Sei sulla pagina 1di 48

La Societ

I numeri

Acqualatina S.p.A.

Il Territorio

Il Bilancio Energetico

Sostenibilit energetica
nella gestione del Servizio Idrico Integrato
Ing. Pasqualino Grossi

Il risparmio energetico
sostenibile
Recupero
dispersioni
fisiche

Energy Manager

Lipotesi per il PAES di


LATINA
Sintesi sistema
depurativo Latina

Recupero Dispersioni
Fisiche

La Societ

Acqualatina S.p.A.

Societ a capitale misto, costituita il 25 Luglio 2002:


51% Comuni Ambito Territoriale Ottimale n.4 (in proporzione alla popolazione residente);
49% Idrolatina S.r.l. (di cui azionista di maggioranza Veolia Eau) partner industriale, selezionato
tramite una gara europea per la scelta del socio privato cui affidare anche la responsabilit della
gestione.
La mission di Acqualatina la gestione del Servizio Idrico Integrato nellATO 4 Lazio Meridionale.
Espleta un servizio essenziale di pubblica utilit.
IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO
La Legge n. 36 del 5 gennaio 1994 (Legge Galli) istituisce il Servizio
Idrico Integrato, definendolo come costituito dallinsieme dei
servizi pubblici di captazione, adduzione e distribuzione di acqua
ad usi civili, di fognatura e di depurazione delle acque reflue (art.
4 lett. f ). La Legge stabilisce, altres, che qualsiasi uso delle
acque effettuato salvaguardando le aspettative ed i diritti delle
generazioni future a fruire di un integro patrimonio ambientale
(art. 1 c. 2).:Lart. 8 della Legge prevede che i servizi idrici siano
organizzati in base ad ambiti territoriali ottimali.
Lo stesso articolo dispone che le Regioni hanno il compito di
delimitare gli ambiti territoriali ottimali, mentre i Comuni e le
Provincie di ciascun ambito provvedono alla gestione del Servizio
Idrico Integrato mediante le forme indicate dalla L. 142/1990 (oggi
T.U. 267/2000), ossia in economia, in concessione a terzi, per
mezzo di azienda speciale o tramite societ per azioni o a
responsabilit limitata a prevalente capitale pubblico.

La Societ

Acqualatina S.p.A.

IL TRASFERIMENTO DELLE GESTIONI


2002
Amaseno (FR)

Prossedi

Anzio (RM)

Roccagorga

Castelforte

Roccamassima

Cisterna di Latina

Monte San Biagio

Fondi

Roccasecca dei Volsci

Formia

San Felice Circeo

Gaeta

Sermoneta

Giuliano di Roma (FR)

Sonnino

Itri

Sabaudia*

Latina

Sperlonga

Lenola

Spigno Saturnia

Maenza

SS. Cosma e Damiano

Minturno

Terracina

Nettuno (RM)

Vallecorsa (FR)

Priverno

Villa S.Stefano (FR)

2003

2004

2008

Cori

Aprilia

Bassiano

Norma

Pontinia

* esclusivamente la rete fognaria e gli impianti di depurazione

I numeri

Acqualatina S.p.A.

Comuni serviti: 35

Utenti Totali: circa 265.000

600 000 abitanti residenti serviti, che aumenta di circa 200.000 durante il periodo estivo

Personale: circa 340

Km di rete idrica: circa 4.100

Km di rete fognaria: circa 2.500

Fonti di approvvigionamento: 38

Depuratori: 63

Stazioni di sollevamento: circa 500

Volumi dacqua prodotta (metri cubi/annui): circa 116.000.000

Volumi dacqua reflue trattata (metri cubi/annui): 68.000.000

Controlli qualit acqua potabile (annui): circa 68.000 parametri

Controlli qualit acqua reflue (annui): circa 31.500 parametri

Investimenti totali (2003/2013): circa 150.000.000

Fatturato annuo: circa 85.500.000

Investimento totale Programma degli interventi (2003-2033): 373.403.000

I numeri

Acqualatina S.p.A.

Piano di Investimenti

Deliberato dalla Conferenza dei Sindaci e dei Presidenti delle


provincie (LT-FR-RM) x migliorare la qualit del servizio offerto
sulle reti ed impianti A.P. / A.R.:
Distribuzione interventi anni 2003- 1sem. 2013
investiti pi di 150 milioni di euro

Interventi:
Messa a norma

37.197
56.949

Ampliamento e
ammodernamento
Ottimizzazione delle reti

11.267
10.288

5.039

26.500

Recupero dispersioni fisiche e


amministrative
Automazione e telecontrollo

Acquedotto (Produzione e rete)

Fognatura

Depurazione

Telecontrollo, GIS

Recupero dispersioni

Manutenzioni straordinarie

Dal 2003, anno di presa in gestione degli impianti e delle reti,


ad oggi, Acqualatina S.p.A. ha investito oltre 150 milioni di euro
per lammodernamento di impianti di depurazione, centrali di
produzione e reti, che corrisponde ad un valore medio investito
di circa 25 /abitante*anno

Risoluzione criticit:
crisi idriche, torbidit,
ARSENICO
5

LARSENICO nel territorio dellATO4

Acqualatina S.p.A.

