Sei sulla pagina 1di 7

Nome

Periodo
Opere
Scuola/ruolo
Note
Aezio
Dossografo
Afferma che l'idea degli atomi in perpetua caduta verso il basso a seconda del peso fosse di Epicuro, non di Democrito
Alcidamante
IV secolo a.C.
Sofista
Tutti gli uomini uguali per Natura (cfr. Lifrone, Antifonte). Anticipa la posizione stoica.
Alcmeone
Pitagorico (non allievo)
Medico di Crotone, trova nel cervello l'organo della vita. Non fu allievo di Pitagora come riportano alcuni.
Alessandro di Afrodisia
198-211 d.C. (insegn ad Atene)
Commentatore di Arist.
Adopera per la prima volta il termine "Organon"
Anassagora
nato attorno al 500 a.C.
Sulla Natura
Pluralista
Introdusse la Filosofia nell'Atene di Pericle
Anassimandro
611-547 a.C.
Intorno alla Natura
Ionico
Per primo usa il termine "arch". Lo individua nell'apeiron.
Anassimene
546-528 a.C.
Ionico
Forse allievo di Anassimandro, vede il mondo come un gigantesco animale che respira. Aria come arch.
Andronico di Rodi
I secolo a.C.
Fu lui a ritrovare i testi acroamatici di Aristotele ed a coniare il termine "metafisica".
Antifonte
V secolo a.C.
Sofista
Concordia fra uomini come condizione e scopo della societ. Legge di natura "vera", legge positiva "opinabile".
Archiloco
Poeta
Vedi Esiodo.
Archita
Pitagorico
Aristotele scrisse su di lui, ma l'opera andata perduta.
Aristarco di Samo
310-250 a.C.
Peripatetico
Riprende la teoria pitagorica del movimento della Terra ponendo il Sole al centro (teoria eliocentrica)
Aristofane
contemporaneo a Socrate
Commediografo
Commedie (Le Nuvole)
Socrate come intellettuale innovatore, chiaccherone, perdigiorno, corruttore dei giovani. "Il peggior sofista".
Aristotele
384 Stagira-322 Calcidea in Eubea
Aristotelico
342-335 maestro di Alessandro
Agrippa
Sconosciuto (I a.c.-II d.C.)
Sconosciute
Scettico (tardo)
I cinque modi per la sospensione dell'assensio: riprende quindi Pirrone. Di lui non si sa niente, rimangono testimonianze di Sesto Empirico.
Ammonio Sacca
175-242
Non scrisse niente
Neoplatonico
Fondatore del neoplatonismo. Era bracciante (da qui il sacca), poi insegn Platone ad Alessandria.
Antipatro di Tarso
Stoico
Successe a Diogene di Seleucia nella direzione della scuola.
Apollonio di Tiana
I secolo d.C.
Vita di Pitagora
(v. note)
La Vita di Pitagora descrive Pitagora come un profeta: ci si avvicina al neoplatonismo.
Arcesilao di Pitane
315-240 a.C.
Non scrisse niente
Scettico (accademico)
Inizi l'indirizzo scettico dell'Accademia. Secondo Cicerone si limitato a riportare opinioni altrui. Secondo Sesto Empirico, A. riteneva che il criterio di scelta il buon senso, base della saggezza.
Archimede
287-212 a.C.
Matematico
Al contrario dell'astratto Euclide, secondo Archimede la matematica inerisce intrinsecamente al mondo: pertanto, studiabile con l'esperienza.
Aristone di Chio
Stoico
Allievo di Zenone di Cizio.
Biante
Sette Savi
Uno dei Sette Savi, presente in tutte le liste. "I pi sono malvagi", "La carica rivela l'uomo".
Callicle
Sofista
Citato nel Gorgia. Legge di natura come "diritto del pi forte", diritto positivo come mezzo di difesa dei deboli.
Chilone
Sette Savi
Uno dei Sette Savi secondo Platone. "Bada a te stesso", "Non desiderare l'impossibile".
Cleobulo
Sette Savi
Uno dei Sette Savi secondo Platone. "Ottima la misura".
Corisco
Platonico

