Sei sulla pagina 1di 51

Capitolo 1

Disoccupazione, Inflazione, Domanda e Offerta aggregata

I. LINFLAZIONE

In economia il termine inflazione indica un generale e continuo aumento dei prezzi di


beni e servizi in un dato periodo di tempo che genera una diminuzione del potere
dacquisto della moneta. Con linnalzamento dei prezzi, ogni unit monetaria potr
comprare meno beni e servizi, conseguentemente linflazione anche unerosione del
potere dacquisto.
Linflazione pu avere diverse cause, e non c completo accordo su quale sia quella che
influisce di pi. Laumento dellofferta di moneta superiore allaumento della produzione
di beni e servizi, stimolando la domanda di beni e servizi e gli investimenti in assenza di
un corrispondente aumento dellofferta considerata una causa dellaumento dei prezzi.
Secondo John Maynard Keynes linflazione dipende dalla domanda, che per pu
crescere a prescindere dalla quantit di moneta immessa se ci si trova in una situazione di
piena occupazione, in cui quindi la domanda cresce per la crescita dei salari.
Altre cause sono laumento dei prezzi dei beni importati, laumento del costo dei fattori
produttivi e dei beni intermedi, in seguito allaumento della domanda o per altre ragioni.
Laumento del livello generale dei prezzi determina una perdita di potere dacquisto della
moneta: con la stessa quantit di denaro si pu cio acquistare una minore quantit di beni
e servizi. A titolo esemplificativo, 1 lira italiana del 1861 (la lira coniata al momento della
proclamazione del Regno dItalia) equivale ad oltre 6 000 lire del 1999, ad oltre
3 euro del 2006 e 5,17 del 2012.
Linflazione ha effetti positivi e negativi. Lattuale Economia Mainstream considera una
quantit moderata di inflazione positiva. Ad esempio, la banca centrale Europea si pone
come obiettivo uninflazione che non superi il 2%. Olivier Blanchard, capo economista
del Fondo Monetario Internazionale, ritiene che questo limite possa essere innalzato al
4% per garantire alla banca centrale pi margine dazione in caso di crisi.
Non mancano scuole di pensiero economico che ritengano opportuna anche uninflazione
pi alta almeno in talune situazioni, o altre che la ritengono in assoluto negativa.
Liperinflazione invece unanimemente considerata in modo negativo.
Linflazione comporta la perdita di valore del denaro accumulato, e uninflazione
imprevista comporta un trasferimento di ricchezza vantaggioso per i soggetti in posizione
debitoria e svantaggioso per i soggetti in posizione creditoria. Ad esempio, unimpresa od
un singolo cittadino che abbia contratto un debito a tasso dinteresse nominale fisso

avvantaggiato da un aumento imprevisto dellinflazione, se ad essa corrisponde anche un


aumento nominale delle sue entrate.
Avviene il contrario per la banca che ha concesso il mutuo, che ottiene indietro del
denaro con un valore inferiore a quanto preventivato, oppure per unimpresa o un
cittadino che abbia acquistato dei titoli di debito (ad esempio dei titoli di stato) che
offrono un interesse reale minore di quello preventivato. Qualora invece linflazione sia
stabile il creditore ne tiene conto nel momento in cui concede il prestito, includendo il
recupero dellinflazione nel tasso dinteresse nominale, in modo da avere un tasso
dinteresse reale (al netto dellinflazione) positivo.
Lincremento del livello generale dei prezzi espresso in termini percentuali il tasso
dinflazione.
Lopposto dellinflazione, cio la diminuzione continuativa del livello generale dei
prezzi, prende il nome di deflazione.

Grandezze reali e grandezze nominali


La maggior parte degli economisti ritiene il PIL una misura appropriata del benessere
materiale prodotto in un dato territorio economico durante un determinato lasso di tempo.
Tuttavia, se il PIL viene definito come il valore di mercato di tutti i beni e servizi finali
prodotti in un dato periodo di tempo in un dato territorio economico, evidente che le
sue variazioni nel tempo possono corrispondere a:

una variazione nelle quantit di beni e servizi finali prodotti e venduti

una variazione dei prezzi (o valori unitari) di questi beni e servizi finali.

Le variazioni del primo tipo, definite variazioni in termini reali del PIL, sono quelle che
ci informano a proposito della capacit di una data economia di fornire benessere
materiale. Invece, le variazioni dei prezzi di beni e servizi, soprattutto se hanno carattere
generalizzato, rappresentano il fenomeno dellinflazione, che nulla ha a che fare con
variazioni del benessere materiale.
In altre parole, noi definiamo il PIL come il valore di mercato di tutti i beni e servizi
finali, o come la somma di tutte le spese in beni e servizi finali, poich vogliamo
utilizzare il prezzo (valore unitario di mercato) dei vari beni e servizi come unit di
misura comune di beni e servizi altrimenti eterogenei tra di loro (per esempio, grano e
latte). Tuttavia, questo concetto di PIL, definito PIL nominale, risente dellevoluzione
sia dei prezzi che delle quantit. Il problema che si pone a statistici ed economisti di
scindere le variazioni del PIL nominale in quelle del cosiddetto PIL reale, che riflette
3

unicamente levoluzione nel tempo delle quantit, e in quelle del cosiddetto livello
generale dei prezzi, le cui variazioni individuano linflazione.
Per poter misurare il PIL reale, bisogna utilizzare dei prezzi (valori unitari di mercato)
costanti nel tempo. Immaginiamo di essere nel paese di Agrolandia, la cui economia
produce solo grano e latte. Conosciamo quantit e prezzi di questi beni negli anni 2007,
2008 e 2009, e vogliamo misurare il PIL nominale e reale di Agrolandia in questi anni.

Esempio 1
ANNO
2007
2008
2009

Informazioni di base: quantit (Q) e prezzi (P) dei beni


Q di grano
P del grano in euro (valore
Q di latte P del latte in euro (valore
(quintali)
unitario per quintale)
(litri)
unitario per litro)
150
40
2 000
3
120
50
2 200
4
160
40
2 500
5

Calcolo del PIL nominale (a prezzi correnti)


ANNO
2007
2008
2009

150 q per 40 euro + 2 000 l per 3 euro = 12 000 euro


120 q per 50 euro + 2 200 l per 4 euro = 14 800 euro
160 q per 40 euro + 2 500 l per 5 euro = 18 900 euro

Calcolo del PIL reale (a prezzi costanti del 2007)


ANNO
2007
2008
2009

150 q per 40 euro + 2 000 l per 3 euro = 12 000 euro


120 q per 40 euro + 2 200 l per 3 euro = 11 400 euro
160 q per 40 euro + 2 500 l per 3 euro = 13 900 euro

Nellesempio 1 abbiamo scelto di calcolare il PIL reale, anche detto PIL a prezzi costanti,
utilizzando i prezzi del primo anno, il 2007. Di qui la definizione a prezzi costanti del
2007. Convenzionalmente, definiamo lanno del quale teniamo i prezzi costanti come
periodo base. Si noti che non per nulla necessario che il periodo base sia il primo degli
anni considerati. Limportante che vi sia un periodo i cui prezzi costituiscano ununit
di misura costante nel tempo delle quantit.

I livelli generali dei prezzi: il deflattore del PIL e lindice del costo della vita
Nellesempio 1, si sono calcolate per il paese di Agrolandia misure del PIL nominale e
reale per vari anni. Intuitivamente, chiaro che il rapporto tra PIL nominale e PIL reale
fornir una misura del livello generale dei prezzi, e viene convenzionalmente definito
come il deflattore del PIL.

Esempio 2:
Calcolo del deflattore del PIL
ANNO
2007
2008
2009

12 000 euro / 12 000 euro = 1,000


14 800 euro / 11 400 euro = 1,298
18 900 euro / 13 900 euro = 1,360

Vi sono tuttavia maniere alternative a quella qui sopra esemplificata per tenere conto
dellevoluzione del livello dei prezzi. In effetti, la misura del livello dei prezzi pi
comunemente utilizzata nei nostri paesi, lindice del costo della vita (o indice dei prezzi
al consumo) si basa su un procedimento diverso, di cui si dar conto nellesempio
sottostante.
Si ipotizzi di essere sempre nel paese di Agrolandia; vogliamo ora calcolare, per ognuno
dei tre anni considerati in precedenza, il costo del paniere di beni e servizi consumati dal
consumatore rappresentativo. Si ipotizza cio che, in media, il consumo annuo degli
abitanti di Agrolandia (il loro paniere dei consumi) includa quantit date di grano e latte.
Per esempio, possiamo assumere che questo paniere includa, tutti gli anni, 150 quintali di
grano e 1 800 litri di latte. Ne conseguir che levoluzione nel tempo del costo del paniere
dipender unicamente dallevoluzione dei prezzi di grano e latte.
Quindi, il rapporto:
costo del paniere in un anno qualsiasi
costo del paniere in un anno preso come periodo base

fornir una misura dellevoluzione del livello generale dei prezzi (relativamente al
periodo base).

Esempio 3:
Informazioni di base:
quantit (Q) e prezzi (P) dei beni inclusi nel paniere del consumatore rappresentativo
ANNO
Q di grano
P del grano in euro (valore
Q di latte P del latte in euro (valore
(quintali)
unitario per quintale)
(litri)
unitario per litro)
2007
150
40
1 800
3
2008
150
50
1 800
4
2009
150
40
1 800
5

Calcolo del costo del paniere


ANNO
2007
2008
2009

150 q per 40 euro + 1 800 l per 3 euro =


150 q per 50 euro + 1 800 l per 4 euro =
150 q per 40 euro + 1 800 l per 5 euro =

11 400 euro
14 700 euro
15 000 euro

Calcolo dellindice del costo della vita (il periodo base lanno 2007)
ANNO
2007
2008
2009

(11 400 euro / 11 400 euro) 100 = 100


(14 700 euro / 11 400 euro) 100 = 129
(15 000 euro / 11 400 euro) 100 = 132

Si noti che, seguendo la convenzione in uso, moltiplichiamo per 100 il valore dellindice
in ogni anno. In ogni caso, il numero indice del costo della vita (o dei prezzi al consumo)
d valori leggermente diversi di quelli ottenuti dal deflattore del PIL. Di conseguenza, a
questi numeri indici corrispondono tassi di inflazione (leggermente) diversi.

Come si calcola il tasso di inflazione?


La definizione di tasso di inflazione corrisponde alla variazione percentuale del livello
generale dei prezzi (o di un suo numero indice). In altre parole, il tasso di inflazione del
periodo t, t, equivale al tasso di crescita percentuale dei prezzi:
t = Pt-Pt-1 / Pt-1 = (Pt / Pt-1 ) -1
dove P un qualsiasi numero indice dei prezzi preso nei periodi t e t-1.

Vediamo quindi quali tassi di inflazione possano essere calcolati dal deflattore del PIL e
dallindice del costo della vita.

Esempio:

ANNO
2007
2008
2009

Calcolo del tasso di inflazione


Dal deflattore del PIL
Dallindice del costo della vita
--(1,298-1,000)/1,000 = 0,298
(129-100)/100 = 0,290
(1,360-1,298)/1,298 = 0,048
(132-129)/129 = 0,023

Nel 2007, il tasso di inflazione non pu essere calcolato in quanto non abbiamo a
disposizione dei valori per lindice dei prezzi nel periodo precedente (il periodo t-1 il
1996, per il quale non abbiamo dati). Una seconda importante annotazione relativa a
queste misure che il calcolo dellindice del costo della vita non permette di tenere conto
di cambiamenti nel paniere di consumi del consumatore rappresentativo (che possono
corrispondere allintroduzione di nuovi beni nel paniere, alla modificazione delle quote
assunte nel paniere dai beni gi esistenti, o alla modificazione della qualit dei beni gi
esistenti). Se avvenimenti di questo tipo hanno effettivamente luogo, lindice del costo
6

della vita calcolato come nel testo dar unimmagine distorta dellevoluzione del livello
generale dei prezzi, e quindi del tasso di inflazione.
Comunque, in pratica i due numeri indici non differiscono tanto in ragione della
differente procedura di calcolo, quanto perch essi si riferiscono a due diversi livelli
generali dei prezzi. Lindice del costo della vita si riferisce ai prezzi al consumo, e cio
ai prezzi dei beni e servizi consumati in un dato periodo di tempo in un dato territorio
economico. Il deflattore del PIL si riferisce invece ai prezzi dei beni e servizi finali
prodotti in uneconomia, e cio ai prezzi relativi non solo a consumi, ma anche a
investimenti ed esportazioni nette. Non dunque per nulla strano che i due indici diano
risultati diversi.
In ogni caso, nel grafico qui sotto diamo conto dellevoluzione del tasso di inflazione (per
un indice del costo della vita) calcolato dallIstat per il nostro Paese dal 1956 al 2006.
Come evidente, nel periodo considerato abbiamo perlomeno tre diverse fasi per ci che
concerne landamento del tasso di inflazione. Dai tassi sostanzialmente contenuti degli
anni 50 e 60 (attorno al 3% in media), si passa allinizio degli anni 70 a tassi molto
elevati: il tasso medio del periodo 1970-83 del 12%, uno dei pi alti dei paesi sviluppati
nel periodo considerato. A partire dal 1984 vi un deciso abbassamento del tasso di
inflazione. In particolare, dal 1997 in poi il tasso medio si aggira intorno al 2%.

