Sei sulla pagina 1di 31

Regole e suggerimenti

per lutilizzo del calcestruzzo


in cantiere

Manuale pratico del calcestruzzo

Indice
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
9.
10.

Prima di ordinare il calcestruzzo


Larrivo del materiale in cantiere
La sicurezza
Durante il getto
Dopo il getto
Prove in cantiere
Le stagioni
Problemi pi frequenti
Glossario
Sigle ed abbreviazioni

4
9
12
13
16
17
20
22
24
27

Manuale pratico del calcestruzzo

Introduzione
Usa e Getta un manuale pratico studiato specificatamente per gli
operatoridicantiere.EssofruttodellacollaborazionetralaScuolaEdile
di Bergamo, la Commissione Tecnica Gruppo Giovani A.C.E.B. e la
CalcestruzziSpA.
Loscopoquellodiesseredaiutoasvolgereinmodocorrettolediverse
operazioniconcernentileopereincalcestruzzo.
Chibenincominciaametdellopera,cosrecitaunvecchioproverbio
che,cometuttiiproverbi,semprefontediveriteriflessione.
Nellopuscolo, infatti, si trovano tante informazioni che riguardano varie
fasi: dallordine del calcestruzzo al suo controllo allarrivo in cantiere dai
getti ai diversi accorgimenti per la corretta posa e maturazione degli
stessi.
Il tutto descritto in forma semplice con disegni e vignette, che hanno
lintentodiaiutareaporresempreattenzioneeanontralasciareparticolari
importanti circa le operazioni che devono essere svolte ci al fine di
accresceresemprepilaprofessionalitdeglioperatorieforniregaranzie
allimpresaeallaDirezioniLavori,allaqualedemandatoilcontrollodelle
esecuzionedelleopere.
Pi vengono rispettate queste semplici regole, pi il lavoro sar
apprezzato, a tutto vantaggio delle opere opere che rappresentano un
bene prezioso, che dura nel tempo, e costituisce un valore non solo per
chileacquistamaancheperlinteroterritorioincuisonocollocate.

Manuale pratico del calcestruzzo


Laprofessionalitdeglioperatoridellediliziamoltoimportante,datoche
incide grandemente sulla qualit della costruzione, la quale spesso
compromessa da tanti piccoli errori e negligenze che, quasi
inevitabilmente,siverificanodurantelevariefasidilavoro.
Il tono, quasi colloquiale, con cui sono trattati i diversi temi non deve
portare a sottovalutare limportanza di quanto suggerito come buona
pratica,anzi,unasceltaperstimolarechifarusodiquestomanualea
confrontarsiconlaquotidianitdellasuaesperienzaeaporredomandeo
suggerireeventualiintegrazioni.
Sarebbe utile che questo manuale fosse sempre tenuto in cantiere
consultarlocostapocotempoincompenso,venefarguadagnaremolto!
Buonlavoro!

Manuale pratico del calcestruzzo

1. Prima di ordinare il calcestruzzo


Primadiinoltrarelordinealtuofornitore,deviverificarechesuidocumenti
del progetto (disegni esecutivi, capitolati) siano chiaramente indicati
requisitiessenzialinecessariallacquistodelcalcestruzzoidoneoallopera
chestairealizzando.
Irequisitiminimisono:

ClassediResistenza(Rck)

ClassediEsposizione,peresempio
(XC,XD,XA,XS,XF)

Classediconsistenza(S3,S4,S5)

Diametromassimodegliaggregati
Sui documenti di progetto, oltre a questi parametri, puoi trovare altri
elementi che devi comunicare al tuo fornitore (per esempio il rapporto
acqua/cementooppurelanecessitdispecificiadditivi).
Ricorda che compito del Progettista oppure della
Direzione Lavori fornire queste informazioni. Se non
trovi in modo chiaro questi dati sui documenti di
cantiere,lacosapisaggiafareuntelefonata!!

Manuale pratico del calcestruzzo


Quando hai capito la qualit che devi ordinare, necessario indicare in
modoprecisoanchelaquantit.
Sbagliareneldarecorretteinformazionialfornitoresignificaesporreteeil
cantiere a diversi problemi pertanto, individua il calcolo della quantit
allinternodelladocumentazionedelprogetto.Se
anche questa informazione non fosse
chiaramentedisponibile,puoieseguire
una stima, che dovrai per
sottoporre
al
controllo
della
Direzione Lavori o del capocantiere
primadellordinativodelmateriale.
E importante tenere in conto
anche questo: maggiore la
quantit di calcestruzzo che
devi usare per il getto (e,
quindi, che devi acquistare),
maggiore il tempo di
preavviso che devi dare al
tuo
fornitore
per
lapprovvigionamento.