Scolaro di Platone ed amico di Aristotele. Nella cantina dei discendenti di suo figlio, Andronico trov gli scritti di Aristotele.
Cratilo
Sofista
Relativista nel linguaggio. Secondo Arisostele fu maestro di Platone (Metafisica I).
Crizia
460-403 a.C.
Sofista
Leggi e religione strumento dei potenti.
Carneade
214/212-129/128 a.C.
Scettico (accademico)
Critica gli stoici: la rappresentazione catalettico non criterio di verit, ma indicabile un criterio di credibilit (rappresentaz. Persuasiva). Nega anche la provvidenza.
Cassio Longino
213-273
Neoplatonico
Del Sublime(no)
Allievo di Ammonio Sacca. Gli stato attribuito lo scritto Del Sublime, ma non suo.
Cicerone
106-43 a.C.
Oratore romano
Criterio di verit come consenso comune dei filosofi. In tutti gli uomini vi sono nozioni innate (cfr. anticipazioni degli stoici). Concezione della virt a met strada fra stoici ed Accademia.
Cleante di Asso
304/303-233/231 a.C.
Stoico
Successe a Zenone di Crio nella direzione della scuola. Sensi come impronte delle cose. Fine dell'uomo: vita conforme a natura (Natura = ordine razionale, perfetto, necessario).
Colote
Epicureo
Uno dei primi epicurei. Fa notare che seguendo la morale degli altri filosofi non si potrebbe pi vivere: fatta di regole troppe ferree ed astratte, conduce alla mortificazione degli istinti vitali dell'uomo.
Cratete di Tebe
Discepolo di Diogene il Cinico, definito Socrate redivivo da Zenone di Cizio. Fu capo dell'Accademia.
Crisippo di Soli
281/278-208/205 a.C.
Stoico
Secondo fondatore dello stoicismo, successe a Cleante.
Critolao
Peripatetico
Ambasciatore con lo stoico Diogene e Carneade a Roma.
Democrito
460 Abdera-(mor centenario)
Atomista
Contemporaneo a Socrate, la sua filosofia una risposta ed una conseguenza alla Sofistica.
Dicearco di Messina
Tripolitico
Aristotelico
Allievo di Aristotele, contro il maestro sottolinea la superiorit della vita pratica. Una mescolanza di democrazia, aristocrazia e democrazia la costituzione migliore: porta ad esempio Sparta.
Diogene di Apollonia
V secolo a.C.
Pluralista
Seguace di Anassimene e contemporaneo ad Anassagora. Attribuisce all'Aria l'azione che Anassagora attribuiva al Nous: l'Aria anima e soffio (pneuma) che porta vita, movimento e pensiero.
Diogene Laerzio
III secolo d.C.
Vite e dottrine dei filos.
Dossografo
La prima parte anedottica e biografica, l'altra espositiva.
Damascio
Capo dell'Accademia quando nel 529 Giustiniano la chiuse. Con sei compagni fra cui Simplicio prov, inutilmente, a diffondere la dottrina in Persia.
Demetrio Falereo
350-285 a.C. ca.
Ministro d'Alessandria
Allievo di Teofrasto. Invit ad Alessandria Stratone di Lampsaco per educare il principe. Progetta la Biblioteca ed il Museo.
Diodoro Crono
Uno dei maestri di Zenone di Cizio.
Diogene di Seleucia
Stoico
Ambasciatore a Roma con Carneade e Critolao.
Ecfanto di Siracusa
Pitagorico
Riconosce la rotazione della Terra attorno al suo asse.
Empedocle di Agrigento 481 a.C.-(mor a 70 anni ca.)
Sulla Natura
Pluralista
Individua l'arch nei quattro semi e dalla contrapposizione fra Amore ed Odio: da ci deriva anche la conoscenza umana.
Enoclide
Pitagorico
Si dice abbia riconosciuto l'obliquita dell'eclittica rispetto all'orbita celeste
Eraclito
Fra VI e V secolo a.C. ad Efeso
Intorno alla Natura
Ionico
Secondo alcuni la dottrina del "tutto scorre" non sarebbe sua, ma dei suoi discepoli.
Erasto
Platonico
Scolaro di Platone ed amico di Aristotele. Con A. e Corisco fond una piccola comunit platonica ad Asso.
Ermodoro
(vedi Eraclito?)
(Amico di Eraclito)
Sembra sia stato cacciato dai cittadini di Efeso per motivi politici: da qui, secondo alcuni, la filosofia aristocratica di Eraclito.
Erodoto
Storico
Re Creso a Solone: "Ho udito parlare dei viaggi che filosofando hai intrapreso []"
Eschilo
Fra VI e V secolo a.C. ad Efeso
Commediografo
Nelle sue opere evidente l'idea greca di legge.