Figura 1.1 - Tasso di inflazione 1956-2006 (Indice del costo della vita)

II. LA DISOCUPAZIONE

La disoccupazione la condizione di mancanza di un lavoro per una persona in et da


lavoro (da 16 a 60 anni) che lo cerchi attivamente, sia perch ha perso il lavoro che
svolgeva (disoccupato in senso stretto), sia perch in cerca della prima occupazione
(inoccupato). la condizione opposta all'occupazione.
In macroeconomia, il concetto di disoccupazione si pu estendere allintero Stato e sulla
base dei dati raccolti si possono calcolare stime statistiche come il tasso di
disoccupazione.

Alcuni tipi di disoccupazione


Disoccupazione frizionale: indica la condizione di quelli che non hanno unoccupazione,
cio non lavorano. Interessa il breve periodo, per coloro che cercano lavoro per la prima
volta o che stanno cambiando impiego. Ci vuole infatti del tempo per far coincidere le
richieste dei lavoratori con il mercato del lavoro. Il modello di del mercato aggregato
parte dallipotesi che tutti i lavoratori e tutte le occupazioni siano uguali e che ogni
lavoratore sia adatto ad ogni tipo di occupazione; nella realt i lavoratori hanno e
preferenze differenti luno dallaltro. Impiegano del tempo per trovare una nuova
occupazione. Una certa quantit di disoccupazione pertanto inevitabile: con il variare
della domanda di e varia anche la domanda di lavoro per produrre quei beni e quei
servizi. Gli economisti chiamano la variazione nella composizione della domanda di
lavoro tra settori e aree diverse. La disoccupazione frizionale inevitabile nella stessa
misura in cui domanda e offerta sono in evoluzione. Pur ritenendo che il tasso di
frizionale si attesti attorno al 3-4, esistono aree in cui vengono misurati tassi anche
inferiori al 2.
Disoccupazione strutturale: la mancanza di un impiego legata allassenza di
corrispondenza tra domanda e offerta di lavoro. In altre parole, la mancata
corrispondenza tra abilit del lavoratore e richiesta del datore.
Disoccupazione ciclica: la disoccupazione determinata dalle variazioni del ciclo
economico. Il tasso di disoccupazione aumenta quando leconomia in fase di recessione.
Il processo di ricerca di lavoro e la rigidit salariale sono due delle cause per cui il
processo di reperimento del lavoro non istantaneo.
Se la maggior parte della disoccupazione di breve durata, si pu ipotizzare che si tratti
dellinevitabile disoccupazione frizionale. Se la disoccupazione di lunga durata da
8

classificarsi come disoccupazione strutturale. Se ci si pone lobiettivo di abbassare il


tasso naturale di disoccupazione, la politica economica deve tendere a focalizzarsi sulla
disoccupazione a lungo termine, ossia quella a cui si riferisce la maggior parte della
quantit di disoccupazione.
Il tasso di disoccupazione varia sensibilmente tra diversi gruppi di popolazione. I
lavoratori pi giovani hanno un tasso di disoccupazione molto pi elevato dei lavoratori
pi anziani. Si possono individuare due diverse possibili cause di un elevato tasso di
disoccupazione: un basso tasso di ottenimento di lavoro e un alto tasso di separazione dal
lavoro. I gruppi demografici caratterizzati da un elevato tasso di disoccupazione tendono
ad avere un elevato tasso di separazione dal lavoro; le variazioni del tasso di ottenimento
del lavoro tra i diversi gruppi tendono ad essere meno marcate. I giovani, appena entrati
nel mercato del lavoro, sono incerti sulla carriera da intraprendere; risulta utile per loro
provare diversi tipi di lavoro. giusto attendersi per questo gruppo un elevato tasso di
separazione dal lavoro e un pi alto tasso di disoccupazione frizionale.

Costi della disoccupazione


Quando la disoccupazione ciclica elevata, la societ deve sopportare un costo
opportunit causato dalla mancata produzione di una certa quantit di prodotto
potenziale (equivalente a ci che si sarebbe potuto produrre in condizioni di piena
occupazione).
Altri costi della disoccupazione sono i costi sociali e i costi umani, che si manifestano in
svariate problematiche psicologiche o psicofisiche che affliggono il disoccupato. In alcuni
casi, la disoccupazione a lungo termine pu portare a ipertensione, depressione e
alcolismo. Nei casi pi disperati si sono registrati suicidi.

Misurazione della disoccupazione


Popolazione attiva, occupazione, disoccupazione
Come in molti fenomeni oggetto di studio dell'economia, possibile misurare la
disoccupazione calcolando dei tassi opportuni.
Il pi semplice di questi il tasso naturale di disoccupazione, che corrisponde al tasso
medio di disoccupazione attorno a cui oscilla leconomia di uno stato. Pu essere
considerato come il tasso di disoccupazione stazionario perch quello a cui leconomia
tende nel lungo periodo. Se definiamo per comodit:

Pop il totale della forza lavoro;


L il numero degli occupati;
U il numero dei disoccupati
La forza lavoro uguale alla somma di occupati e disoccupati: Pop=U+L. Il tasso di
disoccupazione, u, corrisponde al numero dei disoccupati fratto il totale della forza
lavoro: U/Pop.

Nella terminologia statistica ed economica, si dovrebbero denotare col termine di


disoccupati solo le persone che hanno perso un precedente lavoro, mentre le persone in
cerca di occupazione comprendono anche le persone in cerca di prima occupazione. Qui
utilizzeremo in ogni caso come sinonimi i termini di disoccupati e persone in cerca di
occupazione. Ricordiamo inoltre che per popolazione attiva o forza lavoro si intendono
tutti gli individui che, in una data societ, lavorano o desiderano lavorare. Quindi,
avremo che Pop = L + U. Di conseguenza U = Pop L.
immediatamente necessario rilevare che disoccupati e popolazione attiva sono misurati
secondo criteri che possono variare da paese a paese o nel tempo. Esistono peraltro delle
convenzioni comuni, ispirate alle definizioni dellInternational Labour Office, che
consentono di giungere a una definizione del tasso omogenea e confrontabile tra paesi.
Nel riquadro sottostante riportato un riassunto dellIndagine Istat sulle forze di lavoro
e delle sue definizioni pi importanti.

LIndagine Istat sulle forze di lavoro


Dallindagine sulle forze di lavoro derivano le stime ufficiali degli occupati e delle
persone in cerca di lavoro, nonch informazioni sui principali aggregati dell'offerta di
lavoro-professione, ramo di attivit economica, ore lavorate, tipologia e durata dei
contratti, formazione. Sin dalla sua introduzione allinizio degli anni 50, lindagine svolge
un ruolo di primo piano nella documentazione statistica e nellanalisi della situazione
occupazionale in Italia e si rivela uno strumento conoscitivo indispensabile per decisori
pubblici, media, cittadini.
Le informazioni vengono raccolte dallIstat intervistando ogni trimestre un campione di
quasi 77 mila famiglie, pari a 175 mila individui residenti in Italia, anche se

10

temporaneamente allestero. Sono escluse le famiglie che vivono abitualmente allestero e


i membri permanenti delle convivenze (istituti religiosi, caserme ecc.).
Negli anni lindagine stata pi volte rinnovata per tenere conto, da un lato, delle
continue trasformazioni del mercato del lavoro, dallaltro, delle crescenti esigenze
conoscitive degli utenti sulla realt sociale ed economica del nostro paese. Lultima
modifica stata avviata allinizio del 2004 in linea con le disposizioni dellUnione
Europea.
La nuova rilevazione campionaria denominata continua in quanto le informazioni sono
raccolte in tutte le settimane dellanno e non pi in una singola settimana per trimestre. I
risultati continuano comunque a essere diffusi con cadenza trimestrale, fatta eccezione
per il dettaglio provinciale che ha cadenza annuale.
La rilevazione si caratterizza per la definizione di nuovi criteri di individuazione degli
occupati e delle persone in cerca di lavoro (disoccupati), nonch per la profonda
riorganizzazione del processo di produzione dei dati: realizzazione di una rete di
rilevazione controllata direttamente dallIstat, utilizzo delle tecniche assistite da computer
per la rilevazione dei dati in grado di ridurre lonere a carico dellintervistato, adozione di
nuovi strumenti per la gestione dellindagine e il monitoraggio della qualit del lavoro sul
campo. Per accrescere il patrimonio informativo, il questionario stato articolato in modo
da cogliere nuovi e importanti aspetti dellattivit lavorativa, della disoccupazione,
dellistruzione e formazione e delle relazioni familiari degli intervistati. Per rendere
confrontabili le nuove stime rispetto ai dati riferiti agli anni passati lIstat ha provveduto a
ricostruire le serie storiche a partire dal quarto trimestre del 1992.
Il principale obiettivo della nuova indagine rimane la produzione delle stime ufficiali
degli occupati e delle persone in cerca di occupazione. In base alle definizioni ispirate
dallInternational Labour Office e recepite dai Regolamenti comunitari, la popolazione in
et lavorativa (15 anni e oltre) ripartita in tre gruppi distinti: occupati, in cerca di
occupazione, inattivi. Nellapplicazione di questi criteri viene seguito un principio
gerarchico: prima si identificano gli occupati, successivamente tra tutti i non occupati
le persone in cerca di occupazione e, infine, le persone inattive, quelle non incluse tra gli
occupati o i disoccupati.
Nella condizione di occupato si classificano le persone (con almeno 15 anni) che, nella
settimana che precede la settimana in cui viene condotta lintervista, hanno svolto almeno
unora di lavoro retribuito in una qualsiasi attivit. Nel caso lattivit sia svolta nella ditta
di un familiare nella quale si collabora abitualmente, il lavoro pu anche non essere
retribuito.
11

Lindividuazione delle persone in cerca di occupazione (di et compresa tra 15 e 74


anni) si fonda invece sui seguenti requisiti:

risultare non occupato;

essere disponibile a lavorare (o ad avviare unattivit autonoma) entro le due


settimane successive il momento dellintervista;

avere fatto almeno unazione di ricerca di lavoro (tra quelle previste nel
questionario) nelle quattro settimane precedenti lintervista. Questo criterio non
viene applicato agli individui non occupati che dichiarano di avere trovato un
lavoro che inizier entro tre mesi dalla data dellintervista. Rimane comunque
anche per questo gruppo losservanza del requisito sulla disponibilit entro le due
settimane in caso fosse possibile anticipare linizio del lavoro.

Sulla base dei dati raccolti dagli uffici statistici nazionali possibile costruire delle
statistiche utili alla comprensione delle caratteristiche dei mercati del lavoro.
Il lavoro dipende poi da agenti esterni, che sono le caratteristiche che non dipendono da
quello stesso individuo ma da una diversa fonte.
Molti provvedimenti di politica economica sono finalizzati a far diminuire il tasso
naturale di disoccupazione: gli uffici di collocamento per supportare la ricerca di lavoro,
politiche pubbliche di riqualificazione professionale, incentivi alle aziende per
lassunzione di persone in cerca di lavoro.
Altri provvedimenti pubblici contribuiscono ad aumentare la disoccupazione frizionale;
uno di questi il sussidio di disoccupazione. Riducendo il disagio economico prodotto
dalla disoccupazione, il sussidio aumenta la quantit di disoccupazione frizionale e fa
aumentare il tasso naturale di disoccupazione. La consapevolezza che una parte del
proprio reddito protetta dal sussidio di disoccupazione fa diminuire linteresse a cercare
posti con prospettive di occupazione duratura e a contrattare garanzie di sicurezza di
occupazione col datore di lavoro. Questo provvedimento presenta lindubbio vantaggio di
ridurre lincertezza dei lavoratori rispetto al proprio reddito; inducendo i lavoratori a
rifiutare le offerte ritenute non adeguate, favorisce una migliore corrispondenza tra le
caratteristiche dei lavoratori e quelle dei posti di lavoro che sono chiamati a ricoprire. Da
notare che limpresa che licenzia un lavoratore corrisponde solo una parte del sussidio,
mentre la parte rimanente proviene dai ricavi generali del sistema di welfare.

