Sei sulla pagina 1di 82

Ernesto Milano

Erbari e scienza botanica - Il codice alfa. m . 5. 9 = Est. 28 Herbolaire o Grant


herbier - lillustrazione botanica attraverso i secoli nei suoi valori botanici e
scientifici

Lautore ringrazia la Dott.ssa Paola di Pietro e la Dott.ssa Milena Ricci per la valida
collaborazione.
Rivolge altresi un particolare affettuoso ringraziamento alle Signore Cosetta Borsari e Rosetta
Geremia per la preziosa, fattiva collaborazione offerta per la digitazione dei testi, per le ricerche
Bibliografiche e per la correzione delle Bozze.

Erbari e scienza botanica


Percorso storico
Al fine di comprendere chiaramente il significato del termine erbario pare necessario
affidarsi alle linee di una macrostoria che, attraverso un percorso evolutivo, parte
dallantichit per giungere ai giorni nostri.
una storia affascinante che si dipana dai tempi pi antichi, allorch Babilonesi, Egiziani
e Greci cominciano i primi studi delle piante che sfociano nelle pregevoli annotazioni di
Aristotele, Teofrasto e Dioscoride, anche se lassociazione uomo-pianta ha origini ben pi
remote, risalendo alluomo neolitico che, vissuto in Medio Oriente circa 10.000 anni fa, scopre
che alcune erbe possono essere raccolte e che i loro semi piantati danno raccolti pi copiosi
nelle stagioni successive, mentre si fa strada una crescente quanto empirica intuizione delle
virt terapeutiche delle piante. Un tangibile riscontro ci viene dallosservazione delle societ
primitive ancora esistenti associata alle risultanze astrologiche degli antichi insediamenti
umani. Usi e comportamenti di quelle societ ci testimoniano che la scienza delle piante e
la conoscenza delle loro propriet trovano fondamento nella naturale considerazione che
esse stanno alla base della piramide alimentare degli esseri viventi e che sono state sempre
indispensabili alluomo, non solo perch alcune specie gli forniscono cibo, ma perch gli
procurano vesti, armi, strumenti, tinture, medicine e mezzi per ripararsi, originando cos la
fitoterapia.
Nelle terramare di Parma, Varese, Monsedori e, recentemente, di Montale e nelle palafitte
di Casale, si sono rinvenuti semi di chenopodio, di sambuco, di papavero e di altre piante
che certo non erano usate come alimento, ma, con tutta probabilit, venivano impiegate
come farmaco.
Certamente ancora infinitamente lontana la botanica, dalletimo greco tn, cio
erbari, pascolo e, per estensione, pianta, intesa come parte della biologia che comprende
lo studio del regno vegetale, vivente o fossile, o, pi correttamente, denominata fitologia,
derivante dal greco utv cio pianta. Per migliaia di anni la botanica rimarr lunico campo
dello scibile intorno al quale luomo avr idee vaghe e imprecise. Basti pensare che, ancora
allinizio del secolo XVIII la botanica, vista come scienza che presiede alla catalogazione e
alla classificazione delle piante, verr definita, in un testo latino dellepoca, come un ramo
della scienza grazie al quale possibile elencare facilmente e rapidamente un grandissimo
numero di piante.
Focalizzando linteresse sul termine di erbario, rileviamo che nel mondo antico con tale
termine si intendeva un libro che elencava, descriveva e raffigurava le piante, accordando
la preferenza a quelle dotate di propriet medicinali. Infatti, se inizialmente la scoperta
delle propriet curative delle piante un fatto istintivo e casuale, dal momento che luomo
primitivo, allalba della sua vita raziocinante trova gradualmente nella pianta il cibo e la
medicina come conseguenza dellempirica osservazione degli aspetti positivi e negativi,
come portato di una conoscenza pi profonda, stabilisce un approccio sempre pi razionale
con il mondo vegetale.
In virt di ci, sulla scorta della sua esperienza e di quella di altri esseri viventi, ivi
compresi gli stessi animali in grado di distinguere istintivamente le piante velenose da
quelle con propriet curative, impar a riconoscere le sostanze utili come alimento, quelle
tossiche, quelle utili ad alleviare sistemi patologici elementari quali dolori, emorragie,
insonnia, e quelle in grado di creare sensazioni voluttuarie quali euforia, allucinazioni,


aggressivit.
Dalla trasmissione orale delle conoscenze acquisite, luomo, piegando quel mondo ai
suoi studi e alle sue cure, ma subendo sempre il particolare fascino di una materia che
allorigine e sullo sfondo della sua evoluzione, passa alla trasmissione scritta, nobilitata e
arricchita sempre di pi dalle immagini pi o meno veridiche, ma ovviamente efficaci, delle
piante descritte, corredate dallindicazione delle rispettive propriet curative.
In Oriente, circa 10.000 anni fa, si origina uno studio della botanica strettamente legato
ad un interesse medico e si articola un avvincente percorso che si snoda gi vari millenni
prima di Cristo, dallIndia, dalla Cina e poi dallEgitto, dallAssiria e dalla Babilonia,
attraverso documenti che descrivono droghe e piante medicamentose.
DallIndia e in genere dallOriente, la sapienza delle piante che guariscono raggiunse il
civilissimo Egitto dove duemila anni prima di Cristo si faceva grande uso di droghe vegetali,
la cui preparazione era affidata, di solito, ai sacerdoti che confezionavano preparati vari e
distillavano pozioni, recitando formule magiche, preghiere e scongiuri.
Un documento di questo tipo, rappresentato dal papiro di Ebers dal nome
dellarcheologo che lo scopr, risalente al 1700 a. C., che riporta nomi di piante curative
e delle relative ricette, anche molto complesse, a base di miele, resina, olio, farina, mirra
e incenso.
Altrettanto interessante lerboristeria dei Babilonesi che conoscevano oltre mille specie
di medicinali minuziosamente descritte in tavolette redatte in caratteri cuneiformi, con la
descrizione delle malattie che potevano essere curate con luna o laltra pianta.
Presso tutta l'antichit greco-romana l'osservazione e lo studio del mondo vegetale
continua ad avere quel carattere puramente applicativo che ne aveva caratterizzato la
nascita, e dall'esame dei testi a noi pervenuti, emerge con chiarezza sia il ruolo ausiliario
che la disciplina riveste rispetto ad attivit pratiche come l'agricoltura e la farmacologia, sia
l'inesistenza della figura del botanico "puro", dal momento che chi si occupa di botanica
prima di tutto un medico, un autore di trattati di agricoltura, un enciclopedista, mosso dal
desiderio di conoscere lo scibile del suo tempo.
Anche se le notizie tramandateci da pi lontana data, sull'interesse per certe piante
medicinali, vengono dall'antica Cina e dall'antico Egitto e si confondono con la storia della
stregoneria e dell'empirismo, in quanto le piante e le erbe dalle quali si traevano droghe,
erano gravate di superstizioni e leggende che sarebbero durate fino a tutto il Medioevo ed
il Rinascimento, in realt sono i Greci, presso i quali i medici "rhizotomoi", secondo un
termine attribuito a Sofocle, che significa raccoglitori di radici e quindi, estensivamente, di
piante, sono circondati da grande rispetto, a portare per primi ad alto livello, con preziosi
scritti, le conoscenze in materia. Ci avviene grazie ad Ippocrate di Cos, maestro di medicina
in Atene e in Tessaglia dal 460 a. C. al 370, vissuto fino a tarda et, ed ai suoi discepoli, in
un insieme di opere giunte a noi come Corpus Hippocraticum che si pu considerare quasi
un trattato di botanica officinale che classifica, per la prima volta, organicamente, trecento
specie di piante medicinali, traendone ricette e indicando i metodi di dosaggio, gettando le
basi di uninfluenza che avrebbe toccato il mondo romano e parte di quello medievale.
In una lettera di Ippocrate diretta a Crateva, considerata per apocrifa, ma comunque
interessante, essendo coeva allepoca in cui Ippocrate visse, troviamo dopo l'affermazione
"Scio te, o amice, optimum radicisecam esse...", un invito a mandargli subito le erbe, che
egli raccoglier e che devono servire per curare Democrito impazzito. L'autore della lettera
 v.: J. Jacques, Ippocrate, Torino, 1994

10

sostiene di fidarsi di lui perch "instrutto della natura" e conoscitore di tutti i vegetali e
medicamenti, gli raccomanda di raccogliere le erbe montane e degli alti colli che sono pi
solide e pi acri di quelle che vivono in luoghi acquitrinosi e ci per il freddo, per la densit
della terra e l'umidit dell'aria; gli chiede di raccogliere anche tutte le erbe che vivono negli
stagni, nelle paludi, nei fiumi e nelle fontane che sono pi deboli e sciolte, ma anche pi
dolci; infine gli d istruzioni per la spedizione dei farmaci suddetti. I medicamenti fluidi
o liquidi si inviino in vasi vitrei; le foglie, i fiori e le radici in vasi di terra nuovi e ben
chiusi affinch queste droghe, esposte all'aria, non perdano le loro caratteristiche propriet.
L'autore di questa interessante lettera dice pure a Crateva che egli sarebbe ben fortunato se
potesse, "erborizzando, rinvenire la pianta atta a guarire l'amara avarizia e a medicare coi
mali del corpo anche tutte le infermit dell'animo umano"!
Se non possiamo ritenere che la medicina ippocratica abbia ottenuto rilevanti successi
nei riguardi dei principali quadri patologici che si presentavano, certo tuttavia che essa
stata capace di migliorare le condizioni di vita, igieniche e sanitarie dei suoi pazienti, da
un punto di vista psicologico oltre che dietetico. In tal senso la medicina ippocratica ha
costituito per lunghi secoli, a partire da Platone che nel suo Fedro (270 a. C.) evidenzia
come il metodo del medico di Cos sia finalizzato alla conoscenza del corpo in connessione
con la natura del tutto, un modello di riferimento sia metodologico che deontologico
derivante dal prezioso patrimonio di esperienza chimica e di sforzi terapeutici depositato
nelle opere che compongono il Corpus, e che, accanto a notizie di divertenti ingenuit,
riportano indicazioni terapeutiche di sorprendente attualit.
Altre notizie pi incerte si hanno anche di un manuale di erboristeria che sembra essere
stato realizzato dal medico greco Diocle di Karystos vissuto ad Atene nel IV secolo a. C.,
allorch Eschilo nel suo Prometeo incatenato ci ricorda che "l'uomo ignaro dei medicamenti
[] non un farmaco avea prima che io mostrassi a lui le miscele delle erbe assai benigne".
La ricostruzione delle sue dottrine, pi che ai pochi frammenti dei suoi scritti in lingua
attica, dovuta alle numerose citazioni dei tardi scrittori di medicina, specialmente Galeno,
Celio Aureliano e Sorano. Charles Singer sostiene che il pi antico erbario di lingua greca
che noi conosciamo quello di Diocle (c.350 a.C.).
Aristotele (384-324 a. C.), allievo di Platone e frequentatore della sua Accademia,
istitutore di Alessandro Magno e fondatore del Liceo, fu il primo grande organizzatore del
sapere ivi compreso quello biologico, che egli compie da grande osservatore della natura,
tanto da essere preso a modello della Scolastica per il suo metodo di indagine e divenire
unactoritas nel campo delle scienze, oltre che della metafisica e della cosmologia. La
sua grandiosa opera filosofica e scientifica che segna il punto a cui fa capo il movimento
scientifico e speculativo di oltre due secoli della cultura greca, si ritrova in numerose fonti
manoscritte, tra le quali, per largomento che in questa sede ci interessa, il Parigino 1853
del sec. XII che include i Parva naturalia e la Metafisica, oltre che in una innumerevole
mole di studi e saggi, tra i quali quello specifico di George Pouchet.
Secondo Eliano, tiene anche bottega di erboristeria ove vende le sue erbe e d consigli ai
malati, studia le piante sotto l'aspetto prevalentemente filosofico per comprenderne l'essenza
e il significato, procedendo sulla base del confronto con il mondo animale e considerando,
sulla scorta del pensiero di Anassagora, le piante derivate da piccoli animali divenuti apodi
e radicatisi nel terreno.
 C. Singer, The herbal in antiquity, in Journal of Hellenic Studies, v. 47 (1927), p. 52
 G. Pouchet, La biologie aristotelique, Parigi 1885

11

Il filosofo Teofrasto, nato ad Efeso nel 371 a. C. e morto ad Atene nel 287, accentrando
l'indirizzo naturalistico della Scuola, compie studi sulle piante mirati soprattutto sulla
botanica in quanto tale, piuttosto che sulla sua connessione con la medicina. Per tale ragione
le sue opere sulla storia delle piante descritte, partendo dalla reale osservazione di quelle
presenti nel famoso giardino botanico di Atene, istituito a scopo di studio dal suo maestro
Aristotele, e sulle cause dei processi vegetali, possono essere considerate i trattati scientifici
ante litteram di botanica, essendo state gettate le basi, nel contesto pi propriamente
speculativo, per lo sviluppo della botanica come scienza autonoma, che egli definisce come
la scienza che studia la forma, la riproduzione e il comportamento delle piante.
La sua De historia plantarum, in nove libri, elabora una vera e propria classificazione, di
circa cinquantuno piante, dividendole in alberi, frutici, suffrutici, erbe. Nel IX libro classifica,
per la prima volta nellantichit, droghe e medicinali con il loro valore terapeutico.
Nella sua Delle cause delle piante, in sei libri, descrive la generazione spontanea e la
vegetazione delle piante per cause esterne. Entrambe le opere costituiscono il pi rilevante
contributo allo studio della botanica nellantichit al quale la letteratura naturalistica si
ispirer per molti secoli, fino al Medioevo, e che nel sec. XIII verr ripreso da Alberto
Magno.
Degno di essere ricordato un altro medico greco, Serapione, vissuto tra il III ed il II
secolo a. C., ad Alessandria, dove viene fondata una "scuola empirica" di medicina basata
sull'esperienza pratica, e sullosservazione diretta, in contrasto con ogni dogmatismo
preconcetto, ivi compreso quello del Corpus Hippocraticum.
Il greco Crateva, medico di Mitridate VI, re del Ponto, anchegli rhizotomoi, esperto
ed appassionato di veleni e di antidoti, realizza invece agli inizi del I secolo a. C. un vero
e proprio erbario illustrato, di cui dar poi notizia anche Plinio il Vecchio, cio un testo
corredato da una serie di immagini di erbe, molto accurate, con indicazione del nome
della pianta, delle sue caratteristiche, delle sue virt. Le illustrazioni sembra siano state
ripetutamente copiate dai trattatisti posteriori, quali Dionisio e Meteodoro, e pare abbiano
fornito anche il modello al celebre codice costantinopolitano di Dioscoride. Il codice
illustrato da Crateva risulta essere certamente esistito a Bisanzio sino al secolo XVI.
Queste opere dei cosiddetti "rhizotomoi" sono oggi perdute e l'esperienza dell'antichit
in fatto di piante medicinali, prescindendo dalla parte che, conservata dagli autori islamici,
stata successivamente ritradotta dai testi arabi, ha attraversato il Medioevo soprattutto con
le opere, pi o meno rimaneggiate, di Apuleio e Dioscoride.
Il corpus della ricerca officinale, compiuta dai Greci, amplia le proprie conoscenze
a seguito della conquista di Alessandro Magno, che porta al contatto con le pi antiche
tradizioni orientali in materia.
Lo stesso Alessandro Magno, come ricorda il medico lionnese Champier Symphorien
(1471-1539), erborizzava e, con un'erba da lui rinvenuta, aveva curato Tolomeo e i soldati
feriti nella battaglia.
Le pi antiche tavole di erbario giunte fino a noi sono fornite da due frammenti di un
erbario del V secolo il cosiddetto Johnson Papyrus, rinvenuti da J. de M.Johnson nel 1904
mentre lavorava ad Antino in Egitto ed ora conservati al Wellcome Institute of the History of
Medicine di Londra, databili intorno al 400 d. C. e contenenti le figure dipinte in maniera
 Theofrastus, De historia et causis plantarum, in inglese, Cambridge Mass. 1976
 C. Symphorien, Medicinale bellum inter Galenum et Aristotelem gestum [ ], Lione, 1516
 Jonshon Papyrus, Welcome Library, London, ms. 5753; v. anche A. Pavord, The naming of names: in

12

molto realistica di due piante con relativa didascalia descrittiva e terapeutica. Tuttavia
l'autentico pilastro, che successivamente riscuoter grande successo e fornir le basi a tutta
la medicina botanica medievale, come attestano l'ampia diffusione di manoscritti e le nuove
traduzioni, il De Materia medica, il pi antico manoscritto illustrato contenente un erbario
tuttora conservato. Composto a Costantinopoli nel I secolo d. C., ne autore un medico
greco che esercitava a Roma, vissuto al tempo di Nerone nel I secolo dell'Era volgare e
contemporaneo di Plinio il Vecchio, Pedanio Dioscoride, cilicio di Anazarbe presso Tarso
che, dopo aver viaggiato in Siria, nell'Africa Settentrionale, in Spagna, in Gallia ed in Italia,
osservando le piante e raccogliendo informazioni sulle specie medicinali, ci ha lasciato
questo vasto trattato di farmacologia in cinque libri, dei quali, parte del secondo, il terzo
ed il quarto trattano delle piante medicinali, mentre un sesto libro, dedicato ai veleni,
considerato apocrifo. Le specie trattate sono circa seicento, classificate per la prima volta
non in ordine alfabetico, ma divise in gruppi secondo le affinit e i caratteri comuni, e di
ciascuna di esse l'autore d, oltre al nome usuale, i sinonimi, la descrizione dei caratteri
fondati sia sulle parti vegetative che sul fiore e sui frutti, le propriet medicinali e le dosi
di impiego, in un miscuglio di superstizione e di pseudo medicina, commiste a convinzioni
filosofiche, magiche e astrologiche.
Il trattato, che pu essere considerato la colonna portante della farmacopea occidentale,
e si rif ad un archetipo del III-IV secolo a. C., annovera tra i suoi modelli letterari ed
iconografici lo stesso Crateva. Molto usato nell'antichit, commentato fin dal IV secolo da
Oribasio, medico di Giuliano l'Apostata, poi nel IX secolo da Serapione, medico arabo,
questo libro, non pervenutoci nella versione originale, ha avuto diffusione negli ultimi
secoli dell'impero, mediante numerose copie manoscritte, delle quali alcune sono giunte
fino a noi, importanti, specie le pi antiche, anche per le illustrazioni, perch dimostrano il
grado di conoscenze botaniche raggiunto e la capacit o meno degli artisti di correggere il
modello facendo ricorso alla natura.
Celebre fra tutti il manoscritto a noi pervenuto come Codex Vindobonensis del
512 d. C., eseguito per l'imperatrice Giuliana Anicia a Costantinopoli e conservato alla
Nationalbibliothek di Vienna, detto "Costantinopolitanus" e ornato di numerose figure
fedelmente rispondenti agli originali, ma anche di composizioni allegoriche. Il codice ci
riporta inoltre varie sembianze di Dioscoride, tra le quali quella in cui appare seduto su
uno sgabello nell'atto di ricevere da Auresis, personificazione della scoperta intesa nel
senso del rinvenimento, una radice di mandragora, mentre un cane, per effetto prodigioso
di questa erba cade riverso su se stesso e muore. Da questo manoscritto, nel quale l'autore
servendosi di illustrazioni di piante miniate tratte da altri codici e quindi non originali, ha
illustrato organicamente i tre regni della natura sotto l'aspetto medico-terapeutico, prende
direttamente spunto ed origine tutta un'intera letteratura ispirata alle medesime finalit,
nei due filoni orientale e occidentale e poich Dioscoride, tradotto ben presto in arabo,
serve da modello e da fonte d'informazione a numerosi autori. Dell'opera enciclopedica di
Dioscoride, che risulter il migliore trattato di botanica che godr di grande autorit per tutto
il Medioevo e fino a quasi il secolo XVI, offrendo limmagine di una scienza che ricerca
rimedi per il corpo ammalato, ma guarda con grande attenzione alla cura del corpo sano,
search of order in the world of plants, New York, 2005, p. 78
 Dioscoride, De materia medica, 512c., Vienna Osterreichische Nationalbibliotek, Med.Gr.1; v. anche il
facsimile: Dioscurides, Codex Aniciae Iulianae picturis illustratus nunc Vindobonensis Med. gr. 1 phototypice
editus, Lugduni Batavorum 1906, 2 voll.

13

esistono infatti alcuni codici in greco, pregevoli copie delloriginale. Tra di questi, oltre al
gi ricordato cimelio di Vienna i pi noti sono quello della Biblioteca Nazionale di Napoli,
che direttamente o indirettamente, fu utilizzata anche da Cassiodoro nel periodo in cui
preparava i suoi monaci nel monastero di Vivarium in Calabria, della Biblioteca Apostolica
Vaticana, copia eseguita dal cardinale Ruteno, futuro cardinale Bessarione, della Pierpont
Morgan Library di New York10 copia prodotta a Costantinopoli al tempo della rinascenza
macedone tratta dal grande codice di Giuliana Anicia.
Da tale copia ne fu tratta unaltra, forse un secolo e mezzo pi tardi, che si trova oggi
nel Monastero della Grande Laura del Monte Athos. Altre copie illustrate del De materia
medica, anche se non cos sontuose come le precedenti, circolavano in tutto lImpero
Bizantino. Di esse alla Bibliothque Nationale di Parigi si conserva una copia probabilmente
preparata in laboratorio siriaco nel IX secolo, certamente copiata da qualche esemplare
greco pi antico.
Un altro erbario bizantino derivato dal grande erbario di Giuliana Anicia conservato alla
Biblioteca del Seminario Arcivescovile di Padova, probabilmente copiato a Costantinopoli
alla met del 300 nel monastero di Giovanni Battista Prodromo, su richiesta di un umanista
occidentale.11
Altre copie del codice di Giuliana Anicia, la cui fama si era diffusa sempre pi, si trovano
in Inghilterra al Museo di Storia Naturale di Londra e nella Biblioteca di Cambridge, e in
Italia alla Biblioteca Ambrosiana di Milano.
In effetti la tradizione dioscoridea stata talmente potente da avere condizionato tutti gli
erbari bizantini in modo determinante anche quelli che sembrano derivare dalla tradizione
iconografica degli Pseudo Apulei latini.
Sono anche da ricordare i codici longobardi del IX secolo, delle Biblioteche di
Montecassino e di Monaco che si avvalgono per di illustrazioni pi piccole e meno felici,
quelli latini di Parigi, Torino e Londra e infine i codici in arabo dei quali il pi bello e
importante, risalente al 1224 d. C., quello conservato alla Biblioteca di Top Kapi Saray di
Istanbul. Uno Pseudo-Dioscoride, dellXI secolo, pure illustrato, appartiene alla Biblioteca
Statale di Lucca ed stato studiato e minuziosamente descritto da Pietro Giacosa.
Considerata l'autorit acquisita dal libro, esso esemplifica ormai assai bene la tradizione
dell'illustrazione dell'erbario, fungendo da ponte di collegamento tra l'antichit e il
Medioevo.
Gli ampi consensi riscossi dallopera di Dioscoride per tutto il Medioevo, sono
testimoniati anche dal fatto che Dante lo inserisca tra la filosofica famiglia nel limbo: E
vidi il buon accoglitor del quale Dioscoride dico12 e godr di tale fortuna tanto da essere
correntemente usata ancora nel sec. XVIII.
 Dioscoride, De materia medica (codex neapolitanus), VII sec., Napoli, Biblioteca Nazionale, Ms ex-Vind.
Gr. 1; v. anche il facsimile di questo manoscritto commentato da Guglielmo Cavallo ed edito a Roma dalla
Salerno Editrice nel 1991
 Dioscorides, De materia medica, Citt del Vaticano, Biblioteca Apostolica, ms. greco latino Vat. Chigi 53
(F. VII. 159); v. anche il facsimile El Dioscorides grecolatino del Papa Aljandro VII, Madrid, 2001, 2 voll.
10 Pedanii Dioscorides Anazarbei, De materia medica libri VII..., v. anche il facsimile edito a Parigi nel 1935
in 2 voll.
11 Dioscoride, De materia medica, Padova, Biblioteca del Seminario Arcivescovile, Cod. greco 194; v. anche
E. Mioni, Un ignoto Dioscoride miniato (il cod. greco 194 del Seminario di Padova), in: Libri e stampatori in
Padova. Miscellanea di studi in onore di G.Bellini, Padova, 1959, pp. 345-376
12 D. Alighieri, Divina Commedia. Inferno IV, 139-140

14

Da ricordare che Pier Andrea Mattioli pubblicher un commentario dellopera in italiano


nel 154413 e successivamente nel 1554 la prima versione in latino14.
Nel VI secolo Cassiodoro consiglia ai Monaci che non conoscono bene il greco, di
ricorrere al "Herbarium Dioscoridis qui herbas agrorum mirabili proprietate disseruit
atque depinxit". Il codice dunque sta perdendo a quell'epoca i suoi scopi pratici per divenire
quasi un testo "letterario", anche se nel XV secolo viene ancora usato negli ospedali.
Dioscoride, come gi detto, esercit larte medica in quella citt nel primi secolo
dopo Cristo, quasi a dimostrare che in Roma si esercitava una medicina di derivazione
prevalentemente greca.
Fino a quel tempo, in realt, la salute era affidata ad un gran numero di divinit racimolate
da tutte le civilt dove limpero esercitava la sua influenza, ma esisteva anche una sorta
di medicina domestica dove il paterfamilias era a conoscenza dei rimedi tramandati
di generazione in generazione. Unarte medico-pratica schiettamente latina, che trov
la massima espressione nellopera del vecchio Catone Censore, la quale traeva i propri
insegnamenti esclusivamente dalla natura servendosi di empirici e di uomini curanti.
Con linfiltrazione della cultura greca e con laffinamento dei costumi, questa rigidezza,
strettamente legata alla romanit pi tradizionale, venne ad affievolirsi e i medici greci
alessandrini, dapprima schiavi o liberti e poi liberi, cominciarono ad esercitare ufficialmente
la medicina, fondando delle vere e proprie scuole tutte di impostazione greca.
Cos anche a Roma fiorirono i cosiddetti rhizotomoi, specialisti nella ricerca delle radici
medicamentose, che, aiutati dai loro erbolai, cercatori derbe, allestivano vere e proprie
farmacie, le Tabernae medicinae, dove si offriva ci che di meglio si poteva reperire nel
mercato delle droghe di tutto il mondo. Nasceva anche la figura del Pharmacotriba, che
non esercitava affatto la medicina, ma si limitava a vendere le sostanze medicamentose
semplici e a realizzare le ricette dei medicamenti composti prescritti dai medici.
Era un mondo variopinto di rimedi terapeutici di ogni sorta, ricavati sia dal mondo
vegetale che da quello animale e minerale, del quale la testimonianza pi significativa
limportante ed enciclopedica opera di Plinio il Vecchio, vissuto dal 23 al 79 d. C.
La sua monumentale Naturalis Historia, per quanto criticata, perch considerata di
carattere prettamente compilatorio e priva di spirito critico, il risultato della consultazione
di 146 scrittori romani e 327 stranieri e abbraccia le conoscenze di pi di 2000 opere in
gran parte ora perdute. Una fonte importante, anche se non sempre sicura, delle conoscenze
geografiche, zoologiche, botaniche, farmacologiche e anche cosmetiche degli antichi.
Contemporanei, ma di importanza minore per la storia della botanica, sono due autori
sul versante romano, Plinio il Vecchio e Scribonio Largo. Il primo, vissuto dal 23 al 79
d. C. autore di quella Naturalis Historia, i cui ultimi XVII libri sono dedicati alle virt
delle piante, delle pietre e degli animali, giustamente definita "il grande libro scritto dalla
tradizione naturalistica greco-latina", ancora oggi fondamentale per farci apprendere le
conoscenze farmacologiche degli antichi15.
Altro contemporaneo di Dioscoride che vive a Roma Scribonio Largo, medico della
corte di Claudio, che scrive un libro intitolato Compositiones medicinales, dedicato alle
13 P. A. Mattioli, I discorsi nei sei libri di Pedacio Dioscoride Anazarbeo, Della materia medicinale, Venezia,
1544
14 Lo stesso, Commentarii in sex libros Pedacii Dioscoridis Anazarbei De materia medica, Venezia, 1555
15 Sullopera di Plinio vedi: Plinio Il Vecchio, Herbarius Mainz, Mainz 1484; lo stesso, Hortus sanitatis
Moguntiae, Mainz 1491; lo stesso, Historia Naturalis, Parigi, 1950

15

piante medicinali, molte delle quali erano nuove, essendo state da lui trovate nella spedizione
in Bretagna, al seguito dell'Imperatore.
Di origine greca nato il 131 d. C. a Pergamo, ma vissuto a Roma dallanno 162 come
medico dell'Imperatore Marco Aurelio e del figlio Commodo, dove muore nell'anno 210,
invece il celebre Galeno, autore di numerosissimi libri che riguardano idrolati, elisir,
sciroppi, passate, i cosiddetti preparati galenici che consistono nell'estrazione e nella
manipolazione dei principi attivi di determinate piante esclusivamente ad opera dei
farmacisti.
Galeno loda molto gli erboristi dei suoi tempi ed egli stesso, nei suoi tardi anni, si diletta
ad erborizzare nei dintorni di Roma. Le sue opere pi importanti delle 108 a noi pervenute,
parte nella stesura originale greca, parte nella traduzione araba sono il Methodus medendi,
opera in quattordici libri che riassume il sistema galenico e per lungo tempo costitu il testo
fondamentale dellinsegnamento medico, e lArsmedica. La sua opera sar pubblicata in
latino a Venezia, in due volumi, nel 1490, e successivamente in greco nel 1525, in cinque
volumi, da Aldo Manuzio.
Alcuni erbari latini presentano accanto all'immancabile opera di Dioscoride, il testo
di un altro erbario anch'esso latino, l'Herbarius Apulei Platonici quem accepit a Chirone
centauro magistro Achillis, descrizione di piante fatta da Lucio Apuleio, soprannominato
Platonico, vissuto nel IV secolo dell'Era cristiana, detto anche Pseudo Apuleio per
distinguerlo dall'omonimo del II secolo, autore dell'Asino d'oro.
Il trattato, di cui esistono codici a Leida e a Londra, costituito di 130 capitoli, ciascuno
dei quali contiene la descrizione di una pianta e l'indicazione delle sue qualit terapeutiche,
i diversi nomi sotto i quali essa conosciuta ed il suo uso. Anche questo manoscritto, che
in verit abbastanza modesto, anche se avr vastissima fortuna in area occidentale, stato
compilato rielaborando fonti greche anteriori e con figure derivanti dall'opera di Crateva e
Kurt Sprengel16 riferisce che il Vossio possedeva un esemplare dell'Herbarium di Apuleio
copiato nell'XI secolo ed ornato di figure. Sembra che un'edizione accresciuta del trattato
di Apuleio sia circolata nel Medioevo e che da essa siano stati ricavati i dati contenuti
nel ricettario del sec. XI scoperto da Pietro Giacosa nell'Archivio Capitolare di Ivrea,
mentre Jean Baptiste Saint-Lager17 ha dimostrato quanto copiosamente vi abbiano attinto
i compilatori di opere farmacologiche tra le quali una delle pi note, verso la fine del IX
secolo il De Virtutibus herbarum, noto poemetto attribuito a Macer Floridus identificabile
probabilmente, con il poeta e naturalista romano Aemilius Licinius Macer vissuto dall85
al 15 a. C. Di tale codice ci pervenuto un esemplare, eseguito in Italia Meridionale o
in Spagna, che risale con molte probabilit al VI-VII secolo e che oggi conservato a
Leida18.
Sul versante orientale dove tutti i medici arabi coltivano con amore l'erboristeria, da
ricordare il medico arabo Cristiano Mesue, detto Giovanni, nato a Ninive nel 776 e morto
a Bagdad nell'885, che si impone all'attenzione degli Europei per molti secoli con i suoi
trattati tramandati attraverso i loro titoli: Le grandi pandette della medicina e la Farmacopea
generale, opere delle quali vennero pubblicate numerose traduzioni latine, specie a Venezia

 K. Sprengel, Historia rei herbariae, Amsterdam, 1807


J. B. Saint-Lager, Histoire des herbiers, Paris, 1885. Lo stesso, Recherches sur les anciens herbaria,
Paris, 1886

Leida, Bibliotheek der Rijksuniversiteit, ms. Voss. Lat. Q. 9.

