Sei sulla pagina 1di 46

N O R M A

I T A L I A N A

CEI

Norma Italiana

CEI 64
Data Pubblicazione

Edizione

1999-01

Prima

Classificazione

Fascicolo

64

4985 R

Titolo

Effetti della corrente attraverso il corpo umano

Title

Effects of current passing through the human body

NORMA TECNICA

IMPIANTI E SICUREZZA DI ESERCIZIO

COMITATO
ELETTROTECNICO
ITALIANO

CNR CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE AEI ASSOCIAZIONE ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

SOMMARIO
La presente Pubblicazione intende fornire una guida sugli effetti della corrente attraverso il corpo umano
da utilizzare nella definizione dei requisiti per la sicurezza elettrica.
La presente Norma costituisce la ristampa senza modifiche, secondo il nuovo progetto di veste editoriale,
della Norma pari numero ed edizione (Fascicolo 1335 P).

DESCRITTORI
Effetti della corrente; Corpo umano; Impedenza elettrica;

COLLEGAMENTI/RELAZIONI TRA DOCUMENTI


Nazionali
Europei
Internazionali

(IDT) IEC 479-1:1984; IEC 479-2:1987;

Legislativi

INFORMAZIONI EDITORIALI
Norma Italiana

CEI 64

Stato Edizione

In vigore

Varianti

Nessuna

Ed. Prec. Fasc.

Nessuna

Comitato Tecnico

Pubblicazione

Pubblicazione

Data validit

Carattere Doc.
Ambito validit

Nazionale

64-Impianti elettrici utilizzatori di bassa tensione (fino a 1000 V in c.a. e a 1500 V in c.c.)

Approvata dal

in Data
in Data

Sottoposta a
Gruppo Abb.

Chiusa in data

Sezioni Abb.

ICS
CDU

LEGENDA

(IDT) La Norma in oggetto identica alle Norme indicate dopo il riferimento (IDT)

CEI - Milano 1999. Riproduzione vietata.


Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del presente Documento pu essere riprodotta o diffusa con un mezzo qualsiasi senza il consenso scritto del CEI.
Le Norme CEI sono revisionate, quando necessario, con la pubblicazione sia di nuove edizioni sia di varianti.
importante pertanto che gli utenti delle stesse si accertino di essere in possesso dellultima edizione o variante.

INDICE GENERALE
Rif.

Pag.

Argomento

P A R T E
ASPETTI
1

GENERALI

CAPITOLO
1
IMPEDENZA

ELETTRICA DEL CORPO UMANO

GENERALIT

OGGETTO

DEFINIZIONI

4.4

CARATTERISTICHE DELLIMPEDENZA DEL CORPO UMANO


Impedenza interna del corpo umano (Zi) .............................................................................................................
Impedenza della pelle (Zp) ..............................................................................................................................................
Impedenza totale del corpo umano (Zt) ................................................................................................................
Resistenza iniziale del corpo umano (Ri) ...............................................................................................................

VALORI DELLIMPEDENZA TOTALE DEL CORPO UMANO (Zt)

VALORE DELLA RESISTENZA INIZIALE DEL CORPO UMANO (Ri)

MISURE EFFETTUATE SU ESSERI VIVENTI E SU CADAVERI


E ANALISI STATISTICHE DEI RISULTATI

4.1
4.2
4.3

A PP ENDI CE
A

CAPITOLO
EFFETTI
2

DELLA CORRENTE ALTERNATA DA 15 A 100 HZ

2
2
3
3

GENERALIT

OGGETTO

DEFINIZIONI

4.6

10
EFFETTI DELLA CORRENTE
Soglia di percezione ............................................................................................................................................................ 10
Soglia di rilascio ...................................................................................................................................................................... 10
Soglia di fibrillazione ventricolare ............................................................................................................................. 10
Altri effetti della corrente ................................................................................................................................................. 10
Descrizione delle zone (Fig. 5) ................................................................................................................................... 11
Esperienze con tensioni non superiori a 50 V in valore efficace ....................................................... 11

APPLICAZIONE DEL FATTORE DI PERCORSO

4.1
4.2
4.3
4.4
4.5

CAPITOLO
EFFETTI
3

DELLA CORRENTE CONTINUA

11

14

GENERALIT

14

OGGETTO

14

NORMA TECNICA
CEI 4985:1999-01
Pagina iii

DEFINIZIONI

15
EFFETTI DELLA CORRENTE
Soglia di percezione ............................................................................................................................................................ 15
Soglia di rilascio ...................................................................................................................................................................... 15
Soglia di fibrillazione ventricolare ............................................................................................................................. 15
Altri effetti .................................................................................................................................................................................... 16
Descrizione delle zone (Fig. 8) .................................................................................................................................... 16

4.1
4.2
4.3
4.4
4.5

14

P A R T E
ASPETTI
2

PARTICOLARI

17

CAPITOLO
EFFETTI
4

DELLA CORRENTE ALTERNATA CON FREQUENZE SUPERIORI A 100 HZ

17

GENERALIT

17

OGGETTO

17

DEFINIZIONI

17

EFFETTI DELLA CORRENTE ALTERNATA NELLA GAMMA


18
DI FREQUENZA DA 100 A 1000 HZ COMPRESI
Soglia di percezione ............................................................................................................................................................ 18
Soglia di rilascio ...................................................................................................................................................................... 18
Soglia di fibrillazione ventricolare ............................................................................................................................. 18

4.1
4.2
4.3
5
5.1
5.2
5.3
6
6.1
6.2
6.3
6.4

EFFETTI DELLA CORRENTE ALTERNATA NELLA GAMMA


DI FREQUENZA DA 1000 A 10000 HZ COMPRESI
18
Soglia di percezione ............................................................................................................................................................ 18
Soglia di rilascio ...................................................................................................................................................................... 18
Soglia di fibrillazione ventricolare ............................................................................................................................. 18
EFFETTI DELLA CORRENTE ALTERNATA PER FREQUENZE SUPERIORI A 10000 HZ
18
Soglia di percezione ............................................................................................................................................................ 18
Soglia di rilascio ...................................................................................................................................................................... 18
Soglia di fibrillazione ventricolare ............................................................................................................................. 19
Altri effetti .................................................................................................................................................................................... 19

CAPITOLO
5
EFFETTI

DI FORME DONDA SPECIALI DI CORRENTE

21

GENERALIT

21

OGGETTO

21

DEFINIZIONI

21

EFFETTI DELLA CORRENTE ALTERNATA CON COMPONENTI IN CORRENTE CONTINUA


22
Forme donda e frequenze .............................................................................................................................................. 22
Soglia di percezione ............................................................................................................................................................ 22
Soglia di rilascio ...................................................................................................................................................................... 22
Soglia di fibrillazione ventricolare ............................................................................................................................. 22

4.1
4.2
4.3
4.4

NORMA TECNICA
CEI 4985:1999-01
Pagina iv

5
5.1
5.2
5.3
6
6.1
6.2
6.3

EFFETTI DELLA CORRENTE ALTERNATA CON REGOLAZIONE DI FASE


24
Forme donda e frequenze ............................................................................................................................................. 24
Soglia di percezione e soglia di rilascio ................................................................................................................ 24
Soglia di fibrillazione ventricolare ............................................................................................................................. 24
EFFETTI DELLA CORRENTE ALTERNATA CON REGOLAZIONE A TRENI DONDA
25
Forme donda e frequenze ............................................................................................................................................. 25
Soglia di percezione e soglia di rilascio ................................................................................................................ 25
Soglia di fibrillazione ventricolare ............................................................................................................................. 25

CAPITOLO
EFFETTI
6

DI SINGOLI IMPULSI DI CORRENTE UNIDIREZIONALE DI BREVE DURATA

28

GENERALIT

28

OGGETTO

28

DEFINIZIONI

28

EFFETTI DI IMPULSI DI CORRENTE UNIDIREZIONALE DI BREVE DURATA


30
Forme donda ........................................................................................................................................................................... 30
Determinazione dellenergia specifica di fibrillazione Fe ......................................................................... 30
Soglia di percezione e soglia di dolore per scarica di un condensatore ...................................... 31
Soglia di fibrillazione ventricolare ............................................................................................................................. 31
Esempi ........................................................................................................................................................................................... 31