12

III. DOMANDA E OFFERTA AGGREGATA

In macroeconomia la domanda aggregata rappresenta la domanda di beni e servizi


formulata da un sistema economico nel suo complesso, in un certo periodo temporale;
come tale essa rappresenta la potenzialit di sfruttamento della capacit produttiva
globale di un certo sistema economico. Essa anche nota come domanda effettiva, ed
spesso designata con la sigla AD (acronimo dell'inglese aggregate demand).
Sebbene il concetto di domanda effettiva fosse parte dell'analisi di alcuni economisti
precedenti, con John Maynard Keynes che vengono chiaramente definite le componenti
fondamentali della domanda aggregata (e le relazioni tra le componenti stesse); sviluppi
successivi hanno poi contribuito a determinare in forma pi analitica le componenti della
domanda aggregata (ad esempio con l'inserimento delle aspettative degli operatori
economici come variabili determinanti).
Graficamente la domanda aggregata rappresentata in un sistema di assi cartesiani (dove
sull'asse delle ascisse c' il reddito o prodotto Y e sull'asse delle ordinate c' il livello
generale dei prezzi P) attraverso una curva decrescente detta curva di Marshall (che
evidenzia come, all'aumentare del livello dei prezzi, la domanda di beni e servizi si
riduce).
Lofferta aggregata rappresenta, invece, la capacit produttiva di un sistema economico
nel suo complesso. Essa viene spesso designata con la sigla AS (acronimo
dell'inglese aggregate supply).
La domanda aggregata e lofferta aggregata del sistema economico determinano
lequilibrio economico del sistema stesso.
La curva di domanda aggregata descrive la quantit di beni e servizi che famiglie,
imprese e amministrazioni pubbliche sono disposte ad acquistare per ogni livello dei
prezzi. La curva di offerta aggregata mostra, invece, la quantit di beni e servizi che le
imprese producono per ogni possibile livello dei prezzi.
Come i prezzi (e le quantit) di equilibrio sono determinati dallincontro di domanda e
offerta, cos possibile ipotizzare che il tasso di inflazione, il PIL (e la disoccupazione) di
uneconomia siano determinati dallincontro di due curve di domanda e offerta
aggregata. Si noti unimportante differenza: nel singolo mercato determiniamo i prezzi,
mentre in questa sede vogliamo determinare linflazione (il tasso di variazione dei
prezzi).

13

Effettivamente, possibile derivare curve di domanda e offerta aggregata che mettano in


relazione il livello generale dei prezzi e il PIL. Tuttavia, dal punto di vista della politica
economica, largomento principale il tasso di inflazione, non il livello dei prezzi. Per
quanto esista una profonda e intima connessione tra queste due variabili, pare opportuno
elaborare uno schema di analisi che consenta di tenere conto direttamente del tasso di
inflazione. Inoltre, nelle nostre economie, sia gli agenti economici che gli studiosi
ritengono che un importante indicatore dello stato di salute di un'economia sia il tasso di
disoccupazione. Nei prossimi paragrafi, esamineremo quindi come le curve di domanda e
offerta aggregata possano essere modificate per dare conto delle relazioni tra tasso di
inflazione e disoccupazione. In questo paragrafo deriveremo invece delle curve di
domanda e offerta aggregata che mettano in relazione il PIL domandato e offerto con il
tasso di inflazione. La nuova derivazione della curva di domanda aggregata si basa sulle
seguenti equazioni che descrivono in modo assai semplificato la determinazione delle
componenti della domanda aggregata, consumi (privati, C e collettivi, G), investimenti (I)
ed esportazioni nette (NX):
C

200 + 0,7 Yd

Yd

Y-T

700

700

600 - 100 i

NX

400 - 0,5 Y - 500 i

Si ipotizza cio che i consumi privati dipendano da una componente esogena e


(positivamente) dal livello di Yd, il reddito disponibile, che questultimo sia la differenza
tra PIL e tasse, che tasse e consumi collettivi siano esogeni (e uguali tra di loro), che gli
investimenti dipendano da una componente esogena e negativamente dal livello del
tasso di interesse reale, i, che le esportazioni nette dipendano da una componente esogena
(legata al commercio mondiale) e (negativamente) da Y (un aumento del PIL porta
solitamente a un aumento delle importazioni) e da i (un aumento del tasso di interesse
reale, in regime di flessibilit dei cambi, solitamente innalza il tasso di cambio reale
deprimendo le esportazioni). Poich la domanda aggregata AD data dalla somma di C,
G, I e (NX), potremo sommare le relazioni precedenti, ottenendo:

AD

1800 + 0,2 Y - 600 i

14

In equilibrio il PIL dovr essere uguale alla domanda aggregata: dobbiamo quindi avere
Y = AD. Ne consegue che il livello del PIL di equilibrio sar dato da:

1800 + 0,2 Y - 600 i

Y - 0,2 Y

1800 - 600 i

Y (1 0,2)

1800 - 600 i

(1800 - 600 i)/0,8

La funzione sopra indicata non nullaltro che una rappresentazione numerica della curva
IS, poich rappresenta le combinazioni di tasso di interesse reale e PIL che portano in
equilibrio il mercato dei beni. evidente che il PIL di equilibrio sar una funzione
decrescente del tasso di interesse reale. Valori pi elevati di questultimo scoraggiano gli
investimenti e innalzando il tasso di cambio reale deprimono le esportazioni. Per
esempio, se il tasso di interesse reale uguale al 4% (i = 0,04), il PIL di equilibrio sar
uguale a 2220, mentre se uguale all8% (r = 0,08) il PIL di equilibrio scende a 2190.
Ma che cosa determina i? Attualmente, gli economisti sono convinti che, almeno nei
paesi sviluppati, le politiche monetarie delle banche centrali:
a) perseguano il controllo del tasso di interesse reale; per un dato i, a una variazione della
domanda di moneta corrisponder una variazione equivalente dellofferta di moneta. La
curva LM, che rappresenta le combinazioni di tasso di interesse e PIL che portano in
equilibrio domanda e offerta di moneta, sar in questo caso una retta orizzontale;
b) reagiscano a valori pi elevati del tasso di inflazione elevando il tasso di interesse reale
al fine di abbassare la domanda aggregata. Le ragioni per cui le banche centrali desiderino
abbassare la domanda aggregata quando il tasso di inflazione aumenta saranno chiarite
nel prosieguo del capitolo. In ogni caso, una politica monetaria di questo tipo rende il
tasso di interesse reale una funzione positiva del tasso di inflazione. Un semplice esempio
di una simile regola di condotta monetaria data dalla formula:

i=

+ 0,02

Si suppone cio che la banca centrale voglia (e possa) ottenere un tasso di interesse reale
che superi sempre il tasso di inflazione in ragione del 2%. Se quindi il tasso di inflazione
del 2%, il tasso di interesse reale sar uguale al 4%. Se il tasso di inflazione passer al
6%, il tasso di interesse reale passer all8%. Combinando la curva LM implicata da
15

questa regola di condotta monetaria con una curva IS come quella considerata qui sopra,
semplice ottenere una relazione decrescente tra PIL domandato da imprese e consumatori
e tasso di inflazione: la curva di domanda aggregata. Si consideri il grafico sottostante:
come detto qui sopra, a un tasso di inflazione del 2% corrisponder un tasso di interesse
reale del 4%. Per mantenere questo tasso la banca centrale sar disposta a variare lofferta
di moneta in modo da controbilanciare esattamente i cambiamenti della domanda di
moneta. Questo comportamento trova la sua 19 rappresentazione grafica nella curva
LM1, una retta orizzontale disegnata in corrispondenza di un tasso di interesse del 4%.
Se, per una qualsiasi ragione, il tasso di inflazione diviene uguale al 6%, il tasso di
interesse reale mantenuto dalla banca centrale diventa uguale all8%, ci si sposta dalla
curva LM1 alla curva LM1, e il PIL di equilibrio passa da 2220 a 2190. Reiterando
questo meccanismo per altri valori di II e i, si pu vedere come dagli spostamenti della
curva LM sulla IS consegua, nella parte inferiore del grafico, una retta con pendenza
negativa, la curva di domanda aggregata:

16

Ricapitolando, spostandosi lungo la funzione di domanda aggregata, a un tasso di


inflazione inferiore corrisponde un livello pi alto del PIL, e viceversa. Effettivamente,
data la regola di politica monetaria seguita dalla banca centrale, a un tasso di inflazione
inferiore corrisponde un livello pi basso del tasso di interesse reale. A sua volta, un tasso
di interesse reale pi basso avr leffetto di incoraggiare gli investimenti e di deprimere il
tasso di cambio reale favorendo le esportazioni nette. Naturalmente, ci sposteremo lungo
la funzione di domanda aggregata solo se permangono costanti i valori delle componenti
esogene di consumi, investimenti o esportazioni nette. Assisteremo altrimenti a uno
spostamento verso lalto o verso il basso della curva stessa di domanda aggregata.
In pratica ogni spostamento verso lalto o verso il basso della curva IS produrr uno
spostamento analogo della curva di domanda aggregata. Per esempio un aumento della
spesa pubblica (e quindi dei consumi collettivi) o del commercio mondiale sposteranno
verso lalto la curva di domanda aggregata, e il contrario avverr per diminuzioni in
queste variabili. Daltra parte, se la regola di politica monetaria diventa pi espansiva, e
cio se per ogni dato tasso di inflazione la banca centrale persegue la determinazione di
un tasso di interesse meno elevato, a un dato tasso di inflazione corrisponder una
maggiore spesa aggregata, e la curva di domanda aggregata si sposter verso lalto.
Di natura pi innovativa invece la determinazione dellofferta aggregata.
Tradizionalmente, questa si basa su concetti quali la funzione di produzione, e la
domanda e offerta di lavoro. Al giorno doggi, per, gli economisti preferiscono basare la
determinazione della curva di offerta aggregata su dei modelli non competitivi di
determinazione di prezzi e salari. Nella realt, infatti, sia le imprese che i lavoratori (o i
loro rappresentanti, i sindacati) godono di un certo potere di mercato, e pare giusto tenere
conto di ci nel vedere come prezzi e salari si determinano nelle nostre economie.
Ancora, un problema della maniera tradizionale di costruire la curva di offerta aggregata
che essa implica che le variazioni del salario reale siano quasi
sempre di segno opposto alle variazioni del livello di attivit (come si mostra nel, ci
consegue direttamente dallipotesi di una domanda di lavoro con pendenza negativa, che
a sua volta deriva dalle ipotesi di funzione di produzione con rendimenti marginali
decrescenti e di concorrenza perfetta sul mercato dei beni). Questa implicazione del
modello non concorda molto con levidenza empirica. Supponiamo quindi di avere:

A) Una funzione di produzione con rendimenti marginali costanti per il lavoro (un modo
per giustificare questo tipo di relazione di ipotizzare che vi sia capacit produttiva
inutilizzata):
17

Y=aL
Questa funzione di produzione chiaramente una relazione lineare tra il livello
delloccupazione, L, e del PIL, Y; essa cio una retta (e a, il coefficiente angolare di
questa retta, pure una misura della produttivit del lavoro).

B) Un meccanismo non competitivo estremamente semplice di


determinazione dei prezzi:
P = W/a (1 + )
Qui, i prezzi, P, sono determinati mediante un margine (detto mark-up), , applicato al
costo unitario del lavoro (vale a dire il rapporto tra salario, W, produttivit del lavoro, a).
Il mark-up dipender da fattori come i prezzi delle materie prime, dellenergia, dei
prodotti e servizi intermedi utilizzati nella produzione, dai costi fissi delle imprese.
Generalmente, si suppone che non dipenda dal livello di attivit. Poich abbiamo gi
visto che neppure a dipende dal livello di attivit, la relazione qui sopra definisce un
livello di salari reali indipendente da L e Y:
W/P = a/(1 + )
In altri termini, questa relazione pu essere disegnata come una retta orizzontale in un
diagramma cartesiano con N sullasse delle ascisse e W/P sullasse delle ordinate.

C) Un meccanismo non competitivo di determinazione dei salari, qui sotto rappresentato


in modo estremamente generico e semplificato:
W=

P [ h (L/Pop) Z ]

Per un livello di prezzi dato, il salario richiesto dai lavoratori dipende dal cosiddetto tasso
di occupazione, il rapporto tra occupazione e popolazione attiva, Pop, e da un insieme di
altri fattori, Z, che saranno analizzati in dettaglio nei paragrafi seguenti. In effetti, quanto
pi alto il tasso di disoccupazione, tanto pi sar basso il potere contrattuale dei
lavoratori. Se ora ci ricordiamo la formula del tasso di disoccupazione:
u = (Pop -L)/Pop = 1 -L/Pop
possiamo senza troppa difficolt derivare una relazione positiva tra il salario reale
richiesto dai lavoratori, W/P e il tasso di occupazione. Poich, almeno per lassi di tempo
relativamente brevi, si pu ipotizzare che Pop sia costante, riscriviamo la funzione di
determinazione dei salari come:
18

W/P = (h/Pop) L Z = h L Z
chiarendo che questa funzione definisce una relazione crescente in un diagramma
cartesiano con L sullasse delle ascisse e W/P sullasse delle ordinate. Ricordandoci che
la funzione di determinazione dei prezzi definisce una retta orizzontale sullo stesso
grafico, e considerando assieme le due funzioni, possiamo vedere che la funzione dei
prezzi determina il livello del salario reale, mentre il livello di equilibrio di L quello per
il quale si uguagliano il salario reale richiesto dai lavoratori con quello imposto dalla
politica di prezzo delle imprese:

