Sei sulla pagina 1di 8

Linfa e sistema linfatico

Poco conosciuto, ma molto importante, il sistema linfatico consente alla linfa di fluire nei tessuti
corporei, drenando ogni angolo dell'organismo prima di riversarsi nelle vene toraciche. Parallelo al
sistema cardiocircolatorio, il sistema linfatico si oppone ad eccessivi accumuli di fluidi nei tessuti
ed considerato il baluardo di difesa del nostro organismo. Lungo le vie linfatiche esistono infatti
degli organi, chiamati linfonodi, capaci di produrre i cosiddetti linfociti, una serie speciale di
globuli bianchi deputata all'eliminazione dei microrganismi ostili. Quando l'organismo sta
combattendo un'infezione i linfonodi accelerano la sintesi e la trasformazione di questi linfociti,
aumentando cos di volume e diventando apprezzabili e dolenti al tatto (da qui l'espressione "avere i
linfonodi ingrossati").
Il sistema linfatico costituito da un articolato sistema di vasi, molto simile a quello circolatorio
venoso e arterioso. A differenza del sangue, la linfa non viene spinta dall'attivit cardiaca, ma scorre
nei vasi mossa dall'azione dei muscoli. Contraendosi e rilassandosi, questi tessuti funzionano come
una vera e propria pompa. Quando tale azione viene meno, per esempio a causa dell'eccessiva
immobilit, la linfa tende a ristagnare, accumulandosi nei tessuti. Ecco spiegato come mai piedi e
caviglie si gonfiano quando si rimane a lungo in piedi in una posizione statica. Per lo stesso motivo,
quando la gamba immobilizzata da una ingessatura occorre mantenerla sollevata al di sopra del
livello del cuore (proprio per fare in modo che la forza di gravit agevoli il drenaggio linfatico).
Similmente a quelli del sistema cardiocircolatorio, i vasi linfatici pi piccoli, detti capillari, si
trovano nelle regioni periferiche dell'organismo e, riunendosi tra loro, danno origine a vasi sempre
pi grandi, fino a riversarsi nel dotto toracico. A differenza di quelli sanguigni, i capillari linfatici
sono a fondo cieco e sono dotati di una parete ancor pi sottile, formata da cellule separate da ampie
aperture. La linfa trasportata dal dotto toracico, unendosi a quella presente nei vasi provenienti dalla
parte superiore del corpo, si riversa a livello della congiunzione tra vene succlavie e vena giugulare.
In corrispondenza di alcune giunzioni tra i vari dotti linfatici, situate in punti strategici
dell'organismo, troviamo vere e proprie stazioni di filtraggio dette, appunto, linfonodi. Lungo il
sistema linfatico incontriamo anche i cosiddetti organi linfatici, deputati alla produzione ed alla
purificazione della linfa (timo, milza e midollo osseo).
Di colore trasparente, giallo paglierino o lattescente a seconda dei casi, la linfa contiene zuccheri,
proteine, sali, lipidi, amminoacidi, ormoni, vitamine, globuli bianchi ecc. Rispetto al sangue, la linfa
particolarmente ricca di lipidi; nell'articolo dedicato all'assorbimento dei grassi abbiamo infatti
ricordato come, dopo l'assorbimento intestinale, le molecole lipidiche vengano riversate nel sistema
linfatico sottoforma di particolari lipoproteine dette chilomicroni.
I vasi linfatici di maggiori dimensioni si caratterizzano per il susseguirsi di restringimenti e
dilatazioni a cui si associano vere e proprie inserzioni valvolari che, similmente a quelle del sistema
venoso, impediscono il reflusso della linfa obbligandola a scorrere in un solo senso; la parete di
alcuni di questi vasi ha anche capacit contrattile. Tutte queste peculiarit anatomiche sono
fondamentali per consentire il passaggio unidirezionale della linfa: dal liquido interstiziale dei
tessuti verso la circolazione sistemica, anche contro gravit.