4.1
4.2
4.3
4.4
4.5

BIBLIOGRAFIA

36

NORMA TECNICA
CEI 4985:1999-01
Pagina v

PREMESSA
La presente Pubblicazione intende fornire una guida sugli effetti della corrente
attraverso il corpo umano da utilizzare nella definizione dei requisiti per la sicurezza elettrica.
Esistono, comunque, altri aspetti che devono essere presi in considerazione, come
la probabilit di guasti, di contatto con parti attive o guaste, il rapporto tra tensione di contatto e tensione totale, lesperienza acquisita, le possibilit tecniche e le
considerazioni economiche.
Questi parametri devono essere attentamente valutati quando si fissano i requisiti
di sicurezza, per esempio le caratteristiche di funzionamento dei dispositivi di
protezione nelle installazioni elettriche.
Al fine di evitare errori di interpretazione va messo in evidenza che i dati riportati
nel seguito sono principalmente basati su esperimenti con animali e su informazioni disponibili da osservazioni cliniche.
Solo pochi esperimenti con correnti di breve durata sono stati ricavati da persone
viventi.
Sulla base dei dati disponibili, principalmente da ricerche sugli animali, i valori
sono cos cautelativi che il rapporto si applica alle persone in condizioni fisiologiche normali, inclusi i bambini indipendentemente dallet e dal peso.
Questa Pubblicazione fornisce un sommario dei risultati raggiunti che sono stati
scelti dal Comitato Tecnico 64 per fissare i requisiti di protezione contro lelettrocuzione. Questi risultati sono cos importanti da giustificare una Pubblicazione
IEC, la quale pu essere utile come guida per altri comitati IEC e Paesi aventi necessit di tali informazioni.
La prima edizione della Pubblicazione 479 fu pubblicata nel 1974 e si basava su
una ampia ricerca bibliografica e sulla valutazione delle risposte fornite ad un
questionario. Tuttavia, da quella data, sono stati effettuati nuovi lavori su questo
argomento. Lo studio di questi lavori ed una analisi pi precisa delle pubblicazioni precedenti hanno permesso una migliore comprensione degli effetti della corrente elettrica sugli organismi viventi, ed in particolare sulluomo.
Questo fascicolo riguarda specificamente: i limiti a cui si ha fibrillazione ventricolare, che la causa principale delle morti per corrente elettrica e la analisi di
tutti i risultati di recenti lavori di ricerca sulla fisiologia cardiaca e sulla soglia di
fibrillazione; ci ha reso possibile una migliore valutazione dellinfluenza dei
principali parametri fisici e, specialmente, della durata del flusso di corrente.
Altri lavori di ricerca sono stati realizzati recentemente su altri parametri fisici
degli infortuni, specialmente la forma donda e la frequenza della corrente e limpedenza del corpo umano.
Si perci considerata necessaria questa revisione della Pubblicazione 479 ed
essa dovrebbe essere vista come lo sviluppo logico e levoluzione della 1 edizione.

NORMA TECNICA
CEI 4985:1999-01
Pagina vi

ASPETTI GENERALI

1
P A R T E

IMPEDENZA ELETTRICA DEL CORPO UMANO

1
CAPITOLO

GENERALIT
Per uno specificato percorso attraverso il corpo umano, il pericolo per le persone
dipende principalmente dalla intensit e dalla durata della corrente. Tuttavia, le
zone tempo/corrente specificate nei capitoli seguenti non sono, in molti casi, direttamente applicabili nella pratica per la designazione della protezione contro i
contatti elettrici; il criterio risulta il limite ammissibile della tensione di contatto
(cio il prodotto della corrente che passa per il corpo e limpedenza del corpo
stesso) in funzione del tempo. La relazione fra corrente e tensione non lineare
in quanto limpedenza del corpo umano varia con la tensione di contatto; importante dunque disporre di dati in accordo con questa relazione.
Le differenti parti del corpo umano, come la pelle, il sangue, i muscoli, altri tessuti ed articolazioni presentano al passaggio della corrente elettrica una certa impedenza composta da resistenze e capacit.
I valori dellimpedenza dipendono da una serie di fattori, in particolare dal percorso della corrente, dalla tensione di contatto, dalla durata del passaggio della
corrente, dallarea di contatto, dalla pressione, dalla temperatura e dallumidit
della pelle.
I valori di impedenza indicati in questo fascicolo risultano da un accurato esame
dei dati sperimentali ottenuti da misure effettuate principalmente su cadaveri e su
alcune persone viventi.

OGGETTO
Questo capitolo indica i valori dellimpedenza elettrica del corpo umano in funzione della tensione di contatto, della frequenza, del grado di umidit della pelle
e del percorso della corrente.
Nota I valori dati nel Capitolo 5 si riferiscono a frequenze di 50/60 Hz.

CEI 4985:1999-01
46

NORMA TECNICA
CEI 4985:1999-01
Pagina 1 di 40

DEFINIZIONI

3.1

Impedenza interna del corpo umano (Zi)


Impedenza tra due elettrodi in contatto con due parti del corpo umano, dopo
aver tolto la pelle sotto gli elettrodi.

3.2

Impedenza della pelle (Zp)


Impedenza tra un elettrodo applicato sulla pelle e i tessuti conduttivi sottostanti.

3.3

Impedenza totale del corpo umano (Zt)


Somma vettoriale dellimpedenza interna e delle impedenze della pelle (vedi
Fig. 1).

3.4

Resistenza iniziale del corpo umano (Ri)


Resistenza che limita il valore di picco della corrente al momento in cui si stabilisce la tensione di contatto.

CARATTERISTICHE DELLIMPEDENZA DEL CORPO UMANO


Un circuito raffigurante le impedenze del corpo umano riportato in Fig. 1.

4.1

Impedenza interna del corpo umano (Zi)


Limpedenza interna del corpo umano pu essere considerata essenzialmente resistiva. Il suo valore dipende principalmente dal percorso della corrente e, in misura minore, dallarea di contatto. Tuttavia, quando la superficie di contatto
molto piccola, dellordine di pochi millimetri quadrati, limpedenza interna aumenta.
Nota Le misure indicano che esiste una piccola componente capacitiva (linee tratteggiate nella Fig. 1).

La Fig. 2 mostra limpedenza interna del corpo umano per diversi percorsi della corrente, espressa in percentuale del valore dellimpedenza per il percorso mano-mano.
4.2

Impedenza della pelle (Zp)


Limpedenza della pelle pu essere considerata come una rete di resistenze e di
capacit. La sua struttura costituita da uno strato semi-isolante e piccoli elementi conduttivi (pori).
Limpedenza della pelle diminuisce quando aumenta la corrente. Talvolta si formano marchi elettrici.
Il valore di Zp dipende da: tensione, frequenza, durata della corrente, area di
contatto, pressione del contatto, grado di umidit e temperatura della pelle.
Per tensioni di contatto fino a circa 50 V, il valore dellimpedenza della pelle varia
ampiamente con larea di contatto, temperatura, respirazione, anche per una stessa persona.
Per tensioni di contatto maggiori, dellordine da 50 a 100 V, limpedenza diminuisce considerevolmente e diventa trascurabile quando la pelle viene perforata.
Per quanto riguarda la frequenza, limpedenza della pelle diminuisce allaumentare della frequenza.

NORMA TECNICA
CEI 4985:1999-01
Pagina 2 di 40

4.3

Impedenza totale del corpo umano (Zt)


Limpedenza totale del corpo umano consiste di una componente resistiva e una
capacitiva.
Per tensioni di contatto fino a 50 V, a causa di considerevoli variazioni di Zp limpedenza totale del corpo umano Zt varia ampiamente in modo similare.
Per tensioni di contatto maggiori, limpedenza totale dipende sempre meno
dallimpedenza della pelle Zp; dopo la perforazione della pelle il valore di Zt si
avvicina a quello dellimpedenza interna Zi.
Per quanto riguarda la frequenza, tenendo conto della variazione dellimpedenza
della pelle in funzione della frequenza, la Zt maggiore per la corrente continua
e diminuisce con laumentare della frequenza.

4.4

Resistenza iniziale del corpo umano (Ri)


Quando si stabilisce una tensione di contatto, le capacit nel corpo umano non
sono caricate; le impedenze della pelle Zp sono trascurabili e la resistenza iniziale
Ri circa uguale allimpedenza interna del corpo umano Zi (vedi Fig. 1).
Ri dipende principalmente dal percorso della corrente e in misura minore
dallarea di contatto.
La resistenza iniziale limita i picchi di corrente degli impulsi brevi. (Per esempio
dovuti a recinti elettrici).

VALORI DELLIMPEDENZA TOTALE DEL CORPO UMANO (Zt)


I valori dellimpedenza totale del corpo riportati in Tab. 1 sono validi per esseri
viventi, per un percorso della corrente mano-mano o mano-piede per una significativa area di contatto (50 o 100 cm2) con pelle asciutta. Per tensioni fino a 50 V,
i valori misurati con area di contatto bagnata con acqua ordinaria sono dal 10 al
25% pi bassi che in condizioni asciutte; soluzioni conduttive riducono limpedenza fino alla met dei valori misurati in condizioni asciutte.
Per tensioni maggiori di 150 V limpedenza Zt dipende solo marginalmente
dallumidit e dallarea di contatto. Le misure sono state fatte su individui adulti
(maschi e femmine).
Il campo dei valori di Zt per tensioni di contatto fino a 5000 V riportato in
Fig. 3; per tensioni di contatto fino a 700 V in Fig. 4.
I valori della Tab. 1 e delle Fig. 3 e 4 rappresentano al momento i valori pi attendibili dellimpedenza totale per adulti viventi. Sulla base delle conoscenze attualmente disponibili limpedenza Zt per i bambini valutabile nello stesso ordine di grandezza.

NORMA TECNICA
CEI 4985:1999-01
Pagina 3 di 40

Tab. 1

Impedenza totale del corpo umano Zt


Valori dellimpedenza totale del corpo umano
() che non sono oltrepassati dal

Tensione di contatto
5%
(V)

50%

95%

della popolazione

25

1750

3250

6100

50

1450

2625

4375

75

1250

2200

3500

100

1200

1875

3200

125

1125

1625

2875

220

1000

1350

2125

700

750

1100

1550

1000

700

1050

1500

valore asintotico

650

750

850

Note: 1
2

Questi valori sono stati determinati come detto nellAppendice A.


I valori per persone immerse in acqua sono allo studio.

VALORE DELLA RESISTENZA INIZIALE DEL CORPO UMANO (Ri)

I valori della resistenza iniziale del corpo umano per un percorso della corrente
mano-mano o mano-piede e grande area di contatto pu essere valutata uguale a
500 ; valori inferiori non si verificano che per il 5% della popolazione.
Fig. 1

Impedenze del corpo umano


Zi
= Impedenza interna
Zp1Zp2 = Impedenza della pelle
= Impedenza totale
Zt

NORMA TECNICA
CEI 4985:1999-01
Pagina 4 di 40

Fig. 2

Impedenza interna del corpo umano in funzione del percorso delle corrente
I numeri indicano la percentuale dellimpedenza del corpo umano per un percorso prefissato, in relazione al percorso mano-mano.
I numeri non tra parentesi si riferiscono al percorso della corrente da una mano
alla parte del corpo considerata. I numeri in parentesi si riferiscono ai percorsi tra
le due mani e la corrispondente parte del corpo.