Ora, se si potessero aggiustare continuamente prezzi e salari, loccupazione sarebbe


continuamente uguale al livello di equilibrio fissato qui sopra, poich nessun altro livello
potrebbe, per cos dire, mettere daccordo le pretese di imprese e lavoratori. Poi,
attraverso la funzione di produzione, questo livello di equilibrio di N individuerebbe un
unico livello di Y.
Come verr chiarito di seguito, gli economisti si aspettano che una situazione di questo
tipo valga nel lungo periodo, una condizione alla quale leconomia pu tendere solo
qualora ai processi di aggiustamento di imprese e lavoratori venga dato il tempo
sufficiente per dispiegarsi. Per capire meglio questo concetto, esaminiamo il sottostante
grafico a quattro quadranti, in cui rappresentiamo le reazioni di PIL e inflazione
conseguenti a uno spostamento verso lesterno della curva di domanda aggregata.
Partendo dal grafico in basso a sinistra e procedendo in senso orario, troviamo le curve
dei prezzi e dei salari (il cui punto di incontro determina il livello di equilibrio
delloccupazione), la funzione di produzione, la retta a 45 gradi e, infine, lofferta
aggregata di lungo periodo e la domanda aggregata. Vediamo di capire perch lofferta
19

aggregata di lungo periodo sia disegnata come una retta verticale e, di conseguenza, uno
spostamento della domanda aggregata porti unicamente a un aumento del tasso di
inflazione, lasciando PIL e occupazione immutati.
Supponiamo che, ogni volta che cambiano i salari, le imprese possano reagire
immediatamente, variando i prezzi in modo da mantenere invariato il loro margine di
profitto. Supponiamo altres che i salariati possano rinegoziare il loro contratto in
qualsiasi momento, sulla base di prezzi e occupazione correnti. In queste condizioni, un
aumento del tasso di inflazione non avr alcun effetto su salari reali, occupazione e PIL.
In effetti, ammettiamo che il tasso di inflazione sia uguale al 10% (= (1,10-1)/1), per
ipotesi nel periodo base il livello dei prezzi uguale a 1, e che al livello di occupazione
L1 i salariati richiedano un salario reale mensile w1 (= W1/P1) di 1 000 E (=1100/1,10).
Se ora, per una qualsiasi ragione, il tasso di inflazione divenisse uguale al 20% (= (1,201)/1) per semplicit, calcoliamo il tasso di inflazione relativamente a un periodo base
fisso e se i salariati potessero immediatamente reagire al nuovo tasso di inflazione (e ai
nuovi prezzi), dalla curva dei salari sappiamo che essi richiederebbero un salario reale =
W2/P2 = 1200/1,20 che sarebbe sempre uguale al valore precedente e coerente col livello
(costante) di occupazione L1. Attraverso la funzione di produzione, a N1
corrisponderebbe come livello del PIL un immutato Y1.
Dunque, se, per esempio, il governo decide di aumentare i propri consumi, e la curva di
domanda aggregata si sposta da D1 a D2, ci non avr altra conseguenza che laumento
del tasso di inflazione da 1 a 2, di fronte a livelli costanti di PIL e occupazione.

20

Lequilibrio di breve periodo


Come visto qui sopra, se si potessero aggiustare continuamente prezzi e salari, PIL e
occupazione sarebbero continuamente uguale ai loro livelli di lungo periodo, poich
nessun altro livello potrebbe conciliare i salari reali richiesti da imprese e lavoratori.
Peraltro, n imprese n lavoratori possono rinegoziare continuamente prezzi e salari, e
questo sgancia, almeno temporaneamente, PIL e occupazione dai loro livelli di lungo
periodo. Nel breve periodo, di fronte a spostamenti della domanda aggregata, si verr
quindi a creare, almeno temporaneamente, una relazione diretta tra tasso di inflazione e
livelli di PIL e occupazione.
Per semplicit, supponiamo che le imprese possano aggiustare i prezzi di continuo, ma
che i lavoratori possano rinegoziare i salari solo a intervalli di tempo prefissati (mettiamo
un anno4), e utilizzare informazione relativa solo ai periodi passati. Quindi, ogni volta
che cambiano i salari le imprese possono reagire immediatamente, mentre i salariati, al
momento di rinegoziare il contratto, conoscono solo i prezzi (e le altre variabili) dellanno
precedente. Tutto al pi, per difendere il proprio potere di acquisto, i salariati potranno
avanzare le proprie richieste salariali condizionatamente ai prezzi attesi per lanno
corrente.

Pt = Wt/at (1 + t)
Wt = Pet (h Lt-1 Zt-1)
da queste due formule possibile derivare la seguente offerta aggregata di breve
periodo:

t = et + x (Yt-1 - Y*)/Y*
nella quale il tasso di inflazione corrente dipende dal tasso di inflazione atteso, e dal gap
percentuale tra Yt-1, il livello del PIL nel periodo precedente e Y*, il livello del PIL di
equilibrio di lungo periodo.
Proviamo ora a verificare il processo di aggiustamento di PIL, occupazione e inflazione.
Il processo di aggiustamento dellinflazione conseguente a uno spostamento verso
lesterno della curva di domanda aggregata.
Facciamo lipotesi che et sia uguale a t-1. In tal caso, nel periodo 1, avremo:

t = et = 1.
Uno spostamento verso lesterno della domanda aggregata porter (su una data curva di
offerta aggregata di breve periodo) a un aumento proporzionale nel livello del PIL.
21

Attraverso la funzione di produzione, ci porta a un aumento, sempre proporzionale, del


tasso di occupazione. I salariati aumenteranno allora le loro richieste salariali, poich il
loro potere contrattuale aumentato. Di conseguenza si avr un aumento dei prezzi; il
tasso di inflazione diventer uguale a 2, e, poich nel periodo seguente et sar uguale
2, lofferta aggregata di breve periodo si sposter verso lalto.

In seguito allo spostamento verso lalto della curva di offerta aggregata di breve periodo,
PIL e occupazione diminuiscono. Tuttavia, essi saranno sempre superiori al loro livello
iniziale (uguale a Y*). In ragione di ci, i salariati aumentano ancora le loro richieste
salariali. Ci porta di nuovo a un aumento del tasso di inflazione, e quindi, nel periodo
seguente, a un nuovo spostamento verso lalto dellofferta aggregata di breve periodo.
Questo processo continua sino a che arriviamo a un nuovo punto di equilibrio di lungo
periodo, caratterizzato da livelli di PIL e occupazione uguali a quelli iniziali, ma da salari,
prezzi, e tasso di inflazione pi alti (e uguali a quelli che abbiamo trovato sui grafici di
lungo periodo in seguito allo spostamento della domanda aggregata).
Quindi, nel breve periodo, sino a che i salari reagiscono solo parzialmente allo
spostamento verso lesterno della domanda aggregata, questultimo causa un aumento
dellinflazione, ma anche una variazione positiva di PIL e occupazione. Mano a mano che

22

laggiustamento dei salari diventa sempre pi completo (e cio, mano a mano che ci
avviciniamo allequilibrio di lungo periodo), tuttavia, gli effetti dello spostamento della
domanda aggregata su PIL e occupazione diventano sempre pi deboli, fino ad attenuarsi
completamente. Diventa invece sempre pi forte leffetto sullinflazione, che sar infine
uguale allo spostamento della domanda aggregata.

23

Mercato del lavoro e disoccupazione


Possiamo innanzi tutto pensare che, cos come in altri mercati, in quello del lavoro sia
possibile definire la domanda e lofferta di una merce, la prestazione lavorativa, e che il
salario rappresenti il prezzo al quale tale merce scambiata.
Supponiamo quindi che i mercati dei beni e del lavoro operino in regime di concorrenza
perfetta. La domanda di lavoro da parte delle imprese in questo caso il risultato di un
processo di massimizzazione dei profitti che conduce ad assumere lavoratori fino a
quando la produttivit marginale del lavoro uguaglia il salario reale.
La teoria competitiva dellofferta di lavoro prevede invece che la scelta del numero di ore
di lavoro da offrire sul mercato sia determinata dal confronto tra salario e tasso marginale
di sostituzione tra lavoro e ozio. Pertanto gli individui offriranno le proprie prestazioni
lavorative laddove il loro sforzo sia esattamente compensato dal salario reale.
Lequilibrio nel mercato del lavoro sar quindi raggiunto quando lofferta di lavoro
uguale alla domanda da parte delle imprese.

La domanda di lavoro
Supponiamo di avere:
A) Una funzione di produzione con rendimenti marginali decrescenti per il lavoro:
Y=f(L);

f (L) >0 ;

f (L) < 0

dove f (L) la produttivit marginale del lavoro, ovvero lunit addizionale di Y ottenuta
impiegando ununit addizionale di L, e f(L) la variazione della produttivit marginale
del lavoro ottenuta impiegando ununit addizionale di L (cio la derivata seconda di Y
rispetto a L).
Lipotesi fondamentale alla base di questa funzione che il lavoro sia lunico fattore di
produzione che varia. Gli altri fattori di produzione, tra cui abituale includere il capitale
fisico, saranno fissi. In ragione di ci si avranno rendimenti marginali decrescenti per L:
questa funzione di produzione non una relazione lineare tra L e Y.
B) Un meccanismo competitivo di massimizzazione del profitto, che implica lesistenza
di una funzione di domanda di lavoro.
La massimizzazione del profitto = P Y - W L = P f (L) - WL implica d = 0 ; e quindi
(nellipotesi di concorrenza perfetta, per la quale prezzi e salari sono dati), avremo la
formula W = P f (L).

24

Possiamo fare le seguenti osservazioni:


a) se W sale (per P dato), L* si riduce;
b) se P sale, per mantenere L* allo stesso livello, W deve salire proporzionalmente a P.
Possiamo cos derivare la seguente funzione di domanda di lavoro:
W/P = f (L)
Se tutte le imprese si comportano allo stesso modo possibile definire, come somma
delle domande di ciascuna impresa, la curva di domanda di lavoro aggregata, che esprime
la relazione inversa tra occupazione e livello salariale.

Lofferta di lavoro
Supponiamo pure di avere:
C) Una funzione di offerta di lavoro, basata sul meccanismo di sostituzione tra reddito e
tempo libero. Questo meccanismo comporta che ogni individuo massimizzi la funzione di
utilit

u (C, T - O)

dove C il consumo, e T O (Tempo Ore di lavoro) il tempo libero,


sotto il vincolo di bilancio

Y = W/P x O

secondo cui il reddito Y dipende dal salario reale e dalla quantit di lavoro offerta.
Si ipotizza che le preferenze degli agenti economici (rappresentate da una determinata
forma delle curve di indifferenza) siano tali che leffetto sostituzione dellaumento del
salario reale (che fa diminuire la domanda di tempo libero) sar superiore alleffetto
reddito (che fa aumentare la domanda di tempo libero). Quindi allaumentare del salario
reale aumenteranno le ore lavorate offerte dagli agenti economici, e diminuir T- O.
Possiamo quindi fare le seguenti osservazioni:
a) se W sale (per P dato), e se prevale leffetto sostituzione, lofferta di ore lavorate
ottimale, O*, aumenta;
b) se P sale, per mantenere lofferta di ore lavorate ottimale, O*, allo stesso livello, W
deve salire proporzionalmente a P.

Deriviamo cos la seguente funzione di offerta di ore lavorate:


W/P = j (O)

25

Che ci permette di determinare una funzione di offerta di lavoro che metta in relazione il
salario reale con loccupazione (e non con le ore lavorate).
In effetti, la maggior parte dei contratti di lavoro stabilisce un numero fisso di ore di
lavoro, e gli individui possono di conseguenza scegliere solo se offrire il loro lavoro o
non offrirne del tutto. Vi sar comunque una relazione crescente tra salario reale e
occupazione, purch un aumento del salario comporti lingresso sul mercato del lavoro di
nuovi individui. Dovremo quindi supporre che gli individui siano identici e che vi sia
unico salario di equilibrio, ottenendo la funzione di offerta di lavoro:
W/P = g (L)

Lequilibrio competitivo nel mercato del lavoro


Possiamo ora considerare sullo stesso grafico le funzioni di domanda e di offerta di
lavoro. Congiuntamente, esse determinano i valori di equilibrio di salario reale e
occupazione. A destra del punto di equilibrio osserveremmo un eccesso di offerta di
lavoro, a sinistra un eccesso di domanda. La differenza tra la popolazione attiva e il
livello di equilibrio delloccupazione solitamente definito come uguale alla
disoccupazione frizionale.

