Sei sulla pagina 1di 146

Guida alla Progettazione

SCOPO DELLA "GUIDA ALLA PROGETTAZIONE"


Questo opuscolo rivolto agli installatori di impianti elevatori in edifici preesistenti o di nuova costruzione.
La "Guida alla progettazione" costituisce per il Committente, il Progettista, il Costruttore, l'Impresa Edile,
un riferimento sintetico per il corretto dimensionamento dei locali e degli spazi destinati ad ospitare gli
impianti elevatori negli stabili, una volta fissate le dimensioni della cabina e le caratteristiche desiderate del
servizio di trasporto verticale.
Nel caso invece di edifici preesistenti, la "Guida alla Progettazione" pu essere utilizzata per determinare
la migliore soluzione di installazione, in funzione degli spazi disponibili nel fabbricato.

ORGANIZZAZIONE DELLA GUIDA


La "Guida alla Progettazione" organizzata in schede tecniche contenenti le informazioni inerenti il
dimensionamento delle cabine e dei vani locali, i carichi, le ventilazioni.
Ciascuna scheda tecnica removibile e pu essere utilizzata autonomamente, in quanto contiene TUTTE
le informazioni necessarie.
Le schede tecniche sono identificate da un codice (es. 3D - 01), sar cura dell'utilizzatore che l'ha rimossa
dal raccoglitore, reinserirla nell'ordine alfanumerico corretto.
La "Guida alla Progettazione" suddivisa in cinque sezioni:
A
Soluzioni idrauliche tradizionali
B
Soluzioni elettriche tradizionali
C
Soluzioni idrauliche senza locale macchine
D
Soluzioni elettriche senza locale macchine
E
Piattaforme Mini-lift
Ogni
1
2
3
4
5

sezione a sua volta divisa in sottosezioni per le diverse tipologie applicative:


Elevatori per edifici preesistenti
Elevatori per nuovi edifici residenziali
Elevatori per nuovi edifici non residenziali
Elevatori di grande portata e montalettighe
Regione Lombardia

Ad ogni sottosezione corrispondono una o pi schede tecniche al variare della portata dellascensore
Alcune schede tecniche contengono esclusivamente i dati tecnici relativi a centraline e quadri di manovra:
in esse sono indicati i riferimenti per le dimensioni di piante e sezioni verticali relative.

PA RT N E R S H I P

CAMPO DI APPLICAZIONE DELLA GUIDA


Le schede presenti in ciascuna scheda tecnica si riferiscono ad ascensori per persone con porte di piano
NON tagliafuoco, complete di portale ed aventi velocit massima pari a 1 m/s (0,6 m/s per gli ascensori
idraulici con portata 1600 kg).
Qualora si rientri in almeno uno dei seguenti casi:
-

Ascensori elettrici con velocit superiore a 1 m/s;


Ascensori elettrici con corsa superiore a 30m;
Ascensori con porte di piano senza portali;
Ascensori per merci e persone (ex montacarichi) con portata superiore a 900 kg;
Ascensori con porte di piano tagliafuoco;
Ascensori speciali (panoramici, stagni, ecc.);
Ascensori ad elevato traffico;
Ascensori idraulici con corsa superiore a 20m.

necessario contattare la nostra struttura tecnico-commerciale.

RIFERIMENTI LEGISLATIVI
In Italia il quadro legislativo che regola, o comunque condiziona, i dimensionamenti degli ascensori, costituito
da:
D.P.R. 162 del 30 aprile 1999
Che recepisce in Italia la Direttiva Europea 95/16/CE.

Norme Armonizzate UNI EN 81-1&2/99

Gli ascensori costruiti secondo le Norme Armonizzate EN 81/99 rispettano i requisiti essenziali di sicurezza
della Direttiva Europea 95/16/CE.
Legge 13 del 9 gennaio 1989, attuata dal D.M. 236 del 14 giugno 1989
La cui finalit di rendere, per quanto possibile, accessibili gli edifici alle persone con difficolt motorie o
sensoriali.
D.P.R. 503 del 24 luglio 1996
Che estende il campo di applicazione della suddetta Legge 13 anche agli edifici pubblici e privati aperti al
pubblico, con conseguente abrogazione del D.P.R. 384 del 27 aprile 1978.
Legge Regionale n6 del 20 febbraio 1989
Vigente nel solo ambito della regione Lombardia e che, pur con le stesse finalit della suddetta Legge 13,
prevede diverse specifiche dimensionali.
Direttiva Macchine 98/37/CE
Tutti gli schemi tecnici riportati in questa "Guida alla Progettazione" rispettano le leggi di riferimento sopra
citate.

PA RT N E R S H I P

Elenco Schede Tecniche


SOLUZIONI IDRAULICHE TRADIZIONALI

SEZIONE A

ELEVATORI PER EDIFICI PREESISTENTI

a pag.

11

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

Emissione

Scheda

380
380
600

5
5
8

telescopica
telescopica
centrale

1
2 opposti
2 adiacenti

Luglio 05

1A-01

a pag.

ELEVATORI PER NUOVI EDIFICI RESIDENZIALI

15

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

Emissione

Scheda

480
480
500
500
850

6
6
6
6
11

centrale
telescopica
centrale
telescopica
centrale

1
1
2 opposti
2 opposti
2 adiacenti

Luglio 05

2A-01

ELEVATORI PER NUOVI EDIFICI NON RESIDENZIALI

a pag.

19/23

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

Emissione

Scheda

630
630
640
640
850

8
8
8
8
11

centrale
telescopica
centrale
telescopica
centrale

1
1
2 opposti
2 opposti
2 adiacenti

Luglio 05

3A-01

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

Emissione

Scheda

900
900
930
1000
1000

12
12
12
13
13

centrale
telescopica
centrale
centrale
telescopica/centr.

1
1
2 opposti
2 adiacenti
2 adiacenti

Luglio 05

3A-02

ELEVATORI DI GRANDE PORTATA E MONTALETTIGHE

a pag. 27/31/35

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

Emissione

Scheda

1000
1000
1030
1030

13
13
13
13

centrale
telescopica
centrale
telescopica

1
1
2 opposti
2 opposti

Luglio 05

4A-01

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

Emissione

Scheda

1250
1250
1270
1270

16
16
16
16

centrale
telescopica
centrale
telescopica

1
1
2 opposti
2 opposti

Luglio 05

4A-02

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

Emissione

Scheda

1600
1600
1600
1600

21
21
21
21

centrale
telescopica
centrale
telescopica

1
1
2 opposti
2 opposti

Luglio 05

4A-03

PA RT N E R S H I P

Sezione A

REGIONE LOMBARDIA

a pag.

39/43

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

Emissione

Scheda

480
480
500
500
850

6
6
6
6
11

centrale
telescopica
centrale
telescopica
centrale

1
1
2 opposti
2 opposti
2 adiacenti

Luglio 05

5A-01

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

Emissione

Scheda

900
900
930
1000
1000

12
12
12
13
13

centrale
telescopica
centrale
centrale
telescopica/centr.

1
1
2 opposti
2 adiacenti
2 adiacenti

Luglio 05

5A-02

PA RT N E R S H I P

Elenco Schede Tecniche


SOLUZIONI ELETTRICHE TRADIZIONALI

SEZIONE B

ELEVATORI PER EDIFICI PREESISTENTI

a pag.

47

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

Emissione

Scheda

380
380
600

5
5
8

telescopica
telescopica
telescopica

1
2 opposti
2 adiacenti

Luglio 05

1B-01

a pag.

ELEVATORI PER NUOVI EDIFICI RESIDENZIALI

51

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

Emissione

Scheda

480
480
500
500
850

6
6
6
6
11

centrale
telescopica
centrale
telescopica
telescopica

1
1
2 opposti
2 opposti
2 adiacenti

Luglio 05

2B-01

ELEVATORI PER NUOVI EDIFICI NON RESIDENZIALI

a pag.

55/59

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

Emissione

Scheda

630
630
640
640
850

8
8
8
8
11

centrale
telescopica
centrale
telescopica
telescopica

1
1
2 opposti
2 opposti
2 adiacenti

Luglio 05

3B-01

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

Emissione

Scheda

900
900
930
1000

12
12
12
13

centrale
centrale
centrale
telescopica

1
1
2 opposti
2 adiacenti

Luglio 05

3B-02

ELEVATORI DI GRANDE PORTATA E MONTALETTIGHE

a pag. 63/67/71

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

Emissione

Scheda

1000
1000
1030
1030

13
13
13
13

centrale
telescopica
centrale
telescopica

1
1
2 opposti
2 opposti

Luglio 05

4B-01

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

Emissione

Scheda

1250
1250
1270
1270

16
16
16
16

centrale
telescopica
centrale
telescopica

1
1
2 opposti
2 opposti

Luglio 05

4B-02

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

Emissione

Scheda

1600
1600
1600
1600

21
21
21
21

centrale
telescopica
centrale
telescopica

1
1
2 opposti
2 opposti

Luglio 05

4B-03

PA RT N E R S H I P

Sezione B

REGIONE LOMBARDIA

a pag.

75/79

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

Emissione

Scheda

480
480
500
500
850

6
6
6
6
11

centrale
telescopica
centrale
telescopica
telescopica

1
1
2 opposti
2 opposti
2 adiacenti

Luglio 05

5B-01

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

Emissione

Scheda

900
900
930
1000

12
12
12
13

centrale
centrale
centrale
telescopica

1
1
2 opposti
2 adiacenti

Luglio 05

5B-02

PA RT N E R S H I P

Elenco Schede Tecniche


SOLUZIONI IDRAULICHE SENZA LOCALE MACCHINE

SEZIONE C

ELEVATORI PER EDIFICI PREESISTENTI

a pag.

Centraline e quadri di manovra

Emissione

Scheda

- FLAT PUMP senza locale macchine


- Box per FLAT PUMP
- Box per FLAT PUMP con scambiatore di calore

Luglio 05

1C-01

a pag.

ELEVATORI PER NUOVI EDIFICI RESIDENZIALI


Centraline e quadri di manovra

Emissione

Scheda

- FLAT PUMP senza locale macchine


- Box per FLAT PUMP
- Box per FLAT PUMP con scambiatore di calore

Luglio 05

2C-01

ELEVATORI PER NUOVI EDIFICI NON RESIDENZIALI

a pag.

Centraline e quadri di manovra

Emissione

Scheda

- FLAT PUMP senza locale macchine


- Box per FLAT PUMP
- Box per FLAT PUMP con scambiatore di calore

Luglio 05

3C-01

ELEVATORI DI GRANDE PORTATA E MONTALETTIGHE

a pag.

Centraline e quadri di manovra

Emissione

Scheda

- FLAT PUMP senza locale macchine


- Box per FLAT PUMP
- Box per FLAT PUMP con scambiatore di calore

Luglio 05

4C-01

REGIONE LOMBARDIA

a pag.

Centraline e quadri di manovra

Emissione

Scheda

- FLAT PUMP senza locale macchine


- Box per FLAT PUMP
- Box per FLAT PUMP con scambiatore di calore

Luglio 05

5C-01

PA RT N E R S H I P

83

87

91

95

99

Sezione D
SOLUZIONI ELETTRICHE SENZA LOCALE MACCHINE
ELEVATORI PER EDIFICI PREESISTENTI
ECO-E

a pag.

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

380

telescopica

380

telescopica

2 opposti

600

centrale

2 adiacenti

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

380

telescopica

380

telescopica

2 opposti

600

centrale

2 adiacenti

103

Emissione

Scheda

Luglio '05

1D-01

a pag.
EVOLUX

Scheda

Marzo '06

1D-02

ELEVATORI PER NUOVI EDIFICI RESIDENZIALI

ECO-E

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

107

Emissione

a pag.
Accessi

480

telescopica

500

telescopica

2 opposti

480
500

6
6

centrale
centrale

1
2 opposti

111

Emissione

Scheda

Luglio '05

2D-01

a pag.

EVOLUX

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

480

telescopica

500

telescopica

2 opposti

480
500

6
6

centrale
centrale

1
2 opposti

Emissione

Scheda

Marzo '06

2D-02

ELEVATORI PER NUOVI EDIFICI NON RESIDENZIALI

ECO-E

115

a pag.

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

630

telescopica

640

telescopica

2 opposti

630
640

8
8

centrale
centrale

1
2 opposti

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

630

telescopica

640

telescopica

2 opposti

630
640

8
8

centrale
centrale

1
2 opposti

Emissione

119
Scheda

Luglio '05
3D-01

a pag.
EVOLUX

Emissione
Marzo '06

3D-02

REGIONE LOMBARDIA - ECO E


ECO-E

123
Scheda

a pag.

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

480

telescopica

500

telescopica

2 opposti

480
500

6
6

centrale
centrale

1
2 opposti

127

Emissione

Scheda

Luglio '05

4D-01

a pag.

EVOLUX

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

480

telescopica

500

telescopica

2 opposti

480
500

6
6

centrale
centrale

1
2 opposti

131

Emissione

Scheda

Marzo '06

4D-02

PA RT N E R S H I P

Elenco Schede Tecniche


SOLUZIONI IDRAULICHE PIATTAFORME ELEVATRICI
MINI LIFT
SEZIONE E

a pag.
Portata (kg)

Persone

250 - MINI
250 - SMALL
250 - SMALL
320 - MEDIUM
320 - MEDIUM
320 - LARGE
320 - LARGE
320 - LARGE

2
2
2
3 (*)
3 (*)
3 (*)
3 (*)
3 (*)

Tipo Vano

Accessi

Emissione

Scheda

Cemento
Armato
o
Muratura

1
1
2 opposti
1
2 opposti
1
2 opposti
2 adiacenti

Luglio 05

1E-01

a pag.
Portata (kg)

Persone

250 - MINI
250 - SMALL
250 - SMALL
320 - MEDIUM
320 - MEDIUM
320 - LARGE
320 - LARGE
320 - LARGE

2
2
2
3 (*)
3 (*)
3 (*)
3 (*)
3 (*)

Tipo Vano

Accessi

Emissione

Scheda

Struttura
Metallica

1
1
2 opposti
1
2 opposti
1
2 opposti
2 adiacenti

Luglio 05

1E-02

135

139

* Capienza max n 3 persone, oppure n 1 persona + n 1 persona portatrice di handicap motorio (con carrozzina)

PA RT N E R S H I P

1A - 01

SOLUZIONI IDRAULICHE TRADIZIONALI

Elevatori per

PA RT N E R S H I P

Edifici Preesistenti

Informazioni generali:
Riferimenti legislativi:
- Legge n13 del 09/01/1989 attuata dal D.M. 236 del 14/06/1989
- Norme Armonizzate UNI EN 81-2/99
- D.M. n246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendi per edifici di civile abitazione
Ove non sia possibile l'installazione di cabine con dimensioni superiori, sono ammesse (Art. 8.1.12.C del D.M. 236/89):
- Dimensioni minime della cabina: profondit 1,2 m, larghezza 0,8 m.
- Luce netta minima della porta sul lato corto: 0,75 m.
- Piattaforma minima di distribuzione posta anteriormente alla porta della cabina: 1,40 x 1,40 m.

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

Emissione

Scheda

380
380
600

5
5
8

telescopica
telescopica
centrale

1
2 opposti
2 adiacenti

Luglio 05

1A-01

PIANTA VANO CORSA

Soluzioni idrauliche tradizionali


Elevatori per

Edifici Preesistenti

PORTATA 380 kg
5 PERSONE
1 ACCESSO

PORTATA 380 kg
5 PERSONE
2 ACCESSI OPPOSTI
VANO 1320

VANO 1320

290

GREZZO 1030 x H 2170

800

1200

VANO 1740

1200

VANO 1550

800

750 x H 2000
290

750 x H 2000

GREZZO 1030 x H 2170

290

GREZZO 1030 x H 2170

VANO 1800

VANO 1650

1200

750 x H 2000

1200

310

GREZZO 1030 x H 2170

310

PORTATA 600 kg
8 PERSONE
2 ACCESSI ADIACENTI

750 x H 2000
440

PA RT N E R S H I P

GREZZO 1030 x H 2170

330

- Le dimensioni vano NON SONO valide per le soluzioni con porte tagliafuoco
- Le dimensioni del vano di corsa devono essere garantite con una tolleranza + / - 1 cm

1A - 01

Altezza Interno
Cabina (mm)

Testata
(mm)

2200
2100
2020

3400
3300
3220

2000

GREZZO H 2170 (**)

TESTATA

SEZIONE VERTICALE

VENTILAZIONE (vedi nota)

P.F.

Portata / Persone

Velocit
(m/s)

Fossa Min.*
(mm)

380 / 5
380 / 5
600 / 8
600 / 8

0,6
1
0,6
1

1050
1150
1160
1300

* per piano cabina standard


** dimensioni grezzo porte e vano NON
valide per soluzioni con porte tagliafuoco

2000

GREZZO H 2170 (**)

CORSA (max 20 m)

P.F. Piano Finito

FOSSA

P.F.

TERRAPIENO

- Il committente dovr eseguire limpermeabilizzazione della fossa dopo


lesecuzione dei fissaggi delle apparecchiature di fondo fossa.

PA RT N E R S H I P

SOLUZIONI IDRAULICHE TRADIZIONALI

Elevatori per

Edifici Preesistenti
Carichi:
Lesatta ubicazione dei
carichi rilevabile dal
progetto di installazione

Portata
(kg)

S2

380
600

y
y

3350
3500

80
230

500
500

300
590

1700
1000

S2

S1

Max. carico dinamico Carico statico Spinta sulle guide Distanza


centralina
in fondo fossa
S1X
S2Y ancoraggi
(daN)
(daN)
(daN)
(daN)
(mm)

I dati sopra riportati sono puramente indicativi. I valori esatti sono rilevabili dal progetto dellimpianto.

Note Importanti:
Ventilazione del vano corsa
Il vano di corsa deve essere convenientemente ventilato. Esso non deve essere utilizzato per assicurare laerazione
di locali estranei al servizio degli ascensori. In mancanza di relative norme o regolamenti, si raccomandano aperture
di ventilazione alla sommit del vano con area non minore dell1% della sezione orizzontale del vano di corsa.
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF le aperture verso lesterno per
lo scarico di eventuali fumi devono essere concordate dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF
e comunicate a CEAM al pi tardi alla consegna dei disegni approvati.
Ventilazione del locale macchinario
Il locale del macchinario deve essere convenientemente ventilato affinch la temperatura rimanga compresa tra +5
e + 40.
Se il locale del macchinario si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF le aperture verso lesterno
per lo scarico di eventuali fumi devono essere concordate dal Progettista delledificio con il locale Comando dei
VVFF e comunicate a CEAM al pi tardi alla consegna dei disegni approvati.
Resistenza al fuoco delle porte di piano
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF, il grado di resistenza al fuoco
delle porte di piano deve essere concordato dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF e comunicate
a CEAM allatto dellordine dellimpianto.
Per i riferimenti legislativi sulla normativa Antincendio vedi appendice.

1300

800 x H2000

min. 2050
200

co
rs
a

Ventilazione
2000

200

Centralina idraulica
tradizionale

min. 2000

Gancio per sollevamento centralina


(portata vedi tabella)

Pianta locale
macchine:

va
no

PA RT N E R S H I P

SPINTA SULLE GUIDA

Soletta portante la centralina


+ 500 daN/mq

Nel caso il percorso del tubo oleo sia a soffitto o pavimento deve essere prevista una canalizzazione
ispezionabile tramite un coperchio in lamiera asportabile, escluso dalla fornitura.

2A - 01

SOLUZIONI IDRAULICHE TRADIZIONALI

Elevatori per

PA RT N E R S H I P

Nuovi Edifici Residenziali

Informazioni generali:
Riferimenti legislativi:
- Legge n13 del 09/01/1989 attuata dal D.M. 236 del 14/06/1989
- Norme Armonizzate UNI EN 81-2/99
Ove non sia possibile l'installazione di cabine con dimensioni superiori, sono ammesse (Art. 8.1.12.C del D.M. 236/89):
- Dimensioni minime della cabina: profondit 1,3 m, larghezza 0,95 m.
- Luce netta minima della porta sul lato corto: 0,8 m.
- Piattaforma minima di distribuzione posta anteriormente alla porta della cabina: 1,50 x 1,50 m.

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

Emissione

Scheda

480
480
500
500
850

6
6
6
6
11

centrale
telescopica
centrale
telescopica
centrale

1
1
2 opposti
2 opposti
2 adiacenti

Luglio 05

2A-01

Nuovi Edifici Residenziali


PORTATA 480 kg
6 PERSONE
1 ACCESSO
VANO 1400

VANO 1750

950

1300

VANO 1650

950

1300

VANO 1550

PIANTE VANO CORSA

Soluzioni idrauliche tradizionali


Elevatori per

800 x H 2000
335

GREZZO 1080 x H 2170

800 x H 2000

335
320

PORTATA 500 kg
6 PERSONE
2 ACCESSI OPPOSTI

VANO 1750

VANO 1400
320 GREZZO 1080xH 2170

335 GREZZO 1080 x H 2170 335


800 x H 2000

800 x H 2000

950

800 x H 2000

1300

VANO 1840

950

1300

VANO 1660

GREZZO 1080 x H 2170

800 x H 2000
320 GREZZO 1080xH 2170

335 GREZZO 1080 x H 2170 335

VANO 1750

1400

1400

PORTATA 850 kg
11 PERSONE
2 ACCESSI ADIACENTI

335 GREZZO 1080xH 2170 335


800 x H 2000

VANO 2060

800 x H 2000
510

PA RT N E R S H I P

GREZZO 1080xH 2170

470

- Le dimensioni vano NON SONO valide per le soluzioni con porte tagliafuoco
- Le dimensioni del vano di corsa devono essere garantite con una tolleranza + / - 1 cm

2A - 01

Altezza Interno
Cabina (mm)

Testata
(mm)

2200
2100
2020

3400
3300
3220

2000

GREZZO H 2170 (**)

TESTATA

SEZIONE VERTICALE

VENTILAZIONE (ved. nota)

P.F.