Esiodo
fra VII e VI secolo a.C. in Beozia
Teogonia
Poeta (cosmologico)
Legge come Dea Dike. Fu il primo a cercare un principio: "primissimo fu il caos, poi fu la terra dall'ampio seno e l'amore che eccelle fra gli dei ed i mortali"
Eudemo di Rodi
Aristotelico
Allievo di Aristotele, ha pubblicato l'Etica (che prende da lui il nome) ed ha scritto diversi testi sulla storia della scienza.
Enesidemo di Cnosso
Discorsi pirroniani
Scettico (tardo)
Dieci modi per giungere all'epoch, che dunque l'unico atteggiamento legittimo essendo tutto diverso da uomo ad uomo.
Epitteto
Nato 50 d.C.
Dissertazioni
Stoico romano
92 d.C: Dominiziano bandisce i filosofi da Roma, E. fonda una scuola a Nicopoli. Moralismo religioso simile a Seneca: con la ragione si pu giungere alla Virt.
Eraclide Pontico
390-310 d.C.
Astronomo
Mercurio e Venere girano attorno al Sole (ma la Terra rimane al centro). Discepolo di Platone.
Erasistrato di Geo
310-250 a.C.
Medico
Studia in modo sperimentale fegato e sistema circolatorio
Erosilo di Calcedonia
attorno al 300 a.C.
Medico
Identific e studi il sistema nervoso, ignorato da Aristotele. Riconosciuto come sede dell'intelligenza del cervello.
Eratostene di Cirene
276/272-196/192 d.C.
Cartografo
In lui confluisce l'opera di Dicearco: bibliotecario ad Alessandria, realizza la prima cartina del mondo. Considera la Terra sferica e ne calcola le dimensioni.
Erillio di Cartagine
Stoica
Allievo di Zenone di Cizio. Pone il fine ultimo nella Conoscenza, come Aristotele (gli altri stoici nella Scienza).
Ermete Trismegisto
Fine I secolo d.C.
(v.note)
I suo scritti tendono a ricondurre la filosofia greca al cristianesimo.
Erone di Alessandria
I secolo a.C.
Meccanica
Costruttore di fontane
Nella sua opera espone come misurare le superfici e come costruire: ruota dentata, leva, puleggio, cuneo, vite.
Eubulide di Mileto
Stoico
Tradizionale gli sono attribuiti i paradossi del Mentitore, del Sorite, del Calvo, del Velo, del Cornuto.
Euclide (matematico)
attorno al 300 a.C.
Elementi
Matematico
Impianto sistematico. Spazio euclideo come ente ideale matematico: influsso di Platone. Geometria come fondamento: i numeri sono rappresentanzioni.
Eudosso di Cnido
prima met IV sec. a.C.
Astronomo platonico
Il moto apparentemente disordinato degli astri dipende da una combinazione di pi moti circolari uniformi.
Ferecide di Siro
contemporaneo di Anassimandro
Poeta (cosmologico)
Al principio: Zeus/cielo, Crono/tempo, Ctono/terra. Zeus si trasforma poi in Eros e costruisce l'universo. Abbiamo per la prima volta la distinzione fra forza organizzatrice e materia.
Filippo di Opunte
Platonico
Ha pubblicato Le leggi dopo la morte del maestro Platone.
Filolao
seconda met del V secolo a.C.
Pitagorico
Armonia come cosa pi bella. Idea di un "fuoco centrale" e dei 10 pianeti. Corpo prigione dell'anima.
Filodemo di Gadara
al tempo di Cicerone
Epicureo romano
I suoi papiri riguardano alcune dispute interne all'Epicureismo o con altre scuole.
Filone di Alessandria
Nato fra 30 e 20 a.C.
Filosofia greco-giudaica
Il mondo delle Idee diviene Logos (intelletto divino): vi un Dio-Architetto. Dio intelligenza che pensa agli intelligibili: le Idee sono immanenti al suo pensiero.
Filone di Larissa
Si discost da Carneade fondando la Quarta Accademia.
Filostrato
III secolo d.C.
Vita di Apollonio
(v. note)
Descrive come profeta Apollonio, come lui aveva fatto con Pitagora (cfr. Apollonio)
Flavio Arriano
Frequent la scuola di Epitteto.
Galeano
129 Pergamo-199 Roma
Medico aristotelico
Tre forme del "pneuma": animale (cervello, movimento e sensibilit), vitale (cuore, calore corporeo e sangue) e naturale (fegato, alimentazione).
Gorgia
485 Sicilia-594 Tessaglia
Sul non essere
Sofista
Confutata la certezza dell'Essere, niente pi sicuro, tranne il linguaggio: una potente forza ammaliatrice (cfr. Encomio di Elena)
Ippaso di Metaponto
Pitagorico
Divulg il pi grande segreto della setta pitagorica: la radice di due (la diagonale del quadrato).
Ippia
Sofista
Nega la proibizione dell'incesto come legge naturale. Distinzione fra legge naturale universale ed umana mutevole. Cosmopolitismo.
Ippolito
III secolo d.C.
Confutazioni
Dossografo