16

(1471) e a Lione (1478)19.


Ancora pi celebre di lui, principe del mondo medico arabo, il grande scienziato e
filosofo, medico, botanico e fisico persiano Ibn Sina, l'esponente arabo pi conosciuto e
famoso nel mondo occidentale considerato da molti il padre della medicina moderna, a noi
noto con il nome di Avicenna, nato ad Afshanah presso Bukhara nel 980, morto ad Hamadhan
(Iran) nel 1037 e autore di circa 450 libri, tra cui l'opera sua pi importante tradotta in latino
nel sec. XII da Gerardo da Cremona con il nome di Liber canonis medicinae20. Attraverso
tale traduzione a partire dal 1200, tramite la Scuola Medica Salernitana, rimase, per circa
600 anni, il codice pi autorevole della medicina pratica e della farmacologia, studiato e
commentato nelle facolt mediche di Bologna e Montpellier. Essa espressione di quella
scienza araba, che, con grande capacit di sintesi, prende il meglio delle culture con le
quali viene a contatto, e che considera la botanica come scienza ausiliaria della medicina
e della farmacopea, conferendole un'impronta pratica e utilitaristica che sar superata solo
col prodigioso risveglio della ragione scientifica dell'Occidente rinascimentale. Il grande
Avicenna, secondo Richard Pultney21, erborizza nella Sogdiana e nella Bactriana e dipinge
anche le piante raccolte per farle conoscere ai suoi allievi.
Successivamente Ibn Beithar medico e botanico ispano-arabo, morto nel 1216, che
erborizza nelle campagne di Siviglia, poi viaggia in Siria ed in Egitto, diviene direttore
dellorto botanico di Damasco, e scrive il suo famoso libro Kitb almofrdat, meritandosi il
nome di Aschab, cio principe degli erboristi, che attraverso i suoi studi arriva a conoscere
pi di 200 nuove specie, tanto da essere definito il Dioscoride spagnolo del XIII secolo.
E da sottolineare che, tutti i trattati di materia medica dell'et antica e medievale, basati
come sono sull'impiego di sostanze naturali quali piante, animali e minerali, si avvicinano
in misura pi o meno marcata al "genere" dell'erbario, al punto che tra i due tipi di opera
difficile tracciare un confine preciso.
E ancora da ricordare che il Medioevo il tempo in cui Alberto Magno scrive il suo
De Virtutibus herbarum e Santa Ildegonda detta il De Signis bonitatis herbarum22, mentre
Carlo Magno coltiva in un giardino le piante medicinali.
Sono questi gli erbari maggiormente usati nel Medioevo, sia per i riferimenti letterari, sia
nella pratica quotidiana, in particolare nei centri monastici dove il persistere e il perpetuarsi
della cultura scritta e la conservazione dei testi antichi si accompagnano ad una particolare
attenzione prestata agli aspetti tecnici della farmacologia e soprattutto alla manipolazione
delle erbe.
Certamente ciascuno di essi ha avuto un ruolo ben preciso per quanto riguarda i dati
trasmessi dall'antichit classica mediante opere pi o meno rimaneggiate, dalla medicina
araba e dai risultati della cultura dei Semplici pi usuali continuata per tradizione. Ciascuno
servir da cerniera e avr importanza per compilazioni successive rimaste celebri come
espansione della scienza medica ed agraria dell'ultimo Medioevo: basti pensare allo Speculum
majus quadruplex di Vincent de Beauvais, (1244-1259); all'Opus ruralium commodorum,
19 Del Mesue si conserva XIV, presso la Biblioteca Nazionale di Roma, il ms.: Vitt. Em. 218. Liber de
consolatione medicinarum simplicium, del sec. XIV
20 Un manoscritto dellopera conservato a Londra presso lHeritage Centre, ms. 385. Una delle prime
stampe dellopera venne eseguita a Padova, nel 1479 con il titolo Canones medicinae.
 R. Pultney, A brief botanical and medical history in: Jstor: philosoph ical transaction vol. 50 (17571758), pp. 62-88
22 Lopera conosciuta attraverso ledizione edita da Bevilacqua a Venezia nel 1499 con il tirolo Herbarius
seu De virtutibus Herbarum, e le successive edizioni di Anversa del 1502 e di Rouen del 1505.

17

libri duodecim, del bolognese Pietro de' Crescenzi, (1230-1320); allOpus Pandectarum
medicinae23, trattato scientifico sulle erbe e sul loro utilizzo in campo medico, del medico
Matteo Silvatico (1285-1342)24 che oper nellambito della Scuola Medica Salernitana
effettuando i suoi studi nellantico orto botanico nel quale sorge il Giardino della Minerva
a Salerno, ed infine alle altre grandi raccolte, quali il Grant Herbier en franoys o l'Hortus
sanitatis.
Infatti, pur nella limitatezza degli studi che caratterizza il Medioevo, il culto per le
propriet medicinali delle piante sopravvive nei monasteri benedettini, che, nell'osservanza
della Regola di S. Benedetto, danno la precedenza agli ammalati, creando gli "ospitium"
nelle vicinanze dei monasteri e le "officine" che dapprima artigianali, si trasformano in
vere e proprie "farmacie" ed attingono il loro sapere dagli "scriptoria". In essi, oltre ai
testi della cultura classica, si trascrivono anche gli erbari medicinali antichi compresi il
Corpus Hippocraticum, la Medicina di Plinio nonch le opere di Dioscoride e di Galeno,
ed in tutti radicata la convinzione che le erbe medicinali siano un dono della divinit. E
lo stesso concetto che ritroviamo come una costante nei popoli antichi: cos per gli Indiani
sono i Gandharvas gli spiriti benevoli che custodiscono le piante officinali; per gli Egiziani
il dio Thot che naviga in una barca carica di radici e di erbe medicinali; per i Greci ed i
Romani dio della medicina Apollo del quale Ovidio dice: "Inventum medicinae meum est
et herbarum subiecta est potentia nobis".
Famosi sono i monasteri dell'Italia Meridionale, che divengono gelosi custodi degli erbari
ed hanno il gran merito di custodire il sapere del passato in preziose traduzioni dal greco,
dal latino e dall'arabo, oltre a tenere in vita la coltivazione di tante specie di erbe medicinali
da loro effettuata accanto alla "spezieria" nei "giardini dei semplici"25. Questi, precursori
dei celebri orti botanici, che in Italia26, a cominciare da Pisa e Padova, cos come in molte
Universit d'Europa, verranno istituiti nei secoli XVI e XVII, si rendono necessari per avere
la disponibilit di molte piante medicinali durante i lunghi assedi, le rapine, le occupazioni
militari, le pestilenze, le carestie. L'aggettivo sostantivato "semplice" sta ad indicare nel
linguaggio medico del tempo un medicamento non artificialmente composto, ma che si
somministra cos come viene fornito dalla natura, in contrapposizione alle composizioni
medicinali che possono essere composte di pi "semplici".
Proprio a S.Benedetto di Capua viene eseguito all'inizio del sec. X uno Pseudo-Apuleio27
ed ancora un altro manoscritto dell'opera di Apuleio.28
E opportuno sottolineare che, durante il periodo romanico, allorch, con il dissolversi
del feudalesimo, risorgono le energie nazionali in rapporto con le contingenze storiche e i
23 Lopera fu tradotta in francese nel 1373 su ordine del re di Francia Carlo V, fu pubblicata in latino con il
titolo: Petri de Crescentiis, civis Bononiensis opus ruralium commodorum, Augsbourg, 1471, seguita dalla
prima edizione italiana di Firenze del 1470 e dalle successive di Strasburgo del 1486 e di Vicenza del 1490.
24 Lopera, il cui manoscritto conservato a Roma nella Biblioteca Apostolica Vaticana (Ms. Vat. Lat. 13010),
fu stampata per la prima volta a Napoli nel 1474 con il titolo di Opus Pandectarum, con la dedica di Angelo
di Sepino, medico di Aragona re di Napoli, a riprova della stima per lopera a quel tempo.
25 Sullargomento v.: E. Milano, In foliis folia. Giardini e orti botanici, secondo volume, Modena 1995, pp.
11-100; v. anche: J. Serapion, De simplicium medicamentorum historia, Venezia, 1552; N. B. Monardes, De
simplicibus medicamentis, Antwerpen, 1574
26 V. A. Chiarugi, Le date di fondazione dei primi orti botanici del mondo, Firenze, 1953; P. Meda, Guida
agli orti botanici, Milano, 1984; Lo stesso, Orti botanici delle Universit italiane, Napoli, 1965.
27 Ora conservato alla Biblioteca di Montecassino, codex Cassinensis 97.
28 Conservato alla Biblioteca Laurenziana di Firenze Plut. 73. 41. La prima opera a stampa dellHerbarium
viene eseguita a Roma, nel 1481.

18

frazionati aspetti politici della penisola e con un'etica che considera la terra quale luogo di
passaggio verso l'eterno, il linguaggio neolatino "sermo illustris", lingua dotta che serve
da contemperamento fra questa e il "sermo vulgaris": unione fra le due parlate in contatti pi
o meno diretti col mondo bizantino orientale e con quello d'Oltralpe. Pertanto con lavvento
della lingua neolatina che certamente contribuisce alla diffusione dei testi, attraverso i libri
sacri e qualche manoscritto profano, eseguiti negli "scriptoria" dei monasteri, ricostruiamo
le vicende, che qui ci interessano, degli erbari e delle relative miniature che ci consentono
una parallela chiave di lettura.
Inoltre da ricordare che, grazie al merito dei monasteri, gli erbari bizantini e meridionali
conoscono una grande diffusione specie in Gran Bretagna, dove proprio lo Pseudo-Apuleio
viene tradotto in anglosassone intorno al 1000, avvalendosi per le piante illustrative, in
coerenza con la vocazione astratta della miniatura insulare, di immagini stilizzate tanto da
rendere la pianta quasi irriconoscibile. Lo stesso Apuleio conosce in Inghilterra numerose
altre trascrizioni, una del 1050 circa, forse la pi illustre della serie, conservata alla British
Library29, alla quale seguono quella eseguita a Canterbury intorno al 1070-1110 ed ora
conservata alla Bodleian Library di Oxford30, dove pure si trova un altro esemplare molto
pi realistico realizzato a Bury St.Edmunds verso il 1120.
In una stesura risalente ai secoli XI-XII molto conosciuto anche il gi ricordato De
viribus herbarum, attribuito al poeta latino Aemilius Macer, amico di Tibullo, Ovidio o
Virgilio, che in esametri latini, da notizie delle droghe fino ad allora conosciute, e mette
in luce anche con erudita conoscenza, le loro propriet medicamentose. E stato anche
ipotizzato che il nome di "Macer Floridus" o "Aemilius Licinius Macer" costituisca lo
pseudonimo di un autore medievale, vissuto nella prima met del sec. XI, il medico Oddone
di Meung o Odo Magdunensis. La prima stampa dell'opera avviene a Napoli nel 1477, e un
esemplare a stampa, edito a Ginevra nel 1500 circa, conservato alla Biblioteca Estense
Universitaria di Modena31.
Anche se le immagini di piante nei trattati di medicina e fitoterapia del passato, trascritte
negli "scriptoria", tratte dai prototipi ricopiati sia pure miniate o acquerellate, sono spesso
appiattite e prive di somiglianza, spicca tra tutte quella misteriosa e affascinante della
mandragora nello stereotipo illustrativo che la vuole con una testa fatta di foglie, mentre le
radici assumono la forma di un corpo umano. Non si pu non ricordare a tale proposito che,
per conferire maggiore attrattiva a questa letteratura, vi si inseriscono gli elementi magici e
preternaturali quali influssi astrali sulle erbe, animalizzazioni di esse, virt magiche. Si d
cos vita ad una letteratura medico-magica, e sono soprattutto gli erbari a fornire argomenti
al meraviglioso e a segnalare le loro virt, una delle quali la "segnatura" secondo la quale
le piante, che per taluni aspetti fisici, o di colore o di forma, ricordano in qualche modo
l'organo malato, e sono utili a guarirlo. Cos l'erba polmonaria, che aveva questo nome per
la forma delle sue foglie che ricordano vagamente un polmone, viene usata per curare le
malattie di quellorgano.
Nel corso del Medioevo la tradizione manoscritta degli erbari pare svilupparsi secondo
due direttive principali: da un lato quelli realizzati nel Nord Europa, che sempre pi astratti
29 Apuleio Platonico, Herbarium, 1050 c., Londra, British Library, Ms. Cotton, Vitellius c. III.
30 Lo stesso, Herbarium, sec. XII, 1120, Oxford, Bodleian Library, ms. Bodley. I. 30; v. anche la prima
opera a stampa: Herbarium Apulei Platonici, Roma, 1481; F. W. T. Hunger, The Herbal of Pseudo Apuleius,
Leiden, 1935
31 Macer Floridus, De viribus herbarum, Ginevra, c.1500. Ancora unedizione a stampa quella di Venezia
del 1506.

19

e stilizzati, si esauriscono nel rimando letterario e si allontanano sempre pi dall'originario


scopo descrittivo di illustrazione e identificazione delle piante; dall'altro quelli realizzati
in Italia Meridionale, dove, grazie al contatto con la produzione scientifica araba, si va
definendo il carattere precipuo degli erbari come strumenti pratici di lavoro.
Dai contatti con il Monastero di Montecassino, proprio tra il 1100 ed il 1200, epoca in
cui i monaci cominciano ad esercitare la professione medica al di fuori delle abazie e dei
monasteri, si originano fuori dai conventi fiorenti scuole di medicina e chirurgia, tra le quali
la scuola di chirurgia oftalmica di Preci in Umbria, nei pressi dell'abbazia di Sant'Eutizio e
la pi celebre Scuola Salernitana32. Questultima, anche se si ignora lesatta data della sua
nascita, ha il merito di essere la prima e pi antica istituzione dellEuropa occidentale per
linsegnamento della medicina e delle arti ad essa affini e, cosa pi importante per il futuro
della scienza europea, il primo esempio di sincretismo tra il pensiero scientifico occidentale
di origini greco-latine e quello orientale, facendo uscire la medicina dal grossolano
empirismo, avviandola verso una dimensione scientifica, con la prima sua produzione
che risale al secolo XI e che trae origine dalla tradizione classica e tardo antica basata
sulla conoscenza di alcuni trattati pratici e farmacologici di Galeno, sulle opere di Plinio,
Dioscoride, Celio Aureliano, Teodoro Prisciano, Paolo di Egina e Alessandro di Tralles.
Tale patrimonio culturale del passato viene sistematicamente ordinato in trattati compilativi
che rispondono ad un'esigenza didattica di trasmissione delle conoscenze mediche e che
rivelano uno spiccato interesse pi per la pratica medica che per i problemi teorici generali,
facendo vivere alla medicina, alla farmacia e alla fitoterapia il loro momento di massimo
fulgore.
Sembra che gi nell'XI secolo si proceda alla compilazione di un Erbario della Scuola
diffusasi in Europa. Particolare impulso al sorgere della Scuola verr dato dalle nuove
cognizioni del sec. XII, allorch essa, impostata inizialmente sugli autori greci-latini, viene
integrata con le conoscenze arabe, quando si diffonde al tempo dell'abate Desiderio, l'opera
di Costantino Africano, un dotto saraceno fattosi cristiano e poi monaco, primo divulgatore
in Occidente della scienza medica ebraica e islamica che egli ha tradotto dall'arabo, avendo
avuto familiarit in Oriente con le opere di Mesue, di Serapione e del contemporaneo
Avicenna. La Scuola risente dell'influsso costantiniano, soprattutto in campo farmacologico,
in quanto la traduzione del Kitob-al-Maliki di Ali-ibn-Abbas, uno dei pi importanti trattati
di medicina araba, arricchisce i prontuari di rimedi salernitani di una vasta gamma di
32 S. De Renzi, Storia documentata della Scuola Medica di Salerno, Napoli, 1851; B. Lawn, I quesiti
salernitani. Introduzione alla storia della letteratura problematica medica e scientifica nel Medioevo e nel
Rinascimento, Cava dei Tirreni, 1969; A. Sinno, Sintesi storica della Scuola Salernitana, Salerno, 1942; P.
O. Kristeller, La Scuola Medica di Salerno secondo ricerche e scoperte recenti, Salerno, 1980; La scuola
Medica Salernitana. Storia, immagini, manoscritti dallXI al XIII secolo a cura di Maria Pasca, Salerno,
1988; A. Beccaria, I codici di medicina del periodo presalernitano, Roma, 1956; P. O. Kristeller, Nuove
fonti per la medicina salernitana del sec. XII, in: Rassegna Storica Salernitana, XVIII, (1957), pp. 6175; Regimen Sanitatis sive Scholae Salernitanae de conservanda hona valetudine praecepta, a cura di J.
Ackermann, Stendal, 1790; K. Sudhoff, Zum Regimen Sanitatis Salernitanum in: Archiv fr Geschichte der
Medizin, VII (1914), pp. 360-362; VIII (1915), pp. 292-293; X (1917), pp. 91-101; Regimen Sanitatis. Flos
medicinae scholae Salerni, a cura di A. Sinno, Salerno, 1941; Collectio salernitana ossia documenti inediti
e trattati di medicina appartenuti alla scuola medica salernitana pubblicati a cura di Salvatore De Renzi
[riproduzione anastatica del 1853] Bologna, 5 voll., Tomo V, pp. 4-6. Un riscontro di tali precetti dettati
con riferimento ai mesi dellanno troviamo anche in un: Conservandae bonae valetudinis praecepta longe
saluberrima per Iohannem Curionem ita nunc denuo, mutatis et recisis nonnullis, ac in numeris ferme
sublatis mendis, recognita et repurgata, ut novum opus iure videri possit, Francoforte, 1573, cc. 277v.-278v.

20

prescrizioni fino ad allora sconosciute. Il Liber Aureus di Giovanni Afflacio, discepolo di


Costantino e suo principale divulgatore, il primo esempio della produzione di manuali di
patologie e terapie che si sviluppa da allora in poi e che si concreter pi tardi, nei Secoli
XV-XVI, nell'edizione di un gruppo di testi classici sotto il nome di Articella, che costituir
la base di studio della medicina fino al sec. XVIII.
I maestri salernitani, come i monaci cassinesi, sono profondi conoscitori del mondo
vegetale ed abili nella manipolazione delle erbe. Questa loro esperienza si manifesta
nell'elaborazione di trattati in cui i semplici vengono scientificamente indagati e classificati
in base alle loro propriet medicamentose, diversamente combinati e dosati secondo le varie
applicazioni terapeutiche: Dynamidia, Antidotaria, Tabellae, hanno lo scopo di rendere
agevole e chiara la pratica applicazione dei rimedi.
Proprio nel momento di maggior splendore della Scuola, che ormai era famosa in tutta
Europa e che vedeva accorrere non solo studiosi, ma anche illustri regnanti, come ad
esempio il Re dInghilterra Edoardo III, allo scopo di curare le proprie infermit, nasce
l'opera pi importante ed imponente conosciuta della Scuola Salernitana, il Regimen
sanitatis salernitanum o Regola della sanit, in versi latini attribuita in alcune edizioni
antiche ad Arnaldo da Villanova, medico catalano ritenuto da alcuni la pi eccelsa figura in
campo medico e scientifico del Medioevo che descrive circa novanta specie di piante aventi
potere terapeutico.
Lopera, che avr allepoca della stampa notevole fortuna, un insieme di aforismi
e di precetti di carattere prevalentemente igienici, dettati probabilmente da vari medici
susseguitisi nella Scuola.
Tuttavia l'opera fondamentale della botanica medicinale medievale il De simplici
medicina, pi tardi conosciuta come Circa instans dall'incipit del testo o, pi suggestivamente,
come Secreta Salernitana. Scritta tra il 1130 ed il 1160 dal maestro Matteo Plateario,
che vi appone la firma, l'opera pu essere considerata un dizionario, che, avvalendosi
di una dettagliata descrizione di circa cinquecento piante, ne determina le varie specie,
analizzandone le parti, dalla foglia, al fiore, al frutto, ai semi, alla corteccia, al legno, alla
radice, identificandone alcune fino ad allora sconosciute e definendo per ognuna l'origine
geografica, la denominazione greca e latina, la variet e sofisticazioni e le loro propriet
terapeutiche, e quindi l'uso e la posologia.
Il testo originario dell'opera, che secondo Jules Camus si basa sul Dioscoride fuso dopo
il IV secolo con quello dello Pseudo-Apuleio, conosciuto fino al secolo scorso soltanto
nella ridotta versione a stampa del 1488, si potuto ricostruire grazie alla collazione di due
magnifici esemplari del XV secolo, conservati presso la Biblioteca Estense Universitaria di
Modena, rispettivamente un manoscritto in lingua latina il Tractatus de herbis, ms.lat.993,
e uno in lingua francese, lHerbolaire ms. Estero 28.
Il Circa instans che ha eco vastissima, pur continuando a circolare a lungo senza corredo
iconografico, che evidentemente si stenta a trovare in forme adeguate alla modernit del
testo, costituisce un prototipo per tutto il filone di enciclopedie di storia naturale applicata o
enciclopedie di semplici e delle loro virt, di quei Secreta Salernitana che hanno conosciuto
esemplari illustrati solo nel XIV secolo, ricevendo dagli studiosi il riconoscimento della
capacit di correggere la tradizione iconografica delle opere precedenti nei casi di disegni
non corrispondenti al dato naturale. Ci comporta l'affermarsi di un nuovo spirito critico,
anche se non ci troviamo di fronte a veri "ritratti" di piante, ma piuttosto ad una mediazione
fra le esigenze del rispetto dei modelli classici e gli intenti di viva osservazione della realt,
e le scene proposte da allora negli erbari, relativamente alla raccolta delle piante e alle loro
21

modalit d'uso, vanno interpretate in quella direzione.


La pi nota di queste enciclopedie il ms. 459 della Casanatense, la preziosissima,
principesca Historia plantarum che nel 1912 Elena Berti Toesca attribuisce a pi artisti
lombardi, fra i quali Giovannino de' Grassi, vedendone i rapporti con i Tacuina sanitatis
e con i disegni di animali del Tacuino di Bergamo. La studiosa contraddice pertanto la tesi
dello Scholosser il quale nel 1895 ha pubblicato il Tacuinum sanitatis di Liegi come opera
veronese, trovando sostenitori su tale tesi in Schboner nel 1895, nel Delisle nel 1896, nel
Fogolari nel 1905 e nel Muoz nel 1908, mentre sempre sulla tesi veneta, ma padovana,
hanno insistito la Kurth nel 1912, il Monteuffel nel 1913, il Carbonelli nel 1918 e pi
cautamente il Coletti nel 1947. Berti Toesca ha invece trovato buoni sostenitori della tesi
lombarda in D'Ancona nel 1925, nel Van Marle nel 1926, nel Van Schenedel nel 1938, nel
Serra nel 1940, nel Marabottini nel 1950, nel Samek-Ludovici nel 1952 e nel Salmi nel
1955.
Nonostante la notoriet ed il fervore che caratterizza in tutto il Medioevo la Scuola
Medica Salernitana, che tuttavia comincia lentamente a decadere dopo che nel 1244 si fonda
l'Universit di Napoli, la botanica, pur essendosi liberata da alcune scorie medievali, non
riesce a decollare come scienza a s e rimane ancora "ancella" della medicina, per cui gli
Erbari e i Ricettari che trattano delle piante officinali, fino a tutto il secolo XVI verteranno
in materia esclusivamente o prevalentemente medica. Infatti l'uomo, ancora assorbito da
esigenze religiose e metafisiche, non riesce a dedicare molto spazio alla scienza.
Anche figure di rilievo del XIII secolo come Alberto di Lauingen, divenuto Alberto Magno
dopo la sua morte, e che nella sua cultura enciclopedica include anche le scienze naturali
e la medicina, o come Pietro d'Abano, filosofo, astrologo e soprattutto medico scolastico
con influenze arabe il cui Trattato dei veleni e un testo riguardante le erbe aromatiche
o comuni, sono conservati in manoscritti del sec. XV alla Biblioteca dell'Archiginnasio
di Bologna, non riescono a liberarsi completamente dalle pastoie medievali, fatte di
pregiudizi, superstizioni, di una ridda di angeli, folletti, demoni, animali e di caratteristici
poteri magici attribuiti gratuitamente alle piante. A quelle anzi rimangono ancora legati, pur
configurandosi come gli artefici di quegli insegnamenti ai quali attingeranno autori che dal
Rinascimento e fino al Settecento scriveranno sulla materia, riportando quei principi e quelle
cognizioni che molto spesso vanno a coincidere con quelle della moderna erboristeria, che
trover spazio graduale allorch la scienza, assumendo gradualmente valore in prestigiose
Universit, incomincer a progredire sia sul piano della ricerca scientifica che su quello
della sperimentazione.
Storia a s sembrano avere quel gruppo di manoscritti che sono conosciuti come Tacuina
sanitatis, curiose trattazioni che hanno una notevole diffusione a partire dal secolo XIV.
Sostanzialmente sono ricettari di norme di facile igiene, atte a curare e a mantenere la
salute per mezzo dell'uso igienico delle erbe, dei cibi e dei metalli, tipico prodotto dell'Italia
settentrionale e pi precisamente dell'illustrazione lombarda, "destinati alla pura gioia
degli occhi e ad una costosissima lettura domestica finalizzata ad elementari conoscenze
di igiene alimentare". Sono quindi manuali per condurre una vita sana che in qualche
modo si possono far rientrare nel "genere" degli erbari, anche se diversa l'impostazione di
fondo. Essi rappresentano il frutto del recupero della scienza medica degli antichi favorito
dagli Arabi durante i secoli XIII e XIV. Non risulta che esistano manoscritti compilati dagli
Arabi su tale argomento, ma certo ad essi si possono attribuire quelle tavole sinottiche degli
elementi che possono influire sulla conservazione della salute e si riallacciano probabilmente
all'opera del medico arabo Ibn Botlan, vissuto nel sec. XI ed autore di un'operetta Taqwin,
22

termine che significa appunto tavola sinottica, tradotta in latino e portata in Sicilia negli
ultimi anni del Duecento.
Dei cinque esemplari pervenutici, uno conservato a Parigi33, uno a Liegi34, uno a Rouen35,
uno a Vienna36 e uno alla Biblioteca Casanatense di Roma37 che, come caratteristica
comune dei Tacuina, rappresenta le erbe e i frutti visti a distanza per intero e non nei
particolari, nei loro luoghi di crescita, o nell'atto di essere colti, in scene animate da figure
umane e che mirano alla gioiosit dell'immaginazione.
Uno dei primi esempi miniati di "Tacuinum sanitatis" il codice conservato alla
Biblioteca Nazionale di Firenze38. Definito Erbolario nel titolo impresso sulla legatura del
sec. XV, probabile che esso provenga dalla Provenza, poich con la Francia l'Italia ha un
intenso interscambio di idee, di gusti, di oggetti, a partire dal Medioevo e sino alle soglie
del Quattrocento, intensificandosi, soprattutto nel secolo XV.
L'erbario, datato al secolo XIV e il cui lessico ispano-franco, stato segnalato dalla
Berti Toesca che ha visto nelle scenette di genere che compongono il codice un preannuncio
o addirittura il prototipo dei Tacuina, mentre il Pcht ed il Baumann lo riferiscono alla
tradizione francese del Circa instans, dal momento che le piante, disposte secondo l'ordine
alfabetico del ciclo salernitano, hanno foglie e frutti di tradizione naturalistica simile a
quella del Tractatus de herbis, e contengono anche piccole e mostruose stilizzazioni.
Altro manoscritto conservato pure alla Casanatense la gi ricordata Historia plantarum39
che dal punto di vista iconografico una via di mezzo tra l'erbario ed il taccuino, come
espressione di quel "fragile naturalismo salernitano lombardo", culminato nel '400 in un
erbario della British Library ed in una serie di erbari diffusi in Francia e in Italia e nel
Veneto, che mostrano un'immagine botanica rinnovata in senso decisamente realistico.
Una sistematica indagine di Elisabeth Pellegrin condotta nei preziosi fondi della
Biblioteca Nazionale di Parigi, ha portato al rinvenimento del codice di Manfredus de Monte
Imperiali, evidente prototipo dell'Historia plantarum della Casanatense e dell'Enciclopedia
senza testo dell'Ecole des Beaux-Arts di Parigi, che, a sua volta, costituisce un modello per
i Tacuina sanitatis.
Ne un tipico insigne esempio un manoscritto realizzato nell'ultimo decennio del secolo
XIV negli ambienti accademici padovani contenente la traduzione italiana di un trattato di
botanica medica dell'arabo Serapione il Giovane, vissuto nel secolo IX, noto come Liber
agrega di Serapion della British Library40. Dovuto ad una importantissima segnalazione di
Otto Pcht41, questo erbario volgare scritto per il signore di Padova Francesco da Carrara,
considerato un'illustre testimonianza di un approccio verso la natura e prestigioso capostipite
del disegno moderno, ampiamente indipendente dai modelli iconografici tradizionali e anzi
orientato verso l'affermarsi di immagini naturalistiche basate sull'osservazione della realt
pi che sui modelli letterari.

