Sei sulla pagina 1di 36

Quindicinale

Anno XXXVII

30.09.2015
Numero

656
PERIODICO DI ATTUALIT DEI COMUNI DI ALANO DI PIAVE, QUERO VAS, SEGUSINO

Ricordando Nino Cela amico e poeta - pag. 1/2/3


Quero: ricorrenza annuale sul Monte Cornella - pag. 4
a

La 111 Fiera Franca del Rosario a Segusino - pag. 5


Universit degli Adulti: anno 2015/2016 - pag. 17
Monte Palon - Trincee amarcord - pag. 24
http://digilander.libero.it/tornado

Chiuso in redazione il 21.09.2015

Tassa pagata/Taxe Perue/Ordinario Autorizzazione Tribunale BL n. 8 del 18/11/80Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in A. P. - D.L. 353/2003 - (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art.1, comma 1, DCB BL

AL MOLIN

TABACCHERIA
EDICOLA

RISTORANTE - PIZZERIA

Pagamenti imposte con F24


Bolli auto e moto

Ricariche telefoniche

SPECIALIT PESCE
ALANO DI PIAVE

NOVIT

Cambio pile ad auricolari


orologi e telecomandi

PIAZZA DEI MARTIRI, 13 - TEL. 0439.779129


- CHIUSO IL MARTED -

32031 ALANO DI PIAVE (BL) - Via Antonio Nani, 14


E-mail: termoidraulica.gierre@vodafone.it

Per rinnovare la tua casa

TODOVERTO

di Todoverto Paolo & C.

S.N.C.

Jger sport

Statale Feltrina, 25
Quero (BL)

imbiancature interni - esterni


termocappotti - spatolati

Abbigliamento: Running, caccia, trekking, completi sci e accessori


ABBIGLIAMENTO BIMBO/A
MARCHI: SAUCONY - NICO - AST - GREAT ESCAPES - KARPOS
MARCHI CACCIA: CBC - UNIVERS

ALANO DI PIAVE Via Caduti e Dispersi in Russia


Tel. 0439.779208 - Cell. 348.7346084

DAL MARTED AL SABATO 9.00-12.30/16.00-19.00

CHIUSO IL LUNED

Per ulteriori informazioni Tel. 347 6631699

IL TORNADO Sede: Via J. Kennedy - 32031 FENER (Belluno). DIRETTORE RESPONSABILE: Mauro Mazzocco. REDATTORI: Sandro Curto, Silvio Forcellini. COLLABORATORI: Alessandro Bagatella, Ivan Dal To, Gianni De Girardi, Antonio Deon, Foto Comaron, Fotocolor Resegati, Silverio Frassetto, Ermanno Geronazzo, Cristiano Mazzoni, Sergio Melchiori, Piero Piccolotto, Andrea Tolaini.
ABBONAMENTI: ITALIA Abbonamento annuale (18 numeri) 20,00 ESTERO Abbonamento annuale (18 numeri) 50,00.
LABBONAMENTO PU ESSERE SOTTOSCRITTO O RINNOVATO NEI SEGUENTI MODI: 1- versando la quota sul c/c postale n. 10153328 intestato alla PRO LOCO di FENER; 2- con bonifico
sul c/c Banco Posta intestato alla PRO LOCO di FENER, IBAN: IT49 M076 0111 9000 0001 0153 328; 3- pagando direttamente ad uno dei nostri seguenti recapiti: NEGOZIO DA MILIO - Alano;
GELATERIA DUE VALLI - Fener - BAR JOLE - Fener; MAURO MAZZOCCO - Quero; ALESSANDRO BAGATELLA - Quero; BAR PIAVE Carpen - LOCANDA SOLAGNA - Vas; ANTONIO
DEON - Vas; BAR BOLLICINE - Scalon; BAZAR di A. Verri - Segusino.

POESIA

Ventanni fa, il 2 ottobre 1995, moriva Angelo Geronazzo, una delle colonne di questo giornale

Ricordando Nino Cela, amico e poeta


di Silvio Forcellini

In un freddo luned pomeriggio di ventanni fa, il 2 ottobre 1995, ci lasciava Angelo Geronazzo Nino Cela, una delle colonne di questo giornale fin dal primo numero, uscito nel lontano settembre del 1979.
E ancor oggi - come scriveva il figlio Ermanno allepoca - cosa ardua
per il Tornado ricordare Nino Cela, proprio perch difficile immaginare
queste pagine senza i suoi racconti, i suoi disegni, le sue poesie. La sua
umile arguzia, la sua bonomia spesso pungente, il suo buon senso disarmante hanno accompagnato la crescita del nostro giornalino, preziosi
alleati in ogni frangente. Ora la penna di Nino non crea pi, ma ci resta la
sua presenza che insegnamento e sprone, esempio e fonte di costante
ispirazione.
E vero, sempre cosa ardua ricordare una persona che ti stata tanto
cara, ma altrettanto vero che la presenza di Nino, a ventanni di distanza, sempre viva in tutti noi che abbiamo avuto la fortuna e il privilegio di
conoscerlo.
Allindomani della sua morte, scrivevamo: Come Tornado, avremmo potuto certo ricordare la bellissima amicizia che legava Nino a ciascuno di
noi, cementatasi in sedici anni di assidua frequentazione. Avremmo potuto evidenziarne lintelligenza, lumanit o altri aspetti del suo carattere.
Avremmo potuto raccontare cento aneddoti riguardanti la sua vita, di cui
ci aveva resi partecipi. Ma cos facendo, avremmo anche corso il rischio
di cadere, pur con tutte le migliori intenzioni di questo mondo, nel banale
o nel retorico, senza riuscire cos a riassumerne adeguatamente la figura.
Abbiamo deciso, pertanto, di ricordare Nino in un altro modo: attraverso le sue poesie e i suoi disegni, che continueremo a pubblicare su queste pagine e che raccoglieremo in un volume che sar dato quanto prima alle stampe. Crediamo sia questa la maniera migliore per rendere omaggio a una persona speciale, a cui abbiamo voluto bene, ricambiati. Una piccola, ma al tempo stesso concreta, testimonianza di stima e di affetto, al di l delle solite frasi di circostanza.
Parole che, a tanti anni di distanza, sottoscriviamo una ad una. La raccolta di poesie di Nino Cela, che titolammo non
a caso O olst bn, vide infatti la luce di l a poco. E proprio da O olst bn - libro di una bellezza indicibile (per
merito di Nino, non nostro, sia chiaro) - proponiamo di seguito alcune sue perle. Perch il Tornado non sar mai orfano di Nino Cela, delle sue rime, del suo dialetto, della sua immortale umanit
Ciao Nino, se vedn!

Prima de ndar

Col de Spadart

Co ti

Prima, Signr, de farme andar avanti


par l ultima p bruta e scura cal,
sa che mi dmande scuSa a tanti
par qul che dit, scrivst o fat de mal.

Quande che, Svio, varde te la not,


sra de ti vde brilr na stla.
Co el sol se ala, alt, a la matina,
tu splnde tuta e tu pr p bela,
cof an vest, color, in vetrina,
alta montagna, Col de Spadart!

Ore ndar
st de n curt
lontn...
co ti.

Asame saludr i me parnt,


i fii, i amghi, i mnt che mi calc,
ads, Signr, vanti che sfie el vnt
che ti tu manda par Smorrme el fi.
Fa, Signr, che lidir se el me rusc,
che me Sgrve de i pSi che ingrum,
che pde preSentrme manco strac
a pi de l col co Ti tu ciamer
e quande che mi no sar p gnnt,
ma sl che n nome scrit l te l cantn
indve ogni tant ghe va la dnt
par dir in prsa su qualche orain,
fa che chi pasa a rnte la me pira
el frme el pas na s-cinta par pensr
che tut fins qua d in te sta tera,
ma pur na lgrema la riva a l mar...

Quande me snte stuf e strac e sl,


pnse a i to bosc, a i pr, a l to caSn...
Tanti ni indro me pr lra tornr,
co re dven e ave manco da far
e rive, in ima a l col,
a vardr da l alt par i valn.
Tut quant de rs, sta sra, e d arann
te vde vestrte e d onbre scure
da sentrme ads tante paure
da farme dir, in prsa, na orain,
prima che vgne scur, prima de not,
o montagna bela, Col de Spadart!

Ore ricordr
co ti,
man te la man,
i d,
el mondo vrt,
l amr grant.
Ore star l
co ti,
cor tac a l me cor,
fin che cala le onbre,
fin che le cala...
in fndo.

POESIA

N m fra de l tnp

Solari

Tera de Polonia

Parle, scrive,
te na lngua
squaSi morta...
Vive de memorie,
de storie,
de n mondo
de na olta.

Solari,
Salarl,
montagna inbonbda de sangue,
che l fun de la memoria
cof calvo,
ads, confnde,
che la piva lava,
el vnt desprde...
Bat el sol te le ire,
te i sas, bianchi fa s,
nudi, te n calvario.
Da distante i cann,
le metrlie,
baSna, SbuSa le pire,
segha le vite,
come na fal
i bnpoi, i fir,
te n pr de mio.
Da rnte, fii
che se copa:
muc e todschi,
sra;
i nostri,
st,
a far da rden, diga.
Muci de mort!
Parch, parch?
Parch, Signr, le gure?
Quant mi fe fadga
a caprghen le raSn!

Come tu ra straa
e bianca fa la ra,
toSta che a Cracovia
da n pnt su ferova
tu me but d an pn
e dopo bn in prsa
tu se scanpda via...

Camine par paeSt,


da pal,
caSe,
strade nve,
nde p no ghn cal,
stradle
da car, carile...
Ve te i pscoi
da le pSe sute,
indve spars i tri
e i fontani no i buta
a far cantr le rie,
saltr le trute,
crser i marsi.
Vive de memorie,
de storie...
I me dis i fii
che n mondo l ra,
qul, da gnnt!
Sar. Sn n m
fra de l tnp!

Come l cam
Come l cam, vcio,
co l se snt sl,
rebandon,
co l se snt mal
el riva in bas
e da l ultimo sas
el trna a vardar
i crot,
n altra olta, anca mi
sn riv te l col,
squaSi a la val.
Ore tornr
pa n d,
su sra,
prima de l ultimo bot,
prima de la not,
par vardr n altra olta,
n altra...ancra!

Pigore e leoni
L dita n parn, na olta,
se se ola butro...
I respondst: Canni!.
Ghn anca ds in giro
tanti che se snt leoni,
ma a maltratr le pigore,
in ultima, sl i bni!

Te n altra sfera
corst na vita intira
par catr la verit...
Masa mi ghn incontr
che le scnde la p vra.
Tante lte me dmande
se mi bn camin
pa incontrrla te sta tera
o scoltrla da l me cor.
Pr che ve me rispnde
che a capr no me sfadghe
parch cira la sar
sl l su, te n altra sfera.

P de l pan
An d, da bcia,
mi ave branc na liga.
Metsta te na cbia
co n bearl e gran,
re rest de sas
a catrla dopo an pc
bel che frda...morta.
Co i me ser anca mi
fra rde e fil de fer,
sl lra...mi cap...
No cnta gnnca el pan
se vver no tu pl
co i te sra su...
se i spranga la to porta!

La fan, mi sn segr,
che l ra fa la ma,
ma ti tu te priv
ists de l to bocn...
par darlo a n preSonir,
par darlo a mi...Talin!
Santa, santa tera,
tera de Polonia,
de tanti ricordi
sto qua mi porte in cor!
Co snte dir che a l mondo
pats i bce e i mr
par nsa, par tortura,
me pr vder in il
co le ale de n angiolt,
sca come n stc,
la bianca to figura!

Se ti
Se ti tu avse pro
a strasinr la vita
co l frt, la fan, co la paura;
se ti tu avse pro
a ser gnnt,
a scanpr a i dnt de n can pastr;
se tu avse pro el baticr
de finir i to d
te n fil de fer,
spin,
ti,
scavet da la testa Slsa
i oci duri
la pl tinta,
ti,
tu finire de Sventolr bandire,
mter inds camSe
che sa da mort...!
Ti, no tu avere pretSe
de domr co l manganl...
el mondo!

Te n barc
Sare ancra bel
andr descl
pa n let de stran,
pestr la lpa,
l erba moleSna,
sentr cantr i grili,
dormr te n barc de fn
co bat la piva
te l curt de lamira,
scoltr l urlo de l vnt.
Quant, sna sar,
mi lra re contnt...!

POESIA

Almnco tornr

Ore ndar

Folsca che no mr

Saludi e promse
co l cor che te pinde,
po an grun de strsie
par strade forste...

Ore ndar nde che fii


p no i mr in gura,
nde no ghn preSn,
no se tortra
chi che i n altra bandira.

Te vist de qua e de l,
an pc da par tut,
co l ciaro e co l scur,
folsca che no mr.
Te anca sentst,
poeSa,
ma no sn bn scoltrte,
in pugn no so ciaprte...
O pgre mi le man
e la mnt tardva,
el cor crut e sut
e rstega la pna...

Quante agre storie


de laro e fadghe,
finde a la Svlta,
tant sps, da pusira!
Che vita rela
sta qua, o Signr,
se pur de canpr
se asa la so tera?
E ads, o bn Dio,
cosa lo canbi
se via in reoplno
se va o in corira?

Almnco tornr...
tornr a l so nit,
cof i oSelt...
almnco...de sra.

A l diretr
Varda, Nino, de ser p schers
se tu scrive calcsa te l iornl.
Che tu se serio la dnt bn te cons...
Canbir de vna a olte no l mal!.
Cus, diretr, tu me ms in crs!
Come se falo a canbir caval
se n altro crer pl ser p pens?
No l , parbo, come canbir canal!
Alra mi te dighe, diretr,
che ads sta festa granda pa l Torndo
mi vui cantrla a la me manira.
Mi sn an pro m, no sn scritr,
ma d ser no me pr gnnca n saldo...
Spre che ists tu fe na bela ira.

DiSe ni
Cosa li mai diSe ni? Prpio an gnnt:
pc in vita, an lanpo d eternit,
an bter de ia, an sofin de vnt
che a mver fia gnnca el ghe la fa.
Ma sto Torndo inve qua se l snt,
parch in paSe lu l spolver
l nema nostra, el cor de nostra dnt
e port in caSa fir de novit.
DiSe ni... Ancra bcia, toSatl,
ma co se vt el sol de la matina
l da sperr che fin a sra el splnde,
cus che sto iornl crse p bel,
che de l bn, te l mal, el se cira vetrina,
de qul che Dio ne d, che l mondo rnde.

Ore ndar indve le mare


p no le pinde,
le se despra
pa i ci che mr da fan,
te la miSeria.
Ma ghn la po sta tera?!
O la sl par aria,
vapr, fun, chimera,
grun de pensir che varia
gm che no i se deSgtia?
Sn stuf mi de spetr...
Fme, Signr, sta gria!

Mi no te in vetrina,
ma stme ists da rnte
a farme conpagna.
Te prghe...
o me regina!

Nino Cela e il Tornado


dalla prefazione della raccolta di poesie O olst bn
Il Tornado, foglio sportivo e non,
edito dalla Pro Loco di Fener, ha avuto in Nino, fin dagli inizi nellormai lontano 1979, un appassionato ed entusiasta collaboratore. Se mancava
una pagina per fare il numero pari,
necessario alla impaginazione artigianale, Nino non si tirava mai indietro: una poesia, un racconto, un disegno, una striscia decorativa, unidea
sparsa qua e l. Per far sorridere, o
ricordare, spesso per far pensare...
E nato cos il Tornado, assemblato di
buone volont, con laiuto di chi, un
po per volta, si immedesimato in
quei fogli sporchi dinchiostro, che
sapevano di stampa fresca, ma anche di entusiasmo e di libera espressione.
Nino ha seguito la parabola del giornalino cui ha collaborato; nato per scherzo, un po alla volta si andato
affermando: diventato qualcosa che la gente aspetta.
Cos stato anche per i lavoretti di Nino: spontanei, semplici ma gustosi,
se vogliamo anche ingenui, come tutte le cose fatte... per niente.
Il fascino, la meraviglia, il miracolo, infatti, consistono proprio in questo:
fare... per niente! Nino non fa mai conti, non si preoccupa di chi e come
lo legga, n cerca il sensazionalismo ad ogni costo. Nino pensa, scrive e
disegna come capace, quel che gli detta il cuore, sia esso londa prepotente di un ricordo o il fiato sommesso di una speranza.

Anche il Tornado , vuole essere cos! Forse proprio per questo, quasi si trattasse di una specie di debito da assolvere, che anche oggi lo vuole accanto a s, con le sue poesie e i suoi disegni, come ai bei tempi, per sostare un altro
po insieme ad un amico che tanto gli ha dato e che non si pu scordare.

CRONACA

Ricorrenza annuale sul Monte Cornella del


13 settembre 2015
a cura del Gruppo Alpini Monte Cornella Quero

Con una buona partecipazione di Alpini, Fanti, Cittadini si svolta la annuale ricorrenza in memoria dei caduti della
Prima Guerra Mondiale a Cima Cornella, dove esistono ancora testimonianze importanti di quegli eventi. Lomaggio
floreale ai monumenti dedicati alle due medaglie dargento al valor militare e in ricordo dei molti caduti, accompagnato
da un momento di silenzio e di preghiera, sta a dimostrare che vi ancora chi consapevole che da quei sacrifici
scaturita una patria unita e migliore. Vi da ringraziare coloro che molto hanno lavorato per la pulizia dei sentieri, della
strada silvo-pastorale, delle varie zone monumentali e per la preparazione del pranzo offerto sotto il tendone, questa
volta allestito nella localit Casette Rosse.