Note: 1
2

Limpedenza da una mano a entrambi i piedi il 75% dellimpedenza da mano a mano,


quella da entrambe le mani a entrambi i piedi il 50%.
In prima approssimazione le percentuali sono anche valide per limpedenza totale del corpo.

NORMA TECNICA
CEI 4985:1999-01
Pagina 5 di 40

Fig. 3

Valori statistici dellimpedenza totale del corpo umano per esseri viventi, dovuti al
percorso mano-mano o mano-piede, per tensioni di contatto fino a 5000 V

NORMA TECNICA
CEI 4985:1999-01
Pagina 6 di 40

Fig. 4

Valori statistici dellimpedenza totale del corpo umano per esseri viventi, dovuti al
percorso mano-mano o mano-piede, per tensioni di contatto fino a 700 V

NORMA TECNICA
CEI 4985:1999-01
Pagina 7 di 40

APPENDICE

MISURE EFFETTUATE SU ESSERI VIVENTI E SU CADAVERI


E ANALISI STATISTICHE DEI RISULTATI
Per ottenere valori realistici dellimpedenza totale del corpo umano su esseri viventi stata seguita la procedura che segue:
1. Le misure sono state effettuate su 50 persone viventi con una tensione di contatto di 15 V e su 100 persone viventi con una tensione di contatto di 25 V
con un percorso della corrente mano-mano, con elettrodi di circa 80 cm2 in
condizioni asciutte.
I valori delle impedenze totali del corpo umano che non sono sorpassati dal
5, 50 e 95% della popolazione sono stati determinati con due metodi statistici
indipendenti che hanno dato circa gli stessi risultati.
Le misure sono state eseguite dopo 0,1 s dallapplicazione della tensione.
2. Limpedenza totale del corpo su una persona vivente stata misurata nelle
condizioni del precedente punto 1, con una tensione di contatto fino a 150 V,
inoltre con corrente della durata fino a 0,03 s per tensioni fino a 200 V.
3. Le misure sono state effettuate su un elevato numero di cadaveri in condizioni simili a quelle del punto 1 per un percorso della corrente mano-mano e
mano-piede con elettrodi di circa 90 cm2 per tensioni di contatto da 25 a
5000 V in condizioni asciutte e bagnate. I valori delle impedenze totali del
corpo sono stati determinati secondo le procedure del punto 1. Le misure
sono state eseguite 3 s dopo lapplicazione della tensione.
4. Le impedenze totali misurate con cadaveri (punto 3) che, per tensioni di contatto fino a 220 V hanno mostrato unalta impedenza della pelle, sono state
modificate adattando le curve ai valori su persone viventi.
5. La differenza tra percorso della corrente mano-mano e mano-piede pu essere trascurata ai valori misurati per fini pratici.

NORMA TECNICA
CEI 4985:1999-01
Pagina 8 di 40

EFFETTI DELLA CORRENTE ALTERNATA DA 15 A 100 HZ

2
CAPITOLO

GENERALIT
Questo capitolo principalmente basato sui dati relativi agli effetti della corrente
alle frequenze di 50 o 60 Hz che sono le pi usate nelle installazioni elettriche.
I valori dati sono, tuttavia, considerati applicabili in un intervallo di frequenze da
15 a 100 Hz; comunque i valori di soglia ai limiti di questo campo sono pi elevati rispetto a quelli a 50 e 60 Hz.
Questo capitolo considera principalmente il rischio di fibrillazione ventricolare che
rappresenta la causa principale di incidenti mortali in questa gamma di frequenze.

OGGETTO
Questo capitolo descrive gli effetti della corrente alternata che attraversa il corpo
umano nel campo di frequenza da 15 a 100 Hz.
Nota Se non diversamente specificato, i valori di corrente definiti nel seguito sono espressi in valore efficace.

DEFINIZIONI

3.1

Soglia di percezione
Valore minimo di corrente che causa una sensazione alla persona attraverso cui
fluisce la corrente.

3.2

Soglia di rilascio
Massimo valore di corrente per cui una persona pu lasciare gli elettrodi con i
quali in contatto.

3.3

Soglia di fibrillazione ventricolare


Valore minimo di corrente che provoca la fibrillazione ventricolare.

3.4

Fattore di percorso
Rapporto tra lintensit del campo elettrico nel cuore per un dato percorso della
corrente e lintensit del campo elettrico nel cuore per una corrente di uguale intensit che fluisce dalla mano sinistra ai piedi.
Nota Nel cuore, la densit di corrente proporzionale allintensit del campo elettrico.

3.5

Periodo vulnerabile
Il periodo vulnerabile riguarda una parte relativamente piccola del ciclo cardiaco
durante la quale le fibre cardiache sono in uno stato non omogeneo di eccitabilit e la fibrillazione ventricolare avviene se esse sono eccitate da una corrente
elettrica di sufficiente intensit.
Nota Il periodo vulnerabile corrisponde alla prima parte dellonda T dellelettrocardiogramma e rap-

presenta approssimativamente il 10 - 20% del ciclo cardiaco (vedi Fig. 6 e 7).

NORMA TECNICA
CEI 4985:1999-01
Pagina 9 di 40

EFFETTI DELLA CORRENTE

4.1

Soglia di percezione
La soglia di percezione dipende da pi parametri, come larea del corpo in contatto con lelettrodo, le condizioni del contatto (umidit, pressione, temperatura)
e anche dalle caratteristiche fisiologiche dellindividuo.
In questo rapporto si assume un valore di massima di 0,5 mA indipendentemente
dal tempo.

4.2

Soglia di rilascio
La soglia di rilascio dipende da pi parametri, come larea di contatto, la forma o
dimensioni degli elettrodi e anche dalle caratteristiche fisiologiche dellindividuo.
In questo rapporto si assume un valore di circa 10 mA.

4.3

Soglia di fibrillazione ventricolare


La soglia di fibrillazione ventricolare dipende sia dai parametri fisiologici (anatomia del corpo, stato della funzione cardiaca) sia da parametri elettrici (durata e
percorso della corrente, tipo di corrente, ecc.).
In corrente alternata (50 o 60 Hz) esiste una considerevole diminuzione della soglia di fibrillazione se la corrente fluisce oltre un ciclo cardiaco. Questo effetto
dovuto da un aumento della disomogeneit dello stato di eccitazione del cuore
causato dalle extrasistole indotte dalla corrente.
Per contatti di durate al di sotto di 0,1 s, la fibrillazione pu innescarsi per correnti superiori a 500 mA, ed probabile che si inneschi per correnti dellordine di
alcuni ampere se il passaggio di corrente avviene durante il periodo vulnerabile.
Per contatti della stessa intensit e durata superiore a un ciclo cardiaco, si pu
produrre un arresto cardiaco reversibile. Per adattare i risultati degli esperimenti
sugli animali agli uomini stata stabilita una curva al di sotto della quale non
pu prodursi la fibrillazione.
Lelevato livello per brevi periodi di esposizione fra 10 e 100 ms va scelto su una
linea discendente da 500 a 400 mA. Sulla base di informazioni su infortuni elettrici, il livello pi basso per durate maggiori di 1 s va scelto su una linea discendente da 50 mA per 1 s, a 40 mA per durate superiori a 3 s.
Entrambi i livelli sono connessi da una linea continua derivata da risultati sperimentali.

4.4

Altri effetti della corrente


La fibrillazione ventricolare considerata essere la principale causa di morte per
contatto elettrico. Esistono anche casi di morte dovuta ad asfissia o ad arresto
cardiaco. Effetti pato-fisiologici come contrazioni muscolari, difficolt di respirazione, aumento della pressione sanguigna, disturbi nella formazione e conduzione di impulsi nel cuore inclusi la fibrillazione atriale e larresto cardiaco provvisorio possono accadere senza fibrillazione ventricolare. Tali effetti non sono letali e
sono abitualmente reversibili; possono prodursi marchi elettrici.
Correnti di parecchi ampere producono con tutta probabilit gravi ustioni con
conseguenti seri danni e anche la morte.

NORMA TECNICA
CEI 4985:1999-01
Pagina 10 di 40

Descrizione delle zone (Fig. 5)

4.5
Tab. 2

Zone

Effetti fisiologici

Zona 1

Abitualmente nessuna reazione.

Zona 2

Abitualmente nessun effetto fisiologicamente pericoloso.

Zona 3

Abitualmente nessun danno organico. Probabilit di contrazioni muscolari e difficolt respiratoria; disturbi reversibili nella formazione e conduzione di impulsi nel
cuore, inclusi fibrillazione atriale e arresto cardiaco provvisorio senza fibrillazione
ventricolare, che aumentano con lintensit della corrente e il tempo.

Zona 4

In aggiunta agli effetti della zona 3, la probabilit di fibrillazione ventricolare aumenta


fino a circa il 5% (curva c2), al 50% (curva c3), oltre il 50% al di l della curva c3.
Effetti pato-fisiologici come arresto cardiaco, arresto respiratorio, gravi ustioni possono presentarsi con laumentare dellintensit della corrente e del tempo.

Esperienze con tensioni non superiori a 50 V in valore efficace

4.6

Dalle risposte date da diversi paesi ad un questionario, appare che non esistono
prove certe, in quei paesi, di infortuni elettrici accaduti in circostanze abituali con
tensioni non superiori a 50 V in corrente alternata (valore efficace) e causati dalla
corrente che fluisce per il corpo e che provoca seri danni.

