Sei sulla pagina 1di 20

C 195/20

IT

Gazzetta ufficiale dellUnione europea

19.8.2003

III
(Informazioni)

COMMISSIONE
CULTURA 2000: INVITO A PRESENTARE PROPOSTE PER IL 2004
(2003/C 195/14)
INTRODUZIONE

Il presente documento presenta informazioni sull'attuazione,


per il 2004, del programma Cultura 2000 adottato il 14
febbraio 2000 dal Parlamento europeo e dal Consiglio previa
consultazione del Comitato delle regioni (decisione n.
508/2000/CE pubblicata sulla GU L 63 del 10.03.2000 pag. 1).
Esso comprende un invito a presentare candidature per un
sostegno finanziario della Comunit per progetti ed eventi culturali che inizieranno nel 2004 e presentate da operatori culturali dei 30 paesi che partecipano al programma (1).
Il presente invito a presentare proposte costituisce il quinto
invito annuale formulato nell'ambito del programma Cultura
2000. Il programma stato istituito per un periodo di cinque
anni a decorrere dal 1o gennaio 2000. Il bilancio totale per le
azioni sostenute ai sensi del presente invito a presentare proposte di circa 28 milioni di EUR.
OBIETTIVI GENERALI DI CULTURA 2000

Il programma Cultura 2000 contribuisce alla promozione di


uno spazio culturale comune dei popoli europei. In tale contesto esso sostiene la cooperazione tra gli artisti creativi, gli
operatori culturali, i promotori pubblici e privati, le attivit
delle reti culturali e altri partner nonch le istituzioni culturali
degli Stati membri e degli altri paesi partecipanti.
Gli obiettivi di Cultura 2000 sono:
1) promozione del dialogo culturale e della reciproca conoscenza della cultura e della storia dei popoli europei;
2) promozione della creativit e della diffusione transnazionale
della cultura nonch della circolazione degli artisti, degli
autori e di altri professionisti e operatori culturali nonch
delle opere, dando grande rilievo a persone giovani e socialmente svantaggiate e alla diversit culturale;
3) valorizzazione della diversit culturale e sviluppo di nuove
forme di espressione culturale;
4) condivisione e valorizzazione a livello europeo del patrimonio culturale comune di rilevanza europea; diffusione di
know-how e promozione di buone prassi relative alla loro
conservazione e salvaguardia;
(1) I 15 Stati membri dell'Unione europea (Austria, Belgio, Danimarca,
Finlandia, Germania, Grecia, Francia, Irlanda, Italia, Lussemburgo,
Paesi Bassi, Portogallo, Spagna, Svezia, Regno Unito); i tre paesi
SEE/EFTA (Islanda, Liechtenstein e Norvegia); i dodici seguenti paesi
candidati: Bulgaria, Repubblica Ceca, Estonia, Ungheria, Lettonia,
Lituania, Polonia, Romania, Repubblica Slovacca, Slovenia, Cipro
e Malta.

5) riconoscimento del ruolo della cultura nello sviluppo socioeconomico;


6) promozione del dialogo interculturale e scambio reciproco
tra le culture europee e non europee;
7) riconoscimento esplicito della cultura quale fattore economico e quale fattore di integrazione sociale e cittadinanza;
8) miglioramento dell'accesso e della partecipazione alla cultura nell'Unione europea del maggior numero possibile di
cittadini.
ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA CULTURA 2000

Tematiche generali
Cultura 2000 si prefigge di finanziare progetti qualitativamente
validi volti a incoraggiare l'innovazione e la creativit, a creare
un effettivo valore aggiunto europeo e che rispecchiano gli
attuali campi di interesse degli operatori culturali.
In questo invito a presentare proposte, cos come nei precedenti verr data priorit a tre grandi temi per le attivit di
progetto, che riflettono lo spirito di tali obiettivi.
Tutti i futuri progetti approvati nel contesto del programma Cultura 2000 devono affrontare almeno una delle
tre seguenti tematiche:
Coinvolgimento dei cittadini
Nuova tecnologia/nuovi media, che incoraggino la creativit
(l'uso applicato e creativo delle nuove tecnologie)
Tradizione e innovazione; mettere in relazione il passato e
il futuro.
Un approccio settoriale annuale:
Si privilegia annualmente un unico settore principale di
attivit culturale.
Questo approccio stato sviluppato alla luce della risposta
degli operatori culturali ai precedenti inviti nell'ambito di Cultura 2000 e considerata la natura del sostegno sinora erogato.
Questo approccio intende:
assicurare che gli operatori culturali che intendono presentare progetti per un sostegno comunitario siano informati
previamente del settore principale che sar patrocinato ciascun anno. Ci consente loro di pianificare le loro attivit
di conseguenza e di sviluppare proposte ispirate a una
strategia originale e creativa foriera di un effettivo valore
aggiunto europeo;

19.8.2003

IT

Gazzetta ufficiale dellUnione europea

assicurare a tutti gli operatori culturali che il loro ambito


specifico di attivit culturale riceva la debita attenzione.
Il settore principale che verr privilegiato per il 2004 sar
il Patrimonio culturale. Ai fini del presente invito tale
settore includer i beni culturali mobili, i beni culturali
immobili, i beni culturali immateriali, gli archivi storici e
le biblioteche, i beni archeologici, i beni culturali sommersi, i siti e i paesaggi culturali. I progetti aventi fini di
lucro sono esclusi dal presente invito.
Nel 2004 oltre al settore principale dell'attivit culturale
(Patrimonio culturale) si prenderanno in esame anche progetti riguardanti altri settori come indicato nella sezione che
segue.
Si riserver un'attenzione particolare ai progetti cui
partecipino congiuntamente operatori culturali dell'UE/
SEE e dei paesi candidati.

PROGETTI PER IL 2004


PROGETTI ANNUALI DI COOPERAZIONE

Per il 2004 si finanzieranno approssimativamente novanta (90) azioni specifiche annuali a carattere innovativo e/o sperimentale nel campo del Patrimonio culturale. Tali azioni si baseranno sulla collaborazione tra operatori culturali attorno a iniziative specifiche che si incentreranno soprattutto sul rafforzamento del patrimonio comune culturale di valore europeo. I progetti includeranno la
diffusione delle migliori prassi e/o dei risultati attraverso
esposizioni circolanti e/o altri mezzi in tutti i paesi interessati al progetto, e includeranno anche una delle azioni
specifiche: la mobilit dei professionisti o la partecipazione
dei giovani in azioni specifiche.
Per il 2004 si finanzieranno approssimativamente dieci
(10) azioni specifiche annuali a carattere innovativo e/o
sperimentale nel campo delle arti visive, che includano
il movimento di artisti e la circolazione dei lavori attraverso
i paesi partecipanti.
Per il 2004 si finanzieranno approssimativamente venti
(20) azioni specifiche annuali a carattere innovativo e/o
sperimentale nel settore delle arti dello spettacolo, che
includano il movimento di artisti e la circolazione dei lavori
e delle coproduzioni attraverso i paesi partecipanti.
Verr data priorit ai progetti di qualit, che coinvolgano il
pi ampio e pi diffuso numero di operatori culturali
provenienti dai vari paesi partecipanti, che promuovano
la maggior mobilit degli artisti e/o dei professionisti del
settore e che garantiscano la pi ampia divulgazione delle
loro attivit al pubblico in genere attraverso l'uso dei
mezzi di comunicazione pi idonei.
Per tutti i settori l'organizzazione di congressi, conferenze
o seminari e la produzione di CD-ROM non sono considerate azioni prioritarie.

C 195/21

PROGETTI RELATIVI AD ACCORDI DI COOPERAZIONE PLURIENNALI

Gli accordi di cooperazione pluriennali intendono rafforzare la


cooperazione tra operatori culturali in modo strutturato e duraturo. A tal fine i progetti condotti in questa categoria di
attivit devono avere un perdurante effetto moltiplicatore a
livello europeo.
Per il 2004 verranno finanziati approssimativamente
quindici (15) accordi pluriennali di cooperazione nel
campo del Patrimonio culturale. Dette azioni si baseranno sulla cooperazione tra operatori culturali attorno a
iniziative concrete che si concentrino primariamente sul
rafforzamento e la salvaguardia del patrimonio culturale
comune di significato europeo.
I progetti devono riguardare almeno una delle seguenti
azioni:
iniziative concentrate sulla mobilit e un'ulteriore formazione di professionisti nell'uso/applicazione di tecniche tradizionali e/o nuove tecniche di conservazione/restauro in relazione a progetti concreti e in situ,
azioni specifiche che tendono ad aumentare la partecipazione all'accesso al patrimonio culturale del pubblico
in genere e in particolare dei giovani (incluse persone
con bisogni speciali).
I progetti includeranno inoltre quanto segue:
l'organizzazione di eventi/attivit innovative in tutti i
paesi coorganizzatori, che tendano ad aumentare la
consapevolezza del pubblico in genere e in particolare
dei giovani,
esposizioni itineranti in tutti i paesi coorganizzatori, (a
meno che non venga chiaramente dimostrato dai candidati che dette esposizioni non siano realizzabili a
causa della natura del progetto).
Per il 2004 si finanzieranno approssimativamente da
uno a due (1-2) accordi di collaborazione pluriennali
nel settore delle arti visive, che devono comportare il
movimento di artisti e la circolazione di lavori attraverso
i paesi partecipanti.
Per il 2004 si finanzieranno approssimativamente da
uno a due (1-2) accordi di collaborazione pluriennale
nel settore delle arti dello spettacolo, che comportano il
movimento di artisti e la circolazione di lavori e di coproduzioni attraverso i paesi partecipanti.
Verr attribuita priorit in tutte le categorie a progetti
qualitativamente validi che comportino il massimo e pi
diffuso numero di operatori culturali provenienti dai vari
paesi partecipanti, che promuovano la maggior mobilit di
artisti e/o di professionisti del settore e che garantiscano la
diffusione delle loro attivit al pubblico in genere avvalendosi dei mezzi di comunicazione pi appropriati.