Portata / Persone

Velocit
(m/s)

Fossa Min.*
(mm)

480 / 6
480 / 6
500 / 6
500 / 6
850 / 11
850 / 11

0,6
1
0,6
1
0,6
1

1050
1150
1050
1150
1200
1270

* per piano cabina standard

CORSA (MAX 20 m)

** dimensioni grezzo porte e vano NON


valide per soluzioni con porte tagliafuoco

2000

GREZZO H 2170 (**)

P.F. Piano Finito

FOSSA

P.F.

TERRAPIENO

- Il committente dovr eseguire limpermeabilizzazione della fossa dopo


lesecuzione dei fissaggi delle apparecchiature di fondo fossa.

PA RT N E R S H I P

SOLUZIONI IDRAULICHE TRADIZIONALI

Elevatori per

Nuovi Edifici Residenziali


Carichi:
Lesatta ubicazione dei
carichi rilevabile dal
progetto di installazione

Portata
(kg)

S2

500
850

y
y

4200
7000

110
230

500
500

400
910

1400
1400

S2

S1

Max. carico dinamico Carico statico Spinta sulle guide Distanza


centralina
in fondo fossa
S1X
S2Y ancoraggi
(daN)
(daN)
(daN)
(daN)
(mm)

I dati sopra riportati sono puramente indicativi. I valori esatti sono rilevabili dal progetto dellimpianto.

Note Importanti:
Ventilazione del vano corsa
Il vano di corsa deve essere convenientemente ventilato. Esso non deve essere utilizzato per assicurare laerazione
di locali estranei al servizio degli ascensori. In mancanza di relative norme o regolamenti, si raccomandano aperture
di ventilazione alla sommit del vano con area non minore dell1% della sezione orizzontale del vano di corsa.
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF le aperture verso lesterno per
lo scarico di eventuali fumi devono essere concordate dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF
e comunicate a CEAM al pi tardi alla consegna dei disegni approvati.
Ventilazione del locale macchinario
Il locale del macchinario deve essere convenientemente ventilato affinch la temperatura rimanga compresa tra +5
e + 40.
Se il locale del macchinario si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF le aperture verso lesterno
per lo scarico di eventuali fumi devono essere concordate dal Progettista delledificio con il locale Comando dei
VVFF e comunicate a CEAM al pi tardi alla consegna dei disegni approvati.
Resistenza al fuoco delle porte di piano
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF, il grado di resistenza al fuoco
delle porte di piano deve essere concordato dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF e comunicate
a CEAM allatto dellordine dellimpianto.
Per i riferimenti legislativi sulla normativa Antincendio vedi appendice.

1300

800 x H2000

min. 2050
200

co
rs
a

Ventilazione
2000

200

Centralina idraulica
tradizionale

min. 2000

Gancio per sollevamento centralina


(portata vedi tabella)

Pianta locale
macchine:

va
no

PA RT N E R S H I P

SPINTA SULLE GUIDA

Soletta portante la centralina


+ 500 daN/mq

Nel caso il percorso del tubo oleo sia a soffitto o pavimento deve essere prevista una canalizzazione
ispezionabile tramite un coperchio in lamiera asportabile, escluso dalla fornitura.

3A - 01

SOLUZIONI IDRAULICHE TRADIZIONALI

Elevatori per

PA RT N E R S H I P

Nuovi Edifici
Non Residenziali

Informazioni generali:
Riferimenti legislativi:
- Legge n13 del 09/01/1989 attuata dal D.M. 236 del 14/06/1989
- Norme Armonizzate UNI EN 81-2/99
- D.P.R. n503 del 24/07/1996
Ove non sia possibile l'installazione di cabine con dimensioni superiori, sono ammesse (Art. 8.1.12.C del D.M. 236/89):
- Dimensioni minime della cabina: profondit 1,4 m, larghezza 1,1 m.
- Luce netta minima della porta sul lato corto: 0,8 m.
- Piattaforma minima di distribuzione posta anteriormente alla porta della cabina: 1,50 x 1,50 m.

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

Emissione

Scheda

630
630
640
640
850

8
8
8
8
11

centrale
telescopica
centrale
telescopica
centrale

1
1
2 opposti
2 opposti
2 adiacenti

Luglio 05

3A-01

Nuovi Edifici Non Residenziali


PORTATA 630 kg
8 PERSONE
1 ACCESSO
VANO 1550

VANO 1750

1100

1400

1400

VANO 1750

1100

VANO 1650

PIANTE VANO CORSA

Soluzioni idrauliche tradizionali


Elevatori per

800 x H 2000
335

GREZZO 1080 x H 2170

335

320

PORTATA 640 kg
8 PERSONE
2 ACCESSI OPPOSTI

VANO 1750
335 GREZZO 1080xH 2170 335
800 x H 2000

VANO 1550
320 GREZZO 1080xH 2170
800 x H 2000

1100

150

150

1400

VANO 1940

1100

1400

VANO 1760

800 x H 2000
GREZZO 1080 x H 2170

800 x H 2000

800 x H 2000
320 GREZZO 1080xH 2170

335 GREZZO 1080xH 2170 335

150

VANO 1750

1400

1400

PORTATA 850 kg
11 PERSONE
2 ACCESSI ADIACENTI

335 GREZZO 1080xH 2170 335


800 x H 2000

VANO 2060

800 x H 2000
510

PA RT N E R S H I P

GREZZO 1080xH 2170

470

- Le dimensioni vano NON SONO valide per le soluzioni con porte tagliafuoco
- Le dimensioni del vano di corsa devono essere garantite con una tolleranza + / - 1 cm

3A - 01

Altezza Interno
Cabina (mm)

Testata
(mm)

2200
2100
2020

3400
3300
3220

2000

GREZZO H 2170 (**)

TESTATA

SEZIONE VERTICALE

VENTILAZIONE (ved. nota)

P.F.

Portata / Persone

Velocit
(m/s)

Fossa Min.*
(mm)

630 / 8
630 / 8
640 / 8
640 / 8
850 / 11
850 / 11

0,6
1
0,6
1
0,6
1

1050
1150
1050
1150
1200
1270

* per piano cabina standard


CORSA (MAX 20 m)

** dimensioni grezzo porte e vano NON


valide per soluzioni con porte tagliafuoco

2000

GREZZO H 2170 (**)

P.F. Piano Finito

FOSSA

P.F.

TERRAPIENO

- Il committente dovr eseguire limpermeabilizzazione della fossa dopo


lesecuzione dei fissaggi delle apparecchiature di fondo fossa.

PA RT N E R S H I P

SOLUZIONI IDRAULICHE TRADIZIONALI

Elevatori per

Nuovi Edifici Non Residenziali


Carichi:
Lesatta ubicazione dei
carichi rilevabile dal
progetto di installazione

Portata
(kg)

S2

640
850

y
y

4800
7000

180
230

500
500

550
910

1400
1400

S2

S1

Max. carico dinamico Carico statico Spinta sulle guide Distanza


centralina
in fondo fossa
S1X
S2Y ancoraggi
(daN)
(daN)
(daN)
(daN)
(mm)

I dati sopra riportati sono puramente indicativi. I valori esatti sono rilevabili dal progetto dellimpianto.

Note Importanti:
Ventilazione del vano corsa
Il vano di corsa deve essere convenientemente ventilato. Esso non deve essere utilizzato per assicurare laerazione
di locali estranei al servizio degli ascensori. In mancanza di relative norme o regolamenti, si raccomandano aperture
di ventilazione alla sommit del vano con area non minore dell1% della sezione orizzontale del vano di corsa.
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF le aperture verso lesterno per
lo scarico di eventuali fumi devono essere concordate dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF
e comunicate a CEAM al pi tardi alla consegna dei disegni approvati.
Ventilazione del locale macchinario
Il locale del macchinario deve essere convenientemente ventilato affinch la temperatura rimanga compresa tra +5
e + 40.
Se il locale del macchinario si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF le aperture verso lesterno
per lo scarico di eventuali fumi devono essere concordate dal Progettista delledificio con il locale Comando dei
VVFF e comunicate a CEAM al pi tardi alla consegna dei disegni approvati.
Resistenza al fuoco delle porte di piano
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF, il grado di resistenza al fuoco
delle porte di piano deve essere concordato dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF e comunicate
a CEAM allatto dellordine dellimpianto.
Per i riferimenti legislativi sulla normativa Antincendio vedi appendice.
1300

800 x H2000

min. 2050
200

co
rs
a

Ventilazione
2000

200

Centralina idraulica
tradizionale

min. 2000

Gancio per sollevamento centralina


(portata vedi tabella)

Pianta locale
macchine:

va
no

PA RT N E R S H I P

SPINTA SULLE GUIDA

Soletta portante la centralina


+ 500 daN/mq

Nel caso il percorso del tubo oleo sia a soffitto o pavimento deve essere prevista una canalizzazione
ispezionabile tramite un coperchio in lamiera asportabile, escluso dalla fornitura.

3A - 02

SOLUZIONI IDRAULICHE TRADIZIONALI

Elevatori per

PA RT N E R S H I P

Nuovi Edifici
Non Residenziali

Informazioni generali:
Riferimenti legislativi:
- Legge n13 del 09/01/1989 attuata dal D.M. 236 del 14/06/1989
- Norme Armonizzate UNI EN 81-2/99
- D.P.R. n503 del 24/07/1996
Ove non sia possibile l'installazione di cabine con dimensioni superiori, sono ammesse (Art. 8.1.12.C del D.M. 236/89):
- Dimensioni minime della cabina: profondit 1,4 m, larghezza 1,1 m.
- Luce netta minima della porta sul lato corto: 0,8 m.
- Piattaforma minima di distribuzione posta anteriormente alla porta della cabina: 1,50 x 1,50 m.

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

Emissione

Scheda

900
900
930
1000
1000

12
12
12
13
13

centrale
telescopica
centrale
centrale
telescopica/centr.

1
1
2 opposti
2 adiacenti
2 adiacenti

Luglio 05

3A-02

Nuovi Edifici Non Residenziali


PORTATA 900 kg
12 PERSONE
1 ACCESSO

VANO 1950

VANO 1700

1400

385

900 x H 2000
410 GREZZO 1180xH 2170

PORTATA 1000 kg
13 PERSONE
2 ACCESSI ADIACENTI

PORTATA 930 kg
12 PERSONE
2 ACCESSI OPPOSTI
VANO 1950
385 GREZZO 1180xH 2170 385
900 x H 2000

VANO 2150

1500

1500

1500
900 x H 2000

385 GREZZO 1180xH 2170 385

1400
VANO 1860

110

900 x H 2000
385 GREZZO 1180xH 2170 385

VANO 1950

385

900 x H 2000
GREZZO 1180xH 2170

1500

1500

VANO 2250

1400
VANO 1750

PIANTE VANO CORSA

Soluzioni idrauliche tradizionali


Elevatori per

900 x H 2000
560

GREZZO 1180xH 2170 410

VANO 2250

1500

900 x H 2000

1500

535

GREZZO 1180xH 2170

535

VANO 1800

PORTATA 1000 kg
13 PERSONE
2 ACCESSI ADIACENTI

160

PA RT N E R S H I P

900 x H 2000
GREZZO 1180xH 2170

460

- Le dimensioni vano NON SONO valide per le soluzioni con porte tagliafuoco
- Le dimensioni del vano di corsa devono essere garantite con una tolleranza + / - 1 cm

3A - 02

2000

TESTATA

GREZZO H 2170 (**)

SEZIONE VERTICALE

VENTILAZIONE (ved. nota)

P.F.

Altezza Interno
Cabina (mm)

Testata
(mm)

2200
2100
2020

3400
3300
3220

Portata / Persone

Velocit
(m/s)

Fossa Min.*
(mm)

900 / 12
900 / 12
930 / 12
930 / 12
1000 / 13
1000 / 13

0,6
1
0,6
1
0,6
1

1200
1270
1200
1270
1220
1300

* per piano cabina standard

P.F. Piano Finito

GREZZO H 2170 (**)

2000

CORSA (MAX 20 m)

** dimensioni grezzo porte e vano NON


valide per soluzioni con porte tagliafuoco

FOSSA

P.F.

TERRAPIENO

- Il committente dovr eseguire limpermeabilizzazione della fossa dopo


lesecuzione dei fissaggi delle apparecchiature di fondo fossa.

PA RT N E R S H I P

SOLUZIONI IDRAULICHE TRADIZIONALI

Elevatori per

Nuovi Edifici Non Residenziali


Carichi:
Lesatta ubicazione dei
carichi rilevabile dal
progetto di installazione

Portata
(kg)

S2

930
1000

y
y

7500
8000

190
300

500
500

950
850

1400
1500

S2

S1

Max. carico dinamico Carico statico Spinta sulle guide Distanza


centralina
in fondo fossa
S1X
S2Y ancoraggi
(daN)
(daN)
(daN)
(daN)
(mm)

I dati sopra riportati sono puramente indicativi. I valori esatti sono rilevabili dal progetto dellimpianto.

Note Importanti:
Ventilazione del vano corsa
Il vano di corsa deve essere convenientemente ventilato. Esso non deve essere utilizzato per assicurare laerazione
di locali estranei al servizio degli ascensori. In mancanza di relative norme o regolamenti, si raccomandano aperture
di ventilazione alla sommit del vano con area non minore dell1% della sezione orizzontale del vano di corsa.
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF le aperture verso lesterno per
lo scarico di eventuali fumi devono essere concordate dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF
e comunicate a CEAM al pi tardi alla consegna dei disegni approvati.
Ventilazione del locale macchinario
Il locale del macchinario deve essere convenientemente ventilato affinch la temperatura rimanga compresa tra +5
e + 40.
Se il locale del macchinario si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF le aperture verso lesterno
per lo scarico di eventuali fumi devono essere concordate dal Progettista delledificio con il locale Comando dei
VVFF e comunicate a CEAM al pi tardi alla consegna dei disegni approvati.
Resistenza al fuoco delle porte di piano
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF, il grado di resistenza al fuoco
delle porte di piano deve essere concordato dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF e comunicate
a CEAM allatto dellordine dellimpianto.
Per i riferimenti legislativi sulla normativa Antincendio vedi appendice.

1300

800 x H2000

min. 2050
200

co
rs
a

Ventilazione
2000

200

Centralina idraulica
tradizionale

min. 2000

Gancio per sollevamento centralina


(portata vedi tabella)

Pianta locale
macchine:

va
no

PA RT N E R S H I P

SPINTA SULLE GUIDA

Soletta portante la centralina


+ 500 daN/mq

Nel caso il percorso del tubo oleo sia a soffitto o pavimento deve essere prevista una canalizzazione
ispezionabile tramite un coperchio in lamiera asportabile, escluso dalla fornitura.

4A - 01

SOLUZIONI IDRAULICHE TRADIZIONALI

Elevatori di

PA RT N E R S H I P

Grande Portata
Montalettighe

Informazioni generali:
Riferimenti legislativi:
- Legge n13 del 09/01/1989 attuata dal D.M. 236 del 14/06/1989
- Norme Armonizzate UNI EN 81-2/99
- D.P.R. n503 del 24/07/1996
- D.M. n246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendi per edifici di civile abitazione

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

Emissione

Scheda

1000
1000
1030
1030

13
13
13
13

centrale
telescopica
centrale
telescopica

1
1
2 opposti
2 opposti

Luglio 05

4A-01

Soluzioni idrauliche tradizionali


Elevatori di

Grande Portata e Montalettighe

PIANTE VANO CORSA

PORTATA 1000 kg
13 PERSONE
1 ACCESSO
VANO 1950

VANO 1750

2100

VANO 2450

1100

2100

VANO 2350

1100

900 x H 2000
385

GREZZO 1180 x H 2170

900 x H 2000
385

510

GREZZO 1180 x H 2170

60

PORTATA 1030 kg
13 PERSONE
2 ACCESSI OPPOSTI
VANO 1950
385

GREZZO 1180 x H 2170

510

385

900 x H 2000

2100

VANO 2640

VANO 2460

2100

900 x H 2000

900 x H 2000

PA RT N E R S H I P

60

1100

1100

385

VANO 1750
GREZZO 1180 x H 2170
900 x H 2000

GREZZO 1180 x H 2170

385

510

GREZZO 1180 x H 2170

60

- Le dimensioni vano NON SONO valide per le soluzioni con porte tagliafuoco
- Le dimensioni del vano di corsa devono essere garantite con una tolleranza + / - 1 cm

4A - 01

2000

TESTATA

GREZZO H 2170 (**)

SEZIONE VERTICALE

VENTILAZIONE (vedi nota)

P.F.

Altezza Interno
Cabina (mm)

Testata
(mm)

2200
2100
2020

3400
3300
3220

Portata / Persone

Velocit
(m/s)

Fossa Min.*
(mm)

1000 / 13
1000 / 13
1030 / 13
1030 / 13

0,6
1
0,6
1

1220
1300
1220
1300

* per piano cabina standard


** dimensioni grezzo porte e vano NON
valide per soluzioni con porte tagliafuoco

GREZZO H 2170 (**)

2000

CORSA (max 20 m)

P.F. Piano Finito

FOSSA

P.F.

TERRAPIENO

- Il committente dovr eseguire limpermeabilizzazione della fossa dopo


lesecuzione dei fissaggi delle apparecchiature di fondo fossa.

PA RT N E R S H I P

SOLUZIONI IDRAULICHE TRADIZIONALI

Elevatori di

Grande Portata e Montalettighe


Carichi:
Lesatta ubicazione dei
carichi rilevabile dal
progetto di installazione

statico Spinta sulle guide Distanza


Portata Max. carico dinamico Carico
centralina
in fondo fossa
S1X
S2Y ancoraggi
(kg)
(daN)
(daN)
(daN)
(daN)
(mm)

S2

1000
1300

y
y

300
310

700
700

850
890

1500
1400

S2

S1

5500
5500

I dati sopra riportati sono puramente indicativi. I valori esatti sono rilevabili dal progetto dellimpianto.

Note Importanti:
Ventilazione del vano corsa
Il vano di corsa deve essere convenientemente ventilato. Esso non deve essere utilizzato per assicurare laerazione
di locali estranei al servizio degli ascensori. In mancanza di relative norme o regolamenti, si raccomandano aperture
di ventilazione alla sommit del vano con area non minore dell1% della sezione orizzontale del vano di corsa.
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF le aperture verso lesterno per
lo scarico di eventuali fumi devono essere concordate dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF
e comunicate a CEAM al pi tardi alla consegna dei disegni approvati.
Ventilazione del locale macchinario
Il locale del macchinario deve essere convenientemente ventilato affinch la temperatura rimanga compresa tra +5
e + 40.
Se il locale del macchinario si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF le aperture verso lesterno
per lo scarico di eventuali fumi devono essere concordate dal Progettista delledificio con il locale Comando dei
VVFF e comunicate a CEAM al pi tardi alla consegna dei disegni approvati.
Resistenza al fuoco delle porte di piano
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF, il grado di resistenza al fuoco
delle porte di piano deve essere concordato dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF e comunicate
a CEAM allatto dellordine dellimpianto.
Per i riferimenti legislativi sulla normativa Antincendio vedi appendice.

1300

800 x H2000

min. 2050
200

co
rs
a

Ventilazione
2000

200

Centralina idraulica
tradizionale

min. 2000

Gancio per sollevamento centralina


(portata vedi tabella)

Pianta locale
macchine:

va
no

PA RT N E R S H I P

SPINTA SULLE GUIDA

Soletta portante la centralina


+ 500 daN/mq

Nel caso il percorso del tubo oleo sia a soffitto o pavimento deve essere prevista una canalizzazione
ispezionabile tramite un coperchio in lamiera asportabile, escluso dalla fornitura.