Il primo libro delle Confutazioni a tutte le eresie una delle pi importanti opere dossografiche. Un tempo attribuito ad Origene come Philosophumena.
Ipparco
fra 190 e 120 a.C. ad Alessandri e Rodi
Astronomo
Precessione degli equinozi, modello a sfere eccentriche con epicili per sostenere il geocentrismo.
Ippocrate
460-377 a.C. ca.
Corpus Hippocraticum
Medico
Teoria degli umori, ripresa poi da Galeno: la malattia discrasia di sangue, flegma, bile gialla e bile nera.
Leucippo
Atomista
Fondatore teorico dell'atomismo, forse allievo della scuola di Elea
Licofrone
IV secolo a.C.
Sofista
Tutti gli uomini uguali per Natura (cfr. Antifonte, Alcidamante). Anticipa la posizione stoica.
Leontina
Epicurea
Seguace di Epicuro, donna etera che scrisse contro Teofrasto.
Lucrezio
96-55 a.c.
De Rerum Natura
Epicureo romano e poeta
Il DRN diviso in tre diadi: una metafisica, una antropologica, una cosmologica. Epicuro descritto come un eroe che libera l'uomo dalle paure.
Marco Aurelio
121-180
Ricordi
Stoico romano ed Imperatore
Distingue fra Psych e Nous: il Nous umano parte di quello del mondo ed "un brano di Zeus". L'uomo pertanto "parente" di Dio.
Marco Terrenzio Varrone
v. Cicerone
Eclettico romano
Amico di Cicerone, posizione analoga. Interessante la sua visione sugli strumenti del lavoro: ce ne sono di muti (utensili), semiparlanti (animali) e parlanti (schiavi).
Metrodo di Lampsaco
V secolo a.C.
Epicureo
Principale seguace di Epicuro. Scritti con tono polemico.
Musonio
Stoico romano
Uno dei principali stoici romani assieme a Marco Aurelio, Seneca ed Epitteto (cfr.).
Melisso
Eleatico
Sottolinea le qualit dell'Essere, ma per lui infinito e non trova contraddittorio che in un dato momento qualcosa non sia altro.
Metrodoro di Chio
Atomista
Pensare che i mondi non siano infiniti sarebbe come pensare una sola spiga di grano in un'immensa pianura.
Mimnermo
Poeta
Vedi Esiodo.
Misone
Sette Savi
Uno dei Sette Savi secondo Platone. "Indaga le parole a partire dalle cose, non le cose a partire dalle parole".
Nausifone
Atomista
Seguace di Democrito, inizi Epicuro all'atomismo.
Nemesio
Sulla natura degli uom.
Dossografo (?)
Sulla natura degli uomini cita un frammento di Crisippo.
Ocello
Sulla natura del tutto
Pitagorico (?)
Gli attribuito Sulla natura del tutto, risalente in realt al I secolo a.C.. In questo periodo molti testi volti a diffondere il paganesimo
o culti orientali sono attribuiti a antichi filosofi: Pitagora, ad esempio, il presunto autore di Detti aurei, Simboli e Lettere.
Origene (pagano)
185-253
Neoplatonico
Scolaro di Plotino
Origene (cristiano)
Philosophumena (no)
Dossografo
Un tempo si pensava fosse l'autore del Philosophumena
Omero
Poeta
Gi nell'Odissea presente un'idea di legge che da unit al mondo, con gli dei garanti e custodi.
Parmenide
550-450 a.C. ad Elea
Sulla Natura
Eleatico
Il suo poema ricco di elementi mistici: ancora la filosofia non puramente razionale.
Pitagora
570 a Samo-490 Sicilia
Non scrisse niente
Pitagorico
Personaggio quasi leggendario, un profeta-filosofo
Pittacco
Sette Savi
Uno dei Sette Savi, presente in tutte le liste. "Sappi cogliere l'opportunit".
Platone
427-347 a.C.
Platonico
Vive durante il declinio dell'Atene democratica: la G. del Peloponneso, i Trenta Tiranni, la morte di Socrate
Policrate
393 a.c. scrive l'Accusa
Accusa contro Socrate
Sofista
Accusa Socrate di aver disprezzato la democrazia ed aver fatto da "cattivo demone" ad alcuni aristocratici.
Prodico di Ceo
nato fra 460 e 470 a.C.
Ercole al bivio
Sofista