La foto di copertina

ASTERISCO

Solo al Sostizio d'estate il sole tramonta nei pressi del "Sass de la Caora"....Antiche premonizioni e favorevoli presagi
da qui si dipanano verso il Basso Feltrino...
Con queste emozioni il nostro abbonato Tristano Dal Canton ci ha trasmesso la foto che ammirate in copertina, in cui i
giochi di ombre sembrano davvero premonitori di eventi magici. Listantanea stata scattata il sette luglio 2015, alle
18,58 con una Panasonic modello DMC-FZ200, tempo di esposizione 1/1600 s, numero F=4, velocita ISO 160.
Il titolo che Tristano ha dato, in inglese, alla foto, suona cos: The_Goat_Rock_sunset, Tramonto al sass de la Caora.

La libreria

del territorio
con sconti e promozioni tutto lanno

Orari libreria: da marted a sabato 9.00-12.30 e 15.00-19.00 - Luned chiuso

SIAMO APERTI ANCHE DOMENICA POMERIGGIO DALLE 15.00 ALLE 19.00

z.i. RASAI di Seren del Grappa (BL) - Via Quattro Sassi, 4


Tel. 0439.394113 - info@libreriaquattrosass.it

ATTUALIT

La 111a Fiera Franca del Rosario di Segusino


Ufficialmente entrata da quest'anno nella prestigiosa kermesse "Delizie D'Autunno" promossa dalle Pro Loco Unpli Treviso e Provincia di Treviso, e presentata nel seicentesco borgo di Stramare durante l'ultimo weekend di agosto,
la 111a Fiera Franca del Rosario di Segusino ormai pronta a debuttare al
grande pubblico durante l'ultimo weekend di ottobre, dove la tre giorni dedicata ai prodotti tipici di questo piccolo-grande paese proporr in occasione di
questa edizione ulteriori e interessanti novit aggiunte alle prelibatezze gi note ed ampiamente apprezzate durante le passate edizioni. Il filo conduttore
della fiera rimane il formaggio S-cch, un prodotto segusinese a marchio depositato, un formaggio che veniva realizzato fin dall'antichit utilizzando il latte
crudo, non pastorizzato, e che per motivi normativi oggi ha visto leggermente
modificata la sua ricetta originale, pur mantenendo invariata la sua caratteristica di gusto ed olfatto che lo ha sempre identificato. Una fiera quest'anno
che si rafforza nella sua nuova edizione come si sta rafforzando nel paese di
Segusino il lento ritorno alla vita della campagna e della montagna: la vita di
un tempo. Probabilmente in una situazione dove la parola "crisi" sulla bocca
di tutti quasi ogni giorno, "lo spirito e l'istinto d'adattamento" di molti segusinesi ha fatto si che negli ultimi anni si moltiplicassero numerose micro aziende
legate all'agricoltura e alla produzione di specialit enogastronomiche. Una
paesino quello di Segusino, dove negli ultimi anni sono pian-piano ricomparse
realt legate alla produzione del formaggio e degli insaccati, dove da poco si
sono aggiunti anche una lista di altri prodotti che fino a prima sembravano cos lontani ed impensabili per Segusino. Oggi le micro-realt vanno dalla produzione del vino, all'allevamento di oche da carne e capre da lana cachemire,
alla produzione di formaggi e prodotti caseari a base di latte di capra, alle
marmellate, alla coltivazione delle mele, fino agli ortaggi della terra come le
patate, i capucci, il radicchio e le barbabietole; nonch, rivelazione dell'ultimo
periodo, c' perfino chi si dato alla cavatura del tartufo: una specialit dal
gusto e dal profumo che non ha nulla da invidiare (anzi!) ai pregiati tartufi di
altre zone famose d'Italia come ad esempio la Toscana. Una realt che ritorna
all'agricoltura di confine tra pianura e montagna rafforzata anche dalla pubblicazione del libro "Vivere sull'rt" di Mariano Lio (autore segusinese) dove viene trattato attraverso un racconto minuzioso il ricordo della vita in montagna di
un tempo; e una realt che vedr un ulteriore approfondimento del tema anche nell'edizione 2015 del famoso Presepio
Artistico di Segusino che quest'anno parler della montagna. Una sinergia quindi quella che sta avvenendo a Segusino, e lo dimostra il fatto che la Fiera del Rosario da qualche anno non pi curata da una sola Associazione, ma da un
pool di associazioni riunite sotto il coordinamento della Pro Loco che anno dopo anno, merito del lavoro di squadra intrapreso, sta dando i propri frutti, portando a Segusino migliaia di visitatori alla scoperta di una Fiera dai gusti poveri,
a
ma ricchi di sapori, unicit ed ospitalit. La 111 Fiera Franca del Rosario di Segusino vedr il via venerdi 23 ottobre
nel tardo pomeriggio con il torneo di Touch-Rugby, ma la grande novit dell'anno del primo giorno sar la serata a tema su prenotazione "Cucina la crisi - Le ricette dei nonni" col piatto "Soprssa in tecia co la pugna" anticipata da un
antipasto a base di prodotti locali, un piatto di gnocchi preparati con le patate di Milies in salsa di S-cch, salsiccia e
tartufo, il tutto cucinato da un abile Chef "in diretta" davanti agli occhi dei presenti. Seguiranno i contorni e i dolci preparati con le marmellate segusinesi (prenotazione obbligatoria .12 Tel. 340.6285209). Al termine la festa continua con
allegra musica dal vivo. Il clou della fiera inizia il sabato mattina con la rassegna bovina e di altri animali, l'apertura degli stand enogastronomici ed espositivi
e l'inizio della mostra mercato. Nel
pomeriggio del sabato ci sar la 9a
corsa podistica "Sulle Grave del Piave
e Borghi di Segusino" e la 2a Nordic
Walking. Proseguir poi la serata ancora con tanta musica e cover a 360
gradi. Altro giorno clou la Domenica,
che esordir fin dal primo mattino con
l'apertura degli stand e la mostra mercato, ricche bancarelle, la sfilata dei
mezzi agricoli (d'epoca e contemporanei) lungo le vie del paese, per poi
proseguire nel primo pomeriggio con
la sfilata in abiti d'epoca anni 60-70, la
a
sfilata della banda cittadina e la 2 rassegna cinofila segusinese. Spettacoli ed esibizioni per tutto il pomeriggio fino a
tarda sera con intrattenimento per grandi e piccini. Sempre fornitissimi saranno gli stand enogastronomici, dove segnaliamo di non farsi mancare i pranzi di mezzogiorno e le specialit serali come la favolosa tagliata di manzo nella sua
nuova variante segusinese arricchita con S-cch stravecchio al posto del grana, oppure deliziando dell'ottima frittura di
pesce. Certi che una visita a degustare le specialit di questo piccolo paese dalle mille risorse sia quasi d'obbligo dal
23 al 25 ottobre a Segusino, cogliamo l'occasione per ringraziare fin d'ora tutte le associazioni e le numerose persone
che si stanno dando da fare per il grande evento, ma ringraziamo soprattutto le persone che verranno a trovarci!
Tutte le info sugli eventi e orari nel sito www.prolocosegusino.it o nella pagina Facebook Pro Loco Segusino.

CRONACA

Si fa presto a dire Lago

note a margine della gita organizzata dal Circolo Auser Al Caminetto

(M.M.) Ancora un giro baciato dalla fortuna quello organizzato al Lago Maggiore dallAuser di Quero Vas e Alano di Piave, accompagnati dal sole quanto basta, e nei momenti giusti, per godere delle bellezze naturali di cui ricca la terra dei laghi. Cos la definisce un consorzio che offre ai visitatori i suoi
servizi con l'intento di promuovere, migliorare ed incentivare l'offerta turistica,
commerciale ed artigianale dell'incantevole zona del Lago Maggiore, del Lago di Mergozzo, del Lago D'Orta, delle Valli Ossolane, un territorio il cui contesto culturale, ambientale e turistico da considerarsi uno dei pi completi
a livello internazionale: lago, collina, montagna, storia, cultura e tradizione si
fondono in un patrimonio che si rinnova in ogni stagione. I soci Auser hanno
avuto la possibilit di affacciarsi su questo incanto e conoscerne qualche
dettaglio storico grazie allaccompagnamento di ottime guide. La bellezza
delle isole Borromee stata esaltata dal bel pomeriggio di sole, comparso a
salutare la comitiva in barca sul lago dopo una mattinata un po grigia e, il
giorno successivo, lescursione nel magnifico parco di Villa Taranto non
stata disturbata ne dal sole ne dalla pioggia preannunciata dai bollettini meteo. Dopo le magnificenze delle residenze Borromee, lincanto dellIsola dei
pescatori, il parco di Villa Taranto riuscito ad emozionare anche chi non ritiene di avere il pollice verde. Colori, architetture, storie di vita testimoniate
dallinfinita variet di piante e fiori hanno davvero deliziato gli animi dei gitanti. E, in fondo, dopo il gusto per le nuove conoscenze trasmesse dalle guide
turistiche, queste gite si ricordano soprattutto per le emozioni che riescono a
suscitare nei partecipanti: il gusto di stare insieme, di condividere meraviglie, la scoperta di nuovi luoghi, la sorpresa di
trovare in comitiva persone che si erano perse di vista da anni, sono tutti ingredienti che garantiscono la riuscita delle
gite dellAuser e, mescolati con la bellezza dei luoghi visitati, danno un risultato finale che sicuramente fa sottoscrivere
ai partecipanti la famosa frase di Stendhal: se per caso si hanno un cuore ed una camicia, bisogna vendere la camicia
per vedere i dintorni del Lago Maggiore.
In foto: la comitiva nei giardini dellIsola Bella
IN CANTIERE. Se ne discorre da tempo e in corriera stata lanciata lidea di organizzare una visita al Quirinale ed
ai suoi giardini. Per valutare la fattibilit delliniziativa, lAuser invita tutti gli interessati a far conoscere la propria opinione su questa idea. Se il riscontro sar positivo il viaggio a Roma potr essere studiato con maggior dettaglio, tenendo conto che nel prossimo anno la Capitale ospiter anche il Giubileo. I potenziali interessati facciano conoscere
quanto prima il loro gradimento ai responsabili del Circolo Auser Al Caminetto Telefono 0439.787861

CRONACA

Alla stazione di Fener ancora un transito


della 685, la regina delle locomotive
di Silvio Forcellini
A circa un anno di distanza dal precedente passaggio
(era il 25 aprile 2014), lo scorso 13 settembre nuovamente transitata per la stazione di Fener quella che
unanimemente considerata la regina delle locomotive,
la famosa e potente 685 alla quale, negli anni Trenta
del Novecento, era affidato il traino dei pi importanti
direttissimi e di convogli di prestigio come il Simplon
Orient-Express tra Milano e Venezia. Le vaporiere del
gruppo 685, costruite fra il 1912 e il 1928 su progetto
dellUfficio Studi di Firenze, furono infatti protagoniste
indiscusse della grande trazione a vapore e vennero
utilizzate in tutta Italia alla testa dei pi importanti e veloci treni passeggeri sulla rete principale. L'estetica delle 685 ha rappresentato, a parere quasi unanime,
lapice della scuola italiana nella progettazione delle
vaporiere. La grande diffusione e longevit del gruppo
ha fatto della 685 la pi rappresentativa delle locomotive veloci (pu raggiungere una velocit massima di
120 km/h per 1250 CV) del nostro paese. Ne furono
fabbricati - in cinque serie - 391 esemplari, che hanno cessato il servizio regolare a met degli anni 70 con la progressiva
elettrificazione della linea (la 685 alimentata a carbone, caricato a bordo in quantit massima di 6mila chilogrammi e
che produce, grazie allacqua contenuta in un serbatoio di 22mila litri, il vapore necessario per il movimento). Attualmente
ne circolano - alla testa di convogli storici - solo due, la 685.089, custodita nel deposito di Pistoia, e la 685.196, custodita
a Verona. Questultima quella che abbiamo potuto ammirare a Fener, partita da San Nazario e diretta a Feltre grazie
alliniziativa dellassociazione culturale storico ferroviaria La Carrozza Matta. La foto che proponiamo si riferisce al passaggio mattutino a Fener.

Due corsi dinglese ad Alano in Villa Cinespa, a partire dalla met di ottobre

Con Libero Pensiero its English time!


di Silvio Forcellini
Lassociazione Libero Pensiero organizza, per il prossimo autunno, due corsi dinglese: il primo
(il marted sera dalle 20 alle 22,
prima lezione il 13 ottobre) per tutti quelli che qualcosa di inglese
gi lo masticano ma che vorrebbero approfondire e solidificare le
proprie conoscenze grammaticali
e di conversazione; il secondo (il
mercoled sera dalle 20 alle 22,
prima lezione il 14 ottobre) per tutti quelli che allinglese non si sono
mai avvicinati o che vogliono ripartire dalle basi per arrivare a
padroneggiare un buon livello di
conversazione base. Per ogni
corso sono previsti 8 incontri per
un totale di 16 ore (i corsi saranno
attivati con un minimo di 7 e un
massimo di 12 partecipanti per
gruppo, mentre il giorno di lezione
indicato potrebbe variare in base
agli iscritti e alle loro necessit).
Iscrizioni entro luned 5 ottobre 2015. Per informazioni e iscrizioni: chiamare il 338-3817011, inviare una mail a liberopensiero1@live.it, oppure scrivere un messaggio sulla pagina Facebook di Libero Pensiero. Last but not least, i corsi
dinglese di Villa Cinespa saranno tenuti da Martina Lipia, un nome una garanzia. Lets go!

RASSEGNA STAMPA

Andrea Mondin, di Rivivi la Valle, lancia lallarme. A rischio 720mila euro per valorizzare Schievenin.

Fondi Brancher: Il Comune di Quero Vas si svegli

QUERO VAS. Valorizzare e riqualificare la Valle di Schievenin grazie ai fondi Brancher: a distanza di un anno tutto ancora
fermo, la paura che si possa perdere l'importante finanziamento di quasi 720mila euro. Andrea Mondin, uno dei componenti
del gruppo commissione lavoro ma anche presidente dell'associazione "Rivivi la Valle" nata recentemente per valorizzare questo sito, lancia lallarme. Il Comune riuscito ad intercettare questo finanziamento dei fondi Odi - spiega Mondin - e subito si
attivato per creare una commissione lavoro che potesse sviluppare una progettualit per valorizzare la valle. Commissione che
si per riunita solamente due volte e, dall'ultimo incontro, ormai passato un anno. Da l quindi non ci sono pi stati sviluppi,
nonostante le idee ci siano, e ben chiare. La nostra volont - prosegue Mondin - che i fondi vengano indirizzati alla valorizzazione della palestra di roccia e ai sentieri montani limitrofi per incentivare il turismo della vallata. Inoltre andrebbe previsto un
punto di ristoro/bar oggi inesistente. Anche per il progetto di ristoro le idee sono ben delineate. Dovrebbe sorgere - suggerisce Mondin - lungo la strada principale, in modo da garantire la massima visibilit. Un punto di ristoro che abbia anche un adeguato collegamento internet che possa essere utile sia al gestore per promuovere l'area e le iniziative, sia per i turisti che potrebbero arrivare. Mondin ha in questi giorni inviato una lettera al comune di Quero Vas spiegando la sua urgenza con l'intento
di sollecitare l'ente a portare avanti il progetto.
da Il Gazzettino del 9 settembre 2015

Il prefetto ha inviato la richiesta al ministero per trovare una soluzione alla crisi finanziaria.
Zuccolotto: Il piano di ristrutturazione del debito sar lacrime e sangue.