Parigi, Bibliothque Nationale, Tacuinum Sanitatis, ms. lat. Nouv Acqu.1673
34 Liegi, Biblioteca Universitaria, Tacuinum Sanitatis, ms. C. 67

Rouen, Biblioteca Municipale, Tacuinum Sanitatis, ms. Leber 1088
36 Vienna, Biblioteca Nazionale, Tacuinum Sanitatis, ms. Series Nova 2644
37 Roma, Biblioteca Casanatense, Theatrum Sanitatis, ms. 4182
38 Firenze, Biblioteca Nazionale Centrale, Herbolario, ms. Pal. 586
39 Roma, Biblioteca Casanatense, Historia Plantarum, cod. lat. 459

Londra, British Library, Liber agrega, Egerton ms. 2020
 O. Pacht, Early Italian Nature Studies and the Early Calendar Landscape, in: Journal of rhe Warburg
and Courtauld Institutes, XIII (1950), pp. 13-47.

23

Esso costituisce la fonte per molte illustrazioni dell'Erbario attribuito per molto tempo
a Benedetto Riinio, eseguito nel 1419 ed a lungo stato ritenuto il primo erbario, dopo
l'et classica, con immagini tratte direttamente dalla natura. Il manoscritto cartaceo, oggi
conservato alla Biblioteca Marciana di Venezia42 e che viene ora pi correttamente attribuito
per il testo a Nicol Roccabonella e per le illustrazioni al veneziano Andrea Amadio, ha
un'iconografia molto pi ricca e vasta del Serapion, offrendo un pi ampio repertorio di
piante.
Un altro manoscritto quattrocentesco conservato alla Biblioteca dipartimentale di
botanica dell'Universit di Firenze43, appartenuto probabilmente ad un medico e da lui
usato nel primo trentennio del '400, derivato dall'ambiente culturale della scuola salernitana
e collocabile facilmente per la sua iconografia nell'area lombardo-veneta. Il manoscritto,
studiato ed edito da Stefania Ragazzini44, viene posto dalla studiosa in relazione con la
tradizione iconografica dei manoscritti erbari 459 della Casanatense, Sloane 4016 della
British Library, Masson 116 della Bibliothque de l'Ecle des Beaux Arts di Parigi, Ad. 23
della Bodleian Library di Oxford, 1591 del Museo Civico di Trento, 211 della Biblioteca
Universitaria di Pavia, 18 di Fermo e con il 604 di Padova, concludendo che gli erbari di
Pavia e di Fermo "sono di tradizione pressoch identica al codice di Firenze".
Con lavvento della cultura rinascimentale, l'uomo si pone al centro dell'Universo e lo
domina con la sua nuova forma mentis e con le sue iniziative, conquistando con le sue idee
e la sua cultura tutti i settori della vita sociale e delle scienze, tra le quali la botanica che sta
assurgendo ormai a scienza autonoma rispetto alla medicina.
Gli erbari sono redatti in modo differente rispetto al passato risultando riccamente
illustrati con immagini che tralasciano ormai la raffigurazione delle piante sotto forma di
uomini o di animali offrendo una rappresentazione pi vicina all'ambiente naturale.
La prima vera ricerca scientifica che prende le mosse dalle universit rinascimentali
incomincia a dare importanza agli erbari, considerati via via che si arricchiscono di nozioni
e di illustrazioni, veri e propri trattati di medicina, ed addirittura vengono trascritti per conto
delle Corporazioni dei Medici e degli Speziali. Tuttavia il passato non stato cancellato
del tutto e, qua e l, nel nuovo che avanza, accanto a felici intuizioni che ancora oggi sono
ritenute valide, si affianca una certa superstizione, formule magiche e addirittura stregonerie
per preparare i farmaci. Nel contempo, con l'attenzione dedicata agli studi botanici, gli
studiosi, superando le fino allora dogmatiche affermazioni di Crateva, di Teofrasto, di
Ippocrate, di Dioscoride o Apuleio, si orientano verso una conoscenza sempre pi profonda
e capillare e dirigono le loro ricerche anche verso gli estratti vegetali.
Col passare del tempo il crescere del numero degli erbari manoscritti, sempre
pi abbondantemente illustrati al fine di migliorare lo scopo pratico applicativo e di
riconoscimento a scopo curativo, vanno a coincidere con l'inizio della stampa dovuta alla
grande intuizione gutenberghiana.
Infatti, allorch con la nascita della stampa prende forza l'ala possente attraverso la
quale il pensiero spazier per tutta la terra, dando vita al primo pilastro della graduale
globalizzazione della cultura, e dai torchi tedeschi, italiani e poi da quelli di tutta Europa,
42 Venezia, Biblioteca Marciana, Liber de simplicibus Benedicti Riini medici et philosophi veneti, Lat. VI.
59 = 2548
43 Firenze, Universit-Biblioteca dipartimentale di botanica, Codice erbario, ms. 106
44 S. Ragazzini, Un erbario del XV secolo. Il ms. 106 della Biblioteca di botanica dellUniversit di Firenze,
Firenze, 1983.

24

cominciano ad uscire impressioni multiple della medesima pagina e del medesimo libro che
rendono ormai inutile e sorpassata la pure meritoria opera degli "scriptoria" e dei copisti,
fino ad allora indispensabili per la produzione di manoscritti, anche la tradizione manoscritta
degli erbari viene convogliata verso la stampa e si d il via, negli ultimi trent'anni del
Quattrocento, ad una ricca produzione di erbari prodotti in pi copie, con i caratteri mobili,
con le conseguenze divulgative e con i rimarchevoli vantaggi che sono propri del fenomeno
della stampa in tutti i campi del sapere.
Il genere botanico, come altri, conosce un momento di autentica fioritura, aiutato, sotto
l'aspetto illustrativo, dalla xilografia applicata alla stampa che aiuta a riprodurre e a proporre
immagini di piante, a scopo non decorativo, ma semplicemente in funzione esplicativa del
testo.
Si avviano cos lentamente a decadenza, di pari passo con l'affievolirsi del genere miniato
che procede malinconicamente verso un lento esaurimento e quindi verso uninevitabile
scomparsa, anche se per alcuni anni i due generi avranno vita parallela ma sempre pi
diversificata, le immagini di piante e soprattutto di fiori e frutti che, del tutto fini a se
stessi, con pura funzione decorativa e spesso senza alcuna didascalia, hanno inondato intere
pagine di codici, costituendo uno dei soggetti che alla miniatura ha offerto colori, spunti,
suggestioni.
Vi da osservare che l'invenzione della stampa e la quasi contemporanea applicazione
della xilografia all'illustrazione delle piante descritte, non solo estendono in modo eccezionale
la conoscenza delle piante medicinali, ma determinano addirittura l'emancipazione della
botanica sistematica, come scienza distinta, dello studio pratico, farmacologico e tecnico,
dei Semplici. La larga diffusione delle descrizioni illustrate provoca infatti una pi intensa
ricerca delle specie descritte dai classici e contemporaneamente la codificazione di quelle
entrate in uso nel corso del Medioevo, per suggerimento dell'esperienza popolare, o
importate per le loro qualit medicinali riconosciute dalle popolazioni del luogo d'origine,
con le guerre, con i commerci e con i viaggi, a partire dal secolo XIV, si erano spinti verso
mete pi lontane, facendo conoscere nuovi prodotti dopo ogni spedizione.
Inoltre si va constatando la presenza di specie congeneri a quelle usate a scopo medicinale
sino all'antichit classica, che vegetano in Paesi diversi da quelli di provenienza dei Semplici
noti, e la conseguente opportunit di sperimentare l'efficacia terapeutica di quelle forme
affini appena conosciute.
Poco durevole, ma efficace per le conseguenze che comporta sul piano illustrativo,
la particolare raccolta di figure botaniche conosciute come "Ectypa plantarum", ottenute
premendo le piante sulla carta o su altro materiale, dopo averle cosparse di nerofumo. Esse
lasciano cos sulla materia adoperata l'esatta impronta del fusto, del fiore, delle foglie e
delle nervature. Tale procedimento impressorio, che testimonia lesigenza della botanica di
aderire sempre pi alla realt, sostituendo anche la tecnica dellesecuzione a mano libera
usata tra la fine del Quattrocento ed i primi decenni del Cinquecento, porter un grande
rinnovamento nella tecnica incisoria, precedendo, affinando e favorendo la rappresentazione
xilografica che si basa sul medesimo principio. Lo stesso Aldrovandi, anche quando gli
erbari secchi avranno soppiantato quelli ad impressione, si servir ancora di quella tecnica,
tanto che fra i suoi manoscritti, ed in particolare nel Ms. Aldrovandiano 136 della Biblioteca
Universitaria di Bologna, ritroviamo la procedura per ottenere "l'impronta diretta", appresa
dallo speziale fiorentino Romolo Rosselli.
Tale procedimento al tempo stesso, si avvicina molto, per realismo, alle raccolte di
piante secche che, dando origine a nuovo metodo di studiare la botanica, porr in essere
25

lhortus siccus, lhortus vivus o lhortus hyemalis nel quale le piante disseccate,
complete di radici, fusto, foglie, rami e fiori per le piante erbacee, foglie, rami e fiori per
le piante arbustive, verranno ordinate in base ad un determinato criterio di classificazione
indispensabile per lo studio sistematico della botanica, affermando un nuovo modo di
concepire questa materia, pur non raggiungendo la chiarezza e la fedelt che si otterr pi
tardi con lo studio effettuabile dal vivo negli orti botanici.
Nellhortus siccus ciascun esemplare verr fissato opportunamente su di un foglio
contraddistinto da una scheda che porter il nome scientifico della pianta, localit e data
della raccolta, natura del terreno, nome del raccoglitore e le altre notizie ritenute utili. I
fogli singoli verranno poi riuniti in fascicoli ordinati in base al sistema di classificazione
adottato.
I sintomi e le ragioni di tale inversione sono da ritrovare nella cultura umanistica che
esorter a studiare le piante non solo sui libri, ma anche direttamente in campagna, nel loro
habitat naturale, prima, nel migliore dei casi, solamente descritto attraverso l'illustrazione.
Ne testimonianza la lettera che l'umanista Pandolfo Collenuccio da Pesaro scriver al
Poliziano inviandogli e invitandolo a visionare due piante secche raccolte nel suo viaggio
in Tirolo, fatto nel 1493, che si trovano descritte e figurate nei libri in maniera poco chiara.
Anche se il Poliziano, risponder che gli studiosi ai quali ha sottoposto la questione non
hanno accolto con entusiasmo questo nuovo modo di fare comunicazione scientifica, come
destino di tutto ci che nuovo, che trova sempre come reazione immediata dei detrattori
attaccati alla tradizione, il nuovo modo di concepire e realizzare gli erbari, anche se ci non
avverr in maniera rettilinea ed uniforme, finir per affiancare ed avere una vita parallela
con il metodo figurativo accompagnato da un testo che lo illustra, seguito per secoli.
Il primo vero erbario secco a noi pervenuto quello offertoci da Luca Ghini, lettore dei
Semplici medicinali, cattedra istituita proprio nel sec. XVI col nome di Lectura Simplicium,
all'Universit di Bologna, dal 1534 al 1544 e di Pisa dal 1544 al 1556. Egli, dopo avere
raccolto diversi erbari che distribuir agli studiosi, nel 1543, unitamente al suo allievo
Gherardo Cibo, raccoglier la prima collezione di piante secche a scopo di studio e che
organizzer con metodo scientifico. Il Ghini, maestro di Andrea Cesalpino e di Ulisse
Aldrovandi, insegner per primo ai numerosi allievi che affluiscono anche dall'estero,
alla sua Scuola, a conservare "per disseccamento" le piante medicinali coltivate nell'Orto
botanico di Pisa da lui istituito, insieme a quelli di Bologna e di Firenze, ed oggetto delle
sue lezioni. Da alcune lettere scritte da Luca Ghini ad Ulisse Aldrovandi nel dicembre
del 1552 e nell'ottobre del 1553, risulta che quel celebre medico possedeva un erbario,
cospicuo per quei tempi, dal momento che aveva disponibili "300 sorte d'erbe secche"
da spedire allo scolaro prediletto. I Codici aldrovandiani della Biblioteca Universitaria di
Bologna realizzati nel 1554 da Ulisse Aldrovandi in 16 volumi contenenti circa 4760 piante
incollate su 4117 fogli, contengono i Placiti del Ghini, nei quali si puntualizza su alcuni
semplici descritti da Pietro Andrea Mattioli e da altri illustri botanici.
Tale pratica, estesa ben presto anche ai campioni dei Semplici raccolti direttamente in
natura, si diffonder rapidamente in Italia e fuori, nel corso del Cinquecento e, rendendo lo
scambio molto pi facile ed economico rispetto alla stampa, segner un nuovo corso nella
storia degli erbari, determinando una enorme diffusione delle conoscenze botaniche.
Del resto il numero sempre crescente di piante che si andranno raccogliendo in tutta
l'Europa e in seguito delle grandi scoperte geografiche, a partire dal sec. XVI, anche nei
Paesi del Nuovo Mondo, non pu pi trovare un valido riscontro ed essere soddisfatto dai
sistemi di "classificazione a scopo speciale".
26

Inoltre si prospetter la necessit di pervenire con nuovi criteri ad un'identificazione


obiettiva di esemplari della medesima specie, ma di provenienza diversa e con insignificanti
differenze morfologiche che potr portare a considerarle addirittura specie diverse.
L'erbario cos concepito servir dunque a stimolare lo spirito di osservazione degli studenti,
permettendo loro di trarne riflessioni utili sia dal punto di vista della conoscenza, sia da
quello dei rapporti di affinit tra i vari esemplari, le loro caratteristiche, la loro struttura, alla
luce di quelle concezioni di origine aristotelica che gli studiosi, a quel tempo, riporteranno
via via all'attualit.
Il primo libro a stampa di cui abbiamo notizia che tratta argomenti botanici, far la
sua comparsa nel 1470 a Basilea, col titolo di Liber de proprietatibus rerum. Ne autore
il filosofo francescano Bartolomeo Anglico che dedica il libro XVII alla elencazione
descrittiva di un gran numero di piante ed alberi, con l'indicazione delle qualit terapeutiche
di ciascuna di esse.
Poco dopo ad Augusta, nel 1475, apparir la stampa dell'opera di Konrad von
Megenberg, Das Buch der Natur, il libro della natura, composta intorno al 1350. E' un
libro di importanza basilare nella storia della botanica in quanto le illustrazioni xilografiche
di piante in esso contenute non hanno pi soltanto funzione decorativa, ma sono finalizzate
all'accompagnamento e all'esplicazione del testo.
Inizier cos, in particolare in Germania, dove trovano un mercato facile e continuo, una
produzione notevole di erbari a stampa, che si susseguiranno a ritmo sempre pi serrato:
alle prime edizioni delle pi importanti opere di botanica antica e medievale, come il Plinio
del 1469, il Macer Floridus del 1477, il Dioscoride del 1478, l'Alberto Magno anch'esso del
1478, il Teofrasto del 1483, si affiancheranno le stampe dell'Herbarium Apulei Platonici,
nelle edizioni di Roma 1480 e 1483-84, e di Passau 1485 e 1486.
Particolare interesse riveste l'edizione romana dell'Apuleio del 1489, pubblicata da
Giovanni Filippo da Lignamine col titolo di Liber de herbis sive de nominibus ac virtutibus
herbarum, conservato nella Biblioteca di Cassino ed ornato di disegni di piante a penna.
L'opera in un'altra edizione del 1483-84 dedicata a Giuliano della Rovere, tratta da un
manoscritto del X secolo, l'Herbarium cum figuris edito a Magonza da Pietro Schoeffer nel
1484 ed ornato di rozze figure a tratto, riproduce una compilazione delle opere dei principali
farmacologi cristiani ed arabi del Medioevo, con particolare riferimento alle Pandectae di
Matteo Silvatico.
Un discorso a parte merita il Promptuarium medicinae del padovano Giacomo Dondi
pubblicato a Venezia nel 1481, la cui opera composta nel 1355 e cominciata come
Herbolario vulgare ritenuta in un primo momento da Jean Baptista Saint-Lager45, come
matrice dell'Herbario, del Grant Herbier en francoys, dell'Herbolario volgare, e dell'Hortus
sanitatis, rispetto al quale avrebbero costituito delle varianti.
In realt lo stesso autore46, nella sua Recherches sur les Ancien Herbaria ammette che da
un esame approfondito l'opera del Dondi "un catalogo di Semplici classificati sulla base
delle loro virt terapeutiche e che non contiene alcuna descrizione". Seguiranno l'Herbarius
edito anch'esso a Magonza nel 1485, il Tractatus de virtutibus herbarum edito a Vicenza nel
1491, che riproduce la compilazione pi nota in Italia come Aggregator simplicium attribuita
ad Arnaldo di Villanova, ma pi probabilmente dovuta al padovano Giacomo Dondi, edita
ripetutamente sul finire del '400 e, nella sua forma migliore, in questa edizione vicentina;
 J. B. Sain-Lager, Histoire des herbiers, cit.

Lo stesso, Recherches sur les Ancien Herbaria, cit.

27

l'Hortus sanitatis edito a Magonza nel 1491 da Jacob Meydenbach, prima edizione a stampa
di questa opera che conoscer pi edizioni nel corso del secolo successivo, ricchissima di
immagini xilografiche pi o meno rozze, ma efficaci; e il Tractatus de virtutibus herbarum
pubblicato a Venezia nel 1499 ed in varie altre edizioni che chiuderanno la produzione
incunabulistica in materia. E' da sottolineare soprattutto che, come risultato dell'attivissimo
lavoro di revisione e di traduzione eseguito dai nostri umanisti nel corso del secolo XV, si
affermer soprattutto il valore assolutamente predominante del trattato di materia medica di
Dioscoride, sfrondato dalle interpolazioni ed alterazioni operatevi nel Medioevo dagli autori
sia cristiani che musulmani. L'edizione principe del testo greco apparsa a Venezia nel 1499
per i tipi di Aldo Manuzio e le successive edizioni e traduzioni nei commenti di Ermolao
Barbaro, Marcello Virgilio Adriani, Jean Ruel ed altri, prepareranno intanto la comparsa del
famoso commentario di Pietro Andrea Mattioli che, attraverso una sessantina di edizioni
latine, italiane e di traduzioni nelle principali lingue europee, oscurer tutti i precedenti
trattati, ed anche grazie alle eccellenti illustrazioni che corredano le sue principali edizioni,
rappresenter fino alla fine del sec. XVII, uno dei trattati fondamentali, non solo per i
farmacologi, ma anche per i botanici sistematici.
E' certo che in queste stampe, al rigore umanistico che particolarmente attento ai testi
ed alla loro rigorosa interpretazione, si affiancheranno, per esigenza comunicativa, che si
avvale di un linguaggio scientifico non consolidato ed ancora incerto, la forza delle immagini
le quali, attraverso un sistema rappresentativo adeguato, renderanno sufficientemente
comprensibili le ricerche dei naturalisti.

28

Il codice . M. 5. 9 = est. 28 Herbolaire o Grant Herbier


Nel nucleo di codici in lingua francese che la Biblioteca Estense Universitaria conserva,
si segnala, per laffascinante argomento affrontato e per la ricchezza di miniature, il
manoscritto (. M. 5. 9 = Est. 28) contenente un Herbolaire o Grant Herbier. E il titolo
dinsieme che lo individua e che compendia la materia di cui tratta, meglio esplicitata dalla
sia pur breve descrizione contenuta nel catalogo manoscritto redatto da Carlo Ciocchi e da
Antonio Lombardi47, sotto la direzione del bibliotecario gesuita Girolamo Tiraboschi, negli
ultimi anni del Settecento, e ancora in uso per le ricerche sul fondo antico dei manoscritti
della Biblioteca.
Al n. XXVIII dei codici esteri, dopo lattuale collocazione (. M. 5. 9) e quella precedente
pi antica (olim XII. K. 16) si legge infatti:
DE URFE.
Dictionarium Gallicum herbarium cum herbis elegantissime expressis, litterisque
versicoloribus, auroque ut plurimum intextis. In quo herbarium virtutes, atque ut in extremo
opere dicitur secreta salernitana continentur.
Codex membran., in fol, sec.
XIV, (sec. XV), Notazione questultima aggiunta
posteriormente sulla scorta di elementi successivamente acclarati.
A parte due gravi imprecisioni riguardanti, come vedremo, sia lautore che la datazione,
la notizia catalografica sta ad indicare la presenza in Biblioteca, gi alla fine del sec. XVIII,
di tale cimelio, considerato dagli studiosi una pietra miliare e una fonte ineludibile per lo
studio della botanica medicinale, unitamente ad un altro codice estense, il latino 993 (.
L. 9. 28) le cui antiche collocazioni (V. G. 14 e XII. K. 19), in specie lultima, in ordine di
tempo, rivelano la vicinanza, per laffinit della materia trattata, con lest. 28, (XII. K. 16)
negli scaffali della Biblioteca Ducale.
LHerbolaire, pur indicato costantemente come proveniente dallantico fondo estense,
non facilmente identificabile nei pi antichi inventari della Biblioteca, anche se quello
redatto dal maestro di Ludovico Muratori, Benedetto Bacchini nel 169748 sembra rivelare
una verosimile affinit attraverso lindicazione al n. 466: Monsieur dUrf simplicista in
francese, figurato, in 4, pergam..
Il riferimento al DUrf trova riscontro nellannotazione di mano diversa, con grandi
caratteri maiuscoli, che potrebbe essere verosimilmente una nota di possesso posta in
basso sul primo risguardo livre des simples A Mons.r Durfe e ancora pi in basso Il
Semplicista.
Il Bacchini potrebbe avere scambiato il DUrf per lautore o comunque averlo preso
come punto di riferimento, come parola significativa per identificare lerbario.
Quella che finora stata unanimemente ritenuta una seconda nota di possesso riguardante
un altro francese Johan Deboys presente nellultima carta, in basso, dopo lexplicit, ma,
come vedremo, molto probabile che si tratti di una sottoscrizione autografa.
Il periodo preciso in cui il manoscritto perviene ai fondi della Biblioteca non comunque
identificabile, poich n linventario di Niccol III risalente al 1436, n quello di Borso
47 C. Ciocchi-A. Lombardi, Manuscriptorum codicum bibliothecae Atestiae catalogus in quinque partes
tributus, Vol. 2,, ms. in folio, sec. XVIII, Modena, BEU, Cat. 9. 1-2
48 B. Bacchini, Registro de manoscritti della Biblioteca del Ser.mo Sig. Duca di Modena, sec. XVII, (1697)
v. 1, ms., in folio, (originale in ASMO. La copia presente in Biblioteca Estense Universitaria porta la data del
30.12.1756).

29

risalente al 1467, n quello di Ercole I dEste risalente al 1495, n ancora quello di Alfonso
II, del 1598, portano traccia dellHerbolaire. E da sottolineare per che troviamo, anche
se privi di elementi certi, per unidentificazione, un libro signato de sovra Circa instans
e un Tachuino de la sanit in medexema nellinventario di Niccol III e un Tacuynus
sanitatis nellinventario di Borso, al quale Giovanni Cadomosto da Lodi dedica nel 1471
un Libro de componere herbe et fructi ricchissimo di miniature ora conservato a Parigi
tra i manoscritti italiani (M. 1108-1109) della Biblioteca Nazionale di Francia, e infine un
Proprietas herbarum nellinventario di Ercole I.
Nonostante la mancanza di una sostanziosa documentazione, sappiamo per che gli
Estensi nutrivano un vivo interesse sia per la botanica pura e semplice, sia per quella
medicinale rapportata al potere terapeutico delle piante, e gli studi in materia hanno provato
la presenza di un certo numero di giardini dei semplici a Ferrara.
Scrive Kurt Sprengel nel 180749 che il celebre ferrarese Antonio Musa Brasavola, medico
di Alfonso I, duca di Ferrara Herbarium ipse collegit ditissimum. Il fatto che il Brasavola
avesse un giardino botanico comprovato da altri studi pi recenti tra i quali quelli di
Edmondo Brighenti50 tra il 1942 e il 1950 e di Gina Luzzato51 nel 1951.
Lo stesso Brasavola ci d testimonianza dellesistenza di quel giardino in un suo libro
edito nel 153652 a proposito di una promessa fattagli dal duca Alfonso, in virt della quale,
se fosse guarito dalla malattia di cui era afflitto, gli avrebbe decretato un grande giardino
ed avrebbe mandato a suo comodo dei messi con lincarico di portare erbe non esistenti a
Ferrara.
Lo Sprengel53 ricorda che il Duca istitu un Giardino Botanico nellisola del Po
identificabile con il Belvedere e aggiunge Il Duca regal al Brasavola del terreno dove
parimenti fu installato un giardino botanico.
Antonio Frizzi54 nel 1847 ricorda che Antonio Brasavola ebbe un orto di semplici a cui
aggiunse pregio Ercole Duca, col provvederlo di piante esotiche in abbondanza.
Lo stesso Brasavola55 scrive due libri sui semplici e sui preparati galenici. Giova anche
ricordare, a proposito dellinteresse degli Estensi, la composizione in tale periodo di un
catalogo del tutto particolare, un erbario, di autore anonimo, conservato allArchivio di
Stato di Modena, costituito da esemplari di erbe medicinali dissecate e incollate ai fogli, con
una selezione di 182 piante, in sostanza quello che viene definito un Hortus siccus56.
La presenza certa in Biblioteca pu essere invece stabilita attraverso un elemento esterno
del codice, la legatura cosiddetta tiraboschiana eseguita appunto sotto la Direzione di
Girolamo Tiraboschi, nella seconda met del sec. XVIII, a partire dal 1772, data quindi da
considerare post quem, anno in cui il presidente Fabrizi, inviando la relazione sui lavori
 K. Sprengel, Historia rei herbarie, Amsterdam, 1807
50 E. Brighenti, Botanici e studi botanici a Ferrara nella met del secolo XV alla fine del XVI, Ferrara, s. d.
[1942-1950]
51 G. Luzzato, Orti botanici privati, orto botanico e semplicisti allepoca dei duchi dEste a Ferrara, in Atti
dellAccademia delle Scienze di Ferrara, 28 (1951), pp. 101-148
 A. M. Brasavola, Examen omnium simplicium, Lyon, 1536
 K. Sprengel, Op. cit.,
54 A. Frizzi, Memorie per la storia di Ferrara, Ferrara, 1847-48
55 A. M. Brasavola, Examen omnium simplicium, cit.; Lo stesso, Index refertissimus in omnes Galeni libros,
Venezia, 1577
56 ASMO, Erbario Ducale Estense del secolo XVI sul fine. Questo Hortus siccus fu studiato da J. Camus e
da O. Penzig nel loro saggio: Illustrazione del Ducale Erbario Estense conservato nel R. Archivio di Stato in
Modena, Modena, 1885.

30

della biblioteca per il 1771, proponeva, a nome del Tiraboschi, una nuova legatura in
vacchetta dei manoscritti antichi che pel decorso dei tempi si trovano sfasciati o prossimi
a sfasciarsi57. Nel 1775 erano gi rilegati 478 codici, come emerge dalla relazione dello
stesso Fabrizi per lanno 1774.
Con tale epocale rinnovamento al quale andranno incontro le legature dei codici pi
importanti, con evidenti irreparabili perdite per la conservazione degli antichi manufatti, fu
riservato ai manoscritti un trattamento particolare come quello dei fregi in oro sui piatti e
sul dorso, con doppia cornice a secco con motivi che sono tipici del 700.
In merito a tale operazione occorre sottolineare che al contrario di Antonio Lombardi, il
quale segnala che nel 1755 i codici pi prestigiosi furono superbamente rilegati e cos
lesterno ornamento corrisponde assai bene allinterna magnificenza di questi monumenti
della Estense grandezza58, fa tuttavia giustamente e saggiamente rilevare Giuseppe
Fumagalli59 che a quei degnissimi bibliotecari non pass neppure per il capo il pensiero
che tale corrispondenza si sarebbe avuta assai meglio conservando e restaurando le legature
originali! []. Queste preziose e artistiche legature furono completamente distrutte
appunto nel periodo della direzione del Tiraboschi.
Attualmente la robusta legatura in bazzana cartonata dellHerbolaire, elemento esterno
di tale manufatto, chiaramente identificabile in quelloperazione settecentesca, risulta in
buono stato di conservazione, anche se la bazzana rossa iniziale ha assunto una colorazione
pi sbiadita e tende al rosso-bruno, nei due piatti caratterizzati da risguardi a secco e nel
dorso, a causa dei danni provocati nel tempo dalla luce.
Sul dorso i 6 nervi in capra allumata sono ben evidenziati dal rilievo che essi provocano
sulla pelle e dal doppio filetto in oro che incornicia la nervatura stessa.
In alto, in oro, impresso il titolo, rispondente a quello riportato dal catalogo del Ciocchi
e che testimonia ulteriormente come la legatura sia da rapportare alla fine del sec. XVIII:
Dictjonar gallicum Hrbarum (sic).
In basso, sempre impresso in oro, che mostra i segni del tempo, lo stemma estense
inquartato.
Il capitello passante allesterno, sia superiore che inferiore, in filo grezzo e rosato ed
in discrete condizioni.
Lunghiatura dei piatti leggermente consumata per labrasione della pelle dovuta allo
sfregamento sul palchetto.
La controguardia posteriore presenta una tarlatura al piede e allangolo destro.
Passando alla descrizione interna del manoscritto, si nota anzitutto che il supporto
scrittorio costituito da una pergamena ben curata e sottile tanto da creare trasparenze per
le figure miniate poste sia sul recto che sul verso delle singole carte, il che fa pensare ad
unopera approntata per un qualche personaggio e non per mere ragioni di studio.
Il manufatto, contenente il testo dallincipit allexplicit, composto di 170 carte, pi un
foglio di guardia iniziale e uno finale. La numerazione a matita in numeri arabi recente
ed posta sul margine inferiore sinistro del recto di ciascuna carta. Le due carte di guardia
libere sono numerate rispettivamente con un I romano, mentre una seconda carta iniziale
57 ASMO, Carte del Consiglio di Economia, 1772
58 A. Lombardi, Storia della Biblioteca Estense dalla sua origine fino allanno 1847 [proseguita da Carlo
Borghi fino allanno 1869], BEUMo, ms.It.1433=.F.3.10, Sec.XIX, c.24v.
59 G. Fumagalli, Larte della legatura alla corte degli Estensi, a Ferrara e a Modena, dal sec. XV al XIX,
Firenze, 1913, pp. LVII-LVIII

31

risulta con il recto incollato sul piatto interno della legatura anteriore e una seconda carta
finale mostra il verso incollato anchesso sul piatto interno della legatura posteriore.
Le colonne in totale sono 680, quelle composte interamente di testo sono 310, quelle che
portano il testo unitamente a miniature di varia grandezza sono 370.
Sul margine alto della carta incollata sul piatto anteriore posta la pi recente collocazione
a matita alfa. M. 5. 9 (E. 28), mentre al centro, in alto, della carta incollata sul piatto
posteriore posto un cartiglio, lex libris del codice che riporta tre collocazioni: Ms. XI.
B. 20; XII. K. 16; E. 28 alfa. M. 5. 9. Le prime due, a inchiostro, sono cancellate da tratti
di penna, evidentemente per dare spazio e credibilit allultima delle tre.
Sul margine inferiore sinistro del recto della carta di guardia anteriore posto il vecchio
timbro a inchiostro rosso della Biblioteca BE inscritto in un piccolo rettangolo di mm. 170
x 100. Il timbro ripetuto sul margine inferiore destro della prima carta del testo, al centro
del margine inferiore dellultima carta del testo e ancora al centro del margine inferiore del
verso della carta di guardia, che riportano appunti e ricette scritte posteriormente da mano
diversa di quella che ha vergato il codice.
Lo specchio della pagina costituito dalla rigatura a piombo che delimita due colonne,
ciascuna delle quali ha 43 linee sia che riporti un testo pieno, sia che esso sia intervallato da
miniature, sullo sfondo delle quali comunque ben visibile la rigatura, il che testimonia che
il copista procedeva prima di tutto alla rigatura e poi disponeva il testo lasciando lo spazio
per lintervento del miniatore.
La scrittura bastarda con cui il testo vergato, derivata dalla corsiva gotica, con influenza
della cancelleresca italiana, quella usata in Francia nei sec. XV e XVI. I numerosi segni
di abbreviazione che la caratterizzano e la stessa morfologia dei caratteri bastardi rendono
oggettivamente ostica la lettura del testo, e in particolare di quello posto sulle due carte di
guardia, che riportano appunti e ricette scritte posteriormente da mano diversa di quella del
testo del codice.
Il manoscritto riccamente miniato60 come dimostrano le 391 figure delle quali la parte
maggiore, 355, riguarda lillustrazione di piante, fiori, radici con immagini che documentano
il testo, mentre solo 26 riguardano animali o minerali e 10 le scene miniate.
Il codice, privo di frontespizio e pertanto acefalo, ha inizio con lincipit che a c.1r.,
nella colonna di sinistra, con una grande E miniata, recita: En ceste prsente besoigne
cest nostre propos et entencion de traiter des simples mdicines, cio a dire: Nella
presente occorrenza nostro proposito e intenzione trattare delle medicine semplici, per
poi spiegare ed opportuno sapere che la medicina viene definita semplice in quanto essa
come la natura lha prodotta e formata. Dunque una dichiarazione dintenti e un chiarimento
circa la materia oggetto della trattazione che per non fornisce alcuna indicazione circa
lautore del testo o il miniatore, per cui il manoscritto sarebbe da considerare adespoto. C

tuttavia da osservare che dopo lexplicit Et pour viter prolixit, cy est la fin de ce livre,
en quel sont contenus les secrs de Salerne. Explicit
, segue una firma autografa, quella di
Jehan Duboys in grandi caratteri corsivi. Tale elemento farebbe cadere lipotesi avanzata
con una assoluta certezza da Jules Camus, il quale nel 1886 pubblica un corposo saggio
nel quale esamina i rapporti intercorrenti tra i due erbari estensi e il testo del Circa Istans
e del Grant Herbier en Franoys, e, per quanto riguarda lexplicit del manoscritto francese
estense, scrive: Sotto, nel margine, trovasi scritto da mano meno antica, un altro nome di
60 v. sullargomento la trattazione specifica, in questo stesso commentario, sul capitolo riguardante
lillustrazione degli erbari e lesegesi artistica del codice.