Se prezzi e salari potessero aggiustarsi in continuazione, quando sopravvengono


cambiamenti nel mercato dei prodotti e del lavoro loccupazione sarebbe continuamente
uguale al livello di equilibrio fissato qui sopra, poich a nessun altro livello il salario reale
richiesto dai lavoratori potrebbe essere uguale a quello che le imprese sono disposte a
26

offrire. Poi, attraverso la funzione di produzione, questo livello di equilibrio di L


individuerebbe un unico livello di Y.
Supponiamo che, ogni volta che cambiano i salari, le imprese possano reagire
immediatamente, variando in modo proporzionale la loro funzione di domanda di lavoro.
Supponiamo altres che i salariati possano rimodulare la loro funzione di offerta di lavoro
in qualsiasi momento, e perci sulla base dei prezzi correnti. In queste condizioni, un
aumento del tasso di inflazione non avr alcun effetto su salari reali, occupazione e PIL.
In effetti, ammettiamo che il tasso di inflazione sia uguale al 10% (= (1,10-1)/1), e che al
livello di salario reale mensile w1 (= W1/P1) di 1 000 euro (=1100/1,10), le imprese
domandino e i salariati offrano il livello di occupazione L*. Se ora, per una qualsiasi
ragione, il tasso di inflazione divenisse uguale al 20% (= (1,20-1)/1; per semplicit,
calcoliamo il tasso di inflazione relativamente a un periodo base fisso), e se salariati e
imprese potessero immediatamente reagire al nuovo tasso di inflazione (e ai nuovi
prezzi), il conseguente spostamento della funzione di offerta di lavoro implicherebbe che
al livello di occupazione L* venga richiesto e offerto un salario nominale uguale a 1200
euro. Il salario reale = W2/P2 = 1200/1,20 sarebbe dunque uguale al valore precedente e
coerente con loccupazione L*. Naturalmente, a questultima corrisponderebbe, mediante
la funzione di produzione, un livello del PIL sempre uguale a Y*.
Se il governo decide per esempio di aumentare le proprie spese, e la curva di domanda
aggregata si sposta da D1 a D2, ci non avr altra conseguenza che laumento del tasso di
inflazione da 1 a 2, di fronte a livelli costanti di PIL e occupazione. Considerando
svariati spostamenti della curva di domanda aggregata, possiamo determinare in
corrispondenza di Y* una curva verticale di offerta aggregata. Questa curva viene definita
offerta aggregata di lungo periodo in quanto gli economisti pensano che i
comportamenti di imprese e lavoratori non possano obbedire a processi di aggiustamento
istantanei, e che la curva verticale di offerta aggregata possa esistere solo se ai processi di
aggiustamento di imprese e lavoratori viene dato il tempo sufficiente per dispiegarsi.

Il breve periodo nel modello competitivo


Peraltro, non sembra appropriato supporre che imprese e lavoratori possano rinegoziare
continuamente prezzi e salari; in altre parole anche nel modello competitivo dellofferta
aggregata non pare appropriato supporre che i comportamenti di imprese e lavoratori
obbediscano a processi di aggiustamento istantanei. Questo avr leffetto di sganciare,
almeno temporaneamente, PIL e occupazione dai loro livelli di lungo periodo. In altri

27

termini, ci si aspetta che nel cosiddetto breve periodo, PIL e occupazione possano
assumere valori diversi da quelli implicati dallequilibrio qui sopra descritto.
Per breve periodo si intende una situazione nella quale i lavoratori offrono lavoro sulla
base di aspettative erronee a proposito dei prezzi: Pet Pt. Di conseguenza, la curva di
offerta di lavoro si scriver come:

Wt/Pt = Pet/Pt g (Lt)


oppure (in termini di salario nominale)
Wt = Pet g (Lt)
La curva di domanda di lavoro continuer invece a essere la stessa di prima.
Facciamo lipotesi che Pet = Pt-1. Questa ipotesi implica che, in seguito a uno spostamento
verso lalto della domanda aggregata, nel grafico considerato qui sotto la curva di
domanda di lavoro si sposta (verso lalto) mentre la curva di offerta di lavoro non si
sposta. Ne conseguir un aumento del PIL e delloccupazione.
Dalle seguenti relazioni:
Wt = Pet g (Lt) ; Wt = Pt f (Lt)
si pu derivare la seguente offerta aggregata di breve periodo:

t = et + k (Yt - Y*)/Y*
nella quale il tasso di inflazione corrente dipende dal tasso di inflazione atteso, e
dal gap percentuale tra Yt, il livello del PIL nel periodo corrente e Y*, il livello
del PIL di equilibrio di lungo periodo.
Approfondiamo ora il ragionamento alla base della derivazione di questa funzione.
Si ipotizza che le imprese siano sempre su di un punto della curva di domanda di lavoro;
pure i lavoratori stanno sempre su di un punto dellofferta di lavoro, ma questultima
basata su Wt e Pet, e non gi su Wt e Pt. Dunque, nella misura in cui Pt > Pet (e t > et), il
livello del PIL potr essere pi alto di Y*. Ora, se la curva di domanda aggregata si
sposta verso lalto, le imprese aumenteranno la loro domanda di lavoro in misura
corrispondente. Questo si traduce in un aumento del salario monetario, W, che esse
saranno disposte a pagare ai lavoratori. Poich per questi ultimi il livello dei prezzi
rilevante Pet = P1, dal punto di vista dei lavoratori vi sar un aumento del salario reale,
da W1/P1 a W2/P1, e aumenter pure la quantit di lavoro che essi saranno disposti a
offrire. Di conseguenza il livello di equilibrio delloccupazione aumenter da L1 a L2.
Mediante la funzione di produzione, a questa maggiore occupazione corrisponde un
28

maggiore livello del PIL. Unendo il punto caratterizzato da 1 e L1 con il punto


caratterizzato da 2 e L2, otteniamo un segmento appartenente alla funzione di offerta
aggregata di breve periodo.
Se ora i prezzi si attestano al livello P2 (e il tasso di inflazione al livello 2), nel periodo
seguente avremo Pet = P2, e sia la curva di offerta di lavoro che lofferta aggregata di
breve periodo si spostano verso lalto. Come mostrato nel grafico sottostante, in seguito
a questi spostamenti verso lalto, PIL e occupazione diminuiscono. Tuttavia, essi saranno
sempre superiori al loro livello iniziale (uguale a Y*), almeno sino a che laumento del
tasso di inflazione non sar proporzionale allo spostamento verso lalto della curva di
domanda aggregata. In effetti, se Pet = Pt-1, sino a che Pt > Pt-1 avremo sempre Pt > Pet. Ma
sino a che la quantit di lavoro domandata dalle imprese sar maggiore al livello di
equilibrio di lungo periodo delloccupazione, vi sar una tendenza allaumento dei salari
rispetto al loro valore nel periodo precedente. Come illustrato nel grafico sottostante,
ci porta a ulteriori aumenti del tasso di inflazione, e quindi a nuovi spostamenti verso
lalto dellofferta aggregata di breve periodo. Il processo continua sino a che non viene
raggiunto un nuovo punto di equilibrio di lungo periodo, caratterizzato da livelli di PIL e
occupazione uguali a quelli iniziali, ma da salari, prezzi, e tasso di inflazione pi alti.
Dunque, nel breve periodo, poich per i salariati Pt Pet, prezzi e salari reagiscono solo
parzialmente allo spostamento verso lesterno della domanda aggregata, e ci causa un
aumento dellinflazione, ma anche una variazione positiva di PIL e occupazione. A mano
a mano che laggiustamento di prezzi e salari diventa sempre pi completo (e cio, mano
a mano che ci avviciniamo allequilibrio di lungo periodo), gli effetti dello spostamento
della domanda aggregata su PIL e occupazione diventano sempre pi deboli, fino ad
attenuarsi completamente. Diventa sempre pi forte leffetto sullinflazione, che sar
infine uguale allo spostamento della domanda aggregata.
Lipotesi di concorrenza perfetta nel mercato dei beni e del lavoro comporta una
significativa conseguenza sullandamento nel breve periodo di prezzi e salari. In
corrispondenza allo spostamento verso lalto della domanda aggregata, e sino a che
laggiustamento di prezzi e salari non diventa completo, laumento dei prezzi in ogni
periodo sar maggiore allaumento dei salari. Quindi, sino a che PIL e occupazione
saranno al di sopra dei loro livelli di lungo periodo, il salario reale sar inferiore al suo
livello di lungo periodo. Gli economisti chiamano questo tipo di andamento del salario
reale anti-ciclico (cio contrario allandamento del ciclo economico; sarebbe pro-ciclico
se il salario reale fosse superiore al suo livello di lungo periodo sino a che PIL e
occupazione sono al di sopra dei loro livelli di lungo periodo). Poich si ritiene che non vi
siano prove empiriche convincenti di un andamento anti-ciclico del salario reale (il

29

salario reale sembra non variare nel corso del ciclo), i modelli non-competitivi hanno
avuto sempre maggiore successo nella letteratura economica odierna.

La disoccupazione nei modelli non competitivi


Tradizionalmente, la curva di offerta aggregata si basa su concetti quali la funzione di
produzione, e la domanda e offerta di lavoro. Di recente, per, gli economisti
preferiscono basare la determinazione della curva di offerta aggregata su dei modelli non
competitivi di determinazione di prezzi e salari. Nella realt, infatti, sia le imprese che i
lavoratori (o i loro rappresentanti, i sindacati) godono di un certo potere di mercato, e
pare giusto tenere conto di ci nel vedere come prezzi e salari si determinano nelle nostre
economie. Ancora, come visto qui sopra, un problema della maniera tradizionale di
costruire la curva di offerta aggregata che essa implica che le variazioni del salario reale
siano quasi sempre di segno opposto alle variazioni del livello di attivit. Questa
implicazione del modello non concorda molto con levidenza empirica.
Supponiamo quindi di avere:
A) Una funzione di produzione con rendimenti marginali costanti per il lavoro (un modo
per giustificare questo tipo di relazione di ipotizzare che vi sia capacit produttiva
inutilizzata).
B) Un meccanismo non competitivo estremamente semplice di determinazione dei prezzi.
Qui, i prezzi, P, sono determinati mediante un margine (detto mark-up), , applicato al
costo unitario del lavoro (vale a dire il rapporto tra salario, W, e produttivit del lavoro,
a).
Possiamo descrivere queste relazioni con le seguenti equazioni:
Y=aL
P = W/a (1 + )
W/P = X/(1 + )
Questultima relazione pu essere disegnata come una retta orizzontale in un diagramma
cartesiano con L sullasse delle ascisse e W/P sullasse delle ordinate.
C) Un meccanismo non competitivo di determinazione dei salari, qui sotto rappresentato
in modo estremamente generico e semplificato:
W = P [ h (L/Pop) Z ]
Per un livello di prezzi dato, il salario richiesto dai lavoratori dipende dal cosiddetto tasso
di occupazione, il rapporto tra occupazione e popolazione attiva (in effetti, quanto pi
30

alto il tasso di disoccupazione, tanto pi sar basso il potere contrattuale dei lavoratori) e
da un insieme di altri fattori, Z, che saranno analizzati qui sotto in maggiore dettaglio.
Sappiamo gi che da questa funzione si pu derivare la:
W/P = h L x Z
che definisce una relazione crescente in un diagramma cartesiano con L sullasse delle
ascisse e W/P sullasse delle ordinate. E pu rappresentare le richieste dei lavoratori
organizzati in un sindacato.
La teoria economica del sindacato prevede che la contrattazione abbia come scopo la
massimizzazione delle funzioni obiettivo delle parti coinvolte nel negoziato definite in
termini di salario e livelli occupazionali. La considerazione importante ai nostri fini, che
se il sindacato rappresenta soltanto linteresse dei propri iscritti e non considera anche
quello dei lavoratori disoccupati, effettuer delle richieste salariali pi alte rispetto a
quelle che condurrebbero allequilibrio il mercato di lavoro. Anche se i lavoratori non
fossero legalmente organizzati in un sindacato, possiamo pensare che allinterno di
ciascuna impresa esistano dei gruppi di potere che ne condizionano le decisioni mediante
un processo di contrattazione locale che pu avere luogo a livello individuale o collettiva.
Questi lavoratori vengono definiti lavoratori insider e basano il loro potere sul fatto che
limpresa per sostituirli con lavoratori neoassunti, outsider, dovrebbe sostenere dei costi
quali i costi di licenziamento, di selezione, assunzione e addestramento del nuovo
personale. Linsieme di questi costi rappresenta il costo del turnover o aggiustamento e
costituisce il fondamento del potere esercitato dai lavoratori insider allinterno delle
aziende. Sulla base di queste considerazioni si ipotizza che i lavoratori insider utilizzino
questo potere per effettuare delle richieste salariali elevate impedendo laccesso al
mercato del lavoro agli outsider. Questo modello alla base delle spiegazioni dellisteresi
e della persistenza della disoccupazione.
Un ulteriore motivo di giustificazione per la (4.4) che le imprese possono trovare
conveniente remunerare i propri addetti con un salario pi elevato rispetto alleffettiva
produttivit del lavoro (salario di efficienza), proprio allo scopo di aumentare limpegno
dei lavoratori (modello dello shirking), di ridurre i costi di turnover (modello del
turnover) o di evitare la costituzione stessa di un sindacato allinterno dellazienda
(modello della minaccia). Secondo questa classe di modelli se il tasso di disoccupazione
elevato si riduce la necessit di pagare dei salari di efficienza in quanto la stessa
situazione di scarsit dei posti di lavoro che disciplina i lavoratori inducendoli a
lavorare con pi impegno.

31

Ricordandoci che la funzione di determinazione dei prezzi definisce una retta orizzontale
sullo stesso grafico, e considerando assieme le due funzioni, possiamo vedere che la
funzione dei prezzi determina il livello del salario reale, mentre il livello di equilibrio di L
quello per il quale si uguagliano il salario reale richiesto dai lavoratori con quello
imposto dalla politica di prezzo delle imprese. In questo ambito la disoccupazione di
lungo periodo non pi interpretabile come disoccupazione frizionale, ma dipende dai
comportamenti non competitivi di imprese e lavoratori.
Il tasso di disoccupazione che si registra in corrispondenza dellequilibrio non pu quindi
essere considerato un tasso ottimo che coincide con la piena efficienza del mercato ma
semplicemente come il risultato delle decisioni di gruppi di potere, che rappresentano i
lavoratori e le imprese. Esso a volte definito NAIRU (Non Accelerating Inflation Rate
of Unemployment) ossia il tasso di disoccupazione che non d luogo a pressioni
inflazionistiche.

