Sei sulla pagina 1di 27

Universit di Napoli Federico II

Criteri progettuali di intervento in zona


sismica per il rinforzo di strutture in cemento
armato attraverso materiali compositi
Ph.D. Student
Marco Di Ludovico
Seminario di studio sul Documento CNR-DT 200/2004
10 Giugno 2005

La Struttura

Edificio di tre piani


progettato per soli
carichi verticali
Progettato secondo le
indicazioni della
Normativa Greca
utilizzata dal 1954 al
1995
Struttura regolare in
elevazione ma
doppiamente non
simmetrica in pianta
Telai a 2 campate con
luci da 3 a 6 m

Descrizione della Struttura


Struttura regolare in elevazione
Travi e colonne di ciascun piano sono armate allo stesso modo
Il centro di rigidezza (CR) presenta uneccentricit pari a 1.3 m

nella
direzione X (~13% della dimensione in pianta) e 1.0 m nella direzione Y
(~9.5% della dimensione in pianta) rispetto al centro di massa (CM)

Test Set-up
Tre gradi di libert per piano: due traslazioni e una rotazione attorno
allasse verticale
Quattro attuatori (dei quali tre strettamente necessari) applicati alla
struttura per ciascun piano

Risultati Sperimentali Struttura non


rinforzata

I maggiori danni sono stati riscontrati sulle


colonne:

La struttura stata progettata per soli carichi verticali


nessuna attenzione alla gerarchia delle resistenze
Le colonne hanno dimensioni ridotte e armatura
insufficiente a sopportare sforzo normale e flessione
biassiale

Meccanismo di trave forte pilastro fragile


con formazione di cerniere plastiche nelle
colonne
La mancanza di infittimento della staffatura nei nodi
aumenta il rischio di fenomeni locali di collasso fragile:
rottura del calcestruzzo, istabilit delle barre di acciaio
longitudinali, sfilamento delle barre

Progettazione Intervento di Rinforzo


OBIETTIVI :
Incrementare la duttilit globale della struttura migliorando
la sua capacit di dissipare energia
Prevenire meccanismi di rottura locale al fine di ottenere un
soddisfacente comportamento sismico strutturale
Intervento di rinforzo con materiali compositi:
-Consente di incrementare la duttilit
-Facile e rapido da realizzare
-Non incrementa la massa della struttura
-Non modifica la geometria della struttura

Progettazione Intervento di Rinforzo


Tre tipologie di intervento adottate al fine di
incrementare:
1) Confinamento delle colonne
2) Capacit di resistenza a taglio colonna rettangolare C6
3) Capacit di resistenza a taglio nodi dangolo

Confinamento delle colonne


OBIETTIVO: Incremento duttilit cerniere plastiche
(nessuna modifica gerarchia resistenze)
Il confinamento mediante FRP consente, di incrementare il
valore della deformazione convenzioanle ultima di progetto
del calcestruzzo, cu, ad un valore ccu
1.2 /fcd
1
0.6
0.2
0
0

0.001

0.002

0.003

cu

ccu

0.004

Confinamento delle colonne


Il valore della deformazione ultima di progetto,
ccu fornito dalla relazione:
f
= 0.0035 + 0.015
ccu

l , eff

fl,eff. : pressione efficace di confinamento = f (f ;f ; fd,rid ; pf )


fcd : resistenza di progetto calcestruzzo non confinato
Progettazione con riferimento alla colonna centrale C3
(massimo sforzo assiale P=403 kN). Calcolo incremento
deformazione ultima mediante utilizzo di fibre di vetro e
carbonio

cd

Confinamento delle colonne

= 0.0035 + 0.015
ccu

l , eff

l , eff

cd

1
= k f = (k k k ) ( E
2
eff .

0.83 0.85 R
f =
1.6

ck

cd

f
f

fd , rid

Confinamento delle colonne


Incrementi di deformazione ultima mediante:
Fibre di vetro (GFRP) uniassiali densit 900 g/m2
Fibre di carbonio (CFRP) uniassiali densit 300 g/m2
Section type

Spessore
FRP
tf (mm)

Non rinforzata
1 strato GFRP

0.480

2 strati GFRP
3 strati GFRP

0.960
1.440

1 strato CFRP
2 strati CFRP

0.166
0.332

3 strati CFRP

0.498

%Geometrica
rinforzo

Deformazione
ultima

f
-

ccu (%0)
3.5
8.71

0.00768
0.01536
0.02304
0.00266
0.00531
0.00797

10.87
12.52
8.47
10.52
12.10

Confinamento delle colonne


Incrementi di deformazione ultima mediante:
Fibre di vetro (GFRP) uniassiali densit 900 g/m2
Fibre di carbonio (CFRP) uniassiali densit 300 g/m2
40.00

ORIGINAL

ORIGINAL

35.00

30.00

Moment (kNm)

3STRATI

2 STRATI

1 STRATO

2 STRATI

1 STRATO
25.00

3 STRATI

GFRP UNI-AX 900 g/mq.

