ricorso all'esperienza. A questo punto Gilbert
indica anche la fonte di quest'ultimo passo, che sarebbe la traduzione latina, fatta dall'urbinate
Federigo Commandino e pubblicata a Venezia nel 1589, delle Mathematicae Collectiones20 di
Pappo d'Alessandria. Su un unico punto Gilbert concorda con Randall: Galileo aveva ripreso a
proposito del metodo risolutivo e compositivo, la terminologia degli aristotelici padovani.
Dalla parte del Randall, W. F. Edwards evidenzia come si stavano trascurando tentativi fatti
pi volte nell'ambito della tradizione aristotelica, anzitutto dall'arabo Ali ibn Ridwan, detto anche
13

A. KOYR, Etudes d'Historie de la pense scientifique, Paris, Puf, 1966, p.83.


Cfr. G. GALILEI, Risposte alle opposizioni del sig. Lodovico delle Colombe... contro al Trattato... delle cose che
stanno su l'acqua... , Firenze 1615, in Le Opere, Edizione Nazionale a cura di A.Favaro, Firenze, G.Barbera, 18901909, ristampata 1968, vol. IV, p. 52.
1515
Cfr. G. GALILEI, Dialogo. Dove nei congressi di quattro giornate si discorre sopra i due massimi sistemi del
mondo, tolemaico e copernicano, proponendo indeterminatamente le ragioni filosofiche e naturali tanto per l'una,
quanto per l'altra parte, Firenze 1632, in Le Opere, cit., vol. VII, p.75.
16
Cfr. G. GALILEI, Discorsi e dimostrazioni matematiche intorno a due nuove scienze attinenti alla matematica e i
movimenti locali, Leida 1638, in Le Opere, cit., vo. VIII, p. 212.
17
Cfr. N. W. GILBERT, Galileo and the School of Padua, in "Joumal of the History of Philosophy", I (1963), pp. 223231.
18
Cfr. G. GALILEI, De motu, in Le Opere, cit., I, p. 285.
19
Cfr. G. GALILEI, Lettera a Pietro Carcavy del 5 maggio 1637, in Le Opere, cit., XVII, pp. 90-91.
20
Cfr. PAPPI ALEXANDRINI, Mathematicae Collectiones, a Federico Commandino Urbinate in Latinum conversae,
et Commentariis illustratae, Venetiis, Apud Franciscum de Franciscis Senensem, MOLXXXIX, p. 157 r.
14

Haly, commentatore di Galeno, ma poi da Averro, da Pietro d'Abano e dai successivi logici
padovani, fino allo Zabarella, di assicurare alla fisica, mediante il metodo risolutivo, una forma di
dimostrazione altrettanto rigorosa che quella matematica.21
In realt, sostiene Edwards, pi che di tentativi isolati si deve parlare di un vero e proprio
filone di ricerca nel quale un'intera Scuola era impegnata senza soluzione di continuit, con
l'obiettivo comune di giungere, mediante la tecnica sillogistica, a stabilire un metodo che potesse
rendere ragione di entrambi i modi di procedere della nostra conoscenza, identificati e codificati con
la demonstratio quia e la demonstratio propter quid. La soluzione degli aristotelici padovani era
quella di trovare la connessione dei due tipi di dimostrazione, connessione che verr attuata
attraverso il regressus demonstrativus, e cio quella tecnica che consta di due sillogismi, di cui il
primo procede da un fenomeno che, in quanto effetto, pi noto a noi (prius nobis) e perviene
all'essere della causa, mentre il secondo parte dalla causa in quanto tale per giungere all'effetto in
quanto tale (prius naturae). Passando poi ad analizzare il metodo galileano, Edwards sostiene che
esso caratterizzato dall'innesto dell'induzione matematica negli schemi dimostrativi dell'analitica
aristotelica; innesto che sarebbe servito per tradurre i risultati dell'analisi in termini universali e
necessari.
Questo punto dell'intervento dell'Edwards fondamentale per capire la posizione degli autori
che concordano nel ritenere il metodo galileano un prodotto sicuramente innovativo ma che ha
radici nella scienza scolastica. LEdwards ritiene infatti che l'innesto dell'induzione matematica non
serve per garantire i risultati ottenuti con il regressus ma "solo" a renderli esplicativi, perch la
garanzia della corretta dimostrazione, cio del passaggio dall'ipotesi al principio, assicurata dalla
tecnica sillogistica; questultima, se correttamente applicata, riesce a verificare la reciprocazione
della demonstratio quia con la demonstratio propter quid. Per Edwards, quindi, il pensiero di
Galilei sul metodo si formato indubbiamente all'interno della tradizione metodologica ormai
consolidata del suo tempo di cui gli aristotelici padovani rappresentavano quella che ora
definiremo l'avanguardia.
In un intervento pi recente,22 Edwards ha messo in evidenza come affrontando il problema
concernente la continuit (o la discontinuit) fra il pensiero degli aristotelici e il pensiero moderno,
ci si limitati ai possibili rapporti esistenti tra gli aristotelici e ci che chiamiamo scienza moderna,
tralasciando quindi una parte consistente del problema, rappresentato da quanto e come i pensatori
21

Cfr. W.F. EDWARDS, Randall on the Development of Scientific Method in the school of Padua, in J.P. ANTON
(ed.), Naturalism and Historical Understanding: Essays on the Philosophy of John Hermann Randall, Jr., Albany,
1967, pp. 55-66.
22
13 Cfr. W. F. EDWARDS, L 'aristotelismo padovano e le origini delle teorie moderne del metodo, in AA. VV.,
Aristotelismo veneto e scienza moderna, Atti del 25 anno accademico del Centro per la storia della tradizione
aristotelica nel Veneto, a c. di L. OLIVIERI, voll.2, Padova, Antenore, 1983,1, pp.187-220.

10

del diciassettesimo secolo abbiano attinto dalla complessa ed articolata tradizione metodologica dei
predecessori per costruire le loro teorie del metodo.
Di contro alla tesi dell Edwards, cos come nel passato era accaduto per il Cassirer e il
Randall, si schierano pressoch compatti tutti gli studiosi ed interpreti del pensiero filosoficoscientifico del tardo rinascimento e degli inizi dell'et moderna, fra i quali Cesare Vasoli, Antonino
Poppi, Wilhelm Risse, Charles B. Schmitt ed Eugenio Garin. Proprio il Garin il 7 aprile 1981, nella
prolusione al 25 anno di attivit del Centro per la storia della tradizione aristotelica nel Veneto, ha
concluso quella che sarebbe stata, per cos dire, la prima parte della disputa aperta all'inizio del
secolo da Ernst Cassirer. Eugenio Garin, sottolineando come il primo compito dello storico
quello di svelare gli elementi puramente "ideologici" sottesi all'immagine di un aristotelismo
padovano monocolore, dai caratteri costanti lungo alcuni secoli23, ha cercato di prendere atto di
tutti gli interventi pi preziosi in questo senso per affermare, una volta per tutte, che fondata
spesso su luoghi comuni giustapposti, quella continuit di metodo non esiste.24
Il dibattito che sembrava terminato, si riaperto tuttavia nel 1988 con la pubblicazione del
manoscritto (=MS) 27, ad opera di W. A. Wallace e dell'Edwards,25 che deriva chiaramente dagli
Analitici posteriori di Aristotele. Il MS. 27 non contenuto nell' Edizione Nazionale delle Opere di
Galileo, curata da Antonio Favaro, perch quest'ultimo, che pur era a conoscenza dell'opera, ritenne
che si trattasse di esercitazioni scolastiche risalenti al 1579 e cio al periodo degli studi di Galileo al
monastero di Vallombrosa. Proprio dalla datazione delle Tractationes di logica si sviluppato
nuovamente il dibattito, che vede schierati da una parte il Wallace e dall'altra A. Carugo ed A. C.
Crombie. Questi ultimi affermano che, negli anni 1968-69, analizzando un altro manoscritto di
Galileo, pubblicato da Favaro sotto il titolo di Juvenilia, cio il MS. 46, che contiene due trattati di
fisica (De caelo e De elementis) derivanti dall'insegnamento aristotelico, hanno individuato le fonti
nell'opera di due gesuiti del Collegio Romano, cio Pereira e Toledo; Crombie nel 1971 indica
come ulteriore fonte dello stesso manoscritto il gesuita Clavio,26 mentre Carugo nel 1975 esamina e
trascrive le due Tractationes di logica (chiamate da loro Disputationes), che appaiono strettamente

23

Cfr. E. GARIN, Aristotelismo veneto e scienza moderna, in AA. VV., Aristotelismo veneto e scienza moderna, cit., I,
p .6.
24
Id, ...come hanno dimostrato indagini puntuali dello Schmitt e del Poppi, infondato l'avvicinamento a Zabarella. La
verit che Galileo si stacc dall'aristotelismo proprio sul terreno del metodo almeno fin dai cosiddetti De motu
antiquora, composti fra il 1589 e il '92, in cui ad Aristotele, parum in geometria[...]versatum, oppone i suoi
matematici (methodum mathematici mei me doeuere), p. 29.
25
16 Cfr. GALILEO GALILEI, Tractatio de praeeognitionibus et praecognitis and Traetatio de demonstatione,
transcribed ed. by W .F. EDWARDS, with an introduction, notes and commentary by W. A. WALLACE, Padova,
Antenore, 1988.
26
I risultati di queste ricerche furono pubblicati da A. C. CROMBIE nel saggio Sources of Galileo's natural philosophy,
in AA.VV., M.L. Righini-Bonelli e W.R.Shea (eds.), Reason, Experiment andMysticism in the Scientific Revolution,
New York, Science History Publications, 1975, pp. 157-175, 303-305.

11

collegate con il MS. 46 in quanto rappresentano la base metodologica di quest'ultimo.


Secondo Crombie e Carugo la fonte delle Tractationes un'opera di Ludovico Carbone, il
quale studia nel Collegio Romano, e scrive gli Additamenta ad F. Toleti Commentaria una cum
Questionibus in Aristotelis Logicam, pubblicata per la prima volta a Venezia nel 1597.27
Da parte sua, il Wallace, che pubblica nel 1977 la traduzione ed il commento degli Juvenilia,
da lui tradotti sotto il nome di Physical Questions,28 nel 1981 pubblica una monografia su Galileo
dove indica come fonti di tali trattazioni, oltre alle opere edite di Pereira, Toledo e Clavio, anche
alcuni corsi inediti svolti al Collegio Romano da altri gesuiti come Paolo Valla (o Della Valle).29
Proprio a quest'ultimo Wallace fa riferimento anche come fonte principale delle Tractationes del
MS. 27, da lui chiamate Logical Questions, e pi precisamente al corso inedito di logica tenuto dal
gesuita tra il 1587-1588 e concluso nell'agosto del 1588. Secondo Wallace questo corso, che
andato perduto, sarebbe stato plagiato da Ludovico Carbone nei suoi Additamenta del 1597, cosa
che ci verrebbe indirettamente confermata dallo stesso Della Valle, che nel 1622 pubblicando la sua
Logica, si lamenta del fatto che un suo corso sul medesimo argomento divenuto oggetto di plagio.
Con la pubblicazione della traduzione delle due Tractationes nel 1988, Wallace chiude il cerchio
delle sue ricerche ricostruendo, sulla base delle somiglianze tra la Logica di Della Valle e gli
Additamenta di Carbone nonch attraverso corsi inediti di altri gesuiti del Collegio Romano,30 il
contenuto del corso perduto di Della Valle, mostrando come esso rappresenti, insieme con quelli di
Giovanni Lorino e Ludovico Rugerio, la fonte quasi letterale dell'opera di Galileo.31
L'importanza di stabilire le fonti, va al di l della semplice indagine filologica, perch
diventa indispensabile per datare correttamente le Tractationes; se, infatti, la fonte fosse
principalmente il corso di logica perduto del Della Valle del 1587-1588, cos come sostiene il
Wallace, allora le Tractationes sarebbero state composte da Galileo presumibilmente all'inizio del
1589 e quindi durante il soggiorno pisano, in cui Galileo era gi professore di matematica; se,
invece, come sostenuto da Crombie e Carugo, la fonte principale fossero gli Additamenta di
Ludovico Carbone del 1597, allora le Tractationes sarebbero state composte presumibilmente nel
periodo della piena maturit, quello dell'insegnamento a Padova o addirittura della ricerca a Firenze.
Ulteriori studi, in particolare quelli di S. Drake, hanno dimostrato come la carta con filigrana
27

A. CARUGO-A. C. CROMBIE, The Jesuits and Galileos Ideas of Science and of nature, in "Annali dellIstituto e
Museo di storia della scienza di Firenze" VIII (1983), pp. 3-68.
28
Cfr. W. A. WALLACE, Galileos Early Notebooks: The Physical Questions, Notre Dame, Notre Dame University
Press, 1977.
29
Cfr. W. A. WALLACE, Prelude to Galileo, Essays on Medieval andSixteenth-Century Sources olGalileos Thought,
Dordrecht-Boston-London, Reidel, 1981.
30
Cfr. W. A. WALLACE, Influssi sul pensiero di Galileo, in AA.VV., Aristotelismo veneto e scienza moderna, cit., I,
p. 385.
31
Cfr. G. GALILEI, Tractatio de praecognitionibus et praecognitis e Tractatio de demonstratione, cit, introd.

12

su cui stato redatto il MS. 27, contenente le Tractationes di logica, indica che esso stato redatto a
Pisa, cio attorno al 1589. Ad avvalorare tale datazione la notizia biografica che Galileo si rec
intorno al 1587 a Roma presso il Collegio Romano per visitare padre Cristoforo Clavio, famoso
matematico, per discutere con lui un saggio che aveva gi scritto sul baricentro dei corpi solidi, cio
il Theoremata circa centrum gravitatis solidorum.32
La corrispondenza che si svilupp in seguito, mostra come padre Clavio non fosse del tutto
soddisfatto dall'impianto logico utilizzato da Galileo nel trattato, in particolare perch sembrava
implicare una petitio principii.33 Probabilmente, secondo la tesi del Wallace, fu proprio questa
critica che convinse Galileo ad approfondire le sue conoscenze logiche e metodologiche, e,
presumibilmente, sempre attraverso Clavio, venne in possesso di una copia di appunti del corso di
logica tenuto da un altro gesuita del Collegio, appunto il Della Valle.
Strettamente collegata con la questione cronologica delle Tractationes, c' la questione del
valore che esse hanno come espressione del pensiero di Galileo, e pi precisamente, della
collocazione all'interno della sua produzione scientifica. Va rilevata, poi, la particolare posizione
assunta da Crombie e Carugo, che, pur datando le Tractationes in un periodo successivo al 1597, e
quindi alla piena maturit del pensiero di Galileo, ritengono plausibile che quest'ultimo abbia
successivamente cambiato la sua concezione generale del metodo scientifico.
Drake e Wallace, d'altra parte, che collocano l'opera intorno al 1589, si trovano in disaccordo
circa il suo valore, perch Drake ritiene che Galileo abbia cambiato successivamente la sua
concezione di scienza, mentre Wallace ritiene che Galileo non abbia mai abbandonato le idee sul
metodo scientifico contenute nell'opera.34
A questa nuova ondata di studi, che cercavano una giustificazione dellipotesi della
continuit tra il pensiero degli aristotelici padovani e Galileo, si oppone Corrado Dollo. Egli ritiene,
a mio avviso a ragione, che lopinione secondo cui Galileo avesse trovato l'ispirazione che lo aveva
condotto al suo approccio rivoluzionario alla fisica in queste fonti scolastiche, sia ingenua e poco
profonda in quanto non tiene conto di diverse situazioni complesse. Lanalisi del Dollo si concentra
sul mostrare gli elementi discontinuit tra ci che i Gesuiti insegnavano al Collegio Romano e ci
che Galileo scriveva in un trattato giovanile sul movimento, conosciuto come De Motu35, composto
proprio negli stessi anni durante i quali avrebbe compilato i suoi appunti di logica. Sebbene non si
32

Cfr. S. DRAKE, Galileo at work. His scientific biography, Chicago and London, The University ofChicago Press,
1978, tr. it., Galileo, Bologna, Il Mulino, 1988.
33
Per i rapporti con padre Clavio si veda G. GALILEI, Le Opere, cit., X, pp. 22-25.
34
Cfr. W. A. WALLACE, Influssi aristotelici sul pensiero di Galileo, in AA.VV., Aristotelismo Veneto e Scienza
Moderna, cit., I, p.403.
35
Le notizie che abbiamo su questo trattato lo fanno datare tra il 1589 e il 1592, proprio negli stessi anni in cui Galileo
si dedicava alla stesura del MS 27 e del MS 46.