Ima Ferroli, serve un piano industriale

ALANO DI PIAVE. E urgente un incontro al Mise. E a rendersene conto sono anche


il prefetto e i sindaci del Feltrino. Proprio questi ultimi, insieme alle organizzazioni
sindacali, hanno fatto fronte comune nel corso dellincontro svoltosi ieri mattina a
Palazzo dei Rettori. Un tavolo durato oltre due ore, in cui si parlato della preoccupante situazione della Ferroli di Alano di Piave. Sotto, in piazza Duomo, un presidio
organizzato da un gruppo di una cinquantina di lavoratori della realt attiva nel settore del riscaldamento e del condizionamento residenziale e industriale. Presenti
anche alcuni rappresentanti dellazienda, da cui per non abbiamo avuto alcuna
risposta, ha precisato Luca Zuccolotto, segretario provinciale della Fiom Cgil. Insieme ai primi cittadini presenti al tavolo abbiamo chiesto che venga convocato con
urgenza un incontro al Mise. Il prefetto invier la richiesta gi oggi (ieri per chi legge). C infatti differenza tra un piano industriale presentato dal Governo e uno presentato dal tribunale (si vedano i casi Acc diventata Wanbao e la Form entrata in Albertini). La Ferroli, infatti, dall8 giugno ha
avviato una procedura di concordato preventivo in bianco. Il caso dellazienda, che conta 137 dipendenti, in mano al tribunale
di Verona, che ha in carico anche il procedimento fallimentare per la ristrutturazione del debito. Il gruppo che comprende anche
lo stabilimento alanese ha unesposizione con le banche di oltre 300 milioni di euro, senza contare i creditori, per cui si aggiungono 50-70 milioni. Le attuali condizioni finanziarie non permettono di procedere alla produzione di numerose commesse.
Allinizio dellanno ha manifestato il proprio interesse un nuovo investitore, Oxy Capital, che ha gi versato 20 milioni di euro,
domani (oggi per chi legge) dovrebbero arrivarne altri 12, ha commentato Zuccolotto, che aggiunge: Il 6 ottobre dovrebbe
essere presentato il piano di ristrutturazione del debito e il tribunale ha poi 30 giorni di tempo per lomologa. Ed ovvio che se il
tribunale prepara un piano terr conto di un unico aspetto, ossia i soldi che devono essere dati ai creditori. E questo significher
lacrime e sangue per i lavoratori. Per questo deve esserci un intervento da parte del Governo. Oggi siamo nel limbo perch
non c un interlocutore vero, ha fatto presente Antonio Bianchin, segretario Fim Cisl di Belluno-Treviso. Chiediamo un piano
industriale da un anno e mezzo. Fino a quando non ci sar lincontro al Mise saremo attivi su tutti i canali. Vorremmo anche incontrare lamministratore delegato Milanello. In Prefettura ieri cerano i sindaci di Alano di Piave, Seren del Grappa, Feltre e
Fonzaso. Continueremo a spenderci attraverso il canale politico. Noi primi cittadini del Feltrino ci siamo messi in moto, insieme
anche a quelli dellAlto Trevigiano, ha evidenziato Serenella Bogana. La propriet non si mai fatta vedere con
lamministrazione comunale. Di questo teniamo conto. Intanto noi abbiamo preso contatti con lassessore regionale Elena Donazzan. Personalmente mi impegno fino allultimo per avere risultati concreti. La questione Ferroli preoccupante e dobbiamo muoverci con coesione, ha messo in risalto il senatore Giovanni Piccoli. I lavoratori dellazienda provengono da 12 Comuni, ha fatto eco Dario Scopel, sindaco di Seren. Il territorio deve fare squadra. Sono gi troppe le difficolt che dobbiamo
fronteggiare.
da Il Corriere delle Alpi dell11 settembre 2015

Situazione gravissima, se non si rispettano i tempi si chiude

Rsu Ima Ferroli: Gli ordini ci sono ma non si lavora


ALANO DI PIAVE. Quel che pesa lincertezza. Non vengono date risposte precise e ci troviamo in un limbo. C tristezza e
preoccupazione tra i lavoratori, come fanno presente i delegati Antonio Garau (Fiom Cgil), Marco Nani e Mauro Zuglian (Fim
Cisl). La situazione gravissima. E il controsenso che la nostra azienda ha mercato e clienti, ma rischia di perderli a causa
degli eccessivi ritardi nella consegna. Perdere clienti significherebbe chiudere lo stabilimento. Lo stato di cose ha subito una
picchiata da quando, lo scorso anno, stato tolto lintegrativo, ha commentato Domenico Vieceli di Fonzaso, che lavora alla
Ferroli da 26 anni. In pi, la morte di Dante Ferroli ha accelerato le conseguenze negative di una situazione gi grigia. In ogni
caso, lazienda lesempio di una realt che potrebbe funzionare ma che stata mangiata dalla finanza. Ora lazienda ha individuato dei mini piani di investimento tenendo conto delle precise indicazioni del tribunale. I lavoratori (120 operai e 17 impiegati) sono in cassa integrazione straordinaria, a zero ore, dal mese di luglio. Prima ancora, le 52 settimane della ordinaria. In

RASSEGNA STAMPA

questi anni il lavoro stato intenso per portare miglioramenti alla produttivit al fine di fornire al cliente un prodotto di alta qualit, oltre a un servizio efficiente, hanno detto ancora i delegati. Speriamo veramente che tutti i sacrifici fatti non vengano vanificati.
da Il Corriere delle Alpi dell11 settembre 2015

Nel bottino anche coltelli, rotoloni di carta e unidropulitrice: in tutto 2mila euro

Caorera: ladri golosi alla Pro Loco,


rubati salami e zucchero

CAORERA. Ladri golosi forzano la porta della cucina della Pro loco di Caorera e fuggono nella notte con salami e zucchero non
prima di aver rubato anche rotoloni di carta, alcuni flaconi di detersivo e unidropulitrice. In tutto il bottino si aggira intorno ai
2mila euro. Il raid, portato a termine tra gioved e venerd, stato scoperto dal presidente Walter Zanella ieri intorno a mezzogiorno quando si recato al deposito cucina adiacente al capannone montato per le varie manifestazioni. Subito - spiega Zanella - mi sono accorto che la porta che si trova nel retro era stata sfondata. I ladri si sono cos introdotti all'interno, dove hanno
rubato la macchina del caff e le cialde, i salami, i pacchi di zucchero, i flaconi di detersivo, gli strofinacci, i rotoli di carta assorbente ed i coltelli grandi da cucina. Ci hanno sottratto anche l'idropulitrice e un lavandino che erano per all'esterno della struttura. I malviventi hanno quindi fatto piazza pulita, ma per Zanella la scelta della refurtiva non stata casuale: Hanno sottratto
alcune cose, ma si sono disinteressati ad altre di valore, come l'affettatrice, la bilancia, un carrello di 3 chili che ha per un costo
elevato. Una scelta mirata o forse, i ladri, sono stati disturbati da qualcosa o qualcuno. Sul caso stanno indagando i carabinieri
della compagnia di Quero Vas. Lipotesi che i ladri siano persone della zona. La ProLoco di Caorera era gi entrata nel mirino
dei ladri: Un paio di anni fa - conclude il presidente - abbiamo subito due furti in poco tempo. In quelle occasioni ci avevano
sottratto le costate pronte per essere messe sulla griglia ed attrezzature varie. Un nuovo colpo quindi al mondo del volontariato
del comune di Quero Vas. Nei primi giorni di settembre infatti, ignoti si erano introdotti nei magazzini della ProLoco di Quero rubando bibite, alimentari e terrine. Nella stessa notte del furto ai magazzini della ProLoco di Quero, i ladri erano entrati anche
nella palestra, sottraendo al gruppo sportivo Astra una cassa amplificata dal valore di 400euro e circa 50 euro in contanti.
da Il Gazzettino del 12 settembre 2015

Alano, in 184 alla Insieme per la vita


ALANO DI PIAVE. Insieme per la vita. Ad Alano di Piave sono scesi per le strade ben centottantaquattro atleti che si sono affrontati nella ventesima edizione della pedonata promossa dalla sezione di Alano dei volontari donatori del sangue. Gli organizzatori hanno predisposto due diversi tracciati. Il pi lungo si sviluppava per quasi tredici chilometri. Su questo percorso hanno
primeggiato Dimitri DInc in ambito maschile e Gloria Scarton in quello femminile. Per quanto riguarda il tracciato pi breve, di
circa sette chilometri, il primo posto andato ad Ermes Rosolen tra gli uomini, a Patrizia Zanette tra le donne. Per quanto riguarda i pi giovani, Alessandro Babaian e Martina Rizzotto sono stati i pi veloci nella fascia 2002-2004, cio quella che comprendeva i ragazzini tra gli undici e i tredici anni. Per i ragazzi nati tra il 1999 e il 2001, ossia coloro che hanno tra i quattordici e
i diciassette anni, i migliori sono stati Simone Zancaner per quanto riguarda la classifica maschile e Maggie Lombardi per ci
che concerne la graduatoria femminile. Si corso lungo le strade alle pendici del monte Grappa e gli organizzatori hanno registrato, anche questanno, un numero di adesioni davvero importante. Nella stessa occasione alcuni atleti alanesi hanno ricevuto
altri riconoscimenti per aver partecipato con successo al Glory Trail di qualche settimana fa. Gli atleti premiati sono Placido
Mondin, Alessandro Zancaner, Luca Dal Canton, Claudio Tonin e Fernanda De Faveri. Alla cerimonia delle premiazioni hanno
partecipato lassessore Angelo Zancaner e il sindaco Serenella Bogana. Questi i primi piazzamenti nelle differenti categorie della ventesima corsa Insieme per la vita: 13 chilometri maschile: 1. Dimitri DInc, 2. Damiano Mazzocco, 3. Cristian Andreatta. 13 chilometri femminile: 1. Gloria Scarton, 2. Sara Soccol, 3. Silvia Chetta. 7 chilometri maschile: 1. Ermes Rosolen, 2.
Alessandro Zancaner, 3. Alessandro Bellucco. 7 chilometri femminile: 1. Patrizia Zanette, 2. Daniela Todoverto, 3. Rachele
Tuser. Categoria D maschile: 1. Alessandro Babaian, 2. Enea Ferraro. Categoria D femminile: Martina Rizzotto. E maschile: 1. Simone Zancaner, 2. Davide Lovatel. E femminile: 1. Maggie Lombardi, 2. Jessica Sinameta, 3. Emma Fuser.
da Il Corriere delle Alpi del 13 settembre 2015

La cantante Silvia Mazzocco batte tutti a Nova Gorica


QUERO VAS. Silvia Mazzocco ha sbancato il Perla di Nova Gorica. La diciottenne cantante di Quero
ha infatti vinto il primo posto della categoria cover, nellarena del casin sloveno, durante la finalissima
della 30 edizione del concorso canoro Vota le Voci. Nato nel 1986 a Padova su idea di Enzo Amorini,
questanno dopo sette tappe in Veneto il contest coordinato da Matteo Tisato e Sandro Sartori ha terminato il suo percorso in terra slovena, varcando il territorio nazionale per la prima volta nei suoi tre decenni di storia. La serata stata realizzata in collaborazione con lagenzia Bker di Nova Gorica. Silvia
Mazzocco con la sua voce e la sua versione di I surrender ha convinto fino in fondo la giuria che lha
premiata con il primo posto di categoria, davanti a Jessica Tozzato e a Carol Magagna. Silvia Mazzocco ha commentato con entusiasmo il primo posto nella competizione canora: E stata una vittoria
combattuta e bellissima quanto inaspettata. Era da tanto che cercavo il pezzo giusto, il quale esprimesse tutta la mia voglia di cantare. E stato un bel percorso, molto piazze, molti volti, anche se purtroppo
non ho potuto partecipare a tutte le tappe. Ho trovato dei compagni di viaggio splendidi, e altrettanto
buoni rivali. Sono felicissima di questa esperienza e spero di viverne altre cos. Ringrazio tutti, Vota le
Voci, l'organizzazione, mamma e pap per i sacrifici e tutti coloro che ci hanno creduto come me
da Il Corriere delle Alpi del 13 settembre 2015

10

CENNI STORICI

Risale al 1839

E dellalanese Giuseppe Nani il progetto


di sghiaiamento del canale Brentella
di Silvio Forcellini
Sul Tornado n. 652 ci eravamo occupati a grandi linee della storia dellOpera di Presa
di Fener e del Canale Brentella, la cui costruzione inizi - per volere della Serenissima nel 1436 e si protrasse per circa dieci anni. Forse non tutti sanno, per, che per la successiva, e necessaria, opera di sghiaiamento del Brentella esiste un progetto redatto
nel 1839 dallalanese Giuseppe Nani (per la precisione: Progetto conducente a rendere perenne in qualunque emergenza il Canale Brentella che bagna lalta pianura del
Trivigiano). Un progetto davvero ambizioso, che consentiva di superare il frequente
impedimento causato dalla ghiaia portata dalle piene del Piave.
Cos scriveva al riguardo su Il Gazzettino del 6 settembre 1951 un altro illustre alanese, il maestro Cristiano Codemo Menoli, che per anni abbiamo avuto il piacere di annoverare tra i collaboratori de Il Tornado: Nel 1939 il Nani dimostr come il difetto fosse
radicale e nel suo progetto dice: Ho creduto di dover allontanarmi dallantico metodo di
costruzione per appigliarmi a un provvedimento di miglior effetto La massima che
veniva adottata in addietro era per s fallace e ogni modificazione doveva di necessit
riuscire inattendibile, se il canale non era sistemato con nuovi criteri allimboccatura del
Piave (localit Molinetto).
Nel suo progetto il Nani dimostra come si doveva conservare la presa del Molinetto curando che fosse sempre scevra di congerie per mantenere sempre costante una quantit dacqua del Piave, sufficiente alla formazione del canale attaccato alla ala destra
del punto suddetto, documentando tutti i difetti della presa esistente, che richiedeva
lunghe operazioni, durante le quali restava sospesa la corrente del Brentella e come
necessitava non mutarne le porte, ma la forma e la posizione.
Interessante la dimostrazione del Nani circa gli otto pilastri di pietra viva (allimboccatura del Molinetto) legati ad un architrave,
in opposizione ai quattro pilastri allora esistenti e come ancora si poteva respingere ghiaia ed oggetti galleggianti in tempo di
massima piena. Tratta pure come le chiavi dellacqua erano soggette a marcire e bisognose di continui restauri, e come dovevano essere sostituite da colonne cilindriche di pietra viva, per ogni sperone, formate queste di tanti massi da perforarsi nel loro
centro, e sovrapposti gli uni agli altri fino alla sua architettonica struttura ed altezza da riempirsi di piombo liquefatto e daltra
equivalente materia, in guisa tale che di tante forme venga ad erigersi un solo stipite colossale, indissolubile e resistente a qualsiasi urto. Nella sua trattazione troviamo descritte la pendenza e la forza dellacqua del Piave che giunto alle pi laute parti fra
Pederobba e S.Vito di Valdobbiadene si divide in diversi rami e come nessuno attacchi alla sponda favorevole per cui si rendeva indispensabile convogliarne lacqua ad opportuna distanza.
Insomma, il nostro illustre concittadino Giuseppe Nani - padre di quellAntonio Nani maestro dellarte del bulino - dimostr di
possedere una mente e una capacit inventiva non comuni. Non a caso fu pi volte premiato per le sue opere e le sue applicazioni in campo industriale. Il 12 febbraio 1817, ad esempio, ricevette dalle mani di Pietro Conte di Goss, governatore delle
Provincie Venete, e nelle sale del Palazzo Ducale di Venezia, la medaglia dargento per gettito dacqua procurato colla marea
nel corso della distribuzione dei prestigiosi Premj dIndustria al concorso delle Arti e dellIndustria Nazionale. Nel 1830 il Nani
presentava anche un progetto di costruzione de cammini preservatori del fumo e ripiego ai male costrutti, progetto poi adottato nelle citt di Treviso e di Venezia per eliminare il fumo dagli antichi e sontuosi palazzi. Si dice pure che il Nani - che collabor
ad altri progetti relativi a canali nel Veneziano - progett e diresse i lavori per la Darsena di Venezia (ma di questo, per ora, non
abbiamo documenti confermanti la veridicit della notizia).
Di seguito - consegnatoci dal suo discendente, il nostro affezionato lettore alanese Antonio Nani - pubblichiamo integralmente la
relazione che accompagnava il progetto di Giuseppe Nani relativo al Canale Brentella.