4A - 02

SOLUZIONI IDRAULICHE TRADIZIONALI

Elevatori di

PA RT N E R S H I P

Grande Portata
Montalettighe

Informazioni generali:
Riferimenti legislativi:
- Legge n13 del 09/01/1989 attuata dal D.M. 236 del 14/06/1989
- Norme Armonizzate UNI EN 81-2/99
- D.P.R. n503 del 24/07/1996

Portata (kg)
1250
1250
1270
1270

Persone

Apertura porte

Accessi

Emissione

Scheda

16
16
16
16

centrale
telescopica
centrale
telescopica

1
1
2 opposti
2 opposti

Luglio 05

4A-02

Soluzioni idrauliche tradizionali


Elevatori di

Grande Portata e Montalettighe

PIANTE VANO CORSA

PORTATA 1250 kg
16 PERSONE
1 ACCESSO
VANO 2150

VANO 1800

1200

2300

VANO 2650

2300

VANO 2550

1200

1000 x H 2000
435

GREZZO 1280 x H 2170

435

460

1000 x H 2000
GREZZO 1280 x H 2170

60

PORTATA 1270 kg
16 PERSONE
2 ACCESSI OPPOSTI
VANO 2150
435

GREZZO 1280 x H 2170

435

460

1000 x H 2000

VANO 1800
GREZZO 1280 x H 2170
1000 x H 2000

60

1200

2300

VANO 2840

2300

VANO 2660

1200

1000 x H 2000
435

PA RT N E R S H I P

GREZZO 1280 x H 2170

435

460

1000 x H 2000
GREZZO 1280 x H 2170

60

- Le dimensioni vano NON SONO valide per le soluzioni con porte tagliafuoco
- Le dimensioni del vano di corsa devono essere garantite con una tolleranza + / - 1 cm

4A - 02

2000

Altezza Interno
Cabina (mm)

Testata
(mm)

2200
2100
2020

3400
3300
3220

TESTATA

GREZZO H 2170 (**)

SEZIONE VERTICALE

VENTILAZIONE (ved. nota)

P.F.

Portata / Persone

Velocit
(m/s)

Fossa Min.*
(mm)

1250 / 16
1250 / 16
1270 / 16
1270 / 16

0,6
1
0,6
1

1220
1300
1220
1300

* per piano cabina standard


** dimensioni grezzo porte e vano NON
valide per soluzioni con porte tagliafuoco

GREZZO H 2170 (**)

2000

CORSA (MAX 20 m)

P.F. Piano Finito

FOSSA

P.F.

TERRAPIENO

- Il committente dovr eseguire limpermeabilizzazione della fossa dopo


lesecuzione dei fissaggi delle apparecchiature di fondo fossa.

PA RT N E R S H I P

SOLUZIONI IDRAULICHE TRADIZIONALI

Elevatori di

Grande Portata e Montalettighe


Carichi:
Lesatta ubicazione dei
carichi rilevabile dal
progetto di installazione

statico Spinta sulle guide Distanza


Portata Max. carico dinamico Carico
centralina
in fondo fossa
S1X
S2Y ancoraggi
(kg)
(daN)
(daN)
(daN)
(daN)
(mm)
1270

10000

700

230

760

2000

S2
y
y

S2

S1

I dati sopra riportati sono puramente indicativi. I valori esatti sono rilevabili dal progetto dellimpianto.

Note Importanti:
Ventilazione del vano corsa
Il vano di corsa deve essere convenientemente ventilato. Esso non deve essere utilizzato per assicurare laerazione
di locali estranei al servizio degli ascensori. In mancanza di relative norme o regolamenti, si raccomandano aperture
di ventilazione alla sommit del vano con area non minore dell1% della sezione orizzontale del vano di corsa.
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF le aperture verso lesterno per
lo scarico di eventuali fumi devono essere concordate dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF
e comunicate a CEAM al pi tardi alla consegna dei disegni approvati.
Ventilazione del locale macchinario
Il locale del macchinario deve essere convenientemente ventilato affinch la temperatura rimanga compresa tra +5
e + 40.
Se il locale del macchinario si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF le aperture verso lesterno
per lo scarico di eventuali fumi devono essere concordate dal Progettista delledificio con il locale Comando dei
VVFF e comunicate a CEAM al pi tardi alla consegna dei disegni approvati.
Resistenza al fuoco delle porte di piano
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF, il grado di resistenza al fuoco
delle porte di piano deve essere concordato dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF e comunicate
a CEAM allatto dellordine dellimpianto.
Per i riferimenti legislativi sulla normativa Antincendio vedi appendice.

1300

800 x H2000

min. 2050
200

co
rs
a

Ventilazione
2000

200

Centralina idraulica
tradizionale

min. 2000

Gancio per sollevamento centralina


(portata vedi tabella)

Pianta locale
macchine:

va
no

PA RT N E R S H I P

SPINTA SULLE GUIDA

Soletta portante la centralina


+ 500 daN/mq

Nel caso il percorso del tubo oleo sia a soffitto o pavimento deve essere prevista una canalizzazione
ispezionabile tramite un coperchio in lamiera asportabile, escluso dalla fornitura.

4A - 03

SOLUZIONI IDRAULICHE TRADIZIONALI

Elevatori di

PA RT N E R S H I P

Grande Portata
Montalettighe

Informazioni generali:
Riferimenti legislativi:
- Legge n13 del 09/01/1989 attuata dal D.M. 236 del 14/06/1989
- Norme Armonizzate UNI EN 81-2/99
- D.P.R. n503 del 24/07/1996

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

Emissione

Scheda

1600
1600
1600
1600

21
21
21
21

centrale
telescopica
centrale
telescopica

1
1
2 opposti
2 opposti

Luglio 05

4A-03

Soluzioni idrauliche tradizionali


Elevatori di

Grande Portata e Montalettighe

PIANTE VANO CORSA

PORTATA 1600 kg
21 PERSONE
1 ACCESSO
VANO 2350

VANO 2000

2400

VANO 2750

1400

2400

VANO 2650

1400

1100 x H 2000
485

GREZZO 1380 x H 2170

1100 x H 2000
GREZZO 1380 x H 2175

490

485

130

PORTATA 1600 kg
21 PERSONE
2 ACCESSI OPPOSTI
485

VANO 2350
GREZZO 1380 x H 2170
1100 x H 2000

485

490

VANO 2000
GREZZO 1380 x H 2170
1100 x H 2000

130

1400

485

PA RT N E R S H I P

1100 x H 2000
GREZZO 1380 x H 2170

485

2400

VANO 2940

2400

VANO 2760

1400

490

1100 x H 2000
GREZZO 1380 x H 2170

130

- Le dimensioni vano NON SONO valide per le soluzioni con porte tagliafuoco
- Le dimensioni del vano di corsa devono essere garantite con una tolleranza + / - 1 cm

4A - 03

2000

Altezza Interno
Cabina (mm)

Testata
(mm)

2200
2100
2020

3400
3300
3220

TESTATA

GREZZO H 2170 (**)

SEZIONE VERTICALE

VENTILAZIONE (ved. nota)

P.F.

Portata / Persone

Velocit
(m/s)

Fossa Min.*
(mm)

1600 / 21
1600 / 21

0,6
1

1600
1600

* per piano cabina standard


** dimensioni grezzo porte e vano NON
valide per soluzioni con porte tagliafuoco

GREZZO H 2170 (**)

2000

CORSA (MAX 20 m)

P.F. Piano Finito

FOSSA

P.F.

TERRAPIENO

- Il committente dovr eseguire limpermeabilizzazione della fossa dopo


lesecuzione dei fissaggi delle apparecchiature di fondo fossa.

PA RT N E R S H I P

SOLUZIONI IDRAULICHE TRADIZIONALI

Elevatori di

Grande Portata e Montalettighe


Carichi:
Lesatta ubicazione dei
carichi rilevabile dal
progetto di installazione

statico Spinta sulle guide Distanza


Portata Max. carico dinamico Carico
centralina
in fondo fossa
S1X
S2Y ancoraggi
(kg)
(daN)
(daN)
(daN)
(daN)
(mm)
1600

2 x 6500

700

480

1010

2000

S2
y
y

S2

S1

I dati sopra riportati sono puramente indicativi. I valori esatti sono rilevabili dal progetto dellimpianto.

Note Importanti:
Ventilazione del vano corsa
Il vano di corsa deve essere convenientemente ventilato. Esso non deve essere utilizzato per assicurare laerazione
di locali estranei al servizio degli ascensori. In mancanza di relative norme o regolamenti, si raccomandano aperture
di ventilazione alla sommit del vano con area non minore dell1% della sezione orizzontale del vano di corsa.
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF le aperture verso lesterno per
lo scarico di eventuali fumi devono essere concordate dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF
e comunicate a CEAM al pi tardi alla consegna dei disegni approvati.
Ventilazione del locale macchinario
Il locale del macchinario deve essere convenientemente ventilato affinch la temperatura rimanga compresa tra +5
e + 40.
Se il locale del macchinario si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF le aperture verso lesterno
per lo scarico di eventuali fumi devono essere concordate dal Progettista delledificio con il locale Comando dei
VVFF e comunicate a CEAM al pi tardi alla consegna dei disegni approvati.
Resistenza al fuoco delle porte di piano
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF, il grado di resistenza al fuoco
delle porte di piano deve essere concordato dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF e comunicate
a CEAM allatto dellordine dellimpianto.
Per i riferimenti legislativi sulla normativa Antincendio vedi appendice.

1300

800 x H2000

min. 2050
200

co
rs
a

Ventilazione
2000

200

Centralina idraulica
tradizionale

min. 2000

Gancio per sollevamento centralina


(portata vedi tabella)

Pianta locale
macchine:

va
no

PA RT N E R S H I P

SPINTA SULLE GUIDA

Soletta portante la centralina


+ 500 daN/mq

Nel caso il percorso del tubo oleo sia a soffitto o pavimento deve essere prevista una canalizzazione
ispezionabile tramite un coperchio in lamiera asportabile, escluso dalla fornitura.

5A - 01

SOLUZIONI IDRAULICHE TRADIZIONALI

Elevatori per

PA RT N E R S H I P

Regione Lombardia

Informazioni generali:
Riferimenti legislativi:
- Legge n6 del 20/02/1989
- Norme Armonizzate UNI EN 81-2/99

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

Emissione

Scheda

480
480
500
500
850

6
6
6
6
11

centrale
telescopica
centrale
telescopica
centrale

1
1
2 opposti
2 opposti
2 adiacenti

Luglio 05

5A-01

Regione Lombardia
PORTATA 480 kg
6 PERSONE
1 ACCESSO
VANO 1470

VANO 1850

950

1300

VANO 1650

950

1300

VANO 1550

PIANTE VANO CORSA

Soluzioni idrauliche tradizionali


Elevatori per

850 x H 2000
360

GREZZO 1130 x H 2170

360
340

850 x H 2000
GREZZO 1130 x H 2170

PORTATA 500 kg
6 PERSONE
2 ACCESSI OPPOSTI
VANO 1850
360 GREZZO 1130 x H 2170 360

VANO 1470
340 GREZZO 1130xH 2170
850 x H 2000

850 x H 2000

1300

VANO 1840

950

1300

VANO 1660

950

850 x H 2000
340 GREZZO 1130xH 2170

850 x H 2000
360 GREZZO 1130 x H 2170 360

560

PA RT N E R S H I P

VANO 1850

1400

1400

PORTATA 850 kg
11 PERSONE
2 ACCESSI ADIACENTI

360 GREZZO 1130xH 2170 360


850 x H 2000

VANO 2060

850 x H 2000
GREZZO 1130xH 2170 370

- Le dimensioni vano NON SONO valide per le soluzioni con porte tagliafuoco
- Le dimensioni del vano di corsa devono essere garantite con una tolleranza + / - 1 cm

5A - 01

Altezza Interno
Cabina (mm)

Testata
(mm)

2200
2100
2020

3400
3300
3220

2000

GREZZO H 2170 (**)

TESTATA

SEZIONE VERTICALE

VENTILAZIONE (ved. nota)

P.F.

Portata / Persone

Velocit
(m/s)

Fossa Min.*
(mm)

480 / 6
480 / 6
500 / 6
500 / 6
850 / 11
850 / 11

0,6
1
0,6
1
0,6
1

1050
1150
1050
1150
1200
1270

* per piano cabina standard

CORSA (MAX 20 m)

** dimensioni grezzo porte e vano NON


valide per soluzioni con porte tagliafuoco

2000

GREZZO H 2170 (**)

P.F. Piano Finito

FOSSA

P.F.

TERRAPIENO

- Il committente dovr eseguire limpermeabilizzazione della fossa dopo


lesecuzione dei fissaggi delle apparecchiature di fondo fossa.

PA RT N E R S H I P

SOLUZIONI IDRAULICHE TRADIZIONALI

Elevatori per

Regione Lombardia
Carichi:
Lesatta ubicazione dei
carichi rilevabile dal
progetto di installazione

Portata
(kg)

S2

500
850

y
y

500
500

4200
7000

110
230

400
910

1400
1400

S2

S1

Max. carico dinamico Carico statico Spinta sulle guide Distanza


in fondo fossa
centralina
S1X
S2Y ancoraggi
(daN)
(daN)
(daN)
(daN)
(mm)

I dati sopra riportati sono puramente indicativi. I valori esatti sono rilevabili dal progetto dellimpianto.

Note Importanti:
Ventilazione del vano corsa
Il vano di corsa deve essere convenientemente ventilato. Esso non deve essere utilizzato per assicurare laerazione
di locali estranei al servizio degli ascensori. In mancanza di relative norme o regolamenti, si raccomandano aperture
di ventilazione alla sommit del vano con area non minore dell1% della sezione orizzontale del vano di corsa.
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF le aperture verso lesterno per
lo scarico di eventuali fumi devono essere concordate dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF
e comunicate a CEAM al pi tardi alla consegna dei disegni approvati.
Ventilazione del locale macchinario
Il locale del macchinario deve essere convenientemente ventilato affinch la temperatura rimanga compresa tra +5
e + 40.
Se il locale del macchinario si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF le aperture verso lesterno
per lo scarico di eventuali fumi devono essere concordate dal Progettista delledificio con il locale Comando dei
VVFF e comunicate a CEAM al pi tardi alla consegna dei disegni approvati.
Resistenza al fuoco delle porte di piano
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF, il grado di resistenza al fuoco
delle porte di piano deve essere concordato dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF e comunicate
a CEAM allatto dellordine dellimpianto.
Per i riferimenti legislativi sulla normativa Antincendio vedi appendice.

1300

800 x H2000

min. 2050
200

co
rs
a

Ventilazione
2000

200

Centralina idraulica
tradizionale

min. 2000

Gancio per sollevamento centralina


(portata vedi tabella)

Pianta locale
macchine:

va
no

PA RT N E R S H I P

SPINTA SULLE GUIDA

Soletta portante la centralina


+ 500 daN/mq

Nel caso il percorso del tubo oleo sia a soffitto o pavimento deve essere prevista una canalizzazione
ispezionabile tramite un coperchio in lamiera asportabile, escluso dalla fornitura.

5A - 02

SOLUZIONI IDRAULICHE TRADIZIONALI

Elevatori per

PA RT N E R S H I P

Regione Lombardia

Informazioni generali:
Riferimenti legislativi:
- Legge n6 del 20/02/1989
- Norme Armonizzate UNI EN 81-2/99
- Legge n13 del 09/01/1989 attuata dal D.M. 236 del 14/06/1989
- Piattaforma minima di distribuzione posta anteriormente alla porta della cabina: 1,50 x 1,50 m.

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

Emissione

Scheda

900
900
930
1000
1000

12
12
12
13
13

centrale
telescopica
centrale
centrale
telescopica/centr.

1
1
2 opposti
2 adiacenti
2 adiacenti

Luglio 05

5A-02

Regione Lombardia
PORTATA 900 kg
12 PERSONE
1 ACCESSO

VANO 1950

VANO 1700

1400

900 x H 2000
GREZZO 1180xH 2170

385

900 x H 2000
410 GREZZO 1180xH 2170

PORTATA 1000 kg
13 PERSONE
2 ACCESSI ADIACENTI

PORTATA 930 kg
12 PERSONE
2 ACCESSI OPPOSTI
VANO 1950
385 GREZZO 1180xH 2170 385
900 x H 2000

VANO 2150

1500

1500

1500
900 x H 2000

385 GREZZO 1180xH 2170 385

1400
VANO 1860

110

900 x H 2000
385 GREZZO 1180xH 2170 385

VANO 1950

385

1500

1500

VANO 2250

1400
VANO 1750

PIANTE VANO CORSA

Soluzioni idrauliche tradizionali


Elevatori per

900 x H 2000
560

GREZZO 1180xH 2170 410

VANO 2250

1500

900 x H 2000

1500

535

GREZZO 1180xH 2170

PORTATA 1000 kg
13 PERSONE
2 ACCESSI ADIACENTI

535

VANO 1800

160

PA RT N E R S H I P

900 x H 2000
GREZZO 1180xH 2170

460

- Le dimensioni vano NON SONO valide per le soluzioni con porte tagliafuoco
- Le dimensioni del vano di corsa devono essere garantite con una tolleranza + / - 1 cm

5A - 02

2000

Altezza Interno
Cabina (mm)

Testata
(mm)

2200
2100
2020

3400
3300
3220

TESTATA

GREZZO H 2170 (**)

SEZIONE VERTICALE

VENTILAZIONE (ved. nota)

P.F.

Portata / Persone

Velocit
(m/s)

Fossa Min.*
(mm)

900 / 12
900 / 12
930 / 12
930 / 12
1000 / 13
1000 / 13

0,6
1
0,6
1
0,6
1

1200
1270
1200
1270
1220
1300

* per piano cabina standard

P.F. Piano Finito

GREZZO H 2170 (**)

2000

CORSA (MAX 20 m)

** dimensioni grezzo porte e vano NON


valide per soluzioni con porte tagliafuoco

FOSSA

P.F.

TERRAPIENO

- Il committente dovr eseguire limpermeabilizzazione della fossa dopo


lesecuzione dei fissaggi delle apparecchiature di fondo fossa.

PA RT N E R S H I P

SOLUZIONI IDRAULICHE TRADIZIONALI

Elevatori per

Regione Lombardia
Carichi:
Lesatta ubicazione dei
carichi rilevabile dal
progetto di installazione

Portata
(kg)

S2

930
1000

y
y

500
500

7500
8000

190
300

950
850

1400
1500

S2

S1

Max. carico dinamico Carico statico Spinta sulle guide Distanza


in fondo fossa
centralina
S1X
S2Y ancoraggi
(daN)
(daN)
(daN)
(daN)
(mm)

I dati sopra riportati sono puramente indicativi. I valori esatti sono rilevabili dal progetto dellimpianto.

Note Importanti:
Ventilazione del vano corsa
Il vano di corsa deve essere convenientemente ventilato. Esso non deve essere utilizzato per assicurare laerazione
di locali estranei al servizio degli ascensori. In mancanza di relative norme o regolamenti, si raccomandano aperture
di ventilazione alla sommit del vano con area non minore dell1% della sezione orizzontale del vano di corsa.
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF le aperture verso lesterno per
lo scarico di eventuali fumi devono essere concordate dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF
e comunicate a CEAM al pi tardi alla consegna dei disegni approvati.
Ventilazione del locale macchinario
Il locale del macchinario deve essere convenientemente ventilato affinch la temperatura rimanga compresa tra +5
e + 40.
Se il locale del macchinario si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF le aperture verso lesterno
per lo scarico di eventuali fumi devono essere concordate dal Progettista delledificio con il locale Comando dei
VVFF e comunicate a CEAM al pi tardi alla consegna dei disegni approvati.
Resistenza al fuoco delle porte di piano
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF, il grado di resistenza al fuoco
delle porte di piano deve essere concordato dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF e comunicate
a CEAM allatto dellordine dellimpianto.
Per i riferimenti legislativi sulla normativa Antincendio vedi appendice.

1300

800 x H2000

min. 2050
200

co
rs
a

Ventilazione
2000

200

Centralina idraulica
tradizionale

min. 2000

Gancio per sollevamento centralina


(portata vedi tabella)

Pianta locale
macchine:

va
no

PA RT N E R S H I P

SPINTA SULLE GUIDA

Soletta portante la centralina


+ 500 daN/mq

Nel caso il percorso del tubo oleo sia a soffitto o pavimento deve essere prevista una canalizzazione
ispezionabile tramite un coperchio in lamiera asportabile, escluso dalla fornitura.

1B - 01

SOLUZIONI ELETTRICHE TRADIZIONALI

Elevatori per

PA RT N E R S H I P

Edifici Preesistenti

Informazioni generali:
Riferimenti legislativi:
- Legge n13 del 09/01/1989 attuata dal D.M. 236 del 14/06/1989
- Norme Armonizzate UNI EN 81-1/99
Ove non sia possibile l'installazione di cabine con dimensioni superiori, sono ammesse (Art. 8.1.12.C del D.M. 236/89):
- Dimensioni minime della cabina: profondit 1,2 m, larghezza 0,8 m.
- Luce netta minima della porta sul lato corto: 0,75 m.
- Piattaforma minima di distribuzione posta anteriormente alla porta della cabina: 1,40 x 1,40 m.