Manuale pratico del calcestruzzo


E fondamentale pianificare sia lorario che la durata delle
operazionidigetto.Ognicantiere,comesai,haleproprie
peculiarit se non tenute in conto, esse possono
inciderenegativamentesulladelicataoperazionedi
gettodelcalcestruzzo.
Sono da considerare, per
esempio, eventuali difficolt di
accesso e/o di manovra nellarea
del cantiere il tenerle presenti,
permette
di
attuare
una
pianificazione accurata di questa
operazione.
Altro esempio: se prevedi che loperazione di getto avr una durata
superiore ai 50 minuti, molto importante comunicare questa
informazione al fornitore. Egli infatti potr regolare la composizione del
calcestruzzopermantenerelalavorabilitdelprodotto.

Per una pianificazione efficace


delle operazioni di getto,
importanteconsiderareanchele
condizioni
meteorologiche
di
quandoesseavverranno.
Il calcestruzzoinfatti molto sensibile
alle condizioni di temperatura al
momento del getto. Infatti, se le
operazioni di getto vengono compiute a
temperature ed in condizioni meteo non
ideali,laqualitdelcalcestruzzonerisente.
Pertantodevisempreinformartidichetempofarilgiornochehaideciso
diprocederealgettoe,seilcaso,pianifica unaltradata.

Manuale pratico del calcestruzzo

Prima di procedere allordine del calcestruzzo, devi anche effettuare un


controllosullecasseformechehaiadisposizioneincantiereehaideciso
diutilizzare.
Per ottenere una prodotto finale ottimale, dovrai evitare di utilizzare le
casseforme che presentano detriti, tracce di brina o ghiaccio e ristagni
dacqua. Fai ricorso sempre casseforme ben pulite e procedi quindi alla
stesura del disarmante. Ricorda che per essere efficace, il disarmante
deveesserestesoentrole24oreprecedentialgetto.
La temperatura del terreno, della roccia, della cassaforma o delle parti
strutturaliincontattoconlasezionedagettare,nondovresseretaleda
far congelareil calcestruzzo prima che questultimo abbia sviluppato una
resistenzasufficienteperresistereaglieffettidelgelo.
C anche da controllare che i distanziatori siano posti correttamente e
chelamisuradelcopriferrosiaquellaprescritta.

Manuale pratico del calcestruzzo

Ora che hai controllato tutto e che hai pianificato le operazioni di getto,
puoicontattareiltuofornitoreperprocedereallacquistodelmaterialeche
tiserve.
Ricordadicomunicaretutteleinformazionichehairaccolto(caratteristiche
tecniche,quantit,peculiaritdelcantiere,tempisticadelloperazione)e
concorda anche le modalit con le quali il calcestruzzo dovr essere
scaricato(conbenna,pompaocanala).

Manuale pratico del calcestruzzo

2. Larrivo del materiale in cantiere


Quandoilcalcestruzzogiuntoadestinazioneincantiereedprontoper
esseregettato,deviporreattenzioneancheadaltreoperazionidelicatee
ad alcuni particolari pratici che riguardano il posizionamento della
betoniera.

Permotividisicurezzabeneaccertasichelabetonieraelapompasiano
posizionateinmodocorretto,principalmenteinprossimitdegliscavi.
Verifica quindi che la distanza della
betonieradalloscavosiamaggioredella
profonditdelloscavostesso.

Manuale pratico del calcestruzzo


Per esempio, se nel cantiere hai uno scavo
profondo 3 metri,la betoniera, ola pompa, non
potravvicinarsiamenoditremetriperoperarein
completa sicurezza. Anche in questo caso, se
hai dubbi oppure il tuo cantiere ha
caratteristiche
particolari,
chiedi
informazioni al direttore lavori
oppure al coordinatore per la
sicurezza.