C 195/22

IT

Gazzetta ufficiale dellUnione europea

19.8.2003

Per tutti i settori l'organizzazione di congressi, conferenze


o seminari nonch la produzione di CD-ROM non sono
considerate azioni prioritarie.

Inoltre, si patrocineranno circa venti (20) progetti per la


traduzione di opere relative alle scienze umanistiche europee.

PROGETTI DI COOPERAZIONE CULTURALE NEI PAESI TERZI (1)


CHE NON PARTECIPANO AL PROGRAMMA

Finanziamento di progetti per accordi di cooperazione


annuale

Per il 2004 si finanzieranno approssimativamente fino a dieci


(10) progetti che si realizzeranno in un paese terzo e che si
incentreranno sul comune patrimonio culturale dei paesi interessati al progetto. Detti progetti comporteranno la collaborazione delle istituzioni europee competenti nel settore e organizzazioni analoghe nel paese terzo.
LIBRI, LETTURA E TRADUZIONE

Finanziamenti per la traduzione Tutti i progetti devono


includere almeno quattro e non pi di dieci opere da
tradurre.
Si finanzieranno circa cinquanta (50) progetti per la traduzione di opere letterarie (narrativa) scritte da autori europei
successivamente al 1950 Si dar priorit alle opere
scritte nelle lingue europee meno usate comprese le
lingue regionali e le lingue dei paesi candidati o tradotte
verso tali lingue.
(1) Pu essere considerato paese terzo ciascun paese che non partecipa al programma Cultura 2000.

Si finanzieranno circa sette (7) progetti sperimentali annuali


a carattere specifico, innovativo e/o sperimentale volti alla
promozione della lettura in Europa.
Si finanzieranno circa tre (3) progetti sperimentali annuali a
carattere specifico, innovativo e/o sperimentale volti a promuovere la collaborazione, a livello europeo, onde migliorare le capacit dei professionisti nel campo della traduzione di opere letterarie.
Progetti relativi ad accordi di cooperazione pluriennali
Verranno anche finanziati uno o due (1-2) accordi pluriennali
di cooperazione nel campo dei libri, delle letture e della traduzione.

I laboratori per il patrimonio culturale europeo e altri


progetti appartenenti all'azione 3 del programma non
rientrano nel presente invito a presentare proposte.

ALLEGATO A
ORIENTAMENTI DA SEGUIRE IN RELAZIONE AL PRESENTE INVITO

TERMINOLOGIA E DEFINIZIONI
Organizzatore/capofila del progetto: per essere considerato come organizzatore del progetto l'operatore culturale
[quale definito nell'allegato B] di un paese partecipante al programma deve fungere da cofirmatario legale dell'accordo di sovvenzione dell'UE concesso dalla Commissione europea. Inoltre esso svolge un ruolo specifico ed
essenziale di coordinamento nella concezione e attuazione del progetto e nel suo finanziamento [garantendo la
partecipazione con fondi propri o fondi altrimenti raccolti per un importo pari almeno al 5 % del bilancio complessivo (1)].
Co-organizzatore: per essere considerato come co-organizzatore l'operatore culturale [quale definito nell'allegato B]
di un paese partecipante al programma deve svolgere un ruolo specifico ed essenziale nella concezione e attuazione
del progetto e nel suo finanziamento (garantendo la partecipazione in base a fondi propri o a fondi altrimenti
raccolti per almeno il 5 % del bilancio complessivo). La partecipazione di co-organizzatori dev'essere chiaramente
indicata nell'atto di candidatura.
Partner: per essere considerato come partner l'operatore culturale [quale definito nell'allegato B] deve partecipare
alle attivit del progetto, ma senza svolgere un ruolo specifico ed essenziale e di coordinamento nella concezione e
nell'attuazione del progetto o nel suo finanziamento.
Progetto annuale: per essere considerato quale progetto annuale il periodo di ammissibilit di spesa dei progetti
deve durare per un massimo di 12 mesi e deve coinvolgere co-organizzatori di almeno 3 paesi partecipanti.
(1) I contributi in natura non possono essere considerati parte della partecipazione finanziaria.

19.8.2003

IT

Gazzetta ufficiale dellUnione europea

Accordo di cooperazione pluriennale: per essere considerato accordo di cooperazione il periodo di ammissibilit
di spesa dei progetti deve avere una durata minima di 24 mesi e massima di 36 mesi e deve coinvolgere coorganizzatori di almeno 5 paesi partecipanti.
Accordo di cooperazione: i progetti di accordo di cooperazione pluriennale devono basarsi su un accordo di
cooperazione un documento congiunto in forma giuridica riconosciuto in uno dei paesi partecipanti e firmato da
tutti i coorganizzatori (incluso il direttore del progetto). Tale documento descrive chiaramente gli obiettivi del
progetto, le iniziative da attuarsi onde raggiungere tali obiettivi, il ruolo di ciascun co-organizzatore nella concezione
e attuazione del progetto e la sua partecipazione finanziaria al progetto.
Organizzazione/organismo pubblico o privato: per questo invito a presentare proposte si considera come ente
pubblico qualsiasi organismo i cui costi siano finanziati di diritto dal bilancio statale o da un governo centrale,
regionale o locale. Vale a dire che detti costi sono finanziati dai fondi del settore pubblico provenienti da tassazioni o
ammende o spese regolate dalla legge, senza passare attraverso una procedura di candidatura che potrebbe risultare
in un insuccesso per i finanziamenti. Le organizzazioni che dipendono dai finanziamenti pubblici per la loro
esistenza e ricevono sussidi ogni anno, ma per i quali esiste almeno la possibilit teorica che essi possano non
ricevere fondi per un anno sono considerati dalla Commissione come organismi privati.

PERIODO DI AMMISSIBILIT DELLE SPESE LEGATE AL PROGETTO


Per i tutti i progetti il periodo di ammissibilit delle spese legate all'attuazione di un progetto verr stipulato
nell'accordo di sovvenzione relativo e sar, fatto salvo quanto descritto nel prossimo punto, non anteriore alla
firma dell'accordo di sovvenzione da parte della Commissione, che si presume sar il 15 aprile 2004. Il periodo di
spesa ammissibile deve iniziare al pi tardi entro il 15 novembre 2004.
Una sovvenzione pu essere concessa per un'azione gi iniziata solo se il candidato pu dimostrare la necessit di
iniziare l'azione prima della firma dell'accordo. In tali casi, la spesa ammissibile per il finanziamento non pu essere
sostenuta prima del 15 aprile 2004, e comunque non prima della firma dell'accordo.
Per i progetti annuali e i progetti di cooperazione culturale nei paesi terzi che non partecipano al programma il
periodo di ammissibilit della spesa legata all'attuazione di un progetto al massimo di 12 mesi a decorrere dalla
data di inizio del periodo di ammissibilit per ciascun progetto quale indicata nell'accordo di sovvenzione.
Per i progetti di cooperazione pluriennali il periodo di ammissibilit della spesa legata all'attuazione di un progetto
ha durata minima di 24 mesi e massima di 36 mesi a decorrere dalla data di inizio del periodo di ammissibilit per
ciascun progetto quale indicata nell'accordo di sovvenzione.
All'atto di attuare il progetto sono ammesse solo le spese sostenute dagli organizzatori, dai co-organizzatori e dai
partner dei paesi partecipanti al programma. Nel caso di progetti di collaborazione culturale in paesi terzi, le spese
sostenute nel paese terzo dall'organizzatore e dai coorganizzatori del progetto saranno considerate ammissibili.

TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE CANDIDATURE


Per i progetti annuali (inclusi i progetti di collaborazione in paesi terzi) e i progetti di traduzione, il termine per la
presentazione delle candidature per le sovvenzioni comunitarie il 30 ottobre 2003.
Per i progetti pluriennali la scadenza per la presentazione delle candidature a un finanziamento comunitario il 14
novembre 2003.

C 195/23

IT

C 195/24

Gazzetta ufficiale dellUnione europea

ALLEGATO B
CRITERI DI SELEZIONE
CRITERI DI AMMISSIBILIT COMUNI AI PROGETTI PRESENTATI NEL QUADRO DEL PRESENTE INVITO A
PRESENTARE CANDIDATURA
Sono esclusi i seguenti progetti:
progetti presentati da singoli individui,

progetti iniziati dopo il 15 novembre 2004,

progetti che abbiano lo scopo o l'effetto di produrre un profitto per il/i candidato(i),
progetti che ricevono un sostegno nell'ambito di un diverso programma comunitario,
progetti presentati da operatori culturali (ad esempio capofila di progetto) che, in qualit di organizzatori o
coorganizzatori abbiano ricevuto sovvenzioni dal programma Cultura 2000 ai sensi di un accordo pluriennale di
cooperazione a seguito degli inviti a presentare proposte per il 2002 o il 2003,
progetti che non comprendono un bilancio equilibrato dettagliato (uscite complessive = entrate complessive),
progetti presentati senza usare il modulo ufficiale di candidatura, progetti inviati tramite e-mail o fax e candidature
manoscritte,
progetti che presentino un modulo di candidatura incompleto (le domande verranno considerate incomplete se non
sono debitamente firmate, se il bilancio non completo e se non sono state contrassegnate le categorie, il settore del
progetto e il tema generale dello stesso),
progetti non inviati entro la scadenza indicata (la data del timbro postale o il bollettino datato del servizio che
effettua la consegna saranno considerati quali data di presentazione).