Sin dal 2004 - Investimenti per un totale di circa 17 M (di cui 2,3 M finanziati dalla
Regione Lazio), gi realizzati o in corso di ultimazione:
9 impianti di dearsenizzazione
Realizzazione (in corso, tot. 11km) di una condotto idrica da Ninfa a Cisterna di LT
Tale impegno ha permesso, nelle acque distribuite, il rientro dei valori allinterno dei limiti di legge,
gi dal 28/12/2012 (entro la scadenza della deroga fissata dalla CEE)

Concentrazione media di
Concentrazione
Concentrazione
media
media
di di
Arsenico
nellAto4
nel 2004
Arsenico
ArseniconellAto4
nellAto4 nel
nel
2013
2012

6
6

LARSENICO nel territorio dellATO4


Dei 9 impianti installati per labbattimento di Arsenico, quello a servizio di
Carano-Giannottola (Comune di Aprilia) risulta essere il pi grande dItalia nel
suo genere (e secondo in Europa)

Investimento:
Circa 3 milioni di euro
Portata dacqua trattata:
360 litri/secondo
Tecnologia:
Adsorbimento su idrossido di ferro

7
7

Il territorio

IL BILANCIO ENERGETICO

Centri di consumo del S.I.I. ATO4 Lazio Meridionale

I consumi elettrici rappresentano la quasi totalit dei consumi energetici pari a 28.370 TEP
(forniture EE BT 21.07%; EE MT 78.03%; carburanti per autotrazione e GE + riscaldamento 0.90%)
(dichiarazioni consumi FIRE 2013 )
NUMERO IMPIANTI ENERGIZZATI SUDDIVISI PER COMUNE E SETTORE CON RILEVAMENTO DEI CONSUMI E DELLA POTENZA IMPEGNATA

DEPURAZIONE

N.
Potenza Consumo
COMUNI N .Siti Impegnata MWh/

37

63

kW

Anno

6.538

24.189

IDRICO
N .Siti

222

FOGNATURA

Potenza Consumo
Impegnata MWh/
kW
Anno

N .Siti

18.288 83.984 518

Potenza Consumo
Impegnata MWh/
kW
Anno

7.514

12.789

UFFICI E MAGAZZINI
N .Siti

Potenza Consumo
Impegnata MWh/
kW
Anno

17

256

496

Aggiornamento proiezione consumi Forecast-2/2013


10,53%

Tariffa media calcolata 170,87 /MWh

0,41%
19,92%
Soll. ACQUA
POTABILE
DEPURATORI

Potenza
Consumo
N .Siti Impegnata
MWh/ Anno
kW

Soll. FOGNARI

820 32.595

Altro
69,15%

Totale Impianti

121.458

Spesa Energetica totale annua > 20,7 M

IL BILANCIO ENERGETICO

Centri di consumo del S.I.I. COMUNE di LATINA

I consumi elettrici nel territorio comunale di Latina rappresentano poco pi del 5 % dei
consumi totali per il Servizio Idrico Integrato di tutto lATO 4

(escludendo i consumi per la produzione di acqua potabile situati in comuni limitrofi)


NUMERO IMPIANTI ENERGIZZATI SUDDIVISI PER COMUNE E SETTORE CON RILEVAMENTO DEI CONSUMI E DELLA POTENZA IMPEGNATA

DEPURAZIONE

N.
Potenza Consumo
COMUNI N .Siti Impegnata MWh/

12

kW

Anno

791

5.011

IDRICO
N .Siti

14

FOGNATURA

Potenza Consumo
Impegnata MWh/
kW
Anno

73

53

N .Siti

72

Potenza Consumo
Impegnata MWh/
kW
Anno

754

1.008

UFFICI E MAGAZZINI
N .Siti

Potenza Consumo
Impegnata MWh/
kW
Anno

135

383

Aggiornamento proiezione consumi Forecast-2/2013


15,62%

Tariffa media calcolata 170,87 /MWh

0,82%
5,93%

Totale Impianti
Depuratori

ISF
Rilanci Latina
Uffici e Sportelli

Potenza
Consumo
N .Siti Impegnata
MWh/ Anno
kW

106

1.753

6.455

Spesa Energetica totale annua > 1,1 M

10
77,63%

IL BILANCIO ENERGETICO

Centri di consumo del S.I.I. COMUNE di LATINA

I consumi elettrici nel territorio comunale di Latina e dintorni salgono intorno al 15 % dei
consumi totali per il Servizio Idrico Integrato di tutto lATO 4

(includendo i consumi per la produzione di acqua potabile situati in comuni limitrofi)