Allarrivo del materiale


in cantiere controlla la
corrispondenza
fra
il
documento di trasporto (nel
qualeindicatoiltipodiprodottoelaquantitinmc)conidatidellordine
chehaiinoltratoalfornitorecialfinediverificarechequantofornitosia
corrispondenteaidatidelprogettodelloperachedevieseguire.
Per un maggior controllo, ricordati che puoi richiedere al fornitore, al
momento dellordine, di indicare in bolla, oltre al volume, anche il peso
dellimpasto.
Tieni sempre in conto che la persona addetta al controllo ed alla firma
della bolla di accompagnamento deve essere una figura qualificata ed
autorizzataadeseguirequestaoperazione.

10

Manuale pratico del calcestruzzo


Prima di procedere al getto, necessario quindi eseguire anche altri
controlli di conformit alle specifiche dellordine come, ad esempio, il
quello della lavorabilit del calcestruzzo (utilizzando al
propositoilconodiAbrams)olaresistenza,operazioneda
farsi mediante il campionamento di provini dicalcestruzzo
dadestinarealleprovedirotturainlaboratorio.
Atalpropositovediquantoillustratoalcapitolo6diquesto
manuale:proveincantiere.
Ricordachesoloicontrollieseguitiprimadellamessain
operapossono determinarelaccettazione o il rifiuto di
una fornitura. Durante le operazioni di scarico il
calcestruzzo dovr essere sottoposto anche ad
ispezione visiva. Se, in base alla tua esperienza,
laspetto del calcestruzzo dovesse risultare
anomalo,dovraibloccareleoperazionidigetto.
Icontrollidiaccettazioneprevistidallalegge
devono essere eseguiti dalla direzione
lavoriodaunsuoincaricato.Ilprelievo
dicubetti,peressereeseguitoinmodo
corretto, deve avvenire dopo aver
scaricato almeno 0,30 mc di
calcestruzzodallautobetoniera. Icubetti
devono essere conservati in maniera
idonea e resi disponibili per le prove di
rotturainlaboratorio.
Permeglioaiutartiinquesteoperazionidi
controllo, ti ricordiamo di nuovo di consultare il
capitolo6diquestaguida.

11

Manuale pratico del calcestruzzo

3. La sicurezza
Operarein sicurezza significa operare con responsabilit. Durantele fasi
di getto devi sempre ricordarti di indossare i D.P.I. (Dispositivi di
Protezione Individuale) necessari alla tua sicurezza in questa fase di
lavorazione.

Iguantisonoindispensabili perevitareilcontattoconil
conglomeratofresco,inmodoparticolaredurantelafase
divibrazionedelcalcestruzzo.

Ancheglistivalisonoutiliduranteilgetto,inmodochegliarti
inferiori non vengano a contatto diretto con il calcestruzzo.

Gliocchialisononecessariperproteggeregliocchida
eventuali schizzi di materiale, fatto molto frequente
nelleoperazionidigetto.

Infine ricordati di indossare sempre il casco (come


dovrebbeesseredibuonanormaincantiere)!

Questo elenco di minime misure di sicurezza non esaustivo e non


contemplatuttalapossibilecasisticadeipericolidaprevenire.Persapere
comeoperareinmassimasicurezza,consultasempreilP.O.S.chetroviin
cantiere.

12

Manuale pratico del calcestruzzo

4. Durante il getto
Dopo che i controlli sul materiale fornito sono stati eseguiti e la
autobetoniera stata posizionata in sicurezza, procedi al getto del
calcestruzzonellecasseforme.
Prima dello scarico, opportuno
che la botte dellautobetoniera
siafattagirarepertreminutialla
massima velocit, al fine di
rimescolare
al
meglio
il
calcestruzzo.

Duranteloscaricoevitaleaggiuntediacqua.
Queste
aggiunte
infatti
alteranolamiscelaprodottain
centrale e comportano la
perditatotaledellagaranziadi
resistenza che il fornitore ti
certifica.

Ti ripetiamo di nuovo, perch importante: durante lo scarico il


responsabiledellimpresadovrverificarevisivamente,inbaseallapropria
esperienza,seilcalcestruzzofornitosoddisfaleesigenze.

