Sei sulla pagina 1di 10

1

Progetto METODO Pensiero Critico


Fondamenti Teorici e Stato dellArte
Quello che segue una sintesi molto concisa delle basi teoriche del pensiero critico,
utilizzando estratti dallo stato dellarte sui rapporti di ricerca sul pensiero critico in
materia di istruzione. Le riflessioni, date come citazioni dirette, sono stati scelte per
rispondere alla domanda "che cosa il pensiero critico e che cosa possono fare gli
insegnanti per promuoverla?"
La ricerca su "pensiero critico in materia di istruzione" un campo in s e per s che
riunisce ricercatori a tempo pieno e le competenze non solo in istruzione, ma anche in
sociologia, epistemologia, linguistica ,ecc. e la cui ricerca di interesse per gli studiosi
e educatori di tutte le discipline, spaziando nellarte, letteratura, storia, economia,
fisica, matematica, ecc. Questa sintesi quindi tutt'altro che completa, ma fornisce il
primo passo di approccio all'agenda di ricerca "METODO" istituita dal MIUR (ACTXXX).
Lo scopo quello di fornire una guida generale da cui si possono formulare domande
per indagini (sondaggi) da parte del MIUR-METHODO e quindi analizzate per ottenere
un profilo di come le "pratiche di pensiero critico" vengono implementate in Italia negli
istituti di istruzione obbligatoria e, se necessario, come tali pratiche possono essere
ulteriormente ottimizzate.
1) Definizione di pensiero critico e le sue componenti di base
La definizione del pensiero critico varia. Tuttavia, la letteratura esistente condivide
lopinione che il pensiero critico coinvolge componenti cognitive, metacognitive e
disposizionali; insieme denotano una buona performance del pensiero critico ... La
componente cognitiva stata rappresentata dalla capacit mentale di comprendere un
problema cos come la capacit di applicare le capacit cognitive nel dare un buon
giudizio. Abilit cognitive riconosciute come centrali nel range di pensiero critico da
poco a molto, in genere queste includono argomenti di analisi, riconoscendo logiche
errate, distinguendo pretese giustificate ed ingiustificate, individuando ipotesi
sottostimate e competenze nel ragionamento analitico scientifico.

Non sorprende, quindi, che ricercando in letteratura sotto la frase "pensiero critico"
stato spesso associata a "metacognizione":
Un pensatore critico colui che applica competenze e strategie adeguate per
raggiungere un risultato desiderabile (Halpern 1998). Il pensiero critico richiede l'uso
strategico di abilit cognitive che meglio si adattano una situazione particolare, cos come
un controllo attivo dei propri processi di pensiero per conclusioni ben giustificate (6: pp
251).

Il controllo attivo di un proprio pensiero al centro della metacognizione:


... [Un] filone importante nel discorso relativo al pensiero buono che aiuta a unificare le
idee delineate in precedenza il concetto di autoregolamentazione del pensiero ... Il
presupposto che questa capacit metacognitiva, per esempio, che coinvolge la
percezione, la critica, il giudizio e il processo decisionale, consente alle persone di
orchestrare e di auto-regolare le proprie strategie di apprendimento e quelle capacit
comprese nel termine 'pensiero critico' (2: 241).

Le variabili di base della metacognizione senza dubbio alla base del pensiero critico:

2
... Avere una conoscenza metacognitiva, come sapere quali fattori influenzano il proprio
pensiero (variabili di persona), come dare un senso a un problema o come i diversi
problemi richiedono cognizioni diverse (variabili delle applicazioni) e sapere quando e
perch utilizzare un'abilit (variabili strategiche) facilitano la regolazione metacognitiva ...
Avere solo una presa di coscienza della necessit di applicare strategie metacognitive non
sufficiente per ottenere buone prestazioni, bisogna anche sapere quando, come e quale
strategia usare in contesti diversi (6: 253).