13

possa esser certi del loro scopo, Dollo offre argomentazioni convincenti sul fatto che Galileo non li
riutilizz nelle sue lezioni. Essi furono niente di pi che uno strumento che egli adoper per
acquisire quella perizia scolastica necessaria a un professore di filosofia naturale. Per dimostrare
questo si basa su di un passo fondamentale di questa opera in cui Galileo afferma esplicitamente:

Aristotelem parum in geometria fuisse versatum, multis in locis suae philosophiae apparet;
sed in hoc potissimum, ubi asserit, motum circularem motui rec to non esse proportionatum, quia,
scilicet, recta linea curvae non est proportionata aut comparabilis: quod quidem mendacium
(indignum enim est nomine opinionis), nedum intima et magis recondita geometriae inventa,
Aristotelem igno rasse, verum et minima etiam principia huius scientiae, demonstrat.36

Alla luce di questo giudizio cos poco lusinghiero impensabile, secondo il punto di vista di
Dollo, che si possa parlare di continuit nella ricerca in filosofia naturale. Ed ancora pi avanti, pur
tuttavia mitigando i toni, Galileo rincara la dose, ammettendo che in tutte le questioni sul moto
locale il pensiero di Aristotele opposto alla verit:

Aristoteles, sicut fere in omnibus quae de motu locali scripsit, in hac etiam quaestione,
(scil., a quo moveantur proiecta) vero contrarium scripsit: et profecto non mirum est; quis enim ex
falsis vera colliget?.37
Lanalisi accurata del De Motu, posta in relazione con il contenuto del MS 46 in particolare,
porta il Dollo ad affermare che pur prescindendo dalle questioni puramente tecniche riguardanti le
concezioni della fisica che si evincono dalla lettura dei trattati in questione, tuttavia evidente da
parte di Galileo l'esigenza di oltrepassare l'aristotelismo, trasferendo il bastone del comando
dalla logica alla matematica, dagli Analitici posteriori ai trattati archimedei.38

36

G. GALILEI, De Motu, in Opere, I, cit., p. 302.


Ibid., p. 307.
38
Cfr. C. DOLLO, L'uso di Platone in Galileo, Catania, Universit di Catania, facolt di lettere e filosofia, in Siculorum
Gymnasium, XLII, 1989, pp. 115-157.
37

14

La disputa sul metodo: la Scuola di Padova

Per meglio comprendere la questione del metodo pu essere utile ritornare sulle posizioni dei
protagonisti gi accennati nellintroduzione, a tal riguardo si proceder a contestualizzare la
questione e dare alcune indicazioni di come essa si sia evoluta nel periodo in cui avviene la
formazione del giovane Galileo.
Il dibattito sul problema del metodo che aveva caratterizzato tutta la cultura del '500, era
derivato anzitutto dalla necessit di trovare principi metodologici adeguati per rendere ragione dei
fenomeni naturali alla luce delle nuove scoperte in campo fisico, delle teorie geocentriche e
dell'importanza di una nuova alleanza tra "teoria" e "prassi" rivendicata dalla medicina. Per poter
costruire una metodologia scientifica duttile e rispondente a queste nuove esigenze che divengono
sempre pi pressanti, si avverte la necessit che anche la logica divenga veramente uno strumento
duttile per i pi diversi scopi. La sede dove pi forte si avvertono queste esigenze l'Universit di
Padova dove l'aristotelismo si distacca dai problemi metafisici e teologici, per indirizzarsi verso
quelli di carattere fisico e logico.
La denominazione "Scuola di Padova" stata ...introdotta da E. Renan nella sua
monografia del 1852, dedicata ad Averro e all'averroismo, per designare il gruppo di filosofi e
professori della Universit di Padova inquadrati dall'autore in averroisti ed alessandristi, i quali in
opposizione alla cultura umanista e neo-platoneggiante fiorentina e nell' ostilit all'intransigenza
dommatica chiesastica, avrebbero approfondito la separazione tra fede e ragione con uno spirito
libertino anticipatore del pensiero laico del successivo illuminismo e positivismo.39
Al di l della interpretazione aprioristica che caratterizza le pagine del Renan e che risponde
bene ad una certa ideologia ottocentesca, questa definizione rimasta a rappresentare un indirizzo
di studi ispirato da alcuni capisaldi della dottrina aristotelica che Eugenio Garin, con una
approfondita valutazione storico-filologica, ha chiamato aristotelismi della tradizione veneta:40
aristotelismi proprio perch la tradizione di spiegazione e di interpretazione del pensiero di
Aristotele, quale essa si svilupp in particolare nell'universit patavina nei secc. XIV, XV e XVI,
una tradizione assai complessa.
All'interno dello Studio patavino si and quindi delineando ed affermando un'impostazione
rinnovata dell'aristotelismo rispetto alle principali Universit europee continentali, dove
39

Cfr. A. POPPI, Introduzione allaristotelismo padovano, Padova, Antenore, 1970, p.13.


Cfr. E. GARIN, Aristotelismo veneto e scienza moderna, in AA. VV., Aristotelismo moderno e scienza veneta, cit., I,
p.23.
40

15

l'aristotelismo era ancora legato alle tradizionali scuole filosofiche medioevali (tomismo, scotismo e
occamismo). Molti fattori incisero in questo senso; a Padova, innanzitutto, la Facolt delle Arti non
serviva principalmente da introduzione a quella di teologia e, perci, non era finalizzata alla
preparazione della carriera ecclesiastica, come avveniva alla Sorbona, ma godeva di un'identit
autonoma; a questo si deve aggiungere l'indirizzo averroistico assunto dalle interpretazioni
padovane di Aristotele, che aveva sganciato la filosofia dalla teologia con la conseguenza diretta
che le opere aristoteliche che si studiavano non erano quelle di metafisica ma quelle di fisica, di
psicologia e di logica.
Un altro fattore che faceva convergere le ricerche verso lo stesso risultato, era rappresentato
dagli studi di medicina in cui l'Universit patavina si specializz, studi che si basavano
naturalmente su di un procedimento analitico che fin per attirare l'attenzione degli stessi filosofi,
tanto pi che questi ultimi, proprio come Averro, erano spesso anche medici.
Occorre poi ricordare che nel 1405 Padova passa sotto il controllo della Repubblica di
Venezia e anche questo fattore favorisce il carattere laico dello Studio, essendo Venezia interessata
a contrapporsi a Roma anche attraverso una precisa politica culturale.
La questione del metodo comunque gi presente nella Scuola di Padova molto tempo prima
del cinquecento. L'obiettivo comune agli aristotelici padovani principalmente quello di attribuire
tutta la vasta problematica che essi sviluppano in campo prettamente logico, direttamente allo stesso
Aristotele. Ne consegue che le vie della demonstratio sono solo due: o si segue l'ordine interno alle
cose da conoscere o s'impone ad esse un ordine proprio della mente umana; questa la
fondamentale distinzione aristotelica di pi noto rispetto a noi (notius nobis) e di pi noto per natura
(notius naturae): questa distinzione viene talmente approfondita dagli aristotelici, da divenire ... il
paradigma epistemologico fondamentale anche presso gli stessi avversari dell'aristotelismo.41
Gi Pietro d'Abano, agli inizi del Trecento, nel suo Conciliator philosophorum, trattando dei
problemi comuni ai due tipi di dimostrazione pone una distinzione tratta da Aristotele che diverr
basilare per l'intera scuola patavina; il termine scienza, come egli scrive, ha un triplice
significato:

1) Vi la scienza che si basa sulla demonstratio propter quid, che la dottrina che Galeno
chiama "compositiva" e che viene acquisita quando si conosce la causa per cui qualcosa
esiste ed allo stesso tempo si sa che essa la sua causa e che non pu essere altrimenti.

41

Cfr. F. BOTTIN, Giacomo Zabarella: la logica come metodologia scientifica, in AA. VV., La presenza
dell'aristotelismo padovano nella filosofa della prima modernit. Atti del Colloquio internazionale in memoria di
Charles B.Schmitt (Padova 4 - 6 settembre 2000), Roma-Padova, Antenore, 2002.

16

2) Vi un altro senso di scienza, che anzi relativamente a noi deve dirsi il pi proprio, e che
corrisponde alla via (metodo), per noi innata, di procedere dalle nozioni che sono pi
certe secondo il nostro modo di conoscere a quelle che invece sono pi certe secondo natura,
che corrisponde alla demonstratio quia, e cio alla dottrina che Galeno chiama risolutiva.
3) Vi , infine, la terza via che la scienza che si ottiene fondendo la via compositiva e
quella risolutiva, e che Pietro d'Abano chiama abitudine intellettuale acquisita mediante
le dimostrazioni.
Su questultimo punto sono esplicative le stesse parole del maestro patavino:

Scientia quoque ... sicut et scire tripliciter dicitur. Est enim scire sive scientia proprissime
dicta, sicut illa, quae est per causas proximas, et immediatas secundum consequentiam continuam
conclusionis illativa. Scire opinamur... quando causam arbitramur conoscere, propter quam res est
et qoniam ipsius est causa: et non contingit aliter se habere et ista quidem scientia ex
demonstratione propter quid aggeneratur, sive doctrina secundum Galenum compositiva. Sumitur
secundo proprie, licet quoad nos propriissime possit dici, cum innata sit nobis via procedere ex
notioribus et certioribus nobis in notiora secundum naturam, physicorum principio.
Etenim cum effectibus per se causis sui inhaerentibus ordine priori econverso proximis et
immediatis secundum consequentiam pervenitur in causam quae intenditur venari; aut causis
remotioribus intermissis quibusdam propinquoribus deducitur conclusio in effectum, scientia per
demostrationem elicitur quia, seu doctrina dicta resolutiva, et ea quae ex his duabus exurgit scientia
dicitur habitus intellectualis ex demonstratione elicitus.42

L'identificazione della demonstratio propter quid con il procedimento compositivo, e della


demonstratio quia con quello risolutivo tuttavia merito di Ali ibn Ridwan (+ 1061), commentatore
arabo di Galeno, cosi come riferisce ancora lo stesso Pietro d'Abano.43
Averro, poi, oltre le due gi note propter quid e quia, che rappresentano rispettivamente il
conoscere secondo natura ed il conoscere secondo il modo delluomo, aggiunge la demonstratio
potissima, che fornisce sia la causa di qualche cosa che il suo essere.
Nellambito della Scuola di Padova vi poi una tendenza ad unificare le dottrine di Galeno e
42

PIETRO ABANO PATAVINO, Conciliator Controversiarum, quae inter philosophos et medicos versantur [
Conciliator], Ristampa fotomeccanica dell'edizione Venetiis, apud Iuntas, 1565, a c. di EZIO RIONDATO e LUIGI
OLIVIERI, Padova, Antenore, 1985, Diff. 3, Prop. I, f.5r.
43
PIETRO ABANO PATAVINO, Sicut dicit Hali, compositiva fit per dimonstrationem propter quid, resolutiva vero
per demonstrationem quia, Conciliator ... , cit., Diff.8, Introd.

17

Averro che porter a determinare il metodo del regressus. Questo percorso viene seguito nel XVI
secolo dagli autori gi citati precedentemente, cio Agostrino Nifo, Marco Antonio Zimara,
Girolamo Balduino, fino a Giacomo Zabarella in cui, come detto, vi la convergenza e la
sistemazione di quanto elaborato dagli altri esponenti della Scuola patavina.
LOpera logica dello Zabarella, pubblicata a Venezia per la prima volta nel 1578, ebbe
subito larga diffusione in tutta Europa e ispir tutta una serie di nuovi logici che scrissero a cavallo
dei due secoli.
Per Zabarella ogni conoscenza necessaria delle cose va chiamata scienza, le altre conoscenze
che non vertono su oggetti necessari e che quindi non hanno come scopo la conoscenza in se stessa,
non sono scienze ma arti; ora la logica che tratta delle secundae notiones dunque unarte: le prime
nozioni, infatti, sono nomi, come animale e uomo, che significano le cose mediante i relativi
concetti e che quindi si riferiscono a cose che non dipendono da noi; le seconde nozioni, invece,
sono i nomi che significano i primi nomi, come genere e specie, che sono opera nostra, nostre
figmenta, che esistono solo nella nostra mente:

... sunt autem primae notiones nomina statim res significantia per medios animi conceptus,
ut animal et homo, seu conceptus ipsi, quorum haec nomina signa sunt: secundae vero sunt alia
nomina his nominibus imposta, ut genus, species, nomen, verbum propositio, syllogismus, et alia
huiusmodi, sive conceptus ipsi, qui per haec nomina significantur. Nominibus quidem primae
notionis statim res ipsa significata extra animum respondet, quocirca haec opus nostrum esse non
dicuntur... At secundas notiones nemo negaret opera nostra, et animi nostri figmenta esse ... .44

Vi un senso, per, in cui la logica pu essere chiamata scienza, e ci accade quando essa si
applica ad una scienza vera e propria: la logica diventa quindi instrumentum sciendi e si configura
come una metodologia che, pur avendo delle proprie leggi ed un proprio ambito di applicazione,
ordinata ad altro.
Zabarella si preoccupa di acuire il divario sussistente tra ordo doctrinae e methodus
dichiarando che al primo spetta il dominio del gi noto, mentre alla seconda il compito di acquisire
ci che ignoto. Il metodo quindi, uno strumento logico ordinato all'acquisizione delle cose ed il
suo campo d'intervento la singolarit dei fenomeni clti quando la predicazione si deve affidare
alla ricerca.45

44

G. ZABARELLA, De natura logicae, I, in Opera logica, col.6 A-C.


Cfr. G.PAPULI, Dal Balduino allo Zabarella e al giovane Galilei: scienza e dimostrazione, in "Bollettino di Storia
della filosofia dellUniversit degli Studi di Lecce", X (1990-92), pp. 45-46.
45

18

Il metodo scientifico deve essere desunto dal nostro modo di conoscere e non dalla struttura
delle cose, per rispettare cos il criterio della convenienza per chi apprende. Riprendendo cos una
nota tesi di Averro, lo Zabarella getta le basi teoriche per un primato pratico del metodo risolutivo
su quello compositivo, con ci confermando lo spostamento del baricentro della ricerca filosofica
dal mondo alluomo.
La methodus, tuttavia, non pu mai prescindere dal criterio della piena congruenza del sapere
in via di acquisizione con l'ordine oggettivo dei fenomeni naturali sui quali verte l'indagine perch
essa concerne singoli problemi. Ora, il metodo per antonomasia per la formazione del nostro sapere
de rebus naturalibus la dimostrazione; fra le varie specie di procedimenti dimostrativi, senz'altro
al regressus demonstrativus che va riconosciuta la funzione di garantire il corretto sviluppo delle
teorie scientifiche in tutte le loro articolazioni.
Il regressus, cos come inteso dallo Zabarella, prende avvio dall'osservazione naturale,
attraverso cui si entra in possesso dei dati che ci provengono dall'esperienza e da questi si passa
all'inferenza dimostrativa vera e propria che consta di tre momenti:

a) la demonstratio quia, un sillogismo che risale dall'effetto (notius nobis) all'essere della
causa, con cui si ottiene la conoscenza remota della causa;
b) la consideratio mentalis, o, con l'espressione propria dello Zabarella, mentale ipsius causae
examen, che consiste nel procedere dalla supposizione che qualche cosa causa l'effetto alla
ricerca di cosa esso sia;
c) la demonstratio propter quid, un sillogismo che discende dalla causa cos inquadrata
all'effetto ed finalizzato alla notificazione di quest'ultimo non gi nel suo essere sensibile
ma proprio nel suo essere effetto, cio risultato di un processo di causazione.
La separazione fra scienza e conoscenza tipica degli aristotelici legati alla
tradizione padovana e si esprime nella distinzione fra demonstratio quia e demonstratio propter
quid. Il primo a rimarcare la distinzione in greco e diffonderla nella logica di fine Cinquecento
proprio Zabarella:

duae igitur scientificae methodi oriuntur, non plures, nec pauciores, altera per excellentiam
demonstrativa methodus dicitur, quam Graeci , vel vocant;
nostri, potissimam demonstrationem, vel demonstrationem propter quid appellare consueverunt:
altera, quae ab effectu ad causam progreditur, resolutiva nominatur: huiusmodi enim progressus
resolutio est, sicut ab causa ad effectum dicitur compositio. Methodum hanc vocant Graeci
19

, vel , nostri demonstrationem quia46

La via della connessione delle due dimostrazioni, quella quia e quella propter quid, viene
invece realizzata mediante:
1) la conversione del loro medio, in modo che, nel complesso dellarticolazione dei due
sillogismi corrispondenti alle due dimostrazioni, il medio possa essere insieme causa
ed effetto;
2) la consideratio mentalis che rappresenta il controllo mentale su base empirica della
validit dell'inferenza.