32

possessore Jean Deboys61, ipotesi poi avvalorata da tutti coloro che nel sec. XX si sono
interessati ed hanno scritto sul codice E. 28.
Se per partiamo dal presupposto che quella finale una sottoscrizione autografa, come
sembra verosimile, pur divergendo nella forma dai classici colophon presenti in molti
manoscritti, c da pensare che il Duboys sia il copista del codice per il quale non compie
per una mera operazione di copiatura, ma, pur non potendo stabilire con un certo grado
di certezza che egli stesso sia il raccoglitore o lepitomatore del Circa instans o del
Grant Herbier, come dimostrano alcuni accenni allautore presenti via via nel testo,
egli interviene in vari punti con considerazioni personali tendenti ad integrare il testo e
quindi potremo considerarlo un autore con responsabilit di secondo grado rispetto al testo
complessivo. Ne sono esempi probanti le citazioni con integrazioni dellestensore:
Ce livre nen dit point ses vertuz

questo libro

151v., 164r.

lautore del testo orig. lacter qui fist ce livre en mist en pain (modalit terapeutica)

164r.

E altri esempi ci vengono dal frequente richiamo allautore o agli autori:


lautore

lacteur, cest acteur

questo autore

selon ce que cest acteur

lautore

je pleutaire ay veu par exprience - la quelle chose je dy estre possible je loue que
7r., 162v., 170v.

autori

les acteurs, lesles atteurs,


aucuns acteurs, ung acteur

65v., 121v., 127v., 130r., 134v., 136r.


65v., 121v., 127v., 130r.

4v., 10v., 23v., 24v., 30v., 56v., 58r., 85r., 94r.


96v., 97r., 98r., 108v., 114r., 146v., 149r.

autori di medicina

acteurs de mdicine,

gli antichi

les anciens, aucuns anciens ont dit 1v., 46r., 69v., 98v., 110r., 115v., 162v.

97r.

Inoltre la conferma che il testo dellerbario sia una sorta di summa dei saperi in
materia noti allepoca, ci viene da una continua quanto scrupolosa citazione delle fonti
con lesplicitazione dei nomi dei vari maestri che hanno fatto la storia dellerboristeria
medicinale:
Asclepio (Esculapio) ung autre maistre nomm

56v.
Aristotele

selon que dit Aristote; dit Aristote ou livre du rgime des princes 101v.,

164r., 168v.

En dit Aristote que
Avicenna

Avicenne dit

56r.

61 J. Camus, Lopera salernitana, Circa instans ed il testo primitivo del Grant Herbier en Franoys
secondo due codici del sec. XV conservati nella Regia Biblioteca Estense, Modena, 1886, p. 57

33

Constantin

Costantino

Dioscoride

maistre Dyascorides


2v., 10v., 36r., 40v., 41r., 51r., 66v., 123v.,



124r., 124v., 130r., 147r., 154r, 157v.

12v., 24r., 24v., 35r., 51v., 56v, 70v., 72v., 73r.,


77v., 79r., 81r., 81v., 96v., 97v., 100v., 107v., 116v.,
120r., 128r., 128v., 130r., 137r, 137v., 149r., 149v.,
150r., 152r., 156r., 158r., 158v., 161v., 162v., 165v.

les appoticaires font

farmacisti
Galeno

Galien

2v., 13r., 21v., 48v., 51v., 72r., 77r., 91v., 126v.,


128v., 130v., 137r., 147v., 156r., 168r., 169r.

Ypocras, vel deus est (164v.)

Ippocrate

Isacco

Ysaac

38r., 127r.

33r., 33v., 50v., 51v., 79r., 160r., 164v.

13v., 21v., 31v, 50r., 51v., 56r., 78v., 97v., 98v.,


100r., 103r., 120r., 126v., 136r., 137r., 141v., 144v.,
159v., 162v., 170r.

Macer

Macer

maestri vari

les maistres

maestro, il (Macer)

le Maistre dit

medici

les mdicins; aucuns mdicins usent

12v., 14v., 15v., 31r., 46r., 54r., 102r., 107v., 135r.



15r.

62r., 82v., 93r, 164r.

Mitridate

la recepte du Mtridat le grant

Omero

selon que dit Homer, ung maistre qui dit, ung homme appell Mercure la
trouva

92v.

Pietro

ung nomm Pierret

Plinio

sperimentatori vari
Tacuin

moult de saiges

70v.

54r.

20r., 31r.

aucuns exprimenteurs
ung acteur appell Tacuint

160r.

un docteur appell Plinius

sapienti vari

58r., 59v.

Plateaire, maestro di Salerno



Plateaire: ce fut ung maistre de Salerne

34

61v.

159v.

40v.

Salerno: le donne
les femmes de Salerne

Salerno: vari

29v., 35v., 36r., 40v., 95r., 131r., 135r.,135v., 147r.,


149r.

ceulx de Salerne; cy est la fin de ce livre, en quel sont contenus les secrs
de Salerne

136v., 170v.

Sono infine testimonianze della Summa creata dallestensore le citazioni di testi e di


formule:
libri vari

aucuns livres

Antidataria

Antidotaire, Entidotaire

10v., 86v., 110r., 111v., 144v.

Passionare

livre appell Passionare

144v.

precisazioni

choses

preghiere, versi

7r., 149v.

prires, oraisons, vers

166r. (sub Triticum)


25v., 36r., 36v., 54r., 66v., 139r.

Tutti questi elementi, che attribuiscono evidentemente una qualche responsabilit


dellopera a Jehan Duboys, fanno emergere la completa inesattezza dellindicazione
contenuta nel catalogo settecentesco del Bacchini e del Ciocchi che lattribuivano al De
Urfe.
Il Camus nel suo saggio ottocentesco62 segnala infatti che [] le suddette indicazioni
racchiudono alcune inesattezze, che forse costituiscono una delle cause per le quali i due
codici hanno potuto sfuggire alle pazienti e minute indagini fatte dal De Renzi, dal Puccinotti
e da altri nelle biblioteche italiane.
Una di queste inesattezze anche lindicazione del Bacchini e del Ciocchi-Lombardi
circa lepoca in cui il codice fu composto: sec. XIV, datazione evidentemente erronea gi
corretta nel 1833 in un successivo catalogo della Biblioteca Estense63.
Anche se non possibile stabilire una datazione certa tuttavia, partendo dalle osservazioni
del Camus64, che raffronta i due erbari estensi, dal momento che quello latino, il Tractatus
de herbis lat. 983, erroneamente attribuito a Dioscoride, porta nellexplicit la datazione
del 1458, mentre lHerbolaire francese (Est. 28) non datato e meno ricco, sia per quanto
riguarda il contenuto che laspetto iconografico, ipotizzando una derivazione del codice
francese da quello latino, sembra verosimile poter affermare che la stesura dellHerbolaire
sia da collocare in un tempo successivo, sia pure di poco, rispetto al primo, e quindi intorno
al 1470 o poco oltre.
Gli altri studiosi che hanno considerato il problema della datazione dellEst. 28 si sono
fermati alla generica proposta di datazione al sec. XV, mentre, Lucia Tongiorni Tomasi65
mettendo a confronto i due codici estensi, dopo avere osservato che lHerbolaire ascritto
62 Lo stesso, Lopera salernitana Circa instans, cit., p. 55
 Conspectus codicum linguarum exterarum, Cat. mss, 1833
64 Lo stesso, Lopera salernitana Circa instans, cit., pp. 55 e segg.
65 L. Tongiorgi Tomasi, Dalla medicina verde al naturalismo: limmagine botanica e zoologica nei
manoscritti e nei primi testi a stampa sul finire del 400 in: Immagine e natura, Modena, 1984, p. 37

35

nel catalogo di manoscritti estensi erroneamente al secolo precedente, scrive: Il primo


redatto e dipinto nel 1458, infatti frutto della collazione di svariati testi medico-scientifici,
tra cui passi di Avicenna, di Rhazes e di un Circa Instans salernitano, mentre il secondo,
anchesso ascrivibile alla seconda met del XV secolo, dipende in gran parte dal primo, sia
dal punto di vista testuale sia per lapparato iconografico [].
Ma il problema della datazione non lunico che nasce dal confronto dei due cimeli,
a partire dallinteresse derivante dallo studio del Camus che li aveva portati nel 1886 alla
conoscenza e allattenzione della comunit scientifica.
Il Camus aveva ipotizzato, attraverso una dettagliata collazione, che il ms. lat. 993,
descritto nel catalogo settecentesco della Biblioteca Estense sotto il nome di Dioscorides,
ritenuto lautore come Discorides, Tractatus de herbis, cum Platonis, Galieni et Macri
hujusmodi a Barth. Mundsens. Codex membranaceo, cum figuris coloribus depictis, in fol,
saec. XV corredato dallindicazione delle sue antiche collocazioni (V. G. 14) e (XII. K.
19), e che nel suo incipit recita: Circa instans negocium in simplicibus medicinis nostrum
versatur propositum, costituisce la versione pi vicina e originale fino allora nota del Circa
Instans salernitano, e che lHerbolaire ne sia una diretta derivazione di poco posteriore al
1458.
Se percorriamo le vicende del codice francese sotto il determinante aspetto della
conoscenza e quindi degli studi e degli adempimenti che lo hanno riguardato, dal momento
della sua messa a fuoco, confortati anche dalla consultazione dello schedone interno che
accompagna ciascun manoscritto e che aiuta molto spesso a focalizzare le tappe significative
del codice attraverso le annotazioni, compiute di volta in volta, dei nomi di coloro che lo
hanno esaminato, studiato, chiesto il microfilm o la riproduzione fotografica delle miniature,
troviamo dei riscontri interessanti.
Non a caso il primo di quellelenco, proprio Jules Camus professore di Parigi che
per il suo studio dellHerbolaire effettua dal 6 marzo 1886 allottobre del 1888 ben quattro
consultazioni dirette in Biblioteca Estense, facilitate dalla sua presenza a Modena in quanto
professore della R. Scuola Militare di Modena. Al tempo la Biblioteca Estense sta per
trasferirsi nellattuale sede del Palazzo dei Musei, ma i manoscritti sono ancora alloggiati
nel Palazzo Ducale, sede di quella Scuola, e quindi a disposizione per una comoda
consultazione. Sono gli anni in cui lo studioso sta preparando un saggio sui codici francesi
conservati dalla Biblioteca, che infatti vede la luce nel 188966.
In questa pubblicazione, al n. 28 egli annota il codice XII. K. 16 sotto il De Urfe, che
per sottolinea essere uno dei possessori del codice e non lautore, cos come quel Jehan
Duboys che trovasi sullultimo foglio e che il Camus interpreta come unannotazione
con carattere posteriore a quella del manoscritto e non come la firma autografa di chi
sottoscrive lopera. Il codice, egli sostiene, porge la traduzione francese anonima di uno
dei pi importanti libri di medicina nel medioevo il quale era disegnato colle prime parole
del suo prologo Circa instans e che venne attribuito ad un Plateario, medico della scuola
di Salerno, e aggiunge che la Biblioteca Estense possiede di questopera latina una copia
manoscritta riccamente miniata, segnata XII. K. 19, la quale venne eseguita in Francia nel
secolo XV citando a riprova lexplicit di tale codice che dichiara essere stato scritto a
Bourg da un petit Pelous nellanno 145867.
Delle consultazioni del codice latino Tractatus herbarum da parte del Camus, proprio nelle
66 J. Camus, I codici francesi della regia Biblioteca Estense, Modena, 1889
67 Ibidem, cit., pp. 22-23.

36

stesse date del codice francese e con unappendice nel gennaio 1891, esiste la prova nello
schedone che accompagna quel manoscritto, segnalato sotto il nome di Dioscorides.
E da notare che entrambi i manoscritti consultati portano ancora la collocazione XII. K.
16 e XII. K. 19 e non quella con lalfa che sar assegnata da l a poco nella nuova sede del
Palazzo dei Musei.
Dei due codici il Camus si era gi interessato, pubblicando nel 1886 lampio saggio che
li aveva messo a confronto con unanalisi filologica puntuale68.
Jean-Baptiste Saint-Lager69 si era dichiarato daccordo con il Camus, in una ricerca edita
qualche mese dopo, ma nel medesimo anno dellopera del suo contemporaneo.
Frank J. Anderson,70 dopo circa un secolo, contester la tesi del Camus, ma se ancora
rimane incerta e controversa la derivazione del testo del Lat. 993 e di conseguenza dellest.
28, pare incontrovertibile lo stretto legame, pur con le differenze segnalate, tra i due codici
e il loro rapporto di interrelazione appare sotto vari aspetti convincente anche se il loro
approdo alla Biblioteca di Modena avviene in modi diversi, con una notevole discrasia
temporale, attraverso un tanto strano quanto miracoloso riavvicinamento: il Tractatus de
Herbis giunge a Modena attraverso leredit ricevuta dagli Estensi nel 1817 con la Raccolta
Tommaso Obizzi del Catajo, mentre, lHerbolaire appartiene allAntico Fondo Estense dal
quale probabilmente non si mai allontanato segnalando la sua presenza certa, come gi
evidenziato, a partire dalla seconda met del secolo XVIII.
Se ammettiamo il rapporto intercorrente tra i due cimeli, dovremo ancora una volta
considerare quanto sia vago, indeterminabile e imprevedibile il destino delle cose e quindi
anche di quelle cose mobili cui si ascrivono documenti, manoscritti e libri, cio gli strumenti
di studio e di ricerca che danno vita alla nostra Cultura.
Dopo questo notevole interesse di fine Ottocento, per i due codici estensi cala un lungo
silenzio appena interrotto da Domenico Fava, Direttore della Biblioteca Estense negli
anni 20 del secolo XX, che nel suo studio sulla Biblioteca71 li cita rispettivamente come
Dioscoride Tractatus de herbis [Lat. 993 = alfa. L. 9. 28] ed Herbolaire o Grand Herbier
[Estero 28 = alfa. M. 5. 9], senza alcun apporto di novit, se non quello della nuova
collocazione assegnata nella nuova sede, e la segnalazione che il codice Lat. 993 giunse in
Biblioteca con la raccolta dei 328 codici del Cataio dati in eredit ad Ercole III da parte di
Tommaso Obizzi e incorporato nella sezione dei manoscritti della Biblioteca per volere di
Francesco IV nellanno 1817. Il Dioscoride del sec. XV citato dal Fava tra i superbi
documenti di miniatura francesi che facevano parte della Raccolta Obizzi72.
Scorrendo lo schedone dellHerbolaire dobbiamo arrivare allottobre 1949 per trovare
un esame del codice effettuato da Kurt Weismann dellUniversit di Princeton; e ancora un
esame delle miniature dalla Bibliotecaria fiorentina Anna Omodeo nel dicembre 1959.
68 Lo stesso, Lopera salernitana Circa instans, cit, in: Memorie della Regia Accademia di Scienze
Lettere ed Arti in Modena, S.II, v. IV, pp. 49-199. Tale

memoria venne recensita in Romania, XVI (1887),


pp. 589-597; Revue critique dhistoire et de littrature XXII (1888), pp. 349-353; Archiv der Pharmacie,
bd. XXV, Helft 15 (1887); Revue de la Socit franaise de Botanique, v. V (1888), pp. 207-212.
 J.B. Saint-Lager, Recherches sur le Anciens Herbaria, Paris, 1886 dello stesso v. anche Histoires des
Herbiers, Paris, 1885.
 F. J. Anderson, An illustrated history of herbals, New York, 1977, pp. 100-105.
71 D. Fava, La Biblioteca Estense nel suo sviluppo storico, Modena, 1925, p. 275 n. 101 e 102. Per la fonte
v.: ASMO, Archivio Ducale Segreto, 1796-1803, B. 30, Recapiti riguardanti leredit Obizzi, inventario degli
effetti riguardanti leredit Obizzi. Sui rapporti degli Obizzi con gli Estensi, v. Gli Estensi e il Catajo, Milano,
2007.
72 Ibidem, cit., p. 206

37

Intanto qualche anno prima, nel 1950, in un suo saggio, Otto Pcht73, mettendo in dubbio
a distanza di pi di 60 anni, la tesi del Camus, avanza la tesi che il manoscritto estense 993
sia derivato non dal Circa istans ma circa centocinquanta anni dopo la sua composizione,
dal mss. Egerton 747 con testo latino, dellinizio del sec. XIV, conservato alla British
Library, il pi precoce testo della famiglia salernitana corredato da illustrazioni che lo
studioso riconduce, basandosi sullo stile delle bordature e delle miniature, con il consenso
successivo di Bernhard Deghenhart e Annegrit Schmitt74, alla prima met del Trecento,
in area meridionale, e pi precisamente al centro di Salerno, sensibile allinfluenza araba,
il cui ruolo risulta fondamentale per gli studi medici, diffusi come Secreta salernitana o
Circa Instans.
Continuando ancora lesame delle consultazioni effettuate, segue ancora una collezione
delle miniature e una richiesta di microfilm effettuati nel luglio 1963 e nellaprile 1964 da
Felix Bauman dellUniversit Statale di Zurigo.
Nel 1965 viene registrato il prestito del microfilm positivo alla Biblioteca Nazionale di
Berna.
Una riproduzione in microfilm viene effettuata nel maggio 1973 dallo Studio Fotografico
Orlandini di Modena su richiesta di Luisa Cogliati Arano75 tramite la Casa Editrice Electa
di Milano. E proprio questa Casa editrice che in quellanno pubblica il secondo volume
dellopera sui manoscritti miniati della Biblioteca Estense curata da Domenico Fava e da
Mario Salmi con lintervento di Emma Pirani che ha ripreso e completato lo studio dopo la
morte del Fava, includendo ed esaminando sia il codice francese (est. 28) che quello latino
(lat. 993)76, ma senza apporti degni di novit.
Unaltra riproduzione in microfilm viene richiesta nellaprile 1975 dalla Bibliotheque
Royale Albert I di Bruxelles, e alcuni fotocolor di diversa carta vengono eseguiti a scopo
editoriale nel 1976 e nel 1977 per conto dellIstituto Geografico De Agostini di Novara.
Nel settembre 1979 Zoltn Kdr dellUniversit di Budapest, esamina il codice e lo
stesso fa nellottobre 1980 e nel maggio 1981 la bibliotecaria imolese Marina Baruzzi
Montanari la quale richiede il microfilm di alcune carte.
Ancora nellottobre 1981 il docente universitario svizzero Rudolf Bolliger ad esaminare
lHerbolaire a scopo di studio, operazione identica a quella che sar effettuata nel luglio
1983 da Nella Maria Pasquinucci dellUniversit di Pisa.
Sempre nel luglio 1983 e ancora nel settembre 1984 Lucia Tomasi Tongiorgi
dellUniversit di Pisa a compiere un accurato esame del codice. E il momento in cui la
Biblioteca Estense allestisce la mostra Immagine e natura77 e la studiosa che fa parte del
Comitato di coordinamento della manifestazione, partecipa alla pubblicazione e la correda
con alcuni saggi, dei quali uno78 prende anche in considerazione lHerbolaire e il Tractatus
 O. Pcht, Early Italian Nature Studies and the Early Calendar Landscape, in Journal of the Warburg and
Cortauld Institutes, XIII (1950), pp. 13-47.
 B. Degenhart-A. Schmitt, Corpus der italianichen zeichnunghen, Berlin, 1980, II, 2
75 L. Cogliati Arano, Tacuinum sanitatis, Milano, 1979; la stessa, Bestiari e erbari dal manoscritto alla
stampa in: La stampa e la divulgazione delle immagini e degli stili, a cura di H. Zerner, Atti del XXIV
congresso internazionale di Storia dellarte, Bologna, 1979, pp. 17-22
76 D. Fava-M. Salmi, I manoscritti miniati della Biblioteca Estense di Modena, secondo volume, Milano,
1973, pp. 128-142.
77 v. catalogo della mostra: Immagine e natura. Limmagine naturalistica nei codici e libri a stampa delle
Biblioteche Estense e Universitaria. Secoli XV-XVII, Modena, 1984
78 L. Tomasi Tongiorgi, Dalla medicina verde al naturalismo: limmagine botanica e zoologica nei
manoscritti e nei primi testi a stampa sul finire del 400 in: Immagine e natura, cit., pp. 33-52

38

de Herbis soprattutto dal punto di vista iconografico e ne propone due relative schede.
Pare giusto ricordare che qualche anno prima, nel 1977, con lavanzare delle conoscenze
e degli studi, ancora una volta il Camus, come gi accennato, viene messo in discussione da
Frank J. Anderson79, il quale sostiene, con una serie di prove convincenti, che il ms. latino
993 non la versione originale del Circa Instans.
La Biblioteca Estense, nel tratteggiare la sua storia e quella dei suoi fondi in una
pubblicazione edita nel 1987 dalleditore Nardini di Firenze, nella collana riguardante
Le grandi biblioteche dItalia, ha incluso due brevi schede riguardanti lHerbolaire e il
Tractatus de Herbis80.
La notoriet dellHerbolaire e del Tractatus herbarum, come conseguenza diretta
degli studi compiuti, portano i due codici in prestito per lesposizione della mostra La
scuola medica Salernitana, manoscritti, storia e immagini tra XI e XII secolo, Salerno,
7.10.1988-8.12.198881.
Le altre consultazioni che, scorrendo lo schedone dellEst. 28, troviamo registrate,
evidenziano la notoriet ormai acclarata del codice, ma non la presenza comunque finalizzata
a pubblicazioni degne di nota, ma si pu notare che il codice viene consultato da persone di
varia cultura ed estrazione che vanno dai botanici, ai farmacisti, agli storici dellarte, agli
estetisti, agli studenti, quasi sempre con la richiesta di riproduzione di immagini destinate
a soddisfare i rispettivi interessi.
Linteresse suscitato attraverso gli studi e gli approfondimenti sui due grandi cimeli
estensi e, di conseguenza sulla materia, ha portato nel 1994 allorganizzazione a Modena,
presso la Biblioetca Estense Universitaria della mostra In foliis folia. Erbari nelle carte
estensi che ha riscosso un notevole successo, e che stata corredata da unomonima
pubblicazione82 nella quale si dato rilievo anche ai due codici E. 28 e lat. 993, anche
attraverso lampia scheda, Erbari estensi, redatta da Paola Di Pietro.
Continuando nellesame interno del codice, come appare chiaramente dal prospetto che
riporta la fascicolazione delle 170 carte complessive dellHerbolaire,
Fasc.1 quaderno (cc.1-8)
Fasc.2 quaderno (cc.9-14)
Fasc.3 quaderno (cc.15-22)
Fasc.4 quaderno (cc.23-30)
Fasc.5 quaderno (cc.31-38)
Fasc.6 quaderno (cc.39-46)
Fasc.7 ternione (cc.47-52) [ma binione per asportazione di un bifoglio confermato dalla
lacuna del testo tra le cc.49 e 50]
Fasc.8 quaderno (cc.53-60)
Fasc.9 quaderno (cc.61-68)
Fasc.10 ternione (cc.69-74)
Fasc.11 quaderno (cc.75-82)
Fasc.12 ternione (cc.83-88)
 F. J. Anderson, An illustrated History of the Herbals, cit.
80 E. Milano, Biblioteca Estense Modena, Firenze 1987, pp. 98-99
81 La Scuola medica salernitana: storia, immagini, manoscritti dall'XI al XIII secolo, a cura di Maria Pasca,
Salerno, 1987.
82 E. Milano, In foliis folia. Erbari nelle carte estensi, Modena, 1994, pp. 62-64 e 75-88

39

Fasc.13 quaderno (cc.89-96)


Fasc.14 quaderno (cc.97-104)
Fasc.15 ternione (cc.105-110)
Fasc.16 quaderno (cc.111-118)
Fasc.17 quaderno (cc.119-126)
Fasc.18 quaderno (cc.127-134)
Fasc.19 quaderno (cc.135-142)
Fasc.20 quaderno (cc.143-150)
Fasc.21 ternione (cc.151-156)
Fasc.22 quaderno (cc.157-164)
Fasc.23 ternione (cc.165-170)
il manufatto composto da 17 quaderni o quaternioni e da 6 ternioni, pi due bifogli, uno
iniziale e uno finale che costituiscono la controguardia e la guardia e, come gi segnalato
a suo tempo dal Camus,83 sfortunatamente questo codice manca di una decina di fogli, i
quali furono strappati isolatamente in diversi luoghi, prima della legatura.
Infatti dallesame puntuale delle carte del testo84 risultano purtroppo delle lacune testuali
dovute alla criminale asportazione di alcune carte del codice, avvenute in tempi remoti,
probabilmente durante la peregrinazione dei manoscritti estensi seguita alla devoluzione di
Ferrara del 1598, e alla conseguente venuta a Modena dove non avevano un alloggio unico
e sicuro, e comunque prima della legatura effettuata ai tempi del Tiraboschi. Infatti, dopo
quella legatura, non risultano elementi che possono giustificare unasportazione, come
lallentamento della cucitura o tracce di pergamena strappata. La numerazione delle carte e
matita infatti avvenuta sul manoscritto cos come si presenta attualmente.
Le interruzioni sono evidenti:
dopo c.49v.:
courges sauvaiges, la quelle huile est faite de huille de courge qui est appell sividis [c.50r.]
[..d] escripte ne souffist soit double. En

fivres trs agues soit donne celle (Manca il


seguito del testo tra la parte finale di catapucia e la parte iniziale di courge)
dopo c.85v.:
purgier, principalment le fleume et puis aprs le humeur colrique et le humeur [c.86r.]
[..] jus gett dedens le trou de la fistule y fait aide merveilleuse et la netye (Manca
il seguito del testo, relativo ai capitoli golgemma e glesie, elenco della lettera H e
probabile inizio di capitolo).
dopo c.153v.:

83 J. Camus, Lopera salernitana Circa Instans, cit., p. 57


84 Ricognizione effettuata di concerto con il Dott. Giuseppe Trenti che ha effettuato la trascrizione del testo
riportata in questo stesso commentario, con la Dott.ssa Milena Ricci, responsabile della tutela presso la
Biblioteca Estense Universitaria, e sentito il Sig. Pierangelo Faggioli incaricato della rilegatura del codice
successivamente alla sua riproduzione fotografica finalizzata alla produzione del facsimile.

40

Spodium cest os de lphant brul. Il est froit ou second dgr et sec ou tiers. Le lphant
[c.154r.] [..].
Ial armoniac est chault et sec ou quart dgr. Len lappelle armoniac pour ce quil
(Manca il seguito del testo relativo ai capitoli da stanium a saxifrage)
dopo c.167:
mis sus. Item, pour oster verrues ou poreaux soient les mains laves de leaue des feules:
dient aucunns que cest [c.168r.] [..].
Uva, grape [..] nourrist encore mieulx.
Ceste grappe meure est compose (Manca il seguito del testo, relativo ai capitoli da
viticelle a vilulidis e prima parte di uva).
La certezza di tale asportazione si ha confrontando la fascicolazione laddove si pu
rilevare che, proprio in corrispondenza delle lacune testuali dovute ad asportazione di
qualche carta, si hanno dei ternioni rispetto ai quaternioni che caratterizzano limpostazione
della materia scrittoria in fascicoli di quattro fogli di pergamena e quindi di 8 carte.
Il testo del ms. est. 28 distribuito nelle 680 colonne complessive che lo compongono,
organizzato, cos come quello del lat. 993, secondo la lettera iniziale della pianta, senza
tenere ovviamente conto del De che, quasi sempre, introduce le varie piante nellelenco
generale che precede lillustrazione analitica anticipata da unillustrazione e che, per quanto
riguarda i vegetali, fornisce il termine latino, la descrizione botanica, lhabitat di origine,
lambiente e luso rapportato ai principi attivi di ciascun vegetale e alle sue propriet
chimiche.
Tutti i nomi sono organizzati in sequenza nei cosiddetti capitoli, denominazione che
deriva dal termine usato nello stesso codice (v. chappitre c.44v.), nel quale per lordine
alfabetico non mantenuto nel loro interno85.
I capitoli che illustrano le singole piante, i minerali e gli animali, sono 405 rispetto ai
480 del lat. 993, e sono preceduti da raggruppamenti, in tutto 17, rispondenti ad altrettante
lettere dalla A alla Z. Manca la lettera Q per lassenza di piante con tali iniziali, mentre per
la lettera Z, iniziale con la quale sono presenti 4 piante, manca lelenco. Le lettere I, J, Y,
sono raggruppate in un unico elenco, cos come le lettere U e V.
Manca lelenco della lettera H a causa delle lacune testuali sopra evidenziate.
La sequenza delle piante la seguente:
AVVERTENZE:

Le carte contrassegnate da un asterisco si riferiscono a minerali o a materiali o
sostanze similari, comunque diverse dalle piante (n. 35)

Le carte contrassegnate da un tondo si riferiscono a figure di animali (n. 7)

I nomi delle piante, ordinati secondo la loro sequenza nelle varie carte, sono

85 Lordine alfabetico strettamente osservato nella sezione curata da Roberta Baroni con lesame botanico
e chimico specifico dei singoli vegetali, ivi compresi quelli menzionati nel testo, ma che non hanno
unillustrazione a corredo. V. tale sezione in questo stesso facsimile.