Il sapere quando, come e quale strategia metacognitiva adottare, richiede controllo


cognitivo, la forza su cui riflette la forza del pensiero critico: un individuo
"metacognitivo" come risultato del suo / sua capacit di pensare in modo critico.
Strategie metacognitive sono pensate per evocare comportamenti che permettono agli
studenti di supervisionare e controllare i propri processi di pensiero. Cos, si sostenuto
che gli studenti devono essere formati ed esaminati sull'uso di queste strategie. Le
strategie metacognitive comunemente suggerite nel pensiero critico rientrano in tre
categorie: la pianificazione, il monitoraggio e la valutazione. Esempi di attivit di
pianificazione sono quelle aventi come scopo la definizione delle procedure che il
pensiero diretto, la scelta di strategie appropriate, e la ripartizione delle risorse disponibili
.... Monitoraggio si riferisce ad una continua consapevolezza di comprensione compito. Le
attivit di monitoraggio volte a verificare le informazioni sulle attivit per convalidare la
comprensione, assegnando l'attenzione alle idee importanti, e sottolineando le ambiguit
informativo ... Valutare le strategie comporta l'esame e la correzione dei propri processi
cognitivi. Questi includono la valutazione dei propri ragionamenti, gli obiettivi e le
conclusioni oltre a considerare le revisioni quando necessario. Insomma, un pensatore
critico colui che si occupa dei suoi processi di pensiero, mentre le strategie
metacognitive consentono lattuazione di tale controllo (6: 254).

Come educatore, chiaro che le due concezioni lavorano mano nella mano.
Suggerisco pertanto che il progetto METODO e la discussione sul pensiero critico
incorpori anche il costrutto di metacognizione per tre ragioni molto semplici. Il primo
che le strategie sottostanti sovrappongono entrambi i costrutti (vedi sotto). In secondo
luogo, poich METODO realizzer un questionario quantitativo basato su un'indagine
su come gli insegnanti supportano lo sviluppo delle competenze di pensiero critico
degli studenti, sar molto pi informativo per rilevare la preferenza e l'utilizzo di
strategie degli insegnanti, piuttosto che la loro conoscenza delle teorie. Considerando
anche la ricerca metacognitiva in una discussione sul pensiero critico potremo quindi
ampliare il nostro potenziale di domande e di conseguenza, si spera, provvedere ad
una pi approfondita comprensione di come gli insegnanti in Italia si sforzano di
sviluppare un pensiero critico.

2) Pensiero critico: un obiettivo necessario per l'istruzione del 21


secolo
Quindi, perch il PENSIERO CRITICO e la METACOGNIZIONE sono una questione
importante da considerare per il MIUR?
Le esigenze del ventunesimo secolo richiedono agli studenti pi di conoscere che la
conoscenza dei contenuti, ma essi devono saper imparare. L'apprendimento un
processo attivo che richiede agli studenti di riflettere sul proprio modo di pensare, o

3
essere metacognitivo. Metacognizione la conoscenza di un individuo dei processi
cognitivi necessari per la comprensione e l'apprendimento (1: 269) .... Una persona che
metacognitiva sa imparare perch consapevole di ci che sa e quello che deve fare per
acquisire nuove conoscenze (1: 270).
I governi nazionali ei datori di lavoro hanno sostenuto che importante in tutti i settori
dell'istruzione preparare persone che siano in grado di pensare bene e per se stessi.
'Buona idea' e 'ben pensare' sono termini comunemente usati legati a quello che viene
chiamato 'pensiero critico' nella letteratura di ricerca. La dimostrazione presentata in
questo lavoro, che tuttavia suggerisce che non tutti gli studenti possono essere bravi nel
pensiero critico, n che alcuni insegnanti sembrano in grado di insegnare le abilit
'pensare bene' gli studenti (2).