NUMERO IMPIANTI ENERGIZZATI SUDDIVISI PER COMUNE E SETTORE CON RILEVAMENTO DEI CONSUMI E DELLA POTENZA IMPEGNATA

DEPURAZIONE

N.
Potenza Consumo
COMUNI N .Siti Impegnata MWh/

12

kW

Anno

791

5.011

IDRICO
N .Siti

21

FOGNATURA

Potenza Consumo
Impegnata MWh/
kW
Anno

5.070

11.930

N .Siti

72

Potenza Consumo
Impegnata MWh/
kW
Anno

754

1.008

UFFICI E MAGAZZINI
N .Siti

Potenza Consumo
Impegnata MWh/
kW
Anno

135

383

Aggiornamento proiezione consumi Forecast-2/2013


Tariffa media calcolata 170,87 /MWh

5,50%
2,09%

Totale Impianti

27,33%

Soll. ACQUA POTABILE


DEPURATORI
Soll. FOGNARI
Altro
65,08%

Potenza
Consumo
N .Siti Impegnata
MWh/ Anno
kW

113

6.750

18.332

Spesa Energetica totale annua > 3,1 M

11

IL BILANCIO ENERGETICO

Centri di consumo del S.I.I. COMUNE di LATINA


Rete idropotabile

kWh/a: 758.767
mc/a: 2.171.384

kWh/a: 826.912
mc/a: 3.495.961

kWh/a: 317.213
mc/a: 111.491

kWh/a: 7.700
kWh/a: 44.450

kWh/a: 650

kWh/a: 9.973.858
mc/a: 16.089.114

12

AREA 2
Centrale di Ninfa
300

Sinottico TLC Latina

500

LATINA
B.go Carso

Pozzo
Carabiniere

B.go Carso

200

Latina Scalo

400
LATINA
B.go Podgora
LATINA Latina
Scalo
LATINA
Chiesola
Casermmette

Partitore
Congiunte

B.go Faiti

200
300

LATINA
B.go Faiti

Via Giulio
Cesare

4000

700

Partitore
Torrenuova

Latina Nord
250

150

400

Partitore B.go
S.Michele

LATINA
B.go S. Michele

LATINA
Centro

LATINA

Latina Sud

4000
AREA 1
Tor del Giglio e
Giannottola

LATINA
Q4/Q5

LATINA
B.go Piave

LATINA
B.go Isonzo
Partitore Capo
Portiere

1200

LATINA
B.go Montello

B.go Sabotino
Istituto
Agrario

B.go Grappa

3000
LATINA
B.go Sabotino

200

LATINA
B.go Bainsizza

13

IL BILANCIO ENERGETICO

Centri di consumo del S.I.I. COMUNE di LATINA


Rete fognaria e depuratori

kWh/a: 335.749
AE: 3.500
n. ISF: 5 kWh/a: 43.306

kWh/a: 31.779
AE: 250
n. ISF: 2 kWh/a: 3.240

kWh/a: 136.429 ***


AE: 15.000
n. ISF: 7 kWh/a: 31.980

kWh/a: 72.098
AE: 700
n. ISF: 1 kWh/a: 11.830

kWh/a: 2.135.348
AE: 60.000 ***
n. ISF: 21 kWh/a: 563.536
kWh/a: 137.873
AE: 7.500 ***
n. ISF: 9 kWh/a: 22.981

kWh/a: 94.810
AE: 500
n. ISF: 1 kWh/a: 4.486

kWh/a: 46.613
AE: 1.100
n. ISF: 2 kWh/a: 7.866

kWh/a: 1.736.656
AE: 60.000
n. ISF: 9 kWh/a: 214.269
kWh/a: 123.038
AE: 15.000 ***
n. ISF: 13 kWh/a: 86.743

kWh/a: 90.987
AE: 2.800
n. ISF: 0 kWh/a: 0

14
kWh/a: 69.293
AE: 3.000
n. ISF: 1 kWh/a: 1.167

IL BILANCIO ENERGETICO

Centri di consumo del S.I.I. COMUNE di LATINA


Escluso apporto Centrali di Produzione A.P.
(ipotesi IBE)

382.757
52.816

kWh 2013

1.008.265
5.010.583

135
19

Tonnellate CO2

355
Depuratori

Depuratori

ISF
ISF

Rilanci Latina

Rilanci Latina

Uffici e Sportelli

Uffici e Sportelli
1.764

15

IL BILANCIO ENERGETICO

Centri di consumo del S.I.I. COMUNE di LATINA


Incluso apporto Centrali di Produzione A.P,

kWh 2013
5.010.583
11.929.565

Depuratori
ISF
Acque Potabili
1.008.265

Tonnellate CO2
2.119

A.R.
A.P.

4.199

16

Il risparmio energetico
sostenibile

COME FARE per


RISPARMIARE o RECUPERARE ENERGIA
nella gestione di un Servizio Idrico Integrato ???

Analisi per individuazione tipologie di interventi sostenibili


Ambito: Mission di Servizio e rispetto del Contratto di Gestione (obiettivi di qualit):

OTTIMIZZAZIONE IMPIANTI asset sovrastruttura


(anche in occasione di necessario adeguamento normativo): dal singolo apparato
(elettropompa, compressore, motori, altri macchinari, etc.) alle sezioni di trattamento del
processo in un sito (centrale di pompaggio, depuratore, stazione di rilancio idrico, etc.)

EFFICIENTAMENTO RETE IDRAULICA reti di infrastrutture


ottimizzazione del sistema network con ammodernamenti, individuazione dei migliori
criteri di interconnessione (esercizio oculato di portate e pressioni) e sostituzione ciclica a
fine vita delle componenti (tubazioni, giunti, valvole, etc.) secondo opportuni criteri di
programmazione

RICERCA PERDITE e MANTENIMENTO ASSET per infrastrutture e sovrastrutture


la conservazione delle corrette condizioni di funzionamento ha un notevole impatto
energetico: pu richiedere interventi STR e dispendiosi

Effetto:
combinazione di una o pi interventi specifici (azioni in campo) sui tre livelli di sistema
Molte delle applicazioni potrebbero rivelarsi marginali o difficoltose per estrema capillarit

17

Il risparmio energetico
sostenibile

Programma per la riduzione della spesa energetica


e la valorizzazione delle risorse naturali del territorio
Area di
efficientamento
Interventi

Acque
Potabili

Iniziative sostenibili gi definite per il S.I.I.


e/o ulteriori iniziative (residue) applicabili
Installazione Inverter & motori alta efficienza
Installazione / Ripristino sistemi rifasamento
Implementazione SW bilancio consumi distrettuali

Campagne di sensibilizzazione al risparmio idrico


Buone pratiche sui processi di gestione

Distrettualizzazione e monitoraggio notturno


Mappatura rete idrica
Modellazione idraulica della rete
Campagna rilevazione perdite

Riduzione consumi da automazione & TLC


Illuminazione efficace e LED
Ottimizzazione del rendimento, in occasione di
interventi di risanamento o potenziamento

Regolazione serbatoi
Pressure management
Pump Scheduling
Pompaggio diretto in rete

Ottimizzazione curve funzionamento BEP(EP-S.I.)


Sostituzione delle tubazioni / scabrezza ridotta
Installazione mini-turbine tipo PAT
Autoproduzione da Fotovoltaico / Mini Eolico

18

Il risparmio energetico
sostenibile

Depuratori e Sollevamenti Fognari


Area di
efficientamento
Interventi

Acque
Reflue

Iniziative sostenibili gi definite per il S.I.I.


e/o ulteriori iniziative (residue) applicabili
Installazione Inverter & motori alta efficienza
Installazione / Ripristino sistemi rifasamento
Ottimizzazione percorsi di rete fognarie
Separazione acque bianche / acque nere

Buone pratiche sui processi di gestione


(es. livelli attacco/stacco EP)
Riduzione consumi da automazione & TLC

Verifiche sfioratori di piena (3Qm 5Qm)

Illuminazione efficace e LED

Individuazione tratti e vasche con > intasamenti

Ottimizzazione del rendimento, in occasione di


interventi di risanamento o potenziamento

Interventi e soluzioni per riduzione intasamenti


Pressure management
Controllo ossidazione e digestione aerobica
(utilizzo autom. sonde O2 - redox)
Ottimizzazione curve funzionamento BEP(EP-S.I.)
Sostituzione delle tubazioni / scabrezza ridotta
Produz. e utilizzo biogas da digestione anaerobica
Autoproduzione da Fotovoltaico / Mini Eolico
Mini-turbine per recupero prevalenza scarico A.R.