CFRP UNI-AX 300 g/mq.


20.00

15.00

10.00

5.00

0.00
10
-10

-88

6
-6

4
-4

2
-2

2
5

Curvature (rad/mmx10 )

10

Confinamento delle colonne


Scelta del tipo di fibre da utilizzare
Entrambe le tipologie analizzate risultano efficaci
da un punto di vista strutturale
Applicazione di tipo interno: no problemi di durabilit

FATTORE ECONOMICO DISCRIMINANTE NELLA SCELTA

Le fibre di vetro consentono un risparmio in termini


economici di circa il 30%

Rinforzo mediante 2
Strati di fibre di Vetro

Confinamento delle colonne


8 Colonne quadrate:
2 strati GFRP uniassiale
1 Piano: Testa: h= 60 cm

Piede: h=77cm
(60+20cm sovrapposizione: 3 cm)
C8 h=97cm (70+20cm sovrapposizione 3 cm)
2 e 3 Piano : Testa: h= 60 cm

Piede h=60cm
C8 h=77cm (60+20cm sovrapposizione: 1st
3 ply
cm)
1st ply

2nd ply

2nd plie

400mm
200mm

600mm
970mm

600mm
770mm
600mm

770mm
600mm
400mm

200mm

970mm

Rinforzo a taglio colonna rettangolare


OBIETTIVO: Impedire la formazione di meccanismi di
rottura di tipo fragile
La resistenza di progetto a taglio di un elemento rinforzato
si valuta come:

V = min {V
Rd

Rd ,ct

+ V + V ,V
Rd , s

Rd , f

Disposizione di rinforzo prescelta:

laterale
Non consentito in zona sismica

ad U

in avvolgimento

Rd ,max

Rinforzo a taglio colonna rettangolare


V

Rd ,ct

Rd , s

= contributo cls = 123.5 kN


= Contributo Staffe = 72.5 kN

Rd ,3

= 196 kN

Utilizzando tessuto quadriassiale in fibra


di vetro in avvolgimento continuo, il
contributo del rinforzo in FRP, VRd,f vale:

Rd , f

w
= 0.9 d f 2t (cot + cot ) = 90.3 kN
p

fed

Rd

Rd , f

= 286 kN (+46%)

Rinforzo a taglio colonna rettangolare


w
= 0.9 d f 2t (cot + cot )
p

Rd , f

fed

Rd

=1.2 (Taglio)
Rd

1
1

l sin
l sin
f = f 1
+ ( f f ) 1

d
h
d
h
6
min
0.9
,
2
min
0.9
,
{
}
{
}

fed

ffd

fd

fdd

E t
l =
2f
f

=1.6

ctm

f = 0.27 R
3

ctm

f =
ffd

= 0.03 k

ck

fd

2 E
t
f

fd

fd

=1.2 Applic.tipo " A"


fd

f f

ck

b
2
b
k =
b
1+
400

ctm

b = min(0.9d , h )
f

sin( + )
sin

Rinforzo a taglio colonna rettangolare


Rinforzo colonna C6:
Fasciatura a tutta altezza, 2 strati di tessuto quadriassiale
con sovrapposizione tra le fasce di 3 cm

2 strati di QUADRI-AX 1140/48

Rinforzo a taglio colonna rettangolare


Rinforzo colonna C6 Nodo:
2 Starti quadriassiale prolungati oltre il pilastro per 20 cm
1 Strato fasce ad U rinforzo a taglio per la trave

ESTERNO
25

50
25

50

20
20

20
20

1 fase

2 fase

Rinforzo struttura
Rinforzo colonna C6 Nodo:
2 Starti quadriassiale prolungati oltre il pilastro per 20 cm
1 Strato fasce ad U rinforzo a taglio per la trave
INTERNO