Infatti, pi di un decennio fa, alle porte del 21 secolo, Richard Paul, in un articolo
intitolato "Perch il pensiero critico essenziale nel mondo post-industriale",
prevedeva quanto possa essere essenziale per l'istruzione di coltivare cittadini
criticamente pensanti:
Tradizionalmente ... il nostro pensiero stato progettato per routine, per abitudine, per
l'automazione e la procedura fissa .... apprendere significava diventare abituati ... [Oggi],
i nostri figli e studenti non possono pi anticipare la conoscenza o i dati di cui avranno
bisogno sul posto di lavoro, perch non possono pi prevedere i tipi di lavori che si
renderanno disponibili o che cosa comporter ... La complessit e la velocit di
cambiamento significa che dovremo sempre apportare modifiche imprevedibili ...
[l'educazione di oggi deve insegnare] i nostri dirigenti cos come i nostri insegnanti e
amministratori come creare questi luoghi di lavoro ed aule di ordine superiore , E poi
aspettarsi che loro lo facciano nel corso ordinario dei loro obblighi professionali ... "

Nel 1993, Paul gi avvertiva che "siamo alla deriva in un mare in tempesta di
informazioni" e, quasi 20 anni dopo, nel 2010, il direttore di Science, una delle pi
prestigiose riviste di ricerca scientifica, ha avvertito, ancora una volta, che siamo
vivendo in una "societ dell'informazione in ognidove". Mentre i fatti e i dettagli
memorizzati avevano buon senso quando l'informazione era difficile da trovare nei
primi anni del 1900 quando venne introdotta l'istruzione di massa, nella realt del 21
secolo in cui stiamo "inondati di informazioni a seguito di un click googling" (Ting,
2010), la memorizzazione di fatti e dettagli assolutamente insufficiente: la
formazione del 21 secolo deve mettere in grado gli studenti a discernere loro dai
rifiuti, i fatti dalla finzione. Come studenti non possono acquisire quantit di
conoscenze enciclopediche, se c' solo una cosa che l'educazione deve fornire
ai suoi studenti del 21 sec., essa un insieme di abilit di PENSIERO
CRITICO.

Quali sono alcune di tali competenze? Per quanto riguarda le competenze di PENSIERO
CRITICO ricercate dai datori di lavoro del 21 secolo:

Tali competenze sono rappresentate, ad esempio, da conoscenze e abilit relative a:


raccolta, analisi e organizzazione delle informazioni, attivit di pianificazione, di problemsolving, comunicazione di informazioni, lavorare con gli altri e utilizzare la tecnologia
(Mayer, 1992) .... Futuri successi nazionali e globali negli affari e nell'industria, o almeno
cos si dice dai governi in questi posti, dipende dalla capacit degli insegnanti, dei docenti
e tutor ad insegnare conoscenze, abilit e attitudini rilevanti per queste competenze

4
generiche, cos come quelle pi specifiche per la propria materia o area disciplinare (2:
238).
Cos come concepito, il pensiero critico coinvolge abilit oltre a determinati
atteggiamenti. Essi sono portati a individuare un problema e le sue ipotesi associate,
chiarire e focalizzare il problema, e l'analisi, la comprensione e facendo uso di deduzioni,
logica induttiva e deduttiva, cos come giudicare la validit e l'affidabilit delle ipotesi, le
fonti di dati o delle informazioni disponibili .... La valutazione vista come una capacit di
base. Gli atteggiamenti o disposizioni come uno 'spirito di ricerca' vengono visti anche da
alcuni scrittori nel campo come molto importanti ... per esempio, il punto di vista di Ennis
del pensiero critico coinvolge disposizioni generali, trasferibili su contesti diversi, cosi da
essere 'mentalmente-aperti ', saper ' abbozzare cautamente ipotesi non giustificate 'e'
valutare la credibilit delle prove '. Queste abilit e disposizioni si verificano in una
prospettiva globale in cui il pensiero concettualizzato come un tipo di argomentazione
motivata esplicitamente con una dimensione sociale (2: 239).

In aggiunta a queste capacit di analisi deduttive, il pensiero critico coinvolge altre tre
componenti correlate:
1) la capacit di impegnarsi nel discorso argomentato;
2) la capacit di ragionare attraverso sette standard intellettuali:
chiarezza
precisione
rilevanza
profondit
ampiezza
logica;
3) l'impegno con sette disposizioni e caratteristiche orientate alla creazione di valore:
umilt intellettuale
coraggio intellettuale
empatia intellettuale
integrit intellettuale
la perseveranza intellettuale
fede nella ragione
equanimit (5, 1).
Inoltre,
Dal momento che metacognizione (e quindi il pensiero critico) la chiave per la
comprensione, deve essere una componente tenuta in grande considerazione
nell'insegnamento di alfabetizzazione (1: 271, una mia aggiunta tra parentesi).