19

COME FARE per


RISPARMIARE o RECUPERARE ENERGIA
nella gestione di un Servizio Idrico Integrato ???

Lipotesi per il PAES di


LATINA

Per ciascuna possibile combinazione e dallesame di applicabilit sul singolo


apparato o sezione di trattamento impianto precisare dettaglio:

I = interventi in itinere; P = interventi programmati; V = interventi da verificare (potenziali)

ID
Impianto/i

Tipologia
intervento

I, P, V

Descrizione di
quanto in plan
2014-2020

KPI fondamentale (eventuale


metodologia certificata)
Per scegliere, misurare,
presentare lo scenario ideale:
- suo progressivo raggiungimento
e successivo condition
monitoring

Descrizione
di quanto
fatto 20082013

20

Il risparmio energetico
sostenibile

COME FARE per


RISPARMIARE o RECUPERARE ENERGIA
nella gestione di un Servizio Idrico Integrato ???

Obiettivi e azioni intermedie


Identificare le condizioni x valutare estendibilit delle iniziative ai diversi impianti in
gestione (replicabilit)
Per ogni Area di intervento, definire Piani di Attivit raccolta dati utili e base-line di
Mercato

Valutare elegibilit dei suddetti Piani a fondi di finanziamento e/o al meccanismo dei TEE
Costruire dei business case di alto livello
Valutare cofinanziabilit/contrattualit da parte di ESCO (compresa valorizzazione TEE &
formule FTT)

Definire un master plan di attivit successive e contestualizzare in un piano di


comunicazione
TEE (Titoli Efficienza Energetica):
meccanismo di incentivazione
dei Certificati Bianchi
Delibera AEEG EEN 34/08 + D.MSE del
28/12/12 :
GSE per lattivit di gestione, valutazione e
certificazione dei risparmi correlati a progetti di
efficienza energetica condotti nellambito di
suddetto meccanismo

ACQUALATINA: societ con obbligo di


nomina dellenergy manager, ha gi richiesto e
ottenuto le Credenziali di accesso al Sistema
Efficienza Energetica (portale informatico) per:
richieste di verifica e di certificazione (RVC)
procedimenti di valutazione delle proposte di
progetto e di programma di misura (PPPM)
da parte dei soggetti valutatori (ENEA o RSE) 21

Il risparmio energetico
sostenibile

COME FARE per


RISPARMIARE o RECUPERARE ENERGIA
nella gestione di un Servizio Idrico Integrato ???

Registrazione e monitoraggio dei singoli interventi (SW db.Energy):


ESEMPLIFICAZIONE a SOLUZIONI TIPICHE riconducibili e CERTIFICAZIONI
CERTIFICAZIONE

MODALIT
VALUTAZIONE

Tab.A Decreto
Elettrico del 20/07/04
e s.m.i.

TEE

A consuntivo

Sistemi elettronici di regolazione frequenza


(inverter) in motori elettrici per sistemi di
pompaggio

Tab.A Decreto
Elettrico del 20/07/04
e s.m.i.

TEE

standardizzata

EFF1

Motori ad alta efficienza

Tab.A Decreto
Elettrico del 20/07/04
e s.m.i.

TEE

standardizzata

OTT

Ottimizzazione impiantistica e gestionale dei


sistemi di pompaggio

Tab.A Decreto
Elettrico del 20/07/04
e s.m.i.

TEE

A consuntivo

AUT

Implementazione / Ottimizzazione delle


automazioni locali per il funzionamento dei
processi

Tab.A Decreto
Elettrico del 20/07/04
e s.m.i.

TEE

A consuntivo
Standardizzata

TLC

Sistemi di automazione mediante supervisione e


telecontrollo

Tab.A Decreto
Elettrico del 20/07/04
e s.m.i.

TEE

A consuntivo

Produzione: Energia idraulica, solare,


cogenerazione biogas)

GSE riconoscimento
impianto alimentato da
fonte rinnovabile

CV / TEE

Ottimizzazione impiantistica illuminazione esistente


con tecnologia LED

Tab.A Decreto
Elettrico del 20/07/04
e s.m.i.

TEE

TIPO INTERVENTO

RIFERIMENTO
NORMATIVO

RIF

Rifasamento dei carichi elettrici

INV

PROD

LED

A consuntivo
A preventivo
Standardizzata

A consuntivo

22

Il risparmio energetico
sostenibile

CRITICITA di ordine pratico/operativo nella


definizione di un programma articolato x
quanto adeguatamente strutturato

1. Iniziative di maggior impatto costi/benefici gi implementate (seppur non in forma


strutturata/incentivata) dai relativi servizi operativi nel corso degli ultimi 10 anni:

Ulteriori interventi x sfruttamento del potenziale residuo sul totale parco impianti, mediante fattori estrapolativi
(proxy), richiede >> impegno in termini di specifici approfondimenti per individuare ricavi << dei precedenti (salvo
casi particolari ma comunque impegnativi in termini di capex)

2. Si parte necessariamente da business case di alto livello, spesso fondati su ipotesi e numeri pur
sempre teorici: chi sostiene costi x dettagliare progettazione ed esecuzione, deve assumere il rischio
del ritorno su investimento x ricavi effettivi (o negoziarlo)
3. Non facile n immediato trovare direttamente disponibili formule di gara (obbligo di pubblica
evidenza/pari opportunit) e/o di finanziamento opportune (FTT, leasing comparato, diritto di prelazione
al promotore, rispetto del regolamento negoziale, etc.)
4. Leccessiva pianificazione (programma strategico) pu portare ad un risultato sterile, se non si
colgono da subito interventi con un concreto risultato finale nel breve/medio termine:

rischio di concentrare troppo tempo su business case poco attendibili o realmente non eseguibili;
fonti di finanziamento o co-finanziamento gi trascurate o scadute;
togliere risorse alla fase successiva, ancor pi onerosa x istruire la gara, definire il dettaglio e mettere in opera le
singole attivit (o pacchetto).