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

Emissione

Scheda

380
380
600

5
5
8

telescopica
telescopica
telescopica

1
2 opposti
2 adiacenti

Luglio 05

1B-01

PIANTE VANO CORSA

Soluzioni elettriche tradizionali


Elevatori per

Edifici Preesistenti

PORTATA 380 kg
5 PERSONE
1 ACCESSO

PORTATA 380 kg
5 PERSONE
2 ACCESSI OPPOSTI

VANO 1400
VANO 1400

310

GREZZO 1030 x H 2170

60

800

1200

VANO 1740

1200

VANO 1550

800

750 x H 2000
750 x H 2000
310

GREZZO 1030 x H 2170

60
310

VANO 1950

GREZZO 1030 x H 2170

60

VANO 1800

1200

750 x H 2000

1200

460

GREZZO 1030 x H 2170

310

PORTATA 600 kg
8 PERSONE
2 ACCESSI ADIACENTI

750 x H 2000
460

PA RT N E R S H I P

GREZZO 1030 x H 2170

460

- Le dimensioni vano NON SONO valide per le soluzioni con porte tagliafuoco
- Le dimensioni del vano di corsa devono essere garantite con una tolleranza + / - 1 cm

1B - 01
VENTILAZIONE (ved. nota)

GREZZO H 2170 (**)

H MIN.2050

Portata / Persone

Velocit
(m/s)

Fossa*
(mm)

380 / 5
600 / 8

Fino a
1,6

1500
1700

Corsa (m)
inferiore a 30
compresa
tra 30 e 50

* per piano cabina standard


2000

TESTATA 3700

H MIN.2000

SEZIONE VERTICALE

GANCIO

** dimensioni grezzo porte e vano NON valide per


soluzioni con porte tagliafuoco
P.F. Piano Finito

2000

GREZZO H 2170 (**)

CORSA

P.F.

FOSSA

P.F.

TERRAPIENO

- Il committente dovr eseguire limpermeabilizzazione della fossa dopo


lesecuzione dei fissaggi delle apparecchiature di fondo fossa.

PA RT N E R S H I P

SOLUZIONI ELETTRICHE TRADIZIONALI

Elevatori per

Edifici Preesistenti
Carichi:
Lesatta ubicazione dei
Portata gancio Max carico Spinta sulle guide Distanza
Portata Max. carico dinamico
carichi rilevabile dal
in locale
dinamico S1X
in fondo fossa
S2Y ancoraggi
progetto di installazione

S2
y
y

_+ carico accidentale_
(daN)

macchina
(daN)

in soletta
(daN)

(daN)

(daN)

(mm)

380
600

3500
3700

360
360

3100
5100

80
90

40
50

3000
3000

S2

S1

(kg)

I dati sopra riportati sono puramente indicativi. I valori esatti sono rilevabili dal progetto dellimpianto.

PA RT N E R S H I P

SPINTA SULLE GUIDA

Note Importanti:
Ventilazione del vano corsa
Il vano di corsa deve essere convenientemente ventilato. Esso non deve essere utilizzato per assicurare laerazione
di locali estranei al servizio degli ascensori. In mancanza di relative norme o regolamenti, si raccomandano aperture
di ventilazione alla sommit del vano con area non minore dell1% della sezione orizzontale del vano di corsa.
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF le aperture verso lesterno per
lo scarico di eventuali fumi devono essere concordate dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF
e comunicate a CEAM al pi tardi alla consegna dei disegni approvati.
Ventilazione del locale macchinario
Il locale del macchinario deve essere convenientemente ventilato affinch la temperatura rimanga compresa tra +5
e + 40.
Se il locale del macchinario si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF le aperture verso lesterno
per lo scarico di eventuali fumi devono essere concordate dal Progettista delledificio con il locale Comando dei
VVFF e comunicate a CEAM al pi tardi alla consegna dei disegni approvati.
Resistenza al fuoco delle porte di piano
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF, il grado di resistenza al fuoco
delle porte di piano deve essere concordato dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF e comunicate
a CEAM allatto dellordine dellimpianto.
Per i riferimenti legislativi sulla normativa Antincendio vedi appendice.

2B - 01

SOLUZIONI ELETTRICHE TRADIZIONALI

Elevatori per

PA RT N E R S H I P

Nuovi Edifici Residenziali

Informazioni generali:
Riferimenti legislativi:

- Dimensioni minime della cabina: profondit 1,3 m, larghezza 0,95 m.


- Luce netta minima della porta sul lato corto: 0,8 m.
- Piattaforma minima di distribuzione posta anteriormente alla porta della cabina: 1,50 x 1,50 m.

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

Emissione

Scheda

480
480
500
500
850

6
6
6
6
11

centrale
telescopica
centrale
telescopica
telescopica

1
1
2 opposti
2 opposti
2 adiacenti

Luglio 05

2B-01

Nuovi Edifici Residenziali


PORTATA 480 kg
6 PERSONE
1 ACCESSO

VANO 1750

VANO 1550

950

1300
335

335

800 x H 2000
GREZZO 1080xH 2170

1300

VANO 1650

950
VANO 1850

PIANTE VANO CORSA

Soluzioni elettriche tradizionali


Elevatori per

360

335

PORTATA 500 kg
6 PERSONE
2 ACCESSI OPPOSTI

VANO 1750
GREZZO 1080xH 2170
800 x H 2000

VANO 1550
360 GREZZO 1080xH 2170
800 x H 2000

335

110

110

1300

VANO 1840

950
1300

VANO 1660

950

800 x H 2000
360 GREZZO 1080xH 2170

800 x H 2000
335

800 x H 2000
GREZZO 1080xH 2170

GREZZO 1080xH 2170

335

110

GREZZO 1080xH 2170 340


800 x H 2000

VANO 2150

1400

VANO 1950

1400

530

PORTATA 850 kg
11 PERSONE
2 ACCESSI ADIACENTI

530

PA RT N E R S H I P

800 x H 2000
GREZZO 1080xH 2170

540

- Le dimensioni vano NON SONO valide per le soluzioni con porte tagliafuoco
- Le dimensioni del vano di corsa devono essere garantite con una tolleranza + / - 1 cm

2B - 01

GREZZO H 2170 (**)

H MIN.2050

Portata / Persone

Velocit
(m/s)

480 / 6
500 / 6
850 / 11

Fino a
1,6

Fossa*
(mm)

Corsa (m)

1500

inferiore a 30

1700

compresa
tra 30 e 50

* per piano cabina standard


2000

TESTATA 3700

H MIN.2000

SEZIONE VERTICALE

VENTILAZIONE (ved. nota)


GANCIO

** dimensioni grezzo porte e vano NON valide per


soluzioni con porte tagliafuoco
P.F. Piano Finito

2000

GREZZO H 2170 (**)

CORSA

P.F.

FOSSA

P.F.

TERRAPIENO

- Il committente dovr eseguire limpermeabilizzazione della fossa dopo


lesecuzione dei fissaggi delle apparecchiature di fondo fossa.

PA RT N E R S H I P

SOLUZIONI ELETTRICHE TRADIZIONALI

Elevatori per

Nuovi Edifici Residenziali


Carichi:
Lesatta ubicazione dei
Portata gancio Max carico Spinta sulle guide Distanza
Portata Max. carico dinamico
carichi rilevabile dal
in locale
dinamico S1X
in fondo fossa
S2Y ancoraggi
progetto di installazione

S2
y
y

_+ carico accidentale_
(daN)

macchina
(daN)

in soletta
(daN)

(daN)

(daN)

(mm)

500
850

4200
2 x 3700

360
450

3700
6200

80
100

40
60

3000
3000

S2

S1

(kg)

I dati sopra riportati sono puramente indicativi. I valori esatti sono rilevabili dal progetto dellimpianto.

PA RT N E R S H I P

SPINTA SULLE GUIDA

Note Importanti:
Ventilazione del vano corsa
Il vano di corsa deve essere convenientemente ventilato. Esso non deve essere utilizzato per assicurare laerazione
di locali estranei al servizio degli ascensori. In mancanza di relative norme o regolamenti, si raccomandano aperture
di ventilazione alla sommit del vano con area non minore dell1% della sezione orizzontale del vano di corsa.
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF le aperture verso lesterno per
lo scarico di eventuali fumi devono essere concordate dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF
e comunicate a CEAM al pi tardi alla consegna dei disegni approvati.
Ventilazione del locale macchinario
Il locale del macchinario deve essere convenientemente ventilato affinch la temperatura rimanga compresa tra +5
e + 40.
Se il locale del macchinario si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF le aperture verso lesterno
per lo scarico di eventuali fumi devono essere concordate dal Progettista delledificio con il locale Comando dei
VVFF e comunicate a CEAM al pi tardi alla consegna dei disegni approvati.
Resistenza al fuoco delle porte di piano
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF, il grado di resistenza al fuoco
delle porte di piano deve essere concordato dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF e comunicate
a CEAM allatto dellordine dellimpianto.
Per i riferimenti legislativi sulla normativa Antincendio vedi appendice.

3B - 01

SOLUZIONI ELETTRICHE TRADIZIONALI

Elevatori per

PA RT N E R S H I P

Nuovi Edifici
Non Residenziali

Informazioni generali:
Riferimenti legislativi:
- Legge n13 del 09/01/1989 attuata dal D.M. 236 del 14/06/1989
- Norme Armonizzate UNI EN 81-1/99
- D.P.R. n503 del 24/07/1996
- Dimensioni minime della cabina: profondit 1,4 m, larghezza 1,1 m.
- Luce netta minima della porta sul lato corto: 0,8 m.
- Piattaforma minima di distribuzione posta anteriormente alla porta della cabina: 1,50 x 1,50 m.

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

Emissione

Scheda

630
630
640
640
850

8
8
8
8
11

centrale
telescopica
centrale
telescopica
telescopica

1
1
2 opposti
2 opposti
2 adiacenti

Luglio 05

3B-01

Nuovi Edifici Non Residenziali


PORTATA 630 kg
8 PERSONE
1 ACCESSO

VANO 1750

VANO 1700

1100

335

800 x H 2000
GREZZO 1080xH 2170

335

VANO 1750
GREZZO 1080xH 2170 335

1400

1400

VANO 1750

1100
VANO 1950

PIANTE VANO CORSA

Soluzioni elettriche tradizionali


Elevatori per

800 x H 2000
GREZZO 1080xH 2170 185

435

335

PORTATA 640 kg
8 PERSONE
2 ACCESSI OPPOSTI

435

800 x H 2000

1400

VANO 1940

1100

1400

VANO 1760

1100

800 x H 2000
335

VANO 1700
GREZZO 1080xH 2170 185
800 x H 2000

GREZZO 1080xH 2170

435

335

800 x H 2000
GREZZO 1080xH 2170 185

1400

VANO 1950

1400

530

PORTATA 850 kg
11 PERSONE
2 ACCESSI ADIACENTI

GREZZO 1080xH 2170 340


800 x H 2000

VANO 2150

530

PA RT N E R S H I P

800 x H 2000
GREZZO 1080xH 2170

540

- Le dimensioni vano NON SONO valide per le soluzioni con porte tagliafuoco
- Le dimensioni del vano di corsa devono essere garantite con una tolleranza + / - 1 cm

3B - 01
VENTILAZIONE (ved. nota)

GREZZO H 2170 (**)

H MIN.2050

Portata / Persone

Velocit
(m/s)

630 / 8
640 / 8
850 / 11

Fino a
1,6

Fossa*
(mm)

Corsa (m)

1500

inferiore a 30

1700

compresa
tra 30 e 50

* per piano cabina standard


2000

TESTATA 3700

H MIN.2000

SEZIONE VERTICALE

GANCIO

** dimensioni grezzo porte e vano NON valide per


soluzioni con porte tagliafuoco
P.F. Piano Finito

2000

GREZZO H 2170 (**)

CORSA

P.F.

FOSSA

P.F.

TERRAPIENO

- Il committente dovr eseguire limpermeabilizzazione della fossa dopo


lesecuzione dei fissaggi delle apparecchiature di fondo fossa.

PA RT N E R S H I P

SOLUZIONI ELETTRICHE TRADIZIONALI

Elevatori per

Nuovi Edifici Non Residenziali


Carichi:
Lesatta ubicazione dei
Portata gancio Max carico Spinta sulle guide Distanza
Portata Max. carico dinamico
carichi rilevabile dal
in locale
dinamico S1X
in fondo fossa
S2Y ancoraggi
progetto di installazione

S2
y
y

_+ carico accidentale_
(daN)

macchina
(daN)

in soletta
(daN)

(daN)

(daN)

(mm)

640
850

5200
2 x 3700

360
450

4100
6200

90
130

60
70

3000
3000

S2

S1

(kg)

I dati sopra riportati sono puramente indicativi. I valori esatti sono rilevabili dal progetto dellimpianto.

PA RT N E R S H I P

SPINTA SULLE GUIDA

Note Importanti:
Ventilazione del vano corsa
Il vano di corsa deve essere convenientemente ventilato. Esso non deve essere utilizzato per assicurare laerazione
di locali estranei al servizio degli ascensori. In mancanza di relative norme o regolamenti, si raccomandano aperture
di ventilazione alla sommit del vano con area non minore dell1% della sezione orizzontale del vano di corsa.
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF le aperture verso lesterno per
lo scarico di eventuali fumi devono essere concordate dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF
e comunicate a CEAM al pi tardi alla consegna dei disegni approvati.
Ventilazione del locale macchinario
Il locale del macchinario deve essere convenientemente ventilato affinch la temperatura rimanga compresa tra +5
e + 40.
Se il locale del macchinario si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF le aperture verso lesterno
per lo scarico di eventuali fumi devono essere concordate dal Progettista delledificio con il locale Comando dei
VVFF e comunicate a CEAM al pi tardi alla consegna dei disegni approvati.
Resistenza al fuoco delle porte di piano
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF, il grado di resistenza al fuoco
delle porte di piano deve essere concordato dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF e comunicate
a CEAM allatto dellordine dellimpianto.
Per i riferimenti legislativi sulla normativa Antincendio vedi appendice.

3B - 02

SOLUZIONI ELETTRICHE TRADIZIONALI

Elevatori per

PA RT N E R S H I P

Nuovi Edifici
Non Residenziali

Informazioni generali:
Riferimenti legislativi:
- Legge n13 del 09/01/1989 attuata dal D.M. 236 del 14/06/1989
- Norme Armonizzate UNI EN 81-1/99
- D.P.R. n503 del 24/07/1996
- Dimensioni minime della cabina: profondit 1,4 m, larghezza 1,1 m.
- Luce netta minima della porta sul lato corto: 0,8 m.
- Piattaforma minima di distribuzione posta anteriormente alla porta della cabina: 1,50 x 1,50 m.

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

Emissione

Scheda

900
900
930
1000

12
12
12
13

centrale
centrale
centrale
telescopica

1
1
2 opposti
2 adiacenti

Luglio 05

3B-02

Soluzioni elettriche tradizionali


Elevatori per

Nuovi Edifici Non Residenziali

PIANTE VANO CORSA

PORTATA 900 kg
12 PERSONE
1 ACCESSO

VANO 1950

VANO 2050

1400

900 x H 2000

900 x H 2000
385

1500

VANO 1750

1500

VANO 2060

1400

GREZZO 1180 x H 2170

435

385

GREZZO 1180 x H 2170

435

PORTATA 1000 kg
13 PERSONE
2 ACCESSI ADIACENTI

PORTATA 930 kg
12 PERSONE
2 ACCESSI OPPOSTI

VANO 2050
435

GREZZO 1180 x H 2170

VANO 2250

435

390

900 x H 2000

VANO 2100

1500

GREZZO 1180 x H 2170


900 x H 2000

1500

530

1500

VANO 1860

1400

900 x H 2000
435

PA RT N E R S H I P

GREZZO 1180 x H 2170

435

530

900 x H 2000
GREZZO 1180 x H 2170

540

- Le dimensioni vano NON SONO valide per le soluzioni con porte tagliafuoco
- Le dimensioni del vano di corsa devono essere garantite con una tolleranza + / - 1 cm

3B - 02

GREZZO H 2170 (**)

H MIN.2050

Portata / Persone

Velocit
(m/s)

900 / 12
930 / 12
1000 / 13

Fino a
1,6

Fossa*
(mm)

Corsa (m)

1500

inferiore a 30

1700

compresa
tra 30 e 50

* per piano cabina standard


2000

TESTATA 3700

H MIN.2000

SEZIONE VERTICALE

VENTILAZIONE (ved. nota)


GANCIO

** dimensioni grezzo porte e vano NON valide per


soluzioni con porte tagliafuoco
P.F. Piano Finito

2000

GREZZO H 2170 (**)

CORSA

P.F.

FOSSA

P.F.

TERRAPIENO

- Il committente dovr eseguire limpermeabilizzazione della fossa dopo


lesecuzione dei fissaggi delle apparecchiature di fondo fossa.

PA RT N E R S H I P

SOLUZIONI ELETTRICHE TRADIZIONALI

Elevatori per

Nuovi Edifici Non Residenziali


Carichi:
Lesatta ubicazione dei
Portata gancio Max carico Spinta sulle guide Distanza
Portata Max. carico dinamico
carichi rilevabile dal
in locale
dinamico S1X
in fondo fossa
S2Y ancoraggi
progetto di installazione

S2
y
y

_+ carico accidentale_
(daN)

macchina
(daN)

in soletta
(daN)

(daN)

(daN)

(mm)

930
1000

2 x 3800
2 x 3900

450
650

6100
7000

140
110

80
120

2500
2500

S2

S1

(kg)

I dati sopra riportati sono puramente indicativi. I valori esatti sono rilevabili dal progetto dellimpianto.

PA RT N E R S H I P

SPINTA SULLE GUIDA

Note Importanti:
Ventilazione del vano corsa
Il vano di corsa deve essere convenientemente ventilato. Esso non deve essere utilizzato per assicurare laerazione
di locali estranei al servizio degli ascensori. In mancanza di relative norme o regolamenti, si raccomandano aperture
di ventilazione alla sommit del vano con area non minore dell1% della sezione orizzontale del vano di corsa.
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF le aperture verso lesterno per
lo scarico di eventuali fumi devono essere concordate dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF
e comunicate a CEAM al pi tardi alla consegna dei disegni approvati.
Ventilazione del locale macchinario
Il locale del macchinario deve essere convenientemente ventilato affinch la temperatura rimanga compresa tra +5
e + 40.
Se il locale del macchinario si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF le aperture verso lesterno
per lo scarico di eventuali fumi devono essere concordate dal Progettista delledificio con il locale Comando dei
VVFF e comunicate a CEAM al pi tardi alla consegna dei disegni approvati.
Resistenza al fuoco delle porte di piano
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF, il grado di resistenza al fuoco
delle porte di piano deve essere concordato dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF e comunicate
a CEAM allatto dellordine dellimpianto.
Per i riferimenti legislativi sulla normativa Antincendio vedi appendice.

4B - 01

SOLUZIONI ELETTRICHE TRADIZIONALI

Elevatori di

PA RT N E R S H I P

Grande Portata
Montalettighe

Informazioni generali:
Riferimenti legislativi:
- Legge n13 del 09/01/1989 attuata dal D.M. 236 del 14/06/1989
- Norme Armonizzate UNI EN 81-1/99
- D.P.R. n503 del 24/07/1996
- D.M. n246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendi per edifici di civile abitazione

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

Emissione

Scheda

1000
1000
1030
1030

13
13
13
13

centrale
telescopica
centrale
telescopica

1
1
2 opposti
2 opposti

Luglio 05

4B-01

Soluzioni elettriche tradizionali


Elevatori di

Grande Portata e Montalettighe

PIANTE VANO CORSA

PORTATA 1000 kg
13 PERSONE
1 ACCESSO
VANO 1800
VANO 2000

1100

2100

VANO 2450

2100

VANO 2350

1100

900 x H 2000
410

GREZZO 1180 x H 2170

900 x H 2000

410
510

GREZZO 1180 x H 2170

110

PORTATA 1030 kg
13 PERSONE
2 ACCESSI OPPOSTI
VANO 1800
VANO 2000
410

510

GREZZO 1180 x H 2170

410

GREZZO 1180 x H 2170

110

900 x H 2000

900 x H 2000

1100

2100

VANO 2640

2100

VANO 2460

1100

900 x H 2000
410

GREZZO 1180 x H 2170

410
510

PA RT N E R S H I P

900 x H 2000
GREZZO 1180 x H 2170

110

- Le dimensioni vano NON SONO valide per le soluzioni con porte tagliafuoco
- Le dimensioni del vano di corsa devono essere garantite con una tolleranza + / - 1 cm

4B - 01

GREZZO H 2170 (**)

H MIN.2300

Portata / Persone

Velocit
(m/s)

Fossa*
(mm)

1000 / 13
1030 / 13

Fino a
1,6

1500
1700

Corsa (m)
inferiore a 30
compresa
tra 30 e 50

* per piano cabina standard


2000

TESTATA 3700

H MIN.2000

SEZIONE VERTICALE

VENTILAZIONE (ved. nota)


GANCIO

** dimensioni grezzo porte e vano NON valide per


soluzioni con porte tagliafuoco
P.F. Piano Finito

2000

GREZZO H 2170 (**)

CORSA

P.F.

FOSSA

P.F.

TERRAPIENO

- Il committente dovr eseguire limpermeabilizzazione della fossa dopo


lesecuzione dei fissaggi delle apparecchiature di fondo fossa.

PA RT N E R S H I P

SOLUZIONI ELETTRICHE TRADIZIONALI

Elevatori di

Grande Portata e Montalettighe


Carichi:
Lesatta ubicazione dei
gancio Max carico Spinta sulle guide Distanza
Portata Max. carico dinamico Portata
carichi rilevabile dal
in locale
dinamico S1X
in fondo fossa
S2Y ancoraggi
progetto di installazione

S2

(kg)

_+ carico accidentale_
(daN)

macchina
(daN)

in soletta
(daN)

(daN)

(daN)

(mm)

1030

2 x 4200

650

6600

110

130

2500

y
y

S2

S1

I dati sopra riportati sono puramente indicativi. I valori esatti sono rilevabili dal progetto dellimpianto.