La linfa deriva direttamente dal sangue ed ha una composizione ad


esso molto simile, nonostante sia pi ricca di globuli bianchi e
poverissima di quelli rossi. Circolando negli spazi interstiziali
(compresi, cio, tra una cellula e l'altra) ha lo scopo di riassorbire il
plasma (parte liquida del sangue) presente in queste zone. Le
sottilissime pareti dei capillari sanguigni sono infatti permeabili
all'acqua e a varie sostanze; proprio grazie a questa permeabilit,
pu avvenire il passaggio di ossigeno e sostanze nutritive dal
sangue ai tessuti che, dal canto loro, riversano nel torrente ematico
anidride carbonica e prodotti di rifiuto. La linfa rappresenta un
efficace sistema attraverso cui l'organismo raccoglie liquidi e
materiale di scarto dalla periferia per poi veicolarlo agli organi di
Questa condizione, detta
depurazione (fegato, reni, polmoni, linfonodi). Sotto questo punto
elefantiasi, si caratterizza per il di vista, la funzione del sistema linfatico quindi molto simile a
vistoso ingrandimento degli
quella del circolo venoso.
arti inferiori a causa del blocco
dei vasi linfatici da parte di
Quando il prezioso sistema di drenaggio linfatico va in tilt si
alcuni parassiti.
possono accumulare notevoli quantit di liquidi negli spazi
interstiziali a causa del gradiente osmotico sfavorevole (passaggio
di acqua dalla soluzione a concentrazione minore a quella a concentrazione maggiore, cio dal
sangue agli spazi interstiziali). Questa condizione definita edema e, come ricordato, la tipica
conseguenza dell'immobilizzazione prolungata. Oltre che da un inadeguato drenaggio linfatico,
l'edema pu essere causato dall'aumento della filtrazione capillare rispetto al riassorbimento; questa
condizione tipica di alcune malattie come l'insufficienza cardiaca e la malnutrizione calorico
proteica (kwashiorkor).

FUNZIONI DEL SISTEMA LINFATICO


- riportare in circolo il liquido e le proteine filtrati dai capillari sanguigni
- trasferire i grassi assorbiti a livello dell'intestino tenue nella circolazione sistemica
- catturare e distruggere patogeni estranei all'organismo, producendo e trasformando le cellule
deputate alla loro neutralizzazione

Per mantenere in salute il proprio sistema linfatico molto importante svolgere regolare attivit
fisica, in modo da favorire l'azione della "pompa muscolare". Quando questa sana abitudine si
associa ad un'alimentazione equilibrata, le difese immunitarie massimizzano la loro efficacia,
impedendo cos che il sistema linfatico vada in tilt per il troppo lavoro. Esistono inoltre delle
particolari tecniche di massaggio che aiutano il sistema linfatico a drenare pi efficacemente il
liquido che ristagna nelle zone periferiche (linfodrenaggio manuale).

Da: http://www.winformweb.it/estetica/trattamenti/guida-sistema-linfatico.html

Cos il Sistema Linfatico?


la parte specializzata del sistema circolatorio, poco conosciuta ma di estrema importanza.
costituito da vasi linfatici che permettono di drenare tutto lorganismo e di eliminare i liquidi
in eccesso che si accumulano. Serve a ripulire lorganismo e a riportare nuova linfa nei vari
distretti del corpo. I liquidi in eccesso entrano allinterno dei capillari e da qui il liquido prende il
nome di linfa e una volta raggiunti particolari organi, detti nodi linfatici, la linfa viene filtrata e
pulita da scarti e da eventuali microorganismi patogeni.
I nodi linfatici producono anche macrofagi e linfociti, che sono particelle fondamentali per il
sistema immunitario: da non sottovalutare, il sistema linfatico ha anche il compito di vigilanza
immunologica.
Se il sistema linfatico a causa di patologie o di scarso movimento muscolare o entrambe, non
funziona come dovrebbe, i liquidi in eccesso tendono a stagnarsi ed a accumularsi formando il
cosiddetto edema. Questultimo pu essere causato anche da uno sbilanciamento dellequilibrio tra
filtrazione capillare e riassorbimento dei liquidi.

