Sei sulla pagina 1di 15

Posta a cavallo tra Puglia e Basilicata, Gravina in Puglia sorge in una felice posizione geografica che ne ha sempre fatto,

fin dagli
albori, un crocevia di attività commerciali. Abitata sin dai tempi remoti, il suo nome deriva dalla particolare ubicazione, sull'orlo di
un grosso burrone o gravina (denominata "Civitas Gravinae" nel V secolo dopo Cristo). Gravina in Puglia ha uno dei Parchi
archeologici più grandi d'Europa. I primi insediamenti umani si fanno risalire al quinto millennio a. C., cioè al Neolitico Medio,
nell'Età del bronzo. A partire dall'Età del ferro fu fiorente la cittadella sulla collina di Botromagno, che oggi è il cuore del Parco
archeologico. Denominata anche Sidion (nel periodo greco) e Silvium (in età romana), ha sempre costituito un importante centro
agricolo e commerciale lungo la via Appia. Nel V secolo il centro abitato fu distrutto durante le invasioni barbariche per poi essere
riedificato. Nel periodo di invasione dei barbari, le genti locali si rifugiarono nelle grotte del torrente Gravina dando vita alla
mirabile Civiltà rupestre. Conobbe varie dominazioni nel periodo medievale, tra cui i Saraceni ed i Normanni.
Dal 1420 al 1807 appartenne agli Orsini.
  1
Per l'uomo di tutti i tempi l'acqua è stata ed è vitale, preziosa e sacra. L’acqua è sempre stata una risorsa preziosa ed
indispensabile per la vita dell’uomo e di ogni essere vivente. Solo dove c’è acqua c’è vita nell’universo conosciuto. Nel territorio di
Gravina l’acqua è un’importanza presenza invisibile . L’interazione tra uomo e acqua è una delle chiavi di lettura del nostro
territorio: la Murgia.

Un ambiente arido dove le scarse acque di pioggia penetrano in profondità e scolpiscono continuamente le pietre della superficie e
del sottosuolo. E’ il fenomeno del Carsismo

  2
Durante il cretaceo, circa 130 milioni di anni fa, si formarono delle rocce carbonatiche che formarono la Murgia. Essa è una
grande zolla calcarea che presenta le spettacolari Doline o Puli , che possono essere piatti, a scodella, a calice o a imbuto. Le più
importanti per la loro larghezza e profondità sono il Pulo di Altamura e il Pulicchio di Gravina con la sua forma a ciotola.

Le forme sotterranee sono diversificate dai pozzi, dagli inghiottitoi, dalle voragini o dalle gravi, dalle caverne e dalle gravine,
altro tipico esempio di erosione dell’acqua, sulle cui pareti si sono nel corso dei millenni formate grotte ed anfratti in cui animali e
uomini trovavano rifugio e riparo dagli elementi atmosferici. A Gravina le grotte sono servite da abitazione fin nel medioevo.
Attualmente il territorio di Gravina in Puglia non è ricco di una rete idrica superficiale e non ha laghi naturali, ma è percorso dai
torrenti “La Gravina” e “Pentecchia di Chimienti” e da canali di bonifica spesso a secco; la mancanza di acque superficiali è però
compensata da ottime acque potabili, di cui il territorio è ricco nel sottosuolo, che alimentano numerose fontane perenni:
Sant’Angelo, San Paolo, San Giacomo, Coluni.

  3
La civiltà romana che dominò l'intera area mediterranea perfezionò il controllo sulle acque a favore dei centri urbani. Le principali
città furono dotate di reti fognarie coperte e di stabili rifornimenti idrici attraverso un efficiente sistema di acquedotti che
portavano l'acqua da sorgenti più lontane, capaci di servire una numerosa popolazione che i pozzi e le sorgenti locali non avrebbero
potuto soddisfare.

Quasi un milione di abitanti di Roma in età imperiale erano serviti da ben undici acquedotti che convogliavano verso la capitale
900.000 metri cubi di acqua giornalieri, l'equivalente di 900 litri a persona, il doppio dell'acqua disponibile per i cittadini romani di
oggi. Si trattava di un servizio che lo stato imperiale allora garantiva a tutti gli abitanti delle città, che potevano attingere acqua
dalle numerose fontane, servirsi di bagni pubblici e perfino beneficiare del lusso delle terme, aperte ai cittadini di qualsiasi ceto
sociale.

  4
L'acqua, al tempo dei Romani, era importante sia nell'alimentazione che nell'igiene quotidiana; ma serviva anche per l'irrigazione
dei giardini. L'impluvium era la cisterna che nelle case raccoglieva l'acqua piovana. Poiché quest'acqua imputridiva, veniva fatta
bollire e si beveva calda o raffreddata

  5
This song is in Gravina’s slang, it deals with the role that different water sources had been in the
daily life. Gravina is rich of many water sources that modify the limestone rocks of the territory.
Nowadays , we can see many ancient fountains around the town.

Bèlle jè stu paise mì !