41

indicati con la loro traduzione o individuazione italiana, tranne i casi in cui non stato
possibile procedere alla relativa identificazione botanica.


I numeri romani che accompagnano le carte indicano le colonne presenti nel
recto e nel verso delle carte.

c.1v. II

Pianta di aloe (aloen; aloe vera, barbadensis)

c.3r. I

Raccolta dellaloe (ling aloen) da parte di un uomo che con una rete cattura
i piccoli tronchi trasportati dalle acque di un fiume

c.3v. II

Raccolta delloro (or; aurum) da parte di un uomo che con un piccone scava
la roccia e ne stacca delle pepite

c.4r. II

Coppa contenente argento vivo (argent vil)

c.4v. II

Pianta di asaro (ase puante; asarum baccara, asarum europaeum)

c.5r. II

Alberello di vitice (agno casto, agnus castus, vitex agnus castus) con piccole
bacche marroni

c.5v. II

Raccolta dellallume da parte di un uomo che con un piccone spacca una


roccia.

c.6r. II

Pianta di sedano (ache; apium graveolens) con fiorellini gialli

c.7r. II

Pianta di sedano palustre (ache ranin; apium raninum) con fiorellini gialli
a mazzetti

c.7v. I
c.7v. II

Piante di sedano emorroidario o sardonia (ache des morroides; apium


emorroydarum) con fiorellini gialli

c.8r. I

* Amido (amidum) a pezzetti entro un cesto

c.8r. II

* Raccolta dellantimonio (antinonium) da parte di un uomo che scava una


roccia con un piccone

c.8v. I

Alberello di acacia (acacia sspp.) con piccole bacche viola scuro

c.9r. I

Pianta di agarica (agaricus, polyporus officinalis) con funghi che crescono


dalle sue radici

c.9v. I

Pianticella di aneto (anet; anethum graveolens) con fiorellini gialli a


mazzetti

c.10r. I

Pianta di asfodelo (affrodillum; asfhodelus albus) con grosse radici


bulbose

42

c.10r. II

Due pianticelle di aglio (ail; allium sativum) di cui una fiorita

c.11r. I

Pianta di acoro (calamus aromatique; acorus calamus) con grossa radice a


rizoma

c.11v. II * Due pezzi di ammoniaca (armoniac)


c.12r. I

Pianticella di anice (anis; pimpinella anisum) con fiorellini gialli a


mazzetti

c.12r. II

Pianticella di assenzio (alvisne; artemisia absinthium) con fiorellini gialli


a grappolo

c.13r. I

Pianta di anacardio (anacardi; anacardium occidentalis)

c.13r. II

Albero di mandorlo dolce (amandes dolci; prunus dulcis) con drupe


marroni

c.13v. II

Albero di mandorlo amaro (amandes amres; prunus dulcis) con drupe

c.14r. II

Pianticella di aristolochia clematide (aristolgia; aristolochia clematis) con


fiorellini giallo pallido

c.14v. I

Pianticella di aristolochia lunga (aristolge; aristolochia longa) con


fiorellini gialli

c.14v. I-

Capodoglio dal cui stomaco si estraeva lambra grigia

II
c.15r. II

Pianta di artemisia (armoise; arthemisia)

c.16r. II/1

Pianta di assenzio (Alvisne, artemisia absinthium) con fiori color arancio di


forma sferica

c.16r. II/2

Pianticella di assenzio selvatico (artemisia vulgaris) con fiorellini giallo


pallido

c.16v.
c.17r. II

* Aceto (vinaigre) entro unanfora con anse


Pianticella di alcanna (alcanna tinctoria)

c.17v. II * Estrazione delloro (auri pigmentum) da parte di un uomo che con una
zappa attacca una roccia e ne ricava piccole pepite
c.18r. II * Due pezzi di asfalto o bitume (asphaltum seu bitumen)
c.18v. II

Pianticella di acanto (acantum o branca ursina; acanthus mollis) con


fiorellini gialli a grappolo

c.19r. I

Pianticella di adianto (adyanthos)

43

c.19v. I

Pianticella di agrimonia (aigrimonnie, acrimonia eupatoria)

c.20r. I

Pianticella fiorita di ambrosia (apollinaire; o erba vaccina) con boccioli di


fiori rosa

c.20r. II

Pianticella di altea (althaea officinalis) con boccioli verdi chiusi

c.20v. II/1

Pianticella di asfodelo (affrodillum; asphodelus albus)

c.20v. II/2

Pianticella di ambrosia (apollinaire; ambrosia sspp) con fiori verdi


palmati

c.21r. I

Pianticella di asaro (asara baccara;asarum europaeum)

c.21v. I

Pianticella di atreplice (arroche, atriplex; atriplex hortense)

c.21v. II

Pianticella fiorita di rosa selvatica o rosa canina (anthera) con fiori rossi,
gialli al centro

c.22r. I

Pianticella di aconito anthora (aconitum anthora)

c.22r. II

Due pianticelle di avena (avena sativa)

c.22v. I

Pianticella di ameo (ameos, sison amemum) con fiorellini gialli a raggiera

c.23r. I/1

Pianticella di Cardamomo verde (cardamomum, elettaria cardamomum)


con infiorescenza a grappolo

c.23r. I/2

Pianticella di alleluia o pandicuculo (alleluya, acitosella, oseille oxalis,


acetosella) con grossa radice a zizoma

c.23r. II

Pianticella di acetosa (oxalis pes-caprae) con fiore rosso su stelo centrale

c.23v. I

Pianta di nocciolo avellana (corylus avellana) con frutto nocciola

c.25r. II * Raccolta del bolo (bolus) da parte di un uomo che scava il terreno con una
vanga
c.25v. II

Pianta di melograno (mala granata; punica granatum) con fiori rossi a


campanula

c.26r. II

Pianticella di borragine (borraches, borago officinalis) con fiorellini viola

c.26v. II

Pianta di bancia (pavaie) con fiorellini gialli a mazzetti

c.27r. I
c.27v. I

44

* Borace (borax) attaccato al fusto di un alberello


Pianticella di erba betanica (stachys officinalis) con fiori rosei-porporini

c.29r. II * Gomma di bernix, che essuda da una pianta


c.29v. I

Pianticella di acanto o branca ursina (acanthus mollis)

c.29v. II

Alberello di berberi o crespino con fiori rossi a campanula

c.30r. I

* Tre conchiglie (belliculi marini)

c.30r. II

Pianta di bistorta (polygonum bistorta) con grosse radici marrone scuro e


fiori chiusi di colore verde

c.30v. I

Pianta di cotone bombax con fiori rosa non ancora schiusi.

c.30v. II

Pianta di buglossa o lingua di bue (buglosse) con fiorellini violacei

c.31r. I

* Burro (butirum, beurre) entro un vaso con manico

c.31v. II

Pianta di verbena (berbena verbena officinalis) con fiorellini viola a


campanula

c.32v. I

Pianta di britannica (britanica herba) Romice acquatico o erba britannica


(brionia critica)

c.32v. II

Pianta di borsa del pastore (borse a pasteur, capsella bursa pastoris)


Romice acquatico

c.33r. I

Pianticella di brionia britannica o vitalba (Brionie Bryonia cretica) con


bacche rosse e grossa radice

c.33v. II

Pianticella di bdegar o spinalba con bacche rosse

c.34r. II

Pianticelle fiorita di bardana maggiore (bardana lapaceola, arctium lappa)


con piccoli fiori verdi spinosi

c.34v. I

Pianta di bosso (buxus)

c.34v. II

Pianta di pungitopo (brusc, ruscus aculeatus) con bacche rosse

c.35r. I

Pianta di bieta (bleta, beta vulgaris)

c.35r. II * Quattro corni ossei (blarte bisancie) tratti dall occhio di un pesce che
somiglia al miace
c.35v. II

Tre pianticelle di ciclamino (ciclamen; cyclamen hederifolium) con grossi


tuberi come radici

c.36r. II * Due pezzi di canfora (cainfre; cinnamomum camphora)


c.37r. I

Albero di coloquintide (colloquintide) con frutti peponodi violacei

45

c.37v. II

Pianta da cassia (cassia fistula) con frutti leguminosi pendenti

c.38r. II

Tre pianticelle di cuscuta (couscuede, cuscuta europaea) con fiorellini viola


e gialli

c.38v. I

Pianta di cardamono verde (cardamonum, elettaria cardamonum) con


bacche verdi

c.39r. I

Cerusa (ceruse) o fior di piombo entro un sacco

c.39v. I

Pianta di cappero (cappare; capparis spinosa)

c.40r. II

Pianticella di calamento (calament; calamintha nepeta)

c.40v..II

Pianticella di centaurea (centoire, centaurea cyanus)

c.41v. I

Pianta di cassia lignea (cinnamomum zeylanicum, xilocassia, cinnamomum


cassia)

c.42r. I

Castoro dorato con coda a forma di pesce

c.43r. I

Pianta di pepe (cubbe) con frutto

c.43r. II

Due pianticelle di capelvenere (capilli Veneris, adiantum capillusVeneris)

c.43v. I

Pianta di cipresso (cipres, cipressus sempervirens) con bacche

c.44v. I

Due pianticelle di camedrio (camedreos; teucrium chamaedrys) con


fiorellini rossi non dischiusi

c.45r. I

Pianticella di ajuga artritica (ajuga camaepitheos) con fiorellini azzurri

c.45v. I

Pianticella di cumino dei prati (carvi, carum carvi)

c.45v. II

Pianta di cumino romano (comnin cuminum cyminum) con fiorellini giallo


arancio

c.46r. II

Pianta di cicuta (conium maculatum) con fiorellini giallo-verde

c.46v. II

Pianticella di croco (crocus, saffran, crocus sativus) con grande radice e


fiori azzurri con stami rossi

c.47r. II

Pianticella di zafferano da giardino o croco (crocus ortensis) con fiori dai


petali rossi

c.47v. I

Tre pianticelle di cuperus (cyperus) con fiori a stelle rosso bruno

46

c.48r. I

Pianticelle di acoro (calamus aromatique; acorus calamus) con grandissima


radice a rizoma

c.48v. I * Ramo di corallo rosso (corail; corallus)


c.49r. II

Pianticella di catapuzia (catapucia; euphorbia lathyris; ricinus communis)

c.50v. I

Pianticella di cetriolo (cocumeres, citrules, cucumis satives)

c.50v. II

Pianta di arancio citrules con frutti gialli

c.51r. I

Pianticella di calidonia (clidonies; chelidonium majus)

c.51v. I

Pianticella di coriandolo (coriandre, coriandrum sativum) con fiorellini


gialli a mazzetti

c.52r. I

Pianticella di cavolo (caules choux; brassica)

c.52r. II * Due pezzi di calce (chaux, calx)


c.52v. I

Pianticella di cerfoglio (cerfueil, anthriseus cerefolium)

c.53r. I

Pianticella di canapa (chanvre, cannabis sativa) con piccole bacche


bianche

c.53r. II

Pianta di cameleonta bianca (camlonte, cameleonta alba) con fiori rosso


violaceo

c.53v. I

Pianta camomilla o camaleunta nera (camaleunta nigra) con fiori dagli


stami rossi

c.53v. II

Due pianticelle di camomilla romana (camomille; chamaemolum nobile)


con fiorellini bianchi e corallo arancio

c.54v. I

Pianticelle di ceci (chiches, eiur arietinum) con frutti pendenti

c.55v. I

Albero di castagno (castanee, castaignes; castanea sativa) con ricci

c.56r. I

Pianticella di cotula fetida (anthemis cotula) con fiorellini bianchi e corolla


gialla
Pianticella di cotiledone o ombelico di Venere (cotilidon; cotyledon,
umbilicus Veneris)

c.56r. II
c.56v. I

Bulbo di cipolla (ougnon ou cibole; allium cepa) germinato con foglie


lanceolate

c.57v. I

Pianticella di cornucunia (culcasia mannii)

47

c.57v. II

Pianta di canna (canelle cinnamomum) con grande radice a rizoma, v.


anche: zucchero (zuccara)

c.58r. II

Pianta di calendula (soucicle;calendula officinalis) con grandi fiori gialli

c.58v. I

Pianticella di ceterac o anice (pimpinella anisum)

c.58v. II

Pianta di candelaria (candelire) con grandi radici bulbose e fiorellini di


colore blu intenso

c.59r. I

Pianta di consolida maggiore (consolida maior; symphytum officinale) con


fiori rosa

c.59r. II/1

Pianticella di consolida media (ajuga pyramidalis; consolida regalis)

c.59r. II/2

Pianticella di consolida minore (consolida minor)

c.59v. I

Pianta di cotonaria (lychis coronaria)

c.60r. I

Pianticella di celidonia maschio (clidonie; chelidonium majus) con


fiorellini gialli a mazzetto

c.60r. II

Albero di ciliegia cerasa con frutti (prunus avium)

c.60v. II

Pianta di capruggine (capragine; galega officinalis) con fiorellini viola

c.61r. I

Pianticella di caprifoglio (caprifolium; lonicera caprifolium) con grandi


fiori bianco giallastri

c.61r. II

Pianta di dyagredium o barba volpina (dyagrde)

c.62v. I

* Resina di dragagante (dragagant; dragagantum) gomma che stilla dal


tronco di un albero

c.63v. I

Pianta di carota (daucus carota) con fiori dal pistillo rosso

c.64r. I

Tre blocchi di draganto o vetriolo (dragagant)

c.64v. I

Pianticella di dittamo (diptamus; dictamus albus) con fiorellini bianchi

c.65r. I

Pianticella di deronici (potentilla)

c.65r. II

Palma da datteri (datteri; dactili, phoneix dactylifera) con frutti a grandi


grappoli

c.65v. I

Pianta di invidia (envidia) o scarola con fiorellini gialli

c.66r. II

Albero di epitimo (epithime, epithimus) con fusto verde

48

c.66v. II

Pianta di enula (canna) con fiorellini bianchi dalla corolla gialla

c.67r. I

Albero di euforbia esula con gomma gialla stillante dal tronco marrone

c.68r. I

Pianticella di agrimonia (aigrimonnie; acrimonia eupatorica) con grosse


spighe verdi

c.68r. II

Albero di emblica (embliques; emblica officinalis) con bacche brune


allungate

c.68v. I

Erba epatica (epatique trinit; hepatica nobilis) con grandi foglie carnose

c.69r. I

Pianta di cocomero asinino o cocomero selvatico (elactere; ecballium


elaterium) con fiorellini gialli

c.69v. I

Pianta di elleboro (eleboire; helleborus niger) con grandi radici a ombrello

c.70r. II

Pianta con foglie verdi a girandola non identificata dal punto di vista
botanico

c.70v. I

Pianticella di euforbia esula (esula; euphorbia esula)

c.71r. I

Pianticella di erica (tetrahit; erica tetralix)

c.71r. II * Tre pezzetti di ematite


c.71v. II

Pianta di sambuco (sambaucus yebles ebulus; sambucus ebulus) con


fiorellini viola scuro a mazzetti

c.72r. I

Pianta di fumaria (fumus terre; fumaria officinalis) o erba acetina con


fiorellini rossi a grappoli

c.72v. II

Pianta di valeriana fu (valriane; valeriana officinale)

c.73r. I

Pianta di filipendula o erba peperina (spirea ulmaria) con radici bulbose

c.73v. I

Albero di frassino (manna; fraximus excelsior) con funghi alla radice

c.73v. II

Pianta di finocchietto selvatico (foeniculum vulgare) con infiorescenza a


ombrella

c.74r. II

Pianticella di fieno greco (trigonella, foenum-graecum)

c.74v. I

Piantina di felce maschio (files, fouigier mascle) con grande radice

c.75r. I

Piantina di fragola (fragaria, fragaria vesca) con fiori bianchi e frutti


rossi

c.75r. II

Pianta fiorita di fistularia (calendula aegyptiaca) con fiorellini gialli

49

c.75v. I

Albero di fusaggine (fusalo, fusam euonymus europaeus) con fiorellini


rosso scuro

c.75v. II

Piantina di fagioli (faseoli, phaseolus vulgaris) con baccelli

c.76r. I

Piantina di cavolo lupo (faciens vidua)

c.76r. II

Piantina di fava lupina (faba inversa) con piccoli fiori gialli


rotondeggianti

c.76v. I

Pianta di fava grassa (faba grassa, sedum maximum) con grandi radici

c.76v. II

Pianta di fava comune (fabe communes; vicia faba) con fiori bianchi e
violacei e baccelli

c.77v. II

Tre funghi violacei su un prato verde

c.78r. II

Fiorita di ferula (ase puante; ferula assa-fetida) con fiori gialli

c.78v. I

Piantina di felce maschio (files, fougier mascle, dryoptenis filix-mas) (v.


74v. I)

c.78v. II

Albero di fico (ficus carica) con frutti verdi

c.79v. II

Albero di garofano (gariofili, girofle; dianthus caryophyillus) con fiori


violacei

c.80v. I

Pianta di genziana (gentiane, gentiana verna) con grosse radici

c.80v. II

Alberello di galanga (alpinia officinarum) con grande radice

c.81r. II

Alberello di galbano (galbane; ferula galbanifera) con fiori giallo bruno a


ombrella molto simile alla piantina di ferula a c.78r II

c.82v.. I

Piantina di gariofilata o ambretta (gariofil) con fiorellini verdi

c.82v. II

Piantina di garofanina (git) con fiorellini violacei

c.83r. I

Piantina fiorita di migliarino (grnul granum solis) con fiorillini gialli

c.83r. II

Pianta di gallitrico (gallitric; salvia horminum) con fiori verdi a


campanula

c.83v. I

Albero di querciasene (quercus) con ghiande (glans)

c.84r. II

Piantina di ginestra minore (genestelle; genista tinctoria)

c.84v. I

Piantina fiorita di ginestra (geneste) con fiorellini gialli papillonacei

50

c.84v. II

Piantina di gramigna (agropyron repens)

c.85r. II

Pianta di giras con quattro foglie rossicce che spuntano da una grossa radice
rizomatosa

c.86r. I

Piantina fiorita di cardo asinino (camaleonta nigra ; cirsium lanceolatum)

c.86v. I

Piantina di heripillos o herpillo (heripille)

c.86v. II

Piantina di erba acetosa incenso (herbe dancens)

c.87r. I

Piantina di tanaceto (herbe sainte Marie, tanacetum vulgare)

c.87r. II

Piantina di erba artritica (iva artritici; herbe paralisie) con fiorellini verdi
a calice

c.87v. I

Pianta di giusquiamo (jusquiame) con fiori verdi a calice

c.88r. I

Piantina di issopo grande (ysope grande; hypssopus officinalis)

c.88r. II

Piantina di issopo piccolo (ysope petit)

c.88v. II

Pianta di aro (iarno) con grandi fiori rossi

c.89r. II

Pianta di iris (ireos, iris germanica) o giaggiolo con fiori viola

c.89v. II

Pianta di rosa canina con fungo ipoquestidos intorno alle radici e fiorellini
bianchi

c.90r. II

Alberello di ginepro o arterade (jenivre, jenivre) con piccole bacche


brune

c.90v. II

Pianta di iperico (ypericon) o erba di S. Giovanni con fiorellini gialloarancio

c.91r. I

Pianta di issopiro (yppirium isopyrum thalictroides) con grossa radice

c.91r. II

Piantina di vite selvatica o vite agreste (inantes, lambrusce; vitis ssp.)

c.91v. I

Piantina di indaco (indace; isatis tinctoria) con fiorellini gialli a grappolo

c.91v. II

Pianta fiorita di poligono jua (yue; polygonum cuspidatum, chrisanthemum)


con fiorellini giallo arancio

c.92r. II

Pianta di incensaria (pulicaria dysenterica) con fiori gialli semiaperti

c.92v. I

Pianta di ramulea (jerubule) grossa cipolla verde con cinque foglie


lanceolate

51

c.92v. II
c.93r. I

Pianta di inniolum album (iumolum) grossa cipolla bruna con sei foglie
lanceolate

* Ambra gialla che stilla dal tronco di un albero

c.93r. II * Grande pezzo di lapdane (laudane, gomma)


c.94r. I

* Grande pietra di lapislazzolo (pierre de lazur) di colore azzurro venato

c.94v. II

doro
Pianta di giglio (lis; lilium candidum) con fiore e radice a cipolla

c.95v. I

Alberello di lingua di uccello (poligonia) con bacche verdi allungate

c.95v. II

Alberello di linothis o alcantus con infiorescenze verdi

c.96r. II

Pianta di lipacium (doque)

c.97r. II

Pianta di lattuga (laitue)

c.97v. I

Pianta di lattuga selvatica (laitue sauvaige; lactuca virosa)

c.98r. II

Pianta di lupino (lupins; lupinus albus) con baccelli

c.98v. II

Alberello di alloro (laurier, laurus nobilis) con piccole bacche verdi

c.99v. I

Alberello di lentisco (lentiste; pistacia lentiscus)

c.99v. II

Pianta di lenticchie (lentilles; ervum lens)

c.100v. II

Pianta di laureola (laureole) con piccole bacche scure

c.101r. II

Pianta di levisticus (lunesche) o sedano di monte con fiori giallo bruno

c.101v. I * Piccolo pezzo di pietra magnetica (lapis magnetis)di colore azzurro scuro
c.101v. II * Piccoli pezzi di pietra indica (lapis agalpis) di colore grigio e di pietra
lincia (lapis lincis) di colore rosso cupo
c.102r. I * Piccoli pezzi di pietra darmenia di colore grigio; di pietra di spugna
(lapis spangie) di colore rossastro; di lichedemonis (lapis demonis) o pietra
del demonio di colore azzurro scuro
c.102r. II

Piantina di loglio

c.102v. I

Piantina di luppolo (lupule, humulus lupulus) con fiori verdastri

c.102v. II

Pianta fiorita di piede di leone (leucopedion)

52

c.103r. I

Pianta di lattuga selvatica (laitue sauvaige) v. 97 v. I

c.103r. II

Due pianticelle di lino (semence de lin; linum usitatissimum) con fiorellini


viola

c.103v. I

Due pianticelle di linaria (linaire vulgaris) con fiorellini gialli

c.103v. II

Piantine appena germinate di lenticchie (lentilles; ervum lens) v. 99 v. II

c.104r. II

Pianta di lingua di cane (plantago lanceolata; eynoglossum officinale) con


fiorellini rosso violacei e frutti violacei

c.104r. II/2

Pianta di lingua ircina o lingua di becco con fiori rossi chiusi tra le foglie

c.104v. I * Piccoli pezzi di lacca di colore rosso bruno


c.104v. I/2

Pianta di plantago lanceolata o lanceola

c.104v. II

Pianta di lattuga leporina (laitue livre) con fiorellini gialli e seme

c.105r. I

Pianta di lapaccio (lape) con bacche verdi spinose

c.105r. II

Albero di mirto (myrte; myrtus communis) con piccole bacche verde


scuro

c.106r. II

Pianta di meliloto (mellilot; melilotus officinalis)

c.106v. I

Pianta di malva comune (maulve) con fiorellini rosa-violacei

c.107r. I

Pianta di malva visco (maulve sauvaige; malva viscus)

c.107r. II

Pianta di malva domestica (mauve de jardin; malva ortensis) con fiori


rosa-violaceo

c.107v. II * Tre piccoli pezzi di mastice color giallo oro, secreto dai canali resiniferi di
pistacia lentiscus
c.108r. I * Munnia in un sacello per ricordare la polvere di munnia, una specie di
spezia che si trova nelle sepolture dei morti trattati con balsamo e mirra
c.108v. II * Mandragora in forma di donna tra le radici di un piccolo albero di quercia
con ghiande
c.109r. II

Piantine di erba meu o mieu con piccoli fiori a mazzetti giallo arancio
riferibile allassenzio (artemisia abisinthium)

c.109v. I

Alberello di melo cotogno (mala citonia; pommes de coing) con frutti di


colore giallo

53

Alberello di melograno (mala granata; pomme de grenate)

c.110v. I
c.111r. I

Alveare (miel) appoggiato su un tavolo con grosse api svolazzanti per


riferirsi al miele e alle sue propriet

c.112r. I

Alberello di melograno (mala granata; punica granatum) vedi c.110 v. I


ma con frutti dai colori pi caldi.
Alberello di melo malus o melo selvatico con frutti giallo limone

c.112v. I

Pianta di marrubio (marrubium, marrubium vulgare)

c.111v. I

c.113r. I

Due capre muschiate (musc) per ricordare il muschio che si raduna in una
cavit nellinguine dellanimale dove sono presenti speciali ghiandole, per
poi separarsi dallanimale quando maturo. Sul prato si nota questa sostanza
in una specie di palla avvolta dal pelo di tale specie di caprone indiano.

c. 113v. II

Tre frutti di mirabolano, albero che cresce in India (forse prunus


cerasifera)

c.115r. I

Due fiori marroni di macis, scorza che avvolge la noce moscata

c.115r. II * Tre piccoli pezzi di mirra (mirra, mierre) gommoresina ottenuta dalla
pianta Balsamo dendron, praticando incisioni sul fusto
c.115v. II

Piantina di miglio (milet; panicum miliaceum) con spighe mature

c.116r. II

Piantina di maggiorana (maiorana; origanum majorana) entro un vaso

c.116v. I

Pianticella di melissa (mellisse, melissa officinalis)

c.116v. II

Piantina di more con frutti a stadi diversi di maturazione

c.117v. I

Piantina di madreselva (matrisilve; lonicera caprifolium) o caprifoglio

c.117v. II

Piantina di prezzemolo macedonico (macidonie, persil macidonicum)

c.118r. I

Pianta di morso del diavolo (succuse; succisa pratensis)

c.118r. II

Pianta di moscatella (muscata; herbe muscate; adoxa moschatellina) con


fiorellini verdi

c.118v. I

Pianta di moscatella piccola (muscatela petite; salvia sclarea)

c.118v. II

Pianta di millefoglio (millefeuil; achillea millefolium)

c.119r. I

Due muses o mele del paradiso, rotondeggianti e di colore rosato

c.119r. II

Pianta di melanzane (melanges) con grossi frutti giallo-violaceo

54

c.119v. I

Pianta di melone turbich (melons poupons; cucumis melo o popone)

c.120r. II

Pianta di nasturzio (snacions, cresson nasturcium; lepidium sativum)

c.120v. II

Pianta di nasturzio agreste (cresson sauvaige)

c.121r. II

Pianta di nannufero (nnufar; nufar luteum) o ninfea con grossa radice e


fiori giallo arancio

c.121v. I

Alberello di noce moscata (noix muguete; myristica fragrans)

c.122r. I

Alberello di noce delle Indie (noix de Inde; adhatoda vasica) con frutti
molto grandi di colore marrone scuro

c.122r. II

Alberello di noce scia o sciatica (noix sciarce)

c. 123r. I

Albero di noce vomica (noix vomique; strychnos vomica)

c.123r. II

Piantina di noiele con fiorellini verdi a calice

c.123v. II/1 Pianta di narciso (narcisce; narcissu poeticus) con grosso bulbo verde
c.123v. II/2 Alberello di nespolo comune (nesles; nespilus germanica) con frutti di
colore marrone chiaro
c.124r. I

Piantina di basilico (osimum; ocimum basilicum)

c.124v. II

Pianta di oppoponace erba cost (opoponax) con fiori violacei

c.125v. I

Pianta di origano (origane; origanum vulgare)

c.126r. I

Albero di tamarindo (oxisenice) con i frutti

c.127r. I

Cervo dalle lunghe corna accovacciato su un prato per richiamare losso del
cuore di cervo (os du cueur du cerf)

c.127r. II

Seppia per richiamare losso di seppia (os de sche)

c.127v. I * Incenso (olibane) che la resina che si trova sul tronco e sui rami di un
albero che cresce vicino Alessandria
c.128r. I

Albero di olivo (olives; alea europaea) con i frutti

c.129r. I

Pianta di oleandro (olandre olixantrum; nerium oleander)

c.129r. II

Piantina di otriago con foglie verdi palmate e piccoli fiorellini rossi

c.129v. I

Alberello di piretro (pirtre; chrysanthemum cinerariaefolium)

55

c.129v. II

Pianta del pepe cubebe (poivre; piper cubeba) con i frutti Vedi anche c.43r
I

c.130v. I

Pianta di peonia (ponie; paeonia officinalis) con un fiore rosso cupo e


grosse radici

c.130v. II

Piantina di papavero (pavot; papaver) con fiore bianco

c.131r. I

Piantina di papavero nero (pavot)

c.131r. II

Piantina di papavero rosso (pavot) con fiore

c.131v. I

Piantina di finocchio porcino (pencedanum, fenoil a pourceaux; pencedanum


officinalis)
Piantina di prezzemolo (persil; petroselinum sativum) con fiori violacei

c.131v. II
c.132r. I
c.132r. II

Pianta di pulicaria (pollicaire; pulicaria dissenterica) con fiori gialli


semiaperti
Albero con pigne e pinoli (pins pignons)

c.132v. II

Albero di prugno (prunes; pruni, prunus) con frutti maturi di colore rosso
violaceo

c.133r. II

Piantina di psillio (psilium; plantago psillium) con grossi frutti verdi


giallastri

c.133v. II

Pianta di polipodio (polipode; polypodium vulgare) o felce dolce con grossa


radice a rizoma

c.134r. II * Piccola pietra dalla quale scaturisce il petroleum o olio di pietra (oil de
pierre)
c.134v. II

Pianta di parietaria (plaitane) o erba vetriola

c.135r. I

Pianta di porcellana o andragis o cappara

c.135v. I

Pianta di serpillo (serpillum heripillos, polieul, tymus serpillum)

c.135v. II

Albero di pero (poires; pyrus communis) con frutti maturi

c.136r. I

Albero di cedro con i grossi frutti pomi cetrini, cedri (pomme citrine,
citrus medica)

c.136v. I

Tralcio di vite con grappoli di uva nera per richiamare luva passa (passules,
uves passs)

c.136v. II

Alberello di polio (polium; teucrium polium) con frutti verdi

c.137r. II

Piantina di erba plantagine (plantain; plantago maior)