Per capire meglio questo concetto, esaminiamo il sottostante grafico a quattro quadranti,
in cui rappresentiamo le reazioni di PIL e inflazione conseguenti a uno spostamento verso
lesterno della curva di domanda aggregata. Partendo dal grafico in basso a sinistra e
procedendo in senso orario, troviamo le curve dei prezzi e dei salari (il cui punto di
incontro determina il livello di equilibrio delloccupazione), la funzione di produzione, la
retta a 45 gradi e, infine, lofferta aggregata di lungo periodo e la domanda aggregata.
Verifichiamo perch lofferta aggregata di lungo periodo sia disegnata come una retta
verticale e, di conseguenza, uno spostamento della domanda aggregata porti unicamente a
un aumento del tasso di inflazione, lasciando PIL e occupazione immutati.

32

Supponiamo che, ogni volta che cambiano i salari, le imprese possano reagire
immediatamente, variando i prezzi in modo da mantenere invariato il loro margine di
profitto. Supponiamo altres che i salariati possano rinegoziare il loro contratto in
qualsiasi momento, sulla base di prezzi e occupazione correnti. In queste condizioni, un
aumento del tasso di inflazione non avr alcun effetto su salari reali, occupazione e PIL.
In effetti, ammettiamo che il tasso di inflazione sia uguale al 3% (= (103-100)/100), e che
al livello di occupazione L1, i salariati richiedano un salario reale mensile w1 (= W1/P1)
di 1 000 E (=103 000/103). Se ora, per una qualsiasi ragione, il tasso di inflazione
divenisse uguale al 6% (= (106-100)/100; per semplicit, calcoliamo il tasso di inflazione
relativamente a un periodo base fisso), e se i salariati potessero immediatamente reagire
al nuovo tasso di inflazione (e ai nuovi prezzi), dalla curva dei salari sappiamo che essi
richiederebbero un salario reale (W2/P2) che sarebbe sempre uguale al valore precedente
e coerente col livello (costante) di occupazione L1. Attraverso la funzione di produzione,
a L1 corrisponderebbe un immutato PIL (= Y1).
Dunque, se la curva di domanda aggregata si sposta da D1 a D2, ci non avr altra
conseguenza che laumento del tasso di inflazione.

Peraltro, non sembra appropriato supporre che, ogni volta che cambiano i salari, le
imprese possano reagire immediatamente; ancora meno sembra lecito ipotizzare che i
33

salariati possano rinegoziare il loro contratto in qualsiasi momento, sulla base di prezzi e
occupazione correnti. Effettivamente, in realt n imprese n lavoratori possono
rinegoziare continuamente prezzi e salari, e questo avr leffetto di sganciare, almeno
temporaneamente, PIL e occupazione dai loro livelli di lungo periodo. Pertanto, nel
cosiddetto breve periodo, PIL e occupazione possono assumere valori diversi da quelli
implicati dallequilibrio qui sopra descritto.

34

La curva di Phillips

La Curva di Phillips una relazione inversa tra il tasso di inflazione e il tasso di


disoccupazione. Essa afferma che un aumento della disoccupazione risulta correlato a un
relativo decremento del saggio dei prezzi.
Leconomista neozelandese, nel 1958, osserv una relazione inversa tra le variazioni dei
salari monetari nelleconomia britannica nel periodo preso in esame. Analoghe relazioni
vennero presto osservate anche in altri paesi e, nel 1960, Paul Samuelson e Robert Solow,
a partire dal lavoro di Phillips, proposero unesplicita relazione tra inflazione e
disoccupazione: allorch linflazione era elevata, la disoccupazione era modesta, e
viceversa. Secondo Solow, la societ pu permettersi un saggio di inflazione meno
elevato, o addirittura nullo, purch sia disposta a pagarne il prezzo in termini di
disoccupazione.

Gli shock di domanda


Come spesso ipotizzato, se si potessero aggiustare continuamente prezzi e salari, PIL e
occupazione sarebbero continuamente uguali ai loro livelli di lungo periodo, poich
nessun altro livello potrebbe conciliare i salari reali richiesti da imprese e lavoratori.
Effettivamente, per, n imprese n lavoratori possono rinegoziare continuamente prezzi
e salari, e questo avr leffetto di sganciare, almeno temporaneamente, PIL e occupazione
dai loro livelli di lungo periodo. Nel breve periodo, ci si attende quindi che PIL e
occupazione possano assumere valori diversi da quelli di lungo periodo. In questo caso,
di fronte a spostamenti della domanda aggregata, si verr quindi a creare, almeno
temporaneamente, una relazione diretta tra tasso di inflazione e livelli di PIL e
occupazione.
Se si verificano spostamenti della curva di domanda aggregata non attesi dagli agenti
economici, e segnatamente dai salariati, essi produrranno uno scarto tra inflazione
corrente e inflazione attesa, e porteranno PIL e occupazione sopra i loro livelli di lungo
periodo. Definiamo questi spostamenti come degli shock di domanda. Si tratta di
fenomeni che colpiscono leconomia allimprovviso, portandola per l'appunto al di fuori
della situazione di equilibrio di lungo periodo. Gradualmente, il processo di
aggiustamento di prezzi e salari porter inflazione corrente e inflazione attesa
nuovamente allo stesso livello, e, come si dice, leconomia avr assorbito lo shock di
domanda, tornando alla situazione di lungo periodo. Nella nostra analisi, gli shock di
35

domanda hanno effetti temporanei su PIL, occupazione e disoccupazione, mentre avranno


effetti permanenti sul tasso di inflazione.
Nel breve periodo, sino a che i salari reagiscono solo parzialmente allo spostamento verso
lesterno della domanda aggregata, questultimo causa un aumento dellinflazione, ma
anche una variazione positiva di PIL e occupazione. A mano a mano che laggiustamento
dei salari diventa sempre pi completo (e cio, mano a mano che ci avviciniamo
allequilibrio di lungo periodo), tuttavia, gli effetti dello spostamento della domanda
aggregata su PIL e occupazione diventano sempre pi deboli, fino ad attenuarsi
completamente. Diventa sempre pi forte leffetto sullinflazione, che sar infine uguale
allo spostamento della domanda aggregata.
Ma un intervento di politica economica si configura sempre come uno shock? Non
necessariamente! Vi sono alcuni economisti che ritengono che le aspettative di inflazione
non siano legate in modo supino alla storia passata dellinflazione, ma possano
incorporare molto rapidamente informazione considerata sufficientemente credibile.
Supponiamo ora che le autorit di politica monetaria annuncino nel periodo 0 (zero) che,
allo scopo di ridurre il tasso di inflazione, intendano ridurre la domanda aggregata nel
periodo 1. Se questo annuncio viene ritenuto credibile, e se i contratti salariali sono
sufficientemente sincronizzati, leconomia si adatta immediatamente a un nuovo
equilibrio di lungo periodo, con un tasso di inflazione pi basso e PIL e occupazione
immutati.

Gli shock di offerta


Abbastanza diverso il caso dei cosiddetti shock di offerta, spostamenti non attesi della
curva di offerta aggregata di lungo periodo. Si tratta di fenomeni che fanno variare il
valore di X, la produttivit del lavoro, di (1 + ), il termine di mark-up, o Z, linsieme di
fattori che, per livello di prezzi e tasso di occupazione dati, influenza il salario richiesto
dai lavoratori.
Verifichiamo ora la produttivit del lavoro e il termine di mark-up.
Consideriamo la possibilit che, a causa di una variazione nei prezzi delle materie prime,
dellenergia, dei prodotti e servizi intermedi utilizzati nella produzione, o nei costi fissi
delle imprese, cambi il termine di mark-up. Vediamo qui sotto che succede se cresce il
prezzo del petrolio, il termine di mark-up pure aumenta, e quindi diminuisce il salario
reale di equilibrio.

36

In pratica si vengono a determinare nuovi livelli di equilibrio di lungo periodo per PIL e
occupazione, che descriviamo graficamente mediante una nuova curva di offerta
aggregata di lungo periodo, S2. Nel breve periodo, uno shock di offerta far s che
loccupazione sia superiore al (nuovo) livello di lungo periodo. Prezzi e salari saliranno,
sino a che leconomia si attester di nuovo su livelli pi bassi di PIL e occupazione, e pi
alti per salari, prezzi e tasso di inflazione. Nel caso dello shock di offerta, il breve periodo
caratterizzato da variazioni di senso inverso per le variabili di quantit e di prezzo.
A parte il fatto che il breve periodo caratterizzato da variazioni di senso inverso per le
variabili di quantit e di prezzo, non sar sfuggita unaltra importante caratteristica degli
shock di offerta. Mentre gli shock di domanda inducono cambiamenti temporanei in PIL
e occupazione, gli shock di offerta hanno effetti permanenti (di lungo periodo). questa
effettivamente una caratteristica reale degli shock di offerta? La risposta dipender in
gran parte da quello che accade allinsieme di fattori raccolti sotto il termine Z, che, per
livello di prezzi e tasso di occupazione dati, influenzano il salario richiesto dai lavoratori.

La curva di Phillips nel breve e nel lungo periodo


Abbiamo visto come nel breve periodo, sino a che i salari reagiscono solo parzialmente
allo spostamento verso lesterno della domanda aggregata, questultimo causa un
aumento dellinflazione, ma anche una variazione positiva di PIL e occupazione. Quanto
pi grande lo scarto tra inflazione effettiva e inflazione attesa, tanto pi PIL e
occupazione si troveranno al disopra dei loro livelli di lungo periodo, che comunque
raggiungeranno quando inflazione attesa ed effettiva coincideranno di nuovo alla fine del
processo di aggiustamento. Dunque, la relazione di breve periodo tra spostamento della
domanda aggregata e variazione delloccupazione implica per le autorit di politica
economica una scelta assai delicata. Esse possono decidere di far diminuire il tasso di
disoccupazione sotto al livello di lungo periodo solo se riescono a mantenere il tasso di
inflazione al di sopra del livello atteso dai salariati (e anche cos, come vedremo, non
detto che riescano nel loro intento). Oppure, possono fare scendere il tasso di inflazione
solo facendo salire, almeno temporaneamente, la disoccupazione al disopra del livello di
lungo periodo. Insomma, per un dato tasso di inflazione atteso, le autorit di politica
economica devono barattare una diminuzione del tasso di disoccupazione con un aumento
del tasso di inflazione. Parimenti, se vogliono un tasso di inflazione minore, le autorit
dovranno accettare un aumento, almeno temporaneo, del tasso di disoccupazione. Questo
scambio, o, come dicono gli economisti, questo trade-off, forse la relazione funzionale
pi famosa della macroeconomia, ed chiamato la curva di Phillips.

37

Vi una strettissima relazione tra la curva di Phillips e le curve di offerta aggregata, sia di
breve che di lungo periodo: se linflazione corrente maggiore dellinflazione attesa, il
tasso di disoccupazione (del periodo precedente) sar minore del tasso di disoccupazione
di lungo periodo, e viceversa. Parallelamente, a livelli di PIL e occupazione sopra ai loro
livelli di lungo periodo corrisponderanno tassi di disoccupazione inferiori ai loro livelli di
lungo periodo. Questa una conclusione da tenere bene a mente, poich nel prosieguo del
capitolo ragioneremo indifferentemente nei termini delluno o laltro aspetto della
situazione.
Come evidente dalla sua formula, la curva di Phillips, nel breve periodo, dipende dal
tasso di inflazione atteso. Avremo tante curve di Phillips di breve periodo quanti sono i
valori assunti dal tasso di inflazione atteso. Quando poi tasso di inflazione corrente e
atteso si equivarranno, allora, come la curva di offerta aggregata, la curva di Phillips di
lungo periodo sar una retta verticale; il tasso di disoccupazione sar fissato dal suo
valore di lungo periodo.

Le curve di Phillips di breve periodo si spostano verso lalto mano a mano che aumenta il
tasso di inflazione atteso. Se t = et, staremo su una curva di Phillips di lungo periodo:
una retta verticale in corrispondenza di u*.