CRITERI DI ESCLUSIONE PER TUTTI I PROGETTI ECCETTUATI I PROGETTI DI TRADUZIONE PRESENTATI AI SENSI
DEL PRESENTE INVITO A PRESENTARE PROPOSTE
Sono esclusi i seguenti progetti:
progetti che non comportano il numero minimo di coorganizzatori (incluso il direttore di progetto) richiesto per la
categoria di azione per cui viene presentata la domanda (3 coorganizzatori per i progetti annuali, 3 coorganizzatori
e 1 partner per i progetti di collaborazione annuale in paesi terzi e 5 coorganizzatori per gli accordi pluriennali di
cooperazione),
progetti di cooperazione presentati da un operatore culturale di uno dei dodici paesi candidati che non coinvolgono
almeno un co-organizzatore di uno Stato membro dell'Unione europea,
progetti che non rispettano le definizioni dei termini organizzatore, co-organizzatore, progetto annuale o accordo di
cooperazione quali indicate nel presente invito,
progetti presentati nell'ambito del presente invito che abbiano l'Unesco o il Consiglio d'Europa quale organizzatore
o co-organizzatore.

CRITERI COMUNI DI AMMISSIBILIT E CONDIZIONI DI FINANZIAMENTO DEI PROGETTI PRESENTATI NELL'AMBITO DEL PRESENTE INVITO
I candidati (direttori di progetto) e i co-organizzatori
a) I candidati devono dichiarare sul proprio onore di non trovarsi in una delle situazioni sotto elencate, e che
verranno esclusi dalla partecipazione al seguente invito a presentare proposte se:

19.8.2003

19.8.2003

IT

Gazzetta ufficiale dellUnione europea

1) si trovino in stato di fallimento o di liquidazione, di amministrazione controllata, di concordato preventivo, di


sospensione delle attivit, oppure siano oggetto di un procedimento giudiziario relativo alle suddette materie,
ovvero si trovino in altra situazione analoga risultante da una procedura della medesima natura prevista dalle leggi
o dalle normative nazionali;
2) siano stati condannati, con sentenza passata in giudicato, per un reato relativo all'etica professionale;
3) siano responsabili di grave violazione dei doveri professionali, dimostrata con qualsiasi mezzo che l'amministrazione aggiudicatrice possa giustificare;
4) non abbiano adempiuto gli obblighi relativi al pagamento dei contributi di previdenza sociale o fiscali secondo le
disposizioni di legge del paese in cui sono stabiliti, del paese dell'amministrazione aggiudicatrice o del paese in cui
sar data esecuzione al contratto;
5) siano stati condannati, con sentenza passata in giudicato, per frode, corruzione, coinvolgimento in un'organizzazione criminale o qualsiasi altra attivit illecita che sia lesiva degli interessi economici delle Comunit;
6) a seguito di un'altra procedura di appalto o di concessione di sovvenzioni finanziate dal bilancio comunitario,
siano stati dichiarati colpevoli di grave inadempienza per non aver ottemperato alle obbligazioni contrattuali.
Non si potranno concedere accordi di finanziamento ai candidati che, durante la procedura di selezione:
abbiano conflitti di interesse,
siano colpevoli di false dichiarazioni nel fornire le informazioni richieste dalla Commissione come condizione di
partecipazione alla procedura di selezione oppure omettano di fornire tali informazioni.
Penalit di ordine amministrativo e finanziario di natura efficace, proporzionale e dissuasiva possono essere imposte
dalla Commissione ai candidati che sono esclusi sulla base di quanto sopra, in accordo con le disposizioni degli
articoli da 93 a 96 del regolamento finanziario [regolamento (CE, Euratom) n. 1605/2002 del Consiglio, del 25
giugno 2002] e degli articoli 133 e 175 del regolamento di attuazione [regolamento (CE, Euratom) n. 2342/2002
della Commissione, del 23 dicembre 2002].
b) I candidati e i co-organizzatori devono anche:
essere organizzazioni culturali pubbliche o private aventi stato giuridico e la cui attivit principale rientri nella
sfera culturale, devono partecipare sia alla concezione sia all'attuazione del progetto e recare inoltre un contributo finanziario reale e significativo al bilancio del progetto (1).
Solo i progetti inviati per iscritto da persone giuridiche saranno considerati ammissibili. importante notare che
le persone fisiche non possono presentare progetti.
essere organizzazioni in uno dei seguenti paesi partecipanti al progamma (2):
i 15 Stati membri dell'Unione europea (Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Germania, Grecia, Francia,
Irlanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo, Spagna, Svezia, Regno Unito),
i tre paesi del SEE/EFTA (Islanda, Liechtenstein e Norvegia) (3),
i 12 seguenti paesi candidati (4): Bulgaria, Repubblica Ceca, Estonia, Ungheria, Lettonia, Lituania, Polonia,
Romania, Repubblica Slovacca, Slovenia, Cipro e Malta.
(1) La loro partecipazione finanziaria, proveniente da fondi propri, fondi raccolti o altro deve essere pari ad almeno il 5 % del bilancio
totale.
(2) Basati nel luogo in cui l'organizzazione ha la propria sede o la sede delle proprie attivit principali.
(3) Soggetta alle condizioni stabilite nell'accordo sullo Spazio economico europeo e nei protocolli allegati relativi alla partecipazione a
programmi comunitari conclusi con i suddetti paesi.
(4) Soggetta alle condizioni stabilite nella decisione relativa alla posizione della Comunit nell'ambito del consiglio di associazione firmato
con quei paesi candidati e relative alla loro partecipazione al programma.

C 195/25

C 195/26

IT

Gazzetta ufficiale dellUnione europea

CRITERI DI SELEZIONE
I candidati e i co-organizzatori devono anche avere la capacit operativa per eseguire e completare il progetto
con successo cos come descritto nell'atto di candidatura ed entro il termine previsto. Essi devono:
fornire la prova del loro statuto giuridico fornendo copie dei loro statuti o articoli di associazione/statuti sociali (gli
enti pubblici sono esenti),
fornire garanzie della loro capacit finanziaria fornendo copie del loro bilancio ufficiale dell'ultimo anno finanziario.
Per i progetti di collaborazione pluriennali, se il finanziamento richiesto dalla Commissione europea superiore ai
300 000 EUR, i bilanci certificati e approvati devono essere accompagnati dall'attestazione di un revisore esterno
autorizzato. Detta attestazione, basata sui bilanci certificati, dovr dare la valutazione del revisore sul fatto che il
candidato abbia o meno risorse sufficienti per sostenere la propria attivit durante il periodo in cui viene effettuata
l'azione proposta, e per partecipare all'autofinanziamento del progetto. Questa condizione pu essere esclusa nel
caso di enti pubblici e di istituti per l'istruzione secondaria e superiore,
fornire garanzie delle loro capacit professionali fornendo copie dei CV delle persone responsabili del progetto
nell'organizzazione capofila e in ciascun organismo dei co-organizzatori,
rispettare le condizioni del programma Cultura 2000 e i nuovi regolamenti finanziari della Commissione europea.
Per informazioni complete sul nuovo regolamento finanziario, i candidati dovranno informarsi su http://
europa.eu.int/eur-lex/it/search/search_oj.html e fare ricerche sulle due Gazzette ufficiali seguenti:
GU L 248 del 16.9.2002 [regolamento (CE, Euratom) n. 1605/2002, del Consiglio, del 25 giugno 2002, recante il
regolamento finanziario relativo al bilancio generale delle Comunit europee],
GU L 357 [regolamento (CE, Euratom) n. 2342/2002 della Commissione, del 23 dicembre 2002, recante modalit
d'esecuzione del regolamento del Consiglio n. 1605/2002 che stabilisce il regolamento finanziario applicabile al
bilancio generale delle Comunit europee].
Le attivit progettuali ammissibili a un finanziamento sono quelle illustrate nella proposta e che coincidono
con il periodo di ammissibilit della spesa indicato nell'accordo di sovvenzione e che, fatto salvo quanto
descritto sotto, avr inizio non prima della firma dell'accordo di sovvenzione da parte della Commissione,
che si presume sar il 15 aprile 2004. Il periodo di spesa ammissibile dovr iniziare al pi tardi entro il 15
novembre 2004.
Pu essere concesso un finanziamento per un'azione gi iniziata solo se il candidato pu dimostrare la
necessit di iniziare l'azione prima della firma dell'accordo. In tali casi, la spesa ammissibile per il finanziamento non deve essere effettuata prima del 15 aprile 2004, e comunque non prima della data della firma
dell'accordo.

CRITERI SPECIFICI DI AMMISSIBILIT E CONDIZIONI DI FINANZIAMENTO DEI PROGETTI ANNUALI PRESENTATI


NELL'AMBITO DEL PRESENTE INVITO
Il finanziamento richiesto da ciascun progetto andr da 50 000 EUR a 150 000 EUR e non pu superare il 50 %
del bilancio complessivo ammissibile del progetto. Domande di sovvenzione superiori a questi importi saranno
escluse e considerate non ammissibili.
I progetti devono coinvolgere i co-organizzatori (incluso il direttore di progetto) di almeno tre (3) diversi paesi
partecipanti al programma.
Per essere considerato come co-organizzatore l'operatore culturale di un paese partecipante al programma deve
partecipare in modo specifico ed essenziale sia alla concezione sia all'attuazione del progetto e al suo finanziamento
(ci implica una partecipazione finanziaria garantita sulla base delle risorse proprie o di risorse altrimenti raccolte
pari almeno al 5 % del bilancio complessivo). La partecipazione di co-organizzatori in ciascuno di questi ambiti
dev'essere chiaramente indicata nell'atto di candidatura.
CRITERI SPECIFICI DI AMMISSIBILIT E CONDIZIONI DI FINANZIAMENTO PER I PROGETTI PLURIENNALI PRESENTATI NEL QUADRO DEL PRESENTE INVITO
I finanziamenti richiesti da ciascun progetto devono essere di oltre 50 000 EUR ma non superiori a 300 000 EUR/
anno e non possono superare il 60 % del bilancio totale ammissibile. Le candidature con delle richieste superiori a
questi importi verranno escluse e considerate non ammissibili.