In un mondo in rapida trasformazione e sempre pi globalizzato, il pensiero critico


garantisce pensiero interdisciplinare, trans-disciplinare flessibilit e discernimento
interculturale.
Il pensiero critico non solo un'altra opzione educativa. Piuttosto una parte
indispensabile di istruzione, perch, essendo in grado di pensare in modo critico una
condizione necessaria per essere educati, e perch l'insegnamento con lo spirito del
pensiero critico l'unico modo per soddisfare l'ingiunzione morale del rispetto per gli
individui, che devono essere applicate agli studenti cos come a chiunque altro. Secondo
questo ragionamento, gli studenti hanno il diritto morale di insegnamento che incarna lo
spirito del pensiero critico e il diritto morale di essere insegnato a pensare in modo critico
(4: 1).

3. Pensiero critico deve diventare parte integrante della persona


Come illustrato dal suddetto elenco di abilit e caratteristiche, essere in grado di
pensare criticamente chiaramente una caratteristica integrante di un individuo con
una mente critica.
... L'istruzione ha quindi la missione di coltivare individui con uno spirito critico (4, 5) che
deve essere utilizzato anche per "girare su se stesso" in modo tale che l'individuo sia in
grado di pensare criticamente relativamente al suo pensiero: "senza questo, il pensiero
critico diventa mera critica, invece di una ricerca onesta e aperta della verit ... per
evitare questo, gli insegnanti devono spiegare il valore dello spirito critico e visualizzarli
nei loro rapporti personali con gli studenti. "

Gli insegnanti hanno la responsabilit di fornire non solo l'insegnamento del pensiero
critico, ma devono anche modellare lo spirito critico. Chiaramente, non si pu
concepire un corso di pensiero critico dato che la coltivazione di uno spirito critico non
pu essere una disciplina legata ad un processo:
Infatti vi una buona prova empirica che una buona conoscenza ed un buon pensare
sono indissolubilmente legati... Sembra quindi importante che il pensiero critico venga
insegnato nel corso d'insegnamento di conoscenze di una materia. Unendo queste idee
con le descrizioni del pensiero critico ... Una semplice ed efficace misura che gli
insegnanti potrebbero utilizzare nel loro insegnamento quello di porre maggiormente
l'accento sulle particolari forme di ragionamento all'interno della propria area della
propria disciplina e di dare esempi di come queste forme di ragionamento possano essere
applicate sia all'interno che al di fuori di quella disciplina (2: 241).

Il pensiero critico deve quindi diventare un "innato" modo di essere.


... I concetti di base del pensiero critico [utilizzato] come un ponte tra tutte le discipline ...
a prescindere dalloggetto che gli studenti stanno studiando, dovrebbero essere in grado
di porre domande fondamentali sul loro modo di pensare ... devono abitualmente
chiedersi:
Qual lo scopo del mio pensiero?
Che cosa sto dando per scontato; quali supposizioni sto facendo?
A quale precisa domanda sto cercando di rispondere? Qual il problema sto cercando di
risolvere?
Quali concetti o idee sono fondamentali per il mio pensiero?
Quali informazioni sto utilizzando?
Come devo interpretare questa informazione?
Entro quale punto di vista sto pensando?
A quali conclusioni sto arrivando?
Se accetto le conclusioni, quali sono le implicazioni?
Quali sarebbero le conseguenze se metto il mio pensiero in azione? (5: 90).

E 'quindi errato di concepire il pensiero critico come un soggetto da insegnare: gli


studenti come possono imparare a pensare in modo critico, se non c' niente da
pensare criticamente? In effetti,
la capacit di pensiero critico non un sostituto dell esperienza, del senso comune, e
della solida conoscenza della materia ... il pensiero critico deve pertanto essere insegnato
all'interno delle aree disciplinari tradizionali, piuttosto che come un soggetto separato ...