Come mantenere attivo il sistema linfatico?


Per mantenere attivo il sistema linfatico molto utile svolgere attivit fisica in quanto i muscoli
fungono da pompa e stimolano il flusso della linfa. Anche semplicemente passeggiare con
andatura spedita permette di mantenere attivo il linfatico.
Il sistema linfatico pu essere stimolato meccanicamente attraverso tecniche manuali come il
massaggio Vodder o attraverso delle metodiche che sfruttano la radiofrequenza per agire a livello di
capillari. Queste tecniche sono entrambe molto piacevoli per il paziente.
Sono disponibili in commercio creme da applicare una o due volte al giorno, contenenti sostanze
che stimolano in modo naturale il linfatico.
I tre sistemi per aumentare il lavoro del sistema linfatico danno subito una sensazione di
piacevolezza e leggerezza agli altri inferiori e a tutto lorganismo. Sono utili soprattutto per le
persone che stanno molto tempo in piedi.
Il drenaggio linfatico estremamente importante anche per prevenire e curare la cellulite.

Da: http://www.guidasalute.it/il-sistema-linfatico-ecco-come-funziona/165/

Il sistema linfatico: ecco come funziona


Il sistema linfatico costituito da organi, condotti, e nodi. Esso trasporta un fluido acquoso chiaro
chiamato linfa. Questo fluido distribuisce cellule immunitarie e altri fattori in tutto il corpo e
interagisce anche con il sistema circolatorio del sangue per scaricare tale fluido da cellule e tessuti.

Il sistema linfatico contiene cellule immunitarie chiamate linfociti, che proteggono il corpo contro
gli antigeni (virus, batteri, ecc) che invadono il corpo. Inoltre, esso serve a:

rimuovere e distruggere i rifiuti, i detriti, le cellule del sangue morte, gli agenti
patogeni, le tossine e le cellule cancerose.
assorbe grassi e vitamine liposolubili dal sistema digestivo e fornisce questi
nutrienti alle cellule del corpo dove possono essere utilizzate.
rimuove anche il liquido in eccesso e i prodotti di scarto dagli spazi interstiziali
tra le cellule.

La trasformazione

Il sangue arterioso trasporta lossigeno, le sostanze nutritive e gli ormoni per le cellule. Per
raggiungere queste cellule lascia le piccole arterie e si dirige nei tessuti, mediante un fluido noto
come liquido interstiziale da dove distribuisce i suoi prodotti alle cellule. Poi lascia la cellula e
rimuove i prodotti di scarto.
Dopo che questa operazione completata, il 90% di questo fluido ritorna al sistema circolatorio
del sangue venoso.
Cos la linfa

Il rimanente 10% del liquido che rimane nei tessuti, di color chiaro e giallastro e viene
chiamato linfa.

A differenza del sangue, che scorre attraverso il corpo in un ciclo continuo, la


linfa scorre in una sola direzione nel proprio sistema. Questo flusso diretto
verso lalto, verso il collo per lesattezza. Qui, si immette nel flusso venoso del
sangue attraverso le vene che si trovano su entrambi i lati del collo vicino alle
clavicole.
Dopo che il plasma ha consegnato le sue sostanze nutritive e rimosso i detriti,
lascia le cellule. Il 90% di questo fluido ritorna alla circolazione venosa
attraverso le venule e continua il proprio percorso come sangue venoso.
Il restante 10% di questo fluido diventa linfa che un liquido acquoso
contenente prodotti di scarto. Questo liquido ricco di proteine non digerite che
sono state rimosse dalle cellule.

Rete Linfatica

La linfa viene spostata attraverso il corpo tramite gli spazi interstiziali alle vene succlavie alla
base del collo.