13

Manuale pratico del calcestruzzo


Evita che il calcestruzzo scenda nel cassero da altezze
superiori ai 50~80 cm in caduta libera impiega perci
scivoli a tubi che raggiungano il fondo del
cassero.
Lasciare cadere il calcestruzzo da altezze
superiori a quelle indicate, provoca la
cosiddetta segregazione, ovvero una
separazionenettadegliinertidallapasta
dicemento,rendendocoslimpastonon
omogeneo.
Inoltre, lurto della caduta del calcestruzzo
sullearmatureedicasserigeneramacrobolledariaedaccumulidiinerti
(vespai) che rendono disomogeneo limpasto e, quindi, riducono la
resistenzadelcalcestruzzoinopera.
Quando esegui operazioni di getto, stendi strati uniformi che presentino
unospessoredi30cmdopolavibrazione.Quandohaieseguitoevibrato
inmodocorrettoilprimostratopuoipassareaquellosuccessivo.
Evita di scaricare il calcestruzzo in cumuli per poi stenderli.
Questo modo di operare provoca ancora la segregazione e
quindi una diminuzione delle caratteristiche meccaniche di
resistenzadelgetto.

14

Manuale pratico del calcestruzzo


Lafasedellavibrazionemoltoimportanteperottenereungettodiottima
qualit. Pertanto, utilizza lo strumento vibrante con le indicazioni che
seguono:
Durante la vibrazione, lago deve essere mantenuto in
posizioneverticaleevitandodimetterloacontattoconi
casserieconiferridarmatura.

La vibrazione deve interessare sia lo


strato di calcestruzzo posato che lo
stratodicalcestruzzogicompattato.

La vibrazione deve interessare lintera massa


delconglomerato.Pertanto,ladistanzatradue
inserimenti consecutivi dellago deve essere
inferiore a 7,5 volte il diametro dellago
stesso.

Infine,laduratadellavibrazionelegataallalavorabilitdelconglomerato
al momento del getto: minore la consistenza maggiore deve essere il
tempodipermanenzadellagonellamassadelcalcestruzzo.

15

Manuale pratico del calcestruzzo

5. Dopo il getto
Dopoilgetto,ilcalcestruzzocontenutoneicasseriattraversadiversefasi
per giungere alla sua maturazione ovvero allottenimento di una struttura
solidaeresistente.
Ricordati che di vitale importanza proteggere le strutture da una
eccessiva disidratazione (perdita dacqua per evaporazione) seguendo
alcuniconsigli.Ecconealcuni:

Mantenereilpialungopossibileilcalcestruzzonelcassero
Procedereconunabagnaturacontinuadellesuperfici
Proteggereilgettoconteliofoglidiplasticaimpermeabile
Proteggereilgettoconmaterialegeotessileoiuta(mantenutiumidi).

Ovviamente dovrai porre attenzione alle particolari condizioni


meteorologiche,evitandocheigettirimanganoespostiperlungoperiodo
adintensisoleggiamentioppureafreddiestremi.
I getti appena scasserati sono inoltre molto sensibili alle vibrazioni e agli
urti.

16

Manuale pratico del calcestruzzo

6. Prove in cantiere
Il cono di Abrams
La prova effettuata con il cono di Abrams permette di valutare la
consistenza del calcestruzzo. La prova molto semplice qui di seguito
sonoindicate,insequenza,lemodalitpereseguirla.
1.poniilconodiAbramssudiunpianoorizzontalee
benpulito

2.riempiilcono,finoadunterzodellasua
altezza,conilcalcestruzzochedevi
analizzare

3. procedi a costipare il calcestruzzo nel


cono(adesempio,con25colpieseguiticon
un tondino di 16mm di diametro). Di seguito,
riempi per un altro terzo il cono e procedi
alla costipazione. Ripeti di nuovo fino a
riempireilcono

4.sollevailconoverticalmente.Ilcalcestruzzoinesso
contenutosiversersulpianoorizzontale.
5.sollevailconocompletamente,rovescialo
edappoggialosulpiano
6.misuraloslump,oabbassamentodel
calcestruzzo,rispettoallaltezzadelcono
medesimo.

