Sei sulla pagina 1di 17

30065 Microeconomia CLEAM 6

2015 Marco Maffezzoli Universit Bocconi

SCELTA DEL CONSUMATORE


Preferenze

Vincolo di Bilancio

Cosa vorrebbe lindividuo

Cosa pu fare lindividuo

La decisione
Cosa lindividuo
effettivamente fa

30065 Microeconomia CLEAM 6

2015 Marco Maffezzoli Universit Bocconi

PREFERENZE
Sappiamo che i consumatori hanno vari bisogni da soddisfare, e che tali
bisogni dipendono dai gusti individuali; tali gusti sono definiti preferenze
Principio dellordinamento delle preferenze: i consumatori sono in
grado di stabilire un ordinamento, ossia di disporre in ordine di preferenza
tutte le alternative disponibili (con la possibilit di ex aequo)
In caso di ex aequo, il consumatore detto essere indifferente tra le
due alternative
Due assiomi impliciti:
Completezza: dati A e B, A preferito a B, B preferito ad A,
oppure A e B sono equivalenti (il consumatore indifferente)
Transitivit: Dati A, B e C: se A preferito a B e B preferito a
C, allora A preferito ad C
2

30065 Microeconomia CLEAM 6

2015 Marco Maffezzoli Universit Bocconi

Principio della scelta (assioma di razionalit individuale): tra le


alternative disponibili, il consumatore sceglie quella a cui attribuisce il
rango pi elevato nel proprio ordinamento
Principio di non saziet: un paniere contenente una quantit maggiore di
uno dei due beni verr sempre preferito a un paniere che ne contiene una
quantit minore, ceteris paribus
Il principio di non saziet non un assioma, cio non strettamente
necessario, ma semplificher notevolmente la nostra analisi

30065 Microeconomia CLEAM 6

2015 Marco Maffezzoli Universit Bocconi

Supponiamo per semplicit che ci siano solo due beni, x e y; le quantit


consumate dei due beni possono essere rappresentate sul piano cartesiano

yb

I punti sul piano rappresentano possibili panieri di consumo, cio


possibili insiemi di beni acquistabili dai consumatori
Ogni paniere contiene una quantit di bene x, per esempio xa, e una
quantit di bene y, per esempio ya
4

30065 Microeconomia CLEAM 6

2015 Marco Maffezzoli Universit Bocconi

y
Panieri meno
appetibili di a

Panieri preferibili
ad a

a
?

x
y

CURVA DI INDIFFERENZA: La curva


di indifferenza passante per a rappresenta
linsieme di tutti i panieri considerati
equivalenti ad a (indifferenti ad a)

Curva
dindifferenza

x
5

30065 Microeconomia CLEAM 6

2015 Marco Maffezzoli Universit Bocconi

Alcune propriet delle curve di indifferenza:


Le curve di indifferenza sono sottili (perch?)
Le curve di indifferenza non hanno pendenza positiva (perch?)
La curva di indifferenza che passa per a separa i panieri migliori
di a da tutti i panieri peggiori (perch?)
Una famiglia di curve di indifferenza, detta anche mappa
dindifferenza, un insieme di curve di indifferenza che rappresentano le
preferenze dello stesso individuo

30065 Microeconomia CLEAM 6

2015 Marco Maffezzoli Universit Bocconi

Mappa dindifferenza
Mappa dindifferenza (famiglia di curve
linsieme completo delle curve di indifferenza

dindifferenza):

y
B
C
A

NO!

B A, B~C, A~C

A
C

A~B ???

x
7

30065 Microeconomia CLEAM 6

2015 Marco Maffezzoli Universit Bocconi

Alcune propriet delle famiglie di curve di indifferenza:


Le curve di indifferenza non si intersecano fra loro
Quando mette a confronto due panieri qualsiasi, il consumatore
preferisce quello che giace sulla curva di indifferenza pi lontana
dallorigine degli assi
Oltre ai beni, il cui consumo migliora il benessere del consumatore,
esistono i mali, il cui consumo peggiora il benessere del consumatore
Nel caso di un bene e di un male, con il male rappresentato sullasse
orizzontale, le curve di indifferenza sono positivamente inclinate