Dei come proiezione dell'utile e del vantaggioso. Pensa che il linguaggio sia solo in parte legato alle cose. Storia=progresso
Protagora
nato il 490 a.C. ca. ad Abdera
Ragionamenti demolit.
Sofista
Dovette allontanarsi da Atene per le sue teorie
Panfilo
Platonico
Fu maestro di Epicuro.
Perseo di Cizio
Stoico
Uno degli allievi di Zenone di Cizio.
Pirrone
365 a Elide-275 a.C.
Non scrisse niente
Scettico
In quanto niente oggettivo, l'unica strada l'epoch. Questo atteggiamento scettico porta all'atarassia. Non per negata la vita pratica.
Plotino
205 a Licopoli-270
Neoplatonico
Nel 232 si trasferisce ad Alessandria. Partecipa ad una spedizione contro la Persia nel 243, per apprendere la cultura orientale.
Plutarco di Atene
V secolo d.C.
Neoplatonico (tardo)
Capo della scuola di Atene, commentatore di Platone ed Aristotele.
Plutarco di Cheronea
nato 45 d.C.
Neoplatonico
Un esempio di tardo platonico: nei suo scritti si ha un misto fra Platone, dottrine scientifiche, misticismo
Porfirio di Tiro
233-305
Neoplatonico
Disceplo di Plotino, ne pubblica gli scritti in sei Enneadi. Si ricordano: Vita di Plotino, Vita di Pitagora, Introduzione alle categorie di Aristotele.
Proclo
410-485
Commentari vari
Neoplatonico
Dall'Uno: le Enadi, intermediatrici verso l'Intelletto. Esso si divide in: intelligibile, intellig.-intellettuale, intellet.. Infine: Anima.
Senofane
nato 580 a.C.
Ionico o Eleatico (?)
Critica all'antropomorfismo. Esiste un solo Dio, un Dio-tutto eterno, che non somiglia agli uomini.
Senofonte
Storico
Descrive Socrate come moralista e predicatore.
Simmia
Pitagorico
Nel Fedone allievo di Filolao, espone la teoria dell'anima umana come armonica in quanto composizione di tutti gli elementi del corpo.
Simplicio
VI secolo d.C.
Commentario
Dossografo
Il Commentario riporta frammenti di Teofrasto.
Socrate
470-399 a.C. ad Atene
Non scrisse niente
Socratico
Vedi anche: Aristofane, Policrate, Senofante (problema delle fonti)
Solone
fra VII e VI secolo a.C.
Sette Savi
Infallibilit della punizione. La Giustizia colpisce gli innocenti come norma di misura. Uno dei Sette Savi, presente in tutte le liste.
Sozione di Alessandria
II secolo d.C.
Perdute tutte
Dossografo
Fu uno dei primi ad applicare il metodo delle "successioni" delle scuole filosofiche, ripreso da Diogene Laerzio.
Stratone di Lampsaco detto "il Fisico"
Aristotelico, Atomista
Capo della scuola socratica dopo Teofrasto. Cerc di conciliare Aristotele con Democrito, immaginando uno spazio finito (come A.) dove si muovevano e si combinavano necessariamente gli atomi.
Seneca
4 d.C. - 65
Stoico romano
Filosofia come cura dai mali. Dottrina platonica dell'anima. Uomini parenti. Nega la visione necessaria dello stoicismo.
Sesto Empirico
attivo fra 180 e 210 d.C.
Contro i matematici
Scettico (tardo)
La maggior parte delle informazioni sullo stoicismo ci giunta dai suoi scritti.
Siriano
V secolo d.C.
Neoplatonico
Maestro di Proclo, continua la tradizione speculativa (i suoi contemporanei prevalentemente commentavano i testi antichi).
Talete
fra VII e VI secolo a.C.
Sette Savi, Ionico
"Talete dice che il principio l'acqua" (Arist.). Uno dei Sette Savi, presente in tutte le liste.
Teofrasto
370-286 a.C.
Opinioni fisiche
Aristotelico, Dossografo
Allievo di Aristotele, divenne capo della scuola alla sua morte. Si occup di botanica. Critica il finalismo applicato alla vita umana. Primo dossografo.
Teognide
Poeta
Vedi Esiodo.
Transillio
durante Tiberio
Grammatico
Ha diviso i dialoghi di Platone (pi alcuni spuri) in 9 tetralogie
Transimaco
nato nel 460 a.C.
Sofista
La giustizia "l'utile del pi forte", le leggi strumenti di controllo dei potenti
Tucidide
Storico
Pericle: "Noi amiamo il bello con semplicit e filosofiamo senza timidezza"