19.8.2003

19.8.2003

IT

Gazzetta ufficiale dellUnione europea

Se il finanziamento richiesto per la durata del progetto supera i 300 000 EUR, la candidatura deve essere accompagnata da una certificazione esterna redatta da un revisore esterno. Per i progetti di collaborazione pluriennali, se il
finanziamento richiesto dalla Commissione europea superiore ai 300 000 EUR, i bilanci certificati e approvati
devono essere accompagnati dall'attestazione di un revisore esterno ufficiale. Detta attestazione, basata sui bilanci
certificati, dovr dare la valutazione del revisore sul fatto che il candidato abbia o meno risorse sufficienti per
sostenere la propria attivit durante il periodo in cui viene effettuata l'azione proposta, e per partecipare all'autofinanziamento del progetto. Questa condizione pu essere esclusa nel caso di enti pubblici e di istituti per l'istruzione secondaria e superiore.
Per essere ammissibili i progetti devono durare un minimo di 24 mesi e un massimo di 36 mesi e devono
coinvolgere co-organizzatori (incluso il direttore di progetto) di almeno 5 paesi partecipanti.
Per poter essere considerato come co-organizzatore l'operatore culturale di un paese partecipante al programma
deve partecipare in modo specifico ed essenziale sia alla concezione sia all'attuazione del progetto e al suo
finanziamento (partecipazione finanziaria garantita in base a fondi propri o a fondi altrimenti raccolti pari almeno
al 5 % del bilancio complessivo). La partecipazione dei co-organizzatori in tutti questi ambiti dev'essere chiaramente
indicata nell'atto di candidatura.
Questo tipo di progetto dev'essere basato su un accordo di cooperazione: un documento comune, in una forma
legale riconosciuta in uno dei paesi partecipanti al programma, firmato da tutti i co-organizzatori e che descrive in
modo chiaro ed esatto gli obiettivi del progetto, le iniziative che verranno attuate al fine di raggiungere tali obiettivi
e il ruolo di ciascun co-organizzatore nella concezione e attuazione del progetto.

CRITERI SPECIFICI DI AMMISSIBILIT PER TUTTI I PROGETTI RELATIVI AL PATRIMONIO CULTURALE PRESENTATI
NELL'AMBITO DEL PRESENTE INVITO
Le candidature per i progetti di cooperazione sia annuali sia pluriennali nel settore del patrimonio culturale riguardanti il
patrimonio inventariato o notificato devono essere accompagnate dai relativi documenti comprovanti l'autorizzazione/approvazione da parte delle autorit competenti che consentiranno ai partecipanti al progetto di procedere con i
lavori di conservazione, restauro o miglioramento pianificati.

CRITERI SPECIFICI DI AMMISSIBILIT E CONDIZIONI DI FINANZIAMENTO DEI PROGETTI DI TRADUZIONE PRESENTATI NELL'AMBITO DEL PRESENTE INVITO
Per i progetti di traduzione il finanziamento comunitario coprir i costi del traduttore/dei traduttori per tutti i libri
citati nella candidatura a patto che questi non superino un totale di 50 000 EUR ovvero il 60 % dei costi totali di
pubblicazione. In certi casi giustificati tale cifra pu superare 50 000 EUR. Dev'essere fornita una ripartizione dei
costi complessivi di pubblicazione da cui emergano chiaramente i costi di traduzione.
Non verranno finanziate le opere che ricevono da altra fonte un sostegno a copertura dei costi di traduzione.
Per la traduzione di opere letterarie (narrativa) l'opera da tradurre deve essere scritta da un autore europeo a partire
dal 1950 e deve essere stata pubblicata per la prima volta a partire dal 1950.
Le opere non devono essere state precedentemente tradotte nella lingua di destinazione.
La traduzione non deve cominciare prima della data dell'accordo di finanziamento da parte della Commissione che
si presume sia il 15 aprile 2004. Tuttavia, potr essere stipulato un contratto tra l'editore e il traduttore per la
traduzione e un pagamento preventivo prima di tale data pu essere considerato ammissibile purch la firma di tale
contratto non avvenga prima del 15 luglio 2003.
Le opere tradotte devono essere pubblicate entro il 30 novembre 2005.
La traduzione deve essere fatta a partire da e in una lingua europea e deve essere eseguita a partire dalla lingua
originale dell'opera.
Le candidature, che possono essere presentate da case editrici singole oppure da un gruppo di case editrici, devono
comportare la traduzione di almeno 4 e non pi di 10 opere ammissibili.

CRITERI SPECIFICI DI AMMISSIBILIT E CONDIZIONI DI FINANZIAMENTO PER I PROGETTI DI COOPERAZIONE


ANNUALE IN PAESI TERZI PRESENTATI NEL QUADRO DEL PRESENTE INVITO
Il finanziamento richiesto da ciascun progetto andr da 50 000 EUR a 150 000 EUR e non pu superare il 50 %
del bilancio complessivo ammissibile del progetto. Le candidature comportanti richieste di finanziamento al di fuori
di questa gamma saranno escluse e considerate non ammissibili.

C 195/27

C 195/28

IT

Gazzetta ufficiale dellUnione europea

Gli eventi devono svolgersi in un paese che non partecipa al programma e comportare la collaborazione di almeno
4 organizzazioni (un capofila di progetto, due co-organizzatori e un partner associato). Le quattro organizzazioni
devono includere tre istituzioni culturali competenti nel settore del patrimonio culturale provenienti da tre dei paesi
partecipanti al programma (esempio il direttore di progetto e due altri co-organizzatori) e un'istituzione culturale
che proviene dal terzo paese interessato (esempio: un partner associato).
Il capofila di progetto e ciascun co-organizzatore devono essere un operatore culturale di un paese partecipante al
programma e devono partecipare in modo specifico ed essenziale sia alla concezione che all'attuazione del progetto
e al suo finanziamento (partecipazione finanziaria garantita in base a fondi propri o a fondi altrimenti raccolti pari
almeno al 5 % del bilancio complessivo). La partecipazione di co-organizzatori dev'essere chiaramente indicata
nell'atto di candidatura.
Almeno uno dei tre co-organizzatori (esempio: sia il capofila del progetto, sia uno dei co-organizzatori) dei paesi
partecipanti al programma deve avere la propria sede oppure avere un'esperienza considerevole del settore nel paese
terzo in questione. Il modulo di candidatura deve essere corredato dalle pezze giustificative.
Le proposte relative a queste azioni saranno presentate alla Commisione dalle autorit pertinenti nel paese di origine
del direttore del progetto per il tramite del rappresentante permanente dell'Unione europea entro il 30 ottobre
2003.

ALLEGATO C
PROCEDURE DI SELEZIONE DEI PROGETTI E CRITERI DI ATTRIBUZIONE
PROCEDURE DI SELEZIONE DEI PROGETTI
La concessione di finanziamenti sar soggetta ai principi di trasparenza e di parit di trattamento.
La selezione dei progetti avviene in tre fasi:
1. Controllo di ammissibilit
Le candidature verranno controllate per assicurarsi che esse siano pienamente conformi ai criteri comuni di ammissibilit e di finanziamento. Verranno applicati i criteri di esclusione (come definiti nella sezione B) (1). Verr inoltre
effettuato un controllo per garantire che vengano applicate le condizioni che seguono. I candidati colpevoli di false
dichiarazioni potranno subire penalit amministrative.
Le candidature devono comprendere:
1) due copie del modello di candidatura, firmate e datate [esse DEVONO comprendere le dichiarazioni firmate e
timbrate SIA dell'organizzatore del progetto CHE dei co-organizzatori]. L'insieme degli allegati pertinenti pu essere
presentato in un unico esemplare;
2) la ricevuta di ritorno con indicazione dell'indirizzo dell'organismo capofila;
3) in allegato 1, una copia conforme dello statuto dell'organismo capofila del progetto o altro documento equivalente
nonch lo statuto dei co-organizzatori [ad eccezione dei pubblici organismi (2)];
4) in allegato 2, il CV della persona responsabile del coordinamento generale del programma di lavoro (responsabile
del progetto), nonch i CV delle persone responsabili del progetto presso ciascuno dei co-organizzatori;
(1) La lingua usata in tutti i contatti con la Commissione, e in specie per le candidature dei progetti, e per le relazioni deve essere una
delle lingue ufficiali della Comunit europea.
(2) Cfr. la definizione di organismo pubblico nell'allegato.

19.8.2003

19.8.2003

IT

Gazzetta ufficiale dellUnione europea

5) in allegato 3, un resoconto aggiornato sull'attivit dell'organismo capofila e dei co-organizzatori;


6) in allegato 4, l'ultimo bilancio approvato dell'organismo capofila e dei co-organizzatori, ad eccezione degli enti
pubblici;
7) in allegato 5, qualsiasi documento a sostegno della candidatura che illustri il progetto e consenta una pi
ampia valutazione del progetto stesso e dei suoi organizzatori (esempio pubblicazioni pertinenti, programmi,
immagini, disegni, esempi di opere degli artisti, ecc.);
8) aggiungere, solo per i progetti relativi alle traduzioni:
in allegato 6, una copia del libro originale,
in allegato 7, una copia dei diritti di traduzione,
in allegato 8, una copia dell'accordo fra la casa editrice e il traduttore/i traduttori,
in allegato 9, una ripartizione dei costi complessivi di pubblicazione con chiara indicazione dei costi di
traduzione,
in allegato 10, curriculum vitae del traduttore/dei traduttori,
in allegato 11, un attestato datato e firmato dell'editore che si impegna a indicare chiaramente nell'opera
tradotta il nome del traduttore e la concessione della sovvenzione comunitaria;
9) da aggiungere, unicamente per i progetti di accordo di cooperazione pluriennale:
in allegato 12, il testo dell'accordo di cooperazione (con descrizione delle azioni da realizzare, firmato dai
co-organizzatori) in una forma giuridica riconosciuta da uno degli Stati che partecipano al programma,
in allegato 13, per le richieste di sovvenzione che superano i 300 000 EUR per la durata del progetto, i bilanci
certificati e approvati devono essere accompagnati dall'attestazione di un revisore esterno autorizzato. Detta
attestazione, basata sui bilanci certificati, dovr dare la valutazione del revisore sul fatto che il candidato abbia o
meno risorse sufficienti per sostenere la propria attivit durante il periodo in cui viene effettuata l'azione
proposta, e per partecipare all'autofinanziamento del progetto. Questa condizione pu essere esclusa nel
caso di enti pubblici e di istituti per l'istruzione secondaria e superiore;
10) da aggiungere, unicamente per i progetti relativi al patrimonio culturale:
in allegato 14, gli opportuni documenti di autorizzazione/approvazione rilasciati dalle autorit competenti che
consentano ai partecipanti al progetto di realizzare i previsti lavori pianificati di conservazione, restauro e valorizzazione.
I controlli verranno effettuati rigorosamente e i progetti privi dei documenti di cui sopra non saranno considerati
ammissibili.