Cos come per il Balduino, che per primo aveva proposto di modificare l'immagine di
dimostrazione circolare che accompagnava il regressus per non accomunarlo alla petitio principii,
anche per lo Zabarella l'immagine pi consona per rappresentare il regressus quella del triangolo,
perch trattasi di una connessione lineare sia di tre nozioni (quella dell'essere dell'effetto, quella
dell'essere della causa, e quella dell'effetto come termine del processo di causazione), sia di tre
progressioni logiche (quello dell'inferenza dall'essere delleffetto allessere della causa, quello della
consideratio mentalis sulla causa per avere una conoscenza distinta di questa in quanto avvio
dell'inferenza dimostrativa, ed infine quello della definizione delleffetto in quanto risultato
dellazione della causa).
Per quanto concerne la demonstratio potissima, la proposta dello Zabarella quella di
ritenerla coincidente con la demonstratio propter quid in quanto solo con essa si attua il passaggio
dalla causa alleffetto, cio quel processo che proprio dellordo naturalis.
E' questo lo status questionis riguardo levoluzione del metodo aristotelico, allorch il Galilei
viene in contatto, nellUniversit di Padova, con la tradizione scientifica dell' aristotelismo italiano.

46

JACOPO ZABARELLA, De methodis, in Opera logica, Zetzner, Kln 1597, C. 230 E-F.

20

Interpretazione galileana della metodologia aristotelica


Il punto di partenza della nostra analisi che riguarda linterpretazione galileana della
metodologia aristotelica, ci fornito dallo stesso Galilei che, nella lettera a Fortunio Liceti del 15
settembre 1640, dichiara addirittura di essere sempre stato aristotelico per quanto concerne la
logica:

... 1'esser veramente Peripatetico, cio filosofo Aristotelico, consista principalmente nel
filosofare conforme alli aristotelici insegnamenti, procedendo con quei metodi e con quelle vere
supposizioni e principii sopra i quali si fonda lo scientifico discorso, supponendo quelle generali
notizie il deviar dalle quali sarebbe grandissimo difetto. Tra queste supposizioni tutto quello che
Aristotele ci insegna nella sua Dialettica, attenente al farci cauti nello sfuggire le fallacie del
discorso, indirizzandolo ed addestrandolo a bene silogizzare e dedurre dalle premesse concessioni la
necessaria conclusione; e tal dottrina riguarda alla forma del dirittamente argomentare. In quanto a
questa parte, credo di havere appreso dalli innumerabili progressi matematici puri, non mai fallaci,
tal sicurezza nel dimostrare, che, se non mai, almeno rarissime volte io sia nel mio argomentare
cascato in equivoci. Sin qui dunque io sono Peripatetico.47

Queste affermazioni, alla luce della produzione scientifica matura di Galileo, non devono
tuttavia stupire, infatti lintera speculazione filosofica di galileana caratterizzata da una forte
tensione interna tra motivi aristotelico-scolastici ed aspetti innovativi. Galileo allo stesso tempo
aristotelico ed antiperipatetico, conservatore e progressista; da una parte egli tende a
conservare quegli aspetti della dottrina aristotelica che definiscono in modo esplicito la
dimostrazione scientifica, vale a dire lindividuazione degli schemi logici su cui costruire il sapere,
ma riconosce, daltra parte, lesistenza di uno iato tra la teoria prescrittiva della scienza e la sua
pratica effettiva:
La logica, come benissimo sapete, lorgano col quale si filosofa; ma, s come pu esser
che un artefice sia eccellente in fabbricare organi, ma indotto nel sapergli suonare, cos pu essere

47

G. GALILEI, Lettera a Fortunio Liceti (15 settembre, 1640), in Opere, Clt.,V. XVIII, pp. 248-249.

21

un gran logico, ma poco esperto nel sapersi servire della logica [...]. Il sonare lorgano non simpara
da quelli che sanno far organi, ma da chi gli sa suonare [...]; il dimostrare dalla lettura de i libri pieni
di dimostrazioni, che sono i matematici soli, e non i logici. 48

La logica, dunque, insegna a conoscere se i discorsi e le dimostrazioni gi fatte e trovate


procedano in maniera coerente e con conclusioni corrette, ma non insegna in alcun modo a trovare
i discorsi e le dimostrazioni concludenti. La logica ha in definitiva una sua validit come strumento
per una chiara esposizione e per un opportuno controllo dei risultati raggiunti, ma non vale come
strumento euristico.
Ed ancora nei Discorsi e dimostrazioni matematiche intorno a due nuove scienze:

Simp. Veramente comincio a comprendere, che la Logica, bench strumento prestantissimo


per regolare il nostro discorso, non arriva, quanto al destar la mente allinvenzione, allacutezza
della Geometria.
Sagr. me pare, che la Logica insegni a conoscere le dimostrazioni gi fatte, e trovate
procedono concludemente, m che ella insegni a trovare i discorsi, e le dimostrazioni concludenti,
ci veramente non credo io.49

Qui vi una ulteriore conferma che per Galileo la logica strumento di controllo per
esplicare le dimostrazioni gi fatte. Certo, altrove, non mancano critiche persino a quei
ragionamenti sillogistici che Galileo in ogni caso ha sempre tenuto in alta considerazione:
Circa il secondo punto, io mi meraviglio che voi abbiate bisogno chel paralogismo
dAristotile vi sia scoperto, essendo per s stesso tanto manifesto; e che voi non vi accorgiate, che
Aristotile suppone quello, che in quistione: per notate.50

Ma si deve evidenziare come queste critiche riguardino maggiormente i casi in cui il metodo
aristotelico viene impiegato in questioni di carattere fisico, come nellesempio precedente dove
viene applicato al moto dei corpi gravi. Nel resto delle sue opere ma soprattutto nelle relazioni
epistolari, Galileo insiste molto nel definirsi peripatetico nelle questioni logiche che venivano
affrontate in seno alle critiche ricevute dai suoi scritti di carattere fisico. Su questo punto
48

G. GALILEI, Dialogo sopra i due massimi sistemi, giornata 1, Opere, VII, pp. 59-60.
G. GALILEI, Discorsi e dimostrazioni matematiche intorno a due nuove scienze attenenti alla mecanica ed i
movimenti locali, Leida, Gli Elsevirii, 1638.
50
G. GALILEI, Dialogo sopra i due massimi sistemi, giornata 1, Opere, VII, p. 59.
49

22

paradigmatica un'altra lettera a Fortunio Liceti, di qualche giorno precedente a quella sopra citata:
[]ci mi venne detto perch contro a tutte le ragioni del mondo vengo io imputato di
impugnatore della peripatetica dottrina, mentre io professo e son sicuro di osservare pi
religiosamente i perpatetici, o per meglio dire Aristotelici insegnamenti, che molti altri, li quali
indegnamente mi spacciano per avverso alla buona peripatetica filosofia, e perch quello del ben
discorrere, argumentare, e dalle premesse dedurre la necessaria conclusione, uno delli
insegnamenti mirabilmente datoci da Aristotile nella sua Dialettica, mentre io vegga da premesse
dedur conclusioni, che con esse non hanno connessione, e perci falsano la dottrina Aristotelica, se
io le emender, e le ridrizzer penso di poter meritamente stimarmi miglior Peripatetico.51

In questa lettera Galileo protesta con vigore contro le critiche ricevute che gli imputavano di
avversare la filosofia aristotelica, ed anzi, proprio perch pi degli stessi filosofi peripatetici ritiene
se stesso ligio agli insegnamenti ed ai precetti dello Stagirita, si professa miglior peripatetico.
importante evidenziare che qui Galileo si riferisce chiaramente al ragionamento sillogistico, infatti
largomentare dalle premesse ed il dedurre la necessaria conclusione, sono caratteristiche
essenziali del sillogismo. Ma c di pi, laccusa rivolta ai seguaci di Aristotele addirittura quella
di non saper applicare correttamente il ragionamento sillogistico e di dedurre conclusioni che non
hanno connessione con le premesse. Il rispetto di Galileo per la logica aristotelica rappresenta un
aspetto portante del suo pensiero ed presente anche nelle opere scientifiche divulgative della
nuova fisica, dove in pi parti Galileo sostiene che largomentazione aristotelica sia stata travisata a
causa di errori interpretativi, come nel Dialogo sopra i due massimi sistemi, dove Salviati-Galileo
sostiene attraverso una sottile distinzione che il pensiero di Aristotele sul moto sia stato appunto
frainteso:
[] e dubito che Aristotile nel pigliarla da qualche buona scuola non la penetrasse
interamente, e che per, avendola scritta alterata, sia stato causa di confusione mediante quelli che
voglion sostenere ogni suo detto. E quando egli scrisse, che tutto quel che si muove, si muove sopra
qualche cosa immobile, dubito che equivocasse dal dire, che tutto quel che si muove, si muove
rispetto a qualche cosa immobile, la qual proposizione non patisce difficult veruna, e laltra ne ha

51

G. GALILEI, Lettera a Fortunio Liceti (25 agosto, 1640), MSS. Gal., Par, III, T. 7, Sez. I, minuta originale, in G.
GALILEI, Commercio epistolare Di Galileo Galilei, a c. di E. ALBRI, Societ Editrice Fiorentina, Firenze, 1859, p.
331.

23

molte.52
In questo passo Salviati imputa ai peripatetici di aver preso alla lettera (diremmo noi), ci
che Aristotele ha scritto circa il moto, infatti avendola scritta alterata stata oggetto di confusione
per chi, a tutti i costi, intende sostenere ogni suo detto; la spiegazione geniale nella sua
semplicit, infatti, secondo Salviati, Aristotele intendeva affermare che tutto quel che si muove, si
muove rispetto a qualche cosa immobile non sopra qualche cosa che immobile (riferito alla
Terra): questa interpretazione non presenta quindi alcuna difficolt perch facilmente verificabile.
Il ritenere Aristotele una figura di filosofo al di sopra dellatteggiamento sconcertante dei
peripatetici, fa s che Galileo si spinga ad affermare, nello stesso dialogo, che se lo Stagirita fosse
vissuto ai suoi tempi, avrebbe certamente modificato la sua posizione:
ch io non dubito punto, che se Aristotile fusse allet nostra , muterebbe opinione; il che
manifestamente si raccoglie dal suo stesso modo di losofare: imperocch, mentre egli Scrive di
stimare i Cieli inalterabili ec. perch nissuna cosa nuova si veduta generarvisi o dissolversi delle
vecchie, viene implicitamente a lasciarsi intendere, che quando egli avesse veduto uno di tali
accidenti, avrebbe stimato il contrario, e anteposto, come conviene, la sensata esperienza al natural
discorso.53

Nel Dialogo sopra i due massimi sistemi, si pu trovare una delle pagine pi esplicative della
critica di Galileo ad una certa frangia dellaristotelismo; nel seguente passo, discorrendo di alcuni
errori che possono essere commessi quando non il ragionamento che giuda la dimostrazione,
Salviati-Galileo e il curioso ma per nulla esperto Sagredo, si trovano daccordo sul valutare la
posizione di chi commette lerrore di prefissarsi nella mente una conclusione e di adattare a questa i
propri discorsi:

Salviati: Dove io finalmente, osservando, mi sono accertato esser tra gli uomini alcuni i
quali, preposteramente discorrendo, prima si stabiliscono nel cervello la conclusione, e quella, o
perch sia propria loro o di persona ad essi molto accreditata, s fissamente simprimono, che del
tutto impossibile leradicarla giammai;
[] Sagredo:

Questi dunque non deducono la conclusione dalle premesse, n la stabiliscono

per le ragioni, ma accomodano o per dir meglio scomodano, e travolgon, le premesse e le ragioni
52
53

G. GALILEI, Dialogo sopra i due massimi sistemi, giornata 1, Opere, VII, p. 142.
Ivi, p. 75.

24

alle loro gi stabilite e inchiodate conclusioni.54

Prima di procedere vorrei soffermarmi su di un punto che stato trattato solo


superficialmente nel vasto panorama degli studi su Galileo e la tradizione aristotelico-scolastica, e
cio la presenza o meno negli scritti maturi di argomenti trattati abitualmente dalla logica scolastica.
Sappiamo per certo, come gi visto, che Galileo negli anni pisani fu invitato da padre Clavio a
rivedere le proprie conoscenze logiche e che quindi gli appunti contenuti nel Ms. 27 riguardano in
parte un corso di logica. Ma cosa e quanto degli argomenti dibattuti nei testi logici della tarda
scolastica rimasto nelle opere mature?
Ci sono dei passi che sono paradigmatici per cercare di ricostruire questo aspetto del
rapporto tra Galileo e la logica. Uno dei pi rappresentativi il seguente:
Non vi dissio, che non poteva esser altro, chun sosma? Questo un di quelli argomenti
cornuti, che si chiamano soriti: come quello del Candiotto, che diceva che tutti i Candiotti erano
bugiardi, per essendo egli Candiotto veniva a dir la bugia, mentre diceva che i Candiotti erano
bugiardi; bisogna adunque, che i Candiotti fussero veridici, e in conseguenza esso, come Candiotto,
veniva ad esser veridico; e per nel dir, che i Candiotti erano bugiardi, diceva il vero, e
comprendendo se, come Candiotto, bisognava, che e fusse bugiardo. E cos in questa sorte di
sosmi si durerebbe in eterno a rigirarsi senza concluder mai niente.55
In questo passo descritto largomento noto come paradosso del Mentitore, ed il termine
Candiotto riferito ad un abitante della citt di Candia, nellisola di Creta (alla quale i Veneziani
estesero il nome di Candia, istituendovi in quanto colonia, il Ducato di Candia); quindi Galileo
dimostra di conoscere uno dei paradossi su cui avevano maggiormente dibattuto i magistri
medievali e che aveva portato addirittura alla nascita di un vero e proprio genere letterario, gli
Insolubilia che sar portato avanti fino allinizio del Cinquecento. Ma c di pi perch Galileo
commette due imprecisioni che potrebbero essere persino volute (dato che a pronunciarle
Simplicio, rappresentante della scuola peripatetica):
a) innanzitutto introduce largomento come esempio di sorite; ora se per sorite intende
una argomentazione sofistica in generale commette un errore abbastanza ingenuo,
perch largomento in questione di diversa natura rispetto allargomento del
54
55

G. GALILEI, Dialogo sopra i due massimi sistemi, giornata 3, Opere, VII, pp. 299-300.
G. GALILEI, Dialogo sopra i due massimi sistemi, giornata 1, Opere, VII, p. 66.

