Sei sulla pagina 1di 9

CAPRIE

Itinerari :

Sett. Placche del Paradiso

01- Fiocchi di neve


6B+
02 - Sotto il naso
6B+
03 - Mazza che mazzo 6C / 5
04 - Lo scorpione
6A
05 - Pomo della discordia 5+
06 - Sesso sul sasso
5+
07 - Genesi
6A+
08 - Cambio sport
7A
09 - Infezione da spit
6B
10 - Nel dubbio sali
6A
11 - Renella
6B
12 - Lingua biforcuta
6B+
13 - Variante di Lingua b. 6 A

6B+

13

6A
5+
6A
6B+

6B+

6B

5+
5+

6A+

10

11

12

Pi

er

6B

7A

6C
1

6A

CAPRIE - Placche del Paradiso


Le Placche del Paradiso, cos come per la quasi totalit delle pareti dell'area di Caprie, stata scoperta ed attrezzata da
Gian Carlo Grassi, intorno alla met degli anni 80 e poi successivamente, ripresa qualche anno dopo da Diego Cordola,
noto alpinista condovese, scomparso tragicamente in un incidente alpino nel 1993. Anche questo settore non si discosta
dalla storia comune del comprensorio arrampicatorio di Caprie e rapidamente cade nell'oblio.
Ma la storia non si ferma, ed cos che a distanza di almeno 25 anni, due pi che volenterosi scalatori, Stefano Rossetti e
Guido Nota, si dedicano alle pareti minori del luogo, e riscoprono a prezzo di grandi lavori di pulizia e di rifacimento di
sentieri, due ex nuovi settori, Le Placche del Paradiso e La Parete degli Haiku, non che un terzo, gi visitato in
precedenza probabilmente dal medesimo Gian Carlo, che per si limit all'apertura di un solo itinerario, oggi battezzato
Falesia del Silenzio. Nel giro di due inverni (2012 e 2013) la coppia Stefano&Guido ci consegnano tre nuove falesie
perfettamente pulite ed attrezzate con oltre una trentina di monotiri
Placche del Paradiso, posta su di una bellissimo terrazzo quasi a picco sul paese di Caprie, conta una dozzina di tiri, su
muro prettamente verticale, tutti meritevoli e piuttosto tecnici, bench alcuni siano interrotti da piccole cenge, alti tra i 10 e
15 mt. su solida roccia, il classico buon serpentino di Caprie, a tacche nette a volte molto taglienti, le difficolt vanno dal 5
al 7A , con prevalenza, rispetto alle altre due nuove falesie, di difficolt pi moderate. Chiodatura a spit-fix da 10 mm. e
catena con anello di calata in sosta.
Il periodo ideale sono le mezze stagioni e le assolate giornate invernali, l'esposizione a sud fa si che la parete va in ombra
nel tardo pomeriggio. Quota falesia circa 600 mt.

Accesso:
Dal paese di Caprie prendere a sx in direzione di
Campanbiardo-Celle, salire la stretta strada a
tornanti per alcuni chilometri, appena prima di
giungere sul pianoro prativo a valle della borgata
di Peroldrado, individuare sulla dx un sentierino
con l'indicazione in legno "Placche del
Paradiso"; poco oltre, parcheggiare con cura a
bordo strada. Lungo il sentiero in 5 minuti si
raggiunge la falesia. Dalla base della medesima
un nuovo sentiero in altri cinque minuti di
discesa conduce al Muro di Vetro (segnavia
indicatore in legno e bollini bianchi).

CAPRIE

Itinerari:

Sett. Muro di Vetro

01- Salgo Nudo


02 - Placca Batterica
03 - Sembra Facile
04 - Forse .......6A
05 - Selezione Naturale
06 - Provami
07 - Fessurone
08 - Ansia Mentale
09 - Lupa Mannara
10- Anomis
11 - Chimica Neutrinica
12 - Buongiorno Babilonia
13 - Marcellino Pane e Vino
14 - Marcellino Pane e Vino variante
15 - Vaio di Sinistra
16 - Vaio di Destra
17 - LInquieta Brama dellOttimo
18 - La Salamandra
19 - Variante di Partenza
20 - Hey Men

o (
5m
in.)