PA RT N E R S H I P

SPINTA SULLE GUIDA

Note Importanti:
Ventilazione del vano corsa
Il vano di corsa deve essere convenientemente ventilato. Esso non deve essere utilizzato per assicurare laerazione
di locali estranei al servizio degli ascensori. In mancanza di relative norme o regolamenti, si raccomandano aperture
di ventilazione alla sommit del vano con area non minore dell1% della sezione orizzontale del vano di corsa.
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF le aperture verso lesterno per
lo scarico di eventuali fumi devono essere concordate dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF
e comunicate a CEAM al pi tardi alla consegna dei disegni approvati.
Ventilazione del locale macchinario
Il locale del macchinario deve essere convenientemente ventilato affinch la temperatura rimanga compresa tra +5
e + 40.
Se il locale del macchinario si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF le aperture verso lesterno
per lo scarico di eventuali fumi devono essere concordate dal Progettista delledificio con il locale Comando dei
VVFF e comunicate a CEAM al pi tardi alla consegna dei disegni approvati.
Resistenza al fuoco delle porte di piano
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF, il grado di resistenza al fuoco
delle porte di piano deve essere concordato dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF e comunicate
a CEAM allatto dellordine dellimpianto.
Per i riferimenti legislativi sulla normativa Antincendio vedi appendice.

4B - 02

SOLUZIONI ELETTRICHE TRADIZIONALI

Elevatori di

PA RT N E R S H I P

Grande Portata
Montalettighe

Informazioni generali:
Riferimenti legislativi:
- Legge n13 del 09/01/1989 attuata dal D.M. 236 del 14/06/1989
- Norme Armonizzate UNI EN 81-1/99
- D.P.R. n503 del 24/07/1996

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

Emissione

Scheda

1250
1250
1270
1270

16
16
16
16

centrale
telescopica
centrale
telescopica

1
1
2 opposti
2 opposti

Luglio 05

4B-02

Soluzioni elettriche tradizionali


Elevatori di

Grande Portata e Montalettighe

PIANTE VANO CORSA

PORTATA 1250 kg
16 PERSONE
1 ACCESSO
VANO 1950

VANO 2250

1200

2300

VANO 2650

2300

VANO 2550

1200

1000 x H 2000
485

GREZZO 1280 x H 2170

1000 x H 2000

485

530

GREZZO 1280 x H 2170

140

PORTATA 1270 kg
16 PERSONE
2 ACCESSI OPPOSTI
VANO 2250
485

GREZZO 1280 x H 2170

530

485

1000 x H 2000

2300

VANO 2840

1000 x H 2000
485

PA RT N E R S H I P

190

1200

2300

VANO 2660

1200

VANO 2000
GREZZO 1280 x H 2170
1000 x H 2000

GREZZO 1280 x H 2170

485

530

1000 x H 2000
GREZZO 1280 x H 2170

190

- Le dimensioni vano NON SONO valide per le soluzioni con porte tagliafuoco
- Le dimensioni del vano di corsa devono essere garantite con una tolleranza + / - 1 cm

4B - 02
VENTILAZIONE (ved. nota)

GREZZO H 2170 (**)

H MIN.2500

Portata / Persone

Velocit
(m/s)

Fossa*
(mm)

1250 / 16
1270 / 16

Fino a
1,6

1500
1700

Corsa (m)
inferiore a 30
compresa
tra 30 e 50

* per piano cabina standard


2000

TESTATA 3700

H MIN.2000

SEZIONE VERTICALE

GANCIO

** dimensioni grezzo porte e vano NON valide per


soluzioni con porte tagliafuoco
P.F. Piano Finito

2000

GREZZO H 2170 (**)

CORSA

P.F.

FOSSA

P.F.

TERRAPIENO

- Il committente dovr eseguire limpermeabilizzazione della fossa dopo


lesecuzione dei fissaggi delle apparecchiature di fondo fossa.

PA RT N E R S H I P

SOLUZIONI ELETTRICHE TRADIZIONALI

Elevatori di

Grande Portata e Montalettighe


Carichi:
Lesatta ubicazione dei
gancio Max carico Spinta sulle guide Distanza
Portata Max. carico dinamico Portata
carichi rilevabile dal
in locale
dinamico S1X
in fondo fossa
S2Y ancoraggi
progetto di installazione

S2

(kg)

_+ carico accidentale_
(daN)

macchina
(daN)

in soletta
(daN)

(daN)

(daN)

(mm)

1270

2 x 5600

1200

8700

160

150

2500

y
y

S2

S1

I dati sopra riportati sono puramente indicativi. I valori esatti sono rilevabili dal progetto dellimpianto.

PA RT N E R S H I P

SPINTA SULLE GUIDA

Note Importanti:
Ventilazione del vano corsa
Il vano di corsa deve essere convenientemente ventilato. Esso non deve essere utilizzato per assicurare laerazione
di locali estranei al servizio degli ascensori. In mancanza di relative norme o regolamenti, si raccomandano aperture
di ventilazione alla sommit del vano con area non minore dell1% della sezione orizzontale del vano di corsa.
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF le aperture verso lesterno per
lo scarico di eventuali fumi devono essere concordate dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF
e comunicate a CEAM al pi tardi alla consegna dei disegni approvati.
Ventilazione del locale macchinario
Il locale del macchinario deve essere convenientemente ventilato affinch la temperatura rimanga compresa tra +5
e + 40.
Se il locale del macchinario si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF le aperture verso lesterno
per lo scarico di eventuali fumi devono essere concordate dal Progettista delledificio con il locale Comando dei
VVFF e comunicate a CEAM al pi tardi alla consegna dei disegni approvati.
Resistenza al fuoco delle porte di piano
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF, il grado di resistenza al fuoco
delle porte di piano deve essere concordato dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF e comunicate
a CEAM allatto dellordine dellimpianto.
Per i riferimenti legislativi sulla normativa Antincendio vedi appendice.

4B - 03

SOLUZIONI ELETTRICHE TRADIZIONALI

Elevatori di

PA RT N E R S H I P

Grande Portata
Montalettighe

Informazioni generali:
Riferimenti legislativi:
- Legge n13 del 09/01/1989 attuata dal D.M. 236 del 14/06/1989
- Norme Armonizzate UNI EN 81-1/99
- D.P.R. n503 del 24/07/1996

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

Emissione

Scheda

1600
1600
1600
1600

21
21
21
21

centrale
telescopica
centrale
telescopica

1
1
2 opposti
2 opposti

Luglio 05

4B-03

Soluzioni elettriche tradizionali


Elevatori di

Grande Portata e Montalettighe

PIANTE VANO CORSA

PORTATA 1600 kg
21 PERSONE
1 ACCESSO
VANO 2100
VANO 2350

1400

2400

VANO 2750

2400

VANO 2650

1400

1100 x H 2000
485

GREZZO 1380 x H 2170

1100 x H 2000

485

520

GREZZO 1380 x H 2170

200

PORTATA 1600 kg
21 PERSONE
2 ACCESSI OPPOSTI
VANO 2350
485

GREZZO 1380 x H 2170

520

485

1100 x H 2000

2400

VANO 2940

1100 x H 2000
485

PA RT N E R S H I P

200

1400

2400

VANO 2760

1400

VANO 2100
GREZZO 1380 x H 2170
1100 x H 2000

GREZZO 1380 x H 2170

485

520

1100 x H 2000
GREZZO 1380 x H 2170

200

- Le dimensioni vano NON SONO valide per le soluzioni con porte tagliafuoco
- Le dimensioni del vano di corsa devono essere garantite con una tolleranza + / - 1 cm

4B - 03
VENTILAZIONE (ved. nota)

GREZZO H 2170 (**)

H MIN.2500

Portata / Persone

Velocit
(m/s)

Fossa*
(mm)

Fino a
1,6

1500

1600 / 21

1700

Corsa (m)
inferiore a 30
compresa
tra 30 e 50

* per piano cabina standard


2000

TESTATA 3700

H MIN.2000

SEZIONE VERTICALE

GANCIO

** dimensioni grezzo porte e vano NON valide per


soluzioni con porte tagliafuoco
P.F. Piano Finito

2000

GREZZO H 2170 (**)

CORSA

P.F.

FOSSA

P.F.

TERRAPIENO

- Il committente dovr eseguire limpermeabilizzazione della fossa dopo


lesecuzione dei fissaggi delle apparecchiature di fondo fossa.

PA RT N E R S H I P

SOLUZIONI ELETTRICHE TRADIZIONALI

Elevatori di

Grande Portata e Montalettighe


Carichi:
Lesatta ubicazione dei
gancio Max carico Spinta sulle guide Distanza
Portata Max. carico dinamico Portata
carichi rilevabile dal
in locale
dinamico S1X
in fondo fossa
S2Y ancoraggi
progetto di installazione

S2

(kg)

_+ carico accidentale_
(daN)

macchina
(daN)

in soletta
(daN)

(daN)

(daN)

(mm)

1600

2 x 6500

1200

10050

200

200

2500

y
y

S2

S1

I dati sopra riportati sono puramente indicativi. I valori esatti sono rilevabili dal progetto dellimpianto.

PA RT N E R S H I P

SPINTA SULLE GUIDA

Note Importanti:
Ventilazione del vano corsa
Il vano di corsa deve essere convenientemente ventilato. Esso non deve essere utilizzato per assicurare laerazione
di locali estranei al servizio degli ascensori. In mancanza di relative norme o regolamenti, si raccomandano aperture
di ventilazione alla sommit del vano con area non minore dell1% della sezione orizzontale del vano di corsa.
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF le aperture verso lesterno per
lo scarico di eventuali fumi devono essere concordate dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF
e comunicate a CEAM al pi tardi alla consegna dei disegni approvati.
Ventilazione del locale macchinario
Il locale del macchinario deve essere convenientemente ventilato affinch la temperatura rimanga compresa tra +5
e + 40.
Se il locale del macchinario si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF le aperture verso lesterno
per lo scarico di eventuali fumi devono essere concordate dal Progettista delledificio con il locale Comando dei
VVFF e comunicate a CEAM al pi tardi alla consegna dei disegni approvati.
Resistenza al fuoco delle porte di piano
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF, il grado di resistenza al fuoco
delle porte di piano deve essere concordato dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF e comunicate
a CEAM allatto dellordine dellimpianto.
Per i riferimenti legislativi sulla normativa Antincendio vedi appendice.

5B - 01

SOLUZIONI ELETTRICHE TRADIZIONALI

Elevatori per

PA RT N E R S H I P

Regione Lombardia

Informazioni generali:
Riferimenti legislativi:
- Legge n6 del 20/02/1989
- Norme Armonizzate UNI EN 81-1/99
- Dimensioni minime della cabina: profondit 1,3 m, larghezza 0,9 m.
- Luce netta minima della porta sul lato corto: 0,85 m.
- Piattaforma minima di distribuzione posta anteriormente alla porta della cabina: 1,50 x 1,50 m.

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

Emissione

Scheda

480
480
500
500
850

6
6
6
6
11

centrale
telescopica
centrale
telescopica
telescopica

1
1
2 opposti
2 opposti
2 adiacenti

Luglio 05

5B-01

Regione Lombardia
PORTATA 480 kg
6 PERSONE
1 ACCESSO

VANO 1850

VANO 1550

950

1300

1300

VANO 1650

950
VANO 1850

PIANTE VANO CORSA

Soluzioni elettriche tradizionali


Elevatori per

850 x H 2000
GREZZO 1130 x H 2170

850 x H 2000
360

360

GREZZO 1130 x H 2170

340

360

PORTATA 500 kg
6 PERSONE
2 ACCESSI OPPOSTI

VANO 1850
GREZZO 1130 x H 2170
850 x H 2000

VANO 1550
340 GREZZO 1130 x H 2170

360

850 x H 2000
GREZZO 1130 x H 2170

1300

VANO 1840

950

1300

VANO 1660

80

850 x H 2000

950

360

80

850 x H 2000
340 GREZZO 1130 x H 2170

360

80

1400

VANO 1950

1400

480

PORTATA 850 kg
11 PERSONE
2 ACCESSI ADIACENTI

GREZZO 1130xH 2170 340


850 x H 2000

VANO 2150

480

PA RT N E R S H I P

850 x H 2000
GREZZO 1130xH 2170

540

- Le dimensioni vano NON SONO valide per le soluzioni con porte tagliafuoco
- Le dimensioni del vano di corsa devono essere garantite con una tolleranza + / - 1 cm

5B - 01
VENTILAZIONE (ved. nota)

GREZZO H 2170 (**)

H MIN.2050

Portata / Persone

Velocit
(m/s)

480 / 6
500 / 6
850 / 11

Fino a
1,6

Fossa*
(mm)

Corsa (m)

1500

inferiore a 30

1700

compresa
tra 30 e 50

* per piano cabina standard


2000

TESTATA 3700

H MIN.2000

SEZIONE VERTICALE

GANCIO

** dimensioni grezzo porte e vano NON valide per


soluzioni con porte tagliafuoco
P.F. Piano Finito

2000

GREZZO H 2170 (**)

CORSA

P.F.

FOSSA

P.F.

TERRAPIENO

- Il committente dovr eseguire limpermeabilizzazione della fossa dopo


lesecuzione dei fissaggi delle apparecchiature di fondo fossa.

PA RT N E R S H I P

SOLUZIONI ELETTRICHE TRADIZIONALI

Elevatori per

Regione Lombardia
Carichi:
Lesatta ubicazione dei
gancio Max carico Spinta sulle guide Distanza
Portata Max. carico dinamico Portata
carichi rilevabile dal
dinamico S1X
in locale
in fondo fossa
S2Y ancoraggi
progetto di installazione

S2
y
y

_+ carico accidentale_
(daN)

macchina
(daN)

in soletta
(daN)

(daN)

(daN)

(mm)

500
850

4200
2 x 3700

360
450

3700
6200

80
100

40
60

3000
3000

S2

S1

(kg)

I dati sopra riportati sono puramente indicativi. I valori esatti sono rilevabili dal progetto dellimpianto.

PA RT N E R S H I P

SPINTA SULLE GUIDA

Note Importanti:
Ventilazione del vano corsa
Il vano di corsa deve essere convenientemente ventilato. Esso non deve essere utilizzato per assicurare laerazione
di locali estranei al servizio degli ascensori. In mancanza di relative norme o regolamenti, si raccomandano aperture
di ventilazione alla sommit del vano con area non minore dell1% della sezione orizzontale del vano di corsa.
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF le aperture verso lesterno per
lo scarico di eventuali fumi devono essere concordate dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF
e comunicate a CEAM al pi tardi alla consegna dei disegni approvati.
Ventilazione del locale macchinario
Il locale del macchinario deve essere convenientemente ventilato affinch la temperatura rimanga compresa tra +5
e + 40.
Se il locale del macchinario si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF le aperture verso lesterno
per lo scarico di eventuali fumi devono essere concordate dal Progettista delledificio con il locale Comando dei
VVFF e comunicate a CEAM al pi tardi alla consegna dei disegni approvati.
Resistenza al fuoco delle porte di piano
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF, il grado di resistenza al fuoco
delle porte di piano deve essere concordato dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF e comunicate
a CEAM allatto dellordine dellimpianto.
Per i riferimenti legislativi sulla normativa Antincendio vedi appendice.

5B - 02

SOLUZIONI ELETTRICHE TRADIZIONALI

Elevatori per

PA RT N E R S H I P

Regione Lombardia

Informazioni generali:
Riferimenti legislativi:
- Legge n6 del 20/02/1989
- Norme Armonizzate UNI EN 81-1/99
- Dimensioni minime della cabina: profondit 1,5 m, larghezza 1,37 m.
- Luce netta minima della porta sul lato corto: 0,90 m.
- Piattaforma minima di distribuzione posta anteriormente alla porta della cabina: 1,50 x 1,50 m.

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

Emissione

Scheda

900
900
930
1000

12
12
12
13

centrale
centrale
centrale
telescopica

1
1
2 opposti
2 adiacenti

Luglio 05

5B-02

Soluzioni elettriche tradizionali


Elevatori per

Regione Lombardia

PIANTE VANO CORSA

PORTATA 900 kg
12 PERSONE
1 ACCESSO

VANO 1950

VANO 2050

1400

900 x H 2000

900 x H 2000
385

1500

VANO 1750

1500

VANO 2060

1400

GREZZO 1180 x H 2170

435

385

PORTATA 930 kg
12 PERSONE
2 ACCESSI OPPOSTI

GREZZO 1180 x H 2170

435

PORTATA 1000 kg
13 PERSONE
2 ACCESSI ADIACENTI

VANO 2050
435

GREZZO 1180 x H 2170

VANO 2250

435

390

900 x H 2000

VANO 2100

1500

GREZZO 1180 x H 2170


900 x H 2000

1500

530

1500

VANO 1860

1400

900 x H 2000
435

PA RT N E R S H I P

GREZZO 1180 x H 2170

435

530

900 x H 2000
GREZZO 1180 x H 2170

540

- Le dimensioni vano NON SONO valide per le soluzioni con porte tagliafuoco
- Le dimensioni del vano di corsa devono essere garantite con una tolleranza + / - 1 cm

5B - 02

GREZZO H 2170 (**)

H MIN.2050

Portata / Persone

Velocit
(m/s)

900 / 12
930 / 12
1000 / 13

Fino a
1,6

Fossa*
(mm)

Corsa (m)

1500

inferiore a 30

1700

compresa
tra 30 e 50

* per piano cabina standard


2000

TESTATA 3700

H MIN.2000

SEZIONE VERTICALE

VENTILAZIONE (ved. nota)


GANCIO

** dimensioni grezzo porte e vano NON valide per


soluzioni con porte tagliafuoco
P.F. Piano Finito

2000

GREZZO H 2170 (**)

CORSA

P.F.

FOSSA

P.F.

TERRAPIENO

- Il committente dovr eseguire limpermeabilizzazione della fossa dopo


lesecuzione dei fissaggi delle apparecchiature di fondo fossa.

PA RT N E R S H I P

SOLUZIONI ELETTRICHE TRADIZIONALI

Elevatori per

Regione Lombardia
Carichi:
Lesatta ubicazione dei
gancio Max carico Spinta sulle guide Distanza
Portata Max. carico dinamico Portata
carichi rilevabile dal
dinamico S1X
in locale
in fondo fossa
S2Y ancoraggi
progetto di installazione

S2
y
y

_+ carico accidentale_
(daN)

macchina
(daN)

in soletta
(daN)

(daN)

(daN)

(mm)

930
1000

2 x 3800
2 x 3900

450
650

6100
7000

140
110

80
120

2500
2500

S2

S1

(kg)

I dati sopra riportati sono puramente indicativi. I valori esatti sono rilevabili dal progetto dellimpianto.

PA RT N E R S H I P

SPINTA SULLE GUIDA

Note Importanti:
Ventilazione del vano corsa
Il vano di corsa deve essere convenientemente ventilato. Esso non deve essere utilizzato per assicurare laerazione
di locali estranei al servizio degli ascensori. In mancanza di relative norme o regolamenti, si raccomandano aperture
di ventilazione alla sommit del vano con area non minore dell1% della sezione orizzontale del vano di corsa.
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF le aperture verso lesterno per
lo scarico di eventuali fumi devono essere concordate dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF
e comunicate a CEAM al pi tardi alla consegna dei disegni approvati.
Ventilazione del locale macchinario
Il locale del macchinario deve essere convenientemente ventilato affinch la temperatura rimanga compresa tra +5
e + 40.
Se il locale del macchinario si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF le aperture verso lesterno
per lo scarico di eventuali fumi devono essere concordate dal Progettista delledificio con il locale Comando dei
VVFF e comunicate a CEAM al pi tardi alla consegna dei disegni approvati.
Resistenza al fuoco delle porte di piano
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF, il grado di resistenza al fuoco
delle porte di piano deve essere concordato dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF e comunicate
a CEAM allatto dellordine dellimpianto.
Per i riferimenti legislativi sulla normativa Antincendio vedi appendice.

1C - 01

SOLUZIONI IDRAULICHE
SENZA LOCALE MACCHINE

Elevatori per

PA RT N E R S H I P

Edifici Preesistenti

Informazioni generali:
Riferimenti legislativi:
- Norme Armonizzate UNI EN 81-2/99
- D.M. n246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendi per edifici di civile abitazione
Dimensioni ingombri ed aerazioni necessarie per elevatori oleodinamici con portata fino 640 kg.
Velocit = 0,6 m/s
Corsa massima = 20 m
IMPORTANTE: Per le piante e le sezioni verticali fare riferimento alla scheda 1A-01

Centraline e quadri di manovra

Emissione

Scheda

- FLAT PUMP senza locale macchine


- Box per FLAT PUMP
- Box per FLAT PUMP con scambiatore di calore

Luglio 05

1C-01

Edifici Preesistenti

FLAT PUMP

700 MIN.

200

CO
RS
A

SENZA LOCALE MACCHINE


velocit massima m/s 0,6

VA
N
O

CENTRALINE E QUADRI DI MANOVRA

Soluzioni idrauliche senza locale macchine


Elevatori per

1200

200

DISPOSIZIONE MACCHINARIO VALIDA PER


IMPIANTI NON SOGGETTI A NULLA OSTA V.V.F.F.