56

c.137v. II

Pianta di erba plantagine minore (plantain petit, lancelle; plantago


minor)

c.138v. I

Piantina di panico (panie panicum ; panicum italicum) con sphige mature

c.138v. II

Piantina di potentilla dronice (penthaphilon ; potentilla reptans) con


fiorellini gialli

c.139r. II

Pianta di poligonia (langue de passeret) con foglioline verdi di forma


allungata

c.139v. I

Pianta di politrico (politac; polytricum) con radice a bulbo e foglie simili


a felci

c.139v. II

Pianta di primula (primerolle; primula veris)

c.140r. I

Pianta di asparago (palacium leporis, palais, au livre; asparagus


officinalis) con bacche rosse e grande radice a rizoma

c.140r. II/1

Pianta di polmonaria (pulmonaire; pulmonaria officinalis) con grandi


foglie verdi maculate di bianco

c.140r. II/2

Pianta di persicaria (persicaire) con fiorellini rossi a grappolo

c.140v. I

Pianta di paracelle o erba basilico con grandi radici gialle squamose

c.140v. II

Pianta di pinpinella (pipemelle) con bacche verdi punteggiate di nero

c.141r. I

Pianta di pelosella (pilloselle) con fiorellini gialli

c.141r. II/1

Pianta di pervinca (provinca, pervence; vinea minor) con fiorellini viola

c.141r. II/2

Pianta di palma christi con fiorellini rosa e radice a forma di mano

c.141v. I

Albero di pesco (peches; prunus persica) con frutti verdi

c.142r. I

Pianta di erba pale con lunghe foglie verdi lanceolate

c.142r. II

Pianta di piede colombino (pi de coulon pes columbinus) con radici a


fittone

c.142v. I

Pianta di porro (poreau; allium porrum) con piccole radici a barbe

c.143r. I

Pianticella di rosa (rose; rosa canina) con fiore rosso

c.144v. II

Pianta di radice o ramolaccio (rafane; armoracia rusticana) con grossa


radice a fittone

57

c.145r. II

Pianta di rabarbaro (reubarbe; rheum palmatum) con grosse radici


trilobate

c.145v. II

Pianta di robbia (rubea; rubia tinctorum)

c.146r. I

Pianta di ruta (rue; ruta graveolens) con fiorellini giallo arancio

c.147r. II

Pianta di rodalde con grandi foglie verdi e stelo centrale

c.147v. I

Tre pianticelle di riso (riz; oryza sativa) con grandi spighe verdi punteggiate
di giallo tenue

c.148r. I

Pianta di robeglia (robellie) con fiorellini rossi

c.148r. II/I

Pianta di rapa selvatica (rapistre) con fiorellini gialli

c.148r. II/2

Pianta di rapa (rave) con grandi foglie verdi e grossa radice a fittone di
colore giallo pallido

c.148v. II

Alberello di spino nardo (spicnard) con foglie verdi trilobate

c.149v. I

Pianta di erba morella o salastro (morelle striginum) con bacche verdi

c.149v. II

Pianta di solastro rustico (morelle, mortelle, alkatienge, solastrum) con


fiori rossi

c.150r. II

Piantina di semprevivo (tojours vive semprevivum; sempervivum tectorum)


con piccola radice a fittone e foglie verdi allungate

c.150v. II * Raccolta dello zolfo (souffre) da parte di un uomo che scava il terreno
roccioso con la zappa
c.151r. II/1

Pianta di silero montano (siseleos o siler montainin) con fiori rosati

c.151r. II/2

Pianta di saponaria (savonnaire; saponaria officinalis) con fiorellini rossi

c.151v.. I * Sangue di drago (sanc de dragon; dracena draco) resina di colore rosso
che stilla dai rami di un albero
c.151v II

Pianta di squinanto o erba di cammello con sottili foglie lanceolate

c.152r. I

Pianta di senape bianca (seneve; sinapis alba) con fiorellini gialli

c.152v. I * Sarcocolla (sarcocole; phoena sarcocolla) resina gialla che si ottiene dal
lattice di un albero esotico, la phoena sarcocolla
c.152v. II

58

Pianta di stecade (sticados citrin; sticados citrinum) o barba di giove,


con fiori giallo-limone

c.153r. I

Pianta di stecade arabica (sticados arabic) con fiorellini rossi

c.153r. II

Pianta di satirio (satyricon; serapias cordigera) o giglio di prato con


fiori rosa

c.153v. I

Pianta di cicoria (sponsa solis) o radicchio di prato con fiorellini azzurri

c.153v. II/1 Pianta di scrofularia (scrophularia; scrophularia canina) con radici bulbose
e piccole foglioline rotonde
c.153v. II/2 Elefante su un prato per richiamare lo spodium cio losso di elefante
bruciato
c.154r. II

Pianta di sisimbro (sisimbrium) con foglioline sfrangiate verde scuro

c.154v. I

Pianta di salvia (sauge; salvia officinalis) con foglie verdi a mazzetto

c.154v. II

Pianta di scaliosa (scabieuse; succisa pratensis) con fiorellini azzurriviolacei

c.155r. II

Pianta di nasturzio (snacions nasturcium) o crescione inglese (cresson;


lepidium sativum) con foglie verdi di varia grandezza, vedi anche c.120r II

c.155v. I

Piantina di serpentina (serpentine) o colubrina o cardo benedetto con


fusto verde e frutto con semi

c.155v. II

Albero di salice (saulx; salix alba) con tronco marrone chiaro

c.156r. I

Pianta di senna (seu) con mazzetti di fiori viola scuro

c.156v. I

Due piantine di scilla (squille) o cipolla nerina con grande radice a bulbo
con barbe

c.157r. II

Alberello di sommaco (sumac) con fiorellini rossi a grappoli

c.157v. I

Pianta di stafisagria (staphizagre; delphinium staphysagria) con bacche


spinose

c.157v. II

Albero di sandalo (sandale, sandres; sandalo, santalum album) con foglie


verdi a girandola

c.158r. II

Pianta di senna (seu) con grandi bacche grigiastre

c.158v. II

Pianticelle di santo reggia (satureja hortensis) con rami a candelabro e


piccole foglioline

c.159r. I

Piantina di sanguinaria (paronychia argentea, geranium sanguineum)


con infiorescenze giallo arancio

59

c.159r. II

Pianta di scolopandria (scolopendre) con grandi foglie allungate striate di


rosso

c.159v. I/1

Pianticella di soldanea (calystegia soldanella) con foglie ovali con una


macula scura al centro

c.159v. I/2

Piantina di spinacio (espinoche spinarchia oleracea) con fiorellini azzurri

c.159v. II

Pianta di sicla o blitin con le larghe foglie venate di giallo

c.160r. I

Pianta di scalogno (scalognium, allium ascolonicum) con grosso bulbo con


barbe

c.160r. II

Pianta di spargula (ruelle; spargula arvensis) con piccoli fiorellini verdi

c.160v. I/1

Pianta di valeriana (silfu, valriane; valeriana officinale) con fiorellini


giallo-arancio

c.160v. I/2

Pianta di sambuco (sambueus ebulus, yebles ebulus) con fiori bianchi a


campanula

c.160v. II

Alberello di spina santa (espine benoite; paliurus spina Christi) con fusto
marrone e foglioline allungate

c.161r. I

Pianta di sebestenio (sebester secacul) con frutti di colore azzurro simili a


prugne

c.161r. II

Quattro pianticelle di salmenca o spigo celtico (salmea, salmea scadens),


rappresentate da grosse spighe brune sotto un albero

c.161v. II/1 Due ramoscelli di sigillo di santa Maria (sigillum sancte, polygonatum)
con fiori bianchi a campanula e grossa radice
c.161v. II/2 Piantina di sorbastella con foglioline sfrangiate
c.162r. I

Alberello di sorbo domestico (sorbes, sorbus domestica) con frutti pendenti


color marrone

c.162v. I

Pianta di sesamo (sisame, sesanum indicum) con spighe formate da grossi


grani di colore giallo

c.163r. II

Alberello di tamerice (tamarist, tamarix gallica) con piccole foglie a


ventaglio

c.163v. I

Piantina di tetrahit con fiorellini rossi

c.163v. II

Due piantine di titimal (anabule; euphorbia elioscopica) con foglie su vari


piani

c.164r. I

Alberello di turbich con grosse radici

60

c.164r. II

Piantina di tapsia (tapse; thapsia garganica) con fiorellini verdi

c.164v. II

Pianta di tapsia barbata (tapsus barbatus, thapsia villosa) con fiorellini


giallo-bruno sullo stelo centrale, circondata da grandi foglie

c.165r. I * Raccolta di trementina (trbentine) da parte di un uomo che con due


mestoli raccoglie in un barile la resina che cola dal tronco di un albero
c.165r. II

Piantina di tribolo marino (chardon marin tribulus marinus) con fiori verdi
semichiusi

c.165v. I

Pianticella di erba trinit con foglie trilobate

c.165v. II

Pianta di tormentilla (potentilla erecta) con fiorellini gialli

c.166r. I

Pianticella di trifoglio (trfle; trifholium) con foglioline trilobate

c.166v. II

Piantina di viole (violette de mars, viola odorata) con fiorellini viola

c.167r. II *

Edificio con finestre ad arco in ognuna delle quali posto un vaso di vetro
per richiamere il vetro (voirre, verre)

c.167v. I

Pianta di verga del pastore (verge pasteur; virga pastoris; dipsacus


fullonum) o cardo selvatico con tre fiori a bulbo spinoso

c.168 v. II

Pianta di clematide (vitalba vitis alba; clematis vitalba) con lungo tralcio
centrale

c.169r. II

Tre pianticelle di zenzero (zizinber; zingiber officinale) poste sopra una


grossa radice a rizoma pluriarticolata

v.169v. II

Due piantine di zedoar con grosse radici gialle con barbe

c.169v. II/2 Tre pianticelle di zizzania (lolium temulentum) con spighe verdi centrali
c.170r. II

Pianta di zucchero (zuccara; saccharum officinarum) con fiori azzurri a


spiga.

Dallesame del testo si rilevano:



a) Alcune correzioni originali che il copista e lestensore ha introdotto nel testo, per
quanto sostanzialmente corretto, dovute a errori di lettura o a ripensamento

c.67r. si corregge pour ce con purge


c.69r. mis ensemble con mis en pouldre
c.72v. toujours con torsion
c.81 bistoire eliminato, viene introdotto pi avanti
c.87v. eliminato celuy o est la doileur
61

c.95r. jours corretto con foiz


c.128r. parfaitement cassato con tratto di penna rossa
c.136v. estomac sostituito erroneamente con poitrine
c.141v. trenchs sostituito con tranchs, garder sostituito con
prendre
c.163r. flairant sostituito con blanche
c.166v. for corretto in froment
c.168r. ripetuto per svista lestomac vuit tant de humeurs comme de autres
viandes


b) Una variante sotto laspetto lessicale

Pouldre (polvere) inizia a c.27r. e finisce a c.117v.


Poudre inizia a c.36v. fino a c.117v. in alternanaza prevalente con pouldre,
poi rimane come forma unica.

c) le parti del corpo che vengono via via menzionate:

pis (mammella)
penillire (pube)
haie du dos (ala della spalla)
boyaux (de haelt, de bas) (intestino alto, intestino basso)
estomac (stomaco)
rate (milza)
foye (fegato)
rains (reni)
cueur (cuore)
poulmon (polmone)
membres du pis (pene)
membres espirituaulx (parti spirituali)
membres nutritifs (parti nutrizionali)
nombril (ombelico)
vessie (vescica)
conduio du corps (condotti del corpo)
conduis de urine (condotti urinari)
gnitaires (genitali)

d) gli strumenti che vengono usati:

62

pessaire (pessario)
clistre (clistere)
suppositoire (supposta)
tente (tenda, padiglione)
emplastre (impiastro)
lectuaire (eletturio)
dcoction (decotto)

e) le malattie e indisposizioni pi ricorrenti, utili a comprendere lo stato delle conoscenze


mediche medievali:

humeurs (colrique, melancolique) (umori; collerici; melanconici)


empeschement de urine (strangurie, dissurrie) impedimento dellurina
strangiria
opilacion de la rate (oppilazione della milza)
opilacion du foye (oppilazione del fegato)
opilacion de la vessie (oppilazione della vescica)
durt de la rate (indurimento della milza)
pilence (epilessia)
tranchoison du ventre (blocco intestinale)
pamoison (svenimento o sincope)
fleurs retenues (verginit)
morsure des bestes venimenses (morso di animali velenosi)
morsure de chien enraig (morso di cane arrabbiato)
chaudes apostumes (ascessi sanguinanti)
flux de ventre (diarrea)
flux de ventre a sanc (diarrea a sangue)
vers du ventre (intorno alla pancia)
vers des oreilles (intorno alle orecchie)
estoupement de voyes (impedimento della voce, perdita della voce)
podagre (podagra)
goute (gotta)
rieume (reuma)
feblesse du cerveau (debolezza del cervello)
feblesse du cueur (debolezza di cuore)
empeschemento de oye (impedimento della vista)
pourriture de gencives (guasto delle gengive)
jaenice (itterizia)
flus de sane du nes (epistassi)
roigne (rogna)
paralisie ou percussion (de la langue, des outres membres) (paralisi o
percussionedella lingua, delle altre parti del corpo)
douleur du ventre appell collique (mal di pancia definita colica)
taches des faces aux fennes (chiazze sul viso delle donne macchie)
ydropisie appele leucofluumonce (idropisia sottocutanea)
teigne (tigna)
douler du ventre appelle passion ylinque (mal di pancia chiamato patimento
iliaco)
verrues on poreaux (verruca o porro)

Per quanto riguarda le erbe e le piante usate delle quali lHerbolaire segnala le singole
propriet curative, scorrendo lelenco, accanto ad alcune meno note, troviamo quelle ancora
in uso nella nostra cucina, come la salvia, la carota, lalloro, il prezzemolo, la cipolla, il
radicchio lo scalogno, il finocchio. Il basilico, il sedano, la carota, il timo, la lattuga, lanice,
la bietola, il rosmarino, la noce moscata, lo zafferano, il cardo, il cavolo, lavena, i capperi,
63

gli asparagi, la camomilla, la scarola, lanice, lerba cipollina, il fagiolo, i ceci, la menta, la
lattuga, le lenticchie, i funghi, il riso, i datteri, il lupino, la maggiorana, lorigano, il porro,
la ruta, lo zafferano, la rapa, il rabarbaro, la cicoria, gli spinaci, i chiodi di garofano, le fave,
i lupini, il pepe, lo zenzero e lo zucchero.
Troviamo anche piante pi che note come il fico, il mandorlo, lolivo, il castagno, il
pesco, lalbero di amarene, il ciliegio, lalbicocco, il nespolo, il melograno, il tamarindo,
il nocciolo, lacacia, la quercia, il cedro, il melo, il ginepro, il melone, il prugno, il sorbo,
il pero, la vite, il cocomero, la fragola, luva. Ma troviamo anche fiori molto noti quali la
rosa, la viola, lanemone, lasfodelo, ledera, il geranio, la margherita, libisco, il ciclamino,
la calendula, il caprifoglio, il garofano, la ginestra, liris, il giglio, il narciso, la peonia, la
clematide, il nasturzio.
Vi sono poi elencati vari minerali o materiali o sostanze similari, quali loro, largento,
lamido, lammoniaca, lasfalto, il bolo, il borace, i corni ossei di un pesce, dellelefante o
del cervo, la canfora, il fiore di piombo il corallo rosso, il vetriolo, lambra, la lapdane, il
lapislazzolo, la pietra magnetica, la pietra darmenia, la pietra lincia, la lacca, il mastice, il
muschio, la mirra, losso di seppia, il petrolio, la sarcolla, la trementina, il vetro.
Non deve certo sorprendere linteresse per i minerali assieme a quello per le altre parti
della scienze della natura che era nato con la storia, per cui i riferimenti astrologici e divini,
combinati con osservazioni di propriet fisiche percettibili quali la lucentezza, la trasparenza,
il colore, la durezza, la lavorabilit, hanno portato luomo ad attribuire ai prodotti minerali
poteri magici e anche curativi86.
Parimenti non ci deve stupire la presenza nellerbario, accanto alle sostanze vegetali, di
alcuni animali, quali lelefante, il capodoglio, il cervo, la seppia, le api, le conchiglie, le
capre muschiate, in quanto semplici erano state considerate anche tante sostanze del mondo
animale alle quali venivano attribuite propriet curative87 .
Di tutti questi elementi e da altri meno noti elencati nellerbario, singolarmente o in
combinazione tra loro, si traggono, secondo i dettami della Scuola medica salernitana e le
formule di unantica alchimia che sfuma nel magico, i principi attivi necessari per la cura
e la salute del corpo.
A tal proposito non si possono non ribadire alcune curiosit riguardanti luso delle
erbe:
preghiere propiziatorie (cc.25v., 54r. e a c.139r.) in sospetto di sortilegio.

formula propiziatoria (c.36r.)

modi per prevedere la morte del paziente (c.32r., 54r., 140v.)

modi per mantenere lallegria in un convito (c.31r., 32r.)

modi per assicurarsi lamore o la simpatia di qualcuno (c.32r.)

adagio sanitario in latino lemula campana rende il pericardio sano (c.66v.)

versi latini di carattere medico: ysopus est erba purgans de pectore leuma.

Ad pulmonis opus prestat medicamen ysopus, cio a dire che ysope unerba che elimina
la flemma del petto e dalle membra e che fornisce rimedio e cura contro le malattie del
polmone. (c.88r.).
pratica ad amorem: Per un uomo che cos preso e totalmente legato che

non pu frequentare la sua donna quando sposato, si cuocia questa erba (piede di leone)
86 v.sullargomento T. Zulian, I semplici minerali, in:Di sana pianta. Erbari e taccuini di sanit, Modena, 1988,
p. 159
87 v. sullargomento: M. Rippa Bonati, I semplici animali. in: Di sana pianta. Erbari e taccuini di sanit, cit., p. 67; 72

64

[...] in fase di luna calante [...] e in quellacqua si lavi tutto il corpo fuori di casa davanti al
suo uscio [...], poi dopo il ritorno a casa non guardi affatto dietro di s (c.103r.).
giudizio sulla mandragora: erba che per artificio, cos come abbiamo appreso

e sentito dire da alcuni lavoratori de campi, assume forma umana e che la virt di
raffreddore, restringere e di mortificare e anche di addormentare e narcotizzare chi ne viene
unto completamente (c.108v.).
inganno del praticante a fin di bene (c.134r., c.164r.)

un cibo si segnala per la sua particolarit che trova riferimento nel territorio

modenese nel quale se ne fa largo uso: i zipules cio zeppola, frittella, ciambella), simili alle
crescenti o gnocco fritto modenese (c.170r.): Zipules ce sont frictures faites de farine avec
oile; cest moult grosse viande pour ii causes, lune pour la moiteur de loile, lautre pour
la gluieuset de la farine, [], mais toutesfoiz a ceulx qui ont le foye ou la rate dangerenx
si ne mangeussent point zeppole sono le frittelle fatte di farina e di olio; sono di grande
nutrimento per due ragioni, luna per lumidit dellolio, laltra per la vischiosit della
farina [] ma tuttavia coloro che hanno il fegato o la milza in pericolo, non ne mangino.
C ancora da osservare che ogni elemento viene valutato in gradi (dal primo al quarto)
di calore (caldo/freddo) o di umidit (secco/umido) e le malattie e le indisposizioni sono
causate dallazione di umori caldi o freddi, secchi o umidi di varia natura (colerica,
melanconica, ecc.): que les elmens muent le dgr des choses ce nous est monstr par
laction que les elmens font et moult de chosesaussi fault il dire que les choses chaudes
refroident par la nge et les froides eschauffent par le feu (c.166r.).

65

LIllustrazione botanica attraverso i secoli nei suoi valori botanici


e scientifici con particolare riguardo al Grant Herbier (est. 28 = . M. 5. 9)
L'uomo, gi dai tempi pi remoti, e colpito dalla bellezza della natura, ha cercato di
carpire delle immagini e di tradurle poi, sui supporti pi vari, per pure motivazioni artistiche,
o per renderle leggibili nel tempo ad altri, assumendosi cos l'onere di tramandarle a scopi
conoscitivi, non disgiunti, successivamente, da quelli scientifici.
Sporadiche esili tracce di tali primitivi cimenti artistici esistono gi nel paleolitico con
rappresentazioni di piante graffite sulle pareti delle caverne o su ossa, o a Cnosso su una
giara di terracotta decorata con tre palme, risalente al 1800 a. C., o a Creta, con un altro
vaso decorato con dei crochi risalente al 1550 a. C., presso gli Egiziani gi nel 1450 a. C.
nel tempio di Tutmosi III, o ancora presso i Mesopotami ed i Greci, con una moneta che
porta impressa una spiga di grano, ritrovata a Metaponto.
Alcuni resti di decorazioni pompeiane e vari racconti degli storici greci, su fiori e frutti
rappresentati in modo tale da ingannare le api e gli uccelli, comprovano quanto gli antichi
fossero divenuti maestri nell'arte del disegno.
Tralasciando gli incontri occasionali sopra ricordati, nei quali le erbe e le piante vengono
usate con finalit puramente decorative ed artistiche, occorre tuttavia attendere che la
medicina si avvii verso una dimensione scientifica e di conseguenza prepari la via verso gli
erbari.
Anche se il primo di questi, quello di Crateva, nel quale lartista aveva dipinto le erbe
nei colori naturali, ha perduto le sue illustrazioni tuttavia certo che, esse, pur attraverso la
lenta, ma continua degenerazione delle immagini avvenute nel corso delle continue copie
tratte da quell'opera, si sono conservate dal sesto secolo in avanti in molti manoscritti ed in
erbari a stampa.
Quando nel I secolo d. C. appaiono le due basilari opere botaniche dell'antichit, la
Naturalis historia di Plinio e il De Materia Medica di Dioscoride, si avvia con molta
probabilit la vera e propria illustrazione botanica inserita negli Erbari.
Anche se non abbiamo il manoscritto originale del De Materia Medica, e non sappiamo
quindi se fu illustrato o meno, giunto a noi quello splendido monumento di arte botanica
che il grande codice di Dioscoride, confezionato a Costantinopoli e dedicato a Giuliana
Anicia nel 512 d. C., noto come Codex Vindobonensis. Tale opera dimostra uno standard
di eccellenza nei grandi disegni di piante acquerellati che, distribuiti in quasi quattrocento
pagine, colpiscono per il loro fermo naturalismo sconosciuto all'arte bizantina di quel
periodo e, rimasto insuperato per secoli, durante i quali la fortuna dell'illustrazione botanica
si rivela incerta e fluttuante.
Infatti losservazione per la natura che nellantichit, specie nel periodo alessandrino,
stava alla base del cosiddetto disegno naturalistico, risalente allillustrazione grafica
naturalistica e anatomica della quale Aristotele considerato liniziatore, seguito da Plinio
nel I secolo d. C., durante il Medioevo, per quasi un millennio, viene del tutto trascurata.
Ci avviene, come rileva Claus Nissen88 sotto linfluenza concomitante della trascendenza
cristiana e del decorativismo germano-celta.
Le illustrazioni degli erbari, cos come dei bestiari e delle enciclopedie medievali, sono
per lo pi puri e semplici schemi formali, astrazioni con intenti di ornamentazione, spesso
88 C. Nissen, Scientifiche e meccaniche raffigurazioni. Le figurazioni scientifiche, voce dellEnciclopedia
Universale dellarte, XII vol., Venezia, 1964

66

con significato allegorico o araldico, quasi sempre senza precise connessioni con il testo.
Daltra parte se una pianta o un animale assurgono a simbolo di una virt o di un vizio, che
importanza pu avere una loro rappresentazione aderente alla natura e perch quindi non
preferirgli una raffigurazione idealizzata pi aderente allo scopo?
Le figure di piante e animali servono quindi non ad illustrare la natura, ma ad ornare i
testi, con i quali, come gi detto, spesso non hanno connessione di alcun genere.
Questarte viene quasi del tutto trascurata durante il Medioevo, come appare dalle
miniature, spesso rozze, che si riscontrano nei manoscritti di quel tempo, da considerare
pi che altro ricettari visto lo stretto legame delle piante con la materia medica, delle cui
tradizioni essi si fanno portatori. Occorre infatti considerare che, di regola, l'illustrazione
degli erbari medievali confinata a rappresentare raffigurazione dei semplici e, solo in
pochi casi, questa arida sequenza interrotta dall'introduzione di figure di soggetti, piccole
scene che, per la maggior parte, descrivono la scoperta delle piante in forma mitologica o
aneddotica.
Inoltre i copisti e gli artisti che si cimentano nella riproduzione dell'archetipo, via via
non si dimostrano all'altezza e finiscono con lo snaturare e alterare i disegni originali. Gli
scribi ed i miniatori medievali non intervengono soltanto come corruttori delle illustrazioni
e del testo, ma introducono delle vere e proprie innovazioni. Ci come conseguenza diretta
del cambiamento radicale di atteggiamento verso la ricerca scientifica che si compie nel
Medioevo, del quale si sono visti i primi annunci nello stesso Cassiodoro. Si determina
cos la tendenza ad animare l'arida illustrazione scientifica con vari espedienti, dal
carattere mostruoso attribuito ad alcune piante, alla loro metamorfosi decorativa. C' per
da sottolineare che tale processo non rettilineo e, lungo tutto il Medioevo, si possono
incontrare illustrazioni straordinariamente fedeli al modello antico.
Lo dimostrano chiaramente il Codex Neapolitanus, copia di un manoscritto greco del
Dioscoride che, pur corredato da disegni efficaci, non appare pi all'altezza del Vindobonensis,
e il Dioscoride parigino del IX secolo che, pur di qualche interesse, perch riporta disegni
di piante di vari manoscritti, non esclusi quelli provenienti dal Codice Aniciano, sono
anch'essi di carattere inferiore.
La medesima cosa capita per gli erbari latini il cui prototipo sembra essere l'Apuleio
Platonico o Pseudo Apuleio, ove troviamo rappresentazioni di piante tratte dai prototipi
romani certamente alterate e stilizzate, ma che hanno il merito di fornire agli illustratori
immagini ed esempi per molte generazioni.
Infatti, insieme al Dioscoride tradotto in latino nella prima met del VI Secolo, e ad
uno Pseudo-Dioscoride denominato De Herbis Feminis, formano il corpus principale di
conoscenze botaniche e forniscono il pi consistente e credibile modello per l'illustrazione
delle piante durante l'oscuro periodo medievale.
Cos per l'Herbario di Apuleio, tradotto in Anglosassone intorno all'anno Mille e
presente alla British Library col codice Cotton Vitellius C. III, databile intorno alla met
dell'undicesimo secolo, e finemente illustrato, come espressione di una scuola di illustrazione
botanica che, introdotta dal Nord della Francia, si sviluppa in Inghilterra tra il decimo ed il
dodicesimo Secolo.
Interessante pure si mostra il manoscritto Bodley I 30 di Oxford, scritto e miniato intorno
all'anno 1120. Il naturalismo di alcune figure di piante, pu essere qui spiegato con la
congettura che l'artista, abbandonando la vecchia abitudine di copiare, abbia scelto invece
di prendere a modello le stesse piante dal vero.
Ma tali notevoli esempi non avranno seguito, in quanto questa scuola inglese viene
67

soppiantata durante il dodicesimo secolo da un nuovo stile pittorico importato dalla


Normandia. E stile romanico che, sorto su modelli romani sviliti durante il loro passaggio
attraverso il Nord Italia, si evoluto nel Nord della Francia in pieno secolo decimo, avendo
come caratteristiche una simmetria ed un formalismo che portano l'illustrazione botanica ad
un astrattismo che rende irriconoscibile molte piante. Da ci si pu affermare che, all'inizio
del tredicesimo Secolo, l'illustrazione scientifica botanica tocca in Occidente il suo punto
pi basso.
Questo lungo inverno si avvia lentamente verso la sua fine, attraverso vari sintomi di
rinascita che si avvertono nell'aria, a mano a mano che dalla mente dell'uomo medievale
svanisce la paura della natura e di nuovo nel mondo si diffonde il piacere per i suoi prati,
per i suoi fiori, per il canto degli uccelli: lo testimoniano i canti dei trovatori che esplicitano
tutta la loro gioia per i fiori e per le piante, la preghiera di fraternit di S. Francesco verso
gli uomini e la natura con i suoi frutti, i suoi fiori, le sue erbe.
A partire dal secolo XIII, qualche manoscritto italiano viene gi illustrato in modo
naturalistico, come si rileva da unArte venandi cum avibus, celebre trattato sulla falconeria
dellimperatore Federico II e dallAgreg de Serapion composto a Padova intorno al
1400.
Nel Trecento, l'epoca di Petrarca, Boccaccio e Chaucer, riscontriamo l'identico generoso
amore per la natura nei grandi pittori toscani, ma stranamente, di rado, riusciamo a
trovare nelle loro opere un fiore il cui genere sia riconoscibile. Quasi solitario, un bianco
giglio raffigurato in un mosaico del battistero di Firenze, rappresentato con la massima
espressivit naturalistica.
L'invito di Cennino Cennini agli artisti del tardo Trecento a spargere un certo numero
di fiori e di uccelli sui prati verdi, la formula che i suoi contemporanei applicano per la
rappresentazione della primavera.
Intanto prosegue la tradizione dioscoridea, la quale, mentre nelle copie realizzate nel
mondo greco si mantengono se non all'altezza, abbastanza vicine al realismo del modello
originale, come sembra provare un Dioscoride del primo Trecento conservato nella
Biblioteca del Seminario di Padova, dove le erbe e i fiori sono ancora ben individuabili,
in Occidente nelle copie prodotte negli scriptoria benedettini come Montecassino o come
quelli sparsi un po' per tutta Europa, dall'Irlanda in gi, nei vari monasteri fondati da quei
monaci nel loro peregrinare, fuse con l'erbario dello Pseudo-Apuleio, le immagini appaiono
sempre pi stilizzate e quasi bloccate in un rapido formalismo di maniera che spesso le
rende non chiaramente riferibili alla pianta che intendono rappresentare.
Da ricordare anche un Erbolario, il Codice Palatino 586, conservato alla Biblioteca
Nazionale di Firenze, primo esempio miniato di quello che poi sar il Tacuinum Sanitatis,
con il testo esplicativo in lingua provenzale. Per quanto riguarda la sua illustrazione, secondo
Elena Berti Toesca89, in un saggio del 1937, ci troviamo davanti ad una chiara divisione tra
due miniatori che dimostrano stili diversi nelle illustrazioni dei vegetali. Infatti le foglie,
appaiono compresse come in un erbario, mentre gli alberi sono circondati da dame e da
scene di genere e fantastiche o con "drleries" del genere pi grottesco, e si rendono spesso
antropomorfe le radici delle piante che ammiccano, che fanno sberleffi, sotto le sembianze
di vecchi maligni e ghignanti. Tuttavia, mentre il primo miniatore, nonostante la ricerca di
vivacit, mostra un'arte povera, fredda e stentata, tanto da far pensare che egli stia copiando
faticosamente o comunque rifacendo con mediocrit artistica quanto gli suggeriscono le
89 E. Berti Toesca, Un erbolario del 300, in: La Bibliofilia, XXXIX (1937), pp. 341-353