6C

adis

6B+

6B+

6C

6B+

che
Plac

7B+

22
21

6C+

7B+

6A+

6C

6B+

del

Par

6A

4+

7A

6B

15 16
13 14
11 12
10
8

6A+
17

6C

18

6C

19
20

Pi

er

Oasi dei Castagneti

CAPRIE - MURO di VETRO


A prima vista, potrebbe sembrare un posto insignificante, poi quando si tocca, essa si rileva per quello che .
Piccola falesia decisamente bella, con vie di livello medio su placca verticale, alcuni primi chiodi possono risultare un p
alti. Non farsi ingannare dallaspetto minuto della falesia, le vie non sono mai da sottovalutare.
Laltezza dei tiri si aggira sui 18 metri ed possibile arrampicare praticamente tutto lanno, in estate va in ombra nel
tardo pomeriggio. Il settore stato scoperto a met degli anni 80 dalla coppia Mauro Vaio e Franco Rebola, che ne
intuiscono subito le potenziali sportive ed attrezzano i tiri pi evidenti, ma lelevata difficolt per i tempi, scoraggia gli
arrampicatori, cos che per diversi anni la falesia frequentata solo da pochi affezionati. E solo questione di tempo,
infatti gi pochi anni dopo, erano i primi anni del 90, la falesia viene ripresa e sfruttata fino alla saturazione, regalandoci
una buona decina di itinerari tutti meritevoli. Ma la storia non finisce qui e nellautunno del 2012, due nuovi e volenterosi
scalatori della zona, Stefano Rossetti e Guido Nota, rimettono mano alla falesia e ne ripuliscono completamente dalla
vegetazione la parte posta a sinistra del fessurone, prima dora mai esplorata, ricavandone un altra dozzina di tiri,
chiaramente meno interessanti degli storici, ma comunque anche essi molto meritevoli.
Il settore di arrampicata non limitato alle vie qui descritte, la falesia prosegue ancora verso destra, ora dopo il
magnifico intervento del duo Stefano&Guido, praticamente senza soluzione di continuit formando un altro settore, dal
nome lOasi dei Castagneti con altri 25 tiri di corda, tra cui alcuni molto belli, in placca inclinata di media difficolta.
Inoltre a sinistra del Muro di Vetro qui descritto, esiste un altro settore ancora, denominato VaioLand; dedicato a
Mauro Vaio uno dei pi attivi arrampicatori, ma soprattutto attrezzatori della zona di Caprie e dintorni, scomparso diversi
anni fa per una grave malattia. Il settore raggiungibile dal medesimo sentiero di accesso al Muro di Vetro, ma poco
prima di questultimo, occorre prendere un bivio a sinistra. I tiri sono perlopi su placca verticale di elevata difficolt.

5
6C+
6A+
6A
?
7B+
4+
6C
6B+
6B+
7B+
6C
6B+
7A
6B
6B
6B+
6A+
6C
6C

Non visibili nel disegno, ci sono altri due tiri


allestrema sinistra della parete, lungo il sentiero
che sale verso le Placche del Paradiso.
21 - Hard Trad (fessura trad+ catena) 5+
22 - Piglia la Maniglia
6A
Subito a destra della via n. 20 Hey Men,
troviamo gi la prima via del settore LOasi dei
Castagneti.
Accesso: dal paese di Caprie prendere a sx in
direzione di Campanbiardo-Celle, dopo diversi
tornati e prima dellultimo tornante che immette
sul pianoro dove sorge labitato di Peroldrado,
notiamo a sx della stretta strada uno slargo
sufficente ad ospitare 3 o 4 automobili,
posteggiare ed individuare dalla parte opposta
della strada vicino al guard -rail un sentiero che
conduce alle falesie. Seguire il sentiero,
dapprima in breve discesa e poi con andamento
pianeggiante che in una decina di minuti
conduce alla falesia.