Temistia
Epicurea
Una donna allieva di Epicuro
Timone di Fliunte
320-230 d.C.
Neoplatonico
Allievo di Proclo. Non essendo possibile conoscere la Natura, come comportarsi con essa e le conseguenza di ci, si deve assumere l'afasia.
Tolomeo Claudio
Alessandria, II secolo d.C.
Sintassi matematica
Astronomo
Nuovo sistema cosmologico incompatibile con quello aristotelico ed incredibilmente complicato.
Zenone
489 ca.-431
Eleatico
Contro il movimento: 1. stadio; 2. Achille, 3. freccia; 4. masse nello stadio. Contro la pluralit: ammettere un numero finito ed infinito.
Zenone di Cizio
336/335-264/263
Stoico
Fondatore dello stoicismo. Allievo di Stilpone.
Zenone di Tarso
Stoico
Allievo di Crisippo.
Scuole socratiche
Scuola socratica
Megarica
(svilupparono anche
paradossi, v. mentitore)
Cinica
Eretriaca
Cirenaica

Nome (* se fondatore)
Euclide di Megara *
Stilpone
Diodoro Crono
Antistene di Atene *
Diogene di Sinope
Fedone *
Menedemo di Eretria
Aristippo di Cirene *

Indice del corpus platonico


Periodo
Titolo
Giovanile
Apologia di Socrate
Critone
Ione
Lachete
Liside
Carmide
Eutifronte
Eutidemo
Ippia Minore
Cratilo
Ippia Maggiore
Menesseno
Gorgia
Repubblica I
Protagora
Maturit
Menone
Fedone
Simposio
Repubblica II-X
Fedro
Vecchiaia
Parmenide
Teeteto
Sofista
Politico
Filebo
Timeo

Periodo
450-375 a.C.

436-366 a.C.
413-323 a.C.

435-366 a.C.

Pensiero
Il bene uno solo: l'Essere di Parmenide, noto anche come Saggezza, Dio o Intelletto.
Negazione del molteplice: "x y" non si pu dire, perch y una cosa diversa da x ("il cavallo veloce")
Solo ci che si verificato possibile. Tutto ci che accade necessario.
Simile a Diodoro. Il bene esclusivamente nelle virt: il male era il piacere. Contrario alle realt non corporee.
E' estremizzata la visione del maestro: rifiuta di vivere negli agi.
Non si sa niente.
Da lui la scuola prende nome. Non si sa niente.
Come Protagora pensa che il criterio di verit sia la sensazione. Nella vita si cerca il piacere, che esiste solo
nell'attimo (edonismo). Pensare al presente significa accontentarsi di poco: si deve dunque fuggire dai piaceri.