68

miniature di qualche prototipo che ha sottomano, il secondo invece che pu essere preso ad
emblema pi alto dellillustrazione alto medievale, molto pi dotato. Anche se disegna
piante e radici con teste umane, egli mostra piante, fiori e steli che sembrano chiusi e stesi
tra i fogli di un erbario con precisa finezza, li rappresenta nella forma squisita e complessa
con tutto lo spirito dell'arte gotica, sospesa tra la natura e l'idealizzazione che anticipa
le vivaci pagine con le quali, qualche decennio pi tardi, la miniatura italiana definir i
Tacuina di Parigi, di Vienna e di Roma, veri e propri trattati di igiene intorno alle qualit
dei cibi, delle bevande, delle stagioni, delle intemperie e persino dei moti spirituali, al loro
effetto sul corpo umano e al modo di correggerlo e aiutarlo. In quelli troveremo miniature
intese ad illustrare la materia particolare alla quale il progetto di genere si riferisce, non pi
le rappresentazioni schematiche quali si trovano in erbari e in trattati medici medievali, ma
ogni soggetto suggerisce al miniatore la rappresentazione di una scena di genere.
Comunque, solo quando il Trecento volge alla fine, assistiamo ad un affermarsi quasi
generalizzato e simultaneo del naturalismo nell'arte italiana, tedesca, fiamminga e francese,
anche se il primato, almeno in campo paesaggistico, sembra spettare ai miniaturisti francobelgi, e le loro scoperte, passando dolcemente per le vecchie tradizionali vie, si divulgano
attraverso la Francia, l'Olanda, la Germania e, transitando da Trento e Verona, nel Nord
Italia.
In campo librario il naturalismo botanico affiora ai primi del Trecento, prendendo le mosse
dall'illustrazione del Circa instans prodotto gi nel dodicesimo Secolo dalla Scuola medica
salernitana, anche se solo alla fine di quel secolo si ha una vera e propria raffigurazione
pittorica di erbe e fiori, condotta con un'analisi accurata e con ricchezza di particolari che,
attraverso la delicatezza e la freschezza dei colori, ci d immagini abbastanza realistiche.
Ne sono esempi validissimi tre importanti erbari veneziani che, per il loro tentativo di
realizzare un'immagine botanica il pi naturalistica possibile, anticipano di pi di un secolo
il grande Herbarum Vivae Eicones del Brunfels. Uno di essi l'Erbario realizzato per
Francesco II da Carrara che contiene un volgarizzamento del testo arabo di Serapione oggi
conservato alla British Library: le immagini naturalistiche di quel codice sono eseguite
da un maestro che sa rappresentare le erbe medicinali ed i fiori con un forte realismo non
scevro da una finezza coloristica che trova riscontro nei maestri della pittura dell'epoca.
Per la prima volta dall'et ellenistica le piante si avvalgono di una rappresentazione
veridica, senza dare spazio ad idealizzazioni ed a stilizzazioni, per cui nulla sfugge a questa
descrizione minuziosa e precisa, addirittura evidenziando il recto ed il verso delle foglie per
coglierne le differenze, che rende possibile l'identificazione di tutte le piante rappresentate,
cos come i frutti non sono pi sull'albero come nei Tacuina, con un attenzione coloristica
straordinaria ed efficace, con risultati di notevole eleganza stilistica, che fanno di tale codice
una vera e propria opera d'arte, al di l del suo valore scientifico notevole, ma ridotto,
considerato il numero non elevato di piante descrittevi ed il testo piuttosto scarso.
Al contrario del Serapione, molto pi ampio il numero delle piante rappresentate
nel ricchissimo Erbario cartaceo (Lat. VI, 59) dipinto a Venezia, per il medico Nicol
Roccabonella, nella prima met del sec. XV, verso il 1445-48, dal pittore miniatore Andrea
Amadio "pictor sublimis". E' un prezioso documento scientifico nel quale, con un verismo
meno accentuato, attraverso immagini ravvicinate, e a volte quasi lenticolari, fresche e di
notevole sensibilit coloristica, l'Amadio dipinge i fiori in raffigurazioni di una sorprendente
anticipatrice modernit, ed i frutti pi svariati con una certa delicata evidenza.
Il terzo manoscritto di origine veneziana, ora conservato alla British Library, (Add.
41623), risalente ai primi anni del sec. XV un Erbario certamente meno bello e importante
69

del precedente, ma che dimostra come il Serapione non sia un fenomeno isolato. Esso
contiene interessanti esemplari di flora alpina e vi compreso un edelweiss ed altri fiori,
come il "lillium martagon", dipinto a gruppo nel quale alcuni elementi come il fiore sono
pi che realistici, mentre le foglie si avvalgono delle solite insoddisfacenti immagini
convenzionali.
Tali esempi finiscono per influenzare anche la miniatura, cio l'arte figurativa inserita in
un testo scritto seguendo certi canoni strutturali e stilistici enunciati nel De arte illuminandi
di un anonimo trecentista90 che mette in moto un meccanismo mentale ed operativo
profondamente diverso da quello che regola la pittura.
Il trattato insieme ad altri sulla tecnica della miniatura medievale, mette anche in
evidenza un altro particolare rapporto, per cos dire interno ed intrinseco, che non appare
in superficie ma che esiste tra varie piante e fiori, tra il libro e la miniatura fin dall'antichit
e per tutto il Medioevo, in una, a volte, insospettabile quanto suggestiva commistione
alchemica che riguarda la preparazione dei colori, delle colle, delle penne, degli inchiostri e
pi tardi, della stessa carta allorch essa sostituir la pergamena. Gi nel trattato di Eraclio91
ricettario medievale, redatto forse da un monaco, alla fine del sec. X, in tre parti, il pi
antico compendio pervenutoci pressoch integralmente, in materia di tecniche artistiche e
artigianali del medioevo, affiorato nel XV secolo in un manoscritto parigino, insieme ad
altri trattati, troviamo le ricette per fare colori con secchi vegetali "quomodo fiant diversi
colores de floribus campestribus...". Ma proprio nel De arte illuminandi che troviamo
tutta una serie di ricette le quali, partendo da Plinio e dai colori "necessari a miniare",
insegnano a prepararli nella loro variet "dalle radici di Cuccuma" o dall'"erba dei Tintori",
"con i fiori dei gigli azzurrini" o con "i grani gialli che si trovano in tempo di vendemmia
lungo le siepi delle vigne", o "con l'erba detta tornasole" e cos via, per ottenere liquidi
alcalini d'uso come le varie "liscivie", nella preparazione delle quali entrano le ceneri delle
piante, per estrarre i principi coloranti organici di diversi fiori, legni o radici di piante
europee ed esotiche.
E' questo un passaggio importante e fondamentale che, oltre a legare la pittura e la
miniatura in un unicum inscindibile e spesso indistricabile, ci offre illustri esempi di codici
miniati con erbe, fiori e frutta indiscutibilmente derivanti dall'illustrazione botanica, e
che non di rado risente, proprio alla fine del Trecento, di quel gotico internazionale che
originatosi in Borgogna, con la sua nuova coraggiosa gioia nella natura, trova il suo pi
alto completamento nei freschi, splendenti paesaggi dei miniaturisti fiamminghi, mentre
in Italia, si afferma con Stefano da Verona o da Zevio (1374 dopo il 1438) il primo
vero esponente ed assertore in Verona dello stile neogotico di provenienza oltremontana
e di valore internazionale che, sceso per la Val dAdige, diede allItalia settentrionale una
precoce e fuggevole primavera darte.
A questo punto l'illustrazione botanica assume una valenza bipolare e sia pure parallela,
diversificata e divaricata: infatti, mentre come vedremo, da un lato trova la sua collocazione
pi propria negli erbari manoscritti e nei tacuina dipinti, cio nei cosiddetti "Orti picti", dove
l'immagine chiaramente funzionale al testo, assumendosi il ruolo di chiarirne i contenuti
90 cfr. De arte illuminandi, e altri trattati sulla tecnica della miniatura medievale nelledizione a stampa a cura
di Franco Brunello, Vicenza, 1975.
91 Eraclio, De coloribus et artibus Romanorum, libri 3, in esametri latini, sec. X exeunte cfr. G. Romano,
I colori e le arti dei Romani e la compilazione pseudo-eracliana, Bologna, 1996; W. Blunt, The art of
botanical illustration, London, 1950

70

ed al tempo stesso, di esplicitarli visivamente, dall'altro, per oltre un secolo, la natura offre
le sue immagini ed i suoi colori per la decorazione delle pagine membranacee o cartacee
dei codici, siano letterari o liturgici o scientifici, con funzione esclusivamente estetica, fine
a se stessa. Cos le piante, i fiori, i frutti, i paesaggi, assumono una funzione di sfondo in
un contrasto figurativo e stilistico che fa perdere vigore e sfuma il valore semantico della
decorazione medievale con le sue immagini irrazionali ed importanti, per approdare via via
a pagine, nelle quali la miniatura, raggiunta la sua massima dignit, allentando i suoi vincoli
con la scrittura alla quale per secoli stata intimamente congiunta, riesce a comunicare
la serenit e la conquista della bellezza propria dell'uomo rinascimentale, tralasciando le
sue doti di efficacia narrativa e quegli accorgimenti stilistici e compositivi che erano stati
concepiti per dare chiarezza alle immagini evocate dal testo.
Cos la miniatura che nei secoli remoti, fino alle soglie dell'et gotica, si presentata
in formule canonizzate e calligrafiche, sia pure colme di alto fascino decorativo e in lenta
evoluzione, manifesta nell'et rinascimentale una sua autonoma e individuale originalit,
impensabile prima e quasi sempre denuncia la presenza di un artista creatore. Si dice che
essa diviene pittura, ma non come "corollario" dell'arte sorella maggiore che seguirebbe
obbediente e docile, ma spesso con l'autorit della "grande arte" e, solo nei casi meno
eccellenti e corsivi, come insostituibile testimonianza dello svolgersi della pittura.
Il primo esempio miniatorio illustre pu considerarsi il Trs riches Heures du duc de
Berry92, eseguito tra il 1410 ed il 1416 da maestri fiamminghi per il Duca di Jean de Berry,
codice nel quale troviamo un bordo miniato con fiori eseguiti naturalisticamente, anche se
lopera appare, a quella data, tanto rara quanto fortemente anticipatrice. Presto per nelle
Fiandre, nel 1430, i fratelli Hubert e Jan Van Eyck dipingono dei gigli e degli iris su una
pala dell'altare di Glent, cui seguiranno nel corso del secolo opere di Hans Memling e
Gerard David nelle quali figurano affascinanti fiori selvatici. L'opera pittorica pi veristica,
che rappresenta un fascio di iris, di gigli in un vaso e delle aquilegie in un bicchiere,
quella conservata agli Uffizi di Firenze, eseguita intorno al 1476 dal pittore fiammingo
Hugo von de Goes93 (Gand 1440 - Auderghen 1482) con la competenza di un vero botanico
che anticipa il verismo cinquecentesco con colori vivi e splendenti.
Un ottimo esempio di tale tipo di opera si ha nella Legend of St.Hubert conservata alla
National Gallery di Londra.94
In Francia nei manoscritti della prima e seconda met del Quattrocento, troviamo solo
occasionalmente decorazioni di fiori lungo i margini che, sebbene composte in maniera
ornamentale hanno qualche pretesa di precisione botanica, ma tale cura del tutto
eccezionale, poich il gusto dell'epoca favorisce l'esecuzione di lavori pergamenacei con
edere infogliate e fiori stilizzati. Tuttavia viene introdotta gradualmente, prima nei manoscritti
fiamminghi e poi in quelli di tutto il resto d'Europa, una intima osservazione della natura.
Sui bordi interamente incorniciati di colore uniforme o d'oro vi sono dipinti fiori, insetti,
uccelli, tracciati con molto realismo e messi in rilievo da vigorose ombreggiature. Tale
stile decorativo che probabilmente si deve al genio del Libro d'Ore del cosiddetto "Master
of Mary of Burgundy", forse identificabile con Alexander Bening, culminer verso la fine
del Quattrocento nella magnificenza del Breviario Grimani95, dovuto all'abilit di artisti

Chantilly, Muse Cond, ms.65
93 Trittico Portinari, Firenze, Galleria degli Uffizi, Hugo van der Goes.
 Legend of Saint Hubert, Londra, National Gallery
95 Breviarum secundum consuetudinem Romanae Curiae, Venezia, Biblioteca Marciana, cod. lat. I. 99 (= 2138).

71

della scuola di Bruges e Ghent, conservato alla Biblioteca Marciana di Venezia. Ma trover
riscontro anche nei manoscritti di Jean Bourdichon, dove le decorazioni marginali sono di
evidente concezione botanica. Se il pi certo e noto manoscritto di Bourdichon il Libro
d'Ore96, preparato tra il 1500 ed il 1508 per Anna di Bretagna e conservato alla Bibliothque
Nationale di Parigi, dai bordi marginali decorati con piante e fiori con immagini di
considerevole bellezza che danno luogo ad un "precoce florilegio", occorre per tenere
presente che Bourdichon, con tutto il suo amore per la natura e per i fiori prima un artista
e poi un botanico, per cui non si pone in alcun modo il problema di modificare uno stelo o
una foglia per rendere pi lieto il suo spazio pittorico, cos come di piegare le bianche gocce
di rugiada o l'incarnato dei fiori alle sue preferite ombreggiature blu.
A lui stata attribuita, ma con molti dubbi di carattere temporale pi che stilistico, la
miniatura de Le Petites prires de Rene de France97, tipico esempio di fregi marginali con
foglie, fiori, bacche, farfalle e bruchi, miniato per Renata di Valois, figlia del Re di Francia
e moglie di Ercole II d'Este.
La miniatura comunque francese, forse attribuibile a Jean Perreal, Godefroy o Jeannet
Clouet, figlio di Jean Clouet, e comunque ad un artista che in ogni caso appartiene alla
tradizione del Bourdichon e risente dell'influenza del Clouet, e che sa trattare con levit
negli ornati dei fregi i toni dell'attenta, fedele, obbiettiva riproduzione della natura che,
come abbiamo visto, tanto cara ai fiamminghi.
Analogo discorso vale per altri tre codici, uno di miniatura franco-fiamminga e gli altri
due fiamminghi, conservati dalla Biblioteca Estense Universitaria di Modena. Il primo
un Officium B. Mariae Virginis98 del XV secolo in bastarda francese, con molte pagine
che hanno il margine esterno decorato da fregi contenenti fiori, bacche, foglie stilizzate in
colori vivaci che vanno dal verde al viola, dall'azzurro al rosso scarlatto, in uno stile che
ricorda il decoratore99 di un codice della Bibliothque Royale di Bruxelles. Il secondo,
un altro Officium B. Mariae Virginis,100 in gotica rotonda, del XVI secolo ineunte, con modi
decorativi e stile proprio dei fiamminghi che si riscontrano in ogni pagina con carattere
unitario molto alto, sia nell'esecuzione della figura, sia nelle pagine contornate da fregi
a fondo paglierino grigio o rosso, cosparsi di fiori, fragole, farfalle, bruchi e chiocciole,
con iniziali in oro o argento formate da foglie d'acanto su fondo di vario colore. Il terzo,
anch'esso un Officium B.Mariae Virginis101 in gotica rotonda, pure del XVI Secolo, ha
molti fregi marginali miniati con il consueto verismo fiammingo che, su un fondo oro
opaco inserisce fiori, frutti, uccelli, farfalle ed altri insetti, con uno stile chiaro, luminoso e
trasparente che fa pensare ad Alexandre Bening, attivo a Gand e a Bruges tra il 1468 ed il
1518.
Lo stesso tema di miniatura floreale, del tutto finalizzata all'aspetto decorativo con
funzione di sfondo e di ornamento, ed ancora pi stilizzata, lo troviamo in un esempio tipico
della miniatura ferrarese della met del Quattrocento che trova fertile humus nella corte
Estense, gi da quando Pisanello, indirettamente legato a quel Michelino da Besozzo (13881450) che, tra il primo ed il secondo decennio del Quattrocento dipinge un Libro d'Ore102

Parigi, Bibliothque Nationale de France, ms. lat. 9474.
97 Modena, Biblioteca Estense Universitaria, ms. lat. 614 = . U .2 .28
98 Modena, Biblioteca Estense Universitaria, ms .lat. 804 = . G. 9. 16

Bruxelles, Bibliothque Royale, ms. 9510.
100 Modena, Biblioteca Estense Universitaria, ms. lat. 825 = . H. 9. 11

Ibidem. ms. lat. 853. = . G. 9. 26

New York, Pierpont Morgan Library, ms. 994

72

conservato alla Pierpont Morgan Library, nel quale i fiori delle cornici sono realizzati con
stile perfetto e con un cromatismo molto vicino al reale, dipinge il ritratto di Lionello d'Este
che ha sullo sfondo un roseto raffigurato con sorprendente realismo, ed il ritratto di Ginevra
d'Este su un fondale di aquilegie e garofani rappresentati altrettanto realisticamente. Sono
di gusto pisanelliano i fiori che Guglielmo Giraldi minia nell'Aulo Gellio103 conservato
alla Biblioteca Ambrosiana eseguito nel 1448, o i fiori multicolori che Angelo da Siena,
il Maccagnino, dipinge per incarico di Leonello nello studiolo di Belfiore ai piedi della
Musa Melpomene. Lo stesso dicasi per i pittori dell'epoca di Borso che, a partire dal 1450,
completano le Muse dello studiolo dove dipingono raffinatissimi rami di rose non recise,
e gigli aventi anche quella valenza simbolica che sar presente specialmente nei dipinti
religiosi di epoca rinascimentale, raffigurando lo stesso Borso con una delicata rosa in
mano e vanno ad influenzare l'opera dei pi illustri miniatori del principe, Taddeo Crivelli
e Franco Russi che stanno per mettere mano alla Bibbia.
La miniatura ferrarese sullonda di stilemi fiorentini riconoscibili nei rami stilizzati, i
cosiddetti "racemi", intrecciati di foglie e fiori, che si ripetono per le carte del manoscritto
con un ritmo che sembra noiosa iterazione, ma che solo sequenza musicale, riesce a
raggiungere notevoli risultati, avvalendosi di artisti di primaria grandezza, influenzati da
Pisanello e da Piero della Francesca, da Cosm Tura, da Francesco del Cossa e da Ercole
De Roberti, e tale da essere perfettamente individuabile, nel suo trapasso dalla civilt tardo
gotica a quella rinascimentale.
Ne sono esempi prestigiosi, quanto emblematici, quattro famosi codici estensi.
Il primo la famosa Biblia latina nota come Bibbia di Borso104, presa in considerazione
in tale contesto per fornire un esempio tipico di giardino rinascimentale, e quindi nell'altra
chiave di lettura dell'amore che lega gli Estensi alla natura, ma che potrebbe benissimo
servire da esempio in chiave iconologica per la decorazione floreale stilizzata, fatta
soprattutto di rose e serti o singole, che invade le 1200 pagine attraverso le quali principi
dei miniatori quali Taddeo Crivelli, Guglielmo Giraldi, Franco Russi, Marco dell'Avogaro
e tanti altri, hanno rappresentato uno dei capolavori o forse il capolavoro della miniatura di
tutti i tempi, nella quale le preziosit tardo-gotiche si trasformano in sontuose raffinatezze
rinascimentali.
Il secondo il Missale Romanum105 conosciuto universalmente come Messale di Borso
d'Este, essendo stato confezionato per tale personaggio. Il codice, uno dei pi squisiti
monumenti della miniatura ferrarese per la fusione di spiriti gotici e rinascimentali, dalla
quale emerge una sensibilit cromatica lievitata dai pittori fiamminghi come Roger van der
Weyden e con le chiarit mattinali ispirate da Piero della Francesca. In tutte le 628 pagine
membranacee del codice traspare tutto il gusto per la bellezza tipica del Rinascimento
ferrarese, che si estrinseca con tutto il suo fulgore cromatico
Un terzo codice risalente ai primissimi anni del Cinquecento un Breviarium,
conosciuto come Breviario di Ercole I106 per il quale fu composto e che con le sue 491 carte
splendidamente decorate, riprendendo quell'amore per la natura e per i fiori che sembrava
essersi interrotto dopo il 1470 con la morte di Borso, uno dei manoscritti della miniatura
ferrarese del periodo pi tardo, che conosce gi le sue pi lontane proiezioni, cos come
103 Milano, Biblioteca Ambrosiana, ms. SP. 10. 28.
104 Modena, Biblioteca Estense Universitaria, ms. lat. 422-423 = Ms. V. G. 12-13, 2 voll.
105 Ibidem, ms. lat. 239 =. W. 5. 2
106 Ibidem, ms. lat. 424 (= ms. V. G. 11)

73

tutta questa forma d'arte come genere illustrativo, modificata e alterata da sopravvenuti
motivi fiamminghi e lombardi. Cos Matteo da Milano, Tommaso da Modena ed un terzo
miniatore non identificato, danno vita, tra il 1502 ed il 1504, sia pure con disuguaglianze
stilistiche, ad un complesso di alto valore artistico che, offrendo l'epicedio della miniatura
primo-rinascimentale di origine o almeno di gusto ferrarese, sa rivaleggiare con la Bibbia.
Agli stessi maestri da attribuire un quarto codice, un Officium Beatae Mariae Virginis,
meglio noto come il Libro d'Ore di Alfonso I, oggi conservato in parte a Lisbona e in parte a
Zagabria107, nelle cornici del quale compaiono gli identici elementi naturalistici del Breviario
con fiori, foglie, frutti, del pi fantasioso e moderno Matteo che abbandona i tradizionali
fregi a filigrana con foglie, fiori stilizzati e bottoncini d'oro che, come gi sottolineato,
caratterizzano tutta la miniatura ferrarese del Quattrocento, costituendo un'inconfondibile
quanto colorata griglia che racchiude le pagine dei codici o semplicemente ne adorna un
solo lato.
Mentre questi codici di lusso recepiscono, perpetuano e trasmettono, tra il Quattrocento
ed il Cinquecento, l'immagine naturalistica attraverso miniature di alto stile che spesso
hanno solo valenza artistica, ma che altre volte non tralasciano quella scientifico-botanico,
rappresentata con un tale verismo che fa ipotizzare, non a torto, il cimento parallelo di alcuni
artisti anche nell'illustrazione di libri scientifici, l'altro filone pi propriamente scientifico,
quello degli erbari e dei tacuini, trova sbocco, sulla via parallela, in opere che, se a volte
non possono essere definite miniate, hanno un altissimo valore artistico che finalizza quello
perseguito dalla botanica.
Agli ultimi decenni del Secolo XIV ed ai primi anni del XV risalgono i tre Tacuini oggi
noti: i Tacuina Sanitatis di Vienna e di Parigi ed il Theatrum Sanitatis di Roma.
L'artista che pi si avvicina per lo stile illustrativo a quello dei tre manoscritti,
quel Giovannino de' Grassi, pittore e miniatore milanese che anticipa il Pisanello per la
rappresentazione naturalistica degli animali e che compie molti studi e raffigurazioni di
fiori, come si evince da alcune pagine da lui miniate dellHistoria Plautorum ms. 459
dalla Biblioteca Casanatense di Roma. Anche se la critica pi recente, che fa capo a Pietro
Toesca108, attribuisce i caratteri distintivi alla scuola lombarda e pi precisamente alla scuola
di Giovannino de' Grassi, di Franco e Filippo de' Veri, e di Anovelo da Imbonate, mentre
secondo Mario Salmi109 riconoscibile la mano di Salomone de' Grassi, figlio di Giovannino,
possibile avanzare l'affascinante ipotesi di una derivazione dei tre manoscritti da un
unico archetipo costituito da un Taccuino di disegni dell'Accademia Carrara di Bergamo,
attribuito proprio a Giovannino de' Grassi e contenente figure e scene che potrebbero essere
studi preliminari per un Tacuinum Sanitatis.
Dei tre Tacuini il Theatrum Sanitatis Casanatense110, che vicino al viennese per le
illustrazioni e al parigino per il testo, anche se sono da escludere dirette derivazioni, nelle
sue illustrazioni si rivela il pi aderente al testo, e con la essenzialit delle sue immagini,
107 Lisbona, Museo Calouste Sarkis Gulbenchian; Zagabria, Galerija Strossmayerova. Olim: Modena
Biblioteca Estense Universitaria , ms. VI. D. 7, segnatura che compare nellex libris del frammento conservato
a Lisbona. Del prestigioso ms. stato pubblicato a Modena per Il Bulino edizioni darte, nellanno 2002
un facsimile che raggruppa i due frammenti, corredato da un minuzioso commentario curato da Ernesto
Milano.
108 P. Toesca, La pittura e la miniatura nella Lombardia dai pi antichi monumenti alla met del Quattrocento,
2 edizione a cura di E. Castelnuovo, Milano, 1982.
109 M. Salmi, La miniatura italiana, Milano 1955.
110 Roma, Biblioteca Casanatense, ms. 4182, edito in facsimile a Modena, nellanno 2004.

74

che seguono la comune tradizione iconografica, evitando generalmente le aggiunte di


fantasia, il miniatore tralascia spesso la figura umana, che, dove appare, rappresentata con
grande verit: sfilano cos grandi alberi da frutto con frutti a volte sproporzionati rispetto
alle piante sulle quali sono raffigurati, piante fruttifere, erbe odorose e radici commestibili,
fra cui sono inseriti anche i fiori, il tutto in un complesso pittorico certamente ancora molto
stilizzato, ma di indubbia efficacia.
I due grandi erbari conservati a Modena, il Tractatus de herbis (Circa instans) in latino del
1458 e lHerbolaire o Grant Herbier in francese, databile anchesso, come abbiamo visto,
nel secolo XV, e pi precisamente intorno al 1470-80, costituiscono due tappe fondamentali
per la scienza naturalistica in genere e per quella botanica in particolare, in quanto si
avvalgono di una notevole ricchezza di immagini delle quali moltissime rappresentano
piante con foglie, fiori e radici.
Lesame dei due prestigiosi esemplari rivela per delle differenze sul piano
iconografico.
Nel manoscritto latino si riscontra una maggiore variet di immagini, ma al tempo stesso
una pi accentrata stilizzazione e schemi pi arcaici, come le radici dei semplici circondate
da insetti o da serpenti, derivati, come gi evidenziato, per lo stile delle miniature, secondo
lacuta osservazione di Otto Pct, da quel ms. Egerton 747 della British Library che precede
il lat. 993 di quasi centocinquanta anni nellarea sud o centro Italia. Nel codice francese
invece, si riscontra una minore variet, ma una maggiore libert di schemi, e un maggiore
verismo ed una maggiore finezza di esecuzione e dei colori pi vivi, anche se lartista nelle
391 miniature che corredano il manoscritto, non sempre fedele al testo, ma a volte, come
gli accade, ad esempio, per lIndicus (fig. 299 c.91v. I) e lIncensaria (fig. 202 c.92r. II),
rappresenta piante del tutto diverse da quelle descritte dallautore del testo. Lucia Tongiorgi
Tomasi111 avanza la tesi, abbastanza vicina al vero, secondo la quale le numerose miniature
che corredano questi due manoscritti estensi, occupandone limitate proporzioni della pagina
allinizio del soggetto trattato non possono essere considerate delle immagini dal vero:
esse sembrano piuttosto derivate da precedenti codici visivi anche se vi si riscontrano una
serie di particolari naturalisticamente corretti.
LHerbolaire si avvale di immagini differenti sotto il rapporto artistico. Infatti lanonimo
artista, che conduce le miniature con una trasparenza e leggerezza di tinte che ancora oggi
conservano nei colori brillanti una tangibile freschezza, eccelle in alcuni quadretti nei
quali presente la figura umana, intenta a lavori riguardanti lestrazione di alcuni metalli
o essenze, come quella a c.3r. I, raffigurante un uomo che con una rete raccoglie piccoli
tronchi di aloe trasportati dalle acque azzurrine di un fiume che scende dai monti; come
quella, a c.8r. II, che rappresenta un uomo che con un piccone scava la roccia per raccogliere
lantimonio; come quella a c.17v. II, dove un uomo, con una tunica rossa e calzoni turchini,
zappa una parete gialla per scavare il pigmento aurifero; come quella a c.25r. II dove un
uomo scava con una vanga per la raccolta del bolo e la tunica celeste della figura umana
contrasta con il colore bruno rossiccio del terreno; e ancora come quella a c.165r. I dove
un uomo davanti a una pianta di tribolo marino raccoglie con due mestoli la gomma che
cola dal tronco dellalbero versandola in un barile. La miniatura posta a c.150v. II che
rappresenta un uomo che scava con una zappa per la raccolta dello zolfo, pare avvicinarsi
allo stile di Jean Colombe.
111 L. Tongiorgi Tomasi, Raffigurazione naturalistica e immagine artistica, in: Immagine e naturacit., pp.
157-165