CAPRIE - Falesia Oasi


dei Castagneti

CAPRIE
Settore Oasi dei Castagneti

5+

5+

6B

6B

5+ 5+

6A+

6A+
6A+
10

5
6A+

7A+

6B
6B+

9
6A+

16
15

11
12 13

6B

6C+

23
5

22

6B+

7B+
21

24
25

Pi

er

6B+
20

6C+

19
17 18

14

6B+
1

6C+

Itinerari :
01 - Cotica di Ghiro
02 - Senza Nome
03 - Quelli che .. il G.A.F.
04 - Saltimbocca
05 - Disgustomania
06 - Seven Stones
07 - La Cometa
08 - Relax

6B+
6B
6A+
6C+
7A+
6A+
6B+
5 (33 mt.)

09 - Ce Tutto
10 - Marsupiali
11 - Ginevra
12 - Ombra di Luna
13 - Mama C.
14 - Rabadan
15 - Primavera Atomica
16 - Hiroshima
17 - Metr delle Otto

5+
5+
5+
5+
6A+
6A+
6B
6B
5

18 - Pensiero di Ghenael
19 - Delicata Violenza
20 - Castagnate
21 - Vento Siberiano
22 - Dalai Lama
23 - Wall Street
24 - Super Crudelia
25 - Crudelia
* chiodatura vecchia

6A+
6C+ *
6B+
NL
7B+
6C+ *
6B+ *
6B+

Accesso: dal paese di Caprie prendere a sx in direzione di Campanbiardo-Celle dopo diversi tornati e prima dellultimo tornante che
immette sul pianoro dove sorge labitato di Perldrado, notiamo a sx della stretta strada uno slargo sufficente ad ospitare 3 o 4 automobili,
posteggiare ed individuare dalla parte opposta della strada vicino al guard -rail un sentiero in leggera discesa che in 10 min. conduce alla
falesia il Muro di Vetro, giusto a destra di questo troviamo Loasi dei Castagneti.

Si tratta di 4 balze rocciose, non


particolarmente alte, e decisamente
nascoste dalla vegetazione, da cui
il nome; poste appena oltre il Muro
di Vetro. Come per la stragrande
parte del comprensorio di Caprie,
anche questo settore stato
inizialmente attrezzato da G.C.
Grassi negli anni 80, poi rivisitato di
tanto in tanto dai vari scalatori
affezionati alle rocce di Caprie. Il
luogo particolarmente ombroso
affacciato sulla gola del torrente
Sessi, da cui se ne scorge la
dimensione, davanti a noi si staglia
imponente il Pilastro della San
Marco. La roccia il classico buon
serpentino di Caprie, e
larrampicata piuttosto tecnica su
placche poco inclinate, tranne le
prime vie che si svolgono su di un
breve muro verticale ed anche un
p in strapiombo. Lattrezzatura
stata rivista in tempi recentissimi
2011-12; dal team S. Rossetti e G.
Nota, oltre alla quale hanno
aggiunto anche una manciata di
nuovi tiri, ora la chiodatura si
presenta molto pi omogenea e
fruibile di quanto era un tempo, ad
eccezione di alcune lunghezze (3 in
totale) contraddistinte dallasterisco
che non sono state revisionate. I tiri
pi lunghi raggiungono ed un paio li
superano abbondantemente i 20
mt., ideale per le mezze stagioni,
da evitare in periodi di forte umidit.

CAPRIE

CAPRIE
- Settore Promontorio della Farsa

Sett. Muro del Mago

6A+
6A

5+

5
5+

1
2
4

Pi
er

Itinerari :
01- Merlino
02 - Zurl
03 - Super Villa

6A
6A+
5+

04 - Torre di Babele 5+
05 - Petting
5

Accesso:
Dal paese di Caprie prendere a sx in direzione di Campambiardo-Celle, salire la stretta strada a tornanti per alcuni
chilometri, appena prima di giungere sul pianoro prativo a valle della borgata di Peroldrado, individuare sulla dx un
sentierino con l'indicazione in legno "Placche del Paradiso"; poco oltre, parcheggiare con cura a bordo strada.
Incamminarsi ancora lungo la strada per qualche decina di metri, fino a notare sulla destra un capanno con recinzione,
oltrepassata la quale, prendere a dx. un sentiero in salita che conduce sul promontorio, per traccia di sentiero con
indicazioni, raggiungere il settore Muro del Mago (10 min.)