6
nessuno sa veramente quale approccio meglio ... Ci sono buone ragioni per credere,
tuttavia, che i principi del pensiero critico insegnati senza finalizzare la loro applicazione
ai problemi del mondo reale non sar utile (4:5).

4. Cosa devono fare gli insegnanti per coltivare il PENSIERO


CRITICO
Chiaramente, prima che gli insegnanti possono aiutare gli studenti a sviluppare la loro
capacit di pensare in modo critico, gli insegnanti stessi devono essere pensatori
critici.
Una condizione necessaria per insegnare agli studenti ad essere metacognitivi una
comprensione pedagogica di metacognizione. Comprensione pedagogica si riferisce a
'conoscenze degli insegnanti relative ad istruzioni efficaci per aiutare gli studenti a
raggiungere un obiettivo, in questo caso diventa metacognitiva (1: 270) .... la
consapevolezza degli insegnanti di ci che necessario per l'insegnamento e
l'apprendimento ha un forte impatto sulla loro pratica. Tale impatto riguarda
l'apprendimento degli studenti (1: 272).

In una indagine a livello di stato su come insegnanti-formatori in California avessero


compreso il costrutto del pensiero critico, Paul et al., (1997) ha rilevato che un numero
sorprendentemente basso di docenti universitari, responsabili per l'insegnamento e
leducazione, ha avuto una comprensione operativa di questo concetto di "secolare".
... I ricercatori hanno condotto interviste con docenti e la materia oggetto dell'istruzione
nelle scuole pubbliche e private e le universit. I risultati indicano che pochi membri
della facolt nella preparazione degli insegnamenti hanno approfondito l'esposizione alla
ricerca sul concetto, e la maggior parte aveva solo una vaga comprensione di ci che il
pensiero critico stato e come sia stato coinvolto nell importarlo felicemente nella
istruzione ... (5)

Questo risultato sorprendente se si considera che il "pensiero critico" stato


probabilmente il principale obiettivo della formazione sin dal formarsi del concetto di
"educazione". Nonostante 2500 anni di storia, a partire da Aristotele (5), il pensiero
critico, anche se molto ben conosciuto e innegabilmente "importante", non
facilmente comprensibile:
... Nonostante il riconoscimento del ruolo della metacognizione nel successo degli
studenti, stata fatta una ricerca limitata per esplorare esplicita consapevolezza degli
insegnanti della loro metacognizione e la loro capacit di pensare, parlare, e scrivere il
loro pensiero ... Questo tipo di istruzione complessa e richiede che gli insegnanti
facciano della metacognizione l'obiettivo per l'istruzione di alfabetizzazione ... [Purtroppo,
la maggior parte degli insegnanti] sono pi propensi a testare la comprensione che
insegnare la comprensione. Questi test richiedono che gli studenti processino il testo
dopo averlo letto, piuttosto che essere metacognitivi durante la lettura. " Il presupposto
degli insegnanti sembrava essere che, se i loro studenti avessero semplicemente letto,
letto, e riletto, e poi successivamente fossero stati testati, collaudati e testati, essi
sarebbero diventati good comprehenders sarebbero diventati lettori autoregolamentati , utilizzatori di strategie di comprensione" ( Pressley, 2002, p. 303). A
causa della disconnessione tra la ricerca che identifica chiaramente i modelli didattici che
rendono gli studenti metacognitivi e l'istruzione in aula [ci si deve chiedere ] che gli
insegnanti devono capire le questioni pedagogiche che riguardano l'insegnamento della
metacognizione (1:271).

