Sei sulla pagina 1di 1

Invernizzi I Il segreto del profitto

Il segreto del profitto

di Ivan Invernizzi

Tutti noi sappiamo che ad ogni debito corrisponde un credito, che il ricavo di qualcuno la
spesa di qualcun altro. Ma allora come possono tutti i soggetti di un'economia guadagnare e
risparmiare? Molti autori di diverse epoche hanno affrontato il problema giungendo sempre alla
stessa conclusione: deve esistere un settore esterno che spenda pi di quanto ricava e
consenta agli altri soggetti di realizzare un profitto. Ma facciamo un passo indietro.
Immaginiamo un contenitore nel quale ci siano aziende e privati cittadini. Se l'azienda guadagna
50 perch un cittadino o un'altra azienda ha speso 50 e viceversa. Quindi la ricchezza che gira
all'interno del contenitore non potr mai aumentare proprio perch, come detto sopra, il
guadagno di qualcuno la spesa di qualcun altro. Si evince che l'unico modo per aumentare la
ricchezza all'interno del contenitore, arricchendo quindi aziende e cittadini, sia quello di avere
un'entit esterna, lo Stato, che spende pi di quanto incassa.
Quindi, se la spesa a deficit il segreto del profitto privato, significa che il debito pubblico il
credito dei cittadini, la sola cosa che gli dia la possibilit di risparmiare. Il problema che una
spesa a deficit pu essere affrontata senza problemi solo da uno Stato che emette la propria
moneta. In questo contesto il debito pubblico solo una scrittura contabile che registra quanta
moneta lo Stato ha emesso. E' un debito che lo Stato ha con se stesso e che, di conseguenza, non
deve essere ripagato.
Questo per non il caso dell'Italia attuale, la quale non emette la propria moneta e ha un
debito pubblico denominato in una valuta straniera, l'Euro. Ma questa un altra storia...

www.retemmt.it