Sei sulla pagina 1di 4

Memorie informatiche

di

Cannata Christian

Classe 4IB
Per memoria informatica intendiamo la parte del computer destinata a conservare informazioni per un
certo periodo di tempo. La memorizzazione delle informazioni in memoria, e il suo recupero, sono funzioni
fondamentali nel funzionamento del computer. Una memoria può essere considerata come una sequenza
finita di celle in cui ogni cella contiene una sequenza di bit.

La memoria informatica si può classificare secondo vari criteri:

• ordine di accesso (memorie ad accesso diretto o memorie ad accesso sequenziale)


• possibilità di scrittura (memorie a lettura-scrittura, memorie scrivibili una sola volta, memorie a
sola lettura)
• velocità di lettura
• velocità di scrittura
• costo unitario
• volatilità
• tecnologia (elettronica, magnetica, ottica, magneto-ottica)

Le memorie per computer possono usare varie tecnologie che forniscono prestazioni e costi molto variabili.
Le memorie veloci ma dall'alto costo unitario vengono chiamate memorie primarie, mentre per le memorie
dal basso costo unitario ma lente vengono chiamate memorie di massa o secondarie.

Adesso analizziamo in delle tabelle le caratteristiche di ogni memoria:

Per gerarchia:

Questa piramide è molto intuitiva e rappresenta la gerarchia delle memorie di un pc. Al primo gradino
abbiamo la memoria più veloce, i registri della cpu. Poi abbiamo la memoria cache(vari tipi), la RAM (fisica e
virtuale).Questi due tipi di memoria sono utili per memorizzare temporaneamente i dati al suo interno. Poi
abbiamo i vari tipi di memorie di massa che analizzeremo in seguito.
Registri della CPU

Sono delle celle di memoria costruite sulla CPU che possono contenere dati necessari particolarmente alla
ALU. E’ un tipo di memoria atta a contenere massimo 8 bit di memoria

Cache

Le memorie cache sono state create per far si che i dati più usati dalla CPU siano immediatamente
accessibili senza dover compiere tutto il tragitto dalla memoria alla CPU. Questo viene realizzato
costruendo una piccola quantità di memoria direttamente sulla CPU. Si tratta di una quantità variabile da 2
a 64 KB e viene detta cache primaria o cache di livello 1.

Cache secondaria

La cache secondaria risiede invece su una memoria collocata vicino alla CPU. Ha un circuito integrato sulla
scheda madre detto L2 controller che ha proprio il compito di regolare l'uso della cache secondaria. La
capacità di questa cache varia da 256 KB a 2 MB e dipende dal tipo di CPU.

Ram

La memoria ad accesso casuale RAM (random access memory) è il miglior tipo di memoria disponibile oggi
per i computer.
E’ una tipologia di memoria informatica caratterizzata dal permettere l'accesso diretto a qualunque
indirizzo di memoria con lo stesso tempo di accesso. Inoltre la ram è una memoria ad accesso casuale.

SRam

Nelle SRam (Static Random Access Memory), ovvero RAM statica le celle sono disposte a matrice e
l’accesso avviene specificando la riga e la colonna. Consentono di mantenere le informazioni per un tempo
infinito, sono molto veloci, consumano poco e quindi dissipano poco calore. La necessità di usare molti
componenti, però, le rende molto costose, difficili da impacchettare e con una scarsa capienza. Proprio per
la loro bassa capienza, sono solitamente usate per le memorie cache, dove sono necessarie elevate velocità
in abbinamento a ridotti consumi e capienze non troppo elevate (dell'ordine di pochi Mb).

DRam

La DRam (Dynamic Random Access Memory), ovvero ram dinamica è costituita, da un transistor che separa
un condensatore il quale mantiene l'informazione, dai fili di dati. È così possibile usare un solo componente
per ogni cella di memoria, con costi molto ridotti e la possibilità di aumentare notevolmente la densità di
memoria.
Flash Memory

Le Flash Memory vengono usate per memorizzare informazioni in modo veloce e semplice. Sono usate più
come dei piccoli hard disk piuttosto che come RAM.
Ecco alcuni esempi di Flash Memory:

• Il Bios del computer


• Le Memory Stick
• Chiavette USB

Approfondimento Chiavi USB

Una chiave USB, o penna USB, o pendrive, è una memoria di massa portatile di dimensioni molto contenute (qualche centimetro in
lunghezza e intorno al centimetro in larghezza) che si collega al computer mediante la comune porta USB. Nella chiave USB i dati
sono memorizzati in una memoria flash. Attualmente la capacità di memoria delle chiavi USB va da 512 megabyte in su.
Inizialmente la velocità di lettura/scrittura della memoria flash contenuta nella chiavette era molto bassa. Recentemente invece
quasi tutte le chiavette di nuova costruzione utilizzano la più veloce versione di banda di trasferimento 2.0. Nello scaricamento e
caricamento di dati la chiavetta USB è il supporto con il minore ingombro (sta in tasca) più veloce: supera in velocità di lettura e
scrittura i CD-ROM e DVD-ROM, ma è più lento delle componenti interne del computer (memoria cache, RAM e Hard Disk).
Attualmente sono in commercio chiavette USB da 64 GB e ne sono state testate altre da 128 Gb. Un vantaggio è la sua versatilità,
tutti i sistemi operativi moderni infatti non richiedono l'installazione di driver per riconoscere le chiavi USB. Un aspetto negativo è il
fatto che dopo un lungo periodo di utilizzo, la memoria presente nella chiavetta potrebbe perdere dati. In questo caso basta
formattare la chiavetta per riavere l'affidabilità originaria.

Tabella riassuntiva delle memorie

Memoria Velocità di accesso Dimensioni


Registri 1-2 ns 16-256 Byte
Cache 3-10 ns 1-32 Kbyte
Sram 20-50 ns 32-512 Kbyte
Dram 60-250 ns 1-4096 Mbyte
Hard disk 5-20 ms Fino a 2 Tbyte
Flash Memory Dipende dal tipo Fino a 128 Gb
Cd-Rom/DVD-Rom 100-500 ms Da 700 Mb a 17 Gb
Floppy disk 250 mS 1,44 Mb

Fonti: wikipedia.it , http://www.comefunziona.net, itipedia.org