23

Il risparmio energetico
sostenibile

CRITICITA di ordine FINANZIARIO


SI, MA CHI PAGA ? E COSA CI GUADAGNA ???

RICERCA della SOSTENIBILITA FINANZIARIA (funding)

AcquaLT (PdI) (LATINA incide solo per una parte di tutto lATO)

Fondi pubblici (UE, piani Nazionali / Regionali o altro)

Privati (ESCO); possibili formule:

Finanziamento Tramite Terzi FTT


Noleggio con possibile riscatto finale
Canone concessione (con consegna dellimpianto dopo un periodo contrattuale)
Altro

Gli interventi dovrebbero essere essi stessi FONTI DI AUTO FINANZIAMENTO: tutto
avviene come se sto gi pagando adesso un surplus EE che potr non pagare pi
se ne anticipo i virtuali costi futuri per un periodo limitato dopo lintervento (PBP)

Tuttavia: gli interventi residui sono di realizzazione piuttosto articolata, con


tempi di ritorno non brevi (anche fino a 7 10 anni) e/o con limitati
margini di guadagno per soggetti terzi stake-holders
24

Il risparmio energetico
sostenibile

COSA E STATO GIA FATTO


e/o SI STA FACENDO
nel Comune di LATINA e dintorni ???

La governance sostenibile dell'acqua nel Lazio:


strumenti, metodi e partecipazione
L'attuazione del programma di investimenti per l'estensione, la
razionalizzazione e la qualificazione dei servizi favorendo
l'azione finalizzata al risparmio idrico e al riutilizzo delle acque
reflue
gestione sostenibile della risorsa idrica e rispetto dellambiente.
Focus on:
Recupero Dispersioni Fisiche

Sintesi sistema depurativo


Latina

25

Il risparmio energetico
sostenibile

COSA E STATO GIA FATTO


e/o SI STA FACENDO
nel Comune di LATINA e dintorni ???

Campagne di sensibilizzazione al risparmio idrico"


Buone pratiche contro lo spreco e le perdite (Servizio Comunicazione)
Progetto Scuola
Altro
IL RISPARMIO IDRICO
Ogni anno Acqualatina S.p.A. impegnata in campagne
informative sullimportante tema del risparmio idrico
attraverso ogni tipo di attivit in grado di coinvolgere
adulti e bambini di tutto il territorio.
Il risparmio idrico un tema sul quale ogni anno la Societ
investe nellottica di sensibilizzare la collettivit ad un
approccio alla risorsa idrica che ponga attenzione ai temi
della sostenibilit ambientale, con il risparmio vero e
proprio della risorsa, e sociale, con la riduzione dei costi
necessari alla distribuzione e al trattamento delle acque.

26

Recupero Dispersioni Fisiche

Acqualatina S.p.A.

La produzione dacqua nellATO4

-10% dal 2005 al 2012

27

Recupero Dispersioni Fisiche

Acqualatina S.p.A.

Perdite fisiche e amministrative nellATO4

28

Recupero Dispersioni Fisiche

Acqualatina S.p.A.

Lattivit del gestore in questi primi cinque anni di attivit pu essere


suddivisa in tre fasi sucessive:
Fase 1

Fase 2

Fase 3

Risoluzione
principali
emergenze

Attivit di
risanamento e
razionalizzazione
delle centrali di
produzione

Studio integrato di
tutto il sistema
idrico per la sua
ottimizzazione

La terza fase, oggi in corso, prevede:


La creazione di una banca dati cartografica delle reti idriche dellATO4
Analisi e modellizzazione delle reti idriche di adduzione e distribuzione
Lingegnerizzazione dei modelli realizzati e il risanamento delle reti di
distribuzione

29

Recupero Dispersioni Fisiche

Acqualatina S.p.A.

Le azioni previste nella terza fase dintervento..


Mappatura della rete idrica

Siamo a 1200 km su
3500 km stimati
nellATO4

Distrettualizzazione e controllo della pressione

Ad oggi sono
installate 85
idrovalvole per la
stabilizzazione della
pressione e tutti i
principali rilanci diretti
in rete sono dotati di
sistemi inverter

Risanamento della rete


idrica di distribuzione

Acqualatina prevede
di investire 26.000.000
Euro nei prossimi anni
per il rinnovo delle reti
idriche (con recupero
previsto di 15-20%). Di
cui 8.000.000 nei
prossimi 2-3 anni.

Riduzione
delle
perdite
fisiche

Gli interventi per limitare la dispersione idrica, che negli anni


precedenti si sono incentrati sullautomazione dei serbatoi e sui
sistemi di produzione di acqua, riguardano ora anche le reti idriche
di distribuzione cittadina, per le quali si stanno portando avanti
specifici piani di risanamento e razionalizzazione, sviluppati
attraverso unattenta analisi e modellizzazione delle varie derivazioni
e valutazione delle problematiche pi frequenti.

30

Recupero Dispersioni Fisiche

Acqualatina S.p.A.