Progetto conducente a rendere perenne in qualunque emergenza


il Canale Brentella che bagna lalta pianura del Trivigiano
di Giuseppe Nani
Di quale e quanta importanza sia il Canale Brentella che fa parte della Piave, da cui si leva nella comune di Pederoba, nel sito
nominato il Molinetto, e che di l si estende e percorre lungo tratto della Provincia, mettendo in movimento gli edifizj ed inaffiando i terreni, abbastanza noto agli abitanti di quella parte di Provincia che ne bagnata, perch se ne possa fare il calcolo conveniente.
Il corso per di questo canale quantunque indispensabile allirrigazione ed al mantenimento di oltre a cinquanta villaggi della
Provincia, tuttavia incerto atteso il frequente impedimento causato dalla ghiaja che si unisce in molta copia in tempo di massima piena nel Piave al punto della sua introduzione nellalveo proprio, ed atteso il conseguente allontanamento e divisione
dell'acque del Piave dal punto stesso.
Le Comuni interessate e per esse le Autorit competenti a salvezza e mantenimento perenne di s util canale si prestavano in
ogni tempo con le loro pi solerti osservazioni affine di sottrarre Iimboccatura dellacquidotto dallinghiajamento; ma essendo
radicale il difetto non potevano riuscire nel loro intento. La massima che veniva adottata in addietro era per s fallace, e quindi

11

CENNI STORICI

ogni modificazione doveva di necessit riuscire inattendibile. Diffatti, come poteva mai darsi che le pi serie applicazioni, le cure, i ripieghi e i trovati di tanti valentuomini avessero sempre a riuscire di niun frutto ove non fosse stato radicale il difetto? Ci
posto, ho creduto di dover allontanarmi dallantico metodo di costruzione per appigliarmi ad un provvedimento di miglior effetto,
ed quello appunto che ora mi accingo di portare a comune conoscenza affinch ogni interessato nellargomento possa trarne
profitto, provocando la benignit di chi presiede al consorzio a voler prendere in considerazione il mezzo chio offro quanto
semplice altrettanto utile e certo, come ognuno potr rilevare nel corso brevissimo della presente memoria.
E prima di trattare intorno lintroduzione del canale Brentella nellalveo proprio da me ideato ho creduto opportuno di dimostrare
con prove evidenti e palmari che le antiche porte esistenti non avrebbero mai potuto corrispondere alleffetto cui sono destinate,
mentre ad ogni riflessibile escrescenza di acqua nel Piave tanta la ghiaja che saduna al punto della sua introduzione, che
convien chiuderne le porte acciocch linteriore non rimanga colmato, e con questa dimostrazione mi sar agevole spiegare gli
effetti utili e sicuri del mio progetto in confronto dell'antico operato.
Due sono in principalit i mezzi per ottenere perenne il canale Brentella. Il primo quello di conservare il punto dintroduzione
sempre aperto e sempre scevro di congerie, e l'altro di mantener sempre costante una quantit dacqua del Piave sufficiente
alla formazione del canale attaccato alIala destra fino al punto suddetto.
Le porte dintroduzione del canale Brentella nellalveo proprio che esistono presentemente sono le pi proprie alloggetto, ma
sono tali solamente quando le acque del Piave sieno di unordinaria altezza, e quando tengano un cammino regolare e costante, e che non portino seco materie dinterrimento; allora per che sono gonfie da straordinaria piena non solamente sono esse
inutili allo scopo, ma ancora affatto contrarie al buon effetto, attesoch alloccasione di fiumana la corrente dellacqua trae seco
una massa importante di ghiaja per cui rendesi indispensabile limmediato otturamento della porta dintroduzione dellalveo proprio, acci la parte sottoposta non rimanga ingombrata.
Egli vero per che chiudendosi con avvertenza la porta dellacquidotto A (Tav.
I.) allor che la piena minaccia dingombrare di ghiaja, linteriore dell'alveo B si
conserva libero dallinghiajamento, ma qual pro di tante cure, se in conseguenza
di tale otturazione lesteriore C viene maggiormente esposto al totale interrimento?
Le acque torbide ed impure che discendono in tempo di fiumana gravi di ghiaja
trovando alIimboccatura esteriore allacquidotto C un angolo onde alleggerirsi
della materia di cui son cariche, la depongono ivi chiudendosi in tal modo da se
stesse la propria strada: ed tale le tante volte linterrimento, e la conseguente
diversione dellacque dal punto dintroduzione, che dovendole poscia rimettere
nellalveo proprio fa duopo eseguire importanti e lunghe operazioni, durante le
quali le comuni sottoposte rimangono prive del benefico Brentella, il che non accadr ove chi conosce gli effetti del proposto progetto abbia influenza bastante
da poter promuovere merc tal opera il bene de suoi conterranei.
Quanto al sito in cui costruire le nuove porte dellacquidotto Brentella nulla da
dirsi, dovendo esser quello stesso delle porte vecchie esistenti, o di l a pochi
metri, per cui non occorre altra operazione fuor che cambiarne la posizione e la
forma.
La punta del murazzo antico esistente A (Tav. II.) e lo scoglio al nord di detto
murazzo ossia piede del monte formato dalla natura a frontiera, o vogliamo dire
a scarpa B, sono i due punti laterali o pilastri fra i quali sorger una lunga apertura C, e fra questa saranno erette le nuove porte dingresso del Brentella. La punta del murazzo al sud A far le parti di uno dei
pilastri laterali, e laltro laterale al nord B sar quello di viva pietra incassato e ben fitto nello scoglio suenunciato B. Fra i due pilastri o punti laterali sar collocata una soglia colossale di viva pietra sotto le ghiaje in guisa che la sua superficie, o piano orizzontale, venga ad essere a livello della stessa ghiaja, e sia ben presidiata come conviensi ad opera di tanta solidit D. Sopra il
piano orizzontale di questa grande soglia saranno fitti otto grossi altri pilastri, di viva pietra pur questi, in ripartite distanze eguali
incassati a semisquadra, cio posti alquanto a seconda dellacque che debbonsi introdurre nellacquidotto, e questi pilastri dovranno esser legati dal suo architrave della medesima pietra in tutta la sua dimensione da uno allaltro pilastro, laltezza de quali compreso larchitrave sar livellabile col murazzo antico A, giacch oltre questo il Piave non giunse mai.
In forza di tali operazioni fra i due laterali estremi e loro intermezzi sorgeranno otto finestre per le quali passer quella porzione
di acque del Piave che forma il canale Brentella. Ed affinch non sintroducano le acque gravi di materia ghiajosa capace
dingombrare lalveo sottoposto le finestre saranno socchiuse a mezzo di tante inferriate composte di grossi bastoni di ferro, e
poscia di altrettante ramate cos fitte che permettano lingresso alle sole acque depurate.
E' cosa evidente che allora tra i due laterali estremi e le finestre ferrate e ramate sorger una parete di egual dimensione dove
le acque batteranno con veemenza, e che in tempo di alluvione, non trovando pi il solito ripostiglio in cui solevano deporre la
ghiaja onde eran cariche, conserveranno il loro corso, portando seco con egual veemenza anco le ghiaje, giacch per le finestre non possono entrare che le acque depurate.
Lespediente dei pi semplici e del pi sicuro effetto. Tuttavia amo di confermarlo ed aggiungervi i provvedimenti come segue.
Dalla punta del pi volte menzionato murazzo A a traverso della corrente, per la dimensione di circa dodici metri, sar fitta
unaltra soglia colossale egualmente solida E a livello di quella gi posta sul limitare, o ingresso del canale, la quale servir a
mantenere la corrente sempre uniforme, affinch uniforme ed eguale si mantenga il canale Brentella. La seconda delle due addizionali sar quella di confinare una chiave quadrilatera della lunghezza della parete, e questa sar fermata da ferrea catena
allo sperone o pilastro superiore al nord B. Tale chiave fermata al punto superiore e libera nel resto, dovr necessariamente
galleggiare a pelo della corrente, e bench sembri a colpo docchio un presidio palliativo, non lo per in fatto, mentre quel

12

CENNI STORICI

corpo che galleggiando a pelo cos della corrente medesima ha facolt bastante di respingere gli oggetti erranti che in tempo di
massima piena nel Piave sogliono vagare alla rinfusa a galla delle acque fluttuanti, e i quali avendo libero il corso urlano nella
chiave galleggiante e si sfiancano assai facilmente prendendo novella direzione, senza recar danno alcuno alla parete.
Questo quanto ho trovato di proficuo intorno alla radicale modificazione da me imaginata, che mi lusingo adottabile, sicch
non mi resta altro che occuparmi per la seconda delle cause proposte, che costituiscono il Brentella nello stato di assoluta perennit, ed quella appunto di costringere una sufficiente quantit di acque occorrenti alla formazione del canale a starsene attaccata allala destra del Piave per poter averla continuamente al punto della sua introduzione.
E naturale tendenza de fluidi di portarsi ad occupare la maggior profondit dellessere che bagnano, al cui scopo sono sempre
diretti; e trattandosi delle acque di corso veemente e rapido hanno quella ancora di accavallarle le une sopra le altre, secondo il
maggiore o minore declivio o discesa, e secondo la maggiore o minore veemenza di corso, come anco secondo la forma del letto che percorrono. Qualunque per sia il movimento loro egli sempre relativo a quellessere che lo qualifica. Percorrendo infatti le acque di corso rapido un letto regolare, avranno il corso regolare, e se scabroso tale sar ancora il corso dellacque gi poste in agitazione dalla scabrosit del letto stesso. E qui non pretendo io gi di spiegare tutti gli andamenti delle acque causati
dai diversi corpi che lo divertono, spiegazione questa superiore alla scarsezza de miei lumi, ed anco non del tutto necessaria
all'argomento. Tratto soltanto della parte relativa al Brentella, in modo conciso, e in via approssimativa, senza occuparmi gran
fatto di pi precisi calcoli ed indicazioni.
Il Piave, il quale in unione ad altri fiumi e torrenti, che hanno la loro foce in varii punti lungo il cammino, tra cui sono pi considerabili l'Ansiei, la Baite ed il Cordevole, giunto alle pi laute parti tra Pederoba e S.Vito di Valdobbiadine, si dilata qua e l in molti
e diversi rami, nessuno dei quali le tante volte attacca alla sponda favorevole, per cui si rende indispensabile landarle a raccogliere a grande distanza per poter formare il canale di cui si tratta, e ci mediante provvisorie dighe operate, le quali vengono
ordinariamente formate a cono oppure a cavalletto, che si empiono e caricano di cogoli, altrimenti ciottoli, in molta copia col
esistenti; ma son esse per sempre soggette in ogni escrescenza di acqua a seguir la corrente, lasciando per ci il Brentella in
bala, per cos dir, di se stesso.
E per anche vero, che in tempo di massima piena, trovandosi in tutta la estensione delle ghiaje le acque del Piave, se ne trova
per conseguenza gran parte anche attaccata alla favorevole sponda, ma che importa se cessata che sia la piena si ritirano le
acque dove la stessa piena ha formato In quellincontro un maggior declivio? Trovando le acque appiedi della sponda quegli
strati sporgenti di viva pietra che le respingono sono costrette a cambiar direzione, allontanandosi tal volta dal punto della sua
introduzione in tal guisa, che per rimetterle in direzione si rendono indispensabili le predette lunghe operazioni, durante le quali
resta sospesa la corrente del Brentella. Affine quindi di poter evitare anco questo secondo inconveniente, siccome il primo, non
che le spese pi onerose e tuttavia incerte, e giovare alle sottoposte Comuni, baster levare dal piede del monte quegli strati
sporgenti di viva pietra, e ci dal livello inferiore delle ghiaje fino allaltezza a cui sogliono giungere le acque in tempo di fiumana, i quali strati convien levarli in guisa che il piede inferiore della sponda di presente a scarpa diventi strappiombante o contrascarpa, al contrario dellora esistente, per cui ottenere bisogna internarsi maggiormente nel levare gli strati sottoposti onde formare quel declivio o bassura che obblighi le acque ad aderire alla sponda per mantenerle col fino al punto della sua introduzione.
Sono questi i pochi cenni sul progetto che mi sono proposto, e che spero favorevole agli interessati, progetto che render costante e perenne il canale Brentella in qualsiasi circostanza.
Avendo finito di ragionare sul mezzo che conduce a render perenne questo Brentella, non dispiaccia al lettore chio accenni,
come cosa non affatto estranea allargomento, qual argine meglio convenga a presidio delle tenute soggette alle irruzioni de
torrenti e fiumi di corso veemente e rapido.
Largine a diga che usavasi oltre alla met del secolo cessato a presidio delle tenute soggette alle alluvioni veniva formato a
guisa di un cassero, di chiavi del pi consistente legno, che empivasi di grossi macigni, eretto in forma verticale, e con parti acute nelle sue estremit, e di questi se ne veggono tuttora. A prima giunta pareva meraviglioso un tale riparo, perch incontrando
le acque fluttuanti di fronte ne spezzava londe; ma non lo era per in fatto, mentre a guisa di un vortice attraeva quanto avea
sotto di s di movibile, lasciando al calar della piena un declivio atto a provocare continuamente le acque a piegare a quella parte, e ci a rischio di far crollare ed anco sfasciare la diga stessa. Siffatto riparo era dunque contraoperante alleffetto di presidiar
tenute soggette alle alluvioni. Questo il corpo favorevole al nostro caso che quello di richiamar le acque e di conservarne col il corso. e non quello di difendere una tenuta, mentre in questo caso conviene operar molto diversamente.
La diga infatti da erigersi a presidio delle tenute soggette al rovinar dellacque, anzich esser verticale, con parti acute e provocanti, ed in diretta opposizione al corso dellacque suscitanti fiero contrasto coi flutti, devessere riflessibilmente a scarpa o sia di
fronte o sia di fianco. Le acque ad un corpo formato in tal guisa si presentano s, ma non trovando dichiarato contrasto lo assalgono anco fin oltre al loro livello naturale, portando seco di quella materia terrea di cui son cariche in tempo di fiumana senza
lottare colla corrente, e tornano poi a discendervi placidamente lasciando sopra Iargine, gi prima solito, parte di quella materia
terrea capace alla coltivazione di un arbusto il quale poscia diramatosi in altri, e cresciuto di mole, serve egli stesso di argine
contro il minaccioso torrente o fiume fluttuante.
Queste stesse o poco dissimili osservazioni io le ho portate anco sopra gli speroni di sostegno ai ponti di legno di vasta mole.
Formano pur essi, compresi i loro sporgimenti, a fronte e a tergo una lunga parete dove le acque correnti e rapide urtando ne
aumentano il corso, e se invece di correre rettamente fra le stillazze, altrimenti spartiacqua, vi precipitano con obbliquit di corso, a tergo dello sperone vi nascer leffetto sopraindicato, per cui non passer gran tempo che a questi speroni formati da una
quantit di chiavi soggette a marcire e bisognose di continui ristauri, verranno sostituite due colonne cilindriche di viva pietra,
per ogni sperone, formate queste di tanti massi da perforarsi nel loro centro, e sovrapposti gli uni agli altri fino alla sua architettonica struttura ed altezza da empiersi di piombo liquefatto o daltra equivalente materia, in guisa tale che di tante forme venga
ad erigersi un solo stipite colossale, indissolubile e resistente a qualsiasi urto; come non andr guari che di questi massi petrosi
cilindrici se ne faranno percorrere sopra le strade che vengono tutto giorno erette e riattate ovunque per conficcare nel suolo le
ghiaje, appianare le glebe che ritengono stagnanti le acque pluviali, che rendono soffice il terreno, consolidarne e conguagliarne
la superficie, e renderle comode a viaggiatori senza incontrare grave dispendio in ghiaje e mano dopera.

13

LETTERE AL TORNADO

Reset 2015: i ringraziamenti di Libero Pensiero


Come sempre non possono bastare due righe per ringraziare doverosamente la disponibilit ed il lavoro di volontariato
delle personema ci proviamo. Il RESET festival organizzato dallassociazione Libero Pensiero giunto al quinto
anno, e questo piccolo, ma allo stesso tempo grande traguardo, lo si potuto raggiungere con il contributo di tante
persone. Innanzitutto un primo grazie a chi ha consentito di partire con il festival, chi ci ha dato aiuto burocratico,
logistico e tecnico. Un ringraziamento a tutti i nostri sponsor, quelli sempre fedeli ed i nuovi che si sono aggiunti.
Grazie alla Proloco di Fener, per le strutture a disposizione al Parco del Piave. Grazie al comitato genitori di Alano di
Piave, squadra come sempre affiatatissima. Un ringraziamento speciale alla banda di Alano di Piave, la new entry di
questanno. Grazie alle Proloco di Quero (Quero Vas) ed Alano di Piave, il GS di Alano di Piave ed il gruppo alpini
Valderoa di Alano per le attrezzature. Grazie ai Comuni di Alano di Piave, di Quero Vas e anche al Comune di Feltre;
grazie allistituto comprensivo di Alano e Quero Vas. Infine grazie e ancora grazie a tutti i volontari che hanno messo il
loro tempo nei vari servizi durante le quattro giornate del festival (chiaro che sarebbe impossibile nominarli tutti sono
circa un centinaio!).
Nel post scriptum ringraziamo il gruppo pi numeroso, ovvero tutti quelli che sono passati, e passeranno, a trovarci al
Reset Festival. Vedere tanta gente che si diverte una bella soddisfazione per il nostro impegno.
Si vede da questo lungo elenco che uno degli obiettivi del RESET Festival stato raggiunto, ovvero il coinvolgimento
di tutta la comunit dei nostri paesi, anche questo fatto positivo che ci da la carica per la prossima edizioneah, e
chi ha idee da portare ben accetto!
Per chi volesse far parte dellAssociazione Libero Pensiero o aiutarci in qualche attivit, ecco la nostra mail:
liberopensiero1@live.it www.liberopensiero.org Stay tuned!

Storia del tempo inutile


segnalazione di Marcello Meneghin

Penso che LUANA GORZA sia nota a tutti i lettori del Tornado e che si sappia gi che il film tratto dal suo
splendido libro sar proiettato a Quero il 24 ottobre. Si tratta di un evento importante e tutti noi dovremmo contribuire a diffonderne la notizia affinch abbia quel successo che merita. Allo scopo invito a prendere visione del contenuto del libro e del film e quindi di approfondire fin dora la sua conoscenza su internet cliccando :
http://www.altratecnica.it/indicemiscellaneanuova/miscellaneaindicegenerale/gorza/gorzaott2012.html
Ne resterete senzaltro entusiasti e commossi.

A Caorera, festa dei Carabinieri

CRONACA

(S.C.) Nelle foto Resegati


immortalati alcuni momenti
della Festa della Madonna
del Piave organizzata
dalla Pro Loco di Caorera
e giunta alla sua
cinquantasettesima
edizione. La festa, che
questanno era dedicata
allArma dei Carabinieri, si
svolta a Caorera dal 14
al 16 agosto e ha avuto il
suo clou nella
giornata di
Ferragosto
con
lintervento di
numerose
autorit civili e
militari, la S.
Messa
celebrata da
Don Luigi,
lomaggio al
carabiniere
Lorenzo
Gallina caduto
in guerra, la
processione
fino a Marziai
e gli interventi
musicali del
Coro di
Stramare.

