Sei sulla pagina 1di 4

HEINRICH SCHLIEMANN

1822 - 1890
1.

L'archeologo autodidatto
L'imprenditore tedesco
Lo scopritore della civilt micenea

Heinrich Schlieman nato nel 1822. in un paese Germania settentrionale, in un paese che si
chiamava Ankershagen, piccolo paese di agricoltori. Il padre era un pastore protestante, ma
aveva una vita tutt'altro che comoda e certamente che piccolo Schliemann ne ha sofferto.
Lui morto in terra italiana, a Napoli, nel 1890. La causa della morte la malattia. Il suo
cadavere stato poi trasportato da amici per il Primo cimitero di Atene.
2.
Chi era Scliemann?
L'uomo che insegu i soui sogni
L'infanzia di Shliemann stata un'infanzia profondamente infellice, siccome, prima di tutto,
lui ha perso la madre molto giovane e qusto ha segnato la vita di questo bambino.
Il padre era donnaiolo notevole pur essendo pastore protestante. Una volta, ha portato a casa
una donna con la quale Schliemann non andava d'accordo. Presto il piccolo Schliemann
stato costretto a lasciare la casa paterna ed andato a vivere dallo zio.
I soldi mancavano. Il padre non era ricco e aveva il problema con alcool. Quando ha perso il
posto in sua chiesa, Shliemann, anche se era intelligente e voleva imparare, ha dovuto
abbandonare gli studi.
3.
La tenacia
Ma Schliemann era testardo e ostinato incredibilmente. Lui decide di sia lavorare tutti i giorni
sia imparare da solo e riuscir in questo. Impara 15 diverse lingue antiche e moderne e dopo
aver acquistato con il commercio grandi riccezze, parte nel 1868. per Itaca e la costa dell'Asia
Minore.
Schliemann liquida la propria ditta e comincia una nuova vita, la vita di archeologo. Compra
il permesso dal governo turco e aiutato dalla moglie greca Sophia, scava sull colle di
Hissarlik.
In fine, ha realizzato i suoi sogni: fu il primo scavatore di Troia e di Micene e lo scopritore
della civilt pre-ellenica che si chiama cretese-micenea o minoica.

La scoperta di Troia e di Micene sono legati a Schliemann. Le sue opere archeologiche sono
importanti per riscoprire il mondo della legenda antica greca.
4.
La leggenda
Non possiamo parlare di Schliemann senza raccontare della sua passione di Omero. Nella
Autobiografia, Schliemann dice che amava Omero da bambino. Quando aveva sette anni, per
Natale, il padre gli aveva regalato un libro, una storia della guerra troiana illustrata per
bambini. Su una della immagini era dipinta una citt in fiamme, dalla quale scappavano pochi
sopravissuti, tra cui un uomo che portava sulle spalle un vecchio.
5.
Enea fugge mentre Troia brucia, Federico Barocci - 1598 - Galleria Borghese - Roma
Bambino chiede al padre di che citt si tratta. Il padre disse: '' la citt di Troia''.
Schliemann: ''Chi sono questi che scappano da questa citt in fiamme?''
Il padre: ''Sono Enea che porta sulle spalle il padre e che se ne va nel Mediterraneo per andare
a creare una nouva Troia di Enea la citt di Roma.''
6.
L'Iliade di Omero, i luoghi
Schliemann dice al padre: ''Ma questa citt, dove si trova?''
Il padre risponde: ''Troia non mai esistita, Troia un sogno di poeta.''
Il piccolo Schliemann dice: ''Non vero! Non ci posso credere! Io riuscir a riportare alla luce
la citta di Troia cosi come stata descritta da questo poeta di cui tu mi parli e che si chiama
Omero.''
7.
Cosi stato. Nel 1871. scopri le rovine di Troia.
Dopo i problemi con acquisto del permesso per ricerca e localizzazione di Troia antica,
Schliemann ha iniziato a scavare. Allinizio lui non aveva la fortuna. Poi, nessuno ha creduto
che lui avrebbe trovato Troia.
8.

Troia venne distrutta e ricostruita ben 9 volte.


Il sesto strato quello descritto da Omero.

Lantica Troia si trova nella regione della Troade, in Turchia. La posizione della citt era
favorevole siccome situata sul mare allentrata dei Dardanelli, chiamata dai Greci Ellesponto.
Seguendo le descrizione omeriche, Schliemann trov molti strati, ma non fu sicuro che strato
la Troia cantata da Omero.
9.
Trova il ''tesoro di Priamo''.
Dopo due anni, nel 1873, quando ha compreso che non poteva trovare quello che cercava, lui
ha avuto la fortuna! L'ultimo giorno lui ha visto qualcosa di luccicante, ha rilasciato i suoi
lavoratori e con Sofia ha scavato molti oggetti d'oro che Schliemann ha chiamato il tesoro di
Priamo.

10.
Nel 1874. scavi esplorativi a Micene. Comincia con la Porta.
Nel 1876. scavi a Micene. Scoperta delle tombe dei re.

Ora stato il famoso archeologo in tutto il mondo e ha cominciato la ricerca di Micena. I


Greci non hanno creduto molto a Schliemann e perci non gli hanno permesso che scavava
tutto il sito, solo parte, dove loro hanno pensato di non avere niente. Hanno sbagliato. In
questa parte lui ha scoperto delle tombe dei re. Nelle tombe sono state maschere d'oro, la pi
nota quella di Agamennone, che si trova adesso in Museo archeologico nazionale di Atene.

11.
''Volere potere''
Grazie a questo grande sognatore, le rovine archeologiche pi famose nel mondo sono state
riportate alla luce. Schliemann usava dire ''volere potere'' e la sua vita la prova che i sogni
possono esssere reali. Tutto possibile, pensiamo a questo.

12.
Fonti:
1. Zenon Kosidowski, 1992. , Srpska knjievna zadruga
2. Heinrich Schliemann, 1962 e 1995. La scoperta di Troia, Einaudi Torino, Titolo originale:
Kein Troja ohne Homer 1960 Glock und Lutz Verlag, Nrnberg
13.
Le parole sconosciute:
BRUCIARE=paliti, spaliti
3

DONNAIOLO=enskaro
FIAMMA=plamen; ar, zanos
FUGGIRE=beati; kloniti se
OSTINATO=uporan
SCAVARE=iskopati, prekopati, prevrtati, izmisliti?
SITO=poloaj, mesto, lokalitet (arheoloki)
STRATO=sloj
TENACIA=izdrljivost, upornost
TESTARDO=tvrdoglav, svojeglav