Sei sulla pagina 1di 3

Anonimo dell'anno 379

Stelle lucide, passionali, nocive, soccorritrici. (1)


tradizione di Giuseppe Bezza da CCAG V/1 pp. 194-211.

Quando in una genitura trovi la Luna accostarsi ad una delle stelle brillanti ed insigni ovvero quando essa
prossima all'uguaglianza in gradi e soprattutto quando la Luna si muove nella medesima direzione (2) della
stella luminosa che prossima per gradi alla Luna, queste condizioni creano le geniture grandi, splendide,
insigni e opulente. Allo stesso modo, se una delle stelle brillanti all'oroscopo o sorge al momento natale o
ancora se perpendicolare trovandosi alla culminazione o si trovasse in un altro angolo, produce i gloriosi, i
potenti, coloro che hanno un comando, che hanno molte attivit, che molto posseggono, che sono ben noti o
temuti nelle citt e nelle regioni. In particolare, i nativi
avranno celebrit in quelle regioni che gli astri brillanti
sovrastano ovvero in quelle in cui consorgono al tempo in
cui qualcuno nacque, come registrato nella tabella.
Se sorgono all'oroscopo o culminano al sommo del cielo
danno prosperit fin dalla giovinezza e nelle proprie citt;
ma se al momento natale una di queste stelle brillanti si
trova nell'angolo del tramonto, produce il benessere
soprattutto all'estero e intorno all'et media e nozze
splendide e diverse e cospicue propriet concede,
segnatamente a causa di persone femminili. Se uno di
questi astri brillanti si trova nel centro sotterraneo al
momento del parto, arreca prosperit e benessere al nativo
soprattutto nella sua vecchiaia e per depositi o crediti o
legati fiduciari, poich invisibile questo luogo; la sua
morte insigne e a tutti nota: da questo luogo infatti si
giudica della stima (3) dopo la morte del corpo. Queste
cose siano dunque sufficienti per quanto concerne le
dignit: di norma, ogni uomo che nasce al sorgere di una
stella brillante o quando una tale stella angolare o
quando la Luna le si accosta, come predetto, al momento
del parto, costui avr vita splendida e illustre.
L'operazione naturale di queste stelle grandissima,
mirabile e varia e gli effetti che portano a compimento
sono diversi a seconda del mutare dei luoghi, onde
necessario esporre le osservazioni che i nostri predecessori
hanno compiuto riguardo al loro temperamento peculiare.
Ora, poich ciascuna delle stelle inerranti ha intima
relazione con i pianeti e con un loro consimile
temperamento, ogni stella ha la medesima virt e manda
ad effetto le medesime cose dei pianeti, come dice lo
Scrittore medesimo: non occorre considerare soltanto la
commistione dei cinque astri e del Sole e della Luna tra loro, ma anche rispetto a quegli astri inerranti che
condividono la loro natura (4). Queste considerazioni possono essere condotte secondo le familiarit che
intrattengono con gli astri erranti e che sono dichiarate e registrate nella tabella, in quanto medesime sono le
loro qualit efficienti e le virt che mandano ad effetto. Non vi dubbio che questa identificazione delle stelle
inerranti non la troviamo che in pochi fra gli antichi, in particolare in coloro che hanno ragionato intorno a
questa parte della previsione e alla scienza divina dei numeri. Ed invero alcuni fra gli antichi esposero la
conoscenza e la qualit dei fenomeni in modo sparso ed oscuro. Dal nostro canto, abbiamo voluto preservarne
la memoria a coloro che sono degni delle stelle e abbiamo preso dalla dottrina astronomica quanto di utile ha
esposto Tolemeo in questa scienza. Abbiamo quindi elaborato e composto per primi questa tabella pi recente e
facilmente intelligibile, che mostra tutta la sapienza e la conoscenza dei fenomeni celesti. Doveva, a questo