38

IV. RIDUZIONE DELLA DISOCUPAZIONE

Per analizzare linfluenza sulla disoccupazione di istituzioni e politiche dal lato


dellofferta opportuno esaminare in dettaglio la determinazione dellofferta aggregata di
lungo periodo. I fattori che determinano gli spostamenti di questultima saranno infatti
alla base non solo della rilevanza di particolari configurazioni dellofferta aggregata per il
lungo periodo, ma anche per gli shock di offerta.
Nel lungo periodo (caratterizzato dalluguaglianza dei tassi di inflazione corrente e attesa)
la curva di offerta aggregata una retta verticale, e le variazioni del PIL e
delloccupazione (e, per una dato livello della popolazione attiva, della disoccupazione)
dipenderanno solamente dagli spostamenti delle curve di prezzo e di salario. Studieremo
quindi in dettaglio la determinazione di queste curve, utilizzando una semplicissima
formulazione log-lineare. Ci allo scopo di meglio comprendere la natura degli shock di
offerta, e la rilevanza dei fenomeni come la politica dei redditi o il potere contrattuale dei
sindacati. Ancora, in questa maniera potremo comprendere meglio limportanza della
pendenza della curva dei salari per la determinazione dellequilibrio di lungo periodo.
Cominciamo riformulando la curva dei salari che abbiamo gi scritto come:
W/P = f (L/F, Z)
Se scegliamo ora unespressione log-lineare per questa funzione, possiamo scrivere:
wt - ct = - (1 1) (ct - pt) + 2 (lt - ft) -2 ZLt + 3 Dt + Zwt
Tutte le variabili in caratteri minuscoli sono logaritmi naturali: wt il salario nominale, ct
sono i prezzi al consumo, pt il deflattore del PIL, nt loccupazione, lt la popolazione attiva,
Dt il tasso di imposizione diretta, ZLt un insieme di variabili che, per un dato livello di ft,
possono influenzare lofferta di lavoro (le pi importanti sono la relazione tra sussidi di
disoccupazione e reddito dei lavoratori), la durata dei sussidi di disoccupazione, il
disequilibrio tra domande e offerte settoriali del lavoro), e Zwt un insieme di variabili che
rappresentano il salario reale desiderato dai lavoratori (si tratta di fattori connessi con la
produttivit del lavoro, il tasso di sindacalizzazione, i costi di licenziamento).
Unipotesi nuova e importante dellespressione scritta qui sopra che i prezzi al consumo
siano solitamente pi alti del deflattore del PIL, e che i lavoratori sono interessati a
condizionare il loro salario ai prezzi al consumo (ai quali effettuano i loro acquisti). Per le
imprese vige naturalmente un incentivo contrario. Quindi 1 misura la cosiddetta
resistenza del salario reale da parte dei lavoratori. Lo stesso pu dirsi di 3, che misura la
resistenza dei lavoratori a variazioni nel tasso di imposizione diretta. Il parametro 2
39

rappresenta la relazione tra il tasso di occupazione (lt - ft) e il potere contrattuale dei
lavoratori. Lo stesso parametro rappresenta la relazione tra il salario reale e i fattori Z Lt
che, per un dato livello di ft, influenzano lofferta di lavoro.
Volendo rappresentare la curva dei salari nel quadrante W/P L, tutto ci che cambia
nella funzione precedente la struttura del termine di resistenza del salario reale:
wt - pt = + 1 (ct - pt) + 2 (lt - ft) -2 ZLt + 3 Dt + Zwt
Una discrepanza tra prezzi al consumo e deflattore del PIL, se vi resistenza del salario
reale, implica in questa formulazione uno spostamento verso lalto della curva dei salari
(nel quadrante W/P L).

Consideriamo adesso una rappresentazione log-lineare per la curva dei prezzi:


W/P = ( 1+ )
In questo caso i salari reali sono influenzati, mediante il margine (1 + ), dai prezzi
relativi delle materie prime e dellenergia, (rpt - pt), mentre 0 raccoglie gli effetti di
produttivit del lavoro, potere di monopolio, e altri fattori non competitivi
wt - pt = 0 -1 (rpt - pt)

Per determinare il livello di occupazione di lungo periodo ci serve ancora una funzione
per spiegare la differenza tra prezzi al consumo e deflattore del PIL. Molto
semplicemente, supponiamo che:
ct - pt = It + Kt
dove It il tasso di imposizione indiretta, e Kt un insieme di fattori residui (prezzi delle
importazioni, etc.).
Sostituendo questa funzione nelle curve di prezzo e di salario e uguagliando le due
funzioni risultanti, otteniamo:
2 (lt - ft) = 1 (It + Kt) + 2 ZLt -3 Dt -0 -1 (rpt - pt) - Zwt

In tal modo si determina il livello di occupazione di lungo periodo. Mediante la funzione


di produzione, a questo livello di occupazione di lungo periodo corrisponde un livello del
PIL di lungo periodo.

40

Questo quadro analitico ci permette di rappresentare vari fenomeni mediante spostamenti


della curva dei prezzi (CP) e dei salari (CW) nel quadrante W/P - L:

un aumento dei prezzi delle materie prime: CP scende;

un aumento del gap tra prezzi al consumo e deflattore del PIL: CW sale;

un aumento del disequilibrio tra domande e offerte settoriali di lavoro: ZLt si


riduce e CW sale.

In tutti questi esempi, PIL e occupazione di lungo periodo si riducono sempre. Se i


fenomeni considerati avranno segno contrario, avremo invece nel lungo periodo un
aumento di occupazione e PIL. Si noti poi che quando (per esempio) aumenta la
produttivit del lavoro, 0 cresce, ma Zwt pure aumenta (poich aumenta il salario reale
desiderato dai lavoratori): perci sia CP che CW si spostano verso lalto. Leffetto finale
su PIL e occupazione di lungo periodo incerto, ma probabilmente abbastanza debole in
ogni caso.

Possiamo ora fare unosservazione molto importante: i fattori raccolti sotto Zwt
rappresentano il potere contrattuale dei lavoratori per un dato livello di (lt - ft). In termini
geometrici, valori diversi assunti da Zwt fanno variare il termine costante della curva dei
salari. Al contrario, la relazione tra valori diversi di (l t - ft) e il potere contrattuale dei
lavoratori determina la pendenza della curva dei salari, 2.
Consideriamo adesso una versione semplificata della formula che determina il tasso di
occupazione di lungo periodo, dove raccoglie tutti i termini che fanno variare il termine
costante di CW e CP:
41

2 (lt - ft) = .
Avremo quindi: (lt - ft) = /2
La relazione tra variazioni di e variazioni di (lt - ft) determinata dal parametro 2.
Quanto pi grande questo parametro, tanto meno le variazioni dei termini raccolti sotto
si ripercuoteranno su (lt - ft) (c uneccezione per le variazioni di ZLt, che si
ripercuoteranno su PIL e occupazione di lungo periodo sempre in modo uguale per
qualsiasi livello di 2). Vediamo due esempi.

Quanto pi grande 2, tanto pi una variazione di (lt - ft) influisce sul potere contrattuale
dei lavoratori, e tanto pi inclinata sar CW, e tanto meno uno spostamento uguale di CP
o CW influisce su (lt - ft). Effettivamente, pure possibile mostrare che quanto pi grande
2, tanto pi rapido laggiustamento di salari e prezzi a shock di domanda.
Possiamo ora capire meglio la natura delle politiche dal lato dellofferta. Esempi di
politiche dal lato dellofferta comprendono:

una politica di difesa della concorrenza: il termine 0 si riduce e CP scende;

una diminuzione del carico fiscale sui lavoratori: il termine Dt si riduce e CW


scende;

lintroduzione di politiche attive del lavoro (facilitando soprattutto i processi di


riallocazione settoriale del lavoro): il termine ZLt si riduce e CW scende;

una politica di razionalizzazione del settore del commercio: il gap tra prezzi al
consumo e deflattore del PIL diminuisce e CW scende;

una politica di riforma dei contratti di lavoro tesa a ridurre i costi di


licenziamento: il termine Zwt si riduce e CW scende.

In tutti questi esempi, PIL e occupazione di lungo periodo aumentano. Si noti invece che
una politica di sostegno allinnovazione tecnica (che porti a un aumento della produttivit
42

del lavoro), per quanto desiderabile sotto vari aspetti, non dovrebbe avere grandi risultati
sul tasso di inflazione nel lungo periodo. Come gi visto sopra, sia 0 che Zwt crescono,
rendendo molto incerto ogni esito di lungo periodo per PIL e inflazione. Certamente,
diverso sarebbe il caso in cui la produttivit del lavoro aumentasse e una politica dei
redditi o di concertazione della negoziazione salariale portasse a un aumento meno che
proporzionale del termine Zwt. In questo caso CW scenderebbe relativamente a CP, PIL e
occupazione di lungo periodo aumentano. Una politica dei redditi o di concertazione della
negoziazione salariale potrebbe avere valenza positiva pure per ci che riguarda il breve
periodo. Se per esempio uneconomia che sta sperimentando uno stabile tasso di
inflazione del 10% lo volesse ridurre al 3% (magari per entrare a far parte dellUE),
normalmente essa dovr passare attraverso una fase di ridotto livello di attivit, per alzare
la disoccupazione e ridurre tassi corrente e atteso di inflazione nella misura desiderata.
Abbiamo gi visto parlando della Curva di Phillips che non vi sarebbe bisogno di questo
aumento della disoccupazione, se le autorit di politica economica annunciassero
anticipatamente e in modo credibile la riduzione della domanda aggregata. Ma esse
potrebbero raggiungere lo stesso scopo se, mediante una politica dei redditi, imponessero
un tetto del 3% per tutti gli aumenti salariali. Ci avrebbe leffetto di ridurre in modo
rapido e generalizzato il tasso di aumento di prezzi e salari, rendendo superfluo il ruolo di
una riduzione del livello di attivit. evidente che in questo caso la politica dei redditi
otterrebbe una stabile riduzione del tasso di inflazione, solo se accompagnata da
unappropriata politica dal lato della domanda. Essa sortirebbe comunque leffetto di
rendere questa politica pi rapida ed efficace. In assenza di una riduzione della domanda,
lapplicazione di una politica dei redditi verrebbe a creare le condizioni per un boom
dellattivit economica, che rafforzerebbe di molto il potere contrattuale dei sindacati e
renderebbe insostenibile a medio-lungo termine ogni politica di controllo salariale.
Secondo alcuni economisti sarebbero state proprio politiche contraddittorie di questo tipo
a decretare nel passato linsuccesso di politiche dei redditi. Peraltro, vi da dire che
sarebbe problematico continuare indefinitamente a pretendere che tutti i salari salgano
allo stesso modo, poich la produttivit del lavoro cresce in modo assai diversificato da
settore a settore, e di questo gli aumenti salariali devono tenere conto. Di qui la necessit
di trasformare la politica dei redditi in una pi flessibile politica di concertazione della
negoziazione salariale.

43

V. POLITICHE DEL LAVORO

La situazione di fondo

Il problema europeo della disoccupazione, secondo Blanchard (Economic Policy, 2006),


in una sua interessante e rappresentativa analisi, dovuto a:
1. Shock negativi dal lato dellofferta negli anni 70

Shock petroliferi: il costo dei fattori produttivi importato aumenta, il salario reale
adeguato aumenta, loccupazione diminuisce.

Rallentamento della produttivit totale dei fattori produttivi: se profitti e salari


non scendono, il salario reale cresce troppo, diminuiscono occupazione, profitti,
investimenti, leconomia rallenta

Aumento del tasso di interesse reale: negli anni ottanta da negativo diventa
positivo, rallentano gli investimenti

Mutamenti tecnologici: da tecnologia ad alta intensit di lavoro ad alta intensit


di capitale (skill-biased).

44

Mutamenti istituzionali
Per ci che riguarda questi ultimi, lanalisi di Blanchard riprende abbastanza da vicino il
cosiddetto OECD Consensus (proveniente dallOECD Job Study 1994).
La tesi di fondo sostiene che uno shock esogeno dellofferta crea un gap tra il livello di
occupazione di equilibrio e quello effettivo. Tale gap non pu essere colmato nel breve
periodo quando siamo in presenza di un lento di aggiustamento di prezzi e salari a causa
dell'esistenza di varie forme di rigidit. In Europa queste sono dovute alle rigidit
istituzionali del mercato del lavoro.
Le implicazioni di policy previste sono: (a) identificare le istituzioni, le regole formali o
informali, oltre che le politiche, che contribuiscono a determinare questa sclerosi; (b)
introdurre delle modifiche istituzionali, orientate ad una maggiore flessibilit. In
conclusione: la strategia di intervento proposta una generalizzata deregolamentazione
del mercato del lavoro.
I fattori istituzionali che rendono rigidi i salari e i prezzi secondo lOECD Consensus
sono: lassetto della contrattazione; la regolamentazione del mercato del lavoro; il livello
dei sussidi alla disoccupazione; il cuneo fiscale.

1 - Lassetto della contrattazione


Due modelli di contrattazione: decentrato vs centralizzato, entrambi con performance
positive sul mercato del lavoro. Nel primo caso il vincolo della concorrenza che
costringe i sindacati a moderare le richieste salariali: le imprese che subiscono di pi il
potere sindacale, infatti, sarebbero costrette a scaricare sulloccupazione gli alti costi
relativi del lavoro. Nel secondo caso sono i vincoli macroeconomici: le banche centrali, in
assenza di moderazione salariale, sarebbero costrette a adottare politiche monetarie
restrittive, per contrastare le spinte inflazionistiche che nascessero da salari troppo elevati,
e ad aumentare la pressione fiscale, per finanziare i maggiori sussidi di disoccupazione
che si dovrebbero pagare per effetto di tali politiche.
Le peggiori performance in termini di occupazione avvengono allorquando la
contrattazione viene condotta a un livello intermedio, per esempio per settore o industria.
In questo caso, infatti, vengono esaltati il potere insider dei lavoratori e gli effetti
imitativi al rialzo tra i sindacati nei diversi settori. Pertanto, vengono meno sia le spinte
alla moderazione salariale che la concorrenza impone alle singole imprese sia la capacit
di internalizzare i vincoli macroeconomici della contrattazione centralizzata.
Un ulteriore elemento, introdotto nel dibattito sulla contrattazione rappresentato dal
45

grado di coordinamento tra sindacati e tra imprese che permette a molti paesi di avere
buone performance positive pur avendo un grado di contrattazione intermedia.
Peraltro, la posizione dellOECD Consensus nettamente a favore della contrattazione
decentrata.