2. Valutazione e selezione
I progetti vengono selezionati dalla Commissione in base ai criteri del programma Cultura 2000 precisati nel presente
invito.
La Commissione procede alla selezione previo parere di un gruppo di esperti indipendenti costituito in base alle
proposte trasmesse dagli Stati che partecipano al programma e previa consultazione del comitato composto dai
rappresentanti degli Stati membri.
I rappresentanti dei paesi SEE/EFTA (Islanda, Liechtenstein e Norvegia) partecipano alle riunioni del comitato con gli
stessi diritti e obblighi di quelli degli Stati membri, fatta eccezione per il diritto di voto.
I rappresentanti dei 12 paesi candidati summenzionati partecipano alle riunioni del comitato in veste di osservatori per i
punti che li interessano. Non partecipano n all'esame degli altri punti n alle votazioni.

C 195/29

C 195/30

IT

Gazzetta ufficiale dellUnione europea

3. Risultati
I risultati del processo di selezione verranno resi noti al termine della procedura ufficiale di selezione e la presa di una
decisione formale. I candidati proposti per la concessione di finanziamenti riceveranno una convenzione di finanziamento dell'UE da firmare. Tale convenzione prender effetto solo dopo essere stata firmata dal candidato e dal
rappresentante della Commissione. Tutti gli altri candidati verranno informati per iscritto della decisione, con indicazione delle ragioni della loro esclusione. Nessuna informazione sulle decisioni circa i singoli progetti potr essere fornita
prima di tale data.

CALENDARIO
La Commissione seguir il seguente calendario indicativo:
30 ottobre 2003

data limite per la presentazione dei progetti annuali e di traduzione

14 novembre 2003

data limite per la presentazione degli accordi pluriennali di cooperazione

Febbraio 2004

completamento dell'esame delle candidature e consultazione del comitato di gestione Cultura


2000

Marzo 2004

parere del Parlamento europeo e decisione

Aprile 2004

comunicazione scritta dei risultati ai candidati

VALUTAZIONE E CRITERI DI AGGIUDICAZIONE


Tutte le candidature ammissibili presentate in relazione al programma Cultura 2000 saranno valutate da un gruppo di
esperti indipendenti. I progetti saranno quindi selezionati in base a tale valutazione. (Cfr. sopra Procedura di selezione
dei progetti). I progetti saranno valutati in base ai seguenti criteri standard concordati.
Tali criteri riguarderanno in particolare gli elementi di una proposta considerati parte integrante allo sviluppo e
all'attuazione di un progetto di qualit, tali da conferire un effettivo valore aggiunto europeo e di rispondere agli
obiettivi del programma.
I principi di base dei criteri di valutazione, ai quali verr attribuita uguale considerazione sono:
Valore aggiunto europeo
I progetti che si considera abbiano un valore aggiunto europeo effettivo sono progetti i cui obiettivi, metodologia e
natura di cooperazione intrapresa hanno una prospettiva che va al di l degli interessi locali, regionali o nazionali e
mirano a realizzare sinergie a livello europeo. Si riserver un'attenzione particolare ai progetti in linea con tale idea.
Alla luce della risoluzione del Consiglio, del 19 dicembre 2002 sul valore aggiunto europeo (pubblicato sulla
GU C 13 del 18.1.2003, pag. 5) e per scopi di valutazione, i fattori che verranno presi in considerazione nel
valutare il valore aggiunto europeo di un progetto sono:
il valore culturale del progetto da un punto di vista europeo: il modo in cui gli obiettivi e gli effetti dell'azione sono
meglio raggiunti sia a livello europeo che a livello nazionale,
il livello di collaborazione tra gli Stati e il carattere multilaterale del progetto: il numero, il coinvolgimento e la
gamma geografica dei paesi partecipanti. Nel caso di progetti che abbiano ricevuto un apprezzamento qualitativo
equivalente da parte del gruppo di esperti indipendenti, sar data preferenza ai progetti che coinvolgeranno il
maggior numero di coorganizzatori o di soci dei vari paesi partecipanti,
il livello al quale le azioni vengono attuate, raggiungono e portano beneficio primariamente ai cittadini in Europa e
l'obiettivo di ampia visibilit e accessibilit,
la possibilit di una collaborazione e di una sostenibilit continuata, ulteriori attivit o benefici continui derivanti a
livello europeo dalle attivit proposte che costituiscono un contributo a lungo termine allo sviluppo della collaborazione, dell'integrazione e delle culture in Europa,
la promozione del dialogo culturale e la valorizzazione delle reciproche conoscenze delle culture.

19.8.2003

IT

19.8.2003

Gazzetta ufficiale dellUnione europea

Qualit
Si riserver un'attenzione particolare a progetti che dimostrino, grazie al livello di cooperazione tra partner, l'accuratezza
della realizzazione e la sua metodologia, la chiarezza del bilancio, la proposta gestione del progetto e l'originalit
dell'approccio che la proposta non soltanto in linea con i criteri e gli obiettivi del programma bens pu anche
essere completata in modo efficace.
Ai fini del presente invito e della valutazione i fattori di cui si terr conto all'atto di valutare la qualit dei
progetti sono:
Grado di coinvolgimento di ciascuno dei co-organizzatori nella concezione, nell'attuazione e nel finanziamento del
progetto.
Pertinenza delle azioni proposte in relazione agli obiettivi del programma come definito all'articolo 1 della decisione
n. 508/2000/CE e quelli relativi al pertinente settore annuale e agli obiettivi generali quali indicati nel presente
invito.
Esperienza e competenza delle persone che partecipano alla gestione e all'attuazione del progetto in relazione alla
categoria/alle attivit in questione.
Pertinenza delle azioni proposte in relazione al pubblico dei destinatari/dei beneficiari, impatto sul pubblico in
genere e questioni sociali affrontate.
Relazione tra le azioni proposte e il bilancio e il personale disponibile per attuare la proposta.
Chiarezza della ripartizione del bilancio presentato e chiara correlazione tra gli importi destinati alle attivit, la
natura delle attivit e la metodologia per condurle.
Innovazione e creativit
Si riserver un'attenzione particolare ai progetti che risultino innovativi, originali e creativi nel loro approccio, nella loro
prospettiva, metodologia o nella natura della loro cooperazione.

ALLEGATO D
OBBLIGHI FINANZIARI E CONTRATTUALI
AMMISSIBILIT DELLE SPESE E MODALIT PRATICHE DI CONCESSIONE DELLA SOVVENZIONE COMUNITARIA
Spese ammissibili (1)
Per tutti i progetti il periodo di ammissibilit delle spese legate all'attuazione di un progetto verr stipulato nell'accordo
di sovvenzione e sar, fatto salvo quanto descritto al prossimo punto, non prima della firma dell'accordo di sovvenzione
da parte della Commissione, che si presume sia il 15 aprile 2004. Il periodo di ammissibilit della spesa deve iniziare
non oltre il 15 novembre 2004.
Pu essere concessa una sovvenzione per azioni che sono gi state intraprese solo quando il candidato pu dimostrare la
necessit di avviare l'azione prima della firma dell'accordo. In tali casi, la spesa ammissibile per il finanziamento non
deve essere effettuata prima del 15 aprile 2004, e comunque non prima della data della firma dell'accordo.
Sono ammissibili soltanto le seguenti spese a condizione che siano effettivamente contabilizzate e valutate secondo le
condizioni del mercato e siano inoltre identificabili e controllabili. Deve trattarsi di costi diretti (direttamente determinati
dall'azione e indispensabili per la sua realizzazione, tenendo conto del principio costo/efficacia):
le spese di personale effettivamente affrontate per la realizzazione del progetto sono ammissibili soltanto se il
sistema di contabilit dei pertinenti co-organizzatori pu' enucleare chiaramente e dimostrare la percentuale di
tempo che il suo personale ha dedicato all'attuazione del progetto nel periodo di spesa ammissibile e quindi la
percentuale dei costi di personale che possono essere attribuiti ai costi del progetto. Gli stipendi e le spese relative ai
prestatari di servizio civile non sono ammissibili salvo qualora sia possibile dimostrare che detti lavoratori sono
distaccati presso organizzazioni non governative o che siano retribuiti per lavoro prestato al di fuori delle loro
incombenze professionali regolari e che ci' sia necessario e ragionevole nell'ambito del progetto. i costi per il
personale amministrativo del progetto non devono superare il 20 % dell'importo totale delle altre spese
dirette,
(1) La spesa ammissibile solo per gli operatori culturali provenienti dai 15 Stati membri, dai tre Stati SEE/EFTA e dai 12 paesi candidati
che partecipano al programma [cfr. allegato B, lettera b)].