Il Muro del Mago con il Promontorio della


Farsa, e lo Scoglio Solitario fa parte di una
lunga serie di settori minori, ma non per questo
meno interessanti, scovati gi negli anni 80 e poi
parzialmente utilizzati fino ai primi anni del 90,
da certuni scalatori particolarmente affezionati
alle rocce del comprensorio di Caprie.
Nessuno di questi ha mai avuto la notoriet e la
fruibilit di alcune altre falesie, rimaste in voga
ancora negli anni seguenti, quali, Anticaprie, il
Muro di Vetro o Campambiardo. Nei primi mesi
del 2013 il nuovo team di arrampicatoriattrezzatori, capitanato da Guido Nota e Stefano
Rossetti, da poco tempo costituito ma con
all'attivo gi molte e molte vie chiodate e/o
richiodate nel comprensorio, si dedica alla
rivisitazione di questi settori minori, e ne tira fuori
una altra bella serie di interessanti itinerari,
ovviamente mai molto numerosi, mai molto alti,
mai eccezionalmente belli, ma sicuramente
molto meritevoli di una visita.
Il Muro del Mago, conta una manciata di
lunghezze di corda, su parete appoggiata e
compatta, tutti meritevoli e piuttosto tecnici, alti
una decina di metri, su solida roccia, il classico
buon serpentino di Caprie, a tacche nette a volte
molto taglienti, le difficolt vanno dal 5+ al 6A+ ,
la scalata, principalmente in placca, molto
tecnica, dove l'uso dei piedi diventa
fondamentale. Chiodatura a spit-fix da 10 mm.
catena con anello di calata in sosta.
Il periodo ideale sono le mezze stagioni, posta
alla modesta quota di circa 700 mt. l'esposizione
ad ovest fa si che la parete prenda sole dopo il
mezzogiorno.

CAPRIE

CAPRIE
- Settore Promontorio della Farsa

Sett. Promontorio della Farsa

5+

5+

7A+
6C

Al capanno

6A
1

6
5

3
4

Itinerari :
01- Sapori dEstate 5
02 - Blood
6C
03 - Tritadita
7A+

Pi
er

Scoglio Solitario

04 - Fantasie
05 - Spigolo Est
06 - El Paso

6A
5+
5+

Accesso:
Dal paese di Caprie prendere a sx in direzione di Campambiardo-Celle, salire la stretta strada a tornanti per alcuni
chilometri, appena prima di giungere sul pianoro prativo a valle della borgata di Peroldrado, individuare sulla dx un
sentierino con l'indicazione in legno "Placche del Paradiso"; poco oltre, parcheggiare con cura a bordo strada.
Incamminarsi ancora lungo la strada per qualche decina di metri, fino a notare sulla destra un capanno con recinzione,
oltrepassata la quale, prendere a dx. un sentiero in salita che conduce sul promontorio, voltare a sx. per traccia di
sentiero con indicazioni, a raggiungere la falesia Promontorio della Farsa (10 min.)