17

Manuale pratico del calcestruzzo


Lamisuradelloslump(inmillimetri)unindicechetipermettedidefinire
laconsistenzadelcalcestruzzo.
Troviunaindicazionenelletabelleriportatequidiseguito.
Classediconsistenza

S1

Slump

10~40

Denominazione

Umida

Classediconsistenza

S2

Slump

50~60

Denominazione

Plastica

Classediconsistenza

S3

Slump

100~150

Denominazione

Semifluida

Classediconsistenza

S4

Slump

160~210

Denominazione

Fluida

Classediconsistenza

S5

Slump

>220

Denominazione

Superfluida

18

Manuale pratico del calcestruzzo

Campionamento dei provini di calcestruzzo


Ilcubetto/provinounmezzochepermettedivalutarelaclassediresistenzadel
calcestruzzoutilizzatoincantiere.Sottoponendoinfattiicubettiinlaboratorioaprove
distruttivediresistenza,possibileindividuarelaclassedelcalcestruzzoconilquale
sonorealizzati.Affinchquestamisurasperimentalesiaveritiera,lacostruzionedei
cubettiincantieredeveseguireuniterbenprecisochediseguitotivieneillustrato.

Faigirarelabetonieraper3
minuti.Dallabetonieraversail
calcestruzzoinunacarriola
pulita,dopoaverscaricato0,3
mc(es.pocopiudimezza
benna)

Predisponiglistampiperi
cubetti,avendocuradipulirli
perbeneestendendosulle
paretiloliominerale

Versaneglistampiil
calcestruzzo,compattandolo
adeguatamente.Perprelevare
ilcalcestruzzodallacarriola
utilizzautensilipuliti

Proteggioraicubettia
temperaturadicirca20C,
utilizzandotelidiplasticao
sabbiaumida.
Trascorse24ore,puoitogliere
icubettidallostampo.

Riponioraicubettiinacqua
per28giornisempreacirca
20C.

Togliicubettidallacquapoche
oreprimadellaprovaarottura.

Porta icubettiallaboratorioperleprovediresistenza.
Icubettiverrannorottiedillaboratorioindicherla resistenzaacompressionedeltuomateriale

Tiricordiamonuovamentecheperlaconformitdelcalcestruzzorispettoalla fornitura,
deviosservareattentamenteleclausoledelcontrattodivendita(condizionigenerali
dacquisto).

19

Manuale pratico del calcestruzzo

7. Le stagioni
Lefficacia di un getto fortemente influenzata dalla temperatura esterna
nelmomentoincuiessovieneeseguito.Riportiamodiseguitoiprincipali
accorgimentidaosservareneidueperiodipicritici.

Periodo invernale
Sarebbedaevitareilgettoquandolatemperatura
minimascendesotto0C.
(Moltospessotalelimitevieneoltrepassatoduranteleorenotturne).

Incasocontrarioseguiquestespecifiche:
A
utilizzauncalcestruzzoconRck>35N/mmqe
classediconsistenzaS5
B
ricorriallutilizzodicemento42,5R
C
noneseguirepavimentazioniesterne
D
tienicasseratalastrutturaperalmenotregiorni
E
copriglielementigettaticonfoglidipolietilenedopoil
gettooconmaterassinicoibenti

20

Manuale pratico del calcestruzzo

Periodo Estivo
Lealtetemperaturechesipossonoraggiungere
destatepossonodanneggiareilcalcestruzzosenon
osservileseguentiindicazioni:
A
utilizzauncalcestruzzosuperfluidoclasseS5
laggiuntadiunadditivosuperfluidificantepermetteuna
posapiagevoleenonrichiedelaggiuntadiacqua
(chedegraderebbeilprodotto)nellafasedigetto
B
fairicorsoallapompaperloscarico
C
calcolacheiltempodiscaricodeveesserecontenuto
almassimoantroi3minperognimetrocubo
D
tienibenumidopertregiorniilmanufattoappena
gettato
E
dopolarimozionedellecasseforme,proteggila
strutturaconfogli
oteliumidi.

21

Manuale pratico del calcestruzzo

8. Problemi pi frequenti
Ottenere un buon risultato di un getto non significa solo utilizzare una
composizione e una miscela giusta di calcestruzzo per le esigenze
strutturali dellopera, ma anche porre particolare attenzione a fattori che
potrebberoportareadunrisultatononsoddisfacente.

Superficie del getto non uniforme


Seutilizzicasseridilegnoedalternitavolenuoveconquellegiutilizzate,
otterrai un elemento in
c.a. faccia a vista con
evidenti variazioni di
colore. Questo da
evitareassolutamente,in
quanto il faccia a vista
deve
avere
una
superficie il pi uniforme
possibile.
Il problema si risolve
usandocasseridellastessatipologiaestagionatura.