14

CRONACA

La morte di Matteo Rizzotto


(S.C.) Il 6 settembre mancato allaffetto dei suoi cari Matteo Rizzotto, classe 1932, di Campo,
persona stimata e benvoluta come si visto nellultima saluto alla presenza di molta gente e
dei gagliardetti del Gruppo Alpini Valderoa e dellAssociazione ex Emigranti di Alano. Emigrato in Svizzera per ventanni, al rientro in Italia, aveva lavorato prima in imprese edili della zona
e poi alla Ferroli. Sempre molto impegnato nel sociale, ha collaborato a lungo con
lAssociazione ex Emigranti, con la Parrocchia e con la Schola Cantorum di Campo. Alla moglie
Rosa, alle figlie Elvira e Nadia, ai generi e ai nipoti le condoglianze della Redazione. Attraverso
il Tornado la famiglia Rizzotto ringrazia di cuore tutti coloro che le sono stati vicino in questo triste momento.

Dopo 45 anni si ritrovano gli alpini


Diego Mondin e Giovanni Appocher
di Sandro Curto
Nella foto a destra, scattata a Sorriva di Sovramonte lo scorso 11 agosto, il nostro
abbonato Diego Mondin posa insieme con Giovanni Appocher. I due, entrambi
classe 1950, si sono ritrovati dopo ben 45 anni. Nel 1970 avevano fatto la naia insieme nel 7 Alpini, Brigata Cadore, 66 Compagnia, squadra assaltatori del Battaglion Feltre. Diego, attualmente in pensione, vive nel Canton Ticino ma non disdegna qualche puntatina durante lanno al suo paese dorigine, Campo di Alano; Giovanni vive a Sovramonte, dove capogruppo degli alpini di Sorriva-Moline.

Notizie in breve
a cura di Sandro Curto
ASSEMBLEA A.B.M. LAssociazione Bellunesi nel Mondo, presieduta da Oscar De Bona, si riunita, domenica 19 luglio
a Domegge di Cadore, per la cinquantesima assemblea. Ospite donore della giornata Dino Meneghin, il grande campione di pallacanestro nato ad Alano di Piave nel 1950 da famiglia originaria proprio di Domegge dove torna ogni anno per
organizzare dei campi estivi di basket per ragazzi. Meneghin si detto onorato di essere presente e orgoglioso di aver
rappresentato il Veneto e la provincia di Belluno in tutto il mondo.
LA STORIA DI DELFINA LUBAN DA CILLADON Il numero di settembre della rivista Bellunesi nel Mondo dedica una
delle sue storie di emigranti a Delfina Luban, nata a Cilladon di Quero il 9 dicembre 1924 e tuttora vivente. Il figlio Romain
Girardini narra come fino a 21 anni la madre sia vissuta a Cilladon dedicandosi ai lavori agricoli e al pascolo per poi emigrare prima a Milano come donna di servizio, quindi in Svizzera dipendente in un albergo e, infine, in Belgio dove ha conosciuto e sposato Alcide Girardini di Mel deceduto nel 1979.
ALPINI ALLAGRITURISMO CAMOI In occasione del recente raduno triveneto degli alpini di Conegliano alcuni rappresentanti dei
gruppi di Alano di Piave, Cavaso del Tomba,
Possagno e Pozzoleone si sono ritrovati
allagriturismo Camoi gestito dalla nostra abbonata Elisabetta Zancaner residente a Collalto di Susegana ma originaria di Alano. (Foto di
Giuseppe Franzoia).
CERCASI FOTO DELLA CHIOCCIOLA ANNI
80 Lattuale gestore della Locanda alla Chiocciola di Quero alla ricerca di foto del locale
negli anni 80 ai tempi della sua prima apertura.
Se qualcuno ne possiede qualcuna pu consegnarle direttamente a Manuel negli orari di
apertura.
FIERA DAUTUNNO Domenica 11 ottobre
Alano ospiter la tradizionale Fiera dAutunno.
DECESSI Oltre a Matteo Rizzotto, del quale parliamo a parte, sono deceduti ad Alano Angela Marisa Lorenzi di 68 anni,
coniugata col nostro abbonato Onorio Dal Zotto, a Padova Monsignor Luigi De Paoli di 95 anni, Canonico della Cattedrale
e originario di Campo, a Farra di Soligo dove viveva da oltre un decennio Lerida Fusina di 77 anni, vedova di Giovanni De
Faveri di Colmirano. Alle famiglie le nostre condoglianze.

15

CRONACA

Quero: lotteria della Festa di via To 2015

I numeri estratti che aspettano i vincitori


Orologio Brossway da donna (Non solo Gioie) = biglietto bianco via To 135; Oroologio Swatch da uomo (Dal Fabbro)
biglietto = bianco via To 1292: Coppia cuscini (Bortolin) = giallo 602; Buono pasto per due persone (ristorante Prada)
= bianco via To 138; Buono Bravo da 30 = bianco via To 1372; 1 sacchetto Scios bourgogne + buono estetica
Fiorella = bianco 542; Plafoniera + buono estetica Fiorella = bianco 770; Lampada + buono estetica Fiorella = bianco
520; Vaso + buono estetica Fiorella = bianco 230; T-Shirt + buono spesa De Marchi =
bianco 669; Set tazzine azzurre + buono estetica Fiorella = bianco 183; Vassoio + tazzone =
bianco 997; Impermeabile + buono estetica Fiorella = bianco 718; Borsone da viaggio +
buono piega + fissaggio (salone Giuseppe) = bianco
Via To 1437; Quadretto + buono panificio Schievenin
= bianco 756. Per il ritiro chiedere a Corrado Corr.
Nelle foto, scattate da Michele Remor, alcuni momenti
dellestrazione, assistita dal parroco don Alessio.

In Breve
Gli automobilisti lo sanno gi. La stazione Eni di via Feltre, a Quero, ha riaperto i battenti. La
gestione affidata a Edoardo Colla, che propone ai clienti offerte di lubrificanti Api per aziende
agricole e batterie auto. Linsegna ancora quella dellEni.

ATTUALIT

16

LETTERE AL TORNADO

Riflessione sulla festa di San Lorenzo

Lo spirito di un paese
di Luca Turchetto
Se in quel di Alano parli di San Lorenzo, a tutti si illuminano gli occhi: no, non solo per la magica notte sotto le stelle, ma
per quel luogo che d nome anche ad una bella festa, genuina e sentita dove un paese si ritrova. Sar forse il richiamo di
quella conca, dove nel 1300 sulle balze del colle chiamato Castel sorsero i primi insediamenti, o forse la sola voglia della gente di stare bene insieme, e dato che la cosa dura da pi trentanni, mi auguro che duri ancora a lungo.
E io che foresto vedo questa festa da fuori, non ho potuto che farmi rapire dalla magia di quei momenti passati a San
Lorenz. Sono un cacciatore di storie e aneddoti, questo la gente la gente lo sa , e allora capita che vengano di spontanea
volont a raccontarti cose che non sapevi o altre che gi conoscevi ma con qualche sfumatura diversa, allora io conservo
tutto nel taccuino della memoria. Ma quando ad essere raccontata la storia di una festa, e lo fanno in pi persone, con
quellentusiasmo ed orgoglio, allora la cosa si fa viva e la senti sulla pelle, anche perch ci sei dentro mentre la gente si
diverte intorno a te. Allora unisco frammenti di racconto e compongo il mosaico del complesso spirito di un paese. A questa festa ho visto tutti, o meglio tanta gente di Alano, che importa se divisi da idee politiche, o altre avversit, io per un
giorno li ho visti uniti sotto il tendone, ho visto limpegno dei volontari, la voglia di dare un momento di svago a bambini e
anziani, la sana voglia di divertirsi, e musica dal vivo o per ballare, giusto per accontentare tutti. E che importa se qualcuno ha bevuto un bicchiere in pi, da San Lorenzo si torna anche a piedi o solo a piedi perch cos ci si arrivati. Il tutto
sotto un tappeto di stelle, con laria fresca della valle che ristora dal caldo afoso, insomma una bella atmosfera. Scruto i
volti della gente seduta sulle panche, ascolto con attenzione le parole di Giannino che racconta di San Lorenzo nei minimi
dettagli, Valentino aggiunge dettagli e il tutto si completa con il racconto di Francesco, che dai suoi 19 anni la descrive
con giovane entusiasmo, la sentita festa.
E cos io mi porto a casa ancora qualcosa, nella mente e nel cuore, e in breve posso dire di aver colto lo spirito di un paese, ma so bene che non mi baster una vita per carpire ogni segreto di Alano e della sua gente. Io, cercatore errante, ringrazio di cuore per la bella occasione.

Ricordi dinfanzia a Quero

La Meneghina
di Renato Mattavelli
Alla fine degli anni 50, da quando mi sovviene un po di memoria (io sono nato nel 53), era abitudine trascorrere un po di
tempo ogni anno presso i miei nonni materni, nonno Angelo e nonna Fiorina, che abitavano in quel periodo nelle famose
baracchette, le casette costruite nella ricostruzione dalla Grande Guerra in via Spaloa. Quando successo questo episodio ero piccolo, avevo dai 3 ai 5 anni. Dunque, prima casetta a destra i miei nonni, terza casetta a destra cerano i coniugi Meneghin (i nomi non li ho mai saputi). La Meneghina, la moglie (mia madre mi ricordo la chiamava in questo modo), era ai miei occhi una donna alta, capelli sempre scompigliati, ossuta, naso aquilino, con la pipa sempre in bocca, ed
era vecchia (vi annoier ma era quello che vedevano gli occhi di un bimbo di 3-4 anni), vecchia, ma talmente vecchia che
per me era una vera strega. La sua figura mi faceva una paura immensa. Se la incontravo per strada da solo scappavo.
Una volta che con mia madre e mia zia labbiamo incrociata per strada ci siamo fermati, e mentre loro chiacchieravano io
guardavo quella figura di strega con occhi completamente spalancati: da sotto la sua sottanona, lunga fino alle caviglie,
un rivolo usciva sulla strada, magia! Per me era la conferma che era una strega, aveva creato lacqua cos tra i suoi piedi,
perch l non cera la fontana dove andavamo a prendere lacqua col bigl, e non aveva piovuto. Son tornato a casa attaccato alla gonna di mia madre, avevo paura della strega che creava lacqua. Alla sera o il giorno dopo, non ricordo bene, mia madre e mia zia ridevano fra di loro, io mi sono avvicinato e dal discorso che facevano ho capito Ho capito che
la Meneghina non aveva creato lacqua, aveva semplicemente fatto pip mentre parlava, e io che credevo

Pasticcini
in Gelateria Due Valli
Dalla met di settembre, presso la Gelateria Due Valli di Fener, possibile trovare i prelibati pasticcini della Pasticceria Maria Rosa di Bigolino.
Per prenotazioni, chiamare il 328.2152835.

In ricordo di Ulderico Ico Specia


A un anno dalla sua scomparsa, la famiglia Specia, di Schievenin, ricorda lamato Ulderico Ico Specia (11.7.1936-9.10.2014). La moglie Maria e i figli Claudio e Sergio ne fanno memoria anche a tutti
coloro che lo conobbero e lamarono perch rimanga vivo il suo ricordo.

17

UNIVERSIT DEGLI ADULTI /ANZIANI DI BELLUNO


BELLUNO

FELTRE

CADORE

AGORDO

ZUMELLESE

COMELICO
SAPPADA

AMPEZZO
OLTRECHIUSA

DESTRA PIAVE

CISMON
BELLUNESE

VAL DI ZOLDO

ALTO
CORDEVOLE

LONGARONESE

CONCA
DEL PIAVE

Sezione CONCA DEL PIAVE

CALENDARIO

Anno Accademico 2015 / 2016 - 1 Ciclo - 2 Anno


II e IV VENERD del mese - Dalle ore 15.00 alle ore 17.00
Centro Culturale Via Nazionale, 17 - QUERO
PRIMO PERIODO dal 9 ottobre al 18 dicembre 2015

SECONDO PERIODO dall8 gennaio al 13 maggio 2016


** Lezioni aperte al pubblico

Venerd 9 ottobre 2015

Apertura dellAnno
Accademico
Saluto delle Autorit
Presentazione del Programma
Prolusione: Adulti / Anziani e
Giovani: una relazione
da ritrovare
(Attilio Menia Cadore)

Venerd 23 ottobre 2015

Venerd 27 novembre 2015


GEOGRAFIA:
Il territorio bellunese
(Andrea Cecchella)

Venerd 11 dicembre 2015

ARTE: Come si legge unopera


darte (Daniela Todoverto)
con visita guidata a Villa Barbaro di Maser

LETTERATURA: A. Manzoni:
le donne de I Promessi Sposi
(Luana Di Tommaso)

Venerd 18 dicembre 2015

Venerd 13 novembre 2015

Convivio per gli auguri


di Natale

ARTE: Canova e le sue opere


(Mauro Miuzzi)
con visita guidata alla Gipsoteca
del Canova e al tempio
di Possagno

MUSICA: Incontro col cantautore Giorgio Fornasier

Venerd 8 gennaio 2016

CULTURA GENERALE: Storia


della misurazione del tempo
dagli inizi al 1600
(Alessandro Primon)

Venerd 22 gennaio 2016

CULTURA GENERALE: Carnevale, cultura e tradizioni


(Settimo Rizzotto)

Venerd 12 febbraio 2016

STORIA ANTICA: La civilt dei


Fenici (Cristina Mazzalovo)

**Venerd 26 febbraio 2016

MEDICINA: Uso e abuso dei


farmaci (Robert Grubissa)

**Venerd 11 marzo 2016

MEDICINA: Lalimentazione
nella Terza Et
(Maria Luigia Troncon)

Venerd 18 marzo 2016

RELIGIONI: LInduismo
(Attilio Menia Cadore)

Venerd 8 aprile 2016

SCIENZE: Alberi, animali e


boschi delle nostre montagne
(Mario Boldo) con visita guidata
allOrto Botanico di Padova

Venerd 22 aprile 2016

POESIA: La poesia dote


umana (Martino Durighello)

Venerd 6 maggio 2016

ARTE: Le Ville Venete


(Giulia Todoverto)

Venerd 13 maggio 2016

CULTURA GENERALE:
Il Bassofeltrino tra storia e
societ
(Roberto Sudiero)
GRAN FINALE

X CONVEGNO PROVINCIALE - SABATO 21 MAGGIO 2016

ATTIVIT COMPLEMENTARI
Visite guidate: a POSSAGNO (tempio del Canova e Gipsoteca); a MASER (Villa Barbaro); a PADOVA (Orto Botanico) in date da concordare:
LABORATORI DI INFORMATICA: LIVELLO DI BASE - LIVELLO AVANZATO

IL COORDINATORE
Michelangela Ceccotto

IL PRESIDENTE
Attilio Menia Cadore

Stampa DBS Rasai - www.tipografiadbs.it - 8.15

CALENDARIO 2015 / 2016

Primo periodo: dal 9 ottobre al 18 dicembre 2015 - Secondo periodo: dall8 gennaio al 13 maggio 2016
Orario dei Corsi - Venerd dalle ore 15.00 alle ore 17.00
SEDE - QUERO - Centro Culturale - Via Nazionale, 17
SEGRETERIA: Tel. 0439 779064

18

LETTERE AL TORNADO

Ungheria, i confini della disperazione


di Angelo Ceccotto
Fin dallinfanzia ho odiato i confini che sono sempre stati motivo di discordie famigliari e di
scontri tra i popoli. Giustificare la loro presenza trova motivo se sono a tutela di chi esposto a
rischi malavitosi o come limitazione territoriale a difesa dellentit dei popoli. Con questi intenti,
mirati a superare gli scontri bellici di un triste passato, si costituita dapprima la Comunit Europea, ora Unione Europea, ununione con alle basi una democrazia solidale preposta a superare la barriera dei confini al suo interno, oltre che a dare solidariet ai popoli in difficolt e accedere al libero scambio. Questi sono valori democratici importanti e un traguardo fondamentale per i popoli. Con questi ideali ci si avvicina ad una democrazia compiuta pur consapevoli
che in essa non esiste la perfezione per quanto sociale possa essere, poich impone regole
non condivise da tutti. Quei tutti che, secondo convenienza o quantomeno perch non confacenti ai propri interessi, le contesta indiscriminatamente e le giudica antidemocratiche. Fa specie veder contestare egoisticamente, spesso dimostrando il disprezzo della dignit altrui, fregandosene di quanto avviene a livello nazionale ed europeo, laddove popoli in disperata difficolt sono alla ricerca di un equilibrio interno della propria nazione pur dedita alla solidariet e
allaccoglienza. Questi in via eccezionale si trovano costretti a regolamentare laccesso ai propri confini da un incontrollabile flusso migratorio, sia esso giustificabile o meno, di essere umani provenienti da nazioni da
sempre sottomesse, sfruttate o travolte dalla guerra. Questo travaglio un percorso doloroso per tutti, al quale necessita
un equilibrio condiviso a tutelare popoli e nazioni direttamente coinvolte. Si riscontrato invece il venir meno del coordinamento generale per una condivisa accoglienza tra i membri dellUnione, taluni pi propensi a tutelare se stessi e i propri
interessi incrinando cos la stessa democrazia europea.
Da quanto sopra, ne vittima lUngheria che, nellaccogliere e sopportare silenziosamente pi di altri la migrazione, stata messa alla gogna da media e stampa sinistroide, sguazzando sulla controversa decisione governativa indotta a regolamentare per lormai esponenziale migrazione sul proprio territorio che pure confine europeo. Per questa scelta dolorosa, essa si vista infierire con veemenza e con unottica disgregante dei benpensanti, dei lobbisti, degli europeisti senza
coscienza cercando di smascherarla con ingiuste minacce, con affermazioni ignobili definendola immorale, disumana, antidemocratica e dittatoriale, anzich valutare con equilibrio la saggezza di questo popolo protagonista di scelte coraggiose
puramente democratiche varate per il bene del suo popolo con unaccoglienza ordinata. Stupisce il giudizio fatto in malafede verso questa nazione senza tener conto del suo amaro passato da sempre invasa, dominata e sottomessa da cinici
invasori, questo in tempi non lontani per chi ha memoria.
Fa invece onorevole memoria le profonde radici culturali e democratiche di questo dignitoso popolo, basate con saggezza
fin dai tempi lontani sulla convivenza sociale e sui valori cristiani, distinti con orgoglio anche sul logo nazionale. Da
questUngheria, in quanto a democrazia e solidariet c molto da imparare, come c molto da rivedere su questEuropa
dicesi democratica, pi incline a lobbies massoniche e schiava dei potenti, ormai poco credibile, come pure da un futuro
incerto. Si dimostra lassenteismo e la defezione di questa Europa al bisogno altrui, oltre a mancare di sagge decisioni
verso questo flusso migratorio ormai incontrollabile. Ed qui che stupisce la predica di chi ha saputo solo distruggere i
confini morali ed etici dei popoli democratici e della famiglia, serpeggiando con ideologie immorali cos dette di grande
pensiero, legiferando scelte distruttive e sconsiderate al permissivismo, al qualunquismo, con forzature clientelari a ogni
livello definendole conquiste sociali, trovandoci ora a risalire lingrata china che costa cara ai nostri figli e figli dEuropa.