SOLETTA PORTANTE LA CENTRALINA + 500 daN/mq


PA RT N E R S H I P

1C - 01
CENTRALINE E QUADRI DI MANOVRA

BOX per FLAT PUMP


velocit massima m/s 0,6

150

410

1300

200

CO
RS
A
VA
N
O

MIN. 700

MIN. 1200 x H 2000

PARETI BOX DI GRADO REI PARI


A QUELLO DELVANO CORSA

VENTILAZIONE
(vedi nota)

FORO PER PASSAGGIO


COLLEGAMENTI

500

DISPOSIZIONE MACCHINARIO VALIDA PER


IMPIANTI SOGGETTI A NULLA OSTA V.V.F.F.

2050

H 2000 MIN

1300

200

LA PORTA DEL BOX PUO ESSERE INSTALLATA


ANCHE AD ANTA UNICA SE ESISTE LO SPAZIO
NECESSARIO ALLA SUA CORRETTA APERTURA

SOLETTA PORTANTE LA CENTRALINA


+ 500 daN/mq
PA RT N E R S H I P

SOLUZIONI IDRAULICHE
SENZA LOCALE MACCHINE
VENTILAZIONE (vedi nota)
PARETI BOX DI GRADO REI PARI
A QUELLO DELVANO CORSA
B

MIN. 1400 x H 2000


1500

340

940

CO
RS
A

MIN. 700

360

A
100

200

VA
N
O

500

DISPOSIZIONE MACCHINARIO VALIDA PER


IMPIANTI SOGGETTI A NULLA OSTA V.V.F.F.

LA PORTA DEL BOX PUO ESSERE INSTALLATA


ANCHE AD ANTA UNICA SE ESISTE LO SPAZIO
NECESSARIO ALLA SUA CORRETTA APERTURA

SEZ. A-A

SEZ. B-B

FORO PER INGRESSO


E USCITA ARIA
SCAMBIATORE
DI CALORE

H 2000 MIN

2050

340

760

1300

1300

H 2000 MIN

200

200

PA RT N E R S H I P

FORO PER
PASSAGGIO
COLLEGAMENTI

2050

CENTRALINE E QUADRI DI MANOVRA

BOX per FLAT PUMP


con SCAMBIATORE DI CALORE
velocit massima m/s 0,6

SOLETTA PORTANTE LA CENTRALINA


+ 500 daN/mq

Note Importanti: Ventilazione della Centralina FLAT


Il locale o lambiente in cui si trova la centralina FLAT deve essere convenientemente ventilato affinch la temperatura
rimanga compresa tra +5 e + 40. Se il locale o lambiente in cui si trova la centralina FLAT si trova in una parte
delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF, le aperture verso lesterno per lo scarico di eventuali fumi devono
essere concordate dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF e comunicate a CEAM al pi tardi
alla consegna dei disegni approvati.
Devono inoltre essere concordati dal Progettista delledificio con il Locale Comando dei VVFF:
la necessit un BOX di contenimento per la centralina
il grado di resistenza al fuoco delle pareti e delle porte del BOX
le dimensioni e le caratteristiche delle aperture di ventilazione dei fumi di scarico
la necessit di un serbatoio supplementare per il contenimento olio.
Queste informazioni devono essere comunicate a CEAM al pi tardi alla consegna dei disegni approvati.

2C - 01

SOLUZIONI IDRAULICHE
SENZA LOCALE MACCHINE

Elevatori per

PA RT N E R S H I P

Nuovi Edifici Residenziali

Informazioni generali:
Riferimenti legislativi:
- Norme Armonizzate UNI EN 81-2/99
- D.M. n246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendi per edifici di civile abitazione
Dimensioni ingombri ed aerazioni necessarie per elevatori oleodinamici con portata fino 640 kg.
Velocit = 0,6 m/s
Corsa massima = 20 m
IMPORTANTE: Per le piante e le sezioni verticali fare riferimento alla scheda 2A-01

Centraline e quadri di manovra

Emissione

Scheda

- FLAT PUMP senza locale macchine


- Box per FLAT PUMP
- Box per FLAT PUMP con scambiatore di calore

Luglio 05

2C-01

Edifici Residenziali

FLAT PUMP

700 MIN.

200

CO
RS
A

SENZA LOCALE MACCHINE


velocit massima m/s 0,6

VA
N
O

CENTRALINE E QUADRI DI MANOVRA

Soluzioni idrauliche senza locale macchine


Nuovi
Elevatori per

1200

200

DISPOSIZIONE MACCHINARIO VALIDA PER


IMPIANTI NON SOGGETTI A NULLA OSTA V.V.F.F.

SOLETTA PORTANTE LA CENTRALINA + 500 daN/mq


PA RT N E R S H I P

2C - 01
CENTRALINE E QUADRI DI MANOVRA

BOX per FLAT PUMP


velocit massima m/s 0,6

150

410

1300

200

CO
RS
A
VA
N
O

MIN. 700

MIN. 1200 x H 2000

PARETI BOX DI GRADO REI PARI


A QUELLO DELVANO CORSA

VENTILAZIONE
(vedi nota)

FORO PER PASSAGGIO


COLLEGAMENTI

500

DISPOSIZIONE MACCHINARIO VALIDA PER


IMPIANTI SOGGETTI A NULLA OSTA V.V.F.F.

2050

H 2000 MIN

1300

200

LA PORTA DEL BOX PUO ESSERE INSTALLATA


ANCHE AD ANTA UNICA SE ESISTE LO SPAZIO
NECESSARIO ALLA SUA CORRETTA APERTURA

SOLETTA PORTANTE LA CENTRALINA


+ 500 daN/mq
PA RT N E R S H I P

SOLUZIONI IDRAULICHE
SENZA LOCALE MACCHINE
VENTILAZIONE (vedi nota)
PARETI BOX DI GRADO REI PARI
A QUELLO DELVANO CORSA
B

MIN. 1400 x H 2000


1500

340

940

CO
RS
A

MIN. 700

360

A
100

200

VA
N
O

500

DISPOSIZIONE MACCHINARIO VALIDA PER


IMPIANTI SOGGETTI A NULLA OSTA V.V.F.F.

LA PORTA DEL BOX PUO ESSERE INSTALLATA


ANCHE AD ANTA UNICA SE ESISTE LO SPAZIO
NECESSARIO ALLA SUA CORRETTA APERTURA

SEZ. A-A

SEZ. B-B

FORO PER INGRESSO


E USCITA ARIA
SCAMBIATORE
DI CALORE

H 2000 MIN

2050

340

760

1300

1300

H 2000 MIN

200

200

PA RT N E R S H I P

FORO PER
PASSAGGIO
COLLEGAMENTI

2050

CENTRALINE E QUADRI DI MANOVRA

BOX per FLAT PUMP


con SCAMBIATORE DI CALORE
velocit massima m/s 0,6

SOLETTA PORTANTE LA CENTRALINA


+ 500 daN/mq

Note Importanti: Ventilazione della Centralina FLAT


Il locale o lambiente in cui si trova la centralina FLAT deve essere convenientemente ventilato affinch la temperatura
rimanga compresa tra +5 e + 40. Se il locale o lambiente in cui si trova la centralina FLAT si trova in una parte
delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF, le aperture verso lesterno per lo scarico di eventuali fumi devono
essere concordate dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF e comunicate a CEAM al pi tardi
alla consegna dei disegni approvati.
Devono inoltre essere concordati dal Progettista delledificio con il Locale Comando dei VVFF:
la necessit un BOX di contenimento per la centralina
il grado di resistenza al fuoco delle pareti e delle porte del BOX
le dimensioni e le caratteristiche delle aperture di ventilazione dei fumi di scarico
la necessit di un serbatoio supplementare per il contenimento olio.
Queste informazioni devono essere comunicate a CEAM al pi tardi alla consegna dei disegni approvati.

3C - 01

SOLUZIONI IDRAULICHE
SENZA LOCALE MACCHINE

PA RT N E R S H I P

Elevatori per

Nuovi Edifici
Non Residenziali

Informazioni generali:
Riferimenti legislativi:
- Norme Armonizzate UNI EN 81-2/99
- D.M. n246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendi per edifici di civile abitazione
Velocit = 0,6 m/s
Corsa massima = 20 m per portate fino a 900 kg
18 m per portate fino a 1030 kg
IMPORTANTE: Per le piante e le sezioni verticali fare riferimento alla scheda 3A-01 e 3A-02

Centraline e quadri di manovra

Emissione

Scheda

- FLAT PUMP senza locale macchine


- Box per FLAT PUMP
- Box per FLAT PUMP con scambiatore di calore

Luglio 05

3C-01

Edifici Non Residenziali

FLAT PUMP

700 MIN.

200

CO
RS
A

SENZA LOCALE MACCHINE


velocit massima m/s 0,6

VA
N
O

CENTRALINE E QUADRI DI MANOVRA

Soluzioni idrauliche senza locale macchine


Nuovi
Elevatori per

1200

200

DISPOSIZIONE MACCHINARIO VALIDA PER


IMPIANTI NON SOGGETTI A NULLA OSTA V.V.F.F.

SOLETTA PORTANTE LA CENTRALINA + 500 daN/mq


PA RT N E R S H I P

3C - 01
CENTRALINE E QUADRI DI MANOVRA

BOX per FLAT PUMP


velocit massima m/s 0,6

150

410

1300

200

CO
RS
A
VA
N
O

MIN. 700

MIN. 1200 x H 2000

PARETI BOX DI GRADO REI PARI


A QUELLO DELVANO CORSA

VENTILAZIONE
(vedi nota)

FORO PER PASSAGGIO


COLLEGAMENTI

500

DISPOSIZIONE MACCHINARIO VALIDA PER


IMPIANTI SOGGETTI A NULLA OSTA V.V.F.F.

2050

H 2000 MIN

1300

200

LA PORTA DEL BOX PUO ESSERE INSTALLATA


ANCHE AD ANTA UNICA SE ESISTE LO SPAZIO
NECESSARIO ALLA SUA CORRETTA APERTURA

SOLETTA PORTANTE LA CENTRALINA


+ 500 daN/mq
PA RT N E R S H I P

SOLUZIONI IDRAULICHE
SENZA LOCALE MACCHINE
VENTILAZIONE (vedi nota)
PARETI BOX DI GRADO REI PARI
A QUELLO DELVANO CORSA
B

MIN. 1400 x H 2000


1500

340

940

CO
RS
A

MIN. 700

360

A
100

200

VA
N
O

500

DISPOSIZIONE MACCHINARIO VALIDA PER


IMPIANTI SOGGETTI A NULLA OSTA V.V.F.F.

LA PORTA DEL BOX PUO ESSERE INSTALLATA


ANCHE AD ANTA UNICA SE ESISTE LO SPAZIO
NECESSARIO ALLA SUA CORRETTA APERTURA

SEZ. A-A

SEZ. B-B

FORO PER INGRESSO


E USCITA ARIA
SCAMBIATORE
DI CALORE

H 2000 MIN

2050

340

760

1300

1300

H 2000 MIN

200

200

PA RT N E R S H I P

FORO PER
PASSAGGIO
COLLEGAMENTI

2050

CENTRALINE E QUADRI DI MANOVRA

BOX per FLAT PUMP


con SCAMBIATORE DI CALORE
velocit massima m/s 0,6

SOLETTA PORTANTE LA CENTRALINA


+ 500 daN/mq

Note Importanti: Ventilazione della Centralina FLAT


Il locale o lambiente in cui si trova la centralina FLAT deve essere convenientemente ventilato affinch la temperatura
rimanga compresa tra +5 e + 40. Se il locale o lambiente in cui si trova la centralina FLAT si trova in una parte
delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF, le aperture verso lesterno per lo scarico di eventuali fumi devono
essere concordate dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF e comunicate a CEAM al pi tardi
alla consegna dei disegni approvati.
Devono inoltre essere concordati dal Progettista delledificio con il Locale Comando dei VVFF:
la necessit un BOX di contenimento per la centralina
il grado di resistenza al fuoco delle pareti e delle porte del BOX
le dimensioni e le caratteristiche delle aperture di ventilazione dei fumi di scarico
la necessit di un serbatoio supplementare per il contenimento olio.
Queste informazioni devono essere comunicate a CEAM al pi tardi alla consegna dei disegni approvati.

4C - 01

SOLUZIONI IDRAULICHE
SENZA LOCALE MACCHINE

PA RT N E R S H I P

Elevatori di

Grande Portata
Montalettighe

Informazioni generali:
Riferimenti legislativi:
- Norme Armonizzate UNI EN 81-2/99
- D.M. n246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendi per edifici di civile abitazione
IMPORTANTE: Per le piante e le sezioni verticali fare riferimento alla scheda 4A-01- 4A-02 e 4A-03

Centraline e quadri di manovra

Emissione

Scheda

- FLAT PUMP senza locale macchine


- Box per FLAT PUMP
- Box per FLAT PUMP con scambiatore di calore

Luglio 05

4C-01

Portata e Montalettighe

FLAT PUMP

700 MIN.

200

CO
RS
A

SENZA LOCALE MACCHINE


velocit massima m/s 0,6

VA
N
O

CENTRALINE E QUADRI DI MANOVRA

Soluzioni idrauliche senza locale macchine


Grande
Elevatori di

1200

200

DISPOSIZIONE MACCHINARIO VALIDA PER


IMPIANTI NON SOGGETTI A NULLA OSTA V.V.F.F.

SOLETTA PORTANTE LA CENTRALINA + 500 daN/mq


PA RT N E R S H I P

4C - 01
CENTRALINE E QUADRI DI MANOVRA

BOX per FLAT PUMP


velocit massima m/s 0,6

150

410

1300

200

CO
RS
A
VA
N
O

MIN. 700

MIN. 1200 x H 2000

PARETI BOX DI GRADO REI PARI


A QUELLO DELVANO CORSA

VENTILAZIONE
(vedi nota)

FORO PER PASSAGGIO


COLLEGAMENTI

500

DISPOSIZIONE MACCHINARIO VALIDA PER


IMPIANTI SOGGETTI A NULLA OSTA V.V.F.F.

LA PORTA DEL BOX PUO ESSERE INSTALLATA


ANCHE AD ANTA UNICA SE ESISTE LO SPAZIO
NECESSARIO ALLA SUA CORRETTA APERTURA

(m/s)
Velocit
Max

2050

H 2000 MIN

1300

200

Limiti di impiego centralina FLAT per cabine standard.


Per impianti aventi caratteristiche che non rientrano nella
presente tabella occorre effettuare unanalisi preliminare di
fattibilit.

0,63

Portata 1030 kg
0,50
0,40

Portata 1270 kg
Portata 1600 kg

12

15

18

Corsa (m)
Max

SOLETTA PORTANTE LA CENTRALINA


+ 500 daN/mq
PA RT N E R S H I P

SOLUZIONI IDRAULICHE
SENZA LOCALE MACCHINE
VENTILAZIONE (vedi nota)
PARETI BOX DI GRADO REI PARI
A QUELLO DELVANO CORSA
B

MIN. 1400 x H 2000


1500

340

940

CO
RS
A

MIN. 700

360

A
100

200

VA
N
O

500

DISPOSIZIONE MACCHINARIO VALIDA PER


IMPIANTI SOGGETTI A NULLA OSTA V.V.F.F.

LA PORTA DEL BOX PUO ESSERE INSTALLATA


ANCHE AD ANTA UNICA SE ESISTE LO SPAZIO
NECESSARIO ALLA SUA CORRETTA APERTURA

SEZ. A-A

SEZ. B-B

FORO PER INGRESSO


E USCITA ARIA
SCAMBIATORE
DI CALORE

H 2000 MIN

2050

340

760

1300

1300

H 2000 MIN

200

200

PA RT N E R S H I P

FORO PER
PASSAGGIO
COLLEGAMENTI

2050

CENTRALINE E QUADRI DI MANOVRA

BOX per FLAT PUMP


con SCAMBIATORE DI CALORE
velocit massima m/s 0,6

SOLETTA PORTANTE LA CENTRALINA


+ 500 daN/mq

Note Importanti: Ventilazione della Centralina FLAT


Il locale o lambiente in cui si trova la centralina FLAT deve essere convenientemente ventilato affinch la temperatura
rimanga compresa tra +5 e + 40. Se il locale o lambiente in cui si trova la centralina FLAT si trova in una parte
delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF, le aperture verso lesterno per lo scarico di eventuali fumi devono
essere concordate dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF e comunicate a CEAM al pi tardi
alla consegna dei disegni approvati.
Devono inoltre essere concordati dal Progettista delledificio con il Locale Comando dei VVFF:
la necessit un BOX di contenimento per la centralina
il grado di resistenza al fuoco delle pareti e delle porte del BOX
le dimensioni e le caratteristiche delle aperture di ventilazione dei fumi di scarico
la necessit di un serbatoio supplementare per il contenimento olio.
Queste informazioni devono essere comunicate a CEAM al pi tardi alla consegna dei disegni approvati.

5C - 01

SOLUZIONI IDRAULICHE
SENZA LOCALE MACCHINE

Elevatori per

PA RT N E R S H I P

Regione Lombardia

Informazioni generali:
Riferimenti legislativi:
- Norme Armonizzate UNI EN 81-2/99
- D.M. n246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendi per edifici di civile abitazione
Velocit = 0,6 m/s
Corsa massima = 20 m per portate fino a 900 kg
18 m per portate fino a 1030 kg
IMPORTANTE: Per le piante e le sezioni verticali fare riferimento alla scheda 5A-01 e 5A-02

Centraline e quadri di manovra

Emissione

Scheda

- FLAT PUMP senza locale macchine


- Box per FLAT PUMP
- Box per FLAT PUMP con scambiatore di calore

Luglio 05

5C-01

Regione Lombardia

FLAT PUMP

700 MIN.

200

CO
RS
A

SENZA LOCALE MACCHINE


velocit massima m/s 0,6

VA
N
O

CENTRALINE E QUADRI DI MANOVRA

Soluzioni idrauliche senza locale macchine


Elevatori per

1200

200

DISPOSIZIONE MACCHINARIO VALIDA PER


IMPIANTI NON SOGGETTI A NULLA OSTA V.V.F.F.

SOLETTA PORTANTE LA CENTRALINA + 500 daN/mq


PA RT N E R S H I P

5C - 01
CENTRALINE E QUADRI DI MANOVRA

BOX per FLAT PUMP


velocit massima m/s 0,6

150

410

1300

200

CO
RS
A
VA
N
O

MIN. 700

MIN. 1200 x H 2000

PARETI BOX DI GRADO REI PARI


A QUELLO DELVANO CORSA

VENTILAZIONE
(vedi nota)

FORO PER PASSAGGIO


COLLEGAMENTI

500

DISPOSIZIONE MACCHINARIO VALIDA PER


IMPIANTI SOGGETTI A NULLA OSTA V.V.F.F.

2050

H 2000 MIN

1300

200

LA PORTA DEL BOX PUO ESSERE INSTALLATA


ANCHE AD ANTA UNICA SE ESISTE LO SPAZIO
NECESSARIO ALLA SUA CORRETTA APERTURA

SOLETTA PORTANTE LA CENTRALINA


+ 500 daN/mq
PA RT N E R S H I P

SOLUZIONI IDRAULICHE
SENZA LOCALE MACCHINE
VENTILAZIONE (vedi nota)
PARETI BOX DI GRADO REI PARI
A QUELLO DELVANO CORSA
B

MIN. 1400 x H 2000


1500

340

940

CO
RS
A

MIN. 700

360

A
100

200

VA
N
O

500

DISPOSIZIONE MACCHINARIO VALIDA PER


IMPIANTI SOGGETTI A NULLA OSTA V.V.F.F.

LA PORTA DEL BOX PUO ESSERE INSTALLATA


ANCHE AD ANTA UNICA SE ESISTE LO SPAZIO
NECESSARIO ALLA SUA CORRETTA APERTURA

SEZ. A-A

SEZ. B-B

FORO PER INGRESSO


E USCITA ARIA
SCAMBIATORE
DI CALORE

H 2000 MIN

2050

340

760

1300

1300

H 2000 MIN

200

200

PA RT N E R S H I P

FORO PER
PASSAGGIO
COLLEGAMENTI

2050

CENTRALINE E QUADRI DI MANOVRA

BOX per FLAT PUMP


con SCAMBIATORE DI CALORE
velocit massima m/s 0,6

SOLETTA PORTANTE LA CENTRALINA


+ 500 daN/mq

Note Importanti: Ventilazione della Centralina FLAT


Il locale o lambiente in cui si trova la centralina FLAT deve essere convenientemente ventilato affinch la temperatura
rimanga compresa tra +5 e + 40. Se il locale o lambiente in cui si trova la centralina FLAT si trova in una parte
delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF, le aperture verso lesterno per lo scarico di eventuali fumi devono
essere concordate dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF e comunicate a CEAM al pi tardi
alla consegna dei disegni approvati.
Devono inoltre essere concordati dal Progettista delledificio con il Locale Comando dei VVFF:
la necessit un BOX di contenimento per la centralina
il grado di resistenza al fuoco delle pareti e delle porte del BOX
le dimensioni e le caratteristiche delle aperture di ventilazione dei fumi di scarico
la necessit di un serbatoio supplementare per il contenimento olio.
Queste informazioni devono essere comunicate a CEAM al pi tardi alla consegna dei disegni approvati.

