Sei sulla pagina 1di 2

SLC - CGIL Sindacato Lavoratori Comunicazione

FISTel - CISL Federazione Informazione Spettacolo e Telecomunicazioni


UILCOM - UIL Unione Italiana Lavoratori della Comunicazione

Roma, 12 marzo 2010

COMUNICATO
TELECOM:
NO ALL’ ESTERNALIZZAZIONE DI IT OPERATION
CHIUSA CON ESITO NEGATIVO LA PROCEDURA DI LEGGE

Il giorno 11 marzo 2010 si è svolto un incontro, nell’ambito delle procedure di legge per la
cessione del ramo d’azienda IT Operation a SSC, tra Telecom Italia e le Segreterie Nazionali di
SLC FISTEL e UILCOM unitamente alle RSU interessate.
Nel corso dell’incontro l’azienda ha ribadito la decisione di non procedere più alla vendita di
SSC e di cedere invece alla stessa SSC, dal 1 aprile 2010, il ramo d’azienda denominato IT
Operations composto da circa 2150 lavoratori oggi in Telecom Italia, nell’ambito di una
complessiva riorganizzazione dell’informatica di gruppo.
La nuova SSC così composta costituirà la “fabbrica” del software del gruppo, mentre le funzioni
legate alla parte di progettazione dei processi informatici e di interfaccia con la nuova SSC
rimarranno all’interno di Telecom Italia.
Sempre da parte aziendale è stato anche confermato che, una volta realizzata la suddetta
operazione di cessione di ramo, sarà necessario procedere nella nuova SSC ad operazioni di
“efficientamento” per riportare il costo del lavoro a livelli paragonabili con quelli del mercato
esterno, e che tali interventi saranno necessari, alla luce del piano industriale previsto per fine
mese, anche in diversi settori di Telecom Italia (customer, aree di staff, rete, nel resto del
versante informatico interno, ecc). Tali esigenze sarebbero determinate dalla situazione di
mercato attuale, dalla persistenza di un debito importante, dalla riduzione dei margini.
Le RSU presenti hanno denunciato nel merito le ondivaghe politiche industriali susseguitesi nel
corso degli anni nel settore informatico, i fenomeni di depauperamento professionale causati da
scelte industriali sbagliate, la storica presenza di un elevatissimo ricorso alle consulenze, scelte
manageriali sbagliate che hanno determinato sprechi ed inefficienze, temi da sempre denunciati
dal sindacato e che hanno sempre trovato scarso riscontro da parte aziendale.
Inoltre la delegazione ha confermato a Telecom Italia l’assoluta non rispondenza tra le attività
effettivamente svolte da molti lavoratori e le recenti “attribuzioni” al settore in questione ed ha
denunciato con forza una situazione determinata esclusivamente da esigenze aziendali di budget,
per le quali a questi lavoratori sono state date nel corso del tempo precise disposizioni di
attribuzione dei tempi lavoratovi.
Le Segreterie nazionali di SLC-CGIL, FISTEL-CISL e UILCOM-UIL hanno ribadito che:
 La vertenza che ha visto protagonista SSC nel corso dello scorso anno aveva lo scopo di
ottenere una maggiore integrazione di SSC dentro Telecom Italia e non l’opposto.
 La disponibilità dei lavoratori e del sindacato a confrontarsi seriamente sul tema del costo
del lavoro in SSC (manifestata anche in occasione degli incontri al Ministero per lo
sviluppo economico) era stata già evidente in occasione dei processi di armonizzazione
effettuati all’inizio del 2009 e conclusi con accordi sindacali dopo un articolato
confronto.

Affiliazione ad SLC - Tel. 06-42048212 Fax 06-4824325


UNI FISTel - Tel. 06-492171 Fax 06-4457330
Union Network International UILCOM - Tel. 06-8622421 Fax 06-86326875
2

 La scelta di Telecom Italia di ricreare un polo informatico nell’ambito del gruppo - ma


esterno a Telecom - oltre a contraddire scelte industriali che solo qualche anno fa
avevano riportato IT Telecom all’interno della casa madre, riapre scenari incerti per il
futuro di migliaia di lavoratori.
 Risulta incomprensibile il perché tale operazione veda la luce senza che il sindacato ed i
lavoratori abbiano chiaro lo scenario complessivo che sarà determinato, tra pochi giorni,
dal nuovo piano industriale.
 Le affermazioni aziendali intorno alla necessità di razionalizzazione dei costi industriali
ed “efficientamento” degli organici in vaste aree di Telecom, oltre che di SSC, non fanno
che confermare i timori di una nuova stagione caratterizzata da pesanti dichiarazioni di
esuberi.
 Non è più possibile pensare che, anche a fronte di scelte manageriali palesemente
sbagliate, nell’Informatica come nel resto di Telecom Italia, qualcuno pensi che a pagare
debbano essere ancora solo ed esclusivamente i lavoratori
Le Segreterie Nazionali di SLC-CGIL, FISTEL-CISL, UILCOM-UIL hanno quindi chiesto
il ritiro della procedura di cessione di ramo d’azienda in questione ed il rientro in Telecom
Italia dei lavoratori SSC, allo stesso modo in cui Pirelli aveva reinternalizzato le proprie
risorse dopo lo scioglimento della società consortile.
L’azienda ha invece confermato l’intenzione di procedere allo scorporo del settore IT Operazions
in SSC a partire dal 1 aprile p.v..
A questo punto la delegazione sindacale ha dichiarato di considerare chiusa la procedura di legge
con esito negativo, non sussistendo più le condizioni per una eventuale prosecuzione del
confronto, preannunciando a Telecom Italia una durissima stagione di lotta.
Per dare un primo chiaro segnale della contrarietà dei lavoratori e del sindacato a questa grave
decisione aziendale,

SLC-CGIL, FISTEL-CISL e UILCOM-UIL proclamano


un primo sciopero nazionale intero turno dell’intera funzione
Information Technology in ambito Technology & Operation per
martedì 23 marzo 2010
Per lo stesso giorno viene proclamato anche lo sciopero nazionale
intero turno dei lavoratori di SSC

Nei prossimi giorni verranno effettuate le assemblee dei lavoratori in tutto il territorio nazionale
per una informativa più puntuale della situazione e per decidere ulteriori iniziative territoriali a
sostegno della vertenza.

LE SEGRETERIE NAZIONALI
SLC-CGIL FISTel-CISL UILCOM-UIL

Affiliazione ad SLC - Tel. 06-42048212 Fax 06-4824325


UNI FISTel - Tel. 06-492171 Fax 06-4457330
Union Network International UILCOM - Tel. 06-8622421 Fax 06-86326875