APPLICAZIONE DEL FATTORE DI PERCORSO

Il fattore di percorso permette il calcolo delle correnti Ih che passano per un percorso diverso da mano sinistra-piedi che presentano lo stesso pericolo della fibrillazione ventricolare corrispondente a Iref mano sinistra-piedi secondo la Fig. 5.
I ref
I h = -------F
dove: Iref = corrente nel corpo umano per il percorso mano sinistra-piedi secondo Fig. 5;
Ih = corrente nel corpo per i percorsi dati in Tab. 3;
F = fattore di percorso.
Nota Il fattore di percorso deve essere considerato solo una stima approssimativa del pericolo relativo

a diversi percorsi, in relazione alla fibrillazione ventricolare.

Per differenti percorsi della corrente, in Tab. 3 sono dati i valori del fattore di
percorso.
Tab. 3

Percorso della corrente

Fattore di percorso

Mano sinistra-piede sinistro, piede destro o piedi

1,0

Due mani-piedi

1,0

Mano sinistra-mano destra

0,4

Mano destra-piede sinistro, piede destro o piedi

0,8

Schiena-mano destra

0,3

Schiena-mano sinistra

0,7

Torace-mano destra

1,3

Torace-mano sinistra

1,5

Glutei-mano sinistra, mano destra o entrambe le mani

0,7
NORMA TECNICA
CEI 4985:1999-01
Pagina 11 di 40

Per esempio, una corrente di 200 mA mano-mano ha lo stesso effetto di una


corrente di 80 mA mano sinistra-piedi.
Per la descrizione delle zone vedi Tabella 2.
Fig. 5

Zone tempo/corrente relative agli effetti della corrente alternata (15 Hz - 100 Hz) sulle
persone

Note: 1

NORMA TECNICA
CEI 4985:1999-01
Pagina 12 di 40

Nei confronti della fibrillazione ventricolare, questa figura relativa agli effetti della corrente che fluisce lungo il percorso mano sinistra-piedi. Per altri percorsi vedere lart. 5 e
la Tabella 3.
Il punto 500 mA/100 ms corrisponde ad una probabilit di fibrillazione di circa 0,14%.

Fig. 6

Collocazione del periodo vulnerabile dei ventricoli nel ciclo cardiaco. I numeri caratterizzano i successivi stadi di propagazione delleccitazione

Fig. 7

Innesco della fibrillazione ventricolare nel periodo vulnerabile.


Effetti sullelettrocardiogramma (ECG) e sulla pressione sanguigna

NORMA TECNICA
CEI 4985:1999-01
Pagina 13 di 40

EFFETTI DELLA CORRENTE CONTINUA

3
CAPITOLO

GENERALIT
Gli infortuni con corrente continua sono molto meno frequenti di quanto sarebbe
lecito attendersi dato il numero delle applicazioni in corrente continua; gli infortuni mortali accadono soltanto per particolari condizioni sfavorevoli, per esempio
nelle miniere. Questo parzialmente dovuto al fatto che con la corrente continua
il rilascio delle parti afferrate meno difficile e che per tempi maggiori di un periodo cardiaco la soglia di fibrillazione rimane considerevolmente maggiore che
in corrente alternata.
Le principali differenze tra gli effetti della corrente alternata e della corrente continua sul corpo umano sono date dal fatto che le azioni di eccitazione dovute alla
corrente (stimolazione dei nervi e dei muscoli, innesco della fibrillazione atriale o
ventricolare) sono collegate alla variazione del valore di corrente specialmente
allatto del suo stabilimento e interruzione.
Per produrre gli stessi effetti, lintensit della corrente continua liscia deve essere
da due a quattro volte pi grande di quella in corrente alternata.

OGGETTO
Questo capitolo descrive gli effetti della corrente continua che fluisce attraverso il
corpo umano.
Note: 1

Il termine corrente continua significa una corrente continua senza ondulazioni. Tuttavia,
nei riguardi degli effetti della fibrillazione, i dati ricavati in questo capitolo sono considerati
validi per correnti continue con ondulazioni tra i valori di cresta non superiori al 15%.
Linfluenza delle ondulazioni trattata nel Capitolo 5.

DEFINIZIONI
In aggiunta alle definizioni date nel Capitolo 2, si applicano le seguenti definizioni per gli scopi di questo capitolo.

3.1

Fattore di equivalenza tra corrente continua e corrente alternata (K)


Rapporto tra il valore di una corrente continua e il valore efficace di corrente alternata che abbiano la stessa probabilit di innescare fibrillazione ventricolare.
Nota Ad esempio, per durate superiori al periodo cardiaco il fattore di equivalenza approssimati-

vamente:
I c.c. fibrillazione
300 mA
K = ---------------------------------------- = -------------------- = 3 ,75
80 mA
I c.a. fibrillazione eff.

3.2

Corrente longitudinale
Corrente che fluisce longitudinalmente nel corpo umano, per esempio da una
mano ai piedi.

NORMA TECNICA
CEI 4985:1999-01
Pagina 14 di 40

3.3

Corrente trasversale
Corrente che fluisce trasversalmente nel corpo umano, per esempio da mano a
mano.

3.4

Corrente ascendente
Corrente continua che attraversa il corpo umano in cui i piedi rappresentano il
polo positivo.

3.5

Corrente discendente
Corrente continua che attraversa il corpo umano in cui i piedi rappresentano il
polo negativo.

EFFETTI DELLA CORRENTE

4.1

Soglia di percezione
La soglia di percezione dipende da diversi parametri, come larea di contatto, le
condizioni del contatto (umidit, pressione, temperatura), la durata del flusso di
corrente e le caratteristiche fisiologiche dellindividuo. A differenza della corrente
alternata, sono avvertiti solo lo stabilirsi e linterrompersi della corrente; nessunaltra sensazione si nota durante il passaggio della corrente al livello della soglia di percezione. In condizioni paragonabili a quelle utilizzate negli studi per la
corrente alternata, la soglia di percezione stata valutata intorno a 2 mA.

4.2

Soglia di rilascio
A differenza della corrente alternata, non esiste una soglia di rilascio definibile
per correnti continue inferiore a circa 300 mA. Solo lo stabilirsi e linterrompersi
della corrente provocano dolori e contrazioni muscolari.
Per correnti approssimativamente superiori a 300 mA, il rilascio pu essere impossibile o solo possibile dopo molti secondi o minuti di durata del contatto.

4.3

Soglia di fibrillazione ventricolare


Come descritto per la corrente alternata (Capitolo 2, art. 4.3), la soglia di fibrillazione relativa alla corrente continua dipende sia da parametri fisiologici sia elettrici.
Esperimenti sugli animali e informazioni derivate da infortuni elettrici mostrano
che la soglia di fibrillazione per una corrente discendente circa due volte superiore rispetto a quella ascendente. molto improbabile che si inneschi la fibrillazione per un percorso della corrente mano-mano.
Per durate di contatto maggiori di un periodo cardiaco, la soglia di fibrillazione
per corrente continua molte volte maggiore di quella per corrente alternata.
Per contatti di durata inferiore a 200 ms, la soglia di fibrillazione circa identica a
quella per la corrente alternata, misurata in valore efficace.
In analogia con le zone tempo/corrente per la corrente alternata (Fig. 5) stata
designata una curva che separa la zona dove la fibrillazione pu prodursi dalla
zona dove possono attendersi effetti meno pericolosi (Fig. 8). Questa curva si applica a una corrente ascendente. Con corrente discendente, la curva deve essere
traslata fino a correnti di valore doppio.

NORMA TECNICA
CEI 4985:1999-01
Pagina 15 di 40

Altri effetti

4.4

Al di sotto di circa 300 mA avvertita una sensazione di calore alle estremit durante il passaggio della corrente. Correnti trasversali fino a 300 mA che fluiscono
attraverso il corpo umano per diversi minuti possono, aumentando con il tempo
e lintensit, causare aritmie cardiache reversibili, marchi elettrici, ustioni, vertigini e qualche volta perdita di conoscenza. La perdita di conoscenza accade frequentemente al di sopra di 300 mA.

Descrizione delle zone (Fig. 8)

4.5

Zone

Fig. 8

Effetti fisiologici

Zona 1

Abitualmente nessuna reazione.

Zona 2

Abitualmente nessun effetto fisiologicamente pericoloso.

Zona 3

Abitualmente nessun danno organico. Sono probabili, aumentando lintensit della


corrente e il tempo, disturbi reversibili nella formazione e conduzione degli impulsi
nel cuore.

Zona 4

Probabile fibrillazione ventricolare. Altri effetti pato-fisiologici con laumentare


dellintensit della corrente e del tempo, come gravi ustioni, possono avvenire in
aggiunta a quelli della zona 3.

Zone tempo/corrente per la corrente continua

Note: 1
2

NORMA TECNICA
CEI 4985:1999-01
Pagina 16 di 40

Nei confronti della fibrillazione ventricolare, questa figura si riferisce agli effetti della corrente che fluisce lungo il percorso mano sinistra-piedi e per corrente ascendente.
Il limite tra le zone 2 e 3 non conosciuto per tempi inferiori a 500 ms.