Schema del sistema idrico della citt di Latina


La citt di Latina usufruisce di 4 fonti
di approvvigionamento per
lacqua potabile:

pozzo 2

NINFA

pozzo nuovo

SARDELLANE

DN 500 acciaio
DN 800
LATINA SCALO

pozzo carabiniere

DN 300 ghisa

Part. TORRE NOVA

DN160

BORGHI
PODGORA E
CARSO

Part. S. Michele

Part. Migl.46

DN700

DN700 acciaio

DN700

DN200

Part Congiunte

LATINA NORD

DN700

(tutto aperto)

Sardellane: 550 l/sec

Ninfa: 75 l/sec

Pozzo Carabiniere: 150 l/sec

Anello DN400
Anello DN250

BORGO PIAVE

LATINA CENTRO

LATINA NUOVA

DN250

LATINA SUD
(tutto aperto)
DN400

LATINA SUD
VECCHIO

Borgo SABOTINO
(tutto aperto)
DN250

BORGO GRAPPA

Carano Giannottola: 85 l/sec

CARANO
Part CAPO PORTIERE
DN300
Foce Verde

LATINA LIDO

31

Recupero Dispersioni Fisiche

Acqualatina S.p.A.

Produzione dacqua per la citt di Latina


24.500.000

24.000.000

23.500.000

23.000.000

22.500.000

22.000.000

21.500.000

21.000.000

20.500.000
Serie1

2009
23.864.248

2010
21.990.521

2011
21.996.883

Negli ultimi 4 anni stato ottenuta una dimunuzione del 9% dellacqua


prodotta per il comune di Latina

2012
21.867.950

32

Recupero Dispersioni Fisiche

Acqualatina S.p.A.

Modello della rete idrica di Latina


E stato costruito un
primo modello della
rete idrica di Latina,
che permette di
realizzare
simulazioni affidabili
sui risultati che si
ottengono dagli
interventi che
vengono effettuati
sulla rete del centro
citt.
E in programma
lestensione di tale
modello anche alla
rete idrica dei
quartieri Q4 e Q5 e
Latina Lido
33

Recupero Dispersioni Fisiche

Acqualatina S.p.A.

Controllo della pressione sulla rete idrica del centro citt

160

80

140

70

120

60

100

50

80

40

60

30

40

20

20

10

0
0:00

3:00

6:00

9:00

12:00

15:00

18:00

21:00

0
0:00

Ora
Perdite Luglio 2006

Perdite future con la modulazione di pressione

Pressione media Luglio 2006

Futura pressione modulata

Pressione (m)

Portata (l/s)

Zona Latina Centro


Pressione e Perdite

La modulazione di
pressione durante le ore
notturne, ha lo scopo di
consentire laccumulo di
volumi di acqua
sufficientemente elevati
allinterno dei serbatoi
pensili, tali da poter
rispondere alla forte
richiesta d acqua della
mattina, senza causare
lo svuotamento dei
serbatoi stessi e quindi
labbassamento di
pressione su tutta la rete
idrica della citt

34

Recupero Dispersioni Fisiche

Acqualatina S.p.A.

Camera di manovra Via Aspromonte

Valvola di regolazione pressione

Anello di distribuzione DN 400

Misuratore di portata

35

Situazione

Sintesi sistema
depurativo
depurazione
Latinadi
Comune

Acqualatina S.p.A.

Latina

PLANIMETRIA DI INQUADRAMENTO GENERALE

36

Situazione

Sintesi sistema
depurativo
depurazione
Latinadi
Comune

Acqualatina S.p.A.

Latina

Impianto di trattamento delle acque reflue di Latina Mare


Limpianto esistente autorizzato per 15.000 a.e.. La tecnologia di funzionamento con letti percolatori preceduti da
vasca tipo imhoff.
A seguito dellapertura di una procedura di infrazione europea, specifica sullimpianto in quanto recapitante in area
sensibile (laghi costieri), Acqualatina sta procedendo velocemente alla progettazione di adeguamento del depuratore
ai nuovi standard richiesti (Tab. 1 e Tab.2 dellAllegato V del D.Lgs. 152/06 e s.m.i.).
La tecnologia individuata quella a fanghi attivi ed il progetto, fin dalle sue prime ideazioni, sta puntando al riutilizzo
massimo dei volumi esistenti, sia per un contenimento dei costi che per velocizzare al massimo lintervento (la UE ha
definito come termine massimo dellintervento a finire il 31/12/2012).
Il progetto sar implementato inoltre con una ulteriore sezione di affinamento (filtrazione + U.V.) che potenzialmente in
grado di generare, qualora se ne creassero le necessit, acqua con qualit tale da essere riutilizzata per fini agricoli e/o
industriali. La portata media attesa in distribuzione di 350 mc/h

37

Situazione

Sintesi sistema
depurativo
depurazione
Latinadi
Comune

Acqualatina S.p.A.

Latina

Impianto di trattamento delle acque reflue di Latina Est


Potenziamento ed adeguamento a 120.000 a.e.- 1 stralcio a 90.000 a.e.
Investimento: circa 5 milioni di euro
Stato di avanzamento dei lavori 80%
Il progetto ha lo scopo di adeguare limpianto di
depurazione di Latina Est, al servizio delle zone centro,
nord ed est del centro abitato di Latina, per incrementare
la potenzialit di trattamento e fronteggiare i sensibili
incrementi nella richiesta dellutenza, e ammodernare le
apparecchiature.
in corso di ultimazione il 1 stralcio per accrescerne la
potenzialit da 60.000 a 90.000 A.E., Ricever anche i reflui
attualmente in arrivo a Borgo San Michele (per Via Monti
Lepini) e dalla zona Santa Fecitola (per Via Torre Nuova).
Le acque di scarico depurate saranno soggette a
trattamento terziario avanzato per renderle idonee al riuso
a fini irrigui e perci saranno rese disponibili al Consorzio di
Bonifica che, con sollevamento e condotta dedicati, le
convoglier verso i propri impianti di distribuzione per
lirrigazione. La portata disponibile sar di circa 1000 mc/h.

38

Lipotesi per il PAES di


LATINA

8.000.000

SINTESI consumi del S.I.I. COMUNE di LATINA


Rete fognaria e depuratori

Consumi totali [kWh/anno]


Depuratori + Soll.Fognari
71,5 kWh-anno / abe-servito
7.064.173

7.000.000

6.328.144
6.000.000

5.348.652

5.000.000

54,1 kWh-anno / abe-servito

4.761.062
4.000.000

49,7 kWh-anno / abe-servito

3.000.000

Riduzione
consumi vs IBE:
Rif. scheda
EDI-L01

Aspetto ambientale
(adeguamento parametri emissione acque scarico):

maggiori consumi introdotti rispetto allIBE iniziale


per gli interventi di adeguamento / potenziamento
sulle sovrastrutture di impianto

2.000.000

1.000.000

A.R.