Il Promontorio della Farsa con lo Scoglio


Solitario, e il Muro del Mago fa parte di una
lunga serie di settori minori, ma non per questo
meno interessanti, scovati gi negli anni 80 e poi
parzialmente utilizzati fino ai primi anni del 90,
da certuni scalatori particolarmente affezionati
alle rocce del comprensorio di Caprie.
Nessuno di questi ha mai avuto la notoriet e la
fruibilit di alcune altre falesie, rimaste in voga
ancora negli anni seguenti, quali, Anticaprie, il
Muro di Vetro o Campambiardo. Nei primi mesi
del 2013 il nuovo team di arrampicatoriattrezzatori, capitanato da Guido Nota e Stefano
Rossetti, da poco tempo costituito ma con
all'attivo gi molte e molte vie chiodate e/o
richiodate nel comprensorio, si dedica alla
rivisitazione di questi settori minori, e ne tira fuori
una altra bella serie di interessanti itinerari,
ovviamente mai molto numerosi, mai molto alti,
mai eccezionalmente belli, ma sicuramente
molto meritevoli di una visita.
Il Promontorio della Farsa, conta poco pi che
una manciata di lunghezze di corda, su un muro
appena appoggiato molto compatto, tutti
meritevoli e piuttosto tecnici, alti una dozzina di
metri, su solida roccia, il classico buon
serpentino di Caprie, a tacche nette a volte molto
taglienti, le difficolt vanno dal 5+ al 7A+ , la
scalata, principalmente in placca quasi verticale,
molto tecnica, dove l'uso dei piedi diventa
fondamentale. Chiodatura mista a golfari resinati
e spit-fix da 10 mm. catena con anello di calata
in sosta.
Il periodo ideale sono le mezze stagioni, posta
alla modesta quota di circa 700 mt. l'esposizione
ad ovest fa si che la parete prenda sole dopo il
mezzogiorno.

CAPRIE

CAPRIE - Settore Scoglio Solitario

Sett. Scoglio Solitario

Lo Scoglio Solitario, con il Promontorio della


Farsa e il Muro del Mago fa parte di una lunga
serie di settori minori, ma non per questo meno
interessanti, scovati gi negli anni 80 e poi
parzialmente utilizzati fino ai primi anni del 90,
da certuni scalatori particolarmente affezionati
alle rocce del comprensorio di Caprie.
Nessuno di questi ha mai avuto la notoriet e la
fruibilit di alcune altre falesie, rimaste in voga
ancora negli anni seguenti, quali, Anticaprie, il
Muro di Vetro o Campambiardo. Nei primi mesi
del 2013 il nuovo team di arrampicatoriattrezzatori, capitanato da Guido Nota e
Stefano Rossetti, da poco tempo costituito ma
con all'attivo gi molte e molte vie chiodate e/o
richiodate nel comprensorio, si dedica alla
rivisitazione di questi settori minori, e ne tira
fuori una altra bella serie di interessanti itinerari,
ovviamente mai molto numerosi, mai molto alti,
mai eccezionalmente belli, ma sicuramente
molto meritevoli di una visita.

6A

6C+

5+

6B+

6C
5+ trad

5+

Itinerari :
01- Erudizione Motoria
02 - Sfoggio di Destrezza
03 - Predicare Diabolicum
04 - Monounghia

5+
6A
6B+
6C+

o
ann

ave

attr

a to
so l

ap

ro
ntie

al C

Se

Pi
er

3
5

ra

rbie

05 - Scialaquator di Genio
06 - Variante
07 - Patatina
08 - Camalot (trad + catena)

6C
??
5+
5+

Accesso: Dal paese di Caprie prendere a sx in direzione di Campambiardo-Celle, salire la stretta strada a tornanti per
alcuni chilometri, appena prima di giungere sul pianoro prativo a valle della borgata di Peroldrado, individuare sulla dx
un sentierino con l'indicazione in legno "Placche del Paradiso"; poco oltre, parcheggiare con cura a bordo strada.
Incamminarsi ancora lungo la strada per qualche decina di metri, fino a notare sulla destra un capanno con recinzione,
oltrepassata la quale, prendere a dx. un sentiero in salita che conduce sul promontorio, voltare a sx. per traccia di
sentiero con indicazioni, a raggiungere la falesia del Promontorio della Farsa proseguire ancora per tracce di sentiero
in leggera discesa fino a settore dello Scoglio Solitario. (15 min.) In alternativa, un sentiero pi breve ma non indicato, si
snoda alla sinistra del capanno e dopo aver attraversato la torbiera raggiunge la falesia.