Ungheria, un altro punto di vista


di Silvio Forcellini
Ho letto con interesse e attenzione lintervento di Angelo Ceccotto pubblicato qui sopra e relativo a ci che sta accadendo
ai confini ungheresi. Concordo in pieno con la sua critica allUnione Europea, per troppo tempo colpevolmente assente.
Concordo un po meno con la sua difesa dufficio del governo ungherese e della sua politica.
Per quanto riguarda invece il popolo ungherese, spero che esso non si senta rappresentato da Petra Laszlo, la reporter di
una tv vicina al partito xenofobo Jobbik ormai conosciuta come la sgambettatrice di Roszke, localit al confine tra
lUngheria e la Serbia. Per chi non lo sapesse, la Laszlo ha platealmente sgambettato bambine e padri con il bambino in
braccio che cercavano di oltrepassare il confine e - visto il polverone che ne derivato - s poi scusata giustificandosi
con un attacco di panico. Ci creda chi vuole. Io, una reporter che lavora per una tv vicina a Jobbik (il partito di opposizione
che, in tema di migranti, fa a gara con Fidesz, il partito al governo, per vedere chi ce lha pi lungo, scusate il francesismo), non me la vedo mentre distribuisce cibo, bevande e peluches ai bambini. Il suo non sembra il gesto di una cronista impaurita quanto di una crociata nella difesa del sacro suolo. Un pronostico: licenziata in tronco, appena i riflettori si
sposteranno altrove Petra Laszlo sar corteggiata da Jobbik o da Fidesz e far carriera politica
Spero inoltre che il popolo ungherese si sia indignato - al pari di tutti noi - per luso indiscriminato della forza (manganelli,
lacrimogeni, idranti e quantaltro) nei riguardi anche di donne e bambini da parte dei reparti di polizia, su ordine del governo presieduto da Viktor Orbn, governo che ha blindato (si fa per dire) i confini con una cortina di ferro spinata
Questo fa venire immediatamente alla mente unaltra cortina di ferro. Il popolo ungherese dovrebbe infatti ben ricordare
che, quando le truppe sovietiche soppressero la rivolta popolare del 1956, con migliaia di morti, quasi 300.000 ungheresi

19

LETTERE AL TORNADO

fuggirono allOvest sulla stessa tratta che oggi vede fuggire migliaia di profughi. Gli ungheresi furono accolti e integrati,
dato che nessuno poteva (o voleva) pi tornare in patria. Lo dico perch, quando un popolo rimuove la memoria storica
dei fatti di cui stato vittima, fatalmente destinato a riviverli.
Due cose anche su Viktor Orbn, il primo ministro che, pur se alla testa di un paese dellUnione europea e membro della
Nato, sembra avere come modello il presidente russo Vladimir Putin. Lui descrive lUngheria doggi - scrive quellacuto
osservatore che Bernardo Valli, uno dei pi prestigiosi e preparati inviati speciali - come un paese accerchiato, sul
punto di essere invaso. E su questo tema accende le fantasie ricorrendo alla storia, ai momenti speciali del paese, anche
quelli antichi, quando le popolazioni asiatiche scendevano nelle pianure che sarebbero diventate lUngheria. Le statue
degli eroi nazionali ritornano, si moltiplicano sulle piazze Punta su riforme che non cancellano del tutto i riti democratici,
ma che li limitano, adeguandoli ai suoi interessi. Controlla il mondo degli affari e quello imprenditoriale favorendo persone
fidate.
Ma pi del parere di un osservatore internazionale pur di chiara fama, mi ha colpito lintervento di una illustre ungherese,
la filosofa Agnes Heller, nata a Budapest nel 1929, scampata alla Shoah, allieva di Gyrgy Lukcs ed esponente di spicco
della Scuola di Budapest. Lo ripropongo per avere un altro punto di vista sullargomento.
Unultima cosa per rassicurare i lettori: sinistroide s, ma non appartengo a nessuna lobby massonica, e quando leggo
certe giustificazioni complottistiche di mussoliniana memoria divento matto, come chi ha la bont di leggere i miei scritti
certo sapr

Da bambina a noi ebrei ci accusavano di avvelenare i pozzi. Ci ripenso ora, in questi giorni governati
dallodio

Ultima fermata Budapest


di Agnes Heller

I profughi continuano ad arrivare in Ungheria. Fuggono dalla distruzione, dalla fame, dalla morte. La maggior parte di loro sono vittime della guerra civile siriana, minacciati
dallIs, larcinemico dellintero mondo civilizzato. Hanno viaggiato, spesso a piedi, per migliaia e migliaia di chilometri per arrivare ai nostri confini. Sono stanchi, affamati, assetati.
Arrivano nellUnione europea dal confine ungherese. Sono i benvenuti?
La maggioranza della gente, in ogni parte del mondo, tratta gli stranieri, le persone che
parlano unaltra lingua, venerano Dio in un altro modo, praticano usanze differenti, con
sospetto. Ma odiano gli stranieri, li rifiutano, cercano di liberarsi in fretta di loro solo se
vengono incitati a farlo dai leader e dai governi, solo se vengono nutriti di pregiudizi, di
ideologie pericolose. Lho sperimentato personalmente quandero bambina: a quei tempi
lantisemitismo e il nazionalismo erano le principali armi ideologiche che usava il governo
ungherese per garantirsi il consenso a favore di una guerra micidiale e ingiusta.
Nelle ultime settimane lo spettro di questo passato continua a ossessionarmi. Il governo ungherese ha dato il via a una
campagna di odio contro gli stranieri ancora prima che i profughi siriani arrivassero da noi. In quel momento arrivavano
piccoli gruppi di migranti dal Kosovo, ma ben presto hanno smesso. Gi allora il primo ministro ungherese ci metteva in
guardia contro di loro, attaccando manifesti per strada, spedendo volantini alle famiglie in cui si chiedeva con toni drammatici se volevamo che il governo spendesse soldi per gli stranieri o per i bambini ungheresi. In altre parole ha cominciato
ad attizzare lodio contro lo straniero, accusato di togliere il pane di bocca al popolo ungherese. La legge proibisce
lincitamento allodio, ma evidentemente il governo immune dalla legge. Quando i siriani e altri profughi hanno cominciato ad arrivare sempre pi numerosi, larsenale della propaganda diventato ancora pi violento. I profughi erano sospettati di essere potenziali terroristi, o di non essere proprio profughi, ma gente che voleva fare la bella vita a spese degli altri. Il capogruppo di Fidesz (il partito al potere) in parlamento ha dichiarato che non vuole che lUnione europea diventi il
Califfato europeo. Sono anche state messe in giro voci sul fatto che i profughi infetterebbero la popolazione ungherese
con malattie sconosciute (e io mi ricordo di quando gli ebrei venivano accusati di avvelenare i pozzi).
Fra le migliaia e migliaia di spettatori che hanno visto in televisione migliaia di profughi con i bambini piccoli che dormivano per strada di fronte alla stazione di Keleti, non poteva essercene qualcuno che sentiva simpatia per loro? Il governo ha
deciso di no, ha stabilito che non devono essercene: le reti televisive pubbliche hanno istruzione di non mostrare i bambini profughi.
Tutto quello che sta accadendo in Ungheria una diretta conseguenza dellincitamento allodio. Il partito al potere in
competizione con laltro partito di estrema destra, lo Jobbik, attualmente allopposizione. Il bersaglio di questa competizione sono i migranti: una gara a chi li odia di pi, a chi li rifiuta di pi, a chi se ne sbarazza meglio. Tutti e due i partiti solleticano gli istinti peggiori degli ungheresi, un popolo sfortunato con una storia sfortunata, abituato a ubbidire agli ordini e
rimasto ignorante in materie di diritti, di leggi, di libert. In uno Stato-nazione, il nazionalismo estremo lideologia pi utile
per conquistare consenso. Entrambi i partiti usano questo strumento come unarma. Per il partito al governo solo un po
pi difficile, visto che lUngheria, in fin dei conti, fa parte dellUnione europea e riceve soldi dallUnione europea, e questo
gli impedisce di esprimere apertamente il suo disprezzo per Bruxelles, come fa invece Jobbik. Viktor Orbn, il premier ungherese, costretto a mostrare un volto per lEuropa e un altro per gli elettori. Qui, a casa, accusa i leader
dellopposizione democratica di essere amici dei migranti. E questa strategia di nuovo mi fa tornare in mente la mia infanzia: ricordo che quando il Partito socialdemocratico vot no alle leggi antiebraiche venne accusato di essere al soldo
degli ebrei.

20

LETTERE AL TORNADO

Il governo ungherese ha speso miliardi di fiorini per costruire recinzioni lungo il confine con la Serbia e arrestare cos il
flusso dei migranti. Ovviamente, come gli esperti avevano preannunciato, queste recinzioni non hanno fermato proprio
nulla. Ma questo non importa: la recinzione servita come arma ideologica per il Fidesz nella sua competizione con lo
Jobbik per assicurarsi il consenso della popolazione xenofoba. E questa acrobazia ideologica prosegue: adesso vogliono
far approvare dal parlamento una legge che impone di perseguire penalmente tutti coloro che taglieranno la recinzione, e
tutti i cittadini che ospiteranno dei migranti nella loro abitazione. Queste leggi (e qualcunaltra in preparazione) non sono
solo leggi contro gli immigrati: sono leggi che limiteranno ulteriormente i diritti dei cittadini ungheresi.
Usando tutte le risorse e le energie per una xenofobia istituzionalizzata, il governo ungherese in realt non ha fatto nulla
per gestire la crisi. Chiunque entri nellUnione europea devessere registrato. Questo giusto. necessario sapere chi
arriva nel nostro territorio. Ma mentre venivano erette barriere inutili e manifesti giganti ci ammonivano a non condividere
la nostra vita con gli stranieri, che in ogni caso usano lUngheria solo come stazione di transito, nessuna misura veniva
intrapresa per accoglierli e inviarli dove volevano andare. Ci sono pochi alloggi, disorganizzati e inadeguati al numero. La
registrazione troppo lenta. Non vengono organizzati servizi di trasporto. Non ci sono interpreti: i migranti vengono bersagliati da testi in ungherese che non capiscono. Non hanno idea di che cosa li aspetta. Se ricevono aiuto, solo grazie a
volontari che distribuiscono da mangiare e da bere. Queste persone stanno riscattando, per quanto possono, la reputazione degli ungheresi. Caos. A volte i profughi riescono a comprare dei biglietti ferroviari per la Germania facendo ore di
fila, ma dopo che li hanno comprati viene proibito loro di salire sui treni. Il pi delle volte la stazione ferroviaria viene chiusa ai migranti, che restano l, in attesa. Ma succede anche che concedano loro di salire su un treno, come ieri. Salgono a
bordo con biglietti validi per Monaco di Baviera. Poi il treno viene fermato ancora in Ungheria e ai migranti (passeggeri
come gli altri!) viene ordinato di scendere. Il governo accusa i migranti di questo caos.
Lodio continua a diffondersi. E nessuno dovrebbe giocare con lo strumento dellodio. pericoloso. Lo sappiamo per
esperienza diretta.
E vero che lIs avrebbe gi potuto essere distrutto, se le nazioni civilizzate fossero pronte al sacrificio. Non lo sono. Le
bombe non distruggeranno lIs. E i rifugiati continueranno quindi ad arrivare. LEuropa, il continente responsabile di due
guerre mondiali, di distruzioni di massa, di tutte le catastrofi del Ventesimo secolo, il continente che si porta dietro meritatamente la sua cattiva coscienza, deve trovare un modo per gestire la situazione. Senza odio, con comprensione, saggezza e solidariet. LUngheria d il cattivo esempio. Io spero che gli altri non lo seguano.

CRONACA

La Partita del Cuore de Qui da Fener


di Silvio Forcellini
Sprezzanti del pericolo
(coronarie a rischio) e
del ridicolo (causa carenza pi che decennale
di adeguati allenamenti),
una quindicina di vecchie glorie feneresi si
sono sfidate, nella mattinata di domenica 20 settembre sul campo sportivo parrocchiale, nella seconda edizione de La
partita del Cuore.

Durighello), terzo tempo eno-gastronomico che si protratto fino al tardo pomeriggio.

La notizia pi rilevante
(soprattutto per i familiari
degli sciagurati) che,
dopo i tempi regolamentari e i calci di rigore, non
si sono registrate perdite tra i calciatori, tanto
che, dopo La Partita del
Cuore, si passati senza soluzione di continuit
a La Dipartita del Fegato (copyright Giorgio

Scherzi a parte, si trattato di un simpatico appuntamento che consente, una volta allanno, di ritrovare persone che si
erano perse di vista (perch magari non abitano pi in zona), trascorrendo cos alcune ore in compagnia. E, proprio per
mantenere vivi i legami, si svolger tra breve anche la Cena de qui da Fener, per feneresi doc e strettamente collegata
alla Partita del Cuore. Nella foto di Stefano Schievenin i protagonisti al termine della loro fatica.

21

LETTERE AL TORNADO

Un intervento di prim'ordine: creare l'area mulini di Quero


di Marcello geom. Meneghin

Il territorio querese chiamato di S. Valentino presenta delle qualit che possono sfuggire ad un osservatore non molto attento. Non per me facile riuscire a descriverlo appropriatamente. Comincer con una vecchia planimetria dalla quale risulta che un tempo oltre alla chiesetta di S. Valentino quella era proprio una zona mulini essendo numerosi gli opifici di quel genere
che allora vi si trovavano. Ma al giorno d'oggi, visto il grande interesse che
l'archeologia industriale presenta ovunque, visti i preziosi interventi portati a
termine in zona ed in dettaglio la ricostruzione del mulino Banchieri, la sistemazione della chiesetta e dei suoi dintorni, visto il bel ponte pedonale
che permette il collegamento con Campo e vista infine la bellezza dei luoghi, si dovrebbe impostare un programma, sia pure a lunga scadenza, ma
che potrebbe dare risultati straordinari. Per farlo compiutamente bisognerebbe per allargare l'orizzonte ed immaginare cosa rappresenta un'area
che partendo a sud dal Mulino Banchieri appena restaurato e con la sua
ruota di mulino fatta ruotare dall'acqua della roggia e poi allargarsi ad est fino alla chiesetta di S, Valentino con il grazioso piazzaletto e proseguire verso nord per comprendere i meravigliosi pra de acqua attraversati da due
rogge di mulino e confinanti con il torrente Tegorzo per giungere infine al
mulino Furlan sul quale ci sarebbe da scrivere un intero libro. Allo scopo sarebbe sufficiente una visita avendo come guida la Sig.ra Lucia Furlan la
quale, come ha fatto recentemente con me, mostrasse quale immenso patrimonio vi si trova e ne spiegasse le caratteristiche e la storia corredata da
documenti vari. Il visitatore si convincerebbe che presente un vero ed intero mulino antico ad acqua con quasi tutti i macchinari, il quale con una spesa relativamente piccola potrebbe esser messo in pristino costituendo un
prezioso reperto storico di grande interesse. Quello che io propongo non
la esecuzione di costose opere, ma solo la stesura di un dettagliato programma con disegni, elementi storici, fotografie vecch ie e nuove, una specie di archivio/progetto generale storico con documenti dell'esistente e del
fattibile per restituire agli
opifici, alle rogge, ai pra de
acqua ed infine a tutta la
zona quella bellezza che
rappresenterebbe un tesoro per tutti. Io credo che un
progetto del genere troverebbe sicuramente dei finanziamenti per poterlo
poi realizzare magari per
stralci successivi.
Nelle foto allegate figurano
alcuni particolari dei macchinari antichi del mulino

P R E V E N T I V O G R AT U I T O

22

CRONACA

A Santa Maria

Continuano le distruzioni ad opera di animali selvatici


di Alessandro Bagatella

Guardando queste foto


non servirebbero commenti. I vigneti, che per
decenni sono stati coltivati, ora sono distrutti dagli animali selvatici.
Cosa fare?
Non germogliano quasi
pi, quindi sono costretto
a tagliarli, come ho fatto
in un altro vigneto, nel
quale ho tagliato cinque
filari.
I nostri governanti e le
autorit provinciali e locali
affermano allunisono che
occorre salvare il territorio, per nessuno ci aiuta.
Non possiamo fare campi
di concentramento recintati, prima di tutto per il
costo e le distanze fra i
vari appezzamenti e poi
anche per il degrado del
territorio.
Perch non far abbattere
ai cacciatori questi animali, considerato che pagano una licenza?
O qualcuno ha paura che
restiamo senza animali?!
Se non si trova al pi
presto una soluzione, tutti
i campi diventeranno ricoperti di rovi e abbandonati.
Ora questi bei maialoni
non risparmiano neanche
le noci. Sotto le piante il
terreno diventa un vero
campo; senzaltro, quando cadranno le castagne,
si verificher altrettanto.
Laora contadin, che la
tera te paga!