C 195/31

C 195/32

IT

Gazzetta ufficiale dellUnione europea

spese di viaggio e di soggiorno, compresa l'indennit giornaliera, connesse col progetto (riunioni, incontri europei,
mobilit per le iniziative di formazione, ecc.) (le spese per taxi non sono ammissibili a meno che non sia provata
l'inesistenza di altre alternative). Le organizzazioni dovranno usare i loro tassi giornalieri per calcolare dette spese,
tuttavia esse non devono essere superiori all'importo massimo fissato dalla Commissione (i tassi CE possono essere
consultati sul seguente sito Internet:
http://europa.eu.int/comm/culture/eac/how_particip2000/pract_info/appel_2004_en.html)
spese legate all'organizzazione di conferenze (affitto di sale, spese di interpretariato),
spese per la pubblicazione e la divulgazione,
spese per attrezzature (in caso di acquisto di beni durevoli, sar considerato solo il relativo ammortamento annuo),
costi di materiali di consumo e forniture,
costi di telecomunicazione,
assicurazioni, noleggio locali e attrezzature, diritti d'autore, diritti artistici di rivendita, studi di realizzabilit, spese di
funzionamento tecnico e coordinamento, compenso di artisti,
costi di audit esterno.
Per progetti annuali e pluriennali con alcune attivit che si svolgono in un paese che non partecipa al programma:
qualsiasi costo relativo al progetto sostenuto nel paese terzo dal capofila di progetto o dai co-organizzatori non deve
superare il 10 % del bilancio globale,
per i progetti specifici di collaborazione che si svolgono interamente in un paese terzo (1) la spesa relativa al
progetto effettuata nel paese terzo dal capofila del progetto e dai co-organizzatori considerata ammissibile.
I costi generali (punto 2 del bilancio sul modulo di candidatura, che include forniture d'ufficio, beni di consumo,
ammortamento delle attrezzature elettroniche, ecc.) sostenuti dal beneficiario nell'effettuare l'azione possono essere
ammissibili ai finanziamenti ma non devono superare il 7 % dei costi totali diretti ammissibili.
Costi non ammissibili:
Non potranno essere considerate spese ammissibili in nessuna circostanza:
costi del capitale investito,
gli accantonamenti aventi carattere generale (per perdite, eventuali debiti futuri),
debiti,
interessi passivi,
crediti di dubbia esazione,
perdite dovute ai cambi, a meno che esse non siano eccezionalmente ed espressamente previste,
spese voluttuarie,
realizzazione di materiali e pubblicazioni a fini commerciali; tuttavia si potranno prendere in considerazione
monografie, collezioni, riviste, registrazioni, CD, CD-ROM, CD-I, video, se parte integrante del progetto,
costi di investimento e di gestione delle organizzazioni culturali che non sono parte integrante del progetto,
IVA, a meno che il beneficiario non possa dimostrare di non essere in grado di recuperarla,
(1) Si considera paese terzo un qualsiasi paese che non partecipa al programma Cultura 2000.

19.8.2003

19.8.2003

IT

Gazzetta ufficiale dellUnione europea

le spese effettuate dai partecipanti di paesi che non partecipano al programma Cultura 2000,
contributi in natura (concessione di terreni, di beni immobili in toto o in parte, di beni strumentali durevoli,
materie prime, lavoro volontario non retribuito) in qualsiasi circostanza.
Subappalti e bandi di gara
Allorch l'attuazione delle azioni assistite richieda un subappalto o una procedura di gara, i beneficiari del finanziamento
devono attribuire il contratto al contraente che offre i migliori vantaggi, in ottemperanza ai principi di trasparenza e di
pari trattamento dei potenziali contraenti, avendo cura di evitare conflitti di interesse.
PROCEDURE FINANZIARIE E AMMINISTRATIVE GENERALI
1. Durata del progetto
I progetti non possono iniziare prima del 15 novembre 2004. I progetti devono avere obiettivi chiari e ben definiti e
devono avere un calendario realistico. Per tutti i progetti, il periodo di ammissibilit della spesa riguardante
l'attuazione di un progetto deve essere stipulato nell'accordo di finanziamento e non potranno, fatto salvo quanto
descritto al prossimo punto, iniziare prima della firma dell'accordo di finanziamento da parte della Commissione,
che si presume sar il 15 aprile 2004.
Potr essere concesso un finanziamento per un'azione gi iniziata solo se il candidato pu dimostrare la necessit di
iniziare l'azione prima della firma dell'accordo. In tali casi, la spesa ammissibile per il finanziamento non deve essere
effettuata prima del 15 aprile 2004, e comunque non prima della data della firma dell'accordo.
Il periodo di ammissibilit della spesa non dovr superare quello concesso per ciascun tipo di azione, ossia:
per i progetti di cooperazione annuale e i progetti di cooperazione culturale in paesi terzi non partecipanti al
programma: 12 mesi,
per i progetti di accordi di collaborazione pluriennale: non meno di 24 mesi e non pi di 36 mesi.
Le candidature devono chiaramente indicare la data di inizio e di ultimazione dei progetti.
2. Condizioni finanziarie della sovvenzione
L'accettazione di una candidatura da parte della Commissione non costituisce un impegno a concedere un contributo
finanziario pari all'importo richiesto dal beneficiario. La concessione di un finanziamento non stabilisce un precedente
per gli anni successivi.
La persona incaricata dall'organizzazione candidata (il direttore di progetto) deve, impegnandosi con la sua firma, fornire
prova dell'uso corretto del finanziamento e consentire alla Commissione e/o alla Corte dei Conti di verificare i conti
dell'organizzazione. A questo scopo il beneficiario deve conservare i documenti pertinenti per almeno cinque anni dopo
il pagamento finale.
La Commissione pu chiedere a qualsiasi organizzazione privata cui stato concesso un finanziamento di fornire
anticipatamente una garanzia da una banca riconosciuta o da un'organizzazione finanziaria che abbia la propria sede
in uno degli Stati membri. La garanzia deve essere fissata in euro.
3. Condizioni contrattuali
Il finanziamento comunitario prender la forma di un accordo di finanziamento UE tra la Commissione e il direttore di
progetto, che sar designato quale beneficiario. A titolo di condizioni di concessione della sovvenzione la Commissione
esige che il beneficiario (capofila del progetto) e gli altri co-organizzatori stipulino un accordo relativo all'esecuzione del
progetto, ivi comprese le disposizioni finanziarie. Un esempio dell'accordo di sovvenzione usato dalla Commissione pu
essere ripreso sul seguente sito Internet:
http://europa.eu.int/comm/culture/eac/how_particip2000/pract_info/appel_2004_en.html
I beneficiari devono attenersi strettamente alle regolamentazioni amministrative applicabili e devono rispettare le
condizioni del programma Cultura 2000 e il nuovo regolamento finanziario della Commissione europea.
Per informazioni complete sui nuovi regolamenti finanziari i candidati si rivolgeranno al seguente indirizzo:
http://europa.eu.int/eur-lex/it/search/search_oj.html e consulteranno le due Gazzette ufficiali seguenti:
GU L 248 del 16.9.2002 [regolamento (CE, Euratom) n. 1605/2002 del Consiglio del 25 giugno 2002, sui
regolamenti finanziari applicabili al bilancio generale delle Comunit europee],
GU L 357 del 31.12.2002 [regolamento (CE, Euratom) n. 2342/2002 della Commissione del 23 dicembre 2002,
recante modalit di esecuzione del regolamento n. 1605/2002 del Consiglio che stabilisce il regolamento finanziario
applicabile al bilancio generale delle Comunit europee].