Bèlle jè stu paise mì !
Ci arrive tu a Gravine da Petramanghe
u vide a stu paise jind’a na conche
e scinne da na stroite de zavorre,
bèlle jè stu paise mì, bèlle jè stu paise mì.

te jacchie dè la scoile ca vè o ponte,


e quann’aggire prime d’arrevèie,
tu la fundoine dè foure l’ad’acchièie,
bèlle jè stu paise mì, bèlle jè stu paise mì.

Na volte le cafune de Gravine,


le mule sciaine dè ad’abbuverèie,
po’ acchjive tanda fèmene pe le quartoire,
bèlle jè stu paise mì, bèlle jè stu paise mì
  6
Loure do pelaune meninne jegniaine l’acque,
e se ne nghianaine po’ da la purtèdde o
sciane da la scoile de saup’o Ponte
bèlle jè stu paise mì, bèlle jè stu paise mì.

E po’ ci scjive tu mènz’a la chiazze,


acchjive la fundoine de Ferdenande,
pe quatte bèlle piscele june pe vanne,
bèlle jè stu paise mì, bèlle jè stu paise mì.

joire l’acque de Puzzepatoine ca scennaie,


e pure dè vedjive na fodde de fèmene,
a jègne l’acque pe jamel’e quartoire,
bèlle jè stu paise mì, bèlle jè stu paise mì.

  7
Vedjive tu dè nanz’o Priatorie
na morre de uagniungèdder’a sciuquèie
o “tutte” saup’a le chianghe de le fuggioile,
bèlle jè stu paise mì,
bèlle jè stu paise mì.

E pure ci vè mò tu a le vì de foure,
atturn’atturne a stu paise bèlle,
le vide tanda fundoine pe le pelune
bèlle jè stu paise mì, bèlle jè stu paise mì.

Ca po’ quann
facèrne l’acquedotte,
mettèrne pure tanda fundanine
mènz’ le chiazze e saup’a le banchine
bèlle jè stu paise mì, bèlle jè stu paise mì.

Nu fundanine saup’a sant’Andrè,


n’alt’une a la ponde de Sand’Austine,
l’alt’une mbacci’o cummènde de Sanda Sfì
bèlle jè stu paise mì, bèlle jè stu paise mì.
  8
Fascèrne do fundoine mèn’a la ville
pe l’acque ca jèsse da mènze e da le zampille,
mettèrne u fundanine sus’a San Giorge
bèlle jè stu paise mì, bèlle jè stu paise mì.

Mò l’acque la tenime jind’a le casere,


na stonne chiù scettature pe le
capasere, ma qualche fundanine ne l’ane
rumoise, bèlle jè stu paise mì, bèlle jè stu
paise mì.

E scènne l’acque angoure da Petramanghe,


funzionene le do “Fundoine de Foure”
stè jacque po’a sand’ Angele e a Sande Paule,
bèlle jè stu paise mì, bèlle jè stu paise mì.
Ma po’ stè n’acque ca nan se fèrme mèie,
jè chèdde ca scorre jind’a la “Gravine”
e arrive pe fing’o moire tarandine,
bèlle jè stu paise mì, bèlle jè stu paise mì.
E vu frastjire venitel’a vedèie,
le chjise, le munemjid’e le fundoine
de stu paise andiche pe tanta storie
bèlle jè stu paise mì, bèlle jè stu paise mì.
  9
Anche nella Religione l’acqua è molto importante perché sono molti i fatti narrati nella Bibbia ad essa legati .

L’Acqua nell’Antico testamento

La Bibbia descrive e rappresenta la relazione che intercorre tra l’ uomo e l’acqua.

La Bibbia comincia con la Creazione (Genesi) e finisce con la fine del mondo(Apocalisse)

  10
L’acqua nella Genesi

Nel primo libro della Genesi l’elemento Acqua è la condizionale fondamentale assoluta senza cui ogni altro elemento non può

esistere. L’Acqua è sovrana e custode dell’orma invisibile di Dio , perché come Lui essa è fonte di ricchezza , luce, bellezza,

armonia.

La concezione dell’Universo: la terra è una piattaforma sull’acqua.

  11
I Quattro fiumi dell’Eden

Il Diluvio Universale

  12
L’ acqua nell’Esodo

Mosè con il suo bastone divise le acque del L’acqua di Massa e Meriba scaturì dalla roccia in grande

Mar Rosso e Israele fu libera e salva. abbondanza tanto da dissetare Israele .

  13
Anche alcuni fatti della vita di Gesù sono legati
alla presenza dell’acqua: il suo battesimo nel
Giordano, Per noi cristiani l'incontro con l'acqua
avviene con il sacramento del Battesimo che ci
libera per sempre dal peccato originale e ci
permette di entrare a far parte della famiglia
cristiana.

Le nozze di Cana Giotto (c. 1303-1305)


Padova - Cappella degli Scrovegni

ll Battesimo di Cristo. Leonardo da Vinci


1475-78 Firenze - Galleria degli Uffìzi.

La Pesca Miracolosa. Raffaello


  14
Il camminare sulle acque La lavanda dei piedi.

Non possiamo dimenticare il nostro patrono S.


Francesco che nel suo “Cantico delle
Creature” chiama l'acqua sorella proprio
perché è tanto utile ed importante per la vita
e lo spirito dell'uomo.

  15