Sei sulla pagina 1di 2

iRS - Repùbrica de Sardigna :: Leggi argomento - Petrolchimico di Aug... http://www.irs.sr/forum/viewtopic.php?p=67608&sid=c5f646db010d8...

iRS - Repùbrica de Sardigna


Arrejonada de su portale natzionale www.irs.sr

FAQ Cerca Lista utenti Gruppi Registrati


Profilo Messaggi privati Log in

Petrolchimico di Augusta Condanna dalla Corte Ue

Indice del forum -> Arrejonada polìtiga e curturale

Precedente :: Successivo

Autore Messaggio

zusepe.ruju Inviato: Mer Mar 10, 2010 11:20 am Oggetto: Petrolchimico di Augusta Condanna dalla Corte Ue
Tesoriere Regione SS

Petrolchimico di Augusta Condanna dalla Corte Ue

La Corte europea di giustizia ha sentenziato che le imprese del territorio si possono considerare
presunte responsabili dell'inquinamento nell'area del petrolchimico Augusta-Priolo-Melilli. Soddisfatta
Legambiente: «Sentenza utile a sbloccare il risanamento ambientale in Italia»
Registrato: 21/06/07 07:33 Le imprese che hanno operato nel polo petrolchimico Augusta-Priolo-Melilli, in provincia di Siracusa,
Messaggi: 1467 dovranno pagare per i danni ambientali arrecati all'area. Secondo una sentenza della Corte Ue di
Residenza: Tàtari
giustizia "gli operatori che hanno impianti limitrofi a una zona inquinata possono essere considerati
presunti responsabili dell'inquinamento". La Corte si è pronunciata dopo essere stata investita dal Tar
della Sicilia che dovrà decidere su alcuni ricorsi presentati da Erg, Eni, Polimeri Europa, Syndial contro
alcuni provvedimenti che le obbligano ad adottare misure per la riparazione del danno ambientale nella
zona di Priolo accollandosene gli oneri finanziari.

Nella sentenza la Corte europea giunge alla conclusione che "la direttiva sulla responsabilità ambientale
non osta a una normativa nazionale che consente all'autorità competente di presumere l'esistenza di un
nesso di causalità tra determinati operatori e un inquinamento accertato, e ciò in base alla vicinanza dei
loro impianti alla zona inquinata". E l'autorità "dovrà disporre di indizi plausibili in grado di dare
fondamento alla sua presunzione, quali la vicinanza dell'impianto dell'operatore all'inquinamento
accertato e la corrispondenza tra le sostanze inquinanti ritrovate e i componenti impiegati da detto
operatore nell'esercizio della sua attività".

Inoltre - sottolinea la Corte Ue - "l'autorità competente non è tenuta a dimostrare l'esistenza di un


illecito in capo agli operatori le cui attività siano considerate all'origine del danno ambientale". Per i
giudici di Lussemburgo, infine, "le autorità nazionali possono subordinare il diritto degli operatori ad
utilizzare i loro terreni alla condizione che essi realizzino i lavori di riparazione ambientale imposti".
Anche se una tale misura "deve essere giustificata dallo scopo di impedire il peggioramento della
situazione ambientale".

Legambiente esprime soddisfazione per la sentenza interpretativa, che chiarisce che gli operatori del
polo petrolchimico possono essere considerati responsabili dell’inquinamento dei suoli e della rada di
Augusta anche se non hanno commesso illeciti. L’associazione ambientalista ritiene la pronuncia “molto
utile a sbloccare il risanamento ambientale delle 57 aree più inquinate d’Italia, gestite dal 1998 in modo
del tutto inefficiente dal ministero dell’Ambiente con il Programma nazionale di bonifica, oltre alle
migliaia di siti locali inquinati la cui bonifica compete a Regioni e Comuni”.

