Sei sulla pagina 1di 2

Le civiltà precolombiane nella letteratura

Tutti noi almeno una volta nella vita abbiamo avuto che fare con la storia dei popoli precolombiani
soprattutto Maya Aztechi e Inca perchè gli abbiamo dovuti studiare a scuola o perchè abbiamo
visto documentari su questo argomento. Questa parte della storia è molto trattata anche nella
letteratura e nel cinema. Vediamo alcune romanzi che sono ispirati da questi popoli così misteriosi.

Il primo romanzo è “L'origine perduta” di Matilde Asensi che


racconta di Arnau,un hacker spagnolo che viene a sapere che il
fratello,Daniel,di professione etnologo,è stato colpito da una malattia
rarissima di cui non si sa assolutamente la diagnosi e la cura. Dopo
aver visto l'antico testo di origine inca su cui Daniel stava lavorando,
si convince che la strana malattia è in realtà una specie di maledizione
trasmessa per mezzo di una lingua antichissima che segue ancora oggi
regole simili a quelle di un programma informatico; è la cosiddetta la
"lingua perfetta", considerata la lingua mitica di Adamo.
Approfondendo le ricerche, scopre che quel linguaggio viene
tramandato da milioni di anni da una setta che vive tuttora nei meandri
più oscuri e profondi della foresta amazzonica. In compagnia di due
amici si reca allora ad un ignoto sito archeologico in Bolivia dove
incontra la professoressa con la quale lavorava il fratello. Poi insieme,
in lotta contro il tempo per salvare Daniel,si dirigono verso un
territorio inesplorato dell'Amazzonia,con prove da superare, enigmi di
un passato remoto...

Altro romanzo è “Inca. Ombra di un puma” di A. Daniel che racconta le


vicende e le tradizioni dell'antichissimo popolo dell'Inca. Il romanzo
comincia con gli spagnoli che sbarcano sulla costa peruviana. La
protagonista di questo romanzo è Anamaya, una bellissima inca dagli strani
occhi azzurri, è l'unica a custodire i segreti del sovrano defunto (che ora
le appare come un puma) ed è lei che deve impegnarsi per lottare contro
gli invasori ed aiutare il suo popolo, già distrutta da guerre interne. Ma
questa ragazza non ha previsto l'attrazione per lo straniero dallo sguardo
dolce e dal puma disegnato sulla spalla. Da qui comincia il romanzo basato
sull'avventura e sull'amore che ci fa conoscere le caratteristiche le tradizioni
i misteri più profondi della civiltà peruviana...

Il terzo romanzo si intitola “Il Colombo divergente” di Carlo Menziger.


Questo è un romanzo molto particolare nella sua trama e nel suo
sviluppo infatti inizia con Cristoforo Colombo,che per colpa di un
“gesto” fatto da un anziano capo tribù di un'isola dei Caraibi, che
decide di intraprendere una rotta più a settentrione di quella intrapresa
nella realtà. Cosi non arriva nelle Bahamas ma nella terra dei
“Totonachi” con a capo un imperatore azteco. Quest'ultimo,per nulla
intimorito dall'arrivo degli spagnoli,crea un piano folle e suggestivo,
ovvero costruire navi per raggiungere la terra da cui sono giunti
stranieri tanto potenti...
Fonti

Immagini
http://www.milanocosa.it/wp-content/uploads/2008/05/lorigine-perduta.jpg
http://www.fantascienza.com/catalogo/Cov/11/11434.jpg
http://www.liberodiscrivere.it/_autori/1207/129401_cover.jpg

Testi
http://it.wikipedia.org/wiki/Pagina_principale
http://www.ciao.it/