25

mucchio o dellacervo; ma potrebbe anche intendere il soriticus syllogismus, detto


anche sillogismo regressivo o aristotelico (impropriamente), cio un sillogismo
composto non da due ma da pi premesse (quindi un cumulo di sillogismi in cui
sono eliminate tutte le conclusioni e le premesse minori), disposte in modo che il
predicato della prima premessa assunto come soggetto della seconda, e cos via fino
alla conclusione, in cui il soggetto della prima premessa si unisce al predicato
dellultima (A B, B C, C D, quindi A D);
b) in secondo luogo lo definisce come argomento cornuto dimostrando di conoscere le
antinomie semantiche, ma allo stesso tempo di non padroneggiarle appieno: gli stessi
autori medievali utilizzavano esempi pi efficaci rendendosi conto che largomento
cos strutturato non conduceva ad una vera e propria antinomia in virt del fatto che
dalla verit dellenunciato in questione si deduce effettivamente la sua falsit, ma
dalla sua falsit non si deduce la sua verit, dato che per far questo andrebbe meglio
specificato.
Ed ancora nella Lettera a Francesco Ingoli,56 Galileo sembra adottare un tipo di
argomentazione molto utilizzata nelle obligationes medievali,

57

che erano ancora parzialmente

utilizzate come esercitazioni in ambito universitario e che riguardavano un determinato contesto


dialettico in cui valutare delle proposizioni:

possono le medesime proposizioni concludere e non concludere ad arbitrio altrui? Signor


no, prese assolutamente ed in tutta la universit della natura; ma attaccate talvolta ad altra
proposizione falsa possono essere con quella supposizione concludenti.58

Se infatti ad un insieme di premesse che non conclude necessariamente in una


argomentazione sillogistica, si inserisce una ulteriore premessa falsa, concedendola pu accadere
che lintera argomentazione risulti concludente. Largomento sviluppato in questo passo

56

Galileo aveva inviato la lettera a Roma all'amico Guiducci perch la presentasse all'Ingoli e la diffondesse
pubblicamente, questa fu invece mantenuta riservata. Nel 1616 l'Ingoli aveva infatti scritto la Disputatio de situ et
quiete Terrae, che si scagliava apertamente contro Copernico e Galileo. La Disputatio spinse Keplero a scrivere
una Responsio (maggio 1618), cui l'Ingoli, a sua volta rispose con le Replicationes Francisci Ingoli Ravennatis De situ
et motu Terrae contra Copernicum ad Ioannis Kepleri Caesari mathemathici Impugnationes contra disputationem de
eadem re ad d. Galilaeum de Galilaeis Gymnasii Pisani mathematicum celeberrimum scriptam (13 ott. 1618).
57
La teoria delle obligationes pu essere rappresentata come una disputa dialettica tra due soggetti, un opponente ed un
rispondente, che ha come scopo quello di trovare le condizioni logiche mediante le quali sia possibile derivare
lasserzione o la negazione di una data proposizione da alcune premesse o ipotesi.
58
G. GALILEI, Lettera a Francesco Ingoli, Opere, VI, p. 526.

26

chiaramente di natura logica; Galileo ritorner su questo punto nel corso del Dialogo, dando ancora
una volta prova di conoscere i principi e la terminologia della logica scolastica:
[] son sicuro che per la prova di una conclusion vera e necessaria sieno in natura non solo
una ma molte dimostrazioni potissime, e che intorno ad essa si possa discorrere e rigirarsi con mille
e mille riscontri, senza intoppar mai in veruna repugnanza, e che quanto pi qualche sofista volesse
intorbidarla, tanto pi chiara si farebbe sempre la sua certezza; e che, allopposito, per far apparir
vera una proposizion falsa e per persuaderla non si possa produrre altro che fallacie, sofismi,
paralogismi, equivocazioni e discorsi vani, inconsistenti e pieni di repugnanze e contradizioni.59

Nella stessa pagina poi, contenuta una esplicitazione del principio del terzo escluso
applicato a problemi di natura fisica:

Cos : noi siamo in un dilemma, una parte del quale bisogna per necessit che sia vera, e
laltra falsa; perch tra l moto e la quiete, che son contradittorii, non si d un terzo, s che si possa
dire: "La Terra non si muove, e non sta ferma; il Sole e le stelle non si muovono, n stanno
ferme".60

Quindi Tertium non datur (

), una terza soluzione (una terza via, o possibilit) non

esiste rispetto alla questione del moto della terra ed a quello degli astri.
Ma la conoscenza e lapplicazione di figure e procedimenti della logica aristotelica non si
esauriscono qui, infatti pi avanti nello stesso testo, Galileo riprende un argomento caro alle dispute
medievali:

[] Il primo sarebbe una impertinenza non minore che se altri dicesse che di una
circonferenza di cerchio ogni parte bisogna che sia un cerchio, o vero perch la Terra sferica, ogni
parte di Terra bisogna che sia una palla, perch cos richiede lassioma eadem est ratio totius et
partium.61
Largomento presentato in questo passo come analogia rispetto allargomentazione
principale che verte sul moto di rivoluzione terrestre, dimostra che Galileo padroneggia pienamente

59

G. GALILEI, Dialogo sopra i due massimi sistemi, giornata 2, Opere, VII, p. 156.
Ibid., p. 156.
61
Ibid., p. 168.
60

27

sia la fallacia di sottrazione che avviene quando si attribuisce alla parte una qualit del tutto, sia la
sua opposta cio la fallacia di composizione che si verifica quando si attribuisce al tutto la qualit di
una parte.

Per quanto concerne il debito che questi trattati hanno nei confronti degli autori del Collegio
Romano e dellaristotelismo padovano, questo aspetto stato riconosciuto da diversi interpreti del
dibattito storiografico. In questa sede, per gli scopi prefissi, sono interessato ad evidenziare solo
alcuni punti. Anzitutto se si confrontano i tipi di dimostrazione ammessi nel trattato di Galileo con
quelli elencati nellopera gi citata del Valla, possiamo scoprire come siano praticamente li stessi:

demonstrationem esse multiplicem, ut patet ex Aristotele in hoc libro: ostensivam, ad


impossibile, quia, propter quid, potissimam. Demonstratio ostensiva illa est, quae aliquid esse
verum ex veris principiis probat; ad impossibile est, quae ex aliquo impossibili concesso ducit ad
aliud impossibile notius; demonstratio quia est, quae vel ex effectu vel ex causa remota aliquid
probat; demonstratio propter quid est, quae per vera et propria principia aliquid de alio demonstrat;
potissima est, quae primam aliquam et universalem passionem de subiecto adaequato per propria et
proxima principia ostendit, cui si aliqua praedictarum conditionum deerit, non erit potissima. 62
Linfluenza di queste opere nei trattati che compongono il MS. 27 risulta poi evidente da
alcuni capisaldi contenuti nelle due opere di Galileo.
In primis, si deve sottolineare limpossibilit di distinguere la demonstratio potissima (cos
come descritta da Averro) dalla demonstratio propter quid, che qualifica in modo preciso la
derivazione diretta dei trattati in questione dalla tradizione dei gesuiti del Collegio Romano; come
gi evidenziato in precedenza questo un punto fondamentale su cui questi ultimi autori si
distaccavano dalla tradizione averroista. In merito a questo aspetto le parole di Galileo, estrapolate
dal Tractatio de Demonstratione non lasciano spazio a dubbi:

Ex quo patet male Averroem divisisse species demonstrationis, ex hoc, quod una
faciat nos scire causam effectus, altera vero causam et existentiam;63

Dico secundo: demonstrationem potissimam Averrois non esse speciem distinctam a

62

G. GALILEI, Tractatio de praecognitionibus et praecognitis and Tractatio de demonstratione, ed. by W. F.


EDWARDS W. A. WALLACE, Padova, Antenore, 1988, pp. 30-31.
63
Ivi, p. 97.

28

demonstratione propter quid;64

Dico tertio: duas esse tantummodo species demonstrationis, quia et propter quid.
Colligitur ex praecedentibus, nam demonstratio quia est vera demonstratio, ut
ostendimus, et demonstratio potissima non distinguitur a demonstratione propter
quid.65

In secondo luogo, un altro snodo fondamentale rappresentato dalla distinzione fra notiora
nobis e notiora natura che invece sicuramente ripresa dallo Zabarella66:

Notius secundum naturam est illud, quod prius natura intelligibile est, qualia sunt illa, quae
prius esse suum fuere sortita. Notius secundum nos illud est, quod nobis primo cognoscendum
occurrit: cuiusmodi est singulare, tum quia sensu percipitur a nobis; quod autem est tale, est
notissimum.67

Infine la concezione che le dimostrazioni matematiche rappresentano una tipologia a s


stante in quanto procedono da cause note sia per noi che per natura:

an possint dari propositionem, quae est secundum nos et natura sint notae? Nam videtur
quod non, quia idem inquantum idem non potest esse notum nobis et naturae. Respondeo: posse
dari; [22v] patet hoc in demonstrationibus mathematicis, in quibus causae sunt notiores nobis et
naturae, quam sint effectus, licet huiusmodi demonstrationes non sint potissimae.68

La consideratio mentalis del regressus, infatti, che pur rappresenta un controllo empirico,
inserita in mezzo alle due dimostrazioni, la quia e la propter quid, finisce col rappresentare un
processo di chiarificazione interna del rapporto causa-effetto; in altre parole la verit delle premesse
non viene mai messa veramente in discussione. Ci comporta, dal punto di vista pratico notevoli
inconvenienti come per esempio limpossibilit di stabilire, mediante il regressus, la presenza di pi
cause per un unico effetto.
Galileo sembra voler criticare pi che Aristotele stesso soprattutto gli aristotelici, rei di non
aver sviluppato correttamente linterazione di "sensata esperienza" e "discorso", che lui fa risalire
64

Ivi, p. 102.
Ivi, p. 103.
66
Cfr. J. ZABARELLA, In duos Aristotelis libros posteriores analyticos commentarii, in Id., Opera logica, cit., 663 F,
664 D.
67
G. GALILEI, Tractatio de praecognitionibus, cit., p. 65.
68
Ivi, p. 67.
65

29

direttamente ad Aristotele: ci porta nel regressus ad includere l'esperienza come certezza


presupposta, neutralizzandone in tal modo la funzione di verifica.69
La terminologia usata dal Galilei per introdurre nelle sue opere l'esperimento e cio il
periculum, che diverso dall'experimentum della tradizione aristotelica, rappresenta da un lato la
consapevolezza che Galilei ha dellelemento attivo che caratterizza la nozione di esperimento
rispetto allesperienza-osservazione, dallaltro la necessit di staccarsi dalla terminologia
tradizionale per utilizzare un termine non equivoco ed autonomo anche sul piano semantico.70
Proprio su questo punto ha insistito il Wallace per far notare come nellespressione usata
dallo Zabarella per inquadrare la fase intermedia del regressus, e cio mentale ipsius causae
examen, ci sia il termine latino examen appunto, che corrisponde al greco cio peira, un
vocabolo che nella radice del latino periculum, cio prova, lequivalente di esperimento; ci
proverebbe come Galilei non si sia mai staccato del tutto dal regressus, intendendo la fase
intermedia di quest'ultimo come esperimento matematizzato.
Da una analisi pi accurata si evince, infatti, che il termine periculum non del tutto estraneo
alla tradizione aristotelica: esso compare nella vulgata dell'Organon di Boezio71 e nella traduzione
dell'Organon72 di Giulio Pace, allievo di Zabarella che era noto a Galilei. Luso di periculum in
Galilei per denotare lesperimento potrebbe rappresentare allo stesso tempo un rimando e
un'integrazione alla tradizione aristotelica: il mettere alla prova esprime nella dialettica aristotelica
la condotta di chi dialogando pone in questione la tesi dellaltro interrogandolo; il mettere alla prova
di Galilei, invece, equivale ad un interrogare la natura per verificare e il mezzo con cui ci avviene
l'esperienza matematizzata che la sola che pu fungere da prova per la corretta dimostrazione
scientifica e che quindi rappresenta quella interazione tra sensate esperienze e certissime
dimostrazioni che il nucleo della metodologia galileana.
Ma veniamo adesso ad analizzare un fattore che ha diviso profondamente i due schieramenti
storiografici, cio il valore della resolutio per Galilei, che stata intesa in diverso modo e
rispettivamente come fase intermedia del regressus dai sostenitori della continuit e come
risoluzione matematica dagli oppositori.
69

A differenza di ci che accade nel metodo di Galilei, dove come osserva giustamente lOlivieri, questa funzione
dinamica dellesperienza galileiana trova la sua espressione pi pregnante allorch dallaspetto passivo, di osservazione,
assume quello attivo, di sperimentazione:L. OLIVIERI, Galileo e la tradizione aristotelica, in A.A. VV., "Verifiche",
VII (1978), p.163
70
Cfr. C. B. SCHMITT, Experience and experiment: a comparison of Zabarella's view with Galileo's in De motu, in
"Studies in the Renaissance", XVI (1969), pp.115-126.
71
Cfr. ANICIUS MANLIUS TORQUATUS SEVERINUS BOETHIUS, Elenchorum Sophisticorum Aristotelis
interpretatio, ed. Migne, Patr. Lat. T. LXIV, Parigi, 1891, col. 1021 a: periculum sumat.
72
Cfr. ARISTOTELIS, Organum, Frankfurt 1967, fotocopia delledizione di Hanau del 1623, p.782, 783, 792, 840,
843, 897. Pace traduce costantemente con periculum.