Il Mercatino

Vendo DECODER SAT (NUOVO) per canali free (FTA).


Euro 30,00.
Per informazioni: 0439787767 - 3387637979

Vendo casa in via Monte Spinoncia a Uson Alano di Piave - tre camere (una grande) sala
cucina e bagno + 600 mq. di giardino. Gi abitabile ottima posizione prezzo interessante.
Tel. 0439/779172 339.8932149

23

COME ERAVAMO

(M.M.) Grazie al nostro amico e collaboratore Alessandro Bagatella, siamo venuti in possesso di vario materiale
scritto da Olivo Andreazza, originario di Santa Maria, di cui abbiamo diffusamente parlato negli scorsi numeri del
giornale. Continuiamo, qui, la pubblicazione di parte dei suoi scritti, del 1970, in cui Olivo riporta ricordi e sensazioni della sua infanzia a Santa Maria. Una scrittura semplice, nella quale si avverte comunque il sentimento di
amore per la propria storia, le proprie tradizioni. Ringraziamo anche Luciano Andreatta, lesecutore testamentario
di Olivo, per aver permesso la condivisione di questo materiale.

Piandeleguna: racconto di Olivo Andreazza

sesta puntata

SETTEMBRE IN MONTAGNA
Il taglio del fieno in questi luoghi cessava col finire del mese di agosto ma
anche in settembre seguire determinati lavori come il taglio di rami di carpino, frassino e pioppo con i quali si facevano delle fascine che messe ad
essiccare al sole, le foglie, servivano ad alimentare le capre durante l'inverno. Andare in montagna d'autunno era un vero piacere perch il sole
non era pi cocente come nei mesi precedenti, i pendii prativi erano rinverditi e gli alberi mostravano i bei colori autunnali.
Si raccoglievano le saporite noccioline selvatiche che poi si mangiavano con avidit finch mia madre si vedeva costretta a farci bere l'olio di ricino per far andar via le infiammazioni dalla pancia.
Vi era anche abbondanza di more di rovo tanto dolci e nere che ci tingevano le labbra, denti, viso e mani al punto che
sembravamo dei mori.
Non mancavano le buone noci, corniole e ciliege di bosco.
A mezzod si mangiava sul prato presso le casere e alla sera si tagliava dell'erba fresca per darla poi in pasto alle
mucche; con questa si riempiva una capace gerla e si scendeva al paese.
Nei mesi successivi si eseguivano il taglio e la raccolta dello strame col quale si preparava la lettiera agli animali, il trasporto a valle del fieno mediante apposite slitte e il taglio e trasporto al paese della legna per il riscaldamento, fare il
bucato, cuocere i cibi e per altro ancora.
Tutte queste merci venivano trasportate a valle con delle slitte di legno costruite durante l'inverno; a guidare una slitta
era un uomo solo ed essendo le strade non sempre agevoli, bisognava stare molto attenti a non inciampare perch
cera il rischio di rimaner travolti dal mezzo. Il carico di una slitta era in media di centocinquanta/duecento chilogrammi
e in salita veniva portata a spalle. All'inizio della primavera ed in vista della ripresa del ciclo produttivo, si andava assieme ad altri interessati in quella vallata, a riparare le strade e renderle il pi possibile agibili.
Ogni tanto mio fratello ed io ci lamentavamo di quella modesta e faticosa esistenza e mio padre che a una vivace intelligenza univa una vasta esperienza di vita, ci diceva: "in avvenire capirete da soli che questi che vivete attualmente sono i pi belli anni della vostra vita".
Noi che allora non credevamo, adesso abbiamo cambiato idea.

24

Sul Quotidiano Avvenire del 4 agosto

ATTUALIT

Lelogio per il recupero delle trincee ad opera degli alpini, anche di Alano di Piave

25

CRONACA

Pulizia strada Santa Maria-Piandeleguna-Col de Rori

Bravi i volontari
di Alessandro Bagatella

Anche questanno, come consuetudine, stata fatta la pulizia e la rimessa in opera della strada silvo pastorale Santa
Maria Piandeleguna Col de Rori. Un bel numero di volontari si sono dati appuntamento per liniziativa, tantissimi da
Carpen, tutti resisi disponibili, anche con mezzi propri, per
dedicarsi diverse ore alla pulizia delle canalette per lo scolo
dellacqua, al taglio delle ramaglie e dellerba, al riassestamento del piano stradale con riporti di terra dove serviva, a

coprire le buche causate dallacqua. Un gran bel lavoro,


che merita un pubblico plauso. Al Cason del Belo,
come si vede nelle foto, i fratelli Giuliano e Piero non
hanno fatto mancare, anche questanno, una ricca merenda: pan, soppressa e formaggio, il tutto bagnato da
un generoso bicchiere di vino, in serena amicizia.
Bravi tutti! Operai volontari e offerenti. Speriamo che il
prossimo anno ci siano pi volontari del posto.

ATTUALIT

Alcol: consigli per bere


senza rischi

L'abuso di alcol - oltre a provocare danni all'organismo


(soprattutto a cuore, cervello, fegato e stomaco) ed essere collegato a molte malattie (come la cirrosi o il cancro) indebolisce il sistema nervoso centrale: altera la
capacit di giudizio, rallenta i riflessi e fa perdere il controllo delle proprie azioni. Ecco alcuni consigli per un
consumo di alcol responsabile.
Non metterti alla guida dopo aver bevuto
In Italia, gli incidenti provocati dalla guida in stato di ebbrezza rappresentano la prima causa di morte tra i giovani tra i 15 e i 25 anni. E' importante non mettersi alla
guida di auto e moto se si bevuto troppo: il limite 'di
sicurezza' dato da un bicchiere di vino, da un boccale
di birra o da un solo superalcolico.
Il limite di tasso alcolemico in Italia 0.50 g/l. Se si supera questa soglia, si pu incappare in sanzioni molto
pesanti.
Non bere alcolici a stomaco vuoto. Evitare di bere alcolici lontano dai pasti: gli effetti dell'alcol sono pi veloci e pesanti; inoltre, maggiore il rischio di entrare nel tunnel della dipendenza.
Non bere alcol se hai meno di 16 anni. L'organismo non completamente maturo non in grado di digerire adeguatamente l'alcol, che in questo modo fa pi danni di quelli che farebbe ad un organismo adulto. Per questo si raccomanda di non bere al di sotto dei 16 anni di et e di limitarsi a una sola bevanda al giorno tra i 16 e i 20 anni.
Evita di combinare alcol e altre sostanze. importante evitare di fare uso di alcol insieme a farmaci (soprattutto antidolorifici, antifebbrili, sedativi, antibiotici e anticoncezionali) e in combinazione con droghe: i danni possono essere
molto seri, fino ad arrivare al coma e alla morte.
Non bere se sei depresso o agitato. L'alcol, a seconda delle circostanze, pu avere un effetto depressivo o eccitante: se si beve quando si depressi, si rischia di peggiorare la situazione, mentre quando si agitati si rischia di diventare violenti.
Parlane con uno psicologo. Chi soffre di dipendenza da alcolici deve ammettere il proprio problema e cercare l'aiuto
di uno specialista. Spesso il primo passo parlarne con un medico, un insegnante o una persona cara.

rinnovo
abbonamenti

Controlla il numero di scadenza del tuo


abbonamento. Lo trovi sulletichetta.
Eviterai di perdere qualche numero della rivista.

26

ATTUALIT

Impianto di riscaldamento: Il libretto obbligatorio ?

Il libretto obbligatorio per legge nazionale, D.P.R. 74/2013

Chi redige il Libretto di Impianto ?

Il libretto compilato on-line, utilizzando il sistema CIRCE, dall'installatore o dal manutentore o dal Terzo responsabile

Chi ha l'obbligo di redigere il libretto per le parti riguardanti l'installatore nel caso si tratti di
impianti esistenti?
Il Responsabile dell'impianto deve provvedere affinch il Libretto sia compilato ed aggiornato; per gli impianti esistenti
e per i componenti gi installati provvede il manutentore al primo controllo ed eventuale manutenzione dell'impianto a
partire dal 15 ottobre 2014, ma pu averlo fatto anche prima. Nelle istruzioni per la compilazione del Libretto vi sono
indicazioni specifiche per le singole schede/sezioni

Per scaldabagno / scaldaacqua di qualsiasi potenza necessario il Libretto di impianto?

Per quanto definito dall'art.2, comma 1, lettera l-tricies del D.Lgs.192/2005, gli impianti per la sola produzione di acqua
calda per uso igienico sanitario di qualsiasi potenza non sono impianti termici e quindi non sono soggetti al D.P.R.
74/2013 e pertanto per tali apparecchi non necessario il Libretto di impianto, sono per soggetti alla normativa sulla
sicurezza degli impianti.

Per stufa a pellet, a legna o ad altro biocombustibile, non collegata all'impianto di


riscaldamento (singola con funzionamento diretto ad aria) necessario il Libretto di
impianto?

Per quanto definito dall'art.2, comma 1, lettera l-tricies del D.Lgs.192/2005, gli apparecchi quali stufe, caminetti,
apparecchi per riscaldamento localizzato ad energia radiante, se fissi, sono assimilati agli impianti termici quando la
somma delle potenze nominali del focolare degli apparecchi al servizio della singola unit immobiliare maggiore o
uguale a 5 kW; in questo caso tali apparecchi devono essere registrati in un solo libretto, sezione 4.8, con indicazione
nella scheda 11.0.1 a cura dell'installatore/manutentore, delle manutenzioni periodiche di cui necessitano.

Stufa a gas / termostufe con potenza inferiore ai 10 kW:

Per quanto definito dall'art.2, comma 1, lettera l-tricies del D.Lgs.192/2005, gli apparecchi quali stufe, caminetti,
apparecchi per riscaldamento localizzato ad energia radiante, se fissi, sono assimilati agli impianti termici quando la
somma delle potenze nominali del focolare degli apparecchi al servizio della singola unit immobiliare maggiore o
uguale a 5 kW; in questo caso e se la potenza nominale al focolare inferiore a 10kW, tali apparecchi devono essere
registrati in un solo libretto, sezione 4.8, con indicazione nella scheda 11.0.1 a cura dell'installatore/manutentore, delle
manutenzioni periodiche di cui necessitano.

Come Responsabile dell'impianto posso accedere ai dati del mio libretto ?

Per visualizzare e stampare il proprio Libretto di impianto ed i Rapporti di Controllo di Efficienza Energetica
necessario essere in possesso del codice catasto e del codice chiave che identificano il proprio Libretto. I suddetti
codici rilasciati entrambi all' installatore o al manutentore nella fase di registrazione dell 'impianto in C.I.R.C.E., sono
riportati nella prima scheda identificativa dell' impianto e devono essere comunicati al Responsabile dell' impianto. Per
accedere cliccare al seguente indirizzo : https://catasto-impianti-termici.regione.veneto.it/consultazione_anonima.php

Il Libretto di impianto pu essere inviato al cliente a mezzo e-mail, quindi non stampato e
consegnato in forma cartacea nel momento in cui si esegue l'intervento?

Il Libretto di impianto registrato in CIRCE visibile e stampabile da chi in possesso dei codici catasto e chiave, quindi
certamente dal Responsabile dell'impianto; per gli utenti dotati di mezzi informatici sufficiente che l'installatore o
manutentore consegni loro i codici dell'impianto.

Per caldaia a pellet, a legna o ad altro biocombustibile obbligatorio il Rapporto di


Controllo di Efficienza Energetica - RCEE - ?

Per quanto disposto dall'articolo 2, comma 2, del D.M. 10 febbraio 2014, gli impianti termici alimentati esclusivamente
con fonti rinnovabili, come le stufe a pellet, legna o ad altro biocombustibile, sono per ora esclusi dal controllo di
efficienza energetica in quanto non stata ancora emanata la norma UNI di riferimento. Ai fini dell'applicazione del
D.M. 10 febbraio 2014 il Mi.S.E. ha precisato che la definizione di "impianti termici alimentati esclusivamente con fonti
rinnovabili" resta valida anche in presenza di eventuali consumi elettrici degli ausiliari.

Quanti libretti bisogna compilare in caso siano installati pi impianti al servizio in una Unit
Immobiliare o di un edificio?
Se un'unit immobiliare o edificio servito da due impianti distinti, uno per la climatizzazione invernale ed uno per la
climatizzazione estiva, che in comune hanno eventualmente soltanto il sistema di rilevazione delle temperature nei
locali riscaldati e raffreddati, sono necessari due libretti di impianto distinti; se nell'unit immobiliare sono presenti
singoli apparecchi, quali stufe, caminetti ecc., assimilabili agli impianti termici ai sensi del D.Lgs. 192/2005,
necessario un libretto dedicato a questa particolare tipologia di impianto che contiene questi apparecchi; in tutti gli altri
casi sufficiente un solo libretto di impianto.

Ogni quanto deve essere aggiornato il libretto ?

Il libretto deve essere aggiornato ogni volta che si interviene sull' impianto termico che registrato nel libretto
medesimo, ad esempio manutenzione, sostituzione componenti, cambio Terzo responsabile ecc.

La manutenzione ordinaria dell'impianto termico ogni quanto va eseguita?

Il D.P.R. 74/2013 all'art.7 ha stabilito che l'installatore o il manutentore, osservando quanto indicato nel medesimo
articolo, deve indicare in forma scritta quali siano le operazioni di controllo e manutenzione di cui necessita l'impianto e
con quale frequenza vadano effettuate; tale indicazione deve essere annotata nell'apposita scheda del Libretto.

tratto da: https://catasto-impianti-termici.regione.veneto.it/faq.php

27

CRONACA

Gruppo Amici del Tomatico e del Grappa

Due escursioni di successo


Si sono svolte, con notevole affluenza di partecipanti e con laiuto di due belle giornate di sole, le escursioni previste
per il 28 giugno e il 12 luglio, rispettivamente al rifugio Maniago sopra Erto Casso e al rifugio Dal Piaz con partenza da
Croce dAune. Particolarmente gradita e riuscita anche lescursione dei due giorni svoltasi il 25 e 26 luglio al rifugio
Berti in Comelico Superiore, con partenza il sabato pomeriggio dal rifugio Lunelli. La domenica mattina, di buonora, una
parte del gruppo si diretta verso il passo Sentinella per un
giro un po pi impegnativo, mentre laltra si incamminata
verso la forcella Popera dove si sono potuti vedere e conoscere i luoghi e le trincee della Grande Guerra. Infine, ritrovo al rifugio Berti per la discesa verso le macchine e il rientro
a casa. Una numerosa partecipazione e due piacevoli giornate in compagnia, hanno dato modo ancora una volta di constatare come rispetto reciproco, allegria e complicit siano alla base del legame bello, reale e continuamente in crescita
formatosi allinterno del gruppo, sempre attento alle varie
esigenze dei propri componenti. Si ringraziano i gestori e la
famiglia Martini per lospitalit e la cortesia avute nei nostri
confronti, con un arrivederci per una futura visita al rifugio.

In foto: dallalto, al rifugio Dal Piaz; sotto: al rifugio Maniago e, qui sopra, al rifugio Berti.

ASTERISCO

Buongiorno da Bergerac
(Francia)
Ecco come vengano belli i ciclamini di QUERO qui a BERGERAC
Saluti da Jeanne Marie Vaudon.

Grazie alla nostra lettrice francese, che ci segue con affetto e costanza e
che non manca di fornire la propria collaborazione alla compilazione del
nostro periodico. Oltre alla foto del magnifico secchio di ciclamini, Jeanne
ci ha fatto avere anche alcuni scatti curiosi, fatti col suo tablet nel tratto di
strada tra Onigo e Quero Vas, in occasione della sua ultima permanenza
estiva a Quero.
Riflessi curiosi, che potrebbero indurre a pensare agli Ufo.