ASPETTI PARTICOLARI

2
P A R T E

EFFETTI DELLA CORRENTE ALTERNATA CON FREQUENZE SUPERIORI


A 100 HZ

4
CAPITOLO

GENERALIT
Lenergia elettrica in forma di corrente alternata con frequenze superiori a
50/60 Hz sempre pi usata negli impianti elettrici moderni, per esempio negli
aerei (400 Hz), attrezzi di potenza e saldatura elettrica (nella maggior parte dei
casi fino a 450 Hz), elettroterapia (da 4000 Hz fino a 5000 Hz), alimentatori a
commutazione (da 20 kHz a 1 MHz).
Pochi dati sperimentali sono disponibili per questo capitolo, cosicch le informazioni qui riportate devono essere considerate solo provvisoriamente ma possono
essere usate per la valutazione dei rischi nella gamma di frequenze considerate
(Bibliografia). Si richiama lattenzione sul fatto che limpedenza della pelle umana
varia approssimativamente in modo inversamente proporzionale alla frequenza
per tensioni di contatto dellordine di alcune decine di volt, cosicch limpedenza
della pelle a 500 Hz solo un decimo circa dellimpedenza della pelle a 50 Hz e
in molti casi pu essere trascurata. Ci ancora pi vero per frequenze maggiori.
Limpedenza del corpo umano a tali frequenze perci ridotta alla sua impedenza interna Zi (vedi Capitolo 1).

OGGETTO
Questo capitolo descrive gli effetti della corrente alternata sinusoidale entro le
gamme di frequenza:
n
da 100 Hz a 1000 Hz compresi (vedi art. 4);
n
da 1000 Hz a 10000 Hz compresi (vedi art. 5);
n
sopra 10000 Hz (vedi art. 6).

DEFINIZIONI
In aggiunta alle definizioni date nella Parte 1, vale la definizione seguente:

3.1

Fattore di frequenza Ff
Rapporto tra la corrente di soglia (per gli effetti fisiologici considerati alla frequenza f) e la corrente di soglia a 50/60 Hz.
Nota Il fattore di frequenza diverso per la percezione, per il rilascio e la fibrillazione ventricolare.

NORMA TECNICA
CEI 4985:1999-01
Pagina 17 di 40

EFFETTI DELLA CORRENTE ALTERNATA NELLA GAMMA


DI FREQUENZA DA 100 A 1000 HZ COMPRESI

4.1

Soglia di percezione
Il fattore di frequenza relativo alla soglia di percezione dato in Fig. 9.

4.2

Soglia di rilascio
Il fattore di frequenza relativo alla soglia di rilascio dato in Fig. 10.

4.3

Soglia di fibrillazione ventricolare


Per durate di contatto pi lunghe del ciclo cardiaco, il fattore di frequenza relativo alla fibrillazione per percorsi di corrente longitudinale attraverso il tronco del
corpo dato in Fig. 11.
Per durate di contatto pi brevi del ciclo cardiaco non sono disponibili dati sperimentali.

EFFETTI DELLA CORRENTE ALTERNATA NELLA GAMMA


DI FREQUENZA DA 1000 A 10000 HZ COMPRESI

5.1

Soglia di percezione
Il fattore di frequenza relativo alla soglia di percezione dato in Fig. 12.

5.2

Soglia di rilascio
Il fattore di frequenza relativo alla soglia di rilascio dato in Fig. 13.

5.3

Soglia di fibrillazione ventricolare


Allo Studio.

EFFETTI DELLA CORRENTE ALTERNATA PER FREQUENZE SUPERIORI


A 10000 HZ

6.1

Soglia di percezione
Per frequenze comprese tra 10 e 100 kHz la soglia di percezione aumenta approssimativamente da 10 a 100 mA (valori efficaci).
Per frequenze superiori a 100 kHz la sensazione di formicolio caratteristica per la
percezione a frequenze pi basse cambia in una sensazione di calore per intensit di corrente nellordine di alcune centinaia di milliampere.

6.2

Soglia di rilascio
Per frequenze superiori a 100 kHz non ci sono n dati sperimentali n incidenti
riportati relativi alla soglia di rilascio.

NORMA TECNICA
CEI 4985:1999-01
Pagina 18 di 40

Soglia di fibrillazione ventricolare

6.3

Per frequenze superiori a 100 kHz non ci sono n dati sperimentali n incidenti
riportati relativi alla soglia di fibrillazione ventricolare.

Altri effetti

6.4

Ustioni possono verificarsi a frequenze superiori a 100 kHz e a valori di corrente


dellordine di alcuni ampere in dipendenza della durata del flusso di corrente.
Fig. 9

Fig. 10

Variazione della soglia di percezione per frequenze da 50/60 Hz a 1000 Hz

Variazione della soglia di rilascio per frequenze da 50/60 Hz a 1000 Hz

NORMA TECNICA
CEI 4985:1999-01
Pagina 19 di 40

Fig. 11

Variazione della soglia di fibrillazione ventricolare per frequenze da 50/60 Hz a


1000 Hz, durate di contatto superiori a un periodo cardiaco e percorsi di corrente longitudinale attraverso il tronco del corpo

Nota Per durate di contatto superiori a un periodo cardiaco, altre curve sono allo studio.

Fig. 12

Variazione della soglia di percezione per


frequenze da 1000 a 10000 Hz

NORMA TECNICA
CEI 4985:1999-01
Pagina 20 di 40

Fig. 13

Variazione della soglia di rilascio per


frequenze da 1000 a 10000 Hz

EFFETTI DI FORME DONDA SPECIALI DI CORRENTE

5
CAPITOLO

GENERALIT
Linteresse crescente per le forme donda speciali di corrente derivate da corrente
alternata e da corrente continua evidenziato dallaumento del numero delle applicazioni di comandi elettronici che provocano questi tipi di corrente particolarmente nel caso di difetto di isolamento. Ci vale anche per impianti che usano
correnti alternate con regolazione di fase e a treni donda.
Come ci si pu aspettare gli effetti di tali correnti sul corpo umano sono intermedi tra quelli causati dalla corrente continua e alternata; perci possono essere stabiliti valori di corrente equivalenti, con riferimento alla fibrillazione ventricolare.

OGGETTO
Questo capitolo descrive gli effetti della corrente che passa attraverso il corpo
umano per:
n
corrente alternata sinusoidale con componenti in corrente continua;
n
corrente alternata sinusoidale con regolazione di fase;
n
corrente alternata sinusoidale a treni donda.
Nota Altre forme donda sono allo studio.

Le informazioni date sono ritenute applicabili per corrente alternata con frequenza da 15 a 100 Hz.

DEFINIZIONI
In aggiunta alle definizioni date nella Parte 1, ai fini di questo Capitolo, valgono
le seguenti definizioni.

3.1

Regolazione di fase
Il processo di variazione dellistante del ciclo in cui incomincia la conduzione di
corrente.

3.2

Angolo di regolazione di fase (angolo di ritardo della corrente)


Il tempo, espresso in misura angolare, per cui il momento dinizio della conduzione di corrente ritardato dalla regolazione di fase.

3.3

Regolazione a treni donda


Il processo di variazione del rapporto tra il numero di cicli in cui avviene la conduzione di corrente e il numero dei cicli in cui non si verifica conduzione di corrente.

3.4

Fattore di regolazione a treni donda


Il rapporto tra il numero di cicli conduttori e la somma dei cicli conduttori e non
conduttori nel caso di regolazione a treni donda (vedi Fig. 17).
NORMA TECNICA
CEI 4985:1999-01
Pagina 21 di 40

EFFETTI DELLA CORRENTE ALTERNATA CON COMPONENTI


IN CORRENTE CONTINUA

4.1

Forme donda e frequenze


La Fig. 14 mostra forme donda tipiche che sono trattate in questo articolo: sono
rappresentate la corrente continua e alternata cos come loro combinazioni in diversi rapporti tra c.a. e c.c. Occorre distinguere i seguenti valori della corrente:
Ieff = valore efficace della corrente avente forma donda risultante;
Ip = valore massimo della corrente avente forma donda risultante;
Ipp = valore picco-picco della corrente avente forma donda risultante;
Iev = valore efficace di una corrente sinusoidale che presenta lo stesso rischio,
per quanto riguarda la fibrillazione ventricolare, di una corrente avente
forma donda considerata.
Nota La corrente Iev usata al posto della corrente IB nella Fig. 5 del Capitolo 2 per valutare il rischio

di fibrillazione ventricolare.

4.2

Soglia di percezione
La soglia di percezione dipende da diversi parametri, quali larea del corpo in
contatto con un elettrodo (area di contatto), le condizioni di contatto (umidit,
pressione, temperatura) e anche dalle caratteristiche fisiologiche dellindividuo.
I valori per la soglia di percezione sono allo studio.

4.3

Soglia di rilascio
La soglia di rilascio dipende da diversi parametri, quali larea di contatto, la forma
e la misura degli elettrodi e anche le caratteristiche fisiologiche dellindividuo.
I valori per la soglia di rilascio sono allo studio.

4.4

Soglia di fibrillazione ventricolare

4.4.1

Forme donda contraddistinte da un rapporto specifico tra corrente alternata


e corrente continua
Il rischio di fibrillazione pu essere approssimativamente assunto pari a quello di
corrente alternata equivalente Iev avente le seguenti caratteristiche:
a) per durate di contatto pi lunghe di circa una volta e mezza il periodo cardiaco, Iev il valore efficace di una corrente che abbia lo stesso valore picco-picco Ipp della corrente avente forma donda considerata:
I pp
I ev = ---------2 2
b) per durate di contatto pi brevi di circa 0,75 volte il periodo cardiaco, Iev il
valore efficace di una corrente che abbia lo stesso valore di picco Ipp della
corrente avente forma donda considerata:
Ip
I ev = ------2

NORMA TECNICA
CEI 4985:1999-01
Pagina 22 di 40

Nota Questa relazione tanto meno applicabile quanto minore il rapporto tra corrente alternata e

continua. In corrente continua liscia per contatti di durata inferiore a 0,1 s la soglia uguale
al corrispondente valore efficace della corrente alternata (vedi Fig. 5 e Fig. 8 rispettivamente
nel Capitolo 2 e nel Capitolo 3).

c) per durate comprese tra 0,75 e 1,5 il periodo cardiaco, il valore da prendere
in considerazione cambia da valore di picco a valore picco-picco.
Nota Le modalit di tale cambiamento sono soggette ad ulteriori studi.