75

Minore efficacia dimostra lartista nel rappresentare una mummia in una bara (c.108r.
I) o la famosa Mandragora, in forma di donna posta alla radice di una piccola quercia con
ghiande o, ancor peggio, nel disegno quasi infantile di un edificio (c.167r. II) disegnato per
richiamare il vetro attraverso i vasetti esposti sulle finestre.
Ancora meno efficace e quasi ingenuo risulta il miniatore nel raffigurare animali come
il capodoglio (c.14v.), il castoro dorato (c.42r.) con una coda a forma di pesce; le due capre
muschiate al pascolo (c.113r. II); lelefante su un prato (c.152v.). La raffigurazione dei vari
animali spesso imprecisa e quasi infantile, mentre la miniatura che rappresenta le api che
volano intorno ad un alveare posto su un tavolo (c.111r. I) risulta veristica e di una certa
efficacia, cos come il cervo accovacciato su un prato (c.127r. I), o la seppia (c.127r. II).
La stessa inefficacia e puerilit nel disegno, che spesso non permette di identificare
sicuramente, a prima vista, ci che stato rappresentato, lartista dimostra nella
rappresentazione dei minerali o delle sostanze. Cos per lamido a pezzetti entro una
tinozza (c.8r. I); per laceto entro un panciuto vaso dargento con anse (c.16v. I); per i due
pezzetti di asfalto di colore grigio scuro (c.18r. II); per le tre conchiglie abbastanza veridiche
(c.30r. I); per limprobabile vaso marrone scuro contenente burro giallastro (c.31r. II); per i
due informi pezzi di canfora (c.36r. II); per la cerusa o fior di piombo contenuto in un sacco
aperto di forma trapezoidale (c.39r. I); per lappiattito ramo di corallo rosso (c.49v. I); per
linforme pezzo trapezoidale di lapdame o gomma (c.93r. II); per il grande e altrettanto
informe pezzo di lapislazzulo venato doro come se avvolto da una rete (c.94r. I); per i
piccoli pezzi di pietra magnetica di color azzurro scuro, di pietra indica di color grigio e di
pietra lincia di colore rossastro (c.101r. I e II); per i pezzetti di pietra darmenia di colore
grigio, di pietra di spugna di colore rosso scuro; di Lichedemonis o pietra del demonio di
colore nero azzurro (c.102r. ); per i pezzetti di lacca di colore rossastro e che richiamano per
forma i precedenti minerali (c.104v. I); per i tre pezzetti gialli di mastice, anchessi identici
nelle forme agli altri minerali; per i tre pezzetti di mirra di colore giallo bruno (c.115r. II);
per il petrolio che scaturisce da una pietra di colore bruno (124r. III).
Anche se il miniatore ha quasi sempre presente la realt nella rappresentazione delle varie
piante medicinali, disegnate e colorate a tempera a corredo del testo esplicativo, genere che
riesce a rappresentare in maniera senza dubbio pi efficace, tuttavia tale preoccupazione
naturalistica finisce, in alcuni casi, per prevalere sugli intenti artistici, facendoci pensare a
volte alla mano di un principiante e, non di rado, anche se leffetto coloristico giocato sulla
prevalenza dei verdi pi o meno scuri, sul giallo o sul rosa dei fiorellini, e sul marrone delle
radici e dei rizomi, rimane sempre pi che valido, dal punto di vista estetico, cade in eccessiva
stilizzazione delle foglie e delle radici nello scarso rispetto delle proporzioni tra tronco,
rami, foglie e frutti e nella ripetitivit di forme e di immagini, specie per quanto si riferisce
allapparato radicale delle varie piante, con le radici a volte tracciate grossolanamente, o
addirittura a forma di mano (c.141r. II 2), forme pi arcaiche derivategli probabilmente
dalla tradizione classica.
Lunica vera miniatura, che richiama quella di codici raffinati, riguarda la lettera E
iniziale dellincipit che miniata in oro su fondo oro brunito e decorata allinterno con
motivi vegetali tra i quali spiccano frutti rosa e rossi. Il fregio marginale che circonda
liniziale presenta un intreccio di foglie stilizzate di color oro e turchino.
Ma anche le altre iniziali di piccole dimensioni che corredano gli indici dei semplici
aventi la medesima iniziale e gli inizi dei singoli capitoli e paragrafi, diffuse per tutte le
carte sono miniate con una certa raffinatezza attraverso luso delloro e del turchino e sono
completate da un lieve disegno di color rosso o nero finemente tratteggiati a penna.
76

Il miniatore sa per trovare unottima vena creativa nella rappresentazione di alcune


pianticelle per la delicatezza del disegno e dei colori e per la veridicit e la correttezza della
rappresentazione: cos per la piantina di ibisco (c.20r. I), di rosa selvatica (c.21v. II), di
nocciolo (c.23v. I), di borragine (c.26r. II), di calidamia (c.60r. I), di caprifoglio (c.61r. I),
di scarola (c.65v. I), di fragola (c.75r. I), di garofanina (c.82v. II), di migliarino (c.83r. I),
di iris (c.89r. I), di malva (c.106v. I), di origano (c.125v. I), di papavero rosso (c.131r. I), di
vite (c.136v. I), di rosa (c.143r. I), di viola (c.166v. II).
Non di rado per liconografia mostra piante del tutto simili, come nella rappresentazione
della pianta di ferula (c.78r. II) e di quella di galbano (c.81r. II), della felce maschio (c.74v.
I e c.78v. I), se non uguali come per la pianta di melograno ripetuta a c.110v. I e a c.11v. I.
Il discorso degli erbari illustrati pi o meno efficacemente con miniature, pu includere
ancora il Libro de componere herbe et fructi... del secolo XV di Giovanni Cadamosto da
Lodi, conservato alla Bibliothque Nationale di Parigi (Ms.it.1108), si pu classificare tra i
Tacuina con le sue immagini di piante preponderanti rispetto al testo che trovano riscontro
nella realt e si allontanano dai modelli pi arcaici e ripetuti per secoli. Pur eseguito con una
certa raffinatezza, dovuta anche al fatto di essere un esemplare di presentazione e proiettato
verso una pi moderna iconografia, conserva ancora qualche caratteristica stilistica propria
del gotico internazionale e qualche residuo concettuale derivante dagli erbari medievali.
Del resto anche altri erbari dei secoli XV e XVI non sono riusciti a liberarsi pienamente
almeno per quel che attiene al testo di molte "ricette" da superstizioni e stregonerie,
anche se nella parte iconologica andata scomparendo la rappresentazione di radici in
forma zoomorfica e antropomorfica propria della simbologia medievale. Lo dimostrano
tre esemplari inediti conservati a Firenze, databili tra Quattrocento e Cinquecento, il Ms.
Ashburn 731, il Ms. Redi 165 della Biblioteca Laurenziana ed il Ms. C/168 della Biblioteca
Marucelliana.
Mentre continua, anche se va esaurendosi, l'illustrazione degli erbari manoscritti, alcuni
dei quali come il Ms. Redi 165, vengono ancora composti nel Cinquecento, la grande
intuizione gutenberghiana che cambier la storia dell'umanit e della cultura, dopo i primi
timidi passi si imposta immettendosi con prepotenza sui binari della storia.
Con i multipli a stampa si pensa anche a nuovi modi di duplicare le immagini, necessit
alla quale soccorre la tecnica xilografica, che ha gi dato segnali della sua esistenza fin
dai primi anni del Quattrocento con i libri Tabellari o libri blocco dell'Apocalisse o delle
Bibliae Pauperum, per poi affermarsi in parallelo con il decollare della stampa.
E da sottolineare che, per quanto riguarda in particolare l'illustrazione botanica, la
xilografia trova un precedente nelle "Ectypa plantarum", cio immagini ottenute anch'esse
con una tecnica impressoria alla quale si sottopongono le stesse piante, cospargendole di
nerofumo perch lascino impressa la loro immagine speculare su fogli di carta umida.
Tuttavia la xilografia, nel dare supporto al testo con la linearit e l'essenzialit delle
sue immagini giocate nel contesto del bianco e del nero, non sempre riesce a recepire il
carattere di novit che abbiamo visto affiorare ed affermarsi in alcuni erbari manoscritti.
Per questo motivo il nuovo modo di illustrare i libri, seguendo il destino di tutte le tecniche
evolutive che non sempre e comunque conoscono uno sviluppo lineare in relazione a quello
cronologicamente considerato, ha quasi una stasi e compie un passo indietro, affidandosi
ad immagini ormai quasi scomparse dei manoscritti coevi, pi rigide, pi schematiche. Ci
anche a causa dell'essenzialit insita nella xilografia e della sia pure temporanea, perdita
del vantaggio del colore che ammorbidisce e sfuma le piante, i fiori, le foglie e che viene
a recuperare qualche volta con una colorazione manuale, ma sempre adeguata a valida, e,
77

come conseguenza primaria, si allontanano da quel realismo al quale alcuni erbari si sono
gi avvicinati da decenni, vanificando quasi i frutti del travaglio umanistico.
Dopo il Das Buch der Natur di Konrad von Megenberg, che nel 1475 inaugura il filone
dei libri a stampa con xilografie finalizzate all'illustrazione del testo, e tante prime edizioni
delle pi importanti opere di botanica antica e medievale, le xilografie spesso ingenue
e poco realistiche dell'Apuleius Platonicus del 1483-84, sembrano proprio dimostrare
l'arretratezza iconografica oltrech scientifica, anche a causa di un modo ancora errato di
porsi passivamente di fronte alle fonti medievali da recepire e rispettare nelle loro varie
forme ed estrinsecazioni.
Per rendersene conto basta guardare la raffigurazione antromorfica della Mandragora,
mostruosamente umanizzata con radici alle parti terminali degli arti e con un cespo di
foglie al posto della testa. L'alone di mistero e di magia che circonda questa pianta, sia pure
ridimensionata ed attenuata col passare del tempo dalla diretta osservazione della natura e
dall'affermarsi della scienza come tale, continuer a persistere per secoli come sembrano
provare i disegni a penna, tempera ed acquerello del Catalogo del Museo Settaliano, che,
in pieno Seicento mostrer di non essersi ancora liberato completamente del retaggio del
passato.
Sono dello stesso tenore le illustrazioni dell'Herbarius in latino pubblicato da Pietro
Scffer nel 1484, riguardanti piante della flora tedesca che, sebbene non prive di un certo
fascino decorativo, sono molto simmetriche e spesso piccole rispetto alle leggende, mentre i
fiori sono spesso di dimensioni esagerate e le radici, quando sono figurate, sono pienamente
convenzionali. I disegni, cos come il testo, non hanno alcuna connessione con quello
dell'Apuleio, ma evidente che entrambi non sono un diretto derivato della natura che ci
circonda. La stessa cosa pu dirsi per l'Herbarius in tedesco che Scffer pubblica un anno
dopo rispetto all'Herbarius in latino e che pu essere considerato indiscutibilmente il pi
splendido ed importante degli erbari incunabuli.
LHortus sanitatis maguntino del 1491, con il suo corpus di 1073 xilografie di
varie dimensioni, sembra confermare tale tendenza e, mostrando caratteristiche pi
medievaleggianti rispetto all'Herbarius in tedesco che pure lo anticipa di sei anni, non
compie decisivi passi in avanti, presentando immagini botaniche, zoologiche, e di minerali
in parte rozzamente copiate in scala ridotta da quello germanico, ancorate ad un passato
che, per l'aspetto iconografico, si perpetuer fino a met del Cinquecento.
Sembrano invece pi rispondenti al reale, ancorch schematiche ed essenziali, le
xilografie che illustrano il De Virtutibus herbarum veneziano del 1499, dal momento che
una loro disamina consente di identificare con una certa attendibilit il corrispondente in
natura.
Non si discostano dai consueti canoni molto stilizzati che appena rendono riconoscibili
le piante rappresentate, le pur nitide xilografie di piccolo formato racchiuse in riquadri che
ornano il De Viribus herbarum di Macer Floridus, denominato anche "Macro Floridio" o
"Macro dei fiori" nelledizione ginevrina del 1500.

78

BIBLIOGRAFIA
MANOSCRITTI
U. Aldrovandi, Observationes variae, ms., sec. XVI

- Bologna, Biblioteca Universitaria, ms. 136.


U. Aldrovandi, Peregrinarum rerum cataloghi, ms., sec. XVI - Bologna, Biblioteca
Universitaria, ms. 143.
Apuleio Platonico, Herbarium, ms., sec. X.

- Montecassino, Biblioteca, Codex Cassinensis 97.


Apuleio platonico, Herbarium, ms., sec. X.

- Firenze, Biblioteca Laurenziana, Plut. 73. 41.


Apuleio platonico, Herbarium, ms., sec. XI. - Londra, British Library, Cotton Vitellius c. III.
Apuleio platonico, Herbarium, ms., sec. XI. - Oxford, Bodleian Library, Bodley I. 30.
Aristotele, Parva naturalia e Metafisica, ms., sec. XII

- Parigi, Bibliotque Nationale, ms. 1853.


Avicenna, Liber primus canonis, ms., sec. XIII-XIV, London, Heritage Centre, ms 385,
tradotto in latino nel sec. XII da Gerardo da Cremona (1114-1187), col titolo Liber canonis
medicinae.
Biblia latina (Bibbia di Borso d'Este), ms., sec. XV - Modena, Biblioteca Estense Universitaria,
MS. V. G. 12-13 = Lat. 422-423 (Esiste anche il facsimile, Modena,1997-98).
Libro d'ore, miniato da J. Bourdichon, ms., sec. XVI - Parigi, Bibliothque Nationale de
France, lat. 9474.
Breviarium Romanum, Breviario di Ercole I (in latino), ms., sec. XV

- Modena, Biblioteca
Estense Universitaria, Lat. 424 = Ms. V. G. 1. 1.
Breviarium secundum consuetudinem Romanae Curiae, ms., sec. XV - Venezia, Biblioteca
Marciana, cod. lat. I. 99 (= 2138).
C. Ciocchi - A. Lombardi, Manoscriptorum codicum.
Bibliothecae Atestiae catalogus in
quinque partes tributus, ms., sec. XVIII-XIX

- Modena, BEU, Cat. Storico 9. 1-2.


Codice erbario, ms., sec. XV. - Firenze, Biblioteca Dipartimentale di Botanica, ms. 106.
M. Da Besozzo, Libro d'ore, ms., sec. XV.

- New York, Pierpont Morgan Library, ms. 994.


Dioscorides, De Materia Medica, ms., sec.VII, Citt del Vaticano, Biblioteca Apostolica
Vaticana, ms. greco-lat Vat. Chigi 53 (F. VII. 159).

79

Dioscorides, De materia medica (Codex Neapolitanus), ms., sec. VII. Napoli, Biblioteca
Nazionale, ms. ex Vind. Gr.1. (Esiste anche il facsimile a cura di G. Cavallo, Roma 1991).
Dioscorides, De materia medica, ms. sec. VI, Padova, Biblioteca del Seminario
Arcivescovile, Cod. greco 194.
Dioscorides, De materia medica, ms., sec.VI, Osterreichische Nationalbibliotek, Med.gr.1.
Dioscorides, De materia medica. Libri VII, ms., sec.
IX, New York, Pierpont Morgan
Library, ( Esiste

anche il facsimile: Parigi 1935, 2 voll.).


Erbario ducale estense, (Hortus siccus), ms. sec. XVI, Modena, Archivio di Stato, A. S. E.
Cancelleria Ducale, Archivio per materie, Medici e Medicina, b. 4.
Historia plantarum, ms., sec. XV - Roma, Biblioteca Casanatense, Lat. 459.
Liber de consolatione medicinarum simplicium, ms., sec. XIV - Roma, Biblioteca Nazionale
di Roma Vitt.Em., ms. 218.
Libro d'Ore di Alfonso I d'Este, ms., sec. XVI - Lisbona, Museo Calouste Sarkis Gulbenkian;
Zagabria Galerija Stromayerova; Olin, Modena Biblioteca Estense, VI. D. 7 (Esiste anche il
facsimile a cura di E. Milano, Modena 2002).
A. Lombardi, Storia della Biblioteca Estense dalla sua origine fino all'anno [1847]
proseguita da Carlo Borghi fino all'anno 1869, ms., sec. XIX - Modena, Biblioteca Estense
Universitaria, It. 1433 = alfa. F. 3. 10.
F. Macer Floridus, De viribus herbarum, ms., sec. VI-VII

- Leida, Biblioteek der


Rijksuniversiteit, Voss. Lat. Q. 9.
Mesue, Liber de consolatione medicinarum simplicium, ms., sec. XIV - Roma, Biblioteca
Nazionale Centrale Vitt. Em., ms. 218.
Missale Romanum, ms., sec. XV - Modena, Biblioteca Estense Universitaria, Lat. 438 =
alfa. T. 4. 11.
Officium Beatae Mariae Virginis, ms., sec.
XVI - Bruxelles, Bibliotque Royale, ms. 90510.
Officium Beatae Mariae Virginis, ms., sec. XV - Modena, Biblioteca Estense Universitaria,
Lat. 825 = alfa H. 9. 11.
Officium Mariae Virginis, ms., sec. XV - Modena, Biblioteca Estense Universitaria, Lat.
804 = alfa G. 9. 16.
Le petites prires de Rene de France, ms., sec.
XVI - Modena, Biblioteca Estense
Universitaria, Lat. 614 (alfa. U. 2. 28). (Esiste anche il facsimile curato da Ernesto Milano,
Modena, 1998).
80

B. Riinio, Liber de simplicibus Benedicti Riinii medici et phillosophi veneti, ms., sec. XV,
Venezia, Biblioteca Marciana, lat. VI. 59 = 2548.
G.Serapion, Liber agrega, ms., sec. XV,

Londra, British Library, Egerton 2020.


M. Silvatico, Opus pandectarum medicinae, ms., sec. XIV, Citt del Vaticano, Biblioteca
Apostolica Vaticana, Vat. Lat. 13010.
Tacuina Sanitatis, ms., sec. XIII-XIV - Parigi, Bibliothque Nationale, lat. Nouv Acqu. 1673;
Liegi, Biblioteca Universitaria, C. 67; Rouen, Biblioteca Municipale, Leber 1088; Vienna,
Biblioteca Nazionale, Series Nova 1644; Roma, Biblioteca Casanatense, ms. 4182.
Tacuinum sanitatis miniato, ms., sec. XV - Firenze, Biblioteca Nazionale Centrale, Pal. 586.
OPERE A STAMPA
L. Alamanni, La coltivazione, Firenze, 1546.
P. Alessio, De'secreti, Venezia, 1674.
A. Amico, Botanica farmaceutica, Bari, 1976.
L. Amorth, Residenze estensi, Modena, 1973.
F. J. Anderson, An Illustrated History of the Herbals, New York, 1977.
J. Anglade, Notes sur le manuscrit Palat. 586 de la Bibliothque Nationale de Florence, in:
Romania (1929), pp. 121-131.
L. Anguillara, Semplici li quali in pi pareri a diversi huomini scritti apajono nuovamente
da Giovanni Marinello in luce, Venezia, 1561.
M. Anichini, Il Dioscoride di Napoli, in: Accademia Nazionale dei Lincei. Rendiconti
della Classe di Scienze Morali, Storiche e Filologiche, s. 8. a. 1956, v. XI (), pp. 77-104.
Antichi coloranti alimentari, uso di estratti vegetali e polveri minerali per decorare, a cura
di Baroni Fornasiero R., Sgarbi E., Baraldi P., in: Atti Soc. Nat. Mat. di Modena, 2003, pp.
271-288.
G. Antonelli, Le piante che ridanno la salute, ossia le piante alimentari ed alcune selvatiche
comuni italiane, nella medicina domestica, Roma, 1939.
A. Arber, Herbals: Their Origin and Evolution, Cambridge, 1938.
F. Arena, Della natura e coltura dei fiori, Palermo, 1768.
81

Atti del Congresso internazionale di Genova 1892. Redatti per cura del Prof. O. Penzig,
Genova, 1893.
G.B. Balbis, Catalogus plantarum Horti Botanici Taurinensis, Torino, 1810.
E. Banfi, Note sull'opera botanica di Giovan Battista Morandi (sec. XVIII), in: Natura,
a. 1978, n. 69 (), pp. 183-188.
J. Bauhin, Historia plantarum, Yverdon, 1650-51.
H. Baumann, The Greek Plant World in Mith. Art and literature, Portland, Oregon, 1993.
A Beccaria, I codici di medicina del periodo presalernitano (secoli IX, X e XI), Roma, 1956.
A. Beguinot, La botanica, Roma, 1920.
L. Beille, Precis de botanique pharmaceutique, t. I-II, Paris, 1925-1935.
B. Bellomaria, Sapienza, magia e tradizione delle erbe in antichi ricettari delle Marche
(sec. XVII-XVIII), Camerino, 1987.
E. Benezit, Dictionnaire critique et documentaire des peintres, sculpteurs, dessinateurs et
graveurs, Paris, 1962, 6 voll.
E. Berti Toesca, Un erbolario del '300, in: La Bibliofilia, a. 1937, v. XXXIX (), pp. 341-353.
A. Bertolani, Excerpta de re herbaria, in: Opuscoli scientifici, v. 4 (1823), pp. pp.220-232.
S. Bertolani, Origine dello studio dei semplici in Italia, in: Nuovo Giornale Botanico
Italiano, a. 1937, v. XXXIX (), pp. 341-353.
A. Bertoloni, Excerpta de re herbaria, in: Opuscoli scientifici, Bologna, 1823, pp. 220-232.
W. Blunt, The Art of Botanical Illustration, London, 1950.
H. Boerhaave, Index alter plantarum quae in Horto Academico Lugduno-Botavo aluntur...
Pars prima [secunda], Leiden, 1720.
A. M. Brasavola, Examen omnium simplicium, Lyon, 1536.
F, Brunello, De arte illuminandi e altri trattati sulla tecnica della miniatura medievale,
Vicenza, 1975.
J. Camus, Historique des premieres herbiers, in: Malpighia, a. 1895, v. IX (), pp. 283-314.

82

J. Camus, L'opera salernitana "Circa Instans" ed il testo primitivo del "Grant Herbier en
franoyse" secondo due codici del sec. XV conservati nella Regia Biblioteca Estense, in:
MRASLA-MO, s. II, v. IV (1886), pp. 49-71.
J. R. Castelo Branco, In Dioscoridis Anazarbei de materia medica libros quinque
enarrationes, Venezia, 1553.
A Catalogue of the Wild Relatives of Cultivated Plants Native to Europe, in: Flora
Mediterranea, 1995, pp. 375-415.
F. Cavallini, Brevis enumeratio plantarum praesenti anno a Pubblico Sapientiae Romanae
Medicinalium Simplicium Professo-ostentarum, & quae in Hortum Hyemalem redactae
asservanrur, Roma, 1689.
V. A. Chiarugi, Le date di fondazione dei primi orti botanici del mondo, Firenze, 1953.
P. B. Clarici, Istoria e coltura delle piante che sono pe'l fiore pi ragguardevoli e pi
distinte per ornare un giardino in tutto il tempo dell'anno, con un copioso trattato degli
agrumi, Venezia, 1726.
L. Cogliati Arano, Tacuinum sanitatis, Milano, 1979.
M. Corbett, The Engraved Title-page to John Gerarde's Herball or Generall Historie of
Plantes, 1597, in: Journal of the Society for the Bibliography of Natural History, n. 8
(1977), pp. 223-230.
E. J. H. Corner, The Life of Plantes, London, 1964.
P. D'Ancona, La Miniature italienne du X au XVI sicle, Paris - Bruxelles, 1925.
J. Dalechamps, Historia generalis plantarum, Lyon, 1586-87.
J. Davenport, Aphrodisiacs and Love stimulants, London, 1965.
L. De Bairacli, The illustrated Herbal Handbook, London, 1974.
L. De Capite, Botanica farmaceutica, Assisi, 1972.
G. B. De Toni, Notizie bio-bibliografiche intorno Evangelista Quattrami semplicista degli
Estensi, in: Atti del R. Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti, a. LXXVII (1918), pp.
273-396.
G.B. De Toni, Sull'origine degli erbari. Nuovi appunti di manoscritti Aldrovandiani,
Modena, 1906.
B. Degenhart - A. Schmitt, Corpus der italienischen Zeichnungen. 1300-1500,
Berlino, 1980.
83

G. Della Porta, Phytognomonica, Napoli, 1588.


P. Dioscorides, Dioskurides codex Neapolitanus, Roma, 1988.
Di sana pianta. Erbari e tacuini di sanit. Le radici storiche della nuova farmacologia,
Modena, 1988.
A. Donelli Antonio, Libro per secreti varij 1793: questi secreti sono stati raccolti dal fu
sig. Antonio Donelli, varij secreti copiati l'anno 1793 da me Carlo Caleffi di Carpi: prodotti
minerali, vegetali e animali per l'arte, il restauro e la scagliola..., Bologna, 2005.
C. Durante, Herbario nuovo, Roma, 1585.
G. Fantuzzi, Vita di Ulisse Aldrovandi, Bologna, 1774.
D. Fava, La Biblioteca Estense nel suo sviluppo storico, Modena, 1925, pp. 88-89.
D. Fava - M. Salmi, I manoscritti miniati della Biblioteca Estense di Modena. [Il secondo
volume ripreso e completato da Emma Coen Pirani], Firenze, 1950; 1973, 2 voll.
G. B. Ferrari, Hesperides sive de malorum aureorum cultura et usu, libri IV, Roma, 1646.
A. Fidi, Erbe e piante medicinali, Milano, 1930.
Fiori e giardini estensi a Ferrara, Roma, 1992.
C. Foucard, Documenti storici spettanti alla Medicina, Chirurgia, Farmaceutica conservati
nell'Archivio di Stato di Modena, Modena, 1885.
C. Foucard, Esposizione di documenti storici dal IX al XIX secolo... spettanti alla medicina
e alla ghirurgia, Modena, 1882.
A. Frizzi, Memorie per la storia di Ferrara, con giunte e note del Conte Avv. Camillo
Laderchi, Ferrara, 1848.
G. Fumagalli, L'Arte della legatura alla corte degli Estensi a Ferrara e a Modena dal
sec. XVI al XIX. Col catalogo delle legature pregevoli della Biblioteca Estense di Modena,
Firenze, 1913.
J. Gerardi, The Herbal or General History of Plantes, London, 1597.
I giardini dei semplici e gli Orti Botanici della Toscana, Perugia, 1993.
Gibelli G. - Giacosa P., Le Piante medicinali. Manuale di botanica medica, Milano, 1800.
F. Godefroy, Dictionnaire de l'ancienne langue franaise et de tous ses dialectes, du IX au
XV, sicle, Paris, 1881-92.
84

E. Greene, Landmarks of Botanical History, Washington, 1909.


Herbolario volgare nel quale si dimostra a conoscere le herbe et le sue virt et il modo di
operarle, Venezia, 1539.
Hortus pictus dalla raccolta di Ulisse Aldrovandi. A cura di Enzo Crea, Roma, 1993.
Immagini e natura nei codici e nei libri a stampa della Biblioteca Estense e della Biblioteca
Universitaria, Modena, 1984.
J. Jacques, Ippocrate, Torino, 1994.
A. Koker, Plantarum Usualium Horti Medici Harlemensis catalogus, Haarlem, 1702.
P. O. Kristeller, Nuove fonti per la medicina salernitana sec. XII, in: Rassegna Storica
Salernitana, v. XVIII (), pp. 61-75.
P. O. Kristeller, La Scuola Medica di Salerno secondo ricerche e scoperte recenti, Salerno, 1980.
P. E. Littre, Dictionnaire de la langue franaise, Montecarlo, 1956-58.
G. Lodi, Piante officinali italiane, Bologna, 1941.
A. Lonitzer, Naturalis historiae, Frankfurt a. M., 1551.
C. Lucrezio, De rerum natura, Cambridge, 1992.
G. Luzzato, Orti botanici privati, orto botanico e semplicisti all'epoca dei duchi d'Este a
Ferrara, in: Atti dell'Accademia delle scienze di Ferrara, Ferrara, 1847-48.
P. A. Matthioli, I discorsi nei sei libri di Pedacio Dioscoride Anazarbeo, della materia
medicinale, Venezia, 1544.
J. D. Mauseth, Botanica generale, Napoli, 2005.
P. Meda, Guida agli orti botanici, Milano, 1984.
P. Meda, Orti botanici delle Universit italiane, Napoli, 1965.
P. A. Micheli, Catalogus plantarum Horti Caesarei Florentini, Firenze, 1748.
E. Milano, In foliis folia, Erbari nelle carte estensi, Modena,1994.
E. Milano, In foolis folia. Giardini e orti botanici, Modena, 1995.
A. Mizauld, Historia hortensium, Koln, 1576.

85

A. Mizauld, Hortorum secreta, cultus, et auxilia, amoenae voluptatis, & inenarrabilis


utilitatis sabunde plena, Paris, 1575.
N. B. Monardens, De simplicibus medicamentis, Antwerpen, 1574.
G. Monti, Indices botanici et materiae medicae quibus olantarum genera instituta:
semplicium quoque tam vulgarium, quam exoticorum nomina & facultates summatim
recensentur, Bologna, 1753.
R. Morison, Hortus regius Blesensis auctus... item Plantarum in eodem horto Regio
Blesensis... brevis & succinta delineatio, London, 1669.
A. Mundella, Annotationes in Antonii Musae Brasavolae simplicium medicamentorum
examen, Basel, 1543.
C. Nissen, Scientifiche e meccaniche raffigurazioni. Le figurazioni scientifiche, in:
Enciclopedia Universale dell'arte, Venezia, 1964.
G. Orta, da, Due libri dell'Historia de i semplici..., Venezia, 1552.
O. Pacht, Early Italian Nature Studies and the Early Calendar Landscape, in: Journal of
the Warburg and Cortauld Institutes, a. 1950, v. XIII (), pp. 13-47.
A. Pavord, The naming of names, in: Search of order in the world of plants, New York,
2005, pp. 78.
C. Plinius Secundus, Hortus sanitatis Moguntiae, Mainz, 1491.
C. Plinius Secundus, Herbarius Mainz, Mainz, 1484.
C. Plinius Secundus, Historia naturalis, Venezia, 1469.
C. Plinius Secundus, Historia Naturalis, Parigi, 1950.
C. Ponchet, La biologie aristotelique, Parigi, 1885.
S. Ragazzini, Un erbario del XV secolo. Il ms. 106 della Biblioteca di botanica dell'Universit
di Firenze, Firenze, 1983.
R. Rapin, Hortorum libri IV, Paris, 1665.
J. B. Saint-Lager, Histoire des herbiers, Paris, 1885.
J. B. Saint-Lager, Recherches sur les Anciens herbaria, Paris, 1886.
M. Salmi, La miniatura italiana, Milano, 1956.
86

J. Serapion, De simplicibus medicamentis, Antwarpen, 1574.


J. Serapion, De simplicium medicamentorum historia, Venezia, 1552.
C. Singer, The herbal in antiquity, in: Journal of Hellenic Studies, a. 1927, v. V.47 (), pp. 52.
A. Spaggiari - G. Trenti, Gli Stemmi estensi ed austro-estensi, Modena, 1985.
K. Sprengel, Historia rei herbariae, Amsterdam, 1807.
K. Sprengel, Recherches sur les anciens herbaria, Paris, 1886.
C. Symphorien, Medicinale bellum inter Galenum et Aristotelem gestum, Lione, 1956.
J. Theodorus, Eicones plantarum, Frankfurt a. M., 1590.
Theophrastus, De historia et causis plantarum, Cambridge Mass., 1976.
Theophrastus, De historia plantarum, Amsterdam, 1644.
A. Tita, Catalogus plantarum quibus consitus est Patavii amoenissimus Hortus, Padova, 1713.
P. Toesca, La pittura e la miniatura nella Lombardia dai p antichi monumenti alla met
del Quattrocento, II ed., Milano, 1966.
G. P. Tognetti, Criteri di trascrizione dei testi medievali latini e italiani, Roma, 1982.
L. Tomasi Tongiorgi, Dalla medicina verde al naturalismo: l'immagine botanica e zoologica
nei manoscritti e nei primi testi a stampa sul finire del 400, in: Immagine e natura, Modena,
1984, pp. 33-52.
W. Turner, A new Herball, London, 1551.
Viaggiani P. - Pezzi G., Le piante dell'uomo, in: Il Il Sole 24 ore (2002).
Virt Erbe d'Horti., in: Atti Soc.Nat.Mat. di Modena, Modena, 2004.
S. Warton, Schola botanica sive catalogus plantarum quas ab aliquot annis, in: Horto
Regio Parisiensi studiosis indigitavit, Amsterdam, 1699.

87