1D - 01

SOLUZIONI ELETTRICHE
SENZA LOCALE MACCHINE

Elevatori per

PA RT N E R S H I P

Edifici Preesistenti

Informazioni generali:
Riferimenti legislativi:
- Legge n13 del 09/01/1989 attuata dal D.M. 236 del 14/06/1989
- Norme Armonizzate UNI EN 81-1/99

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

Emissione

Scheda

380
380
600

5
5
8

telescopica
telescopica
centrale

1
2 opposti
2 adiacenti

Luglio 05

1D-01

Soluzioni elettriche senza locale macchine


Elevatori per
PORTATA 380 kg
5 PERSONE
2 ACCESSI OPPOSTI

PORTATA 380 kg
5 PERSONE
1 ACCESSO

VANO 1400
370

VANO 1400

GREZZO 1030 x H 2170


750 x H 2000

1240

VANO 1780

800
1200

VANO 1600

800

750 x H 2000
370

750 x H 2000

GREZZO 1030 x H 2170

370

FILO
INTERNO
VANO

170 200

scasso nel pavimento per


passaggio cavi, solo allultima
fermata in alto

200

100

scasso nel pavimento per


passaggio cavi, solo allultima
fermata in alto
165 200

PARTICOLARE PORTA ALLULTIMA FERMATA IN ALTO


(lato accesso principale)

200

FILO
INTERNO
VANO

PARTICOLARE PORTA ALLULTIMA


FERMATA IN ALTO

GREZZO 1030 x H 2170

100
MIN.200

750 x H 2000
GREZZO 1345 x H 2170
VANO 1400

100

100

MIN.200

100
55

100

PIANTA VANO CORSA

Edifici Preesistenti

50

750 x H 2000
GREZZO 1345 x H 2170

465

VANO 1860

320
750 x H 2000
365

PA RT N E R S H I P

GREZZO 1030 x H 2170

465

VANO 1660

310
GREZZO 1350 x H 2170

750 x H 2000
125 200

750 x H 2000

1200

VANO 1660

1200

GREZZO 1030 x H 2170

310

VANO 1860

PARTICOLARE PORTA ALL`ULTIMA FERMATA IN ALTO


(lato accesso secondario)

PORTATA 600 kg
8 PERSONE
2 ACCESSI ADIACENTI

100
FILO INTERNOVANO

MIN.200

- Le dimensioni vano NON SONO valide per le soluzioni con porte tagliafuoco

1D - 01
SEZIONE VERTICALE

VENTILAZIONE (ved. nota)

Altezza Interno
Cabina (mm)

3600
3500
3420

Interpiano minimo tra due accessi


opposti o adiacenti = 250 mm
GREZZO H 2170 (**)

Portata / Persone
2000

TESTATA

2200
2100
2020

Testata
(mm)

380 / 5
600 / 8

Velocit
(m/s)

Fossa*
(mm)
1180

1
1500

Corsa
(m)
inferiore
a 30
compresa
tra 30 e 40

P.F.

* per piano cabina standard


** dimensioni grezzo porte e vano NON valide
per soluzioni con porte tagliafuoco

2000

GREZZO H 2170 (**)

CORSA (MAX 40 m)

P.F. Piano Finito

FOSSA

P.F.

TERRAPIENO
PA RT N E R S H I P

SOLUZIONI ELETTRICHE
SENZA LOCALE MACCHINE

Elevatori per

Edifici Preesistenti
Carichi:
Lesatta ubicazione dei
carichi rilevabile dal
progetto di installazione

Portata
(kg)

Max. carico dinamico


in fondo fossa
(daN)

Spinta sulle guide


S1X
S2Y
(daN)
(daN)

Distanza
Ancoraggi
(mm)

S2

3600

80

185

1800

600

4900

80

360

1500

380

S2

x
S1

I dati sopra riportati sono puramente indicativi. I valori esatti sono rilevabili dal progetto dellimpianto.

PA RT N E R S H I P

SPINTA SULLE GUIDA

Note Importanti:
Ventilazione del vano corsa
Il vano di corsa deve essere convenientemente ventilato. Esso non deve essere utilizzato per assicurare laerazione
di locali estranei al servizio degli ascensori. In mancanza di relative norme o regolamenti, si raccomandano aperture
di ventilazione alla sommit del vano con area non minore dell1% della sezione orizzontale del vano di corsa.
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF le aperture verso lesterno per
lo scarico di eventuali fumi devono essere concordate dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF
e comunicate a CEAM al pi tardi alla consegna dei disegni approvati.
Resistenza al fuoco delle porte di piano
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF, il grado di resistenza al fuoco
delle porte di piano deve essere concordato dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF e comunicate
a CEAM allatto dellordine dellimpianto.
Per i riferimenti legislativi sulla normativa Antincendio vedi appendice.

1D - 02

SOLUZIONI ELETTRICHE
SENZA LOCALE MACCHINE

Elevatori per

PA RT N E R S H I P

Edifici Preesistenti

Informazioni generali:
Riferimenti legislativi:
- Legge n13 del 09/01/1989 attuata dal D
- Norme Armonizzate UNI EN 81-1/99

.M. 236 del 14/06/1989

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

380
380
600

5
5
8

telescopica
telescopica
centrale

1
2 opposti
2 adiacenti

Emissione

Scheda

Marzo 06

1D-02

SOLUZIONI ELETTRICHE
SENZA LOCALE MACCHINE

Elevatori per

Edifici Preesistenti
Carichi:
Lesatta ubicazione dei
carichi rilevabile dal
progetto di installazione

Portata
(kg)

Max. carico dinamico


in fondo fossa
(daN)

Spinta sulle guide


S1X
S2Y
(daN)
(daN)

Distanza
Ancoraggi
(mm)

3600

80

185

1800

600

4900

80

360

1500

S2

380
y
y

S2

S1

I dati sopra riportati sono puramente indicativi. I valori esatti sono rilevabili dal progetto dellimpianto.

PA RT N E R S H I P

SPINTA SULLE GUIDA

Note Importanti:
Ventilazione del vano corsa
Il vano di corsa deve essere convenientemente ventilato. Esso non deve essere utilizzato per assicurare laerazione
di locali estranei al servizio degli ascensori. In mancanza di relative norme o regolamenti, si raccomandano aperture
di ventilazione alla sommit del vano con area non minore dell1% della sezione orizzontale del vano di corsa.
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF le aperture verso lesterno per
lo scarico di eventuali fumi devono essere concordate dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF
e comunicate a CEAM al pi tardi alla consegna dei disegni approvati.
Resistenza al fuoco delle porte di piano
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF, il grado di resistenza al fuoco
delle porte di piano deve essere concordato dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF e comunicate
a CEAM allatto dellordine dellimpianto.
Per i riferimenti legislativi sulla normativa Antincendio vedi appendice.

2D - 01

SOLUZIONI ELETTRICHE
SENZA LOCALE MACCHINE

Elevatori per

PA RT N E R S H I P

Nuovi Edifici Residenziali

Informazioni generali:
Riferimenti legislativi:
- Legge n13 del 09/01/1989 attuata dal D.M. 236 del 14/06/1989
- Norme Armonizzate UNI EN 81-1/99
- D.M. n246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendi per edifici di civile abitazione

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

Emissione

Scheda

480
500
480
500

6
6
6
6

telescopica
telescopica
centrale
centrale

1
2 opposti
1
2 opposti

Luglio 05

2D-01

Edifici Residenziali

PORTATA 500 kg
6 PERSONE
2 ACCESSI OPPOSTI

PORTATA 480 kg
6 PERSONE
1 ACCESSO

VANO 1500
420

VANO 1500

GREZZO 1080 x H 2170


800 x H 2000

950
950

1300

VANO 1840

1300

VANO 1650

PIANTA VANO CORSA

Soluzioni elettriche senza locale macchine


Nuovi
Elevatori per

800 x H 2000
420

800 x H 2000

GREZZO 1080 x H 2170


420

PORTATA 480 kg
6 PERSONE
1 ACCESSO

PORTATA 500 kg
6 PERSONE
2 ACCESSI OPPOSTI

VANO 1780
350

VANO 1780

950

GREZZO 1080 x H 2170


800 x H 2000

350

1300

VANO 1660

1300

VANO 1550

950

800 x H 2000

800 x H 2000
350

GREZZO 1080 x H 2170

GREZZO 1080 x H 2170

350

350

GREZZO 1080 x H 2170

350

100

scasso nel pavimento per


passaggio cavi, solo allultima
fermata in alto
215 200

200

FILO
INTERNO
VANO

PARTICOLARE PORTA ALLULTIMA FERMATA IN ALTO

PA RT N E R S H I P

100

MIN.200

100
105

800 x H 2000
GREZZO 1395 x H 2170
VANO 1500

- Le dimensioni vano NON SONO valide per le soluzioni con porte tagliafuoco

2D - 01
SEZIONE VERTICALE

VENTILAZIONE (vedi nota)

Altezza Interno
Cabina (mm)

3600
3500
3420

Interpiano minimo tra due accessi


opposti o adiacenti = 250 mm
GREZZO H 2170 (**)

Portata / Persone

Velocit
(m/s)

2000

TESTATA

2200
2100
2020

Testata
(mm)

480 / 6
500 / 6

Fossa*
(mm)
1180

1
1500

Corsa
(m)
inferiore
a 30
compresa
tra 30 e 40

P.F.

* per piano cabina standard


** dimensioni grezzo porte e vano NON valide
per soluzioni con porte tagliafuoco

2000

GREZZO H 2170 (**)

CORSA (max 40 m)

P.F. Piano Finito

FOSSA

P.F.

TERRAPIENO

PA RT N E R S H I P

SOLUZIONI ELETTRICHE
SENZA LOCALE MACCHINE

Elevatori per

Nuovi Edifici Residenziali


Carichi:
Lesatta ubicazione dei
carichi rilevabile dal
progetto di installazione

(kg)

Max. carico dinamico


in fondo fossa
(daN)

500

4200

Portata

Spinta sulle guide


S1X
S2Y
(daN)
(daN)
70

270

Distanza
ancoraggi
(mm)
1650

S2
y
y

S2

S1

I dati sopra riportati sono puramente indicativi. I valori esatti sono rilevabili dal progetto dellimpianto.

PA RT N E R S H I P

SPINTA SULLE GUIDA

Note Importanti:
Ventilazione del vano corsa
Il vano di corsa deve essere convenientemente ventilato. Esso non deve essere utilizzato per assicurare laerazione
di locali estranei al servizio degli ascensori. In mancanza di relative norme o regolamenti, si raccomandano aperture
di ventilazione alla sommit del vano con area non minore dell1% della sezione orizzontale del vano di corsa.
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF le aperture verso lesterno per
lo scarico di eventuali fumi devono essere concordate dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF
e comunicate a CEAM al pi tardi alla consegna dei disegni approvati.
Resistenza al fuoco delle porte di piano
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF, il grado di resistenza al fuoco
delle porte di piano deve essere concordato dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF e comunicate
a CEAM allatto dellordine dellimpianto.
Per i riferimenti legislativi sulla normativa Antincendio vedi appendice.

2D - 02

SOLUZIONI ELETTRICHE
SENZA LOCALE MACCHINE

Elevatori per

PA RT N E R S H I P

Nuovi Edifici Residenziali

Informazioni generali:
Riferimenti legislativi:
- Legge n.13 del 09/01/1989
- Norme Armonizzate UNI EN 81-1/99
- Decreto Ministeriale 16 maggio 1987, n. 246 - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

Emissione

Scheda

480
500
480
500

6
6
6
6

telescopica
telescopica
centrale
centrale

1
2 opposti
1
2 opposti

Marzo 06

2D-02

Edifici Residenziali

PORTATA 500 kg
6 PERSONE
2 ACCESSI OPPOSTI

PORTATA 480 kg
6 PERSONE
1 ACCESSO

VANO 1500
420

VANO 1500

GREZZO 1080 x H 2170


800 x H 2000

950
950

1300

VANO 1840

1300

VANO 1650

PIANTA VANO CORSA

Soluzioni elettriche senza locale macchine


Nuovi
Elevatori per

800 x H 2000
420

800 x H 2000

GREZZO 1080 x H 2170


420

PORTATA 500 kg
6 PERSONE
2 ACCESSI OPPOSTI

PORTATA 480 kg
6 PERSONE
1 ACCESSO

VANO 1780
350

VANO 1780

GREZZO 1080 x H 2170


800 x H 2000

950

350

1300

VANO 1660

1300

VANO 1550

950

800 x H 2000
350

GREZZO 1080 x H 2170

800 x H 2000

GREZZO 1080 x H 2170

350

350

GREZZO 1080 x H 2170

350

100

scasso nel pavimento per


passaggio cavi, solo allultima
fermata in alto
215 200

200

FILO
INTERNO
VANO

PARTICOLARE PORTA ALLULTIMA FERMATA IN ALTO

PA RT N E R S H I P

100

MIN.200

100
105

800 x H 2000
GREZZO 1395 x H 2170
VANO 1500

- Le dimensioni vano NON SONO valide per le soluzioni con porte tagliafuoco

SEZIONE VERTICALE

2D - 02

Altezza Interno
Cabina (mm)

Testata
(mm)

2200
2100
2020

3600
3500
3420

Interpiano minimo tra due accessi


opposti o adiacenti = 250 mm
GREZZO H 2170 (**)

Portata / Persone Velocit


(m/s)
2000

TESTATA

VENTILAZIONE (vedi nota)

480 / 6
500 / 6

0,5

Fossa*
(mm)
1180

* per piano cabina standard

P.F.

** dimensioni grezzo porte e vano NON


valide per soluzioni con porte tagliafuoco
P.F. Piano Finito

2000

GREZZO H 2170 (**)

CORSA (max 18 m)

La velocit nominale dell'impianto


m/s 0,5 / 0,8

FOSSA

P.F.

TERRAPIENO

PA RT N E R S H I P

SOLUZIONI ELETTRICHE
SENZA LOCALE MACCHINE

Elevatori per

Nuovi Edifici Residenziali


Carichi:
Lesatta ubicazione dei
carichi rilevabile dal
progetto di installazione

(kg)

Max. carico dinamico


in fondo fossa
(daN)

500

4200

Portata

Spinta sulle guide


S1X
S2Y
(daN)
(daN)
70

270

Distanza
ancoraggi
(mm)
1650

S2
y
y

S2

S1

I dati sopra riportati sono puramente indicativi. I valori esatti sono rilevabili dal progetto dellimpianto.

PA RT N E R S H I P

SPINTA SULLE GUIDA

Note Importanti:
Ventilazione del vano corsa
Il vano di corsa deve essere convenientemente ventilato. Esso non deve essere utilizzato per assicurare laerazione
di locali estranei al servizio degli ascensori. In mancanza di relative norme o regolamenti, si raccomandano aperture
di ventilazione alla sommit del vano con area non minore dell1% della sezione orizzontale del vano di corsa.
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF le aperture verso lesterno per
lo scarico di eventuali fumi devono essere concordate dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF
e comunicate a CEAM al pi tardi alla consegna dei disegni approvati.
Resistenza al fuoco delle porte di piano
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF, il grado di resistenza al fuoco
delle porte di piano deve essere concordato dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF e comunicate
a CEAM allatto dellordine dellimpianto.
Per i riferimenti legislativi sulla normativa Antincendio vedi appendice.

3D - 01

SOLUZIONI ELETTRICHE
SENZA LOCALE MACCHINE

Elevatori per

PA RT N E R S H I P

Nuovi Edifici
Non Residenziali

Informazioni generali:
Riferimenti legislativi:
- Legge n13 del 09/01/1989 attuata dal D.M. 236 del 14/06/1989
- Norme Armonizzate UNI EN 81-1/99
- D.M. n246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendi per edifici di civile abitazione
- D.P.R. n503 del 24/07/1996

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

Emissione

Scheda

630
640
630
640

8
8
8
8

telescopica
telescopica
centrale
centrale

1
2 opposti
1
2 opposti

Luglio 05

3D-01

Edifici Non Residenziali

PORTATA 640 kg
8 PERSONE
2 ACCESSI OPPOSTI

PORTATA 630 kg
8 PERSONE
1 ACCESSO

VANO 1650
410

800 x H 2000

1100

1400

1400

VANO 1940

1100

800 x H 2000
410

800 x H 2000

GREZZO 1080 x H 2170

160

410

PORTATA 640 kg
8 PERSONE
2 ACCESSI OPPOSTI

PORTATA 630 kg
8 PERSONE
1 ACCESSO

GREZZO 1080 x H 2170

160

VANO 1780
350

GREZZO 1080 x H 2170

350

800 x H 2000

VANO 1780

1100

1400

VANO 1760

1400

VANO 1650

1100

800 x H 2000
350

160

GREZZO 1080 x H 2170

VANO 1650

VANO 1750

PIANTA VANO CORSA

Soluzioni elettriche senza locale macchine


Nuovi
Elevatori per

800 x H 2000

GREZZO 1080 x H 2170

350

350

GREZZO 1080 x H 2170

350

100

scasso nel pavimento per


passaggio cavi, solo allultima
fermata in alto
215 200

200

FILO
INTERNO
VANO

PARTICOLARE PORTA ALLULTIMA FERMATA IN ALTO

PA RT N E R S H I P

100

MIN.200

100
95

800 x H 2000
GREZZO 1395 x H 2170

160

VANO 1650

- Le dimensioni vano NON SONO valide per le soluzioni con porte tagliafuoco

3D - 01
SEZIONE VERTICALE

VENTILAZIONE (ved. nota)

Testata
(mm)
3600
3500
3420

2200
2100
2020

Interpiano minimo tra due accessi


opposti o adiacenti = 250 mm

2000

GREZZO H 2170 (**)

TESTATA

Altezza Interno
Cabina (mm)

Portata / Persone

630 / 8
640 / 8

Velocit
(m/s)

Fossa*
(mm)
1180

P.F.

1500

Corsa
(m)
inferiore
a 30
compresa
tra 30 e 40

* per piano cabina standard


** dimensioni grezzo porte e vano NON valide
per soluzioni con porte tagliafuoco

2000

GREZZO H 2170 (**)

CORSA (MAX 40 m)

P.F. Piano Finito

FOSSA

P.F.

TERRAPIENO
PA RT N E R S H I P

SOLUZIONI ELETTRICHE
SENZA LOCALE MACCHINE

Elevatori per

Nuovi Edifici Non Residenziali


Carichi:
Lesatta ubicazione dei
carichi rilevabile dal
progetto di installazione

(kg)

Max. carico dinamico


in fondo fossa
(daN)

640

5200

Portata

Spinta sulle guide


S1X
S2Y
(daN)
(daN)
90

380

Distanza
ancoraggi
(mm)
1650

S2
y
y

S2

S1

I dati sopra riportati sono puramente indicativi. I valori esatti sono rilevabili dal progetto dellimpianto.

PA RT N E R S H I P

SPINTA SULLE GUIDA

Note Importanti:
Ventilazione del vano corsa
Il vano di corsa deve essere convenientemente ventilato. Esso non deve essere utilizzato per assicurare laerazione
di locali estranei al servizio degli ascensori. In mancanza di relative norme o regolamenti, si raccomandano aperture
di ventilazione alla sommit del vano con area non minore dell1% della sezione orizzontale del vano di corsa.
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF le aperture verso lesterno per
lo scarico di eventuali fumi devono essere concordate dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF
e comunicate a CEAM al pi tardi alla consegna dei disegni approvati.
Resistenza al fuoco delle porte di piano
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF, il grado di resistenza al fuoco
delle porte di piano deve essere concordato dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF e comunicate
a CEAM allatto dellordine dellimpianto.
Per i riferimenti legislativi sulla normativa Antincendio vedi appendice.