4.4.2

Esempi di corrente alternata raddrizzata


La Fig. 15 mostra le forme donda a una semionda e a doppia semionda. Per queste forme donda il valore di picco della corrente identico al suo valore picco-picco.
La corrente alternata equivalente Iev determinata:
a) per durate maggiori di una volta e mezza il periodo del ciclo cardiaco da:
Ip
I pp
I ev = ---------- = ---------2 2
2 2
Quindi per la corrente a una semionda Iev messa in relazione col valore efficace della corrente raddrizzata Irms da:
I rms
I ev = --------2
e per corrente a doppia semionda da:
I rms
I ev = --------2
b) per durate inferiori a 0,75 volte il periodo cardiaco:
Ip
I pp
I ev = ------- = ------2
2
Quindi per la corrente a una semionda Iev messo in relazione al valore efficace della corrente raddrizzata Ieff dalla relazione:
I ev =

2 I eff

e per corrente a doppia semionda vale:


I ev = I eff

NORMA TECNICA
CEI 4985:1999-01
Pagina 23 di 40

EFFETTI DELLA CORRENTE ALTERNATA CON REGOLAZIONE DI FASE

5.1

Forme donda e frequenze


La Fig. 16 mostra le forme donda per regolazione simmetrica e asimmetrica.

5.2

Soglia di percezione e soglia di rilascio


Come indicato in 4.2 e 4.3 queste soglie dipendono da parametri diversi.
Leffetto della corrente per quanto riguarda la percezione o linibizione del rilascio quasi uguale a quello di una c.a. pura con lo stesso valore di picco Ip. Per
angoli di regolazione di fase superiori a 120 i valori di picco aumentano come
conseguenza della diminuzione del tempo per cui fluisce la corrente.

5.3

Soglia di fibrillazione ventricolare


La soglia di fibrillazione ventricolare diversa per le forme donda simmetrica e
asimmetrica.

5.3.1

Regolazione simmetrica
Il rischio di fibrillazione pu essere considerato approssimativamente lo stesso
che in corrente alternata equivalente Iev con le seguenti caratteristiche:
a) per durate di contatto superiore a circa 1,5 volte il periodo cardiaco, Iev ha lo
stesso valore della corrente della forma donda considerata;
b) per durate di contatto inferiori a circa 0,75 volte il periodo cardiaco, Iev il
valore efficace di una corrente avente lo stesso valore di picco della corrente
della forma donda considerata.
Nota Per angoli di regolazione di fase superiori a 120 ci si deve attendere un aumento della soglia

di fibrillazione;

c) per durate comprese tra 0,75 e 1,5 volte il periodo cardiaco, il valore da prendere in considerazione cambia dal valore di picco al valore efficace.
Nota Le modalit di tale cambiamento sono oggetto di ulteriori studi.

5.3.2

Regolazione asimmetrica
Il pericolo di fibrillazione pu essere considerato circa lo stesso di quello con
corrente alternata equivalente Iev con le seguenti caratteristiche:
a) per durate di contatto pi lunghe di circa 1,5 volte il periodo cardiaco: allo
studio;
b) per durate di contatto minori di circa 0,75 volte il periodo cardiaco Iev il valore efficace di una corrente avente lo stesso valore di picco della forma donda considerata.
Note: 1
2

Per angoli di regolazione di fase superiori a 120 ci si deve attendere un aumento della soglia di fibrillazione.
Correnti causate da regolazione asimmetrica (vedi IEV 551-05-19)(1) possono anche avere
componenti in corrente continua.

(1) Pubblicazione IEC 50 (551): Vocabolario Elettrotecnico Internazionale (IEV), Capitolo 561: Elettronica di potenza.

NORMA TECNICA
CEI 4985:1999-01
Pagina 24 di 40

EFFETTI DELLA CORRENTE ALTERNATA CON REGOLAZIONE


A TRENI DONDA

6.1

Forme donda e frequenze


La Fig. 17 indica le forme donda per un fattore di regolazione p = 0,67.

Soglia di percezione e soglia di rilascio

6.2

Come indicato in 4.2, 4.3, 5.2 e 5.3 queste soglie dipendono da parametri diversi.
La soglia di percezione e la soglia di rilascio sono allo studio.

Soglia di fibrillazione ventricolare

6.3

Dipendentemente dal fattore di regolazione le correnti alternate con regolazione


a treni donda sono ugualmente o meno pericolose della c.a. a parit del contatto
e intensit di corrente.
La Fig. 18 indica la soglia di fibrillazione ventricolare misurata sui maiali per diversi valori del fattore di regolazione.
Per durate di contatto pi lunghe circa una volta e mezza il periodo cardiaco, la
soglia dipende dal fattore di regolazione p. Per p prossimo allunit essa ha lo
stesso valore efficace della corrente alternata sinusoidale della stessa durata. Per
p prossimo a 0,1 il valore efficace I1eff della corrente durante la conduzione di
corrente lo stesso della soglia per corrente alternata di durata inferiore a
0,75 volte il periodo cardiaco.

6.3.1

Nota Per valori intermedi di p, la soglia di fibrillazione aumenta rispetto al basso livello indicato in

Fig. 5 della Parte 1 fino allalto livello indicato per durate di contatto inferiori a 0,1 s.

Per durate di contatto inferiori a circa 0,75 volte il periodo del ciclo cardiaco il
valore efficace della corrente durante la conduzione di corrente I1eff lo stesso di
quello per una corrente alternata sinusoidale della stessa durata.

6.3.2

Fig. 14

Forme donda di correnti

NORMA TECNICA
CEI 4985:1999-01
Pagina 25 di 40

Fig. 15

Forme donda di correnti alternate raddrizzate

Fig. 16

Forme donda di correnti alternate con regolazione di fase

NORMA TECNICA
CEI 4985:1999-01
Pagina 26 di 40

Fig. 17

Forme donda di correnti alternate con regolazione a treni donda


ts
= tempo di conduzione
= tempo di non conduzione
tp
ts + tp = tempo di lavoro
p
= fattore di regolazione
I1eff

Ip
= ------- valore efficace della corrente durante la conduzione di corrente
2

Nota I1eff non deve essere confuso con il valore efficace durante il tempo di lavoro I2eff = Ieff

Fig. 18

p.

Soglia di fibrillazione ventricolare (valori medi) per corrente alternata con regolazione a treni donda per diversi valori del fattore di regolazione (risultati di esperimenti
con piccoli maiali)

Nota Corrente del corpo IBeff il valore efficace della corrente durante la conduzione della corrente I1eff.

NORMA TECNICA
CEI 4985:1999-01
Pagina 27 di 40

EFFETTI DI SINGOLI IMPULSI DI CORRENTE UNIDIREZIONALE


DI BREVE DURATA

6
CAPITOLO

GENERALIT
Le correnti nella forma di singoli impulsi unidirezionali di breve durata sinusoidali e rettangolari o di scariche di condensatori possono essere una fonte di pericolo nel caso di un difetto disolamento di unapparecchiatura elettrica contenente
componenti elettronici o toccando parti sotto tensioni ditali apparecchiature.
perci importante stabilire i limiti di pericolo per questi tipi di corrente.
Per una durata di contatto di 10 ms gli effetti descritti in questo capitolo corrispondono a quelli dati nei Capitoli da 2 a 5 cosicch il Rapporto IEC 479 copre
lintera gamma di durate di contatto da 0,1 ms a 10 s per quasi tutte le forme
donda di corrente che sono di interesse tecnico. Il contenuto di questo capitolo
basato sullipotesi derivata dalla ricerca scientifica per cui il fattore principale
per provocare la fibrillazione ventricolare per le varie forme di correnti ad impulso unidirezionale il valore It o I 2t come per i contatti con durata fino a 10 ms
(vedi Bibliografia, pagina 36).

OGGETTO
Questo capitolo descrive gli effetti della corrente che fluisce attraverso il corpo
umano nella forma di impulsi rettangolari unidirezionali, impulsi sinusoidali e impulsi risultanti da scariche di condensatori.
Nota Gli effetti delle serie di impulsi sono allo studio.

I valori specificati sono ritenuti applicabili per impulsi di durata da 0,1 fino a
10 ms compresi. Per impulsi di durata superiore a 10 ms valgono i valori indicati
in Fig. 5.

DEFINIZIONI
In aggiunta alle definizioni date nei Capitoli da 2 a 5 ai fini di questo capitolo valgono le definizioni seguenti:

3.1

Energia specifica di fibrillazione Fe (Ws/ ovvero A2s)


Valore minimo I 2t di un impulso unidirezionale di breve durata che nelle condizioni specificate (percorso della corrente, fase cardiaca) causa fibrillazione ventricolare con una probabilit specificata.
Nota Fe determinato dalla forma dellimpulso secondo lintegrale
ti

0 i 2dt
Fe moltiplicata per la resistenza del corpo d lenergia dissipata nel corpo umano durante limpulso.