Poich limpianto linfatico non possiede un sistema di pompaggio, il suo


movimento verso lalto dipende dal moto del muscolo e dalle pompe articolari.
Con il movimento verso lalto e verso il collo, la linfa passa attraverso i linfonodi
che filtrano la linfa per rimuovere i detriti e gli agenti patogeni.

La linfa purificata continua a viaggiare in una sola direzione, verso lalto e verso
il collo.

Alla base del collo, la linfa purificata fluisce nelle vene succlavie su entrambi i
lati del collo.

Da: http://www.teamsalute.it/Pub/Patologie/Linfoma-di-Hodgkin/Che-cosa-e-il-sistemalinfatico.aspx?idpage=18590
Che cos il sistema linfatico?
Il sistema linfatico uno dei sistemi naturali di difesa dellorganismo contro le
infezioni. un sistema complesso costituito da organi linfatici, quali il midollo osseo, le
tonsille, il timo e la milza, e da una serie di linfonodi. Questi ultimi sono piccole masse
globose di grandezza variabile da un piccolo pisello a una nocciola, sparse in tutto
lorganismo. I pi superficiali e visibili sono localizzati nel collo, nellascella e
nellinguine. I linfonodi pi profondi sono localizzati nel torace (mediastino) e
nelladdome. I vari organi di questo sistema sono collegati fra loro da un sistema di
vasi linfatici, che trasportano la linfa. Si tratta di un liquido acquoso e incolore che
contiene i linfociti, sottogruppo dei globuli bianchi, le cellule del sangue che
combattono le infezioni.

Da: http://salute.doctissimo.it/corpo-umano/sistemi-corpo/sangue-linfatico/la-linfa-e-ilinfonodi.html

La linfa e i linfonodi
Il sistema che produce linfociti e si occupa della circolazione della linfa detto linfatico. Conoscere
funzioni e parti costituenti.

Che cos' il sistema linfatico?

Jupiter

Il complesso degli organi e delle strutture che presiedono alla produzione dei linfociti e alla
circolazione della linfa. Comprende il tessuto linfatico, i vasi e gli spazi linfatici.

Che cos' la linfa?


un liquido chiaro, trasparente, incolore, a reazione debolmente alcalina, che circola nel sistema
dei vasi linfatici. costituita essenzialmente da acqua, proteine, elettroliti, grassi, e da elementi
figurati, soprattutto linfociti; a causa del suo contenuto in fibrinogeno, coagula se viene estratta dai
vasi linfatici.
La linfa che circola nei vasi linfatici del tubo intestinale si chiama chilo. Il movimento della linfa
nel sistema linfatico dovuto in parte all'attivit della muscolatura liscia presente nelle pareti dei
vasi linfatici, in parte ad altri fattori quali la contrazione dei muscoli scheletrici, la pulsazione dei
vasi sanguigni, la pressione negativa intratoracica, la contrazione del diaframma ecc. Per la
presenza di valvole nel lume dei vasi linfatici, il movimento della linfa unidirezionale.

Che cosa sono i vasi linfatici?


Sono canalicoli che conducono la linfa dai luoghi in cui si forma (i tessuti) fino allo sbocco del
sistema linfatico nel sistema venoso (vene cervicali). I vasi linfatici si originano da reti capillari
situate negli interstizi dei tessuti, si portano ai linfonodi (vasi linfatici afferenti), ne escono (vasi
linfatici efferenti) e confluiscono infine nei tronchi linfatici principali o collettori linfatici (dotto
toracico, grande vena linfatica destra, tronco giugulare, tronco mediastinico, tronco succlavio), che
immettono nella circolazione sanguigna; all'interno sono provvisti di valvole (formate da ripiegature
della tunica interna) a livello delle quali il loro calibro presenta una strozzatura. La struttura dei
capillari linfatici differisce di poco da quella dei capillari sanguigni.