28

LETTERE AL TORNADO
Pro Loco di Fener

4 ottobre 2015, la festa del


patrono San Michele Arcangelo
nella sala parrocchiale di Fener

La Pro Loco di Fener ricorda che, domenica 4 ottobre 2015 presso la sala
parrocchiale, si terr la tradizionale festa del patrono San Michele Arcangelo.
Questo il programma:
alle ore 12,30 pranzo comunitario ( 8,00 bambini fino a 10 anni; 15,00 adulti;
10,00 ultrasettantenni);
alle ore 14,00 la Compagnia Teatrale Laquilone proporr il
divertentissimo spettacolo in dialetto veneto Com che ridevimo na 'olta;

suo

alle ore 16,00 lotteria con numerosi simpatici premi.


Per il pranzo si richiede la prenotazione a Giuliana (cell. 340.7393911) o a Lorenza
(cell. 348.8710535) con caparra di 5,00. Vi aspettiamo numerosi !!!
Lorenza Segato (per la Pro Loco di Fener)

CRONACA

E arrivato Gioele,
la gioia
di mamma e pap
di Alessandro Bagatella

Sono stati davvero fortunati i coniugi Michele Andreazza e


Valeria Berton, residenti a Cavaso, ma nostri lettori.
Cinque anni fa, ad allietare la famiglia nata Gioia e ora, a
far compagnia alla sorellina, arrivato Gioele.
Una coppietta perfetta, cui auguriamo un mondo di bene, tanta felicit e copiose soddisfazioni.
Ai genitori i nostri rallegramenti, da estendere ai nonni Vincenzo e Marisa, di Quero, e Gigi e Lisa, di Cavaso, ed anche
agli zii e a tutti i parenti.

29

LETTERE AL TORNADO

Vivere la Vita Onlus: diversit ed amicizia,


un legame imprescindibile.
Tra discriminazione ed accoglienza
Pochi ma buoni. Pochi di Salorno (BZ), si concluso il 9 agosto il campo estivo di Vivere la Vita di questanno.
Vivere la Vita unassociazione che nasce a Segusino nel 1993 ed ottiene nel 2008 il riconoscimento Onlus con
liscrizione al Registro Regionale delle organizzazioni di volontariato. Il campo estivo lattivit pi laboriosa
dellassociazione, che operando in maniera attiva nel territorio circostante del basso feltrino e alto trevigiano cooperando con centri diurni e non solo, si occupa di attivit di animazione per persone disabili. Una settimana al campo estivo
impegnativa, diversa dalle solite ferie. Ed proprio questo il bello, la diversit, affrontata da ogni animatore alla sua
maniera ma riconosciuta da tutti come un valore positivo. La diversit dei ragazzi portatori di handicap, con la quale
non sempre facilissimo approcciarsi ma che ti libera da condizionamenti e ti aiuta a superare pregiudizi e quelle che
sembrano difficolt nella vita normale. La diversit tra tutti gli
animatori, di et (e generazioni!) differenti, ma che sono tutti
uniti per uno scopo e impegnano una settimana di ferie al servizio di altri..non ce ne sono tanti in giro di ragazzi cos! Anche in
questo modo pu essere visto il campo poi ognuno lo vive a
modo suo, ed ogni esperienza unica ed assume un caleidoscopio di significati. Il desiderio dei primi membri
dellassociazione quello di creare un gruppo unito e forte che
abbia come scopo lanimazione e le attivit di socializzazione
con ragazzi portatori di handicap. Col tempo si sono aggiunti e
si aggiungono membri e volontari, ma i valori iniziali rimangono
saldi: creare un clima sereno con il quale stare assieme senza
barriere fisiche o mentali, dando a tutti la possibilit di creare
nuovi tipi di amicizia. I ragazzi che partecipano alle iniziative
proposte sono per la maggior parte persone adulte con disabilit psichica e/o fisica con et compresa tra i 18 e i 50
anni. Ogni ragazzo seguito e, se serve, incoraggiato a partecipare alle varie attivit e a relazionarsi con ogni animatore. I volontari dal canto loro, offrono non solo un servizio civile, ma anche professionalit e attenzione costante. Sono
studenti, laureati, insegnanti, ricercatori, infermieri, casalinghi, lavoratori..
Ma la diversit a volte purtroppo crea anche discriminazione Durante la settimana di questanno, tra le attivit e
le uscite stata organizzata una visita alla Festa dei Portici di Egna (BZ), una festa tradizionale sotto i portici del
paese, situato nella Bassa Atesina. Durante la festa i ragazzi e noi animatori ci siamo visti buttar fuori dal gestore di
un bar del paese, nel quale ci si voleva fermare a riposare e bere qualcosa, chiacchierare e godersi latmosfera della
festa. Un episodio
che al giorno doggi
fa ancora pensare e
lascia lamaro in bocca, in quanto ogni
componente
del
gruppo si accorto
del pregiudizio e della
diffidenza espressa
con questo rifiuto di
ospitalit, trattasi anche solo di un caff!
Questo episodio, come altri che negli ultimi
tempi
hanno
riempito le pagine dei
giornali, fa pensare
che ci siano ancora
molti pregiudizi sulla
disabilit nella mente
delle persone e che
molto ancora si debba lavorare per abbatterli. Parole gi dette, scritte e ribadite in abbondanza da chi lotta e lavora in questo campo, che
di fronte alla chiusura si infrangono in piccoli pezzi. Lassociazione dal canto suo non si lasciata prendere dalla rabbia, ma continuer a lavorare per promuovere i propri obiettivi di animazione ed integrazione. D'altronde a questo punto ci si chiede..chi il vero dis-abile? Chi ha delle difficolt non per propria scelta, oppure chi sceglie di crearsele delle
difficolt?? Per fortuna ci sono anche delle persone belle, senza pregiudizi, con il sorriso nel cuore e positive come i
gestori dellHotel Kastion, a Pochi di Salorno, che per il terzo anno ci hanno accolto a braccia aperte e sono sempre
pronti a risolvere ogni piccolo problema tecnico o i giovani volontari, ragazzi dai 17 o pochi pi anni, che senza alcuna piega si approcciano per risolvere quelle che per il proprio animato sono difficolt e per loro attivit scontate, come
vestirsi o lavarsi su queste persone occorre puntare, quelle che fanno ben sperare per il futuro. Ringraziamo anche
la Coop Adriatica di Feltre per il loro contributo nella spesa di questanno.

Per informazioni: associazione Vivere la Vita Onlus, casa delle associazioni, P.zza Papa Luciani 1
Segusino TV Cell. 3495691567 - viverelavitaonlus@gmail.com

30

LETTERE AL TORNADO

LUfficiale Umberto Macoratti (Medaglia dArgento al Valor Militare)


di Angelo Ceccotto
Qualche giorno fa, ho avuto lopportunit di
incontrare lArchitetto Paolo Macoratti di
Roma, Presidente Nazionale dellAss.
Garibaldini dItalia. Egli si trovava
nellAlanese per ripercorrere litinerario
attraverso il quale il padre, Uff.le UMBERTO
MACORATTI, inserito nel 2 Reg.to Fanteria
Brigata RE, contribu ad espugnare
linvasore, ultima resistenza austro-ungarica
in Alano, nella Prima Guerra Mondiale. In
quei giorni lUfficiale Macoratti partendo dal
Monte Tomba raggiunse la Fossa, scese al
Pian delle Marche, risal le rive di Carer,
prosegu verso il Tombal per poi rincorrere
lavversario lungo le pendici del Madal. E in
questa localit, sotto i tiri dellartiglieria
nemica, che il giovane Fante venne
gravemente ferito ad un braccio ma,
noncurante della sorte, proseguiva lazione con eroico ardire, meritando la decorazione - che rientra tra le 136 Medaglie
dArgento al Valor Militare concesse sul territorio alanese - con la seguente motivazione:

Ora il figlio, per dare completezza al diario del padre, redatto durante e dopo la Grande Guerra, intende con questo
manoscritto sensibilizzare i suoi eredi e lasciare pubblica testimonianza di un importante avvenimento accaduto al
genitore nella Conca delle Medaglie dOro.
Il sottoscritto, interpellato per dare un apporto visivo dei luoghi delle battaglie, ha condotto il Presidente Fante Garibaldino
sul Monte Tomba, sostenuti da una splendida giornata che ha permesso di indicare dettagliatamente laudace percorso
fatto dal padre nelloperazione liberatoria di Alano. Non
mancata poi loccasione di raggiungere il Monte Grappa, luogo
che larchitetto non aveva mai visitato, rimanendo sorpreso
dallimponente Sacrario, trovando lo spunto per ulteriori
argomentazioni storiche da inserire nel memoriale. Entusiasta e
commosso da tanta storia e da un panorama incantevole, si
sentito partecipe del Sacrificio di tanti Caduti. Per completare il
suo soggiorno alanese stato invitato a visitare il Museo Storico
di Campo dal Cav. Luciano Mondin, il quale con competenza e
professionalit ha spiegato allospite il prezioso materiale bellico
esposto allinterno della struttura museale. Nel sostare presso la
vetrina del S.Ten. Ugo Bartolomei, Fante del 1 Reg.to decorato
di Medaglia dOro al Valore Militare, suo concittadino, stato
colto da profonda commozione nello scoprire che fu anche Lui
un giovanissimo volontario garibaldino.
Per noi alanesi stato un piacere e un onore raccontare
allillustre ospite la storia degli Eroi che liberarono Alano, consapevoli di averlo sostenuto per una giusta causa. Per tale
disponibilit abbiamo colto con piacere i ringraziamenti inviatici dal Pres. Garibaldino con il sottostante scritto:
Carissimo Angelo, eccomi tornato a Roma con un bel bagaglio d'informazioni, ricevute grazie alla tua cortese
disponibilit e a quella di Luciano Mondin. La visita ai luoghi delle battaglie, che si conclusa sul monte Grappa, luogo
sacro e affascinante, ha lasciato in me una forte impressione sulla tragicit degli eventi che l si sono consumati e dei
mille e mille atti eroici di cui sono stati protagonisti ignoti Fanti.
Paolo Macoratti

31

COME ERAVAMO

Fener, Festa degli Alberi (met anni 60)

(s.for.) Le due foto qui sopra, di propriet del nostro lettore Piero Drusian, sono state scattate circa alla met degli anni
Sessanta e ritraggono gli alunni di quarta e di quinta elementare di Fener in occasione di una Festa degli Alberi tenutasi
nella frazione. Dalle notizie che abbiamo
raccolto, tra i bambini ci sono: Luigina
Bertoncin, Gilda Bill, Bruna Cesaro, Piero
Drusian, Dario Forcellini, Mario Marchese,
Daniela e Paola Melara, Franca Melchiori,
Giacomo Rizzotto, Dario Spada, Adriana
Storgato, Bianca Tonellato, Luciano Turrin e
Natalina Vedova. Le maestre sono suor
Angelina Meneghello e, un po nascosta,
Camilla Sartori. Ai lettori il compito di
individuare i nomi mancanti.

Asilo di Fener
(anno 78 o 79)
(s.for.) La foto a destra, dataci dal nostro
lettore Sisto Bacchetti, molto pi recente (
stata scattata nel 1978 o nel 1979) e ritrae i
bambini dellasilo di Fener con le suore che allepoca lo gestivano (tra le quali ancora suor Angelina). Anche in questo
caso lasciamo ai lettori il compito (in questo caso pi facile) di riconoscere i vari bambini.

Elementari
di Caorera
(primi anni 60)
(S.C.) Nella bella foto a sinistra, segnalataci
dalla nostra abbonata di Campo Ilda Gallina in
Quaggiotto, troviamo una classe delle
elementari di Caorera allinizio degli anni 60.
Da sinistra, in prima fila, Ruggero e Danilo; in
seconda Paolo, Valerio, Giannina, Leonardo,
Oriana, Cecilia e Ivana; in terza Ilda, Vito,
Angelina, Nadia e Franca, in quarta Battista,
Emilia, Ernestina, la maestra di nome Liliana,
Ivo e Claudio.

32

CRONACA

La 24 Ore del Donatore


di Vanessa Burtet

La "24 Ore del Donatore" una manifestazione nazionale di nuoto a staffetta che si svolge ogni anno presso le "terme di
Giunone" di Caldiero, organizzata dalla federata Fidas veronese per ricordare Carletto Lanciai, sostenitore della federata

stessa, e per mettere in luce, anche in estate, la necessit della donazione di sangue. La staffetta di nuoto infatti prevede l'alternanza dei nuotatori ogni 15 minuti per 24 ore, che simboleggia infatti l'impegno costante e necessario dei donatori di sangue, in modo che tutto questo non si fermi mai. Sabato e Domenica 29 e 30 agosto, quindi, donatori provenienti da Piemonte, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Lazio, Campania e Calabria e da tutte le federate del Veneto hanno
raggiunto Verona per l'ottava edizione della manifestazione. La partecipazione record di quest'anno, con un totale di 311
iscritti, ha permesso di consumare 156,2 Km per un totale di 3124 vasche. Oltre ai donatori Fidas iscritti alla staffetta, hanno partecipato anche numerosi testimonial sportivi quali il campione di ciclismo Maurizio Fondriest, i rappresentanti per le
Fiamme Oro Piergiorgio Gagliotti, Davide Natullo e Rodolfo Valenti, latleta delle Fiamme Gialle Lisa Fissneider, Alessandro Calvi del gruppo nuoto dei Carabinieri e infine l'atleta paralimpico plurimedagliato Guido Grandis. Alla conclusione della staffetta sono stati premiati gli atleti pi meritevoli ed intervenuto il presidente Fidas nazionale Aldo Ozino Caligaris per
ringraziare tutti i partecipanti che permettono con questa manifestazione di promuovere la donazione del sangue in modo
estremamente originale. Di certo io, Giovanni Cassol e consorte, che abbiamo nuotato come rappresentanti della federata
di Feltre abbiamo trascorso una domenica appagante ma anche estremamente divertente che speriamo di poter replicare
anche il prossimo anno, con la speranza di vedere in acqua pi giovani donatori, nuotatori o non, feltrini!
Grazie ai ragazzi della Fidas Verona per l'organizzazione e grazie alla Fidas Feltre che ci permette di partecipare a tutto
questo!
Ricordo a tutti i ragazzi donatori che volessero prendere parte agli eventi organizzati dalla fidas nazionale che la
partecipare interessante, divertente e gratuito! Per qualsiasi informazione chiedete al presidente della vostra sezione!

Il Mercatino

Svendo impianto audio FBT


ottime condizioni:
mixer amplificato / 8 ingressi / 40
effetti digitali / due casse passive /
cavalletti "air cushioned per una
facile "disinstallazione" dopo i
concerti. Ottimo per duo o piccoli
gruppi. Seminuovo.
Regalo cavi con jack (20m).
Euro 500,00.
Per informazioni:
0439787767 - 3387637979

Zona industriale - 31040 Segusino (TV)


Tel. 0423.979282

DUE ESSE s.n.c.


di Stramare Nicola e Oscar
Via S. Rocco, 39 - 31040 SEGUSINO (TV)
Telefono e Telefax 0423.979344
Via della Vittoria - 32030 FENER (BL)
Telefono 0439.789470

ONORANZE
FUNEBRI

ZD di ZAGO DINO
IMPIANTI ELETTRICI
VIDEO CONTROLLO
ASSISTENZA IMPIANTI TV
DIGITALI / SATELLITARI
ASSISTENZA CAME / NICE

Ci siamo fatti nuovi, abbiamo rinnovato


il negozio, ora c pi spazio al reparto
ferramenta e materiale elettrico, e
abbiamo ampliato il reparto dei casalinghi.
Per tutto il mese di settembre un 20% di
sconto su tutte le vernici e colori Paulin.

VENDITA: MATERIALE ELETTRICO / FERRAMENTA


VERNICI / VETRI / CASALINGHI / DUPLICAZIONE CHIAVI
VIA CARSO, 2 - SEGUSINO (TV) - TEL. e FAX 0423.979599 - CELL. 349.6055947 - E-MAIL: zagodino@hotmail.it
orario apertura negozio: dal luned al venerd: mattina 8.30-12.10 / pomeriggio 15.30-19.00 - (sabato: mattina 8.30-12.30 / pomeriggio: 15.00-18.45 - luned mattina chiuso)

di Ferdinando Carraro
PITTORE RESTAURATORE
Via Roma - Quero (BL) - Cell. 339.2242637

Azienda Agricola

SIMIONI DAVIDE
VENDITA ORTAGGI
E FRUTTI DI BOSCO
Via della Vittoria, 15 - FENER
Cell. 392.6391164
seguici anche su facebook

ONORANZE FUNEBRI SPADA


VALENTINO

SPADA

MARMI E BRONZI CIMITERIALI


TRASPORTI NAZIONALI
ED ESTERI
CREMAZIONI - SERVIZIO 24 H

TEL. 0423 69054 - 348 5435137


SERVIZI FUNEBRI A PARTIRE DA 1.800
CON POSSIBILIT DI RATEIZZAZIONE
ACCORDI CON VISITE A DOMICILIO SU VOSTRA
RICHIESTA CON GARANZIA DI CONVENIENZA,
SERIET E PERSONALE QUALIFICATO

CONSEGNA A DOMICILIO

Via F. De Rossi, 16/C - ALANO DI PIAVE (BL)


Tel. 0439 776002 - 349 1466314

VIVAIO - PIANT E

di Mondin Duilio

Realizzazione e Manutenzione Giardini


Prati - Irrigazione - Potature
Via Feltrina - 32038 QUERO (BL) - Cell. 338.1689292
E-mail: mondingiardini@gmail.com - mondingiardini.blogspot.com