Sei sulla pagina 1di 2

Ricordi

Domenica 18 ottobre 2015


l'una di notte e io sono qui davanti al pc a scrivere a leggere i post su facebook
a girovagare in rete. Eppure non ho sonno, sono rientrata da poco a casa e mi
sento inrrequieta.
Stasera, mentre tornavo, percorrendo i miei soliti 60 km orari su strada a
scorrimento veloce mi sono venute in mente un sacco di cose. sempre cos,
almeno per me. La strada mi aiuta a pensare a ragionare. Sar per il rettilineo, o
solo perch sei in vena di ricordi, ma pensi di tutto.
Tra le tante cose che si sono affacciate nella mia testa, solo una mi ha fatto
compagnia per tutto il viaggio. Un paio di settimane fa, ho compiuto gli anni,
nulla di cos esagerato. Ma ho varcato la soglia dei trenta e nella mia piccola e
graziosa testa hanno preso piede una serie di risultati personali, raggiunti e non.
Molti pi numerosi i secondi che i primi. Ho fatto un bilancio totale. E ne uscito
fuori che di cosa da fare, dire e, vedere ce ne sono ancora tante.
Qualche giorno fa su fb ho scritto un post ironico su tutti i traguardi che vorrei
ancora raggiungere nella mia vita. L'ho scritto di getto, con il mio solito umorismo
partenope e anche un po' cafoncello, ma l'ho fatto con il cuore. Insomma, ho
elencato tutti traguardi falsi, cose che vuoi per fortuna, per disponibilit
economica, o per semplice incompatibilit, non accadranno mai.
Chi mai vorrebbe sposare uno sceicco?
Chi mai vorrebbe rifarsi esteticamente per il solo fatto che quando si diventa
vecchia bisogna necessariamente essere giovani?
Chi mai vorrebbe diventare ricca e famosa? Io! No, un momento questo lo penso
davvero. ^_^
Comunque tornando al mio pensiero serale, mi sono ricordata improvvisamente
degli uomini che ho conosciuto nella mia vita. Chiss perch gi uomini occupano
sempre una buona parte del nostro cervello. Nella mia vita c' chi stato
importante (mio padre), chi di passaggio, (tanti, purtroppo) chi insignificante, chi
mi ha tradito, chi mi ha delusa ecc... la lista sarebbe infinita.

Ma tra tutti questi mi sono ricordata di quei due


uomni conosciuti per caso e scomparsi pi
velocemente di come sono apparsi. E tutto nella mia
testa ha iniziato a girare. Ho iniziato a pensare perch
non li avessi visti pi, perch subito dopo averli
incontrati non li ho pi voluti risentire o non si sono
pi fatti risentire.. Eh, s, perch le amicizie si creano
con il benestare di entrambi, non una cosa che
decidiamo da soli. La cosa buffa sapete qual ?! che
questi pensieri ne hanno fatto scaturire degli altri, che
non riguardavano pi loro, ma me. Ancora oggi se
cerco di capire chi ha smesso di scrivere a chi, chi ha
smesso di telefonare a chi, non mi viene in mente
nulla. Potrei essere stata io, ma potrebbero essere stati loro. E dunque la colpa va
al 50%. Ma noi donne siamo le numeri uno quando si tratta di affibbiarci delle
colpe. Crediamo sempre di essere noi quelle che sbagliamo Amore, scusa, non
pensavo quello che ti ho detto. Amore, perdonami, non lo far pi. Amore...
Amore... ecc...
Mentre ascoltavo la radio, fantasticavo su una improbabile vita con uno di loro se
avessi continuato a vederlo.
Starei ancora con lui, adesso? Magari sposata con dei figli e dunque felice.
Oppure di nuovo single ma con un cuore a pezzi? O anche separata e con due
figli a carico?
strano come una strada semibuia, la radio in sottofondo e una citt quasi
deserta possano fare immagginare. Ma forse sono io, che arrivata alla soglia dei
trenta e ancora single, invento storie nella mia testa per non sentirmi sola.
S, forse questo.
Ma poi ripenso ai profili di questi uomini torvati su facebook. Alle le loro foto con
la fidanzata o la moglie o con dei bambini e ti dici che non era quello giusto, che
per te c' di meglio. Ma intanto loro hanno una bella vita rosa e fiori e tu guidi
sola di notte e attraversi la citt. A quel punto ti dici diventer vecchia e acida,
magari n compagnia di due gatti e un pappagallo?. In fondo per la mia vita mi
piace. Mi piace non dover dar conto a nessuno. Mi piace potermi svegliare tardi la
mattina quando posso. Mi piace non dover cucinare per nessuno se non per me
stessa quando strettamente necessario.
Mi domando cos importante avere qualcuno al nostro fianco? Non possiamo
scegliere di rimanere sole e felici?
Io potrei riuscirci se non fosse che appena arrivata a casa e chiusa la porta alle
mie spalle, ho cambiato idea. Non siamo su questo mondo per stare da soli e
vivere in solitudine. Siamo una specie che sopravvive grazie all'altro. Non
possiamo fare a meno di credere nelle persone, innamoraci di loro, dargli il
beneficio del dubbio su tutto e alla fine rimanerne anche deluse. Non importa
quanti uomini incontrer e perder di vista,l'importante averli conosciuti.
questo che ci rende DONNE.