NORMA TECNICA
CEI 4985:1999-01
Pagina 28 di 40

3.2

Carica specifica di fibrillazione Fq (C ovvero As)


Valore minimo It di un impulso unidirezionale di breve durata che nelle condizioni specificate (percorso della corrente, fase cardiaca) causa fibrillazione ventricolare con una probabilit specificata.
Nota Fq determinata dalla forma dellimpulso secondo lintegrale
ti

0 i dt
3.3

Costante di tempo (T)


Tempo richiesto perch lampiezza di una grandezza decrescente esponenzial1
mente scenda a --- = 0,3679 volte lampiezza iniziale (IEV 801-01-44)(1).
e

3.4

Durata di scarica di condensatore (ti) ai fini della pericolosit


Intervallo di tempo dallinizio della scarica al momento in cui la corrente di scarica scende al 5% del suo valore di picco.
Nota Se T la costante di tempo del condensatore, la durata di scarica del condensatore, ai fini del-

la pericolosit uguale a 3 T. Durante tale durata praticamente dissipata tutta lenergia


dellimpulso.

3.5

Soglia di percezione
Valore minimo di carica elettrica che nelle condizioni specificate causa alcune
sensazioni alla persona attraverso la quale fluisce.

3.6

Soglia di dolore
Valore massimo di carica (It) o di energia specifica (I 2t) che pu essere applicata
sotto forma di impulso a una persona che tenga un largo elettrodo nella mano
senza causare dolore.

3.7

Dolore
Spiacevole esperienza che non sia accettata prontamente una seconda volta dalla
persona che lha gi subita.
Nota Esempi sono la puntura di unape, la bruciatura di una sigaretta.

(1) Pubblicazione IEC 50(801): Vocabolario Elettrotecnico internazionale (IEV), Capitolo 801: Acustica ed Elettroacustica.

NORMA TECNICA
CEI 4985:1999-01
Pagina 29 di 40

EFFETTI DI IMPULSI DI CORRENTE UNIDIREZIONALE DI BREVE DURATA

4.1

Forme donda
La Fig. 19 indica forme di corrente per impulsi rettangolari, impulsi sinusoidali e
per scariche di condensatore. Devono essere distinte le seguenti intensit di corrente:
IDC = intensit di corrente dellimpulso rettangolare;
IACeff = valore efficace di corrente dellimpulso sinusoidale;
IAC(p) = valore di picco di corrente dellimpulso sinusoidale;
ICeff = valore efficace di corrente di scarica del condensatore per una durata di 3 T;
IC(p) = valore di picco della scarica del condensatore.
Nota Se UC la tensione del condensatore allinizio della scarica applicata al corpo umano e Ri la

resistenza iniziale del corpo, IC(p) vale:

UC
I C ( p ) = -----Ri

4.2

Determinazione dellenergia specifica di fibrillazione Fe


Lenergia specifica di fibrillazione Fe per le diverse forme di impulso trattate in
questo capitolo, determinata:
2
DC t i ;
2
I AC ( p )

a) per impulsi rettangolari da: Fe = I


b) per impulsi sinusoidali da:

Fe = ---------------t i = I ACeff t i ;
2

T
2
2
c) per scarica di un condensatore costante tempo T da: Fe = I C ( p ) --- = I Ceff t i
2
La Fig. 20 confronta le intensit di corrente per impulsi rettangolari, per impulsi
sinusoidali e per scarica di condensatore con costante di tempo T che abbia la
stessa energia specifica di fibrillazione Fe e la stessa durata di contatto ti. In questo caso vale la relazione:
IC ( p )
I AC ( p )
I DC = -------------- = ----------2
6
IC ( p )

Nota La relazione IDC = ----------- ricavata come segue:

Fe = IC ( p ) =

2t
---T

0 e

T
2
dt = I C ( p ) --2

T
2
2
2
I Ceff 3T = I DC 3T = I C ( p ) --2
1
I Ceff = I DC = I C ( p ) ------6

NORMA TECNICA
CEI 4985:1999-01
Pagina 30 di 40

4.3

Soglia di percezione e soglia di dolore per scarica di un condensatore


La soglia dipende dalla forma degli elettrodi, dalla carica dellimpulso e dal valore di picco della corrente. La Fig. 21 indica la soglia di percezione e la soglia di
dolore in funzione della carica elettrica e della tensione di carica del condensatore per una persona che tenga larghi elettrodi con le mani asciutte.
La soglia di dolore in termini di energia specifica dellordine di 50 a 100 106 A2s
per percorsi di corrente attraverso le estremit e ampie superfici di contatto.

4.4

Soglia di fibrillazione ventricolare


La soglia di fibrillazione ventricolare dipende dalla forma, dalla durata e dallampiezza dellimpulso di corrente, dalla fase cardiaca in cui limpulso comincia, dal
percorso della corrente nel corpo umano e dalle caratteristiche fisiologiche della
persona.
Esperimenti su animali mostrano:
n
che per impulsi di breve durata la fibrillazione ventricolare avviene generalmente solo se limpulso si verifica nel periodo vulnerabile del ciclo cardiaco;
n
che la carica specifica di fibrillazione Fq o lenergia specifica di fibrillazione Fe
determina linizio della fibrillazione ventricolare per impulsi unidirezionali
per durate di contatto pi brevi di 10 ms.
Le soglie di fibrillazione ventricolare sono indicate nella Fig. 22. Per una probabilit di fibrillazione del 50%, Fq dellordine di 0,005 As e Fe aumenta da circa
0,01 A2s per una durata di impulso ti = 4 ms a 0,02 A2s per ti = 1 ms.

4.5

Esempi
Per spiegare lapplicazione pratica delle relazioni descritte in questo capitolo,
sono dati due esempi. Il primo esempio si riferisce alla scarica di condensatore
con una costante di tempo T = 1 ms e una durata di contatto ti = 3T = 3 ms. Nel
secondo esempio la costante di tempo T = 10 ms, per una durata di contatto
ti = 30 ms il che significa che i limiti per la fibrillazione ventricolare sono quelli
dati nella Fig. 5.

Esempio 1
Effetti della scarica di un condensatore sul corpo umano:
Condensatore C = 1 F, tensioni di carica 10, 100, 1000 e 10000 V.
Percorsi della corrente: mano-piede, con resistenza del corpo iniziale Ri = 1000 (1).
Costante tempo T = 1 ms, cio una durata di contatto ti = 3T = 3 ms.
Wc
2
Energia specifica di fibrillazione Fe = I Ceff t i ------Ri

(1) Il valore di Ri di 1000 stato arbitrariamente scelto ai fini di questo esempio. Non deve essere confuso con il valore di Ri,
che non superiore del 5% della popolazione indicato nellart. 6 del Capitolo 1.

NORMA TECNICA
CEI 4985:1999-01
Pagina 31 di 40

Effetti
Tensione di carica UC(V)

10

100

1000

10000

0,01

0,1

10

0,004

0,04

0,4

Carica specifica Fq (As)

0,01 103

0,1 103

103

10 103

Energia di scarica WC (Ws)

0,05 103

5 103

0,5

50

(Ri = 1000 (A2s)

0,048 106

4,8 106

0,48 103

48 103

Effetto fisiologico

leggero

sgradevole

doloroso

Corrente di scarica
Valore di picco (A)
Corrente di scarica
Valore efficace (A)

IC ( p )

ICeff = -----------

Energia specifica di fibrillazione


Fe

probabile
fibrillazione
ventricolare

Esempio 2
Effetti della scarica di un condensatore sul corpo umano:
Condensatore C = 20 F, tensioni di carica 10, 100, 1000 e 10000 V.
Percorsi della corrente: mano-tronco del corpo, con resistenza del corpo iniziale
assunta pari a Ri = 500 (1).
Costante tempo T = 10 ms, cio durata di contatto ti = 3T = 3 ms(2).
Effetti
Tensione di carica UC(V)
Corrente di scarica
Valore di picco IC(p) (A)

10

100

1000

10000

0,02

0,2

20

0,008

0,08

0,8

0,02 103

2 103

20 103

200 103

1 103

0,1

10

1000

leggero

doloroso

pericoloso,
ma improbabile
fibrillazione
ventricolare

Corrente di scarica
Valore efficace (A)

IC ( p )

Ieff = -----------

Carica specifica Fq (As)


Energia di scarica WC (Ws)
Energia specifica di fibrillazione
Fe (A2s)(2)
Effetto fisiologico

pericoloso,
e probabile
fibrillazione
ventricolare

(1) Il valore di Ri di 500 stato arbitrariamente scelto per lo scopo di questo esempio. Non deve essere confuso con il valore
di Ri, che non superiore al 5% della popolazione, indicato nellart. 6 del Capitolo 1.
(2) Poich la durata del contatto ti pi lunga di 10 ma, le soglie di fibrillazione devono essere desunte dalla Fig. 5.

NORMA TECNICA
CEI 4985:1999-01
Pagina 32 di 40

Fig. 19

Forme di corrente per impulsi rettangolari, impulsi sinusoidali e per scariche di condensatore

Fig. 20

Impulso rettangolare, impulso sinusoidale e scarica di condensatore con la stessa


energia specifica di fibrillazione e la stessa durata di contatto

NORMA TECNICA
CEI 4985:1999-01
Pagina 33 di 40

Fig. 21

Soglia di percezione e soglia di dolore per scariche di condensatore (mani asciutte,


ampie aree di contatto). Zona A: Soglia di percezione. Curva B: Soglia di dolore.

Nota Gli assi in diagonale sono riferiti alla capacit (C) ed alla energia (W). Dallintersezione delle

coordinate della tensione di carica e della capacit, la carica e lenergia dellimpulso possono
essere lette sui relativi assi.