30

Obiettivamente nelle sue opere Galilei si dimostra poco chiaro al riguardo, intendendo la
resolutio ora in un modo, ora nellaltro; tuttavia in una sua opera, dove pi serrata diviene la critica
al sapere tradizionale si ha a che fare con una sorta di contaminazione tra i due modi.
Nel Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo, infatti, ponendosi in contraddizione con
laristotelico Simplicio, secondo cui Aristotele prima dimostrava le sue conclusioni attraverso il
discorso a priori e poi le confermava a posteriori, Salviati-Galileo risponde in maniera critica:

... cotesto, che voi dite, il metodo con il quale egli ha scritto la sua dottrina, ma non credo
gi che sia quello col quale egli la investig, perch io tengo fermo ch'e' procurasse prima, per via
de' sensi, dellesperienza e delle osservazioni, di assicurarsi quanto fusse possibile della
conclusione, e che dopo andasse ricercando i mezi da poteria dimostrare, perch cos si fa per lo pi
nelle scienze dimostrative: e questo avviene perch, quando la conclusione vera, servendosi del
metodo risolutivo, agevolmente si incontra qualche proposizione gi dimostrata, o si arriva a
qualche principio per s noto; ma se la conclusione sia falsa, si pu procedere in infinito senza
incontrar mai verit alcuna conosciuta, se gi altri non incontrasse alcun impossibile o assurdo
manifesto.73

La descrizione del metodo risolutivo, cio il ricercare i mezzi per dimostrare deducendo le
conseguenze fino a incontrare qualche principio di per s noto, senza dubbio quella dei matematici
mentre la prima fase, cio l'assicurarsi la conclusione attraverso l'esperienza, corrisponde alla
aristotelica demonstratio quia: si ha qui una specie di sintesi tra il metodo del regressus e quello dei
matematici, tra osservazione e procedimento matematico.
Strettamente correlata con questo punto la questione riguardante la convertibilit dei
termini tra le proposizioni della risoluzione dimostrativa. Enrico Berti in un suo intervento nota
come della differenza tra l'analisi dei geometri e i procedimenti che partono dallesperienza
(demonstratio quia e induzione) si era gi reso conto Aristotele.74 Negli Analitici posteriori,
infatti, Aristotele afferma che l'analisi funziona solo a determinate condizioni, cio che le
proposizioni di cui ci si serve siano convertibili, ed una proposizione convertibile quando

73

G. GALILEI, Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo tolemaico e copernicano, in Opere, cit., VII, p.75.
E. BERTI, Differenza tra il metodo risolutivo degli aristotelici e la resolutio dei matematici, in AA.VV.,
Aristotelismo Veneto e scienza moderna, cit., p.445. Se fosse impossibile dimostrare il vero a partire dal falso, lanalisi
sarebbe facile, perch le proposizioni necessariamente si convertirebbero. Sia infatti vera la proposizione A: se questa
vera, sono vere queste determinate proposizioni, che io so essere vere, per esempio B; a partire da queste, allora,
dimostrer che quella [cio A] vera. Ma le proposizioni si convertono soprattutto nelle matematiche, perch non
assumono nessun accidente - ed anche in queste differiscono da quelle che si usano nelle discussioni - bens assumono
definizioni.
74

31

mantiene lo stesso valore di verit anche se si invertono il soggetto ed il predicato. 75 Questo accade
quando il nesso che li unisce di assoluta necessit e si verifica principalmente nella matematica,
dove tutte le proposizioni sono convertibili. Fuori dall'ambito matematico non sempre si verifica
questa condizione perch siccome possibile dimostrare il vero partendo dal falso, cio pervenire
ad una conclusione vera anche muovendo da una premessa falsa, risalendo all'indietro da una
conclusione vera si pu giungere ad una premessa falsa, il che significa non dimostrare affatto. Il
rapporto causa effetto pu comportare questa convertibilit solo a patto che vi sia una connessione
costante tra le variazioni di un fattore e quelle di un altro, tale da essere reciproca.
Questa condizione descritta precisamente da Galilei nei Discorsi e dimostrazioni intorno a
due nuove scienze, dove nel famoso esperimento del piano inclinato, attraverso rigorose
misurazioni, si riesce a rilevare una esatta proporzione tra la velocit ed i tempi di caduta che
consente di confermare la validit dellipotesi formulata intorno la causa dellaccelerazione;76 tra
causa ed effetto vi quindi quella convertibilit che proprio Aristotele ha indicato come la
condizione necessaria e sufficiente affinch la validit dellanalisi sia confermata.
Un altro aspetto che presente sia nella metodologia dell'aristotelismo, sia in quella galileana
rappresentato dalla connessione tra metodo risolutivo ed argomento ex suppositione. La tradizione
aristotelica soprattutto quella dei Gesuiti del Collegio Romano, che abbiamo gi detto essere tra le
fonti delle due Tractationes di logica contenute nel MS. 27, considera gli assiomi o dignitates fra i
principi della dimostrazione, che risultano essere per indimostrabili e perci devono essere colti in
modo immediato affinch possano fungere da premesse alla dimostrazione.
Il Wallace, che ha studiato a fondo l'argomento ex suppositione, esponendo il contenuto degli
appunti dei Gesuiti, riferisce che:

altri principi, tuttavia, non richiedono una tale istantanea ed uniforme accettazione, e
possono essere considerati come suppositiones che sono poste da chi propone la dimostrazione, o
come definizioni degli argomenti che egli sta considerando, o come petitiones per le quali egli
sollecita l'assenso di chiunque ambisca ad una conoscenza della conclusione.77

Nelle opere di Galileo i riferimenti alle suppositiones sono per lo pi congrui all'uso descritto
negli appunti del Collegio, e a tal riguardo pu fungere da paradigma lesposizione dell'argomento
ex suppositione nella lettera a Pierre de Carcavy:
75

ARISTOTELE, Analitici Posteriori, I 12, 78a 6-12.

76

Cfr. G. GALILEI, Discorsi e dimostrazioni intorno a due nuove scienze, in Opere, cit., VIII, p.212.
W. F. WALLACE, Influssi sul pensiero di Galileo, cit., I, p. 387.

77

32

io argomento ex supposizione, figurandomi un moto verso un punto, il quale partendosi


dalla quiete vadia accelerandosi, crescendo la sua velocit con la medesima proporzione con la
quale cresce il tempo; e di questo tal moto io dimostro concludentemente molti accidenti: soggiungo
poi, che se lesperienza mostrasse che tali accidenti si ritrovassero verificarsi nel moto dei gravi
naturalmente discendenti, potremmo senza errore affermare questo essere il moto medesimo che da
me fu definito e supposto.78

Qui chiaramente Galilei si riferisce alla fase intermedia del regressus che muove da una
causa supposta e non ancora dimostrata, ne inferisce le conseguenze e demanda allesperimento il
compito di verificare se tra queste ve ne siano di note; nel caso che la verificazione dia una risposta
positiva lipotesi di partenza si potr considerare dimostrata, cio la causa supposta si dovr
considerare causa vera. La connessione tra argomento ex suppositione e metodo risolutivo del
resto sostenuta dallo stesso Aristotele che, come evidenzia con precisione Enrico Berti, nella
Fisica definisce la necessit ex hypotheseos come quella che concerne i mezzi necessari a realizzare
un fine gi dato, e nell'Etica Nicomachea paragona la ricerca dei mezzi necessari ad attuare un fine
gi dato ad una vera e propria analysis geometrica.79
Ma nellultima quaestio del Tractatio de demonstratione viene affrontato direttamente il
problema se sia possibile avere un regressus demonstrativus. Lesposizione di Galileo parte
dallanalisi di cinque differenti opinioni che vengono da lui attribuite rispettivamente: agli antichi,
ai seguaci di Avicenna, ad alcuni seguaci moderni di Ugo da Siena, a Francesco da Nard e la sua
scuola ed infine allo stesso Aristotele.
Facendo seguito allelenco di tali posizioni, Galileo ci fornisce due notazioni, la prima
relativa ai requisiti per la dimostrazione e la seconda ai diversi modi di intendere la relazione tra
causa ed effetto. Nella prima si afferma che ci attraverso cui si dimostra e ci che viene dimostrato
sono collegati tra di loro, perch non si potrebbe necessariamente dedurre il secondo da
qualcos'altro, e in secondo luogo, che ci attraverso cui si dimostra in quanto pi noto deve venire
prima nella dimostrazione.
Questa lulteriore conferma che linnovazione metodologica di Galilei non consiste
unicamente nellaver applicato lanalisi matematica alla misurazione quantitativa dei fenomeni
analizzati e nellaver cercato la conferma sperimentale delle teorie, ma nellaver fatto questo

78

G. GALILEI, Lettera a Pierre de Carcavy, in Le Opere, cit., XVII, pp. 90-91.


E. BERTI, La teoria aristotelica della dimostrazione nella Tractatio omonima diGalilei, in AA.VV., Filosofa e
cultura. Per Eugenio Garin, a c. di M. CILIBERTO e C. VASOLI, p.345.
79

33

tenendo comunque presenti i principi della logica aristotelica (o meglio i principi che la scolastica
aveva ricondotto alla tradizione aristotelica). Tutto ci testimonia come fin dai primi anni di
docenza Galileo fosse interessato a documentarsi, pur in un quadro notevolmente mosso e
articolato, su questioni riguardanti la logica ed il metodo scientifico adottato dai filosofi aristotelici.
Che ci sia accaduto perch il termine di paragone con cui confrontarsi in quel periodo fosse la
filosofia aristotelica, o per qualsiasi altro motivo, rimane tuttavia inconfutabile il tentativo di tener
saldi alcuni principi logici e metodologici della tradizione anche se allo stesso tempo innegabile lo
scarto esistente dal punto di vista degli studi sulla fisica.
Si riportano qui di seguito alcuni dei passi tratti dal Tractatio de demonstratione del giovane
Galilei, con relativa traduzione, su cui si soffermata lattenzione degli storiografi galileani del
XIX e del XX secolo. Il testo che verr trascritto e tradotto riguarda una questione che W. F.
Edwards e W. A. Wallace, hanno dimostrato essere analoga a quelle trattate negli scritti dei gesuiti
Lorinus, Jones e Valla, dove addirittura il titolo della quaestio risulta molto simile.80

Trascrizione

Disputatio secunda: De Prorietatibus Demonstrationis [Quaestio quinta:] An omnia principia


immediata per se nota ingrediantur quamcumque demonstrationem?81
Certum est huiusmodi principia non ingredi actu quamcumque demonstrationem, in quo
omnes conveniunt. Dubium est an virtualiter ingrediantur, propter Aristotelem docentem textu
primo de primis principiis esse praecognoscendum quia vera sunt, quorum principiorum nomine
Philoponus intelligit etiam dignitates.
Prima opinio est Aegidii, Apollinaris, et Pauli Veneti; quae affirmat primo quia Aristoteles
tex primo huius libri docet de primis pnnclpiis esse praecognoscendum demonstrationem; ergo
[etc.]. Secondo, quia tex. 25 eiusdem libri docet Aristoteles scientiam versari circa genus,
passiones, et dignitates; ergo, etc.
Tertio, quia omnes sillogismi pendent a duobus illis principiis, de quolibet verum est
affirmare quod est vel non est, de nullo idem affirmari et negar ipotest; ergo, etc.
Seconda opinio, quae est communis fere omnium, negat. Fundamentum est, quia illa
principia actualiter vel habitualiter ingrediuntur demostrationem a quibus intrinsece conclusio

80

G. GALILEI, Tractatio de praecognitionibus et praecognitis and Tractatio de demonstratione, ed. by W. F.


EDWARDS W. A. WALLACE, Padova, Antenore, 1988, p. 232.
81
G. GALILEI, Tractatio de demonstratione, f. 21r -22r6.

34

dependet; sed a principiis tantummodo propriis et intrinsecis intrinsece conclusio pendet; ergo non
ab illis notis per se, cum illa sint extrinseca.
Notandum est primo, nomen dignitatis dupliciter posse accipi: vel proprie et srticto modo,
vel improprie et lato modo. Primo modo acceptum complectitur illas tanturnrnodo propositiones,
quae et notissimae sunt, et communes vel omnibus scentiis vel aliquibus, qualis est ista, omne totum
est maius sua parte.
Secundo modo sumptum comprehendit non solum dictas propositiones, sed etiam omnia
principia propria, immediata, etc, qua ratione fuit acceptum ab Aristotele in eodem libro, textu 20
et 25.
Notandum est secundo, nomen dignitatis hoc secondo modo accepto dupliciter adhuc posse
accipi: vel prout est commune omnibus scientiis, vel aliquibus, vel prout contractum esse ad
aliquam materiam determinatam, ut patet hoc exemplo: de quolibet verum est affirmare quod est vel
non est; quod princiipium vel potest considerari in communi, ut potest applicari omnibus scientiis;
vel ut est iam applicatum de facto scientiae, verbi gratia Mathematicae.
His positis, dico primo: dignitates immediate per se notas posse ingredi actualiter aliquam
demonstrationem imperfectam; tamen et impropriam; ita Philoponus et Themistius. Probatur ex
Aristotele, tex. 24 et 26 primi Posteriorum, docente id expresse, praesertim de demonstratione
quae ducit ad impossibile, et ratione, quia potest assumi loco alicuius praemissae aliquod principum
immediatum et per se notum, ut videre est in demonstrationibus mathematicis; sed tunc actu
principium ingreditur demonstrationem, quando demonstratio actu conficitur ex illo; ergo [etc.].
Neque dicas: demonstrationem debere constare ex veris causis et immediatis, cuiusmodi non
sunt praedictae dignitates; ideo, etc. Nam hoc tantum probat dignitates non posse quidem ingredi
demonstrationem aliquam perfectam et propriam, non tamen impropriam et imperfectam,
quandoquidem contractae hae dignitates ad aliquam certam materiam (quomodo tantum actu
ingrediuntur demonstrationem) habent maximam proportionem cum veris causis; sunt enim priores,
notiores, simpliciores et causae respectu nostri.
Dico

secundo:

has

dignitates

neque

actu

neque

virtute

ingredi

quamcumque

demonstrationem. Probatur conclusio, quia illa principia actu vel virtute ingrediuntur
demonstrationem a quibus intrinsece conclusio dependet; sed ab his dignitatibus, cum sint principia
extrinseca, non potest intrinsece dipendere conclusio; ergo [etc.].
Ex quo colligitur: dictas dignitates neque etiam ingredi virtualiter demonstrationes
mathematicas, si secundum se demonstrationes considerentur, quamvis ingrediantur illas, si
respectu cognitionis nostrae tales demonstrationes considerentur; quia respectu nostri veritas valium
dignitatum est notior quam sint propria principia in demonstratione mathematica.
35

Ad primum argumentum respondeo: Aristotelem loqui de praecognitionibus non tantim


scientiae demonstrative, sed cuiuscunque doctrinae et disciplinae.
Respondeo secundo: aliquando de primis principiis praecognoscendum esse quia vera sunt,
quando nimirum talia principia ingrediuntur actu aliquam demonstrationem imperfectam. Ad
secundum respondeo: Aristotelem sumpsisse nomem dignitatis secundo modo, hoc est, altissime,
prout continet omnia principia, tam propria et intrinseca, quam impropria et extrinseca.
Ad tertium respondeo negando omnes syllogismos pendere ab illis duo bus principiis; nam
intrinsece pendent tantummodo a suis propriis principiis. Quod si dicantur ex illis pendere, illud est,
quia ille qui negat proprium principium alicuius scientiae, redarguendus est tanquam per aliquid
notius ex his duobus principiis. Hic quadri posset an ad hoc, ut scientia conclusionis perfecte
habeatur, sit conclusio resolvenda usque ad prima principia: Hoc posito, dupliciter posse alicuius rei
haberi scientiam: vel simpliciter et absolute, vel secundum quid et in determinato genere.
Dico primo: ad hoc ut habeatur cognitio perfecta alicuius rei requiri ut fiat resolutio in omnia
principia et causas, etiam primas et universalissimas; seu, ut melius dicam, ut cognoscantur omnia
principia et omnes causae, etiam prima, contra Aegidium; nam resolutio debet fieri in aliquod
notius, cuiusmodi non est prima causa; ex quo fit ut res proprie non sit resolvenda usque in primam
Causam.
Probatur conclusio, quia sicut res se habet ad esse, ita [22r]ad cognosci; sed conclusio in esse
suo pendent et a suis principiis et a Deo; ergo [etc.].
Dico secundo: ad hoc, ut res perfecte cognoscatur in suo genere, satis esse cognosci causas
proprias. Probatur conclusio, quia res in esse determinato pendet a causis determinatis, quae si
perfecte cognoscantur etiam res in tali genere cognoscitur. Respectu autem nostri, ad hoc, ut
perfecte aliquid sciamus, resolvenda est conclusio in sua prima principia per se nota, quia et
respectu nostri talia principia sunt notissima; et negantes illa, per illa esdem sunt convincendi.

