Sei sulla pagina 1di 2

LA LUNGA TRANSIZIONE DALLA PRIMA ALLA SECONDA

REPUBBLICA
L'ECONOMIA E LA SOCIETA' ITALIANA NEGLI ANNI OTTANTA
Fino al 1983 ci fu un periodo di recessione industriale, poi nuova fase espansiva fino al 1990
calo dell'inflazione grazie alla riduzione del costo del lavoro
ammodernamento del sistema industriale
incrementi delle entrate e delle uscite della pubblica amministrazione => deterioramento del
bilancio pubblico (welfare, elevati interessi che il ministero del tesoro pagava a chi comprava titli
pubblici)=> elevato tasso di debito pubblico e con l'essero
1992 firma del trattato di Maastricht, inizio di una recessione, politica di riduzione della spesa
pubblica, aumento del prelievo fiscale, compressione dei salari, svalutazione della lira, governo
presieduto dal socialista Giuliano Amato.
1993 primi segnali di ripresa economica, aumento delle esportazioni, nuova fase di espansione
avvento globalizzazione => declino delle grandi fabbriche fordiste, riduzione del peso della classe
operaia, sviluppo del terziario avanzato(industria computerizzata), aumento delle classi medie.
Crisi della famiglia tradizionale = declino delle identit religiose;
consumi simili a quelli dell'occidente sviluppato, importante il settore pubblicitario
inizio anni 90, inizio immigrazione straniera proveniente dai paesi dell'est europeo e dal nord africa.
Declino grandi fabbriche rese difficile l'integrazione, un certo numero fin nell'economia sommersa
VERSO LA FINE DELLA PRIMA REPUBBLICA
anni ottanta politica segnata dalla staticit; 1981 governo del repubblicano Spadolini
1983-87 governo Craxi=> concordato stato chiesa (cattolicesimo no religione ufficiale),
svalutazione della lira, taglio della scala mobile (adeguamento dei salari al costo della vita),
similitudini del socialismo craxiano con thatcherismo
fine del governo fortemente indebolito
partiti iniziarono a determinare le persone da collocare negli incarichi pubblici=> ceto politico poco
differenziato sul piano dei valori ma molto intraprendente sul piano individualistico, indifferente
alla societ civile.
1989 elezioni amministrative, europee, consiglio comunale a Roma=> perdita di rappresentativit
dei partiti storici=> moltissimi nuovi piccoli partiti=> gruppi della societ civile che iniziano ad
aggregarsi per avere una propria rappresentanza politica autonoma.
Criminalit organizzata sferr un attacco alle istituzioni: 1982 assassinio del generale Dalla Chiesa.
grazie ad una vasta rete di complicit e precisa amministrazione con agganci nella politica e negli
affari la mafia inizi a lottare contro lo stato. Nascita del pool antimafia (Paolo Borsellino e
Giovanni Falcone)
1986 maxiprocesso dove vennero condannati decine di mafiosi
1992 assassinio di Borsellino e Falcone; 1993 cattura di Tot Riina, capo di Cosa Nostra
IL DIFFICILE PASSAGGIO ALLA SECONDA REPUBBLICA
dopo la dissoluzione dei regimi comunisti nell'europa dell'est nel 1991 il PCI si dissolse in due
partiti: il Partito Democratico della Sinistra (PDS) e il Partito di Rifondazione Comunista (PRC)

1992 arrestato a Milano un ex consigliere provinciale socialista => inizio dell'inchiesta Mani Pulite
sulla corruzione degli ambienti politici => Tangentopoli
sistema di corruzione diffuso e generalizzato nei diversi livelli della societ e nei partiti.
Elezioni politiche del 1992 Lega Nord di Umberto Bossi raggiunse l'8,7 %
nascita di nuovi partiti che davano visibilit ai nuovi soggetti sociali.
Parole d'ordine sempre pi radicali: dal federalismo fino ad un progetto di secessione del Nord dallo
stato italiano=> successi elettorali nel Nord.
L'intero sistema partitico si trasform: sparizione quasi totale del PSI che si intrecci con la
spaccatura del comunismo italiano; dissoluzione della DC dopo l'inchiesta Mani Pulite.
Necessit della nascita della seconda repubblica.
Cambiamenti anche nella destra: MSI diventa Alleanza Nazionale guidata da Gianfranco Fini
1994 fondazione di Forza Italia da parte di Silvio Berlusconi, proprietario della Fininvest, ottiene
pi del 20% dei voti => rispecchiava chi riteneva eccessiva la presenza dello stato e voleva una
maggiore autonomia nelle attivit private=> fiducia dell'elettorato nell'impresa.