Quella della bonifica della rada di Augusta è considerato dalle associazioni ambientaliste la madre di
tutte le battaglie per il risanamento della zona industriale Siracusana. Sui fondali di quel tratto di mare
si sono accumulati diversi milioni di tonnellate di rifiuti inquinanti in oltre cinquant'anni di attività delle
aziende che hanno fatto del polo petrolchimico a partire dalla fine degli anni '50 del secolo scorso una
delle aree a maggiore densita' di impianti di industria 'pesante'. “Tra l’inefficienza del ministero e il
rimpallo delle responsabilità tra le aziende – dichiara Stefano Ciafani, responsabile scientifico di
Legambiente – a pagare le conseguenze, anche sanitarie, è sempre il ‘popolo inquinato’, come
dimostrano numerosi studi epidemiologici realizzati da Oms, Istituto Superiore di Sanità, Cnr e
Osservatori regionali. La responsabilità sociale delle aziende si misura anche sulla loro disponibilità a
intervenire con tempi certi e adeguate risorse umane ed economiche per il risanamento ambientale”.

1 of 2 13/03/2010 20.23
iRS - Repùbrica de Sardigna :: Leggi argomento - Petrolchimico di Aug... http://www.irs.sr/forum/viewtopic.php?p=67608&sid=c5f646db010d8...

“Cogliamo finalmente - aggiunge Ciafani - l’opportunità offerta della bonifica dell’inquinamento


pregresso per rilanciare la chimica italiana sui mercati internazionali, fondandola sull’innovazione
tecnologica di prodotto e di processo”. La decisione di oggi della Corte Ue - che ha riaffermato il
principio "chi inquina paga" - si inserisce in una vicenda giudiziaria complessa che vede intrecciarsi
procedimenti davanti alla magistratura amministrativa e a quella ordinaria penale. Il primo atto cinque
anni fa quando alcune delle aziende che, secondo l'indirizzo emerso a suo tempo dalla conferenza
nazionale dei servizi, avrebbero dovuto farsi carico dei costi della bonifica decisero di ricorrere al Tar di
Catania mentre altre società scelsero la via del ricorso amministrativo davanti ai giudici del Lazio.

Il Tar etneo sospese l'efficacia del provvedimento della conferenza dei servizi accogliendo le ragioni alle
aziende ricorrenti. Successivamente, però, il Consiglio di giustizia amministrativa di Palermo ripristinò
l'efficacia dell'obbligo della bonifica a cura delle aziende dell'area industriale siracusana. La vicenda
intanto era finita anche all'esame della Corte Ue alla quale la magistratura amministrativa siciliana si
era rivolta perché fissasse una sorta di "indirizzo" che oggi si é concretizzato nella riaffermazione del
principio "chi inquina paga". Un principio che adesso potrà essere applicato nelle decisioni future dei
giudici amministrativi siciliani sulla specifica questione.
http://www.lanuovaecologia.it/view.php?id=11560&contenuto=Notizia

Top

omar.onnis Inviato: Mer Mar 10, 2010 12:50 pm Oggetto:


Esecutivo Nazionale -
Delegato Disterru
Un precedente fondamentale!

Registrato: 29/11/07 15:26


Messaggi: 3117
Residenza: Nùgoro/Trento

Top

federico.coni Inviato: Mer Mar 10, 2010 12:51 pm Oggetto:


Resp. Organizzazione OR

Finalmente!

Registrato: 04/05/07 17:40


Messaggi: 2626
Residenza: ABAS - Marmidha
'e susu - Parte Montis
3400939318

Top

andrìa.cocco Inviato: Mer Mar 10, 2010 8:56 pm Oggetto:


Ospite - Nuovo registrato

Registrato: 25/12/07 09:19


Messaggi: 196 Bella notizia!!. Ora ci vuole chi vada fino in fondo e metta in pratica il tutto. Ma in Italia...esiste questo
qualcuno?...
Spero che in Sardegna ci sarà presto qualcuno...

Top

Mostra prima i messaggi di: Tutti i messaggi Vecchi Vai

Tutti i fusi orari sono GMT


Indice del forum -> Arrejonada polìtiga e curturale

Pagina 1 di 1

Vai a: Arrejonada polìtiga e curturale Vai

Non puoi inserire nuovi argomenti


Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi

Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group


phpbb.it

2 of 2 13/03/2010 20.23

Interessi correlati