2- La regolamentazione del mercato del lavoro


Sistema di protezione sociale introdotto negli anni sessanta e settanta con lo scopo di
rendere il lavoro pi sicuro dal punto di vista della salute fisica e della sicurezza
economica, per rendere pi stabili i rapporti di lavoro con le aziende e per internalizzare i
costi di assunzione, di licenziamento e di qualificazione.

La regolamentazione dellorario di lavoro, ovvero la legislazione o gli accordi


sindacali che pongono vincoli sullorario massimo di ore lavorate per settimana, sul
numero minimo di giorni di ferie, sul lavoro notturno o nei giorni feriali e festivi.

La legislazione a protezione delloccupazione, la quale pone limiti ai


licenziamenti.

La limitazione dei contratti di lavoro a part-time o a tempo limitato.

Tutti e tre questi elementi farebbero aumentare la disoccupazione in quanto


disincentiverebbero in sostanza le assunzioni.
La determinazione di salari minimi, la quale pu essere estesa anche a coloro che non
sono sindacalizzati o che non rientrano in altro modo (leggi erga omnes) negli accordi
sindacali, facendone aumentare il costo salariale.
Secondo la visione dellOECD Consensus, la regolamentazione contrattuale limita
Ladattabilit e laggiustamento del mercato del lavoro alle variazioni delle condizioni
economiche delle imprese e delleconomia in generale. In sostanza per rendere pi
sicuro il lavoro si punta ad un obiettivo immediato, la protezione di chi gi occupato,
mentre, al contrario, non si colgono le implicazioni di lungo periodo che conducono ad
una riduzione della domanda di lavoro a sfavore dei lavoratori pi svantaggiati -giovanio, quanto meno, a sviluppare forme contrattuali atipiche contratti temporanei, part-time,
ecc. al fine di rendere pi flessibile loccupazione.

3- I sussidi al reddito
Unaltra caratteristica del sistema di welfare introdotto negli anni sessanta e settanta
46

rappresentata dallespansione dei sussidi al reddito inizialmente previsti solo per gli
anziani o gli inabili e progressivamente estesi anche alle persone in condizione di
lavorare.
(a) Un sussidio a copertura di un reddito minimo garantito che pu essere fornito per un
periodo pi o meno lungo e indipendentemente dal reddito precedentemente percepito;
(b) Un sussidio per chi ha perso improvvisamente il lavoro, i disoccupati, che in genere
a tempo determinato e legato al reddito da lavoro svolto in precedenza.
Il sussidio alla disoccupazione in teoria dovrebbe facilitare la ricerca del lavoro,
incentivare la mobilit e ridurre il rischio; cos come i sussidi in genere riducono le
disparit tra redditi, migliorando quelli di coloro che per vari motivi vengono esclusi dal
mercato del lavoro. Tuttavia queste misure insieme ad altre, come per esempio i salari
minimi garantiti per legge, contribuiscono in sostanza ad aumentare il salario di riserva e
ci ha vari effetti negativi sulla performance economica. Infatti, nella misura in cui esse
abbassano il costo della disoccupazione per chi senza lavoro, viene meno l'incentivo
della ricerca del lavoro, aumenta la sua durata, determinando in ultima analisi un aumento
medio della disoccupazione. Inoltre, dal lato dell'offerta vi una minore tendenza ad
accettare lavori a bassi salari e con basse qualifiche, cos come dal lato delle imprese vi
una tendenza a ridurre la domanda di questo tipo di lavori e si incoraggia la sostituzione
di lavoratori permanenti con lavoratori temporanei. Infine per finanziare questo sistema di
welfare basato sui trasferimenti si rende necessaria unelevata pressione fiscale a carico
sia delle imprese che di coloro che sono occupati, con ulteriori effetti discorsivi.

4 - Il cuneo fiscale
Nella maggior parte dei paesi europei negli anni settanta e ottanta si avuta una crescita
del carico fiscale con conseguenze negative sulloccupazione.
Il cuneo fiscale costituito da tre elementi: le tasse sul reddito, i contributi sociali sia
a carico dei lavoratori che delle imprese e le tasse indirette sui beni di consumo.
Mentre la composizione relativa del cuneo fiscale non sembra avere effetti significativi
sulloccupazione aggregata e sulla produzione, il suo livello, invece, nel caso di
concorrenza imperfetta, contribuendo ad innalzare il costo del lavoro e a determinare
lincentivo al lavoro, influenza non solo la domanda di lavoro ma aumenta anche la
conflittualit salariale e la resistenza alle riduzioni salariali.
Lalto costo del lavoro anche responsabile, secondo lOECD Consensus, della riduzione
dellarea delloccupazione formale e la crescita delleconomia sommersa e pu spiegare
47

anche il basso tasso di partecipazione in Europa e lalto tasso di occupazione nelle piccole
aziende.
La necessit di finanziare un sistema di sicurezza sociale sempre pi ampio e generoso
ha, infatti, accresciuto il cuneo fiscale tra il salario effettivamente disponibile per il
consumo -il potere dacquisto salariale al netto delle tasse-, che rappresenta lindicatore
dellincentivo al lavoro da parte dei lavoratori, e il costo del lavoro pagato
dallimprenditore.

Le politiche europee
La strategia europea per loccupazione (SEO)

1.

Trattato di Amsterdam - Consiglio di Lussemburgo (1997)

La strategia di policy si focalizza sostanzialmente su alcune frammentate linee di


intervento di minima resistenza. Le linee guida, infatti, ruotavano intorno a quattro
pilastri: occupabilit, imprenditorialit, adattabilit e pari opportunit.
Sembra in sostanza prevalere la preoccupazione, in unottica tipicamente liberista, di far
s che nel mercato del lavoro si determino situazioni di pari opportunit, ovvero che i
gruppi pi svantaggiati (giovani, disoccupati di lungo periodo, donne, disabili) abbiano la
possibilit di aumentare le loro chance di essere occupati e di permettere lespansione
delle piccole imprese e dellimprenditorialit diffusa.
Non si affronta pienamente il problema delle riforme strutturali.
Inizio: dalla seconda met 90. Strategia con punti in comune con lOecd consensus,
anche se pi timida perch in Europa vi erano ancora forti resistenze verso politiche
strutturali di flessibilit per gli effetti avversi sulla distribuzione del reddito e per il timore
di diminuire la coesione sociale e intaccarre il core del welfare state.
Caratteristiche istituzionali della strategia: la Commissione europea non si occupa
direttamente delle politiche del lavoro ma, una volta individuate alcune linee generali che
determinano anche lammissibilit ai finanziamenti del Fondo Sociale Europeo, demanda
ai singoli paesi lonere di procedere alla riforma strutturale delle istituzioni che regolano
il funzionamento del mercato del lavoro. La Commissione ha, quindi, il compito di
verificare annualmente ex-post lo stato dattuazione dei programmi individuati nei Piani
dAzione Nazionali. Limpostazione di policy adottata costituisce in sostanza il primo
esempio del cosiddetto Metodo di coordinamento aperto.

48

Commento finale: non fornisce adeguate indicazioni sui settori produttivi che potessero
avere potenzialit di fare ripartire leconomia europea e, per questa via, accrescere
loccupazione. In sintesi, la strategia al suo nascere non sembra riuscire a dare risposte
adeguate a risolvere lelevata disoccupazione europea, n nel suo complesso n rispetto
alle specifiche realt dei singoli Paesi.

2.

Lisbona 2000

Il processo di Lisbona attua un profondo cambiamento della strategia per loccupazione.


LEuropa deve diventare leconomia basata sulla conoscenza pi competitiva e
dinamica del mondo, in grado di realizzare una crescita economica sostenibile con nuovi
e migliori posti di lavoro e una maggiore coesione sociale.
Nel documento della Commissione Europea Linee di orientamento per le politiche per
loccupazione per il triennio 2005-2008 il Consiglio Europeo ha ravvisato la necessit di
rilanciare la strategia di Lisbona e di ridefinire le priorit di intervento.
Il primo set di politiche costituito da quelle che fanno s che sia possibile attrarre pi
persone nel mercato del lavoro e che vi possano rimanere.
Il secondo set di politiche riguarda quelle che puntano ad un alto livello di protezione
sociale.
Il terzo set di politiche si pone il raggiungimento delle pari opportunit
Da ultimo, in continuit con il processo fin qui ricostruito, la nuova Agenda sociale
introduce tre nuove condizioni di successo quali indicazioni per il futuro del modello
sociale europeo: lattivazione di un partenariato intergenerazionale e di un partenariato
per il cambiamento nonch limpatto del commercio estero sulla competitivit.
La piena occupazione non pu essere solamente raggiunta attraverso obiettivi quantitativi,
ma anche e soprattutto attraverso la promozione della qualit del lavoro. Esolo
combinando la flessibilit con la sicurezza che diventa pensabile e perseguibile, quindi,
che un nuovo modello sociale possa svilupparsi e adattarsi ai rapidi cambiamenti indotti
dal nuovo modello di sviluppo economico.
Pari opportunit: e cio, accanto allottica consueta di genere, definisce misure per
combattere le varie forme di discriminazione e per integrare soggetti portatori di
disabilit.

49

Conclusioni
La strategia sembra differenziarsi molto da quella proposta dallOECD - anche rispetto al
nuovo reassessment.
Perch a pi di un quinquennio stenta a prendere forma?
a) Perch basata su un livello istituzionale che applica una regolamentazione soft.
b) I singoli paesi, tra cui lItalia e gli altri paesi intermedi, sono stati molto pi attratti
(da Ocse, FMI, ecc.) dalle prescrizioni dellOECD Consensus circa le riforme strutturali.

Il caso italiano
Le nuove politiche del lavoro hanno modificato il loro target spostandosi dai soggetti
disoccupati agli occupati. In particolare, le politiche del making work pay anzich fornire
sussidi a chi non lavora, mirano a concedere trasferimenti solo a chi accetta un lavoro
anche in impieghi a bassa produttivit. Lo spirito di queste politiche consiste pertanto
nellevitare che si crei disoccupazione di attesa e nel favorire lentrata nel mercato del
lavoro allo scopo di limitare lobsolescenza del capitale umano e la perdita delle
caratteristiche di impiegabilit dei disoccupati a causa del protrarsi della durata della
disoccupazione. Levidenza empirica sembra indicare che tali politiche contribuiscono ad
aumentare loccupazione senza alimentare le disuguaglianze sociali e la costituzione di
una classe lavorativa con retribuzioni al di sotto della soglia di povert favorendo, inoltre,
la mobilit sociale.
Con riferimento al caso italiano stato proposto da qualche anno un indirizzo di politica
del lavoro denominato welfare-to-work. Questa strategia ha origine nella necessit di
introdurre dei meccanismi che facilitino la partecipazione individuale al mercato del
lavoro, favoriscano lincontro tra domanda e offerta di lavoro e rendano possibile
unampia convergenza dei livelli produttivi e occupazionali territoriali senza ricorrere a
un sistema di sussidi di lungo termine. E noto come il modello adottato negli USA per
raggiungere elevati obiettivi occupazionali, basato sullassenza di una rete di protezione
sociale, lascia spazio allemergere di disuguaglianze e criminalit. Al contrario, la
strategia perseguita dal modello in esame, attraverso la combinazione di politiche attive e
passive, dovrebbe condurre alla riduzione del tasso di disoccupazione aggregato e al
livellamento dei differenziali regionali e delle disuguaglianze.
Allinterno di tale approccio emerge la possibilit di decentralizzare la contrattazione
salariale. La riforma dei modelli di contrattazione rappresenta uno dei principali temi del
dibattito sulle riforme istituzionali adeguate a migliorare lefficienza del mercato del
50

lavoro. In Europa, tale dibattito riveste un ruolo particolarmente di rilievo anche alla luce
del processo di integrazione sui mercati nazionali. La domanda decisiva in tale ambito
se un sistema contrattuale decentrato, agendo sulla relazione tra salari e condizioni del
mercato del lavoro locale, potrebbe migliorare i livelli occupazionali e ridurre i
differenziali regionali. Un altro tema rilevante quello della mobilit regionale del
lavoro. Nellintento di consentire il maggior numero possibile di accessi alloccupazione
e di limitare la durata delloccupazione evidente che le politiche di incoraggiamento alla
mobilit regionale rappresentano uno strumento rilevante. Sappiamo che nellultimo
decennio i flussi migratori interregionali in Europa si sono sensibilmente ridotti pur in
presenza di un aumento dei divari regionali e della disoccupazione di lunga durata. Alla
luce dei costi economici e sociali causati da questi fenomeni e dellintroduzione della
moneta unica auspicabile lincentivazione della mobilit del lavoro.

51