C 195/33

C 195/34

IT

Gazzetta ufficiale dellUnione europea

La Commissione attribuisce la massima importanza alla qualit della gestione amministrativa e finanziaria dei progetti.
La Commissione non pu essere considerata giuridicamente responsabile dei progetti beneficiari di una sovvenzione
finanziaria. Il sostegno finanziario da essa accordato non costituisce un credito nei suoi confronti e non pu quindi
essere ceduto a terzi.
4. Rispetto delle scadenze
Le scadenze indicate nell'accordo di sovvenzione UE devono essere scrupolosamente rispettate. In via eccezionale, pu
essere eventualmente accordata un'unica proroga del periodo dell'accordo di sovvenzione UE nell'eventualit di un
ritardo di realizzazione del progetto. La domanda ufficiale che deve essere presentata almeno 2 mesi prima della
scadenza del periodo di ammissibilit indicato nell'accordo di finanziamento UE, deve indicare la durata del periodo
supplementare richiesto, come pure i motivi del ritardo, e deve indicare chiaramente il proposto scadenzario modificato
e le implicazioni finanziarie. La domanda sar quindi esaminata e in caso di accettazione una clausola aggiuntiva
sar trasmessa per firma e accettazione al beneficiario.
I ritardi che comportino il completamento di un progetto dopo la data concordata di completamento e che non abbiano
fruito di una modifica previamente concordata dell'accordo di sovvenzione UE originale autorizzata dalla Commissione,
come indicato sopra, produrranno una riduzione dei finanziamenti tramite l'eliminazione di tutte le spese non ammissibili, vale a dire le spese incorse successivamente alla data concordata per la conclusione delle obbligazioni dell'accordo.
5. Cofinanziamento
Il contributo comunitario nell'ambito del programma sar soggetto a verifica scritta e vincolante dell'impegno finanziario sostanziale (importo dell'impegno) del capofila del progetto e dei co-organizzatori, per la realizzazione del
progetto.
Il beneficiario deve dimostrare che il cofinanziamento fornito sia da fondi propri, sia proveniente da trasferimenti
finanziari da terzi.
6. Versamento della sovvenzione
I finanziamenti per i progetti annuali sono pagati in due rate. Il primo pagamento di prefinanziamento (70 % del
finanziamento totale) verr effettuato entro 45 giorni dalla firma dell'ultimo tra i due firmatari dell'accordo. Il secondo
pagamento (30 % del finanziamento totale) dipender dall'approvazione della Commissione della relazione finale di
attivit finanziaria.
I finanziamenti per gli accordi di cooperazione pluriennale sono pagati in tre rate: pagamento di prefinanziamento
(50 % del finanziamento totale) entro 45 giorni dalla data della firma dell'ultimo dei due firmatari, secondo pagamento a
met del progetto (30 % del finanziamento totale) e pagamento finale a completamento dello stesso.
Il secondo pagamento (30 % a met del progetto) sar subordinato all'impiego del prefinanziamento precedente in
misura di almeno il 70 %. Ogni richiesta di un nuovo pagamento dovr essere accompagnata da una relazione tecnica
sull'andamento dei lavori eseguiti oltre a una dichiarazione dettagliata della spesa effettiva sostenuta per tali azioni. Dopo
che tale relazione sia stata approvata dalla Commissione si proceder al secondo pagamento. Il pagamento finale sar
fatto solo a completamento del progetto e previa approvazione della Commissione della relazione finale e dei conti.
Per i pagamenti finali superiori ai 150 000 EUR, i conti finali devono essere accompagnati da una relazione di verifica
esterna (gli enti pubblici e gli istituti di istruzione secondaria e superiore sono esenti). La relazione di audit esterna deve
essere effettuata solo da un ente indipendente o da un esperto ufficialmente autorizzato ad effettuare la verifica dei conti.
Scopo della verifica certificare che i documenti finanziari presentati alla Commissione dal beneficiario siano conformi
alle disposizioni finanziarie dell'accordo e che i costi dichiarati siano i costi effettivi e che tutte le ricevute siano state
dichiarate.
I finanziamenti per i progetti relativi alle traduzioni sono pagati in una sola rata alla fine del progetto previa
approvazione della relazione finale e dei conti.
Poich il contributo della Commissione rappresenta una data percentuale del costo complessivo stimato del progetto, il
versamento finale sar calcolato in base ai costi reali ammissibili dichiarati e tenendo conto degli altri contributi ricevuti
o di un eventuale apporto proprio del capofila del progetto e dei co-organizzatori.
In nessun caso la sovvenzione pu avere come oggetto o effetto un profitto per il beneficiario e il finanziamento
limitato all'importo necessario a pareggiare il bilancio delle entrate e delle uscite. Il profitto sar definito come segue:
un'eccedenza di entrate oltre i costi dell'azione in questione, quando viene effettuata la richiesta per il pagamento
finale di un finanziamento per un'azione.
Se un progetto d adito a un profitto finanziario, i fondi erogati dalla Commissione devono essere restituiti fino a
concorrenza dell'utile realizzato. Nel caso in cui il costo reale sostenuto sia inferiore al costo totale inizialmente previsto,
la Commissione ridurr il proprio contributo in proporzione. quindi nell'interesse del candidato presentare un bilancio
previsionale ragionevole.

19.8.2003

19.8.2003

IT

Gazzetta ufficiale dellUnione europea

7. Disposizioni generali
Un controllo finanziario sull'impiego delle sovvenzioni fornite ai beneficiari viene esercitato dalla Commissione e/o dalla
Corte dei Conti europea e/o dall'Ufficio europeo per la lotta antifrode.
La dissimulazione parziale o totale da parte del candidato di informazioni che possono avere incidenza sulla decisione
finale della Commissione comporter automaticamente l'esclusione della candidatura o, qualora scoperta in una fase
successiva, conferir alla Commissione il diritto di porre termine all'accordo di sovvenzione dell'UE e di esigere il
rimborso totale di tutte le somme percepite dal beneficiario nel quadro di detto accordo.
Relazione e bilancio di chiusura
Al termine di un progetto beneficiario di una sovvenzione comunitaria, il capofila del progetto deve presentare una
relazione d'attivit (compresi i conti finali) sui risultati ottenuti e fornire, su richiesta della Commissione, tutte le
informazioni necessarie alla valutazione del progetto. La relazione, che deve presentare una descrizione succinta ma
completa dei risultati delle attivit progettuali raffrontate con gli obiettivi iniziali, dovr essere corredata di tutte le
pubblicazioni eventualmente realizzate.
Il documento deve inoltre contenere una relazione di ciascun co-organizzatore che comprovi la partecipazione attiva
di quest'ultimo per tutta la durata del progetto.
Pubblicit
Gli organizzatori dei progetti selezionati sono contrattualmente tenuti a garantire, con tutti i mezzi appropriati e in
base a quanto specificato dall'accordo di sovvenzione UE che sia data pubblicit al finanziamento concesso al
progetto dall'Unione europea durante tutta la durata del progetto e indicazioni in tal senso in tutte le pubblicazioni
o nel materiale pubblicitario permanente o corrente anche dopo il termine del progetto. Prova di tale pubblicit
dev'essere contenuta sia nella relazione intermedia sia in quella finale.
La Commissione pubblicher il nome e l'indirizzo del beneficiario, l'oggetto del finanziamento, l'importo e il tasso di
finanziamento. Ci verr effettuato in accordo con il beneficiario, a meno che la pubblicazione delle informazioni non
pregiudichi la sicurezza del beneficiario o gli arrechi un danno commerciale.
CANDIDATURE
L'invito a presentare le candidature e i moduli di candidatura si trovano sul server EUROPA su Internet al seguente
indirizzo:
http://europa.eu.int/comm/culture/eac/how_particip2000/pract_info/appel_2004_en.html
I moduli di candidatura possono essere ottenuti, se del caso, presso i punti di contatto Cultura negli Stati membri e nei
paesi del SEE/EFTA (elenco accluso), o dall'Unit Sviluppo della politica in campo culturale Programma Cultura
2000 al seguente indirizzo:
Commissione europea
Sviluppo della politica in campo culturale Programma-quadro Cultura 2000
B-100 Ufficio 5/21
B-1049 Bruxelles
Le candidature verranno accettate per esame solo se esse sono debitamente compilate e presentate sul modulo ufficiale
di candidatura. Le candidature inviate tramite e-mail o fax o scritte a mano non saranno accettate.
Le candidature devono essere inviate all'indirizzo summenzionato:
per posta, e a questo scopo la data deve essere la data dell'invio tramite posta, e ne fa fede la data del timbro postale,
oppure
consegna a mano personalmente da parte del candidato oppure da un suo agente, incluso un servizio di corriere,
contro firma di una ricevuta datata.
ed entro e non oltre il 30 ottobre 2003 per i progetti annuali (e i progetti con i paesi terzi) e per i progetti riguardanti la
traduzione ed entro il 14 novembre 2003 per tutti i progetti di accordi pluriennali di cooperazione.
Il termine ultimo tassativo e improrogabile.

C 195/35

IT

C 195/36

Gazzetta ufficiale dellUnione europea

ALLEGATO E
ELENCO DEI PUNTI DI CONTATTO CULTURALI IN EUROPA
Austria
Punto di contatto culturale austriaco
Sigrid Olbrich-Hiebler
Cancelleria federale Dipartimento Arti
Bundeskanzleramt Kunstsektion
Kontaktstelle fr Kulturangelegenheiten in sterreich
Schottengasse 1
A-1010 Vienna
Tel. (43-1) 531 15 76 93
Fax (43-1) 531 15 76 94
e-mail: sigrid.hiebler@bka.gv.at
http://www.ccp-austria.at
Patrimonio culturale
Liselotte Haschke
Ministero dell'Educazione, delle scienze e della cultura
Schreyvogelgasse 2
A-1010 Vienna
Tel. (43-1) 531 20 36 26
Fax (43-1) 531 20 36 09
e-mail: liselotte.haschke@bmbwk.gv.at
http://bmbwk.gv.at/kultur

Daniela Kaneva
17 Al. Stamboliiski Blvd.
BG-1040 Sofia
Tel. (359-2) 980 57 89
Fax (359-2) 981 81 45
e-mail: iveta_dimova@lycos.com
daniela_kaneva@yahoo.com
http://www.culture.government.bg

Repubblica di Cipro
Punto di contatto culturale della Repubblica di Cipro
Eleni Nikita
Loulli Michaelidou
Christina Hadjisavva
Ministero dell'Educazione e della cultura
Servizi culturali
Corner of Kimonas and Thoukidides Street
CY-1434 Nicosia
Tel. (357) 22 800979/800933/800994
Fax (357) 22 518042
e-mail: ccp@culture.moec.gov.cy
http://www.moec.gov.cy/ccp/index.html
Repubblica ceca

Belgio
Comunit fiamminga
Annemarie Gielen
CultuurNet Vlaanderen
Arenbergstraat 1d
B-1000 Bruxelles
Tel. (32-2) 551 18 86
Fax (32-2) 551 18 99
e-mail: annemarie.gielen@cultuurnet.be
http://www.cultuurnet.be
Comunit francofona e tedesca
Claudine Lison
Marie Schippers
c/o Wallonie-Bruxelles Thatre
Le Flagey
Place Flagey 18 B13
B-1050 Bruxelles
Tel. (32-2) 219 39 08
Fax (32-2) 219 45 74
e-mail: wbt@online.be
http://www.pcceurope.be

Punto di contatto culturale della Repubblica ceca


Eva Zkova
Magdalena Bicikov
Divadeln stav
Celetn 17
CZ-110 00 Praga 1
Tel. (420) 224 809 134/118/119
Fax (420) 222 3261 21
e-mail: eva.zakova@culture2000.cz
magdalena.bicikova@culture2000.cz
http://www.culture2000.cz
Sezione patrimonio culturale del Punto di contatto culturale della Repubblica ceca
Eva Luksov
Istituto nazionale per la tutela del patrimonio culturale
Ufficio centrale
Valdstejnsk.nm. 3
CZ-118 01 Praga 1
Tel. (420) 257 532 309/(420) 257 010 249
Fax (420) 257 010 248
e-mail: culture2000heritage@supp.cz
http://www.supp.cz/html/culture2000heritage