CON INTERV. hpB


CON INTERV. hpA

2020

2019

2018

2017

2016

2015

2014

2013

2012

2011

2010

2009

2008

39

Lipotesi per il PAES di


LATINA

EDI-L01

Descrizione
azione e Target

Costi stimati e
strategie
finanziarie
Riduzione di CO2
(t/a) al 2020
Step per il
raggiungimento
dellazione
Responsabile
dellattuazione
Attori coinvolti o
coinvolgibili/soggett
i promotori
Indicatori di
monitoraggio

2008

2009

PRIORITA
???

Efficientamento del ciclo delle acque reflue

Pacchetto interventi per efficientamento energetico nella gestione delle ACQUE REFLUE: motori alta
efficienza; ottimizzazione processi con automazione (sonde + inverter); misuratori x ridim. EP + VSD; pgr
man. preventiva rete fgn; attivazione sfioratori portata autorizzati; autoprod. FER.
Ammodernamento-sostituzione sulla rete collettamento fognario; separazione A.B./A.N. (***)

Costi e PBP da definire in fase di attuazione


Copertura finanziaria in quote da definire tra: AcquaLT (PIANO INVESTIMENTI); privati (ESCo); Fondi
comunitari UE e/o altre forme di contributo pubblico; altri soggetti o Istituzioni pubblici
736 MWH/a di EE 259 t/a di CO2
(***) fino a 1.716 MWH/a di EE 604 t/a di CO2
Per ogni area intervento procedere con: analisi di dettaglio (costi e consumi effettivi) raccolta dati e
baseline di mercato ; elaborazione indicatori di efficienza - consumo specifico; costruzione business case
indicativo; master plan interventi necessari; valutare eligibilit a TEE; piano comunicazione per
individuare soggetti interessati al cofinanziamento; gara appalto; attuazione
Acqualatina SpA
Istituzioni ed Enti locali
Fornitori e Clienti di Acqualatina
kWh EE consumata; kWh/mc-anno (AR trattata); kWh/ab.equiv.servito; nr.apparati sostituiti; nr.processi
implementati; nr. Misuratori e nr.VSD installati; nr.sfioratori portata autorizzati; kWh-FER prodotti; km rete
sostituita-ottimizzata

2010

2011

2012

2013

2014

2015

2016

2017

2018

2019

2020

40

Lipotesi per il PAES di


LATINA

Rete fognaria e depuratori

Riscontri sulla fattibilit del piano dazione

ACQUE REFLUE Depuratori

RIDUZIONE DEI FANGHI con ADDENSATORE DINAMICO (< Energia trasporto)


MISURATORI DI PORTATA in ingresso / uscita (correlazione con carico organico ed
elaborazione di appositi indici di riferimento per A.E.); riferire sui vantaggi ottenuti
dove gi sono installati (risparmio per A.E. da serie storiche) e verificare dove
mancano
Interventi di potenziamento impianti sottodimensionati con contestuale
miglioramento dei rendimenti (quali ?); minor impatto energetico (quantificare
kWh/mc-trattato) a fronte di un incremento di urbanizzazione)
Eliminazione depuratore con rifacimento rete verso altro impianto collettore
Gestione dei fanghi possibile solo come rifiuto TRASPORTO (non siamo autorizzati
al trattamento)

41

Lipotesi per il PAES di


LATINA

Rete fognaria e depuratori

Riscontri sulla fattibilit del piano dazione

ACQUE REFLUE Sollevamenti fognari

PERDITE IN RETE INDIVIDUATE/RIPARATE


Individuazione tratti a maggiore incidenza interventi autospurgo per ostruzioni e
ritorno liquami nel sollevamento
Individuazione impianti a maggiore incidenza interventi manutenzione per pulizia
(autospurgo) e manutenzione idraulica/elettromeccanica
Interventi di potenziamento rete sottodimensionata con contestuale miglioramento
dei rendimenti di pompaggio e capacit accumulo vasche (quali ?); studi fattibilit
da impostare linea x linea (80% realizzate negli anni 70/80)
Eliminazione sollevamento con rifacimento rete verso altro sistema collettore
Verifiche effettuate su sfioratori di piena (per legge 3 QM 5 QM) e dove/come
possibile separare acque bianche / acque nere

42

Lipotesi per il PAES di


LATINA

SINTESI consumi del S.I.I. COMUNE di LATINA


Rete idropotabile

Consumi totali [kWh/anno]


Sollevamenti Acque Potabili quota parte distribuzione nel Comune di Latina
14.000.000

12.544.450

225,9 kWh-a/Ut.Servito

12.000.000

10.000.000

Riduzione
consumi vs IBE:
Rif. scheda
EDI-L01

9.144.014

8.000.000

164,7 kWh-a/Ut.Servito
6.000.000

4.000.000

2.000.000

Gestione razionale della rete idrica:


(ottimi presupposti da interventi precedenti, migliorare ancora)

consumi in assoluto rispetto allIBE iniziale (2008) per


diminuzione delle perdite acqua prodotta immessa in rete
Acque Potabili

2020

2019

2018

2017

2016

2015

2014

2013

2012

2011

2010

2009

2008

43

Lipotesi per il PAES di


LATINA

EDI-L02

Descrizione
azione e Target

Costi stimati e
strategie
finanziarie
Riduzione di CO2
(t/a) al 2020
Step per il
raggiungimento
dellazione

Responsabile
dellattuazione
Attori coinvolti o
coinvolgibili/soggett
i promotori
Indicatori di
monitoraggio

PRIORITA
???