7
Concessi adeguati laboratori e corsi di formazione per insegnanti, possibile fornire
agli insegnanti le competenze per incorporare il pensiero pedagogico in classe, e
quindi promuovere uno spirito critico il pensiero nei loro studenti (5).
Il progetto METODO svilupper un questionario per ottenere un profilo quantitativo che
risponde alla domanda "quanto sono preparati gli insegnanti in Italia per la
coltivazione di pensiero critico nei loro studenti?" La risposta a questa domanda prima
di tutto fornir un profilo nazionale di come gli insegnanti in Italia concepiscono il
pensiero critico e quindi come fare per promuovere lo spirito critico pensiero nei loro
studenti. Il questionario cercher inoltre di individuare eventuali lacune, se del caso,
esistono in credenze degli insegnanti nel modo in cui dovrebbero coltivare il pensiero
critico nei loro studenti.
Al fine di produrre un profilo realistico, il questionario METODO conterr due tipi di
domande: In primo luogo, le domande che verificheranno direttamente sugli
insegnanti stessi la loro comprensione, l'applicazione e la considerazione del pensiero
critico e in secondo luogo, il questionario potr identificare lacune nel modo di
pensare degli insegnanti prendendo in considerazione la ricerca che ha enucleato
errori didattici comuni e pregiudizi che non sono favorevoli a coltivare il pensiero
critico. Dal momento che tali malintesi ed errori sono stati identificati dai progetti di
ricerca internazionali, incorporarli nel questionario METODO far in modo che i risultati
concernano lindirizzo internazionale.
Quali sono dunque alcune pratiche comuni mal concepite che gli insegnanti utilizzano
nella convinzione che essi coltivino il pensiero critico, ma che in realt non fanno? Un
errore pu essere linsensibilit degli insegnanti al contesto: non utile ricorrere a
complesse strategie di problem-solving quando strategie meno complesse possono
essere sufficienti. Tutto ci si pu osservare confrontando come gli esperti pensano ad
affrontare i problemi come neofiti:
... Esperti posseggono molto pi informazioni di novizi e hanno automatizzato molte delle
sequenze in una soluzione del problema, sono in grado di arrivare ad una soluzione
corretta in molto meno tempo dei novizi ... Il possesso di maggiori informazioni e pi
tecniche automatizzate di problem solving , tuttavia, solo una parte di ci che distingue
l'esperto dal principiante. Un'altra differenza riguarda l'euristica (metodi problem-solving)
utilizzata da entrambi i gruppi. In genere, i novizi risolvono i problemi lavorando a ritroso
dalla soluzione sconosciuta ai fatti che sono indicati nella dichiarazione del problema.
Lavorando a ritroso in questo modo di solito viene considerata una sofisticata strategia.
Gli esperti sono pi selettivi nel loro approccio. Quando i problemi sembrano suscettibili di
soluzione relativamente semplice, gli esperti lavorano in avanti dai fatti esposti senza
alcuna pianificazione particolare, se non per generare informazioni tanto circa la
situazione problematica possibile con dei fatti. Il loro pensiero che la soluzione si
trasformer in mezzo a queste informazioni. Strategie di lavoro a ritroso sono impiegate
da esperti solo per i problemi pi difficili .... il fisico esperto si avvicina a un problema
prendendo inizialmente decisioni sulla strategia complessiva da utilizzare prima di
arrivare al processo reale per risolvere il problema. Il novizio, d'altro canto, si mette
subito a lavorare al processo di problem-solving. Il tempo trascorre l'esperto in
pianificazione iniziale paga alla fine ... pensatori migliori si concentrano inizialmente
sulla corretta individuazione del problema che devono risolvere. I pensatori pi poveri
di solito non riescono a identificare il problema corretto, possono semplicemente ripetere
i dettagli della loro voce come risposta al problema, e spesso coinvolti in dettagli
irrilevanti relativi alla linea fuori strada, che li conducono sulla tangente lontano dal vero

8
problema che devono risolvere ... senza riconoscere che stanno andando fuori strada ...
(4:4).

Lungo le linee di "perdita dellala strada", alcuni insegnanti credono erroneamente che
la richiesta di domande totalmente aperte promuova il pensiero critico, quando in
realt queste domande non possono. La dimostrazione si pu da un brano tratto da
una ricerca sul discorso di classe:
T: date un rapido sguardo alla piano cella ... dove la differenza ...
S: la cellula vegetale ha un nucleo pi grande.
T: ah non questo il nucleo ..., concernente l'esterno e la forma della cellula ...
S: si ... ha un ... ahm.
T: uno ... ha una membrana pi forte s una parete cellulare / e per quanto riguarda la
forma ... la forma della cellula vegetale molto pi
S: ah ... regolare ...
T: regolare esattamente. Allora perch pensi che cos ... perch le cellule vegetali hanno
una forma regolare e una parete cellulare e cellule animali solo una membrana ... quali
sono gli animali in grado di fare rispetto alle piante? ... (7: 82-82).