Nidi di ghiaia
Come gi ti abbiamo indicato in precedenza, lasciare
cadere il calcestruzzo nel cassero da altezze
elevate provoca la segregazione ovvero la
separazione netta tra inerti e cemento. Questo
risultato provoca leffetto nidi di ghiaia, ovvero
zone nel manufatto dove la superficie presenta
accumuli diinerti. Ci da evitare siain termini
esteticisiainterminiprestazionalidellastruttura.
Pertanto getta e, soprattutto, vibra tutti getti nel
modochetistatoindicatoprecedentemente.

22

Manuale pratico del calcestruzzo

Perdite di CLS dai giunti


Quando i casseri non sono ben serrati luno contro laltro, si verificano
dellefuoriuscitediboiacca.
Perdendolelementopifluido,inquellezonesiaccumulanogliinertiche,
unavoltascasseratoilgetto,sarannomoltovisibili.
Pertanto,infasedimontaggiodeicasseri,perevitareilfenomenobene
porre molta attenzione affinch
ciascun elemento del
cassero
combaci
esattamente con il
successivo.

23

Manuale pratico del calcestruzzo

9. Glossario
Additivieaggiunte:sonosostanze,siadioriginenaturalechesintetiche,
le quali, immesse in opportuna quantit allimpasto durante il
confezionamento,permettonodimigliorarelecaratteristichemeccanichee
allostatofrescodelmateriale.Visonodiversetipologiediadditivi.Alcuni
esempisonodiseguitoriportate:
Superfluidificanti: aumentano la lavorabilit dellimpasto
permettendoallemaestranzedigettareecostiparepicorrettamente
ilcalcestruzzosenzailpericolodiraggiuntediacquanellimpasto.
Aeranti: sono sostanze in grado di produrre la formazione di
piccolissime bolle daria allinterno della massa del calcestruzzo,
migliorandonelacapacitdiresistereaiciclidigeloedisgelo.
Acceleranti: sono in grado di determinare un accorciamento dei
tempi di presa eindurimento, permettendo diraggiungereadeguate
resistenzeinizialiessisonoutiliincasodigettiabassetemperature.
Ritardanti: sono in grado di rallentare i tempi di presa e
dindurimento, consentendo le operazioni di getto in tempi pi
prolungatiperesigenzedicantiereetipologiadigetto.
Leaggiuntepossonoesserecostituitedacenerivolanti,fumidisilice,fibre
metallicheosinteticheoaltrimateriali.
Aggregati: sono gli inerti di tipo fine e grosso che sono contenuti
nellimpasto.
Calcestruzzo o conglomerato cementizio: impasto costituito da inerte
grosso (ghiaia o pietrisco, ghiaietto o pietrischetto), inerte fine (sabbia),
legante,acqua,inopportunequantit,additivieaggiunte.
Cemento: un legante idraulico ottenuto dalla miscelazione intima di
clinker e altri componenti (calcare, pozzolana, loppa daltoforno, ceneri
volanti,ecc.),variabilisecondonorma(Esempio:CEMI,CEMII,CEMIII,
CEMIV,CEMV).

24

Manuale pratico del calcestruzzo


Compattazione
o
costipamento:
procedimento
consistente
nelleliminazione delle bolle daria inglobate nel calcestruzzo per effetto
delle operazioni di getto si esegue mediante vibrazione con vibratori ad
immersioneomediantelavibrazionemeccanicadeicasserilavibrazione
permette di migliorare le caratteristiche del calcestruzzo in opera sia in
terminidiresistenzachedidurabilit.
Copriferro: distanza in millimetri tra la superficie dellarmatura metallica
nel punto pi vicino alla cassaforma e la superficie della cassaforma
stessa.
Diametromassimodellaggregato:lamassimadimensione,espressa
inmillimetri,deglielementidellinertegrosso(ghiaiaopietrisco).
Campionamento: operazione consistente nel prelievo di un campione di
materiale da sottoporre, ad indurimento avvenuto, a successiva prova di
rottura. Ogni prelievo costituito da due provini cubici di calcestruzzo
fresco questi cubetti presentano generalmente dimensioni pari a cm.
15x15x15,anchesepossibilefarricorsoadimensionidiverse.
Rapporto acqua/cemento A/C: il rapporto in peso tra la quantit di
acqua e quella di cemento presente in un metro cubo di impasto es:
A/C=0,50 significa che in un metro cubo di calcestruzzo sono
indicativamente presenti 150 Kg diacqua(olitri,dato che 1 Kgdi acqua
equivalea1litro)e300Kgdicementoinfatti150/300=0,5generalmente
ilrapportoA/Cdiuncalcestruzzocompresotra0,40e0,60.
Segregazione del calcestruzzo: perdita di omogeneit e collosit
dellimpasto dovute o al calcestruzzo non conforme (rilevabile subito al
momentodelloscaricoalcontrollovisivo)opererrorediposa(eccessiva
caduta libera dello stesso durante le operazioni di getto, errata
vibrazione). La segregazione si manifesta al momento del getto con una
presenza eccessiva di boiacca in superficie al getto (essudazione
eccessiva) e, al momento della rimozione della cassaforma, con la
presenzadinididighiaia.