NORMA TECNICA
CEI 4985:1999-01
Pagina 34 di 40

Fig. 22

Soglia di fibrillazione ventricolare. Le curve indicano la probabilit di fibrillazione per


la corrente che fluisce nel percorso mano sinistra-piede. Per altri percorsi di corrente,
vedi art. 5 e Tab. 3 del Capitolo 2.
sotto C1:
nessuna fibrillazione;
sopra C1 fino a C2: basso rischio di fibrillazione (probabilit fino al 50%);
sopra C2 fino a C3: rischio medio di fibrillazione (probabilit fino al 50%);
alto rischio di fibrillazione (probabilit superiore al 50%).
sopra C3:

NORMA TECNICA
CEI 4985:1999-01
Pagina 35 di 40

BIBLIOGRAFIA(1)
Capitolo 1
[1]

Freiberger H.: Der elektrische Widerstand des menschlichen Krpers gegen technischen Gleich-und Wechselstrom, Berlin, Verlang Julius Springer, 1934,
Translated into English by Allen Translation Service, Maplewood, N.Y., U.S.A.,
No. 9005.

[2]

Biegelmeier G.: Report on the electrical impedance of the human body and on
the behaviour of residual current-operated earth-leakage circuit-breakers in
case of direct contact for tensions up to 200 V a.c., 50 Hz, Transactions: Symposium on electricai shock safety criteria, Toronto 1983. Pergamon Press,
Toronto 1984.

[3]

Biegeimeier G.: ber den Einfliu der Haut auf die Krperimpedanz des Menschen, E. u. M., Vol. 97 (1980) No. 9, P. 369.

[4]

Sam U.: Neue Erkenntnisse ber dei elektrische Gefhrdung des Menschen bei
Teildurchstrmungen des Krpers, VDRI-Jahrbuch 1968, Nordwestl. Eisen-und
Stahl-Berufsgenossenschaft, Hannover.

[5]

Osypka P.: Messtechnische Untersuchungen ber Stromstrke, Einwirkungsdauer und Stromweg bei elektrischen Wechselstromunfllen an Mensch und
Tier; Bedeutung und Auswerung fr Starkstromanlagen, Elektromedizin,
Vol. 8 (1963), No. 3 und 4.

Capitolo 2
[1]

Ferris L.P., King B.G., Spence P.W. and Williams H.B.: Effect of electrical shock
on the heart; Electr. Eng., Vol. 55 (1936), p. 498.

[2]

Dalzel C.F.: Dangerous electric currents. AIEE transactions, Vol. 65 (1946),


p. 579, Discussion, p. 1123.

[3]

Kouwenhoven W.B., Knickerbocker G.G., Chesnut R.W., Milnor W.R. and Sass
D.J.: A.C. Shocks on varying parameters affecting the heart, trans. Amer. Inst.
Electr. Eng. Part 1, Vol. 78 (1959), p. 163.

[4]

Osypka P.: Messtechnische Untersuchungen ber Stromstrke, Einwirkungsdauer und Stromweg bei elektrischen Wechselstromunfllen an Mensch und
Tier; Bedeutung und Auswerung fr Starkstromanlagen, Elektromedizin,
Vol. 8 (1963), No. 3 und 4.

[5]

OKeefe W., Ross N.G. and Trethewie E.R.: Determining tolerable short duration electric shock potentials from heart ventricular fibrillation threshold data,
elec. Eng. trans. I.E. Australia, Vol. EE8, No. 1, April 1972, p. 9.

[6]

Buntenktter S., Jacobsen J. and Reinhard H.J.: Experimentelle Untersuchungen an Schweinen zur Frage der Mortalitt durch sinusfrmige, phasenangeschnittene sowie gleichgerichtete elektrische Strme, Biomedizinische Technik,
Vol. 20 (1975), No. 3, p. 99.

[7]

Biegelmeier G. and Lee W.R.: New considerations on the threshold of ventricular fibrillation for a.c. shocks at 50-6 Hz, I.E.E. Proc. Vol. 127, No. 2, Pt. A. March 10 1980, p. 103.

[8]

Antoni H.: What is measured by the so-called threshold for fibrillation?, Progress in pharmacology, Vol. 2/4, Gustav Fischer Verlag, Stuttgart 1979.

(1) Questa lista non completa. Una bibliografia pi completa stata pubblicata dallUNIPEDE (Unione internazionale dei produttori e distributori (lenergia elettrica).

NORMA TECNICA
CEI 4985:1999-01
Pagina 36 di 40

[9]

Raftery E.B., Green H.L. and Yacoub M.H.: Disturbances of heart rhythm produced by 50 Hz leakage currents in human subjects, Cardiovascular research,
Vol. 9 (1975), p. 263.

[10]

Kupfer J., Bastek R. and Eggert S.: Grenzwerte zur Vermeidung von Untllen
durch elektrischen Strom mit tdlichem Ausgang, Z. des Hyg. Vol. 27 (1981),
No. 1, p. 9.

[11]

Bridges J.E.: An investigation on low-impedance and low-voltage shocks,


I.E.E.E. - Transactions, Vol. PAS-100, No. 4, April 1981, p. 1529.

Capitolo 3
[1]

Antoni H. und Biegelmeier G.: ber die Wirkungen von Gleichstrom auf den
Menschen, E und M, Vol. 96 (1979), No. 2, p. 71.

Capitolo 4
[1]

Dalziel C.F. and T.H. Mansfield: Effect of frequency on perception currents.


Electrical Engineering, 69: 794-800 (Sept. 1950), AIEE Transactions,
69: pp. 1162-1168 (1950).

[2]

Dalziel C.F., E. Odgen and C.E. Abott: Effect of frequency on let-go currents.
AIEE Transactions (Eiectrical Engineering), 62: pp. 745-750 (Dec. 1943).

[3]

Geddes L.A., L.E. Baker, P. Cabler and Brittain: Response to passage of sinusoidal current through the body. Journal of the Association for the Advancement
of Medical lnstrumentation, Vol. 5 (1971), No. 1, pp. 13-18.

[4]

Weirich J., St. Hohnloser and H. Antoni: Factors determining the susceptibility
of the isolated guinea pig heart to ventricular fibrillation induced by sinusoidal
alternating current at frequencies from 1 to 1000 Hz. Basic Res. Cardiol.
Vol. 78, No. 6 (1983), pp 604-616.

Capitolo 5
[1]

Knickerbocker G.G.: Fibrillating Parameters of direct and alternating (20 Hz)


currents separately and in combination. Conference Paper IEEE,
No. C 72-247-0 (1972).

[2]

Jacobsen J., S. Buntenktter und H.J. Reinhard: Experimentelle Untersuchungen an Schweinen zur Frage der Mortalitt durch sinusfrmige, phasenangeschnittene sowie gleichgerichtete elektrische Strme. Biomedizinische Technik,
Vol. 20 (1975), No. 3, p. 99.

[3]

Reinhold K.: Die Gefhrdung durch schwingungspaketartig gesteuerte elektrische Strme. Institut zur Erforschung elektrischer Unflle, Berufsgenossenschaft der Feinmechanik und Eiektrotechnik, Kln, Medizinisch-Technischer
Bericht 1976.

NORMA TECNICA
CEI 4985:1999-01
Pagina 37 di 40

Capitolo 6
[1]

Biegelmeier G., E. Homberger: ber die Wirkungen von unipolaren Impulsstrmen auf den menschllichen Krper. Bull. ASE/UCS 73 (1982) 18, S. 958-967.
The effect of unipolar current pulses on the human body. Johns Hopkins University, Applied Physics Laboratory, Laurel, Maryland 20707, 1983.
Effets des courants dimpulsions unipolaires sur le corps humain.
Bull. ASE/UCS Vol. 74 (1983), n 22, p. 1298.

[2]

Stauss O.: Die Wirkungen von Kondensatorentladungen auf den menschlichen


Krper, Elektrizittswirtschaft (1934), H. 23, S. 508.

[3]

Kouwenhoven W.B.: Effects of capacitor discharges on the heart. Trans. Amer.


Inst. Electr. Eng., No. 56-6 (1956).

[4]

Peleska B.: Cardiac arrhythmias following condenser discharges and dependence upon strength of current and phase of cardiac cycle. Circulation research,
Vol. XIII, July 1963, P. 21-31.

[5]

Peleska B.: Cardiac arrhythmias following condenser discharges led through


an inductance. Circulation research, Vol. XVI, January 1965, p. 11-18.

[6]

Dalziel Ch. F.: A study of the hazards of impulse currents. AIEE-Transactions,


Part III, Power Apparatus and Systems, Vol. 72, 1953, p. 1032-1043.

[7]

Green H.L., J. Ross and P. Kurn: Danger levels of short electrical shocks from
50 Hz supply. International conference Divetech. 1981, London.

[8]

Kouwenhoven W.B., G.G. Knickerbocker, R.W. Chesnut, W.R. Milnor and D.J.
Sass: A-C shocks on varying parameters affecting the heart. Trans. Amer. Inst.
Electr. Eng., Part I, Bd. 78 (1959), S. 163-169.

Fine Documento

NORMA TECNICA
CEI 4985:1999-01
Pagina 38 di 40

NORMA TECNICA
CEI 4985:1999-01
Pagina 39 di 40

La presente Norma stata compilata dal Comitato Elettrotecnico Italiano


e beneficia del riconoscimento di cui alla legge 1 Marzo 1968, n. 186.
Editore CEI, Comitato Elettrotecnico Italiano, Milano - Stampa in proprio
Autorizzazione del Tribunale di Milano N. 4093 del 24 luglio 1956
Responsabile: Ing. E. Camagni

Lire
NORMA TECNICA
CEI 4985:1999-01
Totale Pagine 46

48.000

Sede del Punto di Vendita e di Consultazione


20126 Milano - Viale Monza, 261
tel. 02/25773.1 fax 02/25773.222 E-MAIL cei@ceiuni.it