Bulgaria
Centro culturale euro-bulgaro
Yavor Koinakov
17 Al. Stamboliiski Blvd.
BG-1040 Sofia
Tel. (359-2) 988 00 84
Fax (359-2) 980 78 03
e-mail: cip@eubcc.bg
http://www.eubcc.bg
Ministero della Cultura
Dipartimento per l'Integrazione europea
Iveta Dimova

Danimarca
Punto di contatto culturale danese
Rasmus Wiinstedt Tscherning
Anne-Marie Rasmussen
The Danish Agency for the Arts
Kongens Nytorv 3, postboks 9012
DK-1022 Kbenhavn
Tel. (45) 33 92 30 40
Fax (45) 33 14 64 28
e-mail: ccp@kulturtilskud.dk
http://www.kulturtilskud.min.dk/ccp

19.8.2003

IT

19.8.2003

Gazzetta ufficiale dellUnione europea

Estonia
Eike Eller
Karla Agan
Dipartimento Relazioni internazionali e integrazione europea
23 Suur-Karja Street
EE-15076 Tallinn
Tel. (372) 628 22 28/30
Fax (372) 628 23 20
e-mail: eike.eller@kul.ee
karla.agan@kul.ee
http://www.kul.ee/ccp
Finlandia
Punto di contatto culturale finlandese
Ulla Nyberg
Hanna Hietaluoma
Centro per la mobilit internazionale CIMO
PL 343
Hakaniemenkatu 2
FIN-00531 Helsinki
Tel. (358-9) 77 47 70 82/77 47 72 44
Fax (358-9) 77 47 70 64
e-mail: ccp@cimo.fi
http://www.cimo.fi
Francia
Relais Culture Europe
Pascal Brunet
Valrie Martino
17, rue Montorgueil
F-75001 Parigi
Tel. (33-1) 53 40 95 10
Fax (33-1) 53 40 95 19
e-mail: info@relais-culture-europe.org
http://www.relais-culture-europe.org
Germania
Punto di contatto culturale
Sabine Bornemann
c/o Deutscher Kulturrat
Weberstrae 59a
D-53113 Bonn
Tel. (49-228) 201 35 27
Fax (49-228) 201 35 29
e-mail: ccp@kulturrat.de
http://www.kulturrat.de/ccp
Grecia
Punto di contatto culturale greco
Georgios Liontos
Ministero della Cultura
Direzione Affari europei
17 rue Ermou
GR-10563 Atene
Tel. (30) 210 32 30 293/82 01 501
Fax (30) 210 33 10 796
e-mail: Georgios.Liontos@dseee.culture.gr
http://www.ccp.culture.gr
Ungheria
Punto di contatto culturale ungherese
KultrPont Iroda

Attila Zongor
Kazinczy u. 24-26.
H-1075 Budapest
Tel. (36-1) 413 75 65
Fax (36-1) 413 75 74
e-mail: info@kulturpont.hu
http://www.kulturpont.hu

Islanda
Punto di contatto culturale islandese
Svanbjrg Einarsdottir
Tngata 14
IS-101 Reykjavik
Tel. (354) 562 63 88
Fax (354) 562 71 71
e-mail: ccp@iff.is
http://www.centrum.is/ccp

Irlanda
Punto di contatto culturale irlandase
Emma Kelly
Kira Ravinskaya
Catherine Boothman
The Arts Council/An Chomhairle Ealaion
70 Merrion Square
Dublin 2
Irland
Fax (353-1) 676 13 02
e-mail: ccp@artscouncil.ie
http://www.artscouncil.ie
Kira Ravinskaya
Tel. (353-1) 618 02 02
Emma Kelly
Tel. (353-1) 618 02 64
Catherine Boothman
Tel. (353-1) 618 02 34

Italia
Antenna culturale europea CCP Italia
Massimo Scalari
Marcella Mondini
Cristiana Bartolini
Dialoghi per la Cultura europea
Piazza Castello, 9
I-10123 Torino
Tel. (39) 011 54 72 08
Fax (39) 011 54 82 52
e-mail: info@antennaculturale.it
http://www.antennaculturale.it

Lettonia
Ilona Grodska
Jolanta Mikelsone
Consulente per il programma UE Cultura 2000
Ministero della Cultura
11a K. Valdemara Str.
LV-1364 Riga
Tel. (371) 722 83 30/503 370/503 371
Fax (371) 722 79 16
e-mail: Ilona.Grodska@km.gov.lv
Jolanta.Mikelsone@km.gov.lv
http://www.km.gov.lv

C 195/37

IT

C 195/38

Gazzetta ufficiale dellUnione europea

Lituania
Punto di contatto culturale lituano
Europos kulturos programu centras
Agne Nastopkaite-Martikoniene
Ieva Skarzinskaite
J. Basanaviciaus, 5
LT-2600 Vilnius
Tel./Fax (370) 52 61 29 21
e-mail: belskit@durys.org
http://www.durys.org

Dipartimento delle Relazioni internazionali e dell'integrazione europea


Krakowskie Przedmiescie 15/17
PL-00-071 Varsavia
Tel. (48) 022 828 37 91
Fax (48) 022 828 37 91
e-mail: pkk.kultura@mk.gov.pl
http://www.mk.gov.pl/pkk

Portogallo
Lussemburgo
Marie-Ange Schimmer
Relais Culture Europe Luxembourg
Agence luxembourgeoise d'action culturelle
34b, rue Philippe II
L-2340 Lussemburgo
Tel. (352) 46 49 46-22
Tel. (352) 46 07 01
e-mail: rce@culture.lu
http://www.gouvernement.lu/gouv/fr/doss/rce

Ministerio da Cultura
Ana Paula Silva
Palcio Nacional da Ajuda, Ala Norte, 3 Andar
P-1300-018 Lisbona
Tel. (351-21) 361 93 10/3
Fax (351-21) 363 62 78
e-mail: asilva@min-cultura.pt
http://www.min-cultura.pt

Romania
Malta
Punto di contatto culturale di Malta
Chris Gatt
St James Cavalier
Centre for Creativity
MT- Valletta VLT 11
Tel. (356) 21 22 32 16
Fax (356) 21 22 32 18
e-mail: info@sjcav.org
http://www.sjcav.org

Paesi Bassi

Punto di contatto culturale della Romania


Vladimir Simon
Mioara Lujanschi
Alexandru Oprea
Piata Presei Libere 1
RO-71341 Bucarest
Tel. (40) 21 222 58 50/(40) 21 224 37 67
Tel./Fax (40) 21 223 37 25
e-mail: simon@eurocult.ro
mioara@eurocult.ro
alex@eurocult.ro
http://www.eurocult.ro

Punto di contatto culturale dei Paesi Bassi


Yvette Gieles
CCP/SICA Centro servizi per le attivit culturali internazionali
Van Diemenstraat 410
1013 CR Amsterdam
Nederland
Tel. (31) 206 16 42 25
Fax (31) 206 12 81 52
e-mail: ccpnl@sicasica.nl
http://www.sicasica.nl/ccp

Norvegia
Punto di contatto culturale norvegese
Norsk kulturrd (Consiglio norvegese per gli affari culturali)
Jean Yves Gallardo
Grev Wedels plass 1
N-0151 Oslo
Tel. (47) 22 47 83 30
Fax (47) 22 33 40 42
e-mail: jean-yves.gallardo@kulturrad.dep.no
web site: www.kulturrad.no

Polonia
Punto di contatto culturale polacco
Ms. Joanna Sanetra
Ministero della Cultura

Slovacchia
Natalia Cehlarikova
Marian Durisin
Bozena Krzikov
Ministero della Cultura
Dipartimento per l'Integrazione europea
SNP Square 33
SK-813 31 Bratislava
Tel. (421) 259 39 13 24, (421) 259 39 13 23
Fax (421) 259 39 13 70
e-mail: ccp@culture.gov.sk
http://www.ccp.sk
Slovenia
Punto di contatto della Slovenia
Mateja Lazar
SCCA, Centro delle arti contemporanee Lubiana
(SCCA Lubiana)
Metelkova 6
SLO-1000 Lubiana
Tel. (386) 14 31 83 85
Fax (386) 14 30 06 29
e-mail: ccp@scca-ljubljana.si
http://www.scca-ljubljana.si/ccp

19.8.2003

IT

19.8.2003

Gazzetta ufficiale dellUnione europea

Spagna

Punto de Contacto Cultural de Espaa


Juan Antonio Casado Casado
Direccin General de Cooperacin y Comunicacin
Cultural
Ministerio de Educacin, Cultura y Deporte
Plaza del Rey, 1
E-28004 Madrid
Tel. (34) 917 01 71 15
Fax (34) 917 01 72 19
e-mail: pcc.cultura@dgcc.mcu.es
http://www.mcu.es/cooperacin/pcc/index.html
Svezia
Attivit culturali e letterarie
Consiglio nazionale per gli affari culturali
Leif Sundkvist
Box 7843
S-103 98 Stoccolma
Tel. (46-8) 51 92 64 15
Fax (46-8) 51 92 64 99
e-mail: ccp@kulturradet.se
leif.sundkvist@kulturradet.se
http://www.kulturradet.se

Per il patrimonio culturale


Ente per il patrimonio culturale nazionale
Maria Wikman
Box 5405
S-114 84 Stoccolma
Tel. (46-8) 51 91 80 22
Fax (46-8) 51 91 80 79
e-mail: ccp@raa.se
maria.wikman@raa.se
http://www.raa.se

Regno Unito
Cultural Contact Point UK
Geoffrey Brown
Tanja Kleinhenz
Euclid
46-48 Mount Pleasant
Liverpool L3 5SD
United Kingdom
Tel. (44-151) 709 25 64
Fax (44-151) 709 86 47
e-mail: c2k@euclid.info
http://www.culture2000.info

C 195/39