Descrizione
Autodifesa di Socrate. E' un monologo dove si delineano alcuni tratti del personaggio.
Socrate rifiuta la proposta di Critone di evadere: sempre si deve ubbidire alle leggi.
Socrate dialoga con un rapsoda su cosa sia l'Arte. La rapsodia non Arte: non insegnabile, non ha oggetti, ispirazione divina.
Il generale Lachete tenta di definire con Socrate la Virt, ma porta solo esempi.
Socrate, Menesseno e Liside tentano, inutilmente, di definire l'Amicizia.
Socrate, Crizia e Carmide tentano di definire la Sophrosyne (Saggezza).
Eutifronte vuole portare il padre in tribunale: Socrate gli chiede allora cos' "pio". Il mero rispetto delle leggi non lo .
Il dibattito fra i due sofisti Eutidemo e Dionisodoro mostra i limiti della sofistica e la differenza con il metodo socratico.
Da un confronto fra Achille ed Ulisse, Socrate ed Ippia giungono al paradosso del sapiente che volutamente compie azioni malvagie.
Problema del linguaggio: per Socrate esistono nomi convenzionali (delle cose periture) e nomi naturali (delle cose eterne - le idee?).
Socrate ed Ippia si domandano cosa sia il Bello. Per Socrate un modo di essere interiore, soggettivo e mutabile.
Socrate suggerisce a Menesseno un epitaffio per celebrare i caduti in guerra. Atene viene letta secondo l'ottica dello stato platonico.
Socrate riflette sulla possibilit che la retorica sia una tchne. Si hanno diverse riflessioni sul ruolo del filosofo.
Socrate confuta Trasimaco, che ritiene che la giustizia sia l'utile del pi forte.
E' un attacco all'idea sofista di Virt: i sofisti non insegnano niente, i loro discorsi sono privi di un argomento.
Tratta il problema dell'insegnabilit della Virt: introdotto il concetto di reminiscenza con l'esempio del teorema di Pitagora.
Tratta gli ultimi giorni passati da Socrate in carcere: introdotto il concetto di anima immortale.
Per Socrate Amore "amore di ci che manca". L'attrazione fisica amore ad uno "stadio minore" rispetto alla comunanza di anime.
Idea di stato platonico. Mito della caverna. Critica all'arte come imitazione. Mito di Er.
Mito della biga alata. Mito di Theuth. Il dialogo orale riesce a portare l'uomo verso la Verit.
Problema dell'Uno e del molteplice. Nella prima parte Socrate tratta la teorie delle idee.
Critica alla visione soggettiva della scienza dei sofisti: ci sono delle certezze apprendibili con la dianoia.
E' accettata l'esistenza del non-essere come "essere diverso". Si accetta cos la possibilit dell'errore (in cui cadono i sofisti).
Mito di Crono. Descrizione dei sei tipi di governo e del settimo, il migliore possibile: quello dei filosofi.
Che cos' il Bene? Per Socrate il Sapere, per Filebo il Piacere. Conclusione: il Bene l'unione dei due (ma alcuni piaceri sono falsi!).
Mito del Demiurgo. Mito di Atlantide. Quattro elementi come "proiezione" dei solidi platonici (matematica come ontologia).

(Dottrine non scritte)

Crizia
Leggi
Lettere (VII e VIII)
Intorno al Bene

Seguito del Timeo, ritrattato il mito di Atlantide. La citt fu distrutta da Zeus dopo che i suoi abitanti si abbandonarono allo sfarzo.
Funzione educativa delle leggi: promuovere nei cittadini la Virt per portare nel mondo delle cose l'armonia iperuranica.
Fonti di informazioni biografiche, soprattutto sulle idee politiche di Platone.
Il molteplice non si spiega da solo: le idee/numeri derivano da due enti superiori, l'Uno/forma e la Diade/materia.