La caratteristica che colpisce di una tale "dialogo", che probabilmente piuttosto


tipico di molte classi, il fatto che davvero un monologo con interiezioni degli
studenti. In realt, l'insegnante sostituisce facilmente le interazioni degli studenti e il
processo diventa quello in cui "l'insegnante chiede e risponde alle domande a se
stesso": L'errore che l'insegnante sta facendo domande che sono troppo
indeterminate per il grado di conoscenza degli studenti. Semplicemente utilizzando le
domande come queste chiaro che il modo di coltivare il pensiero critico non
migliore rispetto alle tradizionali lezioni di trasferimento dati. Purtroppo, gli insegnanti
spesso credono che semplicemente coinvolgendo gli studenti in questo tipo di
"dialogo" e non in lezioni coltiva automaticamente il pensiero critico: il contenuto
coperto da una lezione frontale potrebbe in realt essere pi ben delineato e quindi
efficace.
Ugualmente quando il modello di pensiero critico degli insegnanti non una abilit
globale ma un modo per risolvere problemi delimitati "
... L'insegnante di scuola, come quelli in altri livelli di istruzione, non pu che facilitare
questo processo individuale [i.e. coltivare il pensiero critico]. Tuttavia, troppo spesso
sembra essere l'insegnante o docente che crea il problema (s) e mostra allo studente
come si pone e risolve il problema e poi lascia allo studente di risolvere problemi simili,
spesso con risposte modelli forniti come feedback (2: 243).

Solo perch gli studenti possono ripetere un unico "pensiero critico" il processo non da
alcuna garanzia che lo studente stia guadagnando capacit di pensiero critico: gli
insegnanti non dovrebbero limitarsi al modo in cui "fare-dopo-me" per coltivare il
pensiero critico.
In aggiunta,
Raths et al., (1996) ha identificato otto modelli di comportamento e [piuttosto]
permanenti e immutabili attributi degli studenti che indicano deficit nel pensiero buono.
Questi erano gli studenti che:
(1) agiscono senza pensare (impulsivo);

9
(2) hanno bisogno di aiuto ad ogni passo (over-dipendente);
(3) utilizzano obiettivi incompatibili con le strategie (non percepiscono relazioni causaeffetto);
(4) hanno difficolt con la comprensione (miss significato);
(5) sono convinti della 'giustezza' delle loro credenze (dogmatismo);
(6) operano all'interno di insiemi di regole strette (rigidit / rigidit);
(7) hanno paura;
(8) condannano il pensiero buono come una perdita di tempo (anti-intellettuale).
Raths et al. andato a discutere i comportamenti degli insegnanti che hanno sostenuto
linibizione del pensiero buono. Ad esempio, ogni insegnante, non importa a quale
livello, che:
(1) d'accordo o semplicemente non d'accordo,
(2) dimostra giustamente e spiega,
(3) interrompe le risposte degli studenti,
(4) utilizza il rimprovero, piuttosto che la lode,
(5) scuote la fiducia dello studente nel valore delle idee nuove o
(6) utilizza praticamente solo il recupero o richiama i tipi di domande (2:242).
inibisce a pensare.