Traduzione

Seconda disputazione: sulle propriet delle dimostrazioni [Quinta questione] Se tutti i


principi gi noti introducano qualunque dimostrazione. E certo che principi di questo genere non
introducono di fatto qualunque dimostrazione, in un argomento in cui tutti sono d'accordo.
E dubbio se affrontino largomento virtualmente, a causa di Aristotele che insegna in un
primo testo che dai primi principi si deve intuire perch essi sono veri, e dal nome di questi principi
il filosofo comprende le considerazioni.
36

La prima opinione di Egidio, Apollonio, e di Paolo Veneto; questa afferma in primo luogo
perch nella prima parte di questo libro insegna che dai primi principi si deve intuire perch sono
veri e non perch virtualmente affrontano la dimostrazione; dunque [etc.].
In secondo luogo perch al text. 25 del medesimo libro Aristotele insegna che la conoscenza
verte sul genere, le passioni e assiomi; dunque, etc.
In terzo luogo perch tutti i sillogismi dipendono da quei due principi, su ognuno dei quali
giusto affermare ci che o non , ma su nessuno dei due si pu affermare o negare la stessa cosa;
dunque,etc.
La seconda opinione, che comune quasi a tutti, lo nega. E un fondamento, perch quei
principi attualmente o abitualmente comportano una dimostrazione dai quali (principi)
intrinsecamente dipende la conclusione; ma dai principi soltanto propri ed intrinseci dipende
intrinsecamente la conclusione; quindi (dipende) non da quelli noti di per s poich quelli sono
estrinseci.
Si deve notare in primo luogo che il nome di assioma pu essere recepito in due modi: o in
senso proprio e con significato ristretto, oppure impropriamente e con un significato pi ampio.
Nel primo caso abbraccia come accezione soltanto quelle proposizioni che sono molto note e
comuni sia a tutte le scienze sia ad alcune, quale codesta che il tutto pi grande della singola
parte.
Nel secondo caso comprende come accezione non solo le preposizioni (gi) dette, ma anche
tutti i principi propri, immediati, etc., significato col quale fu accolto da Aristotele nel medesimo
libro, nel text. 20 e 25.
Si deve osservare in secondo luogo, che il nome di assioma, accolta questa seconda
accezione, pu essere ancora interpretato in duplice modo: o secondo che sia uguale a tutte le
scienze, o ad alcune, o secondo [21 v] che sia stato riferito a qualche materia (disciplina) bene
determinata come evidente da questo esempio: dalluno e dallaltro giusto affermare ci che o
non ; questo principio o pu essere considerato in linea generale, si da poter essere applicato a tutte
le scienze, oppure che sia stato applicato gi di fatto ad una scienza, e precisamente alla
matematica.
Poste queste questioni, io dico in primo luogo: gli assiomi noti di per s con immediatezza
possono contenere attualmente qualche dimostrazione imperfetta, e tuttavia anche impropria, cos
Filopono e Temistio.
Si evince da Aristotele, text. 24 e 26 del primo libro degli (Analitici) Posteriori, il quale
insegna espressamente ci, che proprio dalla dimostrazione che conduce allimpossibile, e dalla
ragione, poich pu essere assunto in luogo di qualche premessa, qualche principio immediato e di
37

per s noto, come opportuno vedere nelle dimostrazioni matematiche; ma allora il principio
accoglie in atto la dimostrazione, quando la dimostrazione si compie grazie a quellatto; dunque
[etc.].
N potresti dire che la dimostrazione deve constare di cause vere e immediate, a qual genere
non appartengono i predetti assiomi, perci [etc.].
Infatti ci prova soltanto che gli assiomi non possono certamente contenere qualche
dimostrazione perfetta ed impropria, non tuttavia impropria ed imperfetta, dal momento che queste
dimostrazioni, ridotte a qualche materia determinata (in qualche modo soltanto dallatto contengono
la dimostrazione) hanno un grandissimo rapporto con le vere cause; sono infatti prime, pi note, pi
semplici e cause per noi degne di essere osservate.
Dico in secondo luogo che questi assiomi n in atto, n in potenza contengono qualunque
dimostrazione. Si rende credibile la conclusione, poich quei principi, o in atto o in potenza
contengono la dimostrazione da cui intrinsecamente la conclusione dipende; ma da questi assiomi,
essendo principi estrinseci, non pu intrinsecamente dipendere la conclusione; dunque [etc.].
Da ci si deduce che i suddetti assiomi non contengono neppure virtualmente le
dimostrazioni matematiche, se si considerano le dimostrazioni in relazione a se stesse, sebbene le
contengano, se tali dimostrazioni si considerano in relazione alla nostra conoscenza; poich secondo
la nostra osservazione la verit di tali assiomi pi nota di quanto lo siano i principi propri nella
dimostrazione matematica.
Al primo argomento rispondo: Aristotele parla di conoscenze preventive non soltanto della
scienza dimostrativa, ma di ciascuna dottrina e disciplina.
Rispondo al secondo: talvolta sui primi principi si deve sapere prima perch sono veri,
quando senza dubbio tali principi contengono qualche dimostrazione imperfetta rispetto allatto. Al
secondo argomento rispondo che Aristotele ha assunto il nome di assioma nella seconda accezione,
cio, in maniera molto estesa, secondo che contiene tutti i principi, tanto propri ed intrinseci, quanto
impropri ed estrinseci.
Al terzo argomento rispondo negando che tutti i sillogismi dipendono da quei due principi;
infatti intrinsecamente dipendono soltanto dai loro propri principi. Che se si dice che dipendono da
quelli, bisogna accettarlo, poich colui che nega il principio proprio di qualche scienza deve essere
smentito come per qualche cosa pi nota da questi due principi.
A questo punto si potrebbe chiedere perci, perch la conoscenza della conclusione sia
considerata in modo perfetto, se la conclusione debba essere estesa fino ai primi principi, Ci posto,
la conoscenza di qualche argomento pu essere considerata in duplice modo: o semplicemente ed in
senso assoluto, o in relazione a qualche cosa e in senso determinato.
38

Dico in primo luogo: affinch per questo si consideri che la conoscenza perfetta di qualche
argomento venga cercata in modo tale che ci sia una risoluzione in tutti i principi e le cause, anche
in quelle originarie e universalissime; o se per dir meglio siano conosciuti tutti i principi e tutte le
cause, anche le prime, ancora contro Egidio; infatti la risoluzione deve avvenire in qualche
argomento pi noto del qual genere non la prima causa; dal che si evince che largomento
propriamente non debba risolversi entro il primo motivo.
Si approva la conclusione, poich come la cosa ha funzione per esserci, cos ha funzione per
essere conosciuta; ma la conclusione del discorso dipende dal soggetto e dal predicato, che nella
loro essenza dipendono a loro volta dai propri principi; dunque [etc.].
Dico in secondo luogo, a questo fine, affinch l'argomento sia conosciuto perfettamente nel
suo genere, sufficiente che si conoscano le cause originarie.
Si accetta la conclusione, poich largomento in essere determinato dipende da cause
determinate, le quali, se sono conosciute perfettamente, consentono che anche largomento sia
conosciuto allo stesso modo.
Riguardo a noi, perci, per conoscere qualche cosa perfettamente, la conclusione deve essere
trovata nei suoi primi principi noti di per s, poich anche per ci che ci riguarda, tali principi sono
molto noti; e al contrario quelli che li negano, devono convincersi attraverso quelli stessi.

39

Bibliografia:

LOHR C.H., Tecnologica: the Calvinist Theory of Science in the Renaissance, in


AA.VV., La presenza dell'Aristotelismo Padovano nella filosofia della prima modernit,
etc., cit., pp. 123-132.
KECKERMANN B., Praecognitorum logicorum tractatus tres, 1604, in ID., Systema
systematum, ed. J.H. ALSTED, Hanoviae, Antonius, 1613.

BAYLE P., Dictionnaire historique et critique, voll.3, Rotterdam, 1697.

BERNOULLI J., Discours sur les loix de la communication du mouvement, in Opera omnia
tam antea parsim edita, quam hactenus inedita, voll.4, Lausannae, Sumptibus M.M.
Bousquet, 1742, v.III.

CONTARINI G., Notizie storiche circa li publici professori nello Studio di Padova scelti
dall'ordine di San Domenico, Venezia, 1769.

FAVARO A., Le Matematiche nello studio di Padova dal principio del sec. XIV alla fine
del XVI, Padova, Tip. Randi, 1880.

FAVARO A., Galileo Galilei e lo studio di Padova, Firenze, Le Monnier, 1883.

MACH E., Die Mechanik in ihrer Entwickelung historisch-kritisch dargestellt, Leipzig,


Brockhaus, 1883, [tr. it. La meccanica nel suo sviluppo storico-critico, Torino, Boringhieri,
1969] .

RAGNISCO P., Giacomo Zabarella, il filosofo: la polemica tra Francesco Piccolomini e


Giacomo Zabarella nell'Universit di Padova, Venezia, Antonelli, 1886.

40

GUNTHER S., Le origini e i gradi di sviluppo del principio delle coordinate, in "Bollettino
di bibliografia e storia delle scienze matematiche e fisiche", X (1887), pp. 363-406.

CURTZE M., Ein Beitrag zur Geschichte der Physik im 14. Jahrhundert, in "Bibliotheca
mathematica", N. S., X (1896), pp. 43-49.

DUHEM P., L 'volution de la mcanique, Paris, A. Joanin, 1903.

WOHLWILL E., Ein Vorgnger Galileis im 6. Jahrhundert, in "Physikalische Zeitschrift",


VII (1906), pp. 23-32.

CASSIRER E., Das Erkenntnisproblem in der Philosophie und Wissenschaft der neueren
Zeit, voll.4, Stuttgart, Kohlhammer, 1906-57.

MOMIGLIANO F., Paolo Veneto e le correnti del pensiero religioso e filosofico nel suo
tempo, Udine, Doretti, 1907.

POINCAR H., Science et mthode, Flammarion, Parigi, 1908.

HAAS A. E., Die Anfnge der mathematischen Physik, in "Archiv fr die Geschichte der
Naturwissenschaften und Technik", I (1909), pp. 402-409.

DUHEM P., Un prcurseur franais de Copernic: Nicole Oresme, in "Revue gnrale des
sciences pures et appliqus", XX (1909), pp. 866-73.

WIEDEMANN E., Das Gesetz vom freien Fallen in der Scholastik, bei Descartes und
Galilei, in "Zeitschrift fr mathemetischen und naturwissenschafilichen Unterricht aller
Schulgattungen", XIV (1914), pp. 209-228.

DUHEM P., Le Systme du Monde. Histoire des doctrines cosmologiques de Platon


Copernic, voll.10, Paris, Hermann, 1913-58.

41

WIEDEMANN E., Zur Gesehichte der unendlichen Reihen im christlichen Mittelalter, in


"Zeitschrift

fr

mathemetischen

und

naturwissenschafilichen

Unterricht

aller

Schulgattungen", XIV (1914), pp. 150-168.

PETERSEN

P.,

Geschichte

der

aristotelischen

Philosophie

im

protestantischn

Deutschland, Leipzig, F. Meiner, 1921.

HASKINS C. H., Studies in the history of

medieval science, Cambridge, Harvard

University Press, 1924.

MICHALSKI K., Le Criticisme et le scepticisme dans la philosophie du XVe siecle, in


"Bulletin international de lAcademie polonaise des sciences et des lettres Classe dhistoire
et de philosophie et de philologie": II (1925-26), pp. 41-122.

MICHALSKI K., Les courants critiques et sceptiques dans la philosophie du XIVe sicle, in
"Bulletin international de lAcadmie polonaise des sciences et des lettres. Classe dhistoire
et de philosophie et de philologie", II (1925-26), pp. 192-242.

THORNDIKE L., A history of magic and experimental science, voll. 8, New York,
Columbia University Press, 1928-1958.

THORNDIKE L., Science and Thought in the fifteenth Century. Studies in the History of
Medicine and Surgery, Natural and Mathematical Science, Philosophy and Politics, New
York, Hafner, 1929.
DESHAYES M., La dcouverte de linertie. Essai sur les lois gnrales du mouvement de
Platan Galite, Paris, Les Presses Modernes, 1930.

KOYR A., tudes galilennes, Paris, Hermann, 1939.

42

LENZEN V., Reason in science,in "Reason", XXI (1939), pp. 81-83.

MAIER A., And der Grenze von Scholastik und Naturwissenschaft, Studien zur
Naturphilosophie des 14, Jahrhunderts, Essen, Essener Verlage, 1943.

CLAGETT M. Some generai aspects of medieval physics, in "Isis", XXXIX (1948), pp. 2944.

GIACOMELLI R., Galileo Galilei giovane e il suo "De motu ", Pisa, Domus Galilaeana,
1949

MAIER A., Die Vorlufer Galileis im 14 Jahrhundert. Studien zur Naturphilosophie der
Sptscholastik, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 1949.
MOODY E. A., Ockham and Aegidius of Rome, in Franciscan Studies, IX (1949), pp.
417-442.

CLAGETT M., Richard Swinesheed and late medieval physics, in "Osiris", IX (1950), pp.
131-61.

DUKSTERHUIS E. I, De mechanisering van het Wereldbeeld, Amsterdam, Meulenhoff,


1950, (tr. it. Il meccanicismo e l'immagine del mondo dai Presocratici a Newton, Milano,
Feltrinelli, 1971).

DUGAS R., Histoire de la mcanique, Neuchtel, Du Griffon, 1950.

MAIER A., Zwei Grandprobleme der schalastischen Naturphilosophie. Das problem der
intensiven Grosse, die Impetustheorie, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 1951.

MOODY E. A., Galileo and Avempace: the dynamics of the Leaning Tower Experiment, in
Joumal of the History of Ideas, XII (1951), pp. 163.93, 375-422.

43

ID., Laws of motion in medieval physics, in "The scientific monthly", LXXII (1951), pp.
18-23.

CLAGETT M., MOODY E. A., The medieval science of weights, Madison, University of
Wisconsin Press, 1952.

CROMBIE A. C., Robert Grosseteste and the origins of experimental science 1100 -1700,
Oxford, Clarendon Press, 1953.

KOYR A., An experiment in measurement, in "Proceedings of the American Philosophical


Society", XCVII (1953), pp. 222-37.

HAAL A. L., The scientific revolution 1500-1800. The formation of the moderm scientific
attitude, London, Longmans-Green, 1954.

JAMMER M., Concepts of space. The history of theories of space in physics, Cambridge,
Mass., Harvard University Press, 1954, [tr.it. Storia del concetto di spazio, Milano,
Feltrinelli, 1963].

D'ALVERNY M. T., Avicenne et les medicins de Venise, in AA. VV., Medioevo e


Rinascimento. Studi in onore di Bruno Nardi, Firenze, Sansoni, 1955, pp. 175-98.

KOYR A., A documentary history of the problem of fall from Kepler to Newton, in
"Transactions of the American Philosophical Society", N.S., XLV (1955), pp.329-95.

MAIER A., Metaphysische Hintergrnde der sptscholastischen Naturphilosophie, Roma,


Edizioni di Storia e Letteratura, 1955.

COHEN I. B., Galileo's rejection of the possibility of velocity changing uniformly with
respect to distance, in "Isis", XLVII (1956), pp.231-38.

44

LACOIN M., De la schlastique la science modern. Pierre Duhem et Anneliese Maier, in


"Revue de questions scientifiques", XVII (1956), pp. 325-343.

WILSON C., William Heytesbury: Medieval logic and the rise of mathematical physics,
Madison, The University of Wisconsin Press, 1956.

JAMMER M., Concepts of force. A study in the foundations of dynamics, Cambridge,


Mass., Harvard University Press, 1957, [tr.it. Storia del concetto di forza, Milano)
Feltrinelli, 1971].

VASOLI C., Le dialecticae disputationes del Valla e la critica umanistica della logica
aristotelica, in "Rivista critica di storia della filosofia", XIII (1958), pp. 27-46.

CLAGETT M., The Science of Mechanics in the Middle Ages, Madlson, The University of
Wisconsin Press, 1959.

CORSANO A., Per la storia del pensiero del tardo Rinascimento: IV. I.Mazzoni e
l'Aristotele perduto, in "Giornale critico della filosofia italiana", XXXVIII (1959), pp. 48591, ora in CORSANO A., Per la storia del pensiero del tardo Rinascimento, a c. di E. De
Bellis, Galatina, Congedo, 2002, pp. 115-21.

MAYOR D., Cosmovisin de Aristteles: appuntes aristotlicos a S.Ignacio, in


"Humanidades", XI (1959), pp. 273-95.
MORENO A., lmplicacin material en Juan de Santo Toms, in Sapientia, XIV (1959),
pp. 188-91.
VASOLI C., La dialectica di Giorgio Trapezunzio, in "Atti e memorie dellAccademia
toscana di scienze e lettere La Colombaria", XXIV (1959), pp.299-327.

45

BACELAR Y OLIVERA J., Filosofia e scolastica e Curso Conimbricense. De uma teoria


de magisterio a sua sistematizao metodologica, in "Revista portuguesa de filosofia", XVI
(1960), pp. 124-41.