3D - 01

SOLUZIONI ELETTRICHE
SENZA LOCALE MACCHINE

Elevatori per

PA RT N E R S H I P

Nuovi Edifici
Non Residenziali

Informazioni generali:
Riferimenti legislativi:
- Legge n13 del 09/01/1989 attuata dal D.M. 236 del 14/06/1989
- Norme Armonizzate UNI EN 81-1/99
- D.M. n246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendi per edifici di civile abitazione
- D.P.R. n503 del 24/07/1996

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

Emissione

Scheda

630
640
630
640

8
8
8
8

telescopica
telescopica
centrale
centrale

1
2 opposti
1
2 opposti

Marzo 06

3D-02

4D - 01

SOLUZIONI ELETTRICHE
SENZA LOCALE MACCHINE

Elevatori per

PA RT N E R S H I P

Regione Lombardia

Informazioni generali:
Riferimenti legislativi:
- Legge n6 del 20/02/1989
- Norme Armonizzate UNI EN 81-1/99
- D.M. n246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendi per edifici di civile abitazione

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

Emissione

Scheda

480
500
480
500

6
6
6
6

telescopica
telescopica
centrale
centrale

1
2 opposti
1
2 opposti

Luglio 05

4D-01

Regione Lombardia
VANO 1500

PORTATA 500 kg
6 PERSONE
2 ACCESSI OPPOSTI

PORTATA 480 kg
6 PERSONE
1 ACCESSO

370

GREZZO 1130 x H 2170


850 x H 2000

VANO 1500

950

1300

1300

VANO 1840

950

VANO 1650

PIANTA VANO CORSA

Soluzioni elettriche senza locale macchine


Elevatori per

850 x H 2000
370

850 x H 2000

GREZZO 1130 x H 2170

370

PORTATA 500 kg
6 PERSONE
2 ACCESSI OPPOSTI

PORTATA 480 kg
6 PERSONE
1 ACCESSO

GREZZO 1130 x H 2170

VANO 1850
360

GREZZO 1130 x H 2170


850 x H 2000

VANO 1850

950

1300

VANO 1660

1300

VANO 1550

950

850 x H 2000

850 x H 2000
360

360

GREZZO 1130 x H 2170

360

360

GREZZO 1130 x H 2170

360

175 200

100

scasso nel pavimento per


passaggio cavi, solo allultima
fermata in alto

200

FILO
INTERNO
VANO

PARTICOLARE PORTA ALLULTIMA FERMATA IN ALTO

PA RT N E R S H I P

100

MIN.200

100
55

850 x H 2000
GREZZO 1445 x H 2170
VANO 1500

- Le dimensioni vano NON SONO valide per le soluzioni con porte tagliafuoco

4D - 01
SEZIONE VERTICALE

VENTILAZIONE (ved. nota)

Altezza Interno
Cabina (mm)

3600
3500
3420

2200
2100
2020

Interpiano minimo tra due accessi


opposti o adiacenti = 250 mm

2000

GREZZO H 2170 (**)

TESTATA

Testata
(mm)

Portata / Persone

480 / 6
500 / 6

Velocit
(m/s)

Fossa*
(mm)
1180

P.F.

1500

Corsa
(m)
inferiore
a 30
compresa
tra 30 e 40

* per piano cabina standard


** dimensioni grezzo porte e vano NON valide
per soluzioni con porte tagliafuoco

2000

GREZZO H 2170 (**)

CORSA (MAX 40 m)

P.F. Piano Finito

FOSSA

P.F.

TERRAPIENO
PA RT N E R S H I P

SOLUZIONI ELETTRICHE
SENZA LOCALE MACCHINE

Elevatori per

Regione Lombardia
Carichi:
Lesatta ubicazione dei
carichi rilevabile dal
progetto di installazione

(kg)

Max. carico dinamico


in fondo fossa
(daN)

500

4200

Portata

Spinta sulle guide


S1X
S2Y
(daN)
(daN)
70

270

Distanza
ancoraggi
(mm)
1650

S2
y
x

S2

S1

I dati sopra riportati sono puramente indicativi. I valori esatti sono rilevabili dal progetto dellimpianto.

PA RT N E R S H I P

SPINTA SULLE GUIDA

Note Importanti:
Ventilazione del vano corsa
Il vano di corsa deve essere convenientemente ventilato. Esso non deve essere utilizzato per assicurare laerazione
di locali estranei al servizio degli ascensori. In mancanza di relative norme o regolamenti, si raccomandano aperture
di ventilazione alla sommit del vano con area non minore dell1% della sezione orizzontale del vano di corsa.
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF le aperture verso lesterno per
lo scarico di eventuali fumi devono essere concordate dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF
e comunicate a CEAM al pi tardi alla consegna dei disegni approvati.
Resistenza al fuoco delle porte di piano
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF, il grado di resistenza al fuoco
delle porte di piano deve essere concordato dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF e comunicate
a CEAM allatto dellordine dellimpianto.
Per i riferimenti legislativi sulla normativa Antincendio vedi appendice.

4D - 02

SOLUZIONI ELETTRICHE
SENZA LOCALE MACCHINE

Elevatori per

PA RT N E R S H I P

Regione Lombardia

Informazioni generali:
Riferimenti legislativi:
- Legge n13 del 09/01/1989 attuata dal D.M. 236 del 14/06/1989
- Norme Armonizzate UNI EN 81-1/99
- D.M. n246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendi per edifici di civile abitazione
- D.P.R. n503 del 24/07/1996

Portata (kg)

Persone

Apertura porte

Accessi

Emissione

Scheda

480
500
480
500

6
6
6
6

telescopica
telescopica
centrale
centrale

1
2 opposti
1
2 opposti

Marzo 06

4D-02

Regione Lombardia
VANO 1500

PORTATA 500 kg
6 PERSONE
2 ACCESSI OPPOSTI

PORTATA 480 kg
6 PERSONE
1 ACCESSO

370

GREZZO 1130 x H 2170


850 x H 2000

VANO 1500

950

1300

1300

VANO 1840

950

VANO 1650

PIANTA VANO CORSA

Soluzioni elettriche senza locale macchine


Elevatori per

850 x H 2000
370

850 x H 2000

GREZZO 1130 x H 2170

PORTATA 480 kg
6 PERSONE
1 ACCESSO

370

PORTATA 500 kg
6 PERSONE
2 ACCESSI OPPOSTI

VANO 1850
360

VANO 1850

GREZZO 1130 x H 2170

360

850 x H 2000

950

1300

VANO 1660

1300

VANO 1550

950

850 x H 2000
360

GREZZO 1130 x H 2170

850 x H 2000

GREZZO 1130 x H 2170

360

360

GREZZO 1130 x H 2170

360

100

scasso nel pavimento per


passaggio cavi, solo allultima
fermata in alto

175 200

200

FILO
INTERNO
VANO

PARTICOLARE PORTA ALLULTIMA FERMATA IN ALTO

PA RT N E R S H I P

100

MIN.200

100
55

850 x H 2000
GREZZO 1445 x H 2170
VANO 1500

- Le dimensioni vano NON SONO valide per le soluzioni con porte tagliafuoco

4D - 02

Altezza Interno
Cabina (mm)

Testata
(mm)

2200
2100
2020

3600
3500
3420

Interpiano minimo tra due accessi


opposti o adiacenti = 250 mm

2000

GREZZO H 2170 (**)

TES

TATA

SEZIONE VERTICALE

VENTILAZIONE (ved. nota)

Portata / Persone Velocit


(m/s)
480 / 6
500 / 6

0,5

Fossa*
(mm)
1180

* per piano cabina standard


P.F.

** dimensioni grezzo porte e vano NON


valide per soluzioni con porte tagliafuoco
P.F. Piano Finito

2000

GREZZO H 2170 (**)

CORSA (MAX 18 m)

La velocit nominale dell'impianto


m/s 0,5; velocit massima m/s 0,8

FOSSA

P.F.

TERRAPIENO
PA RT N E R S H I P

SOLUZIONI ELETTRICHE
SENZA LOCALE MACCHINE

Elevatori per

Regione Lombardia
Carichi:
Lesatta ubicazione dei
carichi rilevabile dal
progetto di installazione

(kg)

Max. carico dinamico


in fondo fossa
(daN)

500

4200

Portata

Spinta sulle guide


S1X
S2Y
(daN)
(daN)
70

270

Distanza
ancoraggi
(mm)
1650

S2
y
y

S2

S1

I dati sopra riportati sono puramente indicativi. I valori esatti sono rilevabili dal progetto dellimpianto.

P A RT N E R S H I P

SPINTA SULLE GUIDA

Note Importanti:
Ventilazione del vano corsa
Il vano di corsa deve essere convenientemente ventilato. Esso non deve essere utilizzato per assicurare laerazione
di locali estranei al servizio degli ascensori. In mancanza di relative norme o regolamenti, si raccomandano aperture
di ventilazione alla sommit del vano con area non minore dell1% della sezione orizzontale del vano di corsa.
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF le aperture verso lesterno per
lo scarico di eventuali fumi devono essere concordate dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF
e comunicate a CEAM al pi tardi alla consegna dei disegni approvati.
Resistenza al fuoco delle porte di piano
Se il vano di corsa si trova in una parte delledificio soggetto a nulla osta dei VVFF, il grado di resistenza al fuoco
delle porte di piano deve essere concordato dal Progettista delledificio con il locale Comando dei VVFF e comunicate
a CEAM allatto dellordine dellimpianto.
Per i riferimenti legislativi sulla normativa Antincendio vedi appendice.

1E - 01

SOLUZIONI IDRAULICHE

PA RT N E R S H I P

Piattaforme Elevatrici

Informazioni generali:
Riferimenti legislativi:
- Legge n13 del 09/01/1989 attuata dal D.M. 236 del 14/06/1989
- Direttiva Macchine 98/37/CE

Portata (kg)

Persone

250 - MINI
250 - SMALL
250 - SMALL
320 - MEDIUM
320 - MEDIUM
320 - LARGE
320 - LARGE
320 - LARGE

2
2
2
3 (*)
3 (*)
3 (*)
3 (*)
3 (*)

Tipo Vano

Accessi

Emissione

Scheda

Cemento
Armato
o
Muratura

1
1
2 opposti
1
2 opposti
1
2 opposti
2 adiacenti

Luglio 05

1E-01

(*) Capienza max n3 persone, oppure n1 persona + n1 persona con carrozzina

PIANTA VANO CORSA

Soluzioni idrauliche
Piattaforme Elevatrici

Mini Lift

PORTATA 250 kg
1 ACCESSO

PORTATA 250 kg
1 ACCESSO

MOD. MINI

MOD. SMALL

VANO 910

VANO 1040

630

780

VANO 960

VANO 990

700
780

650 x H 2000

650 x H 2000
130

GREZZO 910 x H 2120

PORTATA 250 kg
2 ACCESSI OPPOSTI

PORTATA 320 kg
1 ACCESSO

MOD. SMALL

MOD. MEDIUM

VANO 1040
130

GREZZO 910 x H 2120

VANO 1140

GREZZO 910 x H 2120


650 x H 2000

1200

VANO 1375

780

VANO 980

700

800

650 x H 2000
130

GREZZO 910 x H 2120

750 x H 2000
130

PA RT N E R S H I P

GREZZO 1010 x H 2120

- Le dimensioni vano NON SONO valide per le soluzioni con porte tagliafuoco

PIANTA VANO CORSA

1E - 01
PORTATA 320 kg
2 ACCESSI OPPOSTI

PORTATA 320 kg
1 ACCESSO

MOD. MEDIUM

MOD. LARGE

VANO 1140
130

GREZZO 1010 x H 2120


VANO 1280

1300

VANO 1470

1200

VANO 1400

750 x H 2000

800

950

750 x H 2000
130

800 x H 2000

GREZZO 1010 x H 2120

190

GREZZO 1090 x H 2120

PORTATA 320 kg
2 ACCESSI OPPOSTI

PORTATA 320 kg
2 ACCESSI ADIACENTI

MOD. LARGE

MOD. LARGE

VANO 1280
190

GREZZO 1090 x H 2120


VANO 1560

800 x H 2000

1200

VANO 1370

1300

VANO 1500

1200

GREZZO 1080 x H 2120

130

800 x H 2000

160

950

800 x H 2000
800 x H 2000
190

320

GREZZO 1080 x H 2120

160

GREZZO 1090 x H 2120

PA RT N E R S H I P

Modello

Portata / Persone

Mini
Small
Medium
Large

250 / 2
250 / 2
320 / 3 *
320 / 3 *

Fossa Min.
Fossa Min.
per piano cabina standard per piano cabina speciale
(mm)
(mm)

2000

GREZZO H 2120 (**)

TESTATA

SEZIONE VERTICALE

SOLUZIONI IDRAULICHE

130

145

Testata
(mm)
STD = 2500

* Capienza max n 3 persone, oppure n 1 persona + n 1


persona portatrice di handicap motorio (con carrozzina)

2000

GREZZO H 2120 (**)

CORSA (MAX 10 m)

N.B. nel caso di impianto in struttura prevedere il fissaggio


della struttura stessa all'edificio sul lato guide e su almeno
un altro lato, con un passo vericale di max 3 m

FOSSA

PA RT N E R S H I P

** Dimensioni grezzo porte NON valide per soluzioni con


porte tagliafuoco

TERRAPIENO

Piattaforme Elevatrici

Mini Lift

Carichi:
Lesatta ubicazione dei
carichi rilevabile dal
progetto di installazione

S2

Portata

y
S2

S1

(kg)

SPINTA SULLE GUIDA

250
320

Max. carico dinamico Carico statico Spinta sulle guide


in fondo fossa
centralina
S1X
S2Y
(daN)
(daN)
(daN)
(daN)
840
1150

300
300

80
90

230
450

Distanza
ancoraggi
(mm)
1700
1400

I dati sopra riportati sono puramente indicativi. I valori esatti sono rilevabili dal progetto dellimpianto.

1E - 02

SOLUZIONI IDRAULICHE

PA RT N E R S H I P

Piattaforme Elevatrici

Informazioni generali:
Riferimenti legislativi:
- Legge n13 del 09/01/1989 attuata dal D.M. 236 del 14/06/1989
- Direttiva Macchine 98/37/CE

Portata (kg)

Persone

250 - MINI
250 - SMALL
250 - SMALL
320 - MEDIUM
320 - MEDIUM
320 - LARGE
320 - LARGE
320 - LARGE

2
2
2
3 (*)
3 (*)
3 (*)
3 (*)
3 (*)

Tipo Vano

Accessi

Emissione

Scheda

Struttura
Metallica

1
1
2 opposti
1
2 opposti
1
2 opposti
2 adiacenti

Luglio 05

1E-02

(*) Capienza max n3 persone, oppure n1 persona + n1 persona con carrozzina

Mini Lift

PORTATA 250 kg
1 ACCESSO

PORTATA 250 kg
1 ACCESSO

MOD. MINI

MOD. SMALL
ESTERNO STRUTTURA 1132

INTERNO STRUTTURA 895

INTERNO STRUTTURA 1032

650 x H 2000
2.5

700

780

630

780

INTERNO STRUTTURA 955

ESTERNO STRUTTURA 995

ESTERNO STRUTTURA 1055

INTERNO STRUTTURA 990

ESTERNO STRUTTURA 1090

PIANTA VANO CORSA

Soluzioni idrauliche
Piattaforme Elevatrici

89

PORTALE 890 x H 2100

2.5

650 x H 2000
1

PORTALE 890 x H 2100

PORTATA 250 kg
2 ACCESSI OPPOSTI

PORTATA 320 kg
1 ACCESSO

MOD. SMALL

MOD. MEDIUM

ESTERNO STRUTTURA 1132


INTERNO STRUTTURA 1032
1

PORTALE 890 x H 2100

ESTERNO STRUTTURA 1232


2

INTERNO STRUTTURA 1132

650 x H 2000

89

650 x H 2000
1

PORTALE 890 x H 2100

1200

INTERNO STRUTTURA 1375

780

700

89

PA RT N E R S H I P

ESTERNO STRUTTURA 1475

INTERNO STRUTTURA 980

ESTERNO STRUTTURA 1080

800

89
2

750 x H 2000
1

PORTALE 990 x H 2100

- Le dimensioni vano NON SONO valide per le soluzioni con porte tagliafuoco

PIANTA VANO CORSA

1E - 02
PORTATA 320 kg
2 ACCESSI OPPOSTI

PORTATA 320 kg
1 ACCESSO

MOD. MEDIUM

MOD. LARGE

ESTERNO STRUTTURA 1232

ESTERNO STRUTTURA 1392

INTERNO STRUTTURA 1132


1

PORTALE 990 x H 2100

INTERNO STRUTTURA 1292

750 x H 2000

89

1300

INTERNO STRUTTURA 1475

ESTERNO STRUTTURA 1575

1200

INTERNO STRUTTURA 1400

ESTERNO STRUTTURA 1500

950

800

89

179

750 x H 2000
1

PORTALE 990 x H 2100

800 x H 2000
PORTALE 1040 x H 2100

PORTATA 320 kg
2 ACCESSI OPPOSTI

PORTATA 320 kg
2 ACCESSI ADIACENTI

MOD. LARGE

MOD. LARGE

ESTERNO STRUTTURA 1392


INTERNO STRUTTURA 1292
PORTALE 1040 x H 2100

ESTERNO STRUTTURA 1660

800 x H 2000

114

INTERNO STRUTTURA 1560

179

800 x H 2000

PORTALE 1040 x H 2100


1
144

1200

ESTERNO STRUTTURA 1470

1300

INTERNO STRUTTURA 1500

ESTERNO STRUTTURA 1600

INTERNO STRUTTURA 1370

1200

950

800 x H 2000

179
1

800 x H 2000
PORTALE 1040 x H 2100

1
304

PORTALE 1040 x H 2100

1
144

PA RT N E R S H I P

Modello

Portata / Persone

Mini
Small
Medium
Large

250 / 2
250 / 2
320 / 3 *
320 / 3 *

Fossa Min.
Fossa Min.
per piano cabina standard per piano cabina speciale
(mm)
(mm)

2000

GREZZO H 2120 (**)

TESTATA

SEZIONE VERTICALE

SOLUZIONI IDRAULICHE

130

145

Testata
(mm)
STD = 2500

* Capienza max n 3 persone, oppure n 1 persona + n 1


persona portatrice di handicap motorio (con carrozzina)

2000

GREZZO H 2120 (**)

CORSA (MAX 10 m)

N.B. nel caso di impianto in struttura prevedere il fissaggio


della struttura stessa all'edificio sul lato guide e su almeno
un altro lato, con un passo vericale di max 3 m

FOSSA

PA RT N E R S H I P

** Dimensioni grezzo porte NON valide per soluzioni con


porte tagliafuoco

TERRAPIENO

Piattaforme Elevatrici

Mini Lift

Carichi:
Lesatta ubicazione dei
carichi rilevabile dal
progetto di installazione
y
S2

Portata
(kg)
L

y
S2

S1

SPINTA SULLE GUIDA

250
320

Max. carico dinamico Carico statico Spinta sulle guide


in fondo fossa
centralina
S1X
S2Y
(daN)
(daN)
(daN)
(daN)
840
1150

300
300

80
90

230
450

Distanza
ancoraggi
(mm)
1470
1470

I dati sopra riportati sono puramente indicativi. I valori esatti sono rilevabili dal progetto dellimpianto.

NORME DI PREVENZIONE INCENDI PER ASCENSORI


Di seguito viene riportato un elenco delle principali norme di prevenzione incendi che regolano, o
comunque condizionano, la progettazione degli edifici e degli ascensori soggetti a nulla osta dei VVFF .
- Circolare n. 32 del 26 marzo 1965 del Ministero dellInterno- Direzione Generale della Protezione Civile
e dei servizi antincendi: Norme per Ascensori e Montacarichi in servizio privato. Protezione Antincendio.
- D.P.R. 29 maggio 1963, n. 1497- Ascensori e Montacarichi in servizio privato. Ai fini della prevenzione
incendi si applica quanto riportato nellarticolo 9. Valido anche per edifici industriali.
- Circolare n. 75 - 3 LUGLIO 1967 del Ministero dellInterno - Direzione Generale della Protezione Civile
e dei servizi antincendi. - Criteri di prevenzione incendi per grandi magazzini, empori, ecc ....
- Lettera Circolare n. 16512/4135 del 25 Luglio 1979 del Ministero dellInterno- Direzione Generale della
Protezione Civile e dei servizi antincendi. D.P.R. 29 maggio 1963, n. 1497, art 9 Chiarimenti.
- Lettera Circolare n.1093/4135 del 17 gennaio 1981 del Ministero dellInterno- Direzione Generale della
Protezione Civile e dei servizi antincendi. Norme per gli ascensori e montacarichi in servizio privato
Art. 9 del D.P.R. 29 maggio 1963, n. 1497- Chiarimenti.
- Circolare n. 8351/4122 del 31 Marzo 1992 del Ministero dellInterno- Direzione Generale della
Protezione Civile e dei servizi antincendi. - Attivit Ospedaliere esistenti.
- Decreto Ministeriale 26 agosto 1992 - Norme di prevenzione incendi per ledilizia scolastica (pubblicato
sulla Gazzetta Ufficiale n.218 del 16 settembre 1992).
- D.P.R. 418 - 30 GIUGNO 1995 - Regolamento concernente norme di sicurezza antincendio per gli
edifici di interesse storico - artistico destinati a biblioteche ed archivi (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale
n. 235 del 7 ottobre 1995).
- Decreto Ministeriale 19 agosto 1996 - Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la
progettazione, costruzione ed esercizio dei locali di intrattenimento e di pubblico spettacolo (pubblicato
sul S.O. n. 149 alla Gazzetta Ufficiale n. 214 del 12 settembre 1996).
- Decreto Ministeriale 18/09/2002 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la
progettazione, la costruzione e l'esercizio delle strutture sanitarie pubbliche e private (pubblicato sulla
Gazzetta Ufficiale n. 227 del 27 settembre 2002 ).
- Decreto 15 Settembre 2005 "Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per i vani degli
impianti di sollevamento ubicati nelle attivit soggette ai controlli di prevenzione incendi. (GU n. 232 del
5-10-2005).
- Decreto Ministeriale 22/02/2006 Regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la
costruzione e lesercizio di edifici e/o locali destinati ad uffici con oltre 25 persone presenti. (GU n. 51 del
2-03-2006).
Per ulteriori informazioni contattate la nostra struttura.

PA RT N E R S H I P

PA RT N E R S H I P

NOTE

21 Marzo 2006

www.ceampartnerships.com
www.ceampartnerships.com