Quali sono gli altri organi che conducono la linfa?


Gli organi deputati alla conduzione della linfa sono, dalla periferia al centro:
a) capillari linfatici;
b) vasi linfatici;

c) collettori linfatici e tronchi linfatici principali (dotto linfatico e grande vena linfatica).

Dove si trovano il dotto linfatico e la grande vena linfatica?


Nel torace.

Che cosa sono i linfonodi?


I linfonodi, o linfoghiandole, o ghiandole linfatiche, sono piccoli organi ovali, di dimensioni
variabili da pochi millimetri ad alcuni centimetri, disseminati lungo il decorso dei vasi linfatici e
localizzati in determinate regioni del corpo (collo, ascelle, inguine ecc.) dove possono essere
percepiti al tatto.

Che funzione hanno i linfonodi?


I linfonodi, formati da tessuto linfoide, sono le stazioni ove giungono gli antigeni esterni (per
esempio quelli dei germi) e dove inizia a formarsi la risposta immune.

Come sono costituiti i linfonodi?


I linfonodi sono costituiti da tessuto linfoide, una variet di tessuto connettivo consistente in un
reticolo di fibre e di cellule (cellule reticolari) nelle cui maglie sono situate le cellule specifiche
(cellule linfoidi). I linfonodi sono rivestiti da una capsula di connettivo fibrillare che avvolge la
sostanza propria o parenchima del linfonodo nella quale si distinguono una zona corticale
(contenente i noduli linfatici o linfonoduli) e una zona midollare (nella quale sono localizzati dei
cordoni di tessuto linfoide i cordoni midollari che si anastomizzano variamente tra loro). Negli
spazi interposti tra la capsula, i noduli linfatici e i cordoni midollari, circola la linfa. Ogni linfonodo
presenta in un punto della sua superficie una insenatura che costituisce l'ilo del linfonodo e da cui
escono i vasi linfatici efferenti. Nel margine opposto alla zona occupata dall'ilo giungono al
linfonodo i vasi linfatici afferenti. I principali linfonodi sono raccolti in gruppi, detti stazioni
linfatiche, in cui confluisce la linfa di un territorio topograficamente determinato; prendono nome
dalla regione anatomica in cui si trovano (stazione linfatica mastoidea, paratiroidea,
sottomandibolare, sopraioidea, retrofaringea, cervico-laterale, ascellare, inguinale ecc.).

Da: https://it.answers.yahoo.com/question/index?qid=20080305113739AADWfA2

Che cos' e a che serve il sistema linfatico??


il sistema che raccoglie la linfa interstiziale, presente in tutti gli spazi intercellulari, e la immette
nellapparato circolatorio. Il sistema linfatico permette il trasporto dei grassi digeriti dall'intestino al
sangue, la rimozione dalle cellule danneggiate e la distruzione di sostanze tossiche e di
microrganismi patogeni.
Il sistema linfatico composto da una complessa rete di capillari linfatici, ovvero di sottili condotti
a fondo cieco, le cui estremit si trovano a livello delle cellule dei diversi tessuti.
Il sistema linfatico, determinando il ricircolo della linfa interstiziale nellapparato circolatorio,
permette un riequilibrio dei fluidi presenti nei tessuti, e delle sostanze in essi disciolti. Inoltre,
trasporta le molecole dei grassi che derivano dai processi digestivi a livello dellintestino; un
particolare sistema di capillari sanguigni,il sistema dei vasi chiliferi, a livello dei villi intestinali

raccoglie tali molecole e li immette nella circolazione linfatica. Filtrando attraverso i linfonodi, la
linfa viene ripulita grazie allazione di difesa dei linfociti; in tal modo, essa esplica unimportante
funzione di protezione dellorganismo dalle infezioni. La linfa vascolare progredisce allinterno dei
vasi sospinta in avanti dai movimenti del corpo; il suo riflusso viene impedito da valvole poste a
intervalli regolari entro il lume dei vasi.