CORVINO F., Le lezioni di Marco Antonio Zimarra In primum posteriorum, in AA. VV.,
Aristotelismo padovano e filosofia aristotelica. Atti del XII Congresso Internazionale di
Filosofia, Firenze, Sansoni, 1960, pp. 41-51.

GILBERT N. W., Renaissance Concepts of Method, New York, Columbia University


Press, 1960.

HENINGER S. K., A Handbook of Renaissance Meteorology, Durham Duke University


Press, 1960.

KRISTELLER P. O:, Paduan Averroism and Alexandrism in the Light of Recent Studies, in
AA. VV., Aristotelismo padovano e filosofia aristotelica, etc., cit., pp. 147-59.
MAIER A., Die Quaestio de velocitate des Johannes von Casale, in Archivium
Franciscanum Historicum , LIII (1960), pp. 276-306.

MUOZ DELGADO V., Domingo de Soto y la ordinacin de la enseanza de la lgica, in


"Ciencia Tomista", LXXXVII (1960). pp. 467-528.

PAGALLO G. F., Nota sulla Logica di Paolo Veneto: la critica alla dottrina del "complexe
significabile" di Gregorio da Rimini, in AA. VV., Aristotelismo padovano e filosofia
aristotelica, etc., cit., pp. 183-91.

RANDALL J. H., Padua Aristotelianism: and Appraisal, in AA.VV., Aristotelismo


padovano e filosofia aristotelica, etc., cit., pp. 199-206.

46

RANDALL J. H., The development of scientifc method in the University of Padua, n


"Journal of the History of Ideas", I (1940), pp. 177-206, ora in J.H . RANDALL, The
school of Padua and the emergence of Modern Scienc, Padova, Antenore, 1961.

THORNDIKE L., Some Medieval and Renaissance Manuscripts on Physics, in


"Proceedings of the American Philosophical Society", CIV (1960), pp. 188-201.
ZADRO A., Nota per una ricerca sul concetto d logica di Pietro dAbano, in AA. VV.,
Aristotelismo padovano e filosofia aristotelica, etc., cit., pp. 243-50.

BEAUJOUAN G., La science anglaise dans les bibliothques de Salamanque an XVe


sicle, in "Mediaeval and Renaissance Studies", V (1961), pp. 249-59.

FERRARI L., Abstractio totius and Abstractio totalis, in "Thomist", XXIV (1961), pp. 7289.

GARIN E., Gli umanisti e la scienza, in "Rivista di filosofia", LII (1961), pp. 259-78.

KLEIN R., Les humanistes et la science, in "Bibliothque d'Humanisme et Renaissance",


XXIII (1961), pp. 7-16.

MUOZ DELGADO V., Las smulas de lgica del curso de filosofia de Fray Pedro de
Oa (1560-1626), in "Estudios", XVII (1961), pp. 411-436.

OAKLEY F., Medieval Theories of Natural Law: William of Ockham and the Significance
of the Voluntarist Tradition, in "Natural Law Forum", VI (1961), pp. 65-83.

CORSANO A., Per la storia del tardo Rinascimento: X Lo strumentalismo logico di I.


Zabarella, in "Giornale critico della filosofia italiana", XLI (1962), pp. 507-17, ora in A.

47

CORSANO A., Per la storia del pensiero del tardo Rinascimento, a c. di E. De Bellis,
Galatina, Congedo, 2002, pp. 155-66.

GRANT E., Late medieval thought, Copernicas and the Scientific Revolution, in "Joumal of
the History of Ideas", XXIII (1962), pp. 197-220.

KRISTELLER P. O. La tradizione aristotelica nel Rinascimento, Padova, Antenore, 1962.

MAURER W., Melanchthon und die Naturwissenschaft seiner Zeit, in "Archiv fr


Kulturgeschichte", XLIV (1962), pp.199-226.
ROURE M. L., Le trait "Des propositions insolubles" de Jean de Celaya, in Archives
d'histoire doctrinale et littraire du moyen ge, XXXVII (1962), pp. 235-336.

GILBERT N. W., Galileo and the School of Padua, in "Journal of the History of
Philosophy", I (1963), pp. 223-31.

HARRlSON F. R., The Cajetan Tradition of Analogy, in "Franciscan Studies", XXIII


(1963), pp. 179-204.
MORENO A., Lgica proposicional en Juan de Santo Toms, in Sapientia, XVIII (1963),
pp. 3-49.

MUOZ DELGADO V., La esposiciln sumulista de la doctrina sillogistica de Fray


Domingo de San Juan de Pie del Puerto (1540), in "Estudios", XIX (1963), pp. 3-49.

PLOCHMANN G. K., William Harvey and his Methods, in "Studies in the Renaissance", X
(1963), pp. 192-220.

48

POVEDA E., El tratado De suppositionibus dialecticis de San Vincente Ferrer y su


significacin histrica en la cuestin de los universales, in "Anales del Seminario de
Valencia", III (1963), pp. 5-88.
SCHLING H., Bibliographie der im 17. Jahrhundert in Deutschland erschienen logischen
Schriften,Giessen, Universittsbibliothek, 1963.
DESMOND P., The Early History of Supposition, In "Franciscan Studies, XXIII (1963),
pp. 205-212.

CLAGETT M., Nicole Oresme and medieval scientific thought, in "Proceedings of the
American Philosophical Society CVIII (1964), pp. 298-309.

COSTABEL P., La rou d'Aristote et les critiques franaises l'argument de Galile, in


"Revue d'histoire des sciences et de leurs applications", XVII (1964), pp. 385-96.

DE PINHO DIAS A., A Isagoge de Porfirio ma Lgica Conimbricense, In "Revista


portuguesa de filosofia", XX (1964), pp. 108-30.

FERREIRA GOMES J., No quarto centenario das Instituies dialcticas de Pedro da


Fonseca, in "Revista portugesa di filosofia", XX (1964), pp. 273-92.

GRANT E., Motion in the void and the principle of inertia in the Middle Ages, in "ISIS",
LV (1964), pp. 265-92.

LUCCHETTA F., Il medico e filosofo bellunese Andrea Alpago (1522) traduttore di


Avicenna, Padova, Antenore, 1964.

MUOZ DELGADO V., Logica formal y filosofia en Domingo de Sato, 1494-1560,


Madrid, Revista Estudios, 1964.

49

ID., La logica nominalista en la Universidad de Salamanca 1510-1530, Madrid, Revista


"Estudios", 1964.

ID., Confirmacin dela interpretacin anterior en la obra lgica de Domingo de Sato, in


Estudios, XX(1964), pp. 179-216.

RIONDATO E., Momento accademico e flosofico della prefazione di Giacomo Breznicio


al commento della logica aristotelica di Bernardino Tomitano, in AA.VV., Relazioni tra
Padova e la Polonia. Studi in onore dell'Universit di Cracovia nel VI centenario della
fondazione, Padova, Antenore, 1964, pp. 67-74.

RISSE W., Die Logik der Neuzeit, voll.2, Stuttgart-Bad Cannstatt, Fromann, 1964-70.
ID., Averroismo e Alessandrinismo nella logica del Rinascimento, in Filosofia, XV
(1964), pp. 1530.

THOMAS I., Medieval Aftermath: Oxlord Logic and Logicians of the Seventeenth Century,
in AA. VV., Oxford Studies Presented to Daniel Callus, Oxford, Clarendon Press, 1964, pp.
297-311.

WIGHTMAN W. P. D., Quid sit methodus? "Method" in Sicxteenth Century Medical


Teaching and Discovery, in Journal of the History of Medicine, XIX (1964), pp. 35976.

GARETH B. M., Ockham 's Supposition Theory and the Modern Logic, in "Philosophical
Review", LXXIII (1964), pp. 91-99.
BOH I., Paul of Pergula on Suppositions and Consequences, in Franciscan Studies, XXV
(1965), pp. 30-89.

CRESCINI A., Le origini del metodo analitico. Il cinquecento, Udine, Del Bianco, 1965.

50

FERRARI L., A thomistic Appraisal of Thomas de Vio Cajetans abstraction totalis, in


"Angelicum", XLII (1965), pp. 441-62.

GARIN E., Scienza e vita civile nel Rinascimento italiano, Bari, Laterza, 1965.
GRANT E., Aristotle, Philoponus, Avempace, and Galileos Pisan dynamics, in
Centaurus, XI (1965), pp. 79-95.

McMULLIN E., Medieval or Modern Science : Continuity or Discontinuity ?, in


"International Philosophical Quarterly, V (1965), pp. 103-29.

PAPULI G., La dimostrazione potissima per Girolamo Balduino e nella logica dello
Zabarella, in Annali della Facolt di Lettere e Filosofia dellUniversit degli Studi di
Bari, X (1965), pp. 281-323.

RISSE W., Bibliographia Logica. Verzeichnis der Druckschriften zur Logik mit Angabe ihre
Fundorte, voll. 4, Hidersheim, Olms, 1965-79.
TRENTMAN J., Vincent Ferrer on the Logician as artifex intellectualis, in Franciscan
Studies, XXV (1965), pp. 322-37.
VASOLI C., Problemi e discussioni logiche nel Cinquecento italiano, in Annali della
Facolt di Lettere, Filosofia e Magistero dell'Universit di Cagliari, XXIX (1965), pp. 30188.

WEIER W., Die Bedeutung der aristotelischen Begrndung des Widerspruchgesetzes fr


die neuzeitliche Erkenntniskritik, in "Salzburger Jahrbuch fr Philosophie", IX (1965), pp.
41-58.

51

WILKIE J. S., Harvey's Immediate Debt to Aristotle and Galen, in History of Science, IV
(1965), pp. 103-24.

ZAMBELLI P., Rinnovamento umanistico, progresso tecnologico e teorie filosofiche alle


origini della rivoluzione scientifica, in Studi storici, VI (1965), pp. 507-46.

BOH I., Propositional Connectives Supposition and Consequence in Paul of Pergola, in


Notre Dame Journal of Formal Logic, VII (1966), pp. 109-28.
DAL PRA M., Una oratio programmatica di G. Zabarella, in Rivsta critica di storia della
filosofia, XXI (1966), pp. 286-90.

GARIN E., Storia della filosofia italiana, 3 voll., Torino, Einaudi, 1966.
KOYR A., tudes dhistoire de la pense scientifique, Paris, Puf, 1966.

MOODY E. A., Galileo and His Precursors, in AA.VV., Galileo Reappraised, a c. di C. L.


Golino, Berkeley-Las Angeles, University of California Press, 1966, pp. 23-43.
MUOZ DELGADO V., La obra logica de Pedro de la Serna, Madrid, Revista Estudios,
1966.
ID., La logica como scientia sermocinalis en la obra de Pdro Sanchez Ciruelo, in
Estudios, XXII (1966), pp. 23-52.

ID., Los comentarios a la lgica de Aristoteles de Jos de San Marcelino (la filosofia en le
primer siglo de la recoleccin mercenaria), in Estudios, XXII (1966), pp. 187-204.
PUPI A., Una riflessione a proposito delle critiche di Galileo allAristotelismo, in AA.VV.,
Nel Quarto Centenario della nascita di Galileo Galilei, Milano, Vita e pensiero, 1966, pp.
171-90.

52

VASOLI C., La scienza della natura in Nicoleto Vernia, in AA.VV., La filosofia della
natura nel Medioevo, Atti del III Congresso internazionale di filosofia medioevale. Milano,
Vita e Pensiero, 1966, pp. 717-29, ora in C.VASOLI, Studi sulla cultura del Rinascimento,
Manduria, Lacaita, 1968.
ASHWORTH E. J., Joachim Jungius (1597-1657) and the Logic of Relations, in Archiv
fr Geschichte der Philosophie, XLIX (1967), pp. 72-85.
MONTANO R., Lumanesimo come antiscienza e antifilosofia - il naturalismo
antiumanistico di Pomponazzi, in Umanesimo, V (1967), pp. 42-61.

MUOZ DELGADO V., Fuentes impresas de Logica ispano-portuguesa del siglo XVI, in
Repertorio de Historia de las Ciencias Eclesisticas en Espaa, (1967), pp. 435-64.
ID., La lgica en Salamanca durante la primiera mitad del siglo XVI, in Salmanticensis,
XIV (1967), pp. 171-207.

PAPULI G., Girolamo Balduino, Ricerche sulla logica della Scuola di Padova nel
Rinascimento, Manduria, Lacaita, 1967.
PERREIAH A. R., A Biographical lntroduction fo Paul of Venice, in Augustiniana, XVII
(1967), pp. 450-61.

SCHMITT C. B., Esperimental Evidence for and against a Void: the Sixteenth-Century
Arguments. in Isis, LVIII (1967), pp. 352-66.

VASOLI C., La cultura dei secoli XIV-XVI, in AA.VV., Atti del Primo convegno
internazionale di ricognizione delle fonti per la storia della scienza italiana: i secoli XIVXVI, a.c. di C. Maccagnani, Firenze, G.Barbera, 1967, pp. 31-105.

53

WEISHEIPL J. A., Galileo and His Procursors, in AA.VV., Galileo, man of science, a.c. di
E. McMullin, New York, Basic Books, 1967, pp. 85-97.

ASHWORTH E. J., Propositional Logic in the Sixteenth and Early Seventeenth Centuries,
in Notre Dame Joumal of Formal Logic, IX (1968), pp.179-92.
ID. , Petrus Fonseca and Material Implication, in Notre Dame Joumal of Formal Logic",
IX (1968), pp. 227-28.

CLAVELIN M., La philosophie naturelle de Galile, Paris, Colin, 1968.

DEL TORRE M. A., Studi su Cesare Cremonini. Cosmologia e logica nel tardo
aristotelismo padovano. Padova, Antenore, 1968.
DURING I., The Impact of Aristotles Scientific Ideas in the Middle Ages and at the
Beginning of the Scientific Revolution, in Archiv fr Geschivhte der Philosophie, L
(1968), pp. 115-33.

LAUDAN L., Theories of Scientific Method from Plato to Mach. A Bibliographical Review,
in History of Science, VII (1968), pp. 1-63.
SKULSKY H., Paduan Epistemology and the Doctrine of the One Mind, in Joumal of the
History of Philosophy", VI (1968), pp. 341-61.
TRENTMAN J., Predication and Universals in Vincent Ferrers Logic, in Pranciscan
Studies, XXVIII (1968), pp. 47-62.

WALLACE W., The Enigma of Domingo de Soto Uniformiter difformis and Falling Bodies
in Late Medieval Physics, in "Isis, LIX (1968), pp. 384-401.

54

ASHWORTH E. J., The Doetrine of Supposition in the Sixteenth and Seventeenth Centuries,
in Archiv fur Geschichte der Philosophie, LI (1969), pp. 260-85.

CRAPULLI G., Mathesis universalis. Genesi di una idea nel XVI secolo, Roma, Ateneo,
1969.
DEL TORRE M. A., Recenti contributi alla storia dellAristotelismo del Rinascimento, in
Rivista critica di storia della filosofia, XXIV (1969), pp. 453-58.

DRAKE I. E., DRABKIN S., Mechanics, in AA.VV., Sixteenth-Century Italy, Madison,


University of Wisconsin Press, 1969.

GRANT E., Medieval and Seventeenth-Century Conceptions of an Infinite Void Space


Beyond the Cosmos, in Isis, LX (1969), pp. 39-60.
MURDOCH J. E., Mathesis in Philosophiam Scholasticam Introducta. The Rise and
Development of the Application of Mathematics in Fourteenth Century Philosophy and
Theology, in AA.VV., Arts libraux et philosophie au moyen age. Actes du IV Congrs
International de Philosophie Mdivale, Montral-Paris, Istitut d'tudes MdivalesLibrairie Philosophique J.Vrin 1969, pp. 225-54.

NOBIS H. M., ber wie Handschriften zur frhneuzeitlichen Mechanik italienischen


Bibliotheken, in Sudhoffs Archiv, LIII (1969), pp. 326-32.
PICCIONE P., Against the Aristotelians by Galileo Galilei, in Telos, IV (1969), pp. 6280.