Lo Scoglio Solitario, conta poco pi che una


manciata di lunghezze di corda, su un muro
verticale compatto, tutti meritevoli e piuttosto
tecnici, alti una dozzina di metri, su solida
roccia, il classico buon serpentino di Caprie, a
tacche nette a volte molto taglienti, le difficolt
vanno dal 5+ al 6C+ , la scalata, principalmente
in placca quasi verticale, molto tecnica, dove
l'uso dei piedi diventa fondamentale. Chiodatura
mista a golfari resinati e spit-fix da 10 mm.
catena con anello di calata in sosta. Su alcuni
itinerari, le difficolt risultano pi obbligatorie
rispetto ad altri settori della zona.
Il periodo ideale sono le mezze stagioni, ma
l'esposizione ad est fa si che la parete vada in
ombra nel primo pomeriggio, rimanendo
pertanto frequentabile anche l'estate.

Caprie

Guide di Alta Montagna

Settore : Parete di ANTICAPRIE

6A

30 m.
4+

6A

6A

30 m.
5

6A

5+

14
6A

32

5+

3
4+

6C
7A

30 m.

5+

5+

6B

6C

6B
6B

4
6B+

6A+

5+

10

6C+

6B

32

6C

34

6A+

5+
30 m.

6B

6A+
6A+

6A
5

4+

4+

5+

5+

6A

7B+

10

7A

3 4

5+

6C

6 7
6C

7A 6B

8
9

11

121314

21

6C
7A

6A+

15

6A+

22 23
20

24

6C+

41

42

40

7A
7B

6A
5+

6B
8A

7A

6B+

4+

6B 5+
6C
6B

25
26 2728
29

6C

6A

35
34
30 31 32
33

38 39
36

37

18
19
16 17
Pi
er

www.altox.it

Falesia di ANTICAPRIE

ELENCO ITINERARI
1 - Disunione Sovietica L1 4, L2 4
2 - Sintesi Antica L1 4+, L2 3 , L3 4
3 - Profumo di Roccia L1 4+
4 - The Best L1 5+
5 - Zeting Ti Vede L1 5
6 - Placche Integrali L1 4
7 - Gulp L1 5, L2 4+, L3 6A
8 - Deambulazioni L1 3, L2 6B+
9 - Pipor L1 3, L2 7A
10 - Passa Guarda e Vai L15+, L24
11 - Ultimo Ratio L1 5+, L2 6C
12 - Richiodatura L1 6C
13 - 9 Stelle per 9 Sere L1 7A
14 - AC/DC L1 6B
15 - Il Convento L1 7A
16 - Gimme Shelter Bis L1 6A+
17 - Grazie di Tutto L1 6A, L2 6A+, L3 5+, L4 4+
18 - Rosa Shocking L1 6C, L2 6B, L3 5
19 - Diego L1 6C, L2 6B, L3 6A
20 - Fessura Meneghin L1 5+, L2 5+, L3 5
21 - Amici 2000 L1 7B+
22 - Afrikanner Diretta L1 7A, L2 6C+, L3 5
23 - Jamanahure Mana L1 8?
24 - Secolo della Menzogna L1 6B, L2 6B, L3 5
25 - L imbroglio delle Cifre L1 6A+, L2 6A+, L3 5+, L4 6A
26 - Ocio L1 6A, L2 4+, L3 6A
27 - Manit L1 7A
28 - Lascia Perdere L1 7B
29 - Cactus L1 6B+, L2 5+, L3 6A+
30 - Un Pensiero per Anna Lisa L1 6C
31 - AL L1 6B, L2 6A
32 - Orione L16A, L2 5, L3 5
33 - Alice nel Paese di G.A.F. L1 6B
34 - Giri Orbitali L1 5+, L2 6B
35 - Alexander Platz L1 7A, L2 6C
36 - Straturnismo L1 6C
37 - Perversioni Climberali L1 6A+, L2 6B
38 - Arco del Ramarro L1 6C+, L2 6C
39 - Gorak-Shep L1 6A+
40 - Figli del Tempo L1 5+
41 - Nuovo Capitolo L1 5
42 - Diedro Rosso L1 4+