Sternberg ha individuato otto errori nel modo di essere insegnanti e di crede che
ostacolino la coltivazione del pensiero critico nei loro studenti.
Linsegnante crede:
(1) non hanno nulla da imparare dagli studenti: nella zona del pensiero critico,
l'insegnante anche uno studente che ha bisogno di essere ricettivo alle nuove idee.
(2) il pensiero critico solo il lavoro del docente: si tratta della convinzione che essi
devono pensare le risposte e queste dovrebbero essere presentate scorrendo via lisce
senza intoppi e, utilizzando la migliore tecnologia disponibile. Il punto da fare qui che
entra in risonanza con la difesa attuale del problem-based learning come strumento di
pensiero students il miglioramento dell'accesso che l'insegnante ha bisogno di essere
coinvolti in questo processo, a volte pi come un facilitatore che come istruttore.
(3) c' un 'programma corretto' per la trasmissione del pensiero critico. Sternberg (1987)
ha fatto il punto utile che non c' un programma pensiero corretto: dipende dagli obiettivi
del programma e del contenuto. Dipende anche, naturalmente, dal contesto o cultura in
cui il pensiero dello studente deve essere situato.
(4) la scelta di un programma pensiero critico si basa su un numero di scelte binarie (es
olistica o processo basato, consegna flessibile vs faccia-a-faccia), di solito quello che sar
efficace una combinazione di approcci da un'ampia gamma .
(5) ci che veramente importante la risposta 'giusta', quando chiaramente non il
pensiero dietro la risposta che importante.
(6) la discussione un mezzo per un fine. Il pensiero critico pu rivelarsi fine a se stessa.
(7) la nozione di padronanza-learning (ad esempio, lo studente dovrebbe essere al 90 per
cento corretto, il 90 per cento del tempo) che implica (irragionevolmente) qualche limite
massimo per il buon pensiero: di solito il pensiero e le prestazioni possono essere
ulteriormente migliorata.
(8) il ruolo di un corso di pensiero critico quello di insegnare il pensiero critico. (2:242243)
Sembra che ci sia un piccolo dubbio che gli otto errori ostruttivi di Sternberg sul pensiero
critico siano degni di considerazione ... l'azione in fase di progettazione del curriculum

10
design [ necessario] per garantire che le modifiche siano programmate per migliorare
piuttosto che inibire il pensiero critico (2: 243).

5. Riassunto
Il pensiero critico non quindi una competenza che dovrebbe venire attraverso corsi
'add-on' separati, ma deve passare attraverso gli insegnanti che presentano contenuti
'consapevolmente' (2:243), in modo che gli studenti assumano uno "spirito critico" e
un modo di essere. Gli allievi svilupperanno capacit di pensiero critico attraverso ben
progettati corsi di problema-base che incoraggiano gli studenti a pensare in modo
critico sul contenuto ... con i corsi che iniziano con i problemi piuttosto che di lezioni e
esercitazioni volte a insegnare agli studenti una somma di conoscenze (2:247). Gli
insegnanti devono rendersi conto che il loro contenuto oggetto non la messa a
fuoco, ma il veicolo che trasporta le capacit di pensiero critico (Swartz & Perkins,
1990). Il contenuto offre qualcosa a cui pensare, ma l'istruzione cognitiva fornisce i
modi per coinvolgere gli studenti nella gestione che il contenuto in modo riflessivo (3:
161).

Sappiamo che gli studenti metacognitive hanno successo a scuola (1). Purtroppo, gli
insegnanti tendono a ricompensare quelli tranquilli non pensatori. Questi ricercatori
hanno sostenuto che i programmi scolastici educativi che sostenevano corsi didattici
pi efficaci raramente ha fornito i mezzi attraverso i quali gli studenti potrebbero
imparare pratiche volte al 'pensare bene'. Sembra che raggiunto il 21 secolo, per
molti studenti, l'educazione per questi aspetti non cambiata molto (2:242). Inoltre,
gli insegnanti che non pensano criticamente non possono effettivamente favorire il
pensiero critico degli studenti. Tuttavia, non ne consegue che un insegnante che pensa
criticamente sar automaticamente efficace nel coltivare il suo pensiero critico o suoi
studenti (5:94). Gli insegnanti devono avere una comprensione ricca di
metacognizione ... insegnare agli studenti ad essere metacognitive richiede una
comprensione complessa sia del concetto di metacognizione sia delle strategie di
pensiero metacognitive (1). Per funzionare in modo regolare attraverso una societ in
rapido mutamento di informazioni in tutto il mondo, l'educazione del 21 secolo deve
preparare gli studenti per un nuovo millennio, in cui la capacit di pensare bene un
premio (2: 247). Io dico che non un premio, ma una competenza essenziale come se
si accendesse un computer.

In questo modo l'importanza di questo progetto METODO, che si concentrer su


come ...