25

Manuale pratico del calcestruzzo


Slump: labbassamento, misurato in millimetri, di un campione di
calcestruzzosottopostoallaprovadelconodiAbrams.
Stagionatura:linsiemedelleoperazionichepermettonoalcalcestruzzo
inoperadimaturarecorrettamentedurantelasuafasediindurimento.
Tempo di inizio presa del calcestruzzo: il tempo corrispondente alla
perditadilavorabilitescorrevolezzadelcalcestruzzo.Generalmentetale
tempovariabile,inbasealtipodiimpasto,allasuacomposizione,alle
condizioniclimatiche,altipodigetto.
Tempo di fine presa e indurimento: il tempo durante il quale il
calcestruzzo ha perso completamente le sue capacit di lavorabilit,
identificabile,generalmente,nellarcodelle624ore.Dopolafinepresail
calcestruzzo inizia la fase di indurimento con il raggiungimento graduale
delle prestazioni meccaniche, che dipendono dal tipo di impasto, dalle
condizioniclimaticheedallacorrettastagionatura.

26

Manuale pratico del calcestruzzo

10. Sigle ed abbreviazioni


Nellapraticacomune,nellutilizzodelcalcestruzzoticapiterdiincontrare
termini, sigle ed abbreviazioni che ne descrivono in qualche modo le
caratteristiche.Eccotiriportateinquestocapitoloquellepifrequenti.

Rck
Resistenza caratteristica cubica del calcestruzzo. E la resistenza che il
calcestruzzo in grado di offrire, resistenza determinata dalle prove di
rotturasuicubetti.

fck
Resistenzacaratteristicacilindricadelcalcestruzzo.Elaresistenzacheil
calcestruzzo in grado di offrire, determinata dalle prove di rottura
effettuate su campioni cilindrici. I campioni a forma di cilindro sono poco
diffusiinitaliamanoncosiineuropa.

A/C
Rapportoacqua/cemento.Perilchiarimentovedilavocedelglossario

Dmax
Diametro massimo in mm. dellinerte pi grande, previsto per una
particolaremisceladicalcestruzzo.

X0,XC,XD,XF,XS,XA
classi di esposizione ambientale. Rappresentano, attraverso dei codici,
quale sar lambiente nel quale la nostra struttura dovr operare. Quindi
selambienteparticolarmenteseccooppureparticolarmenteaggressivo
interminichimici.

27

Manuale pratico del calcestruzzo

Scuola Edile di Bergamo


ViaAntonioLocatellin15
24068Seriate(BG)
Tel..035297671
Fax.035301615
Mail.info@scuolaedilebg.it
Web.www.scuolaedilebg.it

Calcestruzzi s.p.a.
ViaS.Bernardino,149/a
24126Bergamo
Tel.0354167111
Fax0354167046
Mail.info@calcestruzzi.it
Web.www.calcestruzzi.it

A.C.E.B.
ViaPartigianin8
24121Bergamo
Tel.035242674
Fax035237347
Mail.aceb.bg@aceb.it
Web.www.aceb.it

Testi a cura di
geom.FabianoCominettiCalcestruzzis.p.a.
dott.RobertoMarinoCalcestruzzis.p.a.
ing.MarzioDellaGiovannaGruppoGiovaniA.C.E.B.
ing.MarcoLocatelliScuolaEdilediBergamo

Coordinamento
VincenzoForlaniScuolaEdilediBergamo

Disegni e grafica
ing.AntonioChiesaScuolaEdilediBergamo

Revisione1maggio2006

28

Manuale pratico del calcestruzzo

Pagina per Appunti

29