Efficientamento del ciclo delle acque potabili


Pacchetto interventi per efficientamento energetico nella gestione delle ACQUE POTABILI mediante
mappatura e monitoraggio della rete idrica: 1.Mappatura; 2.Automatizzazione pompaggio serbatoi;
3.Modulazione delle pressioni in rete; 4.DISTRETTUALIZZAZIONE monitoraggio portate notturne;
5.Modellizzazione Idraulica della rete; 6.Man.Straordinarie: ricerca perdite; risanamento e sostituzione
tratti di rete
Costi e PBP da definire in fase di attuazione
Copertura finanziaria in quote da definire tra: AcquaLT (PIANO INVESTIMENTI); privati (ESCo); Fondi
comunitari UE e/o altre forme di contributo pubblico; altri soggetti o Istituzioni pubblici
3.400 MWH/a di EE 1197 t/a di CO2
Procedere con: approfondimento per lo svolgimento delle fasi successive a partire dallo stato attuale
(ipotesi iniziale o primi avanzamenti sui vari step operativi); piano comunicazione per individuare soggetti
interessati al cofinanziamento; Lotto di Gara Appalto (per mappatura, ricerca perdite e riparazione);
attuazione
Acqualatina SpA
Istituzioni ed Enti locali
Fornitori e Clienti di Acqualatina
kWh EE consumata; kWh/mc-anno (AP trattata); kWh/ut.servito; Indice Lineare Perdite (m3/km.gg);
km-rete rilevati e mappati su WEB-GIS; nr. Misuratori attivati per distretto; nr.perdite rilevate e riparate;
km-rete sostituiti

44
2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

2015

2016

2017

2018

2019

2020

Rete idropotabile

Riscontri sulla sostenibilit del piano dazione

RRF1- Mappatura

20
20

Nr. Medio utenze LT (Fatt.2012)


55.519

13.194.313

Nr. Abitanti LT (2012)

Volume Fatturato m3

42.104.544

8.345.419

8.345.419

119.804

Volume assoluto delle Perdite m3

73.990.636

13.645.102

4.848.894

Nr.Ab/UT

Costo assoluto delle Perdite

6.455.560

631.589

224.440

2,16

Avanzamento Rilievo
Km rilevati

39%
1109,8

25%
100

100%
400

Km ancora da fare

1756,2

300

37%

20%

100%

1050,8
1815,2

81,6
318,4

400
0

81%
28

100%
0

100%
0

35
242,5

0
0

0
0
100%
2
0
0

Volume Prodotto m3

Avanzamento su WEB GIS AcquaLT


Km registrati
Km ancora da registrare

Avanzamento
RRF2- Automatizzazione Serb ancora da attrezare
Pompaggio-Serbatoi Portata media a sfioro
Portata introdotta

36%
70,5

% Rete sotto controllo


Valvole installate & attivate

71

100%
2

Valvole da acquisitare

18
2

0
0

RRF3- Modulazione di
Pressione
Valvole ancora da installare/attivare

RRF4- Monitoraggio
Portata di Notte

LA
T
TA INA
RG
ET

63,3%

116.095.180

38,0%
93,7
21.990.521

Rendimento rete (vol fatturato / vol prodotto)


Indice Lineare Perdite ILP (m3/km.gg)

Indicatori

i2
01

COMUNE

LA
T
ris INA
co
nt
ra
t

TO
T
ris ALE
co A
nt T
ra O4
ti
20
10

Lipotesi per il PAES di


LATINA

Monitoraggio iniziato ?
N settori identificati
N settori sotto controllo

Si
113
8

Raggiunta ottimizzazione
funzionamento e controllo per tutti
i serbatoi

Raggiunto il limite ottimale delle


pressioni di esercizio

45

Si
6
0

Operazioni in corso
riscontrati ritardi in attuazione del
programma

6
6

Nessuno dei 6 DISTRETTI


attualmente controllato e
monitorato

Rete idropotabile

Riscontri sulla sostenibilit del piano dazione

RRF5- Modello idraulico Modellizzazione in corso?

Si
No

Modellizzazione terminata?

RRF6- Ricerca &


Riparazione di perdite
Interventi MNT Rete Perdite

Lineare di rete percorso


N di perdite confermate?
% perdite confermate
Tempo medio di riparazione
Numero Perdite da riparare

13%
339
75%

20

LA
T
TA INA
R
G
ET
Si
Si
> < 50% ?

22

382

Una volta mappata la rete si pu


intervenire mediante
combinazione di:
1) Ricerca perdite con
strumentazione tecnologica
2) Sostituzione pianificata per
risanamento e riassetto
distrettuale ottimale

Tempo medio dalla segnalazione

Risparmio atteso LTP


mc

Risparmio atteso su immesso in rete 2010 [ % ]

Risparmio atteso LTP

Costo prod/distrib Medio / m3 2010

Risparmio atteso su immesso in rete 2010 [ mc ]

Risparmio annuo da 2017 Stimato

40%
8.796.208

30.822.173

2.546.564

Consumo kWh/m3

INVESTIMENTI

10%
4
100%

20

i2
01

COMUNE

LA
T
ris INA
co
nt
ra
t

TO
T
ris ALE
co A
nt T
ra O
ti 4
20
10

Lipotesi per il PAES di


LATINA

0,04629
-

0,04629
407.149

Criteri di efficientamento stabiliti


sulla base dello storico guasti
(GAIA) e modellizzazione rete

Target

0,52274

Mappatura
Distrettualizzazione e controllo pressione
Sostituzione condotte

1.633.680
4.669.200
15.564.000

286.560
720.000
2.400.000

Ricerca perdite e riparazione OPEX

2.866.000

400.000

CAPEX TOTALE

21.866.880

3.406.560

Integrato (parz. o tot.)


nel Piano degli Investimenti
(Budget 2012-2017)
recupero dispersioni; TLC-GIS;
man.straordinarie 46

Lipotesi per il PAES di


LATINA

Rete idropotabile

Riscontro sul progetto GIS integrato

47

Fine presentazione

Grazie per lattenzione

48