INTERNO
fasciatura ad U con UNI-AX 900/60 (1 strato)

n2 strati di QUADRI-AX 1140/48

50

20

50

15

20

35

15

35

fasciatura ad U con UNI-AX


900/60 (1 strato)
25

1 fase

20

20

25

2 fase

Rinforzo a taglio nodi dangolo


OBIETTIVO: Impedire la formazione di meccanismi di
rottura di tipo fragile
Sollecitazioni di taglio comparabili con quelle di rottura a taglio dei
pannelli di nodo calcolate secondo quanto prescritto nellOrdinanza 3274:
Ordinanza 3274: Limitazioni tensionali
diagonale tesa e diagonale compressa :

nc

nc

N
N
=

2A
2A g
g

+ V n 0 .3 f c

N
N
=
+
2A
2A g
g

Vn
+
0.5f c
A
g

Rinforzo dei pannelli di nodo con tessuto di vetro quadriassiale


di vetro secondo il modello di calcolo proposto da
Antonoupoulos&Triantafillou(2002)

Rinforzo a taglio nodi dangolo


Il metodo di Antonoupoulos&Triantafillou(2002) consente di
determinare linclinazione delle tensioni principali di trazione e I
corrispondenti valori di tensioni di taglio nel nodo allincrementarsi
delle sollecitazioni esterne sino allattingimento dei valori di rottura a
taglio. La rottura si attinge per compressione del calcestruzzo
GFRP QUADRI-AX 1140 g/m2

1 Strato

Tensione di
rottura
Nodo non
Rinforzato

2 Strati

3 Strati

Tensione di
rottura di
progetto
Nodo Rinforzato

Rinforzo a taglio nodi dangolo


Rinforzo nodi di vertice C2 C5 C7 C8:
2 strati di tessuto
Quadriassiale + U-wrap unidirezionale (rinforzo
a taglio trave)

a) Rinforzo del nodo b) Pannello di nodo

c) U-wrap trave

Struttura Rinforzata

Risultati Sperimentali
Massimi spostamenti di inrterpiano
PIANO
/TEST
0.20g PGA
NON
RINFORZAT
A

0.20g PGA
FRP

0.30g PGA
FRP

PIANO 1

PIANO 2

PIANO 3

X DIR. (mm)

24.6

X DIR. (mm)

57.1

X DIR. (mm)

35.8

Y DIR. (mm)

30.6

Y DIR. (mm)

47.2

Y DIR. (mm)

32.6

ROT. (mrad)

4.3

ROT. (mrad)

10.0

ROT. (mrad)

7.3

X DIR. (mm)

32.1

X DIR. (mm)

55.4

X DIR. (mm)

34.3

Y DIR. (mm)

39.7

Y DIR. (mm)

47.6

Y DIR. (mm)

31.1

ROT. (mrad)

7.1

ROT. (mrad)

12.1

ROT. (mrad)

7.8

X DIR. (mm)

59.5

X DIR. (mm)

106.0

X DIR. (mm)

63.5

Y DIR. (mm)

42.3

Y DIR. (mm)

55.9

Y DIR. (mm)

50.7

ROT. (mrad)

7.8

ROT. (mrad)

13.4

ROT. (mrad)

7.4

Risultati Sperimentali
Massimi taglianti di piano
TEST/PIANO

0.20g PGA
NON
RINFORZATA

0.20g PGA
FRP

PIANO 1

PIANO 3

X DIR. (kN)

193

X DIR. (kN)

165

X DIR. (kN)

110

Y DIR. (kN)

274

Y DIR. (kN)

213

Y DIR. (kN)

166

ROT. (kNm)

955

ROT. (kNm)

728

ROT. (kNm)

709

X DIR. (kN)

208

X DIR. (kN)

163

X DIR. (kN)

112

Y DIR. (kN)

286

Y DIR. (kN)

258

Y DIR. (kN)

171

ROT. (kNm)

1070

ROT. (kNm)

817

ROT. (kNm)

716

X DIR. (kN)

168

X DIR. (kN)

122

Y DIR. (kN)

276

Y DIR. (kN)

102

ROT. (kNm)

801

ROT. (kNm)

631

X DIR. (kN)
0.30g PGA
FRP

PIANO 2

Y DIR. (kN)
ROT. (kNm)

190
277
1000

Conclusioni
Lintervento con materiali
compositi ha consentito un
notevole miglioramento
della capacit deformativa
globale della struttura
incrementando la duttilit
delle cerniere plastiche e
prevenendo la formazione
di meccanismi di collasso
fragile