30065 Microeconomia CLEAM 6

2015 Marco Maffezzoli Universit Bocconi

Pendenza della curva dindifferenza

y
y
Pendenza =
x

a
y

b
x
x

La pendenza della curva in corrispondenza dei punti a e b pu


essere approssimata dalla pendenza della retta passante per essi
9

30065 Microeconomia CLEAM 6

2015 Marco Maffezzoli Universit Bocconi

y
Pendenza =

y
x

y
dy

se x 0
x
dx

Pendenza =

dy
dx

x
Quando b a, la pendenza della retta passante per a e b converge
alla pendenza della curva nel punto a
10

30065 Microeconomia CLEAM 6

2015 Marco Maffezzoli Universit Bocconi

Saggio Marginale di Sostituzione


Pendenza della curva di indifferenza:

y dy

x dx
NB: la pendenza sempre negativa se vale la non saziet!
Definiamo il saggio marginale di sostituzione (MRS):

dy
y
MRS xy =

dx
x
Il MRS indica il rapporto al quale il consumatore disposto a
scambiare un bene con laltro (y con x) in modo da mantenere
lo stesso livello di soddisfazione
11

30065 Microeconomia CLEAM 6

2015 Marco Maffezzoli Universit Bocconi

dy
MRS xy =
dx

a
y

Per ipotesi, lMRS decrescente man mano che ci si sposta verso destra
lungo una curva di indifferenza
In termini matematici, una curva con pendenza decrescente si dice
convessa rispetto allorigine
La convessit della curva di indifferenza rappresenta lamore per la
variet
12

30065 Microeconomia CLEAM 6

2015 Marco Maffezzoli Universit Bocconi

MRS decrescente
Se stessimo consumando 100 mele (M) e 5 arance (A), potremmo voler
scambiare 10 mele per 1 arancia
In questo caso: MRS = -M/A =10/1= 10
Se invece avessimo 5 mele e 100 arance, potremmo essere disposti a
scambiare 1 mela per 10 arance
In questo caso: MRS = -M/A =1/10= 0.1
Il rapporto al quale il consumatore disposto a scambiare mele per arance
diminuisce allaumentare del numero di arance consumate

13

30065 Microeconomia CLEAM 6

2015 Marco Maffezzoli Universit Bocconi

Perfetti sostituti

Perfetti complementi

Nel caso dei perfetti sostituti, la pendenza delle curve di indifferenza


rappresenta il rapporto di sostituibilit
Nel caso dei perfetti complementi, il rapporto di complementariet
dato dalla pendenza della retta che unisce i punti dangolo
14

30065 Microeconomia CLEAM 6

2015 Marco Maffezzoli Universit Bocconi

TEORIA DELLUTILITA
Lordinamento delle preferenze pu essere rappresentato da una funzione
che assegni ad ogni paniere un numero che indica il livello di soddisfazione
relativo

Funzione di utilit:

U ( A ) > U ( B ) se A f B

U ( x, y ) tale che: U ( A ) < U ( B ) se B f A


U ( A ) = U ( B ) se A B

Supponiamo di aumentare marginalmente il consumo di x, lasciando


inalterato il consumo di y: ci possiamo aspettare una variazione dellutilit
(aumento o diminuzione?)
Lutilit marginale misura lampiezza di tale variazione, espressa in unit
di utilit
15

30065 Microeconomia CLEAM 6

2015 Marco Maffezzoli Universit Bocconi

Utilit marginale:

U U
MU x =
=

x x

MU

U U
=
=

y
y

Si pu dimostrare che:

MU x
MRS xy =
MU y
16

30065 Microeconomia CLEAM 6

2015 Marco Maffezzoli Universit Bocconi

Lutilit marginale strettamente positiva per entrambi i


beni (perch?):

M U x > 0,

MU y > 0

Inoltre, generalmente assumiamo che sia anche decrescente:

M U x
< 0,
x

M U y
y

<0

Quali sono le implicazione di tali ipotesi per lMRS?

MU x
MRS xy =
MU y
17