POPPI A., P. Pomponazzi tra avverroismo e galenismo sul problema del regressus, in
Rivista critica di storia della filosofia , XXIV (1969), pp. 243-66.

55

SARNO R. A., A Sixteenth-Century War of Ideas: Science Against the Church, in Annals
of Science, XXV (1969), pp. 209-27.

SCHMITT C. B., Experience and Experiment: a Comparison of Zabarella's View with


Galileo's in De motu, in Studies in the Renaissance, XVI (1969), pp. 80-138.

SCHLING H., Die Geschichte der axiomatischen Methode im 16, und Beginnenden 17.
Jahrhundert (Wandlung der Wissenschaftsauffassung), Hildeshem-New York, G. Olms,
1969.
WALLACE W., The "Calculatores " in Early Sixteenth Century Phisics, In British Journal
for the History of Science, IV (1969), pp. 221-32.

WIGHTMAN W. P. D., Myth and Method in Seventeenth-Century Biological Thought, in


Journal of the History of Biology, II (1969), pp. 321-36.
ANTONACI A., Ricerche sullaristotelismo del Rinascimento. Marcantonio Zimara, voll.
2, Lecce-Galatina, Editrice Salentina, 1971-1978.

SCHMITT C. B., A Critical Survey and Bibliography of Studies on Renaissance


Aristotelianism 1958-1969, Padova, Antenore, 1971.
BOTTIN F., La teoria del regressus in Giacomo Zabarella, in AA.VV., Saggi e ricerche,
a.c. di C. Giacon, Padova, Editrice Antenore, 1972, pp. 49-70.

CRESCINI A., Il problema metodologico alle origini della scienza moderna, Roma,
Ateneo, 1972.
FREDETTE R., Galileo's De motu antiquiora, in Phisis, XIV (1972) pp. 322-48.

56

GIACOBBE G. C., Il commentarium de certitudine mathematicarum disciplinarum di


Alessandro Piccolamini, in Physis, XVI (1972), pp. 162-93.

KOYR A., Studi newtoniani, Torino, Einaudi, 1972.

MAIER A., Galilei und die scolastiche lmpetustheorie, in AA.VV., Saggi su Galileo
Galilei, Firenze, G. Barbera, 1972, pp. 1-23.

POPPI A., La dottrina della scienza in Giacomo Zabarella, Padova, Antenore, 1972.
BOTTIN F., Nota sulla natura della logica in Giacomo Zabarella, in Giornale critico della
filosofia italiana, LII (1973), pp. 39-51.

WIGHTMAN W. P. D., Les probmes de mthode dans l'enseignement medical Padoue et


Ferrare, in AA.VV., Sciences e la Renaissance, Paris, Vrin, 1973, pp. 187-95.
SOPPELSA M.: Genesi del metodo galileiano e tramonto dellaristotelismo nella Scuola di
Padova, Padova, Antenore, 1974.
WISAN W. L., The New Science of Motion: a Study of Galileos De motu locali, in
Archive for the History ofExact Sciences, XIII (1974), pp. 103-306.

SCHMITT C. B., Science in the Italian Universities in the Sixteenth and Early Seventeenth
Centuries, in AA.VV., The Emergence of Science in Western Europe, a.c. di M. P.
Crosland, London, Macmillan Press, 1975, pp. 35-56.
JARDINE N., Galileos Road to Truth and the Demonstrative Regress, in Studies in
History and Philosophy of Science, VII (1976), pp. 277-318.

57

KUHN T., Mathematical versus Experimental Tradition, in AA.VV., The Essential


Tension: Selected Studies in the Scientific Tradition and Change, Chicaco-London, Chicago
University Press, 1977, pp. 31-65.

LAUDAN H., Progress and Its Problems: Towards a Theory of Scientific Growth,
Berkeley, California University Press, 1977.
MARANGON P., Alle origini dellaristotelismo padovano (sec.XII-XIII). Padova,
Antenore, 1977.

ROSSI P., Tradizione ermetica e rivoluzione scientifica, in AA.VV., Immagini della


scienza, Roma Editori Riuniti, 1977) pp. 149-181.
WALLACE W. A., Galileos Early Notebooks. The Physical Questions. A Translation from
the Latin, with Historical and Paleographical Commentary, Notre Dame-London,
University of Notre Dame Press, 1977.

DRAKE S., Galileo at work. His scientific biography, Chicago and London, The University
of Chicago Press, 1978, tr. it. Bologna, Il Mulino, 1988.

PAPULI G., Girolamo Balduino e la logica scotistica, in AA.VV., Regnum Hominis et


Regnum Dei. Acta Quarti Congressus Scotistici Internationalis (Patavii, 24-29 seoptembris
1976), voll.2) Romae, Societas lntemationalis Scotistica, 1978, v. II, pp. 257-64.

WALLACE W. A., Galileo Galilei and the "Doctores Parisienses ", in AA.VV. New
Perspectives on Galileo, a.c. di J.C.Pitt, Dordrecht, Reidel, 1978, pp. 87-138.
WISAN W. L., Galileos Scientific Method: a Re-examination, in AA.VV., New
Perspectives on Galileo, etc., cit, pp. 1-57.

58

FEDERICI VESCOVINI G., Astrologia e scienza. La crisi dellaristotelismo sul cadere del
Trecento e Biagio Palacani da Parma. Firenze, Vallecchi, 1979.

SCHMITT C. B., Filosofia e scienza nelle universit italiane del XVI secolo, in AA.VV., Il
Rinascimento. Interpretazioni e problemi, Roma-Bari, Laterza, 1979, pp.355-98.

GARIN E., Aristotelismo veneto e scienza moderna, Padova, Antenore, 1981.

SCHMITT C. B., Experience and experiment: a Comparison of Zabarella's View with


Galileo's in De Motu, in AA.VV., Studies in Renaussance Philosophy of Science, London,
Variorum Reprints, 1981.

WALLACE W., Prelude to Galileo. Essays on Medieval and Sixteeenth-Century of Galilei's


Thought, Dordreecht, Reidel, 1981.

BOTTIN E., La scienza degli ockhamisti. La scienza tardo-medievale dalle origini del
paradigma nominalista alla rivoluzione scientifca, Rimini, Maggioli, 1982.

SCHMlTT C. B., Philosophy and Science in Sixteenth-Century Italian Universities, in


AA.VV., The Renaissance Essays in lnterpretation lo Eugenio Garin, London-New York,
Methuen, 1982, pp. 297-336.

CARUGO A. - CROMBIE A. C., The Jesuits and Galileo's ldeas of science and of nature,
in Annali dellIstituto e Museo di storia della scienza di Firenze, 8, 1983, pp. 3-68.

CONTI L., Aristotelismo e fisica galileiana: un modello di conoscenza pluralistico, in


AA.VV., Aristotelismo veneto e scienza moderna. Atti del 25 Anno Accademico del Centro
per la storia della tradizione aristotelica nel Veneto, a.c. di L. Olivieri, voll.2, Padova,
Antenore, 1983, v.I, pp. 519-44.

59

EDWARDS W. F., Paduan Aristotelianism and the Origins of Modern Theories of Method,
in AA.VV., Aristotelismo veneto e scienza modernam, etc.,cit., v.I, pp. 206-20.

FEDERICI VESCOVINI G., L'importanza della matematica tra aristotelismo e scienze


moderne in alcuni filosofi padovano della fine del secolo XV; in AA.VV., Aristotelismo
veneto e scienza moderna, etc., cit., v.II, pp. 661-84.

GARIN E., Aristotelismo veneto e scienza moderna, in AA.VV., Aristotelismo veneto e


scienza moderna, etc., cit., v.I, pp. 3-33 .
GENTILE M., Il significato dellaristotelismo veneto nel ricordo di Erminio Troilo, in
AA.VV., Aristotelismo veneto e scienza moderna, etc., cit., v. I, pp. 35-44.

OLIVIERI L., La problematica del rapporto senso-discorso, tra Aristotele, aristotelismo e


Galilei, in AA.VV., Aristotelismo veneto e scienza moderna, etc., cit., v. II, pp. 769-85.

PAPULI G., La teoria del 'regressus' come metodo scientifico negli autori della Scuola di
Padova, in AA.VV., Aristotelismo veneto e scienza moderna, etc., ct., v.r, pp. 221-77.

ROSSI P., Aristotelici e "moderni": le ipotesi e la natura in AA.VV., Aristotelismo veneto e


scienza moderna, etc., cit. v. I, pp. 125-54.

SCHMIIT C. B., Aristotelianism in the Veneto and the Origins of Modern Science: Some
Considerations on the Problem of Continuity, in AA.VV., Aristotelismo veneto e scienza
moderna, etc., cit., v.I, pp. 104-23.

WALLACE W., Aristotelian lnfluences on Galileo's Thought, In AA.VV., Aristotelismo


veneto e scienza moderna, etc., cit. v.I, pp. 349-78.
BRUYRE N., Mthode et dialectique dans loeuvre de La Rame. Renaissance et Age
Classique, Paris, J. Vrin, 1984.

60

WALLACE W., Galileo and His Sources.The Heritage of the Collegio Romano in Galileis
Science, Princeton, Princeton University Press, 1984.

DOLLO C., L'uso di Platone in Galileo, Catania, Universit di Catania, facolt di lettere e
filosofia, in Siculorum Gymnasium, XLII, 1989, pp. 115-157.

JARDlNE N., Epistemology of the Sciences, in AA.VV., The Cambridge History of


Renaissance Philosophy, a.c. di C.B. Schmitt and Q. Skinner, Cambridge, Cambridge
University Press, 1988, pp. 685-93.

MEINEL C., Early Seventeenth-Century Atomism. Theory, Epistemology, and the


insufficiency of Experiment, in "Isis", LXXIX (1988), pp. 68-103.
MULLER F., Der Begriff der Methode in der logica Hamburgensis. Jungius und
Zabarella, in AA.VV., Praktische Logik. Traditionen und Tendenzen. Abhandlungen eines
Seminars beim 13. Internationalen Wittgenstein Symposium Kirchberg am Wechsel 1988,
a.c. di P. Klein Gttingen, Vandenhoeck & Ruprecht, 1990, pp. 29-55.

PAPULI G., Sulla fortuna di G. Balduino: la polemica col Nifo e con Zimarra, in AA.VV.,
Ethos e Cultura. Studi in onore di Ezio Riondato, voll. 2, Padova, Antenore, 1991, v.I, pp.
233-63.

BERTI E., La teoria aristotelica della dimostrazione nella Traetatio omonima di Galilei,
in AA.VV., Filosofia e cultura. Per Eugenio Garin, a c. di M. CILIBERTO e C. VASOLI,
Roma, Edtori Riuniti, 1991, pp. 327-50.

MIKKELI H., An Aristotelian Response to "Renaissance" Humanism. Jacopo Zabarella on


the Nature of Arts and Sciences, Helsinki, Societas Historica Finlandiae, 1992.

61

DE BELLIS E., La formazione e l'opera speculativa di Agostino Nifo, in "Bollettino di


Storia della filosofia dell'Universit degli studi di Lecce", X (1990-92), pp. 97-123 .

PAPULI G., Dal Balduino alla Zabarella e al giovane Galilei: scienza e dimostrazione, in
"Bollettino di Storia della filosofia dell'Universit degli studi di Lecce", X (1990-92), pp.
33-65.

KRlSTELLER P. O., Iter Italicum. A Finding List of Uncatalogued or Incompletely


Catalogued Manuscripts of the Reinassence in Italian and Other Libraires, Leiden, E.J.
Brill, vol. V, 1990.

DE BELLIS E., Cinquant'anni dopo: Agostino Nifo e la Fisica Aristotele, in "Bollettino di


Storia della filosofia dellUniversit degli studi di Lecce", XI (1993-95), pp. 95-98.

ID., Una pagina autobiografica di Agostino Nifo: la prefazione al De nostrarum


calamitatum causis, in "Bollettino di Storia della filosofia dellUniversit degli studi di
Lecce", XI (1993-95), pp. 261-76.

ID., Una lettera a Ferdinando Ughelli da un discendente di Agostino Nifo, in "Bollettino di


Storia della filosofia dellUniversit degli studi di Lecce", XI (1993-95), pp. 277-82.

ID., Il pensiero logico di Agostino Nifo, Galatina, Congedo, 1997.

MIKKELI H., The Foundation of an Autonomous Natural Philosophy: Zabarella on the


Classifcation of Arts and Sciences, in AA.VV., Method and Order in Renaissance
Philosophy of Natura. The Aristotle Commentary Tradition. a.c. di D.A. Di Liscia, E.
Kessler, C. Methuen, Aldershot, Ashgate, 1997, pp. 211-28.

BLACKWELL C., Thales philosophas: the beginning of philosophy as a disciplina, in


AA.VV., History and the Disciplines: the reclassification of knowledge in early modern

62

Europe, a c. di D. R. Kelley, Rochester N.Y., University of Rochester Press, 1997, pp. 6182.

KESSLER E., Method in the Aristotelian Traditon: Taking a Second Look, in AA.VV.,
Method and Order in Renaissance Philosophy of Nature. The Aristotle Commentary
Tradition, cit., pp. 113-42.

SDZUJ R., Historische Studien zur Interpretqationssmethodologie der frher Neuzeit,


Wrzburg, Knigshausen et Neumann, 1997.

JARDlNE N., Keeping order in the School of Padua: Jacopo Zabarella and Francesco
Piccolomini on the Offices of Philosophy, in AA.VV., Method and Order in Renaissance
Philosophy of Nature. The Aristotle Commentary Tradition, cit., pp. 183-210.

MACLEAN L, Evidence, Logic, the Rule and the Ecception in Renaissance Law and
Medicine, in "Early Science an Medicine", V (2000), pp. 227-57.

PAPULI G., Il primo insegnamento napoletano del Nifo: una monarchia filosofica, in
AA.VV., Filosofia, Scienza, Cultura, Studi in onore di Corrado Dallo, a.c. di G.Bentivegna,
S. Burgio, G.Magnano San Lio, Soveria Mannelli, Rubbettino, 2002, pp. 699-732.

DE BELLIS E., La medicina nel pensiero di Nicoletto Vernia: metodologia logica e scienza
medica nella Scuola di Padova del XV secolo, in "Bollettino di Storia della filosofia
dellUniversit degli studi di Lecce", XII (1996-2002), pp. 237-48.

ID., Agostino Nifo e Curzio Sessa: la metodologia terapeutica nel De ratione medendi, in
"Bollettino di Storia della filosofia dellUniversit degli studi di Lecce", XII (1996-2002),
pp. 401-20.

BLUM P. R., Ubi matura lacit circulos in essendo, nos facimus in cognoscendo. Der
demonstrative Regressus und der Beginn der modernen Wissenschaft bei Katholischen

63

Scholastikern, n AA.VV., La presenza dellAristotelismo Padovano nella filosofia della


prima modernit. Atti del Colloqio internazionale in memoria di Charles B. Schmitt
(Padova, 4-6 settembre 2000), a.c. di G. Piaia, Roma-Padova, Antenore, 2002, pp. 371-92.

BOTTIN F., Giacomo Zabarella: la logica come metodologia scientifica, in AA.VV., La


presenza dellAristotelismo Padovano nella filosofia della prima modernit, etc., ct., pp.
33-55.
KESSLER E., "Logica universalis" und "ermeneutica universalis, in AA.VV., La presenza
dell'Aristotelismo Padovano nella filosofia della prima modernit, etc., cit., pp. 133-71.

PERFETTI S., Giulio Cesare Scaligero commentatore e filosofo naturale tra Padova e
Francia, in AA.VV., La presenza dell'Aristotelismo Padovano nella filosofia della prima
modernit, etc., cit. pp. 3-31.

PIAIA G., Gli aristotelici padovani al vaglio del 'Dictionnaire historique et critique',' in
AA.VV., La presenza dellAristotelismo Padovano nella filosofia della prima modernit,
etc., cit. pp. 419-443.

64

65

66