La parete di Anticaprie da il sempre il settore pi frequentato del intero comprensorio, vuoi


per la comodit di accesso vuoi per la vicinanza alla citt, vuoi per una bella roccia o per una
buona gamma di vie. Non a caso, proprio su questa parete che inizia la storia alpinistica del
comprensorio di Caprie, nel ormai lontano 1969, quando A. Piana apre la prima via; l attuale
Cactus . Ma la falesia di per se, nasce diversi anni dopo, agli inizi degli anni 80, per merito di
alcuni arrampicatori affezionati ai luoghi, in primis la G.A. Giancarlo Grassi, che nel giro di
pochi anni apre e chioda, la maggior parte degli itinerari, che verranno frequentati per un buon
periodo, ma poi pian piano abbandonati o quasi, Finch alcuni torinesi appartenenti ai nuovi
ceti arrampicatori, richiodano, un p per volta, una ventina di monotiri, che contribuiranno in
maniera decisiva, al non totale degrado della parete.
Ora sarebbe pi giusto dire Il Nuovamente Nuovo Anticaprie , questo perch nel mese di
aprile 2004 l intera parete stata rivista in toto, infatti, essa entrata in un pi ampio progetto
di valorizzazione del territorio, comprendente oltre che a sentieri, piste ciclabili, aree pic nic....
anche la realizzazione di una nuova Via Ferrata e la riattrezzatura del canyoning nel torrente
Sessi. Durante la richiodatura, realizzata dalle Guide Alpine, si cercato un connubio tra il
rispetto delle vie originarie e la linearit degli itinerari, per cui i vecchi conoscitori/frequentatori
della parete, troveranno rispetto al passato, molte cose cambiate ( forse troppe ? ) si cercato
in qualche modo di sgarbugliare un pochino la ragnatela degli itinerari originali, raddrizzando
alcuni tiri, spostando soste e anche invertendo i nomi. Sicuramente si privilegiato l aspetto
sicurezza e divertimento, probabilmente anche calpestando l opera di qualcun altro. ( Se
avete commenti in merito vorremmo ascoltarli : anticaprie@altox.it )
Oggi ci sono una quarantina di itinerari con sviluppo fino a 4 tiri, per un totale di quasi 90
lunghezze di corda. La chiodatura interamente a fittoni resinati con punti di sosta e di calata
in loco. L arrampicata prevalente in placca verticale od appoggiata, su piccole scaglie e
reglette a volte taglienti. La parete ha un esposizione a sud e si trova immersa in bosco di
castagni, con la base delle vie costantemente all ombra, ci la rende frequentabile quasi tutto
l anno, ad eccezione dei periodi di caldo afoso. Per i monotiri sufficente una corda da 60 m.
Per la discesa dagli itinerari di pi lunghezze consigliabile percorrere la via ferrata, oppure
calate da 30 m. lungo la via Grazie di Tutto
Nota: le difficolt indicate non sono da considerarsi assolute, essendo il settore praticamente
nuovo sotto diversi punti di vista, si aspettano conferme che verranno prontamente
aggiornate.
ACCESSO:
Raggiungere l abitato di Caprie, lungo la SS. 25 da Torino, oppure lungo la A32 con uscita
Almese. Dal centro del paese imboccare la strada che conduce a Novaretto, appena passato il
ponte, parcheggiare nei pressi del Comune di fronte a un piccolo bar, quindi svoltare a sx. per
una stradina in mezzo a villette di recente costruzione, Via Giardini, dove anche possibile
parcheggiare, ma gli spazi sono limitati e i diritti dei residenti importanti, dopo qualche
centinaio di metri svoltare ancora a sx. in una piccola via, dove troviamo il pannello informativo
Via Ferrata e strutture di arrampicata. Imboccare ora una stretta sterrata che in due minuti
conduce ad un minuscolo piazzale tra i castagni, risalire brevemente alla base della parete 10
min.